Informatica Trentina S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informatica Trentina S.p.A."

Transcript

1 Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo socio-sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Alessandro Lui Sviluppo Sistema Informativo Trentino Roma, 11 maggio 2011

2 Agenda La Società e il modello di servizio ICT Le azioni per l integrazione socio-sanitaria: il Fascicolo Socio-Sanitario Elettronico (FSSE) La strategia realizzativa La Cartella Clinica del Cittadino (TREC) L infrastruttura tecnologica SPCoop-Icar La metodologia adottata del Program & Portfolio Management 2

3 La Società e il modello di servizio ICT: il contesto Il contesto territoriale cittadini ~ Kmq (ca 82 persone/kmq) > 90% territorio montuoso (20% sopra 2.000m, 10% sotto 500m) 1 Provincia autonoma 217 Comuni, solo 5 con più di abitanti 1 Azienda sanitaria: 13 distretti - 7 ospedali 16 Enti gestori delle politiche sociali (15 Comprensori/ Comunità di valle, Comune di Trento) altri enti pubblici 3

4 La Società e il modello di servizio ICT: il contesto L autonomia del Trentino Grazie allo Statuto di Autonomia, approvato la prima volta nel 1948 e rinnovato nel 1972, la Provincia di Trento gode di ampie autonomie legislative ed esecutive. Nel quadro delle funzioni di autogoverno, il Piano di Sviluppo Provinciale è il documento di legislatura con cui la Giunta provinciale determina gli obiettivi e delinea gli interventi per lo sviluppo del Trentino. Per la legislatura attuale esso individua tra i principali ambiti di intervento quelli a sostegno dello sviluppo delle tecnologie informatiche e della comunicazione, per favorire la partecipazione non discriminata dell intera popolazione alla società dell informazione. 4

5 Il modello provinciale dei servizi ICT: i fattori abilitanti Centro Servizi Territoriale rappresenta il front-office dei servizi verso le PA favorisce la cooperazione applicativa di funzioni consente la centralità dell interscambio dei dati facilita l accesso ai servizi per i cittadini e le imprese continuità di servizio 24x7 sicurezza informatica, Business Continuity misure di servizio (KPI, SLA management) Customer Service Desk Software come servizio applicativo applicazioni come servizio accesso al catalogo dei servizi (portafoglio) elaborazioni specialistiche e accesso ai dati consulenza e formazione change management 5

6 Il modello provinciale dei servizi ICT: i fattori abilitanti Rete Provinciale di TLC disponibilità su tutto il territorio di una rete di telecomunicazione, con dorsali e punti terminali in fibra ottica disponibilità di oltre punti di 700 siti con terminazioni wi-fi più di sedi di utenza collegate alla rete connessi alle terminazioni in fibra circa il 30% dei Comuni con throughput di 100 MB ed i rimanenti in connessione wireless con throughput tra 2 e 10 MB Data Center provinciale più di 300 sistemi centrali gestiti, multipiattaforme, più di postazioni di lavoro collegate e gestite da remoto circa 20 Terabyte di storage organizzazione consolidata, presidio continuo 6

7 Il modello provinciale dei servizi ICT: i fattori abilitanti Carta Provinciale dei Servizi Il progetto ha l obiettivo di rendere fruibili on-line i servizi della PA provinciale tramite un unico strumento per l accesso in grado di garantire l autenticazione forte del cittadino in rete. A tale scopo la PAT ha sottoscritto l accordo con l Agenzia delle Entrate per l emissione di un unica carta in grado di assolvere alle seguenti funzioni: Tessera Sanitaria Tessera Europea di Assicurazione Malattia Codice Fiscale CNS per l accesso ai servizi della PA in rete Il progetto prevede: la gestione delle circa carte distribuite a partire da febbraio 2011 realizzazione e gestione del portale unico per l accesso ai servizi erogati dagli enti della PA locale negli ambiti: salute, lavoro, scuola, tributi, politiche abitative, ecc. l erogazione dei servizi di call center per i cittadini e di help desk per operatori di sportello 7

8 Agenda La Società e il modello di servizio ICT Le azioni per l integrazione socio-sanitaria: il Fascicolo Socio-Sanitario Elettronico (FSSE) La strategia realizzativa La Cartella Clinica del Cittadino (TREC) L infrastruttura tecnologica SPCoop-Icar La metodologia adottata del Program & Portfolio Management 8

9 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Le politiche per la salute in Trentino Le politiche di tutela della salute in provincia di Trento (legge provinciale n. 16/2010 di riforma del servizio sanitario) si fondano sui principi di: salute intesa nel senso ampio di benessere, da perseguire mediante un approccio complessivo alle relative problematiche centralità e partecipazione del cittadino valorizzazione del ruolo svolto da MMG/PLS, RSA, strutture accreditate, farmacie e terzo settore integrazione socio-sanitaria a partire da alcune aree prioritarie (materno-infantile, disabilità, dipendenze, anziani, salute mentale) mediante: introduzione della Direzione socio-sanitaria nell Azienda Provinciale dei Servizi Sanitari; costituzione dei punti unici di accesso; istituzione del fondo per l assistenza integrata; individuazione di percorsi terapeutici e di sostegno; percorsi di formazione unitari socio-sanitari. Punto unico di accesso Ambito sanitario Ambito sociale 9

10 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria I numeri del sistema sanitario trentino cittadini 1 Azienda sanitaria: 13 distretti - 7 ospedali 475 MMG/PLS 138 Farmacie 93 Strutture accreditate 7 strutture ospedaliere 12 strutture di specialistica e diagnostica 55 RSA 7 strutture termali 6 centri di riabilitazione 3 altre 101 associazioni del volontariato operanti nel settore sanitario 10

11 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Iniziative per lo sviluppo del sistema di ehealth in provincia di Trento SISTEMI CLINICI DEGLI ENTI EROGATORI Evoluzione e integrazione del sistema informativo clinico dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS): specialistica, diagnostica, ricoveri, pronto soccorso, Sistema informativo territoriale. Supporto alla realizzazione dei sistemi informativi delle RSA con utilizzo di funzioni del Sistema informativo ospedaliero dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari SVILUPPO DELLA RETE DEI SOGGETTI DELLA SANITÀ PROVINCIALE Interconnessione telematica e interoperabilità applicativa tra Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari e MMG/PLS, RSA, enti convenzionati per la condivisione di dati anagrafici e sanitari e l integrazione dei processi di assistenza e cura (AMPERE) FASCICOLO SANITARIO TRENTINO Costituzione di un sistema di raccolta di dati e documenti digitali di tipo sanitario generati da eventi clinici riguardanti l assistito (FAScicolo sanitario TREntino FASTRE) CENTRALITÀ DEL CITTADINO NELLA TUTELA DELLA SALUTE Introduzione di un portale internet che fornisce ai cittadini servizi on-line per consultare, condividere e aggiornare i propri dati sanitari (Cartella Clinica del Cittadino TREC) 11

12 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il sistema di ehealth in provincia di Trento Operatore sanitario Sistema informativo clinico APSS Cittadino 12 Emergenza Ricoveri Diagnostica Specialistica Territorio Altri FAScicolo sanitario TREntino (FASTRE) Piattaforma provinciale di interoperabilità (AMPERE) Cartella clinica del cittadino (TREC) MMG/PLS RSA 118 Farmacie Ospedali accreditati Terme Altri

13 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il sistema di ehealth in provincia di Trento SI CLINICO APSS* FASTRE FAScicolo sanitario TREntino* Contiene referti ( documenti): Laboratorio Radiologia PS Anatomia Lettere dimissione Referti ambulat Consulenze Gastro, oncologia Accessi 2010: (10.000/gg) Sistema informativo clinico APSS Emergenza Ricoveri Diagnostica Specialistica Territorio FAScicolo sanitario TREntino Piattaforma provinciale di interoperabilità (AMPERE) Altri 3600 utenti Attività più significative 2010: ricoveri accettazioni PS referti ambulatoriali ricette elettroniche prenotazioni ricovero consulenze interne richieste, order entry Cartella clinica del cittadino (TREC) Evoluzioni previste: Prescrizione elettronica Patient summary MMG/PLS RSA 118 Farmacie Ospedali accreditati Terme Altri TREC 500 utenti pilota MMG/PLS e RSA* medici (MMG/PLS; RSA) 397 su 524 (76%) assistiti Ampere su (84%) consensi referti Ampere prescrizioni specialistiche (con prestazioni) STRUTTURE ACCREDITATE* Connesso il 50% delle strutture Da fine 2011 estensione a tutti i cittadini trentini * Dati a fine agosto

14 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Le politiche sociali in provincia di Trento Nel disegnare un sistema di politiche sociali in grado di assicurare una risposta unitaria agli stati di bisogno, di migliorare la qualità dei servizi offerti e di valorizzare un elemento di forza del sistema trentino, la legge provinciale 13/2007 riforma il settore prevedendo: il trasferimento agli Enti locali (15 Comprensori/Comunità di valle, Comune di Trento) delle competenze in materia di assistenza e beneficenza pubblica, prima esercitate su delega della Provincia l attribuzione alla Provincia delle funzioni di pianificazione e controllo la partecipazione del cittadino alle fasi di programmazione, gestione e valutazione degli interventi socio-assistenziali il coinvolgimento dei privati non-profit e profit nell erogazione dei servizi garantendo qualità e diritti dei cittadini (accreditamento, livelli essenziali delle prestazioni) l integrazione delle politiche, in particolare socio-sanitaria, per una presa in carico unitaria del cittadino 14

15 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria I numeri delle politiche sociali in trentino 16 Enti gestori (15 Comprensori/Comunità di valle, Comune di Trento) circa 200 assistenti sociali presso gli Enti gestori 107 soggetti del privato sociale erogatori di servizi alla persona 261 associazioni del volontariato 91 associazioni operanti nel settore assistenziale 170 associazioni operanti nel settore educativo/formativo 15

16 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Linee di evoluzione dell ICT per le politiche sociali SISTEMI INFORMATIVI DI SETTORE Sviluppo e integrazione dei sistemi informativi di gestione dell attività nell ambito sociale, in particolare: Cartella sociale informatizzata: sistema di gestione degli interventi di servizio sociale professionale tenuto e aggiornato dagli assistenti sociali. Costituisce un primo nucleo di fascicolo sociale elettronico Anagrafe dei servizi sociali e socio-sanitari: sistema per la rilevazione dei servizi del terzo settore operanti sul territorio provinciale che fruiscono di finanziamenti diretti o indiretti da parte della PAT SVILUPPO DELLA RETE DEGLI ATTORI DELLE POLITICHE SOCIALI Interconnessione telematica e interoperabilità applicativa tra enti gestori (Comprensori/Comunità di valle, Comune di Trento), enti erogatori e Provincia per la condivisione dei dati assistenziali e l integrazione dei processi di erogazione dei servizi alla persona GOVERNO DELLE POLITICHE SOCIALI Costruzione di strumenti a supporto della PAT nella programmazione e l indirizzo delle politiche sociali sul territorio provinciale, la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni, l autorizzazione e l accreditamento degli erogatori, la valutazione della qualità dei servizi 16

17 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il sistema informativo delle politiche sociali Cittadino Operatore sociale Piattaforma di interoperabilità (CSS) Governo Politiche sociali 17 Muoversi Cartella sociale informatizzata Gestionale amministrativo Anagrafe servizi sociali Gestionale Ente erogatore Teleassistenza Contact center Ambient Assisted Living Altri Nucleo di Fascicolo Sociale Elettronico

18 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il modello per l integrazione socio-sanitaria Ambito sanitario Ambito sociale S.I. clinico APSS Cittadino Emergenza Ricoveri Diagnostica Specialistica Territorio Altri Cartella sociale informatizzata Gestionale amministrativo Anagrafe servizi sociali Gestionale Ente erogatore Teleassistenza Contact center Ambient Assisted Living Muoversi Altri FAScicolo sanitario TREntino Piattaforma provinciale di interoperabilità (AMPERE) Cartella clinica del cittadino (TREC) Piattaforma di interoperabilità (CSS) Piattaforma di interoperabilità socio-sanitaria (CSS) Governo Politiche sociali Operatore sanitario Operatore sociale 18 Servizio 1 Servizio 2 Servizio N MMG/PLS RSA 118 Farmacie Ospedali accreditati Terme Altri... Servizi applicativi d ambito socio-sanitario

19 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Cartella socio-sanitaria (CSS) i quattro scenari analizzati Teleassistenza Centro diurno Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD) Ambito sanitario Ambito sociale Ciascun scenario comprende la filiera delle attività volte alla: Richiesta: fase conoscitiva, valutativa e decisionale, elaborazione del progetto di intervento Attivazione ed erogazione: formalizzazione del contratto di erogazione, attuazione del contratto Gestione amministrativa: verifica, rendicontazione e aggiornamento dei vincoli contrattuali 19

20 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria CSS Scenario RSA un esempio 1 Laura si rivolge al servizio sociale ed effettua degli CSS esprime una richiesta Scenario incontri di RSA di aiuto per la madre non più autosufficiente. Chiede l inserimento in RSA 2 L assistente valutazione con Laura, con i familiari e/o con il MMG 3 Insieme decidono di procedere all attivazione dell UVM 4 Commissione UVM 5 Sulla base della valutazione UVM viene attivato e erogato il servizio RSA ACCESSO INTERVENTO PROFESSIONALE ATTIVAZIONE UVM UVM RSA Politiche Sociali APSS Politiche Sociali + APSS Enti erogatori 20

21 Le azioni per l integrazione socio-sanitaria Il Fascicolo socio-sanitario elettronico (FSSE) Ambito sanitario Ambito sociale Cittadino FSE FSoE Operatore sanitario Servizio 1 Piattaforma di interoperabilità socio-sanitaria (CSS) Servizio 2 FSSE... Servizio N Operatore sociale 21

22 Agenda La Società e il modello di servizio ICT Le azioni per l integrazione socio-sanitaria: il Fascicolo Socio-Sanitario Elettronico (FSSE) La strategia realizzativa La Cartella Clinica del Cittadino (TREC) L infrastruttura tecnologica SPCoop-Icar La metodologia adottata del Program & Portfolio Management 22

23 La strategia realizzativa La realizzazione dell integrazione socio-sanitaria e, in particolare, del Fascicolo socio-sanitario elettronico in provincia di Trento per le componenti tecniche e progettuali, ha alcuni assi portanti: valorizzazione e diffusione della Cartella Clinica del Cittadino (TreC) quale strumento per rafforzare il ruolo del paziente nel processo di cura e tutela della propria salute; consolidamento dell infrastruttura abilitante di cooperazione applicativa basata sugli standard SPCoop-ICAR; gestione del complesso delle iniziative attraverso strutturate azioni di Program & Portfolio Management. 23

24 La strategia realizzativa - TreC Il ruolo del cittadino La prospettiva di sviluppo individua una piattaforma di servizi di e- care pervasivi (TreC - Cartella Clinica del Cittadino) che supporta: il cittadino nella gestione della propria salute e cura le istituzioni socio-sanitarie nell erogazione di nuovi modelli di servizi OGGI: TreC in esercizio in versione pilota per circa 500 utenti FINE 2011: TreC a regime potenzialmente per tutti i cittadini trentini 24

25 La strategia realizzativa - TreC Cittadino TREC BASE Integrazione con sistemi informativi sanitari per accesso online a referti, lettere dimissione Inserimento osservazioni personali (calendario, agenda, attività fisica, dieta, ecc.) + integrazione con CSS Servizio 1 + integrazione con Carta Provinciale dei Servizi Piattaforma di interoperabilità socio-sanitaria (CSS) Servizio 2... MODULI TREC SPECIFICI Sistemi a supporto della selfcare e gestione condivisa con operatori sanitari (es. diario, questionari, misura dei parametri vitali, moduli formativi-informativi, messaggistica sicura): diabete, scompenso cardiaco, asma, post-operatorio Alert/reminder (es. interazione farmaci, meteo pollini, ecc.) Sistemi a supporto della Servizio N gestione famigliare condivisa (es. anziani) 25

26 La strategia realizzativa SPCoop-Icar L integrazione socio-sanitaria si basa su un modello organizzativo che consenta a strutture afferenti a domini amministrativi diversi la gestione sinergica degli eventi sanitari e socio-assistenziali della vita del cittadino. Tale modello si realizza su una infrastruttura di cooperazione applicativa, in corso di dispiegamento, coerente con gli standard SPCoop-Icar: Architettura SOA (Service Oriented Architecture) Diversi sistemi/organizzazioni presentano e scambiano i propri dati e servizi attraverso: la Porta di Dominio La busta di e-gov Amm. PD D Amm. PD D SOAP BUSTA egov Fase 1 : Messa a Disposizione Porta di Dominio PDD Amministrazione Richiedente Fase 3 : Coordinament o SOAP Orchestrator e WS- BPEL SOAP SOAP Registr o SICA Fase 4 : Pubblicazione Fase 2 : Predisposizione Fase 3 : Composizione Fase 5 : Esercizio e Manutenzione Moduli e Componenti Sistema Informativo Interno * Sistema Pubblico di Connettività 26

27 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Il contesto trentino dell e-health e, più in generale, dell e-care è caratterizzate da: numerosi sistemi informatici già operativi; numerosi interventi per la realizzazione di nuovi sistemi già avviati; intersettorialità delle iniziative; molteplicità di soggetti promotori/coinvolti (PAT, APSS, Enti locali, Enti di ricerca, cittadino ). Per indirizzare efficacemente le iniziative in atto verso l obiettivo del FSSE, sono richiesti: una pianificazione strategica (priorità, tempi, risorse) dell intero comparto; una integrazione e un coordinamento nell esecuzione delle iniziative in raccordo con gli stakeholder; un presidio costante dell evoluzione delle esigenze. 27

28 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Informatica Trentina ha perciò svolto un analisi delle iniziative in campo e di quelle da attivare nella prospettiva di delineare un piano di massima di sviluppo del Fascicolo socio-sanitario elettronico a supporto della PAT nella programmazione del comparto. I risultati raggiunti sono: il modello di riferimento per il Fascicolo socio-sanitario elettronico; la rilevazione della domanda d automazione degli ambiti sanitario, sociale e di integrazione tra essi, composta dagli interventi in atto e da quelli da attivare con le rispettive priorità realizzative; una pianificazione di massima degli interventi necessari alla costituzione e all attivazione del FSSE con l individuazione di traguardi realizzativi intermedi; una programmazione finanziaria pluriennale. 28

29 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Metodo di pianificazione della domanda di automazione Il piano degli interventi è definito assegnando a ciascuno di essi una priorità determinata in modo qualitativo, in funzione della Rilevanza, che rappresenta il contributo dato dall intervento alla realizzazione del FSSE, e della Realizzabilità, che ne indica la facilità di esecuzione tenendo conto del suo attuale stato di avanzamento e di una stima di massima della sua complessità. Priorità media Priorità alta Grado di contributo a FSSE Rilevanza PAS 2 1 SIO Priorità bassa CSI TRS 4 3 Priorità media Realizzabilità Grado di esecuzione 29

30 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Esempio: matrice delle priorità del dominio sanitario PRE Realizzazione prescrizione elettronica Rilevanza TRS TRB FID TSE SIO SIO MED Estensione SIO Interconnessione medici e strutture convenzionate DIA CPS DEM PRE MED FID TSE Firma digitale documenti clinici Tavolo sanità elettronica per FSE e PS AFS TRB Attivazione moduli base TreC IPS TRS Realizzazione e attivazione moduli specifici TreC DIA Sistema di telemonitoraggio diabete CPS Carta provinciale dei servizi Realizzabilità AFS Adeguamento architettura Fastre a standard FSE DEM Gestione documentale e conservazione IPS Interoperabilità nazionale/europea FSE 30

31 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Esempio: matrice complessiva delle priorità e dei vincoli CPS DEM Rilevanza Carta provinciale dei servizi PRE Realizzazione prescrizione elettronica Gestione documentale e conservazione SIO CSS Attivazione CSS (4 Estensione SIO scenari) GAM CSI FSS INT TRS INN SIP IPS DIA AFS FSO TRB TSE CSS FID ANS SIO ANA PUA STA PRE MED DEM CPS NSE GOV GSS SSA MED ANS STA ANA Integrazione anagrafi sociale e sanitaria PUA Infrastrutture e sistemi per PUA FID TSE TRB TRS FSS NSE SSA Interconnessione medici e strutture conv. Anagrafe dei servizi sociali e socio-sanitari Standard informativi dominio sociale Firma digitale documenti clinici Tavolo sanità elettronica FSE/PS Attivazione moduli base TreC Realizzazione e attivazione moduli specifici TreC Evoluzione Trec per accesso FSSE Realizzazione e attivazione nuovi servizi CSS Realizzazione sistema autorizzazione/accred FSO Definizione eventi fascicolo sociale IPS Interoperabilità nazionale/europea FSE CSI INN Evoluzione CSI Realizzazione nuove funzioni CSS DIA Telemonitoraggio diabete Realizzabilità GSS Governo socio-sanitario AFS SIP Nuovi S.I. politiche sociali Adeguamento architettura Fastre a standard FSE INT GOV Interconnessione attori politiche sociali e abilitazione interoperabilità Cruscotto di governo delle politiche sociali GAM Gestionali amministrativi per CdV 31

32 La strategia realizzativa azioni di Program & Portfolio Management Esempio: strategia realizzativa Il fascicolo socio-sanitario come strategia complessiva di servizi informativi al cittadino del servizio sanitario della Provincia Autonoma di Trento T 2 T 3 T Obiettivi di periodo Cartella clinica al cittadino (TreC) Punti unici di accesso sul territorio (attivazione organizzativa e infrastruttura tecnologica) Integrazione socio-sanitaria (processi e sistemi informativi) Supporto al governo delle politiche socio-sanitarie Fascicolo socio - sanitario al cittadino 32

33 PPM, Focus su Progetto e Portfolio Capacità di massimizzare il valore potenziale di business dell enterprise IT Gestione del Portfolio Abilita le organizzazioni a identificare e scegliere gli investimenti in grado di massimizzare il valore per il business 100% Portfolio Management Area delle opportunità perdute Project Management Project Management Assicura che le organizzazioni siano in grado di effettuare gli investimenti decisi raggiungendo i benefici attesi Capacità di realizzare i singoli progetti IT conseguendone i potenziali benefici di business 0% 100% Fonte: Gartner 33

34 il PPM, l Activity Cycle R P2 P Pipeline Livelli di maturità Scalabilità Flessibilità Define Select Execute Evaluate Visione e valore Identificazione Strategia d investimento Definizione priorità Sequenza attività Autorizzazione Start-up Organize Projects & Programs Definizione dipendenze Attribuzione risorse (2 liv) Prioritizzazione (2 liv) Monitor Projects & Programs Governance Metriche Misure di performance Lessons Learned Valutazione benefici Definizione e gestione aspettative Riferire avanzamento rispetto agli obiettivi Rendere possibile un efficace collaborazione Fonte: Gartner 34

35 il PPM Policy Management Visione Policy Management Allineamento Strategy Management Strategia Change Management Strategy Management Portfolio Management Portfolio Management Congruità Balance Capacity Program Management Priorità Program Management Integrazione Dipendenze Complessità Potenzialità Project Management Project Management Scope Costi Valore Tempi Persone Metodi, Strumenti, Training, Mentoring Fonte: Gartner 35

36 il PPM Strategico Portfolio Management Scope delle attività Tattico Source: Adapted from New York City Housing Authority Definizione dello scope di Portfolio Investimenti complessivi, benefici, ottimizzazione rischi Monitoraggio attivo delle performance di portfolio Adattamento alle modifiche dell ambiente di business Program Management Pianificazione complessiva di programma Change e risk management Coordinamento esecuzione progetti Misure dei risultati Collaborazione business / IT Project Management Attivazione Deliverable Budget Scope Pianificazione Rischi Risorse Metriche Scope delle iniziative IT Business/IT Enterprise Fonte: Gartner 36

37 Grazie per l attenzione 37

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli