2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico"

Transcript

1 ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico 3 Progetto A.II.2 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche imprenditoriali del settore turistico 4 Progetto A.III.1 Progetti di avvio di nuove iniziative imprenditoriali di aggregazione tra gli attori della filiera 5 Progetto A.III.2 Progetti di avvio di nuove iniziative imprenditoriali di integrazione tra gli attori della filiera 6 Progetto A.IV.1 Creazione della rete territoriale di servizi formativi e di orientamento turistico 7 Progetto A.IV.2 Costituzione di un patto formativo locale del settore turistico 8 Progetto A.IV.3 Interventi di supporto al funzionamento del patto formativo locale del settore turistico 9 Progetto A.IV.4 Progetti pilota di individuazione e sperimentazione di modelli di formazione innovativi per il settore turistico I progetti dovranno permettere di acquisire, sistematizzare e diffondere la conoscenza del mercato turistico provinciale, ivi comprese le rilevazioni statistiche per orientare le scelte strategiche del settore. Potranno essere realizzati anche mediante reti e sistemi informativi telematici I progetti dovranno permettere di acquisire, sistematizzare e diffondere la conoscenza del mercato turistico provinciale, ivi comprese le rilevazioni statistiche per orientare le scelte strategiche del settore. Potranno essere realizzati anche mediante reti e sistemi informativi telematici I progetti dovranno prevedere l utilizzo di processi e tecnologie innovativi, compresa l'attivazione di sistemi comuni di gestione di servizi a sostegno della imprenditoria turistica locale e dovranno avere come finalità la valorizzazione delle aree e/o dei territori individuati come destinazione I progetti dovranno prevedere l utilizzo di processi e tecnologie innovativi, compresa l'attivazione di sistemi comuni di gestione di servizi a sostegno della imprenditoria turistica locale e dovranno avere come finalità la valorizzazione delle aree e/o dei territori individuati come destinazione Obiettivi dei progetti - 1) rafforzare le competenze in materia di marketing e gestione aziendale per facilitare l accesso ai mercati nazionali ed esteri; 2) favorire l acquisizione di competenze a supporto della ricerca, dell introduzione e diffusione dell innovazione e della sperimentazione in azienda, con particolare riferimento al riallineamento delle competenze nei settori tecnologicamente più avanzati e alla diffusione dell eco-innovazione e delle tecnologie ambientali; 3) promuovere la creazione ed il potenziamento di filiere produttive internazionali Il Patto formativo dovrà essere finalizzato ad affrontare in modo sistemico gli aspetti legati al rapporto formazione lavoro (es. riconoscimento competenze formali ed informali, introduzione di sistemi innovativi di apprendimento); Il Patto formativo dovrà essere grado di agire in modo sistemico sulle competenze come chiave di competitività del sistema; I progetti dovranno essere in grado di rispondere in modo adeguato alle problematiche formative ed occupazionali di più immediato impatto per il sistema turistico locale. 10 Progetto A.IV.5 Progetti Pilota di individuazione e sperimentazione di progetti innovativi di supporto alla formazione iniziale di categorie omogenee di utenza; Giampiero Cappellino 1

2 11 Progetto A.IV.6 Progetti di accompagnamento/ tutoring nei confronti dei diplomandi e/o laureandi 12 Progetto A.IV.7 Progetti di orientamento, diretti a facilitare l accesso ai percorsi di formazione MST per laureati e diplomati Ad esempio, i singoli progetti potranno riguardare: l organizzazione di giornate di sensibilizzazione ed informazione, testimonianze di esperti/docenti/ricercatori del settore turistico, tutoring, visite in altre università, mobilità, placement in imprese turistiche) 13 Progetto A.IV.8 Progetti finalizzati a promuovere la diffusione della cultura internazionale di impresa turistica 14 Progetto A.IV.9 Progetti di realizzazione di Master turistici di I e II Livello 15 Progetto A.IV.10 Progetti che prevedono la concessione di borse formative finalizzate alla realizzazione di stage post specializzazione e post dottorato nelle imprese della filiera turistica 16 Progetto A.IV.11 Progetti che prevedono l'attivazione di percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS) Trattasi di progetti di sensibilizzazione, gemellaggi, corsi tematici nelle classi finali delle scuole superiori, anche in partenariato con imprese, ed istituzioni scolastiche di altri paesi 17 Progetto B.I.1 Progetti a sostegno della creazione e promozione di marchi d area 18 Progetto B.I.2 Progetti a sostegno della creazione e promozione di marchi di certificazione ambientale 19 Progetto B.I.3 Progetti a sostegno della creazione e promozione di marchi di qualità 20 Progetto B.I.4 Progetti a sostegno della creazione e promozione di marchi di club prodotto 21 Progetto B.II.1 Progetti di attivazione di nuova offerta ricettiva nelle aree a vocazione turistica 22 Progetto B.II.2 Progetti di riqualificazione dell offerta ricettiva delle aree a vocazione turistica I progetti dovranno essere realizzati prioritariamente attreverso la riconversione e/o riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente (con particolare riferimento ad edifici I progetti dovranno essere realizzati prioritariamente attreverso la riconversione e/o riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente (con particolare riferimento ad edifici Giampiero Cappellino 2

3 23 Progetto B.II.3 Progetti di ampliamento dell offerta ricettiva nelle aree a vocazione turistica I progetti dovranno essere realizzati prioritariamente attreverso la riconversione e/o riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente (con particolare riferimento ad edifici 24 Progetto B.II.4 Progetti di avvio di nuove attività agrituristiche o di turismo rurale 25 Progetto B.II.5 Progetti di ampliamento di attività agrituristiche o di turismo rurale esistenti 26 Progetto B.II.6 Progetti di ammodernamento di attività agrituristiche o di turismo rurale esistenti I progetti possono prevedere esclusivamente azioni di ristrutturazione, recupero, I progetti possono prevedere esclusivamente azioni di ristrutturazione, recupero, I progetti possono prevedere esclusivamente azioni di ristrutturazione, recupero, 27 Progetto B.II.7 Progetti di avvio di nuove aziende e fattorie didattiche I progetti possono prevedere esclusivamente azioni di ristrutturazione, recupero, 28 Progetto B.II.8 Progetti di ampliamento di aziende e fattorie didattiche esistenti 29 Progetto B.II.9 Progetti di ammodernamento di aziende e fattorie didattiche esistenti 30 Progetto B.II.10 Progetti di attivazione di nuove attività di completamento dell'offerta turistica nelle aree a vocazione turistica 31 Progetto B.II.11 Progetti di riqualificazione delle attività di completamento dell'offerta turistica nelle aree a vocazione turistica I progetti possono prevedere esclusivamente azioni di ristrutturazione, recupero, I progetti possono prevedere esclusivamente azioni di ristrutturazione, recupero, I progetti dovranno essere realizzati prioritariamente attreverso la riconversione e/o riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente (con particolare riferimento ad edifici I progetti dovranno essere realizzati prioritariamente attreverso la riconversione e/o riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente (con particolare riferimento ad edifici Giampiero Cappellino 3

4 32 Progetto B.II.12 Progetti di ampliamento delle attività di completamento I progetti dovranno essere realizzati prioritariamente attreverso la riconversione e/o dell'offerta turistica nelle aree a vocazione turistica riqualificazione del patrimonio immobiliare già esistente (con particolare riferimento ad edifici 33 Progetto B.III.1 Progetti che prevedono la Partecipazione a Borse 34 Progetto B.III.2 Progetti che prevedono la partecipazione a Fiere 35 Progetto B.III.3 Progetti che prevedono l'organizzazione di Educational Tour 36 Progetto B.III.4 Progetti che prevedono la realizzazione di materiali divulgativi 37 Progetto C.I.1 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta termale 38 Progetto C.I.2 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta termale 39 Progetto C.I.3 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta termale 40 Progetto C.II.1 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta congressuale Giampiero Cappellino 4

5 41 Progetto C.II.2 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta congressuale 42 Progetto C.II.3 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta congressuale 43 Progetto C.II.4 Progetti di realizzazione di strutture congressuali Ove il progetto sia promosso da un Ente Pubblico, potrà attuarsi anche con il concorso di risorse finanziarie private, secondo le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale 44 Progetto C.II.5 Progetti di riqualificazione di strutture congressuali Ove il progetto sia promosso da un Ente Pubblico, potrà attuarsi anche con il concorso di risorse finanziarie private, secondo le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale 45 Progetto C.II.6 Progetti di completamento di strutture congressuali Ove il progetto sia promosso da un Ente Pubblico, potrà attuarsi anche con il concorso di risorse finanziarie private, secondo le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale 46 Progetto C.III.1 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera del diporto nautico 47 Progetto C.III.2 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera del diporto nautico 48 Progetto C.III.3 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera del diporto nautico 49 Progetto C.IV.1 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta della pesca-turismo Giampiero Cappellino 5

6 50 Progetto C.IV.2 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta della pesca-turismo 51 Progetto C.IV.3 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta della pesca-turismo 52 Progetto C.IV.4 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta dell'ittiturismo 53 Progetto C.IV.5 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta dell'ittiturismo 54 Progetto C.IV.6 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta dell'ittiturismo 55 Progetto C.IV.1 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta sportiva 56 Progetto C.IV.2 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta sportiva 57 Progetto C.IV.3 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera dell offerta sportiva 58 Progetto C.IV.4 Progetti di realizzazione di impianti sportivi (anche di tipo golfistico) Giampiero Cappellino 6

7 59 Progetto C.IV.5 Progetti di riqualificazione di impianti sportivi (anche di tipo golfistico) 60 Progetto C.IV.6 Progetti di completamento di impianti sportivi (anche di tipo golfistico) 61 Progetto C.VI.1 Progetti di attivazione di nuove iniziative inerenti lo sviluppo della filiera del turismo non tradizionale 62 Progetto C.VI.2 Progetti di riqualificazione inerenti lo sviluppo della filiera del turismo non tradizionale 63 Progetto C.VI.3 Progetti di ampliamento inerenti lo sviluppo della filiera del turismo non tradizionale 64 Progetto C.VI.4 Progetti di integrazione tra imprenditoria turistica e risorse culturali, incluse quelle appartenenti al terzo settore 65 Progetto C.VI.5 Progetti di sostegno alle imprese culturali, incluse quelle appartenenti al terzo settore 66 Progetto C.VI.6 Progetti integrati per la promozione di sistemi di ospitalità diffusa 67 Progetto C.VI.7 Progetti integrati per la valorizzazione di sistemi di ospitalità diffusa 68 Progetto C.VI.8 Progetti di riqualificazione di contesti rurali di pregio storico culturale 69 Progetto C.VI.9 Progetti di adeguamento ciclabile di sentieri esistenti (con esclusione del sostegno ai costi di gestione e funzionamento) Potranno essere proposti progetti rigurdanti esclusivamente le aree interne della provincia Potranno essere proposti progetti rigurdanti esclusivamente le aree interne della provincia 70 Progetto C.VII.1 Progetti per la creazione di poli di eccellenza nautica 71 Progetto C.VII.2 Progetti per la creazione di poli di eccellenza crocieristica Giampiero Cappellino 7

8 72 Progetto C.VII.3 Progetti per la creazione di poli di eccellenza sportiva 73 Progetto D.I.1 Progetti diretti a migliorare la capacità e la funzionalità degli assi ferroviari relativi alle linee di collegamento tra i principali nodi urbani delle provincia. 74 Progetto D.II.1 Progetti di specializzazione turistica della portualità provinciale 75 Progetto D.II.2 Progetti di realizzazione di approdi sicuri a ricettività elastica nelle isole minori 76 Progetto D.II.3 Progetti di realizzazione di approdi sicuri a ricettività elastica nelle località di maggiore attrazione turistica In particolare, potranno essere previsti progetti di potenziamento dei porti siciliani volti al recupero degli attuali vuoti infrastrutturali. Il superamento dell attuale situazione, caratterizzata da un eccessiva poli-funzionalità, va perseguito promuovendo la specializzazione attraverso la realizzazione di sistemi portuali all interno dei quali ciascuno scalo può fare emergere la propria vocazione principale, anche in relazione alle caratteristiche strutturali e di quelle del territorio servito I progetti dovrano essere concerati con la Regione in attuazione del piano strategico regionale della portualità turistica, con priorità alla realizzazione di approdi sicuri a ricettività elastica nelle isole minori e nelle località di maggiore attrazione turistica I progetti dovrano essere concerati con la Regione in attuazione del piano strategico regionale della portualità turistica, con priorità alla realizzazione di approdi sicuri a ricettività elastica nelle isole minori e nelle località di maggiore attrazione turistica 77 Progetto D.III.1 Progetti volti al potenziamento delle strutture delle aree terminal passeggeri dell'aereoporto di Birgi 78 Progetto D.III.2 Progetti funzionali all innovazione tecnologica dell'aereporto di Birgi In particolare, gli interventi dovranno essere diretti all acquisizione di attrezzature funzionali al miglioramento ed alla specializzazione dei servizi 79 Progetto D.III.3 Progetti di completamento degli interventi avviati nel precedente ciclo di programmazione sull'aereoporto di Birgi 80 Progetto D.III.4 Progetti di realizzazione di infrastrutture eliportuali inseriti in un programma di rete 81 Progetto D.IV.1 Progetti diretti a potenziare il collegamento tra reti stradali e ferroviarie 82 Progetto D.IV.2 Progetti diretti a potenziare il collegamento tra reti stradali, porti, aeroporti ed interporti 83 Progetto D.IV.3 Progetti diretti a potenziare il collegamento tra reti ferroviarie, porti, aeroporti ed interporti 84 Progetto D.V.1 Progetti di realizzazione di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico Qualora promossi da Enti pubblici i progetti potranno attuarsi anche con il concorso di risorse finanziarie private, secondo le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale Giampiero Cappellino 8

9 85 Progetto D.V.2 Progetti di riqualificazione di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico Qualora promossi da Enti pubblici i progetti potranno attuarsi anche con il concorso di risorse finanziarie private, secondo le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale 86 Progetto D.V.3 Progetti di completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico 87 Progetto D.VI.1 Progetti diretti alla creazione di articolati punti di informazione turistica dotati di servizi telematici (anche per le attività di ticketing on line) 88 Progetto D.VI.2 Progetti diretti alla creazione di articolati punti di accoglienza turistica dotati di servizi telematici (anche per le attività di ticketing on line) 89 Progetto D.VI.3 Attivazione di servizi sanitari di teleassistenza nei luoghi ad alta vocazione turistica 90 Progetto D.VI.4 Attivazione di servizi sanitari di teleassistenza nelle isole minori 91 Progetto D.VI.5 Azioni di realizzazione di adeguata segnaletica stradale Qualora promossi da Enti pubblici i progetti potranno attuarsi anche con il concorso di risorse finanziarie private, secondo le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale I progetti dovranno risultare coerenti a standard qualitativi e quantitativi omogenei e adeguati I progetti dovranno risultare coerenti a standard qualitativi e quantitativi omogenei e adeguati I progetti potranno essere realizzati nei centri a maggiore attrattività turistica e nei siti di interesse. Qualora trattasi di infrastrutture pubbliche, gli stessi potranno essere realizzati anche con il concorso di risorse finanziarie private, da effettuarsi con le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale 92 Progetto D.VI.6 Azioni di realizzazione di pannelli informativi esplicativi I progetti potranno essere realizzati nei centri a maggiore attrattività turistica e nei siti di interesse. Qualora trattasi di infrastrutture pubbliche, gli stessi potranno essere realizzati anche con il concorso di risorse finanziarie private, da effettuarsi con le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale 93 Progetto D.VI.7 Azioni di realizzazione di nuovi parcheggi I progetti potranno essere realizzati nei centri a maggiore attrattività turistica e nei siti di interesse. Qualora trattasi di infrastrutture pubbliche, gli stessi potranno essere realizzati anche con il concorso di risorse finanziarie private, da effettuarsi con le procedure di cui alla L. 109/94, come recepita dalla legislazione regionale Giampiero Cappellino 9

10 94 Progetto D.VI.8 Progetti che prevodono la messa in rete di risorse agro-turistiche sapori), pacchetti turistici connessi alle risorse rurali del comprensorio (agriturismo, natura, progetti potranno prevedere la messa in rete di percorsi, itinerari (strade tematiche, vie dei tradizioni, risorse storico-paesaggistiche, cultura, artigianato, architettura rurale, enogastronomia, escursionismo naturalistico e sportivo, produzioni locali, ecc.), mediante studi di marketing, finalizzati alla commercializzazione dei servizi offerti, compresa la realizzazione di materiale informativo, di campagne promo-pubblicitarie e di servizi telematici multimediali innovativi, finalizzati alla promozione dell offerta turistica del comprensorio rurale; 95 Progetto D.VI.9 Progetti di realizzazione di servizi innovativi finalizzati alla promozione dell offerta turistica rurale integrata 96 Progetto D.VI.10 Progetti per lo sviluppo e adozione d innovazioni tecnologiche per l e-commerce 97 Progetto D.VI.11 Progetti per la creazione di centri sviluppo di attività di accompagnamento e servizio al turista Trattasi di servizi relativi a guide rurali, ristorazione fissa e mobile, trasporto, etc. 98 Progetto E.I.1 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la realizzazione di eventi di grande richiamo turistico, di natura culturale finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni paesaggistici già 99 Progetto E.I.2 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la culturale finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni culturali già 100 Progetto E.I.3 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la culturale finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni ambientali già 101 Progetto E.I.4 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la folkloristica finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni paesaggistici già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni paesaggistici già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni culturali già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni ambientali già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni paesaggistici già 102 Progetto E.I.5 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la folkloristica finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni culturali già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni culturali già Giampiero Cappellino 10

11 103 Progetto E.I.6 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la folkloristica finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni ambientali già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni ambientali già 104 Progetto E.I.7 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la sportiva finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni paesaggistici già 105 Progetto E.I.8 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la sportiva finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni culturali già 106 Progetto E.I.9 Progetti (cofinanziati dalla Regione) per la sportiva finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni ambientali già 107 Progetto E.I.10 Progetti di comunicazione e di promozione I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni paesaggistici già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni culturali già I progetti dovranno essere finalizzati all incremento della fruizione di siti/beni ambientali già dell immagine turistica della provincia 108 Progetto E.I.11 Progetti di valorizzazione dei villaggi rurali I Progetti di valorizzazione potranno prevedere la realizzazione di attività culturali, ricreative, turistiche, eno-gastronomiche e di animazione in generale dei villaggi rurali 109 Progetto E.II.1 Progetti di promozione dei siti di maggiore valore storico, archeologico, monumentale presenti sul territorio provinciale 110 Progetto E.II.2 Progetti di realizzazione di tinerari esterni ai siti archeologici, che rappresentino il diretto proseguimento del percorso culturale/museale 111 Progetto E.II.3 Progetti di realizzazione di tinerari esterni ai musei, che rappresentino il diretto proseguimento del percorso culturale/museale I progetti dovranno essere realizzati in continuità con la precedente programmazione e in stretta sinergia con gli interventi del Piano Operativo Interreggionale 112 Progetto E.II.4 Progetti finalizzati alla identificazione e realizzazione di Trattasi di progetti che prevedono la realizzazione di segnaletica, sentieri, piste ciclopedonali, itinerari e percorsi turistici. ecc. 113 Progetto E.II.5 Progetti finalizzati a migliorare la fruizione del territorio Trattasi di progetti che prevedono la realizzazione di centri rurali di informazione turistica, siti di a fini turistici interesse etno-antropologico, aree ricreative, piccole infrastrutture sportive o connesse alle attività sportive open air, ecc. Giampiero Cappellino 11

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

2. L offerta Formativa

2. L offerta Formativa INDIRIZZO TECNICO INDIRIZZI PROFESSIONALI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 2. L offerta Formativa L offerta formative comprende percorsi quinquennali di istruzione professionale e un percorso

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE (PSL) DELL ALTO JONIO COSENTINO FEDERICO II : Un percorso tra storia, profumi e sapori Presentazione risultati di fine programmazione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ITER VITIS Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri Creazione di un circuito

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE

CONOSCENZE DISCIPLINA (Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva) CONOSCENZE (V ANNO) ABILITA /CAPACITA (V ANNO) COMPETENZE Articolazione: Accoglienza Turistica - V ANNO Discipline: Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva, Storia Riferimenti:. LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. 2. ATTI CONVEGNO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA. LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche

ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA. LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE SETTORE TURISMO REGIONE EMILIA- ROMAGNA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Piano di Azione e Coesione fase III

Piano di Azione e Coesione fase III Piano di Azione e Coesione fase III Il PO FESR e 2007/2013 rimodulazione del PO FESR 2007/2013 Dipartimento Regionale Fondi Strutturali Europei Palermo 31 dicembre 2013 Adesione della Regione Siciliana

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese

II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo. Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese II Sessione Prodotti turistici del Piemonte e scenari di sviluppo Piani, azioni e strumenti per lo sviluppo dell offerta turistica piemontese Paola Casagrande Responsabile Settore Offerta Turistica Regione

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO

AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione (PIA) Turismo e beni culturali BANDO Presidenza del Consiglio dei Ministr Dipartimento per i Diritti le Pari Opportun CALABRIA AGIRE POR Sviluppo locale orientato alle pari opportunità Sardegna Calabria Pacchetti Integrati di Agevolazione

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Scheda dii Siintesii Intervento N 11.b SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: LA VALORIZZAZIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese.

dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. dicembre2012 L età dello sviluppo Strumenti finanziari a sostegno delle imprese. 1. LʼOGGETTO PO FESR 2007-2013 Asse VI. Linea 6.1, azione 6.1.10, Titolo III Medie imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure Salone Sapori da Sfogliare- Genova 21.06.2013 Dott.ssa Susanna Citi_ Gal Provincia della Spezia Art.65 Reg. 1695/2005- Cooperazione

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI PIACENZA FACOLTA DI ECONOMIA MASTER IN MANAGER SVILUPPO TURISTICO TERRITORIALE MUST Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po SINTESI PER IL

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Linea A. DOCUMENTO STRATEGICO SUL SISTEMA DI INNOVAZIONE TERRITORIALE Linee di indirizzo del Comune di.

REGIONE TOSCANA. Linea A. DOCUMENTO STRATEGICO SUL SISTEMA DI INNOVAZIONE TERRITORIALE Linee di indirizzo del Comune di. REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 5.3 Attivazione di iniziative mirate di marketing finalizzate a promuovere le risorse endogene e ad attrarre investimenti esterni nei settori avanzati

Dettagli

REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI

REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI REPORT 2013 FABBISOGNI FORMATIVI AZIENDALI - Area informatica - Area linguistica - Area commerciale e vendita - Area amministrazione e controllo - Area produzione e logistica - Area energia e ambiente

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

Masterplan della nautica livornese

Masterplan della nautica livornese Linea di attività 0 Quadro conoscitivo e linee strategiche di sviluppo Report L0.5 Masterplan della nautica livornese Linee strategiche per lo sviluppo della filiera nautica: idee, bisogni e proposte dal

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Perchè puntare sulle competenze digitali per promuovere l occupabilità?

Perchè puntare sulle competenze digitali per promuovere l occupabilità? 1 Crescere in Digitale il MLPS e Unioncamere (in partnership con Google) hanno stipulato il 26/03/2015 una Convenzione per l attuazione del Progetto Crescere in Digitale Giovani per le Imprese attraverso

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Modugno - Via P. Annibale M. di Francia, Grumo - Via Roma, L ISTITUTO ECONOMICO La formazione tecnica e scientifica di base necessaria a un inserimento altamente

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO Settore Servizi SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SERVIZI COMMERCIALI 1-2 Articolazioni 1-2 SERVIZI di ENOGASTRO- NOMIA SERVIZI di SALA e VEN-

Dettagli

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo Poli di Innovazione Decisione CE 2006/C/323/01; Decreto M.I.S.E. 27/3/2008 n. 87 POR FESR ABRUZZO 2007-2013 Attività I.1. Sostegno alla creazione dei Poli di innovazione Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE Allegato parte integrante Criteri di coerenza per la selezione della progettualità privata ALLEGATO B) PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE CRITERI DI COERENZA PER LA SELEZIONE DELLA PROGETTUALITA

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

I Nostri Obiettivi, Il Vostro Risultato.

I Nostri Obiettivi, Il Vostro Risultato. UnicaItalia è la piattaforma multimediale dedicata alla promozione e allo sviluppo della capacità artigianale dell agroalimentare Made in Italy identificato nelle PMI della produzione e della distribuzione.

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

Laurea Triennale in Scienze Turistiche (L-15)DURATA DEL

Laurea Triennale in Scienze Turistiche (L-15)DURATA DEL Laurea Triennale in Scienze Turistiche (L-15)DURATA DEL CORSO DURATA DEL CORSO DURATA DEL CORSO La durata del Corso di Laurea è di tre anni per un totale di 180 crediti.obiettivi FORMATIVI Il Corso di

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli