RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE 1. Premessa 2. Obiettivi dell intervento 3. Localizzazione dell intervento 4. Numeri di progetto 5. Opere in progetto 5.1 Impianto architettonico 5.2 Manufatti cimiteriali 5.3 Viabilità interna e collegamenti trasversali 5.4 Illuminazione votiva 5.5 Comfort ambientale e sostenibilità 5.6 Impianti elettrici e speciali 5.7 Impianti idrico e fognario 5.8 Verde di progetto e arredo 6. Aspetti urbanistici 7. Piano-programma dell intervento 8. Indennità presunta di esproprio 9. Valore dell investimento 10. Elenco elaborati 1

2 Premessa La presente relazione illustra il progetto preliminare di supporto alla proposta di Project Financing promossa ai sensi dell art. 153, comma 19 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii., dal R.T.I. costituito da G.M. Gestione multiservice scrl- via Gallarate, 58, Milano (capogruppo) e da It4ly group via Luigi Settembrini, 33, Milano, per le opere di Ampliamento del cimitero comunale di Settimo Torinese, parte integrante della proposta di Progetto integrato di funzioni Pubbliche urbane. Il progetto è stato redatto dal gruppo di lavoro, coordinato dalla scrivente arch. Antonietta Santoro, costituito dai professionisti elencati in avanti, in organico alla società di ingegneria SINAPSIS S.r.l., con sede al Corso Trieste, n. 191 Caserta: Arch. Antonietta Santoro Arch. Feliciarosa Marcelli Arch. Assunta Duracci Arch. Chiara Errichiello Arch. Caterina Garofalo Ing. Raffaele Cesaro Nel corso della progettazione si è fatto costante riferimento alla normativa di settore: RD n. 1265/1934 Testo Unico delle leggi sanitarie ; DPR n. 285/90 Regolamento di polizia mortuaria ; Legge n. 166; Circolare n. 24/1993 del Ministero della Sanità; d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207, DPR n. 327/2001 Testo Unico Espropri ; 2. Obiettivi dell intervento L ampliamento del recinto cimiteriale in progetto è già contenuto nelle previsioni della Variante Strutturale n.20 al P.R.G.C. vigente, il cui Progetto Preliminare è stato adottato con Deliberazione del C.C. n. 117 del La sua superficie complessiva è di circa mq , che sommata agli attuali mq porterà la superficie del recinto cimiteriale a mq

3 Il progetto mira a soddisfare il fabbisogno di sepolture e le incalzanti richieste dei cittadini, prevedendone la realizzazione in base alle indicazioni del Piano Regolatore Cimiteriale redatto dal Comune di Settimo, tenendo conto della necessità di armonizzare l opera con l ambiente preesistente. Nell insieme le opere in progetto sono così sintetizzabili: - edifici per loculi - sepolture private (cappelle e edicole) - sepolture private ipogee - campi di inumazione - sale del commiato - uffici - locali tecnici e servizi - verde e viabilità - sistemazione esterna - deviazione canale 3. Localizzazione dell intervento e stato di fatto Il Cimitero della Città di Settimo Torinese si trova a nord-est del nucleo abitato, sulla Strada Statale n 11 Padana Superiore, in direzione di Brandizzo. Questa circostanza ha fatto sì che la grande espansione edilizia degli anni 60-70, che ha portato alla saldatura con il contiguo Comune di Torino, abbia solo lambito il recinto cimiteriale, che ha due dei suoi quattro lati ancora liberi, circondati da campi, e quindi idonei ad eventuali futuri ampliamenti, anche se dal lato sud-est c è un dislivello di circa 2,50 mt, che renderebbe problematica la continuità del recinto cimiteriale. La parte storica del cimitero è costituita dal quadrilatero più ad ovest, nel quale le tombe di famiglia erano disposte perimetralmente, addossate al muro di recinzione, e, dentro ai campi, nelle vicinanze dell ingresso principale. Successivamente, a mano a mano che nuove porzioni venivano ad aggiungersi al perimetro originario, senza tuttavia integrarsi tra di loro, il campo originario è stato interamente destinato a concessioni private, mentre gli ampliamenti successivi sono stati organizzati in modo da poter ospitare ciascuno le diverse tipologie di sepolture, avendo perimetralmente gli edifici per loculi e nei campi centrali sia tombe private che spazi per inumazioni; i primi due ampliamenti sono stati in direzione sud, dall altro lato rispetto alla Statale, con due campi molto 3

4 simili tra di loro, e successivamente c è stato il raddoppio con l apertura di un altro ingresso, per procedere alla realizzazione tempestiva delle strutture per loculi, di cui quella in fase di ultimazione è particolarmente imponente, per far fronte al fabbisogno entro gli spazi esistenti, in attesa della tempestiva realizzazione del necessario ampliamento. L organizzazione spaziale per quadrilateri contigui frutto di successivi ampliamenti ha fatto sì che, per le parti più vicine agli ingressi, essi siano scarsamente intercomunicanti, in quanto chiusi da costruzioni continue destinate a loculi e a concessioni private. Nonostante il bassissimo numero di inumazioni, i campi a tale destinazione occupano tutta la parte centrale dei due ampliamenti più vecchi, per i notevoli problemi di mineralizzazione, e si è occupata la parte centrale dei campi H3 e H4 per reinumazioni quinquennali. Le parti centrali degli altri campi per loculi sono attualmente libere, semplicemente inghiaiate, e disponibili per eventuali inumazioni qualora se ne presentasse la necessità. Il Cimitero ha un alta densità di manufatti. Il numero notevole di tombe di famiglia crea i soliti problemi di discontinuità estetica, problema evitato per le strutture per loculi, che sono state realizzate quasi tutte secondo lo stesso modello. La disomogeneità tra i diversi ampliamenti, che si legge anche nei diversi tipi di pavimentazione e destinazione delle aree libere, e le scarse possibilità di comunicazione, sono il problema maggiore, non solo estetico ma soprattutto funzionale. Inoltre la necessità di fare campi misti con spazi per inumazioni e spazi per tombe di famiglia ha fatto optare per una predominante disponibilità di concessioni per cripte, di minore impatto volumetrico e collocabili anche perimetralmente ai campi per inumazioni, cosa che ha lasciato insoddisfatta una fetta considerevole di domande per cappelle. I campi per inumazioni utilizzati sono complessivamente circa mq, corrispondenti a circa l'8% del totale della superficie cimiteriale. La viabilità principale, percorribile veicolarmente dai carri funebri per raggiungere le varie aree di sepoltura, è asfaltata (in un campo è stato usato asfalto rosso), mentre i percorsi pedonali sono semplicemente inghiaiati. Non ci sono per lo più cordoli di delimitazione tra i diversi tipi di pavimentazione. Nei nuovi campi per loculi ci sono marciapiedi pavimentati in pietra ad opus incertum cementato, come anche in porzioni perimetrali delle tombe di famiglia. Le aree verdi 4

5 sono molto poche, e molto pochi gli alberi all interno delle stesse. Il verde esistente è quasi esclusivamente costituito da piccole conifere piantate in aree private (cipressi, tuie). 1. Numeri di progetto Il numero di manufatti di progetto copre il fabbisogno per l intera durata della concessione (anni 20) e per l immediato post-concessione (vedi relazione tecnicosanitaria). Il raggiungimento degli obiettivi dichiarati è reso possibile dall intervento proposto, che prevede i seguenti numeri di progetto: fabbisogno loculi in 20 anni n fabbisogno sepolture private n. 106 aree n. loculi in colombario previsti n sepolture private n. 132 di cui ipogei a 6 posti n.28 ipogei a 4 posti n.24 cappelle a 12 loculi e 3 ossari n.40 edicole a 5 loculi e 5 ossari n.40 aree in concessione per cappelle n. 40 campi di inumazione mq 4268 edificio servizi mq 413 aree a verde mq 4542 viabilità mq 8620 Il numero dei loculi in progetto, insieme ai 540 previsti nel campo M e agli 820 previsti nel campo L, soddisfa in totale il fabbisogno di 20 anni. Sono previsti, altresì, (ma non realizzati) ulteriori manufatti: loculi n sepolture ipogee da 6 loculi = n. 22 Il tutto è ampiamente dimostrato nella relazione tecnico-sanitaria. 5

6 5. Opere in progetto 5.1 Impianto architettonico L'ampiezza dell'area in ampliamento è di m 110, considerando il lato fronte strada, per m 235 di lunghezza attuale del cimitero. Tale misura è corrispondente all'ampiezza del primo recinto, e ciò vuol dire che con tale ampliamento si ricostituisce una simmetria planimetrica. La presente proposta trae origine dalle indicazioni della relazione del PRC ed in particolare: - la necessità di ricavare comunicazioni trasversali nella realizzazione dell'ampliamento, dato che nelle parti più prossime agli ingressi sono pochi i varchi di comunicazione: in particolare tra i campi M e Q è stato scelto di collocare l area destinata ai manufatti ipogei, che avvolti da un ampia fascia verde, migliorano l integrazione della nuova area con la preesistente. - la necessità di mitigare la discontinuità estetica che si è venuta a creare dato l alto numero di tombe di famiglia e la disomogeneità dei vari manufatti all interno dei campi. - la armonizzazione dell ampliamento in progetto con il preesistente: a questo proposito si è scelto di non scostarsi per gli edifici loculi dalla tipologia adottata nei campi recenti, a due piani. - la necessità di aumentare le aree a verde: la scelta di prevedere per i loculari 4 file a piano terra e tre file al primo piano (contrariamente alle previsioni di piano che prevedevano 6 file in totale), ha determinato una maggiore superficie in pianta che è stata utilizzata per le sistemazioni a verde. - Oltre a ciò, la proposta cerca di migliorare la viabilità interna: separando tra di loro i loculari trasversali e longitudinali (ma collegandoli attraverso passerelle al primo piano), si vengono a creare, oltre al viale centrale, ulteriori viali laterali. Edificio servizi In ottemperanza dell art. 52 del citato D.P.R. presso il cimitero è assicurato un servizio di custodia a ciascuno dei due ingressi. Parimenti, in ottemperanza dell art. 60 del citato D.P.R. il cimitero è approvvigionato di acqua potabile ed è dotato di servizi igienici a disposizione del pubblico e del personale addetto al cimitero. 6

7 Il blocco di servizi igienici localizzato presso il secondo ingresso è stato recentemente rinnovato, con la creazione di un servizio a norma per i disabili. Dunque gli edifici di servizio esistenti soddisfano i requisiti minimi richiesti per legge. Al momento non è di interesse dell Amministrazione comunale la realizzazione dell impianto di cremazione. Tuttavia in prossimità dell'ingresso in progetto, sarà prevista un ampia area in cui realizzare un volume (superficie coperta 413 mq) da destinare a: 2 sale del commiato con servizi zona uffici con servizi camera ardente servizi igienici per visitatori spogliatoi e servizi per addetti e deposito. Area esterna: celebrazioni all aperto e giardino della memoria. 5.2 Manufatti cimiteriali Edificio per Loculi (TAV. C9) Le strutture per tumulazione previste (edifici 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 39) rendono disponibili ulteriori 5782 loculi, che assieme ai 540 del campo M e agli ulteriori 820 circa nel completamento del campo L, sommano a 7142 nuovi loculi, quindi sufficienti a soddisfare il fabbisogno calcolato per i prossimi 20 anni. Nel primo lotto d intervento saranno realizzati i fabbricati: 28, 29, 30, 31. Nel secondo lotto saranno realizzati gli edifici dal 32 al 39. Gli edifici del campo Q in progetto dovranno essere realizzati nel il periodo postconcessione. I fabbricati si sviluppano su due piani. Il piano terra è previsto a quattro file di loculi, mentre il secondo livello, a tre file. Questa scelta è derivata dalla volontà di aumentare la superficie in pianta da destinare a verde. Ogni loculo, del tipo frontale sarà servito da uno spazio esterno libero per l accesso diretto al feretro e sarà realizzato in modo da garantire la prescritta impermeabilità ai liquidi ed ai gas e la durabilità di tale caratteristica nel tempo. Le dimensioni nette interne sono di 2,35 m in lunghezza, 0,70 m in larghezza e 0,70 m in altezza, con piano di appoggio del feretro inclinato verso l interno con una pendenza del 2% per evitare fuoriuscite di liquidi. A completamento del loculo è prevista la predisposizione del 7

8 punto luce per la lampada votiva, la messa in opera di listelli in marmo a copertura dei setti verticali e delle solette orizzontali, la posa di lapide in marmo, sostenuta da staffe in bronzo. Gli edifici sono tutti provvisti di scala. Alcuni di essi saranno serviti da ascensoremontaferetro, di dimensioni tali da garantire il trasporto dei feretri e quindi idonei anche per i portatori di handicap. Attraverso un sistema di passerelle in acciaio sospese, gli edifici su ogni lato saranno collegati tra loro, in maniera tale da poter essere serviti tutti dagli ascensori collocati opportunamente. Questa scelta garantisce altresì di creare ulteriori viali laterali, percorribili sia dai pedoni che dai mezzi di servizio. Per il sistema edilizio a loculi, sarà utilizzato il calcestruzzo fotocatalitico: oltre al notevole impatto estetico e cromatico, questo materiale assolve anche ad un compito ambientale di rilevante importanza, filtrando le emissioni inquinanti dei veicoli (polveri sottili) grazie alla sua risposta chimica all esposizione ai raggi UV. Questo particolare tipo di cemento possiede una forte "azione fotocatalitica" capace di distruggere e quindi non essere attaccato dagli inquinamenti atmosferici. Ciò consente all opera di conservare nel tempo la sua immagine iniziale. La copertura piana sarà impermeabilizzata mediante guaina e protetta da scossaline perimetrali. Cappelle (TAV. C10) Sono disponibili in progetto n. 80 aree per cappelle. Su 40 aree previste nel campo N si prevede la realizzazione di edifici per cappelle con 12 loculi a cantera e tre ossari ognuna, fornite complete di rifinitura sull esterno per evitare quelle situazioni di caos architettonico che purtroppo si riscontra in molti cimiteri, mentre all interno potranno essere completate su proposta del committente. Queste hanno funzione di creare una quinta intorno al giardino della memoria e saranno realizzate in numero di 40 nel primo lotto d intervento. Nel comparto Q sono poi disponibili ulteriori 40 aree da dare in concessione. Le sepolture interne saranno in numero di tre, in pianta, disposte su quattro file. Oltre ai tre ossari è presente un piccolo ripostiglio. 8

9 Le cappelle proposte saranno così strutturate: sul lato della parete esterna, rivestita in pietra, si apre l accesso a un piccolo vestibolo interno. Questo è illuminato dall alto da una feritoia in copertura schermata con un vetro fisso. La copertura piana sarà impermeabilizzata mediante guaina e protetta da scossaline perimetrali. Un unico punto luce caratterizzerà l interno della tomba. Ciascun manufatto è dotato esternamente di uno spazio verde di pertinenza. La pavimentazione e le rifiniture interne saranno caratterizzati da paramenti marmorei da normare secondo alcune tipologie di materiali lapidei idonei, al fine di consentire che il singolo cittadino possa scegliere tra allestimenti finali variabili per cromatismo. Le strutture sono in ca, da calcolarsi tenendo conto della normativa vigente (Normativa Tecnica delle Costruzioni D.M. 14/01/2008). In questa fase, da approfondire nel successivo stadio di progettazione, è prevista la realizzazione di manufatti in calcestruzzo gettato in opera di classe C25/30 caratterizzati da setti e piastre. All interno del manufatto saranno inseriti dei loculi prefabbricati in cemento vibrato, rispondenti alle Norme vigenti in materia di costruzioni e in materia sanitaria. Edicole funerarie (TAV. C11) Le edicole, in numero di 40, sono state previste a 5 loculi e 5 ossari. Di queste 20 saranno realizzate nel primo lotto, altre 20 nel secondo. Strutturalmente anche queste saranno realizzate in calcestruzzo gettato in opera di classe C25/30 caratterizzati da setti e piastre; all interno del manufatto saranno inseriti dei loculi prefabbricati in cemento vibrato, rispondenti alle Norme vigenti in materia di costruzioni e in materia sanitaria. Il piccolo spazio di pertinenza antistante il manufatto, che risulta sempre rialzato rispetto ai camminamenti, sarà protetto dall aggetto del solaio e pavimentato in pietra. Sepolture ipogee (TAV. C11) 9

10 Sono di due tipi: a 6 e a 4 posti. Per il tipo a sei, sulla stessa area si possono realizzare anche sepolture a otto posti. Nel comparto N sono previsti n. 28 cripte a sei posti e n. 24 a quattro posti, tutte realizzate nel I lotto. Nel comparto Q, sono disponibili ulteriori 22 aree che potranno essere utilizzate nel periodo post concessione. Anche per questi manufatti la struttura sarà realizzata in calcestruzzo gettato in opera di classe C25/30 caratterizzata da setti e piastre; all interno saranno inseriti i loculi prefabbricati in cemento vibrato, rispondenti alle Norme vigenti in materia di costruzioni e in materia sanitaria. Tutte le cripte sono state previste in ampi spazi verdi e tutte rivolte verso un viale pedonale rivestito da ghiaino, in maniera tale da impattare il meno possibile, creando ampie zone libere dal punto di vista visivo. Il rivestimento esterno sarà previsto sempre in pietra locale variamente lavorata. 5.3 Viabilità interna e collegamenti trasversali Per consentire un efficace e rapido collegamento tra le varie sepolture e le infrastrutture cimiteriali, rispetto all impianto del PRC, sono stati ricavati ulteriori viali: infatti distaccando tra di loro gli edifici loculari trasversali e longitudinali, ma collegandoli attraverso passerelle in acciaio al primo piano, si è venuta a creare una ulteriore viabilità laterale, in aggiunta al viale principale centrale. Tutta la viabilità è stata concepita non solo per l uso di mezzi su ruote, (pulmino navetta per i visitatori, mezzi di servizio, ecc..) ma anche per una comoda fruizione pedonale. Il viale centrale lungo circa 170 metri sarà delimitato su ambo i lati da un filare di alberi I collegamenti con il cimitero esistente sono stati previsti in tutti i punti in cui era possibile realizzarli. In particolare tra il comparto M e il comparto Q, è stato scelto di collocare l area destinata ai manufatti ipogei, che avvolti da un ampia fascia verde, migliorano l integrazione della nuova area con la preesistente, consentendo una continuità visuale, anche per dare respiro al campo M. 10

11 Le pavimentazioni dei viali saranno in calcestruzzo lavato con inerti a vista, composto da sabbia e da aggregati locali in maniera tale che il colore base dato dagli inerti si integri con l ambiente con discrezione e armonia; si tratta di una pavimentazione continua naturale, dall aspetto gradevole e contraddistinta da un grande effetto scenico. E un prodotto a bassa porosità, rinforzato da fibre in polipropilene, con una buona resistenza agli effetti dei cicli di gelo/ disgelo: antisdrucciolo, indeformabile sotto carico e alle alte temperature con trattamento superficiale ruvido antisdrucciolo, che rispetta le vigenti normative di sicurezze per i luoghi pubblici. La pavimentazione così ottenuta non necessita praticamente di alcuna manutenzione. Il progetto di PRC recepisce le previsioni della Variante al PRGC per la viabilità e le aree a servizi in progetto nella fascia contigua al recinto cimiteriale attuale ed all'ampliamento in progetto per quanto riguarda la relazione tra la nuova rotonda ed il nuovo ingresso della zona in ampliamento, e relativo accesso dalla viabilità esterna, esistente o in progetto. La presente proposta recepisce a sua volta tali previsioni prevedendo una soluzione di massima, da concordare con l Amministrazione in una fase successiva del progetto. Nella realizzazione dell'ampliamento cimiteriale si terrà inoltre conto del fosso irriguo esistente, che corre sul filo nord est dell'attuale recinto cimiteriale, e che dovrà essere adeguatamente traslato. 5.4 Illuminazione votiva Per soddisfare una specifica richiesta dei cittadini, rilevatasi nel tempo particolarmente insistente nei cimiteri comunali, è stata prevista la realizzazione di un sistema di illuminazione votiva. Per l illuminazione votiva, al fine di ottenere un considerevole abbattimento nei costi di gestione e nei consumi, è stato progettato un sistema di illuminazione a LED, da attivarsi per ogni singolo loculo, sia esso individuale che appartenente ad una cappella privata. 5.5 Comfort ambientale e sostenibilità Per la realizzazione degli edifici, la maggior parte dei materiali occorrenti (conglomerati cementizi, rivestimenti e pavimentazioni), saranno reperiti nel territorio provinciale e se 11

12 possibile si utilizzeranno materiali già presenti in loco, al fine di limitare la movimentazione ed i trasporti nell ambito del cantiere. Il trasporto a rifiuto dei materiali non riutilizzabili, sarà effettuato in discariche controllate. L uso degli elementi naturali e l aumento delle superfici permeabili e a verde, contribuiscono al miglioramento del microclima estivo locale secondo i principi della bioclimatica applicata agli spazi esterni. Criteri di sostenibilità applicabili sono: - il risparmio idrico attraverso il riuso delle acque piovane per l irrigazione del verde con la creazione di una vasca di accumulo; - l uso di materiali naturali e locali per le pavimentazioni e i rivestimenti; - manto erboso, - alberature per l aumento dell ombreggiatura - il controllo dell inquinamento luminoso e l uso di fonti a basso consumo (lampade votive a led ); - l attenzione particolare al rispetto della normativa per il superamento della barriere architettoniche: Sono stati previsti servizi igienici destinati a portatori di handicap. Il livello superiore degli edifici loculi sarà servito da blocchi scala-ascensore (montaferetro). I servizi igienici sono dotati di bagni per disabili. 5.6 Impianti elettrici e speciali E prevista l illuminazione pubblica dei viali principali interni al cimitero, l impianto votivo, nonché i seguenti impianti speciali: diffusione sonora, condizionamento dei locali adibiti a servizi cimiteriali, telefonia. 5.7 Impianti idrico e fognario E prevista in progetto la realizzazione di una rete idrica in pead (vedi tav. 15) per alimentare le fontanine predisposte lungo i viali, i servizi igienici e l impianto di irrigazione del verde. 12

13 Per far fronte ai periodi di interruzione dell alimentazione idrica, è prevista in progetto la realizzazione di una vasca di accumulo di circa 40 mc utili, capace di garantire il fabbisogno per due settimane. Detto volume è stato calcolato, in questa sede in via preliminare ipotizzando un afflusso settimanale di 1000 utenti e un consumo procapite di 13 litri. Ovviamente in sede di progettazione definitiva, alla luce di più precise informazioni ed indagini andrà calcolata l esatta volumetria necessaria. Le acque nere di scarico dei servizi igienici verranno canalizzate in vasche tipo imhoff posizionate in modo da facilitare le operazioni di svuotamento, senza arrecare disturbo ai visitatori. Le acque bianche verranno canalizzate con classiche caditoie stradali e tubazioni in PVC e portate tutte nel punto basso dell area, da dove mediante un collettore da posare lungo la strada, verranno scaricate nel recapito finale. Dette acque verranno inoltre utilizzate per invasare la vasca di accumulo idrico. Si prevede la posa di tubazioni in PVC rigido, da dimensionare in fase di progettazione definitiva alla luce di un attenta analisi idrologica. 5.8 Verde di progetto e arredo La componente verde è senz altro importante in questa particolare struttura: si sono stimati circa mq 4542 di aree a verde, dove verranno allocate alberature e arbusti di diversa specie. Lo sviluppo delle piante nei primi anni di crescita dovrà essere supportato dall inserimento di un impianto d irrigazione a goccia, capace di ridurre i consumi idrici, localizzando e limitando la distribuzione dell acqua. Tale impianto dovrà essere provvisto di settori automatizzati regolati da una centralina, in modo tale da rendere completamente automatica la sua gestione. Tale supporto contribuisce, oltre a ridurre la crisi di trapianto e il numero di piante deperienti, ad agevolare lo sviluppo in altezza delle piante. L impianto è alimentato dall acqua invasata in cisterna di accumulo. Nei periodi di tempo asciutto è comunque garantito il collegamento alla rete idrica interna, che alimenta i servizi e le fontanelle lungo i viali. E prevista la messa a dimora di piante 13

14 d alto fusto sempreverdi lungo tutte le aree a verde nelle specie che meglio saranno definite in fase di progettazione definitiva. L intero cimitero, sarà corredato da elementi di arredo quali panchine, fontane in ghisa, disposte ad una distanza massima di circa 50 m una dall altra, e di cestini portarifiuti distribuiti con passo regolare lungo i viali. 2. Aspetti urbanistici L ampliamento del recinto cimiteriale in progetto nella presente 1 Revisione al Piano Regolatore Cimiteriale è già contenuto nelle previsioni della Variante Strutturale n.20 al P.R.G.C. vigente, il cui Progetto Preliminare è stato adottato con Deliberazione del C.C. n. 117 del ; pertanto la sua compatibilità urbanistica è legata al perfezionamento dell'iter di approvazione della stessa. La stessa Variante di PRGC ridisegna la fascia di rispetto cimiteriale, ampliandola secondo i criteri della fascia approvata e vigente, ma in relazione all'ampliamento in progetto; in particolare la fascia risulta di ampiezza 100 m dal lato di via Lombardia e via Milano, mentre è di 150 m dai lati nord - est e sud - est, in cui il recinto cimiteriale si affaccia su territorio agricolo. In armonia con quanto rappresentato nella Variante urbanistica, il presente PRC amplia la fascia di rispetto cimiteriale, mantenendo le stesse misure di quella autorizzata e vigente, ma traslate con riferimento al nuovo recinto in progetto. Il progetto di PRC recepisce le previsioni della Variante al PRGC per la viabilità e le aree a servizi in progetto nella fascia contigua al recinto cimiteriale attuale ed all'ampliamento in progetto. La realizzazione dell opera è in ogni caso subordinata al preventivo rilascio dei Nulla Osta de parte degli enti competenti 7. Piano-programma dell intervento Le opere saranno eseguite, completate e messe in esercizio nel rispetto del piano programma di massima riportato nel piano economico e finanziario, da adeguare in fase di progettazione definitiva e poi, successivamente, nel corso della durata della concessione in funzione del tasso di mortalità e delle effettive richieste di manufatti 14

15 cimiteriali che la cittadinanza avanzerà. In particolare, in sede di adeguamento del piano, occorrerà che: - l avanzamento dei lavori garantisca, nel limite della potenzialità del progetto, durante tutta la durata della concessione il fabbisogno di loculi, ossari, cappelle di famiglia, secondo il tasso di mortalità e/o le richieste dei cittadini; - l intervento venga frazionato il meno possibile in lotti al fine di minimizzare il disturbo che il cantiere arreca al decoro dei luoghi. Durante la costruzione andranno presi tutti i provvedimenti necessari affinché l esecuzione dei lavori previsti da ciascun lotto non intralci in alcun modo il normale andamento dei servizi cimiteriali. Per consentire il regolare svolgimento delle attività cimiteriali, e per non creare pericoli alla pubblica e privata incolumità, le aree di cantiere dovranno essere interdette, nonché opportunamente schermate anche visivamente con l uso di barriere provvisorie mobili, così da garantire il giusto decoro delle aree aperte al pubblico. La realizzazione dell area cimiteriale prevede 2 lotti funzionali: Primo lotto funzionale: Esproprio dell area Edificio servizi Realizzazione di n loculi in colombario. Realizzazione di n. 40 cappelle Realizzazione di n. 20 edicole Realizzazione di n. 52 cripte (28 grandi+24 piccole) Realizzazione di campi di inumazione mq 1516 Realizzazione dei viali interni e di tutte le urbanizzazioni necessarie per la funzionalità del lotto. La durata dei lavori è prevista in 24 mesi. Secondo lotto funzionale: Realizzazione di n loculi in colombario Realizzazione di n. 20 edicole Campi di inumazione mq 2752 lotti per cappelle in concessione N

16 Connessi viali, opere a verde, impianti elettrici ed elementi di arredo per la funzionalità del lotto. La durata dei lavori è prevista in 24 mesi, che inizieranno al nono anno di concessione. 8. Indennità presunta di esproprio Le valutazioni sinora condotte hanno portato a stimare preliminarmente un onere nell ordine di grandezza di , determinato applicando un valore di indennizzo unitario di /mq 10 (da valutare compiutamente anche in esito alla pronuncia della consulta circa l illegittimità dell applicazione del valore agricolo medio per determinare il valore di esproprio di aree agricole, nonché l indennizzo aggiuntivo dovuto al proprietario conduttore del fondo agricolo) alla superficie complessiva interessata dall esproprio di circa mq L acquisizione patrimoniale riguarda una unica proprietà fondiaria. 9. Valore dell investimento Il valore dell investimento è calcolato come somma delle seguenti voci, così come riportate nel Piano economico e Finanziario asseverato: A) LAVORI ,66 sub-totale 1 - COSTO LAVORI ,66 oneri di sicurezza ,14 sub-totale 2 - COSTO LAVORI + ONERI SICUREZZA ,80 Indennità di esproprio ,00 Imprevisti 5% ,73 Incentivo RUP ,80 B) SPESE TECNICHE progettazione definitiva ed esecutiva ,80 Direzione dei lavori e coord.to sicurezza in esecuzione ,20 Project Management ,70 Analisi ed elaborazioni finanziarie ,80 Analisi ed elaborazioni giuridico-amministrative e tecnico-legali ,80 Verifica preventiva dell'interesse archeologico in sede di progetto preliminare - Artt. 95 e 96 del D.Lgs n. 163/2006 e ss.mm.ii ,00 C) SPESE GENERALI Allacci ,00 Commissioni ,00 Collaudi ,83 Pubblicazione e pubblicità ,00 sub-totale 3 - VALORE INVESTIMENTO al netto di oneri fiscali e acces ,47 16

17 D) SPESE PREDISPOSIZIONE PROPOSTA ,39 E) ONERI FISCALI E ACCESSORI IVA su lavori ,00 IVA su imprevisti ,97 Contributo integrativo su spese tecniche ,25 IVA su spese tecniche ,07 IVA su collaudi ,04 sub-totale 4 - oneri fiscali e accessori ,34 TOTALE DEL VALORE DI INVESTIMENTO ,81 L importo dei lavori è stato calcolato utilizzando il prezzario dei lavori pubblici della Regione Piemonte. Per le lavorazioni non comprese in modo esaustivo nel prezzario ci si è ricondotti a voci di prezzo, chiamate NP, desunte da analisi redatte ed utilizzate per interventi similari già realizzati. Con la stessa sigla, ancorché con abuso di linguaggio, sono stati indicati in computo prezzi composti per corpi d opera. L importo presunto dei lavori, così come stimato da computo, è pari ad ,66 Detto importo, come noto, include i costi della sicurezza cd. ex lege, che l impresa è comunque obbligata a sostenere a norma del Titolo IV del D. Lgs 626/94 per l esecuzione in sicurezza di ogni singola lavorazione, ma non comprende quelli specifici del cantiere, da stimare a parte con apposito computo metrico nel piano di sicurezza e coordinamento (PSC). Al riguardo, è opportuno chiarire che in forza del DPR 222/2003 Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza e della determinazione n. 4/2006 dell autorità di vigilanza sui contratti pubblici, i costi di sicurezza ex lege non vanno scorporati dall importo totale e, quindi, non vanno sommati a quelli specifici computati nel PSC. In questa sede, al solo scopo di individuare l importo degli oneri della sicurezza concorrente al valore dell investimento della proposta di finanza di progetto, sono stati stimati i costi specifici, rifacendosi a pregresse esperienze, nella misura di circa 2% dell importo lavori, ottenendo pertanto: 1. Importo lavori come da computo: ,66 2. Costi specifici di sicurezza: ,85 3. Importo lavori al lordo della sicurezza: ,51 17

18 10. Elenco elaborati Il progetto preliminare della nuova area cimiteriale di Settimo Torinese, parte integrante della proposta di finanza di progetto, è costituito dai seguenti elaborati: Elaborati descrittivi C.1. Relazione illustrativa C.2. Relazione tecnico-sanitaria C.3. Computo sommario della spesa C.4. Capitolato speciale prestazionale Elaborati grafici generali C.5. Inquadramento territoriale ed urbanistico Sc. Varie C.6. Inserimento nel PRGC vigente Sc. 1/1000 C.7. Piano regolatore cimiteriale Sc. 1/1000 Elaborati grafici architettonici C.8. Piante Sc. 1/500 C.9. Edificio servizi e edifici loculi Sc. 1/100 C.10. Cappelle Sc. varie C.11. Edicole e sepolture ipogee Sc. 1/50 Per ognuna delle singole tavole, è possibile individuare dalla relativa testata, i professionisti responsabili delle stesse, debitamente coordinati dalla scrivente. IL PROGETTISTA COORDINATORE Arch Antonietta Santoro 18

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione Gruppo Pasini S.p.a. Programma Integrato di Intervento Ex E.Marelli - Proposta di Variante Relazione Opere di Urbanizzazione Progettisti: Gruppo Pasini S.p.a. V.le Edison 50 2099 Sesto San Giovanni (MI)

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli