Follow-up post trattamento. N. Papadopoulos

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Follow-up post trattamento. N. Papadopoulos"

Transcript

1 Follow-up post trattamento N. Papadopoulos

2 Follow-up post trattamento Obiettivi Valutare l esito della terapia Riconoscere e trattare le ricorrenze Identificare le donne a maggior rischio Counselling o Supporto psicologico o Spinta motivazionale o Consigli comportamentali

3 Precocità dei rapporti sessuali Multipartners Aumento delle displasie Donne più giovani Desiderio di prole Trattamenti sempre più conservativi

4 Non esiste una tecnica chirurgica superiore alle altre Andersen E.S. Gyn Oncology 1990 Murdoch J.B. Br. J. Obstet Gyn 1992 Flanelly J. Br. J. Obstet Gyn 2001 NHSCSP: colposcopy and programme management 2004 SICPCV: linee guida per la gestione della paziente con PAP test anormale

5 Tassi di recidive/persistenze dopo trattamento per cin AUTORE CASI CRIO LASER LEEP Wright % 3% Townsend % 11% Ferenczy % 4% - Ferenczy % Luesley % Gunasekera % 5% Whiteley % Cecchini % Bigrigg % Flannelly % Kreimer % T. Maggino, Verona 2006

6 Trattamento Clearance HPV (?) Aerssens A et al., Histopathology 2008 Sarian LO et al., Tumori 2005 Persistenza HPV Persistenza/Ricorrenza CIN Sarian LO et al., Tumori 2005

7 Rischio di persistenza/recidiva dopo trattamento Le pazienti trattate per CIN hanno un rischio aumentato (fino a 55%) di ripresentare una CIN NHSCSP: colposcopy and programme management 2004 Au NHMRC: guidelines for the management with screen detected abnormalities 2005 SICPCV: linee guida per la gestione della paziente con PAP test anormale 2006 Il rischio di ricorrenza di lesioni cervicali ed extracervicali è prolungato (oltre 25 anni) J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris) Jan 11. Guidelines for the follow-up of women treated for high-grade cervical neoplasia. Mergui JL, Levêque J. What kind of follow-up after surgical treatment for high-grade cervix lesion? Gynecol Obstet Fertil Apr 11

8 Necessità del follow up Rischio di Carcinoma in pazienti trattate per CIN Le pazienti trattate per CIN presentano un aumentato rischio (fino all 8 ) di cancro della cervice NCSP: New Zeland guidelines for the management of women with abnormal cervical smears 1999 NHSCSP: colposcopy and programme management 2004 SICPCV: linee guida per la gestione della paziente con PAP test anormale 2006 Le donne trattate per CIN 2-3 hanno un rischio 2-5 volte maggiore di sviluppare un cancro invasivo rispetto alla popolazione generale. Guidelines for the follow-up of women treated for high-grade cervical neoplasia. J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris). Mergui JL et al. Gynecol Obstet Fertil. 2008

9 Periodo di maggior rischio di recidiva/persistenza Il rischio è massimo nei primi 24 mesi Flanelly G Br J Obstet Gyn 2001 Chew GK Int J Gynec Cancer 1999 Petterson F. Radiotherapy and oncology 1989 Soutter WP Lancet 1997 Mitchell M.F. Int J Gynec Cancer 2002 European CCSN: European guidelines for quality assurance in cervical screening 2003 Australian NHMRC 2005 : guidelines for the management of women with screen detected abnormalities NHSCSP: colposcopy and programme management 2004

10 Periodo di maggior rischio di recidiva/persistenza Il rischio è massimo nei primi 24 mesi

11 Fattori influenzanti il rischio di persistenza e recidiva FATTORI MORFOLOGICI Estensione della lesione Grado istologico della CIN Lesioni ghiandolari associate Multifocalità delle lesioni Malattia residua sui margini del cono (endocervicale) Murdoch J.B. Br. J. Obstet Gyn 1992 Lapaquette T.K. Obstet Gynec 1993 Lopes A. Gynec Oncology 1993 Flanelly J. Br. J. Obstet Gyn 2001

12 Fattori influenzanti il rischio di persistenza e recidiva Situazioni di immunodepressione / immunosoppressione NCSP: New Zeland guidelines for the management of women with abnormal cervical smears 1999 SICPCV: linee guida per la gestione della paziente con PAP test anormale European CCSN: European guidelines for quality assurance in cervical screening 2003 NHSCSP: colposcopy and programme management 2004 Australian NHMRC : guidelines for the management of women with screen detected abnormalities 2005 Età della paziente oltre i 50 aa. Flanelly J. Br. J. Obstet Gyn 2001 Mitchell M.F. Int J Gynec Cancer 2002 Australian NHMRC : guidelines for the management of women with screen detected abnormalities 2005 European CCSN: European guidelines for quality assurance in cervical screening 2003

13

14 Follow up post trattamento per CIN DUBBI Modalità dei controlli Frequenza dei controlli Durata dei controlli

15 Buon equilibrio tra Sicurezza diagnostica Compliance Follow-up Costi Durata

16

17 HPV test nel follow-up dopo trattamento Evidenzia le pazienti a maggior rischio di ricorrenza Permette di allungare gli intervalli del followup Nagai Y et al., Gunecol Oncol 2000 Zielinski GD et al., Gynecol Oncol 2003 Collinet P et al., Gynecol Oncol 2003

18 CIN persistenti/ricorrenti Nel follow-up post trattamento delle CIN, l HPVDNA test ha sensibilità maggiore rispetto all esame citologico o colposcopico Mergui JL et al. J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris) 2008 Verguts J et al., BJOG 2006

19 HPV TEST E RECIDIVE DOPO TRATTAMENTO CONSERVATIVO DI CIN2-3 STUDIO CASI HPV+ HPV- SENS SPEC VPP VPN Cecchini 2004 Nobbenhuis 2001 Costa 2004 Zielinski 2003 Paraskevaidis 2002 Paraskevaidis 2004 Chao 2004 Guijon (/84) (/184) (/252) (/108) (/279) (/297)

20 CIT + HPV test VPN ~ 100% Mergui JL et al. J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris) 2008

21

22 Follow-up dopo trattamento per CIN 2/3 PAP ± Colposcopia ogni 6 mesi HPV test a 6 e 12 mesi 2 risultati negativi ASC Positivo (per alto rischio) Negativo (per alto rischio) Screening per almeno 20 anni Colposcopia (event curettage cc) Screening per almeno 20 anni 2006

23 NHSCSP 2010 National Health Society and Cervical Screening Program Modalità Solo PAP eseguita preferibil. nel centro di II livello Frequenza ALTO GRADO: Controllo a 6, 12mesi e poi annuali BASSO GRADO: Durata Controlli a 6, 12, 24 mesi. Se neg controlli triennali Almeno 10 anni

24 AUSTRALIAN NHMRC 2005 Australian National Health and Medical Research Council Modalità : PAP + COLPO + HPV-DNA Frequenza : a 6 mesi CIT - COLPO a 12 mesi CIT HPV-DNA annuale NEG per 2 volte consecutive Durata : Rientra in screening fino a 65 anni

25 N.Z. NCSP 2008 New Zeland National Cervical Screening Program COLPO+PAP a 6m PAP+HrHPV a 12m e 24m HrHPV neg, PAP neg sia a 12 che a 24m Screening HrHPV pos, PAP ASCH a 12 o 24m Colpo A 12m HPV neg PAP : ASCUS/LSIL Colpo e HPV a 24m 2008 HrHPV neg, Cit neg CIT 12m HrHPV neg, CIT Ascus/Lsil colpo annuale HrHPV neg, Cit >ASCH colpo HrHPV pos Colpo

26 European guidelines for quality assurance in cervical cancer screening Trattamento per CIN 2-3 CIN 1 Colpo + PAP a 6m neg PAP a 12m e 24m neg Pap annuale per 5aa neg PAP a 6m, 12m e 24m neg Screening Screening 2008

27 European guidelines for quality assurance in cervical cancer screening From this meta-analysis it was concluded that HPV DNA detection predicted residual/recurrent CIN with significantly higher sensitivity (ratio: 1.27; 95% CI: ) and not-significantly lower specificity (ratio: 0.94; 95% CI: ) than follow-up cytology. Arbyn et al., 2005; Arbyn et al., 2006). 2008

28 SICPCV Colpo + PAP ogni 6m per 2aa PAP + Colpo + HPV test a 6m neg SCREENING (o controlli annuali per 5aa) PAP neg Colpo neg HPV pos PAP pos Colpo pos PAP neg Colpo neg HPV neg PAP, Colpo, HPV dopo 6m Percorso secondo grado di lesione PAP, HPV dopo 12m controlli neg neg SCREENING

29 Follow-up dopo trattamento Casi particolari Dopo isterectomia Con margini chirurgici interessati In pazienti immunodepresse / immunosoppresse

30 Isterectomia e CIN L isterectomia NON è un trattamento adeguato per la CIN Tuttavia ci sono situazioni in cui può essere ACCETTATA 1. Per concomitanti patologie benigne dell utero 2. In donne anziane con persistenza della CIN Va sempre ESCLUSA - l invasione - la VAIN NCSP: New Zeland guidelines for the management of women with abnormal cervical smears 2007 NHSCSP: colposcopy and programme management 2004 SICPCV: linee guida per la gestione della paziente con PAP test anormale 2006 Australian NHMRC : guidelines for the management of women with screen detected abnormalities 2005 European CCSN: European guidelines for quality assurance in cervical screening 2008

31 Follow-up in pazienti isterectomizzate e già trattate per CIN Isterectomizzate dopo 10 anni del trattamento (es. istol. utero negativo) NO CITOLOGIA Isterectomizzate prima di 10 anni del trattamento (es. istol. utero negativo) CITOLOGIA a 6 mesi e 18 mesi (se entrambi neg stop) European CCSN: European guidelines for quality assurance in cervical screening 2008

32 Follow-up in pazienti isterectomizzate e già trattate per CIN Isterectomia con escissione completa della CIN CITOLOGIA a 6 e 18 mesi Isterectomia con escissione incompleta o incerta della CIN come dopo TRATTAMENTO CONSERVATIVO NHSCSP: colposcopy and programme management 2004 European CCSN: European guidelines for quality assurance in cervical screening 2008

33 Follow-up dopo trattamento MARGINI CHIRURGICI INTERESSATI SICPCV la paziente dopo CONIZZAZIONE con margini interessati va a normale controllo Solo se positivo si eseguirà un nuovo trattamento European CCSN The follow-up of women with involved margins is essentially the same as in women without margin involvement

34 Follow-up dopo trattamento MARGINI CHIRURGICI INTERESSATI NHS CIN extending to the margins at excision does not justify routine repeat excision as long as: - no evidence of glandular abnormality - no evidence of invasive disease - Women is under 50 years (retreatment or surveillance) AustralianNHMRC Involved excision margins does not in itself justify retreatment: in women over 50 years is justified further treatment rather than observation

35 Follow-up dopo trattamento PAZIENTI IMMUNODEPRESSE - Prevalenza SIL dal 20 al 60% (3-10% nella popolazione) - Minore regressione spontanea - Maggiore persistenza (fino a 46%) o progressione (fino a 38%) - Interessamento plurisettoriale del basso tratto genitale (fino al 13%) - K invasivo in età più giovane (10 anni prima) e a stadi più avanzati - Recidive più frequenti dopo terapia (fino al 60%) SICPCV: La colposcopia I

36 Follow-up dopo trattamento PAZIENTI IMMUNODEPRESSE SICPCV Es. citologico e colposcopico semestrale European CCSN Follow-up after treatment must be closer than in other patients NCSP Immunodepressed women should be included in a long term programme of colposcopic surveillance they should have annual smear AustralianNHMRC Follow-up after treatment should include colposcopy as well as citology follow-up should be annual and INDEFINITE

37 Grazie

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione

La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione La qualità del trattamento e follow-up Casi particolari: gravidanza,menopausa, contraccezione, immunodepressione GISCI Riunione operativa gruppo di lavoro di 2 livello Napoli 11 dicembre 2006 ADOLESCENTI

Dettagli

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 IL PAP TEST NEI DIVERSI SCENARI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Bertozzi

Dettagli

Utilizzo del test HPV-hr nel triage delle ASC-US, di 35 anni, nel follow-up delle. dopo un approfondimento di secondo livello negativo

Utilizzo del test HPV-hr nel triage delle ASC-US, di 35 anni, nel follow-up delle. dopo un approfondimento di secondo livello negativo Utilizzo del test HPV-hr nel triage delle ASC-US, delle L-SIL in donne con piu' di 35 anni, nel follow-up delle donne con citologia ASC-US+ dopo un approfondimento di secondo livello negativo per CIN2+

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

HPV e piano di prevenzione ASL: programma di screening nella fascia 25-64 anni

HPV e piano di prevenzione ASL: programma di screening nella fascia 25-64 anni Corso di formazione ASL- Ospedale di Mantova Ospedale e territorio. Dalla fisiologia alla patologia nell ambito materno-infantile Incontro del 12 marzo 2013 RELAZIONE: HPV e piano di prevenzione ASL: programma

Dettagli

Venezia, 27-28 maggio 2010 Scuola Grande San Giovanni Evangelista

Venezia, 27-28 maggio 2010 Scuola Grande San Giovanni Evangelista REGIONE LAZIO DAL PAP TEST AI VACCINI: LE NUOVE OPPORTUNITÀ NELLA PREVENZIONE DEL CANCRO CERVICALE Venezia, 27-28 maggio 2010 Scuola Grande San Giovanni Evangelista Test HPV I livello: I PROGETTI MULTICENTRICI

Dettagli

La prevenzione del ca della portio: dal Pap test anomalo alla vaccinazione HPV 1 parte: il protocollo provinciale per la gestione del Pap test anomalo Dr P. Morganti AO Treviglio Bergamo, 9 novembre 2013

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

I Programmi di Screening Citologico: criticità e prospettive

I Programmi di Screening Citologico: criticità e prospettive I Programmi di Screening Citologico: criticità e prospettive Marcello Vettorazzi Riunione annuale Screening Citologico Padova, 21 novembre 2007 Carcinoma della Cervice in Veneto 200 nuovi casi/anno (8.6

Dettagli

GISCi Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma Gruppo di lavoro II livello screening

GISCi Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma Gruppo di lavoro II livello screening . GISCi Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma Gruppo di lavoro II livello screening Gestione della attività colposcopica nel programma di screening Linee guida del Programma di Screening per il

Dettagli

LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW. Istologia: ha un valore prognostico?

LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW. Istologia: ha un valore prognostico? LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW UP FOLLOW UP IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI Istologia: ha un valore prognostico? D. Minucci Torino 17 giugno 2013 hrhpv: rischio di persistenza e progressione (modificato

Dettagli

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano Lesioni ghiandolari in campioni bioptici Giovanni Negri Bolzano Pap test di invio con lesione ghiandolare in 40% dei casi AIS puro in 50.6% dei coni Colposcopia negativa in 24% dei casi Biopsia negativa

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Copyright 2009 by Elsevier srl Elsevier srl Via Paleocapa 7 20121 Milano, Italia Tel. 02 88184.1 Fax 02 88184.303

Copyright 2009 by Elsevier srl Elsevier srl Via Paleocapa 7 20121 Milano, Italia Tel. 02 88184.1 Fax 02 88184.303 TEST HPV E PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA DA L L E E V I D E N Z E A L L A C L I N I C A 2010 A CURA DI IHSG Italian HPV Study Group SILVANO COSTA PAOLO CRISTOFORONI LUCIANO MARIANI MASSIMO

Dettagli

SEMINARIO DI CITOLOGIA E CITOGENETICA: ASPETTATIVE E PROSPETTIVE PER UN BIOLOGO Roma 23 Ottobre 2013 QUALE CITOLOGIA NEL FUTURO PROSSIMO

SEMINARIO DI CITOLOGIA E CITOGENETICA: ASPETTATIVE E PROSPETTIVE PER UN BIOLOGO Roma 23 Ottobre 2013 QUALE CITOLOGIA NEL FUTURO PROSSIMO SEMINARIO DI CITOLOGIA E CITOGENETICA: ASPETTATIVE E PROSPETTIVE PER UN BIOLOGO Roma 23 Ottobre 2013 QUALE CITOLOGIA NEL FUTURO PROSSIMO Massimo Confortini Direttore SC Citopatologia SC Citologia Analitica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO RELAZIONE dicembre RAZIONALE L evidenza scientifica che l infezione da Papilloma Virus Umano (HPV) è la causa necessaria del carcinoma cervicale ha aperto nuovi scenari in termini di prevenzione primaria

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Validazione dei test HPV Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova

Validazione dei test HPV Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova GISCi 2014 Giornata precongressuale Workshop ONS Firenze, 11 giugno 2014 Validazione dei test HPV Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto IOV - IRCCS, Padova Programma di Screening organizzato L

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

Convegno Nazionale GISCi Lo Screening nel futuro - l evoluzione dello screening Viterbo 16-17 giugno 2011

Convegno Nazionale GISCi Lo Screening nel futuro - l evoluzione dello screening Viterbo 16-17 giugno 2011 Convegno Nazionale GISCi Lo Screening nel futuro - l evoluzione dello screening Viterbo 16-17 giugno 2011 HPV-DNA hr test di I livello: i risultati di fattibilità della Regione Umbria Basilio Ubaldo Passamonti

Dettagli

GESTIONE DELLA PAZIENTE CON PAP TEST ANORMALE Linee Guida Edizione 2006 a cura della Società italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale

GESTIONE DELLA PAZIENTE CON PAP TEST ANORMALE Linee Guida Edizione 2006 a cura della Società italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale 2 Organo Ufficiale della Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale ANNO XXI N. 1 DICEMBRE 2006 Comitato di Redazione Coordinatore Scientifico Vecchione Aldo (Roma) Comitato Scientifico

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Progetto di consolidamento dello screening del cercivocarcinoma La popolazione target del Veneto è di circa 1.350.000 donne e programmi di screening citologico sono attivi in tutte le 21 Aziende ULSS della

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello)

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello) PreSentAzIone esame citomorfologico cervico vaginale IntroduzIone: Il recente Health technology Assessment on HPVdnA Based Screening for Cervical Cancer Precursors, pubblicato da epidemiol Prev 2012,36

Dettagli

HPV: METODI DI RIVELAZIONE E. Roberta Cerutti, U.O. Anatomia Patologica Varese 8 novembre 2014

HPV: METODI DI RIVELAZIONE E. Roberta Cerutti, U.O. Anatomia Patologica Varese 8 novembre 2014 HPV: METODI DI RIVELAZIONE E UTILITA DIAGNOSTICA Roberta Cerutti, U.O. Anatomia Patologica Varese 8 novembre 2014 Papilloma Virus Umano (HPV) Virus a DNA circolare a doppio filamento, di 7800 bp Capside

Dettagli

Regione Puglia. PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING CERVICALE DELLA REGIONE PUGLIA Integrato con un progetto per il triage HPV-DNA

Regione Puglia. PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING CERVICALE DELLA REGIONE PUGLIA Integrato con un progetto per il triage HPV-DNA ALLEGATO C Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING CERVICALE DELLA REGIONE PUGLIA Integrato con un progetto per il triage HPV-DNA (ai sensi della Legge 138/2004 e dell Intesa

Dettagli

Raccomandazioni sul test HR-HPV come test di screening. rivisitazione del ruolo del Pap test

Raccomandazioni sul test HR-HPV come test di screening. rivisitazione del ruolo del Pap test Raccomandazioni sul test HR-HPV come test di screening primario e rivisitazione del ruolo del Pap test Versione elaborata: dal Gruppo di lavoro GISCi: Rivisitazione del ruolo del Pap test e dell HPV-DNA

Dettagli

Convegno Nazionale GISCI Finalborgo, 21-22 maggio 2015

Convegno Nazionale GISCI Finalborgo, 21-22 maggio 2015 Convegno Nazionale GISCI Finalborgo, 21-22 maggio 2015 Controllo di qualità in colposcopia Paolo Cristiani Responsabile clinico screening ca cervice Ausl di Bologna Il razionale J Low Genit Tract Dis

Dettagli

Lesioni preneoplastiche portio

Lesioni preneoplastiche portio Anatomia Lesioni preneoplastiche portio Giunzione squamo-colonnare Colposcopia La Giunzione SquamoColonnare nella donna in età fertile è sull esocervice nella donna in menopausa è endocervicale Bethesda

Dettagli

E SE MI CHIAMANO DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO DOPO IL PAP TEST? ììì REGIONE LAZIO A cura di: U.O. C. Screening Oncologici della ASL Roma C, Via Monza, 2 Servizio di Patologia Cervico - Vaginale e Vulvare Ospedale S. Eugenio tel. 06.51006600 - fax 06.51006630 e-mail

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna Dott. Fabio Falcini Responsabile U.O. Prevenzione Oncologica-AUSL Forlì- Ravenna Direttore U.O. Registro Tumori della Romagna-R.T.Ro-IRST

Dettagli

vaginali Coordinatori studio R. Volante, E. Mancini, S. Privitera, G. Ronco

vaginali Coordinatori studio R. Volante, E. Mancini, S. Privitera, G. Ronco II riunione del Gruppo di Studio del Programma di Screening regione Piemonte- coordinamento CPO- sul monitoraggio effetti collaterali e complicanze della terapia miniinvasiva delle neoplasie intraepiteliali

Dettagli

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare

Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Dati tumore al seno in Piemonte; il significato del percorso multidisciplinare Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Breast Unit Città della Salute e della Scienza-Torino

Dettagli

La riconversione del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia Romagna: il punto della situazione.

La riconversione del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia Romagna: il punto della situazione. La riconversione del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia Romagna: il punto della situazione Carlo Naldoni Ricerca del DNA di papilloma virus umano (HPV) come test primario

Dettagli

Convegno Nazionale GISCi Lo Screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 giugno 2012

Convegno Nazionale GISCi Lo Screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 giugno 2012 Convegno Nazionale GISCi Lo Screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 giugno 2012 L esperienza della Regione Umbria nell attivazione dello screening primario con test HPV-DNA hr Basilio Ubaldo Passamonti

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

PROTOCOLLO DIAGNOSTICO RELATIVO ALLA LETTURA DEI PAP TEST ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI SCREENING DEL CERVICO-CARCINOMA

PROTOCOLLO DIAGNOSTICO RELATIVO ALLA LETTURA DEI PAP TEST ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI SCREENING DEL CERVICO-CARCINOMA Data 30-06-2013 Pagina 1 di 30 PROTOCOLLO DIAGNOSTICO RELATIVO ALLA LETTURA DEI PAP TEST Redatto da: Emissione Dott. Vincenzo Tralongo, Direttore della UOC Anatomia Patologica Dott.ssa Teresa Bustinto,

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 772 del 27 maggio 2014 pag. 1/10

ALLEGATOA alla Dgr n. 772 del 27 maggio 2014 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 772 del 27 maggio 2014 pag. 1/10 INTRODUZIONE DEL TEST HPV-DNA PER LO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO NELLA REGIONE DEL VENETO PROTOCOLLO

Dettagli

LA TERAPIA SALVA UTERO. Aspetti medico-legali dell overtreatment. N.A. Giulini

LA TERAPIA SALVA UTERO. Aspetti medico-legali dell overtreatment. N.A. Giulini LA TERAPIA SALVA UTERO Aspetti medico-legali dell overtreatment N.A. Giulini DEFINIZIONE di OVERTREATMENT Excessive treatment = trattamento eccessivo Efficacia di un trattamento: capacità di un intervento

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

TRATTAMENTI CONSERVATIVI IN ONCOLOGIA GINECOLOGICA QUALITA' DI VITA E DESIDERIO DI SALUTE. CONFRONTO PLURIDISCIPLINARE

TRATTAMENTI CONSERVATIVI IN ONCOLOGIA GINECOLOGICA QUALITA' DI VITA E DESIDERIO DI SALUTE. CONFRONTO PLURIDISCIPLINARE TRATTAMENTI CONSERVATIVI IN ONCOLOGIA GINECOLOGICA QUALITA' DI VITA E DESIDERIO DI SALUTE. CONFRONTO PLURIDISCIPLINARE PADOVA PALAZZO DELLA RAGIONE 20-21 MAGGIO 2013 Presentazione Con il trascorrere dei

Dettagli

Innovazione e ingegno

Innovazione e ingegno 10 Congresso Nazionale SEGI 26 Maggio 2015 Video Meeting SICHIG ISTERECTOMIA OGGI Innovazione e ingegno TECNICHE A CONFRONTO L. Frigerio Roma - Università Cattolica del Sacro Cuore Isterectomia Eseguita

Dettagli

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO S.C Oncologia Medica DIPO XVI - Lecco Appropriatezza Appropriato:

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche

Introduzione Obiettivi dello screening Evidenze scientifiche 1. Introduzione Il carcinoma della mammella rappresenta ancora oggi il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. La probabilità di ammalarsi aumenta progressivamente

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

FOCUS ON BETHESDA WORKSHOP 2001

FOCUS ON BETHESDA WORKSHOP 2001 FOCUS ON BETHESDA WORKSHOP 2001 A cura della dottoressa Patrizia Maioli che, come Segretario della Società, ha partecipato al 3 Bethesda Workshop tenutosi dal 30 aprile al 2 Maggio 2001 presso il National

Dettagli

MANUALE DEL 2 0 LIVELLO

MANUALE DEL 2 0 LIVELLO OSSERVATORIO NAZIONALE SCREENING MANUALE DEL 2 0 LIVELLO Raccomandazioni per la qualità nella diagnosi, terapia e follow up delle lesioni cervicali, nell ambito dei programmi di screening Gruppo di lavoro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Corso di Laurea in Infermieristica. Tesi di Laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Corso di Laurea in Infermieristica. Tesi di Laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Tesi di Laurea RUOLO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO NEL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE

Dettagli

I N B U O N A S A L U T E

I N B U O N A S A L U T E 1 I N B U O N A S A L U T E La salute, in generale, non è una condizione acquisita per sempre; la si può creare, mantenere, perdere e ritrovare; dipende in gran parte dall attenzione che la donna ha nei

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

Papillomavirus umano: cosa è importante ricordare e comunicare

Papillomavirus umano: cosa è importante ricordare e comunicare Papillomavirus umano: cosa è importante ricordare e comunicare Laura De Marco Centro Unificato per lo Screening Cervico Vaginale A.O. Città della Salute e della Scienza di Torino Presidio S. Giovanni Antica

Dettagli

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici?

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Carlo Greco Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico di Roma - Via Álvaro del Portillo, 21-00128

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

Il Il modello screening nell integrazione di prevenzione e cura

Il Il modello screening nell integrazione di prevenzione e cura La Qualità del Sistema Sanitario Strategie per un sistema di welfare equo ed etico: il ruolo dei servizi sanitari Va Sessione Efficacia Effectiveness Reggio Emilia 9 novembre 2007 Programma Screening classico

Dettagli

Lo screening che cambia: il Pap-test si veste di Molecolare

Lo screening che cambia: il Pap-test si veste di Molecolare Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Insegnamento di Igiene generale e applicata SEMINARIO Lo screening che cambia: il Pap-test si veste di Molecolare Basilio Ubaldo

Dettagli

Relazione finale della missione del dott. Roberto Pisa. Inizio missione 22-03-2013, fine missione 17-07-2013.

Relazione finale della missione del dott. Roberto Pisa. Inizio missione 22-03-2013, fine missione 17-07-2013. Relazione finale della missione del dott. Roberto Pisa Inizio missione 22-03-2013, fine missione 17-07-2013. Sedi delle attività svolte nella città di Gibuti: laboratorio di Anatomia patologica dell Ospedale

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

ENDOMETRIOSI E CANCRO

ENDOMETRIOSI E CANCRO ENDOMETRIOSI E CANCRO Bergamo, 7 marzo 2014 Giorgia Mangili Alice Bergamini - Ginecologia Oncologica IRCCS San Raffaele Milano ENDOMETRIOSI E CANCRO Tutto questo è giustificato? Corriere Salute Aprile

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO - ASSISTENZIALE DEL PROF.

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO - ASSISTENZIALE DEL PROF. DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO - ASSISTENZIALE DEL PROF. GIUSEPPE VETRANO DATI PERSONALI Nome e Cognome Giuseppe Vetrano Luogo e data

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Curriculum vitae. Curriculum Formativo

Curriculum vitae. Curriculum Formativo Curriculum vitae N I K O L A O S P A P A D O P O U L O S Stato civile: Celibe Nazionalità: Greca Data di nascita: 19/04/1975 Luogo di nascita: Atene (Grecia) Residenza: Via Nervesa 2, 37126, Verona (VR)

Dettagli

Esame colposcopico: esecuzione e refertazione.

Esame colposcopico: esecuzione e refertazione. Ferrara 10 Giugno 2009 WORKSHOP PRE-CONGRESSUALI Esame colposcopico: esecuzione e refertazione. GR Montanari CPO Piemonte Colposcopia La colposcopia mostra: Modificazioni della superficie,maturazione e

Dettagli

Sommario. Sviluppo delle Linee Guida

Sommario. Sviluppo delle Linee Guida Linee Guida della Società Italiana di Virologia (SIV) sulle strategie di prevenzione primaria e secondaria delle neoplasie della cervice uterina dopo l introduzione del Vaccino anti-hpv Sommario La Società

Dettagli

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Le BREAST UNITS : Quale integrazione con lo screening? We found that the introduction of teams providing multidisciplinary care for the treatment of breast cancer

Dettagli

tumore dell utero nasce per due ordini di motivi: sani e la diffusione di una cultura della salute e

tumore dell utero nasce per due ordini di motivi: sani e la diffusione di una cultura della salute e INTRODUZIONE L idea di stilare una tesi sulla prevenzione e trattamento del tumore dell utero nasce per due ordini di motivi: il primo perchè è un tumore che interessa il mondo femminile, quindi mi riguarda

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA REGIONE MARCHE P.F. INFORMATICA Progetto: Consolidamento dello screening del tumore della cervice uterina Data: 31/12/2007 Stato: definitivo DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE

Dettagli

Il ruolo attuale e futuro della Citologia

Il ruolo attuale e futuro della Citologia Commissione Citologia, Istologia e Citogenetica Referente: Massimo Confortini Componenti: Girolama Casile, Francesca Melasi, Carla Petreschi, Maria Luisa Schiboni Il ruolo attuale e futuro della Citologia

Dettagli

Screening in oncologia ginecologica

Screening in oncologia ginecologica Screening in oncologia ginecologica prof. Cobellis 10/12/2007 Oggi parleremo di screening in oncologia ginecologica. In ginecologia, l esempio di quanto sia importante uno screening ben fatto e ben condotto

Dettagli

Cancro della mammella nelle teen-agers

Cancro della mammella nelle teen-agers Cancro della mammella nelle teen-agers Società Triveneta di Chirurgia Padova 12 dicembre 2014 Dott.ssa E. Goldin Dott. A. Marchet Dott. A. Varotto Prof. D. Nitti U.O. Clinica Chirurgica I Padova CASO CLINICO

Dettagli

Il tumore della cervice uterina

Il tumore della cervice uterina Il tumore della cervice uterina Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

COLPOSCOPIA. Sommario. in Italia

COLPOSCOPIA. Sommario. in Italia COLPOSCOPIA 1 COLPOSCOPIA in Italia Sommario in Italia Organo Ufficiale della Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale ANNO XXIV - N. 3 DICEMBRE 2012 Comitato di Redazione Coordinatore

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza rara di una infezione comune Il

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Prevenzione: la nostra buona abitudine Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza

Dettagli

Stomie urinarie ed intestinali: professionisti ed esperienze a confronto Cesena 16 Ottobre 2004 - Osp. M. Bufalini

Stomie urinarie ed intestinali: professionisti ed esperienze a confronto Cesena 16 Ottobre 2004 - Osp. M. Bufalini Stomie urinarie ed intestinali: professionisti ed esperienze a confronto Cesena 16 Ottobre 2004 - Osp. M. Bufalini Profilassi secondaria delle neoplasie urinarie Dott. Gaetano Gerbino Dir. Med. U.O. Urologia

Dettagli

screening oncologici

screening oncologici Ministero della Salute Direzione Generale della Prevenzione screening oncologici Raccomandazioni per la pianificazione e l esecuzione degli screening di popolazione per la prevenzione del cancro della

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VIA G. POMPILI 34 06100 PERUGIA Telefono 075.5736477 3407874887 Fax 075.5783487 E-mail angelobaldoni@libero.it

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice)

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori dell apparato genitale femminile ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori del collo dell utero (cervice) Benigni: polipo cervicale Maligni: carcinoma

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi Riv. It. Ost. Gin. - 2007 - Vol. 14 - Organizzazione di una Breast Unit: L esempio della Campania S. Burlizzi pag. 660 Organizzazione di una breast unit: l esempio della Campania Stefano Burlizzi Unità

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

La BDA integrata con i programmi di prevenzione oncologica: ci sono vantaggi?

La BDA integrata con i programmi di prevenzione oncologica: ci sono vantaggi? La BDA integrata con i programmi di prevenzione oncologica: ci sono vantaggi? Dott.ssa Emanuela Anghinoni -Dipartimento di Prevenzione Medica Anna Laura Bozzeda- Osservatorio Epidemiologico Lecco, 21ottobre

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Società Italiana di Citologia C.F.: 92027390373 P.I. 02019781208

Società Italiana di Citologia C.F.: 92027390373 P.I. 02019781208 C.F.: 92027390373 P.I. 02019781208 PATRIZIA MAIOLI Presidente DINO DELLA GIUSTINA Segretario REQUISITI DI QUALITA DEI LABORATORI DI CITOLOGIA CERVICO-VAGINALE PASQUALE CHIECO VALERIA COCCHI M. GABRIELLA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini

RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI E PROGNOSTICI DI MALATTIA. Marialuisa Zerbini Università di Bologna Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale Sezione di Microbiologia RUOLO DELL'HPV NELLA PATOGENESI DEL CARCINOMA DEL COLLO DELL'UTERO: FATTORI MOLECOLARI DIAGNOSTICI

Dettagli

Gli screening oncologici

Gli screening oncologici Gli screening oncologici VADEMECUM screening del carcinoma della mammella, della cervice uterina e del colon retto Le raccomandazioni del ministero della Salute in una sintesi per gli operatori sanitari

Dettagli