Azionamenti Elettrici Parte 4 Esempi di Scelta e dimensionamento dell'azionamento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azionamenti Elettrici Parte 4 Esempi di Scelta e dimensionamento dell'azionamento"

Transcript

1 Azionamenti Elettrici Parte 4 Esempi di Scelta e dimensionamento dell'azionamento Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel mail: deis.unibo.itit

2 Parte 1 Indice generale del corso Introduzione, richiami di Controlli Automatici ed Elettrotecnica Generazione elettromagnetica di coppia Parte Tipologie dei motori elettrici e dei relativi azionamenti Motori ed azionamenti C.C. Motori ed azionamenti Brushless (sincroni a magneti permanenti) Motori ed azionamenti Asincroni ad Induzione Motori passo-passo e coppia Parte 3 Introduzione al controllo assi Parte 4 Scelta dell'azionamento Dimensionamento del motore e dell'amplificatore Esempi di dimensionamento Azionamenti Elettrici 6-

3 Esempi di dimensionamento Esempio non numerico slitta con vite a ricircolazione Esempi numerici Moto uniforme mulino per ceramica Moto ciclico periodico piattaforma per pressa Moto ciclico aperiodico pallettizzatore cartesiano Indice del modulo Azionamenti Elettrici 6-3

4 set-point sensore motore Dimensionamento dell'azionamento La catena cinematica Controllo di posizione di un utensile mosso da una slitta meccanica azionata da un motore elettrico utensile slitta regola tore comando motore vite a ricircolazione di sfere J c momento di inerzia e coppia di carico equivalenti Azionamenti Elettrici 6-4

5 Dimensionamento dell'azionamento Influenza del rapporto di accoppiamento calcolo del momento di inerzia equivalente J eq J rot + J vite + J eqcarico dati di costruzione M v e Equivalenza delle energie immagazzinate 1 Mv e 1 J eq ω ω Jeq v J eq M ω M k a k a (ω/v)( rapporto di accoppiamento Azionamenti Elettrici 6-5

6 Dimensionamento dell'azionamento Influenza del rapporto di accoppiamento calcolo della coppia equivalente alla forza di carico c f M v P fv equilibrio potenze v c f ω Gli stessi calcoli energetici si possono utilizzare nel caso di carico rotante (sostituendo ω a v) o di interconnessione di un riduttore tra il motore e la vite f k a P ω cω Jeq k a rapporto di accoppiamento Azionamenti Elettrici 6-6

7 Dimensionamento dell'azionamento Modello della parte meccanica dinamica della velocità dω F ω + dt J sviluppo del moto rotativo dϑ ω dt eq cm c J eq l c m J c l F attrito viscoso equivalente sviluppo del moto traslativo y ϑ k a ϑ m y Azionamenti Elettrici 6-7

8 Dimensionamento dell'azionamento Rapporto di accoppiamento ottimale Il momento di inerzia equivalente, riportato all'albero motore, di tutte le masse traslanti o rotanti a velocità diverse a quella del motore deve essere simile (non minore) di quello del rotore Regola empirica per la scelta del rapporto di riduzione Accelerazione J eqc /J m spinta (> 5 m/s ) 1:1 media ( 3 m/s ) 4:1 bassa (<0.5 m/s ) 10:1 Situazione critica che richiede il miglior bilanciamento tra motore e carico J eq M del carico riflessa al motore J m J del rotore L'inerzia del rotore non è nota prima di averlo scelto Azionamenti Elettrici 6-8

9 Dimensionamento dell'azionamento. ϑ, ω, ω J m k r J r ϑ 1, ω 1 p Esempio di dimensionamento f M s, v, a v a Passo 1 - calcolo dei parametri meccanici a i v t 1 t t 3 t 4 T t a t Si calcolano k i a i a δ k i T t ( δ Ma f ) * + P m > v * η i J m * stima approssimativa di J m Azionamenti Elettrici 6-9

10 Dimensionamento dell'azionamento. ϑ, ω, ω J m k r J r ϑ 1, ω 1 p Esempio di dimensionamento f M s, v, a v a Passo 1 - calcolo dei parametri meccanici a i v t 3 t 1 t t 4 T t a t Si calcolano ω 1 k v v k r ω ω 1 ω v Scegliere K a in modo da ottenere ω compatibile con il tipo di motore prescelto k a k r k v ϑ s Azionamenti Elettrici 6-10

11 Dimensionamento dell'azionamento. ϑ, ω, ω J m k r J r ϑ 1, ω 1 p Esempio di dimensionamento f M s, v, a Passo - calcolo dei parametri all'albero motore Si calcolano ω k v ω eq J * tot M k a k J * m a a J + a J eq C * rms C > n om δ C ( * J ω ) * rms tot η valore di scelta per la coppia nominale del motore + f k a Azionamenti Elettrici 6-11

12 Dimensionamento dell'azionamento. ϑ, ω, ω J m k r J r ϑ 1, ω 1 p Esempio di dimensionamento f M s, v, a Passo 3 - verifica del dimensionamento del motore Si calcolano Se J tot J m + J eq C < C m K ( ω ) T K H Motore o.k. J f tot + k C a rms C < C n om η K T K H Ripetere passo 3 C rms δ C altrimenti con motore più grande Azionamenti Elettrici 6-1

13 Problemi termici al convertitore Dimensionamento dell'azionamento Il convertitore fornisce extracorrente (1.5 - I nom per un tempo limitato due casi extracorrente per un tempo fisso extracorrente in funzione della potenza dissipata tempo inversamente proporzionale al valore nom ) il comportamento dinamico e la capacità di controllare le coppie di carico non sono costanti assi singoli si può sfruttare l extracorrente per ottimizzare i costi assi coordinati per garantire il sincronismo occorre fare molta attenzione alla saturazione di corrente Azionamenti Elettrici 6-13

14 Dimensionamento dell'azionamento Problemi termici al convertitore Dimensionamento del convertitore i k extra i n om dai data-sheet Calcolo correnti al convertitore Se C > k extra C rms i n om conv C k c k 1 extra Se C < k extra C rms i n om conv C k rms c costante di coppia del motore Attenzione all uso della extracorrente nei movimenti sincronizzati Azionamenti Elettrici 6-14

15 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Corona τ τ tot Mulino 11 r.p.m. (nominali) Pignone τ Motore 1500 r.p.m. Azionamenti Elettrici 6-15

16 Specifiche: τ Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Sul Mulino C res allo spunto 1. MNm Al Motore C res allo spunto 9000 Nm C res nominale 0.88 MNm 1/τ C res nominale 6500 Nm Mom. di inerzia 1.7 MKg.m 1/τ Mom. di inerzia Kg.m Potenza nominale C nom *ω nom 6500 * 157 1MW Transitorio di avviamento > 30 s Trascurabile ω < 5 rad/s C acc J ω < 500Nm Azionamenti Elettrici 6-16

17 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Diagrammi di coppia e potenza al motore Nm avviamento KW r.p.m. a regime 1500 r.p.m. Azionamenti Elettrici 6-17

18 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Scelta del tipo di azionamento velocità costante la velocità variabile serve solo per avviare il mulino grossa extracoppia all avviamento assestamento del materiale durata del transitorio non critica soluzioni possibili motore a collettore ad eccitazione separata tradizionale motore ad induzione con controllo V/f costante più attuale Azionamenti Elettrici 6-18

19 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Diagrammi di coppia e potenza semplificati Nm C C n om 1.5 strade KW r.p.m. Motore 1 MW 1500 r.p.m. Azionamento con I 1.5 I nom Motore 1 MW 1000 r.p.m. Deflussaggio Azionamento con I I nom 1500 r.p.m. La potenza massima corrisponde sostanzialmente a quella nominale Azionamenti Elettrici 6-19

20 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Motore 1MW 1500 r.p.m. (380V/4 poli/50hz) Cnom 6500 Nm Inom 1800 A (η*cos( cosϕ >.85) I 1.5* Inom 700A C 0 r.p.m Nm Motore 1MW 1000 r.p.m. (380V/6poli/50Hz) Cnom 9500 Nm Inom 1800 A (ηcos( cosϕ >.85) I Inom 1800A C 1500r.p.m Nm con deflussaggio oltre i 50 Hz Inverter difficilmente realizzabili con attuali tecnologie a semiconduttori Azionamenti Elettrici 6-0

21 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Motore speciale 1500 r.p.m. (660V/4 poli/50hz) Cnom 6500 Nm Inom 1000 A (ηcos( cosϕ >.85) I 1.5 Inom 1500A C 0 r.p.m Nm Motore speciale 1000 r.p.m. (660V/6poli/50Hz) Cnom 9500 Nm Inom 1000 A (ηcos( cosϕ >.85) I Inom 1000A C 1500r.p.m Nm con deflussaggio oltre i 50 Hz Inverter realizzabili con tecnologie a tyristori (GTO) Azionamenti Elettrici 6-1

22 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Motore speciale 1500 r.p.m. (660V/4poli/50Hz) A Sovradimensionata per pochi istanti poche volte all anno V/f 660/ r.p.m. V/f costante 1500 r.p.m. Azionamenti Elettrici 6-

23 Esempi di dimensionamento Mulino per ceramica Motore speciale 1000 r.p.m. (660V/6poli/50Hz) A dimensionamento più bilanciato V/f /75 660/ r.p.m. costante di coppia x 1.5 (6 poli) fino a 1000 r.p.m. deflussaggio r.p.m. Azionamenti Elettrici 6-3

24 Esempi di dimensionamento Piattaforma per pressa Max 1500 mm Azionamenti Elettrici 6-4

25 Esempi di dimensionamento Piattaforma per pressa Forza res. 500N Massa 300DaN Max 1500 mm specifiche moto v 1.5 m/s 1 m/s a Azionamenti Elettrici 6-5

26 Esempi di dimensionamento Piattaforma per pressa cicli fissi su diversi formati il tempo di mantenimento del formato è più lungo delle costanti di tempo termiche del sistema dimensionamento sul ciclo peggiore dal punto di vista termico p v Ciclo di servizio peggiore 1.5m/s 450mm a 1m/s molto spinta T Azionamenti Elettrici 6-6

27 Esempi di dimensionamento Piattaforma per pressa Dimensionamento del motore l accelerazione è molto spinta stima della potenza Passo 1 - calcolo dei parametri meccanici v a 1m/s 1.5m/s Si calcolano k δ T i t i f r 500 N M 300 Kg a 1 m/s 1.5 m/s v η 0.77 K T K H 1 t 1 t 1 t 1 t 1 T t s T 3.5s ( δ Ma f ) + W * P m > v 3630 * η P * m 4kW Azionamenti Elettrici 6-7

28 Esempi di dimensionamento Piattaforma per Pressa Scelta del tipo di azionamento movimento ciclico ciclo di servizio non eccessivamente stressato (δ 0.16) è richiesta buona precisione di posizionamento soluzioni possibili azionamento con motore sincrono sinusoidale soluzione standard azionamento con motore ad induzione con controllo vettoriale leggera preferenza per la taglia di potenza in prospettiva dovrebbe essere più economico Azionamenti Elettrici 6-8

29 Esempi di dimensionamento Piattaforma per pressa Scelta preliminare del rapporto di riduzione P * m 3630W J * m poli J * m poli P * m 4KW da catalogo poli 4 poli ω m 300 rad/s k a 00 ω m 150 rad/s k a 100 Azionamenti Elettrici 6-9

30 Si calcolano ω k v J J J * * tot m + eq 0.01 Kgm Piattaforma per pressa Passo - calcolo dei parametri all'albero motore ω J C M k a a a rad / rad s / s poli f r 500 N M 300 Kg a 1 m/s 1.5 m/s v eq Kgm J * m k K a Molto simili a 00 δ ( * J ω ) f k tot * a rms η + Nm 5.5 kw η 0.77 K T K H 1 Azionamenti Elettrici 6-30

31 Piattaforma per pressa Passo - calcolo dei parametri all'albero motore Si calcolano ω ω J J C M J k k a a v a J * * tot m + eq Kgm 4 poli eq 0. 03Kgm J * m k K a Molto diversi a 100 ( * J ω ) f k tot * a rms 5 η rad + / rad s / s δ η 0.77 K T K H 1 Nm Molto diversi 4 kw f r 500 N M 300 Kg a 1 m/s 1.5 m/s v Azionamenti Elettrici 6-31

32 Piattaforma per pressa Passo 3 - verifica del dimensionamento del motore Si calcolano J C J J tot m + eq ( J ) ω C rms δ C kgm tot a η + f k Nm 67 Nm Verifica 4 poli f r 500 N M 300 Kg a 1 m/s 1.5 m/s v J * m K a 100 η 0.77 K T K H 1 C C n om m 80 Nm > 67 Nm 7.5 Nm > 5 Nm Scelta confermata Azionamenti Elettrici 6-3

33 I K n om C c C I C rms I 9.4 A n om n om.7 C.9 Nm n om mot k c Scelta del convertitore Calcolo correnti al motore 4 poli 7 Nm Calcolo correnti al convertitore / A A Piattaforma per pressa C nom C rms nom 7.5 Nm rms 5 Nm C 67 Nm Si cerca azionamento con fattore di extracorrente maggiore, oppure si dimensiona su C Fattore di extra corrente sovradimensionato perché non si è tenuto conto della I magn Azionamenti Elettrici 6-33

34 I I K n om mag c I mag + I cn om 9.4 A Più corretta C nom C I 4.5 A n om cn om I cn om 3.33Nm / 8. A C rms I rms + I mag k c Scelta del convertitore Calcolo correnti al motore 4 poli 7 Nm I C k Calcolo correnti al convertitore I A + mag c 0.6 A Piattaforma per pressa Da catalogo A I I nom 7.5 Nm rms 5 Nm C rms n om inv C 67 Nm Dimensionamento corretto I > I rms Si dimensiona su I Fattore di extra corrente A Azionamenti Elettrici 6-34

35 I I K n om mag c I mag + I cn om 9.4 A Più corretta C nom C I 4.5 A n om cn om I cn om 3.33Nm / 8. A C rms I rms + I mag k c Scelta del convertitore Calcolo correnti al motore 4 poli 7 Nm I C k Calcolo correnti al convertitore I A + mag c 0.6 A Piattaforma per pressa Da catalogo A I I nom 7.5 Nm rms 5 Nm C rms n om inv C 67 Nm Dimensionamento corretto I > I rms Si dimensiona su I Fattore di extra corrente A Azionamenti Elettrici 6-35

36 Analisi con CAD specifico Elevatore 300 mm 1.05 Grafici del blocco MAN_DE J ridotto totale [Kgm^] Vpicco 1.049e+000 V effic e-001 Ciclo completo Fase Master [gradi] Azionamenti Elettrici 6-36

37 Elevatore 9 g problema difficile 300 mm x 105 GRAFICI del blocco :MOS Fase Master [gradi] Posizione [mm] X 18 Velocita' [mm/sec] X 1 Accelerazione [mm/sec^] X 1 Profilo cicloidale di moto Azionamenti Elettrici 6-37

38 Elevatore grandezze cinematiche 50 GRAFICI del blocco :MAN_DE 8000 GRAFICI del blocco :RIDUTT Fase Master [gradi] Posizione [rad] X 106 Velocita' [rad/sec] X Accelerazione [rad/sec^] X 1 al manovellismo di spinta Posizione [rad] X 106 Velocita' [rad/sec] X Accelerazione [rad/sec^] X 1 Fase Master [gradi] al motore (300 rad/s) Azionamenti Elettrici 6-38

39 Elevatore grandezze dinamiche 00 Grafici del blocco MAN_DE 8 Grafici del blocco RIDUTT Coppia tot. movente [Nm] Coppia tot. movente [Nm] Vpicco 1.696e+00 V effic. 1.59e+00 Fase Master [gradi] al manovellismo di spinta Vpicco 6.91e+000 V effic e+000 al riduttore Fase Master [gradi] x Azionamenti Elettrici 6-39

40 Elevatore inerzia 1.1 x 10-3 Grafici del blocco RIDUTT x 10-3 Grafici del blocco BRSH_A 1.84 J ridotto totale [Kgm^] J ridotto totale [Kgm^] Vpicco 1.093e-003 V effic e-003 totale al riduttore Fase Master [gradi] Vpicco 1.843e-003 V effic e-003 Fase Master [gradi] Brushless a bassa inerzia 9 Nm - J m Kgm Azionamenti Elettrici 6-40

41 Elevatore 15 Grafici del blocco BRSH_A Coppia tot. movente [Nm] Dimensionamento O.K Vpicco 1.454e+001 V effic e+000 Fase Master [gradi] Coppia al motore Azionamenti Elettrici 6-41

42 Elevatore 15 g x 105 GRAFICI del blocco :MOS Fase Master [gradi] Posizione [mm] X 37 Velocita' [mm/sec] X 34 Accelerazione[mm/sec^] X x 104 GRAFICI del blocco :RIDUTT Fase Master [gradi] Posizione [rad] X 191 Velocita' [rad/sec] X 35 Accelerazione [rad/sec^] X 1 profili con splines più dolci > accelerazione e velocità massime Azionamenti Elettrici 6-4

43 400 Grafici del blocco MAN_DE coppie Elevatore C eff simile maggiore rapporto C /C eff 0 Grafici del blocco BRSH_A Coppia tot. movente [Nm] Vpicco 3.8e+00 V effic. 1.61e+00 Fase Master [gradi] al manovellismo di spinta Coppia tot. movente [Nm] Vpicco 1.988e+001 V effic. 9.84e+000 al motore Fase Master [gradi] Azionamenti Elettrici 6-43

44 Coppia tot. movente [Nm] J m Cm10.4Nm 0 con motore Brushless standard Grafici del blocco BRSH_A Coppia tot. movente [Nm] Elevatore Jm Cm 30Nm Grafici del blocco BRSH_A Vpicco 3.378e+001 V effic..1e+001 inadeguato Fase Master [gradi] Vpicco 1.033e+00 V effic e+001 Fase Master [gradi] problema senza soluzione Azionamenti Elettrici 6-44

45 Esempi di dimensionamento Pallettizzatore cartesiano a tre gradi di libertà y 050mm z 1500mm x 15500mm Cicli variabili continuamente dimensionamento sul ciclo medio non completamente accurato Azionamenti Elettrici 6-45

46 Esempi di dimensionamento Pallettizzatore cartesiano a tre gradi di libertà y 050mm z 1500mm Caratteristiche generali Asse x Velocità m/s Corsa media 1000mm Accelerazione 1.66m/s Massa totale 900Kg x 15500mm Azionamenti Elettrici 6-46

47 Esempi di dimensionamento Pallettizzatore cartesiano a tre gradi di libertà y 050mm z 1500mm Caratteristiche generali Asse x Asse y Velocità m/s 1.66m/s Corsa media 1000mm 1450mm Accelerazione 1.66m/s m/s Massa totale 900Kg 500Kg x 15500mm Azionamenti Elettrici 6-47

48 Esempi di dimensionamento Pallettizzatore cartesiano a tre gradi di libertà y 050mm z 1500mm Caratteristiche generali x 15500mm Asse x Asse y Asse z Velocità m/s 1.66m/s 1.33m/s Corsa media 1000mm 1450mm 450mm Accelerazione 1.66m/s m/s.m/s Massa totale 900Kg 500Kg 350Kg Azionamenti Elettrici 6-48

49 Esempi di dimensionamento Pallettizzatore cartesiano px 1000 py 1450 Ciclo di servizio medio dimensionamento meno preciso z 1500mm y 050mm δ δ x y x 15500mm δ δ x y pz vx vy vz δ z 0.53 δ z s T 6 s Azionamenti Elettrici 6-49

50 Esempi di dimensionamento Pallettizzatore Scelta del tipo di azionamento movimenti ciclici cicli di servizio abbastanza stressato (δ( 0.5) e variabile è richiesta discreta precisione di posizionamento Soluzioni possibili azionamenti con motore sincrono sinusoidale soluzione standard azionamenti con motore ad induzione con controllo ad Inverter poco adatto al posizionamento con controllo vettoriale leggera preferenza per la taglia di potenza rispetto al sincrono in prospettiva dovrebbe essere più economico Dimensionamento come per il caso precedente Azionamenti Elettrici 6-50

51 Azionamenti Elettrici Parte 4 Esempi di Scelta e dimensionamento dell'azionamento FINE Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel mail: deis.unibo.itit

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel. 051-6443024 E-mail mail:

Dettagli

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in MOTORI CORRENTE ALTERNATA: CARATTERISTICA MECCANICA La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in funzione della velocità di rotazione del rotore n r Alla partenza la C

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL 10

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Laboratorio di Automazione Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Prof. Claudio Bonivento DEIS - Università degli Studi di Bologna E-Mail: cbonivento@deis.unibo.it Indice Definizione Struttura Modello

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione non ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL

Dettagli

Dimensionamento e scelta di motori brushless e c.c.

Dimensionamento e scelta di motori brushless e c.c. Dimensionamento e scelta di motori brushless e c.c. Ing. Giulio Ripaccioli Obiettivo Scelta di motori, riduttori e encoder necessari per la costruzione della parte meccanica di un robot anolonomo casalingo.

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare

ITI M. FARADAY Programmazione modulare ITI M. FARADAY Programmazione modulare A.S. 2015/16 Indirizzo: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Classe: V A elettrotecnica settimanali previste: 6 INSEGNANTI: ERBAGGIO

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2012-2013 INTRODUZIONE Docente Francesco Benzi Università di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in collaborazione

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE

COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE AFE - INVERTER OPDE Sistema di conversione Energia Configurazione con controllo digitale a DSP che consente di gestire nel modo più efficiente e dinamico

Dettagli

Servomotori Brushless Linearmech

Servomotori Brushless Linearmech I martinetti meccanici con vite a sfere possono essere motorizzati con i Servomotori Brushless di produzione Lineamech. Per questa gamma di servomotori, denominata serie BM, Linearmech ha deciso di utilizzare

Dettagli

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W SPECIFICHE Tensione alimentazione inverter monofase Tensione alimentazione inverter trifase Corrente max all uscita delle 3 fasi Potenza massima in uscita IP da 100

Dettagli

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Si consideri un convoglio ferroviario per la trazione leggera costituito da un unità di trazione, la quale è formata

Dettagli

Alcune nozioni sui motori in corrente continua

Alcune nozioni sui motori in corrente continua Alcune nozioni sui motori in corrente continua Perché scegliere un motore in corrente continua Molte applicazioni necessitano di una coppia di spunto elevata. Il motore in corrente continua, per natura,

Dettagli

1 Azionamenti Elettrici

1 Azionamenti Elettrici 1 Azionamenti Elettrici L'azionamento elettrico è un trasduttore di energia elettrica in energia meccanica, in modo controllato. All'automazione interessa che questa trasformazione avvenga in maniera controllata.

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA RICHIAMI SUI SISTEMI TRIFASE E SUI TRASFORMATORI - Ripasso generale sui sistemi trifase. - Ripasso generale sulle misure di potenza nei sistemi trifase. - Ripasso generale sui trasformatori monofase e

Dettagli

Azionamenti efficienti. Motore SSP Precisione di velocità e posizione senza sensori e senza magneti

Azionamenti efficienti. Motore SSP Precisione di velocità e posizione senza sensori e senza magneti Azionamenti efficienti Motore SSP Precisione di velocità e posizione senza sensori e senza magneti COMP 02 Benefici La potenza diventa compatta con il motore SSP : si può ottenere fino all 80% in più rispetto

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE Per un corretto dimensionamento del martinetto a ricircolo di sfere è necessario operare come segue: definizione dei dati del dell applicazione (A)

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME INTRODUZIONE Questa guida è rivolta a tutti gli studenti che intendono sostenere l esame del corso di Macchine e Azionamenti Elettrici in forma orale. I testi consigliati

Dettagli

Costruzione di Sistemi Meccanici

Costruzione di Sistemi Meccanici ostruzione di Sistemi eccanici Analisi di sistemi di posizionamento Scelta di un motore rushless Applicazione a velocità fissa. Esempi di utilizzo: pompe rushless, scanner ottici, ventilatori, trapani

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Tipologie di motori e scelta dell'azionamento

Tipologie di motori e scelta dell'azionamento Tipologie di motori e scelta dell'azionamento Alberto Tonielli Questo articolo si propone una breve analisi comparativa delle caratteristiche dei motori elettrici e dei criteri per la loro scelta e dimensionamento.

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione Lezione 16. Motori elettrici: introduzione 1 0. Premessa Un azionamento è un sistema che trasforma potenza elettrica in potenza meccanica in modo controllato. Esso è costituito, nella sua forma usuale,

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

Livio S. Orsini Scelta e dimensionamento dell azionamento elettrico

Livio S. Orsini Scelta e dimensionamento dell azionamento elettrico Le note che seguono, si prefiggono lo scopo di fornire alcuni consigli pratici per scegliere l azionamento elettrico maggiormente adatto all applicazione; costituiscono, inoltre, una guida pratica per

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

Motori Coppia. direct drive technology

Motori Coppia. direct drive technology Motori Coppia direct drive technology I perché dei Motori Coppia? Veloci ed efficaci La tecnologia dei motori coppia viene definita nella progettazione meccanica quale l uso di attuatori che trasferiscono

Dettagli

Soluzione del prof. Paolo Guidi

Soluzione del prof. Paolo Guidi Soluzione del prof. Paolo Guidi Lo schema elettrico del sistema formato dalla dinamo e dal motore asincrono trifase viene proposto in Fig. 1; Il motore asincrono trifase preleva la tensione di alimentazione

Dettagli

Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale

Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale Vicenza 26 ottobre 2006 Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter

Dettagli

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Saranno forniti i criteri per la scelta dei servomotori e dei principali componenti meccanici di un azionamento di avanzamento. dimensionamento stazionario

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

MotionLine hp. Caratteristiche generali

MotionLine hp. Caratteristiche generali Caratteristiche generali La linea MotionLlne HP è stata realizzata per coprire le applicazioni in cui è richiesta protezione della parti meccaniche interne da polvere o altri corpi estranei. E realizzata

Dettagli

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico.

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. Trasmissione meccanica rof. apuzzimati Mario - ITIS Magistri umacini - omo TASMISSIONE MEANIA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. apita molto spesso che il carico meccanico

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

REGOLAZIONE DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI

REGOLAZIONE DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI La regolazione della frequenza costituisce una prerogativa fondamentale per la qualità dell esercizio di una rete elettrica. Le utenze elettriche richiedono che frequenza e tensione assumano precisi valori

Dettagli

Capitolo A - Azionamenti Elettrici

Capitolo A - Azionamenti Elettrici Capitolo A - Azionamenti Elettrici A-1. Introduzione. Gli azionamenti elettrici sono sistemi più o meno complessi che consentono di far fronte alla notevole varietà di tipologie di controllo del moto necessarie

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Efficienza Energetica:

Efficienza Energetica: Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale Vicenza 27 marzo 2008 Raffaele Dal Monte TDE MACNO Spa Avviamento dei motori asincroni Id = corrente

Dettagli

ING-IND Ingegneria Elettrica

ING-IND Ingegneria Elettrica 1. Diamo subito utili richiami di Elettricità e Magnetismo in forma di formulario sinottico di uso professionale. Questi richiami verranno via via completati con successive aggiunte, a formare un HANDBOOK

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

FLUSSO DI ENERGIA E TRASMISSIONE DELLE FORZE

FLUSSO DI ENERGIA E TRASMISSIONE DELLE FORZE 6-1 Bilancio energetico 6 FLUSSO DI ENERGIA E TRASMISSIONE DELLE FORZE L'interazione far le parti di un sistema meccanico è caratterizzata da scambi di energia fra le stesse; l'energia scambiata nell'unità

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

CNC Robot Robomachine. M-2iA

CNC Robot Robomachine. M-2iA CNC Robot Robomachine M-2iA M-2iA/3S M-2iA/3SL Contenuto Introduzione... 03 Punti di forza del prodotto... 04 Specifiche... 05 Diagramma di carico al polso In modalità inerzia standard... 06 Opzione: in

Dettagli

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica Docenti: Coppola Filippo Sergio Sacco Giuseppe Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Classe 3A2 Elettrotecnica ed Elettronica Modulo

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

SERVO-ATTUATORE per Chiocciola rotante di viti a ricircolo di sfere serie CHR

SERVO-ATTUATORE per Chiocciola rotante di viti a ricircolo di sfere serie CHR SERVO-TTUTORE per Chiocciola rotante di viti a ricircolo di sfere serie CHR Dimensioni DN e DN 63 Il servo attuatore per Chiocciola di TECHNI TEM è studiato per dare una risposta razionale all azionamento

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

ATTUATORI ELETTRICI AVT Caratteristiche generali

ATTUATORI ELETTRICI AVT Caratteristiche generali ATTUATORI ELETTRICI AVT Caratteristiche generali GENERALITA SUGLI ATTUATORI A VITE TRAPEZIA Famiglia di attuatori lineari con vite trapezia e riduttore a vite senza fine mossi da motori asincroni mono/trifase

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti Vol. 1 - Azionamenti Elettrici

Meccanica degli Azionamenti Vol. 1 - Azionamenti Elettrici DRAFT COPY Printed 28 marzo 2008 versione provvisoria - lavori in corso Meccanica degli Azionamenti Vol. 1 - Azionamenti Elettrici G. Legnani, M. Tiboni, R. Adamini, D. Tosi Con la collaborazione di G.

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici efficiente compatto sicuro 101 Azionamenti perfettamente integrati da un unico partner L elettromobilità va ben oltre il semplice funzionamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE Tema di: ELETTROTECNICA (Testo

Dettagli

Alcune nozioni sui motori sincroni

Alcune nozioni sui motori sincroni Alcune nozioni sui motori sincroni Perché scegliere un motore sincrono? Per ottenere un certo numero di movimenti in un lasso di tempo ben definito. In questo caso ci si serve del prodotto come base di

Dettagli

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies

STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40. RI 83 315/2001-01 Rev.2. Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere con motore ad albero cavo Sistema di azionamento MHS 40 RI 83 315/2001-01 Rev.2 Linear Motion and Assembly Technologies STAR Unità viti a sfere Sistema di azionamento MHS 40 L'

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO SULLE POMPE CENTRIFUGHE REGOLATE MEDIANTE INVERTER

ANALISI E VALUTAZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO SULLE POMPE CENTRIFUGHE REGOLATE MEDIANTE INVERTER ANALISI E VALUTAZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO SULLE POMPE CENTRIFUGHE REGOLATE MEDIANTE INVERTER Drivetec s.r.l. Ufficio Tecnico INTRODUZIONE Riferendoci ad una macchina operatrice centrifuga come una

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

ATTUATORI ELETTRICI MechForce

ATTUATORI ELETTRICI MechForce Attuatori con viti a ricircolo Quattro taglie: 50-63 - 80-100 50 63 80 100 size Attuatori lineari potenti e precisi ATTUATORI ELETTRICI MechForce Caratteristiche generali CARATTERISTICHE GENERALI Gli attuatori

Dettagli

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Cuscinetto Rotore Cuscinetto Statore Laboratorio di Elettronica 2 Motore passo passo: Statore ( #8 bobine contrapposte a due a due:

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

SCELTA MOTORI ASINCRONI PER AZIONAMENTI INDUSTRIALI (EXCEL) 1

SCELTA MOTORI ASINCRONI PER AZIONAMENTI INDUSTRIALI (EXCEL) 1 Enzo Rizzi (rizzi) SCELTA MOTORI ASINCRONI PER AZIONAMENTI INDUSTRIALI (EXCEL) 15 November 2010 Abstract A disposizione della community un programma che consente di stabilire le caratteristiche del motore

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria Impieghi Test di resistenza Collaudo componenti elettronici Simulazione trasporto merci Emulsionamento Agitazione e miscelazione prodotto Compattazione entro stampi Caratteristiche tecniche principali

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi.

Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Spiegare il controllo di corrente in un motore brushless sinusoidale con l ausilio di uno schema a blocchi. Il motore brushless (senza spazzole) è costituito da un rotore, su cui sono alloggiati i magneti

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

Progettazione funzionale di sistemi meccanici e meccatronici.

Progettazione funzionale di sistemi meccanici e meccatronici. Progettazione funzionale di sistemi meccanici e meccatronici. Progetto d anno: Laser 2dof A.A. 2010/2011 Progettazione Funzionale di Sistemi Meccanici e Meccatronici Taglio laser a due gradi di libertà

Dettagli

LE MACCHINE ELETTRICHE

LE MACCHINE ELETTRICHE LE MACCHINE ELETTRICHE Principi generali Le macchine sono sistemi fisici in cui avvengono trasformazioni di energia. Quelle particolari macchine in cui almeno una delle forme di energia, ricevuta o resa,

Dettagli

Laboratorio di Automazione

Laboratorio di Automazione Laboratorio di Automazione Ing. Luca Gentili CASY - DEIS - Università di Bologna Tel. 051-2093875 E-mail: lgentili@deis.unibo.it http://www.lar.deis.unibo.it/people/lgentili Revisionato Revisionato il

Dettagli

Motori coppia. www.hiwin.it

Motori coppia. www.hiwin.it www.hiwin.it Motori coppia HIWIN Srl Via Pitagora, 4 I-2861 Brugherio (MB) Tel. +39 39 2 87 61 68 Fax +39 39 2 87 43 73 info@hiwin.it www.hiwin.it Tutti i diritti riservati. Non è consentita la riproduzione,

Dettagli

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori

Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Corso di Robotica 1 Componenti per la robotica: Generalità e Attuatori Prof. Alessandro De Luca Robotica 1 1 Robot come sistema programma di lavoro comandi Robot azioni ambiente di lavoro organi meccanici

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

Gamma BRUSHLESS CROUZET

Gamma BRUSHLESS CROUZET Gamma BRUSHLESS CROUZET - Presentazione La ITE Industrialtecnoelettrica Srl di Bologna (tel.5.386.6) presenta la nuova gamma Crouzet di micromotori brushless di elevata qualità con coppie da 6 e 85 mnm

Dettagli

Regole della mano destra.

Regole della mano destra. Regole della mano destra. Macchina in continua con una spira e collettore. Macchina in continua con due spire e collettore. Macchina in continua: schematizzazione di indotto. Macchina in continua. Schematizzazione

Dettagli

Attuatori. Conversione del segnale. Attuatore

Attuatori. Conversione del segnale. Attuatore Attuatori Nelle applicazioni di controllo, l acquisizione delle variabili da controllare e l elaborazione delle leggi di controllo è realizzata attraverso controllori (analogici o digitali) che lavorano

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli