ESTINTORI RICAMBI ED ACCESSORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTINTORI RICAMBI ED ACCESSORI"

Transcript

1 ESTINTORI RICAMBI ED ACCESSORI

2 LA STORIA DELL ESTINTORE Lo sviluppo degli estintori è strettamente collegato a quello degli esplosivi ed è merito di alcuni geniali inventori anglosassoni. L idea base di questa invenzione parte dalla semplice domanda: come si può lanciare un agente estintore sulle fiamme. Per risolvere il problema si sono immaginate le soluzioni più disparate, dalla stazione estinguente al semplicissimo estintore portatile. Gli inglesi Zachary Grey, Ambroise Godfrey e Charles Povey hanno sviluppato dei dispositivi simili a quello che sarebbe diventato in seguito l estintore. Il migliore dei tre è quello di Ambroise Godfrey: è composto di un barilotto di legno protetto da un cesto di vimini. Il barilotto è pieno di acqua cui è stato aggiunto un additivo chimico. Una sottile pellicola copre la parte superiore del contenitore e trattiene una certa quantità di polvere da sparo, conservata in una piccola cartuccia. In caso di incendio la cartuccia scoppia e l estintore si attiva immediatamente. Questo dispositivo dalla capacità estinguente molto modesta resta in servizio fino al Alla metà del XVIII secolo molti inventori propongono nuove soluzioni ma solo nel 1871 viene inventata negli Stati Uniti una bottiglia in vetro, dalla capacità di appena un litro, riempita di una soluzione di bicarbonato di sodio o semplicemente di acqua salata. Queste cartucce sono prodotte in Gran Bretagna a partire dal 1877 con una piccola modifica. Grazie a un dispositivo particolare, si spezzano più facilmente quando vengono buttate in mezzo alle fiamme. Anche se il loro utilizzo è stato preconizzato da tempo e conosciuto dal pubblico, si tratta di un sistema relativamente poco usato nello spegnimento degli incendi. IL PRIMO ESTINTORE PORTATILE Il primo vero estintore portatile viene inventato da Georges Mamby nel si tratta di un recipiente di rame con 13,6 litri di carbonato di potassio, una sostanza usata da oltre un secolo nella lotta contro le fiamme. Molti altri prodotti chimici verranno usati e testati dagli inizi del Novecento, in particolare dal Dick s Patent Fire Exterminator, che mette a punto tra l altro una boccetta di vetro contenente acido solforico e sospesa sopra una soluzione di bicarbonato di sodio. Sotto l urto di una coppiglia di metallo, la boccetta si rompe e il miscuglio chimico produce anidride carbonica, nota per le sue capacità estinguenti, che viene espulsa. L idea di aggiungere degli additivi all acqua o addirittura di sostituirla del tutto per spegnere meglio il fuoco ha portato a prendere in considerazione la schiuma per la sua particolare attitudine ad aumentare di volume. L estintore a schiuma è però nato molto tardi, verso il Il suo funzionamento si basa sulla reazione chimica che avviene tra il bicarbonato di sodio e un agente il cui compito è quello di facilitare la formazione delle bolle. Si aggiunge poi una soluzione di solfato di alluminio che forma una schiuma di ossido di carbonio. Nel 1912 la Pyrene Company, una ditta inglese, realizza un estintore a pompa in ottone contenente del CTC (tetracarbonio). Questa sostanza viene spruzzata sottoforma di liquido ma si vaporizza rapidamente e forma uno strato di gas in grado di fermare la combustione eliminando l ossigeno. COMPONENTISTICA DELL ESTINTORE MODELLO ESTINTORE ANNI 40 LA STORIA DELL ESTINTORE Serbatoio 2 Valvola erogatrice 3 Manometro segnalatore 4 Manichetta o ugello erogatore 5 Gancio o supporto 6 Tubo pescante 7 Polvere estinguente 8 Etichetta d istruzioni 9 OR di tenuta 10 Premimolla 11 Molla pistoncino 12 Pistoncino 13 Valvola di sicurezza 14 Valvola di controllo pressione 15 Spina di sicurezza 16 Sigillo di sicurezza

3 NORME DI RIFERIMENTO LA GAZZETTA UFFICIALE N. 28 del 4 Febbraio pubblica il D.M. 07/01/2005. Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili d incendio, norma tecnica Europea UNI EN 3/7, riferita agli estintori portatili d incendio, ritenuto necessario per il recepimento di norme per la caratterizzazione tecnica e la classificazione degli estintori portatili d incendio ai fini della prevenzione incendi. Art. 1 Il presente Decreto disciplina le procedure per la classificazione e l omologazione degli estintori portatili ai fini della prevenzione incendi. Art. 2 La valutazione delle caratteristiche e delle prestazioni, la classificazione, si effettua secondo quanto specificato nella norma UNI EN 3/7:2005 o da altra norma tecnica a questa equivalente adottata da un ente di normazione nazionale di un paese dell Unione Europea ovvero contraente l accordo SEE. Norme transitorie art. 11 Punto 1 la commercializzazione di estintori portatili d incendio, approvati di tipo ai sensi del D.M. 20/12/1982, è consentita fino alla scadenza dell approvazione stessa è comunque per un periodo non superiore a 18 mesi dalla data di entrata in vigore del Decreto. Punto 2. Gli estintori portatili d incendio, approvati di tipo ai sensi del D.M. 20/12/82, potranno essere utilizzati per 18 anni decorrenti dalla data di produzione punzonata su ciascuno esemplare prodotto. PROVE DI SPEGNIMENTO SMALTIMENTI E DISMISSIONE ESTINTORI La dismissione degli estintori ovvero gli estinguenti, i materiali metallici ed i materiali plastici deve avvenire in conformità alle specifiche normative vigenti in materia di tutela dll ambiente. Alla scadenza i gas alogenati e CO 2 non devono esere smaltiti ma recuperati e riutilizzati qualora le norme lo prevedano in quanto non subiscono alterazioni chimico fisiche nel tempo. I gas alogenati e tutti gli estinguenti in caso di dismissione devono essere smaltiti da appositi centri di raccolta autorizzati. Tutti gli agenti estinguenti devono essere conformi alle normative riguardanti la tutela dell ambiente e la salvaguardia della salute degli utilizzatori. Alla scadenza i gas alogenati e la CO 2 non devono essere smaltiti ma recuperati e riutilizzati perchè non subiscono alterazioni chimico fisiche nell ecologico. La sostituzione della carica degli estintori a polvere e schiuma rispettivamente a 18 mesi e 36 mesi va fatta a partire dalla data di riempimento del fabbricante punzonata sull etichetta lotto di produzione e non dalla data di fabbricazione dei serbatoi o bombole.la manutenzione dei mezzi antincendi va effettuata in un periodo non inferiore a 5 e non superiore a 6 mesi ciò significa che la manutenzione non necessariamente va fatta entro 180 giorni dalla precedente. Una manutenzione effettuata ad esempio il 1 Aprile oppure il 30 Aprile può essere effettuata entro il 30 Ottobre rispettando in pieno la norma UNI Il manutentore, colui che firma il cartellino è responsabile penalmente se sostituisce ricambi non originali o non esegue la revisione ed il collaudo. L unica prova valida ai fini legislativi è la data apportata sul registro di manutenzione delle attrezzature antincendi dal tecnico manutentore, unitamente alla fattura. ESTINTORI A POLVERE PRESSURIZZATI TIPO MINI JET BLU ORANGE RED WHITE CROMATO Ideali per auto, camper, roulottes, di facile utilizzo, efficace per piccoli incendi,posacenere, cestini gettacarte ecc. ESTINTORI A POLVERE CE CODICE CARICA KG. COLORI DIAMETRO ALTEZZA PESO TOT. KG ,250 COLORI ASSORTITI , ,250 ARGENTO CROMATO ,500 9

4 13A 55BC Con supporto metallico Con supporto fluorescente 8A 34BC ESTINTORI A POLVERE OMOLOGATI M.I. EN 3/7 10 CODICE CARICA KG. CLASSE DI FUOCO DIAMETRO ALTEZZA PESO TOT. KG A 34BC , A 34BC , A 55BC , A 55BC ,500 MANOMETRO INCORPORATO 21A 223BC 21A 144BC 13A 89BC A 89C , A 144BC , A 233BC ,8

5 OPZIONE VALVOLA GIALLA 34A 55BC OPZIONE BASE PVC A 233BC , ,7 34A 233BC IDEALI PER ALBERGHI O LUOGHI DOVE L ESTETICA E IMPORTANTE A 233BC cromato , , SFERA ,8 ESTINTORI A POLVERE OMOLOGATI M.I. EN 3/7 11

6 SPILLO CON PROTEZIONE MANOMETRO ESTINTORI A POLVERE OMOLOGATI M.I. EN 3/ , ,1 ESTINTORI A POLVERE OMOLOGATI M.I. EN 3/7 12 VALVOLA CARENATA MANOMETRO INCORPORATO , ,7

7 ESTINTORI A POLVERE PRESSURIZZATI M.I. EN 3/7 CE PED 97/23 CODICE CARICA CLASSE DI FUOCO DIMENSIONI ALTEZZA PESO TOT Kg , Kg , Kg , Kg , SERBATOIO CON FASCIA MANOMETRO INCORPORATO Estintori con bombolina di CO 2 interna indicati in luoghi quali; raffinerie,depositi carburanti, centrali termoelettriche ecc. Enormi vantaggi in termini di prestazioni e manutenzioni: 1) Tappo di carica ampio, permette maggiore rapidità di ricarica. 2) L attivazione della bombolina CO 2 rende la polvere piu fluida. 3) Favorita l ispezione del serbatoio e della polvere durante la manutenzione Kg.6 34A 233BC Kg Kg.6 34A 233BC CODICE CARICA C.di FUOCO Kg BC Kg. 6 34A 233BC Kg BC ESTINTORI A POLVERE OMOLOGATI M.I. EN3/7 13

8 SERBATOIO CON FASCIA ESTINTORI A POLVERE OMOLOGATI M.I. EN3/7 14 MANOMETRO INCORPORATO RICHIEDETE LE NOSTRE SCHEDE TECNICHE DISPONIBILI ANCHE SU INTERNET ESTINTORI A POLVERE PRESSUTRIZZATI M.I. EN 3/7 CE PED 97/ , , ,6

COSA SONO A COSA SERVONO

COSA SONO A COSA SERVONO 1 MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE? COSA SONO A COSA SERVONO PER UN PRONTO INTERVENTO SU UN PRINCIPIO DI INCENDIO 2 TIPOLOGIE IN RELAZIONE AL PESO COMPLESSIVO ESTINTORE PORTATILE DECRETO 7 gennaio 2005 Norme

Dettagli

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492 Estintori carrellati a pressione permanente, con manometro di controllo, serbatoio separato dalla struttura portante. Ogni serbatoio viene collaudato idraulicamente secondo la normativa europea PED 97/23.

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013)

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) La presente norma prescrive i criteri per effettuare il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico, la revisione programmata e il

Dettagli

Estintori. Indice. note generali. 2 - Indice

Estintori. Indice. note generali. 2 - Indice Indice ESTINTORI PORTATILI EN3-7 A POLVERE pag. 4 ESTINTORI PORTATILI EN3-7 A CO2 pag. 26 ESTINTORI PORTATILI EN3-7 A SCHIUMA pag. 36 ESTINTORI PORTATILI MED A POLVERE pag. 40 ESTINTORI PORTATILI MED A

Dettagli

Norma UNI 9994-1:2013 - Apparecchiature per estinzione incendi - Estintori d'incendio - Parte 1:

Norma UNI 9994-1:2013 - Apparecchiature per estinzione incendi - Estintori d'incendio - Parte 1: Brugherio, (Mi) 15 Luglio 2013 A tutti i Clienti C/O loro sedi OGGETTO : La nuova versione della norma UNI 9994 Come molti di voi sapranno in data 20 giugno 2013 è stata pubblicata la norma in oggetto,

Dettagli

ESTINTORI DI INCENDIO

ESTINTORI DI INCENDIO ESTINTORI DI INCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO NORME TECNICHE E PROCEDURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ ESTINGUENTE E PER L OMOLOGAZIONE DEGLI ESTINTORI CARRELLATI D INCENDIO D.M. 06/03/1992 Art.

Dettagli

E S T I N T O R I PORTATILI EN3-7

E S T I N T O R I PORTATILI EN3-7 E S T I N T O R I E S T I N T O R I PORTATILI EN3-7 EM M E1A Cod. 0001 Confezione da 10 Pz. (Compreso Supporto in PVC Codice 0311) Cod. 0311 4 - ESTINTORI www.puntosicurezzaar.com ESTINTORE KG. 1 A POLVERE

Dettagli

INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE

INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE INDICE CATEGORIE MERCEOLOGICHE ESTINTORI PORTATILI, CARRELLATI, AUTOMATICI Pag. 5 RICAMBI PER ESTINTORI Pag. 29 ACCESSORI PER ESTINTORI Pag. 35 ACCESSORI PER MANUTENZIONE ESTINTORI Pag. 39 MACCHINE RIEMPIMENTO

Dettagli

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA

PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA PRESENTAZIONE ESTINTORE IDRICO A BOMBOLA INTERNA 1 SITUAZIONE ATTUALE MERCATO ESTINTORI Per capire l odierna situazione del mercato, è necessario conoscere i pregressi che ci hanno portato all attuale

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

Norma UNI 9994-1 - 2013

Norma UNI 9994-1 - 2013 Norma UNI 9994-1 - 2013 La presente norma prescrive i criteri per effettuare il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico,la revisione programmata ed il collaudo degli estintori di incendio.

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20 Intro.. Estintori fasi di un incendio triangolo del fuoco . Estintori il più immediato dispositivo antincendio attivo.. permette di estinguere un incendio (o principio) eliminando un ʺlatoʺ del triangolo

Dettagli

ESTINTORI PORTATILI A POLVERE

ESTINTORI PORTATILI A POLVERE ESTINTORI PORTATILI A POLVERE 4 SMALTIMENTO La SIRE ha ottenuto l autorizzazione al ritiro, stoccaggio, messa in riserva del rifiuto, Conferimento ai Centri di Smaltimento per Estintori portatili, Carrellati,

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI SALDATURA AUTOMATICA SERBATOI PROVA IN NEBBIA SALINA COLLAUDO IDROSTATICO SERBATOI VERNICIATURA RIEMPIMENTO ESTINTORI POLVERE

PROCESSI PRODUTTIVI SALDATURA AUTOMATICA SERBATOI PROVA IN NEBBIA SALINA COLLAUDO IDROSTATICO SERBATOI VERNICIATURA RIEMPIMENTO ESTINTORI POLVERE PROCESSI PRODUTTIVI SALDATURA AUTOMATICA SERBATOI PROVA IN NEBBIA SALINA PROCESSI PRODUTTIVI COLLAUDO IDROSTATICO SERBATOI VERNICIATURA 2 RIEMPIMENTO ESTINTORI POLVERE SISTEMA DI QUALITA E CERTIFICAZIONE

Dettagli

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali

Linee guida Canton Ticino nr. 01 Dispositivi di spegnimento manuali Ccpolf - Commissione consultiva in materia di polizia del fuoco c/o Ufficio domande di costruzione, Viale Stefano Franscini 17-6501 Bellinzona Tel. +41 91 814 36 70 Fax. +41 91 814 44 75 E-mail DT-Ccpolf@ti.ch

Dettagli

Le novità subentrate sono le seguenti: 1. CAPITOLO 3 TERMINI E DEFINIZIONI

Le novità subentrate sono le seguenti: 1. CAPITOLO 3 TERMINI E DEFINIZIONI La nuova normativa UNI 9994-1 edizione 06/2013: Estintori d incendio - Manutenzione Dopo 10 anni ecco, rivista e aggiornata alle esigenze del mercato, la nuova norma tecnica UNI 9994-1 (prima parte), in

Dettagli

Estintore portatile a polvere

Estintore portatile a polvere estintori portatili art. BML 1 BML 1 è un estintore della capacità di 1 kg, pressurizzato a polvere con manometro e valvola di sicurezza disegnato appositamente per uso su autoveicoli, caravan e per uso

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

LE SOSTANZE INCENDIARIE

LE SOSTANZE INCENDIARIE LE SOSTANZE INCENDIARIE Le sostanze incendiarie generano una reazione fortemente esotermica e, per alcune di esse, la reazione può avvenire anche in assenza di ossigeno (metalli incendiari). Per i lanciafiamme

Dettagli

PREVENZIONE DEGLI INCENDI

PREVENZIONE DEGLI INCENDI PREVENZIONE DEGLI INCENDI M.Tedesco Premessa: a ciascuno il suo mestiere: non siamo Vigili del Fuoco Non siamo formati per estinguere grandi incendi. tel. 115 Ma tra il personale ci possono essere delle

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE ALLEGATO "B" - ELENCO DELLE PRESTAZIONI Rif. 1 Manutenzione

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: realizzato da

L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: realizzato da L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: IL FUTURO, L AMBIENTE E L EFFICIENZA realizzato da 19 Ottobre 2010 Pagina 1 di 5 1 L ESTINTORE IDRICO A BOMBOLINA INTERNA: IL FUTURO, L AMBIENTE E L EFFICACIA Il

Dettagli

Servizi in Materia Ambientale Ambiente, Prevenzione, Medicina, Formazione, Ecologia, Rifiuti

Servizi in Materia Ambientale Ambiente, Prevenzione, Medicina, Formazione, Ecologia, Rifiuti Città Travagliato, 01.10.2015 Spett.le cliente ANTINCENDIO E PREVENZIONE La norma UNI 9994-1:2013 si applica in tutte quelle attività, inpendentemente dalla presenza o obbligo del CPI o meno. La stessa

Dettagli

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE

COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE COMUNE DI MONZA - UFFICIO ECONOMATO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE ANTINCENDIO IN USO AGLI EDIFICI COMUNALI - ANNI CINQUE COSTI ATTUALI DEL SERVIZIO, RELATIVI AD ESTINTORI

Dettagli

Norma Uni 994-1:2013 Apparecchiature per estinzione incendi Estintori d'incendio Parte 1

Norma Uni 994-1:2013 Apparecchiature per estinzione incendi Estintori d'incendio Parte 1 A tutti i Clienti Corsalone, (AR) 01 Agosto 2014 C/O Loro sedi Oggetto: Norma UNI 9994-1:2013 Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata pubblicata la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

Gli estintori. caratteristiche e funzionalità dei più comuni mezzi di estinzione presenti in ambito lavorativo

Gli estintori. caratteristiche e funzionalità dei più comuni mezzi di estinzione presenti in ambito lavorativo Gli estintori caratteristiche e funzionalità dei più comuni mezzi di estinzione presenti in ambito lavorativo L incendio Cominciamo con la definizione di incendio : per incendio intendiamo una "combustione

Dettagli

Apparecchiature per estinzione incendi Estintori di incendio Manutenzione

Apparecchiature per estinzione incendi Estintori di incendio Manutenzione NORMA ITALIANA Apparecchiature per estinzione incendi Estintori di incendio Manutenzione UNI 9994 Fire fighting equipment Fire extinguishers Maintenance NOVEMBRE 2003 CLASSIFICAZIONE ICS 13.220.10 SOMMARIO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di PALERMO Provincia Palermo Oggetto : Stazione appaltante : MANUTENZIONE STRAORDINARIA ESTINTORI COMPRENDENTE, ADEGUAMENTO ALLA NORMA UNI 9994-1 2013 COLLAUDIO SERBATOI E FORNITURA NUOVO MATERIALE,

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70000480 Apparecchiature per estinzione incendi Estintori di incendio Manutenzione FIre fighting equipment Fire extinguishers Maintenance ORGANO COMPETENTE Protezione

Dettagli

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO AZIENDALI

CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO AZIENDALI CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO AZIENDALI INCARICATI DELL ATTIVITÀ DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO E GESTIONE DELLE EMERGENZE (art. 37 co. 9 DLvo 9 aprile 2008,

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda guida pratica all antincendio - E. Lavè, P. Lavè PREVENZIONE INCENDI Edmondo Lavè Paolo Lavè guida pratica all antincendio prevenzione e protezione incendi in azienda II edizione Guida pratica all antincendio

Dettagli

copertina_new 18-12-2006 15:45 Pagina 1 Catalogo Generale

copertina_new 18-12-2006 15:45 Pagina 1 Catalogo Generale copertina_new 18-12-2006 15:45 Pagina 1 Catalogo Generale 2007 copertina_new 18-12-2006 15:45 Pagina 2 Produzione di estintori in sistema Qualità UNI EN ISO 9001-2000 Certificato da TÜV Saldatura dei serbatoi

Dettagli

Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7

Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7 IN Omologati D.M. 07/01/2005 UNI EN3/7 POLVERE Pressurizzati 13111-P1 13123-P2 13131-P3 13160-P6 13162-P6 13169-P6 13192-P9 13172-P12 Classe A: fuochi di materiali solidi, generalmente di natura organica

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Scheda di verifica ESTINTORI A POLVERE Data Risultato della verifica Eventuali Interventi firma

Dettagli

Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile

Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile L'ESTINTORE Premessa Questa semplice guida ha come obiettivo quello di fornire tutte le delucidazioni necessarie ai soggetti tenuti ad avere uno o più

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Servizi Generali della Sede Centrale

Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Servizi Generali della Sede Centrale ALL. A Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Servizi Generali della Sede Centrale CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO: MANUTENZIONE ATTREZZATURE E IMPIANTI ANTINCENDIO Sede Centrale C.N.R. e Sedi Afferenti

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ANTINCENDIO PARTE 4 - PRATICA art. 46 D.L.vo 81/08 D.M. 10/3/98 Allegato IX Relatore: Prof.ssa MASELLA Cinzia Rev. 10-2015 Classificazione dei fuochi La normativa europea

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

Argomento Estintori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Estintori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Estintori Docente n.marotta@ing.unipi.it Estintori Un estintore è un apparecchio contenente un agente

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE ESTINTORI

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE ESTINTORI REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE ESTINTORI ANNO 2014 Norma UNI 9994:2013 Pagina 1 di 39 SOMMARIO Anagrafica aziendale... 3 1. Premessa... 4 2. Perché questo registro?... 5 3. Le fasi di manutenzione...

Dettagli

INDICE. Scale. Scala per l industria standard e a misura 167. Antiscivolo 168

INDICE. Scale. Scala per l industria standard e a misura 167. Antiscivolo 168 INDICE pagina INDICE pagina Estintori Estintori portatili a polvere 4 Estintori portatili alogenati pyrogex 12 Estintori portatili a biossido di carbonio 14 Estintori portatili a schiuma con ecogreen 18

Dettagli

L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE

L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE L ESTINTORE: USO E MANUTENZIONE L ESTINTORE: CENNI STORICI L estintore è molto probabilmente il mezzo antincendio che ha origini più antiche nel settore della protezione attiva rispetto a tutti gli altri.

Dettagli

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o mobili e loro

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI E DEGLI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI E DEGLI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE per TECNICO della PREVENZIONE INCENDI (art.4 D.M. 05/08/2011) MODULO 4.2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI E DEGLI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA Estintori di incendio portatili e carrellati

Dettagli

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o

Dettagli

RACCOLTA BOLLETTINI TECNICI ESTINTORI E SCHEDE DI SICUREZZA

RACCOLTA BOLLETTINI TECNICI ESTINTORI E SCHEDE DI SICUREZZA RACCOLTA BOLLETTINI TECNICI ESTINTORI E SCHEDE DI SICUREZZA SERVIZIO ANTINCENDIO MANUTENZIONE ESTINTORI 2600 DOVERA (CR) - Via de Ponti 3/5 - Fax 0373.97805 AZIENDA CON SECONDO STANDARD Web site www.samestintori.com

Dettagli

N 111 del 30/05/2016 Registro Generale N 825 del 30/05/2016. OGGETTO: Manutenzione e ricarica estintori Affidamento incarico AC0400ACIG ZEC1A12C75

N 111 del 30/05/2016 Registro Generale N 825 del 30/05/2016. OGGETTO: Manutenzione e ricarica estintori Affidamento incarico AC0400ACIG ZEC1A12C75 COPIA CITTA DI GALATONE Provincia di Lecce 5 Settore: Lavori Pubblici - Manutenzione - Gara - Contratti D E T E R M I N A Z I O N E DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N 111 del 30/05/2016 Registro Generale

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO LOTTO N. 6

CAPITOLATO TECNICO LOTTO N. 6 - 38010 San Michele all Adige (TN), Via E. Mach 1- Tel. 0461/615111 Fax 0461/615218 - www.iasma.it www.fondazioneedmundmach.it - iscritta al registro provinciale delle persone giuridiche private n. 231

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Da consegnare ai collaboratori scolastici perché segnino l intervento delle ditte esterne che sarà poi riportato sul registro antincendio SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Scuola ESTINTORI PORTATILI ESTINTORI

Dettagli

ESTINTORI PORTATILI A POLVERE

ESTINTORI PORTATILI A POLVERE DA 1 A 16 OK 8-01-2007 11:11 Pagina 4 ESTINTORI PORTATILI A POLVERE 4 SMALTIMENTO La SIRE ha ottenuto l autorizzazione al ritiro, stoccaggio, messa in riserva del rifiuto, Conferimento ai Centri di Smaltimento

Dettagli

Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio.

Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio. Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio. IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 13 maggio 1961, n. 469, concernente l'ordinamento dei servizi

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

ESTINTORI PORTATILI A POLVERE UNI EN3-7 - D.M. 7/1/2005

ESTINTORI PORTATILI A POLVERE UNI EN3-7 - D.M. 7/1/2005 ESTINTORI A POLVERE PRESSURIZZATI UNI EN 3-7 - D.M. 7//2005 ESTINTORI PORTATILI A POLVERE UNI EN3-7 - D.M. 7//2005 Gli estintori portatili a polvere sono mezzi antincendio di primo intervento adatti per

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA Il premescolatore detto anche a spostamento di liquido, è costituito da un serbatoio in acciaio collaudato, marcato CE. Nel suo interno vi è una membrana in materiale sintetico resistente alla corrosione

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA MANUTENZIONE PERIODICA DEGLI ESTINTORI E DELLE MANICHETTE ANTINCENDIO. CIG:ZD0147E7FD

CAPITOLATO TECNICO PER LA MANUTENZIONE PERIODICA DEGLI ESTINTORI E DELLE MANICHETTE ANTINCENDIO. CIG:ZD0147E7FD CAPITOLATO TECNICO PER LA MANUTENZIONE PERIODICA DEGLI ESTINTORI E DELLE MANICHETTE ANTINCENDIO. CIG:ZD0147E7FD Oggetto del presente capitolato è: La manutenzione periodica di tutti gli estintori e delle

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

C A T A L O G O 2013

C A T A L O G O 2013 C A T A L O G O 2013 Červinka-Czech Republic PRODUTTORE E DISTRIBUTORE ESTINTORI ED ATTREZZATURE ANTINCENDIO www.hasicitechnika.com info@hasicitechnika.com +420 572 570 961 Hodejice 104 Slavkov u Brna

Dettagli

Informazioni sugli agenti estinguenti

Informazioni sugli agenti estinguenti 1 Estratto norma UNI 9994 revisione novembre 2003 sulla manutenzione degli estintori. Note importanti La norma prescrive i criteri per effettuare la sorveglianza, il controllo, la revisione e il collaudo

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

elenco prezzi Pagina 1 VOCE DESCRIZIONE IMPORTO UNITARIO

elenco prezzi Pagina 1 VOCE DESCRIZIONE IMPORTO UNITARIO 1 ESTINTORI E/O BOMBOLE 1.1 Sbarcare o rimuovere dal posto di ubicazione e trasportare in officina impresa, revisionare la bombola e/o estintore (compresa la revisione fuori opera del gruppo valvola),

Dettagli

MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE INCENDI RETI DI IDRANTI IMPIANTI AUTOMATICI DI INCENDIO

MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE INCENDI RETI DI IDRANTI IMPIANTI AUTOMATICI DI INCENDIO Comando Prov.l Vigili del Fuoco MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE INCENDI RETI DI IDRANTI IMPIANTI AUTOMATICI DI INCENDIO Dott. Ing. Salvatore RIZZO MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE INCENDI ESTINTORI NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel "cerchio del fuoco".

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel cerchio del fuoco. Via Tatti, 5 20029 Turbigo (MI) Ing. Marco Cagelli Teoria della combustione Nozioni base Il cerchio del fuoco Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel

Dettagli

POMPA DISIFLUX 3 in 1 Risanante impianti di collaudo impianti e di caricamento impianti solari

POMPA DISIFLUX 3 in 1 Risanante impianti di collaudo impianti e di caricamento impianti solari POMPA DISIFLUX 3 in 1 Risanante impianti di collaudo impianti e di caricamento impianti solari Per la pulizia dei fanghi su circuiti di riscaldamento e refrigerazione Per il carico di additivi filmanti

Dettagli

Misure di protezione attiva

Misure di protezione attiva Misure di protezione attiva Attrezzature ed impianti di estinzione degli incendi Estintori Gli estintori sono in molti casi i mezzi di primo intervento più impiegati per spegnere i principi di incendio.

Dettagli

CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA E MANUTENZIONE DI ESTINTORI D INCENDIO CLAUSOLE CONTRATTUALI E CAPITOLATO D ONERI

CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA E MANUTENZIONE DI ESTINTORI D INCENDIO CLAUSOLE CONTRATTUALI E CAPITOLATO D ONERI DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Tecnico CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA E MANUTENZIONE DI ESTINTORI D INCENDIO CLAUSOLE CONTRATTUALI E CAPITOLATO D ONERI Responsabile Servizio: Dott. Ing. Gaetano

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIA SCADENZARIO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA

PIANO DI MANUTENZIONE ORDINARIA SCADENZARIO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SCADENZARIO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA POS. 1 APPARATO/SISTEMA CENTRALINE DI RILEVAZIONE E SPEGNIMENTO PERIODICITA' MINIME TRIMESTRALE 2 ALIMENTATORI DI PIANO SEMESTRALE 3 SINOTTICI REMOTIZZATI

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/62311 Fax 0588/65470 APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

emergenza Taniche omologate UN Ecotanica

emergenza Taniche omologate UN Ecotanica Taniche omologate UN Taniche per idrocarburi da, e 20 litri.in plastica, con ugello travasatore anti-rigurgito e tappo di sicurezza anti-svitamento. forme alla direttiva "UN" n.96/49/ce per il trasporto

Dettagli

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE ESTINTORI PORTATILI E CARRELLATI SERVIZIO DI CONTROLLO E MANUTENZIONI (ART.4 D.M. 10 MARZO 1998) UNI 9994-1 IL CONTROLLO AVVIENE TRAMITE L EFFETUAZIONE DEI SEGUENTI

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA C.F. / P.IVA 04721260877 Via S. Maria La Grande n. 5 95124 Catania

REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANIA C.F. / P.IVA 04721260877 Via S. Maria La Grande n. 5 95124 Catania REGIONE SICILIANA CAPITOLATO TECNICO Servizio di revisione periodica estintori, idranti ed attrezzature antincendio di questo D.I.C. dei PP.OO. Gravina e Santo Pietro di Caltagirone. Nei vari reparti dei

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C antincendio art. 139 Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile ESTINTORI Kg. 6 34 A 233 BC Kg. 9 55 A 233 BC Kg. 12 55 A 233 BC art. 139/A Estintore omologato CO 2, UNI-EN 3-7 portatile Kg. 2

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli