Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario"

Transcript

1 Sanità, risk managmnt assicurazion Elio Marchtti Nl rcnt passato l compagni ch oprano nll assicurazion sanitaria si sono ridott di numro hanno ristrtto l opratività dll loro polizz, gnrando il sosptto di collusion producndo difficoltà all azind sanitari. La risposta di qust ultim si è orintata soprattutto vrso la riduzion di costi a brv, mntr sono stat scars l iniziativ pr aumntar l fficacia l fficinza nlla gstion dl contnzioso con gli utnti. Il risk managmnt rapprsnta un important passo in tal dirzion. Crisi dl mrcato assicurativo: azioni dgli assicuratori rispost dl sistma sanitario Il mrcato assicurativo ha apportato nl rcnt passato rilvanti rstrizioni all coprtur assicurativ di rsponsabilità civil dll azind sanitari pubblich o a ss quiparat, 1 tndndo a limitar l opratività dll polizz sia in trmini tmporali sia nlla gstion di sinistri, talvolta mutando politich intrprtativ di dfinizioni giuridich consolidat in modo opportunistico s non concrtato. 2 Ciò ha prodotto notvoli difficoltà all azind sanitari, l quali hanno dovuto spsso gstir casi di contnzioso dirttamnt, snza alcuna sprinza prgrssa. Alla mutata struttura giuridica dll condizioni contrattuali si è associata una notvol rstrizion dl numro dgli opratori in qusto sgmnto: la mdia annua dgli assicuratori opranti a favor dlla sanità pubblica non è stata suprior a 5 nll ultimo dcnnio. 3 Consguntmnt, nll singol gar di appalto il numro è risultato ultriormnt ristrtto. Ciò ha ingnrato ngli 32 1 Ci rifriamo agli istituti scintifici di ricrca cura; pr quanto attin alla sanità privata, dato il divrso rapporto giuridico mdici libri profssionisti-clinich/laboratori, si riscontra lo stsso trnd con circa du anni di ritardo, risptto all struttur pubblich, nll polizz stipulat dall clinich privat, 4-5 anni nl sttor dll polizz individuali. 2 Un caso smplar lo si è avuto nll intrprtazion dlla dfinizion di sinistro nll polizz Claims Mad, dov il tsto rcita «la richista di risarcimnto...». Pr anni gli assicuratori avvano accttato anch l dnunc trasmss cautlativamnt dagli assicurati, ovvrossia quando si riscontrava un danno al pazint, anch in assnza di una richista danni formal, prndndol in carico all atto dlla comunicazion gstndol poi succssivamnt, qualora si fossro trasformat in vro proprio contnzioso. Nl 2002 Elio Marchtti A.D. Ibo Gstion Rischi Prsidnt Associazion Risk Managmnt Sanità - Onlus un assicurator ladr nazional iniziò a contstar tal intrprtazion, limitandosi ad accttar la gstion di soli casi in cui vi ra una richista danni formal da part di pazinti rifiutando tutt l dnunc cautlativ, sfruttando così una formulazion più gnrica adottata in Italia (dagli assicuratori nazionali) nll polizz Claims Mad risptto a qulla adottata dagli assicuratori stri di r.c. profssional smntndo anni di intrprtazioni ampi dl conctto di sinistro. Immdiatamnt, tutti gli altri assicuratori, italiani d stri, si sono adguati a qusta posizion. 3 Hanno avuto una prsnza costant i Lloyd s, con una quota di mrcato suprior al 60%, il gruppo Gnrali Unipol, mntr si sono altrnati nl tmpo con politich commrciali talvolta pisodich Carig, Cattolica, Faro, Fondiaria Sai, Ral Mutua Zurich. numro 1/2009 Mrcato

2 opratori sanitari il sosptto di una politica collusiva oligopolistica orintata a sostnr prmi lvati. La risposta all rstrizioni di mrcato è stata, in taluni casi, l mulazion di politich adottat all stro in pasi laddov si è associata alla crisi dl mrcato assicurativo un lvata autonomia dcisional a livllo pubblico. È il caso dlla Scozia di Pasi Baschi: in qust ar si sono impostati piani assicurativi misti, con intrvnto dirtto dll azind sanitari sui microsinistri, di un fondo pubblico pr qulli mdi dll assicurator pr qulli gravi. La trasformazion dl Srvizio Sanitario italiano da scala nazional a scala rgional ha altrsì favorito la riprsa di modlli stri: ngli ultimi 3-4 anni, in alcun rgioni 4 si sono indtt gar cntralizzat pr l acquisizion di srvizi assicurativi, con lo scopo di ralizzar conomi di scala commrciali. In qusti casi, la rgion (o un gruppo di azind sanitari) ha, dunqu, indtto una gara tndnt ad assicurar tutt l azind adrnti attravrso un contratto-quadro omogno a un przzo idntico pr tutt: in alcuni casi si sono ottnut rispost positiv immdiat sul piano di costi a brv, ma sono stat molto scars l iniziativ tndnti ad aumntar l fficacia l fficinza nlla gstion dl contnzioso con gli utnti. Sul mdio-lungo priodo, quando l caus giudiziari giungranno via via a sntnza, mrgranno i limiti ( l prdit finanziari) di un approccio finalizzato a ridurr i costi a brv, ma con intrvnti insufficinti sull caus ch hanno dtrminato la crisi dl mrcato assicurativo il consgunt innalzamnto di przzi accompagnato da pggioramnto dl srvizio riduzion dll offrta. Prtanto, snza un sostanzial mutamnto dll approccio burocratico sinora sguito non si ottrranno significativi risultati, tnuto altrsì conto dlla crscnt attnzion di mdia ai casi dlla cosiddtta malasanità. Tuttavia, qusto quadro, data la spcificità dl sistma sanitario, potrbb trasformarsi rapidamnt pr una sri di fattori socio-culturali, s vrranno adottati adguati approcci alla gstion di rischi. L caus dlla crisi dl mrcato assicurativo La causa primaria dlla crisi driva dal mutato conctto di Srvizio Sanitario nlla prczion dgli utnti, ch si attndono smpr più la guarigion dl malato com un atto dovuto, piuttosto ch la smplic attnzion (dilignza) da part dl prsonal sanitario nl prcorso assistnzial. Ciò ha dtrminato: un incrmnto sponnzial dl contnzioso nll ultimo dcnnio (Fig. 1); una maggior attnzion da part di mass mdia ai casi di malasanità, ch vngono amplificati dalla cronaca nra; 4 Tra i primi casi citiamo Friuli Vnzia Giulia, March, Pimont, Toscana (qust ultima ha agito pr mzzo dll Ar Vast anziché su scala rgional) Vnto. numro 1/2009 Mrcato 33

3 un mutato conctto dlla rsponsabilità da atti mdici nlla giurisprudnza: i rcnti pronunciamnti hanno confrmato la trasformazion dlla profssion mdica da obbligazion di mzzi a obbligazion di risultato, con un invrsion dll onr dlla prova a carico dl mdico. 5 Fig. 1 Numro di sinistri dnunciati r.c. Profssional mdici r.c. Struttur sanitari Font: ANIA, Rapporto annual : l assicurazion r.c. sanitaria - statistich 2006, pag Dal lato dl srvizio sanitario vi sono stat dll concaus: il srvizio sanitario è smpr più orintato all fficinza piuttosto ch all fficacia: atti mdici simili sono pianificati gstiti com una vra propria catna di montaggio, finalizzata sclusivamnt all incrmnto numrico dll prstazioni. In qusto contsto, il malato divin smpr più un numro; con l accrscimnto dll conoscnz scintifich, la mdicina divnta una pratica smpr più spcializzata, con un ultrior frazionamnto dll comptnz/spcialità mdich; un prcorso diagnostico-traputico complsso vd altrnarsi molti mdici, ciascuno pr la sua frazion di intrvnto, snza ch vi sia una suprvision o un coordinamnto strutturato dgli intrvnti: qusto ruolo ra stato srcitato, in passato, dall infrmira caposala. Ora, con la riforma il riconoscimnto dl ruolo managrial all caposala, qust sono gravat da compiti di pianificazion gstion di ricovri, a scapito dl monitoraggio dl prcorso diagnostico-traputico di vari pazinti Cassazion, numro 1/2009 Mrcato

4 L aumnto dgli intrlocutori dgli intrvnti nl prcorso assistnzial amplifica la variabilità di risultati, rnd più complsso il controllo dll attività in gioco il dialogo tra gli opratori sanitari, con il risultato di aumntar in misura più ch proporzional l probabilità di rrori umani. 6 All incrmnto quantitativo dl contnzioso alla crscnt complssità dll cur mdich si ra associato, sino a tmpi rcnti, un diffuso approccio amministrativo alla gstion di rapporti con i cittadini. Allorquando si attivava una protsta o un contnzioso con i pazinti, cadva qualsiasi tntativo di dialogo tra l parti l azinda si limitava a trasmttr la dnuncia dl sinistro all assicurator, dlgando a lui tutti gli approfondimnti mdico-lgali la gstion dl rapporto con il dannggiato. L assicurator affrontava il caso sovnt solo sotto il profilo lgal, snza alcun dialogo con gli opratori sanitari, con il risultato di prcludrsi l possibilità di difsa sul piano mdico-lgal. Tutti qusti fattori sono stati la causa dl collasso dl mrcato assicurativo sotto il profilo finanziario. L acquisizion di srvizi assicurativi, trattandosi di nti pubblici, avvin attravrso procdur di gara su scala intrnazional. 7 Tuttavia, la partcipazion all gar è smpr stata sigua: una concausa, di natura giuridica commrcial, dlla crisi dl mrcato è stata l informazion diramata ai partcipanti nl corso dlla gara sui dati qualitativi quantitativi di sinistri prgrssi, spsso incomplti o sottostimati pr carnza di raccolta di dati. Ciò dtrmina asimmtria informativa con barrir all ntrata pr gli assicuratori o comportamnti spculativi da part di alcuni assicuratori non spcializzati nl sttor, ch intndono tntar una sviluppo commrcial attravrso la r.c. profssional nlla Sanità. Poiché i contratti sono acquisiti con gar urop hanno durata trinnal, nl caso di andamnto positivo il contratto vin mantnuto in vigor; nl caso di andamnto ngativo il contratto vin rscisso prima dlla natural scadnza. In gnral, l asimmtria informativa ha dtrminato un vidnt pggioramnto dl srvizio pr l azind sanitari: gli assicuratori tndono, in prsnza di prdit imprvist, a contnrn l spansion attravrso l individuazion di possibili cczioni contrattuali da opporr agli assicurati, oppur introducndo intrprtazioni rstrittiv a trminologi consolidat, com accnnato in prmssa; nll trattativ privat, attivat allorquando una gara sia andata dsrta, gli assicuratori propongono notvoli rstrizioni finanziari (sottolimiti di massimali) o addirittura scludono casistich di vnti ch possono dar origin a gravi sinistri in sri (la mdsima causa colpisc più soggtti): citiamo 6 Sono di attualità du intrvnti tndnti a ridurr l probabilità di rror: la gstion informatizzata dll cartll clinich (s attuata paralllamnt all scuzion dll prstazioni) il dosaggio/somministrazion di farmaci. Parcchi studi hanno valutato qusta attività dimostrato l lvata prcntual di rrori nlla somministrazion di farmaci, dovuta anch allo scarso controllo ni passaggi di turno. 7 Pr approfondimnti, Marchtti, numro 1/2009 Mrcato 35

5 quali smpi l infzioni ospdalir, l sprimntazioni clinich, l inggnria gntica, l trasfusioni, alcun infzioni gravissim (asprgillosi). Nlla prassi, tali sclusioni sono divntat lo standard dll coprtur assicurativ ricrcat attravrso l gar urop, con il risultato di ngoziar contratti inadguati al profilo di rischio dll azind sanitari. Qualch riflssion sul piano dlla comptizion tra assicuratori: data la scarsità di dati disponibili sui sinistri da part dll azind sanitari, qust hanno impostato l gar, fornndo acriticamnt i dati statistici richisti ottnuti (quando prvisto dall norm contrattuali) dall assicurator prcdnt. Qusta prassi di fatto ha aprto la via a una nuova forma di asimmtria informativa, qusta volta prodotta dall assicurator giunto a scadnza contrattual, il qual fornisc all azinda propria clint di dati sovrastimati sul contnzioso aprto, in modo da indurr i concorrnti a sovrastimar a loro volta i sinistri attsi. Solo il dtntor di dati attndibili è prtanto in grado di stimar l prdit atts ffttiv: god così di un vantaggio comptitivo sugli altri partcipanti nlla gara di rinnovo dl contratto. Si riscontra, dunqu, un asimmtria informativa bilatral, dov ciascuna dll parti favorisc d alimnta comportamnti spculativi. La soluzion istituzional: il risk managmnt Qusta mtodologia agisc innanzitutto sull caus ch producono l prdit, dunqu, sul mdio-lungo priodo ha bnfici fftti pr il sistma sanitario sia in trmini di immagin sia in trmini di costi conomici. Sul piano istituzional, il Ministro dlla Salut ha lavorato ngli anni pr favorir un approccio non burocratico alla gstion dgli rrori di rclami dgli utnti: 36 nl 1997, con il documnto Imparar dall rror, ha crcato di diffondr i principi dll norm ISO 9000 rlativi al monitoraggio alla gstion dgli rrori, ch prvdono l utilizzo di dati rlativi a qusti vnti pr individuar l caus prvnir il riptrsi dgli rrori. Il documnto fu di ausilio all istituzion dll URP, acronimo ch idntifica l Ufficio Rlazioni con il Pubblico, funzion la cui istituzion è stata rsa obbligatoria in tutt l Pubblich Amministrazioni. Tal ufficio ha lo scopo di raccoglir tutt l lamntl i rclami sgnalati dagli utnti, nonché di ffttuar indagini autonom sulla qualità di srvizi prcpiti dai cittadini. Tutt l sgnalazioni dirtt dvono ssr gstit attravrso indagini intrn al sgnalator dv ssr fornita una risposta obbligatoria. Lo scopo è di abituar la Pubblica Amministrazion a dialogar con gli utnti anziché trattarli con distacco. L intrprtazion dl ruolo dll URP è stata disomogna, in parti- numro 1/2009 Mrcato

6 colar nll azind sanitari. In alcuni casi, l ufficio è ubicato all ingrsso dll ospdal d è gstito da prsonal qualificato: ciò dnota una volontà ral di avr un intrfaccia non burocratica ni rapporti con i cittadiniutnti di favorir il dialogo tra l parti. In altri è collocato in una posizion rmota scarsamnt visibil dagli utnti: solo chi conosc dirttamnt il ruolo dll URP può rivolgrsi a tal ufficio pr sgnalar rclami o fornir suggrimnti pr migliorar il srvizio. È vidnt in qusti casi, piuttosto diffusi, ch l ufficio è stato istituito solo pr un admpimnto burocratico; nl 2003 vnn istituita una Commission nazional pr il rischio clinico, con il compito di laborar indirizzi di riduzion dgli rrori. Nl 2004 vnn pubblicato lo studio Risk managmnt in Sanità - Il problma dgli rrori, nl qual si raccomandava l istituzion dll Unità di gstion dl rischio clinico; nl 2008 vnn manata una circolar ch prvdva l istituzion dlla funzion di risk managmnt all intrno di ciascuna azinda sanitaria pubblica. L azind sanitari si stanno via via adguando alla prscrizion, crando un apposita funzion: quali figur profssionali sono stat indirizzat a svolgr qusto dlicato ruolo? L più disparat, provninti indiffrntmnt da ruoli amministrativi o da attività sanitari: troviamo rsponsabili dlla qualità, dll URP, dll assicurazioni, dlla formazion, dlla dirzion sanitaria, di mdicina lgal o clinici in gnral. Il risk managmnt nl contsto sanitario Innanzitutto va prcisato ch sistono alcun profssionalità sul mrcato dl lavoro con sprinza di risk managmnt (RM nl sguito dll articolo) nll industria, 8 ma non nl sttor sanitario, prché qusta è un signza mrsa nll ultimo dcnnio indistintamnt su scala intrnazional, 9 paralllamnt alla crisi dl mrcato assicurativo. Parimnti non sist una mtodologia consolidata di RM in ambito ospdaliro, a diffrnza di quanto avvin nll industria o nl trziario, dov la lttratura è copiosa o, comunqu, sistono lin guida, ch forniscono un valido ausilio mtodologico agli opratori. Prtanto, al di là dll istituzion formal dlla figura dl risk managr, 10 si avviano progtti molto disomogni parziali, lgati all sprinza profssio- 8 In qusto sttor, il risk managr ha talvolta compiti limitati all ottimizzazion dll coprtur assicurativ, in quanto la funzion è collocata, rronamnt, in lina con la dirzion amministrativa o finanziaria, ma non ha alcuna ingrnza sull attività di prvnzion di sinistri, in quanto qusto compito è svolto prvalntmnt dal rsponsabil dlla sicurzza dl lavoro, attività ch vin vista prvalntmnt com admpimnto alla lgislazion. Con l applicazion di principi introdotti dalla Lgg 81/2008 anch la sicurzza dl lavoro dovrà avr un ruolo proattivo, finalizzato ad applicar tutti i principi dl risk managmnt. 9 Pr una disamina dl trnd intrnazional vdr M. Catino, Tal funzion vin svolta spsso ad intrim da altr funzioni. Nl dicmbr 2005, il 28% di un campion rapprsntativo dll azind sanitari dichiarava di avr istituito la funzion di RM. Font: Ministro dlla Salut. numro 1/2009 Mrcato 37

7 nal dl singolo risk managr, laddov non vi siano lin di indirizzo formalizzat a livllo rgional. Alcuni smpi positivi di coordinamnto di attività di RM su scala rgional si riscontrano, invc, in Lombardia, Emilia Romagna Toscana. Un altro problma, difficilmnt suprabil a brv trmin, driva dalla cultura tipica dlla PA, dov i ruoli di singoli sono intrprtati rigidamnt vi è una scarsa propnsion al lavoro di gruppo intrfunzional. Il problma è acuito nl sttor sanitario, dov vi è una ntta sparazion tra attività assistnzial attività amministrativa, ch si rifltt talvolta in una conflittualità strisciant. Pr smpio, s analizziamo il problma dlla gstion proattiva, dal smplic punto di vista assicurativo, di un caso di contnzioso giudiziario grav, pr analizzar la documntazion complssiva, ch è giudiziaria, assicurativa mdica, è ncssaria la collaborazion tra gli uffici URP, affari lgali, assicurazion, mdicina lgal il prsonal sanitario coinvolto nl prcorso assistnzial (primario, mdici prstatori di srvizi, infrmiri). Laddov vnga strutturata la gstion di dati rlativi a qusto tipo di vnti, i dati raccolti possono ssr utilizzati sia a fini statistici sia com sprinza singola; a ssi possono attingr svariat funzioni azindali con l obittivo di svolgr attività di prvnzion impdir la riptizion di casi simili. Nl primo caso i dati sono utilizzabili dall sgunti funzioni: URP, pr vrificar s nlla fas di pr-contnzioso l vnto ra noto, dunqu, s è stato gstito fficacmnt; s non ra noto, pr vrificar s il ruolo dll URP ra sufficintmnt conosciuto dagli utnti dal prsonal sanitario; assicurazioni, pr l statistich ncssari all indizion dll gar pubblich pr l acquisizion di srvizi assicurativi; sistma qualità, pr la gstion dll azioni corrttiv prvist dall norm ISO Nl scondo caso sono raccolti dall sgunti struttur: il rparto in cui è accaduto l vnto, pr indagar sull caus dll rror; la dirzion sanitaria, pr l analisi dll fficacia dlla documntazion clinica; la sicurzza, nl caso di diftti di attrzzatur impianti; la formazion, pr individuar possibili intrvnti mirati a modificar il comportamnto dgli opratori; la dirzion gnral, pr valutar l impatto dll vnto sui mdia sul srvizio prcpito dagli utnti. 38 Alla luc di tali potnzialità, s si considra ch usualmnt un contnzioso avviato sul piano giudiziario vin gstito dall ufficio assicurazioni, talvolta, dall ufficio lgal, è di immdiata vidnza ch il coinvolgimnto di altr funzioni fornirbb un lvato valor aggiunto all azinda. Il problma è di ottnr la numro 1/2009 Mrcato

8 collaborazion dll altr funzioni potnzialmnt coinvolt rndr costant qusto procsso, ch comunqu è solo una piccola part dlla funzion di RM. Dat l difficoltà scintifich culturali, quali compiti ruoli attribuir al RM nlla fas di avvio dll attività? Qusta funzion dovrà svolgr innanzitutto una funzion di snsibilizzazion dl prsonal, sanitario amministrativo, vrso un approccio attivo alla gstion di rischi: pr ottnr tal risultato dovrà ssr collocata in posizion di staff alla dirzion gnral, svolgr attività multidisciplinari anziché spcialistich, con compiti prvalnti di comunicazion organizzazion. In altri trmini, dovrà favorir il cambiamnto cultural all intrno dll azinda pr ottnr risultati fficaci. Un contributo positivo alla formazion di una cultura omogna nl sttor lo stanno fornndo i numrosi mastr univrsitari ch sono stati avviati prsso divrsi atni, 11 anch s il numro di partcipanti è limitato risptto al potnzial. A distanza di qualch anno dalla loro istituzion, anch l matri di studio si vanno via via affinando consolidando, rndndo così più fficac l applicazion dll conoscnz. Sono frqunti convgni forum, ni quali vngono prsntat l attività l iniziativ svolt nll singol azind. Innanzitutto si va diffondndo la dfinizion di clinical RM, caldggiata da coloro ch vogliono dar maggior nfasi agli intrvnti focalizzati sui srvizi sanitari spcifici piuttosto ch sui modlli organizzativi 12 gnrali, nonché sostnuta da coloro ch vogliono distingur l attività gstionali corrlat ai sinistri dagli intrvnti più connssi all prstazioni assistnziali, 13 oppur sparar i casi di mdical malpractic, cioè la rsponsabilità civil da prstazioni mdich da altr casistich di vnti dannosi. Aldilà dll dfinizioni formali, vi sono du problmi ch dovranno ssr risolti a brv pr giungr a una gstion di rischi sostanzial in campo sanitario: Evitar ambiguità sulla dfinizion di rischio. Il rischio, in snso statistico, è la probabilità di accadimnto di un vnto dannoso. 14 Molt pubblicazioni ( attività istituzionali nl campo di RM sanitario) scambiano di fatto gli vnti avvrsi, 15 ovvro tutt l consgunz imprvist mrs nll ambito dll cur mdich, con i rischi di danni ai pazinti, ovvro i danni potnziali. I primi sono vnti noti (sinistri rclamati all assicurator, prché manifstati prcpiti dai pazinti, o sinistri latnti, prché i danni sono stati prcpiti solo dal prsonal sanitario o, comunqu, si sono attnuati nl corso dll cur), ch possono riptrsi nl tmpo, dunqu, è ncssario prvnir il riptrsi dll vnto; i scondi sono vnti possibili, ma non ancora manifstatisi. 11 Uno di primi mastr vnn avviato dal Cinas, Politcnico di Milano, nll anno accadmico L impostazion ha un suo fondamnto, dat l rigidità prsnti ni modlli organizzativi dll ASL l ccsso di autonomia di potr affidato di fatto ai primari, soprattutto nll azind ospdalir univrsitari. Divin, dunqu, strmamnt difficil avviar procdur oprativ, ch coinvolgano indistintamnt divisioni o rparti divrsi s non vi è la condivision prvntiva dl progtto. 13 In gnr, qusta distinzion è accntuata ni risk managr ch svolgvano attività clinica. 14 Knight, 1957 Grn-Srbin, Charls Vincnt, numro 1/2009 Mrcato 39

9 La funzion di RM dv ncssariamnt occuparsi non solo dgli vnti avvrsi, ma anch di danni potnziali, in particolar quando l oggtto dll attività riguarda la salut di cittadini: un vnto potnzial non idntificato, dunqu, non prvisto, s si manifsta può trovar l struttur imprparat a gstirlo, con consgunz ngativ anch sull immagin dl srvizio pubblico. 16 Carnza di diffusion dlla cultura di RM tra l azind sanitari. Si riscontrano spsso dll iniziativ innovativ di singol azind o studi multicntrici su asptti spcialistici dll attività assistnziali, il cui scopo è qullo di porr in vidnza l attività svolta dai singoli piuttosto ch qullo di divulgar sprinz riptibili. Vi è un abuso dl trmin ccllnza, usato com slogan, con il qual si dfiniscono in gnral iniziativ innovativ. Dall stss rgioni vngono incntivati tali progtti, ma con scarsa attnzion all loro strnalità. In altri trmini, l ricrch condott producono spsso informazioni di natura statistica, ma non sono facilmnt rplicabili prsso altr azind. N discnd un approccio pisodico marginal alla gstion di rischi. Proprio la ncssità di far sprinz organich di RM dovrbb, invc, favorir, sul piano istituzional, iniziativ di gstion di rischi intgrat rplicabili intgralmnt in altr struttur. La bas di partnza dl RM: la mappatura di rischi La mappatura di rischi è costituita dai procssi di individuazion, analisi valutazion di rischi; è il fondamnto di qualsiasi politica di RM, poiché dà una vision intgrata dll ar di vulnrabilità di un imprsa. Consist nlla catalogazion di tutt l macro-attività nlla sistmatica analisi di tutti i procssi svolti dall imprsa, al fin di conoscr quali sono l prdit potnziali cui ssa è sposta, sotto il profilo dl patrimonio, dll prson dlla rsponsabilità vrso trzi. Esistono qustionari chck list consolidati pr quanto attin all attività industriali all attività bancaria: nl primo caso prché l prim sprinz di RM, risalnti alla fin dgli anni '60, si sono avviat nll industria si sono via via consolidat; nl scondo caso vi è stata una copiosa produzion di lin guida ispirat dagli studi dl Comitato di Basila, rcpit dall Banch Cntrali, ch hanno prmsso in qusto sttor di avviar numrosi progtti di mappatura di rischi. Nl sttor sanitario, visto ch la disciplina dl RM è di rcnt introduzion, non sistono qustionari consolidati 17 pr la mappatura di rischi, anch s un rifrimnto indirtto pr la rsponsabilità vrso trzi può ssr I frqunti casi di infzioni ospdalir trattati dai mdia sono smplari a qusto proposito: non sono sufficintmnt analizzati i pazinti i prcorsi diagnosticotraputici a rischio si prfrisc trattar i pazinti con antibiotici, usando i farmaci ch sono dfiniti spsso com strumnto di prvnzion. In raltà, qusto intrvnto non prvin l infzion, ma n limita l consgunz vrso il pazint: si agisc sull fftto non sull caus. 17 Alcun ricrch sono stat ffttuat dalla Scuola Sant Anna di Pisa, a livllo di tsi di mastr al Corso Hospital Risk Managmnt dl Cinas (Marzano, Colombo, 2007). numro 1/2009 Mrcato

10 fornito dalla mtodologia adottata dalla Joint Commission Halthcar Organization Accrditation-JCHOA. La consgunza è ch la maggior part dll azind sanitari non ffttua la mappatura di rischi, ma si limita, laddov vi sia una raccolta strutturata di tutti gli vnti avvrsi, 18 ad analizzar tali dati. La raccolta strutturata di dati rlativi agli vnti avvrsi vin dfinita incidnt rporting. Tal mtodologia non è di uso comun nl sttor: considrando ch ssa non è sufficint 19 pr avr una mappatura di rischi, risulta vidnt la carnza conoscitiva di rischi spcifici di ciascuna azinda sanitaria. La mappatura di rischi il mrcato assicurativo Alla luc dll difficoltà di rprir adguat comptitiv coprtur assicurativ, lgat prvalntmnt all asimmtria informativa gnrata dall infficinz dl mrcato, occorr crar un osmosi nlla gstion di rischi tra l azind sanitari il mrcato assicurativo, oggi insistnt. L anllo di congiunzion tra l signz di attivar adguat politich di RM nlla sanità l signz dgli assicuratori di slzionar prmiar gli assicurati più fficinti, diffrnziando i costi assicurativi, potrbb consistr proprio nlla condivision tra i du attori di dati raccolti nl procsso di mappatura di rischi. Una volta consolidata tal attività si ottrrbbro rilvanti bnfici: l azind sanitari svilupprbbro modlli di analisi dll attività ch mttrbbro in luc anch procssi infficaci carnz strutturali dll attività ospdalir; gli assicuratori avrbbro di paramtri di valutazion dll imprs dl sttor divrsi dal puro dato conomico dll sinistrosità, con il vantaggio di potr prmiar gli assicurati più strutturati con tassi di prmio più comptitivi mantnr rapporti più stabili nl tmpo. Com trovar un modllo di mappatura di rischi condiviso dai i vari attori, con utilizzo di dati attndibili? Sinora son stati svolti solo studi torici; ora, occorr crar un prcorso di studio ch tsti: l fficacia dll informazioni richist sul piano dll applicazion pratica nlla valutazion di rischi; 18 A livllo istituzional, un progtto di gstion di incidnt rporting è stato avviato nl 2003 dall Agnzia sanitaria rgional dll Emilia Romagna. 19 Rammntiamo ch con l incidnt rporting si analizzano solo gli vnti accaduti non qulli potnziali; inoltr, gli vnti avvrsi riguardano solo i danni a pazinti durant il prcorso clinico, mntr possono ssr arrcati danni da diftti di infrastruttur anch a visitatori. numro 1/2009 Mrcato 41

11 la loro maggior o minor rpribilità 20 prsso l vari funzioni azindali coinvolt; il gradimnto dgli assicuratori circa l uso di qusto strumnto nlla valutazion di rischi prsso l azind sanitari. Qusto prcorso è ncssario affinché sia incntivato l uso dl RM, nl tmpo, divnga lo standard di mrcato, così da potr crar una cultura di RM strutturata prsso l azind sanitari gnrar un circolo virtuoso anch nlla gstion dll gar pr i srvizi assicurativi. Conclusioni L utilità dlla funzion di RM nl sttor sanitario è stata rcpita anch a livllo istituzional: il Ministro dlla Salut ha caldggiato l attivazion di qusta funzion prsso tutt l azind sanitari. Tal innovazion è stata favorita dalla crisi dl mrcato assicurativo, ch ha apportato rstrizioni quali-quantitativ tali, da costringr il sttor sanitario a radicali rvisioni dll prassi oprativ. La spinta maggior al passaggio dalla gstion passiva dl contnzioso alla gstion di rischi driva, prò, dal mutato attggiamnto dgli utnti vrso l aspttativ di srvizio nl sttor sanitario, ch si è riflsso nll diffus campagn di stampa attivat ni casi più macroscopici di rrori o dissrvizi. In assnza di sprinz consolidat di RM in campo sanitario, occorr costruir una cultura diffusa ch favorisca il rcpimnto dlla nuova filosofia di gstion dl dissrvizio sanitario. L introduzion di qusta disciplina richid il coinvolgimnto di tutt l struttur ch partcipano all rogazion dl srvizio, dunqu, una conoscnza approfondita dll tcnich di gstion dl rischio, nlla fas inizial, grandi doti di comunicazion snsibilizzazion dl prsonal sanitario. Una sri di fattori positivi può compnsar la carnza di cultura prgrssa: l lvata visibilità ch hanno gli rrori nl prcorso di assistnza sanitaria, di riflsso, la prssion psicologica srcitata dai mass mdia favoriscono la ricrca di politich procdur virtuos, ch tndano a ridurr l casistich di dissrvizio. In un crto snso, il markting di qusta disciplina ni confronti dl prsonal sanitario lo stanno facndo i cittadini; la gstion di un srvizio pubblico non richid l rigid asttich valutazioni di bnfici finanziari, ch vngono adottat nlla fas di pianificazion di un innovazion nl sttor privato. Sovnt in qust ultimo sttor l I tmpi la rpribilità di dati possono smbrar asptti marginali, ma in raltà sono l ostacolo maggior ch può incontrar il risk managr nll avviar qusta oprazion: ciò driva, com già accnnato, dalla scarsa propnsion nlla Pubblica Amministrazion a partcipar ad attività intrdisciplinari ch non diano un risultato d immagin immdiato ai vari partcipanti. numro 1/2009 Mrcato

12 attività di prvnzion vngono bocciat o diffrit in sd di pianificazion s non producono un bnficio conomico a brv. 21 Nl sttor pubblico si valutano, oltr ai costi, l strnalità positiv atts, anch s di difficil valutazion prvntiva. Ciò favorisc l adozion di qull innovazioni ch migliorano il srvizio alla collttività; gli opratori dl sttor hanno molt occasioni di confronto dll sprinz: la partcipazion a convgni, forum corsi di formazion è consutudin acquisita, a diffrnza dl sttor privato, in cui l innovazion dv ssr intrnalizzata. Nlla misura in cui l iniziativ siano rplicabili in altr raltà, i tmpi di diffusion dll innovazioni nl sttor pubblico sono notvolmnt ridotti; la gstion dgli vnti avvrsi inizia ad affinarsi: si sprimntano iniziativ di incidnt rporting, comitati di gstion di sinistri 22 intrdisciplinari comitati di conciliazion dll controvrsi. Rimangono da dfinir ancora i paramtri /o gli indicatori di valutazion di rischi: pr ottnr qusto risultato occorr condividr obittivi critri di rilvazion tra azind assicuratori. Con la dfinizion di un modllo di mappatura di rischi condiviso si potrà liminar l asimmtria informativa ch rnd difficil l offrta di un srvizio assicurativo voluto. Rifrimnti bibliografici Agnzia Sanitaria Rgional Rgion Emilia Romagna, Il sistma di Incidnt Rporting nll organizzazioni sanitari, sussidi pr la gstion dl rischio, Dossir n. 86/2003, ANIA, L assicurazion r.c. sanitaria, in rapporto annual , ania.it/studi_statistich/stat_attuariali/documntazion/ass.ita pdf Cartr, R. L., Dohrty, N. A., Handbook of Risk Managmnt, Kluwr-Harrap Handbooks, Islworth (UK), Cassazion Civil, SS.UU, Sntnza 11 gnnaio 2008, n Catino, M., L rror in mdicina, in Consumatori Diritti Mrcato, n. 1/2006, Altroconsumo Nuov Edizioni, Milano, Cinotti, R. (a cura di), La gstion dl rischio nll organizzazioni sanitari, Il pnsiro scintifico ditor, Torino, Grn, M., Srbin, O. N., Risk Managmnt, Txt and Cass, Rston Publishing Company, Rston (Virginia), Intsa tra il Govrno, l Rgioni l Provinc autonom di Trnto Bolzano concrnnt la gstion dl rischio clinico la sicurzza di pazinti dll cur, Ministro dlla Salut, 2008, 21 Un smpio dirtto dlla rigidità dlla valutazion costi/bnfici dgli intrvnti di prvnzion è dato dalla scarsa propnsion all invstimnto nlla sicurzza dl lavoro nl sttor industrial, con i risultati vidnziati dall cronach. 22 La Rgion Lombardia ha rso obbligatoria l attivazion di tal istituto dal numro 1/2009 Mrcato 43

13 Knight, F. H., Risk, Uncrtainty and Profit, Th London School of Economics and Political Scincs, London, 1921 (1957), Trad. it. Rischio, incrtzza profitto, La Nuova Italia, Firnz, Marchtti, E., Efftti dll dirttiv urop sugli appalti pubblici di srvizi nl comparto assicurativo, in Economia politica industrial, n. 4/1999, Franco Angli, Milano, Ministro dlla Salut, Rapporto sulla I a rilvazion nazional rlativa agli asptti assicurativi in ambito di gstion azindal dl rischio clinico, 2006, ministrosalut.it/imgs/c_17_pubblicazioni_544_allgato.pdf Rgion Lombardia, Indirizzi sulla gstion dl rischio sanitario, circ n. 46/san. Turing, D., Risk Managmnt Handbook, A practical Guid for Financial Institutions and thir Advisrs, Buttrworths, London, Vincnt, C., Clinical Risk Managmnt, II d., BMJ Books, London, numro 1/2009 Mrcato

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Spesso succede che le macchine di cantiere debbano essere dotate a posteriori

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI ALLEGATO II 1 0 R A P P O R T O S U L L A F O R M A Z I O N E N E L L A P A : I L G R U P P O D I L A V O R O E G L I A U T O R I D E G L I A P P

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Autore BIOETICA. num ero speci ale P.Cattorini, P.Minnucci, D. Morelli 1990

Autore BIOETICA. num ero speci ale P.Cattorini, P.Minnucci, D. Morelli 1990 Num r Cd ic Titl Vlu m Autr An pubblic azin Citt à Editr Catgri a BIOETICA 6 7 8 9 0 CAT 66.87 AN G 70 AIDS E BIOETICA MATERIALI E LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DI ASSISTENZA SANITARIA Intrdisciplinar

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli