Che fine ha fatto il futuro? Note a margine di un saggio di M. Augé *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che fine ha fatto il futuro? Note a margine di un saggio di M. Augé *"

Transcript

1 Che fine ha fatto il futuro? Note a margine di un saggio di M. Augé * di Paolo Emilio Biagini** Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? Che cosa ci aspettiamo? E che cosa ci aspetta? Molti si sentono soltanto confusi. Il terreno vacilla, e non sanno perché e per che cosa. Una condizione d angoscia, la loro, che diviene paura se assume più precisi contorni. 1 Queste parole, che Ernst Bloch scrisse già sessant anni fa, rimangono ancora attuali e ritornano alla mente di fronte all argomento che Marc Augé ha voluto trattare in questo suo ultimo lavoro. Marc Augé, nato a Poitiers nel 1935, è antropologo ed è stato a lungo Presidente dell École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi. Uno dei suoi lavori precedenti a questo, intitolato Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, uscito in Francia nel 1992 e pubblicato in Italia, da Elèuthera l anno successivo, lo rese famoso al vasto pubblico. In quel testo Augé individuava alcune trasformazioni intervenute a livello antropologico. Egli le definiva sotto la categoria dell eccesso, intesa rispetto al tempo e alla nostra percezione di esso, rispetto allo spazio, e infine rispetto alla figura dell ego, dell individualità. Queste tre caratteristiche davano vita, secondo lui, a quella * AUGÉ M., Che fine ha fatto il futuro? Dai nonluoghi al nontempo, Elèuthera, Milano 2009, p ** Docente di storia e filosofia. 1 BLOCH E., Il principio speranza, voll. 3, Garzanti, Milano 1994 (1953), vol. I, p

2 Paolo Emilio Biagini che definiva la surmodernità. Questa condizione surmoderna è quindi caratterizzata dalla sovrabbondanza degli avvenimenti, dalla sovrabbondanza spaziale e dalla sovrabbondanza dell individualizzazione degli avvenimenti. 2 La surmodernità a questo punto è produttrice di nonluoghi che, a differenza dei luoghi antropologici (i quali sono segnati dalla storia e dalla memoria, e sono creatori di un sociale organico), vanno intesi invece come creatori di una contrattualità solitaria. Infatti essa non integra in sé i luoghi antichi ma al contrario, questi, nella surmodernità appunto, vengono classificati, e promossi come luoghi della memoria. I nonluoghi sono i punti di transito, di occupazioni provvisorie, come a dire le catene alberghiere e le occupazioni abusive, i club di vacanze, i campi profughi, le bidonville destinate al crollo o ad una perennità putrefatta, in cui si sviluppa una fitta rete di mezzi di trasporto che sono anche spazi abitati, in cui grandi magazzini, distributori automatici e carte di credito riannodano i gesti di un commercio muto, un mondo promesso alla individualità solitaria, al passaggio, al provvisorio e all effimero. 3 È per questo che lo spazio del nonluogo «non crea né identità singola, né relazione, ma solitudine e similitudine» 4. 2 Cioè della percezione individualizzata degli avvenimenti. Questi sono sempre meno ricondotti ad una loro esistenza oggettiva e sempre più sentiti in forma soggettiva. Confronta a tale proposito il bel saggio di PERNIOLA M., Del sentire, Einaudi, Torino 1992, che anche se un po datato non ha perso ancora nulla della sua lucidità interpretativa. 3 AUGÉ M., Nonluoghi. Introduzione a una antropologia della surmodernità, Elèuthera, Milano 1993, p Ivi, p. 95. Da tener presente anche la lettura che della postmodernità fa Zygmunt Bauman. In particolare, a tal proposito vedi La solitudine del cittadino globale, Feltrinelli, Milano

3 Che fine ha fatto il futuro? L estensione dei nonluoghi, concludeva in quel testo Augé, «ha già battuto in velocità la riflessione dei politici, i quali hanno finito con il non chiedersi più dove vanno, perché sanno sempre meno dove si trovano» 5. Si può dire che è da questo punto che Augé riprende la sua riflessione sulla condizione surmoderna. Lo fa a partire dalla riflessione sul concetto di futuro. Può esser utile, afferma l autore, «riprendere la categoria di tempo per interrogare nuovamente le false evidenze dell attuale ideologia del presente» 6. Ideologia che egli poco più sopra affermava essere segnata dalla società dei consumi. Tale società produce ad esempio un effetto perverso che consiste nel fatto che venga cancellata impercettibilmente la frontiera tra realtà e finzione, infatti la televisione opera per lo più nel senso di questa cancellazione, perché crea un mondo artificiale con persone reali... nel quale si ritrovano indifferentemente, in una specie di Olimpo catodico, personalità politiche, stelle del varietà, attori, presentatori, campioni sportivi e altre celebrità. Nei telespettatori nasce pian piano la sensazione che apparire sullo schermo sia la prova ultima di un esistenza riuscita. 7 È in questo senso che «i media svolgono oggi il ruolo che un tempo spettava alle cosmologie» 8, perché i media strutturano il nostro tempo quotidiano, stagionale e annuale. La vita politica, artistica, sportiva non è più concepibile senza l intromissione dei media, che cambiano la nostra relazione con lo 5 AUGÉ M., op. cit., p Ivi, p Ivi, p Ivi, p

4 Paolo Emilio Biagini spazio e con il tempo, imponendoci, con la forza delle immagini, una certa idea del bello, del vero e del bene, e anche una certa idea dell abituale, del solito e, a conti fatti, della norma; in altre parole, un idea del consumo che continuano a riprodurre essendo essi stessi beni di consumo. Sono totalitari per essenza. La cosmotecnologia spiega tutto, racconta tutto e si rivolge a tutti. Come le altre cosmologie, aliena chiunque la prenda alla lettera. 9 È per tale motivo che pensare il tempo diventa oggi, oltre che una sfida, anche una necessità, perché ogni cosa ci suggerisce o vuole farci credere che viviamo in un sistema che si colloca definitivamente fuori della storia. 10 Oggi ci stiamo sempre più abituando a consumare le immagini, le parole, i messaggi. Secondo Augé, che cita J.-P. Vernant, siamo sempre più schiavi di quella che può esser definita la ragione retorica, «la quale non fa altro che giustificare l esistente così com è», mentre «rinunciamo alla parte migliore della tradizione del paganesimo nella versione greca e più precisamente ateniese: la capacità di introspezione intellettuale, l attitudine di spostare i confini, la vocazione a restare nella storia senza immolarsi alle illusioni del sistema» 11. Questa ragione retorica non fa altro che divinizzare il presente dando vita ad una ideologia dell adesso (Life is now) tutta tesa a rendere inutili e sorpassati gli insegnamenti del passato e nel contempo ad annullare qualsiasi desiderio di immaginare il futuro. L eterno presente nel quale l attuale sistema di produzione, sistema di produzione dello spettacolo e del consumo, ci ha 9 Ivi, p Ivi, p Ivi, p

5 Che fine ha fatto il futuro? gettati, ci impedisce di affrontare un qualsiasi argomento che possa esser svincolato dalla presentità del presente. Tutto rimanda al presente, tutto è relativo al presente, il presente va prodotto continuamente e continuamente consumato, in un vortice mediatico che, questo sì, sta diventando sempre più totalitario, nella sua forma e nella sua sostanza. Questa ideologia del presente paralizza ogni sforzo teso a pensare il diverso, la diversità. Tutto vuole invece assorbire, inglobare, assumere, rendere omogeneo e uni-forme, proprio nel senso di avere una forma e una soltanto. Augé sostiene che il presente, da uno o due decenni, è diventato egemonico. Agli occhi del comune mortale, non deriva più dalla lenta maturazione del passato e non lascia più trasparire i lineamenti di possibili futuri, ma si impone come un fatto compiuto, schiacciante, il cui improvviso emergere offusca il passato e satura l immaginazione del futuro. 12 Di questo presente, scriveva già Simone Weil quando affermava: Il presente è uno di quei periodi in cui svanisce quanto normalmente sembra costituire una ragione di vita e, se non si vuole sprofondare nello smarrimento o nell incoscienza, tutto va rimesso in questione. Solo una parte del male di cui soffriamo è da attribuire al fatto che il trionfo dei movimenti autoritari e nazionalisti distrugge un po dovunque la speranza che uomini onesti avevano riposto nella democrazia e nel pacifismo; esso è ben più profondo e ben più vasto. Ci si può chiedere se esista un àmbito della vita pubblica o privata dove le sorgenti stesse dell attività e della speranza non siano avvelenate dalle condizioni nelle quali viviamo. Il lavoro non viene più eseguito con la coscienza orgogliosa di essere utili, ma con il sentimento umiliante e angosciante di possedere un privilegio concesso da un favore passeggero 12 Ivi, p

6 Paolo Emilio Biagini della sorte, un privilegio dal quale si escludono parecchi esseri umani per il fatto stesso di goderne, in breve un posto. Gli stessi imprenditori hanno perso quella credenza ingenua in un progresso economico illimitato che faceva loro supporre di avere una missione. Il progresso tecnico sembra aver fatto fallimento, poiché ha apportato alle masse, in luogo del benessere, la miseria fisica e morale in cui le vediamo dibattersi; del resto non sono più ammesse innovazioni tecniche in nessun campo, o quasi, salvo nelle industrie belliche. Quanto al progresso scientifico, non si vede bene a che cosa possa servire accatastare ulteriormente conoscenze su un ammasso già fin troppo vasto per poter essere abbracciato dal pensiero stesso degli specialisti; e l esperienza mostra che i nostri antenati si sono ingannati credendo nella diffusione dei lumi, poiché non si può divulgare fra le masse che una miserabile caricatura della cultura scientifica moderna, caricatura che, lungi dal formarne la capacità di giudizio, le abitua alla credulità. L arte stessa subisce il contraccolpo dello smarrimento generale, che la priva in parte del suo pubblico, e con ciò stesso lede l ispirazione. Infine la vita familiare è diventata solo ansietà, a partire dal momento in cui la società si è chiusa ai giovani. Proprio quella generazione per la quale l attesa febbrile dell avvenire costituisce la vita intera vegeta in tutto il mondo con la consapevolezza di non avere alcun avvenire, che per essa non c è alcun posto nel nostro universo. Del resto questo male, al giorno d oggi, se è più acuto per i giovani, è comune a tutta l umanità. Viviamo un epoca priva di avvenire. L attesa di ciò che verrà non è più speranza, ma angoscia. 13 Una delle caratteristiche dominanti di questo presente è per esempio quella della velocità. Anche a questo riguardo appare senz altro profetica, oltre che carica di significato per l oggi, la riflessione sul concetto di Veloziferische che Goethe esponeva, in una lettera del 7 giugno 1825 a Zelter, e cioè che: 13 WEIL S., Riflessioni sulle cause della libertà e dell oppressione sociale, Adelphi, Milano 1994 (1955), p

7 Che fine ha fatto il futuro? Tutto [...] è ora ultra, tutto trascende irresistibilmente, nel pensiero come nell azione. Nessuno si conosce più, nessuno afferra più l elemento in cui si muove e agisce, la sostanza che elabora. [...] I giovani vengono troppo spesso eccitati e travolti in questo vortice: ricchezza e velocità è ciò che desta la meraviglia del mondo e per cui ciascuno lotta: ferrovie, battelli a vapore e tutte le possibili facilitazioni nelle comunicazioni sono quello a cui le persone di cultura tendono, per superarsi e superistruirsi, e proprio con ciò persistono nella loro mediocrità. E questo sarà anche il risultato generale, che una cultura media diverrà comune. Veramente questo è il secolo di uomini pratici che afferrano tutto al volo, che, data una loro certa disinvoltura, sentono la loro superiorità sulla massa sebbene essi non siano particolarmente dotati. 14 Pare allora che questo, e soltanto questo, possa essere il motivo che fa dire a due autori, quali Edgar Morin e Anne Kern, negli stessi anni di Postman, che: La nostra civiltà è malata di velocità. Urge prendere coscienza della corsa folle, del rischio di impazzire. Occorre frenare, rallentare, per fare avvenire un altro divenire. 15 Questa particolare forma del presente venne definita con il termine tecnopolio da Postman già negli anni Novanta del secolo scorso. Il tecnopolio, secondo tale autore, che si rifà al pensiero di Aldous Huxley del Brave New World, ha contribuito a rendere ogni alternativa non illegale, né immorale e nemmeno impopolare, ma semplicemente invisibile, e quindi irrilevante... ridefinendo i nostri concetti di religione, arte, famiglia, politica, storia, verità, privatezza, intelligenza, in modo da farli coincidere con le 14 Cit. in LÖWITH K., Storia e fede, Laterza, Roma-Bari 1985, p MORIN E.-KERN A.B., Terra-Patria, R. Cortina, Milano 1994, p

8 Paolo Emilio Biagini nuove esigenze. In altre parole, il tecnopolio è la tecnocrazia totalitaria. 16 Il tecnopolio, secondo il Postman, ha ingaggiato già da molto tempo una lotta, anzi una vera e propria guerra con la cultura, vincendola. Ciò per altro lo possono constatare ogni giorno coloro i quali si trovano, per dovere o per necessità, a confrontarsi con il mondo della cultura, dell istruzione e dell educazione. Molto significativa appare la descrizione di questa situazione, fatta appunto da questo autore. 17 Perché il tecnopolio ha vinto questa guerra e si è imposto? Perché, risponde Postman, si è spezzato quel legame tra infor- 16 POSTMAN N., Technopoly. La resa della cultura alla tecnologia, Bollati Boringhieri, Torino 1993 (1992), p «Nella scuola due grandi tecnologie si scontrano, senza possibilità di compromesso, per conseguire il controllo dei cervelli degli studenti. Da una parte sta il mondo della parola stampata che punta sulla logica, i rapporti di successione, la storia, l esposizione, l obiettività, il distacco e la disciplina. Dall altra sta il mondo della televisione, imperniato sulla fantasia, il racconto, la contemporaneità, la simultaneità, l intimità, la gratifica immediata e la rapida risposta emotiva. I bambini, quando vanno a scuola, sono già profondamente condizionati dalla televisione. A scuola fanno conoscenza con il mondo della parola stampata e si instaura una specie di guerra psichica, in cui i feriti sono molti: i bambini che non possono o non vogliono imparare a leggere, i bambini che non riescono a organizzare il pensiero nemmeno nella struttura logica di una semplice frase, i bambini che non sono capaci di seguire una lezione o una spiegazione verbale per più di pochi minuti. Sono un disastro, ma non perché sono stupidi. Sono un disastro perché è in corso una guerra dei media e loro sono dalla parte sbagliata, almeno per il momento. Chi può dire come saranno le scuole fra venticinque, cinquant anni? Allora il tipo di studente che oggi è considerato un disastro sarà probabilmente giudicato un genio, mentre lo studente che oggi studia con profitto sarà giudicato un allievo handicappato, lento nei riflessi, troppo distaccato, privo di emozioni, incapace di creare immagini mentali della realtà» (ivi, p. 22). 72

9 Che fine ha fatto il futuro? mazione e finalità umana. L informazione è infatti totalmente indiscriminata, non è diretta a nessuno in particolare, è estremamente veloce e non ha alcun rapporto con nessuna teoria o significato. Sembra abbia la stessa caratteristica che la tecnica assume nel pensiero di Emanuele Severino. 18 Essa vuole in sostanza soltanto se stessa. È per questo che, secondo il Postman, l obiettivo dell informazione non è la diminuzione dell ignoranza, della superstizione e della sofferenza bensì quello di adeguarci ai requisiti delle nuove tecnologie [... perché...] il tecnopolio è una condizione culturale e mentale consistente nella deificazione della tecnologia. Il che significa che la cultura ricerca nella tecnologia la propria giustificazione, trova soddisfazione nella tecnologia e prende ordini dalla tecnologia. 19 Alcune riflessioni di questo autore, nel campo della pedagogia, riflessioni risalenti a circa vent anni fa, sarebbero per altro da riprendere ed approfondire «Questo infinito incremento è ormai, o ha già incominciato ad essere, il supremo scopo planetario. Ogni altro scopo è più o meno consapevolmente, più o meno direttamente subordinato a questo scopo supremo: la crescita infinita della potenza; che ormai non può più prodursi al di fuori dell apparato della tecnica. In tale subordinazione consiste la dominazione della tecnica nel nostro tempo, la sua destinazione al dominio» (SEVERINO E., Il destino della tecnica, Rizzoli, Milano 1998, p. 11). Il problema della tecnica è uno dei temi centrali della riflessione di questo filosofo. 19 POSTMAN N., op. cit., p. 70. L inciso in parentesi quadre è di chi scrive. 20 «Prendiamo ad esempio il campo dell istruzione. Nel tecnopolio si migliora l istruzione dei giovani migliorando le cosiddette tecnologie di apprendimento. Attualmente si considera necessario introdurre nelle classi i computers, così come un tempo si riteneva necessario portarci la televisione a circuito chiuso e il film. Alla domanda: Perché dobbiamo farlo? la risposta è: Per rendere l apprendimento più efficiente e interessante. Tale risposta è 73

10 Paolo Emilio Biagini Forse è possibile che noi oggi, anche a causa di ciò, si stia vivendo quella condizione storica che Koselleck aveva intravisto e commentato un quarto di secolo fa, e cioè che il futuro proprio di questo progresso è caratterizzato da due momenti: dall accelerazione con cui ci arriva addosso, e dal fatto di essere ignoto. Il tempo accelerato, ossia la nostra storia, abbrevia infatti gli spazi di esperienza, li priva della loro stabilità e in tal modo mette continuamente in gioco nuovi elementi ignoti; così, a causa della complessità di questi fattori sconosciuti persino il presente si sottrae alla nostra esperienza. 21 A cercare di fare una riflessione sul presente si può infatti esser d accordo con ciò che ci ricorda il Koselleck e cioè che due fenomeni stanno caratterizzando il nostro tempo: un restringimento dell area dell esperienza e contemporaneamente un abbassamento dell orizzonte delle attese. Particolarmente significativa è la presenza di queste due condizioni nel mondo della scuola. Lo si rileva continuamente con le nuove generazioni che paiono vivere sempre più in un mondo nel quale fanno evidente fatica a collocarsi in una dimensione spazio-temporale che non sia quella che il sistema della produzione e del consumo ha già deciso per loro. Augé, alla fine del suo lavoro, dichiara senza mezzi termini che considerata pienamente adeguata, visto che nel tecnopolio l efficienza e l interesse non hanno bisogno di giustificazione. Ragion per cui di solito non ci si rende conto del fatto che questa risposta non si riferisce alla domanda: Quali sono gli scopi dell apprendimento? Efficienza e interesse è una risposta di carattere tecnico, che non riguarda il fine, ma i mezzi, e non lascia alcuno spazio a considerazioni di filosofia educativa. Anzi, preclude la strada a tale considerazione in quanto comincia con il chiedersi come, e non perché, dovremmo procedere» (op. cit., p. 157). 21 KOSELLECK R., Futuro passato. Per una semantica dei tempi storici, Marietti, Genova 1986, p

11 Che fine ha fatto il futuro? la vera democrazia passa per una chiara definizione delle relazioni egualitarie tra tutti gli individui, tra tutti gli uni, chiunque siano, e tutti gli altri, chiunque siano. Oggi ne siamo ancora ben lontani. 22 Questo concetto della democrazia nelle relazioni egualitarie, applicato alla cultura, diventa un contenuto-fine. Bloch, nelle sue tesi sul progresso, ne aveva scritto, definendolo così: Non è qualcosa di già definito, ma di non ancora manifesto, un umano concreto-utopistico. Soltanto così il rapporto al presente, che opera in profondità, in relazione al quale i diversi corsi storici sono ordinati, diventa rappresentabile come una profondità tanto ampia che in una cronologia riccamente strutturata trovano posto i processi evolutivi di tutto il mondo. Per l umano che erompe dall interno, ultimo, preminente punto d arrivo del progresso, tutte quante le culture della terra, insieme al loro sostrato ereditario sono esperimenti e testimonianze in vario modo importanti. Esse non convergono perciò in una cultura già presente in qualche luogo, sia pure una cultura dominante, di importanza classica, che per la sua qualità (pur sempre soltanto sperimentale) sarebbe canonica. Le passate, presenti e future civiltà convergono soltanto in un umano in nessun luogo ancora sufficientemente manifesto, ma certo sufficientemente anticipabile. 23 Questa, e soltanto questa, presa di coscienza può riuscire, in qualche modo, a combattere ciò che ormai appare in tutta evi- 22 AUGÉ M., Che fine, cit., p BLOCH E., Sul progresso, Guerini e Associati, Milano 1990 (1963), p. 64. Si potrebbe riandare con la mente alla famosa frase che Marx scrive a Ruge, e cioè «apparirà chiaro [ ] come da tempo il mondo possieda il sogno di una cosa della quale non ha che da possedere la coscienza, per possederla realmente. Apparirà chiaro come non si tratti di tirare una linea retta tra passato e futuro, bensì di realizzare i pensieri del passato» (cfr. MARX K., Un carteggio del 1843 e altri scritti giovanili, Editori Riuniti, Roma 1954, pp ). 75

12 Paolo Emilio Biagini denza, e cioè che, nonostante tutti gli sforzi nel campo della comunicazione e dell informazione, l ignoranza sia in crescita. Tale aumento è evidente analizzando lo scarto tra i saperi specialistici di chi li possiede e la cultura media di chi non li possiede. Da sempre l uomo ricerca per sé e per il prossimo quel qualcosa che lo possa rendere felice. Quel cosiddetto Etwas fehlt 24, ovvero qualcosa manca che spinge l uomo ad andare avanti per terreni inesplorati alla ricerca del posseduto-perduto. Per Augé, questo qualcosa potrebbe essere sicuramente raggiunto attraverso un atteggiamento atto a governare in vista del sapere, di assegnarsi il sapere come fine individuale e collettivo. Quindi, finalmente, di ritornare a un pensiero del tempo BLOCH E., Il principio speranza, op. cit., vol. I, p. XXVI. 25 Cit., p

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia Corso di Psichiatria Massimo Piccirilli Psichiatria branca della medicina che tratta della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie mentali E difficile

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO In molte attività della vita c è un periodo di prova e di iniziazione, un periodo nel quale i nuovi arrivati sono vittime della propria inettitudine e in un

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Compagni di Cordata sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Progetto Finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali legge 383/2000 F/2013 Prof. Stefano Dati

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

FINANZA ETICA. A cura di. Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM

FINANZA ETICA. A cura di. Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM FINANZA ETICA A cura di Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM TM Piazza Europa 13 36030 Caldogno (VI) Italia tel. + 39. 0444.909056 fax +39.0444905743 cellulare 335441647 e-mail: eleumar@tin.it

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Strategie e metodi per un apprendimento efficace

Strategie e metodi per un apprendimento efficace Strategie e metodi per un apprendimento efficace In più di 100 anni, gli psicologi cognitivi dell apprendimento hanno sviluppato parecchie tecniche di studio: alcune accelerano l apprendimento, altre invece

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Edgar Morin La testa ben fatta. Riforma dell insegnamento e riforma del pensiero

Edgar Morin La testa ben fatta. Riforma dell insegnamento e riforma del pensiero Palazzo San Gervasio 22 aprile 2015 Edgar Morin La testa ben fatta. Riforma dell insegnamento e riforma del pensiero Mario Coviello Nel Prologo, Edgar Morin tiene, anzitutto, a precisare che la complessità

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità ANALISI DEL TITOLO Per prima cosa cercheremo di analizzare e capire insieme il senso del titolo di questo lavoro:

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

L effetto osservatore costellatore

L effetto osservatore costellatore L effetto osservatore costellatore Uno degli elementi costituenti il campo collettivo di una Costellazione, è il campoologramma del costellatore. Il suo campo morfogenetico contiene in-formazioni multidimensionali

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Qualcosa si annida dentro noi e ci rende la vita difficile, complicata, come un dèmone

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Come leggere un bando

Come leggere un bando Come leggere un bando Prof. Dario A.Colombo Organizzazione dei servizi sociali Progettare il sociale B Materiali tratti da CiesseVi - Milano dalla Formazione per volontari a cura di G. Sordelli 1. Come

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa.

Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Una struttura sostenibile per il Piano dell Offerta Formativa. Un ipotesi progettuale tra scuola e comunità locale Rovato,, 16 ottobre 2008 Secondo incontro Luisa Bartoli I contenuti della comunicazione

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

HAPPY CHILDREN Crescere Felici

HAPPY CHILDREN Crescere Felici HAPPY CHILDREN Crescere Felici La formazione efficace deve tradurre il contenuto dell'educazione e dell istruzione in forme di pensiero congrue all età, stimolanti e tali da invogliare il fanciullo ad

Dettagli

BIODANZA OPEN SOURCE Rolando Toro Araneda

BIODANZA OPEN SOURCE Rolando Toro Araneda BIODANZA OPEN SOURCE Rolando Toro Araneda Questo articolo pubblicato nel 2006 è in realtà l estratto di una conferenza avente come tema la educazione, alla conferenza partecipava il dr Victor Fernandez

Dettagli

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Il suicidio (1898) di Émile Durkheim (1858-1917) Esamina delle statistiche senza fare ricerche dirette Prima classificazione: psicologica 1. Maniacale allucinazioni

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli