Ettore Turra Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Ettore Turra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ettore Turra Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento ettore.turra@apss.tn.it. Ettore Turra"

Transcript

1 IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Ettore Turra Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Profilo dell autore Ettore Turra Direzione Generale, Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - Provincia Autonoma di Trento Informazioni generali Nato il 22 dicembre 1962 a Monza (MI) Sposato (Carolina), due bambini (Giacomo e Francesco) Sport e hobby: da ragazzo motocross; oggi sci, viaggi e letture 15+ anni di esperienza nel settore dell Information Tecmology e della Consulenza Aziendale (J.D. Edwards, Andersen & Co, Siebel Systems) Formazione e titoli Laureato in Economia Aziendale (Università Bocconi di Milano) Pubblicazioni più recenti: informatica sanitaria (ehealth), valutazione delle tecnologie sanitarie (HTA) e Project Management Senior Project Manager Certificato IPMA (level B, cspm) in Austria Ruoli attuali/recenti Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento dell APSS Project Management Officer (PMO) dell APSS Program Manager, Programma Sviluppo Risorse Umane dell APSS Responsabile Programma Obiettivo XIII PAT (2006 e 2007) Professore a contratto presso il corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia, Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Verona 2 Page 1 1

2 Argomenti CONTESTO La Provincia Autonoma di Trento (PAT) L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS) APSS è un azienda orientata ai processi e ai progetti SVILUPPO DELL APPROCCIO DI PROJECT MANAGEMENT I progetti nell APSS Perché l APSS ha adottato un approccio di Project Management Come: il progetto di avvio del PMO (2004) I FATTORI DEL PROJECT MANAGEMENT Disegno dell organizzazione orientata ai progetti Competenze di Project Management Il PMO quale funzione d integrazione Servizi del PMO: coordinamento del portafoglio progetti Servizi del PMO: supporto al project e program management Strumenti per il Project Portfolio ed il Project Management Il sito Intranet per la Gestione dei Processi e dei Programmi I RISULTATI DEL PROJECT MANAGEMENT Aumento della qualità e dell impatto dei progetti I metodi di Project Management migliorano i processi aziendali PIANO DI MIGLIORAMENTO E DI SVILUPPO Grado di maturità del PM in APSS (benchmarking - dicembre 2006) Maturità del PM nell APSS interpretazione e piano d azione Sviluppo dei servizi del PMO CONCLUSIONI Il valore del Project Management nell APSS 3 CONTESTO 4 Page 2 2

3 La Provincia Autonoma di Trento - PAT (valori anno 2003 ove non diversamente specificato Fonte: ISTAT) Abitanti (2005): Densità (abitanti per km 2) : 78 vs. 192 PIL pro capite (in ): 28,495 vs (+ 28% superiore alla media nazionale) Tasso di disoccupazione (2004): 3,2 % vs. 8,2 % Giorni di presenza turistica: 30M/anno Tasso natalità (X ab.): 10,18 vs. 9,44 Speranza di vita alla nascita (in anni): M=77,7 vs. 77,8 F=84,6 vs. 83,7 Tasso di mortalità (x 1.000): 9,53 vs. 10,18 Mortalità infantile (quozienti x nati vivi): 3,0 vs. 4,4 Popolazione >= 65 anni (in valore % nel 2004): 18,5 vs. 19,5 Una situazione orografica complessa 70% PAT > 1,000 mt. 5 L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS) L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS), una delle maggiori aziende sanitarie in Italia, gestisce i servizi e le attività sanitarie pubbliche per l intero territorio provinciale. L azienda fornisce al proprio bacino di utenza i seguenti servizi principali secondo i più elevati standard professionali: Promozione della salute Medicina preventiva Assistenza primaria ed ospedaliera Riabilitazione Assistenza psichiatrica Oltre 7,400 dipendenti (4000+ medici / infermieri) 390 medici di medicina generale e 79 pediatri di libera scelta convenzionati 2 ospedali principali (hub) e 5 ospedali di distretto (spokes); punti di erogazione ambulatoriale diffusi nel territorio con circa 2,600 agende di prenotazione Accordi con strutture ospedaliere ed ambulatoriali private e con 52 residenze sanitarie assistenziali Bilancio di esercizio 2006: EUR 923M; in equilibrio 6 Page 3 3

4 APSS è un azienda orientata ai processi e ai progetti Migliorare i risultati significa agire sulla complessa rete dei processi attraverso i quali l APSS fornisce i propri servizi Nella ricerca dell eccellenza in sanità, APSS ha adottato il modello EFQM per valutare i diversi approcci rivolti al raggiungimento del miglior livello di risultato L orientamento ai risultati comprende l applicazione dei metodi e degli strumenti del Project Management (PM) in alcune aree chiave della gestione 7 SVILUPPO DELL APPROCCIO DI PROJECT MANAGEMENT 8 Page 4 4

5 I progetti nell APSS Progetti di miglioramento organizzativo e dei processi di livello aziendale Progetti di cambiamento delle tecnologie informatiche e sanitarie, a valenza interdisciplinare ed interdipartimentale Obiettivi annuali specifici assegnati dalla Provincia Autonoma di Trento (PAT) Numerosi progetti di miglioramento continuo (anche di piccola dimensione) per aumentare l efficacia e l efficienza dei servizi resi (promozione della salute, miglioramento della pratica clinica, qualità delle cure, ecc.) Innovation..as new products, business processes and organic change that create wealth or social welfare. ( ) These days much innovation happens in processes and services Fonte: The Economist Oct 11th Perché l APSS ha adottato un approccio di Project Management Numerose attività chiamate progetti, in massima parte imprecisate Diverse sovrapposizioni tra i progetti alcuni concorrenti sugli stessi obiettivi Progetti definiti in modo coincidente rispetto i confini delle unità organizzative che li svolgono Alcuni importanti progetti senza sufficiente visibilità e trazione Ogni progetto gestito come un entità separata 10 Page 5 5

6 Come : il Progetto di avvio del PMO (2004) Fase Pre Progetto Diversi progetti sconosciuti e con bassa trazione a livello aziendale Alcuni progetti concorrenti sugli stessi obiettivi Proprietà dei progetti in qualche caso imprecisata Grado di definizione spesso insufficiente o disomogeneo Ogni progetto come un entità separata Avvio del Progetto Data: Marzo 2004 Documento di proposta Evento: Riunione di assegnazione ed avvio del progetto Sviluppo del PMO Obiettivi del progetto: Definizione organizzativa del PMO Sviluppo delle competenze di PM (Metodi di) Gestione del portafoglio progetti Non-Obiettivi/Esclusioni: Conduzione diretta dei progetti, in sostituzione dei PM Fasi principali: 1. Project Management 2. Analisi Organizzativa 3. Implementazione pilota 4. Controllo ed estensione 5. Completamento e transizione Chiusura Post Project Progetto Phase Data: Gennaio 2005 Portafoglio Progetti 2005 e PMO stabiliti. Evento: presentazione finale Fase Post Progetto Portafoglio Progetti Prioritari allineato con il programma annuale ed il budget Portafoglio governato Aumento della soddisfazione dei clienti e dei dipendenti. Maggiore flessibilità organizzativa Comitato Guida C.Favaretti (PO), P.Depieri, A.Toniolatti Organizzazione del Progetto Project Management E.Turra (PM), G.Heinrich (Coach) Team esperti: V.Dapor, C.Ferri, R.Sanniccolò, E.Moser Team Formazione: A. Dalponte. E.Turra, G.Heinrich Ettore Turra - Case Study Presentation for IPMA level B certification I FATTORI DEL PROJECT MANAGEMENT 12 Page 6 6

7 Disegno dell organizzazione orientata ai progetti Direzione Generale PMO Direzioni Centrali Ospedali (2) Distretti (11) Direzione Cura Promozione Salute Amm.ne & Finanza Personale & SI SIST pool esperti SSI pool esperti Pool Esperti Funzionali (Virtuale) Progetti Progetti Progetti Gruppo di Valutazione Investimenti 13 Competenze di Project Management Personale APSS formato nel Project Management alla fine del 2007 Anno Totale Numero di persone formate Medico Scientifica (*) Per area Tecnico - Amministra tiva Introduzione al PM /Seminari (1/2 gg.) Per tipo di corso Project Management controlling (3 gg) Project Management Base (4/5 gg.) Numero di giornate erogate * Medico/infermiere/Farmacista/Biologo Certificazioni IPMA (P-M-Austria) dato cumulativo 1 livello B (ricertificato nel 2008) 3 livello D 14 Page 7 7

8 Il PMO quale funzione d integrazione OBIETTIVI PRINCIPALI Fornire direzione e coordinamento complessivo alle politiche, ai programmi ed ai progetti d innovazione e miglioramento dei processi e dei sistemi che l Azienda realizza per migliorare l efficienza e l efficacia dei servizi offerti Assicurare che i processi aziendali ed i sistemi informativi che li supportano rispondano alle direttive, agli indirizzi ed ai sistemi di gestione per la qualità dell Azienda SERVIZI DEL PMO COORDINAMENTO DEL PORTAFOGLIO PROGETTI SUPPORTO AL PROJECT E PROGRAM MANAGEMENT SUPPORTO ALLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E AL MONITORAGGIO DEI S.I. PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE (GESTIONE DEL) 15 Servizi del PMO : coordinamento del portafoglio progetti COORDINAMENTO DEL PORTAFOGLIO PROGETTI ATTIVITA Coordinare la classificazione e la selezione dei progetti nel portafoglio (con il gruppo di valutazione) Coordinare l assegnazione, l avvio e l eventuale interruzione dei progetti e dei programmi Promuovere l apprendimento e le connessioni tra i progetti (comunicazione) Organizzare il database del portafoglio progetti, la reportistica e le riunioni di revisione mensile OUTPUT Ogni proposta d investimento valutata secondo un metodo unico (equità tra progetti nuovi e in corso) Portafoglio progetti maggiormente allineato ed ottimizzato (massimizzazione delle sinergie) 16 Page 8 8

9 Servizi del PMO: supporto al project e program management SUPPORTO AL PROJECT MANAGEMENT ATTIVITA Sviluppare la strumentazione di project management (manuali, formati, ecc.) Fornire consulenza ai team di progetto (avvio, chiusura, analisi dei rischi) Agire per lo sviluppo delle competenze individuali di PM (formazione, coaching) Agire per lo sviluppo delle competenze organizzative di PM (benchmarking, diffusione conoscenze) OUTPUT Maggiore omogeneità tra i progetti e all interno delle organizzazioni di progetto Trasparenza and comunicazione nei progetti, tra i progetti e verso le parti interessate Maggiore qualità del project management 17 Strumenti per il Project Portfolio ed il Project Management Linee guida e strumenti per la selezione del portafoglio progetti e l assegnazione dei progetti (procedure, schede, matrici di valutazione e criteri espliciti) Reportistica direzionale del Portafoglio Progetti (dashboard) Linee guida e formati standard di project management (processi IPMA APSS) Piani di progetto standard per i progetti d implementazione e di approvvigionamento Programmi formativi interni e relativi materiali di supporto Pacchetti di consulenza interna di project management a supporto dei team di progetto (in particolare per l avvio dei progetti complessi; il controllo periodico; la chiusura dei progetti; workshop per l analisi del rischio) Il sito intranet per la Gestione dei Processi e dei Progetti (http://intranet.apss.tn.it/proj) 18 Page 9 9

10 Il sito Intranet per la Gestione dei Processi e dei Progetti GESTIONE PROCESSI AZIENDALI GESTIONE INTEGRATA DEI PROGETTI E DEI PROCESSI AZIENDALI SUPPORTO A STRATEGIA E GOVERNO IT Strumenti e linee guida PROGRAMMA SVILUPPO (RU) RISORSE UMANE PORTFOLIO MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT Strumenti e linee guida Processi e Strumenti RU Modello delle Competenze APSS Progetti Portafoglio Progetti Aziendale Portafoglio Obiettivi PAT Strumentazione di PM Sviluppo Competenze di PM Sistemi Informativi RU Progetti SIST 19 Supporto ai Progetti e ai Programmi I RISULTATI DEL PROJECT MANAGEMENT 20 Page 10 10

11 Aumento della qualità e dell impatto dei progetti QUALITA DEI RISULTATI Descrizione Progetti Pilota Accettazione Unica delle prestazioni ambulatoriali e di laboratorio Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) - Estensione del sistema agli ospedali di Tione-Cavalese-Cles SIO - estensione del sistema a Rovereto SIO - definizione delle specifiche funzionali e tecnologiche per l evoluzione della soluzione Trasloco del Distretto di Trento nella nuova sede del CSS Ottimizzazione del processo di MEV Standardizzazione dei processi e dei sistemi di gestione della diagnostica di laboratorio Sistema Direzionale per il controllo di gestione Progetto di cambiamento SSI SIO 05 Sviluppo ed avviamento pilota dei moduli per la gestione dei dati clinici individuali a livello provinciale Start feb-04 feb-04 feb-05 mar-05 gen-05 apr-05 feb-05 mag-05 feb-05 set-05 End dic-04 dic-04 giu-05 lug-05 set-05 set-05 nov-05 feb-06 giu-06 lug-06 Duration % dei progetti in portafoglio negli ultimi tre anni conclusi secondo i piani Durata dei progetti ± 12 mesi ELEVATO IMPATTO DEI PROGETTI PROGRAMMA SIO = 2500 utenti in tutti gli ospedali della provincia PACS APSS = 250 utenti in radiologia tutti i medici richiedenti le prestazioni Progetto AMPERE = 200+ MMG connessi = ± assistiti Trasfusionale Nuovo sistema dipartimentale aziendale GIS Gestionale per la gastroenterologia gen-06 gen-06 dic-06 dic Trasloco CSS tutti i cittadini di Trento Ampere Servizi di collaborazione con i medici di medicina generale ed i pediatri di libera scelta Intersa Collegamento con le RSA apr-06 feb-06 gen-07 gen Progetto LIS - da 11 a 1 sistema 7M di esami all anno Programma SIO Estensione del sistema di gestione dei dati clinici individuali a tutti gli ospedali della PAT ott-06 lug VALORE ECONOMICO (EUR) Programma PACS APSS Archiviazione e comunicazione delle immagini radiodiagnostiche individuali Programma Risorse Umane (P1) disegno e sviluppo dei metodi e sistemi per la gestione del personale giu-06 gen-06 ott-07 ott M risorse esterne impiegate (3 anni) ±3M capitale IT investito ogni anno nel portafoglio progetti 21 I metodi di Project Management migliorano i processi aziendali (*) Project Management Program Management Project Management Dimensions Assurance of Quality in Projects Assignment of a Project or Program Company Wide Key Processes 1 Leadership Development 2 Policy and Strategy Implementation 3 People Management 4 Management of Partnerships and Resources 5 Healthcare services design, delivery and support Project Portfolio Coordination Organizational design of POC Personnel Management Process Management N/A ( ) Significant match (Project Management supports APSS Company key process in EFQM reports) Interpretazione: Sintesi dei metodi di PM presenti nei rapporti APSS/EFQM che sono stati rilevati sui macro-processi aziendali Per ogni dimensione del PM, la matrice illustra ad alto livello i processi chiave aziendali che sono supportati dal PM La gestione del Portafoglio Progetti ed la presenza di un PMO, in aggiunta al Project Management, indirizza diversi processi ed obiettivi principali aziendali (sebbene i maggiori rocessi dell APSS non siano organizzati per progetti) Il PM assicura che i servizi sono disegnati e migliorati sulla base dei bisogni dei clienti e promuove l integrazione tra le parti (*) E.Turra: PROCESS AND PROJECT MANAGEMENT IN AN EFQM AWARDED 22 HEALTHCARE PROVIDER: HOW DO THEY RELATE EACH Ettore OTHER Turra APSS pm days Trento 07 Page 11 11

12 PIANO DI MIGLIORAMENTO E DI SVILUPPO 23 GRADO DI MATURITA DEL PM IN APSS (dicembre 2006) 24 Page 12 12

13 Maturità del PM nell APSS Interpretazione e piano di azione Punti di forza: Assegnazione di un progetto o programma Coordinamento del portafoglio progetti Networking tra i progetti Punti di debolezza: Alcune dimensioni della gestione dei progetti: la pianificazione delle risorse e dei costi; la comunicazione; la valutazione dei progetti in chiusura Gestione del personale: il project management non è riconosciuto come una professione; assenza di requisiti specifici per la selezione e lo sviluppo individuale dei PM Piano di miglioramento: Migliore applicazione di alcuni metodi di PM in fase di avvio, controllo di progetto e chiusura di progetto Revisione dell offerta formativa (inizio 2008) Aumento della diffusione delle conoscenze interne ed interne all Azienda 25 Sviluppo dei servizi del PMO MANTENERE: Coordinamento del Portafoglio Progetti Supporto ai Project Manager (assistenza e formazione sul campo) Programma Sviluppo Risorse Umane (gestione del) SVILUPPARE: Capacità e Metodi di gestione dei processi: Standard aziendali di rappresentazione, descrizione, mappatura dei processi Supporto alla gestione ed ottimizzazione dei processi da parte della linea Standard e linee guida dei processi specifici di supporto dell IT RIDURRE: Ruolo diretto nella committenza e nella gestione dei progetti (al momento > 50% del livello di attività per 3 FTEs) 26 Page 13 13

14 CONCLUSIONI 27 Il valore del Project Management nell APSS Aumento della flessibilità organizzativa grazie all uso di organizzazioni temporanee trasversali rispetto l organizzazione permanente aziendale Un numero inferiore di progetti intrapresi, maggiormente allineati alle strategie e agli obiettivi dell azienda Una migliore qualità (prevedibilità) dei risultati dei progetti (75% dei progetti negli ultimi tre anni conclusi in buono stato e nel rispetto dei piani) Un maggiore valore per il numero massimo di dipendenti e di cittadini (i progetti ad elevato potenziale sono favoriti rispetto alle implementazioni verticali, coincidenti con i confini delle unità organizzative) Elevato potenziale per l apprendimento organizzativo ed individuale Metodi e processi di PM applicabili per la realizzazione di progetti di miglioramento anche di piccola dimensione in area clinica e sanitaria (ad es. sviluppo di linee guida cliniche, progetti di miglioramento della qualità delle cure, ecc.) 28 Page 14 14

15 Appendice: CASI APPLICATIVI 29 Esempi di applicazione del Project Management nell APSS I esempio: il Programma di Sviluppo delle Risorse Umane dell APSS Un vasto progetto di sviluppo organizzativo per fasi II esempio: il Progetto PACS dell APSS Un progetto d informatizzazione clinica di livello aziendale 30 Page 15 15

16 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!! 31 Page 16 16

Aggiornato al mese di Novembre 2007. Caso applicativo presentato da Ettore Turra (APSS) al seminario:

Aggiornato al mese di Novembre 2007. Caso applicativo presentato da Ettore Turra (APSS) al seminario: Aggiornato al mese di Novembre 2007 Dr. Enzo Moser Dipartimento di Radiodiagnostica, APSS Caso applicativo presentato da Ettore Turra (APSS) al seminario: IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L

Dettagli

Argomenti. Sesto al Reghena (PN), 4 dicembre 2009 CONTESTO APPLICAZIONE DEL PROJECT MANAGEMENT AD UN PERCORSO INTEGRATO DI CURA CONCLUSIONI

Argomenti. Sesto al Reghena (PN), 4 dicembre 2009 CONTESTO APPLICAZIONE DEL PROJECT MANAGEMENT AD UN PERCORSO INTEGRATO DI CURA CONCLUSIONI DISEGNO ED ATTUAZIONE DI PERCORSI INTEGRATI DI CURA SULLA BASE DEI METODI DI PROJECT MANAGEMENT Salute, centralità del cittadino, percorsi integrati di cura Sesto al Reghena (PN), 4 dicembre 2009 Ettore

Dettagli

Il project management in microbiologia

Il project management in microbiologia Il project management in microbiologia Ettore Turra Area Sistemi di Gestione APSS Trento ettore.turra@apss.tn.it Argomenti Processi, progetti e project management Project management in microbiologia Caso

Dettagli

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITÀ Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Carlo Favaretti,,

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

La gestione del budget e della pianificazione delle attività in tempi di spending review

La gestione del budget e della pianificazione delle attività in tempi di spending review La gestione del budget e della pianificazione delle attività in tempi di spending review Leopoldo Ferrè Partner Exeo Consulting Ettore Turra Direttore Sistemi di Gestione APSS Trento Impossibile visualizzare

Dettagli

Governare il cambiamento

Governare il cambiamento con il patrocinio di organizza la Sessione di Studio Governare il cambiamento Trento, 25 settembre 2015 Ore 14.00 18.00 Polo Universitario delle Professioni Sanitarie Via Briamasco, 2 Presentazione Maria

Dettagli

Curriculum Vitae di VALTER DAPOR

Curriculum Vitae di VALTER DAPOR Curriculum Vitae di VALTER DAPOR DATI PERSONALI nato a, il ROVERETO, 25-07-1956 DATI PERSONALI Dirigente Nucleo Progetti Servizio Sistemi Informativi TITOLI DI STUDIO 15-02-1982 Laurea ingegneria presso

Dettagli

LA GOVERNANCE INTEGRATA

LA GOVERNANCE INTEGRATA XXIX Congresso Nazionale SIFO 2008 Napoli,12-15 ottobre 2008 Funzioni clinico Assistenziali nell area critica LA GOVERNANCE INTEGRATA l esperienza della APSS di Trento Giovanni M. Guarrera Unità per la

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

IL PROGETTO AMPERSA. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento APSS: ORGANIZZAZIONE E OBIETTIVI

IL PROGETTO AMPERSA. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento APSS: ORGANIZZAZIONE E OBIETTIVI IL PROGETTO AMPERSA Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Cristiana Armaroli,Andrea Vielmetti, Ettore Turra APSS - Trento Nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali il progetto AMPERSA relativo

Dettagli

Certificazioni per Project Manager

Certificazioni per Project Manager Certificazioni per Project Manager Vito Madaio, PMP, PM Giugno 2013 Argomenti TenStep Italia Professione Project Manager Certificazioni per Project Manager Metodologia TenStep Formazione abilitante 13/6/2013

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI Luciano Flor Direttore Generale APSS Trento La Valutazione Professionale dei Medici Un contributo dalle aziende accreditate JCI Milano 19 novembre

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Il Profilo del Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è una

Dettagli

Dialogo tra Ricerca, Innovazione e Sistema Sanitario. L'esperienza trentina.

Dialogo tra Ricerca, Innovazione e Sistema Sanitario. L'esperienza trentina. Dialogo tra Ricerca, Innovazione e Sistema Sanitario. L'esperienza trentina. Bolzano - 19 marzo, 2015 Giandomenico Nollo, IRCS PAT - FBK Ettore Turra, APSS Trento Progetto IRCS CONVENZIONE PAT-APSS-FBK:

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Bologna, 12 ottobre 2010 Agenda il modello provinciale dei servizi ICT le azioni ICT per le politiche

Dettagli

Informatizzazione delle strutture:

Informatizzazione delle strutture: Informatizzazione delle strutture: 9 anni di esperienza e Rete Oncologica Trentina Enzo Galligioni Oncologia Medica, Trento 1 Assistenza sanitaria in Trentino: Peculiarità organizzative Provincia Autonoma

Dettagli

1. Sviluppo organizzativo dell azienda ed implementazione delle policy organizzative globali.

1. Sviluppo organizzativo dell azienda ed implementazione delle policy organizzative globali. Italy 2008 Comau The PMO as a global business solution The PMO One Company One Family By Mauro Fenzi Comau Vice President and Alexandre Sörensen Ghisolfi Corporate PMO Manager A proposito di Comau Comau

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Ing. Filippo Ermini Ing. Andrea Pini Chi è Boehringer Ingelheim MONDO: Medicina umana e veterinaria Ingelheim

Dettagli

Competenze e organizzazione per progetti: applicazioni nel contesto sanitario

Competenze e organizzazione per progetti: applicazioni nel contesto sanitario Innovazione e Miglioramento Competenze e organizzazione per progetti: applicazioni nel contesto sanitario Policlinico Umberto I 4 giugno 2013 Luca Angerame Nello Iacono Agenda Perché un'organizzazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Curriculum Vitae di LEONARDO SARTORI

Curriculum Vitae di LEONARDO SARTORI Curriculum Vitae di LEONARDO SARTORI DATI PERSONALI nato a CADERZONE TERME, il 16-07-1954 PROFILO BREVE Leonardo Sartori, laureato in scienze dell informazione all Università di Pisa, dal 1978 lavora come

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget Servizio Controllo di Gestione Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo Il processo di budget Il processo ho la scopo di garantire il raggiungimento dei risultati annuali previsti dalla Direzione

Dettagli

Innovazione in un contesto instabile: visibile, instancabile, concreta. Milano, 21 Ottobre 2015

Innovazione in un contesto instabile: visibile, instancabile, concreta. Milano, 21 Ottobre 2015 Innovazione in un contesto instabile: visibile, instancabile, concreta Milano, 1 Ottobre 015 5.50 0.1 0.1 5.50 TAILORABLE014\Project Oscar\16 Analyst Presentation\014-09-5\014-09-5_Oscar Analyst Presentation_DRAFT

Dettagli

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE PROJECT PORTFOLIO MANAGEMENT Strumento indispensabile per l efficienza del business SICUREZZA FORMAZION E AMBIENTE ETICA

Dettagli

Project Office e Business Analysis: quando 1+1 fa 3! Un esperienza di successo in Banco Popolare

Project Office e Business Analysis: quando 1+1 fa 3! Un esperienza di successo in Banco Popolare Project Office e Business Analysis: quando 1+1 fa 3! Un esperienza di successo in Banco Popolare Orietta Checchinato SGS Banco Popolare, Applicazioni Finanza orietta.checchinato@sgsbp.it Alessandro Rogora,

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Curriculum Vitae di ETTORE TURRA

Curriculum Vitae di ETTORE TURRA Curriculum Vitae di ETTORE TURRA DATI PERSONALI nato a, il MONZA, 22-12-1962 Profilo breve Ettore Turra, laurea in economia aziendale all Università Bocconi. Dal 2011 Direttore dell'area Sistemi di Gestione

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti

Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B. Dott. Egidio Sesti Progetto di prevenzione e gestione del Rischio Clinico ASL Roma B Dott. Egidio Sesti Obiettivo generale Strutturazione di flussi informativi atti alla promozione della qualità dei processi organizzativi

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

Il caso Accor Services Italia: L EVOLUZIONE della DIREZIONE ICT

Il caso Accor Services Italia: L EVOLUZIONE della DIREZIONE ICT Il caso Accor Services Italia: L EVOLUZIONE della DIREZIONE ICT dott. Antonio Bacci, CIO Workshop SIAM " Il Valore Aggiunto attraverso l adozione di ITIL v. 3" Milano, 17/2/2009 Il Gruppo Accor nel mondo

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

IL CLOUD COMPUTING PER LO SVILUPPO DELLA SANITÀ DIGITALE. Paolo Barichello - Roma 23/02/2012

IL CLOUD COMPUTING PER LO SVILUPPO DELLA SANITÀ DIGITALE. Paolo Barichello - Roma 23/02/2012 IL CLOUD COMPUTING PER LO SVILUPPO DELLA SANITÀ DIGITALE Paolo Barichello - Roma 23/02/2012 CARTA DI IDENTITÀ DI ASOLO Abitanti: 252.112 Ospedali: 2 (con 768 posti letto) Dipendenti: 2.598 Valore di produzione

Dettagli

Il ruolo e le attività di un moderno PMO

Il ruolo e le attività di un moderno PMO Il ruolo e le attività di un moderno PMO Tiziano Villa, PMP dicembre 2002 Il ruolo e le aree di attività di un moderno PMO a cura di Tiziano Villa, PMP dicembre 2002 the Project Management Lab 2002. Materiale

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Curriculum Vitae di GIUSEPPE LORENZIN

Curriculum Vitae di GIUSEPPE LORENZIN Curriculum Vitae di GIUSEPPE LORENZIN DATI PERSONALI nato a, il STENICO, 30-12-1955 TITOLI DI STUDIO 01-10-1979 Laurea in Economia e Commercio presso Università di Padova- sede staccata di Verona ATTESTATI

Dettagli

Informatica Trentina S.p.A.

Informatica Trentina S.p.A. Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo socio-sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Alessandro Lui Sviluppo Sistema Informativo Trentino Roma, 11 maggio 2011 Agenda La Società

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT

Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Progetto AURELIA: la via verso il miglioramento dei processi IT Maurizio Coluccia Agenda BNL - BNP Paribas: IT Convergence Projects Il programma Il progetto Aurelia Il perimetro del progetto e le interfacce

Dettagli

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT GRUPPO TELECOM ITALIA Ministero dello Sviluppo Economico Scuola Superiore di Specializzazione in Telecomunicazioni Roma, 26 gennaio 2016 Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore Nazionalità Anno di nascita Italiana 1960 Esperienza lavorativa 1 aprile 2003 a oggi Direttore struttura complessa UOSM B Eboli, Deliberazione

Dettagli

Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati. Group

Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati. Group powered by Supporto attivo alla conduzione dei progetti, pianificazione, esposizione dei risultati Un Processo di Comunicazione a supporto dei team di lavoro Tecniche e Strumenti di lavoro (utilities)

Dettagli

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA Adalgisa Protonotari Direttore Programmazione Sanitaria Coordinatore Area Direzione delle Attività Clinico-Assistenziali

Dettagli

LEAN OFFICE & SERVICE

LEAN OFFICE & SERVICE LEAN OFFICE & Percorso di Certificazione Master 2015 People & Organizational Development Realizzato in collaborazione con Telos Consulting Z1139 I Edizione / Executive Education 13 NOVEMBRE 2015 19 DICEMBRE

Dettagli

Project Manager in evoluzione: PMP

Project Manager in evoluzione: PMP Project Manager in evoluzione: PMP prima e poi Torino - 13 febbraio 2013 Agenda Perché Aizoon ha deciso di intraprendere la strada di certificare alcuni consulenti Qual era la mia esperienza di project

Dettagli

Il Nuovo Sistema Professionale ICT

Il Nuovo Sistema Professionale ICT Il Nuovo Sistema Professionale Simonetta Marangoni 30 settembre 2015 Risorse Umane, Organizzazione e Servizi Sintesi del documento 2 Il Sistema Professionale della famiglia risentiva di elementi di obsolescenza

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

reclami2 Num Reclami 2 1 1 2

reclami2 Num Reclami 2 1 1 2 reclami Gen 0 Feb 0 ANATOMIA PATOLOGICA SANREMO BORDIGHERA - S.P.D.C. CARDIOLOGIA IMPERIA CENTRO PEDIATRICO RIABILITAZIONE MOTORIA CURE PRIMARIE SANREMO DIPARTIMENTO DELLE BUONE PRATICHE CLINICHE E FARMACEUTICHE

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale

Sistema Informativo Territoriale Sistema Informativo Territoriale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Convegno Nazionale Ospedale, Città e Territorio Verona, 13 15 Settembre 2007 Responsabile Sistemi Informativi leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise IT Governance e Portfolio Management Supportare il Business The core business of tomorrow is a "new and different" idea today

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Prato, 25 Settembre 2009 1 Programma 15:00 15:10 Benvenuto e apertura lavori 15:10 15:20 Presentazione del

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna La comunicazione nella riorganizzazione del Servizio Sanitario Regionale. Strumenti per l accessibilità e l integrazione dei servizi sociosanitari Regione Emilia Romagna Anna Darchini Resp. Innovazione

Dettagli

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO Lean Production Lean Thinking Volume sul Sistema Toyota Caccia e lotta agli sprechi KAIZEN LAB Accreditamento Fondi Interprofessionali Provider ECM Intesa Listino Corsi accreditati ECM FORMAZIONE ECM Corsi

Dettagli

Votazione finale: 60/60

Votazione finale: 60/60 CURRICULUM VITAE Filippo Gallocchio Via Lion, 44/D 35020 Maserà di Padova (Padova) Cell. : 348/6085710 E-mail: filippo.gallocchio@hotmail.it Dati personali Nato a Conselve (PD) il 19 maggio 1972 Coniugato

Dettagli

Certificazioni di Project Management a confronto. a cura di Tiziano Villa, PMP marzo 2006

Certificazioni di Project Management a confronto. a cura di Tiziano Villa, PMP marzo 2006 Certificazioni di Project Management a confronto a cura di Tiziano Villa, PMP marzo 2006 Indice del documento 1 Le Organizzazioni internazionali di Project Management pag. 2 2 Gli Standard internazionali

Dettagli

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione

ICT RISK MANAGEMENT. Società KAPPA. Introduzione ICT RISK MANAGEMENT Società KAPPA Introduzione Carlo Guastone, Convegno AIEA Analisi dei rischi, Verona 26 maggio 2006 APPROCCIO ALLA GESTIONE DEL RISCHIO Definizioni Metodologie per il Risk Management

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Creating Your Future

Creating Your Future Creating Your Future CONSULENZA GESTIONE PROGETTI 1 Sviluppo ad-hoc della metodologia di Project Management 2 Coaching a supporto di team di progetto 3 Organizzazione del Project Management Office 4 Gestione

Dettagli

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca

1 - Ambito di applicazione del Project Management in banca Creating Your Future PROJECT MANAGEMENT IN BANCA La governance dell innovazione in banca 1 Ambito di applicazione 2 Attività formativa 3 Competenze 4 Project Management Framework 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

dal 11.11.2013 ad oggi Consigliere Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria - Tesoriere FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

dal 11.11.2013 ad oggi Consigliere Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali della Liguria - Tesoriere FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARASSI MAURIZIO Indirizzo. Genova Italia Telefono.. Fax... E-mail Nazionalità ITALIANA Data di nascita 22 giugno 1962 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Omaggio a Russell D. Archibald (uno dei padri storici del Project Management)

Omaggio a Russell D. Archibald (uno dei padri storici del Project Management) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale. Sicurezza IT Roma, 13/05/2014

Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale. Sicurezza IT Roma, 13/05/2014 Approccio a più livelli per la protezione dalle frodi per una banca virtuale Sicurezza IT Roma, 13/05/2014 Agenda 1. Conoscenza del fenomeno 2. Approccio organizzativo 3. Approccio tecnologico 4. Cura

Dettagli

STAKEHOLDER MANAGEMENT in ACTION

STAKEHOLDER MANAGEMENT in ACTION 1 Training & Professional Meeting 2013 Milan -13 March 2013 STAKEHOLDER MANAGEMENT in ACTION Individuare e fare proprie le esigenze di tutti gli stakeholder per il successo del progetto POLITECNICO DI

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

Minimaster in PROJECT MANAGEMENT La disciplina di Project Management: approccio metodologico e contenuti (I parte)

Minimaster in PROJECT MANAGEMENT La disciplina di Project Management: approccio metodologico e contenuti (I parte) Minimaster in PROJECT MANAGEMENT La disciplina di Project Management: approccio metodologico e contenuti (I parte) Ing. Roberto Mori Direttore Progetti Speciali Tenova Presidente Italian Project Management

Dettagli

Agenda. I sistemi a supporto delle decisioni Information Directory Sviluppi futuri. Cinque anni di Data Warehouse:dai dati alle decisioni 1

Agenda. I sistemi a supporto delle decisioni Information Directory Sviluppi futuri. Cinque anni di Data Warehouse:dai dati alle decisioni 1 Cinque anni di Data Warehouse: dai dati alle decisioni Mario ANCILLI SETTORE SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA DIREZIONE ORGANIZZAZIONE; PIANIFICAZIONE, SVILUPPO E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Torino,

Dettagli

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto Patricia Gamberini 1 Agenda Presentazione Engineering Business case

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

Sviluppo di strumenti di supporto alla gestione del processo di stima dei costi delle commesse di ingegneria

Sviluppo di strumenti di supporto alla gestione del processo di stima dei costi delle commesse di ingegneria QUALITA GRANDI IMPRESE Sviluppo di strumenti di supporto alla gestione del processo di stima dei costi delle commesse di ingegneria sistematizzare e standardizzare le modalità operative da adottare nei

Dettagli

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 Glossario...4 Norme Generali...6 Art. 1 Oggetto del Regolamento...6 Principi di organizzazione...7 Art. 2 I Principi fondanti...7 Art. 3 La Struttura

Dettagli