1. INTRODUZIONE IL CONTESTO... 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3"

Transcript

1 CAPITOLATO TECNICO Redazione: Approvazione/Autorizzazione: Beppe Bozzi Luca Colman Capitolato Tecnico Pag 1

2 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE IL CONTESTO Lo scenario di business di ENAV L ambito operativo L OGGETTO DELLA FORNITURA Assistenza Strategica /Direzionale Assistenza Specialistica per miglioramento operativo delle Assistenza organizzativa, processi e procedure Supporto nelle attività di Change Management Supporto funzionale e Program/Project Management Supporto funzionale per verifiche ispettive sui Sistemi di Gestione Le dimensioni e la durata I profili professionali MODALITÀ DI ESECUZIONE Modalità di erogazione dei servizi Modalità Progettuale Piano di lavoro Piano di progetto dell obiettivo Qualità Pianificazione della Qualità Piano della qualità della fornitura Piano della qualità di intervento Indicatori di qualità Rilievi Rapporto Indicatori Qualità Vincoli temporali sulle consegne Modalità di approvazione Deliverable della fornitura Modalità di consegna dei deliverable Contenuto dei deliverable Indice dei deliverable consegnati Trasferimento di know how Strumenti di Documentazione Luogo di lavoro Capitolato Tecnico Pag 2

3 1. INTRODUZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di definire i requisiti tecnico/funzionali per l affidamento di un Accordo Quadro avente ad oggetto la fornitura di servizi di Supporto Specialistico ad ENAV e più significativamente: Attività di Assistenza strategica; Attività di Assistenza specialistica per il miglioramento operativo delle. 2. IL CONTESTO 2.1 Lo scenario di business di ENAV ENAV, a seguito dell insediamento del nuovo Vertice Aziendale, ha avviato un significativo percorso di riorganizzazione al fine di ottenere una maggiore efficienza/efficacia dei propri processi ed aumentare la produttività aziendale. Quanto sopra anche in considerazione del fatto che il contesto di mercato in cui l Azienda opera, oltre ad essere in continua evoluzione, è caratterizzato da elementi di crescente complessità, che richiedono un impegno costante del Management nel perseguire un miglioramento continuo sia nelle modalità e negli strumenti gestionali che nelle performance di servizio. Tale complessità è correlata ad una serie di fattori quali, in particolare, la progressiva europeizzazione dei servizi di ATM (Air Traffic Management) ed i significativi cambiamenti normativi sia a livello internazionale che nazionale. In tale contesto, tra i più rilevanti fenomeni di cambiamento che interessano l ENAV e che determinano impatti diffusi sull organizzazione e sui processi possono essere citati: il processo di integrazione del sistema di navigazione aerea in Europa secondo quanto previsto dalla normativa europea Single European Sky ; la modifica del sistema regolatorio ed economico dei Service Provider Europei a seguito dell introduzione di un sistema di Performance economico/operativo regolato direttamente dalla Commissione Europea; Capitolato Tecnico Pag 3

4 l atto di indirizzo per la definizione del Piano Nazionale per lo Sviluppo Aeroportuale, emesso dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in data 29 Gennaio la trasformazione in corso di alcuni aeroporti militari in aeroporti civili, con la conseguente probabile assegnazione ad ENAV dei relativi servizi di navigazione aerea; la scelta strategica di perseguire una politica di differenziazione dell Offerta che consiste nel presidiare, oltre al core business, ulteriori nuovi mercati collegati alle competenze specifiche e distintive di ENAV. Di seguito, una breve trattazione dei su citati fenomeni di cambiamento al fine di delinearne i tratti salienti. Preliminarmente si deve segnalare che, a livello internazionale, dopo un periodo di acuta crisi economica, i principali indicatori macroeconomici sembrano evidenziare una perdurante situazione di instabilità dei mercati con forme e modalità diverse a seconda dei settori e delle Nazioni. Detta situazione, oggi ancor di più, si riflette direttamente anche sul trasporto aereo sia cargo che passeggeri con una forte contrazione dei volumi di traffico sia in Italia che in Europa. L Unione Europea, in tal senso, ha introdotto il pacchetto normativo SES II al fine di migliorare il sistema del Trasporto Aereo e, conseguentemente, avviare un significativo piano di ammodernamento e sviluppo dell intero sistema di gestione del traffico aereo europeo. Detta normativa ha subito, negli ultimi tre anni, una rapida accelerazione, che ha portato, tra l altro, alla pubblicazione dei Regolamenti che delineano, di fatto, lo schema comunitario di performance per i fornitori di servizi alla navigazione aerea per il periodo Il Reg. n. 691/2010 che istituisce un sistema di prestazioni per i servizi di navigazione aerea; il Reg. 1191/2010 il quale disciplina da un punto di vista tecnico l applicazione dello schema di performance sulle tariffe per i Servizi della Navigazione Aerea; il Regolamento n. 677/2011, che introduce la figura del Network Manager comunitario per il coordinamento delle attività operative al fine di consentire l'utilizzo ottimale dello spazio aereo all interno del Cielo Unico Europeo. Capitolato Tecnico Pag 4

