REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO"

Transcript

1 REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO CAP. 1 - GENERALITA GENERALITÀ ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI OLI MONOVARIETALI Depositario del presente Regolamento d Uso del Marchio, di seguito definito Regolamento, è l Associazione Nazionale degli oli monovarietali, con sede in Osimo (AN), Via dell Industria,1. L Associazione Nazionale degli oli monovarietali è costituita a livello nazionale con lo scopo di promuovere e tutelare gli oli monovarietali su tutto il territorio nazionale e non solo. Gli organi dell Associazione sono: o Assemblea degli Associati; o Consiglio Direttivo; o Presidente e Vicepresidente; o Comitato scientifico o Nucleo di controllo (composto da minimo tre componenti, nominati tra: Comitato scientifico, Associazione Nazionale Oli Monovarietali, Unione Camere di Commercio, Regione Marche). 1.2 AMBITO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento d Uso definisce le condizioni generali per la concessione dell uso del marchio collettivo denominato Associazione Oli Monovarietali, istituito dall Associazione Nazionale degli oli monovarietali, e registrato presso la CCIAA di Avellino. Il presente Regolamento definisce inoltre, le modalità di richiesta dell uso del marchio, di impiego, i controlli e le relative sanzioni applicate dall Associazione. L applicazione del Regolamento avviene in maniera imparziale, e senza alcuna discriminazione nei confronti di coloro che chiedono, e/o hanno ottenuto l accesso all utilizzo del Marchio collettivo Associazione Oli Monovarietali. L adempimento delle disposizioni contenute nel Regolamento non solleva i singoli soggetti dal rispetto degli obblighi di legge. 1.3 RIFERIMENTI Per la stesura del presente Regolamento si è fatto riferimento alla normativa vigente in materia di marchi collettivi. Altri documenti correlati al presente Regolamento sono: Atto costitutivo dell Associazione. Modelli di registrazione applicati al Regolamento Statuto dell Associazione Disciplinare oli monovarietali approvato dall Associazione 1.4 TERMINI, DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI Vengono di seguito riportate alcune definizioni utilizzate nel presente Regolamento. Concessionario: soggetto che ha avuto in uso la concessione del marchio. Associato: soggetto riconosciuto dall Associazione in quanto in possesso dei requisiti previsti dallo Statuto e dal presente Regolamento, ed inserito nell apposito Elenco Soci. Licenza d'uso del marchio: autorizzazione all uso del Marchio rilasciata dall Associazione. Licenziatario: Associato che ha ottenuto dall Associazione la licenza d uso del Marchio. Marchio collettivo: marchio che garantisce l origine, la natura o la qualità di determinati prodotti o servizi, concesso ad un soggetto sia esso persona fisica o giuridica, che svolge funzioni di garanzia della provenienza o della qualità di prodotti o servizi, e che può concedere l uso del marchio a soggetti che rispettino determinati requisiti, in applicazione di un regolamento che prevede le modalità di uso del marchio, l effettuazione di controlli e le sanzioni. c/o ASSAM via dell Industria, OSIMO (AN) Pagina 1

2 CAP. 2 - IL MARCHIO 2.1 SCOPO L Associazione ha istituito il Marchio ed il presente regolamento con le seguenti finalità: a) promuovere gli oli monovarietali a livello nazionale; b) favorire le adesioni dei produttori al marchio e le buone prassi per produzioni di qualità; c) informare i consumatori sulle caratteristiche degli oli monovarietali; d) favorire l immissione sul mercato dei prodotti degli Associati. 2.2 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento si applica agli oli extravergini di oliva monovarietali commercializzati con il Marchio Associazione oli Monovarietali. I prodotti devono essere in possesso delle caratteristiche disposte dalla legislazione vigente per essere immessi sul mercato, e delle caratteristiche specifiche di qualità stabilite dal Disciplinare di Produzione. 2.3 DESCRIZIONE DEL SEGNO GRAFICO E DEL LOGOTIPO Il marchio collettivo è costituito da un segno grafico e da un logotipo. Il segno grafico è rappresentato. Il logotipo è costituito dalla dicitura. Completare!!!! 2.4 LIVELLO DI REGISTRAZIONE DEL MARCHIO Il Marchio Collettivo Associazione oli Monovarietali, unitamente al presente Regolamento d uso, è depositato presso la C.C.I.A.A. competente. L Associazione deposita, ai sensi delle leggi vigenti, il marchio collettivo denominato Associazione oli Monovarietali nel settore merceologico identificato secondo la Classificazione di Nizza, come Classe 29, che comprende, tra i vari prodotti anche gli oli e grassi commestibili. CAP. 3 - SOGGETTI DEL MARCHIO 3.1 IL SOGGETTO TITOLARE DEL MARCHIO Il soggetto titolare del Marchio Collettivo Associazione oli Monovarietali è l Associazione Nazionale degli oli monovarietali, le cui generalità sono descritte al paragrafo 1.1 del presente Regolamento. 3.2 COMPITI DEL SOGGETTO TITOLARE DEL MARCHIO L Associazione, oltre a quanto previsto dallo Statuto, svolge i seguenti compiti: garantisce l origine, la natura e la qualità dei prodotti identificati con il Marchio Associazione oli Monovarietali ; redige e gestisce l elenco degli oli monovarietali che possono essere commercializzati con il marchio Associazione oli Monovarietali ; inserisce nel circuito del marchio i soggetti che si impegnano ad assoggettarsi alle disposizioni contenute nel presente Regolamento e nel Disciplinare di Produzione; gestisce l elenco dei soci, tenendolo aggiornato e suddividendolo in relazione al ruolo svolto nella filiera. c/o ASSAM via dell Industria, OSIMO (AN) Pagina 2

3 3.3 SOGGETTI DELLA FILIERA Possono aderire al marchio Associazione Oli Monovarietali, tutti i soggetti che certificano il prodotto, ovvero coloro commercializzano, con il sistema adottato dall Associazione, apponendo il marchio. CAP. 4 - UTILIZZO DEL MARCHIO 4.1 DISPOSIZIONI GENERALI PER L'UTILIZZO DEL MARCHIO I Licenziatari devono: utilizzare il marchio solo ed esclusivamente per i prodotti ottenuti nel rispetto del Disciplinare di Produzione, e per i quali l Associazione ha verificato la conformità al Disciplinare di Produzione; attenersi alle prescrizioni del presente Regolamento, del Disciplinare di Produzione e a quelle fornite di volta in volta dall Associazione relativamente al colore, dimensioni e modalità di rappresentazione sui prodotti e sui relativi materiali promozionali; ottenere preventiva autorizzazione scritta dall Associazione in relazione alle modalità di utilizzo del Marchio; non alterare il Marchio in alcun modo; cessare immediatamente l uso del marchio, in caso di sospensione o revoca della licenza d uso del marchio, sui prodotti sottoposti al sistema di controllo dell Associazione, e su carta da lettere, pubblicazioni, materiale promozionale che lo contengono o che abbiano dei riferimenti ad esso. CAP. 5 - IL SISTEMA DEL MARCHIO L Associazione Nazionale degli oli monovarietali è responsabile del rispetto del presente Regolamento e del Disciplinare di Produzione. Il sistema del Marchio collettivo Associazione oli Monovarietali prevede: un sistema di adesione un sistema di controllo del marchio. Per l attività di controllo sia in fase di adesione, che in campo, l Associazione può servirsi del Nucleo di controllo, appositamente nominato dal Consiglio Direttivo. 5.1 SISTEMA DI ADESIONE Il soggetto che intende richiedere la concessione d uso del Marchio deve presentare all Associazione domanda appositamente istituita, contenente i dati anagrafici dell azienda, allegando una dichiarazione firmata dal rappresentante legale dell azienda che sottoscrive: di essere a conoscenza e di accettare il presente Regolamento d Uso e il Disciplinare di Produzione; di autorizzare l Associazione ad effettuare i controlli di conformità presso i propri stabilimenti, così come indicato nel Disciplinare, che possono prevedere anche l attività di prelievo campione; di operare nel rispetto di quanto previsto dal presente Regolamento, dal Disciplinare di Produzione e da altra documentazione collegata alla modalità di gestione del Marchio Associazione oli Monovarietali ; di impegnarsi al versamento delle quote annuali di adesione decise dall Associazione. c/o ASSAM via dell Industria, OSIMO (AN) Pagina 3

4 L Associazione, preso atto della richiesta, verifica la completezza della documentazione, richiedendo se necessario, un integrazione dei documenti presentati. La mancata integrazione determina l arresto dell iter di riconoscimento della domanda di adesione. Al completamento dell analisi documentale, l Associazione iscrive il soggetto richiedente nel registro Soci, assegnando un codice di riferimento. 5.2 IL SISTEMA DI CONTROLLO L Associazione Nazionale degli oli monovarietali, per verificare la corretta applicazione del Marchio, esercita un attività di controllo sui soggetti inseriti nell Elenco Soci e che hanno fatto esplicita richiesta di utilizzo del Marchio. Tali verifiche hanno lo scopo di controllare il mantenimento dei requisiti che hanno permesso l iscrizione nell elenco dei soggetti riconosciuti, ed il rispetto di quanto previsto dal Disciplinare. La frequenza degli eventuali controlli, oltre che relative modalità ed elementi controllati, saranno decisi annualmente dal Comitato Scientifico, previo approvazione del Consiglio Direttivo. 5.3 L ORGANO DI CONTROLLO L Associazione Nazionale degli oli monovarietali, per verificare la corretta applicazione del Marchio, si serve di un apposito Nucleo di controllo per i controlli interni sui propri Associati assicurando le risorse necessarie. Il nucleo di controllo è nominato dal CD a seguito della verifica delle seguenti competenze professionali: titolo di studio; esperienza; verifica dell assenza di conflitto d interesse. 5.4 LICENZA D USO DEL MARCHIO Il Marchio, di proprietà dell Associazione, viene concesso dall Associazione stessa ai soggetti che ne hanno fatto richiesta di utilizzo, e di cui sia stato accertato, mediante la normale attività di controllo effettuata, il rispetto di quanto previsto dal presente Regolamento e dal Disciplinare di Produzione. Il documento di concessione dell uso del marchio è la Licenza d uso del marchio. La Licenza d uso del Marchio contiene i dati anagrafici del Licenziatario. Il Licenziatario viene iscritto in uno speciale Elenco dei Licenziatari detenuto dall Associazione degli oli monovarietali in formato elettronico. L utilizzo del Marchio nell etichettatura del prodotto può avvenire solo per gli oli monovarietali conformi alle prescrizioni indicate nel Disciplinare di Produzione. 5.5 DIRITTI E DOVERI DEL LICENZIATARIO Con la Licenza d'uso del Marchio il Licenziatario acquisisce il diritto all'utilizzo del Marchio alle condizioni e nei limiti indicati nel presente Regolamento e assume in particolare i seguenti obblighi: a) osservare fedelmente quanto prescritto nel presente Regolamento e nel disciplinare di produzione; b) non compiere alcun atto o omissione che possa danneggiare o, comunque, ledere la reputazione del marchio. 5.6 QUOTA PER LA LICENZA D USO DEL MARCHIO Ogni aderente, secondo le modalità stabilite dall Associazione, è tenuto al versamento all Associazione stessa di un contributo per l uso del marchio definito, di regola ogni annoe comunque secondo quanto stabilito dal consiglio direttivo con apposita delibera; tenuto conto dei costi sopportati per l attività di gestione del marchio e/o per le iniziative promozionali e pubblicitarie tese alla valorizzazione del marchio. 5.7 DURATA DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO La durata di validità della Licenza d'uso del marchio è di 1(uno) anno. c/o ASSAM via dell Industria, OSIMO (AN) Pagina 4

5 CAP. 6 - IL SISTEMA SANZIONATORIO 6.1 MANCATA OSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI L inosservanza delle singole disposizioni contenute nel presente Regolamento e nel Disciplinare di Produzione genera non conformità che possono essere suddivise in lievi o gravi. Sono considerate Non conformità Gravi, le non Conformità del processo/prodotto che influenzano le caratteristiche oggetto di certificazione e che pregiudicano l immagine e/o la reputazione del Marchio. Sono considerate Non Conformità Lievi, le non Conformità del processo/prodotto che non influenzano le caratteristiche oggetto di certificazione e/o l immagine e/o la reputazione del Marchio. Le Non Conformità prevedono oltre all adozione di azioni correttive, l applicazione di sanzioni secondo le modalità di seguito riportate. Il rilascio di una non conformità grave determina l impossibilità di commercializzare il prodotto con il marchio fino al ripristino, se possibile, delle condizioni di conformità. 6.2 SANZIONI In caso di violazioni, trasgressioni e inadempienze al presente regolamento, nonché ad ogni altra eventuale disposizione, e comunque in caso di qualsiasi situazione che, ad insindacabile discrezionale giudizio dell Associazione, dovessero menomare l'immagine e la validità del marchio; l Associazione diffida il licenziatario stesso al rispetto delle norme con un termine ad adempiere a tutto quanto occorra per rimuovere le violazioni commesse e le cause pregiudizievoli al corretto uso del marchio stesso. L Associazione si riserva comunque di disporre la sospensione dell'uso del marchio, in pendenza dell'attuazione dei provvedimenti per ripristinare l'uso appropriato. Il licenziatario si intende impegnato in modo tassativo al rispetto di tali condizioni, la cui trasgressione dà luogo immediatamente alla revoca dell'uso del marchio e al pagamento della penale fissata in convenzione. 6.3 IRROGAZIONE SANZIONI Le sanzioni, comminate dall Associazione sulla base dei resoconti dei controlli effettuati sui soggetti aderenti al Marchio, devono essere registrate dall Associazione sull apposito Registro Sanzioni e comunicate in forma scritta al soggetto interessato. La comunicazione deve riportare: le motivazioni del provvedimento; l entità delle sanzioni; le condizioni alle quali può essere tolta; i tempi entro i quali è possibile presentare domanda di ricorso corredata dalle motivazioni prese a carico e della documentazione giustificativa. La sanzione applicata può essere il verbale di ammonizione, la sanzione pecuniaria, la sospensione e la revoca del Marchio. 6.4 VERBALE DI AMMONIZIONE Il Verbale di ammonizione è la sanzione applicabile a fronte del rilascio di una Non Conformità lieve, e determina da parte del soggetto l adozione dell azione correttiva. 6.5 SANZIONE PECUNIARIA La sanzione pecuniaria è applicabile in caso di reiterazione della stessa tipologia di Non Conformità lieve, e/o in presenza di una Non Conformità Grave. L entità della sanzione è decisa annualmente dall Associazione Nazionale degli Oli Monovarietali, con apposita delibera del Consiglio Direttivo. 6.6 SOSPENSIONE La sospensione, con o senza sanzione pecuniaria, è applicabile per un tempo determinato non superiore ad un anno a fronte di non conformità gravi. c/o ASSAM via dell Industria, OSIMO (AN) Pagina 5

6 La sospensione deve essere comunque applicata quando: non venga rispettato il presente regolamento; sia stato constatato un uso improprio del marchio; La sospensione e la relativa motivazione vengono comunicate dall Associazione al Licenziatario con lettera raccomandata o mezzo equivalente, della quale è indicato il periodo e le condizioni alle quali può essere annullata. La sospensione può essere comunque revocata anticipatamente quando venga accertato l'adempimento delle condizioni richieste. La sospensione può essere applicata anche su richiesta motivata del Licenziatario. La sospensione ed il suo annullamento deve essere annotato nel registro art REVOCA DEL MARCHIO La revoca del Marchio è decisa dall Associazione ed è disposta nei seguenti casi: condotta generale dell Associato che cagiona un danno di immagine all Associazione; utilizzo del Marchio in maniera illegale; l Associato sia insolvente verso l Associazione; il soggetto si rifiuti di essere assoggettato al controllo da parte dell Associazione; fallimento o cessazione dell'attività del Licenziatario; La revoca del Marchio non determina nessun rimborso al soggetto delle eventuali somme dovute dallo stesso all Associazione. Nel caso che la concessione sia revocata, il licenziatario ha l'obbligo di restituire all Associazione tutti i bollini non ancora utilizzati e deve provvedere a ritirare dal commercio il lotto oggetto di contestazione. CAP. 7 - IL RECESSO Il Licenziatario in qualsiasi momento può recedere dall adesione al Marchio. In questo caso, il soggetto deve inviare all Associazione una comunicazione formale in cui sia esplicitata tale volontà. Il licenziatario è comunque tenuto al pagamento di tutti gli oneri derivanti dalle attività svolte fino al momento della rinuncia. La richiesta di recesso determina la immediata cancellazione del Soggetto dall Elenco dei Soci. La cancellazione è formalmente comunicata dall Associazione al soggetto interessato. La richiesta del recesso non determina nessun rimborso al soggetto delle eventuali somme dovute dallo stesso all Associazione. La rinuncia comporta immediatamente la perdita del diritto all'utilizzo del Marchio. CAP. 8 - I RICORSI Il Licenziatario può fare ricorso contro le decisioni dell Associazione a mezzo raccomandata, esponendo le ragioni di tale dissenso entro 10 giorni dalla notifica della decisione. I ricorsi vanno presentati direttamente al CD. L Associazione ha l obbligo di trattare il ricorso entro 90 giorni dalla data di ricevimento. CAP. 9 RISERVATEZZA DEI DATI Tutti gli atti e le informazioni riguardanti i licenziatari sono considerati riservati, e verranno utilizzati dall Associazione esclusivamente per le finalità del Marchio, salvo autorizzazione scritta dell interessato. CAP GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE 1.1 DOCUMENTAZIONE I documenti previsti per la gestione del marchio, oltre il presente Regolamento sono: Domanda di Adesione al Marchio. Registro Aderenti al Marchio. Registro Sanzioni OBBLIGO DI RISERVATEZZA Tutti gli atti e le informazioni riguardanti i licenziatari sono considerati riservati e verranno utilizzati dall Associazione e dall OdC esclusivamente per le finalità del marchio, salvo disposizioni di legge contrarie o autorizzazione scritta del soggetto interessato. c/o ASSAM via dell Industria, OSIMO (AN) Pagina 6

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO SAPORE DI CAMPANIA Articolo 1 La Regione Campania istituisce e gestisce il marchio collettivo di qualità denominato Sapore di Campania, con le seguenti finalità:

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna Allegato sub 2) alla deliberazione n.37 del 2.04.2012 Regolamento d uso del Marchio Collettivo Pietra ollare della Valtellina e Valchiavenna Art. 1 Definizioni Operatore: artigiano singolo o associato

Dettagli

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO GEOGRAFICO GENOVA GOURMET

REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO GEOGRAFICO GENOVA GOURMET REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO GEOGRAFICO GENOVA GOURMET Art. 1 Definizioni CCIAA: Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Genova, titolare del marchio; Elenco dei piatti e vini

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento

Regolamento d uso del Marchio Collettivo. Prosciutto Fiocco di Valtellina. Art.1 Oggetto del regolamento Regolamento d uso del Marchio Collettivo Prosciutto Fiocco di Valtellina Art.1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le condizioni e le modalità per il rilascio del marchio Prosciutto

Dettagli

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO

MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO madeincolours REGOLAMENTO D USO Articolo 1 - Titolarità e finalità del marchio 1. MADEINCOLOURS srl è titolare del marchio collettivo denominato madeincolours (il MARCHIO). 2. Mediante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale)

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale) REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI ISTITUZIONE DELLA DE.CO. (Denominazione Comunale) ARTICOLO 1 Istituzione del Marchio Il Comune di Zibello

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 10/16 del 17.3.2015 REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITA GARANTITA DALLA REGIONE SARDEGNA 1/9 Riferimenti normativi Il presente regolamento è stato elaborato sulla

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto

REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO QUALITÀ TRENTINO Articolo 1 Oggetto 1 REGOLAMENTO D'USO DEL MARCHIO COLLETTIVO "QUALITÀ TRENTINO" Articolo 1 Oggetto 1.1 Il presente regolamento definisce le condizioni generali per la concessione dell uso del marchio collettivo denominato

Dettagli

RURALITÀ MEDITERRANEA

RURALITÀ MEDITERRANEA RURALITÀ MEDITERRANEA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Marchio Collettivo di Qualità delle imprese dei territori rurali del Mediterraneo GENERALITA ARTICOLO 1. Il Regolamento d uso definisce le condizioni

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA TUTELA E LA GESTIONE DEL MARCHIO CONSORZIO PRODUTTORI AGLIO ROSSO DI SULMONA

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA TUTELA E LA GESTIONE DEL MARCHIO CONSORZIO PRODUTTORI AGLIO ROSSO DI SULMONA PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA TUTELA E LA GESTIONE DEL MARCHIO CONSORZIO PRODUTTORI AGLIO ROSSO DI SULMONA via Sella, 5 Sulmona tel. 0864 33332 fax 0864 212187 e.mail riccia@arssa-mail.it pag. 1 di 15 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO A TUTELA DELLA TORTA DI FICHI DI ALBAROLA. Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO A TUTELA DELLA TORTA DI FICHI DI ALBAROLA. Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO A TUTELA DELLA TORTA DI FICHI DI ALBAROLA Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento Il presente Regolamento definisce le condizioni e le modalità per la concessione

Dettagli

Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO

Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO Indice del regolamento d uso ARTICOLO 1, Istituzione del Marchio - Finalità ed obiettivi... pagina 2 ARTICOLO 2, Prodotti e servizi

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Partenariato Sarcidano Barbagia di Seulo. Esempio di un Marchio Territoriale GAL Rurale di Qualità. LAORE SARDEGNA Ivo Porcu e Francesco Carta

Partenariato Sarcidano Barbagia di Seulo. Esempio di un Marchio Territoriale GAL Rurale di Qualità. LAORE SARDEGNA Ivo Porcu e Francesco Carta Partenariato Sarcidano Barbagia di Seulo Esempio di un Marchio Territoriale GAL Rurale di Qualità Obiettivi di un Marchio Territoriale Con il marchio collettivo GRQ (GAL Rurale di Qualità) Sarcidano Barbagia

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO NOTO Filiera Controllata e Certificata prodotti tipici della Val di Noto

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO NOTO Filiera Controllata e Certificata prodotti tipici della Val di Noto Rev. 0 del 18/03/2014 Pag. 1 di 5 STATO DI REVISIONE E MODIFICHE N Data Descrizione Elaborazione 0 18/03/14 Prima emissione Responsabile Schema Verifica/ Validazione Esperto Tecnico Approvazione RD Copia

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN. ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN. ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali CAPITOLO I Finalità REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL USO E PER L USO DEL MARCHIO L AQUILA MADE IN ARTICOLO 1 Finalità e principi fondamentali 1. Il marchio è costituito dalla scritta L Aquila Made in e dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento 2.1 Definizioni Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento

Dettagli

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling Pag.: 1 di 7 Clausole Contrattuali per Il presente documento è pubblicato sul sito www.edison.it e www.infrastrutturedg.it REV. DESCRIZIONE DATA 1 Aggiornamento conseguente al cambio denominazione sociale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.CO. DENOMINAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.CO. DENOMINAZIONE COMUNALE COMUNE DI BARBARIGA Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AGRO-ALIMENTARI TRADIZIONALI LOCALI. ISTITUZIONE DELLA DE.CO. DENOMINAZIONE COMUNALE Allegato alla deliberazione

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL OLIVO DI VENAFRO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO

ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL OLIVO DI VENAFRO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL OLIVO DI VENAFRO REGOLAMENTO D USO PER LA CONCESSIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO (Allegato n. 1 della Delibera del Consiglio Direttivo n. 7 del 15.06.201) 2 ENTE

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO DENOMINATO COMUNITA' DEL CIBO A ENERGIE RINNOVABILI DELLA TOSCANA

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO DENOMINATO COMUNITA' DEL CIBO A ENERGIE RINNOVABILI DELLA TOSCANA ASSOCIAZIONE AGRICOLTORI CUSTODI DELLA COMUNITA' DEL CIBO A ENERGIE RINNOVABILI DELLA TOSCANA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO DENOMINATO COMUNITA' DEL CIBO A ENERGIE RINNOVABILI DELLA TOSCANA

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

Regolamento per la concessione d uso del Logo di Confartigianato Udine alle imprese associate

Regolamento per la concessione d uso del Logo di Confartigianato Udine alle imprese associate Regolamento per la concessione d uso del Logo di Confartigianato Udine alle imprese associate Articolo 1 Finalità del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo del logo dell Unione Artigiani

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie

Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie Regolamento d uso del Marchio Distretto Turistico Cefalù-Madonie Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento definisce le modalità di richiesta d uso, di concessione, di mantenimento e le condizioni

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali

Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 8 in data 19 agosto 2008. ART. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE Il presente Regolamento è stato

Dettagli

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO

Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile. Avvisa. che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato il REGOLAMENTO COMUNE DI S. STEFANO IN ASPROMONTE 89057 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Il Responsabile dell Area amministrativo-contabile Avvisa che con deliberazione consiliare n. 22 del 31 luglio 2007 è stato approvato

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

Disciplinare specifico del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti

Disciplinare specifico del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti Carbon free disciplicare marchio.doc Pagina 1 di 8 Disciplinare specifico del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti Indice ART. 1. PREMESSA ART. 2. CHI

Dettagli

SQNPI. Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata

SQNPI. Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata SQNPI Linee guida nazionali per la redazione dei piani di controllo della Produzione integrata Indice 1 - Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 - Riferimenti normativi... 3 4 Definizioni

Dettagli

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV.

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. 00 FEBBRAIO 2010 Il presente documento è pubblicato sul sito: www.edison.it - Area Fornitori

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL MARCHIO COLLETTIVO Art. 1 - ISTITUZIONE DEL MARCHIO Il presente Regolamento gestisce l uso del marchio collettivo denominato SUINO NERO PARMA istituito dalla Camera di Commercio

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTO ISTITUTIVO Art. 1 lstituzione del Sistema di qualificazione dei Cataloghi formativi 1.1 Il presente Regolamento disciplina il procedimento di qualificazione e di aggiornamento dei Cataloghi

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO PROBUL-PRODOTTI BUFALINI DI LOMBARDIA Art.1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Il MARCHIO può essere utilizzato dagli allevatori di Bufala Mediterranea Italiana che producono latte, carne

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

EBN ITALIA. Associazione senza fini di lucro per la diffusione del birdwatching. Regolamento dei Nodi della Associazione EBN Italia

EBN ITALIA. Associazione senza fini di lucro per la diffusione del birdwatching. Regolamento dei Nodi della Associazione EBN Italia Regolamento dei Nodi della Approvato dal Consiglio Direttivo il 31/01/2012 Premessa L stabilisce con il presente Regolamento i criteri, le modalità e le procedure per la costituzione dei Nodi, cioè i gruppi

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni

Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni COMUNE DI OLIVETO CITRA Provincia di Salerno Regolamento dell Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 26.04.2013 In vigore dal 26.04.2013 1 TITOLO I TITOLO I - ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO

COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO Direttiva approvata con deliberazione della Giunta comunale n. 381

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2016 Sommario: normativa per il riconoscimento di Enti Aggregati diversi dalle Associazioni di Classe primo riconoscimento 3 rinnovo riconoscimento

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale.

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Tale raccolta, da impiegare esclusivamente per il conseguimento

Dettagli

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n.

Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DEGLI ENTI NO-PROFIT Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 29/10/2012 (sostituisce il regolamento approvato con delibera n. 23 del 19/4/2007)

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO COMUNE DI REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI NO-PROFIT APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 38 DEL 13/05/13 2 Indice Articolo 1 Fonti.......p.3 Articolo 2 - Finalità ed oggetto.........p.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA ARCHIMEDE PRIMO LEVI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA ARCHIMEDE PRIMO LEVI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA ARCHIMEDE PRIMO LEVI ART. 1 La Fondazione Esperienze di Cultura Metropolitana (qui di seguito Fondazione),compatibilmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

REGOLAMENTO per il rilascio del certificato di costanza di prestazione del prodotto per la marcatura CE Sistema 1 e 1+ Edizione 3 1/5/2014

REGOLAMENTO per il rilascio del certificato di costanza di prestazione del prodotto per la marcatura CE Sistema 1 e 1+ Edizione 3 1/5/2014 REGOLAMENTO per il rilascio del certificato di costanza della prestazione per la marcatura CE dei prodotti per le costruzioni di cui al Regolamento (UE) N. 305/2011 secondo i sistemi 1 e 1+ Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

MODULO DI ADESIONE. Ragione Sociale C.F. P. IVA. Cognome e Nome del Legale rappresentante. Data e luogo di nascita

MODULO DI ADESIONE. Ragione Sociale C.F. P. IVA. Cognome e Nome del Legale rappresentante. Data e luogo di nascita MODULO DI ADESIONE La sottoscritta impresa con la presente si associa, sulla base dello Statuto vigente, ad ASSOCOFANI Associazione Italiana Produttori Cofani Funebri, aderente a FEDERLEGNOARREDO Federazione

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO COLLETTIVO E-COMMERCE CERTIFICATO O.P.P.I.C.

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO COLLETTIVO E-COMMERCE CERTIFICATO O.P.P.I.C. REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO COLLETTIVO E-COMMERCE CERTIFICATO O.P.P.I.C. Art. 1 Premessa ed obiettivi 1.1. L Osservatorio pugliese della proprietà intellettuale concorrenza e consumo digitale- associazione

Dettagli

Art. 1 - ISCRIZIONE - Art. 2 - REQUISITI - Art. 3 - MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE - Art. 4 - CASI DI NON ACCETTAZIONE

Art. 1 - ISCRIZIONE - Art. 2 - REQUISITI - Art. 3 - MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE - Art. 4 - CASI DI NON ACCETTAZIONE Art. 1 - ISCRIZIONE - L iscrizione all Albo Fornitori qualificati è gratuita e su richiesta degli interessati che con formula di autocertificazione e sotto la propria responsabilità, indicano il possesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche che giuridiche) in conformità all'art. 18 lettera 4 dello

Dettagli

Regolamento per la concessione del Patrocinio A.I.FI. e per l'uso della denominazione e del logo associativi

Regolamento per la concessione del Patrocinio A.I.FI. e per l'uso della denominazione e del logo associativi Regolamento per la concessione del Patrocinio A.I.FI. e per l'uso della denominazione e del logo associativi Approvato con delibera della Direzione Nazionale del 23 giugno 2012 Integrato nella Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci)

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) REQUISITI RICHIESTI ALLE ASSOCIAZIONI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO WEB TENUTO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Premessa (articolo 1, 2

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015

FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 FEDERAZIONE ITALIANA VELA RICONOSCIMENTO ENTI AGGREGATI NORMATIVA 2015 NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ENTI AGGREGATI DIVERSI DALLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DI CLASSE Secondo quanto previsto dall'art

Dettagli

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ

R EGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ELENCHI DELLE ATTESTAZIONI DEL POSSESSO DEGLI STANDARD DI QUALITÀ Associazione Rappresentativa Italiana Formatori ed Operatori Sicurezza sul lavoro Sede legale: Via Castello, snc 81039 Villa Literno Cod. fiscale: 90036750611 info@arifos.it A.R.I.F.O.S. R EGOLAMENTO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali;

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali; L.R. 29 maggio 1980, n. 77 Norme concernenti l associazione dei produttori agricoli nella Regione e le relative unioni in attuazione della L. 20 ottobre 1978, n. 674 sull associazionismo dei produttori

Dettagli

GESTIONE DEI REGISTRI PROFESSIONALI AiFOS REGOLAMENTO GENERALE (Legge 14 gennaio 2013 n. 4)

GESTIONE DEI REGISTRI PROFESSIONALI AiFOS REGOLAMENTO GENERALE (Legge 14 gennaio 2013 n. 4) Pagina: 2 di 9 Art. 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1. Premessa 1.2. Riferimenti normativi 1.3. Definizioni e Abbreviazioni L attività di gestione dei registri professionali tenuti da AiFOS descritta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI CAPO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI CAPO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI CAPO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONE Il Patrocinio rappresenta una forma di adesione e una manifestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche che giuridiche) in conformità all'art. 37 dello Statuto

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI

PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI MCC REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI INCENTIVI AREA SERVIZI PER LO SVILUPPO Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R. Approvato con atto del Direttore Generale n 102/13 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Dell A.L.E.R. DI PAVIA 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE OPEN GROUP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE OPEN GROUP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. 1 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE OPEN GROUP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. con sede legale in Mura di Porta Galliera n. 1/2 A 40126 Bologna 051242557 e sede amministrativa:

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTA la legge 24 novembre 1981 n. 689, recante modifiche al sistema penale; VISTO il decreto ministeriale del 26 luglio 1995 recante Disciplina del rilascio delle licenze di pesca ; VISTO il regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE BORSA IMMOBILIARE DI TARANTO

REGOLAMENTO GENERALE BORSA IMMOBILIARE DI TARANTO REGOLAMENTO GENERALE BORSA IMMOBILIARE DI TARANTO (APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SUBFOR NELLA SEDUTA DEL 31.05.2012) Legenda: nel testo del Regolamento si utilizzeranno le seguenti definizioni

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Regolamento professionale di APAFORM. Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management

Regolamento professionale di APAFORM. Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management Regolamento professionale di APAFORM Associazione Professionale ASFOR dei Formatori di Management Indice. art. 1 - Scopo e campo di applicazione... 1. art. 2 - Struttura organizzativa... 2. art. 3 Definizioni...

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Città di Alghero Provincia di Sassari IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Farmer market nel Comune di Alghero Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20/2009 REGOLAMENTO D'USO DEL CIRCUITO 1 SOMMARIO

Dettagli

CARTA D'USO DEL MARCHIO REGIONALE

CARTA D'USO DEL MARCHIO REGIONALE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI STRUTTURALI PER L'AGRICOLTURA CARTA D'USO DEL MARCHIO REGIONALE Premessa L

Dettagli

Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori CDCNPA

Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori CDCNPA Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori CDCNPA Regolamento ARTICOLO 1... 2 OGGETTO... 2 ARTICOLO 2... 2 CATEGORIE E TIPOLOGIE DI PILE E ACCUMULATORI... 2 ARTICOLO 3... 2 AMMISSIONE DEI CONSORZIATI...

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127

Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127 Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127 Art. 1 Il Certificatore Energetico (CE) è il tecnico, esperto in materia di energetica edilizia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. N.0341/840.123 Fax N.0341/840.673 segreteria@comune.casargo.lc.it www.comune.casargo.lc.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli