ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI"

Transcript

1 ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ACCONTI PAGATI La compilazione del quadro F del 730 Il quadro F del modello 730 si compone di 8 sezioni nelle quali sono riportati i seguenti dati: Sezione I: Sezione II: Sezione III: Sezione IV: Sezione V: Sezione VI: Sezione VII: Sezione VIII: versamenti relativi all acconto IRPEF, all acconto addizionale comunale all IRPEF per l anno 2012 e all acconto cedolare secca 2012 e alla rideterminazione degli acconti 2012 in presenza di immobili di interesse storico-artistico; altre ritenute subite (diverse da quelle indicate nei quadri C e D); eccedenze risultanti dalle precedenti dichiarazioni; ritenute ed acconti sospesi per eventi eccezionali; rateizzazione del saldo dovuto per il 2012 e degli eventuali acconti dovuti per il soglie di esenzione dell addizionale comunale; deve essere compilata solo in caso di presentazione del modello 730 integrativo; altri dati. Cos è l acconto d imposta Obbligo di versamento dell acconto Analizziamo ora la sezione I relativa agli acconti 2012 di IRPEF, addizionale comunale ed alla cedolare secca ed al ricalcolo degli acconti dovuti sui redditi derivanti dagli immobili di interesse storico-artistico. L acconto d imposta è l'importo che il contribuente in alcuni casi può essere tenuto a versare come anticipo dell imposta sul successivo periodo d imposta. In questa sezione, dovranno essere indicati gli acconti versati nel 2012 e relativi al periodo d imposta 2012 sia relativi all IRPEF, all acconto dell addizionale comunale all IRPEF che alla cedolare secca sulle locazioni. Vediamo di seguito le modalità per il calcolo dell acconto relativo all IRPEF. Per verificare se il contribuente era tenuto al versamento dell acconto IRPEF, è necessario verificare sempre la dichiarazione relativa al periodo d imposta precedente. Versamento dell acconto per chi ha scelto la cedolare secca. L acconto era dovuto quando il rigo differenza del prospetto di liquidazione del 730/2012 o del modello UNICO/2012 era pari o superiore ad euro 52. La misura dell acconto doveva essere pari al 96% dell importo del rigo differenza. Rigo differenza X percentuale = acconto Tale acconto doveva essere versato: in una sola soluzione, a novembre, se l importo del rigo differenza era compreso tra euro 52 ed euro 257,51. in due rate, la prima, da versare insieme al saldo, pari al 40% dell acconto complessivo dovuto; la seconda, per il residuo 60%, da versare a novembre, se l importo del rigo differenza era pari o superiore ad euro 257,52. Il contribuente che ha scelto la cedolare secca sulle locazioni doveva calcolare l acconto nella misura dell 92% dell importo della cedolare secca dovuta per il Ea 1

2 I documenti che certificano il pagamento dell acconto Tale acconto doveva essere versato: in una sola soluzione, entro il 30 novembre 2012 se il 92% dell importo della cedolare era compreso tra euro 52 ed euro 257,51. in due rate, la prima, entro il 18 giugno 2012, pari al 40% dell acconto complessivo dovuto; la seconda entro il 30 novembre 2012, per il residuo 60%, se l 92% dell importo della cedolare era pari o superiore ad euro 257,52. Se nell anno precedente il contribuente aveva presentato il modello 730, l acconto sarà stato trattenuto dal sostituto d imposta sulla retribuzione o pensione ed indicato negli appositi campi del modello CUD 2013 relativo ai redditi Se nell anno precedente il contribuente aveva presentato il modello UNICO, il pagamento sarà stato effettuato tramite modello di versamento F24. La stessa modalità di versamento sarà stata effettuata anche nel caso in cui il contribuente pur avendo presentato il modello 730, non abbia avuto il conguaglio in busta paga. Il modello F24 Esaminiamo nel dettaglio il modello F24: nella prima sezione contribuente troveremo i dati relativi al soggetto tenuto al versamento; nella sezione erario troveremo i versamenti a saldo ed in acconto relativi all IRPEF ed altre imposte; nella sezione INPS i versamenti relativi ai contributi assistenziali e previdenziali versati all INPS; nella sezione Regioni i versamenti relativi ai tributi regionali compreso il versamento a saldo dell addizionale regionale all IRPEF; nella sezione IMU ed altri tributi locali i versamenti relativi all acconto e saldo dell IMU ed all acconto e saldo della addizionale comunale all IRPEF; nell ultima sezione i versamenti ad altri enti previdenziali ed assicurativi. In tutte le sezioni deve essere indicato il codice del tributo, l indicazione della rata nel caso in cui il versamento sia stato rateizzato ed il periodo d imposta a cui è riferito il tributo. Nella sezione Regioni e nella sezione IMU ed altri tributi locali sarà indicato anche il codice dell Ente. I codici tributo relativi al versamento IRPEF sono: 4001 per i versamenti a saldo, 4033 per i versamenti relativi al primo acconto, 4034 per i versamenti relativi al secondo acconto. Acconti su dichiarazioni congiunte Esempio I contribuenti, che presentano il modello 730 in forma congiunta, dovranno indicare gli acconti versati ognuno sul proprio modello. Qualora il precedente modello 730 fosse stato presentato in forma congiunta, gli importi degli acconti riferiti al Dichiarante ed al Coniuge Dichiarante sono rilevabili dal campo annotazioni del modello CUD Un contribuente presenta un Modello UNICO 2012 che evidenzia al rigo differenza del quadro RN un importo pari ad euro 400,00. In questo caso l acconto complessivamente dovuto, sarebbe stato pari ad euro 384 da versare in due rate: prima rata d acconto pari ad euro 153, x 40% = 153,60 seconda rata d acconto pari ad euro 230, x 60% = 230,40 Le due rate d acconto sono state versate con il modello di versamento F24. Ea 2

3 Modalità di Con riferimento all esempio precedente saranno stati compilati due modelli F24. compilazione del modello F24 Un primo modello F24 relativo al versamento del saldo e del primo acconto con i seguenti dati: nel primo rigo al campo codice sarà riportato 4001 al campo rateazione 0101, al campo anno di riferimento 2011 al campo importi a debito versati euro 400,00; nel secondo rigo al campo codice sarà riportato 4033 al campo rateazione 0101, al campo anno di riferimento 2012 al campo importi a debito versati euro 154,00. La compilazione del quadro F Un secondo modello F24 sarà relativo al versamento del secondo acconto e riporterà i seguenti dati: nel primo rigo al campo codice sarà riportato 4034, al campo anno di riferimento 2012 al campo importi a debito versati euro 230,00. Gli importi del primo e del secondo acconto saranno riportati, arrotondati, nel quadro F rigo 1 rispettivamente a colonna 1 e a colonna 2. I versamenti devono essere indicati al netto delle maggiorazioni dovute a seguito di rateizzazione o di ravvedimento operoso per ritardato versamento. Riporto degli acconti nel L importo degli acconti esposti a rigo F1 verrà riportato nel rigo denominato acconti versati del modello Quando non occorre versare l acconto Omesso o insufficiente versamento dell acconto Il contribuente può non versare l acconto qualora ritenga, che il rigo differenza della dichiarazione dei redditi relativa al successivo periodo d imposta, non superi l importo di euro 51. Allo stesso modo, il contribuente potrebbe aver versato un acconto in misura inferiore, prevedendo una diminuzione dell imposta dovuta per la successiva dichiarazione. In questo caso comunque, il minor versamento non dovrà risultare inferiore al 96% del rigo differenza della dichiarazione dei redditi relativa all anno successivo. L omesso o insufficiente versamento dell acconto comporta una sanzione pari al 30 % dell imposta non versata oltre agli interessi. Il contribuente tuttavia ha la possibilità, al momento in cui presenta la dichiarazione dei redditi, di sanare tale violazione con il ravvedimento operoso. L acconto della addizionale comunale all IRPEF Modalità di pagamento dell acconto dell addizionale comunale Vediamo ora di analizzare l acconto relativo all addizionale comunale all IRPEF. L acconto dovuto per il periodo d imposta 2012 era pari al 30% dell addizionale comunale all IRPEF calcolata con riferimento ai redditi 2011, ma con applicazione: delle aliquote relative al 2012 se il Comune aveva deliberato tali aliquote entro il 31 dicembre delle aliquote relative al 2011 se il Comune aveva deliberato tali aliquote dopo il 31 dicembre L acconto dell addizionale comunale all IRPEF per l anno 2012 sarà stato corrisposto dal contribuente con le seguenti modalità: quota di acconto sui redditi di lavoro dipendente e pensione, trattenuto dal sostituto d imposta, indicato al punto 10 del modello CUD 2013 e riportato Ea 3

4 all IRPEF nel rigo ritenute acconto addizionale comunale 2012 del quadro C del modello 730. eventuale ulteriore quota di acconto calcolata sui redditi diversi da lavoro dipendente e pensione in sede di dichiarazione dei redditi, trattenuta o versata con le seguenti modalità: in caso di compilazione del modello 730/2012, l acconto dell addizionale comunale all IRPEF trattenuto dal sostituto d imposta, è indicato nel modello CUD 2013 al punto 24 e sarà riportato nel quadro F, sezione I, colonna acconto addizionale comunale trattenuto con modello 730/2011 del mod. 730/2013; in caso di compilazione del modello UNICO/2012, o di mancato conguaglio del modello 730, l acconto versato con il modello sarà indicato nel modello F24 e dovrà essere riportato nel quadro F, sezione I, colonna acconto addizionale comunale versato con modello F24 del mod. 730/2013. Modalità di versamento dell acconto della cedolare secca. Il ricalcolo degli acconti su immobili storici artistici. L acconto sulla cedolare secca doveva essere versato tramite modello F24 utilizzando i seguenti codici tributo: 1840 per il primo acconto 1841 per il secondo acconto Gli acconti pagati devono essere indicati nella sezione 1 del modello 730 nelle colonne relative alla prima o seconda rata dell acconto cedolare secca Come abbiamo visto, a partire dal 2012 il reddito dei fabbricati di interesse storico o artistico locato viene determinato non più in base alla minore tra le tariffe d estimo previste per le abitazioni della zona censuaria nella quale è collocato il fabbricato, ma bensì dal confronto tra il 50% della rendita catastale effettiva dell immobile rapportata al periodo e alla percentuale di possesso, e canone di locazione ridotto del 35%, rapportato alla percentuale di possesso. Quindi, per i redditi di locazione relativi a fabbricati di interesse storico artistico sarà necessario confrontare: il 65% dei canoni di locazione, con il 50% della rendita catastale effettiva rivalutata, e sottoporre a tassazione il maggiore dei due valori. Pertanto, a garanzia del gettito erariale, il legislatore ha inoltre disposto che gli acconti relativi al 2012 dovevano essere calcolati assumendo come imposta del periodo precedente quella che si sarebbe determinata applicando la nuova disposizione. Il contribuente, che nell anno 2011 abbia percepito un reddito di fabbricati derivante dalla locazione di un immobile di interesse storico artistico ha provveduto a riliquidare il rigo differenza risultante dalla dichiarazione dei redditi e ricalcolare gli acconti dovuti, determinando i versamenti integrativi da pagare tramite Mod F24. Tali versamenti devono essere indicati nella prima sezione del quadro F, sotto la voce acconti ricalcolati immobili storici. Più precisamente: nella colonna 7 va indicato l ammontare del rigo differenza rideterminato, rilevabile dal rigo 57 del prospetto di liquidazione mod. 730/2012 o rigo RN33 del modello unico persone fisiche 2012; nella colonna 8, l importo dell acconto rideterminato; nella colonna 9 l imponibile relativo all addizionale comunale 2011 rideterminato; nella colonna 10 l importo dell acconto dell addizionale comunale 2012 rideterminato. Riferimenti Circolare 19E/2012, punto 5.4 Ea 4

5 Ea 5

6 ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI LE ECCEDENZE D IMPOSTA E LA COMPENSAZIONE Eccedenza d imposta Da dove derivano l eccedenza Il riporto delle eccedenze nel 730 La documentazione Eccedenze già compensate Per eccedenza di imposta si intende il credito che scaturisce dalla dichiarazione dell anno precedente, che ancora non è stato rimborsato al contribuente e che viene fatto valere nella dichiarazione dell anno in corso. Le eccedenze d imposta possono derivare: dal mancato conguaglio del modello 730; da una comunicazione dell Agenzia delle Entrate, che accerta, a seguito di controllo sulla dichiarazione dei redditi, un credito spettante, maggiore di quello indicato nella dichiarazione stessa; dalla compilazione del modello UNICO quando il contribuente opta per la compensazione anziché per il rimborso dell imposta a credito. Le eccedenze d imposta che possono essere riportate nella sezione III del quadro F ai righi 3 e 4 del modello 730 sono relative alle seguenti imposte: IRPEF Imposta sostitutiva quadro RT Cedolare secca Addizionale regionale all IRPEF Addizionale comunale all IRPEF I dati necessari per compilare i campi relativi alle eccedenze d imposta sono desumibili dai seguenti documenti: eccedenze derivanti dal mancato conguaglio del modello 730: i dati da riportare sono indicati negli appositi campi del modello CUD 2013; eccedenze derivanti dalla comunicazione dell Agenzia delle Entrate: i dati da riportare sono indicati sulla comunicazione stessa; eccedenze derivanti dalla compilazione del modello UNICO: i dati da riportare sono nel quadro RX. In quest ultimo caso, prima di riconoscere l eccedenza, è opportuno verificare l effettiva trasmissione telematica del modello Unico visualizzando l apposita ricevuta. Le eccedenze derivanti dalla compilazione del modello UNICO potrebbero essere state utilizzate, in tutto o in parte, per compensare altre imposte. In questo caso, la compensazione sarà esposta nel modello F24. La compilazione del Al momento di riportare un eccedenza indicata nel quadro RX del modello UNICO è quindi necessario verificare sempre se l eccedenza è stata utilizzata per compensare altre imposte. Le eccedenze indicate nel quadro F saranno riportate, al netto degli importi compensati, nel al rigo eccedenza dell IRPEF risultante dalla precedente dichiarazione. Esempi ESEMPIO 1: Un contribuente presenta un modello UNICO 2012 nel quale - al rigo differenza è evidenziata un imposta IRPEF a credito pari ad euro 200. Tale importo è riportato nel rigo 1 del quadro RX nella colonna credito da utilizzare in compensazione e/o detrazione. Ea 6

7 Nessun altro importo è dovuto per l addizionale regionale, l addizionale comunale e l acconto dell addizionale comunale. In questo caso il quadro F, sezione III, sarà così compilato: ESEMPIO 2: Un contribuente presenta un modello UNICO 2012 nel quale: al rigo differenza è evidenziata un imposta a debito pari ad euro 100 al rigo acconti un importo pari ad euro 150 l imposta a credito sarà quindi di euro 50. Tale importo sarà riportato al rigo 1 del quadro RX nella colonna credito da utilizzare in compensazione e/o detrazione.. L importo a credito sarà utilizzato per compensare in parte l acconto dovuto per il periodo d imposta 2012 di euro 99,00 I modelli F24 saranno stati così compilati: nel primo rigo del modello o codice tributo 4001 o anno 2012 o importi a credito compensati euro 50 nel secondo rigo del modello o codice 4034 o anno 2012 o importi a debito versati 49,00 Nel quadro F dovranno essere riportati i seguenti importi: nel rigo F1 a colonna seconda o unica rata di acconto Irpef l importo dell acconto di euro 99,00 nel rigo F3 a colonna Irpef euro 50 ed a colonna compensata in F24 euro 50. Nel al rigo eccedenza dell IRPEF risultante dalla precedente dichiarazione non sarà riportato alcun importo. La compensazione fatta sulla stessa imposta ma relativa al periodo di imposta successivo è chiamata compensazione verticale. In questo caso l evidenziazione con F24 della compensazione è facoltativa. Sempre con riferimento al precedente esempio, il contribuente avrebbe potuto compilare un modello F24 per il versamento della parte di acconto non compensato indicando codice anno 2012 importi versati euro 49,00. In questo caso nel quadro F dovrà essere compilato il rigo F1, colonna 2 per euro 49,00 e il rigo F3 solo colonna 1 per euro 50,00. Ea 7

8 Diverso importo rilevato dalla Agenzia delle Entrate Se, a seguito di controllo della dichiarazione modello UNICO 2012, l Agenzia delle Entrate avesse individuato un credito IRPEF diverso da quello dichiarato nel rigo RX1, colonna 4, è necessario riportare nel rigo F3 colonna 1 l importo comunicato dalla Agenzia. Compensazione imposta IMU con Irpef Attenzione! se il credito comunicato è inferiore ad esempio euro 800, all importo dichiarato, ad esempio euro 1000, ma il contribuente ha già versato con il modello F24 la differenza di euro 200, dovrà essere riportato l importo dichiarato cioè E possibile compensare l imposta IMU con l IRPEF, l addizionale regionale e l addizionale comunale a credito. Per esercitare tale opzione il contribuente può scegliere se: utilizzare tutto il credito derivante dalla dichiarazione per compensare l IMU, utilizzare solo una parte di tale credito. Nel caso in cui il contribuente abbia chiesto di utilizzare l intero credito IRPEF o cedolare per compensare con il modello F24 l IMU, ed il credito non sia stato in tutto o in parte utilizzato, tale credito, riportato nel prospetto di liquidazione del modello nel 730/2012, nella sezione dati per la compilazione del modello F24 ai fini del pagamento IMU" dovrà essere riportato nel quadro F, sezione III, al rigo F3 colonna IRPEF e cedolare secca e l importo eventualmente compensato a colonna di cui compensata in F24. Eccedenza da quadro RT di Unico L eccedenza relativa all imposta sostitutiva da quadro RT del modello UNICO andrà riportata nel quadro F, sezione III, al rigo F3 colonna imposta sostitutiva quadro RT e l importo eventualmente utilizzato per compensare altre imposte a debito andrà riportato di cui compensata con F24. L eccedenza è rilevabile dal rigo 5 del quadro RX del modello UNICO, mentre l eventuale importo compensato, dal modello F24. Eccedenza relativa alla cedolare secca Eccedenza relativa alla addizionale regionale L eventuale eccedenza relativa alla cedolare secca andrà riportata nel quadro F, al rigo F3, nella colonna denominata cedolare secca e l importo eventualmente utilizzato per compensare altre imposte a debito andrà riportato a colonna di cui compensata in F24 L eccedenza è rilevabile dal rigo 16 del quadro RX del modello UNICO 2012, mentre l eventuale importo compensato, dal modello F24. L eccedenza relativa all addizionale regionale all IRPEF andrà riportata nella sezione III, rigo F4, come segue: a colonna codice regione andrà indicato il codice della regione relativo al domicilio fiscale al 31 dicembre 2011 nelle colonne addizionale regionale all IRPEF e di cui già compensata in F24 l importo eventualmente utilizzato per compensare altre imposte a debito. L eccedenza è rilevabile dal rigo 2 del quadro RX del modello UNICO, o dal punto 36 del modello CUD 2013, mentre l eventuale importo compensato, dal modello F24. Nel caso in cui il contribuente abbia chiesto di utilizzare l intero credito dell addizionale regionale all IRPEF scaturente dal 730/2012, per compensare con il modello F24 l IMU, ed il credito non sia stato in tutto o in parte utilizzato, tale credito, riportato nel prospetto di liquidazione del modello 730/2012, nella sezione dati per la compilazione del modello F24 ai fini del pagamento IMU dovrà essere riportato nel quadro F, sezione III, al rigo F4 colonna addizionale regionale all IRPEF e l importo eventualmente compensato a colonna compensata in F24. Ea 8

9 Eccedenza da addizionale comunale L eccedenza relativa all addizionale comunale all IRPEF andrà riportata nel rigo F4 nelle colonne addizionale comunale all IRPEF e di cui già compensata in F24. L eccedenza è rilevabile dal rigo 3 del quadro RX del modello UNICO, o dal punto 37 del modello CUD 2013, mentre l eventuale importo compensato, dal modello F24. Nel caso in cui il contribuente abbia chiesto di utilizzare l intero credito dell addizionale comunale all IRPEF scaturente dal 730 /2012, per compensare con il modello F24 l IMU, ed il credito non sia stato in tutto o in parte utilizzato, tale credito, riportato nel prospetto di liquidazione del modello 730 /2012, nella sezione dati per la compilazione del modello F24 ai fini del pagamento IMU dovrà essere riportato nel quadro F, sezione III, al rigo F4 colonna addizionale comunale all IRPEF e l importo eventualmente compensato a colonna compensata in F24. Verifica delle eccedenze da inserire in quadro F Al momento di riportare eventuali eccedenze nel quadro F è necessario verificare con estrema attenzione: che il credito scaturente dalla precedente dichiarazione sia stato riportato nella colonna credito da utilizzare in compensazione e/o detrazione e non nella colonna credito di cui si chiede il rimborso ; che l eccedenza risultante dal quadro RX sia stata in tutto o in parte compensata con la presentazione del modello F24. Credito non fatto valere in dichiarazione Il contribuente in regime di esonero che non ha presentato la dichiarazione dei redditi, può riportare il credito in oggetto nella prima dichiarazione successivamente presentata, oppure può presentare un apposita istanza agli uffici dell Agenzia delle Entrate competenti, in base al suo domicilio fiscale. Diversa è la situazione in cui il soggetto presenta la dichiarazione senza riportare il credito risultante dalla dichiarazione precedente. In questo caso gli uffici, in sede di controllo, comunicheranno il credito spettante da utilizzare. Ea 9

10 ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI LE ALTRE RITENUTE. RITENUTE ED ACCONTI SOSPESI Le altre ritenute Le ritenute IRPEF a titolo di acconto, dell addizionale regionale e comunale diverse da quelle indicate nei quadri C e D sono: quelle operate nei confronti degli allevatori sui contributi corrisposti dall UNIRE (unione nazionale per l incremento delle razze equine) al fine di incentivare l allevamento; quelle relative ai trattamenti assistenziali erogati dall INAIL ai titolari di redditi agrari. L ammontare di tali ritenute si indica nella sezione II, rigo F2, del modello 730/2013, nelle colonne IRPEF, addizionale regionale e addizionale comunale. Compilazione della Sezione II La sezione IV del quadro F Ritenute sospese per e- venti eccezionali. Inapplicabilità proroghe per presentazione 730. I soggetti beneficiari della sospensione Nella sezione II del quadro F vanno inoltre indicate: l addizionale regionale trattenuta per attività sportiva dilettantistica; nella colonna relativa del rigo F2. L importo si rileva dalla certificazione rilasciata dal soggetto che ha erogato i compensi. l IRPEF relativa a compensi percepiti da soggetti impegnati in lavori socialmente utili, nella colonna relativa del rigo F2. Gli importi sono desumibili dalla annotazioni del modello CUD l addizionale regionale relativa a compensi percepiti da soggetti impegnati in lavori socialmente utili nella colonna relativa del rigo F2. Gli importi sono desumibili dalla annotazioni del modello CUD Si ricorda che tali compensi vanno riportati nel quadro C con il codice 3 Nella sezione IV del quadro F vanno invece riportate ritenute e acconti sospesi per eventi eccezionali. A seguito di eventi eccezionali o calamitosi il legislatore può emanare disposizioni per operare la sospensione dei termini relativi all adempimento degli obblighi di natura tributaria o prorogare i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi. Peraltro, ai contribuenti che usufruiscono dell assistenza fiscale non sono applicabili le eventuali proroghe dei termini per la presentazione delle dichiarazione dei redditi, ma può operare solo la sospensione dei termini per il versamento delle imposte. I soggetti nei confronti dei quali opera la sospensione dei termini relativi ai versamenti di imposta sono identificati con un apposito codice da riportare a colonna eventi eccezionali della sezione IV e sono: codice 1, per i contribuenti vittime di richieste estorsive; codice 2, per i contribuenti residenti alla data del 20 e 29 maggio 2012 nel territorio dei comuni delle province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo, per i quali è prevista la proroga al 30 novembre 2012 della sospensione dei termini dei versamenti e degli adempimenti tributari scadenti nel medesimo periodo. Ea 10

11 La compilazione del modello 730. codice 3 per i contribuenti residenti alla data del 12 febbraio 2011 nel comune di Lampedusa e Linosa, interessati all emergenza umanitaria legata all afflusso dei migranti dal Nord Africa, per i quali è prevista la sospensione dal 16 giugno 2011 al 30 giugno La sospensione è stata prorogata al 31 dicembre codice 4, per i contribuenti interessati alle avversità atmosferiche verificatesi nel mese di ottobre 2011 nelle provincie di La Spezia e di Massa Carrara, per i quali è stato prorogato al 16 luglio 2012 il termine degli adempimenti e versamenti tributari in scadenza dal 1 ottobre 2011 al 30 giugno 2012 codice 5, per i contribuenti interessati alle avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 4 all 9 novembre 2011 nella provincia di Genova, per i quali è stato prorogato al 16 luglio 2012 il termine degli adempimenti e versamenti tributari in scadenza dal 4 novembre 2011 al 30 giugno 2012 codice 6, per i contribuenti interessati dalla eccezionali avversità atmosferiche verificatesi il giorno 22 novembre 2011 nel territorio della provincia di Messina, per i quali è stata prevista la sospensione fino al 16 luglio 2012 dei termini degli adempimenti e dei versamenti tributari. Codice 7 per i contribuenti colpiti da altri eventi eccezionali. Tali codici sono desumibili dal punto 11, sezione dati generali del mod CUD Nelle altre colonne della sezione IV andranno rispettivamente riportati gli importi relativi alle ritenute, ed acconti IRPEF, all addizionale regionale e comunale, all imposta sostitutiva sulla produttività, alla cedolare secca, al contributo di solidarietà, sospesi per effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali. Per i lavoratori dipendenti e pensionati, tali importi sono desumibili dai campi 14,15,17,18, 23, 25, 28, 253 del modello CUD Esempio Un contribuente ha un reddito di lavoro dipendente pari a ,00. Su tale reddito il sostituto ha trattenuto i seguenti importi: ritenute IRPEF per un ammontare di 2.519,07, di cui: 1.319,07 euro versate 1.200,00 euro sospese; addizionale regionale all IRPEF per un ammontare di 144,00 di cui: 54,00 euro versate 90,00 euro sospese acconto addizionale comunale all IRPEF per un ammontare di. 20,00 di cui: 7,00 versate 13,00 sospese saldo addizionale comunale all IRPEF per un ammontare di euro 44,00 di cui: 17,00 versate 27,00 sospese Il sostituto ha rilasciato al contribuente il seguente modello CUD 2013: Ea 11

12 Esempio Nella compilazione del modello 730 il contribuente riporterà: nella sezione I del quadro C l importo del reddito di lavoro dipendente e i giorni per i quali spettano le detrazioni per lavoro dipendente; nella sezione III e nella sezione IV del quadro C riporterà il totale delle ritenute IRPEF, dell addizionale regionale all IRPEF, dell acconto e del saldo dell addizionale comunale all IRPEF rilevabili rispettivamente dal punti 5,6,10,11, del modello CUD 2013; nel quadro F, sezione IV, rigo F5, verranno invece riportate le ritenute sospese rilevabili dai punti 14,15,17,18, 23, 25, 28, 253 del mod. CUD Quadro C, modello 730/2013 Sezione IV quadro F Ea 12

13 ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI ADDIZIONALE COMUNALE: SOGLIE DI ESENZIONE Casistiche relative alla soglia di esenzione L aliquota dell addizionale comunale all IRPEF viene deliberata da ogni singolo Comune, in un valore compreso tra lo 0,2% e lo 0,8%. I Comuni possono deliberare soglie di esenzione dell addizionale comunale in presenza di particolari condizioni che non possono essere ricavate dai dati presenti nel modello di dichiarazione (ad esempio la composizione del nucleo familiare o l ISEE) e che si trovano nelle condizioni previste dalla delibera che ha stabilito la soglia di esenzione. Il calcolo della soglia di esenzione Quando riportare le soglie di esenzione nel quadro F Le soglie di esenzione verranno automaticamente applicate dal CAF, in tutti i casi in cui le soglie di esenzione individuate dal Comune, siano riferite ad elementi oggettivi. In questo caso nessun dato dovrà essere riportato sul modello 730/2013. Nel caso in cui, tale soglia di esenzione sia legata a particolari condizioni soggettive, il contribuente dovrà riportare nel quadro F, sezione VI il valore previsto per l esenzione. Attenzione: ai fini della verifica della soglia di esenzione, l ammontare dell imponibile è aumentato della base imponibile della cedolare secca. Nel caso di soglie di esenzione legate a condizioni soggettive, ad esempio un determinato valore ISE, il contribuente compilando il quadro F attesta di essere in possesso dei requisiti stabiliti dalla delibera comunale per rientrare nell esenzione d imposta. Tali requisiti non possono, infatti, essere desunti dagli elementi contenuti nella dichiarazione. In sostanza la compilazione del quadro F corrisponde ad un autocertificazione. La compilazione del 730 Negli altri casi gli elementi per determinare se il contribuente rientra nella soglia di e- senzione sono invece desumibili dalla dichiarazione dei redditi. Il valore previsto per l esenzione dovrà essere riportato nel quadro nel quadro F sezione VI indicando: la soglia di esenzione del saldo dell addizionale comunale determinata dal Comune per l anno 2012 nel rigo F7 la soglia di esenzione dell acconto dell addizionale comunale determinata dal Comune per l anno 2013 nel rigo F8 colonna 1 Nella colonna 2 va indicato il codice 1 in presenza di un esenzione non collegata con il reddito imponibile o il codice 2 in presenza di altre agevolazioni. Le due colonne sono tra loro alternative. Ea 13

14 ACCONTI, RITENUTE, ECCEDENZE e ALTRI DATI GLI ALTRI DATI DEL QUADRO F La sezione VIII del quadro F La sezione VIII del quadro F si compone di tre righi: uno dedicato all esposizione delle eventuali somme rimborsate dal sostituto d imposta per detrazioni incapienti, uno dedicato all eventuale restituzione del bonus fiscale, l ultimo dedicato al pignoramento presso terzi. Importi rimborsati dal sostituto per detrazioni incapienti La compilazione del quadro F, sezione VIII La restituzione del bonus fiscale Quando è prevista la restituzione del bonus fiscale La compilazione del 730 Il rigo F11 si compone di due colonne ed è riservato all esposizione degli importi eventualmente rimborsati dal sostituto d imposta in sede di operazione di conguaglio relativi alla parte dell ulteriore detrazione per figli a carico e delle detrazioni per canoni di locazione che non hanno trovato capienza nell imposta lorda. Nella colonna 1 va riportato l importo indicato nel punto 104 del CUD 2013 relativo all ammontare del credito riconosciuto dal sostituto d imposta pari alla quota dell ulteriore detrazione per figli a carico che non ha trovato capienza nell imposta lorda. Nella colonna 2 va riportato l importo indicato nel punto 110 del CUD 2013 relativo all ammontare della detrazione per canoni di locazione riconosciuta dal sostituto d imposta che non ha trovato capienza nell imposta lorda. Il rigo F12 è riservato a quei contribuenti che hanno indebitamente percepito indebitamente il bonus fiscale, previsto dal decreto legge 159/2007 e che pertanto devono restituirlo. Riferimenti: vedi anche l approfondimento il bonus fiscale La restituzione del bonus fiscale deve essere effettuata da tutti i soggetti che per errore hanno richiesto il bonus non spettante o spettante in misura inferiore nonché da coloro che hanno ricevuto il bonus dal sostituto d imposta (che lo ha e- rogato in via automatica o su richiesta) e che non hanno comunicato allo stesso di non avervi diritto in tutto o in parte, ad esempio perché è fallito il sostituto d imposta o per cessazione del rapporto di lavoro. La restituzione del bonus fiscale avviene con le normali operazioni di conguaglio da modello 730. Nella relativa casella, alla restituzione del bonus fiscale, va indicato l importo totale che deve essere restituito. La restituzione mediante versamento con F24 I contribuenti esonerati dall obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi effettuano la restituzione del beneficio tributario percepito mediante versamento con il modello F24 entro i termini previsti per il versamento del saldo dell IRPEF. Ea 14

15 Pignoramento presso terzi. Il Rigo F13 si compone di due colonne ed è riservato a coloro che hanno percepito dei redditi tramite procedure di pignoramento. Il contribuente chiamato per comodità creditore è tenuto a dichiarare tali redditi e le relative ritenute subite a qualunque titolo ritenute ordinarie tassazione separata o imposta sostitutiva. I redditi e le relative ritenute vanno indicati nel Rigo F13. A seconda del reddito percepito attraverso la procedura di pignoramento, nella prima colonna del Rigo F13 sarà necessario indicare: 1 reddito di terreni 2 reddito di fabbricati 3 reddito di lavoro dipendente 4 reddito di pensione 5 - redditi di capitale 6 redditi diversi Esempio Facciamo un esempio per comprendere meglio. Un contribuente, attraverso una procedura di pignoramento, riceve dall INPS un CUD 2013 con indicati redditi per e ritenute IRPEF per Il contribuente dovrà dichiarare nel quadro C del Modello 730/2013 il reddito di e nel quadro F 13 del Modello 730/2013 le relative ritenute subite. Il Quadro F 13 risulterà così compilato: Redditi da pignoramento e modello Unico!"# $! Ea 15

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione:

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Indicazioni sulla Compilazione dei Quadri del Modello 730/2012 in presenza di CUD 2012 Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Reddito lavoro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE AGENZIA DELLE ENTRATE MOD. 730-2 PER IL C.A.F. O PER IL PROFESSIONISTA ABILITATO REDDITI 2014 Modello 730 integrativo RICEVUTA DELL AVVENUTA CONSEGNA DELLA DICHIARAZIONE MOD. 730 E DELLA BUSTA CONTENENTE

Dettagli

MODELLO 730-3 redditi 2014

MODELLO 730-3 redditi 2014 07-07-0 MODELLO 70- redditi RE-00-00000077 prospetto di liquidazione relativo all'assistenza fiscale prestata DICHIARAZIONE Ufficio: UFFICIO VIA BISMANTOVA Pr. Archiv.: 77 PRECOMPILATA 70 rettificativo

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro 0 MODELLO GRATUITO CONTRIBUENTE

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro 0 MODELLO GRATUITO CONTRIBUENTE

Dettagli

MODELLO 730/2012 redditi 2011 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2012 redditi 2011 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale CONTRIBUENTE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza genzia ntrate Dichiarante Coniuge dichiarante Soggetto

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 SOMMARIO EDITORIA FISCALE SEAC Servizio INFORMATIVA

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF ,00

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF ,00 CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 0 PERSONE FISICHE 0 genzia ntrate L T R F L L M L C REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF MODELLO GRATUITO QUADRO RN IRPEF Determinazione dell imposta Residui detrazioni,

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate 0 BL/00000 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro 0 CAAF NORD

Dettagli

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012 Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del di Saverio Cinieri (*) L ADEMPIMENTO L Agenzia delle Entrate ha approvato il Mod. 730/ che permette ad alcune categorie di contribuenti (per lo piu` lavoratori

Dettagli

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 00 e successive modificazioni DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) DATI DEL GENOVESE DATA DI CONTRIBUENTE STATO CIVILE RESIDENZA ANAGRAFICA Da compilare

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione Il punto di pratica professionale Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione a cura di Carlo Cavalleri e Sergio Deangelis Consulenti del Lavoro in Genova Da

Dettagli

redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Coniuge congiunta

redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Coniuge congiunta MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale CONTRIBUENTE X Gli importi devono essere indicati in unità di Euro Dichiarante Coniuge Dichiarazione

Dettagli

MODELLO 730-3 redditi 2013

MODELLO 730-3 redditi 2013 LUBSAL0 LUBRANO DI DIEGO SALVATORE MODELLO 730-3 redditi 03 prospetto di liquidazione relativo all'assistenza fiscale prestata Modello N. Impegno ad informare il contribuente di eventuali comunicazioni

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

MODELLO 730/2016 redditi 2015 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2016 redditi 2015 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate BOZZA 9//0 CONTRIBUENTE Dichiarante FISCALE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio)

Dettagli

PRCMRA43R15B152M Mod. N. 1

PRCMRA43R15B152M Mod. N. 1 MODELLO 730/014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

ALLEGATO C CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2015

ALLEGATO C CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2015 ALLEGATO C CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2015 Istruzioni per lo svolgimento degli adempimenti previsti per l assistenza fiscale da parte dei sostituti d imposta, dei professionisti

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale SEEK & PARTNERS SpA - Via Jacopo Linussio, - PORDENONE - CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 0/0/0 FISCALE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) DATI DEL CONTRIBUENTE STATO CIVILE RESIDENZA ANAGRAFICA

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà ORIGINALE CODICE FISCALE PERIODO D IMPOSTA 0 QUADRO RN IRPEF PERSONE FISICHE 0 genzia ntrate REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo

Dettagli

Novità del modello 730/2012 redditi 2011

Novità del modello 730/2012 redditi 2011 Novità del modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta Frontespizio e Familiari a carico E stata introdotta una casella denominata situazioni particolari per evidenziare particolari condizioni

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

redditi 2012 Impegno ad informare il contribuente di eventuali comunicazioni dell Agenzia delle Entrate relative alla presente dichiarazione

redditi 2012 Impegno ad informare il contribuente di eventuali comunicazioni dell Agenzia delle Entrate relative alla presente dichiarazione redditi Impegno ad informare il contribuente di eventuali comunicazioni dell Agenzia delle Entrate relative alla presente dichiarazione Modello N. 730 730 rettificativo integrativo CONFORME AL PROVVEDIMENTO

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014 Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Paolo STAGNO Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Telef.:

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale TKQ ORE SOFTWARE S.p.A. - Via Monte Rosa, Milano - COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL // e successive modificazioni DATI DEL MARTINELLI FAUSTO M DI NASCITA (o Stato estero) DI NASCITA

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2016 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

INFORMATIVE NOVITÀ DEL MOD. 730: QUADRI D, F E G

INFORMATIVE NOVITÀ DEL MOD. 730: QUADRI D, F E G Servizio SEAC S.p.A. - 8 Trento - Via Solteri, Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0 80 - Fax 0/80 0 febbraio 0 Informativa n. NOVITÀ DEL MOD. 0: QUADRI D, F E G Le novità apportate al Mod.

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale Conforme al provvedimento Agenzia Entrate del /0/0 e successive modificazioni Modello Grafico realizzato da Namirial S.p.a. Via Caduti sul lavoro, Senigallia (AN) *MSSMCRRF0E* Mod. N. MODELLO 0/0 redditi

Dettagli

Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia

Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia Analogamente alla dichiarazione dell anno scorso, in corrispondenza della quale ci eravamo trovati a doverci

Dettagli

ESEMPIO COMPLETO DI COMPILAZIONE

ESEMPIO COMPLETO DI COMPILAZIONE ESEMPIO COMPLETO DI COMPILAZIONE Si riporta un esempio completo di compilazione del Mod. 730/2016 e del Mod. 730-3/2016, comprensivo dei calcoli a cura di chi presta assistenza fiscale (nel caso specifico,

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale 00B COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 00 e successive modificazioni DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) DATI DEL D''ATRI LUCA M DATA DI NASCITA (o Stato estero) DI NASCITA CONTRIBUENTE

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Coniuge congiunta

redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Coniuge congiunta MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL /0/0 E DEL 0/0/0 - ITWorking S.r.l.

Dettagli

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà

CODICE FISCALE. REDDITI QUADRO RN Determinazione dell IRPEF QUADRO RV Addizionale regionale e comunale all IRPEF QUADRO CS Contributo di solidarietà MODELLO GRATUITO QUADRO RN IRPEF Data: 9/0/0 - Ore: 00::0 - Utente: RCAMRC8S07F89D Soggetto: MARCO RACE ( RCAMRC8S07F89D ) Identificativo dichiarazione: 0880-000000 del 9/9/0 PERIODO D IMPOSTA 0 CODICE

Dettagli

LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO

LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO Le modalità ed i termini entro i quali il sostituto d imposta deve operare i conguagli nei confronti dei propri dipendenti che hanno presentato il modello 730

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale 0IC ORE SOFTWARE S.p.A. - Via Monte Rosa 9, 09 Milano - COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL /0/0 e successive modificazioni Mod. N. DATI DEL RICCI CLAUDIO M DATA DI NASCITA (o Stato

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro 0 MODELLO GRATUITO CONTRIBUENTE

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Villadose, 19 aprile 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Da una prima valutazione generale, possiamo affermare che la dichiarazione dei redditi 2013, per quanto concerne

Dettagli

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 )

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) CONG730 2015 2/47 INDICE Conguagli del sostituto d imposta per risultanze modello 730... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013

ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013 ALLEGATO D CIRCOLARE PER LA LIQUIDAZIONE ED IL CONTROLLO DEL MOD. 730/2013 Istruzioni per lo svolgimento degli adempimenti previsti per l assistenza fiscale da parte dei sostituti d imposta, dei professionisti

Dettagli

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile

LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile LA CEDOLARE SECCA: soggetti interessati, ambito oggettivo e base imponibile Art. 3 D.LGS. 14.3.2011, n. 23 Stefano Spina O.D.C.E.C. Torino Torino 14 giugno 2012 LA CEDOLARE SECCA ASPETTI GENERALI Obiettivo

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale ORE SOFTWARE S.p.A. - Via Monte Rosa 9, 09 Milano - COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL /0/0 e successive modificazioni Mod. N. DATI DEL ZANCAI LORIS M DATA DI NASCITA CONTRIBUENTE

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

Oggetto: dichiarazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale.

Oggetto: dichiarazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale. Napoli, giugno 0 Oggetto: dichiarazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale. Il sottoscritto GIANCANE Gaetano, attesta che nessuna variazione è intervenuta nella situazione patrimoniale.

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2013 redditi 2012 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale 0C ORE SOFTWARE S.p.A. - Via Monte Rosa, 0 Milano - COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 00 e successive modificazioni DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) DATI DEL CONTU MARIO M DATA DI

Dettagli

MODELLO 730/2011 redditi 2010 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2011 redditi 2010 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale CONTRIBUENTE CODICE FISCALE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) Modello N. MODELLO 0/0 redditi 00 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale genzia ntrate Dichiarante

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

MODELLO 730/2010 redditi 2009 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2010 redditi 2009 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale CONTRIBUENTE CODICE FISCALE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) Modello N. MODELLO 70/00 redditi 009 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale genzia ntrate Dichiarante

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

5.7 Quadro F Altri dati

5.7 Quadro F Altri dati Per ulteriori su questi oneri la voce Deduzione per oneri di famiglia Istruzioni per la compilazione Modello 730 Altre detrazioni Nel rigo E32 indicare le altre detrazioni diverse da quelle riportate nei

Dettagli

UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita`

UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita` UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita` di Cristina Piseroni e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO I lavoratori dipendenti privati che presentano il Mod. UNICO 2011 e hanno percepito nel

Dettagli

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA'

Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati. Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Centro di Assistenza Fiscale Dipendenti e Pensionati Modello 730/2015 LE PRINCIPALI NOVITA' Le principali novità contenute nel modello 730/2015 sono le seguenti: - il CUD è stato sostituito dalla Certificazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati);

MODELLO UNICO 2001. a intermediari autorizzati (professionisti, associazioni di categoria, CAF, altri soggetti abilitati); MODELLO UNICO 2001 Sono obbligati a presentare la dichiarazione in forma unificata UNICO 2001 i contribuenti tenuti alla presentazione di almeno due delle seguenti dichiarazioni: Redditi; IVA; IRAP. A

Dettagli

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013

La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 La dichiarazione dei redditi 2014, relativa al periodo d imposta 2013 Modello 730: provvedimento di approvazione del 15 gennaio 2014; provvedimento di modifica del 10 marzo 2014. Modello UNICO Persone

Dettagli

MODELLO 730/2012 redditi 2011 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2012 redditi 2011 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale 00DC INNOVARE S.p.A. - Via Monte Rosa - 0 Milano - COPIA CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 00 DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) Mod. N. DATI DEL MACCAGNANO PAOLO M DATA DI NASCITA (o Stato

Dettagli

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n.

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. BOZZA INTERNET del 9//0 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale 0 genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi

LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi LE PRINCIPALI NOVITA' OPERATIVE CONTENUTE NEL MODELLO 730-2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 4791 del 15 gennaio 2015 ha approvato il modello

Dettagli

NOVITA IRPEF ANNO 2008 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

NOVITA IRPEF ANNO 2008 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA NOVITA IRPEF ANNO 2008 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Novità 2008 Le principali novità fiscali per il 2008 che riguardano i lavoratori dipendenti sono: Obbligo della richiesta annuale per le

Dettagli

MODELLO 730/2013 NOVITÀ

MODELLO 730/2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 9/2013 del 14 marzo 2013 MODELLO 730/2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadro del Modello 730/2013 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2013

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013

MODELLO 730/2014 redditi 2013 Conforme al Provvedimento del /0/0 e successive modificazioni ZUCCHETTI S.p.A. - Via Solferino, - 900 Lodi DOMICILIO FISCALE AL 0/0/0 PROV. CONTRIBUENTE STATO CIVILE RESIDENZA ANAGRAFICA FAMILIARI A CARICO

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012

APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012 APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012 Con i provvedimenti dell Agenzia delle entrate 15.1.2013 e 4.3.2013 è stato approvato in via definitiva (rettifiche comprese), il modello 730/2013 per l adempimento

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale SEEK & PARTNERS SpA - Via Jacopo Linussio, - PORDENONE - CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE DEL 0/0/0 DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio) DATI DEL CONTRIBUENTE STATO CIVILE RESIDENZA ANAGRAFICA

Dettagli

Roma, 22 Settembre 2011. Prot. n. 433/2011/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI

Roma, 22 Settembre 2011. Prot. n. 433/2011/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela Luglio Nr. 1 MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli 770/2014 Semplificato e Ordinario 2. Quadri che compongono il 770 3.

Dettagli

SERVIZIO CAF 730 PUNTO 1 - REDDITI PER I QUALI È POSSIBILE FRUIRE DELL INTERA NO TAX AREA

SERVIZIO CAF 730 PUNTO 1 - REDDITI PER I QUALI È POSSIBILE FRUIRE DELL INTERA NO TAX AREA Servizio Caf 730 Centro Assistenza Fiscale SERVIZIO CAF 730 INFORMATIVA N. 18 Prot. 2292 DATA 14.03.2006 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI Modello CUD e quadro C Modello CUD, Modello 730/2006

Dettagli

Prot. n. 50 - Ufficio V

Prot. n. 50 - Ufficio V Prot. n. 50 - Ufficio V Data Roma, 23 febbraio 2015 Messaggio 023/2015 Destinatar Utenti NoiPA i Tipo Messaggio Area NoiPA Oggetto: Modello Certificazione unica 2015 Conguaglio contributivo e fiscale relativo

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli