CORSO DI ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI. Il sistema GPS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI. Il sistema GPS"

Transcript

1 CORSO DI ELETTRONICA DELLE TELECOMUNICAZIONI Il sistema GPS G. Lullo A. A

2 Il sistema GPS NAVigation System with Timing And Ranging Global Positioning System NAVSTAR-GPS Caratteristiche del sistema: - Sistema basato sul tempo di volo di segnali radio a circa 1,5 GHz. - Consente la determinazione della posizione (3-D) e del tempo. - Copertura mondiale con utilizzo in terra, mare, cielo. - Operatività in ogni condizione di tempo metereologico. - Funziona sia con ricevitore fermo (trekking), sia in movimento ad alta velocità (aerei militari). - Abilitato agli usi militari (hi-res. < 1m) e civili (low res m).

3 Costituito da tre sottosistemi: Space segment Control segment User segment Il sistema GPS

4 GPS Space segment Costellazione di satelliti: 24 satelliti (Space Vehicles o SV). 6 piani orbitali (inclinazione 55 rispetto l equatore). 4 satelliti in ogni piano. Ridondanza: fino a 28 satelliti, fino a 5 per piano km di altezza (periodo di rivoluzione 12 ore). Velocità km/h. Da ogni punto della Terra sono sempre visibili almeno 4 satelliti.

5 GPS Space segment Caratterisiche dei satelliti: Fabbricati da Rockwell International, di recente da Lockheed M&S. Peso in orbita: 1000kg. Dimensioni: 2 m (7 m pannelli incl.). Vita media: 7 10 anni. Fino a 4 orologi atomici al cesio o al rubidio (errore: 1 sec./30k-1m anni). Trasmettono su due frequenze: L1 (1575,42MHz) e L2 (1227,60MHz). Potenza trasmessa < 50W

6

7 GPS Control segment Master Control Station Monitor Station Ground Antenna Compiti del Control segment: Osservare i movimeni dei satelliti e calcolare le loro orbite. Monitorare gli orologi dei satelliti e sincronizzarli. Ritrasmettere i dati orbitali di ogni satellite (effemeridi). Ritrasmettere i dati orbitali di tutti i satelliti (almanacco). Ritrasmettere ulteriori informazioni sullo stato di salute dei satelliti, sui loro errori di clock, sulla propagazione ionosferica, ecc. Effettuare la distorsione artificiale del segnale (SA, Selective Availability), per degradare l accuratezza di posizione negli usi civili.

8 GPS User segment Il costo del ricevitore è legato a: Tipo di antenna (patch, esterna, ecc.) Stabilità del clock Memoria disponibile Software (incluse mappe) Funzioni accessorie (WAAS, A-GPS, ecc.) Moduli O.E.M con antenne patch. $30 - $100, 10 m accuracy Mapping grade $ $ accur. <1 m Antenna elicoidale Recreational $100 - $ m accuracy

9 GPS Principio di funzionamento Si basa sulla misurazione del tempo di volo t che il segnale RF impiega a percorrere la distanza satellite-ricevitore. Se gli orologi del satellite e del ricevitore sono sincronizzati, si può misurare questo tempo t. t > 67,3 ms (satellite allo zenith del ricevitore) + 3,33 µs/km. Nota la velocità della luce (c = 3 x 10 5 km/s), la distanza è: D = c t

10 GPS Principio di funzionamento Se si conosce solo la distanza D da un satellite, il ricevitore può trovarsi in un punto qualsiasi della sfera di raggio D centrata sul satellite. Se sono note le distanze D 1 e D 2 da due satelliti, il ricevitore può trovarsi in un punto qualsiasi della circonferenza intersezione. Se sono note le distanze D 1, D 2 e D 3 da tre satelliti, il ricevitore può trovarsi in uno dei due punti ottenuti come intersezione. Quindi bisogna conoscere le distanze del ricevitore da quattro satelliti!

11 GPS Principio di funzionamento I quattro satelliti sono perfettamente sincronizzati (orologi atomici). Il ricevitore GPS invece, per ragioni di costo, usa un semplice orologio al quarzo per cui conosce il tempo assoluto con un errore t 0. La distanza stimata dal satellite i-esimo (pseudorange) sarà allora: PSR i = D i + c t 0

12 GPS Principio di funzionamento Ogni satellite trasmette inoltre i dati sulla sua orbita (effemeridi), per cui è possibile calcolarne la posizione istantanea (X Sat_i, Y Sat_i e Z Sat_i ). A partire dallo pseudorange misurato, per ogni satellite si scrive una relazione: Ponendo a sistema le quattro relazioni non-lineari, si ricavano le quattro incognite X User, Y User, Z User e t 0.

13 GPS Segnali trasmessi Tutti i satelliti trasmettono su due sole frequenze: L1 (1575,42MHz) ed L2 (1227,60MHz). Trasmissione in CDMA spread spectrum (Code Division Multiple Access) Sono trasmessi due tipi di codice: C/A Code (Coarse/Acquisition code usi civili) P-Code (Precision code usi militari) I dati trasmessi sono relativi a: - ora esatta del satellite ed eventuali correzioni; - dati orbitali precisi del satellite (effemeridi); - dati orbitali approssimati di tutti i satelliti (almanacco); - stato di salute del satellite; - dati sulla propagazione ionosferica. Potenza trasmessa +43.4dBm (21.9W). Potenza ricevuta -130dBm, corrispondente a una densità spettrale di -190 dbm/hz, al di sotto del rumore termico ( K).

14 GPS Segnali trasmessi C/A Code Ogni satellite trasmette un proprio codice identificativo pseudorandom (PRN) di 1023 bit (chips), emessi a 1,023 Mbps. PRN code 1023 chips (1ms) 1 chip Il codice è ripetuto 20 volte. Questo gruppo, che dura 20 ms, costituisce un bit di informazione (dato). PRN PRN PRN PRN 20 codes (20ms) PRN La polarità dei chips è cambiata a seconda del dato da trasmettere (0/1). I dati sono trasmessi a 50 bit/sec. Per trasmettere tutte le informazioni prima elencate sono necessari 12,5 minuti. Data Bits* bps (20ms/bit) *PRN code inverts to signify bit transition (0/1)

15 Trasmettitore GPS La modulazione Binary Phase Shift Keying della portante con uno stream di dati a 1,023 Mbps genera un segnale a spettro esteso (spread spectrum).

16 GPS Ricezione del segnale Al ricevitore GPS giungono contemporaneamente i segnali di più satelliti, tutti alla stessa frequenza e con un livello inferiore alla soglia del rumore termico. Per estrarre il segnale di un satellite si può cercare il codice pseudorandom ad esso associato. Questa operazione viene effettuata con un processo di cross-correlazione, calcolando il Fattore di Correlazione.

17 GPS Ricezione del segnale Tuttavia, quando il ricevitore GPS viene acceso per la prima volta (cold start), non conosce: dove si trova; quali e quanti satelliti sta ricevendo; qual è la loro velocità relativa (shift Doppler di frequenza, max ±6kHz). Viene allore effettuata una ricerca in uno spazio bidimensionale, per vari codici pseudorandom e per diversi possibili shift di frequenza. Nel processo di demodulazione e despreading effettuato dalla crosscorrelazione si ottiene un guadagno: veloc. chips C/A-Code 1,023 Mbps G = = veloc. dati 50 bps = = 43dB

18 Ricevitore GPS

19 Il messaggio GPS

20 Protocollo NMEA-0183 Elaborato dalla National Marine Electronics Association, è lo standard de-facto per tutte le comunicazioni tra apparecchiature elettroniche per la navigazione marina: GPS, LORAN, sensori di velocità vento/mare, autopiloti. ecc. E generato da quasi tutti i ricevitori GPS. Usa una porta seriale standard (RS-232C) a 4800baud, 8bit, N, 1. Protocollo basato su caratteri ASCII, valori delimitati da virgole. Alcune stringhe NMEA per GPS: $GPGGA GPS fix data message (lat, lon, time, #SVs, etc) $GPGGL Geographic position (lat, lon, time) $GPGSA GPS DOP and active satellites (SVs, P,H,VDOP) $GPGSV GPS satellites in view (SV elevation/azimuth, SNR, etc) $GPVTG GPS velocity and heading $GPZDA Time & Date message Esempio:

21 Cause di errore Errori nei clock dei satelliti ed in quello del ricevitore. I primi vengono corretti dall Ente di controllo. I secondi sono minimizzati dal ricevitore quando si aggancia correttamente ai segnali. Propagazione ionosferica. C è un ritardo nel tempo di ricezione che dipende dall elevazione del satellite sull orizzonte, dallo stato di ionizzazione (ora del giorno, macchie solari), dall umidità atmosferica. Può essere corretto conoscendo la velocità media, oppure se si misura il tempo relativo di propagazione tra le due frequenze L1 ed L2.

22 Cause di errore Propagazione multipath. Il ricevitore riceve echi multipli da vari riflettori. Ciò degrada la qualità del segnale e può far calcolare un errato tempo di volo. Nelle città è pure presente il fenomeno del canyoning ( gole tra i palazzi). Si può combattere con antenne Choke-Ring. Selective Availability. Eliminata a maggio 2000, ripristinabile all occorrenza anche su aree limitate.

23 Cause di errore Geometric Dilution of Precision (GDOP). E maggiore quando i satelliti che si ricevono sono vicini tra di loro. L area di incertezza nel posizionamento si allarga. Si riduce ricevendo ed elaborando i dati, se possibile, di più satelliti (anche 8 o 12!)

24 Differential GPS Una stazione fissa riceve i segnali e calcola l errore di posizione. La stazione fissa invia gli errori misurati ai ricevitori GPS nell area. I ricevitori correggono i dati calcolati con gli errori ricevuti.

25 Assisted-GPS

26 La posizione determinata dal GPS è legata al: - sistema di coordinate terrestri scelto (latitud./longitud. o cartesiano); - forma ideale della Terra (altezza dal suolo). Ma qual è la forma della Terra? - Sfera - Ellissoide - Geoide Aspetti Geodetici Si possono scegliere varie dimensioni per l ellissoide, valide globalmente o localmente, oppure definire un geoide fornendo le correzioni rispetto ad un modello. Si sceglie così il cosiddetto Datum. Tra i Datum più usati l ellissoide WGS-84 (World Geodetic System 1984).

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Architettura dei Sistemi di Telelocalizzazione GPS/GALILEO Prof. Francesco Benedetto, fbenedet@uniroma3.it Dipartimento di Elettronica Applicata Cenni Storici I

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID Docente: Luigi Ferrigno GPS Il sistema GPS (Global Positioning

Dettagli

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1 GPS Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA Sokkia 1 Che cos è il GPS Un sistema di posizionamento estremamente preciso Creato e gestito dal Ministero della Difesa Americano Nato per

Dettagli

Struttura del sistema GPS. Introduzione

Struttura del sistema GPS. Introduzione Introduzione Il sistema di posizionamento GNSS (Global Navigation Satellite System) è un sistema di navigazione basato sulla ricezione di segnali radio emessi da una costellazione di satelliti artificiali

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

RADIO-NAVIGAZIONE. In questa lezione vengono presentati sinteticamente i sistemi di navigazione satellitari.

RADIO-NAVIGAZIONE. In questa lezione vengono presentati sinteticamente i sistemi di navigazione satellitari. RADIO-NAVIGAZIONE In questa lezione vengono presentati sinteticamente i sistemi di navigazione satellitari. Sistemi Iperbolici Sono sistemi con grado di copertura molto elevata, basati sull'impiego di

Dettagli

GPS Global Positioning System

GPS Global Positioning System GPS Global Positioning System GNSS GNSS Global Navigation Satellite System Il GNSS (Global Navigation Satellite System) è il sistema globale di navigazione satellitare basato sul sistema statunitense GPS

Dettagli

Metodi di Posizionamento

Metodi di Posizionamento Metodi di Posizionamento Modi di posizionamento Determinazione di una posizione mediante GPS dipende: Accuratezza del dato ricercato Tipo di ricettore GPS Modi: Posizionamento assoluto Posizionamento relativo

Dettagli

Navigazione e sistemi satellitari

Navigazione e sistemi satellitari Navigazione e sistemi satellitari Introduzione La misura del tempo e lo sviluppo della navigazione si intrecciano nel corso della storia; la costruzione di orologi più accurati si può infatti collegare

Dettagli

Introduzione al sistema di posizionamento GPS. Cartografia numerica e GIS Bianca Federici

Introduzione al sistema di posizionamento GPS. Cartografia numerica e GIS Bianca Federici Introduzione al sistema di posizionamento GPS Cartografia numerica e GIS Bianca Federici Il sistema GPS Il sistema di navigazione NAVSTAR GPS (NAVigation Satellite Timing And Ranging Global Positioning

Dettagli

Introduzione alla geolocalizzazione

Introduzione alla geolocalizzazione Introduzione alla geolocalizzazione GNSS Global Navigation Satellite Systems GNSS è l acronimo utilizzato per indicare i sistemi di navigazione satellitare GPS (USA) GLONASS(Russia) Galileo(EU) Compass

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Lezione 4: Ancora localizzazione. Beacon attivi: principio generale

Lezione 4: Ancora localizzazione. Beacon attivi: principio generale Robotica Mobile Lezione 4: Ancora localizzazione Beacon attivi: principio generale 1 Un triangolo Può essere risolto se si conoscono tre dei suoi sei elementi costitutivi; Se si misurano gli angoli si

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Metodo di base: triangolazione nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempi di arrivo dei segnali Come è

Dettagli

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR)

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR) Geodesia Dal greco Γεωδαισια: divisione della Terra Discipline collegate alla geodesia: 1. studio della forma del pianeta; 2. studio del campo di gravità del pianeta. Misure geodetiche: misure legate e

Dettagli

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS)

Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Il Sistema di Posizionamento Globale (GPS) Dalla triangolazione su terra al GPS nello spazio I satelliti GPS Determinazione delle distanze dai satelliti mediante misure di tempo dei segnali Come è raggiunta

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca in Cartografia, Fotogrammetria, Telerilevamento e SIT. Il GPS

Centro Interdipartimentale di Ricerca in Cartografia, Fotogrammetria, Telerilevamento e SIT. Il GPS Centro Interdipartimentale di Ricerca in Cartografia, Fotogrammetria, Telerilevamento e SIT Università degli Studi di Padova Viale dell'università n 16 AGRIPOLIS 35020 Legnaro (PD) Italy Tel.. +39-049-8272688

Dettagli

Parte 1 Principio di funzionamento del GPS

Parte 1 Principio di funzionamento del GPS Parte 1 Principio di funzionamento del GPS GPS è l acronimo di Global Positioning System (Sistema Globale di Posizionamento). Si tratta di un sistema realizzato dal Ministero delle Difesa Statunitense,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PIERO CALAMANDREI < GEOMETRI > LA STAZIONE PERMANENTE GNSS NELLA RETE DI POSIZIONAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE

ISTITUTO SUPERIORE PIERO CALAMANDREI < GEOMETRI > LA STAZIONE PERMANENTE GNSS NELLA RETE DI POSIZIONAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE ISTITUTO SUPERIORE PIERO CALAMANDREI < GEOMETRI > LA STAZIONE PERMANENTE GNSS NELLA RETE DI POSIZIONAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE fig. 1: La MONOGRAFIA del sito al 16 giugno 2011 da http://gnss.regione.piemonte.it

Dettagli

Vittorio Casella. GPS Modulazione analogica e digitale. Dispense

Vittorio Casella. GPS Modulazione analogica e digitale. Dispense Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica DIET Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it GPS Modulazione analogica e digitale Dispense Vittorio Casella Modulazione analogica e digitale Pag.

Dettagli

CHE COS È IL GPS? LA SEZIONE SPAZIALE LA STRUTTURA DEL GPS. GNSS (Global Navigation Satellite System) 20/11/2013

CHE COS È IL GPS? LA SEZIONE SPAZIALE LA STRUTTURA DEL GPS. GNSS (Global Navigation Satellite System) 20/11/2013 CHE COS È IL GPS? È un sistema di posizionamento realizzato e gestito dal Dipartimento della Difesa USA. È basato su una costellazione di satelliti artificiali che trasmettono segnali radio codificati,

Dettagli

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Carta topografica Bussola Altimetro Orientamento classico 2 L orientamento classico

Dettagli

Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati della Fase di Acquisizione

Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati della Fase di Acquisizione Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Anno Accademico 26-27 Definizione e Sviluppo di un Ricevitore Software per l Elaborazione dei Segnali GPS e Galileo: Peculiarità e Risultati

Dettagli

GPS RECEIVER ACQUISIZIONE DI COORDINATE GPS

GPS RECEIVER ACQUISIZIONE DI COORDINATE GPS a cura di Ing. Mauro Cilloni INDICE Prefazione.. 3 Diritto d autore e marchi di fabbrica 4 Informazioni legali.... 4 1. Introduzione... 5 2. Principio di funzionamento del sistema GPS... 5 3. L ellissoide

Dettagli

Dispensa IL SISTEMA GPS

Dispensa IL SISTEMA GPS Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dispensa IL SISTEMA GPS Vincenzo Franco Mauro Lo Brutto Maggio 2004 IL SISTEMA DI POSIZIONAMENTO GPS...3 IL SEGMENTO SPAZIALE...3 IL SEGMENTO DI

Dettagli

il programma galileo L infrastruttura di Galileo comprende: il segmento spaziale; il segmento di terra; il segmento di utenza.

il programma galileo L infrastruttura di Galileo comprende: il segmento spaziale; il segmento di terra; il segmento di utenza. GALILEO CONTROL CENTRE il programma galileo Il programma Galileo costituisce l iniziativa europea per un sistema di navigazione satellitare globale allo stato dell arte. Sviluppato congiuntamente dall

Dettagli

GPS - Global Positioning System. GPS Tutto quello che avreste dovuto sapere e che non avete avuto il tempo di leggere.

GPS - Global Positioning System. GPS Tutto quello che avreste dovuto sapere e che non avete avuto il tempo di leggere. up tg ro lis na A GPS - Global Positioning System GPS Tutto quello che avreste dovuto sapere e che non avete avuto il tempo di leggere I Sommario Sommario Capitolo 1 - Introduzione 6 1.1 - Un po di storia

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

INTEGRAZIONE CON GPS

INTEGRAZIONE CON GPS INTEGRAZIONE CON GPS LORAN-C Il sistema LORAN-C (LOng RANge) Sistema di radio-navigazione terrestre costituito da una catena di almeno tre stazioni di trasmissione. Gli utenti devono essere muniti di appositi

Dettagli

GNSS DAL GPS AL PER LA

GNSS DAL GPS AL PER LA Alberto Cina DAL GPS AL GNSS (Global Navigation Satellite System) PER LA GEOMATICAA I siti internet citati sono stati visitati nel febbraio 2014 In copertina: misure GNSS su ghiacciaio, in Valle d Aosta

Dettagli

SISTEMI DI RILEVAMENTO E NAVIGAZIONE

SISTEMI DI RILEVAMENTO E NAVIGAZIONE SOMMARIO iii CAPITOLO 1 LA NAVIGAZIONE I RADIOAIUTI E LA NAVIGAZIONE SATELLITARE 1.1 LA NAVIGAZIONE ED I RADIOAIUTI...1 1.1.1 Cenni storici e e Definizioni...1 1.1.2 Modalità e Tecniche Fondamentali...3

Dettagli

I prodotti per il tempo reale

I prodotti per il tempo reale I prodotti per il tempo reale Scopo di questo documento è illustrare brevemente le differenze tra i vari prodotti di correzione in tempo reale (RTK e DGPS) offerti dalla rete S.P.IN. GNSS, così da facilitarne

Dettagli

Ing. Salvatore Ponte Dip. Ingegneria Industriale e dell Informazione (DIII) Seconda Università degli Studi di Napoli

Ing. Salvatore Ponte Dip. Ingegneria Industriale e dell Informazione (DIII) Seconda Università degli Studi di Napoli GNSS (Global Navigation Satellite System) Ing. Salvatore Ponte Dip. Ingegneria Industriale e dell Informazione (DIII) Seconda Università degli Studi di Napoli (Almost) everything you always wanted to know

Dettagli

Autore: Mauro Vannini. Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32

Autore: Mauro Vannini. Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32 Il GPS in escursionismo 2 parte: Uso del GPS in ambiente 10/2010 Autore: Mauro Vannini Uisp, Lega Montagna Toscana, Firenze, Via F. Bocchi 32 Gps 1 Global Positioning System: Introduzione Il sistema di

Dettagli

Introduzione al posizionamento e la navigazione satellitare GPS/GNSS. Ing. Guido Fastellini, PhD.

Introduzione al posizionamento e la navigazione satellitare GPS/GNSS. Ing. Guido Fastellini, PhD. Introduzione al posizionamento e la navigazione satellitare GPS/GNSS Ing. Guido Fastellini, PhD. Agricoltura di precisione: cosa è L agricoltura di precisione rappresenta il complesso di tecniche e tecnologie

Dettagli

Metodologia, rilievo G.P.S. e utilizzo Drone in Campo topografico. Sassari 30.09.2015

Metodologia, rilievo G.P.S. e utilizzo Drone in Campo topografico. Sassari 30.09.2015 Metodologia, rilievo G.P.S. e utilizzo Drone in Campo topografico Sassari 30.09.2015 Il sistema GPS Il sistema GPS, acronimo di Global Positioning System, consente la localizzazione di entità sulla superficie

Dettagli

Capitolo 8 Il sistema satellitare EGNOS

Capitolo 8 Il sistema satellitare EGNOS Capitolo 8 Il sistema satellitare EGNOS 8. 0 - Background Relativamente alla storia della Navigazione, sono recenti le applicazioni satellitari in questo campo, tentativi incentivati dalla volontà di superare

Dettagli

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company

CGS TFD. Raoul Grimoldi. Distribuzione Tempo/Frequenza. Antares Research Dept. CGS Compagnia Generale per lo Spazio, an OHB Technology Company CGS TFD Distribuzione Tempo/Frequenza Raoul Grimoldi CGS Rami di attività della CGS, già Carlo Gavazzi Space S.p.A. Satelliti: sistemi chiavi-in-mano per missioni scientifiche e applicative, in particolare

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN...

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN... DRCT SQUNC CDMA... 2 DSCRZON DLLA TCNCA D SPRADNG A SQUNZA DRTTA... 2 2 PROPRTÀ DLL SQUNZ D CODC PN... 4 L CONTROLLO D POTNZA LA CAPACTÀ D UNA RT CLLULAR CDMA... 5 L CONTROLLO D POTNZA... 5 2 LA CAPACTÀ

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Distribuzione del tempo UTC a reti di PC per scopi radioastronomici e generali. R. Ambrosini, G. Maccaferri, A. Maccaferri IRA 291/99

Distribuzione del tempo UTC a reti di PC per scopi radioastronomici e generali. R. Ambrosini, G. Maccaferri, A. Maccaferri IRA 291/99 Distribuzione del tempo UTC a reti di PC per scopi radioastronomici e generali R. Ambrosini, G. Maccaferri, A. Maccaferri IRA 291/99 1 Sommario Nella recente fase di progetto del radiotelescopio SRT si

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio INTEGRAZIONE DI GPS E GIS PER LA GESTIONE DEI SISTEMI DI TRASPORTO. APPLICAZIONE ALLA LINEA FERROVIARIA

Dettagli

TITOLO ESPERIENZA: Progetto Arduino GPS OBIETTIVO: Realizzare tramite Arduino un sistema di localizzazione GPS

TITOLO ESPERIENZA: Progetto Arduino GPS OBIETTIVO: Realizzare tramite Arduino un sistema di localizzazione GPS TELECOMUNICAZIONI RELAZIONE DI LABORATORIO CLASSE 5 A Informatica PROGETTO GPS TITOLO ESPERIENZA: Progetto Arduino GPS OBIETTIVO: Realizzare tramite Arduino un sistema di localizzazione GPS Materiali usati

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Tipi di servizi offerti

Tipi di servizi offerti Tipi di servizi offerti Tiziano Cosso tiziano.cosso@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova Seminario Formativo REALIZZAZIONE DELLA RETE REGIONALE GNSS

Dettagli

Avionica: campo elettromagnetico

Avionica: campo elettromagnetico Avionica: campo elettromagnetico L'onda elettromagnetica trasmessa è caratterizzata da ampiezza, frequenza f, lunghezza d'onda λ e velocità di propagazione c (300000 km/s nel vuoto, poco meno in atmosfera):

Dettagli

Progetto di una radio software GPS su periferica USRP. 2 Ottobre 2007

Progetto di una radio software GPS su periferica USRP. 2 Ottobre 2007 Progetto di una radio software GPS su periferica USRP Università degli Studi di Pisa Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Candidato Relatori Prof. Marco Luise Prof. Luciano Lenzini Ing.

Dettagli

Basi di cartografia: le coordinate geografiche

Basi di cartografia: le coordinate geografiche Basi di cartografia: le coordinate geografiche Introduzione Diversamente da una decina di anni fa, le coordinate geografiche di un luogo sono diventate una informazione usuale da fornire in ambito lavorativo.

Dettagli

Analisi e Progettazione di un Sistema di Localizzazione per flotte di veicoli

Analisi e Progettazione di un Sistema di Localizzazione per flotte di veicoli Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Analisi e Progettazione di un Sistema di Localizzazione per flotte di veicoli Anno Accademico 2009/10 relatore Ch.mo prof.

Dettagli

Prospettive dei servizi di posizionamento

Prospettive dei servizi di posizionamento Politecnico di Milano Polo Regionale di Como Prospettive dei servizi di posizionamento Ludovico Biagi, Stefano Caldera, Fernando Sansò Presentazione della Rete di Stazioni Permanenti GNSS dell Emilia Romagna

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

Contatto magnetico wireless

Contatto magnetico wireless Contatto magnetico wireless Il contatto magnetico wireless MAG HCS e MAG M5026 è un sensore in grado rivelare l apertura o chiusura di porte o finestre e trasmettere via radio la segnalazione d allarme.

Dettagli

Coordinamento e sincronizzazione

Coordinamento e sincronizzazione Coordinamento e sincronizzazione Tempo locale e globale Nei sistemi distribuiti non esiste un orologio fisico globale Algoritmi di sincronizzazione e di coordinamento Applicazioni: correttezza di sequenze

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Dipartimento di Scienze e Tecnologie Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie della Navigazione TESI DI LAUREA ALGORITMI GNSS PER LA STIMA DELLA VELOCITA

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

INDICE PER TIPOLOGIA

INDICE PER TIPOLOGIA INDICE GENERALE 2 GUIDA A CLOCK DATE TEMPERATURE DISPLAY PRODOTTI ODT 6 14 DATI TECNICI ALUTECH ENGINEERING 20 INDICE PER CODICE INDICE PER TIPOLOGIA ART. PAG. 5001 6 TIP. ART. PAG. MSS 55001 6 LEGENDA

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

Calibrazione delle antenne

Calibrazione delle antenne Calibrazione delle antenne Perché è necessaria una calibrazione delle antenne? All interno di una qualsiasi antenna GNSS, è possibile distinguere tre diversi punti: Punto di riferimento dell antenna (ARP,

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

1. I messaggi di correzione differenziale

1. I messaggi di correzione differenziale I messaggi di correzione differenziale 1. I messaggi di correzione differenziale INTRODUZIONE Il posizionamento ottenuto in tempo reale con l utilizzo di un solo ricevitore GPS è caratterizzato da errori,

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

Gianluigi Pessina, Lorenzo Rota * UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE, SEZIONE DI MILANO BICOCCA

Gianluigi Pessina, Lorenzo Rota * UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE, SEZIONE DI MILANO BICOCCA Sistema di scansione a multicanale (analogico/digitale) di sensori di inquinamento ambientale sincronizzato con GPS o via ethernet basato su microcontrollore Cortex ARM per esperimento SMELLER Gianluigi

Dettagli

INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS

INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS INNOVATIVE SOLUTIONS FOR DVB-T/T2 SINGLE FREQUENCY NETWORK SYNCHRONIZATION GPS-MXS IL PROGETTO SOS GPS-MXS Generatore di segnali di riferimento Tempo-Frequenza a sorgenti multiple Digital, a seguito della

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

L. Spogli, L. Alfonsi, G. De Franceschi, V. Romano

L. Spogli, L. Alfonsi, G. De Franceschi, V. Romano L. Spogli, L. Alfonsi, G. De Franceschi, V. Romano 1 Congresso Nazionale di ANFeA Roma, Auditorium ISPRA, 1 e 2 dicembre 2011 Settore Fisica della Terra, dell'ambiente e del territorio Indice Introduzione

Dettagli

Elementi di Telelocalizzazione

Elementi di Telelocalizzazione Elementi di Telelocalizzazione Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre 1 Introduzione Proprietà della sequenza di spreading:

Dettagli

INTRODUZIONE AL GPS. Che cosa è il GPS?

INTRODUZIONE AL GPS. Che cosa è il GPS? INTRODUZIONE AL GPS Che cosa è il GPS? Il NAVSTAR GPS (NAVigation Satellite Timing And Ranging Global Positioning System) è nato come un sistema di navigazione basato sulla ricezione a terra di segnali

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

INTRODUZIONE AL GPS. 1. Introduzione

INTRODUZIONE AL GPS. 1. Introduzione INTRODUZIONE AL GPS 1. Introduzione La determinazione della posizione di un punto con il sistema GPS si basa sulle misure di distanza fra il ricevitore e un certo numero di satelliti. Poichè la posizione

Dettagli

CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO MANUALE D USO RICEVITORE SDIO GPS SD-501 VERSIONE 1.3

CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO MANUALE D USO RICEVITORE SDIO GPS SD-501 VERSIONE 1.3 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO MANUALE D USO RICEVITORE SDIO GPS VERSIONE 1.3 1 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO ANTENNA GPS INTERNA LED CONNETTORE PER ANTENNA ESTERNA 2 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

Introduzione all agricoltura di precisione, basi di tecnologia Gps ed elementi di Geostatistica

Introduzione all agricoltura di precisione, basi di tecnologia Gps ed elementi di Geostatistica Introduzione all agricoltura di precisione, basi di tecnologia Gps ed elementi di Geostatistica Dr. Filippo Gambella Dipartimento Ingeneria del territorio Introduzione all agricoltura di precisione (I)

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO

Scuola Alpinismo Cosimo Zappelli CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Viareggio 02/05/2013 Introduzione Cos è l orientamento? L'orientamento è l'insieme delle tecniche che permettono di riconoscere

Dettagli

PER IL SATELLITE ATMOCUBE E REALIZZAZIONE SOFTWARE TRAMITE IL SISTEMA OPERATIVO PICOS18

PER IL SATELLITE ATMOCUBE E REALIZZAZIONE SOFTWARE TRAMITE IL SISTEMA OPERATIVO PICOS18 Università degli Studi di Trieste Facoltà di Ingegneria Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni SVILUPPO DI UN SISTEMA DI TRASMISSIONE DATI PER IL SATELLITE ATMOCUBE E REALIZZAZIONE

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

OFDM. Prof. Carlo S. Regazzoni. Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A. 2009-2010

OFDM. Prof. Carlo S. Regazzoni. Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A. 2009-2010 INTRODUZIONE ALLE TECNICHE DI SINCRONIZZAZIONE TEMPO-FREQUENZA IN SISTEMI OFDM Luca Bixio Prof. Carlo S. Regazzoni Department of Biophysical and Electronic Engineering, University of Genoa, Italy A.A.

Dettagli

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni II C - Sistemi e moduli UMTS C1 Struttura interfaccia radio» Accesso multiplo» Radio frame» Blocchi funzionali

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Osserviamo via radio le meteore e i detriti spaziali: implementiamo un radar bistatico con GRAVES Esperimenti Meteor Scatter in VHF @ 143.

Osserviamo via radio le meteore e i detriti spaziali: implementiamo un radar bistatico con GRAVES Esperimenti Meteor Scatter in VHF @ 143. Osserviamo via radio le meteore e i detriti spaziali: implementiamo un radar bistatico con GRAVES Esperimenti Meteor Scatter in VHF @ 143.050 MHz Una carrellata di misure in occasione delle Perseidi 2015

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Richiami sulla telefonia cellulare

Richiami sulla telefonia cellulare Richiami sulla telefonia cellulare Riuso delle frequenze I Sistemi Sistemi : prima analogici (TACS) poi numerici (GSM, UMTS, LTE ) con codifica LPC della voce e crittografia Accesso (per ciascuna cella)

Dettagli

B02 - GNSS ARGOMENTO XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX. XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXX I sistemi di posizionamento satellitare. Tratto dalle dispense D02

B02 - GNSS ARGOMENTO XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX. XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXX I sistemi di posizionamento satellitare. Tratto dalle dispense D02 B02 - GNSS X I sistemi di posizionamento satellitare Tratto dalle dispense D02 1 11/05/2011 I sistemi GNSS X GNSS: Global Navigation Satellite Systems GPS Stati Uniti GLONASS Russia GALILEO Europa COMPASS

Dettagli

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 BARI - Progetto EduSAT - LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello

Dettagli