Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi"

Transcript

1 Una breve introduzione alla Teoria Stefano GAGLIARDO Dipartimento di Matematica - Università degli studi di Genova Stage DIMA - 19/04/2011 (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

2 Outline 1 Un po di storia 2 La teoria delle scelte sociali 3 I giochi non cooperativi L equilibrio di Nash 4 Il concetto di utilità 5 Un paradosso: la One Euro Auction 6 Il 7 Combinatorial Games Il Take Away Game Nim Games (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

3 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

4 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

5 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

6 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

7 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

8 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

9 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

10 Struttura della presentazione La mattina. 10 min di storia min circa dedicata alle scelte sociali min circa di tributo a John Nash... Coffee break!!! 20 min circa di ulteriore tributo a John Nash min circa dedicati al concetto di utilità min circa dedicati a un paradosso min dedicati a truellare... Si mangia!!! Il pomeriggio. 50 min circa dedicati ad un concorso di bellezza... 1h circa dedicata al mago delle carte... Purtroppo (o finalmente)... LA FINE!!! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

11 Outline 1 Un po di storia 2 La teoria delle scelte sociali 3 I giochi non cooperativi L equilibrio di Nash 4 Il concetto di utilità 5 Un paradosso: la One Euro Auction 6 Il 7 Combinatorial Games Il Take Away Game Nim Games (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

12 Quando nasce e che cos è La nascita. Nel 1944 la prima edizione di Theory of Games and Economic Behaviour di J. L. Von Neumann e O. Morgenstern viene pubblicata dalla Princeton University Press. John Louis Von Neumann ( ) Oskar Morgenstern ( ) Cos è. può essere definita come la teoria matematica che modella situazioni di interazione strategica (dette giochi) tra decisori (detti giocatori). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

13 Quando nasce e che cos è La nascita. Nel 1944 la prima edizione di Theory of Games and Economic Behaviour di J. L. Von Neumann e O. Morgenstern viene pubblicata dalla Princeton University Press. John Louis Von Neumann ( ) Oskar Morgenstern ( ) Cos è. può essere definita come la teoria matematica che modella situazioni di interazione strategica (dette giochi) tra decisori (detti giocatori). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

14 Alcune date fondamentali: i primi 30 anni 1944: nascita della teoria dei giochi con la pubblicazione del libro di John von Neumann e Oskar Morgenstern 1950: l equilibrio di Nash (John Nash) 1951: teorema di impossibilità di Arrow (Kenneth Arrow) 1953: giochi in forma estesa (Harold Kuhn) 1953: il valore di Shapley (Lloyd Shapley) 1959: il concetto di nucleo (Donald Gillies) 1965: equilibrio perfetto nei sottogiochi (Reinhard Selten) 1966: formalizzazione della classificazione dei giochi cooperativi e non (John Harsanyi) 1972: premio Nobel per l economia a John Hicks e Kenneth Arrow per i loro contributi pionieristici alla teoria dell equilibrio economico generale e alla teoria sociale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

15 Alcune date fondamentali: dal 1974 ad oggi 1974: equilibrio correlato (Robert Aumann) 1976: common knowledge (Robert Aumann) 1978: equilibrio proprio (Roger Myerson) 1994: premio Nobel per l economia a John Harsanyi, John Nash e Reinhard Selten per le loro analisi pionieristiche degli equilibri nella teoria dei giochi non-cooperativi 2005: premio Nobel per l economia a Robert Aumann e Thomas Schelling per averci permesso di capire il conflitto e la cooperazione attraverso lo studio della teoria dei giochi 2007: premio Nobel per l economia a Leonid Hurwicz, Eric Maskin e Roger Myerson per aver costruito le fondamenta della teoria del mechanism design (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

16 Outline 1 Un po di storia 2 La teoria delle scelte sociali 3 I giochi non cooperativi L equilibrio di Nash 4 Il concetto di utilità 5 Un paradosso: la One Euro Auction 6 Il 7 Combinatorial Games Il Take Away Game Nim Games (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

17 La razionalità collettiva La teoria delle scelte sociali si occupa di misurare interessi, valori o benessere individuali in un contesto di decisione collettiva. I principi base sono: la valutazione delle alternative sociali attraverso le preferenze individuali; scegliere la migliore alternativa in termini di valutazione sociale. Il modo naturale di farlo sarebbe quello di stabilire alcune proprietà da soddisfare che permettano di aggregare le preferenze individuali in una regola di scelta sociale e da questa scegliere quella che fornisce il massimo benessere. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

18 La razionalità collettiva La teoria delle scelte sociali si occupa di misurare interessi, valori o benessere individuali in un contesto di decisione collettiva. I principi base sono: la valutazione delle alternative sociali attraverso le preferenze individuali; scegliere la migliore alternativa in termini di valutazione sociale. Il modo naturale di farlo sarebbe quello di stabilire alcune proprietà da soddisfare che permettano di aggregare le preferenze individuali in una regola di scelta sociale e da questa scegliere quella che fornisce il massimo benessere. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

19 La razionalità collettiva La teoria delle scelte sociali si occupa di misurare interessi, valori o benessere individuali in un contesto di decisione collettiva. I principi base sono: la valutazione delle alternative sociali attraverso le preferenze individuali; scegliere la migliore alternativa in termini di valutazione sociale. Il modo naturale di farlo sarebbe quello di stabilire alcune proprietà da soddisfare che permettano di aggregare le preferenze individuali in una regola di scelta sociale e da questa scegliere quella che fornisce il massimo benessere. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

20 La razionalità collettiva La teoria delle scelte sociali si occupa di misurare interessi, valori o benessere individuali in un contesto di decisione collettiva. I principi base sono: la valutazione delle alternative sociali attraverso le preferenze individuali; scegliere la migliore alternativa in termini di valutazione sociale. Il modo naturale di farlo sarebbe quello di stabilire alcune proprietà da soddisfare che permettano di aggregare le preferenze individuali in una regola di scelta sociale e da questa scegliere quella che fornisce il massimo benessere. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

21 Scelta collettiva Ci sono tre possibili criteri di scelta collettiva: 1 choice function: scegliere l opzione migliore; 2 social choice rule: ordinare le alternative; 3 social welfare function: dare un valore alle alternative. Social welfare function = social choice rule = choice function (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

22 Scelta collettiva Ci sono tre possibili criteri di scelta collettiva: 1 choice function: scegliere l opzione migliore; 2 social choice rule: ordinare le alternative; 3 social welfare function: dare un valore alle alternative. Social welfare function = social choice rule = choice function (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

23 Scelta collettiva Ci sono tre possibili criteri di scelta collettiva: 1 choice function: scegliere l opzione migliore; 2 social choice rule: ordinare le alternative; 3 social welfare function: dare un valore alle alternative. Social welfare function = social choice rule = choice function (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

24 Scelta collettiva Ci sono tre possibili criteri di scelta collettiva: 1 choice function: scegliere l opzione migliore; 2 social choice rule: ordinare le alternative; 3 social welfare function: dare un valore alle alternative. Social welfare function = social choice rule = choice function (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

25 Scelta collettiva Ci sono tre possibili criteri di scelta collettiva: 1 choice function: scegliere l opzione migliore; 2 social choice rule: ordinare le alternative; 3 social welfare function: dare un valore alle alternative. Social welfare function = social choice rule = choice function (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

26 I problemi del PM preoccupato (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

27 Un mare di problemi... C era una volta un Primo Ministro che desiderava ridurre il deficit del suo paese. Egli pensò a tre possibili modi per farlo: Opzione I: ridurre i servizi civili Opzione II: ridurre gli investimenti sulle infrastrutture Opzione III: controllare il deficit delle regioni La sua prima idea fu quella di procedere in maniera democratica: per prima cosa chiese ai suoi ministri quale opzione fosse per loro la migliore, quale la peggiore e quale la intermedia; in base a quanto detto dai ministri, egli avrebbe preso la sua decisione. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

28 Un mare di problemi... C era una volta un Primo Ministro che desiderava ridurre il deficit del suo paese. Egli pensò a tre possibili modi per farlo: Opzione I: ridurre i servizi civili Opzione II: ridurre gli investimenti sulle infrastrutture Opzione III: controllare il deficit delle regioni La sua prima idea fu quella di procedere in maniera democratica: per prima cosa chiese ai suoi ministri quale opzione fosse per loro la migliore, quale la peggiore e quale la intermedia; in base a quanto detto dai ministri, egli avrebbe preso la sua decisione. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

29 Un mare di problemi... C era una volta un Primo Ministro che desiderava ridurre il deficit del suo paese. Egli pensò a tre possibili modi per farlo: Opzione I: ridurre i servizi civili Opzione II: ridurre gli investimenti sulle infrastrutture Opzione III: controllare il deficit delle regioni La sua prima idea fu quella di procedere in maniera democratica: per prima cosa chiese ai suoi ministri quale opzione fosse per loro la migliore, quale la peggiore e quale la intermedia; in base a quanto detto dai ministri, egli avrebbe preso la sua decisione. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

30 Un mare di problemi... C era una volta un Primo Ministro che desiderava ridurre il deficit del suo paese. Egli pensò a tre possibili modi per farlo: Opzione I: ridurre i servizi civili Opzione II: ridurre gli investimenti sulle infrastrutture Opzione III: controllare il deficit delle regioni La sua prima idea fu quella di procedere in maniera democratica: per prima cosa chiese ai suoi ministri quale opzione fosse per loro la migliore, quale la peggiore e quale la intermedia; in base a quanto detto dai ministri, egli avrebbe preso la sua decisione. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

31 Un mare di problemi... C era una volta un Primo Ministro che desiderava ridurre il deficit del suo paese. Egli pensò a tre possibili modi per farlo: Opzione I: ridurre i servizi civili Opzione II: ridurre gli investimenti sulle infrastrutture Opzione III: controllare il deficit delle regioni La sua prima idea fu quella di procedere in maniera democratica: per prima cosa chiese ai suoi ministri quale opzione fosse per loro la migliore, quale la peggiore e quale la intermedia; in base a quanto detto dai ministri, egli avrebbe preso la sua decisione. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

32 Un mare di problemi... C era una volta un Primo Ministro che desiderava ridurre il deficit del suo paese. Egli pensò a tre possibili modi per farlo: Opzione I: ridurre i servizi civili Opzione II: ridurre gli investimenti sulle infrastrutture Opzione III: controllare il deficit delle regioni La sua prima idea fu quella di procedere in maniera democratica: per prima cosa chiese ai suoi ministri quale opzione fosse per loro la migliore, quale la peggiore e quale la intermedia; in base a quanto detto dai ministri, egli avrebbe preso la sua decisione. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

33 I risultati Nella tabella seguente ci sono le opzioni riportate dai ministri: Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II I è preferita a II dalla maggioranza (ministri 1 e 3). II è preferita a III dalla maggioranza (ministri 1 e 2). Per transitività si potrebbe scegliere I, ma III è preferita a I dalla maggioranza (ministri 2 e 3)! La votazione non è un buon criterio di scelta sociale perché può creare intransitività e ciclicità nell ordinamento collettivo delle scelte. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

34 I risultati Nella tabella seguente ci sono le opzioni riportate dai ministri: Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II I è preferita a II dalla maggioranza (ministri 1 e 3). II è preferita a III dalla maggioranza (ministri 1 e 2). Per transitività si potrebbe scegliere I, ma III è preferita a I dalla maggioranza (ministri 2 e 3)! La votazione non è un buon criterio di scelta sociale perché può creare intransitività e ciclicità nell ordinamento collettivo delle scelte. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

35 I risultati Nella tabella seguente ci sono le opzioni riportate dai ministri: Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II I è preferita a II dalla maggioranza (ministri 1 e 3). II è preferita a III dalla maggioranza (ministri 1 e 2). Per transitività si potrebbe scegliere I, ma III è preferita a I dalla maggioranza (ministri 2 e 3)! La votazione non è un buon criterio di scelta sociale perché può creare intransitività e ciclicità nell ordinamento collettivo delle scelte. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

36 I risultati Nella tabella seguente ci sono le opzioni riportate dai ministri: Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II I è preferita a II dalla maggioranza (ministri 1 e 3). II è preferita a III dalla maggioranza (ministri 1 e 2). Per transitività si potrebbe scegliere I, ma III è preferita a I dalla maggioranza (ministri 2 e 3)! La votazione non è un buon criterio di scelta sociale perché può creare intransitività e ciclicità nell ordinamento collettivo delle scelte. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

37 I risultati Nella tabella seguente ci sono le opzioni riportate dai ministri: Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II I è preferita a II dalla maggioranza (ministri 1 e 3). II è preferita a III dalla maggioranza (ministri 1 e 2). Per transitività si potrebbe scegliere I, ma III è preferita a I dalla maggioranza (ministri 2 e 3)! La votazione non è un buon criterio di scelta sociale perché può creare intransitività e ciclicità nell ordinamento collettivo delle scelte. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

38 Una seconda opzione Il primo minsitro decide di seguire la strategia applicata dalla Eurovision per scegliere la migliore canzone europea dell anno. Il PM chiede quindi di assegnare un totale di 10 punti tra le tre opzioni. In questo modo, non sono rappresentate solo le preferenze, ma anche la loro intensità. I risultati dell indagine del PM sono riportati nella tabella seguente: Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Punteggio totale Opzione I Opzione II Opzione III (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

39 Una seconda opzione Il primo minsitro decide di seguire la strategia applicata dalla Eurovision per scegliere la migliore canzone europea dell anno. Il PM chiede quindi di assegnare un totale di 10 punti tra le tre opzioni. In questo modo, non sono rappresentate solo le preferenze, ma anche la loro intensità. I risultati dell indagine del PM sono riportati nella tabella seguente: Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Punteggio totale Opzione I Opzione II Opzione III (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

40 Una seconda opzione Il primo minsitro decide di seguire la strategia applicata dalla Eurovision per scegliere la migliore canzone europea dell anno. Il PM chiede quindi di assegnare un totale di 10 punti tra le tre opzioni. In questo modo, non sono rappresentate solo le preferenze, ma anche la loro intensità. I risultati dell indagine del PM sono riportati nella tabella seguente: Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Punteggio totale Opzione I Opzione II Opzione III (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

41 Una seconda opzione Il primo minsitro decide di seguire la strategia applicata dalla Eurovision per scegliere la migliore canzone europea dell anno. Il PM chiede quindi di assegnare un totale di 10 punti tra le tre opzioni. In questo modo, non sono rappresentate solo le preferenze, ma anche la loro intensità. I risultati dell indagine del PM sono riportati nella tabella seguente: Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Punteggio totale Opzione I Opzione II Opzione III (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

42 Manipolazione Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: l opzione III. Il PM però sospetta che il Ministro 3, il più anziano, non abbia espresso le sue reali preferenze, ma abbia sfruttato la sua esperienza per allocare i punti in modo da ottenere i suoi scopi. Questo secondo criterio di scelta è soggetto a possibilità di manipolazione: gli agenti possono fornire dichiarazioni non veritiere al fine di ottenere il loro esito preferito. Il criterio di scelta potrebbe perciò selezionare qualcosa che non corrisponde affatto all alternativa socialmente migliore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

43 Manipolazione Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: l opzione III. Il PM però sospetta che il Ministro 3, il più anziano, non abbia espresso le sue reali preferenze, ma abbia sfruttato la sua esperienza per allocare i punti in modo da ottenere i suoi scopi. Questo secondo criterio di scelta è soggetto a possibilità di manipolazione: gli agenti possono fornire dichiarazioni non veritiere al fine di ottenere il loro esito preferito. Il criterio di scelta potrebbe perciò selezionare qualcosa che non corrisponde affatto all alternativa socialmente migliore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

44 Manipolazione Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: l opzione III. Il PM però sospetta che il Ministro 3, il più anziano, non abbia espresso le sue reali preferenze, ma abbia sfruttato la sua esperienza per allocare i punti in modo da ottenere i suoi scopi. Questo secondo criterio di scelta è soggetto a possibilità di manipolazione: gli agenti possono fornire dichiarazioni non veritiere al fine di ottenere il loro esito preferito. Il criterio di scelta potrebbe perciò selezionare qualcosa che non corrisponde affatto all alternativa socialmente migliore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

45 Manipolazione Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: l opzione III. Il PM però sospetta che il Ministro 3, il più anziano, non abbia espresso le sue reali preferenze, ma abbia sfruttato la sua esperienza per allocare i punti in modo da ottenere i suoi scopi. Questo secondo criterio di scelta è soggetto a possibilità di manipolazione: gli agenti possono fornire dichiarazioni non veritiere al fine di ottenere il loro esito preferito. Il criterio di scelta potrebbe perciò selezionare qualcosa che non corrisponde affatto all alternativa socialmente migliore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

46 La terza opzione Il primo ministro decide di provare una terza strategia, ispirata al campionato di football, dove c è sempre un vincitore. Decide allora di mettere in atto una serie di partite eliminatorie tra le alternative, così che si ottenga un vincitore (la scelta sociale migliore). Le preferenze. Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II Il campionato del PM Fase A: I contro II = I batte II per 2-1 (i ministri 1 e 3 contro il ministro 2) Fase B: I contro III = III batte I per 2-1 (i ministri 2 e 3 contro il ministro 1) (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

47 La terza opzione Il primo ministro decide di provare una terza strategia, ispirata al campionato di football, dove c è sempre un vincitore. Decide allora di mettere in atto una serie di partite eliminatorie tra le alternative, così che si ottenga un vincitore (la scelta sociale migliore). Le preferenze. Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II Il campionato del PM Fase A: I contro II = I batte II per 2-1 (i ministri 1 e 3 contro il ministro 2) Fase B: I contro III = III batte I per 2-1 (i ministri 2 e 3 contro il ministro 1) (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

48 La terza opzione Il primo ministro decide di provare una terza strategia, ispirata al campionato di football, dove c è sempre un vincitore. Decide allora di mettere in atto una serie di partite eliminatorie tra le alternative, così che si ottenga un vincitore (la scelta sociale migliore). Le preferenze. Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II Il campionato del PM Fase A: I contro II = I batte II per 2-1 (i ministri 1 e 3 contro il ministro 2) Fase B: I contro III = III batte I per 2-1 (i ministri 2 e 3 contro il ministro 1) (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

49 La terza opzione Il primo ministro decide di provare una terza strategia, ispirata al campionato di football, dove c è sempre un vincitore. Decide allora di mettere in atto una serie di partite eliminatorie tra le alternative, così che si ottenga un vincitore (la scelta sociale migliore). Le preferenze. Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II Il campionato del PM Fase A: I contro II = I batte II per 2-1 (i ministri 1 e 3 contro il ministro 2) Fase B: I contro III = III batte I per 2-1 (i ministri 2 e 3 contro il ministro 1) (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

50 La terza opzione Il primo ministro decide di provare una terza strategia, ispirata al campionato di football, dove c è sempre un vincitore. Decide allora di mettere in atto una serie di partite eliminatorie tra le alternative, così che si ottenga un vincitore (la scelta sociale migliore). Le preferenze. Opzioni / Ministro Ministro 1 Ministro 2 Ministro 3 Miglior opzione I II III Intermedia II III I Peggiore opzione III I II Il campionato del PM Fase A: I contro II = I batte II per 2-1 (i ministri 1 e 3 contro il ministro 2) Fase B: I contro III = III batte I per 2-1 (i ministri 2 e 3 contro il ministro 1) (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

51 Nuovo problema Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: vince III! Il PM però si chiede: Cosa sarebbe successo se la fase A avesse previsto II contro III? La risposta è che avrebbe vinto I! E II avrebbe vinto se la fase A avesse previsto I contro III. L ordine delle partite del torneo decide quindi il vincitore. Abbiamo trasformato il problema di trovare la scelta migliore in quello di trovare l ordinamento migliore nel torneo. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

52 Nuovo problema Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: vince III! Il PM però si chiede: Cosa sarebbe successo se la fase A avesse previsto II contro III? La risposta è che avrebbe vinto I! E II avrebbe vinto se la fase A avesse previsto I contro III. L ordine delle partite del torneo decide quindi il vincitore. Abbiamo trasformato il problema di trovare la scelta migliore in quello di trovare l ordinamento migliore nel torneo. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

53 Nuovo problema Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: vince III! Il PM però si chiede: Cosa sarebbe successo se la fase A avesse previsto II contro III? La risposta è che avrebbe vinto I! E II avrebbe vinto se la fase A avesse previsto I contro III. L ordine delle partite del torneo decide quindi il vincitore. Abbiamo trasformato il problema di trovare la scelta migliore in quello di trovare l ordinamento migliore nel torneo. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

54 Nuovo problema Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: vince III! Il PM però si chiede: Cosa sarebbe successo se la fase A avesse previsto II contro III? La risposta è che avrebbe vinto I! E II avrebbe vinto se la fase A avesse previsto I contro III. L ordine delle partite del torneo decide quindi il vincitore. Abbiamo trasformato il problema di trovare la scelta migliore in quello di trovare l ordinamento migliore nel torneo. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

55 Nuovo problema Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: vince III! Il PM però si chiede: Cosa sarebbe successo se la fase A avesse previsto II contro III? La risposta è che avrebbe vinto I! E II avrebbe vinto se la fase A avesse previsto I contro III. L ordine delle partite del torneo decide quindi il vincitore. Abbiamo trasformato il problema di trovare la scelta migliore in quello di trovare l ordinamento migliore nel torneo. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

56 Nuovo problema Guardando alla tabella precedente, si ottiene un risultato: vince III! Il PM però si chiede: Cosa sarebbe successo se la fase A avesse previsto II contro III? La risposta è che avrebbe vinto I! E II avrebbe vinto se la fase A avesse previsto I contro III. L ordine delle partite del torneo decide quindi il vincitore. Abbiamo trasformato il problema di trovare la scelta migliore in quello di trovare l ordinamento migliore nel torneo. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

57 Riassumendo Il primo tentativo del PM è stata la majority rule, che però fallisce a causa dell intransitività. Il secondo tentativo è stato la regola di Borda, che però è manipolabile dagli agenti. Il terzo è stato la regola di Condorcet, cioè la scelta di una alternativa che batta tutte le altre, che però potrebbe non esistere. Come uscirne??? (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

58 Riassumendo Il primo tentativo del PM è stata la majority rule, che però fallisce a causa dell intransitività. Il secondo tentativo è stato la regola di Borda, che però è manipolabile dagli agenti. Il terzo è stato la regola di Condorcet, cioè la scelta di una alternativa che batta tutte le altre, che però potrebbe non esistere. Come uscirne??? (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

59 Riassumendo Il primo tentativo del PM è stata la majority rule, che però fallisce a causa dell intransitività. Il secondo tentativo è stato la regola di Borda, che però è manipolabile dagli agenti. Il terzo è stato la regola di Condorcet, cioè la scelta di una alternativa che batta tutte le altre, che però potrebbe non esistere. Come uscirne??? (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

60 Riassumendo Il primo tentativo del PM è stata la majority rule, che però fallisce a causa dell intransitività. Il secondo tentativo è stato la regola di Borda, che però è manipolabile dagli agenti. Il terzo è stato la regola di Condorcet, cioè la scelta di una alternativa che batta tutte le altre, che però potrebbe non esistere. Come uscirne??? (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

61 Formulazione generale Notazioni. Sia X l insieme delle alternative, M l insieme degli m agenti. Ogni agente i ha un ordine di preferenze i definito su X. Come procedere. Definire una regola di scelta sociale come un ordinamento completo e transitivo delle preferenze sociali derivato dall aggregazione delle preferenze individuali. La transitività è richiesta fondamentale per evitare cicli come quello che si otteneva con la majority rule. Programma di lavoro. Trovare la famiglia di regole di scelte sociali che soddisfano diversi insiemi di criteri stabiliti. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

62 Formulazione generale Notazioni. Sia X l insieme delle alternative, M l insieme degli m agenti. Ogni agente i ha un ordine di preferenze i definito su X. Come procedere. Definire una regola di scelta sociale come un ordinamento completo e transitivo delle preferenze sociali derivato dall aggregazione delle preferenze individuali. La transitività è richiesta fondamentale per evitare cicli come quello che si otteneva con la majority rule. Programma di lavoro. Trovare la famiglia di regole di scelte sociali che soddisfano diversi insiemi di criteri stabiliti. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

63 Formulazione generale Notazioni. Sia X l insieme delle alternative, M l insieme degli m agenti. Ogni agente i ha un ordine di preferenze i definito su X. Come procedere. Definire una regola di scelta sociale come un ordinamento completo e transitivo delle preferenze sociali derivato dall aggregazione delle preferenze individuali. La transitività è richiesta fondamentale per evitare cicli come quello che si otteneva con la majority rule. Programma di lavoro. Trovare la famiglia di regole di scelte sociali che soddisfano diversi insiemi di criteri stabiliti. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

64 Formulazione generale Notazioni. Sia X l insieme delle alternative, M l insieme degli m agenti. Ogni agente i ha un ordine di preferenze i definito su X. Come procedere. Definire una regola di scelta sociale come un ordinamento completo e transitivo delle preferenze sociali derivato dall aggregazione delle preferenze individuali. La transitività è richiesta fondamentale per evitare cicli come quello che si otteneva con la majority rule. Programma di lavoro. Trovare la famiglia di regole di scelte sociali che soddisfano diversi insiemi di criteri stabiliti. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

65 Formulazione generale Notazioni. Sia X l insieme delle alternative, M l insieme degli m agenti. Ogni agente i ha un ordine di preferenze i definito su X. Come procedere. Definire una regola di scelta sociale come un ordinamento completo e transitivo delle preferenze sociali derivato dall aggregazione delle preferenze individuali. La transitività è richiesta fondamentale per evitare cicli come quello che si otteneva con la majority rule. Programma di lavoro. Trovare la famiglia di regole di scelte sociali che soddisfano diversi insiemi di criteri stabiliti. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

66 L arrivo di Kenneth Arrow Kenneth Arrow (1921-now) Kenneth Arrow si occupò di questo problema intorno al Egli stabilì tre requisiti minimi che una regola di scelta sociale dovrebbe soddisfare. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

67 L arrivo di Kenneth Arrow Kenneth Arrow (1921-now) Kenneth Arrow si occupò di questo problema intorno al Egli stabilì tre requisiti minimi che una regola di scelta sociale dovrebbe soddisfare. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

68 Il teorema di impossibilità di Arrow Arrow stabilisce tre criteri molto naturali, che sono: dominio universale: la regola deve essere applicabile ad una qualunque configurazione di preferenze individuali; unanimità: se tutti gli individui preferiscono A a B, allora A deve essere socialmente classificata meglio di B; efficienza informativa: la valutazione sociale di una qualunque coppia A e B di alternative, deve dipendere solo da come gli agenti classificano A e B tra loro, indipendentemente dalle altre alternative. Teorema (Teorema di impossibilità di Arrow, 1951) Per più di due alternative e più di due agenti, una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità e efficienza informativa deve essere dittatoriale. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

69 Il teorema di impossibilità di Arrow Arrow stabilisce tre criteri molto naturali, che sono: dominio universale: la regola deve essere applicabile ad una qualunque configurazione di preferenze individuali; unanimità: se tutti gli individui preferiscono A a B, allora A deve essere socialmente classificata meglio di B; efficienza informativa: la valutazione sociale di una qualunque coppia A e B di alternative, deve dipendere solo da come gli agenti classificano A e B tra loro, indipendentemente dalle altre alternative. Teorema (Teorema di impossibilità di Arrow, 1951) Per più di due alternative e più di due agenti, una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità e efficienza informativa deve essere dittatoriale. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

70 Il teorema di impossibilità di Arrow Arrow stabilisce tre criteri molto naturali, che sono: dominio universale: la regola deve essere applicabile ad una qualunque configurazione di preferenze individuali; unanimità: se tutti gli individui preferiscono A a B, allora A deve essere socialmente classificata meglio di B; efficienza informativa: la valutazione sociale di una qualunque coppia A e B di alternative, deve dipendere solo da come gli agenti classificano A e B tra loro, indipendentemente dalle altre alternative. Teorema (Teorema di impossibilità di Arrow, 1951) Per più di due alternative e più di due agenti, una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità e efficienza informativa deve essere dittatoriale. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

71 Il teorema di impossibilità di Arrow Arrow stabilisce tre criteri molto naturali, che sono: dominio universale: la regola deve essere applicabile ad una qualunque configurazione di preferenze individuali; unanimità: se tutti gli individui preferiscono A a B, allora A deve essere socialmente classificata meglio di B; efficienza informativa: la valutazione sociale di una qualunque coppia A e B di alternative, deve dipendere solo da come gli agenti classificano A e B tra loro, indipendentemente dalle altre alternative. Teorema (Teorema di impossibilità di Arrow, 1951) Per più di due alternative e più di due agenti, una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità e efficienza informativa deve essere dittatoriale. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

72 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

73 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

74 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

75 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

76 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

77 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

78 Un idea della dimostrazione Dobbiamo andare a dimostrare che esiste un agente le cui preferenze individuali determinano quelle sociali (un dittatore). La dimostrazione si svolge in tre passi. 1 Epidemicità. Se esiste un gruppo di agenti che è decisivo su una coppia di alternative, allora è decisivo su tutte le alternative, dove un gruppo di agenti si dice decisivo ogni volta che il suo giudizio determina la valutazione sociale. 2 Shrinking group. Se c è un gruppo di più di due agenti che è decisivo, allora c è sempre un suo sottoinsieme strettamente contenuto che è anch esso decisivo. 3 L esistenza del dittatore. Per l unanimità, l intero gruppo di agenti è decisivo sulle coppie di alternative. Per l epidemicità, l intero gruppo è decisivo su tutte le alternative. Applicando lo shrinking group possiamo ridurre le dimensioni del gruppo decisivo fino ad un solo elemento: il dittatore. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

79 L anonimità E una proprietà che evita la presenza di un dittatore. L anonimità consiste nel richiedere che permutando le preferenze individuali degli agenti tra loro, allora l esito sociale non cambia. In pratica, richiediamo che il nome degli agenti non sia importante: essi hanno la stessa influenza sulla scelta finale. Una condizione più debole è quella di non-dictatorship, cioè che non esista un dittatore. Teorema (Corollario del teorema di Arrow) Per più di due alternative e più di due agenti, non esiste una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità, efficienza informativa e anonimità. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

80 L anonimità E una proprietà che evita la presenza di un dittatore. L anonimità consiste nel richiedere che permutando le preferenze individuali degli agenti tra loro, allora l esito sociale non cambia. In pratica, richiediamo che il nome degli agenti non sia importante: essi hanno la stessa influenza sulla scelta finale. Una condizione più debole è quella di non-dictatorship, cioè che non esista un dittatore. Teorema (Corollario del teorema di Arrow) Per più di due alternative e più di due agenti, non esiste una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità, efficienza informativa e anonimità. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

81 L anonimità E una proprietà che evita la presenza di un dittatore. L anonimità consiste nel richiedere che permutando le preferenze individuali degli agenti tra loro, allora l esito sociale non cambia. In pratica, richiediamo che il nome degli agenti non sia importante: essi hanno la stessa influenza sulla scelta finale. Una condizione più debole è quella di non-dictatorship, cioè che non esista un dittatore. Teorema (Corollario del teorema di Arrow) Per più di due alternative e più di due agenti, non esiste una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità, efficienza informativa e anonimità. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

82 L anonimità E una proprietà che evita la presenza di un dittatore. L anonimità consiste nel richiedere che permutando le preferenze individuali degli agenti tra loro, allora l esito sociale non cambia. In pratica, richiediamo che il nome degli agenti non sia importante: essi hanno la stessa influenza sulla scelta finale. Una condizione più debole è quella di non-dictatorship, cioè che non esista un dittatore. Teorema (Corollario del teorema di Arrow) Per più di due alternative e più di due agenti, non esiste una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità, efficienza informativa e anonimità. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

83 L anonimità E una proprietà che evita la presenza di un dittatore. L anonimità consiste nel richiedere che permutando le preferenze individuali degli agenti tra loro, allora l esito sociale non cambia. In pratica, richiediamo che il nome degli agenti non sia importante: essi hanno la stessa influenza sulla scelta finale. Una condizione più debole è quella di non-dictatorship, cioè che non esista un dittatore. Teorema (Corollario del teorema di Arrow) Per più di due alternative e più di due agenti, non esiste una regola di scelta sociale che soddisfi dominio universale, unanimità, efficienza informativa e anonimità. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

84 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

85 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

86 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

87 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

88 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

89 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

90 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

91 Come uscirne? Per provare a scappare dal teorema di Arrow dobbiamo provare a rinunciare a qualcuna delle proprietà. E difficile evitare l unanimità: è una richiesta troppo naturale e necessaria. Si può cercare di indebolire la richiesta di transitività della regola di scelta sociale. Andreu Mas-Colell e Hugo Sonnenschein nel 1972 dimostrarono che non era possibile ottenere buoni risultati: quasi-transitività = oligarchia quasi-transitività + monotonia = non esistenza aciclicità = potere di veto parziale aciclicità + monotonia = potere di veto totale (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

92 Dominio universale o efficienza informativa Eliminare il dominio universale. Impone alcune restrizioni sui profili di preferenze individuali ammissibili. Permette di raggiungere qualche risultato interessante nel caso di preferenze single-peaked e nel caso median voter. Eliminando l efficienza informativa. Teorema (Gibbard-Satterthwaite, 1973) Una regola di scelta sociale che soddisfa unanimità e dominio universale è o dittatoriale o manipolabile. La manipolazione si riferisce alla possibilità di fornire preferenze individuali false per influenzare la scelta sociale. C è di più: in assenza di efficienza informativa, l ordine sociale tra due alternative, A e B, può essere influenzato dall inserimento o esclusione di una terza alternativa C, che conduce all idea di designer framing manipulation. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

93 Dominio universale o efficienza informativa Eliminare il dominio universale. Impone alcune restrizioni sui profili di preferenze individuali ammissibili. Permette di raggiungere qualche risultato interessante nel caso di preferenze single-peaked e nel caso median voter. Eliminando l efficienza informativa. Teorema (Gibbard-Satterthwaite, 1973) Una regola di scelta sociale che soddisfa unanimità e dominio universale è o dittatoriale o manipolabile. La manipolazione si riferisce alla possibilità di fornire preferenze individuali false per influenzare la scelta sociale. C è di più: in assenza di efficienza informativa, l ordine sociale tra due alternative, A e B, può essere influenzato dall inserimento o esclusione di una terza alternativa C, che conduce all idea di designer framing manipulation. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

94 Dominio universale o efficienza informativa Eliminare il dominio universale. Impone alcune restrizioni sui profili di preferenze individuali ammissibili. Permette di raggiungere qualche risultato interessante nel caso di preferenze single-peaked e nel caso median voter. Eliminando l efficienza informativa. Teorema (Gibbard-Satterthwaite, 1973) Una regola di scelta sociale che soddisfa unanimità e dominio universale è o dittatoriale o manipolabile. La manipolazione si riferisce alla possibilità di fornire preferenze individuali false per influenzare la scelta sociale. C è di più: in assenza di efficienza informativa, l ordine sociale tra due alternative, A e B, può essere influenzato dall inserimento o esclusione di una terza alternativa C, che conduce all idea di designer framing manipulation. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

95 Dominio universale o efficienza informativa Eliminare il dominio universale. Impone alcune restrizioni sui profili di preferenze individuali ammissibili. Permette di raggiungere qualche risultato interessante nel caso di preferenze single-peaked e nel caso median voter. Eliminando l efficienza informativa. Teorema (Gibbard-Satterthwaite, 1973) Una regola di scelta sociale che soddisfa unanimità e dominio universale è o dittatoriale o manipolabile. La manipolazione si riferisce alla possibilità di fornire preferenze individuali false per influenzare la scelta sociale. C è di più: in assenza di efficienza informativa, l ordine sociale tra due alternative, A e B, può essere influenzato dall inserimento o esclusione di una terza alternativa C, che conduce all idea di designer framing manipulation. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

96 Dominio universale o efficienza informativa Eliminare il dominio universale. Impone alcune restrizioni sui profili di preferenze individuali ammissibili. Permette di raggiungere qualche risultato interessante nel caso di preferenze single-peaked e nel caso median voter. Eliminando l efficienza informativa. Teorema (Gibbard-Satterthwaite, 1973) Una regola di scelta sociale che soddisfa unanimità e dominio universale è o dittatoriale o manipolabile. La manipolazione si riferisce alla possibilità di fornire preferenze individuali false per influenzare la scelta sociale. C è di più: in assenza di efficienza informativa, l ordine sociale tra due alternative, A e B, può essere influenzato dall inserimento o esclusione di una terza alternativa C, che conduce all idea di designer framing manipulation. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

97 Un esempio Lo Specialized Journal indice una competizione per stabilire il miglior articolo pubblicato nell ultimo anno in un insieme di 4 candidati. Ci sono 4 giudici, ciascuno dei quali è chiamato ad assegnare n punti alla migliore alternativa, n 1 alla seconda migliore,..., fino ad assegnare 1 punto alla meno preferita. I risultati della votazione sono riportati in tabella. Opzione / Giudice A B C D Totale A B C D Non c è alcun vincitore! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

98 Un esempio Lo Specialized Journal indice una competizione per stabilire il miglior articolo pubblicato nell ultimo anno in un insieme di 4 candidati. Ci sono 4 giudici, ciascuno dei quali è chiamato ad assegnare n punti alla migliore alternativa, n 1 alla seconda migliore,..., fino ad assegnare 1 punto alla meno preferita. I risultati della votazione sono riportati in tabella. Opzione / Giudice A B C D Totale A B C D Non c è alcun vincitore! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

99 Un esempio Lo Specialized Journal indice una competizione per stabilire il miglior articolo pubblicato nell ultimo anno in un insieme di 4 candidati. Ci sono 4 giudici, ciascuno dei quali è chiamato ad assegnare n punti alla migliore alternativa, n 1 alla seconda migliore,..., fino ad assegnare 1 punto alla meno preferita. I risultati della votazione sono riportati in tabella. Opzione / Giudice A B C D Totale A B C D Non c è alcun vincitore! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

100 Un esempio Lo Specialized Journal indice una competizione per stabilire il miglior articolo pubblicato nell ultimo anno in un insieme di 4 candidati. Ci sono 4 giudici, ciascuno dei quali è chiamato ad assegnare n punti alla migliore alternativa, n 1 alla seconda migliore,..., fino ad assegnare 1 punto alla meno preferita. I risultati della votazione sono riportati in tabella. Opzione / Giudice A B C D Totale A B C D Non c è alcun vincitore! (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

101 Framing manipulation Se il giornale decidesse di eliminare l opzione B, il risultato sarebbe il seguente: Opzione/Giudice A B C D Totale A C D Il vincitore è A! Ma il vincitore viene a dipendere dal fatto che si tenga conto dell opzione B o meno. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

102 Framing manipulation Se il giornale decidesse di eliminare l opzione B, il risultato sarebbe il seguente: Opzione/Giudice A B C D Totale A C D Il vincitore è A! Ma il vincitore viene a dipendere dal fatto che si tenga conto dell opzione B o meno. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

103 Framing manipulation Se il giornale decidesse di eliminare l opzione B, il risultato sarebbe il seguente: Opzione/Giudice A B C D Totale A C D Il vincitore è A! Ma il vincitore viene a dipendere dal fatto che si tenga conto dell opzione B o meno. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

104 Arricchire l informazione Il problema di base dell approccio di Arrow è che cerca uno strumento molto potente (un ordinamento completo e transitivo), che si applichi ad un insieme molto ampio di problemi (qualunque insieme di alternative) e che usi poca informazione (solo le preferenze individuali). In un certo senso, si vuole troppo partendo da troppo poco. Nel mondo di Arrow non si tiene conto né dell intensità delle preferenze (l agente i preferisce l alternativa x a y più di quanto non preferisca y a z), né di confronti interpersonali (l agente i con x sta meglio di j). Per avere una maggiore ricchezza di informazione a tale proposito, è necessario introdurre il concetto di funzione di utilità. Peter Hammond nel 1976 e Claude D Aspremont e Louis Gevers nel 1977 ottennero buoni risultati a tale proposito. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

105 Arricchire l informazione Il problema di base dell approccio di Arrow è che cerca uno strumento molto potente (un ordinamento completo e transitivo), che si applichi ad un insieme molto ampio di problemi (qualunque insieme di alternative) e che usi poca informazione (solo le preferenze individuali). In un certo senso, si vuole troppo partendo da troppo poco. Nel mondo di Arrow non si tiene conto né dell intensità delle preferenze (l agente i preferisce l alternativa x a y più di quanto non preferisca y a z), né di confronti interpersonali (l agente i con x sta meglio di j). Per avere una maggiore ricchezza di informazione a tale proposito, è necessario introdurre il concetto di funzione di utilità. Peter Hammond nel 1976 e Claude D Aspremont e Louis Gevers nel 1977 ottennero buoni risultati a tale proposito. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

106 Arricchire l informazione Il problema di base dell approccio di Arrow è che cerca uno strumento molto potente (un ordinamento completo e transitivo), che si applichi ad un insieme molto ampio di problemi (qualunque insieme di alternative) e che usi poca informazione (solo le preferenze individuali). In un certo senso, si vuole troppo partendo da troppo poco. Nel mondo di Arrow non si tiene conto né dell intensità delle preferenze (l agente i preferisce l alternativa x a y più di quanto non preferisca y a z), né di confronti interpersonali (l agente i con x sta meglio di j). Per avere una maggiore ricchezza di informazione a tale proposito, è necessario introdurre il concetto di funzione di utilità. Peter Hammond nel 1976 e Claude D Aspremont e Louis Gevers nel 1977 ottennero buoni risultati a tale proposito. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

107 Arricchire l informazione Il problema di base dell approccio di Arrow è che cerca uno strumento molto potente (un ordinamento completo e transitivo), che si applichi ad un insieme molto ampio di problemi (qualunque insieme di alternative) e che usi poca informazione (solo le preferenze individuali). In un certo senso, si vuole troppo partendo da troppo poco. Nel mondo di Arrow non si tiene conto né dell intensità delle preferenze (l agente i preferisce l alternativa x a y più di quanto non preferisca y a z), né di confronti interpersonali (l agente i con x sta meglio di j). Per avere una maggiore ricchezza di informazione a tale proposito, è necessario introdurre il concetto di funzione di utilità. Peter Hammond nel 1976 e Claude D Aspremont e Louis Gevers nel 1977 ottennero buoni risultati a tale proposito. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

108 Arricchire l informazione Il problema di base dell approccio di Arrow è che cerca uno strumento molto potente (un ordinamento completo e transitivo), che si applichi ad un insieme molto ampio di problemi (qualunque insieme di alternative) e che usi poca informazione (solo le preferenze individuali). In un certo senso, si vuole troppo partendo da troppo poco. Nel mondo di Arrow non si tiene conto né dell intensità delle preferenze (l agente i preferisce l alternativa x a y più di quanto non preferisca y a z), né di confronti interpersonali (l agente i con x sta meglio di j). Per avere una maggiore ricchezza di informazione a tale proposito, è necessario introdurre il concetto di funzione di utilità. Peter Hammond nel 1976 e Claude D Aspremont e Louis Gevers nel 1977 ottennero buoni risultati a tale proposito. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

109 Hammond e il leximin Confronto dei livelli di utilità. L idea di Hammond parte da un confronto ordinale interpersonale. Dati due agenti i e j e le loro rispettive funzioni di utilità u i e u j, possiamo scrivere u i(x) > u j(y) e si intende i con l alternativa x sta meglio di j con l alternativa y. La regola leximin. Si sceglie l alternativa che migliora il benessere dell individuo nelle peggiori condizioni. Se due alternative sono indifferenti all individuo nelle peggiori condizioni, si preferisce socialmente l alternativa migliore per l individuo nelle peggiori condizioni tra quelli che non le considerano indifferenti. Formalmente, l alternativa x è socialmente preferita a y se min{ui(x)} > min {ui(y)} i M i M (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

110 Hammond e il leximin Confronto dei livelli di utilità. L idea di Hammond parte da un confronto ordinale interpersonale. Dati due agenti i e j e le loro rispettive funzioni di utilità u i e u j, possiamo scrivere u i(x) > u j(y) e si intende i con l alternativa x sta meglio di j con l alternativa y. La regola leximin. Si sceglie l alternativa che migliora il benessere dell individuo nelle peggiori condizioni. Se due alternative sono indifferenti all individuo nelle peggiori condizioni, si preferisce socialmente l alternativa migliore per l individuo nelle peggiori condizioni tra quelli che non le considerano indifferenti. Formalmente, l alternativa x è socialmente preferita a y se min{ui(x)} > min {ui(y)} i M i M (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

111 Hammond e il leximin Confronto dei livelli di utilità. L idea di Hammond parte da un confronto ordinale interpersonale. Dati due agenti i e j e le loro rispettive funzioni di utilità u i e u j, possiamo scrivere u i(x) > u j(y) e si intende i con l alternativa x sta meglio di j con l alternativa y. La regola leximin. Si sceglie l alternativa che migliora il benessere dell individuo nelle peggiori condizioni. Se due alternative sono indifferenti all individuo nelle peggiori condizioni, si preferisce socialmente l alternativa migliore per l individuo nelle peggiori condizioni tra quelli che non le considerano indifferenti. Formalmente, l alternativa x è socialmente preferita a y se min{ui(x)} > min {ui(y)} i M i M (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

112 Hammond e il leximin Confronto dei livelli di utilità. L idea di Hammond parte da un confronto ordinale interpersonale. Dati due agenti i e j e le loro rispettive funzioni di utilità u i e u j, possiamo scrivere u i(x) > u j(y) e si intende i con l alternativa x sta meglio di j con l alternativa y. La regola leximin. Si sceglie l alternativa che migliora il benessere dell individuo nelle peggiori condizioni. Se due alternative sono indifferenti all individuo nelle peggiori condizioni, si preferisce socialmente l alternativa migliore per l individuo nelle peggiori condizioni tra quelli che non le considerano indifferenti. Formalmente, l alternativa x è socialmente preferita a y se min{ui(x)} > min {ui(y)} i M i M (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

113 Hammond e il leximin Confronto dei livelli di utilità. L idea di Hammond parte da un confronto ordinale interpersonale. Dati due agenti i e j e le loro rispettive funzioni di utilità u i e u j, possiamo scrivere u i(x) > u j(y) e si intende i con l alternativa x sta meglio di j con l alternativa y. La regola leximin. Si sceglie l alternativa che migliora il benessere dell individuo nelle peggiori condizioni. Se due alternative sono indifferenti all individuo nelle peggiori condizioni, si preferisce socialmente l alternativa migliore per l individuo nelle peggiori condizioni tra quelli che non le considerano indifferenti. Formalmente, l alternativa x è socialmente preferita a y se min{ui(x)} > min {ui(y)} i M i M (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

114 Il principio e il teorema di Hammond Il principio di Hammond. Sia M una società di m agenti e siano x e y due alternative tali che tutti gli agenti tranne i e j sono indifferenti tra esse. In questo caso, si sceglie l opzione preferita dall agente con una minore utilità. E una condizione molto più debole del leximin in quanto si applica solo in un caso molto specifico. Il teorema di Hammond. Teorema (Hammond, 1976) In condizione di confronto di livelli ordinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale, efficienza informativa, anonimità e il principio di Hammond se e solo se è la regola leximin. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

115 Il principio e il teorema di Hammond Il principio di Hammond. Sia M una società di m agenti e siano x e y due alternative tali che tutti gli agenti tranne i e j sono indifferenti tra esse. In questo caso, si sceglie l opzione preferita dall agente con una minore utilità. E una condizione molto più debole del leximin in quanto si applica solo in un caso molto specifico. Il teorema di Hammond. Teorema (Hammond, 1976) In condizione di confronto di livelli ordinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale, efficienza informativa, anonimità e il principio di Hammond se e solo se è la regola leximin. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

116 Il principio e il teorema di Hammond Il principio di Hammond. Sia M una società di m agenti e siano x e y due alternative tali che tutti gli agenti tranne i e j sono indifferenti tra esse. In questo caso, si sceglie l opzione preferita dall agente con una minore utilità. E una condizione molto più debole del leximin in quanto si applica solo in un caso molto specifico. Il teorema di Hammond. Teorema (Hammond, 1976) In condizione di confronto di livelli ordinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale, efficienza informativa, anonimità e il principio di Hammond se e solo se è la regola leximin. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

117 Il principio e il teorema di Hammond Il principio di Hammond. Sia M una società di m agenti e siano x e y due alternative tali che tutti gli agenti tranne i e j sono indifferenti tra esse. In questo caso, si sceglie l opzione preferita dall agente con una minore utilità. E una condizione molto più debole del leximin in quanto si applica solo in un caso molto specifico. Il teorema di Hammond. Teorema (Hammond, 1976) In condizione di confronto di livelli ordinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale, efficienza informativa, anonimità e il principio di Hammond se e solo se è la regola leximin. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

118 D Aspremont-Geneve e l utilitarietà Confronto dei livelli di utilità. L idea di D Aspremont-Geneve parte da un confronto cardinale interpersonale: le utilità devono essere misurate in termini comuni a tutti. A livello interpersonale si confrontano i guadagni di utilità tra diverse alternative: u i(x) u i(y) u j(x) u j(y)? La regola utilitaria. A livello sociale, si preferisce x a y se l utilità aggregata di x è maggiore di quella di y, cioè m m u i(x) u i(y) > 0 = x S y i=1 i=1 Il teorema di D Aspremont-Geneve. Teorema (D Aspremont-Geneve, 1977) In condizione di confronto di unità cardinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale ed efficienza informativa se e solo se è la regola utilitaria. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

119 D Aspremont-Geneve e l utilitarietà Confronto dei livelli di utilità. L idea di D Aspremont-Geneve parte da un confronto cardinale interpersonale: le utilità devono essere misurate in termini comuni a tutti. A livello interpersonale si confrontano i guadagni di utilità tra diverse alternative: u i(x) u i(y) u j(x) u j(y)? La regola utilitaria. A livello sociale, si preferisce x a y se l utilità aggregata di x è maggiore di quella di y, cioè m m u i(x) u i(y) > 0 = x S y i=1 i=1 Il teorema di D Aspremont-Geneve. Teorema (D Aspremont-Geneve, 1977) In condizione di confronto di unità cardinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale ed efficienza informativa se e solo se è la regola utilitaria. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

120 D Aspremont-Geneve e l utilitarietà Confronto dei livelli di utilità. L idea di D Aspremont-Geneve parte da un confronto cardinale interpersonale: le utilità devono essere misurate in termini comuni a tutti. A livello interpersonale si confrontano i guadagni di utilità tra diverse alternative: u i(x) u i(y) u j(x) u j(y)? La regola utilitaria. A livello sociale, si preferisce x a y se l utilità aggregata di x è maggiore di quella di y, cioè m m u i(x) u i(y) > 0 = x S y i=1 i=1 Il teorema di D Aspremont-Geneve. Teorema (D Aspremont-Geneve, 1977) In condizione di confronto di unità cardinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale ed efficienza informativa se e solo se è la regola utilitaria. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

121 D Aspremont-Geneve e l utilitarietà Confronto dei livelli di utilità. L idea di D Aspremont-Geneve parte da un confronto cardinale interpersonale: le utilità devono essere misurate in termini comuni a tutti. A livello interpersonale si confrontano i guadagni di utilità tra diverse alternative: u i(x) u i(y) u j(x) u j(y)? La regola utilitaria. A livello sociale, si preferisce x a y se l utilità aggregata di x è maggiore di quella di y, cioè m m u i(x) u i(y) > 0 = x S y i=1 i=1 Il teorema di D Aspremont-Geneve. Teorema (D Aspremont-Geneve, 1977) In condizione di confronto di unità cardinali, una regola di scelta sociale soddisfa unanimità, dominio universale ed efficienza informativa se e solo se è la regola utilitaria. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

122 Tiriamo le somme Nel 1951 Arrow dimostra il suo teorema di impossibilità: una regola di scelta sociale basata su criteri apparentemente naturali non può che essere dittatoriale. Negli anni successivi, Mas-Colell e Sonnenschein nel 1972 e Gibbard e Sattherwaite nel 1973 hanno dimostrato che non bastava alleggerire i criteri stabiliti da Arrow per ottenere buoni risultati. Successivamente, Hammond nel 1976 e D Aspremont e Geneve nel 1977 riuscirono a dimostrare che una maggiore ricchezza di informazione poteva portare a regole non dittatoriali (leximin e utilitarietà) che soddisfacessero comunque i criteri di Arrow. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

123 Tiriamo le somme Nel 1951 Arrow dimostra il suo teorema di impossibilità: una regola di scelta sociale basata su criteri apparentemente naturali non può che essere dittatoriale. Negli anni successivi, Mas-Colell e Sonnenschein nel 1972 e Gibbard e Sattherwaite nel 1973 hanno dimostrato che non bastava alleggerire i criteri stabiliti da Arrow per ottenere buoni risultati. Successivamente, Hammond nel 1976 e D Aspremont e Geneve nel 1977 riuscirono a dimostrare che una maggiore ricchezza di informazione poteva portare a regole non dittatoriali (leximin e utilitarietà) che soddisfacessero comunque i criteri di Arrow. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

124 Tiriamo le somme Nel 1951 Arrow dimostra il suo teorema di impossibilità: una regola di scelta sociale basata su criteri apparentemente naturali non può che essere dittatoriale. Negli anni successivi, Mas-Colell e Sonnenschein nel 1972 e Gibbard e Sattherwaite nel 1973 hanno dimostrato che non bastava alleggerire i criteri stabiliti da Arrow per ottenere buoni risultati. Successivamente, Hammond nel 1976 e D Aspremont e Geneve nel 1977 riuscirono a dimostrare che una maggiore ricchezza di informazione poteva portare a regole non dittatoriali (leximin e utilitarietà) che soddisfacessero comunque i criteri di Arrow. (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

125 Outline 1 Un po di storia 2 La teoria delle scelte sociali 3 I giochi non cooperativi L equilibrio di Nash 4 Il concetto di utilità 5 Un paradosso: la One Euro Auction 6 Il 7 Combinatorial Games Il Take Away Game Nim Games (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

126 Giochi cooperativi e non-cooperativi John Charles Harsanyi ( ) Nel 1966 John Harsanyi formalizza la classificazione principale dei giochi in giochi non-cooperativi, nei quali non sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori; giochi cooperativi, nei quali sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori. Non permettere accordi vincolanti non vuol dire assenza di comunicazione (anche se a volte viene ipotizzata). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

127 Giochi cooperativi e non-cooperativi John Charles Harsanyi ( ) Nel 1966 John Harsanyi formalizza la classificazione principale dei giochi in giochi non-cooperativi, nei quali non sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori; giochi cooperativi, nei quali sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori. Non permettere accordi vincolanti non vuol dire assenza di comunicazione (anche se a volte viene ipotizzata). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

128 Giochi cooperativi e non-cooperativi John Charles Harsanyi ( ) Nel 1966 John Harsanyi formalizza la classificazione principale dei giochi in giochi non-cooperativi, nei quali non sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori; giochi cooperativi, nei quali sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori. Non permettere accordi vincolanti non vuol dire assenza di comunicazione (anche se a volte viene ipotizzata). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

129 Giochi cooperativi e non-cooperativi John Charles Harsanyi ( ) Nel 1966 John Harsanyi formalizza la classificazione principale dei giochi in giochi non-cooperativi, nei quali non sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori; giochi cooperativi, nei quali sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori. Non permettere accordi vincolanti non vuol dire assenza di comunicazione (anche se a volte viene ipotizzata). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

130 Giochi cooperativi e non-cooperativi John Charles Harsanyi ( ) Nel 1966 John Harsanyi formalizza la classificazione principale dei giochi in giochi non-cooperativi, nei quali non sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori; giochi cooperativi, nei quali sono permessi accordi vincolanti tra i giocatori. Non permettere accordi vincolanti non vuol dire assenza di comunicazione (anche se a volte viene ipotizzata). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

131 L arrivo di John Nash Nash John Forbes Nash Jr. (1928-now) The Nash equilibrium is the embodiment of the idea that economic agents are rational; that they simultaneously act to maximize their utility. If there is any idea that can be considered the driving force of economic theory, that is it. Thus in a sense, Nash equilibrium embodies the most important and fundamental idea of economics, that people act in accordance with their incentives. (Robert Aumann) E un concetto di soluzione introdotto dallo stesso J. Nash nel 1950 nell articolo Equilibrium points in n-person games. Già nel libro di von Neumann e Morgenstern appare un concetto del tutto simile, ma applicato ad una classe particolare di giochi (i cosiddetti zero-sum games). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

132 L arrivo di John Nash Nash John Forbes Nash Jr. (1928-now) The Nash equilibrium is the embodiment of the idea that economic agents are rational; that they simultaneously act to maximize their utility. If there is any idea that can be considered the driving force of economic theory, that is it. Thus in a sense, Nash equilibrium embodies the most important and fundamental idea of economics, that people act in accordance with their incentives. (Robert Aumann) E un concetto di soluzione introdotto dallo stesso J. Nash nel 1950 nell articolo Equilibrium points in n-person games. Già nel libro di von Neumann e Morgenstern appare un concetto del tutto simile, ma applicato ad una classe particolare di giochi (i cosiddetti zero-sum games). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

133 L arrivo di John Nash Nash John Forbes Nash Jr. (1928-now) The Nash equilibrium is the embodiment of the idea that economic agents are rational; that they simultaneously act to maximize their utility. If there is any idea that can be considered the driving force of economic theory, that is it. Thus in a sense, Nash equilibrium embodies the most important and fundamental idea of economics, that people act in accordance with their incentives. (Robert Aumann) E un concetto di soluzione introdotto dallo stesso J. Nash nel 1950 nell articolo Equilibrium points in n-person games. Già nel libro di von Neumann e Morgenstern appare un concetto del tutto simile, ma applicato ad una classe particolare di giochi (i cosiddetti zero-sum games). (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

134 Il dilemma del prigioniero (DP) Nash (DIMA, UNIGE) 19/04/ / 74

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle Votazioni David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle scelte sociali David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzione di Benessere Sociale Problema della scelta di un punto socialmente ottimale lungo la frontiera

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 10: Introduzione alla Teoria dei Giochi David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GIOCHI PER PROBLEMI DI DECISIONE

INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GIOCHI PER PROBLEMI DI DECISIONE INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GIOCHI PER PROBLEMI DI DECISIONE Vito Fragnelli Dipartimento di Scienze e Tecnologie Avanzate Università del Piemonte Orientale vito.fragnelli@mfn.unipmn.it Teoria dei Giochi

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 26 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html COOPERAZIONE Esempio: strategie correlate e problema

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 9 marzo 2010 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2010.html TEOREMI DI ESISTENZA TEOREMI DI ESISTENZA Teorema

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti)

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti) Esame di Politica Economica 2 appello Sessione Estiva A.A. 2010-2011 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano TEORIA DEI GIOCHI Parte 1 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 10 Dicembre 2010 Che significa teoria dei giochi? Gioco: Due o più individui partono da una

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 UN PO DI STORIA UN PO DI STORIA Von Neumann, Morgenstern Theory of Games and Economic Behavior (Princeton, 1944); UN PO DI STORIA Von Neumann,

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) La funzione del benessere sociale Alberto Zanardi

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 5 marzo 25 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo25.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 3 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

Imprese e reti d impresa

Imprese e reti d impresa Imprese e reti d impresa 6. Elementi di teoria dei giochi non cooperativi Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea triennale in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte II Giochi strategici a somma zero Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Alice e Bruno

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza 1 Una premessa Sono consapevole di accingermi a uno sforzo temerario:

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte III Giochi strategici a somma qualsiasi Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Il dilemma

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

1 Estensione in strategia mista di un gioco

1 Estensione in strategia mista di un gioco AVVERTENZA: Di seguito trovate alcuni appunti, poco ordinati e poco formali, che uso come traccia durante le lezioni. Non sono assolutamente da considerarsi sostitutivi del materiale didattico. Riferimenti:

Dettagli

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA!

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! MADD-SPOT, 1, 2015 DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! DI LUCIA PUSILLO La Teoria dei Giochi si occupa in generale delle tecniche matematiche per analizzare situazioni in cui due o più individui

Dettagli

La matematica del gioco. Il gioco della matematica

La matematica del gioco. Il gioco della matematica . Il gioco della matematica Viterbo 2 Maggio 2015 May 16, 2015 Sommario Giochi matematici Il gioco dell intelligenza Il gioco della matematica La matematica è un gioco Giochi matematici Teoria matematica

Dettagli

Scelta sociale. Definizione del problema. Il teorema di impossibilità di Arrow. Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi

Scelta sociale. Definizione del problema. Il teorema di impossibilità di Arrow. Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi Scelta sociale Definizione del problema Il teorema di impossibilità di Arrow Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi Definizione del problema Il problema della scelta di

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

In Action With Math. Competizione e Strategia - Teoria dei Giochi. Roberto Lucchetti - Giulia Bernardi. Politecnico di Milano

In Action With Math. Competizione e Strategia - Teoria dei Giochi. Roberto Lucchetti - Giulia Bernardi. Politecnico di Milano In Action With Math Competizione e Strategia - Teoria dei Giochi Roberto Lucchetti - Giulia Bernardi Politecnico di Milano www.gametheory.polimi.it 14 ottobre 2015 1 / 20 Cos è un gioco? Gioco (dizionario)

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Teoria dei giochi Cos è un gioco? Si definisce come gioco una situazione in cui ciascuno dei

Dettagli

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero 1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero Nel gioco del Nim, se semplificato all estremo, ci sono due giocatori I, II e una pila di 6 pedine identiche In ogni turno di gioco I rimuove una

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 17 Dicembre 2010 Giochi in forma estesa, fino a Zermelo Un modo matematico per descrivere

Dettagli

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2

Teoria dei Giochi. Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 2 1 Concetti risolutivi per i giochi in forma normale I

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Cognome, Nome, Corso di Laurea, email: Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Esercizio 1. Si consideri il seguente gioco. Il primo giocatore può scegliere un numero tra {1,3,,6}; il secondo giocatore

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 22: 1 Giugno 2010. Meccanismi Randomizzati

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 22: 1 Giugno 2010. Meccanismi Randomizzati Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica AA 2009/10 Lecture 22: 1 Giugno 2010 Meccanismi Randomizzati Docente Vincenzo Auletta Note redatte da: Davide Armidoro Abstract In questa lezione descriveremo

Dettagli

Modellazione delle preferenze

Modellazione delle preferenze Modellazione delle preferenze Roberto Cordone 1 1 Sono debitore delle dispense di B. Simeone e F. Patrone Sistemazione assiomatica Dato un insieme non vuoto di impatti F, esprimere una preferenza fra due

Dettagli

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014 In Action with Math Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti 5 novembre 2014 1 / 16 Roulette russa Altri esempi Teorema di Zermelo Descrizione del gioco Due giocatori

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teorie del Benessere Sociale David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Implementazione. con breve introduzione alle scelte sociali e con l esempio di Re Salomone. Appunti di Fioravante PATRONE http://dri.diptem.unige.

Implementazione. con breve introduzione alle scelte sociali e con l esempio di Re Salomone. Appunti di Fioravante PATRONE http://dri.diptem.unige. Implementazione con breve introduzione alle scelte sociali e con l esempio di Re Salomone Appunti di Fioravante PATRONE http://dri.diptem.unige.it/ versione del 4 maggio 2011 Indice 1 Scelte sociali ed

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

GIUSTIFICARE LE RISPOSTE. Non scrivere la soluzione di esercizi diversi su uno stesso foglio.

GIUSTIFICARE LE RISPOSTE. Non scrivere la soluzione di esercizi diversi su uno stesso foglio. Teoria dei giochi applicata alle scienze sociali Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale, Politecnico di MI, 2006/07 I prova intermedia, 19 dicembre 2006, foglio A Tempo: 2 ore e 1/2; risolvere 3

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale

Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzioni di benessere sociale che cosa intendiamo per bene comune? come è possibile confrontare

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Multiagent systems Sistemi i di Agenti Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Christian Schunck,Ph.D. Multiagent Systems Sistemi di Agenti UD 1.1 30/03/2010 Dia 2 TIPOLOGIE DI GIOCHI SOMMA COSTANTE/NON

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no

1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no 1 Schema della lezione 1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no 2. Possiamo dire qualcosa su quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: si 3. Dato

Dettagli

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali:

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali: Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 1 1 Nozioni introduttive La teoria

Dettagli

Giochi semplici, indici di potere e scelte sociali.

Giochi semplici, indici di potere e scelte sociali. Giochi semplici, indici di potere e scelte sociali. Parte 1: giochi semplici S. Moretti 1 Istituto per la Matematica Applicata, Consiglio Nazionale delle Ricerche Via De Marini 6 (Torre di Francia), 16149

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Cos è la teoria dei giochi e come può esservi utile

Cos è la teoria dei giochi e come può esservi utile Cos è la teoria dei giochi e come può esservi utile Giulia Bernardi Politecnico di Milano 4 novembre 2015 Giulia Bernardi (Politecnico di Milano) Cos è la teoria dei giochi 4 novembre 2015 1 / 21 Introduzione

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line

Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line Vincenzo Bonifaci Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma Cos è la Teoria dei

Dettagli

Capitolo 1. Che cos è l economia

Capitolo 1. Che cos è l economia Capitolo 1 Che cos è l economia Economia, scarsità e scelta L'economia è una scienza sociale L economia è lo studio della scelta in condizioni di scarsità Scarsità e scelte individuali Scarsità di tempo

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Ottimo sociale Scelta di uno specifico punto Pareto ottimo sulla frontiera delle possibilità

Dettagli

TICHU NANJING (per 4 giocatori)

TICHU NANJING (per 4 giocatori) TICHU NANJING (per 4 giocatori) Le carte Sono di quattro tipi (Jade/Sword/Pagoda/Star) (Giada-verde/Spada-nero/Pagoda-blu/Stella-rosso) di 13 valori ognuna che corrispondono alle carte del Poker. L Asso

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

INFINITO & CARDINALITÀ

INFINITO & CARDINALITÀ SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA TFA-A059 Didattica della Matematica II INFINITO & CARDINALITÀ A cura di: Andrei Catalioto Docente: Prof. Paolo Piccinni ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Il Paradosso del Hotel Infinito

Dettagli

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre

Dettagli

TERZINE IN SESTINA FIGURE DI 2. Alla compagna di coppia

TERZINE IN SESTINA FIGURE DI 2. Alla compagna di coppia TERZINE IN SESTINA FIGURE DI 2 Alla compagna di coppia Ho sempre pensato che per vincere alla roulette sia necessario fare un gioco su molte partite brevi, che abbiano una buona percentuale di chiusura

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Teoria dei Giochi. Vito Fragnelli A.A. 2010-11

Teoria dei Giochi. Vito Fragnelli A.A. 2010-11 Teoria dei Giochi Vito Fragnelli A.A. 2010-11 Capitolo 1 Teoria dei giochi e utilità 1.1 Esempio preliminare (da Young, 1994) Due paesi A e B, aventi rispettivamente 3.600 e 1.200 abitanti, vogliono costruire

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

TAGLIO E SCARTO (II) da Bd I 1971-7/8

TAGLIO E SCARTO (II) da Bd I 1971-7/8 TAGLIO E SCARTO (II) da Bd I 1971-7/8 di Robert Berthe Se in un contratto ad atout uno dei difensori gioca in un colore nel quale il dichiarante e il morto non hanno più carte da rispondere, egli permetterà

Dettagli

Segui passo passo le istruzioni e potrai giocare le tue sfide online. Puoi già capirlo, è facile, divertente e eccitante.

Segui passo passo le istruzioni e potrai giocare le tue sfide online. Puoi già capirlo, è facile, divertente e eccitante. COME GIOCARE ONLINE? Segui passo passo le istruzioni e potrai giocare le tue sfide online. Puoi già capirlo, è facile, divertente e eccitante. 0. PERSONALIZZA IL TUO AVATAR Puoi accedere a tutte le sezioni

Dettagli

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico):

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico): CARTE aggiornato al 25/06/2014 Entrambe le gare di carte si svolgeranno presso il salone Polivalente di Pinasca. Entrambe le gare saranno giocate da giocatori in coppia, la coppia può essere diversa nelle

Dettagli

1.4 Risposte alle domande di ripasso

1.4 Risposte alle domande di ripasso Pensare da economisti 1 1.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il costo opportunità di leggere un romanzo questa sera consiste nel non poter fare qualsiasi altra cosa avreste voluto fare in alternativa.

Dettagli

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE Vincenzo Auletta Università di Salerno ASTE Le aste (auctions) sono un altro importante ambito in cui possiamo applicare il framework della teoria dei giochi Come devo

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 LE DECISIONI Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 1 La scelta razionale Dove mi iscrivo: Arti o Design? Probabilità che diminuisca il mercato del lavoro nei prossimi X anni Arti Design... 2 La

Dettagli

Regolamento per il Rating FIDE - 2013

Regolamento per il Rating FIDE - 2013 Regolamento per il Rating FIDE - 2013 In vigore dal 1 luglio 2013 Come approvato dall Assemblea Generale nel 1982 ed emendato dalle Assemblee Generali dal 1984 al 2012. 0. Introduzione Una partita giocata

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Bet Analytics The Social Betting Strategy

Bet Analytics The Social Betting Strategy Bet Analytics The Social Betting Strategy Antonino Marco Giardina Marzo 2012 Premessa Pronosticare i risultati di specifici eventi e puntare sugli stessi è alla base di tutte le scommesse sportive L esigenza

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Articolo 1: 5 luglio 2010. Sponsored Search Equilibrium for Conservative Bidders

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Articolo 1: 5 luglio 2010. Sponsored Search Equilibrium for Conservative Bidders Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Articolo : 5 luglio 200 Sponsored Search Equilibrium for Conservative Bidders Docente Vincenzo Auletta Note redatte da: Filomena Carnevale

Dettagli

Scelte collettive ed effetti sulla politica economica

Scelte collettive ed effetti sulla politica economica Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle Scienze Economiche Master in FINANZA PUBBLICA 1^ Edizione Scelte collettive ed effetti sulla politica

Dettagli

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Quesito 1: Un ricercatore intende studiare la comunicazione delle emozioni nell interazione madrebambino in bambini di età inferiore a un anno.

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

e Paradosso del Gelataio

e Paradosso del Gelataio e Paradosso del Gelataio Cos'è la Teoria dei Giochi Astrazione del processo decisionale Scelte comportamentali e strategiche Effetti delle scelte proprie e altrui Analisi del comportamento razionale Gioco

Dettagli

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Esercizio 1 Ci sono 2000 individui ciascuno con funzione di utilità Von Neumann-Morgestern

Dettagli

1 GIOCHI COOPERATIVI 1. 1 Giochi cooperativi. 1.1 Introduzione

1 GIOCHI COOPERATIVI 1. 1 Giochi cooperativi. 1.1 Introduzione 1 GIOCHI COOPERATIVI 1 1 Giochi cooperativi 1.1 Introduzione I giocatori possono associarsi per migliorare il proprio risultato Per realizzare la cooperazione: deve essere possibile stipulare accordi (ad

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Cooperazione di Agenti Informatici Corso di Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2008/09 Prof. Alberto Postiglione

Cooperazione di Agenti Informatici Corso di Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2008/09 Prof. Alberto Postiglione ooperazione di genti Informatici orso di Laurea Specialistica in Informatica.. 2008/09 Prof. lberto Postiglione UD.2: Esempi di Giochi Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2

Dettagli

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali 1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali Definizione 1 (Applicazioni lineari) Si chiama applicazione lineare una applicazione tra uno spazio vettoriale ed uno spazio vettoriale sul campo tale che "!$%!

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli