CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI"

Transcript

1 COMUNE DI FIVIZZANO Provincia di Massa Carrara ARE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI Fivizzano, 21/11/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Ing. Giovanni Bacci

2 Art. 1 OGGETTO E DURATA DELL APPALTO...3 Art. 2 CUSTODIA DEI CIMITERI...3 Art. 3 OPERAZIONI CIMITERIALI...4 Art. 4 RIFIUTI PRODOTTI...9 Art. 5 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO FUNEBRE...9 Art. 6 LAVORI DI PULIZIA...10 Art. 7 LAVORI DI MANUTENZIONE...11 Art. 8 ATTIVITA DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI EDIFICI...13 Art. 9 ONERI A CARICO DEL CONCESSIONARIO...13 Art. 10 CARATTERISTICA DEL SERVIZIO E SCIOPERI...14 Art. 11 DURATA DELL APPALTO...14 Art. 12 EVENTUALE RINNOVO E PROROGHE DEL CONTRATTO...15 Art. 13 OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA...15 Art. 14 RESPONSABILITA CIVILE E POLIZZA ASSICURATIVA...15 Art. 15 PRESCRIZIONI TECNICHE E NORME COMPORTAMENTALI...16 Art. 16 MODALITA DI RICHIESTA DI SEPOLTURA...16 Art. 17 AMMONTARE DELL APPALTO...17 Art. 18 ATTIVITA A CARICO DEI FAMIGLIARI...17 Art. 19 OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI...19 Art. 20 COMUNICAZIONI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE...20 Art. 21 FACOLTA DI CONTROLLO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE...20 Art. 22 INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE...20 Art. 23 CAUZIONE...20 Art. 24 INADEMPIENZE E PENALI...21 Art. 25 SPESE E TASSE A CARICO DEL CONCESSIONARIO...22 Art. 26 RESCISSIONE DEL CONTRATTO...22 Art. 27 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI...23 Art. 28 RESPONSABILITA E COMUNICAZIONI...23 Art. 29 CONTROLLO E SORVEGLIANZA DEL SERVIZIO...24 Art. 30 SEDE OPERATIVA...24 Art. 31 DIVIETO DI SUB CONCESSIONE...24 Art. 32 CONTROVERSIE...24 COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 2

3 Art. 1 OGGETTO E DURATA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l'affidamento della gestione dei cimiteri del comune di Fivizzano capoluogo e delle frazioni di seguito elencate: Agnino, Aiola, Alebbio, Arlia, Bottignana Canneto, Cecina, Cerignano, Ceserano, Colla, Collecchia, Collegnago, Cortila, Cotto, Debicò, Equi T., Fiacciano, Fivizzano, Gassano, Gragnola, Groppoli, Magliano, Mazzola, Mommio, Moncigoli, Monte de Bianchi, Monzone, Piano di Collecchia, Po, Pognana, Posara, Quarazzana, Rometta, S. Terenzo M., Sassalbo, Soliera, Spicciano, Tenerano, Terenzano, Turano, Turlago, Vendaso, Viano, Vinca. Nel caso in cui la stipula del contratto non dovesse essere possibile a causa di indisponibilità dell impresa risultata aggiudicataria, il Comune di Fivizzano si riserva la facoltà di revocare l aggiudicazione effettuata e di rivalersi su tale impresa per i danni eventualmente patiti. In tal caso il Comune di Fivizzano procederà ad affidare l appalto all impresa seconda classificata. L appalto, finalizzato alla gestione delle attività istituzionali dei cimiteri nonché al mantenimento del relativo patrimonio immobiliare del Comune di Fivizzano deve comprendere in particolare: A) Attività di custodia dei cimiteri comunali; B) Operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione Comunale; C) Operazioni cimiteriali a carico dei familiari; D) Lavori di pulizia delle aree interne ed esterne dei cimiteri e gestione del verde; E) Attività di manutenzione ordinaria degli edifici. Art. 2 CUSTODIA DEI CIMITERI Tutti i cimiteri sono provvisti di cancelli di chiusura ed il Concessionario dovrà garantirne la manutenzione ed il loro buon funzionamento. La ditta aggiudicataria indicherà il nominativo del Responsabile del Servizio di Custodia Cimiteriale che dovrà attenersi, oltre a quanto indicato nel presente Capitolato, anche a quanto stabilito nel vigente Regolamento di Polizia Mortuaria di questo Comune ed in particolare agli artt. 46, 48, 49, 53, 123, 124, 127, 133, 134, 135 e 136. Il Responsabile di Custodia Cimiteriale dovrà garantire la reperibilità entro 1 ora dalla chiamata mediante telefono cellulare attivo tutti i giorni dalle ore 8:00 alle ore 20:00. La ditta aggiudicataria dovrà fissare una propria sede operativa con linea telefonica attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 17:00, ed il sabato dalle ore 9:00 alle ore 12:00. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 3

4 L orario di apertura del cimitero del Capoluogo dovrà essere concordato con il Responsabile del Servizio Cimiteriale comunale Il Concessionario dovrà inoltre garantire la presenza quotidiana di un proprio operatore nel cimitero del capoluogo, indicando in tutti gli altri cimiteri con apposito cartello il numero telefonico ove la cittadinanza possa rivolgersi per qualunque richiesta o segnalazione di disservizio. La presenza dell operatore cimiteriale negli altri cimiteri sarà indicata con apposito cartello, affisso almeno sette giorni prima dalla ditta aggiudicataria, in concomitanza dell esecuzione delle attività di manutenzione del verde o di pulizia. Detto operatore provvederà a raccogliere le segnalazioni o le richieste presentate direttamente, provvedendo ad annotarle in un apposito registro, dandone informazione al Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. Nel caso di segnalazioni di guasto vale quanto detto nei capoversi successivi. Il Concessionario dovrà inoltre garantire che, nell ultima settimana di ottobre e durante le giornate di commemorazione dei defunti, la presenza dell operatore sui cimiteri del territorio comunale dovrà essere intensificata. Art. 3 OPERAZIONI CIMITERIALI Le attività cimiteriali oggetto dell appalto sono le seguenti: a) Inumazioni a terra: 1 di arti e feti di provenienza ospedaliera 2 di salma 3 di salma estumulata in conseguenza di mancata riduzione a seguito di estumulazione ordinaria b) Tumulazioni: 4 di salma in conseguenza di mancata riduzione in resti su operazioni di esumazione ordinaria o straordinaria. 5 di cenerio cassetta di riduzione in tomba ad inumazione esistente 1 di salma in loculo ad apertura frontale o laterale 2 di cassette con resti mortali o urne cinerarie in loculo ad apertura frontale o laterale 3 per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie in ossari. 4 di salma in cappelle di famiglia ad apertura frontale o laterale 5 per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie in cappella di famiglia ad apertura frontale, o laterale COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 4

5 6 Per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie in ossari all interno di Cappelle di famiglia. c) Estumulazioni: d) Esumazioni: 1 ordinarie e straordinarie da loculo ad apertura frontale o laterale 2 ordinaria e straordinaria da Cappella di famiglia ad apertura frontale, o laterale; 3 ordinaria da ossari o cinerario per fine concessione e collocazione dei resti in ossario comune. - ordinarie e straordinarie da campo comune di inumazione o terreno in concessione, incluso lo spostamento di lapide copritomba con accatastamento della stessa all interno dell area cimiteriale ed eventuale deposizione dei resti, se mineralizzati in ossario Il dettaglio delle operazioni cimiteriali è di seguito indicato. A) OPERAZIONI CIMITERIALI A.1) Inumazione di salma in campo comune o area in concessione: - scavo della fossa, delle dimensioni previste dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria, eseguita a mano o dove sia possibile con idoneo mezzo meccanico; - trasporto del feretro dall'ingresso del cimitero al luogo di inumazione, compresa l eventuale sosta per la funzione religiosa o civile; - deposizione accurata del feretro sul fondo della scavo; - chiusura e riempimento della fossa eseguita con terra di risulta dello scavo, in modo che la terra scavata alla superficie sia messa attorno al feretro e quella affiorata dalla profondità venga alla superficie; - pulizia dell'area circostante il luogo di inumazione e riordino del campo; - finché non viene montato il cippo, rincalzatura continua della fossa aggiungendo terra e/o sabbia (soprattutto in caso di pioggia). A.2) Tumulazione di salma in loculo o in Tomba di Famiglia: - rimozione di eventuali lapidi, apertura del loculo, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - pulizia e disinfezione del loculo; - trasporto del feretro dall'ingresso del cimitero al luogo di tumulazione, compresa l'eventuale sosta per la funzione religiosa o civile; - tumulazione nel loculo e chiusura con muratura di mattoni pieni ad una testa o con lastra di cemento prefabbricata secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge in materia; - intonacatura della chiusura di mattoni pieni o stuccatura della lastra in cemento; - pulizia della zona circostante il luogo di tumulazione. A.3) Esumazione ordinaria e straordinaria di salma da campo comune o terreno in concessione con eventuale riduzione e tumulazione o trasferimento della salma o dei resti: COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 5

6 - rimozione di lapidi, stele, contorni marmorei ed altro, da avviare ad adeguato smaltimento a norma di legge; - scavo di fossa, eseguito a mano o dove possibile con piccolo mezzo meccanico; - esecuzione di una delle seguenti operazioni: a) riduzione in luogo idoneo della salma e raccolta dei resti mortali ossei e trasporto degli stessi in ossario comune o in altra sepoltura nello stesso cimitero, in quest'ultimo caso previa collocazione dei resti in idonea cassetta di zinco, in questo caso le operazioni saranno le stesse della tumulazione delle lettere A. 8) o A. 9) a secondo dei casi (sommariamente: rimozione di lapidi, apertura del loculo o dell ossario, tumulazione dei resti mortali, intonacatura e pulizia); b) trasporto della salma in loculo o in tomba di famiglia con relativa tumulazione (da eseguirsi secondo il precedente punto A. 2) e con le modalità previste dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria) o trasporto fino all'uscita dal cimitero (sempre come prescritto dal Regolamento di Polizia Mortuaria); c) riduzione in luogo idoneo della salma e raccolta dei resti non mineralizzati e loro collocazione in idonea cassa, apposizione dei sigilli in ceralacca e targa anagrafica o scritta con il pennarello, e trasporto fino all'uscita dal cimitero o ad altra sepoltura nell'ambito del cimitero stesso; - raccolta in appositi sacchi e trasporto dei materiali lignei, metallici ed avanzi di indumenti, rinvenuti nel corso delle operazioni, come stabilito dalla vigente normativa per lo smaltimento dei rifiuti, previo scrupoloso sminuzzamento delle tavole di legno; - chiusura e riempimento della fossa eseguita con terra di risulta dello scavo ovvero utilizzando il terreno di recupero di altre operazioni cimiteriali in deposito nel cimitero stesso; - pulizia della zona circostante il luogo di esumazione e ripristino manto erboso; Si ricorda che per le esumazioni straordinarie necessita la presenza del Responsabile dell Unità Funzionale di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato. A.4) Esumazione ordinaria e straordinaria di salma da campo comune od in concessione ed eventuale inumazione in diversa sepoltura all interno del cimitero stesso: - rimozione di lapidi, stele, contorni marmorei ed altro, da recuperare od avviare ad adeguato smaltimento a norma di legge; - scavo di fossa, eseguita a mano o dove possibile con idoneo mezzo meccanico; - inumazione della salma in altra fossa precedentemente preparata delle dimensioni previste dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria e collocazione sul luogo di inumazione dell eventuale lapide recuperata dalla precedente operazione di esumazione; - chiusura e riempimento delle fosse eseguita con terra di risulta dello scavo ovvero utilizzando il terreno di recupero di altre operazioni cimiteriali in deposito nel cimitero stesso; - pulizia della zona circostante il luogo di esumazione e ripristino manto erboso; Si ricorda che per le esumazioni straordinarie necessita la presenza del Responsabile dell Unità Funzionale di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato. A.5) Estumulazione ordinaria e straordinaria di salma da loculo o da tomba di famiglia e successiva tumulazione in diversa sepoltura: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo sia esso in muratura che in lastra di cemento, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo e del feretro stesso, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - estumulazione del feretro e trasporto dello stesso sino alla Cappella Cimiteriale all'interno del cimitero per verificare la tenuta della cassa; - verifica da parte del Responsabile di Igiene e Sanità Pubblica o suo delegato della tenuta della cassa; COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 6

7 - eventuale collocazione della cassa in apposito contenitore zincato in caso di non tenuta dichiarata dal Responsabile dell Unità di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato -trasporto del feretro in altro loculo o altra sede con accompagnamento sino all uscita del cimitero. A.6) Estumulazione ordinaria e straordinaria di salma da loculo o da tomba di famiglia con riduzione e collocazione in altra sepoltura: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo sia esso in muratura che in lastra di cemento, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo e del feretro stesso, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - estumulazione del feretro e trasporto dello stesso sino alla Cappella Cimiteriale all'interno del cimitero per effettuare l eventuale riduzione di salma; - apertura del feretro e in caso di completa mineralizzazione, stabilito dal Responsabile della Unità funzionale di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato, raccolta dei resti mortali ossei e trasporto degli stessi in ossario comune o in altra sepoltura nello stesso cimitero o fino all'uscita del cimitero, in questi due ultimi casi previa collocazione dei resti in cassetta di zinco e apposizione di sigilli e targa anagrafica da stagnare; - raccolta in appositi sacchi e trasporto dei materiali lignei, metallici ed avanzi di indumenti, rinvenuti nel corso delle operazioni, come stabilito dalla vigente normativa per lo smaltimento dei rifiuti; - pulizia, disinfezione del loculo vuoto; nel caso il loculo contenga altre salme o resti mortali, la chiusura avverrà con muratura di mattoni pieni ad una testa e relativo intonaco e stuccatura; - pulizia della zona circostante il luogo di estumulazione; - nel caso in cui i resti mortali o gli esiti dei fenomeni cadaverici debbano essere trasferiti in ossario o loculo all interno dello stesso cimitero, le operazioni saranno le stesse della tumulazione della lettera A.2), e sommariamente: rimozione di lapidi, apertura del loculo o dell ossario, tumulazione del feretro o dei resti mortali, intonacatura e pulizia. A.7) Estumulazione di salma da loculo o da Tomba di Famiglia con successiva inumazione in campo comune per il completamento del processo di mineralizzazione: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge presso il luogo idoneo; - estumulazione del feretro e trasporto dello stesso in luogo idoneo del cimitero; - apertura del feretro per verifica dell'avvenuta mineralizzazione della salma in presenza del Coordinatore Sanitario dell'unità Sanitaria Locale o suo delegato; - richiusura del feretro, dopo la constatazione della non avvenuta mineralizzazione, previa esecuzione di una delle seguenti operazioni al fine di consentire la ripresa del processo di mineralizzazione della salma: a) eliminazione del coperchio metallico e esecuzione di quattro fori nella cassa metallica; b) sostituzione della cassa originaria con un contenitore di materiale biodegradabile; - scavo della fossa in campo comune,delle dimensioni previste da Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria eseguita con idoneo mezzo meccanico o a mano; - trasporto del feretro al luogo di inumazione; - deposizione accurata del feretro; - chiusura e riempimento della fossa eseguita con terra di risulta dello scavo, in modo che la terra scavata alla superficie sia messa attorno al feretro e quella affiorata dalla profondità venga alla superficie; COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 7

8 - collocazione sul luogo di inumazione dell'eventuale lapide recuperata dall'operazione di estumulazione; - trasporto del terreno eccedente a deposito presso il luogo idoneo; - pulizia dell'area circostante il luogo di inumazione e riordino del campo. A.8) Estumulazione di resti mortali o ceneri da loculo o da Tomba di Famiglia o da celletta ed eventuale tumulazione in diversa sepoltura: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo/celletta sia esso in muratura che in lastra di cemento, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo e del feretro stesso, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - estumulazione della cassetta di zinco o dell'urna cineraria e trasporto della stessa sino a diversa sepoltura; - tumulazione nella celletta ossario o nel loculo con utilizzo di telo protettivo per evitare di sporcare i loculi o gli ossari adiacenti e chiusura con muratura di mattoni pieni ad una testa o con lastra di cemento prefabbricata secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge in materia; - intonacatura della chiusura di mattoni pieni o stuccatura della lastra in cemento; - pulizia della zona circostante il luogo di tumulazione. A.9) Tumulazione di resti mortali o ceneri in celletta ossario o loculo: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura della celletta ossario o del loculo, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del sepolcro, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - trasporto della cassetta di zinco o dell'urna cineraria dall'ingresso del cimitero al luogo di tumulazione compresa l eventuale sosta per la funzione religiosa o civile; - tumulazione nella celletta ossario o nel loculo con utilizzo di telo protettivo per evitare di sporcare i loculi o gli ossari adiacenti e chiusura con muratura di mattoni pieni ad una testa secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge in materia; - intonacatura della chiusura di mattoni pieni o stuccatura della lastra in cemento; - pulizia della zona circostante il luogo di tumulazione. A.10) Tumulazione di resti mortali o ceneri in ossario comune: - rimozione di botole di copertura dell'ossario comune; - inserimento dei resti ossei nell'ossario comune; - chiusura dell'ossario comune con botola di copertura. Le suddette operazioni ordinarie e straordinarie dovranno essere espletate sulla base delle tariffe, approvate dalla Giunta Municipale con apposito atto deliberativo. A.11) Inumazione ceneri o resti mortali in tomba ad inumazione: - eventuale rimozione della lapide di copertura - scavo - deposizione urna o cassetta di riduzione - riempimento scavo - ripristino dell eventuale lapide di copertura della tomba B) PULIZIA DELLA STRUTTURA CIMITERIALE B.1) Pulizia bisettimanale del cimitero di Fivizzano zone pavimentate, dei percorsi, dei porticati, degli ingressi, compreso sgombero di ghirlande, corone, cuscini, fiori secchi e simili, da riporre negli appositi contenitori della nettezza urbana o nei contenitori per la raccolta differenziata del verde, ubicati all'interno o in prossimità dei cimiteri. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 8

9 B.2) Trasporto bisettimanale dei contenitori della nettezza urbana presenti all'interno della struttura cimiteriale all'esterno della struttura stessa per permetterne lo svuotamento da parte del mezzo adibito a trasporto dei rifiuti urbani e lavaggio dei bidoni stessi con disinfettante. B.3) Pulizia mensile da ragnatele e da escrementi dei volatili nei porticati, nei loggiati e nelle vetrate del cimitero. B.4) Sgombero neve con badile dai percorsi pedonali all interno del cimitero, con spargimento di sale su scalinate, rampe ed altre zone pericolose, da effettuarsi al bisogno. B.5) Controllo generale giornaliero del cimitero del capoluogo, con particolare attenzione alle attività di cui ai punti B.1), B.3) e B.4) che vanno raddoppiate dal 27 ottobre al 3 novembre (commemorazione dei defunti), dal 23 dicembre al 3 gennaio (festività natalizie) e dalla domenica delle Palme al Lunedì in Albis (festività pasquali). Art. 4 RIFIUTI PRODOTTI D.1) i materiali inerti provenienti da interventi di esumazione, tumulazione, estumulazione e da interventi di manutenzione di carattere straordinario verranno conferiti come stabilito dalla vigente normativa in materia di rifiuti; D.2) i materiali lignei, metallici ed gli avanzi di indumenti rinvenuti nel corso di interventi di esumazione, estumulazione o anche durante la sistemazione dei campi di inumazione, verranno raccolti in idonei sacchi, previo scrupoloso sminuzzamento delle tavole di legno o altro materiale ingombrante, ed immediatamente trasportate ad idoneo luogo per lo smaltimento, come previsto dalla presente normativa in materia di rifiuti; D.3) i residui provenienti dalla gestione del verde all'interno delle strutture cimiteriali come erba, residui di potatura e di spollonatura e i residui vegetali provenienti dalle operazioni di pulizia delle stesse come fiori secchi e simili, verranno conferiti come previsto dalla vigente normativa in materia di rifiuti; D.4) le altre tipologie di rifiuti saranno collocate nei contenitori della nettezza urbana ubicati all'interno o in prossimità del cimitero. Art. 5 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO FUNEBRE Il servizio verrà organizzato, salvo diversi specifici accordi, con le seguenti modalità: 1) L impresa di pompe funebri incaricata prenderà direttamente accordi con il Concessionario per l organizzazione della cerimonia funebre. 2) Il Concessionario dovrà comunicare al Comune a mezzo fax, con almeno 24 ore di anticipo, la data e l orario della cerimonia nonché gli estremi del deceduto chiedendo all Ufficio Cimiteriale Comunale dove debba essere collocata la salma. Nello svolgimento del servizio, il Responsabile del Servizio di Custodia Cimiteriale dovrà ottemperare ai seguenti obblighi: 1) Verificare all arrivo del feretro al cimitero la regolarità dei documenti amministrativi dell impresa di pompe funebri, l integrità del feretro e dei relativi sigilli; COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 9

10 2) Fornire al Comune il Piano Operativo di Sicurezza corredato dei nominativi delle figure previste dalla normativa in materia di sicurezza: ogni attività svolta dovrà rispettare il suddetto POS nonché la normativa applicabile in materia di sicurezza e principalmente il D. Lgs 81/ ) Espletare tutti gli adempimenti amministrativi connessi alle operazioni cimiteriali, mantenendo aggiornati tutti i documenti ed i registri necessari; 4) Adottare in occasioni delle cerimonie funebri comportamenti idonei alla delicatezza delle circostanze in termini di professionalità e di decoro. A tal proposito si rammenta che: a) La squadra di operatori sarà composta da minimo due persone e comunque da quante ritenute idonee per il tipo di operazione da svolgere; b) In tutte le operazioni svolte presso i cimiteri comunali il Concessionario dovrà garantire un elevato livello di decoro formale dei propri operatori, nel senso che essi dovranno mantenere un atteggiamento rispettoso dei luoghi e delle circostanze, ed avere un aspetto confacente alla funzione svolta. c) In particolare, per quanto riguarda la divisa, il Concessionario dovrà, all inizio del presente contratto e comunque prima dell inizio delle attività, proporre al Comune le caratteristiche del vestiario invernale e di quello estivo che il proprio personale dovrà necessariamente indossare in occasione delle cerimonie funebri. Una volta concordato, potrà essere utilizzato esclusivamente tale vestiario: nell ambito della stessa cerimonia dovrà essere inoltre garantita dalla squadra degli operatori, omogeneità di scelta tra la divisa estiva ed invernale. d) E fatto assoluto divieto al personale del Concessionario di fumare, bere o mangiare durante le cerimonie funebri. Nel caso di rottura casse nei loculi, in edicole, sepolcri e tombe private, conseguentemente all esplosione di gas putrefatti, il Concessionario, avvisati i familiari della salma, dovrà provvedere, a proprie cure e spese, all immediata pulizia di tutte le superfici interessate mediante lavaggio con soluzioni disinfettanti ed al ripristino dei luoghi con le opere necessarie in relazione ad ogni singolo caso. Nulla dovrà pretendere dall Amministrazione Comunale mentre il privato dovrà rimborsare le spese eventualmente sostenute per foderare la cassa e per le operazioni di apertura e chiusura del loculo nonché quelle relative alla presenza del Responsabile dell Unità Funzionale Igiene e Sanità Pubblica o suo delegato. Gli oneri relativi alla collocazione e/o rimozione lapidi da tombe a terra e/o loculi, per operazioni commissionate dall Amministrazione Comunale, sono compresi all interno del canone. Art. 6 LAVORI DI PULIZIA I lavori di pulizia comprendono attività ordinarie e straordinarie. Lavori di pulizia aree interne ed esterne nei cimiteri a carattere ordinario: COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 10

11 1) Locali a disposizione del personale e relative pertinenze 2) Cappella cimiteriale comunale 3) Locali adibiti a ricovero attrezzature e a magazzino a disposizione del personale e relative pertinenze 4) Aree pavimentate entro le strutture cimiteriali 5) Aree libere entro e oltre le mura cimiteriali 6) Aree coperte entro le mura cimiteriali fuori terra e sottoterra I lavori ordinari dovranno essere svolti secondo la periodicità indicata dal Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. Resta inteso che l incremento degli interventi proposto dal Concessionario, non darà diritto ad alcuna revisione del canone forfetario stabilito. Lavori di pulizia aree interne ed esterne nei cimiteri a carattere straordinario: 1) Sgombero della neve in tutte le aree di passaggio, vialetti pedonali, accessi eseguito a mano o con idonei mezzi meccanici al fine di garantirne l agibilità in sicurezza; 2) Spargimento di sale antigelo sui viali, sui percorsi pavimentati soggetti ad intemperie, sulle scale esterne, sulle rampe e ove necessario 3) Pulizia annuale generali ed accurate in corrispondenza della commemorazione dei defunti, secondo le modalità di cui ai punti precedenti estese a tutte le aree cimiteriali Art. 7 LAVORI DI MANUTENZIONE Lavori di manutenzione ordinaria delle aree interne al perimetro cimiteriale a carattere periodico: a) VERDE CIMITERIALE 1) Tappeti erbosi di tutti i cimiteri appartenenti all appalto: dovranno essere tagliati tre volte l anno nei mesi di Maggio Luglio ed Ottobre (non oltre il giorno 25) ed eccezionalmente nel caso in cui si verificasse un funerale in altro periodo dell anno in cui le condizioni fossero tali da evidenziare l intervento di taglio dell erba. L erba tagliata dovrà essere recuperata e smaltita a norma di legge. La ditta Concessionaria dovrà fare altresì attenzione a non rovinare o sporcare le tombe, gli arredi sacri o rompere l'impianto elettrico delle luci votive. Dove ciò si verificasse, la ditta appaltatrice sarà responsabile dei danni commessi COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 11

12 nei confronti dei proprietari delle tombe o verso l Amministrazione Comunale che ha in gestione l'impianto elettrico o eventuale ditta appaltatrice.. 2) Cespugli e siepi a forma obbligata e/o libera: dovranno essere potati una volta l anno nel mese di Giugno 3) Alberi secchi: dovranno essere tagliati previo parere del Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale e conformemente a quanto previsto dalla vigente normativa 4) Potatura di alberi all interno dell area cimiteriale: dovrà essere eseguita previa richiesta delle autorizzazioni necessarie previste dalla vigente normativa, secondo le indicazioni del Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. 4) Pulizia esterna cinta cimiteriale: da effettuarsi almeno 1 volta all anno nel mese di Giugno con taglio dei rovi ed eventuali arbusti per metri tre lungo il perimetro del cimitero, se di proprietà pubblica o Comunale. Per quanto riguarda il taglio dell erba nei cimiteri di Vinca, S. Terenzo, Tenerano e Mommio la ditta dovrà provvedere con un ulteriore taglio da effettuarsi prima della data della commemorazione degli eccidi. Nel caso il Concessionario presenti la proposta di incremento del patrimonio verde dei cimiteri comunali, i conseguenti oneri manutentivi aggiuntivi, non daranno diritto ad alcun compenso aggiuntivo. b) VIALI, VIALETTI E MARCIAPIEDI Oltre alla periodica pulizia, la ditta aggiudicataria dovrà provvedere al periodico diserbo dei vialetti o delle parti pavimentate, che, se eseguite tramite diserbo chimico, dovrà essere effettuate secondo uno specifico piano tecnico che il Concessionario predisporrà e sottoporrà alla approvazione del Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. Il diserbo chimico, potrà avvenire solo ad approvazione ottenuta. Ogni modifica al piano dovrà essere sottoposta a preventiva approvazione dell Responsabile sopra menzionato. La violazione del piano è motivo di richiamo e di applicazione di penale. Gli interventi di sgombero neve e di spargimento di sale antigelo dovranno essere tempestivi e continuativi nel caso del perdurare dei fenomeni atmosferici avversi. c) FOGNATURE ACQUE BIANCHE, TOMBINI E GRIGLIE La ditta aggiudicataria dovrà provvedere ogni quatto mesi e comunque ogni qualvolta risultino ostruite,a rimozione delle griglie, alla pulizia dei tombini mediante l asporto del materiale e la verifica di funzionalità delle condotte interne della linea di scarico sino alla pubblica fognatura. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 12

13 Art. 8 ATTIVITA DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI EDIFICI Il Concessionario dovrà assicurare la manutenzione ordinaria dei fabbricati e degli impianti cimiteriali dove per manutenzione ordinaria si intendono le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. Detta manutenzione ordinaria serve a garantire il mantenimento nel tempo del funzionamento e degli standard prestazionali di tutti gli impianti e delle strutture dei cimiteri mediante l attuazione di tutti gli interventi necessari (idraulico, muratore, elettricista, fabbro, ). Tali interventi si possono suddividere in due tipologie: 1) gli interventi periodici preventivi necessari a mantenere l efficienza degli impianti ed il decoro delle strutture 2) gli interventi a guasto necessari per ripristinare la funzionalità e/o la sicurezza di impianti e strutture. In caso di segnalazioni effettuate dalla cittadinanza al Concessionario (che provvederà ad avvertire immediatamente il Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale), riguardanti guasti di impianto cimiteriale o di ogni altro avvenimento possa limitare la fruibilità dei cimiteri comunali, pregiudicare il loro decoro o creare situazioni di potenziale pericolo per l utenza, lo stesso Concessionario, dovrà entro 24 ore dalla segnalazione: 1) eliminare il problema verificatosi mediante un adeguato intervento manutentivo; 2) nei casi più complessi, se a seguito del sopralluogo non dovesse essere individuata la soluzione, contattare l Ufficio Tecnico comunale per decidere di concerto con l Amministrazione le modalità di intervento. Art. 9 ONERI A CARICO DEL CONCESSIONARIO Tutte le operazioni di cui al presente Capitolato dovranno essere eseguite con idonee attrezzature fornite dal Concessionario e nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro nonché dei regolamenti comunali. Sono a carico del Concessionario tutti gli oneri relativi alla suddetta attrezzatura nonché alla fornitura di tutti i generi di consumo, quali detersivi, disinfettanti, saponi, carta igienica, asciugamani, strofinacci, segatura, spugne, sale, antigelo, i materiali edili, come mattoni pieni e lastre in cemento prefabbricato e le attrezzature per il corretto svolgimento del Servizio Cimiteriale, come ponteggi e quant altro necessario per il perfetto mantenimento in efficienza e decoro di tutti gli spazi cimiteriali. E fatto obbligo al Concessionario di adottare, nella esecuzione dei lavori oggetto del presente appalto, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità degli addetti e dei terzi, avendo altresì cura di evitare danni ai beni pubblici e privati. Ogni più ampia responsabilità nel caso di infortuni e danneggiamenti ricadrà pertanto sul Concessionario, restando la stazione appaltante esonerata da ogni responsabilità e onere. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 13

14 Oltre agli oneri di cui sopra il Concessionario assume a proprio carico anche: a) l obbligo di predisporre le segnalazioni diurne e notturne mediante appositi cartelli, fanali e transennamenti nel caso di interventi su esterni, nonché gli oneri per l eventuale custodia del cantiere. b) Gli oneri derivanti dall approvvigionamento e custodia di materiali e attrezzature necessarie alla realizzazione dei lavori nonché quelle derivanti da eventuali forniture elettriche o idriche per il funzionamento del cantiere. c) Il risarcimento di eventuali danni che, in dipendenza delle modalità di esecuzione dei lavori, fossero arrecati a proprietà pubbliche o private nonché a persone fisiche. d) Gli oneri per la certificazione dei materiali posati e delle lavorazioni eseguite ai sensi delle vigenti norme della materia, nonché quanto necessario per rendere i lavori fruibili in sicurezza. e) Nel caso in cui durante lo svolgimento delle proprie attività il Concessionario alteri o danneggi un impianto tecnologico, l eventuale riparazione sarà a carico del Concessionario, così come le spese di collaudo e di predisposizione della dichiarazione di conformità dell impianto a regola d arte (art. 9 L. 46/90 D.M ). Il Concessionario s impegna inoltre: a segnalare al Comune eventuali esigenze di interventi di pulizia, manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture e del verde laddove ciò sia necessario per il decoro e la sicurezza dei cimiteri; a rendersi disponibile a coordinare l erogazione dei propri servizi con gli altri fornitori del Comune, valutandone, se richiesto, le modalità di intervento. Art. 10 CARATTERISTICA DEL SERVIZIO E SCIOPERI Tutti i servizi e i lavori oggetto del contratto sono ad ogni effetto da considerarsi di pubblico interesse e, come tali, non potranno essere sospesi o abbandonati, anche nelle ipotesi di sciopero del proprio personale dipendente. In tali ipotesi il soggetto gestore si atterrà a quanto stabilito dalla Legge n. 146 del , trattandosi di attività rientrante tra i servizi pubblici essenziali. In caso di sospensione o di abbandono, anche parziale, del servizio o lavoro, eccetto i casi di forza maggiore accertati, l Amministrazione Comunale potrà sostituirsi all Impresa Aggiudicataria. per l'esecuzione d'ufficio a spese dell'inadempiente, oltre ad applicare le penalità previste al successivo art. 24. Art. 11 DURATA DELL APPALTO L appalto avrà durata triennale dalla data di aggiudicazione definitiva. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 14

15 Art. 12 EVENTUALE RINNOVO E PROROGHE DEL CONTRATTO E consentito il rinnovo espresso del contratto ai sensi dell art. 44 della L. 724/94 e s.m.i., agli stessi patti e condizioni, nel caso in cui l Amministrazione Comunale, accertata la sussistenza di ragioni di convenienza e di pubblico interesse, ritenga di assicurare i servizi alla stessa Impresa Aggiudicataria, sempre che la stessa esprima il suo assenso. Rimane la facoltà per l Amministrazione Comunale di prorogare il contratto secondo quanto previsto all art. 11 del R.D. 2440/ Art. 13 OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA L Impresa Aggiudicataria è tenuta a: a) rispettare ed attenersi scrupolosamente alle disposizioni contenute nel presente capitolato. Per quanto non espressamente sancito, valgono le leggi vigenti in materia, il Regolamento di Polizia Mortuaria di cui al DPR n. 285/90 e il Regolamento di Polizia Mortuaria del Comune di Fivizzano; b) avvalersi, per l espletamento del servizio, di personale di assoluta fiducia ed in possesso dei requisiti necessari allo svolgimento del servizio; c) assumersi tutti gli oneri derivanti dall'assunzione, formazione ed amministrazione del personale necessario ai servizi nonché al pagamento dei relativi contributi ed indennità a loro spettanti; d) osservare tutte le norme a tutela della salute e dell integrità fisica del personale nonché le disposizioni vigenti in materia di sicurezza sul lavoro, a tal fine si impegna a fornire ai propri operatori tutti gli strumenti, gli accorgimenti e le informazioni atti a garantire detta sicurezza ed incolumità durante lo svolgimento del servizio; e) garantire che il personale manterrà un contegno riguardoso e corretto durante l espletamento del servizio e che sia dotato di idoneo abbigliamento e di cartellino di riconoscimento; f) provvedere all immediata sostituzione del personale che dovesse risultare inidoneo allo svolgimento del servizio stesso; g) garantire in caso di ferie, malattia, infortunio del personale il regolare svolgimento del servizio; h) farsi carico del corretto impiego dei mezzi e delle attrezzature presenti nel cimitero comunale che dovranno essere sempre ripuliti al termine delle operazioni cimiteriali da eventuali residui di polvere, calcinacci o quant'altro; i) risarcire l Amministrazione Comunale eventuali danni arrecati al patrimonio comunale; l) avvertire subito l Amministrazione Comunale qualora venga a conoscenza di inconvenienti a lui non imputabili, che impediscano il regolare svolgimento dei servizi cimiteriali e nonostante la segnalazione fatta, l Impresa Aggiudicataria, sempre nell ambito della normale esecuzione delle prestazioni che gli competono, deve adoperarsi per quanto possibile affinché i servizi vengano regolarmente espletati. Art. 14 RESPONSABILITA CIVILE E POLIZZA ASSICURATIVA L Impresa Aggiudicataria assume in proprio ogni responsabilità per infortunio o danni eventualmente subiti da parte di persone o di beni, tanto dell Impresa Aggiudicataria. quanto dell Amministrazione Comunale. nell espletamento delle prestazioni contrattuali ad esso riferibili, COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 15

16 anche se eseguite da parte di terzi, esonerando l Amministrazione Comunale da ogni responsabilità a riguardo. L Impresa Aggiudicataria, inoltre, si obbliga a stipulare apposita polizza assicurativa, che si impegna a produrre entro 30 giorni dalla data di aggiudicazione, a copertura del rischio da responsabilità civile della medesima Impresa Aggiudicataria per l importo non inferiore ad ,00 in ordine allo svolgimento di tutte le attività di cui al presente contratto (inclusi gli atti aggiuntivi e/o integrativi - modificativi). In particolare detta polizza tiene indenne l Amministrazione Comunale, ivi compresi i relativi dipendenti e collaboratori, nonché i terzi per qualsiasi danno l Impresa Aggiudicataria possa arrecare all Amministrazione Comunale, ai rispettivi dipendenti e collaboratori, agli utenti del servizio nonché ai terzi nell esecuzione di tutte le attività di cui al contratto d appalto, anche con riferimento ai relativi prodotti e/o servizi, inclusi i danni da inquinamento, da trattamento dei dati personali, ecc.. Art. 15 PRESCRIZIONI TECNICHE E NORME COMPORTAMENTALI Durante l'esecuzione delle operazioni cimiteriali, a cui possono assistere sia i familiari richiedenti, sia il coordinatore sanitario dell'unità sanitaria locale, se previsto, sia l'incaricato dell'ufficio onoranze funebri, il personale dell Impresa Aggiudicataria dovrà indossare abbigliamento idoneo alla circostanza e tale da essere immediatamente riconoscibile dagli utenti, eventuali dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) in ottemperanza della Legge 81/2008. L Impresa Aggiudicataria si impegna a richiamare, multare e, se necessario, sostituire i dipendenti che non osservassero una condotta irreprensibile. Le segnalazioni e le richieste dell Amministrazione Comunale in tal senso saranno impegnative per l Impresa Aggiudicataria. Durante l'esecuzione dei servizi, inoltre, dovranno essere adottati gli accorgimenti necessari per prevenire danni alle sepolture circostanti, che comunque dovranno essere ripulite da eventuali residui di polvere o calcinacci. Nel caso di funerale, gli operatori dovranno trovarsi nel cimitero con congruo anticipo rispetto all'inizio del lavoro, avendo cura che all'arrivo della salma si sia già provveduto alla predisposizione della sepoltura, al montaggio delle apparecchiature di sollevamento, quando necessarie, ed alla preparazione dell'impasto di calce. Tutti gli oggetti rinvenuti nel corso delle esumazioni saranno consegnati ai familiari e, in assenza di questi, all Amministrazione Comunale per la restituzione alle famiglie. Il Responsabile del Servizio di Custodia Cimiteriale responsabile dell Impresa Aggiudicataria o, in sua assenza, gli addetti all'esecuzione dei servizi sono tenuti a segnalare tempestivamente all'amministrazione Comunale qualsiasi problema, contrattempo, inconveniente che dovesse manifestarsi nel corso dei lavori. L Amministrazione Comunale si riserva comunque la insindacabile facoltà di introdurre nei servizi stessi, sia all'atto della consegna dei lavori sia in sede di esecuzione, quelle varianti che riterrà opportune nell'interesse della buona riuscita e dell'economia dei lavori senza che l impresa appaltatrice possa da ciò trarne motivi per avanzare pretese di compensi e di indennizzi di qualsiasi natura e specie, non stabiliti nel presente documento. Art. 16 MODALITA DI RICHIESTA DI SEPOLTURA Le richieste di sepoltura vanno fatte alla ditta aggiudicataria presso la sede operativa con gli orari indicati all art. 2 COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 16

17 Qualora fossero richieste più sepolture, le eventuali ulteriori richieste pervenute dopo le ore 16,00 verranno vagliate, di volta in volta dall impresa aggiudicataria, in base alle reali possibilità organizzative per effettuare il servizio di sepoltura entro il giorno successivo, nel rispetto degli orari prefissati dall Amministrazione Comunale. Art. 17 AMMONTARE DELL APPALTO Per la fornitura delle attività di pertinenza dell Amministrazione Comunale, descritte sinteticamente all art. 1 e precisamente: 1) Attività di custodia dei cimiteri comunali; 2) Operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione Comunale quali inumazione in campo comune di indigenti fino ad un massimo di cinque annue, inumazioni in campo comune di arti o feti di provenienza ospedaliera, n 12 estumulazioni annue con eventuale inumazione a causa di mancata riduzione compresa di smaltimento dei rifiuti, n 15 esumazioni ordinarie annue da campo comune o terreno in concessione comprensive di smaltimento dei rifiuti. Se la ditta appaltatrice non effettuerà nel corso dell anno il numero di esumazione ed estumulazione sopra indicate le stesse dovranno essere recuperate l anno successivo e comunque il numero complessivo di esumazioni ed estumulazione previste dall appalto dovrà essere completato tre mesi prima della scadenza del contratto, a pena della riduzione del canone dovuto applicando le tariffe vigenti. 3) Lavori di pulizia delle aree esterne ed interne dei cimiteri e gestione del verde; 4) Attività di manutenzione ordinaria degli edifici, degli impianti, dei viali e marciapiedi. e così come descritti nei precedenti articoli, il Comune di Fivizzano riconoscerà un canone annuale forfetario onnicomprensivo (IVA esclusa) pari ad ,00 (Euro Venticinquemila/00), al netto del ribasso percentuale offerto. Il pagamento dei corrispettivi di competenza dell Amministrazione Comunale, avverrà con cadenza trimestrale, a seguito di presentazione di fattura, da liquidarsi entro 90 gg. dalla data di ricezione presso l Amministrazione Comunale (data di protocollo). Rimangono escluse dal canone le attività e le prestazioni aggiuntive non previste nel bando di gara e nei documenti allegati, richieste dal Comune di Fivizzano ed accettate dal Concessionario. Art. 18 ATTIVITA A CARICO DEI FAMIGLIARI Le attività svolte dal concessionario a carico dei famigliari descritte sinteticamente all art. 1 sono quelle di seguito tabellate ed il relativo prezzo sarà stabilito dalla Giunta Comunale con apposita delibera COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 17

18 1 Tumulazione di salma, resti mortali o ceneri in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura frontale (in qualsiasi fila ed in qualsiasi altezza). 2 Tumulazione di salma, resti mortali o ceneri in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura laterale (in qualsiasi fila ed a qualsiasi altezza). 3 Tumulazione in ossario di resti mortali in apposita cassetta od urne cinerarie (in qualsiasi fila). 4 Estumulazione ordinaria o straordinaria di salma, resti mortali in cassette od urne cinerarie in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura frontale (in qualsiasi fila od a qualsiasi altezza). 5 Estumulazione ordinaria o straordinaria di salma, resti mortali in cassette od urne cinerarie in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura laterale (in qualsiasi fila od a qualsiasi altezza ). 6 Estumulazione da ossario compreso lo smontaggio della lapide. 7 Inumazione di salma in campo comune od in terreno in concessione. 8 Esumazione ordinaria o straordinaria da campo comune o da terreno in concessione. 9 Inumazione di salma in conseguenza di mancata riduzione dei resti mortali (escluso il costo dell eventuale contenitore biodegradabile). 10 Riduzione della salma con posizionamento dei resti in ossario comune o in cassetta di riduzione (escluso il costo della cassetta). 11 Smaltimento dei rifiuti provenienti da esumazione, trasporto compreso. 12 Smaltimento dei rifiuti provenienti da estumulazione, trasporto compreso. 13 Inumazione ceneri o resti mortali in tomba con salma 14 Tumulazione ceneri o resti mortali in loculo con COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 18

19 salma ad apertura frontale o laterale comprensiva di demolizione totale o parziale della parete 15 Smontaggio e rimontaggiolapide in loculo frontale 16 Smontaggio e rimontaggio lapide in loculo laterale 17 Demolizione parete in mattoni in vecchi loculi inutilizzati con smaltimento degli stessi 18 Smontaggio e rimontaggio copritomba in tombe ad inumazione Il pagamento dei corrispettivi di competenza dei familiari, avverrà nei termini e modi che il Concessionario concorderà con gli stessi e comunque non oltre 30 gg. dalla ricezione a domicilio della fattura. Oltre a tale scadenza il Concessionario può applicare gli interessi dovuti ed agire nella riscossione dei crediti, nei modi e forme permessi dalla normativa vigente. L Amministrazione Comunale resta indenne da mancate riscossioni di crediti. Art. 19 OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI Il Concessionario, nell esecuzione delle opere di cui al presente appalto, è tenuto all osservanza piena e incondizionata di tutti i fatti e le condizioni riportate nel presente capitolato, ed in tutta la documentazione di gara. Per quanto non indicato nei suddetti documenti, si farà riferimento alla normativa nazionale e locale in materia di appalti pubblici, nonché a quella in materia di sicurezza e contabilità. Il Concessionario è tenuto ad osservare integralmente il trattamento economico previsto nei contratti collettivi nazionali e territoriali in vigore per il settore e per la zona nelle quali si svolgono i lavori Il Concessionario dovrà trasmettere all Amministrazione, entro 30 giorni dall affidamento del servizio in oggetto, la documentazione di avvenuta denuncia agli enti previdenziali, INPS, INAIL, CASSA EDILE, assicurativi ed antinfortunistici, nonché copia del piano delle misure di sicurezza fisica dei lavoratori, il nominativo del responsabile della sicurezza per l'impresa, il responsabile della sicurezza per i lavoratori, se nominato, e del medico competente ai sensi del D.L. 81/2008 L Amministrazione ha, tuttavia la facoltà di procedere a verifica di tali adempimenti in sede di liquidazione delle fatture. Le imprese appaltatrici dovranno far pervenire all amministrazione dichiarazione scritta sulla informazione e formazione, ai sensi della normativa 81/2008, del proprio personale dipendente impiegato. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 19

20 Art. 20 COMUNICAZIONI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Entro il giorno 10 di ogni trimestre, il Concessionario dovrà elencare sinteticamente gli interventi o le manutenzioni ordinarie e le segnalazioni, indicando per ciascuna di esse il giorno e la provenienza, eseguite nel trimestre precedente. Art. 21 FACOLTA DI CONTROLLO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE All Amministrazione Comunale sono riconosciute ampie facoltà di indirizzo e di controllo relativamente: a) all adempimento puntuale e preciso del servizio, così come programmato; b) al rispetto di quanto disposto dal presente Capitolato; c) al rispetto di tutte le norme contrattuali, contributive e assistenziali nei confronti del personale utilizzato. E inoltre facoltà dell Amministrazione Comunale chiedere documenti ed effettuare le opportune ispezioni per la verifica del rispetto degli impegni sopra indicati e della regolarità dello svolgimento del servizio. L Amministrazione Comunale segnalerà l eventuale inosservanza di tali norme, per iscritto e a mezzo raccomandata A/R., all Impresa Aggiudicataria e, ove dovuto, alle altre Autorità competenti. L Impresa Aggiudicataria potrà far pervenire le proprie contro deduzioni scritte entro il termine di 10 (dieci) giorni dalla data di ricevimento della contestazione. Art. 22 INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE La popolazione potrà segnalare al Concessionario qualsiasi inconveniente o richiedere qualsiasi informazione utilizzando il numero telefonico che il concessionario provvederà a pubblicizzare con appositi cartelli all interno di ciascun cimitero. Nel caso in cui, telefonicamente o direttamente al personale presente al cimitero vengano segnalate dalla cittadinanza proposte o richieste relative al miglioramento dei servizi, delle infrastrutture o degli impianti, il Concessionario dovrà darne prontamente notizia all Amministrazione comunale. Art. 23 CAUZIONE Il Concessionario, all aggiudicazione del servizio, si impegna a sottoscrivere a titolo di ulteriore garanzia apposita polizza fidejussoria di importo pari al 10% dell importo totale dell appalto al netto del ribasso d asta. Detta cauzione, coprirà i danni eventualmente cagionati in occasione dei servizi prestati e sarà svincolata automaticamente al termine del contratto medesimo. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 20

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO A) OPERAZIONI CIMITERIALI Cap.

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago, Vigo-Vangadizza, San Vito e Canove) ALLEGATO A) OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari Città di Portogruaro Provincia di Venezia Area Tecnica Settore Manutenzioni Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014 Elenco offerta prezzi unitari Data 3.11.2010 Il Responsabile del Procedimento

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE Cimitero Comunale di Valle Armea,Cimitero Monumentale della Foce, Cimiteri frazionali

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

COMUNE DI CICCIANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI CICCIANO PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI CICCIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OPERAZIONI CIMITERIALI DI : TUMULAZIONI, INUMAZIONI, ESTUMULAZIONI, ESUMAZIONI, TRASLAZIONI, RACCOLTA - TRASPORTO E SMALTIMENTO MATERIALI

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV)

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) ARTICOLO 1 (Oggetto dell appalto) L'appalto ha per oggetto l esecuzione di tutte le prestazioni, le opere e le provviste occorrenti

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti ALLEGATO A AL CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI DESCRIZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ A SERVIZIO SEPOLTURE ED ATTIVITA CONNESSE A1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI FIVIZZANO Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO - SERVIZIO CIMITERIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Fivizzano, 25/10/2008 Approvato con Delibera

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI POTENZA U.D. AMBIENTE ENERGIA PARCHI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO OGGETTO: ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI POTENZA. SPECIFICA INTERVENTI: apertura fosse,

Dettagli

COMUNE DI GAVIRATE Provincia di Varese

COMUNE DI GAVIRATE Provincia di Varese COMUNE DI GAVIRATE Provincia di Varese CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE RETI DI PROPRIETA COMUNALE OPERE DA IMPRENDITORE EDILE ANNI 2010 2011-2012 UFFICIO

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI. Descrizione analitica dei servizi in appalto:

COMUNE DI TIVOLI. Descrizione analitica dei servizi in appalto: COMUNE DI TIVOLI Settore VIII Ufficio Piano Quadro Cimiteriale Capitolato Speciale d Appalto Servizi Funebri Cimiteriali di valenza biennale (24 mesi naturali e consecutivi) Allegato A1al Capitolato Generale

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E LA MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE biennio 2013-3014 Oggetto del presente capitolato sono le modalità di gestione e le condizioni

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Cologna Veneta,San Andrea, San Sebastiano e Spessa) ALLEGATO B) ATTIVITA DI GESTIONE ATTIVITA DI GESTIONE COMPLESSI

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO B) ATTIVITA DI GESTIONE Cap. 37045

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE Cimitero Comunale di Valle Armea,Cimitero Monumentale della Foce, Cimiteri frazionali

Dettagli

ELENCO PREZZI. Comune di Scansano Provincia di Grosseto. Servizio di gestione dei cimiteri del Comune di Scansano OGGETTO: Comune di Scansano

ELENCO PREZZI. Comune di Scansano Provincia di Grosseto. Servizio di gestione dei cimiteri del Comune di Scansano OGGETTO: Comune di Scansano Comune Scansano Provincia Grosseto pag. 1 ELENCO PREZZI OGGETTO: Servizio gestione dei cimiteri del Comune Scansano COMMITTENTE: Comune Scansano Scansano, 23/04/2010 IL TECNICO arch. Robrto Bucci PriMus

Dettagli

1.TARIFFE E MODALITA CONCESSIONI CIMITERIALI (Approvate con deliberazione G.C. n. 182 del 20/11/2014) COLOMBARI DURATA DELLA CONCESSIONE : ANNI 30

1.TARIFFE E MODALITA CONCESSIONI CIMITERIALI (Approvate con deliberazione G.C. n. 182 del 20/11/2014) COLOMBARI DURATA DELLA CONCESSIONE : ANNI 30 CITTA DI CASSANO D ADDA Provincia di Milano 1.TARIFFE E MODALITA CONCESSIONI CIMITERIALI (Approvate con deliberazione G.C. n. 182 del 20/11/2014) COLOMBARI DURATA DELLA CONCESSIONE : ANNI 30 TIPOLOGIA

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA (IM)

COMUNE DI BORDIGHERA (IM) Allegato n. 5 alla determinazione dirigenziale n. 173 R.G. del 23/03/2015 COMUNE DI BORDIGHERA (IM) APPALTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO E LOCALIZZAZIONE DELL APPALTO L appalto

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E MANUTENZIONE VERDE CIMITERI COMUNALI

CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E MANUTENZIONE VERDE CIMITERI COMUNALI CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E MANUTENZIONE VERDE CIMITERI COMUNALI CAPO PRIMO OGGETTO DELL APPALTO Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA

CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA PROT. 35767 DATA 04/11/2014 CITTA DI ALBIGNASEGO PROVINCIA DI PADOVA Settore 3 - Sviluppo infrastrutturale Via Milano, 7 35020 Albignasego (PD) OGGETTO: SERVIZI CIMITERIALI E DI MANUTENZIONE ORDINARIA

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Allegato A alla deliberazione C.C. n. 18 del 28.9.2011 Il segretario comunale De Marco dott. Roberto COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI

Dettagli

N Ordine LAVORI E PROVVISTE U.M PREZZI

N Ordine LAVORI E PROVVISTE U.M PREZZI N Ordine LAVORI E PROVVISTE U.M PREZZI 1 Esumazione adulti con Cassone: - rimozione di eventuali alberi, arbusti e quant'altro si rendesse necessario per consentire la - smaltimento del monumento in pietra,

Dettagli

COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa

COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa 1) Inumazione di feretro in campo comune con uso di materiali, mezzi e mano d'opera a carico della ditta appaltatrice, come di seguito specificato: demolizione di eventuali opere esistenti in muratura

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI VALPELLINE

COMUNE DI VALPELLINE COMUNE DI VALPELLINE c/o Municipio: Loc. Les Prailles, 7 11010 Valpelline (AO) - Tel. 0165/73227 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFITTO LOCALI DEL BAR RISTORANTE DI PROPRIETÀ COMUNALE, SITO IN FRAZ. LES PRAILLES

Dettagli

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI 1. PROFILO DEL SERVIZIO LINEE DI GESTIONE Il progetto mette in luce la necessità, da parte dell ente titolare del servizio, cioè il

Dettagli

Documentazione di gara

Documentazione di gara Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 OGGETTO ALLESTIMENTO DEGLI SPAZI ESPOSITIVI ALL INTERNO DEL PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO E RECUPERO DELL AREA DELLA ROCCA CON

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha come oggetto l affidamento in gestione del palazzetto dello sport

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Il Coordinamento delle Confraternite della Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano, con sede in Cerignola, Via Addolorata n. 12, Tel. 0885/417501 (Presidente Dr. Vito Colangione

Dettagli

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE

C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE 1 Disciplina generale per la concessione di aree e loculi cimiteriali C O M U N E DI CREMENAGA PROVINCIA DI VARESE DISCIPLINA GENERALE PER LA CONCESSIONE DI AREE E LOCULI CIMITERIALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO Prot. n. 17.613 AVVISO DI PRESELEZIONE OPERATORI ECONOMICI PER INVITO ALLA PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI ( art. 57 del D. Lgs. 12.04.2006

Dettagli

CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA

CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA TESTO EMENDATO CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA (Lìbero Consorzio di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12=_ del MM/ZO^Ì^ Art. 1 DEFINIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ==========================

REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== REGOLAMENTO DEL CIMITERO DEL COMUNE DI GRANCIA ========================== INDICE 1. Amministrazione e sorveglianza 2. Suddivisione e utilizzazione dell area del cimitero 3. Disposizioni per il campo comune

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE DI GRAVINA IN PUGLIA CITTA METROPOLITANA DI BARI CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEI SERVIZI CIMITERIALI C.I.G. ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la gestione

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI BIENNIO 2014-2015 All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IL PROGETTISTA SETTORE POLITICHE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE Ufficio Manutenzioni arch. Giovanni Ruffinatto Rivalta

Dettagli

3.1 APERTURA E CHIUSURA DEGLI ACCESSI DEL CIMITERO MONUMENTALE

3.1 APERTURA E CHIUSURA DEGLI ACCESSI DEL CIMITERO MONUMENTALE 3.1 APERTURA E CHIUSURA DEGLI ACCESSI DEL CIMITERO MONUMENTALE Il servizio di apertura e chiusura degli accessi del cimitero monumentale non verrà effettuato durante tutta la durata contrattuale, ma comincerà

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** SERVIZIO TUMULAZIONI ED ESTUMULAZIONI NEI CIMITERI DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** SERVIZIO TUMULAZIONI ED ESTUMULAZIONI NEI CIMITERI DI GALATINA E FRAZIONI SERVIZIO TUMULAZIONI ED ESTUMULAZIONI NEI CIMITERI DI GALATINA E FRAZIONI IMPORTO PRESUNTIVO ANNUO 25.000,00 C A P I T O L A T O D O N E R I E D E L E N C O P R E Z Z I RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO IL

Dettagli

TARIFFARIO DEI SERVIZI CIMITERIALI. del Comune di Ravenna anno 2015

TARIFFARIO DEI SERVIZI CIMITERIALI. del Comune di Ravenna anno 2015 Comune di Ravenna AZIMUT SpA TARIFFARIO DEI SERVIZI CIMITERIALI del Comune di Ravenna anno 2015 2 3- ATTIVITA' CIMITERIALI Attività - inumazione salme indigenti _ - inumazione salme e/o resti mortali 227,02

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE TARIFFARIO SERVIZI CIMITERIALI ISTITUZIONALI delibera del C.d.A. di AGEC n 44 del 22/12/2007 delibera del C.d.A. di AGEC n 140 del 21/10/2008 delibera del C.d.A. di AGEC n 157 del 25/11/2008 delibera del

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO. (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO. (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA 1 REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E SUL CIMITERO (del 1 giugno 1981) IL CONSIGLIO COMUNALE DI BIASCA - visti gli art. 181 e 182 RC; - visto il messaggio municipale no. 2 del 31 marzo 1981; decreta: CAMPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Città di Lomazzo C.A.P. 22074 Piazza IV Novembre, 4 (CO) Tel. 02-9694121 - Fax 02-96779146 E-mail info@comune.lomazzo.co.it N.Cod.Fisc.N.Part.I.V.A. 00566590139 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

MODULO OFFERTA PREZZI

MODULO OFFERTA PREZZI MODULO OFFERTA PREZZI ALLEGATO AL CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI INUMAZIONE, TUMULAZIONE, ESUMAZIONE, ESTUMULAZIONE E OPERE ACCESSORIE) DEI CIMITERI DEL COMUNE DI

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI FUNEBRI ART. 1 ACCORDO ED OGGETTO DELLA CONVENZIONE DA UNA PARTE: L impresa, Nome commerciale: Serena Onoranze Funebri Nome legale: Domenico Della Malva

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A.

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A. C I V I T A S T E M P L I COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A. 00253250906 SERVIZIO DI SEPPELLIMENTO, MANUTENZIONE

Dettagli

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi Sono lieto di presentare ai cittadini di Udine la Carta della Qualità dei Servizi offerti dal Comune di Udine. Per ogni servizio specifico, la Carta della Qualità dei Servizi fissa le caratteristiche e

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO Approvato con deliberazione C.C. n 5 del 17/03/2014 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Convenzione per la concessione in uso e gestione della Piscina Comunale Scoperta di via Solferino. Anni 2012-2018

Convenzione per la concessione in uso e gestione della Piscina Comunale Scoperta di via Solferino. Anni 2012-2018 Convenzione per la concessione in uso e gestione della Piscina Comunale Scoperta di via Solferino. Anni 2012-2018 Il Comune di Novara in persona del Dirigente competente Dr. Marco Brusati,, nato a Bellinzago

Dettagli

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE FONTI NORMATIVE - D.M. 26-6-2000 n. 219 (Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari,

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Provincia di Milano CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO I servizi che il Comune affida alla Appaltatrice da

Dettagli

TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015

TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015 TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015 TRASPORTO SALME / CADAVERI 2014 2015 Trasporto salme / cadaveri (vedi rilascio autorizzazione al trasporto) Accoglienza salme / cadaveri

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA CODICE CIG: 0539680E02 ALLEGATO A) ELENCO PREZZI UNITARI/ COMPUTO METRICO OPERAZIONI CIMITERIALI E MANUTENZIONI

COMUNE DI GONZAGA CODICE CIG: 0539680E02 ALLEGATO A) ELENCO PREZZI UNITARI/ COMPUTO METRICO OPERAZIONI CIMITERIALI E MANUTENZIONI COMUNE DI GONZAGA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEI CIMITERI DEL COMUNE DI GONZAGA Periodo: 01 gennaio 2011 31 dicembre 2015 CODICE CIG: 0539680E02 ALLEGATO A) ELENCO

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 04 DD. 29/01/2015 SCADENZA 12/02/2015. OGGETTO: Determinazione delle tariffe dei servizi cimiteriali comunali - anno 2015.

DELIBERAZIONE N. 04 DD. 29/01/2015 SCADENZA 12/02/2015. OGGETTO: Determinazione delle tariffe dei servizi cimiteriali comunali - anno 2015. DELIBERAZIONE N. 04 DD. 29/01/2015 SCADENZA 12/02/2015 OGGETTO: Determinazione delle tariffe dei servizi cimiteriali comunali - anno 2015. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - La legge 28 febbraio 2001 n.

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

Regolamento comunale in materia di cremazione

Regolamento comunale in materia di cremazione COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale in

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Servizio di manutenzione di tutti gli estintori installati presso gli Uffici Comunali. Questa Amministrazione

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale.

Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Comune di Bracciano Tariffe relative ai servizi cimiteriali a domanda individuale. Tariffe relative ai diritti sui servizi a domanda individuale e sulle operazioni da effettuare nei cimiteri comunali;

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

CITTA DI GALLIPOLI Area N 3 SERVIZI ALLA PERSONA C.F.82000090751 0833/260237 Fax 0833/260294 P. IVA 01129720759

CITTA DI GALLIPOLI Area N 3 SERVIZI ALLA PERSONA C.F.82000090751 0833/260237 Fax 0833/260294 P. IVA 01129720759 CITTA DI GALLIPOLI Area N 3 SERVIZI ALLA PERSONA C.F.82000090751 0833/260237 Fax 0833/260294 P. IVA 01129720759 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI SPECIFICA INTERVENTI:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI CIMITERIALI

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI POZZALLO ( Provincia di Ragusa ) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI CIMITERIALI Art. 1 - OGGETTO Il presente capitolato ha per oggetto l'appalto dei servizi cimiteriali,

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli