Il PROJECT MANAGEMENT e l ENTERPRISE PROJECT MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il PROJECT MANAGEMENT e l ENTERPRISE PROJECT MANAGEMENT"

Transcript

1 Il PROJECT MANAGEMENT e l ENTERPRISE PROJECT MANAGEMENT Diego Savio Project Management Consultant Laurea Specialistica in Amministrazione e Controllo Intervento al Corso di: Programmazione e controllo - avanzato Venezia Slide # 1 Introduzione al Project Management Introduzione Il significato di: Project Management Che cos è un Progetto Relazione con altre discipline di Management Il Contesto del Project Management Fasi e ciclo di vita di un Progetto Project Stakeholders Le competenze del Project Management I Processi di Project Management Avvio di un Progetto Pianificazione, Esecuzione e Controllo Conclusione del Progetto Modelli Organizzativi di Progetto Cosa significa Project Management verso l Enterprise Project Management Slide # 2 1

2 Introduzione Cosa significa Project Management Che cos è un Progetto Relazione con altre discipline di Management.. to identify the major elements of the body of knowledge that are generally recognised as good practice. Slide # 3 Cosa significa Project Management? Definizione ufficiale del PMI PROJECT MANAGEMENT INSTITUTE: Project Management is the application of knowledge, skills, tools and techniques to project activities to meet the project requirements. -Applicazione di: Conoscenza Competenze Strumenti e Tecniche -alle attività di progetto -per soddisfare i requisiti di progetto Slide # 4 2

3 Che cos è un Progetto?..a Project is a temporary endeavor undertaken to create a unique product or service. PMBOK Guide 2000 Edition A Project is the work that transforms an opportunity into an asset. The Strategic Project Planner - R.E. Westney Slide # 5 Cos è un Progetto? Progetto è un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di: Risorse differenziate Costi Tempi Qualità Slide # 6 3

4 Confronto tra Progetti e Attività operative Aspetti in in comune Sono Sono svolti svolti da da persone Sono Sono limitati dalla dalla disponibilità di di risorse Sono Sono pianificati, eseguiti e controllati Differenze I I Progetti sono sono temporanei e unici unici Le Le Attività operative sono sono continuative e ripetitive I I Progetti si si concludono quando gli gli obiettivi sono sono raggiunti Le Le Attività operative adottano altri altri obiettivi ed ed il il lavoro lavoro continua Slide # 7 Cosa significa gestire un Progetto Gestire un Progetto significa: Identificare le esigenze ed i requisiti Stabilire obiettivi chiari e raggiungibili Conciliare richieste conflittuali tra loro di: qualità, prestazioni, tempi e costi Adattare le specifiche, i piani e l approccio alle diverse aspettative dei vari stakeholders Raggiungere gli obiettivi contrattuali nel rispetto dei tempi, dei costi, dei requisiti di qualità, sicurezza e ambiente. I Progetti di qualità elevata debbono rendere disponibile il Prodotto o Servizio in accordo con le specifiche e nel rispetto dei tempi e del budget previsti. Il team di Project Management è responsabile dei risultati nei confronti degli Stakeholders. Slide # 8 4

5 Perché si parla sempre più spesso di Project Management La maggiore competitività dei mercati, la rilevanza economica dei progetti, la bassa prevedibilità del futuro e la necessità di diminuire i costi, spingono le Imprese a scelte complesse, spesso in apparente contrasto tra di loro, in particolare a: Innovare frequentemente il portafoglio prodotti e/o a sostenere sui prodotti esistenti continue richieste di personalizzazioni. Ridurre l incidenza degli investimenti e dei costi di gestione e, di conseguenza, a chiedere costi di processo sempre più bassi. Scegliere sistemi di produzione sempre più flessibili, in grado di adattarsi a necessità specifiche e di migliorare sensibilmente le prestazioni del processo produttivo. Richiedere elevati livelli di affidabilità fin dai primi lotti di produzione (aumento della immagine sul mercato e diminuzione dei costi della non qualità ). La soluzione adottata sempre più frequentemente è quella di: Dotarsi di un sistema idoneo a gestire la complessità in modo responsabile e trasparente nel rispetto di tempi, costi e prestazioni contrattuali Project Management. Organizzarsi per Progetti e non solo per Prodotti Slide # 9 Il Project Management In sintesi è un insieme di: Modelli Metodi Tecniche Gestionali Strumenti Software per affrontare e governare la complessità, l innovazione e l indeterminatezza insite in uno o più progetti PIANIFICAZIONE + ESECUZIONE + CONTROLLO = PROJECT MANAGEMENT Slide # 10 5

6 Effetti di Tempi, Costi e Qualità nel raggiungimento degli obiettivi del Project Management COSTI TEMPI VALORE= Q CxT A parità di tempo DELLA QUALITA E DEI COSTI QUOTE DI MERCATO QUALITA A parità di costo DELLA QUALITA E DEI TEMPI RISULTATO OPERATIVO TEMPI DI ROI A parità di qualità DEI COSTI E DEI TEMPI CASH-FLOW Slide # 11 Dove si applica il Project Management? Nelle Imprese che hanno la necessità di condurre in parallelo lo sviluppo di uno o più Progetti/Prodotti con l intento di: Ottimizzare l utilizzo delle risorse umane e/o strumentali Rispettare i tempi di realizzazione (Time to Market) Mantenere i costi previsti Ridurre i rischi di progetto (Risk Management) Obiettivo Qualità del prodotto Tempi Costi Nel tempo Entro il Budget Slide # 12 6

7 Project Management - Il modello metodologico E l insieme di: Articolazione delle strutture di progetto (WBS, OBS, RBS,...) Definizione dei livelli di pianificazione, programmazione e controllo Definizione degli standard (attività', impegno, reticoli,...) Analisi dei dati di carico/disponibilità risorse Modalità di generazione della Baseline (budget nel tempo) Rilevazione dell avanzamento dei lavori Procedure di consuntivazione Analisi e proiezione delle stime a finire Valutazione degli indici e trend di efficacia ed efficienza Reportistica da produrre Slide # 13 Benefici attesi dall applicazione del Project Management Ottimizzare l organico gestendo i sovraccarichi di lavoro (anticipare o posticipare le attività) Gestire il lead time tempo di attraversamento dei processi di sviluppo prodotto Eseguire le attività che servono, quando servono e con il giusto numero di risorse Gestire i costi di sviluppo dei prodotti quando si generano (impegnato) e non solo quando si consuntivano (contabilizzato) Misurare le prestazioni per poterle migliorare ed intervenire con azioni correttive. Effettuare simulazioni (analisi what-if) e proiezioni a finire. Definire regole e standard comuni Gestire e magari ridurre i rischi. Non si deve lavorare sempre in emergenza!! Slide # 14 7

8 Fasi del ciclo di vita di un progetto Inputs Idea Resources Phases INITIAL INTERMEDIATE FINAL Project Management Outputs Project Deliverable Requirements Plan Progress Approval Specification Baseline Acceptance s Handover Product Sequenza tipica delle fasi durante il ciclo di vita di un progetto Slide # 15 Ciclo di vita del Progetto Livello di costo e di personale Fase Iniziale Fasi Intermedie Fase Finale Tempo Livello di costo e di impegno di personale durante il ciclo di vita di un progetto Slide # 16 8

9 Project Stakeholders Project Stakeholders are individuals and organisations that are actively involved in the Project, or whose interests may be affected as a result of project execution or project completion; they may also exert influence over the project and its results. Gli Stakeholders chiave in tutti i Progetti sono: Il Cliente/utente Lo sponsor Altri gruppi di influenza L organizzazione che svolge il Progetto Il Project Manager I membri del team di Progetto PMBOK Guide 2000 Edition In aggiunta a questi, ci sono altre categorie di Stakeholders, interni ed esterni, finanziatori, venditori e contrattisti, membri del team e le loro famiglie, agenzie governative, semplici cittadini, organizzazioni temporanee o permanenti e la società più ingenerale. Slide # 17 Influenza degli Stakeholders Influenza degli Stakeholders Costo dei cambiamenti Influenza degli Stakeholders nel tempo Tempo Slide # 18 9

10 Le competenze del Project Manager Competenze generali di Management Pianificazione Organizzazione Esecuzione Controllo L Enterprise Project Management evidenzia l importanza della Business Strategy Altre discipline complementari Contabilità e finanza, Acquisti, vendite e marketing, Contrattualistica, Produzione e distribuzione Logistica, Pianificazione strategica, tattica e operativa, Amministrazione del personale, gestione risorse umane Salute e sicurezza. Slide # 19 Le competenze del Project Manager Soft Skills Comunicazione Capacità di influenzare l organizzazione Leadership Capacità di motivare Negoziazione e gestione dei conflitti Problem Solving Slide # 20 10

11 Responsabilità del Project Manager Realizzare lo scopo del Progetto e la sua Strategia. Assicurare che il Piano di Progetto comprenda tutto e solo quanto richiesto dal contratto per il suo completamento. Definire le attività del Progetto in termini di tempi, costi e risultati per rispettare gli obiettivi contrattuali. Pianificare, monitorare e controllare durante tutta la durata del Progetto il rispetto delle scadenze contrattuali. Prendere decisioni tattiche e raccomandare/richiedere decisioni strategiche agli Sponsor. Costruire, dirigere e motivare il Team di progetto Gestire le aspettative degli Sponsor e degli stakeholders. Slide # 21 Influenza delle Organizzazioni sui Progetti Project Characteristics Organization Structure Functional Matrix Weak Matrix Balanced Matrix Strong Matrix Projectized Project Manager's Authority Little or None Limited Low to Moderate Moderate to High High to Almost Total Resource Availability Little or None Limited Low to Moderate Moderate to High High to Almost Total Who controls the project budget Functional Manager Functional Manager Mixed Project Manager Project Manager Project Manager's Role Common Titles for Project Manager's Role Project Management Administrative Staff Part-Time Part-Time Full-Time Full-Time Full-Time Project Coordinator/ Project Leader Project Coordinator/ Project Leader Project Manager/ Project Officer Project Manager/ Program Manager Project Manager/ Program Manager Part-Time Part-Time Part-Time Full-Time Full-Time Slide # 22 11

12 La WBS di Progetto La WBS è una scomposizione gerarchica, orientata ai deliverables, del lavoro che deve essere eseguito dal gruppo di progetto per realizzare gli obiettivi del progetto stesso e creare i deliverables richiesti. La WBS organizza e definisce l'ambito complessivo del progetto. Essa ne suddivide il lavoro in porzioni più piccole e più facili da gestire/controllare, dove ogni livello successivo della WBS comporta una definizione più dettagliata del lavoro di progetto. Guida al Project Management Body of Knowledge (Guida al PMBOK ) Terza edizione 2004 Slide # 23 Diverse modalità per progettare una WBS Aeroplano Linee FFSS Struttura Motori Impianti Strum. CENTRO NORD SUD Fusoliera Ali Carrello PI-BO BO-FI FI-PG per COMPONENTI per aree GEOGRAFICHE Gruppo funzionale xx Progetto Software Elettrica Elettronica Idraulica Fattibilità Progettazione Produzione Test Potenza Distribuzione Potenza Utenze per FUNZIONALITA TECNICA (disciplina) per FASI Slide # 24 12

13 Organization Breakdown Structure - OBS La Organization Breakdown Structure (OBS) fornisce una rappresentazione gerarchica dell'organizzazione del progetto disposta in modo da correlare i Work Package alle unità dell Organizzazione. Non coincide necessariamente con l organigramma aziendale, Task Force. Incrociando la Work Breakdown Structure e la Organization Breakdown Structure, si ottengono assegnazioni di responsabilita precise Matrice Compiti/Responsabilità. A differenza della WBS, che è specifica del progetto, la OBS potrebbe risultare ripetitiva, soprattutto per progetti similari. Slide # 25 Cost Breakdown Structure di Progetto Gas Gathering Facilities Overall Cost Estimate CBS Direct Costs Indirect Costs Other Costs Equipment & Materials Construction/E rection/install ation Freight & Transportation Engineering & Procurement Project Management Commiss.ng & Start-up Owner Costs Contingencys Equipment Mobilisation Sea Freight Basic Engineering Project Management Training Project Preliminary Activities Contingency Piping Heavy Lifting Transp. To site Detailed Engineering Construction Management Commiss.ng Permits Electrical Civil Works Transp. Insurance Procurement Construction Supervision Start-up & Perf. Tests Insurance Instruments Steel Works Expediting & Inspection Custom Clearance Telecomm & PA Mechanical Works Land Acquisition Fire Protection Eqmnt Electric Works Owner construction Supervision Catalyst and Chemicals Instruments Works Owner Organisation Spare Parts Painting & Insulation Vendors Assistance Pre-commiss Slide # 26 13

14 Definizione dei Tempi e dei Costi di Progetto La definizione dei tempi e dei costi di progetto prevedono i seguenti processi: 1. Definizione delle attività: identificazione delle specifiche attività pianificate che devono essere svolte per produrre i vari deliverables di progetto 2. Sequenzializzazione delle attività: identificazione e documentazione delle relazioni di dipendenza presenti tra le attività schedulate. 3. Stima delle risorse delle attività: stima del tipo e della quantità di risorse necessarie ad eseguire ciascuna attività schedulata. 4. Stima della durata delle attività: stima del numero di periodi lavorativi necessari al completamento di ogni attività schedulata. 5. Sviluppo della schedulazione: analisi delle sequenze delle attività, delle durate, dei requisiti in termini di risorse e dei vincoli di schedulazione che consente di creare la schedulazione di progetto. Slide # 27 Sviluppo della schedulazione Lo sviluppo della schedulazione di progetto è un processo iterativo, determina la data d'inizio e di fine pianificata per le attività di progetto. Lo sviluppo della schedulazione può richiedere la rianalisi e la revisione delle stime della durata e delle risorse per creare una schedulazione di progetto approvata che funge come baseline rispetto alla quale è possibile tracciare l'avanzamento. Lo sviluppo della schedulazione prosegue per l'intero progetto mano a mano che il lavoro avanza, che il piano di Project Management cambia e che gli eventi di rischio attesi si verificano o si annullano con l'identificazione di nuovi rischi. Slide # 28 14

15 Tipi di Legami fra attività Il TIPO DI LEGAME individua il tipo di relazione che sussiste fra le attività. FS (Finish to Start) SS (Start to Start) FF (Finish to Finish) SF (Start to Finish) Il primo dei due caratteri individua l evento, relativo al predecessore, che deve verificarsi affinchè sia possibile il realizzarsi dell evento, relativo al successore, indicato dal secondo carattere. Slide # 29 Metodi di costruzione del Reticolo logico - Variazioni sui legami (lead e lag) FS +5 FF SS +5 SF La durata del lag può essere espressa anche in % della durata del predecessore (FS, SS, SF) o del successore (FF). Slide # 30 15

16 Diagramma di Gantt Barchart o Diagramma a barre Slide # 31 Reticolo di schedulazione Diagramma Reticolare Slide # 32 16

17 Metodi di costruzione del Reticolo Logico SLITTAMENTO TOTALE (TF - Total Float) E il tempo di cui si può ritardare un attività senza ritardare la data finale di completamento del progetto. Si calcola come differenza tra la data di fine al più tardi e la data di fine al più presto dell attività. TF = Late Finish Early Finish SLITTAMENTO LIBERO (FF - Free Float) E il tempo di cui si può ritardare un attività senza influire su quella immediatamente seguente. Si calcola come differenza tra la data di inizio al più presto dell attività che segue (successore) e la data di fine al più presto dell attività per la quale lo stesso è calcolato (predecessore). FF Pred.. = ES Succ. - EF Pred. Slide # 33 Metodi di costruzione del Reticolo logico PERCORSO CRITICO (CPM -Critical Path Method) Le attività che, a seguito dell'analisi reticolare, non ammettono slittamento si dicono "CRITICHE". Il "PERCORSO CRITICO" è la catena di attività più lunga di tutto il progetto e che ne determina il tempo minimo di completamento. Lungo tale catena non sono ammessi slittamenti, pena lo slittamento della data finale del progetto (TF = 0). Il percorso critico rappresenta uno strumento gestionale notevole in quanto consente ai gestori di progetto di fissare la propria attenzione su un gruppo specifico di attività. Slide # 34 17

18 Controllo della schedulazione Baseline della schedulazione La schedulazione di progetto approvata, utilizzata per il controllo, è denominata anche baseline della schedulazione. La baseline della schedulazione costituisce la base per la misurazione dello stato di avanzamento e il reporting di progetto. Slide # 35 Current vs Target Slide # 36 18

19 LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE e dei COSTI RBS Resource Breakdown Structure e gestione delle risorse Pianificazione delle risorse Assegnazione delle risorse alle attività Definizione del profilo di fabbisogno delle risorse Ottimizzazione tempi/risorse Confronto fabbisogno/disponibilità e livellamento delle risorse Consolidamento dei piani di progetto e definizione delle baselines di riferimento Slide # 37 Stima delle risorse delle attività La stima delle risorse delle attività comporta la determinazione di quali risorse utilizzare (persone, attrezzature o materiali), della quantità di ciascuna risorsa da impiegare e di quando ogni risorsa sarà disponibile per l'esecuzione delle attività di progetto. Il processo di stima delle risorse delle attività è strettamente collegato al processo di stima dei costi (Costi Diretti e di Costi Indiretti). Slide # 38 19

20 Pianificazione e Gestione delle Risorse DEFINIZIONE E' il processo di pianificazione, controllo e previsione a chiudere delle risorse umane e materiali necessarie alla realizzazione del progetto. SCOPO Definire il fabbisogno di risorse necessarie all'esecuzione delle varie attività. Definire la base per la valorizzazione del budget costi relativo alle risorse. Verifica la fattibilità dei piani definiti attraverso il confronto fabbisogno/disponibilità. Rilevare, poi in fase di esecuzione, le risorse effettivamente spese per l'esecuzione delle attività alla data di consuntivazione. Slide # 39 Fabbisogni e Disponibilità FABBISOGNI DISPONIBILITA (POOL) Il confronto fra disponibilità e carichi evidenzia SOVRACCARICO e SOTTOCARICO sovraccarico (overload) sottocarico (underload) Slide # 40 20

21 Confronto Fabbisogno/Disponibilità Livellamento delle Risorse DEFINIZIONE Questo processo prende il nome di SCHEDULAZIONE ed è mirato all'analisi integrata tra i tempi, risorse richieste e risorse disponibili. CRITERI La SCHEDULAZIONE può avvenire sostanzialmente in due modi: 1. assumendo come prioritario l'obiettivo di completamento del progetto (time limited). 2. assumendo come prioritaria la disponibilità di risorse (resource limited). È un processo di elaborazione supportato da una procedura informatica ma spesso è preceduto da una attività di affinamento manuale. Le attività da svolgere a fronte di questo processo di lavoro sono essenzialmente attività di analisi dei risultati dell'elaborazione. Slide # 41 Ottimizzazione dell impegno delle risorse Il processo di schedulazione o livellamento TIME LIMITED fine progetto RESOURCE LIMITED periodo di slittamento della fine del progetto Slide # 42 21

22 Consolidamento dei Piani di Progetto CRITERI Mediante la pianificazione delle risorse si verifica la fattibilità dei piani, in relazione all'apporto di risorse richiesto per gli stessi ed alla disponibilità di risorse per il progetto. La verifica può evidenziare necessità di modifiche ai piani di progetto o di incremento delle risorse per lo stesso. Indipendentemente dalla soluzione adottata, le date dei programmi così ottenuti costituiscono le date esecutive del progetto. Le attività di controllo della tempistica di progetto dovranno essere svolte a fronte di tali date. A questo proposito, le date esecutive di progetto devono essere memorizzate e mantenute invariate sino a quando non intervengono cambiamenti obbligatori ed autorizzati nei piani di progetto Congelamento della Baseline. Slide # 43 Definizione del Budget Operativo Gestionale DEFINIZIONE Rappresenta l'obiettivo "Costo" entro il quale il progetto dovrà essere realizzato. COME SI COSTRUISCE e a cosa serve: Attraverso la verifica ed il riaggiustamento del preventivo iniziale o di vendita del progetto. Tale processo è necessario in quanto: in fase di trattativa commerciale possono essere effettuati sconti. in fase di trattativa commerciale può essere modificato lo scopo del lavoro rispetto alla configurazione sulla quale è stato elaborato il preventivo iniziale. durante il periodo intercorrente tra l'elaborazione del preventivo iniziale e l'inizio effettivo del progetto possono essere stati meglio definiti gli obiettivi del progetto e i contenuti tecnici dello stesso. Slide # 44 22

23 Definizione del Budget Operativo Gestionale COME SI COSTRUISCE Il Budget Operativo Gestionale è elaborato dal Project Manager, in accordo alle strutture di articolazione del progetto definite in fase di Analisi. Si articola in accordo alla CBS - Cost Breakdown Structure -la quale deve consentire l'identificazione, ad appropriato livello di dettaglio, dell'importo di budget per ciascuna tipologia operativa di costo (natura del costo). Si compone dei budget calcolati per le diverse tipologie operative di costo, quali: 1. Risorse umane 2. Materiali 3. Subappalti 4. Altri Costi Slide # 45 La gestione economica delle Commesse/Progetti CONCETTI BASE Il Sistema di Gestione delle Commesse deve consentire una ottimale pianificazione ed un efficace controllo dei "Costi" al fine di garantire il mantenimento degli obiettivi economici fissati per le stesse. Il Sistema di Gestione delle Commesse non costituisce un duplicato del controllo di gestione. Esso si basa su criteri e metodologie mirate a supportare il Project Manager nelle sue decisioni con dinamismo e tempestività, al contrario del sistema di controllo di gestione basato su criteri di certezza contabile. Slide # 46 23

24 Tecniche di Earned Value Si basano su parametri internazionalmente condivisi per una gestione dei costi: dinamica, in accordo ai programmi di progetto (Current e Baseline) integrata, in relazione alle quantità di lavoro prodotto Sono internazionalmente adottate. Prevedono che, in fase di pianificazione, il Budget Operativo Gestionale sia distribuito nel tempo, in accordo ai programmi, ai fini della definizione delle CURVE ECONOMICHE DI EXPECTED FINAL SV PROGETTO S Curves. EAC COSTI TIMENOW EXPECTED FINAL CV BAC BCWS SV CV ACWP BCWP TEMPI Slide # 47 PEP - Project Execution Plan ARTICOLAZIONE Il PEP si deve strutturare in quattro sezioni: 1. Architettura di Progetto 2. Programmi di realizzazione 3. Piani di impegno risorse 4. Pianificazione costi EMISSIONE ED AGGIORNAMENTO Il PEP è normalmente emesso al termine della fase di pianificazione del progetto. Deve essere aggiornato solo in coincidenza di attività di ripianificazione del progetto. Slide # 48 24

25 Controllo di progetto: Avanzamento dei lavori Dopo aver effettuato la fase di pianificazione iniziale è necessario verificare regolarmente l avanzamento dei lavori Chiusura periodica di progetto. l controllo dell avanzamento permette di: identificare l insorgere dei problemi non appena si verificano confrontare l andamento del progetto con il modello iniziale (Baseline) ottenere dei dati relativi alla pianificazione precisi e utilizzabili nel futuro produrre reportistica da divulgare al personale coinvolto nel progetto. Slide # 49 Analisi dello stato di avanzamento E di competenza del team di progetto L avanzamento temporale del progetto L avanzamento fisico/tecnico delle attività di progetto L avanzamento dei costi Situazione dei fornitori Problemi/azioni Per ogni attività Fase Ramo di WBS Progetto, posso gestire 3 percentuali di avanzamento: 1. Temporale 2. Di risorsa 3. Fisico Slide # 50 25

26 Analisi delle Previsioni a Finire E di competenza del team di progetto, con il coinvolgimento delle Funzioni Operative Stime economiche e finanziarie Proiezioni temporali Impatti contrattuali o di mercato Strategia da adottare Slide # 51 Avanzamento fisico del Progetto CRITERI GENERALI Esistono diversi criteri per la misurazione dell'avanzamento fisico di un'attività, l'utilizzazione dei quali è in genere dettata dalla tipologia dell'attività stessa. In fase di pianificazione si deve definire, innanzitutto, l'incidenza percentuale di ogni attività sull'intero progetto e, quindi, il criterio di misurazione dell'avanzamento di ciascuna attività. L'Avanzamento Fisico del Progetto si ottiene dalla somma dei valori ottenuti moltiplicando l'avanzamento (percentuale) di ciascuna attività per la sua incidenza percentuale sul progetto. Slide # 52 26

27 Engineering Progress - Metodo di calcolo PROGRESS CALCULATION METHOD FOR EACH ENGINEERING ACTIVITY : AS Cpm Construction activity Data Date Engineering Activity 1000 Document 1 Remaining Document 2 Duration Document 3 Document 4 Document 5 Document 6 AS = Actual Start Date EF = Early Finish Date A = Actual Achieved Step PCT= 62.7 % EF Docum. 1 Docum. 2 Docum. 3 Docum. 4 Docum. 5 Docum. 6 Doc Hrs % Wght Predef. Events A A A A A A A A A A A A % Progr Cum Wght TOTAL CPM ACTIVITY PROGRESS % 62.7 PROGRESS CALCULATION METHOD FOR THE OVERALL ENGINEERING PHASE : AS AS AS Data Date PCT= 62.7 % Engineering Activity 1000 EF PCT= 35.5 % Engineering Activity 1100 EF PCT= 10.0 % Engineering Activity 1200 EF OVERALL ENGINEERING PROGRESS Act 1000 Act 1100 Act 1200 Hours % Wght % Progr Cum Wght Slide # 53 Procurement Progress Metodo di calcolo EV 1 EV 2 EV 3 EV 4 INQUIRY/ORDER INQUIRY/ORDER EV 5 EV 6 EV 7 EV 8 EV 9 MANUFACTURING MANUFACTURING Achieved Events Forecast EV 10 EV 11 TRANSPORT TRANSPORT MATER. 1 MATER. 2 MATER. 3 EVENT PREDEFINED WEIGHTS % EV 1: RFQ EV 2: Bid Receival EV 3: Evaluation EV 4: PO Issue 1% 1% 1% 2% 5 % EV 5: Manufacturing Start EV 6: Vendor Data Receival EV 7: Manufacturing Complete EV 8: Material Tested 0% 5% 70% 5% EV 9: Material Ready 5% 85 % EV 10: Departure from Port EV 11: Arrival at Site Slide # 54 5% 5% 10 % 27

28 Procurement Progress - Metodo di Calcolo INQUIRY/ORDER Pct = 100 % Data Date MANUFACTURING Pct = 32.35% TRANSPORT WEIGHTING FACTOR KUS$ % MATER MATER MATER EV1 INQUIRY/ORDER 5% MANUFACTURING 85 % TRANSPORT 10% EV2 EV3 EV4 EV5 EV6 EV7 EV8 EV10 EV11 1 % 1 % 1 % 2 % 0 % 5 % 70 % 5 % 5 % 5 % 5 % EV Overall Weighted Progress , % 100 % % 0 % % PROCUREMENT ACTIVITY PROGRESS CYCLE PROGRESS Slide # 55 Construction Progress - Metodo di Calcolo PROGRESS CALCULATION METHOD FOR EACH CONSTRUCTION ACTIVITY : Cpm Construction activity AS Data Date AS = Actual Start Date EF = Early Finish Date PCT= 10.4 % Cpm Construction Activity 1 Task 1 Task 2 Task 3 Task 4 Rem aining Duration EF TASK 1 TASK 2 TASK 3 TASK 4 Meas Unit KG KG KG KG Estim Qty Product. 10 KG/H 5 KG/H 7 KG/H 2 KG/H Man- Hours Weight % Cumul Task Work Work Work Work Task Prog % Phase 1 Phase 2 Phase 3 Phase 4 Prog % WORK PHASE WEIGHT % PROGRESS CALCULATION METHOD FOR THE OVERALL CONSTRUCTION : AS AS AS Data Date PCT= 10.4 % Cpm Construction Activity 1 PCT= 35.5 % Cpm Construction Activity 2 EF PCT= % Cpm Construction Activity 3 EF EF Cpm Act 1 Cpm Act 2 Cpm Act 3 Hours % Wght % Progr Cum Wght OVERALL CONSTRUCTION PROGRESS Slide # 56 28

29 Quando ripianificare la Baseline Gli obiettivi del progetto diventano significativamente diversi Gli oggetti della consegna diventano significativamente diversi Il budget originale perde di significato I ritardi o i diversi contenuti rendono il piano non più realistico Il successo di un progetto risiede nella capacità di avviare le azioni correttive appropriate, non nell esecuzione ottima o perfetta del progetto stesso. Slide # 57 Controllo delle Risorse PROCESSI DI LAVORO Il controllo delle risorse è relativo alle risorse umane, materiali e attrezzature e deve evolvere secondo i seguenti processi di lavoro: 1. Consuntivazione delle risorse spese 2. Previsione di fabbisogno futuro 3. Aggiornamento preventivi risorse 4. Distribuzione del fabbisogno futuro 5. Confronto fabbisogno futuro/ disponibilità Slide # 58 29

30 Controllo dei Costi e delle Previsioni a finire DEFINIZIONE È il processo di controllo dell'andamento dei costi, in relazione al lavoro eseguito, e di previsione dei costi futuri sulla base dei risultati ottenuti e del lavoro ancora da eseguire. Concentrarsi su quanto manca a finire piuttosto che su quanto è stato speso. Slide # 59 Controllo dei Costi e delle Previsioni a finire IL BUDGET OPERATIVO GESTIONALE (BAC) IN FASE DI CONTROLLO Lo scopo del controllo e previsione a finire dei costi è quello di garantire il mantenimento del valore di BAC - Budget at Completion nel rispetto dei vincoli di tempo e qualità tecnica fissati per la commessa. Il BAC può essere modificato solo per variazioni dello scopo del lavoro approvate dalla committenza. Ad ogni periodo di consuntivazione viene calcolato un valore previsionale di budget, sulla base di quanto consuntivato alla data e di quanto previsto a chiudere, identificato dalla sigla EAC = Estimate At Completion e rappresenta la miglior stima di costo al momento per la realizzazione della commessa alla quale si riferisce. EAC rappresenta un valore di previsione (non il nuovo obiettivo di budget) che deve essere confrontato con BAC per identificare, analizzare ed assorbire eventuali variazioni di costo. Slide # 60 30

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli