Informatica Trentina S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica Trentina S.p.A."

Transcript

1 Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo socio-sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Alessandro Lui Sviluppo Sistema Informativo Trentino Roma, 11 maggio 2011

2 Agenda La Società e il modello di servizio ICT Le azioni per l integrazione socio-sanitaria: il Fascicolo Socio-Sanitario Elettronico (FSSE) La strategia realizzativa La Cartella Clinica del Cittadino (TREC) L infrastruttura tecnologica SPCoop-Icar La metodologia adottata del Program & Portfolio Management 2

3 La Società e il modello di servizio ICT: il contesto Il contesto territoriale cittadini ~ Kmq (ca 82 persone/kmq) > 90% territorio montuoso (20% sopra 2.000m, 10% sotto 500m) 1 Provincia autonoma 217 Comuni, solo 5 con più di abitanti 1 Azienda sanitaria: 13 distretti - 7 ospedali 16 Enti gestori delle politiche sociali (15 Comprensori/ Comunità di valle, Comune di Trento) altri enti pubblici 3

4 La Società e il modello di servizio ICT: il contesto L autonomia del Trentino Grazie allo Statuto di Autonomia, approvato la prima volta nel 1948 e rinnovato nel 1972, la Provincia di Trento gode di ampie autonomie legislative ed esecutive. Nel quadro delle funzioni di autogoverno, il Piano di Sviluppo Provinciale è il documento di legislatura con cui la Giunta provinciale determina gli obiettivi e delinea gli interventi per lo sviluppo del Trentino. Per la legislatura attuale esso individua tra i principali ambiti di intervento quelli a sostegno dello sviluppo delle tecnologie informatiche e della comunicazione, per favorire la partecipazione non discriminata dell intera popolazione alla società dell informazione. 4

5 Il modello provinciale dei servizi ICT: i fattori abilitanti Centro Servizi Territoriale rappresenta il front-office dei servizi verso le PA favorisce la cooperazione applicativa di funzioni consente la centralità dell interscambio dei dati facilita l accesso ai servizi per i cittadini e le imprese continuità di servizio 24x7 sicurezza informatica, Business Continuity misure di servizio (KPI, SLA management) Customer Service Desk Software come servizio applicativo applicazioni come servizio accesso al catalogo dei servizi (portafoglio) elaborazioni specialistiche e accesso ai dati consulenza e formazione change management 5

6 Il modello provinciale dei servizi ICT: i fattori abilitanti Rete Provinciale di TLC disponibilità su tutto il territorio di una rete di telecomunicazione, con dorsali e punti terminali in fibra ottica disponibilità di oltre punti di 700 siti con terminazioni wi-fi più di sedi di utenza collegate alla rete connessi alle terminazioni in fibra circa il 30% dei Comuni con throughput di 100 MB ed i rimanenti in connessione wireless con throughput tra 2 e 10 MB Data Center provinciale più di 300 sistemi centrali gestiti, multipiattaforme, più di postazioni di lavoro collegate e gestite da remoto circa 20 Terabyte di storage organizzazione consolidata, presidio continuo 6

7 Il modello provinciale dei servizi ICT: i fattori abilitanti Carta Provinciale dei Servizi Il progetto ha l obiettivo di rendere fruibili on-line i servizi della PA provinciale tramite un unico strumento per l accesso in grado di garantire l autenticazione forte del cittadino in rete. A tale scopo la PAT ha sottoscritto l accordo con l Agenzia delle Entrate per l emissione di un unica carta in grado di assolvere alle seguenti funzioni: Tessera Sanitaria Tessera Europea di Assicurazione Malattia Codice Fiscale CNS per l accesso ai servizi della PA in rete Il progetto prevede: la gestione delle circa carte distribuite a partire da febbraio 2011 realizzazione e gestione del portale unico per l accesso ai servizi erogati dagli enti della PA locale negli ambiti: salute, lavoro, scuola, tributi, politiche abitative, ecc. l erogazione dei servizi di call center per i cittadini e di help desk per operatori di sportello 7

8 Agenda La Società e il modello di servizio ICT Le azioni per l integrazione socio-sanitaria: il Fascicolo Socio-Sanitario Elettronico (FSSE) La strategia realizzativa La Cartella Clinica del Cittadino (TREC) L infrastruttura tecnologica SPCoop-Icar La metodologia adottata del Program & Portfolio Management 8

9 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Le politiche per la salute in Trentino Le politiche di tutela della salute in provincia di Trento (legge provinciale n. 16/2010 di riforma del servizio sanitario) si fondano sui principi di: salute intesa nel senso ampio di benessere, da perseguire mediante un approccio complessivo alle relative problematiche centralità e partecipazione del cittadino valorizzazione del ruolo svolto da MMG/PLS, RSA, strutture accreditate, farmacie e terzo settore integrazione socio-sanitaria a partire da alcune aree prioritarie (materno-infantile, disabilità, dipendenze, anziani, salute mentale) mediante: introduzione della Direzione socio-sanitaria nell Azienda Provinciale dei Servizi Sanitari; costituzione dei punti unici di accesso; istituzione del fondo per l assistenza integrata; individuazione di percorsi terapeutici e di sostegno; percorsi di formazione unitari socio-sanitari. Punto unico di accesso Ambito sanitario Ambito sociale 9

10 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria I numeri del sistema sanitario trentino cittadini 1 Azienda sanitaria: 13 distretti - 7 ospedali 475 MMG/PLS 138 Farmacie 93 Strutture accreditate 7 strutture ospedaliere 12 strutture di specialistica e diagnostica 55 RSA 7 strutture termali 6 centri di riabilitazione 3 altre 101 associazioni del volontariato operanti nel settore sanitario 10

11 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Iniziative per lo sviluppo del sistema di ehealth in provincia di Trento SISTEMI CLINICI DEGLI ENTI EROGATORI Evoluzione e integrazione del sistema informativo clinico dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS): specialistica, diagnostica, ricoveri, pronto soccorso, Sistema informativo territoriale. Supporto alla realizzazione dei sistemi informativi delle RSA con utilizzo di funzioni del Sistema informativo ospedaliero dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari SVILUPPO DELLA RETE DEI SOGGETTI DELLA SANITÀ PROVINCIALE Interconnessione telematica e interoperabilità applicativa tra Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari e MMG/PLS, RSA, enti convenzionati per la condivisione di dati anagrafici e sanitari e l integrazione dei processi di assistenza e cura (AMPERE) FASCICOLO SANITARIO TRENTINO Costituzione di un sistema di raccolta di dati e documenti digitali di tipo sanitario generati da eventi clinici riguardanti l assistito (FAScicolo sanitario TREntino FASTRE) CENTRALITÀ DEL CITTADINO NELLA TUTELA DELLA SALUTE Introduzione di un portale internet che fornisce ai cittadini servizi on-line per consultare, condividere e aggiornare i propri dati sanitari (Cartella Clinica del Cittadino TREC) 11

12 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il sistema di ehealth in provincia di Trento Operatore sanitario Sistema informativo clinico APSS Cittadino 12 Emergenza Ricoveri Diagnostica Specialistica Territorio Altri FAScicolo sanitario TREntino (FASTRE) Piattaforma provinciale di interoperabilità (AMPERE) Cartella clinica del cittadino (TREC) MMG/PLS RSA 118 Farmacie Ospedali accreditati Terme Altri

13 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il sistema di ehealth in provincia di Trento SI CLINICO APSS* FASTRE FAScicolo sanitario TREntino* Contiene referti ( documenti): Laboratorio Radiologia PS Anatomia Lettere dimissione Referti ambulat Consulenze Gastro, oncologia Accessi 2010: (10.000/gg) Sistema informativo clinico APSS Emergenza Ricoveri Diagnostica Specialistica Territorio FAScicolo sanitario TREntino Piattaforma provinciale di interoperabilità (AMPERE) Altri 3600 utenti Attività più significative 2010: ricoveri accettazioni PS referti ambulatoriali ricette elettroniche prenotazioni ricovero consulenze interne richieste, order entry Cartella clinica del cittadino (TREC) Evoluzioni previste: Prescrizione elettronica Patient summary MMG/PLS RSA 118 Farmacie Ospedali accreditati Terme Altri TREC 500 utenti pilota MMG/PLS e RSA* medici (MMG/PLS; RSA) 397 su 524 (76%) assistiti Ampere su (84%) consensi referti Ampere prescrizioni specialistiche (con prestazioni) STRUTTURE ACCREDITATE* Connesso il 50% delle strutture Da fine 2011 estensione a tutti i cittadini trentini * Dati a fine agosto

14 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Le politiche sociali in provincia di Trento Nel disegnare un sistema di politiche sociali in grado di assicurare una risposta unitaria agli stati di bisogno, di migliorare la qualità dei servizi offerti e di valorizzare un elemento di forza del sistema trentino, la legge provinciale 13/2007 riforma il settore prevedendo: il trasferimento agli Enti locali (15 Comprensori/Comunità di valle, Comune di Trento) delle competenze in materia di assistenza e beneficenza pubblica, prima esercitate su delega della Provincia l attribuzione alla Provincia delle funzioni di pianificazione e controllo la partecipazione del cittadino alle fasi di programmazione, gestione e valutazione degli interventi socio-assistenziali il coinvolgimento dei privati non-profit e profit nell erogazione dei servizi garantendo qualità e diritti dei cittadini (accreditamento, livelli essenziali delle prestazioni) l integrazione delle politiche, in particolare socio-sanitaria, per una presa in carico unitaria del cittadino 14

15 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria I numeri delle politiche sociali in trentino 16 Enti gestori (15 Comprensori/Comunità di valle, Comune di Trento) circa 200 assistenti sociali presso gli Enti gestori 107 soggetti del privato sociale erogatori di servizi alla persona 261 associazioni del volontariato 91 associazioni operanti nel settore assistenziale 170 associazioni operanti nel settore educativo/formativo 15

16 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Linee di evoluzione dell ICT per le politiche sociali SISTEMI INFORMATIVI DI SETTORE Sviluppo e integrazione dei sistemi informativi di gestione dell attività nell ambito sociale, in particolare: Cartella sociale informatizzata: sistema di gestione degli interventi di servizio sociale professionale tenuto e aggiornato dagli assistenti sociali. Costituisce un primo nucleo di fascicolo sociale elettronico Anagrafe dei servizi sociali e socio-sanitari: sistema per la rilevazione dei servizi del terzo settore operanti sul territorio provinciale che fruiscono di finanziamenti diretti o indiretti da parte della PAT SVILUPPO DELLA RETE DEGLI ATTORI DELLE POLITICHE SOCIALI Interconnessione telematica e interoperabilità applicativa tra enti gestori (Comprensori/Comunità di valle, Comune di Trento), enti erogatori e Provincia per la condivisione dei dati assistenziali e l integrazione dei processi di erogazione dei servizi alla persona GOVERNO DELLE POLITICHE SOCIALI Costruzione di strumenti a supporto della PAT nella programmazione e l indirizzo delle politiche sociali sul territorio provinciale, la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni, l autorizzazione e l accreditamento degli erogatori, la valutazione della qualità dei servizi 16

17 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il sistema informativo delle politiche sociali Cittadino Operatore sociale Piattaforma di interoperabilità (CSS) Governo Politiche sociali 17 Muoversi Cartella sociale informatizzata Gestionale amministrativo Anagrafe servizi sociali Gestionale Ente erogatore Teleassistenza Contact center Ambient Assisted Living Altri Nucleo di Fascicolo Sociale Elettronico

18 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il modello per l integrazione socio-sanitaria Ambito sanitario Ambito sociale S.I. clinico APSS Cittadino Emergenza Ricoveri Diagnostica Specialistica Territorio Altri Cartella sociale informatizzata Gestionale amministrativo Anagrafe servizi sociali Gestionale Ente erogatore Teleassistenza Contact center Ambient Assisted Living Muoversi Altri FAScicolo sanitario TREntino Piattaforma provinciale di interoperabilità (AMPERE) Cartella clinica del cittadino (TREC) Piattaforma di interoperabilità (CSS) Piattaforma di interoperabilità socio-sanitaria (CSS) Governo Politiche sociali Operatore sanitario Operatore sociale 18 Servizio 1 Servizio 2 Servizio N MMG/PLS RSA 118 Farmacie Ospedali accreditati Terme Altri... Servizi applicativi d ambito socio-sanitario

19 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Cartella socio-sanitaria (CSS) i quattro scenari analizzati Teleassistenza Centro diurno Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD) Ambito sanitario Ambito sociale Ciascun scenario comprende la filiera delle attività volte alla: Richiesta: fase conoscitiva, valutativa e decisionale, elaborazione del progetto di intervento Attivazione ed erogazione: formalizzazione del contratto di erogazione, attuazione del contratto Gestione amministrativa: verifica, rendicontazione e aggiornamento dei vincoli contrattuali 19

20 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria CSS Scenario RSA un esempio 1 Laura si rivolge al servizio sociale ed effettua degli CSS esprime una richiesta Scenario incontri di RSA di aiuto per la madre non più autosufficiente. Chiede l inserimento in RSA 2 L assistente valutazione con Laura, con i familiari e/o con il MMG 3 Insieme decidono di procedere all attivazione dell UVM 4 Commissione UVM 5 Sulla base della valutazione UVM viene attivato e erogato il servizio RSA ACCESSO INTERVENTO PROFESSIONALE ATTIVAZIONE UVM UVM RSA Politiche Sociali APSS Politiche Sociali + APSS Enti erogatori 20

21 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il Fascicolo socio-sanitario elettronico (FSSE) Ambito sanitario Ambito sociale Cittadino FSE FSoE Operatore sanitario Servizio 1 Piattaforma di interoperabilità socio-sanitaria (CSS) Servizio 2 FSSE... Servizio N Operatore sociale 21

22 Agenda La Società e il modello di servizio ICT Le azioni per l integrazione socio-sanitaria: il Fascicolo Socio-Sanitario Elettronico (FSSE) La strategia realizzativa La Cartella Clinica del Cittadino (TREC) L infrastruttura tecnologica SPCoop-Icar La metodologia adottata del Program & Portfolio Management 22

23 La strategia realizzativa La realizzazione dell integrazione socio-sanitaria e, in particolare, del Fascicolo socio-sanitario elettronico in provincia di Trento per le componenti tecniche e progettuali, ha alcuni assi portanti: valorizzazione e diffusione della Cartella Clinica del Cittadino (TreC) quale strumento per rafforzare il ruolo del paziente nel processo di cura e tutela della propria salute; consolidamento dell infrastruttura abilitante di cooperazione applicativa basata sugli standard SPCoop-ICAR; gestione del complesso delle iniziative attraverso strutturate azioni di Program & Portfolio Management. 23

24 La strategia realizzativa - TreC Il ruolo del cittadino La prospettiva di sviluppo individua una piattaforma di servizi di e- care pervasivi (TreC - Cartella Clinica del Cittadino) che supporta: il cittadino nella gestione della propria salute e cura le istituzioni socio-sanitarie nell erogazione di nuovi modelli di servizi OGGI: TreC in esercizio in versione pilota per circa 500 utenti FINE 2011: TreC a regime potenzialmente per tutti i cittadini trentini 24

25 La strategia realizzativa - TreC Cittadino TREC BASE Integrazione con sistemi informativi sanitari per accesso online a referti, lettere dimissione Inserimento osservazioni personali (calendario, agenda, attività fisica, dieta, ecc.) + integrazione con CSS Servizio 1 + integrazione con Carta Provinciale dei Servizi Piattaforma di interoperabilità socio-sanitaria (CSS) Servizio 2... MODULI TREC SPECIFICI Sistemi a supporto della selfcare e gestione condivisa con operatori sanitari (es. diario, questionari, misura dei parametri vitali, moduli formativi-informativi, messaggistica sicura): diabete, scompenso cardiaco, asma, post-operatorio Alert/reminder (es. interazione farmaci, meteo pollini, ecc.) Sistemi a supporto della Servizio N gestione famigliare condivisa (es. anziani) 25

26 La strategia realizzativa SPCoop-Icar L integrazione socio-sanitaria si basa su un modello organizzativo che consenta a strutture afferenti a domini amministrativi diversi la gestione sinergica degli eventi sanitari e socio-assistenziali della vita del cittadino. Tale modello si realizza su una infrastruttura di cooperazione applicativa, in corso di dispiegamento, coerente con gli standard SPCoop-Icar: Architettura SOA (Service Oriented Architecture) Diversi sistemi/organizzazioni presentano e scambiano i propri dati e servizi attraverso: la Porta di Dominio La busta di e-gov Amm. PD D Amm. PD D SOAP BUSTA egov Fase 1 : Messa a Disposizione Porta di Dominio PDD Amministrazione Richiedente Fase 3 : Coordinament o SOAP Orchestrator e WS- BPEL SOAP SOAP Registr o SICA Fase 4 : Pubblicazione Fase 2 : Predisposizione Fase 3 : Composizione Fase 5 : Esercizio e Manutenzione Moduli e Componenti Sistema Informativo Interno * Sistema Pubblico di Connettività 26

27 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Il contesto trentino dell e-health e, più in generale, dell e-care è caratterizzate da: numerosi sistemi informatici già operativi; numerosi interventi per la realizzazione di nuovi sistemi già avviati; intersettorialità delle iniziative; molteplicità di soggetti promotori/coinvolti (PAT, APSS, Enti locali, Enti di ricerca, cittadino ). Per indirizzare efficacemente le iniziative in atto verso l obiettivo del FSSE, sono richiesti: una pianificazione strategica (priorità, tempi, risorse) dell intero comparto; una integrazione e un coordinamento nell esecuzione delle iniziative in raccordo con gli stakeholder; un presidio costante dell evoluzione delle esigenze. 27

28 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Informatica Trentina ha perciò svolto un analisi delle iniziative in campo e di quelle da attivare nella prospettiva di delineare un piano di massima di sviluppo del Fascicolo socio-sanitario elettronico a supporto della PAT nella programmazione del comparto. I risultati raggiunti sono: il modello di riferimento per il Fascicolo socio-sanitario elettronico; la rilevazione della domanda d automazione degli ambiti sanitario, sociale e di integrazione tra essi, composta dagli interventi in atto e da quelli da attivare con le rispettive priorità realizzative; una pianificazione di massima degli interventi necessari alla costituzione e all attivazione del FSSE con l individuazione di traguardi realizzativi intermedi; una programmazione finanziaria pluriennale. 28

29 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Metodo di pianificazione della domanda di automazione Il piano degli interventi è definito assegnando a ciascuno di essi una priorità determinata in modo qualitativo, in funzione della Rilevanza, che rappresenta il contributo dato dall intervento alla realizzazione del FSSE, e della Realizzabilità, che ne indica la facilità di esecuzione tenendo conto del suo attuale stato di avanzamento e di una stima di massima della sua complessità. Priorità media Priorità alta Grado di contributo a FSSE Rilevanza PAS 2 1 SIO Priorità bassa CSI TRS 4 3 Priorità media Realizzabilità Grado di esecuzione 29

30 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Esempio: matrice delle priorità del dominio sanitario PRE Realizzazione prescrizione elettronica Rilevanza TRS TRB FID TSE SIO SIO MED Estensione SIO Interconnessione medici e strutture convenzionate DIA CPS DEM PRE MED FID TSE Firma digitale documenti clinici Tavolo sanità elettronica per FSE e PS AFS TRB Attivazione moduli base TreC IPS TRS Realizzazione e attivazione moduli specifici TreC DIA Sistema di telemonitoraggio diabete CPS Carta provinciale dei servizi Realizzabilità AFS Adeguamento architettura Fastre a standard FSE DEM Gestione documentale e conservazione IPS Interoperabilità nazionale/europea FSE 30

31 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Esempio: matrice complessiva delle priorità e dei vincoli CPS DEM Rilevanza Carta provinciale dei servizi PRE Realizzazione prescrizione elettronica Gestione documentale e conservazione SIO CSS Attivazione CSS (4 Estensione SIO scenari) GAM CSI FSS INT TRS INN SIP IPS DIA AFS FSO TRB TSE CSS FID ANS SIO ANA PUA STA PRE MED DEM CPS NSE GOV GSS SSA MED ANS STA ANA Integrazione anagrafi sociale e sanitaria PUA Infrastrutture e sistemi per PUA FID TSE TRB TRS FSS NSE SSA Interconnessione medici e strutture conv. Anagrafe dei servizi sociali e socio-sanitari Standard informativi dominio sociale Firma digitale documenti clinici Tavolo sanità elettronica FSE/PS Attivazione moduli base TreC Realizzazione e attivazione moduli specifici TreC Evoluzione Trec per accesso FSSE Realizzazione e attivazione nuovi servizi CSS Realizzazione sistema autorizzazione/accred FSO Definizione eventi fascicolo sociale IPS Interoperabilità nazionale/europea FSE CSI INN Evoluzione CSI Realizzazione nuove funzioni CSS DIA Telemonitoraggio diabete Realizzabilità GSS Governo socio-sanitario AFS SIP Nuovi S.I. politiche sociali Adeguamento architettura Fastre a standard FSE INT GOV Interconnessione attori politiche sociali e abilitazione interoperabilità Cruscotto di governo delle politiche sociali GAM Gestionali amministrativi per CdV 31

32 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Esempio: strategia realizzativa Il fascicolo socio-sanitario come strategia complessiva di servizi informativi al cittadino del servizio sanitario della Provincia Autonoma di Trento T 2 T 3 T Obiettivi di periodo Cartella clinica al cittadino (TreC) Punti unici di accesso sul territorio (attivazione organizzativa e infrastruttura tecnologica) Integrazione socio-sanitaria (processi e sistemi informativi) Supporto al governo delle politiche socio-sanitarie Fascicolo socio - sanitario al cittadino 32

33 PPM, Focus su Progetto e Portfolio Capacità di massimizzare il valore potenziale di business dell enterprise IT Gestione del Portfolio Abilita le organizzazioni a identificare e scegliere gli investimenti in grado di massimizzare il valore per il business 100% Portfolio Management Area delle opportunità perdute Project Management Project Management Assicura che le organizzazioni siano in grado di effettuare gli investimenti decisi raggiungendo i benefici attesi Capacità di realizzare i singoli progetti IT conseguendone i potenziali benefici di business 0% 100% Fonte: Gartner 33

34 il PPM, l Activity Cycle R P2 P Pipeline Livelli di maturità Scalabilità Flessibilità Define Select Execute Evaluate Visione e valore Identificazione Strategia d investimento Definizione priorità Sequenza attività Autorizzazione Start-up Organize Projects & Programs Definizione dipendenze Attribuzione risorse (2 liv) Prioritizzazione (2 liv) Monitor Projects & Programs Governance Metriche Misure di performance Lessons Learned Valutazione benefici Definizione e gestione aspettative Riferire avanzamento rispetto agli obiettivi Rendere possibile un efficace collaborazione Fonte: Gartner 34

35 il PPM Policy Management Visione Policy Management Allineamento Strategy Management Strategia Change Management Strategy Management Portfolio Management Portfolio Management Congruità Balance Capacity Program Management Priorità Program Management Integrazione Dipendenze Complessità Potenzialità Project Management Project Management Scope Costi Valore Tempi Persone Metodi, Strumenti, Training, Mentoring Fonte: Gartner 35

36 il PPM Strategico Portfolio Management Scope delle attività Tattico Source: Adapted from New York City Housing Authority Definizione dello scope di Portfolio Investimenti complessivi, benefici, ottimizzazione rischi Monitoraggio attivo delle performance di portfolio Adattamento alle modifiche dell ambiente di business Program Management Pianificazione complessiva di programma Change e risk management Coordinamento esecuzione progetti Misure dei risultati Collaborazione business / IT Project Management Attivazione Deliverable Budget Scope Pianificazione Rischi Risorse Metriche Scope delle iniziative IT Business/IT Enterprise Fonte: Gartner 36

37 Grazie per l attenzione 37

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Bologna, 12 ottobre 2010 Agenda il modello provinciale dei servizi ICT le azioni ICT per le politiche

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico. in TRENTINO

Il Fascicolo Sanitario Elettronico. in TRENTINO Trieste, 20 giugno 2014 Il Fascicolo Sanitario Elettronico in TRENTINO luciano.flor@apss.tn.it 1 e-health in P.A. di Trento anno 2014 al 3 giugno SIO APSS e ACCREDITATE Fascicolo sanitario elettronico

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Il Progetto SOLE - Sanità On LinE e gli standard Stefano Micocci e Marco Devanna CUP 2000 15 settembre 2010 SOLE-100206 Di cosa parleremo

Dettagli

Il digitale terrestre: buone pratiche a confronto

Il digitale terrestre: buone pratiche a confronto Il digitale terrestre: buone pratiche a confronto Le opportunità di integrazione della TDT con i servizi sanitari Leonardo Sartori Responsabile Sistemi Informativi Trento, 30 aprile 2010 leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

Curriculum Vitae di LEONARDO SARTORI

Curriculum Vitae di LEONARDO SARTORI Curriculum Vitae di LEONARDO SARTORI DATI PERSONALI nato a CADERZONE TERME, il 16-07-1954 PROFILO BREVE Leonardo Sartori, laureato in scienze dell informazione all Università di Pisa, dal 1978 lavora come

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Dialogo tra Ricerca, Innovazione e Sistema Sanitario. L'esperienza trentina.

Dialogo tra Ricerca, Innovazione e Sistema Sanitario. L'esperienza trentina. Dialogo tra Ricerca, Innovazione e Sistema Sanitario. L'esperienza trentina. Bolzano - 19 marzo, 2015 Giandomenico Nollo, IRCS PAT - FBK Ettore Turra, APSS Trento Progetto IRCS CONVENZIONE PAT-APSS-FBK:

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014. Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia

Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014. Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014 Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia Chiara Penello Direzione Generale Salute Il SISS Sistema Informativo Socio sanitario

Dettagli

FSE e dintorni: I modelli di evoluzione del rapporto con gli assistiti in Trentino

FSE e dintorni: I modelli di evoluzione del rapporto con gli assistiti in Trentino LE NUOVE FRONTIERE DELL INNOVAZIONE E LE LOGICHE DI CLUSTER INTER-REGIONALI PER LA SANITA DIGITALE FSE e dintorni: IL NORD-EST I modelli di evoluzione del rapporto con gli assistiti in Trentino Padova,

Dettagli

L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute

L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute Regione Liguria L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute Roma, 24 febbraio 2010 Maria Franca Tomassi La strategia Il Sistema Informativo Regionale Integrato per lo sviluppo della società dell

Dettagli

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna La comunicazione nella riorganizzazione del Servizio Sanitario Regionale. Strumenti per l accessibilità e l integrazione dei servizi sociosanitari Regione Emilia Romagna Anna Darchini Resp. Innovazione

Dettagli

IL PROGETTO AMPERSA. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento APSS: ORGANIZZAZIONE E OBIETTIVI

IL PROGETTO AMPERSA. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento APSS: ORGANIZZAZIONE E OBIETTIVI IL PROGETTO AMPERSA Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Cristiana Armaroli,Andrea Vielmetti, Ettore Turra APSS - Trento Nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali il progetto AMPERSA relativo

Dettagli

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Ministro per l innovazione e le tecnologie Tavolo Permanente Sanità Elettronica delle Regioni e delle Province Autonome UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Per un migliore e più efficiente Sistema Sanitario

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario»

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013 L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Chiara Penello Decreto Crescita 2.0 (DL 179/2012 conv. in Legge n.

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante

Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante alla costruzione di una architettura regionale e-health

Dettagli

ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni

ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni Carla Gaveglio Direttore Soluzioni Applicative per la Salute CSI Piemonte Giugno 2014 1 Contesto di riferimento 2 Contesto di riferimento

Dettagli

Il Sistema informativo a supporto dell integrated care. A cura di Fulvio Barbarito Direzione Salute e Socio Sanità (Welfare)

Il Sistema informativo a supporto dell integrated care. A cura di Fulvio Barbarito Direzione Salute e Socio Sanità (Welfare) Il Sistema informativo a supporto dell integrated care A cura di Fulvio Barbarito Direzione Salute e Socio Sanità (Welfare) Milano, 28 gennaio 2016 : che cos'è Il SISS può essere definito come l insieme

Dettagli

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Assessorato al Welfare e alle Politiche della Salute Bari, 16 luglio 2014 Il Fascicolo Sanitario Elettronico L'art. 12 del D.L. 179 del 18 ottobre

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA

I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA I flussi ed i sistemi informativi come strumento di valorizzazione e di monitoraggio del sistema di assistenza territoriale a garanzia dei LEA Vito Bavaro Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi

Dettagli

L organizzazione della privacy in APSS e il sistema dei controlli interni

L organizzazione della privacy in APSS e il sistema dei controlli interni dott. Leonardo Sartori Responsabile Servizio Sistemi Informativi Trento, 22 ottobre 2015 L organizzazione della privacy in APSS e il sistema dei controlli interni leonardo.sartori@apss.tn.it 1 Ospedale

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009 ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il modello di collaborazione Regione - Aziende Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma

Dettagli

SANITA e ICT. DISRUPTING IDEAS for FRIULI VENEZIA GIULIA. Conservatori quanto necessario, innovativi il più possibile

SANITA e ICT. DISRUPTING IDEAS for FRIULI VENEZIA GIULIA. Conservatori quanto necessario, innovativi il più possibile DISRUPTING IDEAS for FRIULI VENEZIA GIULIA Conservatori quanto necessario, innovativi il più possibile SANITA e ICT Polo Tecnologico di Pordenone, 26 giugno 2015 Fulvio Sbroiavacca direttore Divisione

Dettagli

Il modello Sicilia per la società dell Informazione

Il modello Sicilia per la società dell Informazione Il modello Sicilia per la società dell Informazione Palermo 10 luglio 2007 La Mission di Sicilia e Innovazione è stata creata per svolgere le attività infotelematiche delle Amministrazioni regionali comprese

Dettagli

Il prodotto FSE, contenuti e attori

Il prodotto FSE, contenuti e attori Il prodotto FSE, contenuti e attori Mauro Moruzzi Direttore Generale CUP 2000 Spa Bologna, 12 ottobre 2010 Il primo FSE, i tatuaggi di Ötzi Si tratta di 58 tatuaggi realizzati con carbone di legna cosparso

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

«L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN»

«L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN» «L Agenda Digitale e l interconnessione col SSN» Ing. Stefano van der Byl DIGITAL AGENDA FOR EUROPE Indicator (including breakdown and unit) for acute hospitals Broadband connection > 50Mbps (in % of hospitals)

Dettagli

Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia

Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia Edotto è il più importante progetto d informatizzazione delle strutture sanitarie a livello regionale. La Regione Puglia è tra le poche

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

FSEr: il percorso della Regione del Veneto

FSEr: il percorso della Regione del Veneto FSEr: il percorso della Regione del Veneto D R. S S A N A D I A R A C C A N E L L O S E Z I O N E C O N T R O L L I G O V E R N O E P E R S O N A L E S S R S E T T O R E S I S T E M A I N F O R M A T I

Dettagli

Fascicolo Sanitario Elettronico

Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Fascicolo Sanitario Elettronico «La roadmap e l accelerazione in atto» Ing. Stefano van der Byl Ing. Mario Ciampi Fascicolo Sanitario Elettronico 1/2 «Il FSE è l insieme

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia. Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia. Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 6 Capitolato Tecnico Allegato 6: Capitolato Tecnico Pag. 1 1 INTRODUZIONE... 5 2 DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO...6 3 OGGETTO DELLA FORNITURA... 7 4 LOTTO

Dettagli

Quali servizi per un Agenda digitale alpina

Quali servizi per un Agenda digitale alpina Quali servizi per un Agenda digitale alpina Marcello Petitta, responsabile ENEA per la Convenzione delle Alpi Con contributi di Roberto Pizzicannella e Sergio Bettotti, Provincia Autonoma di Trento Agenda

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Riforma ordinamento sanitario

Riforma ordinamento sanitario Riforma ordinamento sanitario L autonomia speciale è ancorata all accordo del 1946 Degasperi Gruber Lo statuto di autonomia del 1948 assegnava un ruolo preminente alla regione e prevedeva per la sanitàuna

Dettagli

Progetto Prenotazione on line. Roma, 12 Maggio 2011

Progetto Prenotazione on line. Roma, 12 Maggio 2011 Progetto Prenotazione on line Roma, 12 Maggio 2011 CHI È VENUTO PRIMA DI NOI HA FATTO MOLTO, MA NON HA FATTO TUTTO (Seneca) Roma, 12 Maggio 2011 Pag. 2 La storia Ha origine nel corso del 2005 dal primo

Dettagli

La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana

La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana 19 Marzo 2015 La CSE è un sistema per l acquisizione, l aggiornamento e la consultazione dei dati sanitari per semplificare l esercizio del diritto

Dettagli

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere Mariano Corso Responsabile Scientifico Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 16 ottobre 2015 Indice dei contenuti La sostenibilità

Dettagli

Progetto TreC_2 INDICE

Progetto TreC_2 INDICE Progetto TreC_2 INDICE 1 Introduzione TreC (prima fase, 2008-2011)...1 1.1 Cos è TreC prima fase (2008-2011)...1 1.2 Le caratteristiche salienti...1 1.3 Il modello concettuale...2 1.3.1 Le assunzioni...2

Dettagli

"L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario".

L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario. Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. "L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio

Dettagli

Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione

Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione Giorgio Moretti Stefano Ceccherini Roma 11 giugno 2010 Informatizzazione dei Pronto Soccorso in Italia La diffusione dell ICT in ambito di Pronto

Dettagli

ADOZIONE DEL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO

ADOZIONE DEL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO REGIONE BASILICATA ADOZIONE DEL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO DIPARTIMENTO POLITICHE DELLA PERSONA Genesi: progetto RMMG Il progetto LUMIR prende vita dal Programma generale Rete dei Medici di Medicina

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica progetto: "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Tavolo di Sanità Elettronica progetto: Rete dei centri di prenotazione - Cup on line Tavolo di Sanità Elettronica progetto: "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 28 Giugno 2011 La storia Ø Ha origine nel corso del 2005 dal primo Piano di e-government Obiettivo Programma

Dettagli

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA 1 INDICE ARCHITETTURA CONTENUTI ORGANIZZAZIONE SOGGETTI COINVOLTI RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI TECNOLOGICI 2 ARCHITETTURA

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario L'innovazione dell'ict per una Sanità che cambia Ivo Saccardo

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Massimo Re. Dipartimento interaziendale della Fragilità, ASL/AO di Lecco. Roma, 23 settembre 2015

Massimo Re. Dipartimento interaziendale della Fragilità, ASL/AO di Lecco. Roma, 23 settembre 2015 ICT applicata e interoperabilità l uso degli strumenti di VMD interrai Home Care e Palliative Care nella gestione dei percorsi di cura. L esperienza del DIFRA di Lecco. Massimo Re Dipartimento interaziendale

Dettagli

Curriculum Vitae di MAURO DALLA TORRE

Curriculum Vitae di MAURO DALLA TORRE Curriculum Vitae di MAURO DALLA TORRE DATI PERSONALI nato a, il ALDENO, 03-04-1956 PROFILO BREVE Responsabile Nucleo Gestione Esercizio del Servizio Sistemi Informativi TITOLI DI STUDIO 16-07-1981 Laurea

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1753 del 03 ottobre 2013 pag. 1

ALLEGATOA alla Dgr n. 1753 del 03 ottobre 2013 pag. 1 ALLEGATOA alla Dgr n. 1753 del 03 ottobre 2013 pag. 1 IL MODELLO Al fine di implementare quanto previsto dal presente provvedimento, per ogni MMG/PLS si rende necessario agire su i seguenti ambiti: 1.

Dettagli

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Contenuti Lombardia: un territorio fertile per l innovazione Il sostegno delle

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

ICT in sanità: il percorso del futuro

ICT in sanità: il percorso del futuro ICT in sanità: il percorso del futuro Saronno, 18 Febbraio 2009 L di Busto Arsizio I Presidi ospedalieri di: Busto Arsizio Saronno Tradate Alcuni dati dimensionali 3 Presidi Ospedalieri: Busto Arsizio,

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

Diego Conforti Provincia Autonoma di Trento, Assessorato alla Salute e Solidarietà Sociale Dipartimento Salute e Solidarietà Sociale

Diego Conforti Provincia Autonoma di Trento, Assessorato alla Salute e Solidarietà Sociale Dipartimento Salute e Solidarietà Sociale PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato alla Salute e Solidarietà Sociale Dipartimento Salute e Solidarietà Sociale I WORKSHOP NAZIONALE Diego Conforti Provincia Autonoma di Trento, Assessorato alla Salute

Dettagli

IT: strumento per la governance del sistema

IT: strumento per la governance del sistema IT: strumento per la governance del sistema M. Fregonara Medici S.C. Informatica e Telematica A.O.U. Maggiore della Carità L'evoluzione dei sistemi informativi nel contesto della continuità assistenziale.

Dettagli

Dalla carta al bit: Analisi del rischio nelle fasi di sperimentazione del Patient Summary

Dalla carta al bit: Analisi del rischio nelle fasi di sperimentazione del Patient Summary Convegno Nazionale PERCORSI DI INNOVAZIONE Parma 21-22 22 ottobre 2011 Dalla carta al bit: Analisi del rischio nelle fasi di sperimentazione del Patient Summary Nicoletta Bonora*, Aldina Gardellini**,

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

PROGETTI di E-government Area Sanità

PROGETTI di E-government Area Sanità PROGETTI di E-government Area Sanità Regione del Veneto Fabio Perina 15 dicembre 2004 Medici Di Base Cup IL ROGETTO Distretti Farmacie Repository Reparti Laboratori Sistema Accessi Gestore Eventi Comuni

Dettagli

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova Premesse 2010 Centralità del paziente Continuità delle cure Appropriatezza

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

uso significativo del FSE:

uso significativo del FSE: AGENAS POAT Salute Regione Calabria - Linea LV1 uso significativo del FSE: continuità dell assistenza per malati cronici Angelo Rossi Mori Unità Sanità Elettronica, Istituto Tecnologie Biomediche, CNR

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Gianni Commissione Nazionale FIMMG per la Telemedicina LE CURE PRIMARIE Cure Primarie

Dettagli

FORUM PA 2009. Roma 11-14 maggio

FORUM PA 2009. Roma 11-14 maggio IL PROGETTO COLLABORAZIONE TERRITORIALE ICT DI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO QUALE FATTORE DI SVILUPPO DEL SISTEMA LOCALE DELLE IMPRESE ICT Alcune testimonianze 13 maggio 2009 ore 11.30 Mauro Piffer, Andrea

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Il Fascicolo sanitario elettronico (FSE) della Provincia Autonoma di Trento TreC e ricetta elettronica: numeri di eccellenza

Il Fascicolo sanitario elettronico (FSE) della Provincia Autonoma di Trento TreC e ricetta elettronica: numeri di eccellenza Evento organizzato con il supporto e la collaborazione del progetto Mattone Internazionale COMUNICATO STAMPA Il Fascicolo sanitario elettronico (FSE) della Provincia Autonoma di Trento TreC e ricetta elettronica:

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario Integrazione dei servizi di Telemedicina con il Fascicolo Sanitario

Dettagli

PROTOCOLLO D 'INTESA tra

PROTOCOLLO D 'INTESA tra PROTOCOLLO D 'INTESA tra Comune di Firenze, con sede legale in Firenze, P.zza della Signoria, rappresentato da.., nato a il, domiciliato per la carica presso lo stesso Comune di Firenze e Azienda Ospedaliera

Dettagli

Il piano egov 2012 - obiettivo salute -

Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Ufficio Studi e progetti per l innovazione digitale Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica amministrazione e l innovazione tecnologica

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli