(Provincia di Roma) RELAZIONE TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Provincia di Roma) RELAZIONE TECNICA"

Transcript

1 COMUNE di CANALE MONTERANO (Provincia di Roma) Servizio di Igiene urbana ALLEGATO RT RELAZIONE TECNICA Il SINDACO Dr. Marcello Piccioni Progetto approvato con DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. DEL Responsabile Unico del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA

2 INDICE Art. 1 Inquadramento territoriale ed urbanistico Art. 2 Analisi dello stato di fatto Art. 3 Obiettivi: implementazione di una nuova metodologia di raccolta Art. 4 Servizi in appalto Art. 5 Il sistema di raccolta: descrizione Art. 6 Segue: i rifiuti indifferenziati Art. 7 Segue: la frazione organica Art. 8 Segue: la carta e il cartone Art. 9 Segue: gli imballaggi in plastica Art. 10 Segue: il multimateriale pesante Art. 11 Segue: il verde Art. 12 Segue: i rifiuti ingombranti Art. 13 Segue: pile farmaci Art. 14 Riepilogo Art. 15 Modalità di erogazione degli altri servizi: raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti abbandonati sul territorio comunale; bonifica di aree pubbliche oggetto di scarichi abusivi di rifiuti Art. 16 Centro di Raccolta Comunale Art. 17 Spazzamento Art. 18 Sgombero neve e spargimento sale Art. 19 Gestione del verde pubblico Art, 20 Manutenzione e pulizia lavatoi e fontane Art. 21 Attività all interno del Cimitero Comunale Art. 22 Attrezzature impiegate Art. 23 Automezzi impiegati Art. 24 Orario dei servizi Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 2

3 Art. 1 Inquadramento territoriale ed urbanistico Il Comune di Canale Monterano è una località termale in Provincia di Roma con circa abitanti. E situato tra i monti della Tolfa ed i monti Sabatini, alla sinistra del lago di Bracciano, in prossimità del Fosso delle Crete. Nel suo territorio si trovano le Terme di Stigliano. Confina con i Comuni di Blera (VT), Manziana, Oriolo Romano (VT), Tolfa e Vejano (VT). Art. 2 Analisi dello stato di fatto Il Comune di Canale Monterano, in occasione della scadenza dell attuale sistema di gestione del servizio di igiene urbana, ha deciso di modificare completamente il proprio sistema di smaltimento rifiuti introducendo un sistema di gestione integrata. Uno dei principali obiettivi è quello di ottenere risultati discreti di differenziazione, al fine di non incorrere in possibili multe prospettate dalla legislazione vigente per quelle realtà locali che non riescano a raggiungere livelli medi ottimali in termini di raccolta differenziata, ed evitare una maggiorazione degli oneri di smaltimento in discarica. Un obiettivo secondario, ma non marginale, è la ricerca di metodi che supportino il processo di passaggio ad un sistema di imposizione fiscale che premi i comportamenti virtuosi. Attualmente il Comune è attestato su una bassa percentuale di raccolta differenziata, ed effettua la raccolta in maniera tradizionale: sistema con batterie di contenitori su fronte stradale per le varie frazioni merceologiche di rifiuti con cassonetti da lt per i RSU e campane per la raccolta differenziata. Si è ritenuto impossibile mantenere un sistema di raccolta incentrato sull utilizzo di contenitori stradali di grandi dimensioni. E infatti vero che in tal modo si è ottenuto un indubbio contenimento dei punti di conferimento ed una velocizzazione della fase di prelievo, tuttavia va tenuto conto del fatto che: 1) non si è riusciti ad attivare un sistema che inducesse le utenze ad una maggiore responsabilità nel conferimento del proprio rifiuto; 2) non è stato possibile adottare efficaci sistemi di tariffazione che incentivassero una minore produzione di rifiuti; 3) è stato difficile controllare il flusso dei rifiuti delle attività industriali, che veniva immesso impropriamente nel circuito di raccolta indifferenziata dei rifiuti urbani (i contenitori stradali, di dimensioni elevate, per l indifferenziato, il cui utilizzo non è legato ad alcun numero civico particolare e quindi difficilmente controllabile, hanno agevolato ed incentivato i conferimenti impropri di rifiuti speciali anche pericolosi di origine industriale ed artigianale, nonché di inerti e macerie di origine civile); 4) il circuito di raccolta ha assunto i connotati di un sistema a partecipazione volontaria ; molto materiale recuperabile veniva in realtà inserito nel rifiuto residuo impedendone una sostanziale riduzione; 5) l indice di purezza del materiale raccolto era scarso e quindi è stato difficile collocarlo sul mercato del recupero; 6) si sono verificati conferimenti abusivi intorno ai contenitori, mal sopportati dagli utenti/cittadini, che richiedevano un capillare servizio di pulizia. Art. 3 Obiettivi: implementazione di una nuova metodologia di raccolta In relazione alle considerazioni sopra esposte la metodologia tradizionale utilizzata, pur essendo stata un importante base di partenza, non può rispondere alle attuali esigenze di riduzione della produzione dei rifiuti e degli impatti ambientali. La volontà del Comune è di passare ad un sistema di raccolta Porta a Porta sulla totalità del territorio comunale con l intercettazione di tutte le frazioni: vale a dire un servizio di raccolta con prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso. Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 3

4 Il passaggio da una struttura di conferimento anonima ad una raccolta domiciliarizzata tramite l assegnazione dei manufatti alle singole utenze è consigliabile ovunque possibile per: 1) responsabilizzare il cittadino/utente nella riduzione del conferimento dei rifiuti; 2) controllare la qualità del rifiuto differenziato ed ottenere elevate percentuali di differenziazione; 3) minimizzare i conferimenti in discarica; 4) modulare le volumetrie di raccolta in base alle effettive esigenze da parte delle utenze domestiche e delle attività commerciali/produttive; 5) evitare il conferimento improprio di alcune tipologie di rifiuti all interno dei contenitori incustoditi; 6) limitare i costi di manutenzione dei contenitori (lavaggi e disinfezioni periodiche nonché sostituzioni per atti di vandalismo) e limitare l impatto visivo in contesti storici come quelli del Comune di Canale Monterano; 7) adottare corretti sistemi di imposizione fiscale ai sensi del D.Lgs. 152/2006; 8) massimizzare i contributi CONAI. L obiettivo della stazione appaltante è quello di migliorare la percentuale della raccolta differenziata. La Ditta Aggiudicataria deve assicurare la migliore prestazione al fine di raggiungere una percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime: almeno il 50% entro la fine del primo anno almeno il 60% entro la fine del secondo anno Almeno il 65% entro la fgine del terzo anno Nel caso in cui non siano raggiunte le predette percentuali minime saranno applicate le penalità di cui all art. 17 del CSA. Si evidenzia che il sistema proposto è stato dimensionato per mantenere almeno le percentuali di raccolta differenziata indicate. Ai fini del calcolo della percentuale minima è esclusa la frazione residuale indifferenziata. Viceversa nel calcolo si terrà conto delle altre frazioni merceologiche raccolte in modo differenziato. Art. 4 Servizi in appalto In attuazione della normativa vigente, il Comune di Canale Monterano provvederà alla gestione del Servizi di Igiene Urbana, come di seguito specificato, secondo i dettagli contemplati nel Capitolato Speciale d Appalto e nella presente Relazione Tecnica. Oggetto dell appalto è il complesso delle seguenti elencate prestazioni che l Amministrazione Comunale intende affidare ad una ditta specializzata esterna all Ente, di seguito denominata Ditta Aggiudicataria. Le prestazioni consistono in: Raccolta rifiuti solidi urbani e assimilati SERVIZI Raccolta differenziata della frazione organica dei RSU Raccolta differenziata delle frazioni di carta e cartone Raccolta differenziata degli imballaggi in plastica Raccolta differenziata degli imballaggi in vetro, alluminio e banda stagnata Raccolta della frazione indifferenziata Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 4

5 Raccolta differenziata del verde domiciliare Raccolta rifiuti ingombranti Raccolta differenziata di pile e farmaci scaduti, Raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti abbandonati sul territorio comunale, Bonifica di aree publiche Gestione del Centro di Raccolta Comunale Spazzamento manuale e meccanizzato Sgombero neve e spargimento sale Pulizia fontane e lavatoi Gestione del verde pubblico Attività all interno del Cimitero comunale Tabella 1: Servizi in appalto Si specifica che, per i primi due mesi dalla consegna dei servizi, la Ditta Aggiudicataria è tenuta a rispettare le attuali modalità e tempistiche di svolgimento del servizio di igiene urbana che verrà retribuito al costo attualmente in vigore. Le ditte concorrenti, ai sensi dell art. 11 del Disciplinare di gara, possono visionare il contratto di appalto recante la tipologia, le modalità di svolgimento e le condizioni economiche dell attuale servizio di igiene urbana. Solo dal terzo mese, i servizi verranno svolti con le modalità descritte nel presente Capitolato e nella Relazione Tecnica. L'appaltatore dovrà garantire gli standards minimi di qualità dei servizi in oggetto, previsti nella presente Relazione Tecnica. L Amministrazione si riserva di variare in qualsiasi momenti tipologia, modalità e tempistica dei servizi. Vengono adottate le seguenti definizioni nella descrizione del sistema di raccolta: A. Frazione umida dei RU o Frazione organica : materiali putrescibili ad alto tasso di umidità presenti nei rifiuti urbani (quali, a titolo di esempio: scarti alimentari di cucina, bucce, torsoli, noccioli, gusci d uovo, pasta, pane, fondi di caffé, riso, granaglie, thé, semi, fiori secchi, ecc.) e, come tali, suscettibili di trasformazione in compost per il reimpiego in attività agronomiche; B. Rifiuto indifferenziato o Frazione residua : materiali a minore tasso di umidità, aventi di norma possibilità di ulteriore separazione a valle in tre frazioni principali: una frazione ad alto potere calorifico (quali, a titolo di esempio: imballi non recuperabili, cartoni del latte, carta oleata, film plastici, pannolini ecc.), una frazione organica residua da stabilizzare per utilizzi alternativi allo smaltimento in discarica (ad esempio ripristini ambientali, terreni di ricopertura di discariche ecc.) ed infine una frazione di materiali inerti da smaltire in discarica (ad esempio stoviglie rotte, detriti ecc.); C. Raccolta differenziata: raccolta di rifiuti per frazioni merceologiche omogenee effettuata con mezzi che ne impediscono il mescolamento con altre frazioni; D. Rifiuti verdi: sfalci, potature e fogliame derivanti dalle potature dalle operazioni di Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 5

6 manutenzione del verde pubblico e privato; E. Vetro: contenitori di vetro di qualunque colore utilizzati per il contenimento di sostanze alimentari e non, purché non tossiche; F. Lattine: contenitori in alluminio utilizzate per il contenimento di alimenti e bevande; G. Carta: giornali, riviste, libri, carta utilizzata da uffici, sia privati che pubblici, e cartone (sono esclusi tutti i tipi di carta accoppiata ad altri materiali, ad esempio carte plastiche, tetrapak, ecc.); H. Plastica: contenitori/imballaggi per liquidi in plastica indicati all art. 9 quater della legge n 457/1998 (contenitori per alimenti e bevande in PE, PVC e PET). In particolare i contenitori di plastica per liquidi da recuperare sono tutti i contenitori sigillati che hanno contenuto liquidi di qualunque natura: alimentari o meno, acqua minerale, bevande gassate e non, vino, latte, olio alimentare, detersivi, profumo, alcool, ecc.; I. Rifiuti ingombranti: beni durevoli di consumo, di arredamento e/o di uso comune derivati dalla loro sostituzione e/o rinnovo; J. Raccolta domiciliare: servizio di raccolta con prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso. Il ritiro del materiale avviene presso il numero civico dell utente, il quale conferisce il materiale in contenitori (sacchi e/o bidoncini), che vengono collocati all esterno della proprietà in giorni stabiliti; K. Raccolta con contenitori stradali: servizio di prelievo dei rifiuti presso postazioni non immediatamente prossime al luogo di produzione degli stessi, con l utilizzo di particolari contenitori (campane per il vetro, cassonetti per la plastica, cassonetti per rifiuti indifferenziati, contenitori per batterie o per farmaci scaduti); L. Raccolta monomateriale: modalità di raccolta che prevede un servizio di ritiro separato di una sola frazione di rifiuto, ad esempio la raccolta della carta presso utenze domestiche o commerciali; M. Raccolta multimateriale: servizio di raccolta che prevede il conferimento contemporaneo di diverse tipologie di rifiuto in un unico contenitore di diverse frazioni di rifiuto recuperabile e che prevede una successiva operazione di separazione prima dell invio a recupero di materiali raccolti. Ad oggi, sono soprattutto sviluppate le raccolte: -multimateriale leggera che prevede la raccolta mediante sacco in plastica di contenitori per i liquidi in plastica, lattine in alluminio e in banda stagnata; - multimateriale pesante che prevede generalmente la raccolta mediante contenitori stradali per imballaggi in vetro, in alluminio e in banda stagnata; N. Isole ecologiche non sorvegliate: aree attrezzate distribuite sul territorio, destinate al conferimento diretto da parte dell utenza di singole frazioni di rifiuti in contenitori su fronte stradale da lt per le varie frazioni ad eccezione del vetro raccolto con contenitori carrellati da lt. 360; O. Isole ecologiche: anche denominate Centri di Raccolta Comunali, Ecocentri, Stazioni di conferimento: aree attrezzate e sorvegliate destinate al conferimento diretto, da parte delle varie utenze, delle frazioni di rifiuto riciclabili, nonché al loro stoccaggio; P. Piattaforme di secondo livello: aree attrezzate destinate al conferimento da parte dei Comuni o delle ditte delegate dai Comuni, delle frazioni di rifiuti riciclabili, per lo stoccaggio, la selezione (attraverso tecnologie semi-automatiche) sino alla cessione a terzi di singole frazioni merceologiche; Q. Raccolta integrata: sistema di raccolta differenziata che interviene all interno del sistema di raccolta ordinaria e ne modifica le caratteristiche. Un esempio è la domiciliarizzazione delle raccolte delle frazioni di rifiuto recuperabili più significative (carta, organico) accoppiate a quelle del secco residuo, per il quale vengono modificate le frequenze e a volte anche le modalità di raccolta; R. Compostaggio domestico: tecnica attraverso la quale, in ambito domestico (in giardino/orto, o più raramente in balcone) viene controllato, accelerato e migliorato il processo naturale cui va Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 6

7 incontro qualsiasi sostanza organica allo scopo di ottenere un prodotto a base di humus da riutilizzare direttamente nelle attività domestiche quali orticoltura, floricoltura e giardinaggio hobbistico; S. Ecopunti: punti di conferimento allestiti con contenitori stradali per pile e farmaci scaduti; T. Villini: tutte le unità abitative presenti all esterno del centro urbano. Il confine tra il centro urbano e la zona esterna definita villini è desumibile dalla planimetria del territorio comunale visionabile, insieme agli altri documenti di gara, presso l Ufficio Tecnico, ai sensi dell art. 11 del Disciplinare di gara. Art. 5 Il sistema di raccolta: descrizione L Amministrazione comunale ha deciso di implementare un sistema di raccolta domiciliare dei rifiuti del tipo Porta a Porta, su tutto il territorio comunale, sia per le utenze domestiche che per quelle non domestiche. La raccolta avviene mediante prelievo del rifiuto direttamente presso i luoghi di produzione dello stesso. Il ritiro del materiale avviene presso il numero civico dell utente, il quale conferisce il materiale in sacchi posizionati all interno di contenitori (bidoncini), che vengono collocati all esterno della proprietà in giorni ed orari stabiliti secondo il calendario di conferimento. L utente sarà fornito di buste e contenitori di colore diverso a seconda della frazione merceologica da conferire. L Amministrazione comunale ha, inoltre, deciso di implementare, nel tempo, un sistema che consenta l attribuzione dei manufatti agli utenti finalizzato alla quantificazione dei rifiuti conferiti. Pertanto sui manufatti per la raccolta potrannno essere apposti o codici a barre o tranponder identificativi o simili che consentiranno l attribuzione puntuale del manufatto all utente. La Ditta Aggiudicataria dovrà, una volta che il sistema sarà predisposto, provvedere alla lettura dei codici a barre o simili tramite degli strumenti di lettura, che verranno forniti dal Comune di Canale Monterano alla Ditta Aggiudicataria in comodato d uso. Il sistema consente un attribuzione puntuale della busta all utente e nel tempo si procederà a quantificare la produzione di rifiuti prodotti dai singoli utenti. Gli operatori della Ditta effettueranno la lettura dei codici ogni volta che provvedono al prelievo dei manufatti. La busta dovrà essere conferita chiusa, all interno di un contenitore. Gli utenti saranno dotati di più contenitori: un mastello dedicato esclusivamente a contenere le buste per la raccolta dell organico ed altri in cui verranno posizionate, a seconda dei giorni di conferimento, alternativamente le altre frazioni merceologiche. I manufatti saranno conferiti la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. Gli utenti sono obbligati ad utilizzare solo ed esclusivamente le buste e i contenitori dedicati alla raccolta, seguendo fedelmente il calendario di conferimento. Gli operatori ecologici non dovranno raccogliere rifiuti conferiti in buste e contenitori non dedicati. E obbligo della Ditta Aggiudicataria conferire tutti i rifiuti raccolti presso gli impianti di recupero e/o smaltimento finali, individuati ai sensi dell art. 11 del Capitolato Speciale d Appalto. Tutti gli utenti possono conferire le frazioni merceologiche dei RSU anche nel sito, in Località Fienilessa che sarà destinato a Centro di Raccolta Comunale. Saranno inoltre posizionati sul territorio degli Ecopunti: punti di conferimento allestiti con contenitori per pile e farmaci scaduti. La Ditta Aggiudicataria per i primi due mesi è tenuta a svolgere il servizio così come svolto ora con cassonetti stradali e al prezzo ora in vigore. Solo a partire dal terzo mese in poi è tenuta a seguire le indicazione della presente Relazione Tecnica. Tanto premesso si specifica che è obbligo della Ditta Aggiudicataria rimuovere, prima dell inizio del servizio così come descritto nella presente Relazione Tecnica, tutti i cassonetti stradali attualmente sparsi sul territorio comunale, e distribuire, secondo le tempistiche concordate con l Ufficio Tecnico, le nuove attrezzature per la raccolta porta a porta, acquistate dal Comune. Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 7

8 Art. 6 Segue: i rifiuti indifferenziati Tale frazione è costituita da rifiuti secchi non recuperabili. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche (negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste della capacità di lt. 70 di colore GRIGIO. La busta dovrà essere conferita chiusa, all interno di un contenitore, al quale sarà applicato un sistema di chiusura antirandagismo di cui ogni contenitore sarà provvisto. I manufatti saranno conferiti la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. La raccolta avverrà due volte a settimana (2/7) nel centro urbano, una volta alla settimana (1/7) nei villini in orari compresi tra le ore e le ore o comunque in orari da fissare di concerto con l Amministrazione Comunale. Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni ai bidoni e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia e tempistica utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze commerciali di buste da lt 110 e l utilizzo e contenitori carrellati da lt. 120/360. La raccolta avverrà due volte a settimana (2/7). Rimane poi la possibilità per tutti gli utenti di conferire i rifiuti indifferenziati nelle batterie di cassonetti stradali posizionati presso il Centro di Raccolta Comunale. Verranno utilizzati numero 4 automezzi a vasca ribaltabile di media portata (tipo gasolone) e /o minicompattatori con trasbordo in numero 1 autocompattatore di grande portata e numero 6 operatori di cui 1 autista. Art. 7 Segue: la frazione organica Il servizio consiste nella raccolta della frazione organica dei rifiuti (FORSU), detta anche umido Essa rappresenta la frazione maggiore, in termini di percentuale, dei rifiuti da gestire e la sua raccolta in modo differenziato risulta strategica per l ottenimento di buoni risultati in termini di Raccolta Differenziata. Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste della capacità di almeno lt. 40 di colore MARRONE. La busta dovrà essere conferita chiusa, all interno di un mastello dedicato da lt. 20 o 40, al quale sarà applicato un sistema di chiusura antirandagismo di cui ogni contenitore sarà provvisto. Gli utenti sono obbligati ad utilizzare solo ed esclusivamente le buste dedicate alla raccolta. In particolare il mastello per la raccolta dell organico non potrà essere utilizzato per allocare buste contenenti altre frazioni merceologiche di rifiuti. Gli operatori ecologici non dovranno raccogliere rifiuti conferiti in buste e contenitori non dedicati. La busta sarà conferita la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. Il conferimento e quindi la raccolta avverrà tre volte a settimana (3/7) nel centro urbano e due volte alla settimana (2/7) nei villini in orari compresi tra le ore e le ore Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 8

9 Durante le operazioni di svuotamento la Ditta dovrà porre la massima cura per non arrecare danni al mastello e per non sporcare o lasciare residui di rifiuti sulle strade che, in ogni caso, dovranno essere immediatamente raccolti. L Amministrazione Comunale incentiva il compostaggio domestico attraverso l istituzione di un Albo Compostatori. Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze commerciali di manufatti di maggiori dimensioni. Le utenze commerciali produttrici di notevoli quantitativi di umido, quali fioristi, vivaisti, ristoranti, trattorie, pizzerie, pizzetterie, bar,ortofrutticoli e simili oltre agli istituti scolastici saranno dotati, a seconda delle esigenze, di contenitori di varia capacità fino a lt Il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. La raccolta presso le utenze non domestiche avverrà tre volte alla settimana(3/7), salvo nelle utenze dedicate (es. bar, ristoranti, mensa scolastica, fiorai, vivai etc etc) dove avverrà cinque volte alla settimana (5/7). Verranno utilizzati numero 4 automezzi a vasca ribaltabile di piccola portata (tipo gasolone) e/o minicompattatori con trasbordo in numero 1 autocompattatore di grande portata e numero 6 operatori di cui 1 autista. L Ente appaltante si riserva di avviare un progetto sperimentale, avente ad oggetto il compostaggio comunitario in compostiere messe a disposizione dal Comune. Qualora il progetto avesse successo in termini di percentuali di raccolta differenziata il sistema verrà definitivamente applicato modificando conseguentemente il sistema indicato nella presente Relazione Tecnica. A tal fine troverà applicazione l art. 2 del Capitolato Speciale d Appalto. Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa. Art. 8 Segue: la carta e il cartone Il servizio consiste nella raccolta di carta, cartone ed imballaggi (sono esclusi i poliaccoppiati benché sia presente materiale cellulosico, come ad es. il tetrapak, che vanno conferiti tra i rifiuti indifferenziati). Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche (negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con mastelli della capacità di lt. 50 di colore BIANCO. La raccolta avverrà una volta a settimana (1/7) nel centro urbano, una volta ogni due settimane nei villini (1/15) in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista, la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze commerciali di manufatti di maggiori dimensioni. La raccolta avverrà tre volte alla settimana (3/7) nelle utenze dedicate nelle altre una volta alla settimana 1/7. Le utenze commerciali si dovranno preoccupare di diminuire il più possibile il volume degli imballaggi in cartone, con utilizzo anche di spago per tenere legati i rifiuti medesimi, e di esporli poco tempo prima dell orario di raccolta. Al fine di organizzare in maniera efficiente il servizio, il Comune renderà disponibile alla Ditta Aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 9

10 Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune, saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa. Art. 9 Segue: gli imballaggi in plastica Il servizio consiste nella raccolta degli imballaggi in plastica (bottiglie di plastica per acqua minerale, flaconi per bagnoschiuma, detersivi, shampoo e simili; imballaggi in plastica con simboli PET, PE, PVC in genere non contaminati da sostanze pericolose e/o residui organici). Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con buste della capacità di lt. 70 di colore GIALLO. Il conferimento e quindi la raccolta avverrà una volta a settimana (1/7) nel centro urbano, una volta ogni due settimane nei villini (1/15) in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze commerciali di contenitori di maggiori dimensioni. La raccolta avverrà una volta alla settimana (1/7), e solo nelle utenze dedicate due volte alla settimana (2/7). A tale scopo il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Il calendario, gli orari di raccolta e le modalità di conferimento, concordate con il Comune saranno comunicate agli utenti a mezzo di apposita campagna informativa. Art. 10 Segue: il multimateriale pesante Il servizio, detto di raccolta multimateriale pesante, consiste nella raccolta degli imballaggi in vetro (bottiglie per acqua minerale, e barattoli e vasetti in vetro; bottiglie in vetro per acqua e liquidi in genere non pericolosi), imballaggi in alluminio e banda stagnata (barattoli, vasetti, lattine). Le utenze da servire saranno: 1. domestiche; 2. non domestiche ( negozi, associazioni, istituzioni, scuole, istituti bancari, attività produttive in genere). Per le utenze domestiche è previsto un sistema di raccolta domiciliare con mastelli della capacità di almeno lt. 50 di colore VERDE. Il mastello sarà conferito la mattina del giorno di raccolta, all esterno della propria abitazione, nell orario prefissato. Il conferimento e quindi la raccolta avverrà una volta a settimana (1/7) nel centro urbano, una volta ogni due settimane nei villini (1/15) in orari compresi tra le ore e le ore Per le utenze non domestiche è prevista la stessa metodologia utilizzata per le utenze domestiche raggiunte dal servizio domiciliare porta a porta, salvo l utilizzo da parte delle utenze commerciali di contenitori carrellati da lt La raccolta avverrà una volta alla settimana (1/7) e solo nelle utenze dedicate due volte alla settimana (2/7). A tale scopo il Comune renderà disponibile all azienda aggiudicataria, prima dell attivazione del servizio, un elenco degli operatori commerciali interessati, desunto dalla banca dati dell ufficio commercio. Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 10

11 Art. 11 Segue: il verde E attivato il servizio di raccolta domiciliare della frazione verde (sfalci del verde, fiori recisi etc etc) dei RSU. Tale servizio è attivato, per le sole utenze domestiche, su richiesta telefonica dei cittadini. Il verde domiciliare sarà raccolto nel centro urbano una volta ogni due settimane (1/15) e nei villini una volta alla settimana (1/7) su chiamata (preferibilmente di lunedì). Il servizio prevede l istituzione di un numero verde, gestito dalla Ditta Aggiudicataria, attraverso cui gli utenti potranno segnalare la loro esigenza di conferire la frazione verde dei RSU. Essi vengono raccolti dalla Ditta Aggiudicataria e conferiti ai siti di recupero e/o smaltimento finale che la stessa Amministrazione indicherà, nel rispetto della legislazione vigente, ed il relativo trasporto è compreso nel canone mensile. Qualora l utente non volesse attendere il giorno fissato per il ritiro, potrà conferire il rifiuto direttamente presso il Centro di Raccolta Comunale, in Località Fienilessa. Art. 12 Segue: i rifiuti ingombranti La raccolta riguarda le seguenti tipologie di rifiuto indicate a titolo esemplificativo: 1. RAEE; 2. divani, poltrone, sedie, materassi, beni durevoli in genere ecc. ecc. Tale servizio è attivato, per le sole utenze domestiche, su richiesta telefonica dei cittadini, con cadenza settimanale (1/7). Il servizio prevede l istituzione di un numero verde, gestito dalla Ditta Aggiudicataria, attraverso cui gli utenti potranno segnalare la loro esigenza di conferire i rifiuti ingombranti specificandone numero e tipologia. Il servizio prevede l utilizzo di un automezzo fornito, opzionalmente, di sponda idraulica. Qualora l utente non volesse attendere il giorno fissato per il ritiro, potrà conferire il rifiuto direttamente presso il Centro di Raccolta Comunale, in Località Fienilessa. Art. 13 Segue: pile e farmaci Il servizio consiste nella raccolta delle seguenti tipologie di rifiuti: - pile esauste; - prodotti farmaceutici scaduti o inutilizzati. Le caratteristiche di larga diffusione di tali tipologie di materiali, fa si che essi si prestino alla raccolta mediante appositi contenitori ubicati entro o nelle immediate vicinanze dei luoghi di vendita degli stessi. In particolare: a) contenitori, da lt. 20/40, per la raccolta delle pile esauste, ubicati presso negozi quali Tabaccherie e Ferramenta. Saranno inoltre posizionati contenitori per la raccolta presso altri Ecopunti. b) contenitori da lt.120 per la raccolta dei farmaci scaduti o inutilizzati posizionati nelle Farmacie. Il conferimento da parte degli utenti potrà avvenire in qualsiasi momento ma il servizio di raccolta dovrà avvenire con la frequenza minima di un giorno al mese (1/30). L automezzo utilizzato dalla Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere allo svuotamento o al ricambio dei contenitori oggetto del servizio. Art. 14 Riepilogo RACCOLTA UTENZE DOMESTICHE CENTRO URBANO VILLINI Organico 3/7 2/7 Carta 1/7 0,5/7 Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 11

12 Plastica 1/7 0,5/7 Vetro Barattolame 1/7 0,5/7 Indifferenziato 2/7 1/7 Verde 1/15 (su chiamata) 1/7 (su chiamata) Ingombranti 1/7 (su chiamata) 1/7 (su chiamata) Tabella 2: Frequenza di raccolta nelle utenze domestiche RACCOLTA UTENZE NON DOMESTICHE UTENZE NON DOMESTICHE UTENZE NON DOMESTICHE DEDICATE Organico 3/7 5/7 Carta 1/7 3/7 Plastica 1/7 2/7 Vetro Barattolame 1/7 2/7 Indifferenziato 2/7 2/7 Pile e farmaci 1/30 raccolta presso Ecopunti Tabella 3: Frequenza di raccolta nelle utenze non domestiche Si indicano, di seguito, le utenze non domestiche dedicate : Bar, attività di ristoro, alberghi e supermercati: vetro, organico, plastica, indifferenziato Esercizi commerciali di generi alimentari (ortofrutta) e fiorai:organico indifferenziato Esercizi commerciali di generi non alimentari: indifferenziato e cartoni Attività ricreative (circoli, impianto sportivo, e sale giochi): indifferenziato, vetro e plastica Scuole: vetro e barattolame, plastica,carta indifferenziato se scuole con mensa anche organico Studi professionali ed agenzie: indifferenziato e carta Grandi uffici pubblici (posta, inps, asl): vetro e barattolame, plastica,carta indifferenziato Art. 15 Modalità di erogazione degli altri servizi: raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti abbandonati sul territorio comunale; bonifica di aree pubbliche oggetto di scarichi abusivi di rifiuti Sono previste le seguenti tipologie di servizio: 1. interventi, entro 24 ore dalla segnalazione dell ufficio comunale competente, di pronto intervento (sversamenti abusivi ed accidentali di rifiuti) e rimozione dei rifiuti abbandonati sul territorio comunale ed in particolare nelle aree degradate e trasporto agli impianti di smaltimento finali; tale servizio verrà effettuato su segnalazione dell ufficio comunale competente e si provvederà alla rimozione entro 48 ore di tutti gli scarichi; 2. interventi puntuali di bonifica da svolgersi in numero minimo di 6 all anno; per bonifica di aree pubbliche si intende l impiego di mezzi necessari (pale caricatrici, autocarri, ecc) per il carico ed il trasporto c/o impianto autorizzato allo smaltimento dei materiali abbandonati su suolo pubblico; Si precisa che il servizio, di cui ai punti sub 1 a 2, è comprensivo del trasporto dei rifiuti raccolti ai siti di conferimento finali di smaltimento, il cui costo, a carico della Ditta, è compreso nel prezzo. Gli oneri di smaltimento sono, invece, a carico del Comune. Trova applicazione l art. 11 del Capitolato Speciale d Appalto. In funzione della tipologia di rifiuto da rimuovere si distingue: - se si tratta di rifiuti urbani e/o assimilati fino a 30 mc l intervento verrà eseguito con i normali mezzi in dotazione senza costi aggiuntivi per l Ente appaltante; Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 12

13 - se si tratta di rifiuti urbani e/o assimilati sopra i 30 mc e/o rifiuti speciali, pericolosi e non, l intervento avverrà con i mezzi ritenuti necessari con un costo aggiuntivo, da quantificare di volta in volta di concerto con l Amministrazione Comunale, e con l ausilio, eventualmente, di altra Ditta autorizzata. Art. 16 Centro di Raccolta Comunale L isola ecologica, in Località Fienilessa, sarà adibita a Centro Comunale di Raccolta, dei vari materiali da conferire direttamente nei diversi containers messi a disposizione dall Amministrazione Comunale di Canale Monterano, ciascuno destinato alla ricezione di uno specifico rifiuto. Potranno essere conferiti presso l'isola Ecologica gli ingombranti (materassi, divani, mobilia), i RAEE, i cartoni, il vetro, la plastica, le lattine, il ferro e i materiali ferrosi, il vetro in lastre, le pile e i medicinali scaduti, pneumatici, materiali inerti e da costruzionedemolizione(in modeste quantità), bombole di gas, batterie delle auto, contenitori etichettati "T" e/o "F" (vernici, solventi, combustibili, etc.) e sanitari,olio vegetale(frittura), olio minerale(olio motore - idraulico). Più in generale potranno essere conferiti tutti i rifiuti indicati dal DM 8 aprile 2008 così come integrato dal DM 13 maggio La Ditta Aggiudicataria è tenuta, oltre alla gestione in ingresso ed uscita dei rifiuti conferiti, al trasporto degli stessi presso gli impianti di recupero e/o smaltimento, così come individuati ai sensi dell art. 11 del Capitolato Speciale d Appalto ed il relativo costo è già compreso nell importo a base gara. I cittadini potranno accedere all isola ecologica solo se provvisti di idoneo tesserino di riconoscimento, distribuito dal Comune, e di un valido documento di riconoscimento. L Isola Ecologica sarà utilizzata, dalla Ditta Aggiudicataria anche come centro di movimentazione rifiuti. E possibile inoltre che il Centro diventi centro di raccolta sovra comunale. In tal caso la Ditta Aggiudicataria è tenuta al rispetto del regolamento e alla eventuale convivenza con altri operatori. Il Comune intende usufruire del servizio del Centro di Coordinamento dei RAEE, in tal caso la ditta aggiudicataria è tenuta all iscrizione al Centro di Coordinamento dei RAEE come sottoscrittore per conto del Comune. Il servizio verrà effettuato con orari stabiliti ad insindacabile giudizio dell Amministrazione Comunale. Essa, comunque, sarà aperta sei giorni alla settimana: per cinque giorni alla settimana sarà aperta per tre ore, e, per un giorno alla settimana per cinque ore. Per servizio di gestione della piattaforma ecologica si intende inoltre: apertura e chiusura della piattaforma; effettuazione periodica della pulizia delle superfici pavimentate presenti all interno del perimetro della piattaforma; sfalcio delle aree a verde (almeno 3 volte/anno) e potatura delle siepi (1 volta/anno) di cui è dotata la piattaforma; pulizia delle aree (sia pavimentate che non pavimentate) esterne al cancello d accesso o alla recinzione della piattaforma; organizzazione dei flussi di materiale; controllo sulla natura, quantità, provenienza dei materiali conferiti dall'utenza; accettazione del materiale conferito dall utenza, che deve essere subordinata al controllo di cui al punto precedente; il diritto al conferimento potrà essere provato anche dietro consegna di buoni/talloncini rilasciati all utente dall Ufficio Tecnico Comunale o da altro ufficio a ciò preposto, ad insindacabile giudizio dell Amministrazione Comunale; la Appaltatrice in tale caso è tenuta al ritiro ed alla conservazione del buono/talloncino presso l ufficio della piattaforma ecologica; assistenza dell'utenza nella fase di conferimento; Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 13

14 eventuale cernita di alcune frazioni o piccolo smontaggio al fine di avviare al riciclaggio il massimo quantitativo possibile di materiale; vigilanza affinchè negli orari di effettuazione del servizio non venga asportato dalla piattaforma ecologica, ad opera di soggetti non aventi titoli, nessun materiale stoccatovi; compilazione dei formulari d identificazione; tenuta dei registri di carico e scarico, che, integrati con la prima e quarta copia dei formulari di identificazione, dovranno essere conservati presso la piattaforma ecologica. La Ditta Aggiudicataria inoltre: dovrà accettare variazioni che, per legge o volontà amministrativa, verranno apportate riguardo alle tipologie dei materiali raccolti presso la piattaforma, garantendone l integrale gestione; deve provvedere alla fornitura, manutenzione e sostituzione della cartellonistica atta ad informare l utente sulle modalità di conferimento dei materiali, nonché la cartellonistica antinfortunistica riguardante l edificio ed i macchinari presenti, previsti dalla normativa vigente; sarà ritenuta responsabile per eventuali danni a persone o cose dovuti alla movimentazione all interno della piattaforma ecologica durante gli orari di apertura o durante lo svuotamento dei cassoni, che avverrà sempre a cura della Appaltatrice. dovrà provvedere ad effettuare la pesatura di tutti i rifiuti in uscita dalla piattaforma ecologica ed a trasmettere mensilmente i dati relativi all Amministrazione Comunale. Art. 17 Spazzamento Il servizio prevede lo spazzamento dell intero territorio comunale, manuale e/o meccanizzato. Lo spazzamento meccanizzato dovrà essere effettuato con n 1 autospazzatrice aspirante di mc. 4 o da mc.6. Il servizio prevede lo svuotamento dei cestini portarifiuti installati nel perimetro urbano ed il ricambio dei sacchi forniti dal Comune, negli orari e nei giorni in cui sarà effettuato lo spazzamento. Le buste ripiene di rifiuti dovranno essere portate presso l Isola ecologica. Lo Spazzamento manuale va fatto quotidianamente (e in aggiunta lo spazzamento meccanizzato quotidiano da settembre a dicembre) nelle strade di seguito indicate: FRAZIONE CANALE 1. Corso della Repubblica (fino alla curva destra Via Manziana) 2. Vicolo Osciale 3. P. zza del Campo 4. Via Cavalieri di Vittorio Veneto 5. Piazza Mazzini 6. Piazza De Mattias 7. Via Omobono 8. Piazza della Carraiola FRAZIONE MONTEVIRGINIO 1. (50 metri di) Via Montesassano 2. Piazza S. Egidio 3. Via dei Tinelli 4. Via Santi 5. Via Virginio Orsini 6. Via Olmata (solo tratto pavimentato) 7. Piazza dell Oca Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 14

15 SPAZZAMENTO MECCANIZZATO OGNI 15 GG (da novembre ad aprile; ogni 7 gg da maggio a ottobre causa caduta foglie) FRAZIONE CANALE 1. Via Montevirginio 2. P.zza Carraiola 3. Via dei Butteri 4. Via Monterano (fino alle Case Nuove) 5. P,zza Caduti di Nassirya 6. P.zzetta Case Nuove 7. Via dei Monti 8. Via dei Brani 9. Via Guglielmo Marconi FRAZIONE MONTEVIRGINIO 1. Via Garibaldi 2. Via XXV Aprile 3. Via Matteotti 4. Via Oriolo Romano 5. Via Oriolo fino a Via Garibaldi Dopo il mercato, che si svolge settimanalmente a Piazza della Carraiola, cioè ( 1/7) una volta alla settimana va fatto lo spazzamento e rimozione rifiuti di tutta l area mercatale È escluso dal servizio richiesto la rimozione di carogne animali che possono trovarsi sulla sede stradale. In caso di rilievo di carogne animali l operatore che nell area di lavoro dovesse accertarne la presenza ha l obbligo di comunicare immediatamente al responsabile del servizio la presenza, in modo da attivare la procedura di legge. Nei servizi di spazzamento sono incluse anche le seguenti attività: - pulizia di aree e spazi soggetti a pubblico transito; - raccolta di qualsiasi rifiuto, ivi compresi i vari detriti delle più piccole dimensioni, prodotti dagli utenti e/o da agenti naturali, quali cartacce, escrementi animali e detriti vari; questa tipologia di servizio è rivolta oltre che ai rifiuti ricorrenti a quelli casuali ed eccezionali; - raccolta vetro e lattine per liquidi abbandonati su suolo pubblico e conferimento degli stessi entro appositi contenitori per la raccolta differenziata; - raccolta dei rifiuti nelle aree verdi e/o ad uso pubblico (aiuole, giardini,fontane, parchi pubblici ecc.); - raccolta foglie: viene effettuata nell'ambito dello spazzamento; - raccolta delle siringhe: operando con apposita attrezzatura dovranno essere raccolte le siringhe abbandonate sul suolo pubblico o ad uso pubblico, tramite speciali attrezzi e contenitori a perdere e con frequenza giornaliera; - pulizia dei residui o rifiuti risultanti a seguito di incidenti stradali, manifestazioni sportive e folcloristiche; - pulizia esterna delle caditoie intesa come pulizia delle griglie. La Ditta si impegna a svolgere due giornate ecologiche all anno dove svolgerà una pulizia straordinaria o comunque una raccolta di rifiuti straordinaria nel paese da stabilire col Comune. In particolare dopo tutte le Feste del Paese a titolo esemplificativo e non tassativo si indicano la processione a Canale e quella a Montevirginio per il Corpus Domini, la Festa del Bigonzo e quella di S. Antonio deve provvedere allo spazzamento alla pulizia e alla rimozione dei rifiuti. Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 15

16 Art. 18 Sgombero neve e spargimento sale Il servizio di spazzamento comprende anche lo sgombero neve; in caso di nevicate tutto il personale addetto al servizio di spazzamento stradale verrà adibito, con gli attrezzi necessari, alla spalatura e allo sgombero delle strade del territorio comunale, secondo le disposizioni impartite dal Comune, e secondo il Piano di emergenza neve del Comune. Il personale addetto al servizio di raccolta verrà messo a disposizione per lo spalamento e sgombero neve solo nel caso che il servizio cui è addetto non possa essere svolto causa la nevicata. Il sale verrà fornito dal Comune di Canale Monterano. Art. 19 Gestione del verde pubblico Il servizio di manutenzione del verde pubblico comprende la manutenzione, nonchè la pulizia, completa di tutte le aree verdi pubbliche (giardini e aiuole) che saranno indicate dall Ufficio Tecnico. Per tutte le aree dovranno essere previste un minimo di n 12 tagli annui da decidere con l Ufficio tecnico e tutte le operazioni opzionali come concimazione dei terreni e piantumazione di fiori e piccole piante stagionali (il cui acquisto sarà a carico dell Amministrazione Comunale) come richiesto dall ufficio competente il quale provvederà a dettare precise indicazioni in merito. E previsto il servizio di diserbo stradale, che sarà effettuato solo sulle strade dello spazzamento che comprende: 1. sfalcio delle aree comunali incolte, 8 volte l anno, limitrofe alle strade fino ad una profondità di 3 mt.(dal marciapiede) o 5 mt. (dal limite della carreggiata); 2. monitoraggio continuativo e eliminazione delle erbe infestanti su tutta la rete stradale comunale ed i tratti interni ai centri abitati. Tutto il rifiuto organico raccolto sarà canalizzato in modo corretto utilizzando il contenitore dedicato alla raccolta differenziata dell umido presente nell Isola ecologica In ogni caso, durante il servizio, non dovranno mai essere utilizzati prodotti chimici, ma detergenti adeguati, possibilmente di tipo naturale o biodegradabile, in ogni caso non pericolosi per l inquinamento delle falde acquifere o di maggiore aggravio per la depurazione della rete fognaria. Art. 20 Manutenzione e pulizia lavatoi e fontane Il servizio di pulizia delle fontane e lavatoi pubblici deve essere svolto con le cadenza indicate:: Fontane: pulizia (2/7) due volte alla settimana: 1. Fontana Bernini a P.zza del Campo 2. P.zza S. Egidio Lavatoi pulizia completa due volte (2/365) all anno: 1. Piana 2. Ghetto (Linfadoro) 1. Piazza della Carraiola 2. Via del Fico 3. Via Montesassano In tutte le fasi di spazzamento manuale e meccanizzato, devono essere asportati tutti i rifiuti che in qualsiasi modo possono ostacolare il regolare deflusso delle acque, in particolare in corrispondenza delle griglie per le caditoie stradali. Il servizio sarà effettuato in modo tale da fare in modo che tutte le caditoie collegate alle fontane e le fontane stesse siano efficienti e funzionali, ripulite da qualsiasi rifiuto occasionale e speciale non pericoloso. Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 16

17 Art. 21 Attività all interno del Cimitero Comunale Il servizio comprende operazioni di apertura e chiusura del cimitero e custodia dello stesso secondo l orario indicato dall Ufficio Tecnico. E compreso il servizio quotidiano di spazzamento e pulizia delle strade e aree pavimentate all interno del Cimitero comunale, compresa l asportazione residuo lapidi e marmi, lo svuotamento dei cestini portarifiuti sei giorni alla settimana, la raccolta delle composizioni floreali. E compreso la pulizia e la gestione delle aree verdi del cimitero, secondo le tempistich dell art. 19 della presenre Relazione Tecnica: taglio siepi, cura delle piante e degli alberi con piantumazioni, la pulizia quotidiana dell edificio cimiteriale e dei bagni pubblici. E compreso la pulizia e il controllo delle fontanelle e in generale la pulizia e il decoro di tutto il cimitero. E compreso anche l assistenza alle tumulazioni. Art. 22 Attrezzature impiegate La Ditta Aggiudicataria deve utilizzare le attrezzature acquistate dal Comune di Canale Monterano e che essa stessa provvederà a distribuire, senza alcun compenso aggiuntivo. Qualora ci fosse la necessità di distribuire attrezzature nuove e/o sostituire quelle usurate o smarrite acquistate dall Amministrazione Comunale, la Ditta provvederà a farlo, senza oneri aggiuntivi per la stazione appaltante, durante il giro di raccolta. Lo stesso accadrà nell ipotesi in cui l Amministrazione Comunale debba distribuire materiale informativo, senza che ciò comporti alcun onere aggiuntivo per l Amministrazione Comunale. E compito della Ditta provvedere al lavaggio dei contenitori presso gli Ecopunti e di quelli nell isola ecologica almeno tre volte all anno. Le attrezzature dovranno essere, per l intera durata dell appalto, in perfetto stato d efficienza tecnica ed estetica. Inoltre la Ditta Aggiudicataria dovrà provvedere alla sostituzione, secondo tempistiche dettate dalle case produttrici e/o fornitrici, dei biofiltri, parti integranti dei carrellati per la raccolta della frazione organica. L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di apportare, previa comunicazione alla Ditta Aggiudicataria, variazioni alla collocazione, alla tipologia e al numero delle attrezzature rimanendo fissa ed invariabile la modalità di raccolta porta a porta di cui al Capitolato Speciale d Appalto ed alla Relazione Tecnica. Art. 23 Automezzi impiegati Per lo svolgimento dei servizi di raccolta RSU indicati nella presente Relazione Tecnica verranno utilizzati almeno numero 5 automezzi: di cui almeno un compattatore da 27 mc, e 4 tra minicompattatori, gasoloni/porter e vaschette per la raccolta differenziata. Sono previsti 6 operatori di cui 1 autista. Per lo spazzamento è previsto un operatore ed una spazzatrice. Per la gestione dell isola ecologica è previsto almeno un operatore. Per il trasporto dei rifiuti dal Centro di Raccolta Comunale ai siti di conferimento finali, la Ditta Aggiudicaaria utilizzerà i mezzi che ritiene più opportuni. La flotta veicoli, le attrezzature, le apparecchiature, i rotabili, i Dispositivi di Protezione Individuale, previsti nella presente Relazione Tecnica dovranno essere in perfetto stato di manutenzione e rispondenti alle normative UE e ai requisiti di sicurezza vigenti. I mezzi dovranno essere tenuti in ordine ed efficienza ed essere sottoposti con esito positivo alle revisioni periodiche. Tutti i mezzi dovranno inoltre essere tenuti, per tutta la durata dell appalto, in perfetta efficienza e coloritura, sostituendo quelli che per uso o avaria fossero deteriorati. Nel caso di guasto di un Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 17

18 mezzo la Ditta dovrà provvedere alla sostituzione immediata, e solo nei casi di somma urgenza o di forza maggiore, potrà essere tollerato l'uso temporaneo, limitato allo stretto necessario, di ripieghi con mezzi meno idonei per assicurare la continuità del servizio. La Ditta Aggiudicataria è libera di utilizzare, nel rispetto dei requisiti minimi prestazionali riportati negli articoli precedenti, i mezzi che reputerà più idonei e convenienti allo svolgimento dei servizi in oggetto, tenendo presente la tipologia delle attrezzature, le tempistiche e il calendario di conferimento. All interno del centro storico è previsto esclusivamente l utilizzo di mezzi medio-piccoli. La Ditta avrà l onere di ubicare il suo cantiere di rimessaggio e stoccaggio delle attrezzature sul territorio del Comune di Canale Monterano o in un raggio di azione di 10 km. Art. 24 Orario dei servizi I servizi indicativamente saranno svolti dalle 6.00 alle Tutti gli orari e i giorni (ferma restando le frequenze individuate) dei servizi compresi nella presente Relazione Tecnica possono essere modificati. Essi saranno concordati tra l Amministrazione Comunale e la Ditta Aggiudicataria. Il Comune si riserva comunque la facoltà di variare tali orari a seconda della stagione e delle esigenze della città, nell ambito del normale orario diurno previsto dalle alle Ove si riscontrasse da parte dell Amministrazione Comunale la necessità di istituire dei turni di servizio notturno se ne riconoscerà il relativo maggior onere. Nei giorni di Natale e Capodanno i servizi saranno sospesi salvo che nel centro storico. La raccolta dei rifiuti dovrà pertanto essere garantita, anticipandola alla serata del 24 e del 31 dicembre. Canale Monterano, 12/04/2010 Il Responsabile del Procedimento arch. Daniela Sgriscia Responsabile del Procedimento: arch. Daniela SGRISCIA 18

COMUNE di CANALE MONTERANO. (Provincia di Roma)

COMUNE di CANALE MONTERANO. (Provincia di Roma) COMUNE di CANALE MONTERANO (Provincia di Roma) Servizio di Igiene urbana RELAZIONE TECNICA Responsabile Unico del Procedimento: Geom. Angelo Marani INDICE Art. 1 Inquadramento territoriale ed urbanistico

Dettagli

COMUNE DI FABRICA DI ROMA

COMUNE DI FABRICA DI ROMA COMUNE DI FABRICA DI ROMA (Provincia di Viterbo) UFFICIO TECNICO APPALTO DEI SERVIZI INTEGRATI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA E TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI DISCIPLINARE TECNICO SINDACO Mario Scarnati Progetto

Dettagli

Progettazione per l affidamento dei servizi di igiene urbana del Comune di Carbognano. Relazione tecnica di progetto

Progettazione per l affidamento dei servizi di igiene urbana del Comune di Carbognano. Relazione tecnica di progetto Progettazione per l affidamento dei servizi di igiene urbana del Comune di Carbognano Relazione tecnica di progetto 1 INDICE: Inquadramento territoriale ed urbanistico Analisi dello stato di fatto Obiettivi:

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA (Provincia di Roma)

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA (Provincia di Roma) COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA (Provincia di Roma) SETTORE VI - AREA TECNICA Contratto misto di servizi e forniture: Servizio di Igiene Urbana, servizi accessori e fornitura di contenitori per la raccolta

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo 1 Servizi in appalto I servizi oggetto dell appalto consistono nell espletamento, da parte dell appaltatore, secondo le modalità

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

C O M U N E D I V O L L A

C O M U N E D I V O L L A C O M U N E D I V O L L A P R O V I N C I A D I N A P O L I - IV SETTORE - Appalto: per il Servizio di spazzamento e raccolta differenziata integrata con il sistema porta a porta Piano industriale per

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO ELENCO DEI SERVIZI 1. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI 2. RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI RESIDUALI 3. RACCOLTA STRADALE E TRASPORTO VETRO 4. RACCOLTA

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

II Settore. GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA. campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata

II Settore. GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA. campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata II Settore GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata CAMPAGNA PROMOZIONALE PESCHICI PULITA LETTERA INVITO AI CITTADINI Cari Cittadini, II Settore questa

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI

APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI COMUNE DI SENNORI PROVINCIA DI SASSARI APPALTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA E COMPLEMENTARI ANALISI ECONOMICA Responsabile dell Area Tecnica Dott. Ing. Pier Giovanni Melis Il

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

Quartiere Valle di Vado

Quartiere Valle di Vado carta, cartone e cartoncino: raccolta porta a porta il venerdì vetro e scatolame: campane verdi stradali plastica: raccolta porta a porta il giovedì abiti usati: contenitori stradali o presso la piattaforma

Dettagli

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA www.provincia.roma.it Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA Comune di Cave Ufficio Informazioni RD, Tel. 06 950 008 28 - www.comune.cave.rm.it La raccolta differenziata Necessità

Dettagli

2 novità GIUGNO 2011 - DICEMBRE 2012 I N D I F F E R E N Z I A T O F A L C DAL 1 GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE SOLFERINO

2 novità GIUGNO 2011 - DICEMBRE 2012 I N D I F F E R E N Z I A T O F A L C DAL 1 GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE SOLFERINO Città di SOLFERINO ecocale ndario GIUGNO 0 - DICEMBRE 0 novità per l ambiente DAL GIUGNO LA RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI SI ESTENDE I N D I F F E R E N Z I A T O S F A I L C SI ESTENDE IL PORTA A

Dettagli

RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI ROBBIO

RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI ROBBIO RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL PARTE LE RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DIRETTAMENTE A CASA TUA State comodi, veniamo noi! 2 C.L.I.R. è lieta di presentarvi il suo TESTIMONIAL... 3

Dettagli

D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA

D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA Sommario 1 - PREMESSA...2 2 ENTE APPALTANTE...2 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO, DURATA E COSTO DELL APPALTO...2 4 DESCRIZIONE DEI SERVIZI AFFIDATI IN APPALTO...2

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore A. Omodeo - Mortara (PV) DIFFERENZIAMOCI

Istituto Istruzione Superiore A. Omodeo - Mortara (PV) DIFFERENZIAMOCI DIFFERENZIAMOCI DIFFERENZIAMOCI C.L.I.R. è lieta di presentarvi il suo TESTIMONIAL... 3 RUDY CHI E CLIR? 5 COMUNI SERVITI DA C.L.I.R. S.p.A. 6 A CHI SONO RIVOLTI I SERVIZI OFFERTI DA C.L.I.R.? COMUNI DELLA

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Gestione Territorio Ambiente e Attività Produttive DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15

COMUNE SANTA CROCE CAMERINA (RG) 3 Dipartimento Assetto del Territorio Via Alberto Moravia n.15 OGGETTO: GESTIONE SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE PER MESI SEI RELAZIONE - QUADRO ECONOMICO - PLANIMETRIA; Premesso che il Comune di Santa Croce Camerina con deliberazione di Giunta Comunale n. 07 del 13/02/2015

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

COMUNE DI VIBONATI (SA) RELAZIONE E PIANO OPERATIVO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA

COMUNE DI VIBONATI (SA) RELAZIONE E PIANO OPERATIVO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA COMUNE DI VIBONATI (SA) RELAZIONE E PIANO OPERATIVO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA INDICE Art. Titolo Pag Premessa 3 1. Dati di base 4 1.1. Dati demografici 4 1.2. Dati territoriali 4 1.3. Analisi delle

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

COMUNE DI SESTU SETTORE AMBIENTALE, TECNOLOGICO E MANUTENTIVO PROVINCIA DI CAGLIARI RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA MARZO 2011

COMUNE DI SESTU SETTORE AMBIENTALE, TECNOLOGICO E MANUTENTIVO PROVINCIA DI CAGLIARI RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA MARZO 2011 COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI SETTORE AMBIENTALE, TECNOLOGICO E MANUTENTIVO PROGETTO SERVIZIO DI IGIENE URBANA E AMBIENTALE 2011-2018, COMPRESI LA RACCOLTA DOMICILIARE, IL TRASPORTO, RECUPERO E

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

Comune di Agrigento. Carta dei servizi

Comune di Agrigento. Carta dei servizi sede legale: piazza Pirandello,1 92100 Agrigento uffici: piazza Trinacria zona industriale 92021 Aragona tel. 0922 441956 - fax 0922 591705 email gesaag2@virgilio.it Comune di Agrigento Carta dei servizi

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Comune di Biassono. Manuale. ecoambientale

La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Comune di Biassono. Manuale. ecoambientale Comune di Biassono La guida pratica per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani. AGENDA 21 Agenda 21 significa, letteralmente, l insieme degli appuntamenti, delle cose da fare, nel corso del ventunesimo

Dettagli

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI.

GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. COMUNE DI ROBBIATE Provincia di Lecco GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILABILI AGLI URBANI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 53 del 23/12/2015

Dettagli

differenza i colori fanno la RACCOLTA DIFFERENZIATA campagna per la promozione della

differenza i colori fanno la RACCOLTA DIFFERENZIATA campagna per la promozione della Comune di Spotorno i colori fanno la differenza campagna per la promozione della RACCOLTA DIFFERENZIATA per gli utenti di Via alla Rocca, Via alla Torre, Via Magiarda, Via Puccini, Via Coreallo Via Verdi

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

COMUNE di BASSANO ROMANO

COMUNE di BASSANO ROMANO COMUNE di BASSANO ROMANO (Provincia di Viterbo) PROGETTO TECNICO (SPECIFICHE TECNICHE) SINDACO Angela BETTUCCI Progetto approvato con Deliberazione Consiliare n. del / /2013 Responsabile Unico del Procedimento:

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Allegato di Piano 5 - Standard di qualità del servizio (lett. g bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998)

Allegato di Piano 5 - Standard di qualità del servizio (lett. g bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998) Allegato di Piano 5 - Standard di qualità del servizio (lett. g bis dell articolo 9 comma 1 della l.r. 25/1998) Sommario PREMESSA...3 1 STANDARD TECNICI...4 1.1 STANDARD AZIENDALI 4 1.2 STANDARD DEI SERVIZI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO. MODIFICA ALL ARTICOLO 23 ESAME ED

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO - UTENTE

LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO - UTENTE S.p.a (All. C alla deliberazione C.C. n. 17/2005) LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO - UTENTE PREMESSA C I S s.p.a. è la società che gestisce i servizi di igiene urbana per conto dei Comuni soci, attuando

Dettagli

Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano. Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015

Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano. Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015 Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015 Indice degli argomenti Criteri generali Raccolta indifferenziato Raccolta carta vetro Raccolta cartone Raccolta

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 PIANO OPERATIVO DI GESTIONE

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 PIANO OPERATIVO DI GESTIONE IN LIQUIDAZIONE AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA NELL ATO-CT1 PIANO OPERATIVO DI GESTIONE ALLEGATO N. 8 Giarre li 23/03/2011 IL DIRIGENTE SERVIZIO R.D. F.to Antonino Germanà IL DIRIGENTE SERVIZIO

Dettagli

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco:

Utenze commerciali: Sacco bianco CARTA E CARTONI. Cosa mettere nel sacco: CARTA E CARTONI Giornali e riviste separate da involucri di cellophane, libri e quaderni, fogli e tabulati, carta da pacchi, cartone e cartoncino, sacchetti di carta, scatole di cartoncino per alimenti

Dettagli

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 Obbligo di conferire in modo differenziato i rifiuti urbani ed assimilati al pubblico servizio di raccolta nel centro cittadino e nei nuclei periferici-

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

problemi dovuti al o automatiche. contenitori va stabilito in base al numero degli abitanti serviti.

problemi dovuti al o automatiche. contenitori va stabilito in base al numero degli abitanti serviti. Descrizione sintetica dei principali sistemi di RD [5] 1 Distribuisce sul Stocca il materiale territorio interessato un presso la propria sufficiente numero di abitazione e contenitori di successivamente

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CALENDARIO RACCOLTA RIFIUTI A DOMICILIO Il nuovo sistema di raccolta prevede un cambiamento del calendario settimanale di raccolta così organizzato: MARTEDI' 1 e 3 martedì

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Comune di Osio Sotto (Provincia di Bergamo) Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Novembre 2011 Art. 1 Istituzione del servizio Il Comune di Osio Sotto istituisce il servizio

Dettagli

Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti

Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Raccolta differenziata Tutti i materiali riciclabili devono essere raccolti in modo differenziato

Dettagli

in collaborazione con Comune di MONTESILVANO GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA utenze domestiche

in collaborazione con Comune di MONTESILVANO GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA utenze domestiche in collaborazione con Comune di MONTESILVANO GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA utenze domestiche INDICE L amministrazione scrive La Raccolta differenziata Il Compostaggio domestico Cosa e come separare

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

Utenze domestiche Centro Storico di Rimini. Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini

Utenze domestiche Centro Storico di Rimini. Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini Utenze domestiche Centro Storico di Rimini Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE COMUNE DI SPELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 14 marzo 2005 Modificato ed integrato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI CAPENA. (Provincia di Roma) ORDINANZA SINDACO. Numero 26 del 21-06-2012 Numero Registro Generale 44

COMUNE DI CAPENA. (Provincia di Roma) ORDINANZA SINDACO. Numero 26 del 21-06-2012 Numero Registro Generale 44 COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma) ORDINANZA SINDACO Numero 26 del 21-06-2012 Numero Registro Generale 44 OGGETTO: DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA. IL SINDACO

Dettagli

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Allegato B Modello Offerta economica Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Il/La sottoscritto/a Oggetto: Appalto dei servizi di igiene urbana per i Comuni di Vizzolo Predabissi

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Comune di Montefortino

Comune di Montefortino Comune di Montefortino Provincia di Fermo RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI RACCOLTA UMIDO Utilizza il cassonetto marrone per la raccolta dell UMIDO SI COSA INSERIRE: Avanzi freddi di cibo, scarti di

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. n. 26 del 15/10/2013. Regolamento per la gestione dell Isola Ecologica in via S. Quasimodo. Art.

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. n. 26 del 15/10/2013. Regolamento per la gestione dell Isola Ecologica in via S. Quasimodo. Art. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. n. 26 del 15/10/2013 Regolamento per la gestione dell Isola Ecologica in via S. Quasimodo Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

A.Am.P.S. S.p.A. Via dell artigianato 39b 57121 - Livorno

A.Am.P.S. S.p.A. Via dell artigianato 39b 57121 - Livorno A.Am.P.S. S.p.A. Via dell artigianato 39b 57121 - Livorno RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA PER IL SERVIZIO di spazzamento manuale, meccanizzato, diserbo, rimozione foglie, pulizia spiagge e servizi opzionali

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti.

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VIII Ambiente, Energia, Protezione Civile Via Mario Spadola, 56 Pal. Ex Consorzio Agrario - Tel. 0932 676436 Fax 0932 676438 - E-mail giulio.lettica@comune.ragusa.gov.it

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta

PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta PIANO FINANZIARIO Applicazione dell articolo 8 del DPR 27 aprile 1999, n. 158 Regolamento recante norme per l elaborazione del metodo normalizzato per definire

Dettagli