COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento"

Transcript

1 COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento CAPITOLATO PER L APPALTO DEI SERVIZI DI SCAVO FOSSE, PULIZIA E MANUTENZIONE DEI CIMITERI COMUNALI PER IL PERIODO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 331 dd Il Funzionario responsabile - ing. Paola Miorandi - 1

2 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio di scavo fosse, inumazione delle salme, rinterro, tumulazione in loculil e ossari, nonché il servizio di pulizia e manutenzione nei cimiteri del Comune siti nel Capoluogo (ad esclusione del cimitero militare) e nelle frazioni di Guardia, Mezzomonte, Serrada, San Sebastiano, Carbonare e Nosellari. ART. 2 INIZIO DEL SERVIZIO E DURATA DELL APPALTO L appalto avrà la durata di anni 3 (tre) decorrenti dal al ed è esclusa la possibilità di tacito rinnovo. L Appaltatore dovrà iniziare il servizio il giorno seguente al ricevimento della deliberazione di aggiudicazione dell Appalto da parte del Comune. Nel caso l Amministrazione comunale non invii disdetta almeno 6 (sei) mesi prima della scadenza del contratto, l Impresa sarà obbligata a proseguire il servizio per altro 1 (uno) anno alle condizioni e modalità del presente capitolato. Il contratto potrà essere rescisso senza alcun preavviso per morte o invalidità permanente del titolare della Ditta appaltatrice o con quattro mesi di preavviso da parte dell Amministrazione in caso di diversa organizzazione dei servizi comunali oggetto dell'appalto. L aggiudicazione dell appalto è comunque subordinata ad un periodo di prova di 12 mesi coincidenti con il primo anno di servizio. Terminato tale periodo con esito favorevole, l appalto è confermato, mentre se l esito risulta negativo, l Amministrazione comunale non soddisfatta del servizio, potrà rescindere unilateralmente il contratto senza che l appaltatore possa trarne motivo di ulteriori compensi o risarcimenti. La conferma o la risoluzione indicate nel comma precedente sono disposte nei trenta giorni precedenti il periodo di prova, con provvedimento della Giunta comunale. L appalto si intende comunque confermato qualora sia decorso il termine di trenta giorni indicato in precedenza senza che nessun provvedimento sia stato adottato. Il contratto può altresì essere rescisso come specificato al successivo art. 18. ART. 3 IL SERVIZIO COMPRENDE Il servizio che dovrà essere espletato nel rispetto del Regolamento di Polizia mortuaria, comprende: a) scavo e rinterro delle fosse per inumazione di salme, da eseguire a mano o con l ausilio di mezzi meccanici ove possibile; b) recupero di resti umani e loro deposito in ossario privato o comune; c) esumazione di cadaveri e/o resti umani e loro sistemazione in altrettante fosse, loculi o ossario comune; d) apertura di loculi ossario e successiva muratura degli stessi; e) tumulazione di ceneri in loculi o in terra, compresa successiva muratura o rinterro; f) sgombero neve all interno del cimitero al fine di consentire il regolare svolgimento dei funerali e delle sepolture; g) pulizia e manutenzione dei cimiteri; 2

3 h) sostituzione dell eventuale materiale sassoso con materiale idoneo fornito dall Amministrazione comunale, compreso l allontanamento e smaltimento del materiale di risulta nel rispetto della legislazione vigente; i) rinterro delle nuove fosse nell ala nuova del cimitero di Folgaria, con materiale che sarà fornito dal Comune, e che sarà depositato in luogo da concordarsi con l Appaltatore nelle immediate vicinanze del cimitero. Questo adempimento dovrà essere espletato in caso di necessità, e su richiesta dell Ente appaltante, anche su altri cimiteri oggetto del presente appalto. In questi casi, l Appaltatore dovrà effettuare di volta in volta a sua totale cura e spese, il trasporto del materiale dal luogo di deposito fino al cimitero interessato. j) rimozione, entro 10 giorni dalla data di celebrazione del rito funebre, delle ghirlande e dei fiori utilizzati durante il rito funebre, qualora risultino appassiti e/o secchi, e pulizia della zona interessata dall inumazione; k) rimozione di lapidi, cordoli ecc. quando richiesto esplicitamente dal Comune, come riportato al successivo art. 8; In particolare, il servizio dovrà essere svolto in modo decoroso ed ordinato, la terra di scavo dovrà essere raccolta in apposito cassone di adeguata capacità messo a disposizione dall Appaltatore e dislocato di volta in volta in prossimità della fossa da realizzare. Solamente l incaricato comunale potrà derogare alla mancata dislocazione del suddetto cassone in caso di comprovata impossibilità al suo dislocamento. Durante tutto il rito della sepoltura, l Appaltatore dovrà inoltre garantire sul posto la presenza di un idoneo contenitore (coppa o similare) a disposizione dei partecipanti, atto al contenimento di sabbia per l estremo saluto. Tutte le operazioni inerenti i servizi oggetto del presente appalto, dovranno essere condotte in conformità al vigente Regolamento di polizia mortuaria che qui si intende interamente richiamato e che l impresa, sottoscrivendo il contratto, dichiara di ben conoscere ed accettare, e nel rispetto delle vigenti normative in materia. ART. 4 PULIZIA E MANUTENZIONE ORDINARIA Oltre a quanto previsto nel precedente articolo, l appalto comprende anche la pulizia e manutenzione ordinaria dei cimiteri del Comune siti a Folgaria e nelle frazioni di Guardia, Mezzomonte, Serrada, San Sebastiano, Carbonare e Nosellari. La pulizia e la manutenzione, da effettuarsi durante tutto l arco dell anno, dovrà essere estesa a tutti i percorsi principali e ai vialetti di accesso alle singole tombe unitamente alle parti cimiteriali non ancora utilizzate, nonché alle tombe abbandonate, e dovranno comprendere: pulizia delle superfici, che dovrà essere eseguita con frequenza tale da lasciare le stesse sempre in stato decoroso, compreso lo sfalcio dell erba nelle zone a verde da effettuarsi ogni qualvolta l altezza della stessa raggiunga i 10 cm (dieci centimetri) o su richiesta dell incaricato comunale qualora si ravvisasse la necessità. E da intendersi compresa pure l estirpazione di erbe e piante infestanti di qualsiasi natura, e di eventuali radici. Per l esecuzione dei predetti interventi, è peraltro vietato l utilizzo di diserbanti e veleni di qualsiasi tipo e categoria. stendimento e livellamento di ghiaino sui vialetti, in qualsiasi quantità ove ritenuto necessario dall incaricato comunale; 3

4 rimozione ed allontanamento di rifiuti vegetali e cimiteriali presenti all interno dei cimiteri, compresa la rimozione di materiali inerti fino alla cubatura massima di mc 1,00 eventualmente presenti quali prodotti di risulta da operazioni di pulizia, riassetto e sistemazione di tombe; manutenzione da effettuarsi su recinzioni, cestini, contenitori, o altro arredo cimiteriale, e comprende le riparazioni, i consolidamenti e le verniciature, necessari; potatura delle siepi e delle piante a medio e alto fusto anche se ubicate esternamente nelle immediate vicinanze del cimitero pulizia delle lapidi e di altri manufatti ed arredi cimiteriali, che in seguito ai lavori di pulizia e manutenzione di cui ai precedenti punti, dovessero essere sporcati; Il materiale di rifiuto, ivi compreso quello derivante dalle operazioni di pulizia a seguito di ogni rito funebre di cui al precedente articolo, e quello derivante dalle operazioni di manutenzione straordinaria di cui al successivo, dovrà essere gestito e smaltito nel rispetto della legislazione vigente. Il Comune si riserva la facoltà di richiedere copia dei formulari di conferimento del rifiuto per verificare il corretto smaltimento. E fatto peraltro divieto assoluto di accendere fuochi all interno e all esterno dei cimiteri con lo scopo di distruggere i rifiuti. Le operazioni di pulizia e manutenzione ordinaria dovranno essere effettuate principalmente entro queste scadenze annuali, fermo restando l impegno in carico all Appaltatore del decoro cimiteriale durante tutto l arco dell anno dal 15 maggio al 30 Maggio dal 1 luglio al 15 luglio dal 1 agosto al 15 agosto dal 15 ottobre al 31 ottobre Eventuali variazioni ai periodi o agli orari di svolgimento delle singole operazioni verranno di volta in volta concordati tra le parti contraenti in relazione alle esigenze dell Amministrazione o alle condizioni climatiche stagionali. Per quanto riguarda le pulizie dei cimiteri, si precisa che l Appaltatore su richiesta del Comune, dovrà rendersi disponibile ad effettuare ulteriori giornate di pulizia oltre a quelle da effettuarsi nei periodi prestabiliti. Per tali prestazioni avrà diritto al compenso orario che la medesima presenterà all atto della presentazione dell offerta. A tal proposito si rammenta che entro le 24 ore dall intervento, dovrà essere presentato resoconto particolareggiato delle ore impiegate per il servizio reso in economia. A soli fini statistici, alla scadenza di ogni anno, l Appaltatore presenterà all Amministrazione comunale un dettagliato rendiconto degli interventi di manutenzione ordinaria per ciascun cimitero con allegato il prospetto delle ore di servizio del personale incaricato. ART. 5 MANUTENZIONE STRAORDINARIA L Amministrazione comunale si riserva la facoltà di richiedere all Appaltatore la disponibilità di manodopera, mezzi e materiali che in casi eccezionali, o ricorrenze speciali, si rendessero necessari per l'espletamento di servizi o lavori non contemplati nel presente capitolato. In questi casi, l Appaltatore dovrà fornire quanto richiesto dall Ente 4

5 appaltante, dietro compenso che sarà stabilito di volta in volta fra le parti sulla base dell elenco prezzi provinciale in vigore al momento della loro esecuzione, e liquidati su presentazione di regolare fattura. ART. 6 SGOMBERO NEVE In caso di sepoltura, o altro adempimento contrattuale previsto al precedente art. 3 da eseguire in presenza di neve, rimane a totale onere e cura dell Appaltatore lo sgombero della neve sui vialetti del cimitero che portano alla tomba interessata, per tutta la loro larghezza, partendo dal viale d entrata principale del cimitero medesimo. La rimozione della neve dovrà essere effettuata inoltre attorno alla tomba interessata per consentire la presenza di persone durante il rito della sepoltura. E fatto divieto accumulare la neve sulle lapidi lungo il percorso, e nella zona circostante la tomba interessata per evitare danneggiamenti. Per questo motivo, l Appaltatore dovrà prestare particolare cura e attenzione in modo da non arrecare danno alle lapidi circostanti. Lo stesso dovrà inoltre provvedere a spargere la ghiaia o sale sui percorsi precedentemente sgomberati dalla neve, in modo tale da rendere sicuro il transito delle persone che presenziano alla sepoltura. ART. 7 ONERI E OBBLIGHI A CARICO DELL APPALTATORE Per l esatto adempimento delle norme contrattuali, l Appaltatore si impegna e si obbliga a soddisfare i seguenti oneri: 7.1 PERSONALE Il personale messo a disposizione per l espletamento dei servizi oggetto del presente capitolato dovrà essere serio, qualificato e responsabile, in modo da garantire autonomamente il regolare svolgimento del servizio. L appaltatore indicherà un proprio responsabile incaricato di sovrintendere l espletamento dei servizi e tenere i rapporti con il Comune; In caso di malattia del personale, l Appaltatore provvederà alla sua sostituzione con altro idoneo, in tempi utili per il regolare e completo svolgimento dei servizi in appalto. Gli oneri per la previdenza sociale, l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, ecc., relativi al personale impiegato per il Servizio, saranno a totale carico dell Impresa, sollevando il Comune da ogni e qualsiasi responsabilità in merito. Il personale impiegato nell espletamento dell appalto dovrà essere munito di tutto il vestiario e dei Dispositivi di Protezione Individuale previsti dalla normativa per la sicurezza e igiene sui posti di lavoro, dovrà essere adeguatamente istruito sulle lavorazioni da effettuare, sottoposto alla sorveglianza sanitaria necessaria, ed essere in regola con tutte le norme sulla sicurezza ed igiene sul lavoro; 7.2 REPERIBILITA La reperibilità per il servizio di scavo fosse, dovrà essere garantita 24 ore su 24, per l intera durata del contratto. L Appaltatore dovrà fornire a tal proposito, all Amministrazione comunale, i numeri telefonici che consentiranno la reperibilità del personale fossore. Dovrà inoltre essere dotato di un fax, di una segreteria telefonica e di una casella di posta 5

6 certificata al quale far pervenire eventuali messaggi da parte del personale del Comune incaricato dei rapporti con l Appaltatore. Tali dispositivi dovranno essere sempre mantenuti in perfetta efficienza e funzionamento in modo da non compromettere il servizio stesso. 7.3 DANNI ALLE TOMBE PRIVATE In caso di comprovata responsabilità per danni a cose o persone prodotte dal personale dell Appaltatore per lo svolgimento del Servizio, l Appaltatore medesimo garantirà con appropriata assicurazione R.C.T., la completa copertura del danno provocato, sollevando il Comune da qualsiasi corresponsabilità. Qualora lo scavo fossa venga eseguito nelle vicinanze di tombe esistenti, o tra queste, prima di procedere con i lavori di scavo, dovrà essere avvisato il Comune il quale potrà accertare attraverso un proprio incaricato, le condizioni delle lapidi vicine al luogo dell inumazione. Questo al fine di evitare l insorgenza di eventuali future contestazioni per danneggiamenti riconducibili all operato dei fossori. La mancata ottemperanza di questa disposizione comporterà l inevitabile assunzione in carico di eventuali colpe da parte dell Appaltatore in caso di danneggiamenti. 7.4 ASSICURAZIONE L Appaltatore dovrà stipulare apposita assicurazione con massimale unico minimo di ,00 per la copertura degli eventuali danni arrecati a persone o proprietà mobili ed immobili di terzi, nonché a manufatti in genere ed altri immobili o attrezzature di proprietà comunale, durante l espletamento dei lavori e servizi di cui al presente appalto. 7.5 RESPONSABILITÀ L Appaltatore si obbliga a rilevare il Comune da qualunque azione che possa essergli intentata da terzi per il mancato adempimento degli obblighi contrattuali, per trascuratezza o colpa nell'adempimento dei medesimi, per danneggiamenti di cui al punto precedente. 7.6 PRESENZA DEL FOSSORE Almeno un ora prima del rito funebre, l Appaltatore dovrà garantire la presenza di almeno due persone sul luogo di sepoltura le quali dovranno rimanere a disposizione dell Amministrazione fino al termine delle operazioni di rinterro della fossa, rendendosi disponibili anche per tutte le incombenze che potessero insorgere. 7.7 REGISTRI DI SEPOLTURA L Appaltatore dovrà tenere costantemente aggiornati i registri di sepoltura forniti dal Comune, compilandoli per la parte di sua competenza e impegnandosi a dare tempestiva comunicazione all Ufficio Demografico delle causa per effetto delle quali tale compilazione risulta difficoltosa o impedita. 7.8 SEGNALAZIONI Qualora durante l espletamento del servizio, l Appaltatore dovesse notare un utilizzo errato degli spazi tombali o qualsiasi altra violazione del Regolamento cimiteriale, è obbligato a segnalare tempestivamente l abuso all Amministrazione comunale fornendo gli eventuali estremi per l identificazione dei responsabili. Lo stesso ha inoltre l'obbligo di segnalare immediatamente tutte quelle circostanze e fatti che, rilevati nell'adempimento degli obblighi contrattuali, possono pregiudicare il regolare svolgimento dei servizi, e in particolar modo ogni situazione di potenziale pericolo per l ambiente quali anomale infiltrazioni d acqua, presenza di percolato, ritrovamento di rifiuti abbandonati o non correttamente gestiti ed ogni altro caso di inquinamento reale o potenziale del suolo, delle acque o dell aria. L appaltatore ha altresì l obbligo di segnalare con sufficiente anticipo al Comune, eventuali 6

7 necessità di approvvigionamento della scorta di terra nuova per inumazioni o altro materiale la cui fornitura rimane in carico all Ente appaltante. 7.9 SUBAPPALTO Sotto la pena della risoluzione del contratto è vietato all Appaltatore cedere direttamente o indirettamente i servizi oggetto del presente capitolato, senza la preventiva approvazione scritta dell'amministrazione comunale MAGGIORAZIONI Qualora, durante il corso dell appalto, le superfici cimiteriali dovessero aumentare in seguito a lavori di ampliamento o ristrutturazione, l Appaltatore dovrà assumersi in carico i servizi contemplati nel presente appalto, con le stesse modalità, e l eventuale maggiorazione di spesa per la manutenzione sarà concordata preventivamente fra le parti. ART. 8 ONERI E OBBLIGHI A CARICO DEL COMUNE Sono a carico dell Amministrazione comunale i seguenti adempimenti: 8.1 COMUNICAZIONE DEI DECESSI L Amministrazione comunale, attraverso l Ufficio Demografico, darà comunicazione, al numero telefonico fornito dall Appaltatore (vedi reperibilità) dell avvenuto decesso di una persona almeno 24 (ventiquattro) ore prima del servizio funebre e comunque il più presto possibile. In tale circostanza saranno anche indicati il cimitero dove avrà luogo la sepoltura, nonché tutte le altre informazioni utili e necessarie per l individuazione della tomba. In generale, i funerali non saranno celebrati nei giorni di domenica e negli altri giorni festivi, salvo casi eccezionali che saranno comunque concordati di volta in volta con l Appaltatore. 8.2 PERMESSI DI SEPOLTURA In seguito all avvenuto decesso, l Ufficio Demografico comunale provvederà a consegnare all Appaltatore, copia del permesso di sepoltura. 8.3 SGOMBERO NEVE Il Comune effettuerà con proprio personale e mezzi, o in appalto, lo sgombero della neve lungo il viale principale dei cimiteri con esclusione di quelli che portano ai lati. Solo in casi eccezionali di comprovata necessità, ed a suo insindacabile giudizio, potrà intervenire con lo sgombero della neve su altri viali o zone del cimitero. In questo caso l Appaltatore dovrà collaborare per tutta la durata dell intervento, con propri mezzi e personale senza alcun onere aggiuntivo per l Ente appaltante. 8.4 RIMOZIONE LAPIDI All atto della denuncia di decesso, il Comune farà sottoscrivere apposita accettazione di impegno da parte dei parenti del defunto, per la rimozione della lapide dei cordoli, ecc. in tempi utili per consentire le operazioni di predisposizione dell inumazione. In caso di inottemperanza da parte del privato, il Comune potrà richiedere all Appaltatore, l intervento d ufficio, esonerandolo dal risarcimento di eventuali danni che dovessero essere arrecati alla tomba interessata. In questi casi, l Appaltatore non potrà esonerarsi dall intervenire con personale e mezzi, e il compenso sarà concordato preventivamente con il Servizio 7

8 Tecnico comunale. L esonero di cui sopra, non esime l Appaltatore dall obbligo di risarcimento in caso di danni a altre tombe o manufatti cimiteriali come previsto dai precedenti articoli. ART. 9 OBBLIGHI ED ONERI IN MATERIA DI SICUREZZA ED ANTINFORTUNISTICA Oltre agli oneri contenuti nelle presenti norme, sono a carico dell appaltatore gli obblighi relativi all osservanza di tutte le leggi, decreti e disposizioni riguardanti la mano d opera, attualmente in vigore o che potranno intervenire durante il corso dell appalto, nonché l adozione nell esecuzione dei lavori dei procedimenti e delle cautele necessarie a garantire la vita e l incolumità degli operai, delle persone addette ai lavori stessi e dei terzi, nonché per evitare danni alle proprietà pubbliche e private. L Appaltatore ha l obbligo di garantire che tutte le macchine e le attrezzature utilizzate per lo svolgimento dei lavori siano conformate alle vigenti norme in materia di igiene e sicurezza sul lavoro. L appaltatore dichiara di essere a conoscenza di tutti i disposti delle norme in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, dei rischi specifici del proprio lavoro e di avere sufficientemente edotti i propri dipendenti sulle norme contenute nel documento di valutazione dei rischi redatto dall appaltatore stesso. Ogni responsabilità in caso di infortunio ricadrà, pertanto, sull impresa restandone sollevata l Amministrazione, nonché il personale della stessa preposto alla direzione e sorveglianza ART. 10 MATERIALE IN ESUBERO Il materiale in esubero risultante dopo le operazioni di inumazione, dovrà essere rimosso ed allontanato a cura e spese dell Appaltatore entro 15 giorni dalla data di inumazione medesima, o entro il termine che in casi particolari, sarà indicato dall incaricato del Servizio Tecnico comunale. Il materiale rimosso dovrà essere gestito e smaltito nel rispetto della legislazione vigente, ed è fatto divieto depositarlo e sistemarlo all interno del cimitero. Il Comune si riserva la facoltà di richiedere copia dei formulari di conferimento del rifiuto per verificare il corretto smaltimento. ART. 11 MEZZI DI SERVIZIO - MATERIALI DI CONSUMO Tutta l attrezzatura e gli utensili necessari al regolare svolgimento del servizio, le eventuali macchine per movimento terra, gli autocarri e gli automezzi, dovranno essere forniti dall Appaltatore rimanendo l Amministrazione comunale sollevata da qualsiasi incombenza relativa, diretta o indiretta per il loro utilizzo e per la loro conformità alle vigenti normative sulla sicurezza e igiene sul lavoro. La sopracitata attrezzatura, gli utensili e gli eventuali mezzi utilizzati, non potranno essere lasciati in deposito all interno delle aree cimiteriali né in altri locali o spazi a servizio dei cimiteri, fatte salve eventuali autorizzazioni che saranno emesse in proposito dal Comune su specifica richiesta dell Appaltatore, ma dovranno essere depositati in luoghi di cui l Appaltatore detiene la disponibilità esclusiva. Saranno forniti gratuitamente dal Comune, la terra per il rinterro delle fosse nel nuovo cimitero di Folgaria, e laddove se ne ravvisasse la necessità su altri cimiteri, le sementi, i concimi, le vernici, gli antiparassitari ed eventuali altri prodotti per particolari trattamenti con 8

9 esclusione del diserbante di qualsiasi tipo. Saranno altresì forniti il ghiaino e il sale per i vialetti, il legname o il ferro per la riparazione delle recinzioni, con la sola esclusione dei materiali di consumo quali sabbia, cemento, chiodi, bulloni, carburanti, lubrificanti, ecc. I materiali di cui sopra saranno consegnati all Appaltatore su specifica richiesta dello stesso, direttamente dal Capo Operai o suo sostituto presso il magazzino comunale o altro deposito. Rimane in carico all Appaltatore l onere per il trasporto dal luogo di consegna indicato dall incaricato comunale fino al proprio deposito, e successivo immagazzinamento. ART. 12 CORRISPETTIVO DELL APPALTO 12.1 LAVORI DI INUMAZIONE O TUMULAZIONE Tali servizi sono da considerarsi distinti come di seguito indicato e compensati sulla base dei singoli importi fissati in sede di trattativa: - scavo e rinterro fossa completo - scavo e rinterro fossa completo per ceneri - tumulazione in tomba famiglia - tumulazione in loculo ossario o cinerario - tumulazione in ossario o cinenario comune - esumazione di cadaveri e/o resti umani Il pagamento sarà effettuato su presentazione di regolare fattura entro 90 (novanta) giorni dalla data di registrazione della stessa MANUTENZIONE ORDINARIA Il compenso per la pulizia e manutenzione ordinaria dei cimiteri comunali verrà compensato sulla base dell importo fissato in sede di trattativa. In tale corrispettivo si intende compreso e compensato ogni e qualsiasi onere a carico dell Appaltatore, senza che questi possa pretendere dal Comune nuovi o maggiori compensi fatti salvi quelli previsti per gli eventuali interventi di cui al precedente art. 5. Il corrispettivo di tale servizio verrà corrisposto all Impresa l ultimo giorno di ogni mese nell importo complessivo di 1/12 del canone annuo dianzi stabilito, su presentazione di regolare fattura presentata mensilmente dall Appaltatore. ART. 13 CAUZIONE A garanzia dell esatta e puntuale esecuzione di tutti gli adempimenti derivanti dal presente capitolato, l Impresa dovrà costituire, all atto della stipulazione del contratto di appalto, apposita cauzione a mezzo di polizza fideiussoria o deposito a risparmio vincolato, per un importo pari al 10% (dieci per cento) del canone annuo iniziale. 9

10 ART. 14 SPESE INERENTI ALL APPALTO E CONTRATTO Tutte le spese inerenti al presente appalto e conseguenti, nessuna esclusa, nonché tutti i contributi, spese e quant altro inerente o pertinente al contratto, le imposte e sovrimposte e le altre tasse relative, sono a carico dell Impresa. ART. 15 PAGAMENTO DEL CANONE Il canone annuo per la manutenzione ordinaria, sarà versato alla Ditta appaltatrice in rate mensili posticipate. ART. 16 ORDINI DI SERVIZIO Verificandosi deficienze o abusi nell adempimento degli obblighi contrattuali il Sindaco avrà la facoltà di ordinare e far eseguire d ufficio, in danno alla Ditta appaltatrice, i lavori necessari per il regolare andamento del servizio qualora la predetta Ditta, appositamente diffidata, non ottemperi alle disposizioni dell'amministrazione nei termini assegnati. Le deficienze e gli abusi di cui sopra saranno contestati alla Ditta, che sarà sentita in contraddittorio con gli Organi del Comune che hanno effettuato i rilievi del caso. Il congruo termine da assegnare alla Ditta a norma del primo comma del presente articolo verrà stabilito dall Amministrazione comunale tenuto conto della natura e della mole di lavori da eseguire. ART. 17 PENALITA In caso di inosservanza di qualsiasi norma e disposizione contenuta nel presente capitolato, potrà essere applicata da parte dell Ente appaltante, una penale di 500,00 per ogni infrazione rilevata da parte del Capo Operai o da un incaricato del Servizio Tecnico Comunale. L infrazione, una volta accertata dal personale di cui sopra, sarà comunicata per iscritto alla Ditta appaltatrice e il relativo importo di penale sarà detratto dal canone di appalto annuale. Le controdeduzioni alle contestazioni dovranno pervenire entro e non oltre 5 (cinque) giorni lavorativi, intendendosi le stesse, in caso contrario accettate. ART. 18 REVOCA DELL APPALTO Nel caso che le inadempienze di cui all'art. 16 siano per numero, frequenza e gravità tali da ritenere impossibile la prosecuzione del contratto, o comunque quando l ammontare complessivo delle penali applicate raggiunge l importo pari al 10% (dieci per cento) del canone annuo contrattuale, l Amministrazione comunale potrà deliberare la revoca dell'appalto provvedendo direttamente alla continuazione del servizio mediante proprio personale e mezzi o in appalto temporaneo ad altra Ditta, dopo aver redatto apposito 10

11 verbale di consistenza. Nel caso di revoca per i motivi di cui sopra, l Amministrazione comunale si riserva la facoltà di escutere la garanzia fideiussoria nonché di chiedere all appaltatore il risarcimento del danno derivante dall interruzione del servizio e dagli oneri conseguenti. Ogni comunicazione del Comune attinente a quanto costituisce oggetto del presente articolo, sarà notificata alla Ditta appaltatrice. ART. 19 CONTROVERSIE Le controversie che dovessero insorgere nell esecuzione e interpretazione delle norme poste a disciplina dell affidamento del servizio in oggetto, saranno definite dall Autorità giudiziaria competente. ART. 20 ADEGUAMENTO NORMATIVO Eventuali disposizioni normative applicabili al servizio oggetto del presente Capitolato Speciale verranno immediatamente recepite e rese operative nella gestione del rapporto contrattuale con il soggetto affidatario. ART. 21 CLAUSOLE AGGIUNTIVE In relazione alla registrazione del sistema di gestione ambientale del Comune di Folgaria secondo il regolamento CE 1221/2009 (EMAS III), la ditta appaltatrice dovrà: - assicurare la corretta gestione dei rifiuti ed il loro smaltimento secondo la normativa; - tenere corretta registrazione di dette operazioni delle quali l Amministrazione si riserva la verifica; - comunicare tempestivamente all Amministrazione Comunale potenziali situazioni di rischio ambientale, verificate durante l espletamento dell appalto. 11

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E LA MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE biennio 2013-3014 Oggetto del presente capitolato sono le modalità di gestione e le condizioni

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Provincia di Milano CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO I servizi che il Comune affida alla Appaltatrice da

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA (IM)

COMUNE DI BORDIGHERA (IM) Allegato n. 5 alla determinazione dirigenziale n. 173 R.G. del 23/03/2015 COMUNE DI BORDIGHERA (IM) APPALTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO E LOCALIZZAZIONE DELL APPALTO L appalto

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari Città di Portogruaro Provincia di Venezia Area Tecnica Settore Manutenzioni Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014 Elenco offerta prezzi unitari Data 3.11.2010 Il Responsabile del Procedimento

Dettagli

Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow.

Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow. Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow.it AREA TECNICA - IV Settore Capitolato Speciale di Appalto SERVIZI

Dettagli

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 COMUNE DI PRAIANO Provincia di Salerno CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 CAPITOLATO D ONERI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO La ditta aggiudicataria dei servizi di seppellimento, di custodia

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV)

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) ARTICOLO 1 (Oggetto dell appalto) L'appalto ha per oggetto l esecuzione di tutte le prestazioni, le opere e le provviste occorrenti

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI TRECATE PER PERIODO 2015-2018.

CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI TRECATE PER PERIODO 2015-2018. CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI TRECATE PER PERIODO 2015-2018. Art.1 Oggetto dell incarico L incarico ha per oggetto il servizio di assistenza per la gestione

Dettagli

DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO D'ONERI CAPITOLATO D ONERI per L AFFIDAMENTO DELL INCARICO del SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO per l'istituto BATTISTI di COGLIATE per la DURATA di ANNI UNO ART. 1 - OGGETTO L appalto ha

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel. 0831-955400 Fax 0831-955429 Allegato determina n.101 /SS-2015 CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO

Dettagli

C O M U N E di S U R B O

C O M U N E di S U R B O C O M U N E di S U R B O (Provincia di Lecce) Prot. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI SURBO PER IL BIENNIO 2007-2009 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI 1. PROFILO DEL SERVIZIO LINEE DI GESTIONE Il progetto mette in luce la necessità, da parte dell ente titolare del servizio, cioè il

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO Approvato con deliberazione C.C. n 5 del 17/03/2014 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Provincia Regionale di Catania Ufficio Provveditorato-Economato (codice fiscale 00397470873) SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ART.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

C O M U N E D I C O P E R T I N O P r o v i n c i a d i L e c c e AREA AFFARI GENERALI E FINANZIARI

C O M U N E D I C O P E R T I N O P r o v i n c i a d i L e c c e AREA AFFARI GENERALI E FINANZIARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI ED ALTRI SERVIZI AD ESSO CONNESSI PER UN PERIODO DI MESI DODICI (12) CAPO I CAPITOLATO DESCRITTIVO - PRESTAZIONALE ART.

Dettagli

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE

SUPERFICIE CONVENZIONALE IN METRI QUADRI DA PULIRE CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA STRAORDINARIO DELL EDIFICIO ADIBITO A NUOVA SEDE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA DI TRENTO, UBICATO IN VIA S.G. BOSCO SCUOLE EX CRISPI Art. 1 Oggetto

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

COMUNE DI CORVINO SAN QUIRICO

COMUNE DI CORVINO SAN QUIRICO COMUNE DI CORVINO SAN QUIRICO Provincia di Pavia SERVIZIO TERRITORIO E AMBIENTE BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA APPALTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI ATTINENTI ALLE SALME NEL CIMITERO COMUNALE ANNI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SURBO Provincia di Lecce CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI 1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI

Dettagli

Comune di CIGLIANO Provincia di VERCELLI

Comune di CIGLIANO Provincia di VERCELLI Comune di CIGLIANO Provincia di VERCELLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE OPERAZIONI CIMITERIALI NEL CIMITERO COMUNALE DI CIGLIANO PER GLI ANNI 2015/2016/2017 Art. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI POTENZA U.D. AMBIENTE ENERGIA PARCHI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO OGGETTO: ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI POTENZA. SPECIFICA INTERVENTI: apertura fosse,

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI 1 - Oggetto della concessione La concessione ha per oggetto l affidamento da parte del Comune di Altopascio della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO Prot. n. 17.613 AVVISO DI PRESELEZIONE OPERATORI ECONOMICI PER INVITO ALLA PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI ( art. 57 del D. Lgs. 12.04.2006

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A.

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A. C I V I T A S T E M P L I COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A. 00253250906 SERVIZIO DI SEPPELLIMENTO, MANUTENZIONE

Dettagli

Provincia di Firenze. Premesso che:

Provincia di Firenze. Premesso che: Oggetto: Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012.

Dettagli

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Soazza REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Soazza Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Legge comunale sulla costruzione di abitazioni a scopo sociale Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Allegato 1 all avviso di indagine di mercato CAPITOLATO D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la fornitura dei seguenti servizi per gli anni 2007/2009: - manovalanza operai - prestazione

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE INDICE AMMINISTRAZIONE... 5 Art. 1 Amministrazione e sorveglianza... 5 CAPITOLO I SEPOLTURE E INUMAZIONI... 5 Art 2. Norme Tecniche... 5 Art. 3. Autorizzazione... 5 Art.

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE UBICATA NELLA CITTADELLA SPORTIVA DEI MONTI ROSSI

SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE UBICATA NELLA CITTADELLA SPORTIVA DEI MONTI ROSSI SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE UBICATA NELLA CITTADELLA SPORTIVA DEI MONTI ROSSI Art. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune di Nicolosi,

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera consiliare n.19 del 10.3.92 - Modificato con delibere consiliari nn.44 del 28.6.93, 77 del

Dettagli

C I T T Á D I C A V E

C I T T Á D I C A V E C I T T Á D I C A V E PROVINCIA DI ROMA I DIPARTIMENTO SERVIZIO CIMITERIALE COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE timbro e firma 1 Capitolato Speciale

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI. Fornitura professionale di manodopera a termine OGGETTO. Area 02 Organizzazione e sviluppo COMMITTENTE/CONTRAENTE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI OGGETTO Fornitura professionale di manodopera a termine COMMITTENTE/CONTRAENTE RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Area 02 Organizzazione e sviluppo Dott.ssa Marte Guglielmi DEFINIZIONI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

CASALVECCHIO DI PUGLIA

CASALVECCHIO DI PUGLIA COMUNE DI CASALVECCHIO DI PUGLIA PROVINCIA DI FOGGIA ************************ CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER SERVIZI CIMITERO COMUNALE ************************ Importo. 16.000,00 annui. ************************

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G. SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G. 5356508A3A L anno.., il giorno. del mese di.., TRA il Comune di Mogliano Veneto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...

Dettagli

CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E MANUTENZIONE VERDE CIMITERI COMUNALI

CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E MANUTENZIONE VERDE CIMITERI COMUNALI CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E MANUTENZIONE VERDE CIMITERI COMUNALI CAPO PRIMO OGGETTO DELL APPALTO Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto

Dettagli

C O M U N E D I G A G L I A T O

C O M U N E D I G A G L I A T O C O M U N E D I G A G L I A T O 8 8 0 6 0 ( P R O V I N C I A D I C A T A N Z A R O ) Via Regina Margherita 0967/97049 0967/97291 CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI DECESPUGLIAMENTO STRADE E VIE CENTRO

Dettagli

Documentazione di gara

Documentazione di gara Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 OGGETTO ALLESTIMENTO DEGLI SPAZI ESPOSITIVI ALL INTERNO DEL PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO E RECUPERO DELL AREA DELLA ROCCA CON

Dettagli

CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DELL APPALTO PER

CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DELL APPALTO PER COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di VARESE CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DELL APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE COMUNALE PER IL PERIODO 01/04/2014 31/03/2017 1 SOMMARIO CAPO I art.1 Oggetto

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL INCARICO

ART. 1 OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DAL 01/06/2015 AL 31/05/2019 CIG.ZC613BE677 1 ART. 1 OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto lo svolgimento del Servizio di Brokeraggio

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI (Approvazione originaria Deliberazione del Consiglio Comunale n 76 del 30/05/2000) (Testo coordinato con le modifiche approvate

Dettagli

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra:

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra: BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO Tra: l Agenzia per la Mobilità metropolitana, C.F.: 97639830013 in persona del direttore generale, nato a, il C.F., nella sua qualità di, a quanto infra

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

ART. 3 (PREZZI A BASE DI GARA) I prezzi a base di gara, con riferimento ai quale i concorrenti dovranno presentare l offerta sono i seguenti:

ART. 3 (PREZZI A BASE DI GARA) I prezzi a base di gara, con riferimento ai quale i concorrenti dovranno presentare l offerta sono i seguenti: FOGLIO CONDIZIONI PER I SERVIZI DI RECUPERO E TRASPORTO SALME ED I SERVIZI FUNEBRI PER PERSONE INDIGENTI E BISOGNOSE PERIODO 01.11.2010 30.09.2013 CON POSSIBILITA DI RINNOVO PER ANALOGO PERIODO. ART. 1

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 55030669B7

CAPITOLATO SPECIALE CIG 55030669B7 All. B CAPITOLATO SPECIALE Oggetto: Fornitura di carburante per autotrazione per i mezzi di proprietà del Comune di Gubbio mediante utilizzo di carta magnetica fuel card CIG 55030669B7 ART 1 - OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DEL PALAZZETTO DELLO SPORT PACETTI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha come oggetto l affidamento in gestione del palazzetto dello sport

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978. COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede legale in Gemona del Friuli, piazza ALLEGATO A COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE INDICE CRONOLOGICO SCRITTURE PRIVATE N. CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILIARE AI SENSI DELLA L.392/1978 TRA: COMUNE DI GEMONA DEL FRIULI con sede

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

CONDIZIONI SERVIZIO CIMITERIALE, CUSTODIA E MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE

CONDIZIONI SERVIZIO CIMITERIALE, CUSTODIA E MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE Città di Conselve PROVINCIA DI PADOVA Piazza XX Settembre, 32 35026 CONSELVE (PD) tel. 049/959.65.11 ~ fax 049/950.01.29 www.comune.conselve.it PEC: affari.generali@pec.comune.conselve.pd.it Settore Servizi

Dettagli

ART. 1 -OGGETTO DELL APPALTO

ART. 1 -OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI DI NECROFORIA, CUSTODIA, VIGILANZA, MANUTENZIONE E PULIZIA PRESSO IL CIMITERO DI PARABITA ART. 1 -OGGETTO DELL APPALTO L appalto

Dettagli

SCHEMA di CONTRATTO per l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABÀ.

SCHEMA di CONTRATTO per l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABÀ. SCHEMA di CONTRATTO per l AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABÀ. L anno ( ) il giorno ( ) del mese di ( ) Premesso che l Azienda Pubblica per i Servizi

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO DEI CIMITERI

COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO DEI CIMITERI COMUNE DI ALTO MALCANTONE REGOLAMENTO DEI CIMITERI del 0 ottobre 009 INDICE TITOLO I Disposizioni generali Art. Scopo, proprietà, ubicazioni Art. Autorità competente Art. Competenza Art. 4 Registro delle

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI TRASLOCO DALL ATTUALE SEDE AIFA IN ROMA - VIA DELLA SIERRA NEVADA N. 60 ALLA NUOVA SEDE IN ROMA - VIA DEL TRITONE N. 181 NONCHÉ PER IL SERVIZIO DI STOCCAGGIO E CUSTODIA DEGLI

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 41 in data: 02.10.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDAMENTO A DITTA SPECIALIZZATA DEL SERVIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

ASP Città di Bologna CAPITOLATO D APPALTO DELL ASP CITTA DI BOLOGNA INDICE. Prestazioni oggetto del servizio. Remunerazione dell incarico

ASP Città di Bologna CAPITOLATO D APPALTO DELL ASP CITTA DI BOLOGNA INDICE. Prestazioni oggetto del servizio. Remunerazione dell incarico ASP Città di Bologna Sede Legale: Via Marsala 7-40126 Bologna Sede Amministrativa: Viale Roma n. 21 40139 Bologna tel 051 6201311 fax 051 6201313 c.f. e p.iva 03337111201 CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE PESARO CAPITOLATO SPECIALE PER L ACQUISIZIONE DI ATTREZZATURE SANITARIE VARIE Art.1 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato Speciale ha come oggetto la

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. 81/2008 ART. 1. OGGETTO DEL SERVIZIO L incarico comporta lo svolgimento di

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA Allegato D SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DELLE SALE RIUNIONE E DI AREE RISERVATE ALL ACCOGLIENZA DELLA NUOVA SEDE DELL AIFA CIG 0456191CB5 Agenzia Italiana del Farmaco 1 Agenzia

Dettagli

C o m u n e d i L u v i n a t e

C o m u n e d i L u v i n a t e C o m u n e d i L u v i n a t e PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di rimozione della neve e di spargimento di

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO DI LUPARI Provincia di Padova

COMUNE DI SAN MARTINO DI LUPARI Provincia di Padova COMUNE DI SAN MARTINO DI LUPARI Provincia di Padova Largo Europa n. 5 35018 San Martino di Lupari (PD) - tel. 049/9460408 - fax 049 9461066 - C.F. 81000530287 - P.IVA 00647630284 SERVIZI CIMITERIALI E

Dettagli

(Provincia di Reggio Calabria)

(Provincia di Reggio Calabria) CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 1 Oggetto dell appalto Costituisce oggetto del presente appalto l affidamento dell affissione di manifesti, avvisi e fotografie, di

Dettagli

Regolamento comunale dei cimiteri

Regolamento comunale dei cimiteri Regolamento comunale 1 TITOLO I AMMINISTRAZIONE Art. 1 Amministrazione I cimiteri di Aurigeno, Coglio, Giumaglio, Lodano, Maggia, Moghegno e Someo sono amministrati dal Municipio, riservate le competenze

Dettagli

Art. 1 - Oggetto dell appalto. Art. 2 - Durata dell appalto

Art. 1 - Oggetto dell appalto. Art. 2 - Durata dell appalto ALLEGATO SUB A) COMUNE DI TRIESTE Area Risorse Economiche e Finanziarie ed Economato-Provveditorato Gestione Appalti e Servizi prot. 15-38/4-06 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per l esecuzione del servizio

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola L anno, nel giorno ( ) del mese di, presso la sede del Comune di Capannori (LU), con il presente atto da valere ad ogni effetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI LADISPOLI E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B, Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91, PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI LADISPOLI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per la fornitura di gasolio per autotrazione presso la sede operativa di C.L.I.R. S.p.A. in Via della STAZIONE,snc 27020- Parona Lomellina (PV). 1) OGGETTO DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI

CITTA' DI CASTROVILLARI CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI EDICOLE PRIVATE NEL CIMITERO DI CASTROVILLARI. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.8 del 23 Marzo 2007

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI VIA.. FRAZIONE : ANNI..

CONVENZIONE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI VIA.. FRAZIONE : ANNI.. ALLEGATO A1 CONVENZIONE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE DI VIA.. FRAZIONE : ANNI.. Art. 1 Oggetto e durata della convenzione Con la presente convenzione, il Comune di Paderno

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012

Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 Allegato A alla delibera del c.c. n. 56 del 29/11/2012 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 3 DURATA DELLE CONCESSIONI Art. 4 MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE Art. 5 DIRITTO

Dettagli

CAPITOLATO ART. 1 ENTE APPALTANTE. Comune di Castrolibero, via XX Settembre snc, 87040 Castrolibero (CS). ART. 2 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO ART. 1 ENTE APPALTANTE. Comune di Castrolibero, via XX Settembre snc, 87040 Castrolibero (CS). ART. 2 OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO ART. 1 ENTE APPALTANTE Comune di Castrolibero, via XX Settembre snc, 87040 Castrolibero (CS). ART. 2 OGGETTO DELL APPALTO Il Comune di Castrolibero intende affidare il servizio di manutenzione

Dettagli

CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA COMUNE DI PESCASSEROLI & COMUNE DI BARREA

CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA COMUNE DI PESCASSEROLI & COMUNE DI BARREA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA COMUNE DI PESCASSEROLI & COMUNE DI BARREA REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA C.A.P. 67032 Cod. Fisc. 00142680669 Tel. 0863.911421/911422 Fax. 0863.911440 e-mail ufficiotecnico@comune.pescasseroli.aq.it

Dettagli

Capitolo I. Definizione - gestione

Capitolo I. Definizione - gestione Capitolo I Definizione - gestione Art. 1 Definizione Il cimitero del Comune di Riva San Vitale sorge sul mappale 1766 RFD di proprietà comunale. E luogo destinato ad ospitare salme, ceneri o resti di salme

Dettagli