ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO"

Transcript

1 ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO allegato1:allegato tecnico Introduzione Il fabbisogno energetico di un edificio Trasmittanza La coibentazione e la sostituzione dei vetri semplici Tecniche ed accorgimenti Isolamento delle pareti esterne Isolamento delle pareti dall esterno Isolamento delle pareti dall interno Isolamento delle pareti nell intercapedine Isolamento del tetto e dei solai Isolamento di copertura piana Isolamento del sottotetto Sostituzione di elementi vetrati Requisiti minimi per gli interventi di coibentazione e sostituzione di vetri semplici Isolamento delle pareti e delle coperture Energia risparmiata Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri Energia risparmiata Calcolo del contributo Fonti informative...12

2 1. Introduzione I consumi energetici aumentano ogni anno ed aumenta conseguentemente sempre più la dipendenza dal petrolio e dal gas di paesi extracomunitari. Gli impegni assunti con la firma del protocollo di Kyoto di ridurre le emissioni di gas ad effetto serra dell 6,5% rispetto ai livelli del 1990 entro il impongono di diminuire i consumi delle fonti fossili (petrolio, gas e carbone). Un maggiore ricorso alle fonti energetiche rinnovabili e una riduzione dei consumi possono contribuire a ridurre le emissioni e, nello stesso tempo, le importazioni di energia. Il settore dei trasporti e quello dell industria assorbono grandi quote di energia. Gli edifici, però, assorbono circa il 40 % dei consumi energetici europei. L illuminazione, il riscaldamento, gli impianti di condizionamento d aria e l acqua calda nelle abitazioni, nei luoghi di lavoro e nelle strutture ricreative richiedono più energia dei trasporti o dell industria. 2. Il fabbisogno energetico di un edificio Gli edifici consumano energia per soddisfare bisogni diversi, quali: climatizzazione invernale e produzione di acqua calda per usi igienico sanitari; climatizzazione estiva; ventilazione; illuminazione; impianti tecnici in genere (ascensori e montacarichi, distribuzione acqua, ecc.). Il fabbisogno energetico di un edificio esprime la quantità di energia richiesta per soddisfare le condizioni di confort degli occupanti, connessa con un uso standard dell edificio. Il bando in oggetto ha come obiettivo la riduzione del fabbisogno energetico dell edificio per la climatizzazione e la produzione di acqua calda sanitaria attraverso il miglioramento delle caratteristiche termiche dell involucro ed alla riduzione della trasmittanza Trasmittanza La trasmittanza è definita come quantità di calore che viene scambiata attraverso la superficie di 1 m 2 dell elemento costruttivo con una differenza di temperatura tra l interno e l esterno di 1K (equivalente ad 1 C) per unità di tempo [W/m 2 K]. In formule: 1 K i = 1 sn α1 n λn α 2 Dove: α 1 : coefficiente di scambio termico liminare o adduttanza della superficie verso l ambiente riscaldato [W/m 2 K]; α 2 : coefficiente di scambio termico liminare o adduttanza della superficie verso l esterno, il sottosuolo o un ambiente non riscaldato[w/m 2 K]; s n : spessore ennesimo dello strato di parete con conduttività termica λ n [m]; λ n :conduttività termica del materiale ennesimo [W/mK], definita come l attitudine di un materiale a trasmettere il calore quando la trasmissione avviene solo per conduzione [W/mK]. Il calcolo della trasmittanza richiede quindi la conoscenza dello spessore e delle caratteristiche di conduttività degli elementi che compongono la struttura dell involucro esterno. Poichè non sempre 2

3 è facile risalire ai dati necessari, soprattutto per edifici esistenti, nel bando in oggetto i valori di trasmittanza dovranno essere desunti dalle Tabella 1, Tabella 2 e Tabella 3, in base all epoca di costruzione, allo spessore ed alla tipologia costruttiva (Comitato Termotecnico Italiano - PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI - Novembre 2003). Le indicazioni fornite sono utilizzabili per edifici costruiti prima del 1978, presumibilmente privi di isolamento termico. Per gli edifici costruiti dopo tale data essendo soggetti all obbligo dell isolamento termico ai sensi della legge 373/76 prima e della legge 10/91 si suggerisce di scegliere i valori trasmittanza corrispondenti rispettivamente alle voci Struttura isolata, Soletta generica coibentata e Soletta piana coibentata, rispettivamente in Tabella 1, Tabella 2 e Tabella 3.- Con tali informazioni è possibile riconoscere le tipologie delle strutture senza ispezioni invasive e procedere all individuazione della trasmittanza di riferimento. Tabella 1 - Trasmittanza termica delle pareti perimetrali verticali [W/m²K]. TIPOLOGIA DI SUPERFICIE OPACA SPESSORE [m] 0,15 0,20 0,25 0,30 0,35 0,40 0,45 0,50 0,55 0,60 Muratura di pietrame intonacata - - 3,55 3,19 2,92 2,7 2,52 2,37 2,24 2,13 Muratura di mattoni pieni intonacati sulle due facce 2,31 1,84 1,54 1,33 1,18 1,06 0,97 0,89 0,82 0,77 Pannello prefabbricato in cls 4,03 3,64 3,36 3,15 2,98 2,84 2,73 2,63 2,54 2,46 Paretre a cassa vuota con mattoni forati - - 1,2 1,15 1,11 1,11 1,11 1,11 1,11 1,11 Struttura isolata 0,59 0,57 0,54 0,52 0,5 0,48 0,46 0,44 0,42 0,4 Tabella 2 - Trasmittanza termica dei solai sotto ambienti interni [W/m²K]. TIPOLOGIA DI SUPERFICIE OPACA SPESSORE [m] 0,20 0,25 0,30 0,35 Soletta in laterocemento 1,59 1,29 1,19 1,00 Soletta in laterocemnto confinante con sottotetto 1,68 1,47 1,25 1,03 Solaio prefabbricato in cls tipo Predalle 2,16 2,01 1,87 1,73 Soletta generica coibentata 0,68 0,63 0,58 0,53 Tabella 3 - Trasmittanza termica delle coperture piane e a falde [W/m²K] TIPOLOGIA DI SUPERFICIE OPACA SPESSORE [m] 0,15 0,20 0,25 0,30 0,35 Soletta piana non coibentata in laterocemento 2,00 1,76 1,53 1,30 1,06 Soletta piana coibentata 0,77 0,72 0,67 0,61 0,56 Tetto a falda in laterizio non coibentato 2,77 2,39 2,02 1,65 1,28 Tetto a falda in laterizio coibentato 0,87 0,81 0,75 0,68 0,62 Tetto in legno poco isolato 1,31 Tetto in legno mediamente isolato 0,72 3

4 3. La coibentazione e la sostituzione dei vetri semplici La coibentazione e la sostituzione di vetri semplici sono interventi concepiti per ridurre i valori di trasmittanza diminuendo la quantità di calore che raggiunge l ambiente esterno passando attraverso pareti ed infissi. Il fenomeno, pur non essendo annullabile, può essere ridotto aumentando la resistenza termica delle pareti, dei pavimenti, dei solai, delle porte e delle finestre. A tal proposito occorre tuttavia precisare che l iniziativa in oggetto non contempla interventi di isolamento dei pavimenti. Per ottenere ciò occorre coibentare l edificio aggiungendo, ad esempio, uno strato d isolante che ostacoli il passaggio del calore dall interno all esterno. La coibentazione, è anche utile nelle giornate estive, a tenere fuori il caldo e a trattenere dentro casa il fresco prodotto da un eventuale impianto di raffrescamento. Un buon isolamento termico garantisce i seguenti vantaggi: la riduzione delle perdite di calore, il mantenimento di un clima confortevole negli ambienti interni; la riduzione delle spese di riscaldamento; la riduzione dei ponti termici, ovvero dei punti che favoriscono la dispersione del calore; l assenza di umidità e di muffe; l allungamento della durata di vita dell edificio. 4. Tecniche ed accorgimenti 4.1. Isolamento delle pareti esterne L isolamento dei muri di un edificio può essere realizzato dall esterno, dall interno o nell intercapedine. Tutti e tre i sistemi presentano dei vantaggi: la scelta dipenderà dallo stato di degrado dell edificio e dalle disponibilità economiche Isolamento delle pareti dall esterno DESCRIZIONE Il sistema di isolamento termico dall esterno, comunemente noto come cappotto, consiste nell applicazione, sulla superficie esterna verticale dell edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti da uno spessore sottile, protettivo, di finitura realizzato con particolari intonaci. E una soluzione particolarmente indicata nel caso di ripristino di superfici verticali, il cui rivestimento sia in fase di avanzato degrado. La coibentazione risulta economicamente conveniente ed impedisce il naturale processo di degrado degli edifici. In Figura 1 è riportato un esempio stratigrafico di isolamento a cappotto. REQUISITI Per ottenere un sistema a cappotto efficace, bisogna prestare la massima attenzione alle caratteristiche dei singoli componenti, in particolare del materiale isolante. Un materiale isolante idoneo deve presentare i seguenti requisiti: la stabilità dal punto di vista dimensionale al variare della temperatura e dell umidità; eventuali dilatazioni originate da variazioni termoigrometriche potrebbero provocare delle fessurazioni sull intonaco, nel caso in cui il materiale isolante non sia stabile; stabilità nel tempo; la lavorabilità; 4

5 la bassa elasticità compatibilmente con la resistenza meccanica dell insieme; questo permette di rendere relativamente indipendenti le due strutture rigide costituite dalla parete e dall intonaco esterno; la sicurezza in caso di incendio dovuta alla natura inorganica del materiale isolante 1 Rivestimento interno 2 Parete interna 3 Legante 4 Protezione angolare 5 Strato isolante 6 Malta per la formazione del primo strato di intonaco 7 Rete in tessuto o in fibra di vetro 8 Fissaggio meccanico 9 Malta a copertura della rete 10 Strato di finitura Figura 1 Isolamento a cappotto VANTAGGI I vantaggi principali dell isolamento a cappotto sono: l ottenimento si un isolamento continuo e uniforme, consente l eliminazione totale dei ponti termici ovvero quei punti che favoriscono la dispersione del calore. Si possono così conseguire un maggiore risparmio energetico (legato anche alla maggiore capacità dell edificio di trattenere il calore), un maggiore comfort termico e l eliminazione di muffe sulle superfici interne delle abitazioni, originate dalla condensa in corrispondenza dei ponti termici; la protezione delle pareti esterne dagli agenti atmosferici; la stabilizzazione delle condizioni termo-igrometriche della struttura degli edifici; il miglioramento del volano termico delle pareti perimetrali, il rallentamento del processo di degrado degli edifici offrendo una protezione totale; la risoluzione del problema delle crepe e delle infiltrazioni di acqua meteorica; la realizzazione, in un unica fase, dell isolamento e della finitura con evidenti risparmi senza l allontanamento degli inquilini durante l esecuzione dei lavori Isolamento delle pareti dall interno DESCRIZIONE L isolamento delle pareti perimetrali dall interno consiste nell applicazione di uno strato isolante, di elevate caratteristiche termo-acustiche e meccaniche, sulla superficie rivolta all ambiente riscaldato. E un sistema molto usato negli interventi di ristrutturazioni, soprattutto quando non è possibile intervenire dall esterno. Questa applicazione risulta particolarmente indicata per l isolamento di murature portanti in mattoni o calcestruzzo facciavista o nel rinnovo di edifici esistenti, in particolar modo, quando per la saltuaria utilizzazione degli ambienti (scuole, edifici adibiti a terziario) è da privilegiare un più rapido riscaldamento. Infatti il posizionamento dell isolante sulla superficie interna della muratura riduce sensibilmente gli effetti dovuti all inerzia termica della parete perimetrale. L isolamento delle pareti dall interno è un intervento non eccessivamente costoso, consente un isolamento selettivo, effettuato, ad esempio, solo negli ambienti più freddi o più abitati durante il giorno e/o nelle camere da letto, provoca una leggera diminuzione dello spazio abitabile e non risolve, in generale, eventuali problemi dovuti alla presenza di ponti termici. 5

6 Tale intervento richiede tuttavia un'attenta valutazione degli aspetti termoigrometrici e meccanici, per non incorrere in gravi problemi tipo condense, muffe, ecc. Il comportamento igrometrico del sistema è infatti molto delicato, in quanto il vapore d'acqua, migrando attraverso la parete, incontra strati a bassa temperatura e può condensare. Per questo motivo, se l'isolante termico non fornisce una buona resistenza alla diffusione del vapore ed alla presenza di acqua, è necessario l'uso di una barriera al vapore posizionata sul lato interno dell'isolante. Il sistema di isolamento deve infatti assicurare il controllo dei fenomeni di condensazione nella parete, un potere isolante elevato e costante nel tempo ed un ottima resistenza meccanica agli urti. ESEMPI DI ISOLAMENTO INTERNO Le principali tipologie di isolamento interno sono: la controparete accoppiata e la controparte su struttura metallica. Controparete preaccoppiata Le contropareti preaccoppiate sono costituite da lastre di cartongesso incollate su strato isolante composto da pannello rigido, posti all interno ridotta e con una assoluta facilità di messa in opera. 1 Finitura 2-3 Controparete coibentata 4 Legante 5 Parete esterna Figura 2 - Isolamento interno con controparte preaccoppiata delle superfici disperdenti. Questa soluzione è largamente usata nelle ristrutturazioni dei locali, e a fronte di una piccola riduzione di spazio abitativo si ha un notevole aumento di comfort termico e acustico, con una spesa Controparte su struttura metallica Isolamento della parete perimetrale verticale viene realizzato con lastre precostituite di gesso rivestito e fissato alla 1 Finitura 2 Paramento interno 3 Struttura di fissaggio 4 Strato isolante 5 Parete esterna muratura mediante struttura metallica con l interposizione, nell intercapedine, di pannelli isolanti con funzione termica ed acustica. Figura 3 - Isolamento interno con controparte su struttura metallica VANTAGGI I vantaggi del sistema di isolamento termico dall interno sono: la rapidità di messa in opera; la posa in opera indipendente dalle condizioni atmosferiche; 6

7 la possibilità di posare l isolamento quando l edificio è già abitato evitando l onore di altre opere edili; i costi di realizzazione contenuti Isolamento delle pareti nell intercapedine DESCRIZIONE Il sistema murario composto con isolamento termico in intercapedine è, in Italia a tutt oggi, la tipologia più diffusa di realizzazione delle chiusure esterne. Il sistema di isolamento termo-acustico in intercapedine, consta di due pareti dello stesso o di diverso materiale, di differenti dimensioni, separate da una camera d aria continua al cui interno si pone il materiale isolante. E un applicazione semplice, impiegata soprattutto nei casi di muri con mattoni faccia a vista, laterizi pieni o semipieni, muri intonacati; tuttavia non risolve il problema dei ponti termici e richiede l intervento di imprese esperte. ESEMPI DI ISOLAMENTO IN INTERCAPEDINE Tra i possibili esempi di isolamento in intercapedine sono di seguito riportate le figure stratigrafiche relative a: intercapedine con laterizio a facciavista ed intercapedine con pannelli a facciavista. 1 Rivestimento interno 2 Legante 3 Tavolato interno 4 Strato isolante 5 Legante 6 Tavolato esterno Figura 4 Isolamento con intercapedine di laterizio facciavista 1 Rivestimento interno 2 Tavolato interno 3 Legante 4 Intercapedine 5 Strato isolante 6 Legante 7 Tavolato esterno Figura 5 - Isolamento con intercapedine di pannelli facciavista VANTAGGI I principali vantaggi dell isolamento in intercapedine nelle pareti perimetrali sono: un minimo di volano termico che garantisce una più rapida messa a regime della temperatura ambientale quando il riscaldamento è intermittente o attenuato; 7

8 l impermeabilità all aria (quindi al passaggio dei rumori) e all acqua; il miglioramento del comfort ambientale invernale eliminando la possibilità di condensa superficiale poiché la presenza dell isolante fa aumentare la temperatura superficiale della parete interna Isolamento del tetto e dei solai Tra tutte le superfici esterne di un edificio spesso il tetto è l elemento più permeabile al calore. Isolarlo non è difficile e, nella maggior parte dei casi, relativamente poco costoso. La convenienza dell intervento aumenta quando si deve, comunque, intervenire sulla copertura perché degradata da muffe o soggetta ad infiltrazioni d acqua piovana. Se la copertura non è mai stata isolata è consigliabile, in ogni caso, intervenire immediatamente Isolamento di copertura piana Isolamento della copertura piana: è un intervento estremamente delicato perché necessita di un accurata impermeabilizzazione e, se il tetto è praticabile, di un adeguata pavimentazione; è conveniente rivolgersi a personale esperto. In molti casi è possibile e conveniente la controsoffittatura Isolamento del sottotetto Nel caso di isolamento del sottotetto non praticabile: conviene posare e distribuire l isolante sul pavimento del sottotetto. In caso contrario, in cui il sottotetto sia cioè praticabile, si deve porre l isolante parallelamente all eventuale pendenza del tetto (Figura 6). Si può realizzare, ad esempio, fissando materassini, pannelli o lastre d isolante alle assi o fra le travi del tetto, prestando attenzione alla presenza o alla posa della barriera al vapore e all eventuale creazione di Pannelli isolanti un intercapedine che consenta l aerazione. Figura 6 Isolamento di un sottotetto praticabile 4.3. Sostituzione di elementi vetrati Anche se sono stati effettuati interventi di coibentazione delle parti murarie dell edificio, nella stagione invernale il calore può continuare ad uscire dalle finestre attraverso vetri e cassonetto e l aria fredda può entrare attraverso le fessure. In estate, viceversa, il problema maggiore può essere dato dal calore dei raggi solari che, penetrato attraverso i vetri, viene assorbito da pavimenti, pareti o suppellettili e "intrappolato" all interno della casa dai vetri stessi che impediscono ai raggi infrarossi più caldi di uscire. È, allora, importante migliorare la tenuta all aria dei serramenti e ridurre le dispersioni o i rientri di calore attraverso l impiego di serramenti con vetrocamera, caratterizzati da migliori valori di resistenza termica rispetto ai valori dei serramenti con vetri semplici. 8

9 5. Requisiti minimi per gli interventi di coibentazione e sostituzione di vetri semplici Gli interventi di isolamento e di sostituzione di vetri semplici considerati ammissibili ai fini del bando devono rispettare requisiti tecnici minimi individuati in riferimento alle schede tecniche n.5 e n.6 dei decreti ministeriali del 20 luglio 2004 e del decreto del Ministro dell industria, del commercio e dell artigianato del 2 aprile 2001 recante le Modalità di certificazione delle caratteristiche e delle prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti ad essi connessi Isolamento delle pareti e delle coperture Gli interventi di isolamento delle pareti e delle coperture devono essere effettuati con coibente di qualità e spessore aventi resistenza termica minima: superiore a 1,3 m 2 K/W dove la resistenza termica R indica il rapporto tra lo spessore e la conducibilità del materiale isolante. In formule: 2 s m K R = λ W Energia risparmiata La Tabella 4 consente di effettuare il calcolo dell energia annua risparmiata in relazione alle differenti destinazione d uso degli edifici ed alle caratteristiche termiche dell involucro prima degli interventi di isolamento, realizzati in conformità al requisito di resistenza riportati nel paragrafo 5.1. Tabella 4 Parametri di calcolo dell energia risparmiata con l isolamento di pareti e coperture INTERVENTO: isolamento delle pareti, tetti e solai UNITA FISICA Unità di superficie isolata (m 2 ) [S] DI RIFERIMENTO RISPARIO RTL = RSL X S SPECIFICO DI Dove: ENERGIA RSL è il risparmio specifico per unità di superficie coibentata PRIMARIA S è la superficie coibentata. CONSEGUIBILE RISPARMIO SPECIFICO PER UNITA DI SUPERFICIE DI COIBENTATA RSL (tep 10-3 /anno/m 2 ) Destinazione d uso dell edificio: E.1(1) Trasmittanza della superficie prima dell intervento (W/m 2 K) 0,7 0,9 0,9 1,1 1,1 1,3 1,3 1,6 1,6 1,8 1,8 3,5 4,8 6,2 7,6 9,8 12,0 Destinazione d uso dell edificio: E.1(3), E.2(PUBBLICO), E.4(2), E.7 Trasmittanza della superficie prima dell intervento (W/m 2 K) 0,7 0,9 0,9 1,1 1,1 1,3 1,3 1,6 1,6 1,8 1,8 2,8 3,9 4,9 6,1 7,8 9,6 Destinazione d uso dell edificio: E.3 Trasmittanza della superficie prima dell intervento (W/m 2 K) 0,7 0,9 0,9 1,1 1,1 1,3 1,3 1,6 1,6 1,8 1,8 3,8 5,3 6,7 8,3 10,6 13,1 ESEMPIO 9

10 A titolo di esempio si supponga, per un edificio pubblico adibito ad ufficio (destinazione d uso E.2(PUBBLICO)), ubicato in zona climatica F, di voler: coibentare una superficie perimetrale verticale di 120 m 2, in pietrame intonacata di spessore 0,40 m (INTERVENTO 1); coibentare un solaio sotto ambiente interno di 96 m 2, caratterizzato da una soletta in laterocemento dello spessore di 0,30 m (INTERVENTO 2); I valori di trasmittanza desunti dalla Tabella 1 e dalla Tabella 2 sono ripettivamente per le pareti verticali (INTERVENTO 1) 2,7 W/m 2 K e per la soletta (INTERVENTO 2) 1,19 W/m 2 K. Il valore di energia unitaria risparmiata corrisponde alla destinazione d uso E.1(1) ed: alla categoria di trasmittanza 1,8 W/m 2 K in corrispondenza della quale si legge il valore di 9,6x10 3 tep/m 2 per l INTERVENTO 1; alla categoria di trasmittanza compresa tra 1,1 ed 1,3 W/m 2 K in corrispondenza della quale si legge il valore di 4,9x10 3 tep/m 2 per l INTERVENTO 2. Il risparmio energetico annuo conseguito risulta: INTERVENTO 1: energia risparmiata: 120x9,6x10-3 =1,152 tep; INTERVENTO 2: energia risparmiata: 96x4,9x10-3 =0,461 tep; INTERVENTO 1+2: energia risparmiata: 1,613 tep. Si ipotizzi ancora che il volume lordo riscaldato dell edificio sia 288 m 3. Il coefficiente di dispersione in base al quale verranno ordinate le domande, calcolato per i diversi interventi risulta pari a: INTERVENTO 1: coefficiente di dispersione: 1,152/288=0,004 tep/m 3 ; INTERVENTO 2: coefficiente di dispersione: 0,461/288=0,002 tep/m 3 ; INTERVENTO 1+2: coefficiente di dispersione: 1.613/288=0,006 tep/m Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri Gli interventi di sostituzione di vetri semplici ammissibili ai fini del bando devono essere effettuati con vetri con valori di: trasmittanza non superiore a 3 W/m 2 K Energia risparmiata In Tabella 5 sono riportati i parametri utili per determinare l energia annua risparmiata con interventi di sostituzione di vetri semplici, nel rispetto dei requisiti di trasmittanza riportati nel paragrafo 9.2 in funzione delle differenti destinazioni d uso dell edificio. Tabella 5 Parametri di calcolo dell energia risparmiata con la sostituzione di vetri semplici INTERVENTO: sostituzione di vetri semplici con vetro camera basso emissivo UNITA FISICA DI Unità di superficie del vetro sostituito (m 2 ) [S] RIFERIMENTO RISPARIO SPECIFICO RTL = RSL X S DI Dove: ENERGIA PRIMARIA RSL è il risparmio specifico per unità di superficie per vetro sostituito S è la superficie di vetro sostituita CONSEGUIBILE RISPARMIO RSL = (tep 10-3 /anno/m 2 ) SPECIFICO PER Destinazione d uso dell edificio 10

11 UNITA SUPERFICIE VETRO SOSTITUITO DI DI E.1(1) E.1(3), E.2(PUBBLICO), E.4(2), E.7 E ESEMPIO A titolo di esempio si supponga di voler sostituire 15 m 2 complessivi di vetri semplici (INTERVENTO 3). Il valore di energia unitaria risparmiata, letto in Tabella 5, corrisponde a 23x10-3 tep/m 2. Il risparmio energetico annuo conseguito risulta pari a: 15x23x10-3 =0,345 tep. 6. Calcolo del contributo Il contributo concesso è calcolato utilizzando i parametri riportati in Tabella 6 ed in Tabella 7, in funzione: della superficie che deve essere coibentata in relazione alla destinazione d uso dell edificio ed alla trasmittanza dell elemento disperdente prima dell intervento; della superficie di vetri semplici sostituita in relazione alla destinazione d uso dell edificio. Il contributo provinciale non potrà in ogni caso essere superiore: a 1.000,00 per unità abitativa; al valore minore tra ,00 e l 80% del costo dei materiali ammissibili preventivati (IVA esclusa) di cui all Art. 6 (Costi ammissibili). Tabella 6 Parametri per il calcolo del contributo su interventi di coibentazione Trasmittanza dell elemento disperdente opaco prima dell intervento Contributo K /m 2 Destinazione d uso: E.1(1) <0,9 5 <1,1 6 <1,3 7 <1,6 8 <1,8 9 >1,8 10 Destinazione d uso: E.1(3), E.2(PUBBLICO), E.4(2), E.7 <0,9 4 <1,1 5 <1,3 6 <1,6 7 <1,8 8 >1,8 9 Destinazione d uso: E.3 <0,9 6 <1,1 7 11

12 Trasmittanza dell elemento disperdente opaco prima dell intervento Contributo K /m 2 <1,3 8 <1,6 9 <1,8 11 >1,8 12 Tabella 7 Parametri per il calcolo del contributo su interventi di sostituzione doppi vetri (ZONA F) Destinazione d uso dell edificio Contributo ZONA F /m 2 E.1(1) 35 E.1(3), E.2(PUBBLICO), E.4(2), E.7 29 E.3 41 ESEMPIO A titolo di esempio si faccia riferimento agli interventi 1,2 e 3 descritti nei paragrafi precedenti. I parametri per il calcolo del contributo desunti dalla Tabella 6 e dalla Tabella 7, in relazione alla destinazione d uso E.1(1), sono ripettivamente: per le pareti verticali (INTERVENTO 1): 9 /m 2 ; per la soletta (INTERVENTO 2): 6 /m 2 ; per la sostituzione dei vetri semplici (INTERVENTO 3): 29 / m 2. Si ipotizzi ancora che i costi ammissibili siano: INTERVENTO 1: ; INTERVENTO 2: ; INTERVENTO 3: 576. Il contributo calcolato risulta: INTERVENTO 1: 120x9=1.080 ; INTERVENTO 2: 96x7=576 ; INTERVENTO 3: 15*29=435. Nel caso si scelga di effettuare: il solo INTERVENTO 1 il contributo erogato sarà di 1.000; il solo INTERVENTO 2 il contributo erogato sarà di 576; il solo INTERVENTO 3 il contributo erogato sarà di 435; l INTERVENTO 1 e l INTERVENTO 2 il contributo erogato sarà di 1.000; l INTERVENTO 1 e l INTERVENTO 3 il contributo erogato sarà di 1.000; l INTERVENTO 2 e l INTERVENTO 3 il contributo erogato sarà di 1.000; l INTERVENTO 1 l INTERVENTO 2 e l INTERVENTO 3 il contributo erogato sarà di Fonti informative Comitato TERMOTECNICO Italiano- PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI- Novembre Schede tecniche 5 e 6 dei decreti ministeriali del 20 luglio

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO AZIONI DI RISPARMIO TERMICO La maggior parte degli edifici esistenti sono caratterizzati da elevati consumi termici, sia a causa delle dispersioni di calore per trasmissione attraverso le pareti, i tetti,

Dettagli

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento Isolamenti, termo cappotto e case di legno L isolamento dell involucro Isolare in maniera ottimale un edificio consente un risparmio dei consumi di energia dal 40 fino ed oltre il 70%. Investire nel miglioramento

Dettagli

RIVESTIMENTO A CAPPOTTO E ALTRI INTERVENTI DI ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI

RIVESTIMENTO A CAPPOTTO E ALTRI INTERVENTI DI ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI RIVESTIMENTO A CAPPOTTO E ALTRI INTERVENTI DI ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI Il principale fattore che influenza le prestazioni termiche degli edifici, per ben il 30%, è costituito dall isolamento dell

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

LE COPERTURE VENTILATE

LE COPERTURE VENTILATE ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi LE COPERTURE VENTILATE PREMESSA La copertura si configura come un sistema edilizio complesso, finalizzato a fornire determinate

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

Risparmio energetico. Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE

Risparmio energetico. Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE Risparmio energetico CoMfort Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE c o n g l i i s o l a n t i t e r m o r i f l e t t e n t i o v e r- a l l Quando la tecnologia avanza tutto si assottiglia...

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA

IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA Vaiano - 06 maggio 2011 L IMPORTANZA DEI PARTICOLARI NEL PROGETTO E NELL ESECUZIONE Ing. Vittorio BARDAZZI Consigliere dell Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

Progettare le tecnologie per la riqualificazione dell'involucro opaco

Progettare le tecnologie per la riqualificazione dell'involucro opaco Progettare le tecnologie per la riqualificazione dell'involucro opaco Ing. Anna Luzzi - Project Sales Specialist ROCKWOOL Italia S.p.A. 1 Scenario attuale Efficienza + sufficienza Sostituzione www.2000watt.ch

Dettagli

Isolamento termico a Cappotto. Che cos è A cosa serve Costi Certificazioni Caratteristiche

Isolamento termico a Cappotto. Che cos è A cosa serve Costi Certificazioni Caratteristiche Isolamento termico a Cappotto Che cos è A cosa serve Costi Certificazioni Caratteristiche 1 Che cos è il Cappotto È un sistema composto da materiali diversi, che da oltre 30 anni, viene utilizzato in Europa

Dettagli

Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione

Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione Il presente depliant è stato stampato su carta riciclata. SISTEMI E MATERIALI INNOVATIVI PER L ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI SISTEMI E MATERIALI

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE 30 Maggio 2007 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE Incentivi e detrazioni fiscali nella Legge Finanziaria 2007 Legge 27/12/2006 n 296 Decreto 19/02/2007 S.T.A BIO-ARCHITETTURA-UNO

Dettagli

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Negli edifici di vecchia concezione un elemento particolarmente sentito è l isolamento termico. Una soluzione minimamente invasiva è il così detto "cappotto di un edificio",

Dettagli

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE CALCOLO APPROSSIMATIVO DEL FABBISOGNO TERMICO IN FUNZIONE DELLA TIPOLOGIA EDILIZIA DELLA ZONA CLIMATICA DELLE

Dettagli

Trasmittanza termica (U)

Trasmittanza termica (U) Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it L isolamento degli edifici: un esempio dell applicazione degli

Dettagli

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 Che cosa vuol dire IPERISOLAMENTO DISPERSIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO minime unbeheizt unbeheizt WSVO

Dettagli

2.3 Due cardini del progetto integrato: la forma dell edificio e la qualità dell involucro.

2.3 Due cardini del progetto integrato: la forma dell edificio e la qualità dell involucro. 2.3 Due cardini del progetto integrato: la forma dell edificio e la qualità dell involucro. 2.3.1 La forma. Il rapporto S/V. Lo scambio energetico tra l ambiente esterno e quello interno avviene attraverso

Dettagli

INTERVIENI sull edificio e sull impianto e SOSTITUISCI gli elettrodomestici approfittando delle detrazioni fiscali

INTERVIENI sull edificio e sull impianto e SOSTITUISCI gli elettrodomestici approfittando delle detrazioni fiscali INTERVIENI sull edificio e sull impianto e SOSTITUISCI gli elettrodomestici approfittando delle detrazioni fiscali Se devi effettuare degli interventi di ristrutturazione dell edificio e se la caldaia

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

una sfida da vincere anche con il legno

una sfida da vincere anche con il legno Nella direzione del cambiamento costruiamo case in legno AMBIENTE una sfida da vincere anche con il legno Problemi epocali come l inquinamento atmosferico ed il riscaldamento globale ci toccano in quanto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A DIVERSA PRESTAZIONE ENERGETICA Dicembre 2007 1/4 PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COME RIQUALIFICARE LE CHIUSURE VERTICALI

COME RIQUALIFICARE LE CHIUSURE VERTICALI Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Architettura Progettazione Architettonica Laboratorio di Progettazione dei Sistemi Ambientali B -

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge

D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge Il calcestruzzo cellulare YTONG: la risposta al D.Lgs. 311/2006 D.Lgs. 311/2006: un obbligo di legge Il D.Lgs. 192/05 aggiornato dal D.Lgs. 311/06 recepisce la Direttiva comunitaria 2002/91/CE sul rendimento

Dettagli

La termografia per individuare il thermal bypass

La termografia per individuare il thermal bypass La termografia per individuare il thermal bypass Il fenomeno del thermal bypass può portare ad un grave decadimento delle prestazioni dell involucro e spesso non è individuabile con il blower door test

Dettagli

Pareti in legno ARIA ad alto risparmio energetico

Pareti in legno ARIA ad alto risparmio energetico Smart Domus Plus via Roma, 1 Iseo (BS) Telefono +39 030 9869211 - Fax +39 030 9869222 www.smartdomusplus.it - info@smartdomusplus.it Pareti in legno ARIA ad alto risparmio energetico L'innovativo sistema

Dettagli

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013 Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/6/213 Figura 1. Prospetto est (sinistra) e vista sud-ovest (destra). Figura 2. Pianta piano terra (sinistra) e piano primo (destra): indicate con tratteggio

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO LE NOSTRE CASE E L AMBIENTE CHE CI CIRCONDA DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RAFFRESCAMENTO E LA

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA Le differenti tecniche di isolamento termico delle strutture verticali si possono classificare

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA I.T.I.S A. PACINOTTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Per un mondo migliore! Bianco Francesco Musarò Matteo Cantore Gianluca Portulano Giuseppe Attestato di Certificazione Energetica (Gruppo2) Il presente Attestato

Dettagli

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI Labmeeting N TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Alessandra Gugliandolo alessandra.gugliandolo@enea.it Labmeeting N: RISPARMIO

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%.

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%. 1. Diagnosi energetica La prima cosa da fare è ovviamente la diagnosi energetica dell edificio, sia sotto il profilo energetico che del comfort ambientale. La diagnosi dell edificio è necessaria per valutare

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Tecniche

Dettagli

Termofisica dell involucro edilizio

Termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 Termofisica dell involucro edilizio Problematiche termoigrometriche dell elemento di involucro edilizio opaco prof. ing. Anna Magrini, Università

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento Corso ENERGY MANAGER Paradigmi progettuali, le tecnologie rilevanti ed esempi di intervento Reggio Calabria 09 giugno 2009 Ripartizione del fabbisogno energetico In Europa i consumi complessivi di energia

Dettagli

Definizioni di isolamento termico

Definizioni di isolamento termico Definizioni di isolamento termico Per ottenere un buon isolamento termico dell abitazione si ricorre a materiali ed a tecniche specifiche che incrementano la coibenza, rendono minime le infiltrazioni d

Dettagli

VOLUME 1 PARTE GENERALE

VOLUME 1 PARTE GENERALE VOLUME 1 PARTE GENERALE CAPITOLO 12 ALLEGATO F ALLEGATO F - Foglio raccolta dati per la certificazione energetica di un appartamento relativo a DOCET 2 GENERALI Dati generali Codice certificato*: Validità*:

Dettagli

peter erlacher naturno RISANAMENTO ENERGETICO convegno klimahouse 2014 www.agenziacasaclima.it

peter erlacher naturno RISANAMENTO ENERGETICO convegno klimahouse 2014 www.agenziacasaclima.it RISANAMENTO ENERGETICO convegno klimahouse 2014 www.agenziacasaclima.it relatore peter erlacher, naturno (bz) fisica tecnica & edilizia sostenibile www.erlacher-peter.it bolzano, 25 gennaio 2014 Consumo

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

22/04/2013. La tenuta all aria non significa impermeabilità al vapore!!!

22/04/2013. La tenuta all aria non significa impermeabilità al vapore!!! La tenuta all aria di un edificio si ottiene mediante la messa in pratica di accorgimenti per evitare infiltrazioni d aria e fuoriuscite di calore. Le conseguenze della mancanza di tenuta all'aria sono:

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto

Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto Le soluzioni tecnologiche: isolamento termico dall esterno con il sistema cappotto Isolamento termico esterno: CAPPOTTO Il Sistema Cappotto ➀ muro esterno ➁ struttura ➂ incollaggio ➃ isolante termico ➄➅

Dettagli

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica)

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Per i partecipanti in omaggio 1 SACERT SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER CERTIFICATORI COSA È SACERT R SACERT (Sistema per l'accreditamento

Dettagli

L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano.

L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano. Laterlite 38 tecnologia L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano. Soluzioni per vespai isolati contro terra Le novità contenute nel Decreto requisiti minimi

Dettagli

A scuola di cappotto. relatori. arch. igor panciera ing. davide fraccaro arch. marina tenace

A scuola di cappotto. relatori. arch. igor panciera ing. davide fraccaro arch. marina tenace A scuola di cappotto relatori arch. igor panciera ing. davide fraccaro arch. marina tenace isolare è diverso da impermeabilizzare consumi automobile vs consumi abitazione cosa significa impermeabilizzare?

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO DELLE PARETI

ISOLAMENTO TERMICO DELLE PARETI ISOLAMENTO TERMICO DELLE PARETI 5 6 L isolamento termico delle pareti perimetrali degli edifici, rappresenta uno degli interventi più importanti da prevedere in sede di progettazione, allo scopo di: ridurre

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva

Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Casa Clima oro / Casa passiva / Casa attiva Dispersione di calore attraverso l involucro Tetto 20% - 35% Finestre 20% + 20 C -5 C Parete 25% - 40% 1. Solaio

Dettagli

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA ISOLAMENTO A CAPPOTTO Scheda: L&C-TS 02 Lime&Cork TECHNIC SCHOOL è un iniziativa aziendale di informazione tecnica rivolta alla diffusione di una cultura dell edilizia di qualità. L isolamento a cappotto

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

RISTRUTTURARE CON GLI ISOLANTI TERMO-RIFLETTENTI OVER-ALL. Risparmio energetico Confort Detrazione fiscale Basso spessore

RISTRUTTURARE CON GLI ISOLANTI TERMO-RIFLETTENTI OVER-ALL. Risparmio energetico Confort Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE CON GLI ISOLANTI TERMO-RIFLETTENTI OVER-ALL Risparmio energetico Confort Detrazione fiscale Basso spessore Contropareti in cartongesso isolate con materiali termo-riflettenti Over-all isolamento

Dettagli

Cork Panels. Istruzioni di posa cappotto termico su muratura

Cork Panels. Istruzioni di posa cappotto termico su muratura Cork Panels Isolamento a cappotto in sughero biondo densità 150 160 Kg/m 3 Istruzioni di posa cappotto termico su muratura DESCRIZIONE INTRODUZIONE AL SISTEMA A CAPPOTTO TERMICO in SUGHERO BIONDO CorkPanels

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

Cappotto interno con isolante termoriflettente Over-foil

Cappotto interno con isolante termoriflettente Over-foil Soluzione 1 - detrazione fiscale 65% in soli 7 cm Spessore totale controparete finita: 7 cm Isolante termoriflettente: Over-foil Multistrato 19 Parete esterna esistente Listelli in legno (o struttura metallica

Dettagli

Principali parti di un fabbricato

Principali parti di un fabbricato Principali parti di un fabbricato Un fabbricato industriale risulta essenzialmente costituito dalle seguenti parti: Fondazioni (del fabbricato e dei macchinari) Struttura portante; Copertura e pareti (complete

Dettagli

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR Collaudo di una casa prefabbricata a basso consumo energetico. L immagine termica dimostra l ottimo isolamento delle pareti e dell intero involucro (temp. amb. interna 21 C temp. sup. esterna 0,6 C). Viene

Dettagli

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o Roma 18 giugno 2013 Decreto Conto Termico. Regole applicative e

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

Edifici passivi e a basso consumo: progettazione, certificazione, monitoraggio

Edifici passivi e a basso consumo: progettazione, certificazione, monitoraggio A r c h. C h i a r a B i a n c o c h i a r a. b i a n c o @ e n v i p a r k. c o m Edifici passivi e a basso consumo: progettazione, certificazione, monitoraggio Soluzioni progettuali per edifici a basso

Dettagli

SPECIALE ponte termico

SPECIALE ponte termico Speciale-Ponte Termico - Edizione 1 - Revisione 0 del 23 aprile 2015 SPECIALE ponte termico Calcolo ponte termico: metodi ed esempi di analisi agli elementi finiti - finestra - solaio - balcone NOTA AGGIORNAMENTI

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Classe Energetica A ISONZO. residenza. Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail.

Classe Energetica A ISONZO. residenza. Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail. Classe Energetica A residenza ISONZO Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail.com PREMESSA In un edificio edificato intorno agli anni 70/80 con un ottima

Dettagli

L innovazione nella riqualificazione termo- acus5ca dell involucro: soluzioni, confron5, payback dell inves5mento. Claudio Leo

L innovazione nella riqualificazione termo- acus5ca dell involucro: soluzioni, confron5, payback dell inves5mento. Claudio Leo L innovazione nella riqualificazione termo- acus5ca dell involucro: soluzioni, confron5, payback dell inves5mento Claudio Leo Il problema di partenza milioni di edifici esistenti poco performanti TERMICAMENTE

Dettagli

CAPATECT : Sistemi di isolamento termico a Cappotto efficaci e garantiti

CAPATECT : Sistemi di isolamento termico a Cappotto efficaci e garantiti CAPATECT : Sistemi di isolamento termico a Cappotto efficaci e garantiti Un intervento di isolamento termico efficace garantisce un adeguata resistenza al passaggio del calore, contenendo le dispersioni

Dettagli

Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte

Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte Comune: Bizzarone Edificio: Centro polifunzionale (Palestra, spogliatoi, bar) Il complesso è costituito da tre unità con destinazioni d uso e tipologie costruttive distinte Dati anagrafici generali edifici

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 IMPEGNI PER RIDUZIONE EMISSIONI CO2 1993: SOTTOSCRIZIONE PROTOCOLLO DI KYOTO IMPEGNI ENTRO 2012 EUROPA - 5%! ITALIA - 6,5%! Dati ITALIA 1990-2003

Dettagli

MIGLIORIAMO IL CONFORT ABITATIVO E IL RISPARMIO

MIGLIORIAMO IL CONFORT ABITATIVO E IL RISPARMIO MIGLIORIAMO IL CONFORT ABITATIVO E IL RISPARMIO Chi siamo La Building Solution s.r.l. è nata dalla quindicinale esperienza tecnica dei soci fondatori nel settore delle costruzioni edili. La professionalità

Dettagli

ESEMPIO APPLICATIVO n 1

ESEMPIO APPLICATIVO n 1 ESEMPIO APPLICATIVO n 1 1 TIPOLOGIA COSTRUTTIVA: MURATURA IN BLOCCHI DI TUFO (36cm) SOTTOFINESTRA RIDOTTI (20 cm) FINESTRE DOPPIE CON VETRI SEMPLICI TETTO IN LATEROCEMENTO (20cm) CORDOLI PERIMETRALI IN

Dettagli

Prestazioni termiche

Prestazioni termiche I seminari del laterizio ANDIL - Associazione Nazionale degli Industriali del Laterizio Prestazioni termiche dell involucro edilizio Facoltà di Ingegneria Università di Pisa prof.ssa Maria Luisa Beconcini

Dettagli

Conducibilità Termica [W/mK]

Conducibilità Termica [W/mK] ANALISI DEL RISPARMIO ENERGETICO E DEI BENEFICI DERIVANTI DALL UTILIZZO DI FACCIATE VENTILATE Questo lavoro nasce dall intento di dare una risposta il più attendibile possibile e attinente alle condizioni

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA

RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA RISPARMIO ENERGETICO E CASACLIMA L accumulo di gas serra negli strati medi dell atmosfera, favorendo l intrappolamento delle energia riflessa dalle radiazioni solari, determinano l aumento della temperatura

Dettagli

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 QUADERNO II Chiusure in muratura e calcestruzzo MURI ESTERNI IN ELEVAZIONE Scheda N : TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 Esistono diversi tipi di muri,che si differenziano gli uni dagli altri per la loro resistenza

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

L isolamento termico degli edifici

L isolamento termico degli edifici Oliviero Tronconi Politecnico di Milano Dipartimento BEST L isolamento termico degli edifici 2262 Una delle principali prestazioni tecnologiche di un edificio è l isolamento termico. La realizzazione di

Dettagli