Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari"

Transcript

1

2 I SOMMARIO 1. PREMESSA GENERALITÀ SCOPO DESTINAZIONE D USO CLASSIFICAZIONE UBICAZIONE GENERALITÀ ACCESSO ALL AREA SEPARAZIONI - COMUNICAZIONI CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE RESISTENZA AL FUOCO REAZIONE AL FUOCO COMPARTIMENTAZIONE MISURE PER L EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA AFFOLLAMENTO CAPACITÀ DI DEFLUSSO SISTEMA DI VIE DI USCITA NUMERO DELLE USCITE LARGHEZZA DELLE VIE DI USCITA LUNGHEZZA DELLE VIE DI USCITA PORTE SCALE IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO SCALE MOBILI AERAZIONE ATTIVITÀ ACCESSORIE LOCALI PER RIUNIONI E TRATTENIMENTI LOCALI PER SERVIZI LOGISTICI ARCHIVI E DEPOSITI ARCHIVI E DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI CON SUPERFICIE FINO A 15 MQ ARCHIVI E DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI CON SUPERFICIE FINO A 50 MQ ARCHIVI E DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI CON SUPERFICIE SUPERIORE A 50 MQ AUTORIMESSE SERVIZI TECNOLOGICI... 8

3 II 9.1. IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CALORE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO E VENTILAZIONE IMPIANTI ELETTRICI MEZZI ED IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI ESTINTORI IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI RIVELAZIONE, SEGNALAZIONE E ALLARME GENERALITÀ CARATTERISTICHE SISTEMA DI ALLARME SEGNALETICA DI SICUREZZA... 11

4 3 1. PREMESSA L edificio esistente, già destinato ad uffici, non rientra nella casistica di cui al comma 2, dell art. 1, del D.M. del , Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici, in quanto gli interventi previsti rientrano nell ambito della manutenzione straordinaria ai sensi del D.P.R. 380/2001. Inoltre, fissato in 434 il numero di persone che si presume siano contemporaneamente presenti all interno dell edificio, quest ultimo, non rientrando tra quelli individuati al n.89, dell Allegato I, del D.M , per i quali è richiesto il certificato di prevenzione incendi, non è contemplato neppure nella casistica di cui al comma 3, dello stesso articolo 1. Pertanto, non sarebbe necessario provvedere a interventi di adeguamento alla norma. Tuttavia, al fine di garantire migliori condizioni di sicurezza e per rendere possibile l eventuale uso futuro dell edificio anche nel caso di un numero di addetti superiore alle 500 unità, si è scelto di dotare l edificio dei requisiti di protezione dall incendio rispettosi dei criteri di sicurezza stabiliti al Titolo IV della regola tecnica. Tenuto conto della natura dei lavori previsti in appalto, secondo quanto chiarito dalla circolare del Ministero dell Interno, prot. n. P571/4122 sott. 66/A del , si applicheranno le disposizioni tecniche di cui ai Titoli II e III, limitatamente agli impianti e alle parti della costruzione oggetto degli interventi di modifica. Si rileva, inoltre, che il parametro 434 che determina la classificazione dell edificio in base al numero complessivo di persone in esso presenti, è stato cautelativamente assimilato al parametro adottato, dal D.M , per determinare l assoggettabilità degli uffici all obbligo amministrativo della richiesta di certificato di prevenzione incendi, riferito al numero degli addetti, che per l edificio in esame, è di circa duecento unità. 2. GENERALITÀ 2.1. Scopo La presente relazione ha per oggetto i criteri di sicurezza antincendio da applicare all edificio ex Enel allo scopo di tutelare l incolumità delle persone e salvaguardare i beni contro i rischi d incendio, nel rispetto delle disposizioni introdotte dal D.M. 22/02/2006 per gli edifici destinati ad uffici Destinazione d uso L edificio esistente, che si sviluppa per sei piani fuori terra e per un piano seminterrato, per una superficie totale pari a circa mq, è destinato ad ospitare gli uffici dei Dipartimenti della Facoltà di Scienze della Formazione e quelli della Presidenza della stessa Facoltà. Il piano seminterrato, invece, è destinato ad archivi e centrali tecnologiche.

5 Classificazione Durante la normale attività il numero delle presenze effettive contemporanee fra studenti, personale docente e tecnico-amministrativo non supera le 434 persone. Pertanto l edificio rientra nella categoria di tipo UBICAZIONE 3.1. Generalità L edificio non è ubicato in prossimità di attività che comportino gravi rischi di incendio e/o esplosione Accesso all area L edificio è ubicato nel pieno centro urbano e si sviluppa a L lungo le vie Suppa e Crisanzio, che soddisfano tutti i requisiti minimi previsti, dal punto 3.2 dell allegato al D.M , per gli accessi alle aree dove sono ubicati gli uffici. La possibilità di accostamento all edificio, delle autoscale dei Vigili del fuoco, è assicurata alle finestre dei vari piani, sui fronti che si affacciano lungo le stesse vie. 4. SEPARAZIONI - COMUNICAZIONI L edificio non presenta comunicazioni con altre attività. Per i piani in cui l edificio si presenta contiguo con la Chiesa Santa Croce, la separazione è garantita mediante elementi costruttivi di resistenza al fuoco almeno REI/EI CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 5.1. Resistenza al fuoco Le strutture ed i sistemi di compartimentazione garantiscono rispettivamente requisiti di resistenza al fuoco R e REI/EI secondo quanto di seguito riportato: - piano seminterrato R e REI/EI 60; - piani in elevazione R e REI/EI Reazione al fuoco Negli atri, nei disimpegni, nei corridoi, nelle rampe e nei passaggi in genere saranno impiegati materiali di classe 1 in ragione del 50% max della loro superficie totale. Nelle restanti parti saranno impiegati materiali di classe 0. Nel complesso dell edificio non sussistono rivestimenti lignei Compartimentazione L edificio, di superficie totale pari a circa mq, è suddiviso in sei compartimenti, il più esteso dei quali presenta una superficie di m 2 e quindi inferiore al valore di m 2, (valore massimo di compartimento per una altezza antincendio fino a 24 m).

6 5 6. MISURE PER L EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA 6.1. Affollamento Il massimo affollamento ipotizzabile è di seguito determinato: piano tipologia superficie coefficiente persone affollamento (art.6.1-comma 1) (pers/mq) seminterrato lettera a) lettera b) lettera c) 0 rialzato lettera a) lettera b) lettera c) 100 primo, secondo, lettera a) terzo, quarto lettera b) x 4 = 196 lettera c) 0 quinto lettera a) lettera b) lettera c) 0 TOTALE AFFOLLAMENTO 434 Il massimo affollamento ipotizzabile, quindi, è fissato in 434 persone Capacità di deflusso Al fine del dimensionamento delle uscite, le capacità di deflusso sono non superiori ai seguenti valori: - ai piani seminterrato e primo: 37,5 persone/modulo uscita; - al piano rialzato: 50 persone/modulo uscita; - ai piani secondo, terzo, quarto e quinto: 33 persone/modulo uscita Sistema di vie di uscita Il progetto prevede un sistema di vie di uscita, dimensionato in base al massimo affollamento ipotizzato ed alle capacità di deflusso definite, organizzato per il deflusso rapido e ordinato degli occupanti all esterno dell edificio. Ad ogni piano è stato previsto uno spazio calmo Numero delle uscite Il numero di uscite, dei singoli piani dell edificio ad eccezione del piano seminterrato, non è mai inferiore a due e le uscite sono ubicate in posizione ragionevolmente contrapposta. Si fa presente che, così come chiarito dalla Lettera Circolare del 19 giugno 2006 prot. n. P694/4122 sott. 66/A, l obbligo per i piani interrati di disporre di almeno due vie di uscita alternative, non si applica nel caso in cui i locali ubicati ai piani interrati siano adibiti ad usi accessori (archivi, depositi, locali tecnici, servizi igienici, ecc.) che non prevedono la presenza di postazioni di lavoro fisse, fatto salvo il rispetto della lunghezza delle vie di esodo.

7 6 La zona al piano interrato dove sono presenti solo locali tecnologici è direttamente accessibile da due scale di servizio dedicate Larghezza delle vie di uscita La larghezza utile delle vie di uscita non è mai inferiore a due moduli di uscita, pari a 1,20 m. La larghezza totale delle uscite da ogni piano è sempre superiore, al rapporto tra il massimo affollamento e la capacità di deflusso del piano. In particolare, al piano rialzato, la larghezza totale delle uscite è pari a otto moduli di uscita, a fronte dei cinque necessari. La larghezza totale delle uscite, dei piani dal primo al quinto, è pari a tre moduli di uscita, a fronte dei due necessari. La larghezza totale delle vie di uscita che immettono in luogo sicuro all aperto, calcolata sommando il massimo affollamento di due piani consecutivi, con riferimento a quelli aventi maggiore affollamento, è pari a sei moduli di uscita al piano di uscita e tale condizione è pienamente soddisfatta dalla presenza di otto moduli al piano rialzato Lunghezza delle vie di uscita Tenuto conto che si è dotato l edificio di impianto automatico di rilevazione e allarme incendio, la lunghezza massima del percorso di esodo, sino a raggiungere un luogo sicuro dinamico oppure l esterno dell attività, non è mai superiore a 55 m; mai superiore a 40 m, sino a raggiungere una scala protetta; la lunghezza dei corridoi ciechi non è mai superiore a 25 m Porte Le porte delle uscite di sicurezza si aprono tutte nel senso dell esodo e dotate di maniglione antipanico Scale L edificio è dotato di due vani scale, uno a prova di fumo, in posizione baricentrica, in adiacenza dei due collegamenti verticali meccanizzati che dipartono dalla hall di ingresso di via Crisanzio; l altro di tipo protetto, in testa all ala che si sviluppa lungo la via Suppa. Le caratteristiche di resistenza al fuoco dei vani scala sono REI 60. La larghezza minima della scala a prova di fumo non è inferiore a 1,20 m, senza restringimenti; mentre la larghezza minima della scala protetta non è inferiore a 0,90 m. Si specifica che le scale esistenti non sono oggetto di interventi di modifica Impianti di sollevamento Così come chiarito dalla circolare del Ministero dell Interno, prot. n. P694/4122 sott. 66/A del , per tutti gli ascensori inseriti nell ambito di scale di tipo protetto e/o a prova di fumo, non è necessario prevedere la protezione REI per il vano corsa. L obiettivo di evitare che i vani degli impianti di sollevamento fungano da via privilegiata per la propagazione dei prodotti di combustione, è conseguito

8 7 anche nei casi in cui l ascensore sbarca in un filtro a prova di fumo. Analogamente sono stati dotati di porte REI 60, al solo piano seminterrato, i due collegamenti verticali meccanizzati che dipartono dalla hall di ingresso di via Crisanzio, nonchè ai piani seminterrato, rialzato e quinto l ascensore posto nell ala dell edificio che si affaccia sulla via Crisanzio. 7. AERAZIONE Tutti gli ambienti dell edificio sono dotati di aerazione naturale; gli ambienti non aerati naturalmente sono dotati di aerazione meccanica con impianto di immissione e di estrazione in grado di funzionare anche in caso di emergenza. 8. ATTIVITÀ ACCESSORIE 8.1. Locali per riunioni e trattenimenti La sala conferenze prevista al piano rialzato, con capienza non superiore a 100 persone, è dotata di quattro uscite, ognuna di larghezza 1,20 m, che immettono nel sistema di vie di esodo di piano. Le sale riunioni, presenti su ognuno dei piani in elevazione, sono servite da una sola uscita, di larghezza 1,20 m, che immette nel sistema di vie di esodo di piano Locali per servizi logistici Non previsti Archivi e depositi Archivi e depositi di materiali combustibili con superficie fino a 15 mq Gli archivi e depositi di materiali combustibili di superficie non eccedente 15 mq, sono dotati di elementi di separazione e porte di accesso, munite di dispositivo di autochiusura, con caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 30; il locale è protetto con rivelatori di incendio collegati all'impianto di segnalazione e allarme; all'esterno del locale, in prossimità della porta di accesso, sarà posizionato almeno un estintore portatile avente carica minima pari a 6 kg e capacita' estinguente non inferiore a 21A 89B; il carico di incendio deve essere limitato a 30 kg/mq Archivi e depositi di materiali combustibili con superficie fino a 50 mq Gli archivi e depositi di materiali combustibili di superficie non eccedente 50 mq, sono dotati di elementi di separazione e porte di accesso, munite di dispositivo di autochiusura, con caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 60. La superficie di aerazione naturale non è inferiore ad 1/40 della superficie in pianta; il locale è protetto con rivelatori di incendio collegati all'impianto di segnalazione e allarme; all'esterno del locale, in prossimità della porta di accesso, sarà posizionato almeno un estintore portatile avente carica minima pari a 6 kg e capacità estinguente non inferiore a 34A 144B; il carico di incendio deve essere limitato a 60 kg/mq.

9 Archivi e depositi di materiali combustibili con superficie superiore a 50 mq Gli archivi e depositi di materiali combustibili di superficie superiore a 50 mq (e comunque inferiore a 500 mq), sono dotati di elementi di separazione e porte di accesso, munite di dispositivo di autochiusura, con caratteristiche di resistenza al fuoco almeno REI 90. La superficie di aerazione naturale non è inferiore ad 1/40 della superficie in pianta; il locale è protetto con rivelatori di incendio collegati all'impianto di segnalazione e allarme; all'interno del locale sarà posizionato un congruo numero di estintori portatili aventi carica minima pari a 6 kg e capacità estinguente non inferiore a 34A 144B; il carico di incendio deve essere limitato a 60 kg/mq Autorimesse Non previste. 9. SERVIZI TECNOLOGICI 9.1. Impianti di produzione di calore Non previsti Impianti di condizionamento e ventilazione In tutti gli ambienti è previsto il ripristino del sistema di condizionamento esistente del tipo ad espansione diretta (inverno/estate). Nei servizi igienici è previsto un impianto di estrazione aria viziata Impianti elettrici Gli impianti elettrici sono progettati nel rispetto delle norme CEI e delle varie leggi vigenti, tra cui la legge n. 186 del 1/3/1968 e la DM 37/2008. Tali impianti sono realizzati nel rispetto delle norme CEI 64/8 e 81/1. L edificio inoltre è munito di un pulsante di emergenza, posto al piano rialzato in posizione segnalata e facilmente accessibile (ingresso ad angolo tra via Nicolai e piazza Cesare Battisti), che permette di togliere tensione all impianto elettrico di tutto il fabbricato. Con riferimento al punto 9.3.1, lettera d, dell allegato al DM 22/02/2006 (Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici) si precisa quanto segue. I circuiti terminali destinati ad alimentare prese o apparecchi di illuminazione sono realizzati con cavo N07G9-K e quindi di tipo LS0H (Low Smoke Zero Halogen, cavi a bassa emissione di fumo e senza alogeni), anche se installati in tubo incassato in struttura non combustibile (tipo a1 ai sensi dell art della Norma CEI 64-8/7). I circuiti di distribuzione sono realizzati con cavo FG7(O)R in canale metallico con grado di protezione IP4X (tipo a2 ai sensi dell art della Norma CEI 64-8/7) in controsoffitti o

10 9 pavimenti sopraelevati (formato da pannelli incombustibili non REI) con rivelatori di incendio all interno degli stessi, e quindi equivalente alla conduttura di tipo a1 (art della Norma CEI 64-8/7). Sarà previsto un impianto di illuminazione di sicurezza, realizzato con organi illuminanti autoalimentati, secondo le indicazione della Norma UNI 1838, tenendo presente che l attività nell edificio prosegue oltre l imbrunire nei mesi invernali. Inoltre: l alimentazione di sicurezza dovrà essere ad interruzione breve (< 0,5 s); il dispositivo di carica degli accumulatori deve essere di tipo automatico e tale da consentire la ricarica completa entro 12 h; l autonomia dell alimentazione di sicurezza deve consentire lo svolgimento in sicurezza del soccorso per il tempo necessario; in ogni caso non dovrà essere minore di 120 min; gli apparecchi per l illuminazione di sicurezza posti in corrispondenza delle vie di fuga dovranno essere serigrafati con simbologia da concordare con la D.LL.; è monitorata in automatico la verifica dell illuminazione di sicurezza mediante sistema centralizzato remoto. 10. MEZZI ED IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Estintori Saranno posizionati, all interno dell edificio in esame, come richiesto dalle normative in materia di protezione antincendio, un numero sufficiente di estintori, uno ogni 200 mq, a polvere da 6 kg del tipo approvato per fuochi delle classi A e B, con capacità estinguente non inferiore a 55A-233B, di tipo approvato dal Ministero dell Interno, per un totale di n.32 estintori in tutto l edificio. Sarà, inoltre, previsto il posizionamento estintori a CO 2 all interno dei vani tecnici previsti per i quadri elettrici di piano Impianti di estinzione incendi L'impianto antincendio ad idranti, le cui caratteristiche sono riportate nelle relative tavole di disegno allegate, è stato dimensionato secondo quanto richiesto dal D.M. 26/8/92 e dalla UNI con riferimento alla protezione di aree di livello 2(B.2.3.2) e UNI EN 12845: L impianto è stato dimensionato per la contemporaneità di una montante come richiesto dalla norma e secondo i seguenti dati di calcolo: Portata per montante: 360 l/min Portata per idrante: 120 l/min; Pressione minima residua all'idrante idraulicamente più sfavorito di 1.5 bar. Autonomia: 60 minuti; Distanza max dalla cassetta idrante ad ogni punto dell area protetta: 20 m Le caratteristiche della centrale antincendio saranno le seguenti: Portata gruppo di pressione = 48 mc/h Prevalenza gruppo di pressione = 7,5 bar

11 10 Riserva idrica pari a l > 320 l/min x 60 min = l L alimentazione elettrica del gruppo di pressione sarà realizzata da linea dedicata posta a monte del contatore ENEL e protetta con interruttore a fusibili. Dal quadro elettrico del gruppo di pressione sarà realizzata una linea elettrica di rimando in locale presidiato, dotata di segnalatore ottico-acustico, per allarme mancanza alimentazione elettrica gruppo di pressione antincendio. La centrale antincendio è posta in proprio locale tecnico, dotato di adeguata aerazione. All interno della centrale è installato il gruppo di pressurizzazione a norme UNI EN 12845: 2005 costituito da una elettropompa principale ed una pompa pilota. La riserva antincendio avente la capacità utile di 24 mc sarà completa di tutti gli accessori richiesti dalle norme. Le tubazioni sono, laddove necessario, protette opportunamente contro il gelo, urti e fuoco e disposte come a disegno. Sulla rete sono state posizionate delle valvole di sezionamento disposte come a disegno, al fine di evitare di mettere fuori servizio l impianto durante i lavori di manutenzione e/o riparazioni. Gli idranti UNI 45 sono alloggiati in cassette complete di lancia e manichetta e disposti come a disegno. Infine è previsto n 1 gruppo uni 70 per attacco motopompa VVF ubicato in posizione facilmente accessibile ai mezzi di soccorso e posto in adiacenza all ingresso di Via Crisanzio. 11. IMPIANTI DI RIVELAZIONE, SEGNALAZIONE E ALLARME Generalità In tutte le aree dell edificio è prevista l'installazione di: segnalatori di allarme incendio del tipo a pulsante manuale opportunamente distribuiti ed ubicati, in ogni caso, in prossimità delle uscite; impianto fisso di rivelazione e segnalazione automatica degli incendi in grado di rilevare e segnalare a distanza un principio d'incendio Caratteristiche Il progetto prevede la realizzazione di un impianto di rivelazione fumi realizzato in conformità alle norme vigenti e dotato di rivelatori ottici di fumo da soffitto, pulsanti di allarme ed avvisatori acustici e luminosi. 12. SISTEMA DI ALLARME I locali in oggetto sono muniti di un sistema di allarme acustico e luminoso (completo di alimentazione di sicurezza) in grado di avvertire il personale presente in caso di pericolo. I comandi di tale impianto sono distribuiti in posizione facilmente accessibile all interno del fabbricato.

12 SEGNALETICA DI SICUREZZA La segnaletica antincendio ed antinfortunistica sarà conforme a quanto stabilito dalla vigente normativa ed in particolare dal D.L. 9 aprile 2008, n. 81.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI UFFICI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI UFFICI Convegno I.S.A. 13 Marzo 2008 LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI UFFICI Aspetti peculiari del DM 22 febbraio 2006 1 Ambito di applicazione del D.M. 22/02/06 Si applica agli edifici e locali destinati ad uffici

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE UNIVERSITA PISA SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE PISA, 28/03/2015 Dr Ing Fabio Bernardi Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell Interno 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO

CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO CITTA DI TORINO PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME ANTINCENDIO DELLA SCUOLA MEDIA B. CROCE corso Novara 26 - Torino RICHIESTA DI ESAME PROGETTO AI FINI DEL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE INDICE 1) Premessa 2) Progetto edilizio 3) verifica norme antincendio 4) Attività 91 5) Mezzi ed impianti fissi di estinzione 6) Segnaletica di sicurezza 1 REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO SEDE

Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO SEDE Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 LETTERA CIRCOLARE -AL SIG. VICE CAPO DIPARTIMENTO VICARIO -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006)

UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (D.M. 22/02/2006) UFFICI: LA NUOVA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (DM 22/02/2006) Michele Messina Consulente di sicurezza Vice Presidente AIPROS Nell ultimo decennio, in epoca postindustriale, il settore dei servizi ha

Dettagli

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2/03/2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI D.P.R. 1 Agosto 2011 n. 151 D.M.I. 27 Luglio 2010 SCUOLA MATERNA "SORELLE AGAZZI" VIA DON SILVIO CUCINOTTA N. 8 98042 - PACE DEL MELA (ME) Data : 08/05/2012 Pag.

Dettagli

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Milano, aprile 2012 Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Con la circolare n. 1324 del 07 febbraio 2012, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha aggiornato le linee Guida per l'installazione degli

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero dell interno 26 agosto 1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 16 settembre 1992) IL MINISTRO DELL INTERNO Vista

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia Decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO INDICE 1- GENERALITA...2 2- RETI DI ADDUZIONE DELL ACQUA...3 3- RETI DI SCARICO SERVIZI IGIENICI...5 4- IMPIANO IDRICO ANTINCENDIO...6 5- RETI DI IDRANTI...6 6- IMPIANTI FISSI DI RILEVAZIONE INCENDI...7

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M.

TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M. TESTO COORDINATO E COMMENTATO UFFICI D.M. 22 febbraio 2006 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto Corso di specializzazione in prevenzione incendi ai sensi della Legge 818/1984 e del D.M. 25/3/1985 MODULO C Tecnologie dei materiali e delle strutture

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA SISTEMAZIONE ANTINCENDIO La presente relazione si riferisce, in relazione alle attuali normative antinfortunistiche e di prevenzione incendi,

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere, con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a COMUNE DI CAMPOGALLIANO Piazza V. Emanuele II, 1 41011 CAMPOGALLIANO (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA

enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a COMUNE DI CAMPOGALLIANO Piazza V. Emanuele II, 1 41011 CAMPOGALLIANO (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA enerpl s o c i e t à d i i n g e g n e r i a n S.r.l. COMUNE DI CAMPOGALLIANO Piazza V. Emanuele II, 1 41011 CAMPOGALLIANO (MO) RELAZIONE DESCRITTIVA OPERE EDILI OPERE DA IDRAULICO OPERE DA ELETTRICISTA

Dettagli

ANTEPRIMA. NEWS Milano Via Grandi, 29 20090 Vimodrone (MI) Tel. 0039 02 250 341. Prevenzione incendi: novità per gli uffici. periodico di informazione

ANTEPRIMA. NEWS Milano Via Grandi, 29 20090 Vimodrone (MI) Tel. 0039 02 250 341. Prevenzione incendi: novità per gli uffici. periodico di informazione ANTEPRIMA del Gruppo Silaq Anno 4 n 2 - Settembre 2006 NEWS Milano Via Grandi, 29 20090 Vimodrone (MI) Tel. 0039 02 250 341 periodico di informazione Torino Via Chambery, 119 10142 Torino (TO) Tel. 0039

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere Capitolo V 6 REGOLE TECNICHE VERTICALI ricettive turistico - alberghiere Scopo e campo di applicazione...2 Classificazioni...2 Profili di rischio...3 Strategia antincendio...3 Vani degli ascensori..6 Capitolo

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli