Il modello di Héra per la gestione degli NPL (case histories e partner esteri)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello di Héra per la gestione degli NPL (case histories e partner esteri)"

Transcript

1 Il modello di Héra per la gestione degli NPL (case histories e partner esteri) NPL: i partner per la gestione dello stress sui crediti immobiliari Palazzo della Camera di Commercio della Svizzera (Sala Meili) Via Palestro 2, Milano 26 novembre 2014, ore 9.30

2 P R O G R A M M A S A L U T I Oscar Pittini - CEO Héra - Chi è Héra e perché la divisione NPL I N T E R V E N T I Simone Palmieri e Umberto Rorai - Senior Manager e Director Deloitte Overview sul mercato Piero Venturini - Socio Studio Legance - Avvocati Associati NPL: la ristrutturazione dei rapporti contrattuali e le opportunità del Decreto Sblocca-Italia Fabio Venegoni - Dottore Commercialista Studio Trotter Acquisizioni nel ramo Hotellerie: case histories Dario Loiacono - Fondatore Litis Capital Advisors LLC Cartolarizzazioni 3.0 e necessità di competenze polifunzionali Ernesto Paolillo - Consigliere CDA Héra Il modello di Héra per la gestione degli NPL (case histories e partner esteri) Fabrizio Reggi - Responsabile Area Crediti Speciali Gruppo Cariparma Case histories di valorizzazione degli NPL M O D E R AT O R E Marco Ferrando Il Sole 24 Ore

3 Oscar Pittini CEO Héra Chi è Héra e perché la divisione NPL

4 Simone Palmieri e Umberto Rorai Senior Manager e Director Deloitte Overview sul mercato

5 Non Performing Loan e Real Estate Overview del mercato italiano 26 novembre 2014

6 La congiuntura dei mercati (in 10 punti) Il mercato finanziario, bancario e immobiliare restano deboli ma mostrano segnali di stabilità e progressivo miglioramento 2 Prosegue la fase di debolezza del mercato immobiliare, in linea con le condizioni generali dell economia Nei primi mesi del 2014 gli investimenti stranieri in attività finanziarie e immobiliari nel nostro paese si sono incrementati L incertezza sulle prospettive economiche condiziona ancora la ripresa del credito alle imprese cessione da parte delle banche mentre è aumentato il tasso di copertura dei crediti deteriorati, elemento che potrebbe favorirne la Bassi livelli di crescita e di inflazione rendono più difficoltoso il processo di riassorbimento del debito, pubblico e privato mentre in alcuni paesi europei l incremento dei prezzi degli immobili ha portato le autorità ad annunciare misure «anti-bolla» e le condizioni di liquidità dei mercati finanziari (azionario e dei titoli di stato) si mantengono buone nonostante l aumento della volatilità 7 secondo le stime Bankit il credito alle imprese resterà scarso anche nel 2015, mentre la contrazione dei mutui alle famiglie dovrebbe interrompersi già alla fine del I risultati dell AQR (con poche illustri eccezioni) hanno confermato la solidità del sistema bancario nel suo complesso 9... nella prima metà del 2014 il flusso relativo di prestiti deteriorati è diminuito

7 La dimensione del mercato degli NPL Lo stock di crediti deteriorati (lordi) ha raggiunto i ~300 bn nel III trim. 2014, anche se il tasso di deterioramento del credito sta rallentando Evoluzione dello stock di crediti deteriorati ( bn) Tasso di deterioramento del credito alle imprese (%, media annuale) ,0% 8,9% 8,5% 9,0% 8,0% 6,7% 135 7,0% 5,7% 129 6,0% 4,2% 110 5,0% 3,3% 87 4,0% 80 3,0% ,0% ,0% 56 0,0% Sofferenze Incagli e altri Sofferenze lorde su totale crediti (%) 10,0 9,0 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, tasso di deterioramento tasso di ingresso in sofferenza Fonte: Bollettino statistico e Rapporto sulla stabilità finanziaria, Banca d Italia 3

8 La dimensione del mercato degli NPL Forte incremento degli NPL Maggiori capital requirements Le Banche Italiane stanno incrementando il proprio capitale di vigilanza attraverso aumenti di capitale e cessioni di asset non-core La cessione di NPL può rappresentare un ulteriore strategia di deleverage Liquidità disponibile sul mercato Riduzione del country risk premium Assets attrattivi per investitori stranieri (size, economie di scala, presenza di servicer locali) La ripresa dei valori immobiliari (non ancora realizzata) rappresenta una opportunità interessante BANK Simple maths INVESTOR NPL in the market: ~316 bn * % of NPLs sold in other countries: 15% - 20% 4 Potential NPL Market Euro 47bn 63bn

9 Le indicazioni delle Autorità di Vigilanza Fondo Monetario Internazionale Italy economic outlook Stronger provisioning and write offs. Supervisory guidelines could foster convergence in provisioning rates, including forbearance loans under the moratorium program this could provide incentives for banks to coordinate and be more pro-active in addressing problem loans. To encourage write-offs, the supervisor could monitor bank progress in working out NPLs and conduct targeted on-site inspections of loan collection performance. As tried in other countries (Japan, United States), the supervisor could also impose higher capital charges or time-limits for writing off old NPLs. b) Develop the distressed debt market. An active NPL market would provide an alternative to lengthy bankruptcy, draw in needed financing, and boost loan recovery values. Private NPL asset management companies (AMCs) could be encouraged through tax incentives (accelerated depreciation or preferential capital gains), while ensuring bad assets are transferred at fair market value. Ignazio Visco Governatore Banca d Italia ROMA, 31 ottobre - Le banche italiane sono uscite complessivamente bene dall'esercizio di valutazione della Banca centrale europea e le due potenziali carenze di capitale riscontrate per Banca Mps e Carige vengono da una cattiva gestione del passato. Lo ha detto il governatore della Banca d'italia Ignazio Visco alla Giornata del Risparmio, a cinque giorni dalla pubblicazione dei risultati del comprehensive assessment che ha acceso il faro su 9 banche italiane su 25 fuori linea. Il governatore ha ribadito che la ripresa del credito "stenta a materializzarsi" mentre al contrario resta elevato e in crescita "l'ammontare dei crediti deteriorati". Per ridurre la consistenza delle sofferenze vanno attuate politiche attive di gestione e recupero, "cessioni in blocco di attività deteriorate, che andranno favorite da un ulteriore innalzamento dei loro tassi di copertura". Per le banche più piccole Visco chiede modelli operativi adeguati al nuovo regime di vigilanza e osserva che "operazioni di concentrazione possono facilitare questi progressi". 5

10 Key findings Le aspettative delle banche sugli NPL Deloitte Survey & Italian NPL Outlook Key Findings La maggior parte delle banche si aspetta una crescita dello stock di NPL per i prossimi 2 anni La ripresa economica è il fattore che contribuirà maggiormente all inversione del trend in atto L 80% delle banche dovrà modificare la propria strategia sugli NPL. Piuttosto che gli effetti dell AQR o delle aspettative di mercato (i.e. riduzione bid-ask spread), il principale driver sarà la riduzione dei costi diretti e indiretti In termini di modalità di gestione operativa, le banche intendono principalmente ricorrere all outsourcing piuttosto che alla cessione Il principale ostacolo alla cessione di portafogli per gli operatori è ancora il bid-ask spread, ma il gap si sta riducendo Per le banche, il principale motivo alla base di potenziali cessione di portafogli NPL è il recupero di redditività Ad oggi, le cessioni di portafoglio NPL ha riguardato principalmente portafogli di crediti unsecured Nei prossimi 24 mesi, il 70% delle banche intervistate si aspetta di cedere NPL per almeno 500 M (in termini di GBV). Questo implica un volume complessivo nel periodo compreso tra 10 bn e 16 bn. Le banche si sono dichiarate inoltre disponibili ad offrire supporto finanziario ai potenziali investitori (e.g. vendor financing) Ma ad oggi il mercato non si sta muovendo 6

11 From a bank point of view Nonostante la qualità del credito sia ulteriormente peggiorata, il tasso di copertura è aumentato contribuendo a ridurre il bid-ask spread Incidenza dei crediti in bonis e deteriorati dei primi 5 Gruppi bancari (%) ed il relativo tasso di copertura 44,3% 44,6% 5,9 6,6 7,3 8,8 10,1 11,1 42,1% 41,6% 41,1% 94,1 93,4 92,7 91,2 89,9 88,9 40,4% III ' III '14 In bonis Deteriorato Fonte: Bollettino statistico e Rapporto sulla stabilità finanziaria, Banca d Italia 7

12 From an investor point of view ma il tempo di recupero rimane una variabile critica per raggiungere un rendimento adeguato Il sistema legale in Italia è lento e questo ha un impatto negativo sulle aspettative degli investitori Durata media di una procedura di recupero (anni) Simulazione IRR per un tipico investimento in NPL Fonte: RBS Credit Strategy 8

13 From an investor point of view I valori immobiliari in Italia si sono dimostrati relativamente stabili e non hanno ancora mostrato i segni del rimbalzo avvenuto in altri paesi europei Evoluzione dei valori immobiliari nei principali paesi europei (2000 = 100) Francia Spagna Germania Irlanda Regno Unito Area euro Italia Fonte: Elaborazioni Deloitte su dati Banca d Italia 9

14 Modalità operative di gestione degli NPL e fattori critici di successo TIPOLOGIA DI INIZIATIVA PUNTI DI FORZA DIFFICOLTA REALIZZATIVE 1 2 CESSIONE DI PORTAFOGLI NPL Riduzione RWA a seguito derecognition portafogli ceduti Miglioramento ratio di bilancio Bid-ask spread troppo ampio, in particolare per i crediti garantiti da immobili Data quality dei portafogli ESTERNALIZZAZIONE GESTIONE NPL Riduzione costi operativi e miglioramento performance di recupero Miglioramento data quality dei portafogli oggetto di outsourcing Complessità organizzativa in fase di set-up dell outsourcing Fattori critici di successo Strategia Specializzazione Data quality 10

15 Esternalizzazione della gestione degli NPL e partnership industriale nelle banche europee La crisi finanziaria ha spinto le banche europee a rivedere i loro ruoli tradizionali, concentrando l operatività sul core business e cercando partner strategici per l ottimizzazione dei processi al fine di massimizzare l efficienza operativa. Sul mercato europeo, ed in particolare su quello spagnolo, sono state osservate numerose operazioni di cessione a partner strategici/finanziari di piattaforme per la gestione dei crediti problematici. Paese Banca Partner Operazione Spagna Apollo Cessione della piattaforma di recupero crediti FinanMadrid composta da 124 dipendenti Spagna TPG Cessione della piattaforma Servi costituita da Euro 24 bn di crediti gestiti e 250 dipendenti Spagna Cerberus Cessione della piattaforma Habitat costituita da Euro 49 bn di crediti gestiti e 457 dipendenti Spagna Apollo Cessione della piattaforma Altamira costituita da Euro 23 bn di crediti gestiti e 500 dipendenti Spagna Varde Cessione della piattaforma Aliseda costituita da Euro 16 bn di crediti gestiti e 285 dipendenti Spagna Lindorff Cessione di una società in-house di recupero crediti e accordo di servicing di 7 anni Germania Lindorff Cessione di un unità di recupero crediti e forward flow Spagna Lindorff Cessione di una società in-house di recupero crediti e accordo di servicing di 10 anni Svezia Lindorff Acquisizione di unità di recupero crediti e contratti di outsourcing 11

16 Modalità operative di gestione dei Real Estate NPL Il modello ReoCo è un primo passo verso la gestione attiva degli NPL Real Estate ma può esteso, da un ottica push a una pull Obiettivi Modalità operative ReoCo Acquistare le garanzie immobiliari sottostanti crediti deteriorati alla fine del processo di workout Sostenere i valori immobiliari durante le aste esecutive Partecipazione alle aste immobiliari per acquistare gli asset sottostanti gli NPL generati dalla banca stessa Valorizzazione e cessione degli asset acquistati Unità AM immobiliare «strategico» Intervenire, su asset rilevanti per dimensione o visibilità, prima del processo di workout Evitare la distruzione di valore derivante dalle tempistiche e dalle modalità del processo di esecuzione Negoziazione con la controparte di repossession «consensuale» finalizzata alla risoluzione di situazioni di crisi prima dell attivazione del processo di workout Definizione di una strategia di sviluppo o riconversione e commerciale per l asset oggetto di repossession, nell interesse della banca Investimento diretto (e/o in partnership) e gestione attraverso una struttura specializzata nel Real Estate Vantaggi Gestione standardizzata della repossession per asset medio-piccoli e con problematiche limitate Possibilità di «creazione di valore» (materiale e immateriale) oltre al recupero del credito su asset particolarmente rilevanti e complessi 12

17 Conclusioni 1Confermato il potenziale del mercato NPL italiano 2 Sviluppo graduale, senza «trigger events» 3 Relativa stabilità e assenza di rimbalzo dei valori immobiliari rende l Italia una destinazione attrattiva per gli investitori stranieri 4 Il settore bancario sta guardando a modalità di gestione degli NPL alternative alla pura cessione 13

18 About Deloitte Deloitte refers to one or more of Deloitte Touche Tohmatsu Limited, a UK private company limited by guarantee ( DTTL ), its network of member firms, and their related entities. DTTL and each of its member firms are legally separate and independent entities. DTTL (also referred to as Deloitte Global ) does not provide services to clients. Please see for a detailed description of DTTL and its member firms. Please see for a detailed description of the legal structure of Deloitte LLP and its subsidiaries. Certain services may not be available to attest clients under the rules and regulations of public accounting.

19 Piero Venturini Socio Studio Legance - Avvocati Associati NPL: la ristrutturazione dei rapporti contrattuali e le opportunità del Decreto Sblocca-Italia

20 NPL: la ristrutturazione dei rapporti contrattuali e le opportunità del Decreto Sblocca-Italia Avv. Piero Venturini

21 Negoziare e rinegoziare un contratto di locazione: la disciplina vincolistica italiana La legge 392/1978: cenni generali Double net, Triple net, Bondable lease e confronto con le previsioni normative 2

22 Negoziare e rinegoziare un contratto di locazione: principali problematiche operative Canone e step-rent Cauzione e garanzie del conduttore Durata e rinnovo Temporary lease Gravi motivi di recesso e rental guarantee Spese generali e assicurazioni Diritti di prelazione del conduttore Diritto di cessione del rapporto Diritto all indennità per perdita dell avviamento 3

23 Il decreto Sblocca-Italia: ambito di applicazione Con legge 11 novembre 2014, n. 164 è stato convertito, con modificazioni, il d.l. 12 settembre 2014, n. 133 che ha introdotto, tra le altre, nuove disposizioni in materia di edilizia e di diritto immobiliare. L art. 18 del Decreto ha introdotto, con riguardo alle cosiddette grandi locazioni la facoltà delle parti di concordare contrattualmente termini e condizioni in deroga alle disposizioni della legge n. 392 del Le parti potranno ora concordare contrattualmente termini e condizioni in deroga alle disposizioni della [ ] legge. Il nuovo regime di derogabilità introdotto dal Decreto si applica ai contratti di locazione di immobili ad uso non abitativo di maggiore rilevanza, per tali intendendosi i contratti per i quali è stabilito un canone annuo superiore a ,00 Euro. Ciò in quanto si è ritenuto che il conduttore che abbia la capacità economica di sostenere una spesa annua di un siffatto importo sia dotato anche della forza contrattuale sufficiente per negoziare con il locatore le clausole in deroga alla legge. La legge di conversione del Decreto ha previsto, inoltre, due ulteriori presupposti che devono verificarsi affinché sia consentito derogare al regime ordinario: il primo consiste nella circostanza che gli immobili oggetto del contratto di locazione non siano riferiti a locali qualificati di interesse storico a seguito di provvedimento regionale o comunale; il secondo requisito, di ordine formale, è che i contratti siano stipulati in forma scritta. La legge di conversione del Decreto ha chiarito, infine, che le nuove disposizioni non si applicano ai contratti in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto, ma soltanto ai contratti che vengono stipulati successivamente. In ogni caso le clausole in deroga alla legge dovranno essere espressamente previste nel contratto. 4

24 Il decreto Sblocca-Italia: cosa cambia L effetto della liberalizzazione dei contratti di locazione potrà riverberarsi in molteplici aspetti dei nuovi contratti di locazione, offrendo agli operatori una ampia flessibilità nella definizione dei contenuti del rapporto di locazione. Ancorché sarà la prassi di mercato a indirizzare gli interpreti nella definizione dei contorni della nuova disciplina applicabile, è possibile sin d ora tracciare un quadro sommario dei principali elementi che potranno essere oggetto di negoziazione. In primo luogo, le parti potranno intervenire sulla durata dei contratti di locazione, prevedendo un termine più breve di quello minimo di sei anni (o nove per i contratti di locazione alberghiera); analogamente potrà essere prevista la rinuncia da parte del conduttore alla rinnovazione del contratto alla prima scadenza. Parimenti dovrebbe ritenersi consentita la possibilità delle parti di ridefinire le ipotesi di recesso del conduttore e del locatore, stabilendone i termini e le condizioni. Un ulteriore ambito nel quale sarà possibile derogare al regime ordinario riguarda la determinazione del canone di locazione. In proposito saranno considerate valide le clausole che prevedano, con maggior libertà di quanto oggi riconosce la giurisprudenza, la facoltà di adeguamento del canone nel corso del rapporto, così come le pattuizioni relative all aggiornamento del canone medesimo per rivalutazione monetaria. Infine, dovranno ritenersi consentite le clausole con cui le parti escludano l applicazione delle norme che impongono al locatore il pagamento a favore del conduttore di una indennità di avviamento commerciale al termine del rapporto di locazione, o che il conduttore rinunci in anticipo al diritto di prelazione in caso di trasferimento dell immobile condotto in locazione. 5

25 Il decreto Sblocca-Italia: e cosa resta Risoluzione per impossibilità sopravvenuta Tassazione sulla proprietà immobiliare Key-money agreement Disciplina fallimentare 6

26 Avv. Piero Venturini Milano Roma Londra Via Dante, Via XX settembre, 5 EC4N 1TX Queen Street T T Aldermary House T +44 (0) Legance - Avvocati Associati ed i suoi soci non sono sottoposti alla regolamentazione della Solicitors Regulation Authority ( SRA ) ed il piano assicurativo obbligatorio previsto dalla SRA non è loro applicabile (sono viceversa coperti da un apposito piano assicurativo italiano). Una lista dei soci di Legance - Avvocati Associati è consultabile presso l ufficio di Londra, in Aldermary House, Queen Street Londra EC4N 1TX, oppure all indirizzo:

27 Fabio Venegoni Dottore Commercialista Studio Trotter Acquisizioni nel ramo Hotellerie: case histories

28 TROTTER STUDIO ASSOCIATO ACQUISIZIONI NEL RAMO HOTELLERIE CASE HISTORIES PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI MILANO 26 NOVEMBRE 2014 CONVEGNO NPL: I PARTNER PER LA GESTIONE DELLO STRESS SUI CREDITI IMMOBILIARI

29 SCENARIO DI BASE TROTTER STUDIO ASSOCIATO IL SETTORE ALBERGHIERO ITALIANO SI CARATTERIZZA PER L ELEVATA PRESENZA DI MOLTEPLICI STRUTTURE MEDIO PICCOLE, DIRETTAMENTE GESTITE DALLE FAMIGLIE PROPRIETARIE DA PIÙ GENERAZIONI. 30/50 CAMERE ELEVATO VALORE PATRIMONIALE ELEMENTI CARATTERISTICI CATEGORIA MEDIA (3 STELLE) OTTIMA LOCALIZZAZIONE L INTENSIFICAZIONE DELLA CONCORRENZA LA RIDUZIONE DELLA DURATA DELLA STAGIONE L AUMENTO DEI COSTI DI GESTIONE RISULTATI GESTIONALI CHE NON GIUSTIFICANO LA PROSECUZIONE DELL ATTIVITÀ. 2 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

30 CONTESTO DI MERCATO TROTTER STUDIO ASSOCIATO LA DOMANDA DI MERCATO, NEGLI ULTIMI ANNI, HA ESPRESSO NUOVE RICHIESTE IN TERMINI DI: SERVIZI NUOVI E SUPPLEMENTARI (SPA, FITNESS, BEAUTY SALON, PERSONAL CONCIERGE) QUALITÀ DELLA STRUTTURA (CATEGORIA ALBERGHIERA) E DOTAZIONI FISSE IN UN CONTESTO DI GENERALE RIDUZIONE DELLA DURATA MEDIA DEL SOGGIORNO ALBERGHIERO. PISCINA WELLNESS & SPA PER FRONTEGGIARE TALI NUOVE RICHIESTE, GLI ALBERGHI A CONDUZIONE FAMILIARE DOVREBBERO EFFETTUARE CONSISTENTI INVESTIMENTI PER LORO FINANZIARIAMENTE INSOSTENIBILI. PALESTRA SCELTE POSSIBILI (a) CESSAZIONE DELLA GESTIONE ALBERGHIERA (b) CESSIONE (IN AFFITTO O IN PROPRIETÀ) DELLA STRUTTURA IMMOBILIARE CONSAPEVOLEZZA DELL ELEVATA ILLIQUIDITÀ DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI. 3 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

31 SITUAZIONE OGGETTIVA TROTTER STUDIO ASSOCIATO GESTIONE ALBERGHIERA NON PROFITTEVOLE INVESTIMENTI NON SOSTENIBILI DIFFICOLTÀ A LOCARE O VENDERE L IMMOBILE CHE FARE? 4 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

32 OBIETTIVI TROTTER STUDIO ASSOCIATO RITORNARE AD UNA GESTIONE ALBERGHIERA PROFITTEVOLE: AUMENTO DEI RICAVI REALIZZARE GLI INVESTIMENTI NECESSARI PER ADATTARE LA STRUTTURA ALLA DOMANDA ASSICURARE UN IDONEO GRADO DI LIQUIDITÀ ALLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE LEISURE HOTEL ITALIA 5 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

33 SOLUZIONE TROTTER STUDIO ASSOCIATO ADEGUARE LA STRUTTURA DEI PREZZI IN COERENZA CON LA MIGLIORE QUALITÀ DELLA STRUTTURA REALIZZARE GLI INVESTIMENTI RICHIESTI DAL MERCATO: RICERCA DI RISORSE FINANZIARIE RENDERE MAGGIORMENTE LIQUIDABILI LE ATTIVITÀ IMMOBILIARI COME? 6 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

34 PROGETTO LHI TROTTER STUDIO ASSOCIATO FASE 1. CONFERIMENTO IN LHI FASE 2. AFFITTO FASE 3. INVESTIMENTI FAMIGLIA PROPRIETARIA FAMIGLIA PROPRIETARIA OPERATORE FINANZIARIO CONFERIMENTO AZIONI HOTEL ORDINARIE CANONI DI LOCAZIONE AFFITTO HOTEL LIQUIDITÀ AZIONI ORDINARIE LEISURE HOTEL ITALIA LEISURE HOTEL ITALIA LEISURE HOTEL ITALIA PATRIMONIO IMMOBILIARE LHI PATRIMONIO IMMOBILIARE LHI PATRIMONIO IMMOBILIARE LHI 7 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA SEGUE DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

35 ... PROGETTO LHI TROTTER STUDIO ASSOCIATO SEGUE FASE 4. AUMENTO DEL GRADO DI LIQUIDITÀ DELL INVESTIMENTO IMMOBILIARE FAMIGLIA PROPRIETARIA 1 OPERATORE FINANZIARIO 1 FAMIGLIA PROPRIETARIA 2 LEISURE HOTEL ITALIA OPERATORE FINANZIARIO 2... FAMIGLIA PROPRIETARIA "N" OPERATORE FINANZIARIO "N" TRASFORMAZIONE IN SIIQ 8 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

36 PROGETTO LHI TROTTER STUDIO ASSOCIATO BENEFICI DEL PROGETTO LHI CARATTERISTICHE PRINCIPALI SIIQ 1. IMPOSTA SOSTITUTIVA DEL 20% SULLE PLUSVALENZE DA CONFERIMENTO, PAGABILE IN 5 ANNI 2. AGEVOLAZIONI IVA E IMPOSTE INDIRETTE (IPOCATASTALI) 3. REDDITO DA LOCAZIONE E DA PLUSVALENZE ESENTE IRES E IRAP 4. OBBLIGO DISTRIBUZIONE QUOTA DI UTILE (MIN 70% REDDITO DA LOCAZIONE) 5. OBBLIGO DI DISTRIBUZIONE DEL 50% DELLE PLUSVALENZE ENTRO 2 ANNI 6. RITENUTA ALLA FONTE 20% SU UTILI 7. NESSUN SOCIO PUÒ POSSEDERE PIÙ DEL 60% DEI DIRITTI DI VOTO E/O DI PARTECIPAZIONE AGLI UTILI 8. ALMENO IL 25% DEL CAPITALE DEVE ESSERE POSSEDUTO DA SOCI CON MENO DEL 2% FAMIGLIE PROPRIETARIE: 1. ALBERGO EFFICIENTE E COERENTE CON LA DOMANDA DI MERCATO 2. GESTIONE PROFITTEVOLE 3. SEPARAZIONE DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE DALL AZIENDA ALBERGHIERA 4. AZIONI DI SIIQ LIQUIDABILI SUL MERCATO REQUISITI MINIMI PER IL PROGETTO 1. ALBERGHI 2. CONSENSO DELLA FAMIGLIA PROPRIETARIA 3. OPERATORI FINANZIARI DISPOSTI ALL INVESTIMENTO 4. OPERATORI PROFESSIONALI IN GRADO DI ASSICURARE FACILITY MANAGEMENT 9 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

37 LHI E NPL LA SITUAZIONE TROTTER STUDIO ASSOCIATO MOLTE BANCHE DETENGONO RILEVANTI CREDITI, ANCHE IPOTECARI, VERSO SOCIETÀ DI GESTIONE ALBERGHIERE CHE NON SONO IN GRADO DI ASSICURARE IL SERVIZIO DEL DEBITO. I MARGINI FINANZIARI REALIZZATI DALLA GESTIONE ALBERGHIERA SPESSO CONSENTONO LA SOLA LIQUIDAZIONE DEGLI INTERESSI NON VI SONO DINAMICHE DI MERCATO IN GRADO DI ALIMENTARE ASPETTATIVE DIFFERENTI LE BANCHE CREDITRICI ASSISTONO IMPOTENTI AL PROGRESSIVO IMPOVERIMENTO DELLA PROPRIA POSIZIONE DI CREDITO E SONO MOTIVATE A SVOLGERE AZIONI DI RECUPERO, CON RISULTATI INSODDISFACENTI LA SITUAZIONE È DESTINATA AD AGGRAVARSI SE I TASSI DI MERCATO DOVESSERO SALIRE ESEMPIO SOCIETÀ PROPRIETARIA DI ALBERGO COSTRUITO NEL 2007 VALUTAZIONE BANCA NEL 2007: 6M VALORE DI MERCATO ATTUALE: 4M MUTUO DEBITO INIZIALE 4M DEBITO RESIDUO 3,5M EFFETTI DELLA CRISI RIDUZIONE STRUTTURALE DEI RICAVI RISULTATO ANNUO DI GESTIONE: 250K QUOTA DISPONIBILE PER IL SERVIZIO DEL DEBITO: 160K IMPOSSIBILITÀ DI CONCEPIRE UN PIANO DI AMMORTAMENTO DEL DEBITO SOSTENIBILE VALORE 4M DEBITO RESIDUO 3,5M 10 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

38 LHI E NPL LA SOLUZIONE TROTTER STUDIO ASSOCIATO FASE 1 FASE 2 FASE 3 AL FINE DI GENERARE UN PIANO DI LA SITUAZIONE PATRIMONIALE DELLA CONFERIMENTO INTEGRALE DELLE AMMORTAMENTO DEL DEBITO SOSTENIBILE, OCCORRE RIQUALIFICARNE UNA PARTE: SOCIETÀ DEBITRICE, A SEGUITO DELLA RIQUALIFICAZIONE DI PARTE DEL DEBITO IN CAPITALE SOCIALE, PRESENTA: QUOTE DELLA SOCIETÀ DEBITRICE IN LHI CON ASSEGNAZIONE DI AZIONI COME SEGUE: MUTUO IPOTECARIO PER 2M CAPITALE SOCIALE PER 1,5M ALL ATTIVO: AL PASSIVO: ALBERGO PER 4M PER 0,5M AL SOCIO GESTORE PER 1,5M ALLA BANCA CREDITRICE DEBITO DA CONFERIRE 3,5M MUTUO IPOTECARIO PER 2M SOCIO BANCA SOCIETÀ CAPITALE SOCIO GESTORE PER 0,5M CAPITALE BANCA PER 1,5M GESTORE AZIONI 0,5M CREDITRICE AZIONI 1,5M DEBITRICE MUTUO IPOTECARIO 2M CAPITALE SOCIALE 1,5M LEISURE HOTEL ITALIA 11 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

39 LHI E NPL SINTESI TROTTER STUDIO ASSOCIATO CONTRATTO DI LOCAZIONE TRASFORMAZIONE DI LHI IN SIIQ STIPULAZIONE DI CONTRATTO DI LOCAZIONE CON ATTIVITÀ ALBERGHIERA PROFITTEVOLE L ATTUALE GESTORE, CHE PROSEGUE L ATTIVITÀ DEBITO SOSTENIBILE CANONE ANNUO A SERVIZIO DEL DEBITO CON AZIONI LIQUIDABILI CANALIZZAZIONE FLUSSI FINANZIARI SOCIO BANCA CONFERENTE CREDITRICE GESTORE ATTUALE AZIONI 0,5M AZIONI 1,5M SERVIZIO DEL DEBITO AFFITTO HOTEL LEISURE HOTEL ITALIA QUOTAZIONE LHI CANONE A SERVIZIO DEL DEBITO SOCIETÀ DEBITRICE 12 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

40 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE TROTTER STUDIO ASSOCIATO VANTAGGI PER GLI ISTITUTI DI CREDITO RIVITALIZZAZIONE DEL CREDITO NPL, ANCHE SE IN MISURA PARZIALE, IN QUANTO IL DEBITO VIENE RIDOTTO A UNA DIMENSIONE SOSTENIBILE DA PARTE DEL DEBITORE TRASFORMAZIONE DELLA PARTE DETERIORATA DEL CREDITO NPL IN STRUMENTI AZIONARI IDONEI A LIBERARE PATRIMONIO DI VIGILANZA, IN QUANTO ALLOCABILI IN BILANCIO TRA GLI STRUMENTI DISPONIBILI PER LA VENDITA POSSIBILITÀ DI REALIZZARE OPERAZIONI PER UN PORTAFOGLIO ANCHE AMPIO DI CREDITI NPL STRUMENTO EFFICACE E PERSUASIVO ANCHE NEI CONFRONTI DEI DEBITORI IN QUANTO CARATTERIZZATO DA INTERESSI ALLINEATI, VOLTI ALLA MAGGIORE LIQUIDITÀ DELL INVESTIMENTO IMMOBILIARE E ALLA SOLUZIONE DELLA CRISI, COL MANTENIMENTO DELL ATTUALE SOGGETTO GESTORE ULTERIORI VANTAGGI DERIVANO DALLA POSSIBILITÀ: DI REALIZZARE INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA STRUTTURA DI ADEGUARE L OFFERTA DI SERVIZI ALBERGHIERI ALLA DOMANDA DI MERCATO (EVENTUALMENTE) DI CAMBIARE IL SOGGETTO GESTORE, LADDOVE NECESSARIO (EVENTUALMENTE) DI VALORIZZARE L ATTIVITÀ IMMOBILIARE NEL MEDIO TERMINE DI EFFETTUARE AUMENTI DI CAPITALE RICORRENDO AL MERCATO DI FRUIRE DEI VANTAGGI FISCALI SUSSEGUENTI ALLA TRASFORMAZIONE IN SIIQ 13 PROGETTO LEISURE HOTEL ITALIA DOTT. FABIO MARIA VENEGONI

41 Dario Loiacono Fondatore Litis Capital Advisors LLC Cartolarizzazioni 3.0 e necessità di competenze polifunzionali

42 Cartolarizzazioni 3.0 e necessità di competenze polifunzionali NPL: i partner per la gestione dello stress sui crediti immobiliari Convegno Héra 26 novembre 2014 LITIS CAPITAL ADVISORS LLC

43 Varie fasi di cartolarizzazione 0 = cc.dd. giurassiche 1.0 = post- L. 130/1999; crediti performing 2.0 = NPL = no put all originator = third party / back up servicer = PPM

44 (Varie fasi di cartolarizzazione) 3.0 = nuova generazione: sottoscrizione diretta due diligence diretta / sub-delegata no PPM legge e giurisdizione inglese / NY

45 Varie forme di cartolarizzazione di terza generazione reverse securitization vendita protezione a confidi (sintetica) social housing securitization CQS.2 litigation funding tranching

46 Ruolo fondamentale del servicer master servicer agente di riscossione crediti valutazione mutui ceduti rating di portafoglio servicer e back-up servicer gestione di locazioni

47 Tipi di investitore bottom-up top-down portafoglio originator servicer Rating

48 Due diligence granulare a campione di credito immobiliare scontabilità in BCE

49 Ernesto Paolillo Consigliere CDA Héra Il modello di Héra per la gestione degli NPL (case histories e partner esteri)

50 Lo spazio di manovra All interno del mercato delle società operanti nel settore Credit Services & NPL, Héra International real estate si pone come operatore per crediti con sottostante immobiliare con importi totali pari o superiori a La scelta degli importi è da intendersi puramente strategica, in quanto operare su crediti di valore inferiore non solo non coprirebbe i costi di struttura, ma non permetterebbe di raggiungere gli obiettivi preposti. Al fine di salvaguardare il credito bancario, la rapidità di azione è l unico alleato, infatti una volta ricevuto il fascicolo, garantiamo una due diligence desktop e una strategia di way-out entro il termine di 180 giorni. Istituto di Credito Firma contratto Agency Ricezione Fascicolo Due Diligence Way Out 0 180

51 Analisi Preventiva del portafoglio Per essere sicuri che gli asset rispecchino I parametri di intervento previsti effettuiamo le seguenti verifiche: a)verifica del credito e valutazione operazione; b)stima esigibilità del credito; c)verifica della disponibilità materiale dell unità (libera o occupata); d)verifica dello stato generale dell'immobile; e)verifica della destinazione d uso effettiva; f)analisi ulteriori gravami pendenti sull unità immobiliare (specificando la tipologia di creditori e privilegi); g)stima del valore del cespite.

52 Nuovo approccio alla gestione La nostra gestione degli NPL nasce da un approccio innovativo, non proponiamo la realizzazione di classici portafogli da vendere a stralcio o la vendita all asta dei beni oggetto di contenzioso, ma pensiamo che sia possibile nella maggior parte dei casi recuperare il credito erogato salvaguardando l investimento dell istituto. La valorizzazione avviene principalmente su quelle operazioni identificate da Héra come revaluable. Qualora per il rilancio dell operazione non fosse possibile utilizzare il veicolo esistente (realizzato dal precedente operatore), gli asset vengono fatti confluire tramite apporto o vendita, all interno di new. Co. create appositamente per tale scopo e denominati per comodità società short e società Long. Nella società short confluiscono tutti quegli asset che si suppone possano essere venduti in tempi rapidi e comunque entro e non oltre 36 mesi, mentre nella società long quegli immobili che si suppone di poter vendere entro e non oltre 72 mesi. Nel caso in cui ad incaglio finissero invece dei Trophy Asset e qualora il valore ne giustifichi lo scopo, in questo caso verrà realizzato un Fondo Immobiliare. Veicolo Esistente Società Short Società Long Fondo Immobiliare

53 La gestione degli asset La gestione dell incaglio avviene in 3 fasi: La prima fase parte alla ricezione del fascicolo, dove l asset viene analizzato da professionisti esperti nel settore immobiliare tramite sopralluoghi, indagini sul posizionamento di mercato, materiale di comunicazione, verifiche dimensionali etc. da cui scaturirà il report con una way out da condividere con l istituto di credito e che in base agli studi dovrebbe portare in bonis la posizione. Qualora l attuazione di un semplice piano di marketing non permetta il raggiungimento dell obiettivo, il report viene trasferito alla struttura legale e fiscale di Héra che provvede a verificare gli impatti fiscali e legali sull apporto del bene all interno di un nuovo veicolo o il mantenimento del veicolo esistente. L ultima fase consiste nell acquisto del 30% delle quote societarie del veicolo esistente da parte di Héra o il conferimento del cespite su una delle società precostituite. Esito Analisi e Way Out condivisa con Istituto di Credito (Report in massimo 180gg) Ricezione Fascicolo Passaggio pratica ad area legale e fiscale per conferimento/uso veicolo esistente Agency Internazionale Trasferimento Asset

54 La gestione del veicolo I veicoli realizzati al fine di poter perfomare al meglio hanno necessità di essere gestiti in ottica di ottimizzazione costi e ricavi per questo hèra fornisce i servizi di: Project management, sviluppo edilizio e gestione del progetto e dell appalto; Consulenza legale, relazione con tribunali e cancellerie; Valutazione commerciale, analisi del mercato (domanda, offerta, competitors), valutazione cambio di destinazione d uso e conseguente redazione di business plan di progetto; Attività pre-commercializzazione (rendering, web presence, pre sounding, communication & promotion); Anticipazione e prevenzione delle problematiche: individuazione corretto price positioning, time to market, vacancy rate etc; Realizzazione procedure e struttura attività; Servizi di property facility (Global Service);

55 La commercializzazione all estero L attività di Héra non termina con la semplice proposta di Way-out dall incaglio e con la gestione del credito/ asset, ma continua con le attività di agency tramite le proprie agenzie estere e con l ausilio di un marketing plan studiato da apposito dipartimento interno. Gestione Marketing

56 Esempio di partnership attivate Progetto: Riqualificazione dell'area Massa Ronchi situato in Toscana Veicolo societario attivato: Nuovo Veicolo Obiettivi condivisi: Sviluppo dell'area attualmente in stato di abbandono Attività deliberate dalla Banca: Autorizzazione ad acquisizione da parte di Héra della società proprietaria del bene; Finanziamento delle opere trasformazione area. Attività svolte da Héra: Analisi preliminare sulla potenziale trasformazione dell area; Ideazione del progetto di trasformazione. Attività da svolgere a cura di Hèra: Cambio di destinazione d uso; Opere di trasformazione dell area; Piano di Marketing ad hoc; Attività di Marketing; Attività di Agency.

57 Esempio di partnership attivate Progetto: Riqualificazione di asset a Cavallino-Treporti situato in Veneto Veicolo societario attivato: Società esistente Obiettivi condivisi: Riqualificazione struttura esistente Attività deliberate dalla Banca: Autorizzazione ad acquisizione da parte di Héra della società proprietaria del bene; Finanziamento delle opere riqualificazione spazi. Attività svolte da Héra: Analisi preliminare sulla riqualificazione delle unità esistenti; Piano di Marketing per la commercializzazione degli spazi. Attività da svolgere a cura di Hèra: Opere di riqualificazione degli appartamenti; Attività di Marketing; Attività di Agency.

58 Fabrizio Reggi Responsabile Area Crediti Speciali Gruppo Cariparma Case histories di valorizzazione degli NPL

59 NPL : i partner per la gestione dello stress sui crediti immobiliari Case histories di valorizzazione degli NPL Milano, 26 Novembre 2014 Fabrizio Reggi Responsabile Area Crediti Speciali Gruppo Cariparma Crédit Agricole

60 L Area Crediti Speciali del Gruppo Cariparma Crédit Agricole Area Crediti Speciali Servizio Real Estate CRP Servizio ristrutturazione d impresa CRP Servizio Crediti Speciali BPFA Servizio Crediti Speciali CRSP L Area Crediti Speciali è stata istituita nel febbraio 2013 al fine di coordinare le diverse strutture attive nelle tre banche del Gruppo Cariparma Crédit Agricole nella gestione creditizia delle esposizioni nei confronti della clientela che ha fatto ricorso alle protezioni previste dalla L.F. (segmento restructuring) o che opera nel settore immobiliare e delle costruzioni (segmento PIM - Professionisti dell Immobiliare distinti tra Promotori, Investitori, Traders, Costruttori e Operatori alberghieri). La gestione creditizia nei confronti di queste controparti è finalizzata alla riqualificazione delle esposizioni attraverso l adesione ad accordi di ristrutturazione del debito e, nel caso dei PIM, con la definizione di strategie di deleveraging tramite accordi di commercializzazione in partnership con primari network nazionali e internazionali, rinegoziazioni del debito e la promozione di prodotti dedicati e destinati alla clientela acquirente

61 Processo di Gestione dei dossier creditizi Problema Analisi Strategia Mercato Identificazione delle situazioni anomale (ritardi nella realizzazione del progetti immobiliari e nell attività di vendita, inadempimento delle obbligazioni contrattuali, ) Raccolta di tutte le informazioni (visite ai cantieri, incontri con i PIM, aggiornamenti peritali e dei piani economico finanziari, strategie di commercializzazione, ) Definizione della strategia di riqualificazione del debito e delle azioni di deleveraging della società anche attraverso l ausilio e intervento di advisor esterni specializzati Attuazione delle strategie identificate e concordate

62 Case histories 1) Progetto residenziale ad alta densità Ristrutturazione edilizia in contesto urbano Problematiche societarie e di governance 2) Lottizzazione residenziale in provincia Nuovo intervento edilizio residenziale in contesto non urbano Problematiche societarie e sovradimensionamento del progetto 3) Sviluppo di progetto commerciale Nuovo centro commerciale in contesto non urbano Problematiche societarie e sovradimensionamento del progetto

63 Caso 1: Progetto residenziale ad alta densità (1/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Problemi: Struttura societaria problematica e con risorse finanziarie inadeguate Elevato Loan To Value (LTV) Riqualificazione urbana solo parziale Alta densità abitativa Assenza di vendite Analisi: Localizzazione semicentrale in contesto urbano di medie dimensioni e mercato saturo Tessuto urbano consolidato Ampio progetto di riqualificazione urbana Elevato ricorso alle permute con i costruttori

64 Caso 1: Residenziale ad alta densità (2/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Strategia: Conferma del sostegno finanziario al progetto edilizio con accordo di riscadenzamento del debito (in bonis) per consentire la conclusione delle opere e la valorizzazione dell intero intervento Individuazione e accordo con nuovo soggetto esterno disposto a subentrare nel controllo della governance Modifica degli accordi con i Soci preesistenti al fine di agevolare il processo di commercializzazione

65 Caso 1: Residenziale ad alta densità (3/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Mercato: Coinvolgimento di partner qualificato e di rilevanza nazionale per la definizione e promozione dell attività di commercializzazione Coinvolgimento di operatori locali (pubblici e privati) per la valorizzazione dell intera area (giornate dedicate alla progettazione degli spazi comuni) Promozione di prodotti bancari a condizioni favorevoli dedicati alla clientela potenzialmente interessata ad acquistare unità immobiliari conclusi negli ultimi mesi i primi rogiti di vendita

66 Caso 2: Lottizzazione residenziale di provincia (1/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Problemi: Vasto progetto edilizio avviato in un contesto economico florido poi penalizzato dalla repentina chiusura di due importanti siti industriali con inevitabile riduzione della domanda di abitazioni Crisi di liquidità da parte dei promotori in corso d opera Piano di lottizzazione incompleto Analisi: progetto localizzato in periferia bassa densità abitativa ampio piano di lottizzazione parzialmente sviluppato situazione debitoria problematica con banca e fornitori

67 Caso 2: Lottizzazione residenziale di provincia (2/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Strategia: Ristrutturazione del debito con ricorso alla L.F. Art. 67 Erogazione di nuova finanza finalizzata al solo completamento delle opere di lottizzazione funzionali al miglioramento del contesto abitativo e residenziale Moratoria dei pagamenti Creazione di cash flow con rimborsi iniziali all 80% delle vendite permute a favore dei fornitori scaduti ridimensionamento dell intero progetto limitato al solo completamento degli immobili in corso e gli ultimi interventi di lottizzazione

68 Caso 2: Lottizzazione residenziale di provincia (3/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Mercato: riproposizione degli immobili sul mercato a opere ultimate (incluse le ultime lottizzazioni) coinvolgimento di partner esterni per la promozione e gestione commerciale delle vendite Promozione di prodotti bancari a condizioni favorevoli dedicati alla clientela potenzialmente interessata ad acquistare unità immobiliari conclusi negli ultimi quattro mesi nuovi rogiti attraverso vendite dirette e accolli di debito nostro tramite

69 Caso 3: Sviluppo di area commerciale (1/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Problemi: Promotore con mezzi finanziari inadeguati (progetto «ereditato» da NPL) Perdita di redditività della struttura principale (piastra GDO) Localizzazione decentrata Elevata incidenza delle opere di urbanizzazione

70 Caso 3: Sviluppo di area commerciale (2/3) PROBLEMA ANALISI STRATEGIA MERCATO Analisi: Area localizzata in posizione mediana rispetto a due grandi centri urbani Progetto destinato alla realizzazione di centro commerciale con ampia superficie destinata a operatore della grande distribuzione alimentare e corredo di galleria di negozi Opere di urbanizzazione che interessano anche strade statali Rischio di perdita di licenze commerciali e titoli abilitativi

71 Caso 3: Sviluppo di area commerciale (3/3) Strategia: Ristrutturazione e riscadenzamento del debito sotto la protezione L.F. completamento delle opere di urbanizzazione al fine di conservare i titoli abilitativi ricerca di nuovi attuatori per il progetto ridimensionamento del progetto con l eliminazione della piastra GDO e, invece, l impostazione di un «centro di prossimità» finanziariamente meno invasivo e più sostenibile, abbinando ai negozi superfici direzionali e per ambulatori medici

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli