Piano dell Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell Offerta Formativa"

Transcript

1 via Terre Bianche Imperia tel fax piazza Borelli Pieve di Teco (IM) tel fax Piano dell Offerta Formativa documento che definisce le linee programmatiche generali del servizio offerto dall Istituto e sul quale si fonda l impegno educativo e didattico di tutte le componenti della comunità scolastica 1

2 Sommario 1. La SCUOLA e il suo POF RISORSE e ORGANIZZAZIONE... 4 ORGANIGRAMMA 2014/ SEGRETERIA DIDATTICA DIRIGENTE SCOLASTICO: ricevimento SPORTELLO RECLAMI IL RUFFINI. un po di storia La BIBLIOTECA La SICUREZZA e la tutela della PRIVACY Le risposte ai bisogni formativi dell UTENZA QUADRI ORARI SETTORE ECONOMICO Indirizzo Amministrazione finanza e marketing AFM ESABAC Articolazione Sistemi informativi aziendali: SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria Diploma di MATURITA SERALE - SIRIO: Ragioniere e Perito commerciale OBIETTIVI formativi generali STRATEGIE didattiche RECUPERO DEBITI Valorizzazione delle ECCELLENZE ATTIVITA INTEGRATIVE ORIENTAMENTO Aperture al territorio: gli STAGES SPORTELLO LAVORO CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE PROGETTI DIMENSIONE EUROPEA dell istruzione RETI Controlli delle PROCEDURE AUTOVALUTAZIONE di Istituto e ACCOUNTABILITY PIANO DELLE ATTIVITA 2014/

3 1. La SCUOLA e il suo POF Il POF per l anno 2014/2015 tiene conto: degli standard nazionali di riferimento indicati dal Ministero dell istruzione degli obiettivi contenuti nelle indicazioni regionali (Qualità, Buone prassi, Accreditamento) delle caratteristiche del contesto socio-economico in cui la scuola opera, e dei bisogni formativi rilevati degli esiti delle azioni di monitoraggio, controllo e autovalutazione degli obiettivi di qualità esplicitamente dichiarati nel Sistema Qualità della Scuola delle innovazioni contenute nel riordino dell istruzione tecnica e professionale. I corsi degli Istituti Tecnici, di durata quinquennale, si articolano in un'area di istruzione generale, comune a tutti i percorsi, e in aree di indirizzo. A seguito della recente riforma, gli Istituti Tecnici intendono offrire una solida base culturale generale e un approfondita preparazione a carattere scientifico e tecnologico, in linea con le indicazioni dell U.E. Al termine del percorso quinquennale gli studenti possono inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, oppure accedere all università, o al sistema dell istruzione e formazione tecnica superiore, nonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l accesso agli albi delle professioni tecniche. L organizzazione degli istituti tecnici a indirizzo tecnologico comprende strutture dipartimentali e un ufficio tecnico, atti a favorire una migliore funzionalità e fruibilità dei laboratori, nella sicurezza delle persone e dell ambiente. Gli Istituti tecnici adottano metodologie didattiche innovative, quali l uso quotidiano del laboratorio, l analisi e lo studio di problemi concreti, il lavoro per moduli e per progetti. Gli Istituti tecnici favoriscono un collegamento organico con il mondo del lavoro e delle professioni. Stage, tirocini e alternanza scuola lavoro sono strumenti didattici caratterizzanti e peculiari dei percorsi di studio. L orario scolastico prevede 32 ore settimanali (33 per le classi prime geometri e le classi di progetto Esabac), articolate in 5 giorni con un rientro pomeridiano, il martedì, per soddisfare la richiesta di genitori e alunni di mantenere il sabato libero. L unità oraria è di 50 minuti. Il recupero del monte ore conseguente alla riduzione oraria avverrà per i docenti attraverso progetti di recupero e approfondimento, attività laboratoriali aggiuntive extra-scolastiche, sostituzioni di colleghi assenti sulle classi di appartenenza. I percorsi degli istituti tecnici si concludono con un esame di Stato, secondo le vigenti disposizioni sugli esami conclusivi dell istruzione secondaria superiore. 3

4 I percorsi di studio prevedono: un primo biennio di carattere orientativo; un secondo biennio nel quale le discipline tecnologiche assumono connotazioni specifiche in una dimensione politecnica; un quinto anno dedicato all acquisizione di una adeguata competenza professionale di settore, idonea anche per la prosecuzione degli studi. Esistono due tipologie di Istituti tecnici: economico e tecnologico. L I.I.S. Ruffini offre entrambe le tipologie ed attua i seguenti indirizzi: - Settore economico Indirizzo amministrazione, finanza e marketing con articolazione nel 1 biennio in: - sezione Multimediale - sezione Commercio internazionale e articolazione nel 2 biennio in: - sezione Esabac (doppio diploma italiano e francese) - sezione Sistemi informativi aziendali (ex programmatori) - sezione Relazioni internazionali per il marketing (terza lingua) - Settore tecnologico Indirizzo costruzioni, ambiente e territorio con articolazione nel 1 biennio in: - sezione Progettazione edilizia - sezione Design e arredamento - Settore tecnologico Indirizzo agraria, agroalimentare, agroindustria con specializzazione in Gestione dell ambiente e del territorio 2. RISORSE e ORGANIZZAZIONE Risorse umane (docenti e personale ATA) Risorse strumentali (beni patrimoniali della scuola) Risorse esterne di tipo economico e professionale, che si rendono disponibili nel quadro di iniziative di collaborazione con soggetti istituzionali, educativi (reti di scuole), formativi (enti di formazione), economici (aziende del territorio). Per il miglioramento e la valorizzazione delle risorse umane si prevedono: 1) corsi di aggiornamento e di formazione in servizio 2) frequenza di corsi esterni su problematiche di rilievo per la didattica e per l apprendimento 3) assegnazione di incarichi sulla base delle competenze acquisite e della dimostrata disponibilità 4) considerazione della iniziativa individuale nell elaborazione di progetti e proposte di attività. 4

5 ORGANIGRAMMA 2014/2015 Staff di Direzione Prof. Giovanni Poggio D.S. Patrizia Curti collaboratore vicario Daniela Tallone II collaboratore vicario Rag. Maria Rosa Politi D.S.G.A. Funzioni strumentali Paolo Berlanda Referente corso serale Roberta Rizzo Fiduciario sez. staccata di Pieve di Teco Collaboratori Mara Ferrero Natalia Ricco Anna Rosa Sabina Sposato Aggiornamento Natalia Ricco Progettualità e innovazione nel POF Annarella Corradi Alternanza scuola lavoro Ricco Orengo Amoretti Relazioni alunni-genitori e esterno Giovanni Peirone Mara Ferrero Autovalutazione Istituto A. Rosa S.Sposato 5

6 2.1. SEGRETERIA DIDATTICA La segreteria didattica della sede è aperta al pubblico nei seguenti orari: - dal LUNEDI al VENERDI ore e MARTEDI ore DIRIGENTE SCOLASTICO: ricevimento Il Dirigente scolastico, prof. Giovanni Poggio, e la Vice-preside, prof. Patrizia Curti, ricevono su appuntamento SPORTELLO RECLAMI Eventuali reclami potranno essere rivolti alla Vice-preside, prof. Patrizia Curti, previo appuntamento. 6

7 3. IL RUFFINI. un po di storia 1860 Nel nostro archivio sono conservati stati di servizio che risalgono al Originariamente la scuola, con annessa sezione Nautica, era denominata "Regio Istituto Tecnico" ed era situata in piazza Roma. In epoca fascista fu soppressa la sezione Nautica e rimase il solo Istituto Tecnico Commerciale. Successivamente fu aperta la sezione per Geometri. 1971/72 Attivata la sezione del corso ragionieri a Pieve di Teco, unica scuola superiore della provincia in territorio montano Inaugurata la nuova sede in via Terre Bianche Nasce l'indirizzo per Ragionieri Programmatori, che otterrà nel 2000 il riconoscimento ministeriale per l attivazione del Progetto Mercurio Attivato il corso serale per adulti, oggi progetto SIRIO Riconoscimento dal RINA della certificazione di Qualità ISO 9001:2000 per il sistema di gestione, e conseguente accreditamento come Ente formativo da parte della Regione Liguria. Questo riconoscimento permette: accesso a fondi europei e altre fonti di finanziamento realizzazione di progetti e percorsi formativi differenziati ampliamento dell offerta formativa miglioramento delle competenze progettuali Anche negli anni successivi l attenzione rivolta al futuro e la costante ricerca di sperimentazione hanno permesso iniziative innovative ed autonome, finalizzate al continuo miglioramento del servizio agli studenti Attivato nuovo corso della durata di 5 anni, la sezione Agroalimentare Geometri (oggi evoluta nell indirizzo Agraria, agroalimentare, agroindustria del settore tecnologico), realizzato per favorire lo studio delle coltivazioni, dell industria e dell economia dell azienda agraria tipica del territorio. 2006/9 Attuato il percorso integrato di istruzione e formazione professionale per operatore dei servizi di impresa (progetto cofinanziato dall Unione Europea). 2008/11 Attuato il percorso integrato di istruzione e formazione professionale per operatore segretariale amministrativo marittimo portuale (progetto cofinanziato dall Unione Europea). 2010/11 I ragazzi iscritti al corso IGEA hanno conseguito, per la prima volta, un diploma riconosciuto anche nel territorio transfrontaliero (Progetto ESABAC). 2013/14 Attivata nella sede di Pieve di Teco la curvatura del corso AFM Operatore dell Organizzazione Turistica Locale Inaugurata la nuova sede di Pieve di Teco in piazza Borelli. 7

8 4. La BIBLIOTECA La Biblioteca dell Istituto, intitolata al prof. Carlo Oddone, al primo piano dell edificio scolastico, è un importante risorsa della scuola, ed è dotata di un accogliente sala di studio, accessibile sia agli allievi, sia ai docenti. Nei locali è presente una postazione di lavoro, in rete LAN, con possibilità di consultare il materiale multimediale disponibile e con accesso ad Internet per la ricerca didatticodisciplinare. La biblioteca presenta una buona dotazione di opere di consultazione (enciclopedie di carattere generale e grandi opere tematiche), di dizionari e, naturalmente, di testi relativi alle varie discipline, con particolare riferimento a quelle giuridico-economiche, che costituiscono il settore specifico di studio per la sezione commerciale. L aggiornamento è curato anche attraverso l abbonamento a riviste specializzate. Va segnalata la presenza di un certo numero di testi di interesse bibliografico, presenza dovuta al fatto che l attuale biblioteca ha ereditato la dotazione del Regio Istituto esistente fin dal Tutti i volumi presenti sono catalogati su schede cartacee, ordinate sia per autore, sia per titolo dell opera, consultabili. E quasi completata la catalogazione informatica di tutti i testi, tramite il software Winiride, messo a disposizione dall Indire. Attraverso Winiride on-line, accessibile via internet dal sito dell Indire, è possibile consultare tali schede digitali all indirizzo con aggiornamenti in tempo reale. Il progetto complessivo prevede la trasformazione in biblioteca digitale, atta non solo a custodire e a conservare volumi e materiali di documentazione e di aggiornamento, ma anche a prestarsi quale strumento quotidiano dell attività didattica, pensato ed organizzato per l utenza. A questo fine si sta avviando la realizzazione di una mediateca contenente i materiali didattici frutto di esperienze scolastiche pregresse e/o di partecipazione a concorsi, iniziative locali e nazionali. Nel sito vengono elencati i materiali che l utenza può trovare disponibili. Integrando la sua naturale funzione di custode del patrimonio librario con altri mezzi di comunicazione e con l uso di strumenti telematici, la Biblioteca, lungi dal rappresentare un polveroso reperto del passato, intende quindi, anche attraverso progetti e iniziative dedicate, essere protagonista attiva della società dell informazione. 8

9 5. La SICUREZZA e la tutela della PRIVACY La scuola osserva le norme per la sicurezza previste dal D.Lgs. 81/2008 e attua le misure di prevenzione e protezione previste. La scuola è dotata di un ascensore e di 1 muletto montascale per carrozzella per permettere così a tutti di spostarsi tra i vari piani dell istituto. Parcheggio limitato. La scuola garantisce massima cura nel trattamento dei dati personali, come da Documento programmatico sulla sicurezza, ai sensi del D.Lgs. 196/ Le risposte ai bisogni formativi dell UTENZA Il regime di autonomia didattica offre l opportunità di sperimentare modelli flessibili di organizzazione scolastica, in modo da superare la tradizionale rigidità dei curricoli ministeriali. Tra le forme di attuazione dell autonomia didattica realizzate dall Istituto per meglio rispondere ai bisogni degli studenti, si segnalano: l organizzazione della didattica delle discipline per moduli la possibilità offerta ai consigli di classe di organizzare autonomamente gli interventi di recupero in qualsiasi momento dell anno scolastico la possibilità di attuare, mediante classi aperte, strategie di recupero e potenziamento le attività di orientamento in entrata ed in uscita l attenzione al mondo esterno attraverso contatti strutturati con il mondo del lavoro e scambi internazionali la possibilità per gli studenti di scegliere fra le attività di approfondimento e di ampliamento dell offerta formativa i percorsi più congeniali l uso diffuso delle nuove tecnologie la dimensione europea dell educazione attività atte a favorire l integrazione, l inclusione all interno del gruppo classe, degli alunni diversamente abili. 9

10 7. QUADRI ORARI 7.1. SETTORE ECONOMICO Indirizzo Amministrazione finanza e marketing Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze specifiche nel campo o dei fenomeni economici nazionali ed internazionali o della normativa civilistica e fiscale o dei sistemi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), o degli strumenti di marketing o dei prodotti assicurativo-finanziari o dell'economia sociale. È in grado utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. Sbocchi professionali: aziende, studi professionali, agenzie di assicurazione, società finanziarie, banche, amministrazione condomini. Studi universitari: economia, giurisprudenza, matematica, informatica. Le tre sezioni sono caratterizzate da diverse attività progettuali in preparazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro/stage. Tutte le materie prevedono attività di laboratorio. 10

11 Quadro orario biennio Discipline 1 anno 2 anno Lingua e letteratura italiana 4 4 Lingua inglese 3 3 Storia 2 2 Matematica 4 4 Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate(scienze della Terra e 2 2 Biologia) Scienze integrate(fisica) 2 Scienze integrate(chimica) 2 Geografia 3 3 Informatica 2 2 Economia aziendale 2 2 Seconda lingua comunitaria 3 3 Scienze motorie e sportive 2 2 Religione cattolica o alternative 1 1 Totale ore

12 Quadro orario triennio Discipline 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto Economia politica Informatica 2 2 Economia aziendale Seconda lingua comunitaria Scienze motorie e sportive Religione cattolica o alternative Totale ore AFM ESABAC Gli obiettivi del corso sono: potenziare la conoscenza della lingua francese ottenere una certificazione finale con validità in Francia e in Italia favorire occasioni di scambio con scuole francesi partner Si tratta di un indirizzo che prevede la creazione di percorsi educativi bilingui a dimensione europea, finalizzato al conseguimento di un doppio diploma (Esame di Stato e Baccalauréat) riconosciuto dai rispettivi Ministeri. Rispetto al normale indirizzo AFM è previsto: - un insegnamento potenziato della lingua francese (4 ore settimanali), con programma esteso alla letteratura e svolgimento della Storia in lingua francese - un periodo di frequenza in una scuola in Francia, che prevede una valutazione finale, tramite una produzione personale dell'alunno e un colloquio orale in lingua francese. 12

13 Articolazione Sistemi informativi aziendali: Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. Quadro orario triennio Discipline 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto Economia politica Seconda lingua comunitaria 3 Economia aziendale 4 * 7 * 7 * Informatica 4 * 5 * 5 * Scienze motorie e sportive Religione cattolica o alternative Totale ore * sono previste ore di laboratorio con insegnante tecnico pratico 13

14 7.2. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio Il Diplomato in Costruzioni, Ambiente e Territorio ha competenze specifiche o nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni o nell impiego degli strumenti di rilievo o nell'uso dei mezzi informatici per la o rappresentazione grafica e per il calcolo o nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio o nell'utilizzo ottimale delle risorse ambientali; sviluppa: o capacità grafiche e progettuali in campo edilizio o capacità relative all'organizzazione del cantiere, alla gestione degli impianti, al rilievo topografico, alla stima di terreni e fabbricati e delle altre componenti del territorio, nonché dei diritti reali che li riguardano, dall'amministrazione di immobili allo svolgimento di operazioni catastali. Studi universitari: ingegneria, architettura, design, beni culturali, pianificazione del territorio. Sbocchi professionali : imprese di costruzione, agenzie immobiliari, studi di progettazione, esperto sicurezza del lavoro, enti pubblici territoriali, imprese di risparmio energetico. Libera professione: pratiche edilizie, stima di immobili, CAD. 14

15 Quadro orario biennio Discipline 1 anno 2 anno Lingua e letteratura italiana 4 4 Lingua inglese 3 3 Storia 2 2 Matematica 4* 4* Diritto ed economia 2 2 Scienze integrate(scienze della 2* 2* terra e Biologia) Scienze integrate(fisica) 3* 3* Scienze integrate(chimica) 3* 3* Geografia 1 Tecnologie e tecniche di rappresentazione 3(1)* 3(1)* grafica Tecnologie informatiche 3(2)* Scienze e tecnologie applicate 3* Scienze motorie e sportive 2 2 Religione cattolica o alternativa 1 1 Totale ore * Sono previste ore di laboratorio 15

16 Quadro orario triennio Discipline 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Complementi di matematica 1 1 Progettazione, Costruzioni e Impianti Geopedologia, Economia e Estimo Topografia Gestione del cantiere e sicurezza Scienze motorie e sportive Religione cattolica o alternativa Totale

17 Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria Il Diplomato in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ha competenze specifiche nel campo dell organizzazione e della gestione delle attività produttive, trasformative e valorizzative del settore, con attenzione alla qualità dei prodotti e al rispetto dell ambiente con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici collabora alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili, vegetali e animali, applicando i risultati delle ricerche più avanzate controlla la qualità delle produzioni sotto il profilo fisico-chimico, igienico ed organolettico interviene nel settore della trasformazione dei prodotti, attivando processi tecnologici e biotecnologici per ottimizzare i risultati e gestire, inoltre, il corretto smaltimento e la riutilizzazione dei reflui e dei residui. Sbocchi professionali: Direzione di piccole e medie aziende agrarie, gestione della qualità nell ambito dell industria agroalimentare, organizzazione, gestione e manutenzione del verde pubblico e privato, rappresentanza e assistenza nella commercializzazione di prodotti agricoli, valutazione in campo rurale, applicazioni catastali. Studi universitari: agraria, ingegneria, veterinaria, economia. 17

18 Quadro orario triennio Discipline 2 biennio 5 anno 3 anno 4 anno Religione Cattolica o attività alternative Lingua e letteratura italiana Storia, Cittadinanza e Costituzione Lingua inglese Matematica Scienze motorie e sportive Complementi di Matematica 1 1 Produzione animali Produzioni vegetali Trasformazione dei prodotti Economia marketing e legislazione Genio rurale 3 2 Biotecnologie agrarie 2 3 Gestione dell ambiente e del territorio 2 Totale Tutte le materie prevedono ore di laboratorio 18

19 7.3. Diploma di MATURITA SERALE: Ragioniere e Perito commerciale Il corso serale è caratterizzato dal riconoscimento di crediti formativi acquisiti in altri istituti o corsi diurni in ambito lavorativo. Si prefigge l obiettivo di qualificare giovani e adulti privi di professionalità aggiornata e di consentire la riconversione professionale di adulti già inseriti in ambito lavorativo che debbano o vogliano migliorare la propria professionalità in campo giuridico - economico - aziendale. Nel corso si utilizza una programmazione di tipo modulare, che affronta i punti nodali del percorso educativo e favorisce l orientamento autonomo dello studente all interno dei percorsi disciplinari. nell a.s. 2014/15 è attivata la classe III Serale AFM I II III IV Italiano Scienze storico sociali Lingua inglese Matematica Informatica Scienze integrate 3 - Scienze integrate (fisica/chimica) 2 2 Geografia 2 2 Seconda lingua Economia aziendale Economia aziendale Diritto Economia politica V 19

20 8. OBIETTIVI formativi generali a. Equilibrato sviluppo della personalità degli studenti b. Formazione di persone/cittadini responsabili e maturi, consapevoli dei diritti e dei doveri propri e altrui, nel rispetto dell ambiente naturale e sociale c. Formazione culturale e tecnico-professionale d. Valorizzazione delle eccellenze e. Contenimento della dispersione scolastica f. Prevenzione di forme di disagio giovanile g. Orientamento come progettazione consapevole del proprio avvenire 9. STRATEGIE didattiche - garantire le condizioni, le motivazioni e i supporti funzionali al maggiore e migliore sviluppo e apprendimento di ogni allievo - contribuire alla crescita di identità, di autonomia e di competenze - rendere gli allievi protagonisti della ricerca-scoperta-conquista di conoscenze - sperimentare metodologie individualizzate per lo sviluppo cognitivo di ognuno - organizzare l'insegnamento secondo criteri di flessibilità corrispondenti ai tempi, ai modi, ai ritmi degli alunni con particolare attenzione agli alunni in difficoltà - valorizzare le eccellenze - considerare i bisogni educativi speciali mediante predisposizione dei PEP e PEI, in collaborazione con le famiglie. Per la realizzazione delle finalità, la Scuola assicura: - una didattica orientativa per sviluppare in ogni persona capacità decisionali e autonomia - programmi e progetti, mezzi e metodi per far emergere le potenzialità dell'alunno; - un azione sinergica all interno dei dipartimenti per garantire la comunicazione trasparente degli obiettivi, della metodologia e della valutazione; - l uso di strumenti multimediali e di adeguate attrezzature; - un sistema organizzativo di qualità che cura il miglioramento continuo - la massima uniformità nella programmazione didattica e nella valutazione 20

21 10. RECUPERO DEBITI In base al D.M. 80 del 3 ottobre 2007, la scuola attiverà interventi didattico-educativi di recupero per gli studenti che presentino insufficienze in una o più discipline al fine di un tempestivo recupero delle carenze rilevate. Nei confronti degli studenti per i quali, al termine delle lezioni, si constaterà il mancato conseguimento della sufficienza in una o più discipline, che non comporti tuttavia un immediato giudizio di non promozione, il Consiglio di classe procederà al rinvio della formulazione del giudizio finale e comunicherà alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte, indicando le specifiche carenze rilevate nelle singole discipline, la natura degli interventi didattici organizzati dalla scuola e finalizzati al recupero dei debiti, le modalità ed i tempi delle relative verifiche. Per perseguire l obiettivo del contenimento della dispersione scolastica verrà attuato un monitoraggio dell andamento scolastico degli alunni con cadenza bimestrale, al fine di organizzare tempestivamente Corsi di Sostegno allo Studio Valorizzazione delle ECCELLENZE La promozione delle eccellenze si realizza attraverso: borse di studio partecipazione a convegni, concorsi ecc accesso alle certificazioni europee in campo linguistico, informatico e matematico orientamento in uscita progetti con enti esterni ed internazionali (LEONARDO, GRUNDWIG) predisposizione di programmi individualizzati per gli alunni impegnati in attività agonistiche di eccellenza in modo da favorire l impegno sportivo. 11. ATTIVITA INTEGRATIVE A integrazione dei corsi istituzionali, gli alunni dell IIS Ruffini possono fruire di tutta una serie di attività complementari, alcune curricolari (come l orientamento, l alternanza scuola-lavoro, i corsi di recupero, ecc.), altre extracurricolari (le certificazioni linguistiche, i viaggi di istruzione, i gruppi sportivi, ecc.), che vengono ad arricchire l offerta formativa. Nel POF, documento che esprime l identità culturale e progettuale della scuola, vengono perciò proposti, oltre ai curricoli ministeriali propri del tipo di istituto, attività e corsi integrativi rispondenti ai bisogni educativi rilevati presso l utenza, e conformi ai valori formativi ritenuti prioritari dal Collegio dei docenti e dal Consiglio di istituto. Il Collegio dei docenti dell IIS Ruffini ha ritenuto di adottare quali strumenti metodologici 21

22 - l alternanza scuola-lavoro, in modo da utilizzare convenientemente a fini formativi le risorse umane e materiali disponibili sul territorio, anche nella prospettiva di facilitare agli allievi il futuro inserimento nel mondo del lavoro - l orientamento (in entrata, in uscita, in itinere), allo scopo di supportare i ragazzi nella scelta e nella costruzione del percorso di vita più idoneo per ognuno. Il Consiglio dei docenti ha ritenuto inoltre di fare propri e di promuovere attraverso l offerta formativa i seguenti valori: - la legalità, l inclusione, la cittadinanza, il rispetto delle regole e degli altri - la sensibilità ambientale, con riferimento sia all ambiente naturale che a quello umano e sociale - l autonomia personale: di pensiero, di giudizio, di azione. Tra le attività proposte sono particolarmente significative le iniziative di accoglienza per le classi prime, gli stages in azienda per le classi quarte, gli incontri di formazione e orientamento con forze dell ordine ed enti no-profit, la possibilità del doppio diploma italofrancese Esabac, le visite di istruzione in Italia e all estero, le certificazioni linguistiche e digitali, la partecipazione ai progetti nazionali di orientamento FIXO e AlmaDiploma. Alcuni dei progetti sono sinteticamente descritti a seguire, ma numerose altre opportunità di attività complementari si rendono disponibili in corso d anno. La programmazione delle attività extracurricolari tiene conto di: Approccio problematico e interdisciplinare alle tematiche proposte Ruolo attivo dello studente nella realizzazione dell attività didattica con docente nella funzione di tutor Utilizzo razionale delle continue intersezioni tra le discipline Modularità interdisciplinare: in alcune classi non terminali si lavorerà per aggregazione di ambiti disciplinari, come già realizzato, fornendo approcci differenziati ma concorrenti su tematiche comuni ORIENTAMENTO Il passaggio dalla scuola media alla scuola secondaria costituisce un momento difficile e deve essere accompagnato da iniziative di raccordo tra i due ordini di scuola. E cura dell orientatore coordinare momenti informativi e formativi che coinvolgano i vari soggetti. Tali interventi, in linea con le indicazione dell Unione Europea,sono organizzati con gli alunni del primo ciclo di istruzione con l obiettivo di individuare le predisposizioni personali e motivare all uso di laboratori attraverso incontri singoli e collettivi. Hanno inoltre lo scopo di promuovere la nuova identità degli istituti tecnici volta ad approfondire ed applicare linguaggi e metodologie utili all inserimento in settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese. L orientamento e il ri-orientamento sono anche una costante dell attività didattica curricolare ed opzionale, tuttavia è opportuno precisare che, insieme alle forme di 22

23 individualizzazione della proposta formativa, si utilizzano particolari strumenti e metodologie offerte dall autonomia. E cura dell'orientatore informare su tutte le offerte formative di enti pubblici e privati a cui possono accedere i ragazzi che decidono di cambiare corso di studi durante il biennio e studiare in collaborazione con i docenti della classe il percorso più opportuno per realizzare la variazione curricolare. Il servizio di orientamento universitario della scuola è stato organizzato in modo da aiutare i ragazzi a mettere in luce le proprie attitudini, ricevendo informazioni sulle facoltà universitarie e i corsi di laurea breve che si ritiene possano rispondere alle attese del ragazzo. All interno dell Istituto sono inoltre organizzati incontri tra i nostri alunni, rappresentanti del mondo del lavoro, gruppi di studenti universitari, rappresentanti delle facoltà, rappresentanti delle facoltà e delle Forze Armate che illustrano i corsi, gli sbocchi lavorativi e le difficoltà che questi percorsi formativi possono presentare. Sono previste, inoltre, le seguenti attività: attività di raccordo tra il nostro Istituto e l'università. raccordo con la scuola media, già parzialmente sperimentato, per aspetti didattici disciplinari in ambito matematico, tecnologico, linguistico. adesione ai Progetti di orientamento con le diverse facoltà universitarie i cui corsi di studio costituiscono uno sbocco naturale per gli studenti dell Istituto. L istituto aderisce inoltre alla Banca dati diplomati ALMADIPLOMA offrendo la possibilità ai neo diplomati di accedere ai servizi offerti. Sono previste, inoltre, forme di collaborazione con enti di formazione professionale in modo da qualificare le figure professionali in uscita Aperture al territorio: gli STAGES Per tutti i ragazzi del quarto anno viene organizzata un esperienza di lavoro di due/tre settimane presso imprese private o Enti pubblici, generalmente nel mese di aprile. Al fine di coordinare il percorso didattico individuale con l esperienza lavorativa, nella prima seduta del Consiglio di classe a inizio anno, viene nominato un docente tutor, che segue tutta l organizzazione e lo svolgimento dello stage. Al termine del periodo di lavoro i ragazzi ricevono una "pagellina" compilata dal responsabile della realtà economica che li ha ospitati, per una valutazione dell impegno, della partecipazione, della preparazione dimostrati. L esperienza può essere ripetuta e prolungata durante il periodo estivo per gli allievi che lo desiderano SPORTELLO LAVORO Gli alunni delle classi quarte e quinte possono usufruire del servizio sportello lavoro che ha come finalità quelle di: fornire un supporto di consulenza agli studenti che stanno concludendo il percorso del diploma perché possano affrontare in modo più consapevole e attivo il difficile inserimento nel mercato del lavoro o la scelta universitaria favorire l incontro tra la domanda di lavoro dei nostri alunni e l offerta delle ditte che operano sul territorio 23

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli