CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI"

Transcript

1 COMUNE DI FIVIZZANO Provincia di Massa Carrara ARE LAVORI PUBBLICI ED AMBIENTE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI Fivizzano, 21/11/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Ing. Giovanni Bacci

2 Art. 1 OGGETTO E DURATA DELL APPALTO...3 Art. 2 CUSTODIA DEI CIMITERI...3 Art. 3 OPERAZIONI CIMITERIALI...4 Art. 4 RIFIUTI PRODOTTI...9 Art. 5 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO FUNEBRE...9 Art. 6 LAVORI DI PULIZIA...10 Art. 7 LAVORI DI MANUTENZIONE...11 Art. 8 ATTIVITA DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI EDIFICI...13 Art. 9 ONERI A CARICO DEL CONCESSIONARIO...13 Art. 10 CARATTERISTICA DEL SERVIZIO E SCIOPERI...14 Art. 11 DURATA DELL APPALTO...14 Art. 12 EVENTUALE RINNOVO E PROROGHE DEL CONTRATTO...15 Art. 13 OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA...15 Art. 14 RESPONSABILITA CIVILE E POLIZZA ASSICURATIVA...15 Art. 15 PRESCRIZIONI TECNICHE E NORME COMPORTAMENTALI...16 Art. 16 MODALITA DI RICHIESTA DI SEPOLTURA...16 Art. 17 AMMONTARE DELL APPALTO...17 Art. 18 ATTIVITA A CARICO DEI FAMIGLIARI...17 Art. 19 OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI...19 Art. 20 COMUNICAZIONI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE...20 Art. 21 FACOLTA DI CONTROLLO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE...20 Art. 22 INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE...20 Art. 23 CAUZIONE...20 Art. 24 INADEMPIENZE E PENALI...21 Art. 25 SPESE E TASSE A CARICO DEL CONCESSIONARIO...22 Art. 26 RESCISSIONE DEL CONTRATTO...22 Art. 27 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI...23 Art. 28 RESPONSABILITA E COMUNICAZIONI...23 Art. 29 CONTROLLO E SORVEGLIANZA DEL SERVIZIO...24 Art. 30 SEDE OPERATIVA...24 Art. 31 DIVIETO DI SUB CONCESSIONE...24 Art. 32 CONTROVERSIE...24 COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 2

3 Art. 1 OGGETTO E DURATA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l'affidamento della gestione dei cimiteri del comune di Fivizzano capoluogo e delle frazioni di seguito elencate: Agnino, Aiola, Alebbio, Arlia, Bottignana Canneto, Cecina, Cerignano, Ceserano, Colla, Collecchia, Collegnago, Cortila, Cotto, Debicò, Equi T., Fiacciano, Fivizzano, Gassano, Gragnola, Groppoli, Magliano, Mazzola, Mommio, Moncigoli, Monte de Bianchi, Monzone, Piano di Collecchia, Po, Pognana, Posara, Quarazzana, Rometta, S. Terenzo M., Sassalbo, Soliera, Spicciano, Tenerano, Terenzano, Turano, Turlago, Vendaso, Viano, Vinca. Nel caso in cui la stipula del contratto non dovesse essere possibile a causa di indisponibilità dell impresa risultata aggiudicataria, il Comune di Fivizzano si riserva la facoltà di revocare l aggiudicazione effettuata e di rivalersi su tale impresa per i danni eventualmente patiti. In tal caso il Comune di Fivizzano procederà ad affidare l appalto all impresa seconda classificata. L appalto, finalizzato alla gestione delle attività istituzionali dei cimiteri nonché al mantenimento del relativo patrimonio immobiliare del Comune di Fivizzano deve comprendere in particolare: A) Attività di custodia dei cimiteri comunali; B) Operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione Comunale; C) Operazioni cimiteriali a carico dei familiari; D) Lavori di pulizia delle aree interne ed esterne dei cimiteri e gestione del verde; E) Attività di manutenzione ordinaria degli edifici. Art. 2 CUSTODIA DEI CIMITERI Tutti i cimiteri sono provvisti di cancelli di chiusura ed il Concessionario dovrà garantirne la manutenzione ed il loro buon funzionamento. La ditta aggiudicataria indicherà il nominativo del Responsabile del Servizio di Custodia Cimiteriale che dovrà attenersi, oltre a quanto indicato nel presente Capitolato, anche a quanto stabilito nel vigente Regolamento di Polizia Mortuaria di questo Comune ed in particolare agli artt. 46, 48, 49, 53, 123, 124, 127, 133, 134, 135 e 136. Il Responsabile di Custodia Cimiteriale dovrà garantire la reperibilità entro 1 ora dalla chiamata mediante telefono cellulare attivo tutti i giorni dalle ore 8:00 alle ore 20:00. La ditta aggiudicataria dovrà fissare una propria sede operativa con linea telefonica attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 17:00, ed il sabato dalle ore 9:00 alle ore 12:00. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 3

4 L orario di apertura del cimitero del Capoluogo dovrà essere concordato con il Responsabile del Servizio Cimiteriale comunale Il Concessionario dovrà inoltre garantire la presenza quotidiana di un proprio operatore nel cimitero del capoluogo, indicando in tutti gli altri cimiteri con apposito cartello il numero telefonico ove la cittadinanza possa rivolgersi per qualunque richiesta o segnalazione di disservizio. La presenza dell operatore cimiteriale negli altri cimiteri sarà indicata con apposito cartello, affisso almeno sette giorni prima dalla ditta aggiudicataria, in concomitanza dell esecuzione delle attività di manutenzione del verde o di pulizia. Detto operatore provvederà a raccogliere le segnalazioni o le richieste presentate direttamente, provvedendo ad annotarle in un apposito registro, dandone informazione al Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. Nel caso di segnalazioni di guasto vale quanto detto nei capoversi successivi. Il Concessionario dovrà inoltre garantire che, nell ultima settimana di ottobre e durante le giornate di commemorazione dei defunti, la presenza dell operatore sui cimiteri del territorio comunale dovrà essere intensificata. Art. 3 OPERAZIONI CIMITERIALI Le attività cimiteriali oggetto dell appalto sono le seguenti: a) Inumazioni a terra: 1 di arti e feti di provenienza ospedaliera 2 di salma 3 di salma estumulata in conseguenza di mancata riduzione a seguito di estumulazione ordinaria b) Tumulazioni: 4 di salma in conseguenza di mancata riduzione in resti su operazioni di esumazione ordinaria o straordinaria. 5 di cenerio cassetta di riduzione in tomba ad inumazione esistente 1 di salma in loculo ad apertura frontale o laterale 2 di cassette con resti mortali o urne cinerarie in loculo ad apertura frontale o laterale 3 per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie in ossari. 4 di salma in cappelle di famiglia ad apertura frontale o laterale 5 per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie in cappella di famiglia ad apertura frontale, o laterale COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 4

5 6 Per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie in ossari all interno di Cappelle di famiglia. c) Estumulazioni: d) Esumazioni: 1 ordinarie e straordinarie da loculo ad apertura frontale o laterale 2 ordinaria e straordinaria da Cappella di famiglia ad apertura frontale, o laterale; 3 ordinaria da ossari o cinerario per fine concessione e collocazione dei resti in ossario comune. - ordinarie e straordinarie da campo comune di inumazione o terreno in concessione, incluso lo spostamento di lapide copritomba con accatastamento della stessa all interno dell area cimiteriale ed eventuale deposizione dei resti, se mineralizzati in ossario Il dettaglio delle operazioni cimiteriali è di seguito indicato. A) OPERAZIONI CIMITERIALI A.1) Inumazione di salma in campo comune o area in concessione: - scavo della fossa, delle dimensioni previste dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria, eseguita a mano o dove sia possibile con idoneo mezzo meccanico; - trasporto del feretro dall'ingresso del cimitero al luogo di inumazione, compresa l eventuale sosta per la funzione religiosa o civile; - deposizione accurata del feretro sul fondo della scavo; - chiusura e riempimento della fossa eseguita con terra di risulta dello scavo, in modo che la terra scavata alla superficie sia messa attorno al feretro e quella affiorata dalla profondità venga alla superficie; - pulizia dell'area circostante il luogo di inumazione e riordino del campo; - finché non viene montato il cippo, rincalzatura continua della fossa aggiungendo terra e/o sabbia (soprattutto in caso di pioggia). A.2) Tumulazione di salma in loculo o in Tomba di Famiglia: - rimozione di eventuali lapidi, apertura del loculo, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - pulizia e disinfezione del loculo; - trasporto del feretro dall'ingresso del cimitero al luogo di tumulazione, compresa l'eventuale sosta per la funzione religiosa o civile; - tumulazione nel loculo e chiusura con muratura di mattoni pieni ad una testa o con lastra di cemento prefabbricata secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge in materia; - intonacatura della chiusura di mattoni pieni o stuccatura della lastra in cemento; - pulizia della zona circostante il luogo di tumulazione. A.3) Esumazione ordinaria e straordinaria di salma da campo comune o terreno in concessione con eventuale riduzione e tumulazione o trasferimento della salma o dei resti: COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 5

6 - rimozione di lapidi, stele, contorni marmorei ed altro, da avviare ad adeguato smaltimento a norma di legge; - scavo di fossa, eseguito a mano o dove possibile con piccolo mezzo meccanico; - esecuzione di una delle seguenti operazioni: a) riduzione in luogo idoneo della salma e raccolta dei resti mortali ossei e trasporto degli stessi in ossario comune o in altra sepoltura nello stesso cimitero, in quest'ultimo caso previa collocazione dei resti in idonea cassetta di zinco, in questo caso le operazioni saranno le stesse della tumulazione delle lettere A. 8) o A. 9) a secondo dei casi (sommariamente: rimozione di lapidi, apertura del loculo o dell ossario, tumulazione dei resti mortali, intonacatura e pulizia); b) trasporto della salma in loculo o in tomba di famiglia con relativa tumulazione (da eseguirsi secondo il precedente punto A. 2) e con le modalità previste dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria) o trasporto fino all'uscita dal cimitero (sempre come prescritto dal Regolamento di Polizia Mortuaria); c) riduzione in luogo idoneo della salma e raccolta dei resti non mineralizzati e loro collocazione in idonea cassa, apposizione dei sigilli in ceralacca e targa anagrafica o scritta con il pennarello, e trasporto fino all'uscita dal cimitero o ad altra sepoltura nell'ambito del cimitero stesso; - raccolta in appositi sacchi e trasporto dei materiali lignei, metallici ed avanzi di indumenti, rinvenuti nel corso delle operazioni, come stabilito dalla vigente normativa per lo smaltimento dei rifiuti, previo scrupoloso sminuzzamento delle tavole di legno; - chiusura e riempimento della fossa eseguita con terra di risulta dello scavo ovvero utilizzando il terreno di recupero di altre operazioni cimiteriali in deposito nel cimitero stesso; - pulizia della zona circostante il luogo di esumazione e ripristino manto erboso; Si ricorda che per le esumazioni straordinarie necessita la presenza del Responsabile dell Unità Funzionale di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato. A.4) Esumazione ordinaria e straordinaria di salma da campo comune od in concessione ed eventuale inumazione in diversa sepoltura all interno del cimitero stesso: - rimozione di lapidi, stele, contorni marmorei ed altro, da recuperare od avviare ad adeguato smaltimento a norma di legge; - scavo di fossa, eseguita a mano o dove possibile con idoneo mezzo meccanico; - inumazione della salma in altra fossa precedentemente preparata delle dimensioni previste dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria e collocazione sul luogo di inumazione dell eventuale lapide recuperata dalla precedente operazione di esumazione; - chiusura e riempimento delle fosse eseguita con terra di risulta dello scavo ovvero utilizzando il terreno di recupero di altre operazioni cimiteriali in deposito nel cimitero stesso; - pulizia della zona circostante il luogo di esumazione e ripristino manto erboso; Si ricorda che per le esumazioni straordinarie necessita la presenza del Responsabile dell Unità Funzionale di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato. A.5) Estumulazione ordinaria e straordinaria di salma da loculo o da tomba di famiglia e successiva tumulazione in diversa sepoltura: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo sia esso in muratura che in lastra di cemento, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo e del feretro stesso, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - estumulazione del feretro e trasporto dello stesso sino alla Cappella Cimiteriale all'interno del cimitero per verificare la tenuta della cassa; - verifica da parte del Responsabile di Igiene e Sanità Pubblica o suo delegato della tenuta della cassa; COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 6

7 - eventuale collocazione della cassa in apposito contenitore zincato in caso di non tenuta dichiarata dal Responsabile dell Unità di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato -trasporto del feretro in altro loculo o altra sede con accompagnamento sino all uscita del cimitero. A.6) Estumulazione ordinaria e straordinaria di salma da loculo o da tomba di famiglia con riduzione e collocazione in altra sepoltura: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo sia esso in muratura che in lastra di cemento, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo e del feretro stesso, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - estumulazione del feretro e trasporto dello stesso sino alla Cappella Cimiteriale all'interno del cimitero per effettuare l eventuale riduzione di salma; - apertura del feretro e in caso di completa mineralizzazione, stabilito dal Responsabile della Unità funzionale di Igiene e sanità Pubblica o suo delegato, raccolta dei resti mortali ossei e trasporto degli stessi in ossario comune o in altra sepoltura nello stesso cimitero o fino all'uscita del cimitero, in questi due ultimi casi previa collocazione dei resti in cassetta di zinco e apposizione di sigilli e targa anagrafica da stagnare; - raccolta in appositi sacchi e trasporto dei materiali lignei, metallici ed avanzi di indumenti, rinvenuti nel corso delle operazioni, come stabilito dalla vigente normativa per lo smaltimento dei rifiuti; - pulizia, disinfezione del loculo vuoto; nel caso il loculo contenga altre salme o resti mortali, la chiusura avverrà con muratura di mattoni pieni ad una testa e relativo intonaco e stuccatura; - pulizia della zona circostante il luogo di estumulazione; - nel caso in cui i resti mortali o gli esiti dei fenomeni cadaverici debbano essere trasferiti in ossario o loculo all interno dello stesso cimitero, le operazioni saranno le stesse della tumulazione della lettera A.2), e sommariamente: rimozione di lapidi, apertura del loculo o dell ossario, tumulazione del feretro o dei resti mortali, intonacatura e pulizia. A.7) Estumulazione di salma da loculo o da Tomba di Famiglia con successiva inumazione in campo comune per il completamento del processo di mineralizzazione: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge presso il luogo idoneo; - estumulazione del feretro e trasporto dello stesso in luogo idoneo del cimitero; - apertura del feretro per verifica dell'avvenuta mineralizzazione della salma in presenza del Coordinatore Sanitario dell'unità Sanitaria Locale o suo delegato; - richiusura del feretro, dopo la constatazione della non avvenuta mineralizzazione, previa esecuzione di una delle seguenti operazioni al fine di consentire la ripresa del processo di mineralizzazione della salma: a) eliminazione del coperchio metallico e esecuzione di quattro fori nella cassa metallica; b) sostituzione della cassa originaria con un contenitore di materiale biodegradabile; - scavo della fossa in campo comune,delle dimensioni previste da Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria eseguita con idoneo mezzo meccanico o a mano; - trasporto del feretro al luogo di inumazione; - deposizione accurata del feretro; - chiusura e riempimento della fossa eseguita con terra di risulta dello scavo, in modo che la terra scavata alla superficie sia messa attorno al feretro e quella affiorata dalla profondità venga alla superficie; COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 7

8 - collocazione sul luogo di inumazione dell'eventuale lapide recuperata dall'operazione di estumulazione; - trasporto del terreno eccedente a deposito presso il luogo idoneo; - pulizia dell'area circostante il luogo di inumazione e riordino del campo. A.8) Estumulazione di resti mortali o ceneri da loculo o da Tomba di Famiglia o da celletta ed eventuale tumulazione in diversa sepoltura: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura del loculo/celletta sia esso in muratura che in lastra di cemento, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del loculo e del feretro stesso, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - estumulazione della cassetta di zinco o dell'urna cineraria e trasporto della stessa sino a diversa sepoltura; - tumulazione nella celletta ossario o nel loculo con utilizzo di telo protettivo per evitare di sporcare i loculi o gli ossari adiacenti e chiusura con muratura di mattoni pieni ad una testa o con lastra di cemento prefabbricata secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge in materia; - intonacatura della chiusura di mattoni pieni o stuccatura della lastra in cemento; - pulizia della zona circostante il luogo di tumulazione. A.9) Tumulazione di resti mortali o ceneri in celletta ossario o loculo: - rimozione di lapidi o coperture marmoree del sepolcro, apertura della celletta ossario o del loculo, compresi gli oneri per il montaggio e smontaggio dei necessari ponteggi o elevatori, pulizia dell'interno del sepolcro, avvio dei rottami e calcinacci ad adeguato smaltimento a norma di legge; - trasporto della cassetta di zinco o dell'urna cineraria dall'ingresso del cimitero al luogo di tumulazione compresa l eventuale sosta per la funzione religiosa o civile; - tumulazione nella celletta ossario o nel loculo con utilizzo di telo protettivo per evitare di sporcare i loculi o gli ossari adiacenti e chiusura con muratura di mattoni pieni ad una testa secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge in materia; - intonacatura della chiusura di mattoni pieni o stuccatura della lastra in cemento; - pulizia della zona circostante il luogo di tumulazione. A.10) Tumulazione di resti mortali o ceneri in ossario comune: - rimozione di botole di copertura dell'ossario comune; - inserimento dei resti ossei nell'ossario comune; - chiusura dell'ossario comune con botola di copertura. Le suddette operazioni ordinarie e straordinarie dovranno essere espletate sulla base delle tariffe, approvate dalla Giunta Municipale con apposito atto deliberativo. A.11) Inumazione ceneri o resti mortali in tomba ad inumazione: - eventuale rimozione della lapide di copertura - scavo - deposizione urna o cassetta di riduzione - riempimento scavo - ripristino dell eventuale lapide di copertura della tomba B) PULIZIA DELLA STRUTTURA CIMITERIALE B.1) Pulizia bisettimanale del cimitero di Fivizzano zone pavimentate, dei percorsi, dei porticati, degli ingressi, compreso sgombero di ghirlande, corone, cuscini, fiori secchi e simili, da riporre negli appositi contenitori della nettezza urbana o nei contenitori per la raccolta differenziata del verde, ubicati all'interno o in prossimità dei cimiteri. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 8

9 B.2) Trasporto bisettimanale dei contenitori della nettezza urbana presenti all'interno della struttura cimiteriale all'esterno della struttura stessa per permetterne lo svuotamento da parte del mezzo adibito a trasporto dei rifiuti urbani e lavaggio dei bidoni stessi con disinfettante. B.3) Pulizia mensile da ragnatele e da escrementi dei volatili nei porticati, nei loggiati e nelle vetrate del cimitero. B.4) Sgombero neve con badile dai percorsi pedonali all interno del cimitero, con spargimento di sale su scalinate, rampe ed altre zone pericolose, da effettuarsi al bisogno. B.5) Controllo generale giornaliero del cimitero del capoluogo, con particolare attenzione alle attività di cui ai punti B.1), B.3) e B.4) che vanno raddoppiate dal 27 ottobre al 3 novembre (commemorazione dei defunti), dal 23 dicembre al 3 gennaio (festività natalizie) e dalla domenica delle Palme al Lunedì in Albis (festività pasquali). Art. 4 RIFIUTI PRODOTTI D.1) i materiali inerti provenienti da interventi di esumazione, tumulazione, estumulazione e da interventi di manutenzione di carattere straordinario verranno conferiti come stabilito dalla vigente normativa in materia di rifiuti; D.2) i materiali lignei, metallici ed gli avanzi di indumenti rinvenuti nel corso di interventi di esumazione, estumulazione o anche durante la sistemazione dei campi di inumazione, verranno raccolti in idonei sacchi, previo scrupoloso sminuzzamento delle tavole di legno o altro materiale ingombrante, ed immediatamente trasportate ad idoneo luogo per lo smaltimento, come previsto dalla presente normativa in materia di rifiuti; D.3) i residui provenienti dalla gestione del verde all'interno delle strutture cimiteriali come erba, residui di potatura e di spollonatura e i residui vegetali provenienti dalle operazioni di pulizia delle stesse come fiori secchi e simili, verranno conferiti come previsto dalla vigente normativa in materia di rifiuti; D.4) le altre tipologie di rifiuti saranno collocate nei contenitori della nettezza urbana ubicati all'interno o in prossimità del cimitero. Art. 5 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO FUNEBRE Il servizio verrà organizzato, salvo diversi specifici accordi, con le seguenti modalità: 1) L impresa di pompe funebri incaricata prenderà direttamente accordi con il Concessionario per l organizzazione della cerimonia funebre. 2) Il Concessionario dovrà comunicare al Comune a mezzo fax, con almeno 24 ore di anticipo, la data e l orario della cerimonia nonché gli estremi del deceduto chiedendo all Ufficio Cimiteriale Comunale dove debba essere collocata la salma. Nello svolgimento del servizio, il Responsabile del Servizio di Custodia Cimiteriale dovrà ottemperare ai seguenti obblighi: 1) Verificare all arrivo del feretro al cimitero la regolarità dei documenti amministrativi dell impresa di pompe funebri, l integrità del feretro e dei relativi sigilli; COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 9

10 2) Fornire al Comune il Piano Operativo di Sicurezza corredato dei nominativi delle figure previste dalla normativa in materia di sicurezza: ogni attività svolta dovrà rispettare il suddetto POS nonché la normativa applicabile in materia di sicurezza e principalmente il D. Lgs 81/ ) Espletare tutti gli adempimenti amministrativi connessi alle operazioni cimiteriali, mantenendo aggiornati tutti i documenti ed i registri necessari; 4) Adottare in occasioni delle cerimonie funebri comportamenti idonei alla delicatezza delle circostanze in termini di professionalità e di decoro. A tal proposito si rammenta che: a) La squadra di operatori sarà composta da minimo due persone e comunque da quante ritenute idonee per il tipo di operazione da svolgere; b) In tutte le operazioni svolte presso i cimiteri comunali il Concessionario dovrà garantire un elevato livello di decoro formale dei propri operatori, nel senso che essi dovranno mantenere un atteggiamento rispettoso dei luoghi e delle circostanze, ed avere un aspetto confacente alla funzione svolta. c) In particolare, per quanto riguarda la divisa, il Concessionario dovrà, all inizio del presente contratto e comunque prima dell inizio delle attività, proporre al Comune le caratteristiche del vestiario invernale e di quello estivo che il proprio personale dovrà necessariamente indossare in occasione delle cerimonie funebri. Una volta concordato, potrà essere utilizzato esclusivamente tale vestiario: nell ambito della stessa cerimonia dovrà essere inoltre garantita dalla squadra degli operatori, omogeneità di scelta tra la divisa estiva ed invernale. d) E fatto assoluto divieto al personale del Concessionario di fumare, bere o mangiare durante le cerimonie funebri. Nel caso di rottura casse nei loculi, in edicole, sepolcri e tombe private, conseguentemente all esplosione di gas putrefatti, il Concessionario, avvisati i familiari della salma, dovrà provvedere, a proprie cure e spese, all immediata pulizia di tutte le superfici interessate mediante lavaggio con soluzioni disinfettanti ed al ripristino dei luoghi con le opere necessarie in relazione ad ogni singolo caso. Nulla dovrà pretendere dall Amministrazione Comunale mentre il privato dovrà rimborsare le spese eventualmente sostenute per foderare la cassa e per le operazioni di apertura e chiusura del loculo nonché quelle relative alla presenza del Responsabile dell Unità Funzionale Igiene e Sanità Pubblica o suo delegato. Gli oneri relativi alla collocazione e/o rimozione lapidi da tombe a terra e/o loculi, per operazioni commissionate dall Amministrazione Comunale, sono compresi all interno del canone. Art. 6 LAVORI DI PULIZIA I lavori di pulizia comprendono attività ordinarie e straordinarie. Lavori di pulizia aree interne ed esterne nei cimiteri a carattere ordinario: COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 10

11 1) Locali a disposizione del personale e relative pertinenze 2) Cappella cimiteriale comunale 3) Locali adibiti a ricovero attrezzature e a magazzino a disposizione del personale e relative pertinenze 4) Aree pavimentate entro le strutture cimiteriali 5) Aree libere entro e oltre le mura cimiteriali 6) Aree coperte entro le mura cimiteriali fuori terra e sottoterra I lavori ordinari dovranno essere svolti secondo la periodicità indicata dal Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. Resta inteso che l incremento degli interventi proposto dal Concessionario, non darà diritto ad alcuna revisione del canone forfetario stabilito. Lavori di pulizia aree interne ed esterne nei cimiteri a carattere straordinario: 1) Sgombero della neve in tutte le aree di passaggio, vialetti pedonali, accessi eseguito a mano o con idonei mezzi meccanici al fine di garantirne l agibilità in sicurezza; 2) Spargimento di sale antigelo sui viali, sui percorsi pavimentati soggetti ad intemperie, sulle scale esterne, sulle rampe e ove necessario 3) Pulizia annuale generali ed accurate in corrispondenza della commemorazione dei defunti, secondo le modalità di cui ai punti precedenti estese a tutte le aree cimiteriali Art. 7 LAVORI DI MANUTENZIONE Lavori di manutenzione ordinaria delle aree interne al perimetro cimiteriale a carattere periodico: a) VERDE CIMITERIALE 1) Tappeti erbosi di tutti i cimiteri appartenenti all appalto: dovranno essere tagliati tre volte l anno nei mesi di Maggio Luglio ed Ottobre (non oltre il giorno 25) ed eccezionalmente nel caso in cui si verificasse un funerale in altro periodo dell anno in cui le condizioni fossero tali da evidenziare l intervento di taglio dell erba. L erba tagliata dovrà essere recuperata e smaltita a norma di legge. La ditta Concessionaria dovrà fare altresì attenzione a non rovinare o sporcare le tombe, gli arredi sacri o rompere l'impianto elettrico delle luci votive. Dove ciò si verificasse, la ditta appaltatrice sarà responsabile dei danni commessi COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 11

12 nei confronti dei proprietari delle tombe o verso l Amministrazione Comunale che ha in gestione l'impianto elettrico o eventuale ditta appaltatrice.. 2) Cespugli e siepi a forma obbligata e/o libera: dovranno essere potati una volta l anno nel mese di Giugno 3) Alberi secchi: dovranno essere tagliati previo parere del Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale e conformemente a quanto previsto dalla vigente normativa 4) Potatura di alberi all interno dell area cimiteriale: dovrà essere eseguita previa richiesta delle autorizzazioni necessarie previste dalla vigente normativa, secondo le indicazioni del Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. 4) Pulizia esterna cinta cimiteriale: da effettuarsi almeno 1 volta all anno nel mese di Giugno con taglio dei rovi ed eventuali arbusti per metri tre lungo il perimetro del cimitero, se di proprietà pubblica o Comunale. Per quanto riguarda il taglio dell erba nei cimiteri di Vinca, S. Terenzo, Tenerano e Mommio la ditta dovrà provvedere con un ulteriore taglio da effettuarsi prima della data della commemorazione degli eccidi. Nel caso il Concessionario presenti la proposta di incremento del patrimonio verde dei cimiteri comunali, i conseguenti oneri manutentivi aggiuntivi, non daranno diritto ad alcun compenso aggiuntivo. b) VIALI, VIALETTI E MARCIAPIEDI Oltre alla periodica pulizia, la ditta aggiudicataria dovrà provvedere al periodico diserbo dei vialetti o delle parti pavimentate, che, se eseguite tramite diserbo chimico, dovrà essere effettuate secondo uno specifico piano tecnico che il Concessionario predisporrà e sottoporrà alla approvazione del Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale. Il diserbo chimico, potrà avvenire solo ad approvazione ottenuta. Ogni modifica al piano dovrà essere sottoposta a preventiva approvazione dell Responsabile sopra menzionato. La violazione del piano è motivo di richiamo e di applicazione di penale. Gli interventi di sgombero neve e di spargimento di sale antigelo dovranno essere tempestivi e continuativi nel caso del perdurare dei fenomeni atmosferici avversi. c) FOGNATURE ACQUE BIANCHE, TOMBINI E GRIGLIE La ditta aggiudicataria dovrà provvedere ogni quatto mesi e comunque ogni qualvolta risultino ostruite,a rimozione delle griglie, alla pulizia dei tombini mediante l asporto del materiale e la verifica di funzionalità delle condotte interne della linea di scarico sino alla pubblica fognatura. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 12

13 Art. 8 ATTIVITA DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI EDIFICI Il Concessionario dovrà assicurare la manutenzione ordinaria dei fabbricati e degli impianti cimiteriali dove per manutenzione ordinaria si intendono le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. Detta manutenzione ordinaria serve a garantire il mantenimento nel tempo del funzionamento e degli standard prestazionali di tutti gli impianti e delle strutture dei cimiteri mediante l attuazione di tutti gli interventi necessari (idraulico, muratore, elettricista, fabbro, ). Tali interventi si possono suddividere in due tipologie: 1) gli interventi periodici preventivi necessari a mantenere l efficienza degli impianti ed il decoro delle strutture 2) gli interventi a guasto necessari per ripristinare la funzionalità e/o la sicurezza di impianti e strutture. In caso di segnalazioni effettuate dalla cittadinanza al Concessionario (che provvederà ad avvertire immediatamente il Responsabile del Servizio Cimiteriale Comunale), riguardanti guasti di impianto cimiteriale o di ogni altro avvenimento possa limitare la fruibilità dei cimiteri comunali, pregiudicare il loro decoro o creare situazioni di potenziale pericolo per l utenza, lo stesso Concessionario, dovrà entro 24 ore dalla segnalazione: 1) eliminare il problema verificatosi mediante un adeguato intervento manutentivo; 2) nei casi più complessi, se a seguito del sopralluogo non dovesse essere individuata la soluzione, contattare l Ufficio Tecnico comunale per decidere di concerto con l Amministrazione le modalità di intervento. Art. 9 ONERI A CARICO DEL CONCESSIONARIO Tutte le operazioni di cui al presente Capitolato dovranno essere eseguite con idonee attrezzature fornite dal Concessionario e nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro nonché dei regolamenti comunali. Sono a carico del Concessionario tutti gli oneri relativi alla suddetta attrezzatura nonché alla fornitura di tutti i generi di consumo, quali detersivi, disinfettanti, saponi, carta igienica, asciugamani, strofinacci, segatura, spugne, sale, antigelo, i materiali edili, come mattoni pieni e lastre in cemento prefabbricato e le attrezzature per il corretto svolgimento del Servizio Cimiteriale, come ponteggi e quant altro necessario per il perfetto mantenimento in efficienza e decoro di tutti gli spazi cimiteriali. E fatto obbligo al Concessionario di adottare, nella esecuzione dei lavori oggetto del presente appalto, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità degli addetti e dei terzi, avendo altresì cura di evitare danni ai beni pubblici e privati. Ogni più ampia responsabilità nel caso di infortuni e danneggiamenti ricadrà pertanto sul Concessionario, restando la stazione appaltante esonerata da ogni responsabilità e onere. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 13

14 Oltre agli oneri di cui sopra il Concessionario assume a proprio carico anche: a) l obbligo di predisporre le segnalazioni diurne e notturne mediante appositi cartelli, fanali e transennamenti nel caso di interventi su esterni, nonché gli oneri per l eventuale custodia del cantiere. b) Gli oneri derivanti dall approvvigionamento e custodia di materiali e attrezzature necessarie alla realizzazione dei lavori nonché quelle derivanti da eventuali forniture elettriche o idriche per il funzionamento del cantiere. c) Il risarcimento di eventuali danni che, in dipendenza delle modalità di esecuzione dei lavori, fossero arrecati a proprietà pubbliche o private nonché a persone fisiche. d) Gli oneri per la certificazione dei materiali posati e delle lavorazioni eseguite ai sensi delle vigenti norme della materia, nonché quanto necessario per rendere i lavori fruibili in sicurezza. e) Nel caso in cui durante lo svolgimento delle proprie attività il Concessionario alteri o danneggi un impianto tecnologico, l eventuale riparazione sarà a carico del Concessionario, così come le spese di collaudo e di predisposizione della dichiarazione di conformità dell impianto a regola d arte (art. 9 L. 46/90 D.M ). Il Concessionario s impegna inoltre: a segnalare al Comune eventuali esigenze di interventi di pulizia, manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture e del verde laddove ciò sia necessario per il decoro e la sicurezza dei cimiteri; a rendersi disponibile a coordinare l erogazione dei propri servizi con gli altri fornitori del Comune, valutandone, se richiesto, le modalità di intervento. Art. 10 CARATTERISTICA DEL SERVIZIO E SCIOPERI Tutti i servizi e i lavori oggetto del contratto sono ad ogni effetto da considerarsi di pubblico interesse e, come tali, non potranno essere sospesi o abbandonati, anche nelle ipotesi di sciopero del proprio personale dipendente. In tali ipotesi il soggetto gestore si atterrà a quanto stabilito dalla Legge n. 146 del , trattandosi di attività rientrante tra i servizi pubblici essenziali. In caso di sospensione o di abbandono, anche parziale, del servizio o lavoro, eccetto i casi di forza maggiore accertati, l Amministrazione Comunale potrà sostituirsi all Impresa Aggiudicataria. per l'esecuzione d'ufficio a spese dell'inadempiente, oltre ad applicare le penalità previste al successivo art. 24. Art. 11 DURATA DELL APPALTO L appalto avrà durata triennale dalla data di aggiudicazione definitiva. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 14

15 Art. 12 EVENTUALE RINNOVO E PROROGHE DEL CONTRATTO E consentito il rinnovo espresso del contratto ai sensi dell art. 44 della L. 724/94 e s.m.i., agli stessi patti e condizioni, nel caso in cui l Amministrazione Comunale, accertata la sussistenza di ragioni di convenienza e di pubblico interesse, ritenga di assicurare i servizi alla stessa Impresa Aggiudicataria, sempre che la stessa esprima il suo assenso. Rimane la facoltà per l Amministrazione Comunale di prorogare il contratto secondo quanto previsto all art. 11 del R.D. 2440/ Art. 13 OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA L Impresa Aggiudicataria è tenuta a: a) rispettare ed attenersi scrupolosamente alle disposizioni contenute nel presente capitolato. Per quanto non espressamente sancito, valgono le leggi vigenti in materia, il Regolamento di Polizia Mortuaria di cui al DPR n. 285/90 e il Regolamento di Polizia Mortuaria del Comune di Fivizzano; b) avvalersi, per l espletamento del servizio, di personale di assoluta fiducia ed in possesso dei requisiti necessari allo svolgimento del servizio; c) assumersi tutti gli oneri derivanti dall'assunzione, formazione ed amministrazione del personale necessario ai servizi nonché al pagamento dei relativi contributi ed indennità a loro spettanti; d) osservare tutte le norme a tutela della salute e dell integrità fisica del personale nonché le disposizioni vigenti in materia di sicurezza sul lavoro, a tal fine si impegna a fornire ai propri operatori tutti gli strumenti, gli accorgimenti e le informazioni atti a garantire detta sicurezza ed incolumità durante lo svolgimento del servizio; e) garantire che il personale manterrà un contegno riguardoso e corretto durante l espletamento del servizio e che sia dotato di idoneo abbigliamento e di cartellino di riconoscimento; f) provvedere all immediata sostituzione del personale che dovesse risultare inidoneo allo svolgimento del servizio stesso; g) garantire in caso di ferie, malattia, infortunio del personale il regolare svolgimento del servizio; h) farsi carico del corretto impiego dei mezzi e delle attrezzature presenti nel cimitero comunale che dovranno essere sempre ripuliti al termine delle operazioni cimiteriali da eventuali residui di polvere, calcinacci o quant'altro; i) risarcire l Amministrazione Comunale eventuali danni arrecati al patrimonio comunale; l) avvertire subito l Amministrazione Comunale qualora venga a conoscenza di inconvenienti a lui non imputabili, che impediscano il regolare svolgimento dei servizi cimiteriali e nonostante la segnalazione fatta, l Impresa Aggiudicataria, sempre nell ambito della normale esecuzione delle prestazioni che gli competono, deve adoperarsi per quanto possibile affinché i servizi vengano regolarmente espletati. Art. 14 RESPONSABILITA CIVILE E POLIZZA ASSICURATIVA L Impresa Aggiudicataria assume in proprio ogni responsabilità per infortunio o danni eventualmente subiti da parte di persone o di beni, tanto dell Impresa Aggiudicataria. quanto dell Amministrazione Comunale. nell espletamento delle prestazioni contrattuali ad esso riferibili, COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 15

16 anche se eseguite da parte di terzi, esonerando l Amministrazione Comunale da ogni responsabilità a riguardo. L Impresa Aggiudicataria, inoltre, si obbliga a stipulare apposita polizza assicurativa, che si impegna a produrre entro 30 giorni dalla data di aggiudicazione, a copertura del rischio da responsabilità civile della medesima Impresa Aggiudicataria per l importo non inferiore ad ,00 in ordine allo svolgimento di tutte le attività di cui al presente contratto (inclusi gli atti aggiuntivi e/o integrativi - modificativi). In particolare detta polizza tiene indenne l Amministrazione Comunale, ivi compresi i relativi dipendenti e collaboratori, nonché i terzi per qualsiasi danno l Impresa Aggiudicataria possa arrecare all Amministrazione Comunale, ai rispettivi dipendenti e collaboratori, agli utenti del servizio nonché ai terzi nell esecuzione di tutte le attività di cui al contratto d appalto, anche con riferimento ai relativi prodotti e/o servizi, inclusi i danni da inquinamento, da trattamento dei dati personali, ecc.. Art. 15 PRESCRIZIONI TECNICHE E NORME COMPORTAMENTALI Durante l'esecuzione delle operazioni cimiteriali, a cui possono assistere sia i familiari richiedenti, sia il coordinatore sanitario dell'unità sanitaria locale, se previsto, sia l'incaricato dell'ufficio onoranze funebri, il personale dell Impresa Aggiudicataria dovrà indossare abbigliamento idoneo alla circostanza e tale da essere immediatamente riconoscibile dagli utenti, eventuali dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) in ottemperanza della Legge 81/2008. L Impresa Aggiudicataria si impegna a richiamare, multare e, se necessario, sostituire i dipendenti che non osservassero una condotta irreprensibile. Le segnalazioni e le richieste dell Amministrazione Comunale in tal senso saranno impegnative per l Impresa Aggiudicataria. Durante l'esecuzione dei servizi, inoltre, dovranno essere adottati gli accorgimenti necessari per prevenire danni alle sepolture circostanti, che comunque dovranno essere ripulite da eventuali residui di polvere o calcinacci. Nel caso di funerale, gli operatori dovranno trovarsi nel cimitero con congruo anticipo rispetto all'inizio del lavoro, avendo cura che all'arrivo della salma si sia già provveduto alla predisposizione della sepoltura, al montaggio delle apparecchiature di sollevamento, quando necessarie, ed alla preparazione dell'impasto di calce. Tutti gli oggetti rinvenuti nel corso delle esumazioni saranno consegnati ai familiari e, in assenza di questi, all Amministrazione Comunale per la restituzione alle famiglie. Il Responsabile del Servizio di Custodia Cimiteriale responsabile dell Impresa Aggiudicataria o, in sua assenza, gli addetti all'esecuzione dei servizi sono tenuti a segnalare tempestivamente all'amministrazione Comunale qualsiasi problema, contrattempo, inconveniente che dovesse manifestarsi nel corso dei lavori. L Amministrazione Comunale si riserva comunque la insindacabile facoltà di introdurre nei servizi stessi, sia all'atto della consegna dei lavori sia in sede di esecuzione, quelle varianti che riterrà opportune nell'interesse della buona riuscita e dell'economia dei lavori senza che l impresa appaltatrice possa da ciò trarne motivi per avanzare pretese di compensi e di indennizzi di qualsiasi natura e specie, non stabiliti nel presente documento. Art. 16 MODALITA DI RICHIESTA DI SEPOLTURA Le richieste di sepoltura vanno fatte alla ditta aggiudicataria presso la sede operativa con gli orari indicati all art. 2 COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 16

17 Qualora fossero richieste più sepolture, le eventuali ulteriori richieste pervenute dopo le ore 16,00 verranno vagliate, di volta in volta dall impresa aggiudicataria, in base alle reali possibilità organizzative per effettuare il servizio di sepoltura entro il giorno successivo, nel rispetto degli orari prefissati dall Amministrazione Comunale. Art. 17 AMMONTARE DELL APPALTO Per la fornitura delle attività di pertinenza dell Amministrazione Comunale, descritte sinteticamente all art. 1 e precisamente: 1) Attività di custodia dei cimiteri comunali; 2) Operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione Comunale quali inumazione in campo comune di indigenti fino ad un massimo di cinque annue, inumazioni in campo comune di arti o feti di provenienza ospedaliera, n 12 estumulazioni annue con eventuale inumazione a causa di mancata riduzione compresa di smaltimento dei rifiuti, n 15 esumazioni ordinarie annue da campo comune o terreno in concessione comprensive di smaltimento dei rifiuti. Se la ditta appaltatrice non effettuerà nel corso dell anno il numero di esumazione ed estumulazione sopra indicate le stesse dovranno essere recuperate l anno successivo e comunque il numero complessivo di esumazioni ed estumulazione previste dall appalto dovrà essere completato tre mesi prima della scadenza del contratto, a pena della riduzione del canone dovuto applicando le tariffe vigenti. 3) Lavori di pulizia delle aree esterne ed interne dei cimiteri e gestione del verde; 4) Attività di manutenzione ordinaria degli edifici, degli impianti, dei viali e marciapiedi. e così come descritti nei precedenti articoli, il Comune di Fivizzano riconoscerà un canone annuale forfetario onnicomprensivo (IVA esclusa) pari ad ,00 (Euro Venticinquemila/00), al netto del ribasso percentuale offerto. Il pagamento dei corrispettivi di competenza dell Amministrazione Comunale, avverrà con cadenza trimestrale, a seguito di presentazione di fattura, da liquidarsi entro 90 gg. dalla data di ricezione presso l Amministrazione Comunale (data di protocollo). Rimangono escluse dal canone le attività e le prestazioni aggiuntive non previste nel bando di gara e nei documenti allegati, richieste dal Comune di Fivizzano ed accettate dal Concessionario. Art. 18 ATTIVITA A CARICO DEI FAMIGLIARI Le attività svolte dal concessionario a carico dei famigliari descritte sinteticamente all art. 1 sono quelle di seguito tabellate ed il relativo prezzo sarà stabilito dalla Giunta Comunale con apposita delibera COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 17

18 1 Tumulazione di salma, resti mortali o ceneri in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura frontale (in qualsiasi fila ed in qualsiasi altezza). 2 Tumulazione di salma, resti mortali o ceneri in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura laterale (in qualsiasi fila ed a qualsiasi altezza). 3 Tumulazione in ossario di resti mortali in apposita cassetta od urne cinerarie (in qualsiasi fila). 4 Estumulazione ordinaria o straordinaria di salma, resti mortali in cassette od urne cinerarie in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura frontale (in qualsiasi fila od a qualsiasi altezza). 5 Estumulazione ordinaria o straordinaria di salma, resti mortali in cassette od urne cinerarie in loculi in concessione, tombe di famiglia o Cappelle di famiglia ad apertura laterale (in qualsiasi fila od a qualsiasi altezza ). 6 Estumulazione da ossario compreso lo smontaggio della lapide. 7 Inumazione di salma in campo comune od in terreno in concessione. 8 Esumazione ordinaria o straordinaria da campo comune o da terreno in concessione. 9 Inumazione di salma in conseguenza di mancata riduzione dei resti mortali (escluso il costo dell eventuale contenitore biodegradabile). 10 Riduzione della salma con posizionamento dei resti in ossario comune o in cassetta di riduzione (escluso il costo della cassetta). 11 Smaltimento dei rifiuti provenienti da esumazione, trasporto compreso. 12 Smaltimento dei rifiuti provenienti da estumulazione, trasporto compreso. 13 Inumazione ceneri o resti mortali in tomba con salma 14 Tumulazione ceneri o resti mortali in loculo con COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 18

19 salma ad apertura frontale o laterale comprensiva di demolizione totale o parziale della parete 15 Smontaggio e rimontaggiolapide in loculo frontale 16 Smontaggio e rimontaggio lapide in loculo laterale 17 Demolizione parete in mattoni in vecchi loculi inutilizzati con smaltimento degli stessi 18 Smontaggio e rimontaggio copritomba in tombe ad inumazione Il pagamento dei corrispettivi di competenza dei familiari, avverrà nei termini e modi che il Concessionario concorderà con gli stessi e comunque non oltre 30 gg. dalla ricezione a domicilio della fattura. Oltre a tale scadenza il Concessionario può applicare gli interessi dovuti ed agire nella riscossione dei crediti, nei modi e forme permessi dalla normativa vigente. L Amministrazione Comunale resta indenne da mancate riscossioni di crediti. Art. 19 OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI Il Concessionario, nell esecuzione delle opere di cui al presente appalto, è tenuto all osservanza piena e incondizionata di tutti i fatti e le condizioni riportate nel presente capitolato, ed in tutta la documentazione di gara. Per quanto non indicato nei suddetti documenti, si farà riferimento alla normativa nazionale e locale in materia di appalti pubblici, nonché a quella in materia di sicurezza e contabilità. Il Concessionario è tenuto ad osservare integralmente il trattamento economico previsto nei contratti collettivi nazionali e territoriali in vigore per il settore e per la zona nelle quali si svolgono i lavori Il Concessionario dovrà trasmettere all Amministrazione, entro 30 giorni dall affidamento del servizio in oggetto, la documentazione di avvenuta denuncia agli enti previdenziali, INPS, INAIL, CASSA EDILE, assicurativi ed antinfortunistici, nonché copia del piano delle misure di sicurezza fisica dei lavoratori, il nominativo del responsabile della sicurezza per l'impresa, il responsabile della sicurezza per i lavoratori, se nominato, e del medico competente ai sensi del D.L. 81/2008 L Amministrazione ha, tuttavia la facoltà di procedere a verifica di tali adempimenti in sede di liquidazione delle fatture. Le imprese appaltatrici dovranno far pervenire all amministrazione dichiarazione scritta sulla informazione e formazione, ai sensi della normativa 81/2008, del proprio personale dipendente impiegato. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 19

20 Art. 20 COMUNICAZIONI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Entro il giorno 10 di ogni trimestre, il Concessionario dovrà elencare sinteticamente gli interventi o le manutenzioni ordinarie e le segnalazioni, indicando per ciascuna di esse il giorno e la provenienza, eseguite nel trimestre precedente. Art. 21 FACOLTA DI CONTROLLO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE All Amministrazione Comunale sono riconosciute ampie facoltà di indirizzo e di controllo relativamente: a) all adempimento puntuale e preciso del servizio, così come programmato; b) al rispetto di quanto disposto dal presente Capitolato; c) al rispetto di tutte le norme contrattuali, contributive e assistenziali nei confronti del personale utilizzato. E inoltre facoltà dell Amministrazione Comunale chiedere documenti ed effettuare le opportune ispezioni per la verifica del rispetto degli impegni sopra indicati e della regolarità dello svolgimento del servizio. L Amministrazione Comunale segnalerà l eventuale inosservanza di tali norme, per iscritto e a mezzo raccomandata A/R., all Impresa Aggiudicataria e, ove dovuto, alle altre Autorità competenti. L Impresa Aggiudicataria potrà far pervenire le proprie contro deduzioni scritte entro il termine di 10 (dieci) giorni dalla data di ricevimento della contestazione. Art. 22 INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE La popolazione potrà segnalare al Concessionario qualsiasi inconveniente o richiedere qualsiasi informazione utilizzando il numero telefonico che il concessionario provvederà a pubblicizzare con appositi cartelli all interno di ciascun cimitero. Nel caso in cui, telefonicamente o direttamente al personale presente al cimitero vengano segnalate dalla cittadinanza proposte o richieste relative al miglioramento dei servizi, delle infrastrutture o degli impianti, il Concessionario dovrà darne prontamente notizia all Amministrazione comunale. Art. 23 CAUZIONE Il Concessionario, all aggiudicazione del servizio, si impegna a sottoscrivere a titolo di ulteriore garanzia apposita polizza fidejussoria di importo pari al 10% dell importo totale dell appalto al netto del ribasso d asta. Detta cauzione, coprirà i danni eventualmente cagionati in occasione dei servizi prestati e sarà svincolata automaticamente al termine del contratto medesimo. COMUNE DI FIVIZZANO Pagina 20

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli