L ACCORDO DI INTEGRAZIONE ED IL TEST DI LINGUA. PARTE I - Il test di lingua italiana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ACCORDO DI INTEGRAZIONE ED IL TEST DI LINGUA. PARTE I - Il test di lingua italiana"

Transcript

1 L ACCORDO DI INTEGRAZIONE ED IL TEST DI LINGUA PARTE I - Il test di lingua italiana

2 Il test di lingua italiana Nel caso in cui lo straniero che richiede il permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo non sia in possesso di: attestati o titoli che certifichino la conoscenza della lingua italiana ad un livello non inferiore al livello A2 del QCER, titoli di studio o titoli professionali (diploma di scuola secondaria italiana di primo o secondo grado oppure certificati di frequenza relativi a corsi universitari, master o dottorati) attestazione che lo straniero è entrato in Italia secondo quanto previsto dal Testo Unico e svolge una delle attività indicate nelle disposizioni del Testo Unico ai sensi dell art. 27, comma 1, lettere a), c), d), e) e q) dovrà sostenere un test di conoscenza della lingua italiana (livello A2 del Quadro Comune di Riferimento Europeo)

3 Il test di lingua italiana per permessi di soggiorno di lungo periodo La normativa di riferimento Quadro normativo europeo per la conoscenza delle lingue approvato dal Consiglio d'europa; Articoli 16 e 17, D.P.R. 31 agosto 1999, n. 394, recante le norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e le norme sulla condizione dello straniero (art. 1, comma 6, D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286); Comma 2-bis, art. 9, D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, introdotto dall'art. 1, comma 22, lettera i), L. 15 luglio 2009, n. 94; Decreto del Ministro dell Interno 4 giugno 2010; Accordo-quadro Ministero dell Interno MIUR del novembre del 2010.

4 Le fasi del procedimento Straniero PRESENTAZIONE DOMANDA Prefettura GESTIONE CONVOCAZIONE PER IL TEST Prefettura - Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti SVOLGIMENTO E GESTIONE ESITO TEST Questura VERIFICA ESITO TEST PER IL RILASCIO DEL PERMESSO Ce

5 I soggetti coinvolti Prefetture Stranieri richiedenti Enti di certificazione Test di lingua italiana Questure Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Consigli Territoriali

6 Il procedimento 1 Lo straniero accede all indirizzo del Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione 2 Lo straniero inserisce la richiesta di sostenere il test e i dati personali 4 - Le Prefetture gestiscono le richieste di test: effettuano i controlli fissano l appuntamento inviano la lettera di convocazione allo straniero 5 Lo straniero svolge il test presso i Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti 6 - Le Prefetture inviano l esito del test alle Questure ai fini del rilascio del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo 3 Lo straniero effettua l inoltro telematico della domanda

7 Le fasi operative: la convocazione Presentazione richiesta partecipazione al Test Domanda Test di Italiano 1 - Lo straniero presenta, tramite modalità telematica, la richiesta di partecipazione al test di conoscenza della lingua Richiesta di rettifica Inammissibile NO Controllo dei requisiti Esito positivo? SI Convocazione per il Test 2 - La Prefettura competente (in base al domicilio del richiedente) acquisisce la domanda presentata ed effettua i seguenti controlli: età superiore ai 14 anni, possesso del permesso di soggiorno, assenza di altra prenotazione o superamento del test 3 - Se i controlli sono positivi, entro 60 giorni dalla richiesta, la Prefettura invita con una lettera di convocazione all indirizzo indicato nella richiesta, lo straniero allo svolgimento del Test Lettera di convocazione 4 - Se i controlli non sono positivi, la Prefettura invia una lettera al richiedente per la richiesta di rettifica delle informazioni e rinvio della domanda.

8 Sono registrati nella banca dati del Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Vengono inviati alle Questure I risultati del test Possono essere consultati dallo straniero sul web all indirizzo:

9 Le fasi operative: il test Lettera di convocazione Svolgimento del test di italiano Comunicazione di esito negativo Possibilità di richiedere una nuova prova NO Test superato? SI Presentazione della domanda di Permesso di Soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo presso la Questura 1 - Lo straniero si reca presso la sede e il luogo indicato nella lettera di convocazione, per effettuare la prova di conoscenza della lingua Italiana tramite sistemi informatici (a richiesta dell'interessato il test può essere svolto con modalità scritte di tipo non informatico). 2 - L esito del Test Il superamento del test prevede un risultato di almeno l 80% del punteggio complessivo. Se positivo: Lo straniero può presentare alla Questura la domanda di rilascio del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo Se negativo: Lo straniero può ripetere la prova ed effettuare un altra richiesta telematica.

10 Casi di esonero dal test Non è tenuto allo svolgimento del test lo straniero in possesso di un attestato di conoscenza della lingua italiana di livello A2, rilasciato: dagli enti certificatori riconosciuti dal Ministero degli Esteri o dal Ministero dell'istruzione, che sono la Società Dante Alighieri, l Università degli Studi di Roma 3, l Università per gli stranieri di Perugia e l Università per stranieri di Siena; dai Centri provinciali per l'istruzione degli adulti, a seguito della frequenza di un corso di lingua; oppure può essere ottenuto nell'ambito dei crediti maturati per l'accordo di integrazione

11 Casi di esonero dal test Costituiscono titoli che esonerano dallo svolgimento del test anche : il diploma di scuola secondaria di primo o secondo grado, ottenuto presso un istituto scolastico appartenente al sistema italiano di istruzione o presso i Centri provinciali per l'istruzione; la frequenza di un corso di studi, di un dottorato o di un master universitario presso un Università italiana statale o legalmente riconosciuta, ed infine l ingresso in Italia ai sensi dell'art. 27, comma 1, lett. a, c, d e q, del Testo unico sull immigrazione per personale dirigente, personale altamente qualificato, professori universitari, traduttori o interpreti, giornalisti

12 Il sistema di inoltro della richiesta La gestione del Test di Italiano prevede la presentazione della domanda di svolgimento del test di italiano in modalità informatica: lo straniero, accedendo via web all indirizzo invia la domanda di partecipazione al test di italiano corredata delle informazioni necessarie allo svolgimento del test.

13 Il sistema di inoltro della richiesta Fac-simile della domanda on line

14 Il sistema di inoltro della richiesta Fac-simile della domanda on line

15 Il sistema di inoltro della richiesta Fac-simile della domanda on line

16 Il sistema di inoltro della richiesta Fac-simile della domanda on line

17 Il sistema di inoltro della richiesta Fac-simile della domanda on line

18 Il servizio di Help desk È previsto un servizio di Help desk rivolto: alle Prefetture, attraverso un numero telefonico e un indirizzo d posta elettronica, per fornire chiarimenti sull utilizzo del sistema di gestione del test di italiano, e più in generale sul processo amministrativo; allo straniero, attraverso un indirizzo di posta elettronica, per fornire informazioni sulle fasi operative della procedura prevista per lo svolgimento del test e sulle modalità di compilazione della domanda on line.

19 Il sistema di gestione del test di lingua italiana - Le funzioni La gestione del Test di Italiano si avvale di un applicativo web che consente alle Prefetture il trattamento delle informazioni relative alle richieste di svolgimento del Test di lingua italiana effettuate dall Immigrato. Le principali funzioni dell applicativo sono: Acquisizione La funzione permette di acquisire le richieste inviate via web ed effettua i controlli automatici per la verifica della sussistenza dei requisiti: età superiore ai 14 anni, numero del permesso di soggiorno esistente, test prenotato o superato. Gestione Agenda La funzione permette di associare automaticamente, alla prima sessione di esame utile, le richieste di svolgimento Test in base alla disponibilità delle sedi presenti nel sistema, all ordine di arrivo della richiesta e al CAP di domicilio indicato dallo straniero, creando un vero e proprio calendario per lo svolgimento del test. Gestione delle comunicazioni La funzione permette di gestire le comunicazioni con gli stranieri (lettere di convocazione e lettere per mancanza dei requisiti).

20 L applicazione di gestione del test di Italiano Fac-simile della home page

21 Il sistema di gestione del test di lingua italiana - Le funzioni Gestione prenotazioni test La funzione permette di gestire le richieste che hanno un determinato grado di urgenza e le prenotazioni di esame create automaticamente dal sistema attraverso funzioni di modifica delle prenotazioni di esame e delle sessioni di esame presso le sedi. Consultazione La funzione permette agli utenti della Prefettura di consultare tutte le richieste di test presentate dagli stranieri. Gestione degli esiti La funzione permette di acquisire gli esiti degli esami sostenuti. Consultazione esiti I dati sugli esiti saranno messi a disposizione delle Questure tramite web service, e dello straniero tramite il sito

22 L applicazione di gestione del test di Italiano Fac-simile Gestione priorità

23 L ACCORDO DI INTEGRAZIONE ED IL TEST DI LINGUA PARTE II Accordo d integrazione

24 L accordo di integrazione Al fine di agevolare l integrazione degli immigrati nel Paese e di controllarne l andamento, è stato predisposto un procedimento che attraverso una formazione civica oltre ad una attività di informazione sugli obblighi e le facoltà inerenti al soggiorno e su ogni iniziativa a sostegno del processo di integrazione a cui lo stesso può accedere, mira a favorire il raggiungimento di un sufficiente livello di integrazione linguistica e sociale.

25 Che cos è l accordo di integrazione L accordo è uno strumento per facilitare l integrazione del cittadino straniero, introdotto con il DRP 179/2011. Con la stipula dell accordo lo straniero si impegna a raggiungere specifici obiettivi di integrazione da conseguire nel periodo di validità del permesso di soggiorno: acquisire un livello adeguato di conoscenza della lingua italiana; acquisire una sufficiente conoscenza e cultura civica; garantire l adempimento dell obbligo di istruzione dei figli minori. Lo Stato si impegna a sostenere il processo di integrazione dello straniero.

26 Normativa di riferimento Decreto legislativo 286 del 98 (Testo unico sull immigrazione), art. 4 bis; Legge n. 94 del 2009; D.P.R. n. 179 del 14 settembre 2011 Direttiva congiunta del Ministro dell Interno e del Ministro per la Cooperazione internazionale e l integrazione del 2 marzo 2012.

27 Chi sottoscrive l accordo L accordo di integrazione viene sottoscritto dallo straniero che: fa il primo ingresso nel territorio italiano; presenta una richiesta di rilascio di permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno; ha età superiore a 16 anni. Per i minori di età compresa tra 16 e 18 anni l accordo è sottoscritto dai genitori o da chi esercita la potestà genitoriale. Sono invece esenti da sottoscrizione gli stranieri: affetti da patologie o disabilità tali da limitare gravemente l autosufficienza o l apprendimento linguistico e culturale; minori non accompagnati; vittime della tratta di persone, di violenza o di grave sfruttamento; minori di 16 anni.

28 L accordo può essere sospeso o prorogato a domanda dello straniero, presentando idonea documentazione, per gravi motivi di salute o di famiglia; motivi di lavoro; frequenza corso o tirocinio di formazione, aggiornamento od orientamento professionale; studio all estero. Casi di sospensione o proroga

29 Accordo di integrazione - Lo straniero si impegna a - DPR 179/2011, art. 2, comma 4 acquisire un livello adeguato di conoscenza della lingua italiana parlata equivalente almeno al livello A2 di cui al quadro comune europeo di riferimento per le lingue emanato dal Consiglio d'europa; acquisire una sufficiente conoscenza dei principi fondamentali della Costituzione della Repubblica e dell'organizzazione e funzionamento delle istituzioni pubbliche in Italia; acquisire una sufficiente conoscenza della vita civile in Italia, con particolare riferimento ai settori della sanità, della scuola, dei servizi sociali, del lavoro e agli obblighi fiscali; garantire l'adempimento dell'obbligo di istruzione da parte dei figli minori.

30 Accordo di integrazione - Lo straniero dichiara, altresì, - DPR 179/2011, art. 2, comma 5 aderire alla Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione di cui al decreto del Ministro dell'interno in data 23 aprile 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 137 del 15 giugno 2007, e si impegna a rispettarne i principi.

31 Accordo di integrazione - Lo Stato si impegna - nei limiti delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, a sostenere il processo di integrazione dello straniero, attraverso l'assunzione di ogni iniziativa idonea, in raccordo con le regioni e gli enti locali

32 Accordo di integrazione - le funzionalità Le principali funzionalità previste consentono: 1. la sottoscrizione dell accordo 2. la gestione della sessione di formazione civica 3. la gestione delle prenotazioni alle sessioni/ test previste dall accordo 4. la gestione della verifica dell accordo

33 Consultazione on-line dello stato dell accordo Lo straniero potrà consultare via Internet, all indirizzo nel periodo di validità dell accordo: i crediti maturati; le date di convocazione per lo svolgimento del test. A tal fine, al momento della sottoscrizione dell accordo, verranno fornite allo straniero le istruzioni per l accesso alle funzioni on-line.

34 Accordo Accordo di integrazione: di integrazione le fasi del procedimento - le fasi del procedimento 1 Lo straniero si presenta presso lo Sportello Unico o la Questura per richiedere il permesso di soggiorno 4 Lo straniero svolge la sessione di formazione civica presso l istituto designato 6 Lo straniero si presenta presso lo Sportello Unico per effettuare la verifica su base documentale o tramite test 2 Lo straniero sottoscrive contestualmente l Accordo di integrazione 3 Lo Sportello Unico o la Questura: fissano le date per la sessione di formazione civica (entro 90 gg) e la verifica (a 2 anni) forniscono le credenziali di accesso al cruscotto 5 - Lo Sportello Unico gestisce le verifiche: effettua i controlli rinnova la convocazione allo straniero tramite lettera, mail e sms 7 Lo Sportello Unico procede alla registrazione della documentazione dello straniero e, tramite il sistema, determina l esito in base ai crediti/debiti

35 Dove si sottoscrive L accordo viene sottoscritto presso la Prefettura - Sportello Unico dell immigrazione dagli stranieri che entrano in Italia per motivi di lavoro o per il ricongiungimento con un familiare oppure presso la Questura nel caso di ingresso per altri motivi.

36 Sessione di formazione civica e di informazione - Conoscenze e Informazioni - DPR 179/11 - art. 2 comma 4 Con la sessione, lo straniero acquisisce in forma sintetica, a cura dello sportello unico, le conoscenze di cui all'articolo 2, comma 4, lettere b) e c), definite d'intesa con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ed e' informato dei diritti e dei doveri degli stranieri in Italia, delle facoltà e degli obblighi inerenti al soggiorno, dei diritti e doveri reciproci dei coniugi e dei doveri dei genitori verso i figli secondo l'ordinamento giuridico italiano, anche con riferimento all'obbligo di istruzione. Lo straniero e' informato, altresì, delle principali iniziative a sostegno del processo di integrazione degli stranieri a cui egli può accedere nel territorio della provincia di residenza e sulla normativa di riferimento in materia di salute e sicurezza sul lavoro

37 Conoscenze: Sessione di formazione civica e di informazione principi fondamentali della Costituzione della Repubblica e dell'organizzazione e funzionamento delle istituzioni pubbliche in Italia; vita civile in Italia, con particolare riferimento ai settori della sanità, della scuola, dei servizi sociali, del lavoro e agli obblighi fiscali; Informazioni: diritti e dei doveri degli stranieri in Italia; facoltà e obblighi inerenti al soggiorno; - Conoscenze e Informazioni - DPR 179/11 - art. 2 comma 4 diritti e doveri reciproci dei coniugi e doveri dei genitori verso i figli secondo l'ordinamento giuridico italiano, anche con riferimento all'obbligo di istruzione; principali iniziative a sostegno del processo di integrazione degli stranieri; normativa di riferimento in materia di salute e sicurezza sul lavoro

38 Sessione di formazione civica e di informazione - Dove si svolge - Accordo Quadro 7 agosto 2012 Art. 4 commi 1,2 e 3 1. La sessione di formazione civica e di informazione, di cui all articolo 3 del DPR 179/, ha luogo presso i Centri Provinciali per l istruzione degli adulti.in attesa della riorganizzazione dei Centri,.la sessione di formazione civica e di informazione si svolge presso le istituzioni scolastiche sedi dei Centri territoriali permanenti, 2. L individuazione delle Istituzioni scolastiche, di cui al precedente comma 1, avviene mediante stipula di un protocollo d intesa tra Prefettura e Ufficio Scolastico Regionale territorialmente competenti, sulla base dei criteri di cui all articolo 4 dell Accordo quadro 11 novembre 2010, tenuto conto delle istituzioni scolastiche già sedi di sessioni per lo svolgimento del test di cui al DM 4 giugno Le Istituzioni scolastiche, individuate ai sensi del precedente comma 2, sulla base di accertati fabbisogni, possono stipulare accordi di rete, ai sensi dell articolo 7 del dpr 275/99, con altre Istituzioni scolastiche sedi dei Centri territoriali permanenti, al fine di rendere più efficace ed efficiente l organizzazione della sessione di cui al precedente comma 1.

39 Sessione di formazione civica e di informazione - Calendario, durata e articolazione - DPR 179/11 - art. 2 comma 1 1. Lo straniero partecipa gratuitamente alla sessione di formazione civica e di informazione sulla vita civile in Italia di cui all'articolo 2, comma 6, entro i tre mesi successivi a quello di stipula dell'accordo. La sessione ha una durata non inferiore a cinque e non superiore a dieci ore.

40 Sessione di formazione civica e di informazione - Calendario, durata e articolazione - Accordo Quadro 7 agosto 2012 art. 4, comma 4 4. la sessione, di cui al precedente comma 1, si svolge nelle date stabilite dal calendario definito con il protocollo, di cui al precedente comma 2; ha una durata complessiva di dieci ore e può essere articolata in più sedute.

41 Sessione di formazione civica e di informazione - Materiali e Sussidi - DPR 179/11 - art. 3 comma 1 1. Lo straniero partecipa gratuitamente alla sessione di formazione civica e di informazione sulla vita civile in Italia di cui all'articolo 2, comma 6, entro i tre mesi successivi a quello di stipula dell'accordo. La sessione ha una durata non inferiore a cinque e non superiore a dieci ore e prevede l'utilizzo di materiali e sussidi tradotti nella lingua indicata dallo straniero o se cio non e' possibile, inglese, francese, spagnola, araba, cinese, albanese, russa o filippina, secondo la preferenza indicata dall'interessato.

42 Sessione di formazione civica e di informazione - Materiali e Sussidi - Accordo Quadro 7 agosto 2012 art. 4, comma 6 6. Per lo svolgimento della sessione, di cui al precedente comma 1, le istituzioni scolastiche, di cui ai precedenti commi 2 e 3, ai fini di cui all articolo 3 comma 2 del DPR 179/2011 utilizzano, nell ambito della loro autonomia, i sussidi predisposti dal Ministero dell Interno, dal Ministero dell Istruzione,dell Università e della Ricerca e/o ogni altro materiale predisposto dai Centri Territoriali permanenti

43 Sessione di formazione civica e di informazione - Materiali e Sussidi - Nota n ottobre (comma 6 sussidi) In particolare, si è convenuto con la Direzione centrale per le politiche dell Immigrazione e dell Asilo del Ministero dell Interno che per l acquisizione delle conoscenze, di cui all art. 2, comma 4, lett. b) e c) del d.p.r. 179/2011, i sussidi, predisposti dal Ministero dell Interno a sostegno delle suddette sessioni (5 moduli di apprendimento in formato video della durata di un ora ciascuno, per complessive cinque ore, tradotti in 19 lingue) possono essere ulteriormente implementati dai Centri Territoriali Permanenti utilizzando i materiali prodotti dal MIUR, presenti sui siti e (sez. Orientarsi nelle cittadinanza), le Linee guida per la progettazione di percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana (di seguito denominate Linee guida), parte integrante dell Accordo in oggetto, nonché ogni altro materiale predisposto all uopo dai Centri Territoriali Permanenti medesimi. Sarà cura delle Prefetture consegnare su richiesta delle istituzioni scolastiche i sussidi, predisposti dal Ministero dell Interno a sostegno delle suddette sessioni.

44 Sessione di formazione civica e di informazione - Materiali e Sussidi - I sussidi, predisposti dal Ministero dell Interno a sostegno delle suddette sessioni: 5 moduli di apprendimento in formato video della durata di un ora ciascuno, per complessive cinque ore, tradotti in 19 lingue (http://formazionecivica.lepida.it/index.php) I materiali prodotti dal MIUR: (sez. Bussola/Orientarsi nelle cittadinanza) Le Linee guida per la progettazione di percorsi di alfabetizzazione e di apprendimento della lingua italiana (livello A1 e livello A2) Ogni altro materiale predisposto all uopo dai Centri Territoriali Permanenti medesimi.

45 Funzionamento L accordo è articolato per crediti di ammontare proporzionale ai livelli di: conoscenza della lingua italiana conoscenza della cultura civica e della vita civile, in Italia certificati anche a seguito del conseguimento di diplomi o titoli aventi valore legale di titolo di studio o professionale Nel caso di illeciti di varia natura definitivamente accertati i crediti verranno decurtati

46 Accordo di integrazione: il Regolamento 16 crediti sono assegnati all atto della sottoscrizione 15 sono eventualmente decurtati, in caso di mancata partecipazione alla sessione di formazione civica un mese prima della scadenza del biennio di durata dell accordo, lo Sportello Unico ne avvia la verifica sulla base della documentazione prodotta dallo straniero e, attraverso il calcolo dei crediti e dei debiti conseguiti, provvede alla determinazione dell esito.

47 Verifica Accordo L esito della verifica è: ESTINZIONE DELL ACCORDO: lo straniero ha raggiunto un grado adeguato di integrazione (crediti pari a 30 o maggiori di 30); PROROGA DELL ACCORDO DI UN ANNO: lo straniero non ha raggiunto un numero di crediti sufficiente all estinzione (crediti compresi tra 1 e 29); RISOLUZIONE DELL ACCORDO: lo straniero non ha raggiunto un grado sufficiente d integrazione; gli viene revocato il permesso di soggiorno e viene espulso dal territorio nazionale (crediti uguale a 0 o minori di 0).

48 Accordo di integrazione: il Regolamento Anagrafe nazionale degli intestatari degli accordi di integrazione Presso il D.L.C.I. è istituita e gestita l Anagrafe nazionale degli intestatari degli accordi di integrazione Nell anagrafe sono indicati, per ciascuno straniero, i dati anagrafici del medesimo e dei componenti del nucleo familiare, gli estremi dell accordo, i crediti di volta in volta assegnati o decurtati, il dato dei crediti finali riconosciuti al termine di ciascuna verifica, gli estremi delle determinazioni assunte dal prefetto e dallo sportello unico, nonché le vicende modificative ed estintive dell accordo.

49 Accordo di integrazione: il nuovo applicativo Il D.L.C.I. ha avviato, in base al regolamento recentemente approvato, un progetto per la realizzazione di: Un applicazione web, le cui funzionalità prevedono la creazione della banca dati anagrafica e la gestione dei procedimenti attuativi previsti dal regolamento, ad uso dello Sportello Unico, e delle Questure in base alle proprie competenze Un cruscotto per lo straniero disponile su internet per conoscere lo stato del proprio accordo Lo scambio di informazioni tra i sistemi informativi del DLCI e del Dip. Di P.S. definiti dal Regolamento

50 Progetti Pilota Ulteriori modalità di svolgimento della sessione di formazione civica e di informazione Accordo Quadro 7 agosto 2012 art. 7

51 Progetti Pilota Ulteriori modalità di svolgimento della sessione di formazione civica e di informazione Accordo Quadro 7 agosto 2012 art. 7

52 Progetti Pilota Ulteriori modalità di svolgimento della sessione di formazione civica e di informazione Accordo Quadro 7 agosto 2012 art. 7

53 Progetti Pilota Ulteriori modalità di svolgimento della sessione di formazione civica e di informazione Accordo Quadro 7 agosto 2012 art (comma 5 progetti pilota di integrazione linguistica e sociale a cura dei Centri Territoriali Permanenti: iscrizione e frequenza) l art. 7, comma 5 stabilisce che l iscrizione e la frequenza ai corsi, di cui al precedente comma 3, costituisce a tutti gli effetti partecipazione alla sessione, di cui all articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 179/2011. A tal fine, è necessario che i predetti corsi prevedano ulteriori specifiche unità di apprendimento della durata complessiva di 10 ore (da realizzare nell ambito della quota oraria destinata alle attività di accoglienza e orientamento) destinate a far acquisire allo straniero le conoscenze di cui all articolo 2, comma 4, lettere b) e c) del DPR in parola attraverso l utilizzo dei sussidi di cui all articolo 4, comma 6 dell Accordo in parola. In ogni caso, tali specifiche unità di apprendimento devono essere programmate in modo da consentirne allo straniero la frequenza nei tempi previsti dalla normativa ( entro i tre mesi successivi a quello di stipula dell Accordo, articolo 3, comma 1del dpr 179/2011); l avvenuta frequenza delle suddette unità di apprendimento deve essere comunicata alla Prefettura competente secondo le modalità di cui al precedente punto A.7.

54 Progetti Pilota Ulteriori modalità di svolgimento della sessione di formazione civica e di informazione Accordo Quadro 7 agosto 2012 art (comma 4 - progetti pilota di integrazione linguistica e sociale a cura dei Centri Territoriali Permanenti: Linee guida) l art. 7, comma 4 stabilisce che i corsi, di cui al precedente comma 3, sono organizzati secondo le Linee guida, di cui al precedente punto A.6. Pertanto, i suddetti corsi devono essere organizzati secondo l elenco delle competenze e l articolazione oraria, di cui al 1.4 delle Linee guida e secondo l articolazione in competenze, conoscenze e abilità, di cui rispettivamente al 2 (A 1) e al 3 (A 2) delle Linee guida, fermo restando la possibilità di personalizzare i percorsi attraverso documentate procedure di riconoscimento dei crediti da realizzare nell ambito della quota oraria riservata all accoglienza e orientamento (20 ore). Per agevolare il riconoscimento da parte delle prefetture dei titoli, certificati e attestazioni rilasciate ad esito dei suddetti corsi, le istituzioni scolastiche, sedi dei Centri territoriali permanenti, utilizzeranno, altresì, lo schema, già trasmesso con nota prot. n del 16 giugno 2011 e ripreso con integrazioni nelle Linee guida, che fanno parte integrante dell Accordo Quadro in parola.

Il test di lingua italiana: il procedimento e i soggetti coinvolti

Il test di lingua italiana: il procedimento e i soggetti coinvolti Il test di lingua italiana: il procedimento e i soggetti coinvolti Il test di lingua italiana Nel caso in cui lo straniero che richiede il permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo non

Dettagli

Il test di lingua italiana: il procedimento e i soggetti coinvolti

Il test di lingua italiana: il procedimento e i soggetti coinvolti Il test di lingua italiana: il procedimento e i soggetti coinvolti Il test di lingua italiana Nel caso in cui lo straniero che richiedeil permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo non

Dettagli

Accordo di Integrazione La nuova procedura per ottenere il Permesso di soggiorno.

Accordo di Integrazione La nuova procedura per ottenere il Permesso di soggiorno. Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI 2007-2013 ANNUALITÀ 2010 - AZIONE 1 PROGETTO ABC: DALLA LINGUA ALLA CITTADINANZA ATTIVA Accordo di Integrazione

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 4 giugno 2010 Modalita' di svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana, previsto dall'articolo 9 del decreto legisaltivo 25 luglio 1998, n. 286, introdotto dall'articolo

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

Accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. A cura di: Brizida Haznedari

Accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. A cura di: Brizida Haznedari straniero e lo Stato A cura di: Brizida Haznedari DESTINATARI: Lo straniero, di età superiore ai 16 anni, che per la prima volta presenta la domanda di permesso di soggiorno, di durata non inferiore a

Dettagli

D. Leg. 286/1998 T.U. delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero. Legge 94/2009 Art.

D. Leg. 286/1998 T.U. delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero. Legge 94/2009 Art. D. Leg. 286/1998 T.U. delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero Legge 94/2009 Art. 1 Comma 22 Comma 25 Test di conoscenza della lingua italiana

Dettagli

ACCORDO INTEGRAZIONE

ACCORDO INTEGRAZIONE ACCORDO INTEGRAZIONE Sulla Gazzetta Ufficiale 263 dell 11/11/2011 è stato pubblicato il DPR 179/2011, Regolamento concernente la disciplina sull accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato, che

Dettagli

L'Accordo di Integrazione

L'Accordo di Integrazione di Guida introduttiva all'accordo di Integrazione L'Accordo di Integrazione In per cittadini extra-comunitari Testo elaborato da Cidis Onlus Grafica e illustrazioni Stella Basile Giugno 2013 Integrarsi

Dettagli

aggiornamenti e notizie

aggiornamenti e notizie CARITAS DIOCESANA DI ROMA Centro Ascolto Stranieri aggiornamenti e notizie L Accordo di integrazione Con le modifiche introdotte dalla normativa del cd Pacchetto sicurezza il decreto legislativo 25 luglio

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA Il Prefetto di Torino nella persona del Dott. Alberto Di Pace tra e il Dirigente dell Ufficio di Ambito Territoriale per la provincia

Dettagli

I permessi di soggiorno

I permessi di soggiorno Corso accogliere per integrare I permessi di soggiorno Normativa di riferimento dlgs 25 luglio 1998, n. 286 e successive modificazioni D.P.R. 179/2011 Principali tipologie di permessi di soggiorno nella

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO- DIREZIONE RAGIONALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO- DIREZIONE RAGIONALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LAZIO- DIREZIONE RAGIONALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO La Regione Lazio - Direzione Ragionale Politiche Sociali e Famiglia

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica recante Regolamento concernente la disciplina dell accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato, a norma dell articolo 4-bis, comma 2, del Testo Unico delle

Dettagli

Sessione di formazione civica e di informazione di cui all art. 3 del DPR 179/2011

Sessione di formazione civica e di informazione di cui all art. 3 del DPR 179/2011 Sessione di formazione civica e di informazione di cui all art. 3 del DPR 179/2011 Declinazione delle conoscenze di cui all art. 2, comma 4, lettera b) e c) del DPR 179/2011 DPR 179/2011 art. 3 Sessione

Dettagli

Quali cambiamenti per i cittadini stranieri? Slides a cura della Prefettura di Alessandria

Quali cambiamenti per i cittadini stranieri? Slides a cura della Prefettura di Alessandria Quali cambiamenti per i cittadini stranieri? Slides a cura della Prefettura di Alessandria L accordo di integrazione e il contesto in cui nasce L accordo integrazione è collegato al sistema del permesso

Dettagli

ATTENZIONE. Allo Sportello Unico per l Immigrazione competente

ATTENZIONE. Allo Sportello Unico per l Immigrazione competente Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 39, comma 9, del DPR. n. 39499 e successive

Dettagli

IL TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER STRANIERI

IL TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER STRANIERI IL TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER STRANIERI Perché il test? Per ottenere il permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo (o carta di soggiorno) è necessario superare un test

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

ACCORDO DI INTEGRAZIONE. tra. lo Stato, in persona del Prefetto di. il Sig./la Sig.ra

ACCORDO DI INTEGRAZIONE. tra. lo Stato, in persona del Prefetto di. il Sig./la Sig.ra ACCORDO DI INTEGRAZIONE tra lo Stato, in persona del Prefetto di e il Sig./la Sig.ra Preambolo L'integrazione, intesa come processo finalizzato a promuovere la convivenza dei cittadini italiani e di quelli

Dettagli

LINEE GUIDA. Direzione Generale dell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni INDICE

LINEE GUIDA. Direzione Generale dell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni INDICE LINEE GUIDA (ai sensi dell art. 5, comma 4 dell Accordo Quadro Ministero dell Interno Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 7 Agosto 2012) Criteri per lo svolgimento del test di conoscenza

Dettagli

Istruzioni di compilazione

Istruzioni di compilazione Modulo Z : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO

PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO Puoi richiedere il Permesso di Soggiorno per Soggiornanti di Lungo Periodo (S.L.P), già Carta di Soggiorno, per te e per i tuoi familiari, se:

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Decreto 25 ottobre 2007 [pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 4.1.2008] Riorganizzazione dei centri territoriali permanenti per l'educazione degli adulti e dei

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Immatricolazioni degli studenti stranieri e comunitari presso:

Immatricolazioni degli studenti stranieri e comunitari presso: Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca scientifica e tecnologica Direzione Generale per lo studente e il diritto allo studio Prot. 658 Roma, 21

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

INGRESSO IN ITALIA DI RICERCATORI NON COMUNITARI

INGRESSO IN ITALIA DI RICERCATORI NON COMUNITARI INGRESSO IN ITALIA DI RICERCATORI NON COMUNITARI Dal 1 Luglio scorso è attiva la procedura informatizzata per la presentazione delle domande relative all ingresso per ricerca scientifica, ai sensi dell

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE DEI CORSI DI LAUREA IN MANAGEMENT PUBBLICO SCIENZE DEL LAVORO, DELL AMMINISTRAZIONE E DEL MANAGEMENT SCIENZE INTERNAZIONALI E ISTITUZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1 D i s c i p l i n a d e l l e c l a s s i d i l a u r e a t r i e n n a l i Art.1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

GUIDA ALL ACCORDO DI INTEGRAZIONE

GUIDA ALL ACCORDO DI INTEGRAZIONE GUIDA ALL ACCORDO DI INTEGRAZIONE progetto cofinanziato da progetto cofinanziato da UNIONE UNIONE EUROPEA EUROPEA Progetto a cura di Roberta Valetti e Manuela Spadaro Prefettura di Torino Prefettura Torino

Dettagli

e delle Politiche Sociali

e delle Politiche Sociali Prot. Ministero dell Interno Roma, data del protocollo Ai Sigg.ri Prefetti LORO SEDI Sig. Commissario del Governo per la Provincia Autonoma di TRENTO Sig. Commissario del Governo per la Provincia Autonoma

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO

ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA. La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari; VISTO Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA SECONDA E TERZA SESSIONE DELLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN: MANAGEMENT PUBBLICO SCIENZE DEL LAVORO, DELL AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi Nuova disciplina dell attività di Restauro Sintesi Definizione dei profili professionali Il D.M. n. 86 del 26 maggio 2009 definisce così i profili professionali degli operatori che eseguono interventi

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

1 di 5 05/11/2015 16.42

1 di 5 05/11/2015 16.42 1 di 5 05/11/2015 16.42 Identificazione dell'ente/azienda Denominazione ente/azienda Nominativo Referente (Nome, Cognome) E-mail Ufficio Scolastico Regionale del Lazio Mariangela Caturano mariangela.caturano@istruzione.it

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso la sede e La Federazione Coordinamento Nazionale Beni Culturali (di seguito denominata Federazione) con sede Ministero per i Beni e le Culturali. Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma, rappresentata

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE D.Lvo 39/2010 - Artt. 5 Parere: CONSOB Concerto NO Regolamento sulla formazione continua dei revisori BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze concernente le modalità del perfezionamento

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona Prot. nr. 463/12B-10A/A1 lì, 13 febbraio 2006 DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI AL SIG. QUESTORE

Dettagli

Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi

Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi Redatto dall Ufficio Ricerca Scientifica e Relazioni Internazionali (aggiornato al 29/02/2012) (art.27

Dettagli

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa.

Dote Sport. Le risorse finanziarie destinate alla Dote Junior non potranno andare a compensare fabbisogni relativi alla Dote Teen e viceversa. Dote Sport Con D.G.R. X/3731 del 19 giugno 2015 sono stati approvati i criteri e le modalità per l assegnazione della Dote Sport, misura prevista dall art. 5 della l.r. 1 ottobre 2014, n. 26 che intende

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 In convenzione con Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DIDATTICHE PER IL SOSTEGNO E L INTEGRAZIONE

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

Prefettura di Milano Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Milano Ufficio territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA COLLABORAZIONE RIGUARDANTE I PROCEDIMENTI DI NULLA OSTA AL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DI COMPETENZA DELLO SPORTELLO UNICO PER L IMMIGRAZIONE TRA - La Prefettura di Milano con sede

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

STUDENTI STRANIERI RESIDENTI ALL ESTERO

STUDENTI STRANIERI RESIDENTI ALL ESTERO NORME PER L ACCESSO DEGLI STUDENTI STRANIERI AI CORSI UNIVERSITARI PER IL TRIENNIO 2011-2014 (nota ministeriale prot. n. 602 del 18 maggio 2011) STUDENTI STRANIERI RESIDENTI ALL ESTERO IMMATRICOLAZIONE

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2014-2015, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri

Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri Regolamento per l ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri SOMMARIO TITOLO I - Norme comuni e generali... 2 Art. 1 Ambito di applicazione... 2 Art. 2

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 1. ASSEGNI A CONCORSO E bandito concorso per il conferimento delle sotto elencate borse di studio a favore degli studenti delle scuole secondarie

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA

Dettagli

ACCORDO LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

ACCORDO LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO tra il Ministro dell' istruzione, dell'università e della ricerca, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano riguardante il primo anno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA IN SCIENZE DEI BENI CULTURALI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA IN SCIENZE DEI BENI CULTURALI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA Div. III-1 BANDO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROVA DI AUTOVALUTAZIONE LAUREA IN SCIENZE DEI BENI CULTURALI ANNO ACCADEMICO 2015/2016 IL RETTORE VISTA La legge 02.08.1999, n. 264 recante norme in materia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA. L Università degli Studi Guglielmo Marconi (di seguito denominata Università), con

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA. L Università degli Studi Guglielmo Marconi (di seguito denominata Università), con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA L Università degli Studi Guglielmo Marconi (di seguito denominata Università), con sede in 00193 Roma, Via Plinio,44 rappresentata dal Rettore Prof.ssa

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (CLASSE L-4) ANNO ACCADEMICO 2013-2014 IL RETTORE

BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (CLASSE L-4) ANNO ACCADEMICO 2013-2014 IL RETTORE BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (CLASSE L-4) ANNO ACCADEMICO 2013-2014 IL RETTORE DECRETO N. 214 - Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168; - Vista

Dettagli

Repertorio Normativa

Repertorio Normativa Repertorio Normativa Circolari Ministeriali, Leggi e Decreti Legislativi 2010 C.M. n. 2 dell 8/01/2010 - Indicazioni e raccomandazioni per l integrazione di alunni con cittadinanza non italiana. 2009 C.M.

Dettagli

Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri

Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri Protocollo di accoglienza degli studenti stranieri PROCEDURA PROGRAMMA DI ACCOGLIENZA 1. Obiettivi Garantire pari opportunità di accesso all istruzione e di successo scolastico agli studenti stranieri.

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la legge 17 dicembre 2010, n. 227, recante disposizioni concernenti la definizione

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo Z2 : Domanda di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e dell'art. 39, comma 9, del D.P.R. n. 394/99 e successive modifiche

Dettagli

Novità in materia di permessi di soggiorno

Novità in materia di permessi di soggiorno CIRCOLARE A.F. N. 71 del 20 Maggio 2014 Novità in materia di permessi di soggiorno Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che è stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione)

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) in GESTIONE DEL COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Anno Accademico 015/016 Presso l Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma

Dettagli

b) certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio e tradotto;

b) certificato analitico degli esami sostenuti, rilasciato dall'istituto ove è stato conseguito il titolo di studio e tradotto; Riconoscimento dei titoli di studio accademici: pubblicato il regolamento D.P.R. 30.07.2009 n. 189, G.U. 28.12.2009 (Manuela Rinaldi) Per l accesso ai concorsi pubblici, ai fini del riconoscimento dei

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Linee Guida per la richiesta del visto per ricerca scientifica

Linee Guida per la richiesta del visto per ricerca scientifica Linee Guida per la richiesta del visto per ricerca scientifica Il ricercatore di cittadinanza extra-ue deve inviare via e-mail al dipartimento ospitante copia del passaporto e del certificato del titolo

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

Decreto 8 ottobre 1986

Decreto 8 ottobre 1986 Decreto 8 ottobre 1986 Determinazione per l'anno 1986 del contributo per l'assistenza sanitaria a carico dei cittadini stranieri, ai sensi dell'art. 5 del decreto-legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2014-2015 Corso di Studio triennale: Lingue e Letterature Straniere Moderne (LLSM) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Afragola, 29/04/2015 prot.2185/a7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con cui è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione;

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA Per l A.A. 2015/2016 è attivato il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in: -

OFFERTA FORMATIVA Per l A.A. 2015/2016 è attivato il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in: - DIPARTIMENTO DI FARMACIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (Classe LM-13) BANDO PER L AMMISSIONE AL 1 ANNO ANNO ACCADEMICO 2015/2016 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE TRA L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM), istituita con D.M. 1 marzo 2004, (G.U. n. 65 del 18 marzo 2004) con sede in Roma, Via Fabio Massimo, 88, rappresentata

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto IL COMITATO TECNICO ORGANIZZATIVO Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382; Vista la legge 9.5.1989 n. 168, concernente l istituzione del Ministero

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015

BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO 2015 1. ASSEGNI A CONCORSO E bandito concorso per il conferimento delle sotto elencate borse di studio a favore degli studenti delle scuole secondarie

Dettagli

CONVENZIONE UNICA DI TIROCINIO FORMATIVO TRA

CONVENZIONE UNICA DI TIROCINIO FORMATIVO TRA CONVENZIONE N. CONVENZIONE UNICA DI TIROCINIO FORMATIVO TRA Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12, codice fiscale I.T. 00308780345, d ora in poi denominato soggetto promotore,

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico in data 4 maggio 2005. Modificato in data 3 dicembre 2009 I. Norme generali Art.

Dettagli

Loro Sedi. Inoltre, possono essere ammessi in qualità di candidati esterni all esame di Qualifica:

Loro Sedi. Inoltre, possono essere ammessi in qualità di candidati esterni all esame di Qualifica: Ai candidati privatisti Alle Istituzioni formative della Città Metropolitana di Milano Loro Sedi Avviso ai candidati privatisti per l'ammissione agli esami conclusivi dei percorsi di Istruzione e Formazione

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Art. 2. Procedura amministrativa per il riconoscimento delle qualifiche professionali IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE D.M. 16 aprile 2008 (1). Applicazione di misure compensative ai sensi degli articoli 22, 24 e 25 del decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, ai fini del riconoscimento delle qualifiche professionali

Dettagli