RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE 1. Premessa 2. Obiettivi dell intervento 3. Localizzazione dell intervento 4. Numeri di progetto 5. Opere in progetto 5.1 Impianto architettonico 5.2 Manufatti cimiteriali 5.3 Viabilità interna e collegamenti trasversali 5.4 Illuminazione votiva 5.5 Comfort ambientale e sostenibilità 5.6 Impianti elettrici e speciali 5.7 Impianti idrico e fognario 5.8 Verde di progetto e arredo 6. Aspetti urbanistici 7. Piano-programma dell intervento 8. Indennità presunta di esproprio 9. Valore dell investimento 10. Elenco elaborati 1

2 Premessa La presente relazione illustra il progetto preliminare di supporto alla proposta di Project Financing promossa ai sensi dell art. 153, comma 19 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii., dal R.T.I. costituito da G.M. Gestione multiservice scrl- via Gallarate, 58, Milano (capogruppo) e da It4ly group via Luigi Settembrini, 33, Milano, per le opere di Ampliamento del cimitero comunale di Settimo Torinese, parte integrante della proposta di Progetto integrato di funzioni Pubbliche urbane. Il progetto è stato redatto dal gruppo di lavoro, coordinato dalla scrivente arch. Antonietta Santoro, costituito dai professionisti elencati in avanti, in organico alla società di ingegneria SINAPSIS S.r.l., con sede al Corso Trieste, n. 191 Caserta: Arch. Antonietta Santoro Arch. Feliciarosa Marcelli Arch. Assunta Duracci Arch. Chiara Errichiello Arch. Caterina Garofalo Ing. Raffaele Cesaro Nel corso della progettazione si è fatto costante riferimento alla normativa di settore: RD n. 1265/1934 Testo Unico delle leggi sanitarie ; DPR n. 285/90 Regolamento di polizia mortuaria ; Legge n. 166; Circolare n. 24/1993 del Ministero della Sanità; d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207, DPR n. 327/2001 Testo Unico Espropri ; 2. Obiettivi dell intervento L ampliamento del recinto cimiteriale in progetto è già contenuto nelle previsioni della Variante Strutturale n.20 al P.R.G.C. vigente, il cui Progetto Preliminare è stato adottato con Deliberazione del C.C. n. 117 del La sua superficie complessiva è di circa mq , che sommata agli attuali mq porterà la superficie del recinto cimiteriale a mq

3 Il progetto mira a soddisfare il fabbisogno di sepolture e le incalzanti richieste dei cittadini, prevedendone la realizzazione in base alle indicazioni del Piano Regolatore Cimiteriale redatto dal Comune di Settimo, tenendo conto della necessità di armonizzare l opera con l ambiente preesistente. Nell insieme le opere in progetto sono così sintetizzabili: - edifici per loculi - sepolture private (cappelle e edicole) - sepolture private ipogee - campi di inumazione - sale del commiato - uffici - locali tecnici e servizi - verde e viabilità - sistemazione esterna - deviazione canale 3. Localizzazione dell intervento e stato di fatto Il Cimitero della Città di Settimo Torinese si trova a nord-est del nucleo abitato, sulla Strada Statale n 11 Padana Superiore, in direzione di Brandizzo. Questa circostanza ha fatto sì che la grande espansione edilizia degli anni 60-70, che ha portato alla saldatura con il contiguo Comune di Torino, abbia solo lambito il recinto cimiteriale, che ha due dei suoi quattro lati ancora liberi, circondati da campi, e quindi idonei ad eventuali futuri ampliamenti, anche se dal lato sud-est c è un dislivello di circa 2,50 mt, che renderebbe problematica la continuità del recinto cimiteriale. La parte storica del cimitero è costituita dal quadrilatero più ad ovest, nel quale le tombe di famiglia erano disposte perimetralmente, addossate al muro di recinzione, e, dentro ai campi, nelle vicinanze dell ingresso principale. Successivamente, a mano a mano che nuove porzioni venivano ad aggiungersi al perimetro originario, senza tuttavia integrarsi tra di loro, il campo originario è stato interamente destinato a concessioni private, mentre gli ampliamenti successivi sono stati organizzati in modo da poter ospitare ciascuno le diverse tipologie di sepolture, avendo perimetralmente gli edifici per loculi e nei campi centrali sia tombe private che spazi per inumazioni; i primi due ampliamenti sono stati in direzione sud, dall altro lato rispetto alla Statale, con due campi molto 3

4 simili tra di loro, e successivamente c è stato il raddoppio con l apertura di un altro ingresso, per procedere alla realizzazione tempestiva delle strutture per loculi, di cui quella in fase di ultimazione è particolarmente imponente, per far fronte al fabbisogno entro gli spazi esistenti, in attesa della tempestiva realizzazione del necessario ampliamento. L organizzazione spaziale per quadrilateri contigui frutto di successivi ampliamenti ha fatto sì che, per le parti più vicine agli ingressi, essi siano scarsamente intercomunicanti, in quanto chiusi da costruzioni continue destinate a loculi e a concessioni private. Nonostante il bassissimo numero di inumazioni, i campi a tale destinazione occupano tutta la parte centrale dei due ampliamenti più vecchi, per i notevoli problemi di mineralizzazione, e si è occupata la parte centrale dei campi H3 e H4 per reinumazioni quinquennali. Le parti centrali degli altri campi per loculi sono attualmente libere, semplicemente inghiaiate, e disponibili per eventuali inumazioni qualora se ne presentasse la necessità. Il Cimitero ha un alta densità di manufatti. Il numero notevole di tombe di famiglia crea i soliti problemi di discontinuità estetica, problema evitato per le strutture per loculi, che sono state realizzate quasi tutte secondo lo stesso modello. La disomogeneità tra i diversi ampliamenti, che si legge anche nei diversi tipi di pavimentazione e destinazione delle aree libere, e le scarse possibilità di comunicazione, sono il problema maggiore, non solo estetico ma soprattutto funzionale. Inoltre la necessità di fare campi misti con spazi per inumazioni e spazi per tombe di famiglia ha fatto optare per una predominante disponibilità di concessioni per cripte, di minore impatto volumetrico e collocabili anche perimetralmente ai campi per inumazioni, cosa che ha lasciato insoddisfatta una fetta considerevole di domande per cappelle. I campi per inumazioni utilizzati sono complessivamente circa mq, corrispondenti a circa l'8% del totale della superficie cimiteriale. La viabilità principale, percorribile veicolarmente dai carri funebri per raggiungere le varie aree di sepoltura, è asfaltata (in un campo è stato usato asfalto rosso), mentre i percorsi pedonali sono semplicemente inghiaiati. Non ci sono per lo più cordoli di delimitazione tra i diversi tipi di pavimentazione. Nei nuovi campi per loculi ci sono marciapiedi pavimentati in pietra ad opus incertum cementato, come anche in porzioni perimetrali delle tombe di famiglia. Le aree verdi 4

5 sono molto poche, e molto pochi gli alberi all interno delle stesse. Il verde esistente è quasi esclusivamente costituito da piccole conifere piantate in aree private (cipressi, tuie). 1. Numeri di progetto Il numero di manufatti di progetto copre il fabbisogno per l intera durata della concessione (anni 20) e per l immediato post-concessione (vedi relazione tecnicosanitaria). Il raggiungimento degli obiettivi dichiarati è reso possibile dall intervento proposto, che prevede i seguenti numeri di progetto: fabbisogno loculi in 20 anni n fabbisogno sepolture private n. 106 aree n. loculi in colombario previsti n sepolture private n. 132 di cui ipogei a 6 posti n.28 ipogei a 4 posti n.24 cappelle a 12 loculi e 3 ossari n.40 edicole a 5 loculi e 5 ossari n.40 aree in concessione per cappelle n. 40 campi di inumazione mq 4268 edificio servizi mq 413 aree a verde mq 4542 viabilità mq 8620 Il numero dei loculi in progetto, insieme ai 540 previsti nel campo M e agli 820 previsti nel campo L, soddisfa in totale il fabbisogno di 20 anni. Sono previsti, altresì, (ma non realizzati) ulteriori manufatti: loculi n sepolture ipogee da 6 loculi = n. 22 Il tutto è ampiamente dimostrato nella relazione tecnico-sanitaria. 5

6 5. Opere in progetto 5.1 Impianto architettonico L'ampiezza dell'area in ampliamento è di m 110, considerando il lato fronte strada, per m 235 di lunghezza attuale del cimitero. Tale misura è corrispondente all'ampiezza del primo recinto, e ciò vuol dire che con tale ampliamento si ricostituisce una simmetria planimetrica. La presente proposta trae origine dalle indicazioni della relazione del PRC ed in particolare: - la necessità di ricavare comunicazioni trasversali nella realizzazione dell'ampliamento, dato che nelle parti più prossime agli ingressi sono pochi i varchi di comunicazione: in particolare tra i campi M e Q è stato scelto di collocare l area destinata ai manufatti ipogei, che avvolti da un ampia fascia verde, migliorano l integrazione della nuova area con la preesistente. - la necessità di mitigare la discontinuità estetica che si è venuta a creare dato l alto numero di tombe di famiglia e la disomogeneità dei vari manufatti all interno dei campi. - la armonizzazione dell ampliamento in progetto con il preesistente: a questo proposito si è scelto di non scostarsi per gli edifici loculi dalla tipologia adottata nei campi recenti, a due piani. - la necessità di aumentare le aree a verde: la scelta di prevedere per i loculari 4 file a piano terra e tre file al primo piano (contrariamente alle previsioni di piano che prevedevano 6 file in totale), ha determinato una maggiore superficie in pianta che è stata utilizzata per le sistemazioni a verde. - Oltre a ciò, la proposta cerca di migliorare la viabilità interna: separando tra di loro i loculari trasversali e longitudinali (ma collegandoli attraverso passerelle al primo piano), si vengono a creare, oltre al viale centrale, ulteriori viali laterali. Edificio servizi In ottemperanza dell art. 52 del citato D.P.R. presso il cimitero è assicurato un servizio di custodia a ciascuno dei due ingressi. Parimenti, in ottemperanza dell art. 60 del citato D.P.R. il cimitero è approvvigionato di acqua potabile ed è dotato di servizi igienici a disposizione del pubblico e del personale addetto al cimitero. 6

7 Il blocco di servizi igienici localizzato presso il secondo ingresso è stato recentemente rinnovato, con la creazione di un servizio a norma per i disabili. Dunque gli edifici di servizio esistenti soddisfano i requisiti minimi richiesti per legge. Al momento non è di interesse dell Amministrazione comunale la realizzazione dell impianto di cremazione. Tuttavia in prossimità dell'ingresso in progetto, sarà prevista un ampia area in cui realizzare un volume (superficie coperta 413 mq) da destinare a: 2 sale del commiato con servizi zona uffici con servizi camera ardente servizi igienici per visitatori spogliatoi e servizi per addetti e deposito. Area esterna: celebrazioni all aperto e giardino della memoria. 5.2 Manufatti cimiteriali Edificio per Loculi (TAV. C9) Le strutture per tumulazione previste (edifici 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 39) rendono disponibili ulteriori 5782 loculi, che assieme ai 540 del campo M e agli ulteriori 820 circa nel completamento del campo L, sommano a 7142 nuovi loculi, quindi sufficienti a soddisfare il fabbisogno calcolato per i prossimi 20 anni. Nel primo lotto d intervento saranno realizzati i fabbricati: 28, 29, 30, 31. Nel secondo lotto saranno realizzati gli edifici dal 32 al 39. Gli edifici del campo Q in progetto dovranno essere realizzati nel il periodo postconcessione. I fabbricati si sviluppano su due piani. Il piano terra è previsto a quattro file di loculi, mentre il secondo livello, a tre file. Questa scelta è derivata dalla volontà di aumentare la superficie in pianta da destinare a verde. Ogni loculo, del tipo frontale sarà servito da uno spazio esterno libero per l accesso diretto al feretro e sarà realizzato in modo da garantire la prescritta impermeabilità ai liquidi ed ai gas e la durabilità di tale caratteristica nel tempo. Le dimensioni nette interne sono di 2,35 m in lunghezza, 0,70 m in larghezza e 0,70 m in altezza, con piano di appoggio del feretro inclinato verso l interno con una pendenza del 2% per evitare fuoriuscite di liquidi. A completamento del loculo è prevista la predisposizione del 7

8 punto luce per la lampada votiva, la messa in opera di listelli in marmo a copertura dei setti verticali e delle solette orizzontali, la posa di lapide in marmo, sostenuta da staffe in bronzo. Gli edifici sono tutti provvisti di scala. Alcuni di essi saranno serviti da ascensoremontaferetro, di dimensioni tali da garantire il trasporto dei feretri e quindi idonei anche per i portatori di handicap. Attraverso un sistema di passerelle in acciaio sospese, gli edifici su ogni lato saranno collegati tra loro, in maniera tale da poter essere serviti tutti dagli ascensori collocati opportunamente. Questa scelta garantisce altresì di creare ulteriori viali laterali, percorribili sia dai pedoni che dai mezzi di servizio. Per il sistema edilizio a loculi, sarà utilizzato il calcestruzzo fotocatalitico: oltre al notevole impatto estetico e cromatico, questo materiale assolve anche ad un compito ambientale di rilevante importanza, filtrando le emissioni inquinanti dei veicoli (polveri sottili) grazie alla sua risposta chimica all esposizione ai raggi UV. Questo particolare tipo di cemento possiede una forte "azione fotocatalitica" capace di distruggere e quindi non essere attaccato dagli inquinamenti atmosferici. Ciò consente all opera di conservare nel tempo la sua immagine iniziale. La copertura piana sarà impermeabilizzata mediante guaina e protetta da scossaline perimetrali. Cappelle (TAV. C10) Sono disponibili in progetto n. 80 aree per cappelle. Su 40 aree previste nel campo N si prevede la realizzazione di edifici per cappelle con 12 loculi a cantera e tre ossari ognuna, fornite complete di rifinitura sull esterno per evitare quelle situazioni di caos architettonico che purtroppo si riscontra in molti cimiteri, mentre all interno potranno essere completate su proposta del committente. Queste hanno funzione di creare una quinta intorno al giardino della memoria e saranno realizzate in numero di 40 nel primo lotto d intervento. Nel comparto Q sono poi disponibili ulteriori 40 aree da dare in concessione. Le sepolture interne saranno in numero di tre, in pianta, disposte su quattro file. Oltre ai tre ossari è presente un piccolo ripostiglio. 8

9 Le cappelle proposte saranno così strutturate: sul lato della parete esterna, rivestita in pietra, si apre l accesso a un piccolo vestibolo interno. Questo è illuminato dall alto da una feritoia in copertura schermata con un vetro fisso. La copertura piana sarà impermeabilizzata mediante guaina e protetta da scossaline perimetrali. Un unico punto luce caratterizzerà l interno della tomba. Ciascun manufatto è dotato esternamente di uno spazio verde di pertinenza. La pavimentazione e le rifiniture interne saranno caratterizzati da paramenti marmorei da normare secondo alcune tipologie di materiali lapidei idonei, al fine di consentire che il singolo cittadino possa scegliere tra allestimenti finali variabili per cromatismo. Le strutture sono in ca, da calcolarsi tenendo conto della normativa vigente (Normativa Tecnica delle Costruzioni D.M. 14/01/2008). In questa fase, da approfondire nel successivo stadio di progettazione, è prevista la realizzazione di manufatti in calcestruzzo gettato in opera di classe C25/30 caratterizzati da setti e piastre. All interno del manufatto saranno inseriti dei loculi prefabbricati in cemento vibrato, rispondenti alle Norme vigenti in materia di costruzioni e in materia sanitaria. Edicole funerarie (TAV. C11) Le edicole, in numero di 40, sono state previste a 5 loculi e 5 ossari. Di queste 20 saranno realizzate nel primo lotto, altre 20 nel secondo. Strutturalmente anche queste saranno realizzate in calcestruzzo gettato in opera di classe C25/30 caratterizzati da setti e piastre; all interno del manufatto saranno inseriti dei loculi prefabbricati in cemento vibrato, rispondenti alle Norme vigenti in materia di costruzioni e in materia sanitaria. Il piccolo spazio di pertinenza antistante il manufatto, che risulta sempre rialzato rispetto ai camminamenti, sarà protetto dall aggetto del solaio e pavimentato in pietra. Sepolture ipogee (TAV. C11) 9

10 Sono di due tipi: a 6 e a 4 posti. Per il tipo a sei, sulla stessa area si possono realizzare anche sepolture a otto posti. Nel comparto N sono previsti n. 28 cripte a sei posti e n. 24 a quattro posti, tutte realizzate nel I lotto. Nel comparto Q, sono disponibili ulteriori 22 aree che potranno essere utilizzate nel periodo post concessione. Anche per questi manufatti la struttura sarà realizzata in calcestruzzo gettato in opera di classe C25/30 caratterizzata da setti e piastre; all interno saranno inseriti i loculi prefabbricati in cemento vibrato, rispondenti alle Norme vigenti in materia di costruzioni e in materia sanitaria. Tutte le cripte sono state previste in ampi spazi verdi e tutte rivolte verso un viale pedonale rivestito da ghiaino, in maniera tale da impattare il meno possibile, creando ampie zone libere dal punto di vista visivo. Il rivestimento esterno sarà previsto sempre in pietra locale variamente lavorata. 5.3 Viabilità interna e collegamenti trasversali Per consentire un efficace e rapido collegamento tra le varie sepolture e le infrastrutture cimiteriali, rispetto all impianto del PRC, sono stati ricavati ulteriori viali: infatti distaccando tra di loro gli edifici loculari trasversali e longitudinali, ma collegandoli attraverso passerelle in acciaio al primo piano, si è venuta a creare una ulteriore viabilità laterale, in aggiunta al viale principale centrale. Tutta la viabilità è stata concepita non solo per l uso di mezzi su ruote, (pulmino navetta per i visitatori, mezzi di servizio, ecc..) ma anche per una comoda fruizione pedonale. Il viale centrale lungo circa 170 metri sarà delimitato su ambo i lati da un filare di alberi I collegamenti con il cimitero esistente sono stati previsti in tutti i punti in cui era possibile realizzarli. In particolare tra il comparto M e il comparto Q, è stato scelto di collocare l area destinata ai manufatti ipogei, che avvolti da un ampia fascia verde, migliorano l integrazione della nuova area con la preesistente, consentendo una continuità visuale, anche per dare respiro al campo M. 10

11 Le pavimentazioni dei viali saranno in calcestruzzo lavato con inerti a vista, composto da sabbia e da aggregati locali in maniera tale che il colore base dato dagli inerti si integri con l ambiente con discrezione e armonia; si tratta di una pavimentazione continua naturale, dall aspetto gradevole e contraddistinta da un grande effetto scenico. E un prodotto a bassa porosità, rinforzato da fibre in polipropilene, con una buona resistenza agli effetti dei cicli di gelo/ disgelo: antisdrucciolo, indeformabile sotto carico e alle alte temperature con trattamento superficiale ruvido antisdrucciolo, che rispetta le vigenti normative di sicurezze per i luoghi pubblici. La pavimentazione così ottenuta non necessita praticamente di alcuna manutenzione. Il progetto di PRC recepisce le previsioni della Variante al PRGC per la viabilità e le aree a servizi in progetto nella fascia contigua al recinto cimiteriale attuale ed all'ampliamento in progetto per quanto riguarda la relazione tra la nuova rotonda ed il nuovo ingresso della zona in ampliamento, e relativo accesso dalla viabilità esterna, esistente o in progetto. La presente proposta recepisce a sua volta tali previsioni prevedendo una soluzione di massima, da concordare con l Amministrazione in una fase successiva del progetto. Nella realizzazione dell'ampliamento cimiteriale si terrà inoltre conto del fosso irriguo esistente, che corre sul filo nord est dell'attuale recinto cimiteriale, e che dovrà essere adeguatamente traslato. 5.4 Illuminazione votiva Per soddisfare una specifica richiesta dei cittadini, rilevatasi nel tempo particolarmente insistente nei cimiteri comunali, è stata prevista la realizzazione di un sistema di illuminazione votiva. Per l illuminazione votiva, al fine di ottenere un considerevole abbattimento nei costi di gestione e nei consumi, è stato progettato un sistema di illuminazione a LED, da attivarsi per ogni singolo loculo, sia esso individuale che appartenente ad una cappella privata. 5.5 Comfort ambientale e sostenibilità Per la realizzazione degli edifici, la maggior parte dei materiali occorrenti (conglomerati cementizi, rivestimenti e pavimentazioni), saranno reperiti nel territorio provinciale e se 11

12 possibile si utilizzeranno materiali già presenti in loco, al fine di limitare la movimentazione ed i trasporti nell ambito del cantiere. Il trasporto a rifiuto dei materiali non riutilizzabili, sarà effettuato in discariche controllate. L uso degli elementi naturali e l aumento delle superfici permeabili e a verde, contribuiscono al miglioramento del microclima estivo locale secondo i principi della bioclimatica applicata agli spazi esterni. Criteri di sostenibilità applicabili sono: - il risparmio idrico attraverso il riuso delle acque piovane per l irrigazione del verde con la creazione di una vasca di accumulo; - l uso di materiali naturali e locali per le pavimentazioni e i rivestimenti; - manto erboso, - alberature per l aumento dell ombreggiatura - il controllo dell inquinamento luminoso e l uso di fonti a basso consumo (lampade votive a led ); - l attenzione particolare al rispetto della normativa per il superamento della barriere architettoniche: Sono stati previsti servizi igienici destinati a portatori di handicap. Il livello superiore degli edifici loculi sarà servito da blocchi scala-ascensore (montaferetro). I servizi igienici sono dotati di bagni per disabili. 5.6 Impianti elettrici e speciali E prevista l illuminazione pubblica dei viali principali interni al cimitero, l impianto votivo, nonché i seguenti impianti speciali: diffusione sonora, condizionamento dei locali adibiti a servizi cimiteriali, telefonia. 5.7 Impianti idrico e fognario E prevista in progetto la realizzazione di una rete idrica in pead (vedi tav. 15) per alimentare le fontanine predisposte lungo i viali, i servizi igienici e l impianto di irrigazione del verde. 12

13 Per far fronte ai periodi di interruzione dell alimentazione idrica, è prevista in progetto la realizzazione di una vasca di accumulo di circa 40 mc utili, capace di garantire il fabbisogno per due settimane. Detto volume è stato calcolato, in questa sede in via preliminare ipotizzando un afflusso settimanale di 1000 utenti e un consumo procapite di 13 litri. Ovviamente in sede di progettazione definitiva, alla luce di più precise informazioni ed indagini andrà calcolata l esatta volumetria necessaria. Le acque nere di scarico dei servizi igienici verranno canalizzate in vasche tipo imhoff posizionate in modo da facilitare le operazioni di svuotamento, senza arrecare disturbo ai visitatori. Le acque bianche verranno canalizzate con classiche caditoie stradali e tubazioni in PVC e portate tutte nel punto basso dell area, da dove mediante un collettore da posare lungo la strada, verranno scaricate nel recapito finale. Dette acque verranno inoltre utilizzate per invasare la vasca di accumulo idrico. Si prevede la posa di tubazioni in PVC rigido, da dimensionare in fase di progettazione definitiva alla luce di un attenta analisi idrologica. 5.8 Verde di progetto e arredo La componente verde è senz altro importante in questa particolare struttura: si sono stimati circa mq 4542 di aree a verde, dove verranno allocate alberature e arbusti di diversa specie. Lo sviluppo delle piante nei primi anni di crescita dovrà essere supportato dall inserimento di un impianto d irrigazione a goccia, capace di ridurre i consumi idrici, localizzando e limitando la distribuzione dell acqua. Tale impianto dovrà essere provvisto di settori automatizzati regolati da una centralina, in modo tale da rendere completamente automatica la sua gestione. Tale supporto contribuisce, oltre a ridurre la crisi di trapianto e il numero di piante deperienti, ad agevolare lo sviluppo in altezza delle piante. L impianto è alimentato dall acqua invasata in cisterna di accumulo. Nei periodi di tempo asciutto è comunque garantito il collegamento alla rete idrica interna, che alimenta i servizi e le fontanelle lungo i viali. E prevista la messa a dimora di piante 13

14 d alto fusto sempreverdi lungo tutte le aree a verde nelle specie che meglio saranno definite in fase di progettazione definitiva. L intero cimitero, sarà corredato da elementi di arredo quali panchine, fontane in ghisa, disposte ad una distanza massima di circa 50 m una dall altra, e di cestini portarifiuti distribuiti con passo regolare lungo i viali. 2. Aspetti urbanistici L ampliamento del recinto cimiteriale in progetto nella presente 1 Revisione al Piano Regolatore Cimiteriale è già contenuto nelle previsioni della Variante Strutturale n.20 al P.R.G.C. vigente, il cui Progetto Preliminare è stato adottato con Deliberazione del C.C. n. 117 del ; pertanto la sua compatibilità urbanistica è legata al perfezionamento dell'iter di approvazione della stessa. La stessa Variante di PRGC ridisegna la fascia di rispetto cimiteriale, ampliandola secondo i criteri della fascia approvata e vigente, ma in relazione all'ampliamento in progetto; in particolare la fascia risulta di ampiezza 100 m dal lato di via Lombardia e via Milano, mentre è di 150 m dai lati nord - est e sud - est, in cui il recinto cimiteriale si affaccia su territorio agricolo. In armonia con quanto rappresentato nella Variante urbanistica, il presente PRC amplia la fascia di rispetto cimiteriale, mantenendo le stesse misure di quella autorizzata e vigente, ma traslate con riferimento al nuovo recinto in progetto. Il progetto di PRC recepisce le previsioni della Variante al PRGC per la viabilità e le aree a servizi in progetto nella fascia contigua al recinto cimiteriale attuale ed all'ampliamento in progetto. La realizzazione dell opera è in ogni caso subordinata al preventivo rilascio dei Nulla Osta de parte degli enti competenti 7. Piano-programma dell intervento Le opere saranno eseguite, completate e messe in esercizio nel rispetto del piano programma di massima riportato nel piano economico e finanziario, da adeguare in fase di progettazione definitiva e poi, successivamente, nel corso della durata della concessione in funzione del tasso di mortalità e delle effettive richieste di manufatti 14

15 cimiteriali che la cittadinanza avanzerà. In particolare, in sede di adeguamento del piano, occorrerà che: - l avanzamento dei lavori garantisca, nel limite della potenzialità del progetto, durante tutta la durata della concessione il fabbisogno di loculi, ossari, cappelle di famiglia, secondo il tasso di mortalità e/o le richieste dei cittadini; - l intervento venga frazionato il meno possibile in lotti al fine di minimizzare il disturbo che il cantiere arreca al decoro dei luoghi. Durante la costruzione andranno presi tutti i provvedimenti necessari affinché l esecuzione dei lavori previsti da ciascun lotto non intralci in alcun modo il normale andamento dei servizi cimiteriali. Per consentire il regolare svolgimento delle attività cimiteriali, e per non creare pericoli alla pubblica e privata incolumità, le aree di cantiere dovranno essere interdette, nonché opportunamente schermate anche visivamente con l uso di barriere provvisorie mobili, così da garantire il giusto decoro delle aree aperte al pubblico. La realizzazione dell area cimiteriale prevede 2 lotti funzionali: Primo lotto funzionale: Esproprio dell area Edificio servizi Realizzazione di n loculi in colombario. Realizzazione di n. 40 cappelle Realizzazione di n. 20 edicole Realizzazione di n. 52 cripte (28 grandi+24 piccole) Realizzazione di campi di inumazione mq 1516 Realizzazione dei viali interni e di tutte le urbanizzazioni necessarie per la funzionalità del lotto. La durata dei lavori è prevista in 24 mesi. Secondo lotto funzionale: Realizzazione di n loculi in colombario Realizzazione di n. 20 edicole Campi di inumazione mq 2752 lotti per cappelle in concessione N

16 Connessi viali, opere a verde, impianti elettrici ed elementi di arredo per la funzionalità del lotto. La durata dei lavori è prevista in 24 mesi, che inizieranno al nono anno di concessione. 8. Indennità presunta di esproprio Le valutazioni sinora condotte hanno portato a stimare preliminarmente un onere nell ordine di grandezza di , determinato applicando un valore di indennizzo unitario di /mq 10 (da valutare compiutamente anche in esito alla pronuncia della consulta circa l illegittimità dell applicazione del valore agricolo medio per determinare il valore di esproprio di aree agricole, nonché l indennizzo aggiuntivo dovuto al proprietario conduttore del fondo agricolo) alla superficie complessiva interessata dall esproprio di circa mq L acquisizione patrimoniale riguarda una unica proprietà fondiaria. 9. Valore dell investimento Il valore dell investimento è calcolato come somma delle seguenti voci, così come riportate nel Piano economico e Finanziario asseverato: A) LAVORI ,66 sub-totale 1 - COSTO LAVORI ,66 oneri di sicurezza ,14 sub-totale 2 - COSTO LAVORI + ONERI SICUREZZA ,80 Indennità di esproprio ,00 Imprevisti 5% ,73 Incentivo RUP ,80 B) SPESE TECNICHE progettazione definitiva ed esecutiva ,80 Direzione dei lavori e coord.to sicurezza in esecuzione ,20 Project Management ,70 Analisi ed elaborazioni finanziarie ,80 Analisi ed elaborazioni giuridico-amministrative e tecnico-legali ,80 Verifica preventiva dell'interesse archeologico in sede di progetto preliminare - Artt. 95 e 96 del D.Lgs n. 163/2006 e ss.mm.ii ,00 C) SPESE GENERALI Allacci ,00 Commissioni ,00 Collaudi ,83 Pubblicazione e pubblicità ,00 sub-totale 3 - VALORE INVESTIMENTO al netto di oneri fiscali e acces ,47 16

17 D) SPESE PREDISPOSIZIONE PROPOSTA ,39 E) ONERI FISCALI E ACCESSORI IVA su lavori ,00 IVA su imprevisti ,97 Contributo integrativo su spese tecniche ,25 IVA su spese tecniche ,07 IVA su collaudi ,04 sub-totale 4 - oneri fiscali e accessori ,34 TOTALE DEL VALORE DI INVESTIMENTO ,81 L importo dei lavori è stato calcolato utilizzando il prezzario dei lavori pubblici della Regione Piemonte. Per le lavorazioni non comprese in modo esaustivo nel prezzario ci si è ricondotti a voci di prezzo, chiamate NP, desunte da analisi redatte ed utilizzate per interventi similari già realizzati. Con la stessa sigla, ancorché con abuso di linguaggio, sono stati indicati in computo prezzi composti per corpi d opera. L importo presunto dei lavori, così come stimato da computo, è pari ad ,66 Detto importo, come noto, include i costi della sicurezza cd. ex lege, che l impresa è comunque obbligata a sostenere a norma del Titolo IV del D. Lgs 626/94 per l esecuzione in sicurezza di ogni singola lavorazione, ma non comprende quelli specifici del cantiere, da stimare a parte con apposito computo metrico nel piano di sicurezza e coordinamento (PSC). Al riguardo, è opportuno chiarire che in forza del DPR 222/2003 Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza e della determinazione n. 4/2006 dell autorità di vigilanza sui contratti pubblici, i costi di sicurezza ex lege non vanno scorporati dall importo totale e, quindi, non vanno sommati a quelli specifici computati nel PSC. In questa sede, al solo scopo di individuare l importo degli oneri della sicurezza concorrente al valore dell investimento della proposta di finanza di progetto, sono stati stimati i costi specifici, rifacendosi a pregresse esperienze, nella misura di circa 2% dell importo lavori, ottenendo pertanto: 1. Importo lavori come da computo: ,66 2. Costi specifici di sicurezza: ,85 3. Importo lavori al lordo della sicurezza: ,51 17

18 10. Elenco elaborati Il progetto preliminare della nuova area cimiteriale di Settimo Torinese, parte integrante della proposta di finanza di progetto, è costituito dai seguenti elaborati: Elaborati descrittivi C.1. Relazione illustrativa C.2. Relazione tecnico-sanitaria C.3. Computo sommario della spesa C.4. Capitolato speciale prestazionale Elaborati grafici generali C.5. Inquadramento territoriale ed urbanistico Sc. Varie C.6. Inserimento nel PRGC vigente Sc. 1/1000 C.7. Piano regolatore cimiteriale Sc. 1/1000 Elaborati grafici architettonici C.8. Piante Sc. 1/500 C.9. Edificio servizi e edifici loculi Sc. 1/100 C.10. Cappelle Sc. varie C.11. Edicole e sepolture ipogee Sc. 1/50 Per ognuna delle singole tavole, è possibile individuare dalla relativa testata, i professionisti responsabili delle stesse, debitamente coordinati dalla scrivente. IL PROGETTISTA COORDINATORE Arch Antonietta Santoro 18

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE...

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... INDICE PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... 4 INTERVENTO PROGETTUALE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING...

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEI CIMITERI DI DOLO - ARINO - SAMBRUSON APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERA N. 123 DEL 18.12.1995 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino

COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino COMUNE DI MONTANARO Provincia di Torino PIANO REGOLATORE CIMITERIALE 1^ VARIANTE Marzo 2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Progettista: Ing. Viviana Peruzzo Responsabile del Procedimento: arch. Walter Dassetto

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO progetto esecutivo per la realizzazione di n 40 loculi e 16 ossarietti collettivi comunali nel nuovo cimitero di Isola delle Femmine - Codice CIG 5740306A5B

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

Comune di Casalmorano

Comune di Casalmorano Comune di Casalmorano Provincia di Cremona 26020 CASALMORANO (CR) Via Roma, 13 Tel.0374/374080 Fax.0374/374037 Cod. Fisc. 00314350190 Email: commune.casalmorano@pec.regione.lombardia.it CAPPELLA CIMITERIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SANITARIA

RELAZIONE TECNICO-SANITARIA RELAZIONE TECNICO-SANITARIA INDICE 1. Premessa 2. La normativa di riferimento 3. Orografia dell area e organizzazione spaziale esistente 4. Struttura geologica del terreno 5. Piano cimiteriale di progetto

Dettagli

COMUNE DI CAPO D ORLANDO

COMUNE DI CAPO D ORLANDO COMUNE DI CAPO D ORLANDO REGOLAMENTO DI EDILIZIA CIMITERIALE Approvato con delibera C.C. n. 28 del 30/07/2007 Art. 1 Premesse Il Comune di Capo D Orlando di recente ha provveduto a realizzare le opere

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

COMUNE DI CASTEL VISCARDO

COMUNE DI CASTEL VISCARDO COMUNE DI CASTEL VISCARDO Provincia di Terni UFFICIO TECNICO Piazza IV NOVEMBRE, 11 Castel viscardo (TR) Telefono 0763/361010 Fax 0763/361621 Partita IVA 00364930552 utc@comune.castelviscardo.tr.it Lavori

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE Il P.R.G.C. vigente del Comune di Orbassano, approvato G.R. con delib. N. 14-25592 del 7/10/1998, così come integrato dalle successive varianti parziali, individua

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali INDICE CAPO I - TITOLI ABILITATIVI Art. 1 - Segnalazione Certificata di Inizio Attività Art. 2 - Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata Art. 3 - Comunicazione di Inizio Lavori Art. 4 - Imprese autorizzate

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali

NORME DI ATTUAZIONE. Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali NORME DI ATTUAZIONE Art 1) Pietre tombali per campi comuni ed aree ventennali Sulle sepolture dei campi comuni (concessione gratuita per 10 anni, come previsto nella normativa) il Comune provvede a proprie

Dettagli

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15 PROVINCIA di PIACENZA COMUNE di ROTTOFRENO- SAN NICOLO Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RONCADELLE COMUNE DI RONCADELLE PROVINCIA DI BRESCIA

PROGETTO PRELIMINARE AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RONCADELLE COMUNE DI RONCADELLE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI RONCADELLE PROVINCIA DI BRESCIA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RONCADELLE AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE PROGETTO PRELIMINARE ELENCO DEGLI ELABORATI RELAZIONE GENERALE E QUADRO ECONOMICO ELABORATI

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE

PIANO REGOLATORE CIMITERIALE IL TECNICO ESTENSORE IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE IN ALLEGATO ALLA DELIBERA N DEL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE Comune di GENIVOLTA Provincia di Cremona Allegato n. : B Titolo : 1 NORME TECNICHE DI

Dettagli

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari Città di Portogruaro Provincia di Venezia Area Tecnica Settore Manutenzioni Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014 Elenco offerta prezzi unitari Data 3.11.2010 Il Responsabile del Procedimento

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

Viale Calvario. Viale "S"

Viale Calvario. Viale S 1 Viale Calvario Viale "S" NUCLEO 9 (lotto Z) capo 1 definizioni art.1 delimitazione del nucleo Il nucleo 9 (lotto Z) si compone delle seguenti 5 cappelle gentilizie: 1Z, 2Z, 3Z, 4Z, 5Z. art.2 - tipologie

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART AREA TECNICA - SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E CIMITERI REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART. 15

Dettagli

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004)

COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE. (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Provincia di Como PIANO CIMITERIALE (art. 6 regolamento Regionale n. 6 del 9 novembre 2004) (titolo XV regolamento comunale Polizia Mortuaria) Approvato con deliberazione di

Dettagli

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING

Città di Melegnano. (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING Città di Melegnano (Provincia di Milano) Area Opere Pubbliche, Patrimonio Pubblico ed Ambiente PROJECT FINANCING CAPITOLATO PRESTAZIONALE E SCHEMA TECNICO PER REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4 Indice Premessa A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3 A1.Inquadramento territoriale pag. 4 A2. Normativa di riferimento pag. 4 A3. Altri strumenti di pianificazione pag. 5 B. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il progetto di Variante al Piano Urbanistico Particolareggiato PUA con l isolato "D2.1 2118" prevede l'adeguamento del P.P.E. già convenzionato alle previsioni urbanistiche

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

committente via Sabbadini 31

committente via Sabbadini 31 oggetto "RISTRUTTURAZIONE STRUTTURALE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE A FINI TURISTICO-RICREATIVI DEL VIVAIO REGIONALE PASCUL SITO IN COMUNE DI TARCENTO" CUP D75J10000400000 - CIG 4125424793 committente via

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA PROVINCIA DI TORINO OPERE DI REALIZZAZIONE DELL'UNDICESIMO LOTTO DI LOCULI CIMITERIALI PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

COMUNE DI VOLVERA PROVINCIA DI TORINO OPERE DI REALIZZAZIONE DELL'UNDICESIMO LOTTO DI LOCULI CIMITERIALI PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI VOLVERA PROVINCIA DI TORINO OPERE DI REALIZZAZIONE DELL'UNDICESIMO LOTTO DI LOCULI CIMITERIALI PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO (DPR 05.10.2010 n.207) 01 DATA DOTT.ARCH. MAURIZIO GULOTTA - VIA MARCO

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI COMUNE DI NICOLOSI Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI Indice: A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA: pag: 3 1. Inquadramento

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Città di Ugento Provincia di Lecce SETTORE LAVORI PUBBLICI Tel. 0833/557222-224-246 - Fax 0833/955128 Codice Fiscale 81003470754 www.comune.ugento.le.it e-mail: ufficiolavoripubblici@comune.ugento.le.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto:

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto: Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Ampliamento attività industriale Via Cortenuova, Cividate al Piano (BG) Richiesta permesso di costruire mediante il procedimento

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE

STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve. Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE COMUNE DI CURTAROLO - Provincia di Padova STUDIO DI FATTIBILITA Sistemazione ed adeguamento del complesso cimiteriale di Pieve Allegato D STIMA SOMMARIA DELLE OPERE Committente COMUNE DI CURTAROLO Progettista

Dettagli

Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria

Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 982 del 17 giugno 2014 pag. 1/5 Disposizioni applicative della Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria Le presenti disposizioni

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria deve essere assunto dai lottizzanti

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO

REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO REALIZZAZIONE TOMBE GIARDINO (con Prime indicazioni per la stesura dei piani di sicurezza) INDICE Premessa pag. 2 Inquadramento urbanistico 2 Requisiti del progetto e descrizione dell intervento: 2 Valutazione

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Scheda n. 3 INTERVENTO DI.... PROGETTISTA/I.... UBICAZIONE....... ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Da prodursi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO IDENTIFICAZIONE CATASTALE ED URBANISTICA INQUADRAMENTO TERRITORIALE

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO IDENTIFICAZIONE CATASTALE ED URBANISTICA INQUADRAMENTO TERRITORIALE Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Realizzazione nuovo insediamento produttivo Sp98, Cividate al Piano (BG) Richiesta permesso di costruire Committente: Vavassori

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE INTEGRAZIONI DELLE PRESCRIZIONI DI CARATTERE GEOLOGICO-GEOTECNICO CONTENUTE NELLA VALSAT E NELLA SCHEDA NORMATIVA D AMBITO DEL POC OPERE

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

PROJECT FINANCING STRUTTURE CIMITERIALI TERRITORIO DEL COMUNE DI LARI LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA PROPOSTA

PROJECT FINANCING STRUTTURE CIMITERIALI TERRITORIO DEL COMUNE DI LARI LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA PROPOSTA PROJECT FINANCING STRUTTURE CIMITERIALI TERRITORIO DEL COMUNE DI LARI LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA PROPOSTA PREMESSA La proposta dovrà essere corredata da tutti gli elaborati indicati nell avviso

Dettagli

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00

CIMITERO URBANO 1) Completamento ristrutturazione loculi campo O 264.000,00 CIMITERO URBANO L elenco delle opere di investimento da eseguire nell arco della temporalità del project financing e nella tempistica che sarà indicata nelle successive fasi progettuali si possono così

Dettagli

PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI SERLE PIANO CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. ASSOCIATI ASSOCIATI Studio Tecnico Associato

PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI SERLE PIANO CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. ASSOCIATI ASSOCIATI Studio Tecnico Associato PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI SERLE PIANO CIMITERIALE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Studio Tecnico Associato Sindaco Gianluigi Zanola Assessore Eleonora Tonni Responsabile del procedimento Massimiliano

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto

PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto PROGETTO PRELIMINARE di adeguamento degli edifici per il superamento delle barriere architettoniche e per la trasformazione del sottotetto RELAZIONE TECNICA-FINANZIARIA maggio 2008 STUDIO TECNICO ASSOCIATO

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 Allegato B COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Committente: Favaretto Giorgio Progettista: Arch. Zia Ermanno Via Terraglio

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S.

COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S. COMUNE DI STRA REGOLAMENTO EDILIZIO ARCHITETTONICO CIMITERIALE STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO AL NUOVO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI S. PIETRO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 57 del 29.09.2004

Dettagli

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo NORME TECNICHE D ATTUAZIONE ART. 1 OGGETTO DELLE PRESENTI NORME Le presenti norme tecniche di attuazione costituiscono parte integrante del piano attuativo

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

Manutenzione straordinaria

Manutenzione straordinaria Manutenzione straordinaria, fabbricati e manufatti comunali per il completamento del primo stralcio del Cimitero Laurentino di Roma con la sistemazione di nuovi blocchi loculi e tombe private. Progetto

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino

COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino COMUNE DI MONTEMARANO Provincia di Avellino Indirizzo: Piazza del Popolo, 1-83040 Montemarano (AV) telefono: 0827/63012 U.T.C. 0827/63204 fax: 0827/63252 e-mail: utc.montemarano@virgilio.it P.I. 00286500640

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli