Chirurgia EndoVascolare Accesso Femorale e Brachiale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chirurgia EndoVascolare Accesso Femorale e Brachiale"

Transcript

1 Chirurgia EndoVascolare Accesso Femorale e Brachiale

2 PTA E STENT

3 PTA E STENT

4 PTA E STENT

5 PTA E STENT

6 PTA E STENT

7 PTA E STENT

8 PTA E STENT

9 PTA E STENT Ecocolor

10 PTA E STENT Ecocolor

11 PTA E STENT

12 PTA E STENT Ecocolor

13 CONCLUSIONI L endoarterectomia per eversione e reimpianto consente una ricostruzione della biforcazione carotidea più armonica e la correzione di Kinking È la tecnica che assicura i migliori risultati a distanza Rappresenta il 90% delle soluzioni chirurgiche in alcune casistiche

14 CONCLUSIONI La chirurgia endovascolare in patologia carotidea rappresenta una ulteriore risposta in caso di accesso chirurgico complesso o pazienti ad alto rischio I risultati a distanza e la percentuale di restenosi rappresentano la frontiera di questa metodica

15 Stent dei Tronchi Epiaortici ed Intracranici nella Stenosi Vascolare Approccio del Neuroradiologo Interventista

16 Caso Clinico 1 Alle ore 7:45 insorgenza di disartria mentre si trovava in autobus Alle ore 8:27 viene valutato dal Medico DEA: riscontrati disartria e deficit parziale del VII nervo cranico destro non deficit motori degli arti Alle ore 8:30 viene eseguita una TC cranio diretta Alle ore 8:45 conferma dei i dati clinico-obiettivi terapia acido acetilsalicilico ev

17 Esito lacunare del centro semiovale di sinistra. Sistema ventricolare e spazi liquorali periencefalici nei

18 Assegno il paziente ad una Medicina Interna Eseguo la fibrinolisi sistemica Richiedo ecocolordoppler CV e TC Richiedo angiotc cerebrale

19 Arterie cerebrali medie pervie senza significative asimmetrie di flusso Arterie cerebrali anteriori pervie e normo dirette (non inversione di flusso nel tratto A1 omolaterale) Nella norma il circolo posteriore Sospetta subocclusione della carotide interna sinistra Vertebrali pervie e normodirette.

20 La Scala Internazionale dell Ictus dell NIH è un iniziativa promossa da istituzioni pubbliche nazionali ed internazionali così come da enti privati e di formazione. La Scala dell ictus del National Institute of Health è uno strumento sistematico di valutazione che fornisce una misurazione quantitativa del deficit neurologico provocato dall ictus. Attualmente la scala viene ampiamente usata anche come strumento di misurazione clinica per valutare l acutezza dell ictus nei pazienti, prevederne gli esiti e stabilire il trattamento più appropriato. La Scala dell Ictus dell NIH può essere utilizzata anche come strumento di valutazione clinica dell ictus per misurare e documentare lo stato neurologico dei pazienti durante la fase acuta. Si è visto che è in grado di prevedere la grandezza della lesione e che può essere utile per valutare la gravità dell ictus. È stato dimostrato che la NIHSS è uno strumento predittivo valido degli esiti dell ictus sia nel breve sia nel lungo periodo. Inoltre, può essere utile per raccogliere dati allo scopo di pianificare la cura per il paziente e offre un linguaggio comune per lo scambio di informazioni tra quanti si occupano della cura del paziente.

21 La NIHSS è una scala dell ictus, un esame neurologico composto da 15 item usato per misurare l effetto di un infarto cerebrale nella fase acuta a livello di coscienza, linguaggio, neglect, perdita di campo visivo, movimento extraoculare, forza, atassia, disartria e perdita sensoriale Un osservatore addestrato valuta la capacità del paziente di rispondere a domande e di eseguire attività. Ciascun item può avere da 3 a 5 gradi di valutazione, nei quali 0 è considerato come normale; vengono, inoltre, presi in considerazione anche item non valutabili. La valutazione di un singolo paziente richiede meno di dieci minuti per essere completata.

22

23

24 Alle ore 11:30, presa visione del referto ecodoppler, per confermare la diagnosi e porre indicazione ad eventuale TEA viene richiesta angiotc urgente ed il paziente inviato in Neuroradiologia Alle ore 13:00 viene eseguita angiotc cerebrale; l esame termina alle ore 13:25 L esame obiettivo neurologico ed il punteggio NIHSS sono invariati durante la permanenza in DEA e all inizio dell esame NIHSS: 2 Tempo di ischemia 5h.40

25 CI sn CI ds Sez. sagittale Si conferma l occlusione della arteria carotide interna sinistra in assenza di lesioni parenchimali

26 Alle ore 13:25 al termine dell esame viene rilevata la comparsa di afasia globale ed emiplegia facio-brachiocrurale destra Il paziente viene rivalutato dal Medico e viene nuovamente somministrata la NIHSS NIHSS: 19 Tempo di ischemia 6h 05

27 13.50 (time-to-needle: 360 dal primo TIA) Terapia ev: Aggastat (tirofiban) 33ml in 3min + 12ml/h Eparina 3000 UI bolo UI/h

28 PTA 2.5x30 pta 6.0x30 stent Stent 7-10x40

29 Dopo stent

30 UK UK 500K IU UK 4x15 Dopo soft pta

31

32