5 Più in dettaglio, il nuovo quadro regolatorio ha introdotto un cambiamento epocale nel modello economico-gestionale dei provider europei. Infatti, per quanto riguarda l area economica, il Sistema di performance europeo ha sancito, a partire dal 2012, la conclusione del sistema del full cost recovery e la contemporanea introduzione di una componente di rischio gestionale legata sia al traffico che ai costi. Da un punto di vista operativo, la normativa, invece, ha introdotto obiettivi di capacità comunitari (da declinare a livello nazionale), lasciando facoltà agli Stati di adottare un eventuale sistema incentivante (bonus/malus) legato al raggiungimento (o meno) dell obiettivo dichiarato. Ad oggi, detta normativa è in fase di revisione stante la definizione del framework che disciplinerà la materia per il periodo Si segnala, al riguardo, che ENAV ha sviluppato negli ultimi anni un processo strategico che le ha consentito di attestarsi fra i best performing Service Provider a livello europeo e globale. Pertanto, in relazione al livello di autorevolezza raggiunto nel contesto internazionale, al Provider Italiano sono stati affidati ruoli di responsabilità dalle maggiori Istituzioni nel coordinare attività a livello internazionale e, in special modo, a livello Comunitario. Nello specifico ENAV, insieme alle Società del Gruppo, partecipa attivamente ai dibattiti ed alle consultazioni che si svolgono in ambito europeo sui possibili scenari che porteranno all'evoluzione del quadro normativo del Cielo Unico Europeo. A livello europeo, il Gruppo partecipa a tavoli che seguono progetti di interesse normativo, tecnico, operativo e finanziario gestiti da Eurocontrol e dalla Commissione Europea, mentre a livello mondiale segue lavori che fanno capo a ICAO - International Civil Aviation Organization, e CANSO - Civil Air Navigation Services Organization. Un altro elemento che andrà ad incidere significativamente sulle strategie di ENAV è il passaggio dal Demanio Militare a quello dell Aviazione Civile di alcuni Aeroporti Militari in quanto detto passaggio prefigura la probabile assegnazione ad ENAV dei relativi servizi di navigazione aerea. Tale trasferimento verrà affrontato tenendo conto le seguenti logiche: Capitolato Tecnico Pag 5

6 valorizzazione dei nuovi aeroporti in raccordo con i Soggetti locali pubblici e privati; definizione di soluzioni innovative nella ripartizione di attività ed investimenti; realizzazione e proposta di un offerta servizi basata anche sulle nuove competenze disponibili con la controllata Techno Sky. Sempre a livello nazionale, il settore del trasporto aereo ed in particolare i relativi stakeholders (ENAV compreso), risentiranno delle prescrizioni di cui all atto di indirizzo per la definizione del Piano Nazionale per lo Sviluppo Aeroportuale, emesso dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in data 29 Gennaio Detto atto, mirante da un lato a favorire lo sviluppo sostenibile del comparto e dall altro ad individuare azioni per la razionalizzazione dei servizi a terra ed in volo, individua: 1. gli aeroporti, dislocati sul suolo italico, in aeroporti di interesse nazionale ed aeroporti non di interesse nazionale, la cui competenza, per questi ultimi, viene affidata, in via esclusiva alle Regioni; 2. i necessari interventi infrastrutturali per i c.d. aeroporti di interesse nazionale; 3. accorgimenti per razionalizzare i servizi della navigazione aerea, in particolar modo, attraverso le seguenti azioni: revisione dell orario di apertura degli aeroporti e/o degli orari di fornitura dei servizi; modifica del servizio del controllo aereo passando da un servizio di torre ad un servizio di AFIS; rimodulazione delle tariffe relative ai servizi di assistenza in fase di decollo ed atterraggio. Merita, infine, di essere segnalato che il Vertice Aziendale ha definito, per i prossimi anni, un percorso strategico di riferimento che prevede, oltre al rituale presidio del business caratteristico, anche una politica di differenziazione di business basata sull utilizzo realistico e redditivo delle potenzialità distintive dell Azienda (sia di natura operativa che tecnica), con lo scopo principale, ancorché non unico, di fornire risorse alla sua missione istituzionale. Capitolato Tecnico Pag 6

7 In riferimento al presidio del core business, le strategie di medio-lungo periodo confermano la scelta di puntare sull elevato livello di performance prestazionali (sicurezza operativa (Safety) e puntualità) con traguardi top class in Europa e costi in riduzione allineati a quelli dei principali Paesi europei (Germania, Spagna, Francia, Regno Unito). In riferimento alla politica di differenziazione, invece, la possibilità di sviluppo di business complementari richiede la messa a punto di una offerta specifica basata sulle proprie competenze distintive, anche attraverso sinergie ed alleanze mirate. I principali ambiti di diversificazione del business sono: installazione, integrazione, conduzione e manutenzione di impianti di controllo del traffico: ENAV, in tal senso, si propone di assumere funzioni di ingegneria e program management, attraverso la controllata Techno Sky; radiomisure; soluzioni ATM integrate: verrà perseguita una attenta esplorazione delle possibilità di partecipazione a Gare, specie in contesto internazionale; addestramento operativo ATC (Air Traffic Control): verranno valutate le condizioni industriali (alleanze con altri service provider, competitività dei costi, nonché competenze e risorse necessarie) e di mercato che rendano effettivamente sostenibile un volume di attività continuativo per questo tipo di prodotto; in particolare verranno valutate, attraverso appositi piani di sviluppo, le prospettive e le sinergie delle attività di Academy nell ambito del Polo Aeronautico in formazione a Forlì, in una prospettiva che guardi sia il contesto nazionale, sia quello internazionale. 2.2 L ambito operativo La capacità di ENAV di far fronte alle sfide del proprio contesto di business è strettamente connessa alla capacità dell Azienda e, quindi del Management, di proseguire nel continuo percorso di miglioramento del modello di business, degli annessi macro/micro processi e delle relative procedure gestionali. Capitolato Tecnico Pag 7

8 Tale percorso di miglioramento, che investe l Azienda trasversalmente e, quindi, nel suo complesso, vede, maggiormente coinvolte, le seguenti Unità Organizzative 2 : Direzione Generale; Area Tecnica; Funzione Acquisti; Funzione Amministrazione Finanza e Controllo; Funzione Qualità e Sistemi di Gestione; Funzione Risorse Umane; Funzione Strategie Internazionali. L Aggiudicatario della commessa (di seguito, per comodità, l Aggiudicatario ) dovrà effettuare le prestazioni richieste nel presente Capitolato Tecnico anche qualora - a seguito della modifica dell attuale assetto organizzativo - saranno variati i processi e le risorse allocate per ogni Direzione/Area/Funzione. L Aggiudicatario dovrà, inoltre, eseguire i servizi oggetto della presente gara con continuità, anche in caso di eventuali variazioni della consistenza dell organico e/o della dislocazione delle sedi e degli uffici di ENAV. Si riporta, pertanto, di seguito, la mission aziendale delle su menzionate Unità Organizzative che il concorrente dovrà considerare nella formulazione della propria offerta: Direzione Generale (posta alle dirette dipendenze dell Amministratore Unico) Assicura l attuazione delle direttive del Vertice aziendale nell ambito delle Strutture a diretto riporto (Area Operativa, Area Tecnica, Funzione Acquisti, Funzioni Logistica e Servizi di Supporto, Funzione Safety e Funzione Security), entro un quadro definito di attribuzioni, al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi definiti dal Vertice nel rispetto delle esigenze complessive aziendali. 2 Nei confronti delle predette Unità Organizzative, l aggiudicatario dovrà svolgere, in maniera prevalente, le attività oggetto del presente capitolato. Capitolato Tecnico Pag 8

9 Sovraintende, inoltre, la fornitura dei servizi della navigazione aerea e dei servizi di supporto nel rispetto dei più elevati standard di safety e security, garantendone l efficienza e l economicità ed assicurandone l evoluzione in coerenza con la domanda di traffico e la pianificazione ATM internazionale. Area Tecnica (posta alle dirette dipendenze della Direzione Generale) Assicura il perseguimento delle politiche e degli obiettivi strategici aziendali attraverso la realizzazione dei programmi di innovazione e ammodernamento in ambito tecnologico e infrastrutturale finalizzati all affidabilità e all efficienza dei sistemi tecnologici in ambito ATM, Infrastrutture Civili, Security e IT. Cura, infine, sulla base delle esigenze espresse dall Area Operativa, la definizione del Piano Investimenti aziendali garantendone la realizzazione. Funzione Acquisti (posta alle dirette dipendenze della Direzione Generale) Garantisce, nell ambito del processo di procurement aziendale, la definizione delle politiche di acquisto, l espletamento delle procedure di affidamento, la predisposizione dei relativi atti e la stipula dei contratti di competenza in relazione alle soglie di spesa definite e nel rispetto delle normative vigenti in materia. Funzione Amministrazione Finanza e Controllo (posta alle dirette dipendenze dell Amministratore Unico) Sovraintende al mantenimento di un adeguato sistema amministrativo-gestionale ed al corretto espletamento dei processi correlati in ambito economico, finanziario, patrimoniale e di controllo di gestione, garantendo un adeguata copertura finanziaria delle necessità di breve e lungo periodo anche attraverso l acquisizione di finanziamenti pubblici di settore. Capitolato Tecnico Pag 9

10 Presidia, inoltre, i processi di pianificazione economica e tariffaria coordinando, sulla base delle linee guida del Vertice aziendale, la redazione del Piano Industriale, del Piano di Performance della Società, del Contratto di Programma e di Servizio. Coordina,infine, la predisposizione del bilancio aziendale e del bilancio consolidato di Gruppo, assicurando la completezza e la correttezza dei dati contabili, in aderenza alle vigenti normative civilistiche e fiscali. Funzione Qualità e Sistemi di Gestione (posta alle dirette dipendenze dell Amministratore Unico) Sovraintende, in conformità alla regolamentazione in materia di Cielo Unico Europeo, allo sviluppo ed al mantenimento dei Sistemi di Gestione per la Qualità di ENAV, di Techno Sky e del Consorzio SICTA, nonché del Safety Management System e del Security Management System di ENAV. Funzione Risorse Umane (posta alle dirette dipendenze dell Amministratore Unico) Sovraintende alla gestione ed allo sviluppo delle risorse umane, alla sicurezza sui luoghi di lavoro, alle relazioni industriali e all organizzazione aziendale. Assicura, inoltre, un adeguata pianificazione degli organici nel rispetto delle esigenze aziendali e garantire lo sviluppo continuo delle competenze manageriali per i ruoli direttivi di top e middle management. Garantisce, infine, il coordinamento funzionale per l organizzazione e per le relazioni industriali e sindacali nei confronti delle altre realtà del Gruppo. Funzione Strategie Internazionali (posta alle dirette dipendenze dell Amministratore Unico) Sovraintendere, sulla base degli indirizzi espressi dal Vertice, alla definizione di strategie volte ad assicurare un ruolo chiave della Società nel contesto Capitolato Tecnico Pag 10

11 internazionale di riferimento, attraverso il coordinamento di programmi, progetti, partnership e iniziative internazionali. Assicurare la partecipazione ai tavoli internazionali per la definizione degli aspetti normativi, operativi e tecnologici in ambito ATM. 3. L OGGETTO DELLA FORNITURA Nel proseguo del documento vengono dettagliate le principali attività per le quali potrà essere richiesta Assistenza strategica e Specialistica per il miglioramento operativo delle Performance aziendali. Resta bene inteso che l Aggiudicatario potrà essere chiamato a svolgere solo parte di tali attività, come pure ulteriori supporti di natura strategica e specialistica rispetto a quelli successivamente descritti. L Aggiudicatario sarà, infatti, chiamato, di volta in volta, ad assistere ENAV in base alle esigenze del momento e dovrà: - garantire costantemente la disponibilità di risorse idonee a coprire l intera gamma di attività di competenza; - assicurare il raggiungimento degli obiettivi, pur in presenza di variazioni del contesto di riferimento. 3.1 Assistenza Strategica /Direzionale Per Assistenza Strategica/Direzionale si intende l attività di assistenza professionale ad ENAV per la piena comprensione del valore di business di ognuna delle diverse opzioni strategiche, organizzative ed operative sviluppate insieme alla struttura manageriale e, conseguentemente, il supporto nelle attività di progettazione e sviluppo di appositi interventi che andranno ad incidere sui risultati aziendali economici/finanziari e sulla sostenibilità della posizione di ENAV nel medio/lungo periodo. L Aggiudicatario dovrà, pertanto, garantire l assistenza necessaria ad ENAV per la gestione di attività strategiche di supporto alla Direzione, quali, ad esempio: 1. redazione del piano industriale e relativi aggiornamenti; 2. definizione del posizionamento strategico di ENAV nel comparto ATM alla luce dell ampliamento del perimetro di azione del Gruppo ENAV; Capitolato Tecnico Pag 11

12 3. strutturazione di Partnership con stakeholders del settore ATM; 4. predisposizione di analisi di mercato, studi di fattibilità e Business Plan; 5. valutazione di modelli di business alternativi e, se del caso, la definizione e l implementazione degli stessi; 6. progettazione e sviluppo di modelli di Strategic Sourcing con riferimento agli acquisti core di ENAV. Data la rilevanza e la complessità delle tematiche oggetto del servizio, è richiesta la massima disponibilità, dinamicità, flessibilità e riservatezza per la stesura di documenti, presentazioni, business plan, relazioni e la predisposizione di ogni ulteriore documento che si renda necessario produrre ai fini delle attività svolte. 3.2 Assistenza Specialistica per miglioramento operativo delle. Per Assistenza Tecnico/Specialistica per il miglioramento operativo delle performance aziendali si intende l attività di Supporto nell analisi, nella verifica - di processo - macro e micro organizzativa, nella definizione di nuove soluzioni organizzative e di processo nonché nella predisposizione dei documenti di supporto necessari alla realizzazione delle soluzioni identificate, ivi comprese le attività di Change e Program/Project management. Pertanto, le singole prestazioni rientranti nell ambito delle attività in parola di saranno: i. Assistenza organizzativa, processi e procedure; ii. iii. iv. Supporto nelle Attività Change Management; Supporto funzionale e Program/Project Management; Supporto funzionale per verifiche ispettive interne sui Sistemi di Gestione Assistenza organizzativa, processi e procedure L Aggiudicatario dovrà garantire al Management ENAV il supporto per interventi legati, prevalentemente, all analisi macro e micro organizzativa, alla definizione di nuove soluzioni organizzative e di processo ed alla predisposizione dei documenti di supporto necessari alla realizzazione delle soluzioni identificate. Capitolato Tecnico Pag 12

13 In particolare l Aggiudicatario dovrà fornire supporto soprattutto nell individuazione e ed attuazione di azioni di efficientamento e miglioramento delle performance organizzative anche attraverso le seguenti attività: analisi del contesto di riferimento ed individuazione dei fabbisogni in termini di interventi di ottimizzazione sull organizzazione; progettazione di strumenti di monitoraggio e sviluppo delle performance individuali; progettazione di strumenti di monitoraggio delle performance funzionali; supporto per l elaborazione di reportistica operativa e direzionale periodica. Sempre per ciò che concerne l assistenza in parola, l aggiudicatario dovrà, inoltre, supportare ENAV nel disegno/ridisegno dei processi aziendali in ottica di miglioramento continuo e nella stesura di procedure organizzative conformi ai requisiti del sistema di Qualità presente in ENAV. Il disegno/ridisegno dei processi può prevedere l analisi della situazione esistente, la definizione di scenari alternativi di cambiamento, l identificazione degli impatti derivanti dalle soluzioni proposte, la selezione dell alternativa più rispondente alle esigenze degli utenti e l implementazione della soluzione identificata. Si riportano, di seguito, a titolo esemplificativo e non esaustivo i deliverable che l Aggiudicatario dovrà produrre: analisi della situazione attuale del processo; mappa dei flussi informativi di processo; documenti di descrizione delle criticità di processo; documenti di descrizione delle ipotesi di disegno/ridisegno; procedure organizzative in coerenza con i requisiti del sistema di Qualità presente in ENAV Supporto nelle attività di Change Management L Aggiudicatario dovrà fornire supporto nella gestione delle attività di Change Management a seguito di cambiamenti organizzativi e di processo. Capitolato Tecnico Pag 13

14 A tale proposito, si riportano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le attività oggetto del servizio: individuazione ed attuazione di interventi di allineamento delle strutture organizzative aziendali al fine di favorire l adozione delle nuove modalità operative sottese all evoluzione dei processi, all introduzione o modifica dei sistemi informativi e/o alla ridefinizione di ruoli e responsabilità all interno delle Funzioni coinvolte; definizione della strategia di comunicazione degli obiettivi, dell approccio e dell ambito di intervento; progettazione, pianificazione e realizzazione della comunicazione; raccolta dei fabbisogni e definizione delle esigenze di formazione; pianificazione della formazione e predisposizione della documentazione di supporto (manualistica); definizione del calendario delle iniziative formative; erogazione e monitoraggio della formazione. Si riportano, di seguito, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i deliverable che l Aggiudicatario dovrà produrre: piano di azione delle attività di change management; piano di comunicazione; piano della formazione Supporto funzionale e Program/Project Management L Aggiudicatario dovrà fornire al Management ENAV supporto nella gestione delle attività di Program/Project Management. Si riportano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le attività oggetto del servizio: supporto alla pianificazione delle attività; gestione del monitoraggio delle attività al fine di verificare il rispetto delle scadenze temporali determinate in sede di pianificazione; identificazione e gestione di criticità e aree di rischio progettuali; Capitolato Tecnico Pag 14

15 controllo della documentazione prodotta dai fornitori in relazione al rispetto degli standard di qualità; progettazione e gestione delle iniziative di comunicazione interna per favorire la condivisione e la conoscenza delle attività e dei risultati progettuali (es. pianificazione stati avanzamento lavori); supporto alla definizione, alla raccolta ed alla sistematizzazione dei requisiti utente. Di seguito, a titolo non esaustivo, i deliverable che l Aggiudicatario dovrà produrre: manuale di Programma; piani di programma/progetto; verbali di riunione; documentazione per la rilevazione ed il monitoraggio di criticità ed aree di rischio progettuali; documentazione riportante lo stato di avanzamento del programma/progetto; L Aggiudicatario del servizio avrà, pertanto, il compito di monitorare tutte le attività del progetto su cui è chiamato a offrire il servizio di project/program management, dandone chiara e tempestiva evidenza ai referenti ENAV indicati Supporto funzionale per verifiche ispettive interne sui Sistemi di Gestione L Aggiudicatario dovrà fornire al Management ENAV supporto nell espletamento di verifiche ispettive interne sui : Sistemi di Gestione della Qualità di ENAV, Techno Sky e SICTA; Sistema di Gestione delle Informazioni di ENAV ; Safety Management System di ENAV; nonché assistenza nelle verifiche ispettive dell Organismo di Certificazione relativamente ai Sistemi di Gestione della Qualità e della Sicurezza delle Informazioni. La risorsa impiegata nella verifica ispettiva interna presso una determinata funzione centrale/struttura territoriale dovrà essere la stessa risorsa impiegata successivamente per l assistenza nelle verifiche ispettive dell Organismo di Certificazione. Capitolato Tecnico Pag 15

16 Si riportano, di seguito, a titolo esemplificativo e non esaustivo i deliverable che l Aggiudicatario dovrà produrre: Verifiche Ispettive Interne Piano della verifica ispettiva interna; Rapporto di verifica ispettiva interna ed allegate checklist compilate; Eventuali Rapporti di Non Conformità; Assistenza nelle Verifiche dell OdC Report Attività Le checklist di verifica ispettiva interna saranno di norma elaborate da ENAV. Laddove richiesto l Aggiudicatario dovrà procedere alla elaborazione delle stesse sottoponendole all approvazione di ENAV. 3.3 Le dimensioni e la durata Le attività di assistenza a gara (attività di assistenza strategica e specialistica per il miglioramento operativo delle ) avranno una durata di 36 mesi dalla data di stipula dell Accordo Quadro. Per lo svolgimento dei servizi di cui al presente capitolato, il fornitore dovrà dichiarare in offerta ed impiegare un mix di figure professionali così come riportato nella tabella che segue, fermo restando che il puntuale dimensionamento del fabbisogno potrà essere determinato solamente in fase di predisposizione dei Piani di lavoro. ENAV, in tal senso, ha stimato a titolo puramente indicativo - un impegno complessivo, nell arco di durata dell Accordo Quadro, di 7400 giorni/uomo, così distinti per ciascuna figura professionale: Importo Giornaliero Figura Professionale Giorni Uomo a Base d Asta Capo Progetto 200 Euro 1.500,00 Manager Strategy 300 Euro 1.250,00 Manager Organizzazione e Processi 1150 Euro 1.000,00 Capitolato Tecnico Pag 16

17 Consulente Senior Strategy 800 Euro 900,00 Consulente Senior Organizzazione e Processi 2500 Euro 750,00 Auditor Sistemi di Gestione 750 Euro 550,00 Consulente Junior 1700 Euro 400,00 L impegno delle risorse effettivamente impiegate ed il mix di profili professionali sarà peraltro suscettibile di variabilità, nel rispetto delle necessità definite da ENAV. Potranno altresì verificarsi picchi di lavoro e periodi di discontinuità, che potranno comportare periodicamente un fabbisogno di richieste aggiuntive ovvero una loro riduzione. 3.4 I profili professionali Il fornitore dovrà indicare in offerta figure professionali che soddisfino i seguenti requisiti minimi: Figura professionale Titolo Requisiti professionali minimi Ottima conoscenza del settore Aviation comprovata da almeno 3 progetti della durata minima di 3 mesi ciascuno Numero CV Capo progetto Laurea, con almeno 15 anni di esperienza lavorativa (ovvero diploma, con almeno 20 anni di esperienza lavorativa) Almeno 8 anni di esperienza lavorativa nel ruolo di governo di Programmi complessi (in termini di risorse e progetti gestiti) afferenti più aree consulenziali Ottima conoscenza di metodologie di disegno e implementazione organizzativa, Business Process Reengineering e change management Approfondita conoscenza di metodologie e strumenti di Project/Program Management Approfondita esperienza nella redazione di Piani Industriali, strutturazione di Partenership, predisposizione di Studi di Fattibilità e Business Plan 1 Esperienza comprovata nell ambito di Capitolato Tecnico Pag 17

18 tematiche relative agli acquisti od al controllo di gestione ed al settore Corporate & Finance Esperienza comprovata nell ambito di tematiche attinenti le Risorse Umane Comprovata capacità di coordinamento di gruppi di lavoro ad elevata professionalità tecnica Ruolo Capo Progetto Garantisce la gestione di tutte le attività progettuali, coordinando i consulenti coinvolti nell ambito dei diversi stream progettuali, assicurando piena coerenza con le linee strategiche definite in accordo con ENAV Assicura il commitment delle risorse della assistenza dedicate al servizio in oggetto, garantendo una completa flessibilità in merito alle richieste manifestate oltre che discrezionalità in merito alle funzioni svolte Garantisce il rispetto degli standard qualitativi definiti (delivery, documentazione..) e riveste il ruolo di supervisor in collaborazione con i referenti di ENAV Garantisce, anche in via indiretta, l esecuzione delle attività di Program Management dell intera fornitura, evidenziando con tempestività eventuali problematiche ed ipotesi di soluzione Garantisce, anche in via indiretta, l efficacia, l efficienza e la tempestività delle attività progettuali poste in essere e si fa promotore di nuove iniziative strategiche da sottoporre al Top Management Figura professionale/ Ruolo Manager Strategy Titolo Laurea, con almeno 8 anni di esperienza lavorativa (ovvero diploma, con almeno 15 anni di esperienza lavorativa) Requisiti professionali minimi Ottima conoscenza del settore Aviation, comprovata da almeno 3 progetti della durata minima di 3 mesi ciascuno Almeno 5 anni di esperienza lavorativa nel ruolo Approfondita esperienza nella redazione di Piani Industriali, strutturazione di Partenership, predisposizione di Studi di Fattibilità e Business Plan Numero CV 2 Approfondita esperienza nell ambito della Capitolato Tecnico Pag 18

19 Supply Chain e dello Strategic Sourcing Approfondita conoscenza di metodologie e strumenti di Project/Program Management Comprovata capacità di coordinamento di gruppi di lavoro ad elevata professionalità tecnica Ruolo Manager Strategy Garantisce, in accordo con il Capo Progetto, la coerenza e l allineamento tra tutti i progetti in esecuzione coordinando, in accordo con ENAV, tutti i gruppi di lavoro ed assicurando la condivisione degli obiettivi. Gestisce le attività di Program Management, con la collaborazione dei referenti ENAV. Fornisce gli stati di avanzamento lavori dei vari progetti rivolti sia all'interno che all'esterno di ENAV. Tale ruolo è da riferirsi ad un unica risorsa, che potrà svolgere il compito di referente operativo del servizio Garantisce la coerenza e l allineamento operativo tra tutti i progetti in esecuzione di sua competenza, coordinando in accordo con ENAV, i gruppi di lavoro ed assicurando la condivisione degli obiettivi. Fornisce gli stati di avanzamento lavori dei vari progetti rivolti sia all'interno che all'esterno di ENAV, secondo le linee guida definite dal Capo Progetto Si fa portatore delle problematiche rilevate nell'esecuzione dei progetti, propone opportune soluzioni ed intraprende, in accordo con ENAV, le necessarie azioni correttive. E' in grado di rapportarsi con i massimi livelli organizzativi Garantisce l efficacia, l efficienza e la tempestività delle attività progettuali di sua competenza Figura professionale/ Ruolo Manager Organizzazione e Processi Titolo Laurea, con almeno 8 anni di esperienza lavorativa (ovvero diploma, con almeno 15 anni di esperienza lavorativa) Requisiti professionali minimi Ottima conoscenza del settore Aviation, comprovata da almeno 3 progetti della durata minima di 3 mesi ciascuno Almeno 5 anni di esperienza lavorativa nel ruolo Comprovata esperienza in almeno tre delle seguenti aree tematiche: - Organizzazione e processi - Risorse Umane - Acquisti Numero CV 4 - Controllo di gestione Capitolato Tecnico Pag 19

20 - Corporate & Finance Approfondita conoscenza di metodologie e strumenti di Project/Program Management Comprovata capacità di coordinamento di gruppi di lavoro ad elevata professionalità tecnica Ruolo Manager Organizzazione e Processi Garantisce, in accordo con il Capo Progetto, la coerenza e l allineamento tra tutti i progetti in esecuzione coordinando, in accordo con ENAV, tutti i gruppi di lavoro ed assicurando la condivisione degli obiettivi. Gestisce le attività di Program Management, con la collaborazione dei referenti ENAV. Fornisce gli stati di avanzamento lavori dei vari progetti rivolti sia all'interno che all'esterno di ENAV. Tale ruolo è da riferirsi ad un unica risorsa, che potrà svolgere il compito di referente operativo del servizio Garantisce la coerenza e l allineamento operativo tra tutti i progetti in esecuzione di sua competenza, coordinando in accordo con ENAV, i gruppi di lavoro ed assicurando la condivisione degli obiettivi. Fornisce gli stati di avanzamento lavori dei vari progetti rivolti sia all'interno che all'esterno di ENAV, secondo le linee guida definite dal Capo Progetto Si fa portatore delle problematiche rilevate nell'esecuzione dei progetti, propone opportune soluzioni ed intraprende, in accordo con ENAV, le necessarie azioni correttive. E' in grado di rapportarsi con i massimi livelli organizzativi Garantisce l efficacia, l efficienza e la tempestività delle attività progettuali di sua competenza Figura professionale / Ruolo Consulente Senior Strategy Titolo Laurea, con almeno 5 anni di esperienza lavorativa (ovvero diploma, con almeno 11 anni di esperienza lavorativa) Requisiti professionali minimi Ottima conoscenza del settore Aviation, comprovata da almeno 2 progetti della durata minima di 3 mesi ciascuno Almeno 3 anni di esperienza lavorativa nel ruolo Approfondita esperienza nella redazione di Piani Industriali, strutturazione di Partenership, predisposizione di Studi di Fattibilità e Business Plan Esperienza comprovata nell ambito di tematiche relative allo Strategic Sourcing Numero CV Minimo 2 Capitolato Tecnico Pag 20

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CAPITOLATO TECNICO Redazione: Approvazione/Autorizzazione: Roberto Mainiero Roberto Mainiero Capitolato Tecnico Pag 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3 2.1 L ambito operativo...

Dettagli

ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE...3 2. IL CONTESTO...3 2.1 Lo scenario di business di ENAV...3 2.2 L ambito operativo...9 2.3 L evoluzione

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per procedure e alle conseguenti proposte operative a supporto delle Funzioni e direzioni Aziendali

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO Pag. 1 di 15 1. OGGETTO 1.1. Premessa Con delibera n. 52 del 25 e 26 settembre 2015, l Assemblea Capitolina ha deliberato l Affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani e di igiene urbana ad

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA STANDARD DI PRODOTTO PIANO DI QUALITA' DI PROGETTO

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA STANDARD DI PRODOTTO PIANO DI QUALITA' DI PROGETTO SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA STANDARD DI PRODOTTO PIANO DI QUALITA' DI PROGETTO Pag. I INDICE pag. 1. INTRODUZIONE...1 1.1 PREMESSA...1 1.2 SCOPO DEL DOCUMENTO...1

Dettagli

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI PROFESSIONALI DI CONSULENZA METODOLOGICA E ORGANIZZATIVA NELL AMBITO DEL PROGETTO Documento Versione Data di rilascio Capitolato tecnico 1.0 4 marzo 2013

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG)

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) Data / / Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi nel corso dell incontro

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Pagina 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara Europea a Procedura aperta per la fornitura di servizi di supporto Offerta Tecnica, dovrà contenere un indice completo di

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 10 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 9 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

PRESIDENZA AUTORITÀ DI GESTIONE COMUNE DEL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO SERVIZIO PER LA GESTIONE OPERATIVA

PRESIDENZA AUTORITÀ DI GESTIONE COMUNE DEL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO SERVIZIO PER LA GESTIONE OPERATIVA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI AUDIT ESTERNO NEL QUADRO DELL ASSISTENZA TECNICA E DELLA GESTIONE DEI PROGETTI (PAGAMENTI) FINANZIATI DAL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A.

S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. Capitolato tecnico per Affidamento del servizio di consulenza per la progettazione, implementazione e certificazione di un Sistema di Gestione Integrato per la Qualità

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato Delibera Giunta Comunale n. 110 del 19 maggio 2014 1) Caratteristiche generali del sistema

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità Il Sistema di Gestione della Qualità 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione La gestione del progetto Le interfacce La Certificazione 9001:2008 Referenze 2 Chi siamo

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4

ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4 ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4 Allegato 2D Modello di offerta tecnica - Lotto4 Pagina 1 di 16 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it Progetto NOBLE Ideas Young InNOvators Network for SustainaBLE Ideas in the Agro-Food Sector Attività cofinanziata dall Unione Europea a valere sul South East Europe Transnational Cooperation Programme

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Acquisizione Beni e Servizi Acquisizione Beni e Servizi Indice dei contenuti 1. SCHEDA SERVIZIO ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI...3 1.1. TIPOLOGIA... 3 1.2. SPECIFICHE DEL SERVIZIO... 3 1.2.1 Descrizione del servizio... 3 1.2.2 Obblighi

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI PROFESSIONALI PER L AREA AMMINISTRATIVA CONTABILE **** CAPITOLATO LOTTO 1 - AREA AMMINISTRATIVA

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI PROFESSIONALI PER L AREA AMMINISTRATIVA CONTABILE **** CAPITOLATO LOTTO 1 - AREA AMMINISTRATIVA CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI PROFESSIONALI PER L AREA AMMINISTRATIVA CONTABILE **** CAPITOLATO LOTTO 1 - AREA AMMINISTRATIVA Per la valutazione economica del presente lotto si forniscono a seguire le seguenti

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI. Art.1

Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI. Art.1 Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Il presente regolamento intende disciplinare gli aspetti amministrativi, contabili e gestionali dell Azienda Speciale

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2014 Al fine della stesura dei progetti CCM 2014, si illustra di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli