Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis"

Transcript

1 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/ INFORMAZIONI GENERALI Descrizione del prodotto Caratteristiche tecniche del prodotto Dimensioni Carichi Varie AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Premessa Avvertenze generali PONTE MOBILE DEL PIANO DI CARICO SUPERIORE Posizioni del ponte mobile superiore Movimentazione e regolazione in altezza del ponte mobile superiore Massima luce di carico tra i piani Rampa di carico CALZATOIE Calzatoia amovibile tipo SITFA S Per bloccare la ruota Per liberare la ruota INFORMAZIONI GENERALI La presente Istruzione Tecnica è applicabile esclusivamente ai carri SITFA tipo 146 Bis Descrizione del prodotto SITFA gestisce un parco carri costituito da più di 2000 carri ferroviari specificatamente costruiti ed adibiti al trasporto di autoveicoli.

2 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 2/23 Ciascun carro viene individuato da un numero di servizio di undici cifre (più una cifra di autocontrollo) che riassume anche le caratteristiche tecniche e di esercizio. I carri tipo 146 Bis a tre assi sono costituiti dall accoppiamento permanente di due semi carri articolati, caratterizzati da una struttura con due piani di carico sovrapposti. Riferimenti/limitazioni per la capacità di carico dei carri sono: la massa trasportabile, la sagoma limite (ingombro del carro nei confronti delle infrastrutture ferroviarie), lunghezza, larghezza e altezza della luce utile dei piani di carico. I carri sono equipaggiati di attrezzature atte ad agevolare ed assicurare le operazioni di carico/scarico e gli stessi veicoli da trasportare: pedane mobili di estremità per colmare, durante le operazioni di carico e scarico, gli spazi tra i carri, sistema di movimentazione del ponte mobile, all estremità del piano di carico superiore di ogni carro, con possibilità di 3 differenti inclinazioni oltre a quella di marcia: - due più basse per raccordare il piano superiore con altri piani (ad esempio le rampe di carico/scarico delle postazioni fisse o i carri adiacenti) - una più alta per aumentare la luce di accesso al piano inferiore in occasione del carico auto calzatoie amovibili che, ancorando i veicoli al piano di carico, evitano gli spostamenti (ed eventuali danneggiamenti) in seguito alle sollecitazioni derivanti dall esercizio ferroviario, equipaggiamenti di sicurezza (parapetti, fermi dei ponti mobili, scritte/segnali, ecc.). I 255 carri tipo 146 Bis, con numerazione da n a sono immatricolati in Italia ed hanno residenza a Torino Orbassano. Per eventuali segnalazioni contattare (come riportato anche sul longherone dei carri): SITFA S.p.A. Via Bruno Buozzi n Moncalieri (TO) tel fax

3 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 3/ Caratteristiche tecniche del prodotto fig. 1.1) Figurino del carro Dimensioni Lunghezza (repulsori inclusi) Lunghezza utile di carico piano inferiore Lunghezza utile di carico piano superiore Larghezza minima del piano di carico inferiore (tra i montanti) Altezza luce di carico tra i piani (nella parte centrale del semicarro): Diametro nominale ruote a nuovo mm mm mm 2804 mm 1720 mm 760 mm Ponte mobile all estremità del piano di carico superiore, angolo di rampa: Carichi Carico massimo concentrato su piano inferiore Carico massimo concentrato su piano superiore Peso complessivo a tara Portata 750 kg 550 kg kg kg Varie Sigla letterale Regime S - Velocità Max a carico / vuoto Raggio di curva minimo Laekks 100 km / h 75 m Sagoma secondo UIC Freno a mano su ogni veicolo Calzatoie amovibili tipo SITFA S1 in dotazione di serie: n. 28 sul piano di carico inferiore n. 28 sul piano di carico superiore

4 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 4/ AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Premessa Nel documento sono utilizzati simboli per richiamare l attenzione del Lettore e mettere in evidenza aspetti particolarmente importanti. La seguente tabella riporta il significato dei diversi simboli. SIMBOLO SIGNIFICATO INDICAZIONE E PRESCRIZIONE DIVIETO Prestare attenzione al testo indicato da questo simbolo poiché indica una condizione di divieto durante il lavoro OBBLIGO Prestare attenzione al testo indicato da questo simbolo poiché comporta un obbligo (ad esempio di portare un dispositivo di protezione personale) AVVERTIMENTO Prestare attenzione al testo indicato da questo simbolo poiché presenta condizioni di pericolo necessità di cautela AVVERTIMENTO SPECIFICO Prestare attenzione al testo indicato da questo simbolo poiché indica una condizione di pericolo di schiacciamento Terzi durante un azionamento

5 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 5/ Avvertenze generali E VIETATO L ACCESSO AL PIANO SUPERIORE DEI CARRI (fig. 2.1): l accesso è consentito soltanto al Personale autorizzato ed in aree opportunamente attrezzate per garantire la sicurezza durante le operazioni di carico/scarico dei veicoli fig. 2.1) Divieto di accesso al piano superiore Prima di ogni azionamento del ponte mobile del piano di carico superiore verificare che le parti in movimento: ponte mobile, eventuale carico, ecc. non incontrino ostacoli durante la loro corsa E VIETATO RIMANERE A BORDO DEL CARRO DURANTE I CAMBI DI CONFIGURAZIONE se non per le operazioni ed i tempi strettamente necessari (fig. 2.2) fig. 2.2) Divieto di rimanere a bordo durante i cambi di configurazione E VIETATO IL RIORDINO DEI VEICOLI NON AUTORIZZATO DA SITFA fig. 2.3) VIETATO IL RIORDINO NON AUTORIZZATO DA SITFA fig. 2.3) Divieto di riordino se non autorizzato

6 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 6/ PONTE MOBILE DEL PIANO DI CARICO SUPERIORE OBBLIGO IL CARRO DEVE VIAGGIARE ESCLUSIVAMENTE CON OGNI PONTE MOBILE, NELLA POSIZIONE DI MARCIA ED IN APPOGGIO SUI DUE CHIAVISTELLI DI SICUREZZA DIVIETO E VIETATO L ACCESSO AL PIANO SUPERIORE DEI CARRI L accesso è consentito soltanto al Personale autorizzato ed in aree opportunamente attrezzate per garantire la sicurezza durante le operazioni di carico/scarico dei veicoli. ATTENZIONE Prima di ogni azionamento verificare che il ponte mobile e l eventuale carico non incontrino ostacoli durante la corsa ATTENZIONE Pericolo di schiacciamento Terzi. È vietato rimanere a bordo del carro durante la movimentazione del ponte mobile del piano di carico superiore.

7 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 7/ Posizioni del ponte mobile superiore Il ponte mobile, posto all estremità del piano di carico superiore di ogni semicarro, ha quattro posizioni: 1) la posizione di marcia, fig. 3.1a; la corrispondenza dei riscontri rossi su longherone fisso e mobile individua la posizione di marcia, fig. 3.1b fig. 3.1a Ponte mobile in posizione di marcia fig. 3.1b Posizione di marcia Dettaglio riscontri

8 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 8/23 2) una posizione alta, per aumentare la luce tra i piani durante il carico sul piano inferiore: i riscontri rossi su longherone fisso e mobile non sono più allineati, figg. 3.2a/b fig. 3.2a Ponte mobile in posizione alta fig. 3.2b Posizione alta: dettaglio riscontri

9 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 9/23 3) due posizioni più basse (rispetto alla posizione di marcia), con funzione di raccordo con altri piani, per l accesso al piano di carico superiore: i riscontri rossi su longherone fisso e mobile non sono più allineati, figg. 3.3a/b fig. 3.3a Ponte mobile in posizione bassa fig. 3.3b Posizione bassa: dettaglio riscontri

10 Specifica Tecnica ST CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 10/ Movimentazione e regolazione in altezza del ponte mobile superiore La movimentazione del ponte mobile del piano di carico superiore avviene grazie a martinetti meccanici azionati, a motore (C max = 200 N m n max = 150 giri/ 1 indicati sul longherone) o in alternativa manovella (fig. 3.4 a/b), mediante l albero quadro da 22 mm posto alle estremità dei longheroni sulle due fiancate del carro, fig. 3.4c (senso di rotazione per salita/discesa indicato dall etichetta sul longherone) Tempi (indicativi) per cambiare configurazione (senza carico): - salita circa 1 2 min - discesa circa 1 2 min fig. 3.4 a/b/c Motore/Manovella/Albero per movimentare il ponte mobile La regolazione in altezza del ponte mobile avviene mediante inserimento / disinserimento manuale di due chiavistelli fig. 3.6 a/b/c (dotati di sicurezze antisfilamento a gravità) nelle sedi forate previste a varie altezze, sui puntoni di sostegno del ponte mobile (di entrambe le fiancate del carro), fig Martinetti fig. 3.5 Martinetti sollevamento e puntoni di sostegno ponte mobile Chiavistelli sui due puntoni di sostegno fig. 3.6 a Ponte mobile - Chiavistelli con sicurezza antisfilamento a gravità

11 pag. 11/23 Dopo ogni movimentazione del ponte mobile: - i chiavistelli devono sempre essere reinseriti nelle sedi forate previste sul tubo esterno di ognuno dei due puntoni telescopici di sostegno ponte, in corrispondenza: - della posizione di marcia - o di una delle posizioni previste per lo scarico/carico dei veicoli - il ponte mobile deve sempre essere portato in appoggio sugli appositi chiavistelli di sicurezza (come descritto nel seguito al punto A6 o B6) per poter procedere in sicurezza con lo scarico/carico dei veicoli sul piano superiore o per il ritorno in esercizio del carro. Eventuali chiavistelli mancanti devono sempre essere ripristinati avendo anche cura di assicurarli al relativo puntone mediante l apposita catenella. fig. 3.6 b/c Inserimento chiavistelli Sicurezza antisfilamento a gravità inserita Non lasciare mai inserito un solo chiavistello ma inserire entrambe i chiavistelli di sicurezza nelle rispettive sedi forate (su ognuno dei due puntoni di sostegno). Un chiavistello inserito ed uno disinserito fig. 3.7 a - Divieto di lasciare inserito un solo chiavistello b Due chiavistelli correttamente inseriti

12 pag. 12/23 Non inserire mai i chiavistelli in false posizioni di lavoro sull asta interna del puntone ma inserire sempre i chiavistelli nei fori sul tubo esterno del puntone, in modo da impedire lo scorrimento del tubo stesso rispetto all asta interna. fig. 3.8 a Divieto di posizione falsa del chiavistello b Posizione corretta Non inserire mai i chiavistelli a differenti altezze (ove si riuscisse) sui puntoni di sostegno ma inserirli sempre in fori alla medesima altezza (fig. 3.7 b). fig. 3.9 Divieto di chiavistelli posizionati a differenti altezze Non lasciare mai un chiavistello parzialmente inserito ma posizionarlo in modo da consentire il corretto azionamento della sicurezza antisfilamento a gravità (fig. 3.6 c).

13 pag. 13/23 Non movimentare mai il ponte mobile da una posizione all altra (tra quelle previste per la marcia o lo scarico/carico dei veicoli) senza prima aver rimosso i chiavistelli, poiché, secondo i casi, si danneggerebbe il puntone di sostegno (fig. 3.11) od il riduttore (fig. 3.12) che movimenta il martinetto meccanico, rendendo così inutilizzabile il sistema di sollevamento. Chiavistello inserito fig Divieto di movimentazione ponte con chiavistelli inseriti Nel portare il ponte mobile in appoggio sui chiavistelli di sicurezza (ovviamente inseriti sui puntoni di sostegno) non insistere mai con l azionamento (poiché il sistema è bloccato dai chiavistelli stessi) per non danneggiare il puntone di sostegno (fig. 3.11) rendendo così inutilizzabile il sistema di sollevamento. Allo stesso modo, quando viene sollevato il ponte, giunti a fine corsa, non insistere con l azionamento, per non danneggiare il riduttore (fig. 3.12) che movimenta il martinetto meccanico. fig Puntone di sostegno piegato fig Riduttore del sollevamento

14 pag. 14/ Massima luce di carico tra i piani A) Da posizione di marcia a massima luce di carico 1) Inserire la manovella (o il motore) sull albero quadro, fig fig Manovella sull albero quadro 2) Ruotare la manovella nel senso indicato dall etichetta sul longherone, fig. 3.13, per sollevare il ponte mobile quel poco che basta a disimpegnare i due chiavistelli (dal carico del ponte). Non insistere con l azionamento per non danneggiare il sollevamento 3) Disinserire i due chiavistelli di sicurezza sui puntoni di sostegno del ponte mobile, fig. 3.14

15 pag. 15/23 fig Disinserimento chiavistelli di sicurezza 4) Continuare con il sollevamento del ponte mobile, ruotando la manovella nel senso indicato dall etichetta sul longherone, fino a far corrispondere i fori (sui puntoni di sostegno) per i chiavistelli di sicurezza nella posizione alta del ponte mobile, fig fig Ponte mobile in posizione alta 5) Riposizionare i due chiavistelli nella apposita sede sui puntoni, fig. 3.16, controllando il corretto inserimento delle sicurezze antisfilamento a gravità, fig fig Inserimento chiavistelli di sicurezza Sicurezza antisfilamento fig Chiavistelli con sicurezza antisfilamento a gravità correttamente inserita

16 pag. 16/23 6) Abbassare il ponte mobile, ruotando la manovella nel senso indicato dall etichetta sul longherone, quel poco che basta ad ottenere l appoggio del ponte sui chiavistelli di sicurezza (annullando il gioco tra i chiavistelli stessi e le rispettive sedi sui puntoni). Non insistere con l azionamento per non danneggiare il sistema di sollevamento 7) Assicurarsi dell avvenuto appoggio del ponte mobile sui chiavistelli di sicurezza valutando l assenza di gioco tra le due parti del puntone di sostegno e, viceversa, l esistenza di gioco tra le due parti del martinetto meccanico (non più sotto carico), fig fig Verifica del gioco sul martinetto meccanico 8) Rimuovere e riporre la manovella/motore utilizzato per l azionamento del sollevamento

17 pag. 17/ B) Da massima luce di carico a posizione di marcia 1) Inserire la manovella (o il motore) sull albero quadro, fig fig Manovella sull albero quadro fig Chiavistelli di sicurezza inseriti 2) Ruotare la manovella nel senso indicato dall etichetta sul longherone, fig per sollevare il ponte mobile quel poco che basta a disimpegnare i due chiavistelli (dal carico del ponte). Non insistere con l azionamento per non danneggiare il sollevamento 3) Disinserire i due chiavistelli di sicurezza sui puntoni di sostegno del ponte mobile, fig. 3.20

18 pag. 18/23 fig Disinserimento chiavistelli di sicurezza 4) Abbassare il ponte mobile ruotando la manovella nel senso indicato dall etichetta sul longherone fino a far corrispondere i fori (sui puntoni di sostegno) per i chiavistelli di sicurezza nella posizione di marcia del ponte mobile, fig fig Ponte mobile in posizione alta 5) Riposizionare i due chiavistelli nella apposita sede sui puntoni, fig. 3.22, controllando il corretto inserimento delle sicurezze antisfilamento a gravità, fig fig Inserimento chiavistelli di sicurezza Sicurezza antisfilamento fig Chiavistelli con sicurezza antisfilamento a gravità correttamente inserita

19 pag. 19/23 6) Abbassare il ponte mobile, ruotando la manovella nel senso indicato dall etichetta sul longherone, quel poco che basta ad ottenere l appoggio sui chiavistelli di sicurezza (annullando il gioco tra i chiavistelli stessi e le rispettive sedi sui puntoni). Non insistere con l azionamento per non danneggiare il sollevamento 7) Assicurarsi dell avvenuto appoggio del ponte mobile sui chiavistelli di sicurezza valutando l assenza di gioco tra le due parti del puntone di sostegno e, viceversa, l esistenza di gioco tra le due parti del martinetto meccanico (non più sotto carico), fig fig Verifica del gioco sul martinetto meccanico 8) Rimuovere e riporre la manovella/motore utilizzato per l azionamento del sollevamento OBBLIGO IL CARRO DEVE VIAGGIARE ESCLUSIVAMENTE CON OGNI PONTE MOBILE NELLA POSIZIONE DI MARCIA ED IN APPOGGIO SUI DUE CHIAVISTELLI DI SICUREZZA

20 pag. 20/ Rampa di carico A) Da posizione di marcia a rampa di carico Ripetere la sequenza di operazioni prevista al punto B) Da massima luce di carico a posizione di marcia per l abbassamento del ponte mobile fino alla posizione voluta tra le due previste, fig fig Ponte mobile in posizione bassa B) Da rampa di carico a posizione di marcia Ripetere la sequenza di operazioni prevista al punto A) Da posizione di marcia a massima luce di carico per il sollevamento del ponte mobile fino a raggiungere la posizione di marcia, fig fig Ponte mobile in posizione di marcia OBBLIGO IL CARRO DEVE VIAGGIARE ESCLUSIVAMENTE CON OGNI PONTE MOBILE NELLA POSIZIONE DI MARCIA ED IN APPOGGIO SUI DUE CHIAVISTELLI DI SICUREZZA

21 pag. 21/ CALZATOIE OBBLIGO È obbligatorio posizionare 4 calzatoie per ogni veicolo trasportato - CUU / RIV 2000 È vietato lasciare le calzatoie: DIVIETO - libere di muoversi sui piani di carico - sulla carreggiata di transito dei piani scarichi fig. 4.1 Corretta posizione delle calzatoie non utilizzate (esempio piano inferiore)

22 pag. 22/ Calzatoia amovibile tipo SITFA S Per bloccare la ruota Portare la calzatoia a contatto del pneumatico, fig. 4.2 Lato da accostare al pneumatico fig. 4.2 Calzatoia amovibile di tipo S1 Per evitare problemi di trattenuta dell auto, assicurarsi del corretto inserimento dei piedini delle calzatoia tra le maglie del grigliato, fig. 4.3 Piedini di tenuta sul grigliato fig. 4.3 Dettaglio calzatoia tipo S1

23 pag. 23/ Per liberare la ruota Agire sulla leva, di sbloccaggio rapido, per togliere più agevolmente la calzatoia anche sotto la spinta della ruota, fig. 4.4 Leva sbloccaggio rapido fig. 4.4 Sbloccaggio calzatoia tipo S1 Questo manuale è pubblicato da SITFA senza alcuna precisa garanzia. SITFA si riserva il diritto di apportare in qualsiasi momento e senza notifica le eventuali modifiche dovute a errori tipografici, imprecisioni, aggiornamento delle informazioni e/o dei dispositivi. Tali modifiche verranno inserite nelle edizioni successive del presente manuale.

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

Specifica Tecnica ST 05-01 CARRO TIPO 152 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 152

Specifica Tecnica ST 05-01 CARRO TIPO 152 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 152 pag. 1/49 Carro SITFA tipo 152 SOMMARIO Nel presente documento sono riportate le istruzioni per l utilizzo e le avvertenze per la sicurezza del carro SITFA tipo 152: 1.0 Informazioni generali pag. 2 2.0

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

ALZALASTRE ECOLIFT. MANUALE PER L UTILIZZATORE Importante. Leggere integralmente prima del montaggio e dell utilizzo.

ALZALASTRE ECOLIFT. MANUALE PER L UTILIZZATORE Importante. Leggere integralmente prima del montaggio e dell utilizzo. ALZALASTRE ECOLIFT ITW Construction Products Italy Srl Sede Legale: Viale Regione Veneto, 5 35127 Padova Italy Sede commerciale: Via Lombardia, 10 Z.I. Cazzago 30030 Pianiga (VE) Italy Tel. +39 041 5135

Dettagli

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE Congratulazioni per la Vostra scelta! Av ete appena acquistato l elev atore motorizzato per v ideoproiettore SI- H 300 ideato

Dettagli

Specifica Tecnica ST-07/00 CARRO TIPO SNAV SNCB 6405D0 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA

Specifica Tecnica ST-07/00 CARRO TIPO SNAV SNCB 6405D0 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA pag. 1/26 Carro tipo 372 - SNAV SNCB 6405D0 ammodernato da SITFA SOMMARIO 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...2 1.1 - Descrizione del prodotto...2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto...4 1.2.1 - Dimensioni...4

Dettagli

Piattaforma. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 88790 mbighellini@hinowa.it - www.hinowa.

Piattaforma. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 88790 mbighellini@hinowa.it - www.hinowa. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 044 53900 Fax +39 044 88790 . CARATTERISTICHE PRINCIPALI E UNICHE. PESO La LightLift 47 è la più leggera piattaforma aeree della sua categoria.

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Parallele Presentazione

Parallele Presentazione 8 Parallele e Scale Presentazione 251 Linea Plus 253 Linea Standard 254 Carrello per parallele 255 Percorsi componibili 256 Scale per riabilitazione 258 Combinazioni Linea Plus 260 Combinazioni Linea Standard

Dettagli

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA REACH STACKER IRS MANUALE USO E MANUTENZIONE 6.1.2 DATI TECNICI SPECIFICHE Capacità di sollevamento (1. / 2. Row)...000 / 000 kg Load Center...2000 / 00 mm Motore...Diesel Sterzo...idrostatico, volante

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

ATTENZIONE Con trazione integrale inserita la velocità massima consigliata è di 60 km/h.

ATTENZIONE Con trazione integrale inserita la velocità massima consigliata è di 60 km/h. DUCATO 4x4 In questo supplemento sono illustrate le principali caratteristiche del DUCATO 4x4 unitamente ad alcuni consigli d uso. Per quanto non riportato, fare riferimento al libretto di Uso e Manutenzione

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 BREVETTATO

STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 BREVETTATO d a l 1 9 7 8 STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE JOLLY Jolly è un montascale

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

S70 - Scale con pianerottolo

S70 - Scale con pianerottolo S70 - Scale con pianerottolo Le scale a pianerottolo sono costruite con due materiali: acciaio zincato a caldo (o a richiesta acciaio INOX) per le parti portanti, alluminio per il parapetto del pianerottolo

Dettagli

PRODUZIONE GRANDE SERIE

PRODUZIONE GRANDE SERIE TAVOLE ELEVATRICI IDRAULICHE SU RUOTE Sollevare, abbassare, trasportare. Sicure e di facile manovrabilità Struttura robusta in profilati acciaio Impugnatura di spinta cromata Sollevamento a pedale con

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Leggere le istruzioni prima dell'uso. Questo dispositivo di controllo deve essere installato secondo i regolamenti

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

Frizione Elettronica Syncro Drive

Frizione Elettronica Syncro Drive Manuale Utente Frizione Elettronica Syncro Drive 932 www.guidosimplex.it Gentile Cliente, grazie per aver acquistato un dispositivo Guidosimplex. Come tutti i nostri prodotti, questo dispositivo, è stato

Dettagli

IDENTIFICAZIONE E SCOPO PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE E SCOPO PRODOTTO CFTF 250 E un cala feretri manuale per tombe di famiglia pensato per operatori professionali ed addetti alla tumulazione. Consente la tumulazione di feretri fino a 250 Kg di peso nelle tombe di famiglia

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

MM600 MM900 MM1200 MM1500

MM600 MM900 MM1200 MM1500 MULTIMASS MM600 MM900 MM1200 MM1500 Manuale d impiego Leggere attentamente prima dell utilizzo di MULTIMASS MX IT 367531 AB - 0914 Istruzioni originali Caro utente, La ringraziamo per la fiducia accordataci

Dettagli

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Sommario Sommario 2 1 - Introduzione 3 1.1 Principio di funzionamento 4 1.2 Caratteristiche tecniche 4 2 Trasporto e imballo 5 2.1 Imballo

Dettagli

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS

ALUMINIUM LOADING SYSTEMS ALUMINIUM LOADING SYSTEMS Logistica - IT PEDANE FISSATE ALLA BANCHINA: Tale gamma di pedane permette le regolari e classiche operazioni di carico e scarico su banchine con possibilità di fissaggio mediante

Dettagli

REP 050 MISURATORE DI ECCENTRICITA PER RUOTE VEICOLI INDUSTRIALI.

REP 050 MISURATORE DI ECCENTRICITA PER RUOTE VEICOLI INDUSTRIALI. Cod. 024.042 REP 050 MISURATORE DI ECCENTRICITA PER RUOTE VEICOLI INDUSTRIALI. REP 050 è un nuovo strumento per la misurazione dell eccentricità radiale e laterale dei pneumatici di ruote per veicoli industriali.

Dettagli

L innovativo sistema di pesatura per veicoli

L innovativo sistema di pesatura per veicoli L innovativo sistema di pesatura per veicoli Progettata e costruita in Italia Sinergica Soluzioni S.r.l. - Servizio Clienti: 02.64672735 - info@sinergica-soluzioni.com - www.sinergica-soluzioni.com I vantaggi

Dettagli

allestimenti speciali e per furgoni special equipment for van

allestimenti speciali e per furgoni special equipment for van gamma POTASCALE allestimenti speciali e per furgoni special equipment for van Una posizione di leadership Nel corso di una ventennale esperienza nella costruzione di sistemi portascale, abbiamo sviluppato

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

Per transito e parcheggio

Per transito e parcheggio MANUALI Per transito e parcheggio MASPI 241 Dissuasore manuale a scomparsa VIMARI 2316 Dissuasore manuale rimovibile SICU 18 acciaio inox SIBLI 17 acciaio inox POSTO 20-22 acciaio verniciato I Dissuasore

Dettagli

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Rev. 1.02 22/07/2014 Numerosi sono i metodi ed i mezzi con cui si possono trasportare pazienti ed infortunati. Quelli maggiormente usati sono: 1. La sedia portantina

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

C A IA BREVETT BREVET AT TA O

C A IA BREVETT BREVET AT TA O TECN CNOL OLOG OGIA C HE SER ERVE BREVETTATO d a l 1 9 7 8 TECN CNOL OLOG OGIA CHE SER ERVE T ECNO NOLO LOGI A CHE SERV RVE TECN CNOL OLOG OGIA CHE S ERVE T ECNO NOLO LOGI A CH E SERV RVE SCOIATTOLO Scoiattolo,

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t

Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 1.0 t Caratteristiche tecniche principali 7FBEST10 1.1 Costruttore TOYOTA 1.2 Modello 7FBEST10 1.3 Alimentazione

Dettagli

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de

Il carrello saliscale per i professionisti. I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente. www.aat-online.de Il carrello saliscale per i professionisti C I problemi di trasporto su scale risolti in modo intelligente www.aat-online.de Il superamento delle scale è cosa difficile e faticosa quando si tratta di movimentare

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

ITALIANO BEAN. Barriera stradale MANUALE PER L'UTENTE

ITALIANO BEAN. Barriera stradale MANUALE PER L'UTENTE ITALIANO BEAN Barriera stradale MANUALE PER L'UTENTE BEAN - Manuale per l'utente Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione del prodotto... 3 1.2 Caratteristiche tecniche... 3 1.3 Descrizione del

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio. Classe 579

Parte 2: Istruzioni per il montaggio. Classe 579 Indice Pagina: Parte : Istruzioni per il montaggio. Classe 79. Parti componenti della fornitura........................................ Informazioni generali e sicurezze per il trasporto.............................

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Pagina 2. Indice. Montaggio Kit Base 3. Montaggio Kit Leveraggi 4-5-6-7-8. Montaggio e regolazione impianto pneumatico 9-10

Pagina 2. Indice. Montaggio Kit Base 3. Montaggio Kit Leveraggi 4-5-6-7-8. Montaggio e regolazione impianto pneumatico 9-10 Pagina 1 Pagina 2 Indice DESCRIZIONE PAG. Fase 1 Montaggio Kit Base 3 Fase 2 Montaggio Kit Leveraggi 4-5-6-7-8 Fase 3 Montaggio e regolazione impianto pneumatico 9-10 Fase 4 Montaggio Kit Serrature 11

Dettagli

Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA

Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA Dati tecnici Spandilegante SW 12 MA Spandilegante SW 16 MA Cassone Capacità del cassone 12 m 3 16 m 3 Diametro bocchettone / tubazione di riempimento

Dettagli

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI

PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI PALLETTIZZAZATORI CARTESIANI APERTI Il pallettizzatore cartesiano aperto è un robot cartesiano serie CC a 3/4 assi con un asse a terra che può arrivare a 10 metri di corsa, per pallettizzare fino a 7 posti

Dettagli

Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t

Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t 5FG/5FD www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 5.0-6.0 t Caratteristiche tecniche principali 5FG50 5FG60 50-5FD60 1.1 Costruttore Toyota Toyota Toyota 1.2

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

Il Micro Elevatore. Per superare piccoli. dislivelli e consentire. l accesso agli sportelli e. ai distributori automatici.

Il Micro Elevatore. Per superare piccoli. dislivelli e consentire. l accesso agli sportelli e. ai distributori automatici. Per superare piccoli dislivelli e consentire l accesso agli sportelli e ai distributori automatici senza impegnare o intralciare lo spazio cirtcostanze. Il Micro Elevatore Praticità e convenienza in un

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004

Gruppo Tecnico Movimentazione Manuale Carichi nei Caseifici del Parmigiano-Reggiano / giugno 2004 Scheda 4 - D) MATURAZIONE SALATOIO CAMERA CALDA PROBLEMA 1) TRAINO/SPINTA DEGLI SPERSOLI SU RUOTE O DEL CARRELLO DELLE FORME COMMENTO: la modalità, ormai, maggiormente in uso è quella degli spersoli su

Dettagli

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa ***

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa *** APPENDICE X Art. 241 (Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli) 1. Le attrezzature e le strumentazioni di cui devono essere dotati le imprese ed i consorzi abilitati

Dettagli

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE INDICE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE...5 1 GENERALITÀ...5 2 TIPI DI ETICHETTE... 11 2.1 Modello Na... 13 2.2 Modello K... 15 2.3 Modello M... 17 2.4

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

Il montascale per la sua carrozzina. Salire e scendere le scale in sicurezza con la propria carrozzina. www.aat-online.de

Il montascale per la sua carrozzina. Salire e scendere le scale in sicurezza con la propria carrozzina. www.aat-online.de Il montascale per la sua carrozzina Salire e scendere le scale in sicurezza con la propria carrozzina www.aat-online.de Durante la vita quotidiana, per molte persone, le scale possono rappresentare un

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione SOLLEVATORE BIBRACCIO BBI-BBO-BBV-BBC Brevettato Ed. 10.10.2013 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data: 10 Ottobre 2013

Dettagli

Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI A SEGUITO DEL VIAGGIATORE

Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI A SEGUITO DEL VIAGGIATORE Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI INDICE Parte V NORME PER IL TRASPORTO DI VEICOLI STRADALI..5 1 GENERALITÀ... 5 2 ROTABILI E VEICOLI STRADALI... 7 2.1 Rotabili... 7 2.2 Veicoli stradali...

Dettagli

SOLLEVATORE IDRAULICO

SOLLEVATORE IDRAULICO SOLLEVATORE IDRAULICO MANUALE UTENTE www.motogalaxy.it Pagina 1 www.motogalaxy.it Pagina 1 ISTRUZIONI Lista componenti LISTA COMPONENTI Assemblaggio Inserire i piedi nel sollevatore a assicurarli con un

Dettagli

Normativa: Legge 298/74 art. 45

Normativa: Legge 298/74 art. 45 asasas Dispositivi obbligatori per veicoli commerciali. Contrassegno identificativo tipologia trasporto Conto Proprio. Normativa: Legge 298/74 art. 45 La mancanza del contrassegno è sanzionata dall art.

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 INDICE INSTALLAZIONE...3 INTERRUTTORE DI SICUREZZA...3 SCHEMA ELETTRICO...4 GRAFICI PORTATE......5

Dettagli

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE

TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE TKA 61 KS LA NUOVA DIMENSIONE MASSIMA ALTEZZA DI LAVORO Con un altezza di lavoro di 61 metri, uno sbraccio laterale di 39 metri e una portata del cestello di 120 kg la TKA 61 KS apre all utilizzatore dimensioni

Dettagli

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Catalogo 2007 Vi diamo alcune informazioni importanti sugli unici riferimenti di legge attualmente in vigore e sulle loro principali differenze, al fine

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Scrambler Manuale d'uso e manutenzione

Scrambler Manuale d'uso e manutenzione Scrambler Manuale d'uso e manutenzione Indice 1 ruote 2 freni 3 cambio 4 forcella 5 Pedalata assistita 1 ruote Montaggio ruote posteriori. Per montare le ruote posteriori sfilare il perno a vite fino a

Dettagli

Tipologia doc.: Manuale d'uso. Unità carro per trasporto auto a 2x2 assi e a doppio piano. modello Laaers 560.1. Manuale d'uso. modello Laaers 560.

Tipologia doc.: Manuale d'uso. Unità carro per trasporto auto a 2x2 assi e a doppio piano. modello Laaers 560.1. Manuale d'uso. modello Laaers 560. Autore: Redatto: Ufficio resp.: Struttura 2011-09-28 Kasper, Jens Controllato: 2011-09-28 Helm, Andreas Autorizzato: 2011-09-28 Helm, Andreas Committente: SITFA Tipologia doc.: Unità carro per trasporto

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

Scheda tecnica Sofia e Sirus per scale curve. Misure (montaggio lato interno: corrimano).

Scheda tecnica Sofia e Sirus per scale curve. Misure (montaggio lato interno: corrimano). Scheda tecnica Sofia e Sirus per scale curve. Misure (montaggio lato interno: corrimano). 621 493 621 493 500 420 73 0-52 Altezza della pedana Min. 94 Min. 470 Girevole motorizzata 525 Min 130 Max 250

Dettagli

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE I veicoli allestiti con carrozzerie di tipo ribaltabile sono costituiti essenzialmente da un controtelaio permanentemente ancorat o all'autotelaio sul quale è appoggiato

Dettagli

Modelli. Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque

Modelli. Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque Modelli Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque Range Rover Sport Range Rover Sport - dimensioni Range Rover Sport - pesi Range Rover Sport occhioni di traino

Dettagli

IL RISCHIO CADUTA DALL ALTO NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE

IL RISCHIO CADUTA DALL ALTO NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE IL RISCHIO CADUTA DALL ALTO NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE ATTREZZATURE PER IL LAVORO IN QUOTA GIOVANNI SPEDO - ASL MANTOVA DIP. PREVENZIONE MEDICA Principali attività con rischio caduta dall alto nelle

Dettagli

ITALIANO. Per conoscere i numeri di telefono dell assistenza clienti locale, visitare: http://contact.ergotron.com. 1 of 16

ITALIANO. Per conoscere i numeri di telefono dell assistenza clienti locale, visitare: http://contact.ergotron.com. 1 of 16 Destinato all utilizzo con imac 21,5 pollici e imac 27 pollici Apple (fine 2012 o più recente). Il peso totale massimo (comprensivo di imac, tastiera e mouse) non deve superare le 25 libbre (11,34 kg)

Dettagli

PARTE MECCANICA. Requisiti meccanici della struttura da movimentare

PARTE MECCANICA. Requisiti meccanici della struttura da movimentare PARTE MECCANICA Requisiti meccanici della struttura da movimentare Il costruttore dell anta scorrevole (cancello, portone, vetrata, lucernario, copertura, ecc.) deve attenersi ai seguenti requisiti: Peso

Dettagli

Elevatore elettrico a timone 1.25-2.0 t

Elevatore elettrico a timone 1.25-2.0 t Elevatore elettrico a timone 1.25-2.0 t 7SLL www.toyota-forklifts.it Elevatore elettrico a timone Caratteristiche elevatori elettrici 7SLL12.5 7SLL16 7SLL20 1.1 Costruttore Toyota Toyota Toyota 1.2 Modello

Dettagli

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE MOVIMENTAZIONE PAZIENTE TELO PORTAFERITI SEDIA PORTANTINA Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI Strumento fondamentale per il TRASPORTO DEI PAZIENTI. Le OPERAZIONI normalmente eseguite con la barella

Dettagli

La Piattaforma Elevatrice a vano aperto

La Piattaforma Elevatrice a vano aperto Originale dal design unico, si adatta a qualsiasi edificio con armonia estetica. Ottimale per raggiungere balconi o pianerottoli nel rispetto dell equilibrio architettonico degli edifici. La Piattaforma

Dettagli

CONTENITORE PER MANUTENZIONE AEREA

CONTENITORE PER MANUTENZIONE AEREA 0169I 0169I CONTENITORE PER MANUTENZIONE AEREA NORME D' USO E MANUTENZIONE IMPORTANTE Per l'esatta destinazione d'uso e per le relative condizioni e limiti di impiego di questo prodotto, si faccia riferimento

Dettagli

MS Nuova frontiera della sicurezza attiva e passiva

MS Nuova frontiera della sicurezza attiva e passiva MS Nuova frontiera della sicurezza attiva e passiva Arpionismo meccanico di blocco positivo per carichi sospesi modello MS by Siguren, con funzioni di controllo e messa in sicurezza della movimentazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA HINOWA SPA Via Fontana, 37054 Nogara VERONA -Italia Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 539075 hinowa@hinowa.it - www.hinowa.com La ditta Hinowa quest

Dettagli

Modello Apiel. Mettifoglio ACRAB-T. Mettifoglio ACRAB-CT/ST. Mettifoglio ACRAB-T. Mettifoglio ACRAB-CT/ST. Mettifoglio MC 3200

Modello Apiel. Mettifoglio ACRAB-T. Mettifoglio ACRAB-CT/ST. Mettifoglio ACRAB-T. Mettifoglio ACRAB-CT/ST. Mettifoglio MC 3200 METTIFOGLIO AUTOMATICI Apiel produce mettifoglio automatici per fogli e pannelli in carta, plastica e metallo. I modelli che proponiamo sono 6 e trovano applicazione nell'alimentazione di plotter da taglio

Dettagli

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED O ABUNIALURED TELESCOPICA 4+4 CONFORME A: D.LGS. 81/08 ART. 113 EDIZIONE SETTEMBRE 2014 R1 1 MANUALE D USO E MANUTENZIONE Il presente

Dettagli

VS.2 Gamma Tagliamiscelatori Trainati

VS.2 Gamma Tagliamiscelatori Trainati VS.2 Gamma Tagliamiscelatori Trainati TECNOLOGIA VERTICALE MONOCOCLEA E BICOCLEA Sgariboldi ha sviluppato la nuova serie di tagliamiscelatori verticali, ideali per la sfaldatura rapida di balle di foraggio

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 41-002 PNEUMATICI PER TRATTORI AGRICOLI: RADIAL

Dettagli

Rulliere modulari. * Trademark application

Rulliere modulari. * Trademark application Rulliere modulari Rulliere modulari Rulliere modulari per la movimentazione folle. Consentono la realizzazione di piani di scorrimento o di contenimento adatti a molteplici applicazioni e differenti settori:

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t

Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t 3 ruote www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-1.6 t Caratteristiche tecniche principali 8FBE15T 8FBEK16T 8FBE16T 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA

Dettagli

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 3.5-4.0 t Caratteristiche tecniche principali 40-8FD35N 8FG35N 40-8FD40N 8FG40N 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA TOYOTA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso Yes, you can. Invacare REM 550 Comando Manuale d uso Indice Capitolo Pagina 1 La consolle di guida REM 550 4 2 1.1 Struttura della consolle di guida...4 1.2 Display di stato...7 1.2.1 Indicatore livello

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

APPLICATION SHEET Luglio

APPLICATION SHEET Luglio Indice 1. Descrizione dell applicazione 2. Applicazione - Dati 3. Selezione del prodotto e dimensionamento 4. Soluzione Motovario 1. Descrizione dell applicazione Gli schermi per campi da cricket fanno

Dettagli