COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento"

Transcript

1 COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento CAPITOLATO PER L APPALTO DEI SERVIZI DI SCAVO FOSSE, PULIZIA E MANUTENZIONE DEI CIMITERI COMUNALI PER IL PERIODO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 331 dd Il Funzionario responsabile - ing. Paola Miorandi - 1

2 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio di scavo fosse, inumazione delle salme, rinterro, tumulazione in loculil e ossari, nonché il servizio di pulizia e manutenzione nei cimiteri del Comune siti nel Capoluogo (ad esclusione del cimitero militare) e nelle frazioni di Guardia, Mezzomonte, Serrada, San Sebastiano, Carbonare e Nosellari. ART. 2 INIZIO DEL SERVIZIO E DURATA DELL APPALTO L appalto avrà la durata di anni 3 (tre) decorrenti dal al ed è esclusa la possibilità di tacito rinnovo. L Appaltatore dovrà iniziare il servizio il giorno seguente al ricevimento della deliberazione di aggiudicazione dell Appalto da parte del Comune. Nel caso l Amministrazione comunale non invii disdetta almeno 6 (sei) mesi prima della scadenza del contratto, l Impresa sarà obbligata a proseguire il servizio per altro 1 (uno) anno alle condizioni e modalità del presente capitolato. Il contratto potrà essere rescisso senza alcun preavviso per morte o invalidità permanente del titolare della Ditta appaltatrice o con quattro mesi di preavviso da parte dell Amministrazione in caso di diversa organizzazione dei servizi comunali oggetto dell'appalto. L aggiudicazione dell appalto è comunque subordinata ad un periodo di prova di 12 mesi coincidenti con il primo anno di servizio. Terminato tale periodo con esito favorevole, l appalto è confermato, mentre se l esito risulta negativo, l Amministrazione comunale non soddisfatta del servizio, potrà rescindere unilateralmente il contratto senza che l appaltatore possa trarne motivo di ulteriori compensi o risarcimenti. La conferma o la risoluzione indicate nel comma precedente sono disposte nei trenta giorni precedenti il periodo di prova, con provvedimento della Giunta comunale. L appalto si intende comunque confermato qualora sia decorso il termine di trenta giorni indicato in precedenza senza che nessun provvedimento sia stato adottato. Il contratto può altresì essere rescisso come specificato al successivo art. 18. ART. 3 IL SERVIZIO COMPRENDE Il servizio che dovrà essere espletato nel rispetto del Regolamento di Polizia mortuaria, comprende: a) scavo e rinterro delle fosse per inumazione di salme, da eseguire a mano o con l ausilio di mezzi meccanici ove possibile; b) recupero di resti umani e loro deposito in ossario privato o comune; c) esumazione di cadaveri e/o resti umani e loro sistemazione in altrettante fosse, loculi o ossario comune; d) apertura di loculi ossario e successiva muratura degli stessi; e) tumulazione di ceneri in loculi o in terra, compresa successiva muratura o rinterro; f) sgombero neve all interno del cimitero al fine di consentire il regolare svolgimento dei funerali e delle sepolture; g) pulizia e manutenzione dei cimiteri; 2

3 h) sostituzione dell eventuale materiale sassoso con materiale idoneo fornito dall Amministrazione comunale, compreso l allontanamento e smaltimento del materiale di risulta nel rispetto della legislazione vigente; i) rinterro delle nuove fosse nell ala nuova del cimitero di Folgaria, con materiale che sarà fornito dal Comune, e che sarà depositato in luogo da concordarsi con l Appaltatore nelle immediate vicinanze del cimitero. Questo adempimento dovrà essere espletato in caso di necessità, e su richiesta dell Ente appaltante, anche su altri cimiteri oggetto del presente appalto. In questi casi, l Appaltatore dovrà effettuare di volta in volta a sua totale cura e spese, il trasporto del materiale dal luogo di deposito fino al cimitero interessato. j) rimozione, entro 10 giorni dalla data di celebrazione del rito funebre, delle ghirlande e dei fiori utilizzati durante il rito funebre, qualora risultino appassiti e/o secchi, e pulizia della zona interessata dall inumazione; k) rimozione di lapidi, cordoli ecc. quando richiesto esplicitamente dal Comune, come riportato al successivo art. 8; In particolare, il servizio dovrà essere svolto in modo decoroso ed ordinato, la terra di scavo dovrà essere raccolta in apposito cassone di adeguata capacità messo a disposizione dall Appaltatore e dislocato di volta in volta in prossimità della fossa da realizzare. Solamente l incaricato comunale potrà derogare alla mancata dislocazione del suddetto cassone in caso di comprovata impossibilità al suo dislocamento. Durante tutto il rito della sepoltura, l Appaltatore dovrà inoltre garantire sul posto la presenza di un idoneo contenitore (coppa o similare) a disposizione dei partecipanti, atto al contenimento di sabbia per l estremo saluto. Tutte le operazioni inerenti i servizi oggetto del presente appalto, dovranno essere condotte in conformità al vigente Regolamento di polizia mortuaria che qui si intende interamente richiamato e che l impresa, sottoscrivendo il contratto, dichiara di ben conoscere ed accettare, e nel rispetto delle vigenti normative in materia. ART. 4 PULIZIA E MANUTENZIONE ORDINARIA Oltre a quanto previsto nel precedente articolo, l appalto comprende anche la pulizia e manutenzione ordinaria dei cimiteri del Comune siti a Folgaria e nelle frazioni di Guardia, Mezzomonte, Serrada, San Sebastiano, Carbonare e Nosellari. La pulizia e la manutenzione, da effettuarsi durante tutto l arco dell anno, dovrà essere estesa a tutti i percorsi principali e ai vialetti di accesso alle singole tombe unitamente alle parti cimiteriali non ancora utilizzate, nonché alle tombe abbandonate, e dovranno comprendere: pulizia delle superfici, che dovrà essere eseguita con frequenza tale da lasciare le stesse sempre in stato decoroso, compreso lo sfalcio dell erba nelle zone a verde da effettuarsi ogni qualvolta l altezza della stessa raggiunga i 10 cm (dieci centimetri) o su richiesta dell incaricato comunale qualora si ravvisasse la necessità. E da intendersi compresa pure l estirpazione di erbe e piante infestanti di qualsiasi natura, e di eventuali radici. Per l esecuzione dei predetti interventi, è peraltro vietato l utilizzo di diserbanti e veleni di qualsiasi tipo e categoria. stendimento e livellamento di ghiaino sui vialetti, in qualsiasi quantità ove ritenuto necessario dall incaricato comunale; 3

4 rimozione ed allontanamento di rifiuti vegetali e cimiteriali presenti all interno dei cimiteri, compresa la rimozione di materiali inerti fino alla cubatura massima di mc 1,00 eventualmente presenti quali prodotti di risulta da operazioni di pulizia, riassetto e sistemazione di tombe; manutenzione da effettuarsi su recinzioni, cestini, contenitori, o altro arredo cimiteriale, e comprende le riparazioni, i consolidamenti e le verniciature, necessari; potatura delle siepi e delle piante a medio e alto fusto anche se ubicate esternamente nelle immediate vicinanze del cimitero pulizia delle lapidi e di altri manufatti ed arredi cimiteriali, che in seguito ai lavori di pulizia e manutenzione di cui ai precedenti punti, dovessero essere sporcati; Il materiale di rifiuto, ivi compreso quello derivante dalle operazioni di pulizia a seguito di ogni rito funebre di cui al precedente articolo, e quello derivante dalle operazioni di manutenzione straordinaria di cui al successivo, dovrà essere gestito e smaltito nel rispetto della legislazione vigente. Il Comune si riserva la facoltà di richiedere copia dei formulari di conferimento del rifiuto per verificare il corretto smaltimento. E fatto peraltro divieto assoluto di accendere fuochi all interno e all esterno dei cimiteri con lo scopo di distruggere i rifiuti. Le operazioni di pulizia e manutenzione ordinaria dovranno essere effettuate principalmente entro queste scadenze annuali, fermo restando l impegno in carico all Appaltatore del decoro cimiteriale durante tutto l arco dell anno dal 15 maggio al 30 Maggio dal 1 luglio al 15 luglio dal 1 agosto al 15 agosto dal 15 ottobre al 31 ottobre Eventuali variazioni ai periodi o agli orari di svolgimento delle singole operazioni verranno di volta in volta concordati tra le parti contraenti in relazione alle esigenze dell Amministrazione o alle condizioni climatiche stagionali. Per quanto riguarda le pulizie dei cimiteri, si precisa che l Appaltatore su richiesta del Comune, dovrà rendersi disponibile ad effettuare ulteriori giornate di pulizia oltre a quelle da effettuarsi nei periodi prestabiliti. Per tali prestazioni avrà diritto al compenso orario che la medesima presenterà all atto della presentazione dell offerta. A tal proposito si rammenta che entro le 24 ore dall intervento, dovrà essere presentato resoconto particolareggiato delle ore impiegate per il servizio reso in economia. A soli fini statistici, alla scadenza di ogni anno, l Appaltatore presenterà all Amministrazione comunale un dettagliato rendiconto degli interventi di manutenzione ordinaria per ciascun cimitero con allegato il prospetto delle ore di servizio del personale incaricato. ART. 5 MANUTENZIONE STRAORDINARIA L Amministrazione comunale si riserva la facoltà di richiedere all Appaltatore la disponibilità di manodopera, mezzi e materiali che in casi eccezionali, o ricorrenze speciali, si rendessero necessari per l'espletamento di servizi o lavori non contemplati nel presente capitolato. In questi casi, l Appaltatore dovrà fornire quanto richiesto dall Ente 4

5 appaltante, dietro compenso che sarà stabilito di volta in volta fra le parti sulla base dell elenco prezzi provinciale in vigore al momento della loro esecuzione, e liquidati su presentazione di regolare fattura. ART. 6 SGOMBERO NEVE In caso di sepoltura, o altro adempimento contrattuale previsto al precedente art. 3 da eseguire in presenza di neve, rimane a totale onere e cura dell Appaltatore lo sgombero della neve sui vialetti del cimitero che portano alla tomba interessata, per tutta la loro larghezza, partendo dal viale d entrata principale del cimitero medesimo. La rimozione della neve dovrà essere effettuata inoltre attorno alla tomba interessata per consentire la presenza di persone durante il rito della sepoltura. E fatto divieto accumulare la neve sulle lapidi lungo il percorso, e nella zona circostante la tomba interessata per evitare danneggiamenti. Per questo motivo, l Appaltatore dovrà prestare particolare cura e attenzione in modo da non arrecare danno alle lapidi circostanti. Lo stesso dovrà inoltre provvedere a spargere la ghiaia o sale sui percorsi precedentemente sgomberati dalla neve, in modo tale da rendere sicuro il transito delle persone che presenziano alla sepoltura. ART. 7 ONERI E OBBLIGHI A CARICO DELL APPALTATORE Per l esatto adempimento delle norme contrattuali, l Appaltatore si impegna e si obbliga a soddisfare i seguenti oneri: 7.1 PERSONALE Il personale messo a disposizione per l espletamento dei servizi oggetto del presente capitolato dovrà essere serio, qualificato e responsabile, in modo da garantire autonomamente il regolare svolgimento del servizio. L appaltatore indicherà un proprio responsabile incaricato di sovrintendere l espletamento dei servizi e tenere i rapporti con il Comune; In caso di malattia del personale, l Appaltatore provvederà alla sua sostituzione con altro idoneo, in tempi utili per il regolare e completo svolgimento dei servizi in appalto. Gli oneri per la previdenza sociale, l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, ecc., relativi al personale impiegato per il Servizio, saranno a totale carico dell Impresa, sollevando il Comune da ogni e qualsiasi responsabilità in merito. Il personale impiegato nell espletamento dell appalto dovrà essere munito di tutto il vestiario e dei Dispositivi di Protezione Individuale previsti dalla normativa per la sicurezza e igiene sui posti di lavoro, dovrà essere adeguatamente istruito sulle lavorazioni da effettuare, sottoposto alla sorveglianza sanitaria necessaria, ed essere in regola con tutte le norme sulla sicurezza ed igiene sul lavoro; 7.2 REPERIBILITA La reperibilità per il servizio di scavo fosse, dovrà essere garantita 24 ore su 24, per l intera durata del contratto. L Appaltatore dovrà fornire a tal proposito, all Amministrazione comunale, i numeri telefonici che consentiranno la reperibilità del personale fossore. Dovrà inoltre essere dotato di un fax, di una segreteria telefonica e di una casella di posta 5

6 certificata al quale far pervenire eventuali messaggi da parte del personale del Comune incaricato dei rapporti con l Appaltatore. Tali dispositivi dovranno essere sempre mantenuti in perfetta efficienza e funzionamento in modo da non compromettere il servizio stesso. 7.3 DANNI ALLE TOMBE PRIVATE In caso di comprovata responsabilità per danni a cose o persone prodotte dal personale dell Appaltatore per lo svolgimento del Servizio, l Appaltatore medesimo garantirà con appropriata assicurazione R.C.T., la completa copertura del danno provocato, sollevando il Comune da qualsiasi corresponsabilità. Qualora lo scavo fossa venga eseguito nelle vicinanze di tombe esistenti, o tra queste, prima di procedere con i lavori di scavo, dovrà essere avvisato il Comune il quale potrà accertare attraverso un proprio incaricato, le condizioni delle lapidi vicine al luogo dell inumazione. Questo al fine di evitare l insorgenza di eventuali future contestazioni per danneggiamenti riconducibili all operato dei fossori. La mancata ottemperanza di questa disposizione comporterà l inevitabile assunzione in carico di eventuali colpe da parte dell Appaltatore in caso di danneggiamenti. 7.4 ASSICURAZIONE L Appaltatore dovrà stipulare apposita assicurazione con massimale unico minimo di ,00 per la copertura degli eventuali danni arrecati a persone o proprietà mobili ed immobili di terzi, nonché a manufatti in genere ed altri immobili o attrezzature di proprietà comunale, durante l espletamento dei lavori e servizi di cui al presente appalto. 7.5 RESPONSABILITÀ L Appaltatore si obbliga a rilevare il Comune da qualunque azione che possa essergli intentata da terzi per il mancato adempimento degli obblighi contrattuali, per trascuratezza o colpa nell'adempimento dei medesimi, per danneggiamenti di cui al punto precedente. 7.6 PRESENZA DEL FOSSORE Almeno un ora prima del rito funebre, l Appaltatore dovrà garantire la presenza di almeno due persone sul luogo di sepoltura le quali dovranno rimanere a disposizione dell Amministrazione fino al termine delle operazioni di rinterro della fossa, rendendosi disponibili anche per tutte le incombenze che potessero insorgere. 7.7 REGISTRI DI SEPOLTURA L Appaltatore dovrà tenere costantemente aggiornati i registri di sepoltura forniti dal Comune, compilandoli per la parte di sua competenza e impegnandosi a dare tempestiva comunicazione all Ufficio Demografico delle causa per effetto delle quali tale compilazione risulta difficoltosa o impedita. 7.8 SEGNALAZIONI Qualora durante l espletamento del servizio, l Appaltatore dovesse notare un utilizzo errato degli spazi tombali o qualsiasi altra violazione del Regolamento cimiteriale, è obbligato a segnalare tempestivamente l abuso all Amministrazione comunale fornendo gli eventuali estremi per l identificazione dei responsabili. Lo stesso ha inoltre l'obbligo di segnalare immediatamente tutte quelle circostanze e fatti che, rilevati nell'adempimento degli obblighi contrattuali, possono pregiudicare il regolare svolgimento dei servizi, e in particolar modo ogni situazione di potenziale pericolo per l ambiente quali anomale infiltrazioni d acqua, presenza di percolato, ritrovamento di rifiuti abbandonati o non correttamente gestiti ed ogni altro caso di inquinamento reale o potenziale del suolo, delle acque o dell aria. L appaltatore ha altresì l obbligo di segnalare con sufficiente anticipo al Comune, eventuali 6

7 necessità di approvvigionamento della scorta di terra nuova per inumazioni o altro materiale la cui fornitura rimane in carico all Ente appaltante. 7.9 SUBAPPALTO Sotto la pena della risoluzione del contratto è vietato all Appaltatore cedere direttamente o indirettamente i servizi oggetto del presente capitolato, senza la preventiva approvazione scritta dell'amministrazione comunale MAGGIORAZIONI Qualora, durante il corso dell appalto, le superfici cimiteriali dovessero aumentare in seguito a lavori di ampliamento o ristrutturazione, l Appaltatore dovrà assumersi in carico i servizi contemplati nel presente appalto, con le stesse modalità, e l eventuale maggiorazione di spesa per la manutenzione sarà concordata preventivamente fra le parti. ART. 8 ONERI E OBBLIGHI A CARICO DEL COMUNE Sono a carico dell Amministrazione comunale i seguenti adempimenti: 8.1 COMUNICAZIONE DEI DECESSI L Amministrazione comunale, attraverso l Ufficio Demografico, darà comunicazione, al numero telefonico fornito dall Appaltatore (vedi reperibilità) dell avvenuto decesso di una persona almeno 24 (ventiquattro) ore prima del servizio funebre e comunque il più presto possibile. In tale circostanza saranno anche indicati il cimitero dove avrà luogo la sepoltura, nonché tutte le altre informazioni utili e necessarie per l individuazione della tomba. In generale, i funerali non saranno celebrati nei giorni di domenica e negli altri giorni festivi, salvo casi eccezionali che saranno comunque concordati di volta in volta con l Appaltatore. 8.2 PERMESSI DI SEPOLTURA In seguito all avvenuto decesso, l Ufficio Demografico comunale provvederà a consegnare all Appaltatore, copia del permesso di sepoltura. 8.3 SGOMBERO NEVE Il Comune effettuerà con proprio personale e mezzi, o in appalto, lo sgombero della neve lungo il viale principale dei cimiteri con esclusione di quelli che portano ai lati. Solo in casi eccezionali di comprovata necessità, ed a suo insindacabile giudizio, potrà intervenire con lo sgombero della neve su altri viali o zone del cimitero. In questo caso l Appaltatore dovrà collaborare per tutta la durata dell intervento, con propri mezzi e personale senza alcun onere aggiuntivo per l Ente appaltante. 8.4 RIMOZIONE LAPIDI All atto della denuncia di decesso, il Comune farà sottoscrivere apposita accettazione di impegno da parte dei parenti del defunto, per la rimozione della lapide dei cordoli, ecc. in tempi utili per consentire le operazioni di predisposizione dell inumazione. In caso di inottemperanza da parte del privato, il Comune potrà richiedere all Appaltatore, l intervento d ufficio, esonerandolo dal risarcimento di eventuali danni che dovessero essere arrecati alla tomba interessata. In questi casi, l Appaltatore non potrà esonerarsi dall intervenire con personale e mezzi, e il compenso sarà concordato preventivamente con il Servizio 7

8 Tecnico comunale. L esonero di cui sopra, non esime l Appaltatore dall obbligo di risarcimento in caso di danni a altre tombe o manufatti cimiteriali come previsto dai precedenti articoli. ART. 9 OBBLIGHI ED ONERI IN MATERIA DI SICUREZZA ED ANTINFORTUNISTICA Oltre agli oneri contenuti nelle presenti norme, sono a carico dell appaltatore gli obblighi relativi all osservanza di tutte le leggi, decreti e disposizioni riguardanti la mano d opera, attualmente in vigore o che potranno intervenire durante il corso dell appalto, nonché l adozione nell esecuzione dei lavori dei procedimenti e delle cautele necessarie a garantire la vita e l incolumità degli operai, delle persone addette ai lavori stessi e dei terzi, nonché per evitare danni alle proprietà pubbliche e private. L Appaltatore ha l obbligo di garantire che tutte le macchine e le attrezzature utilizzate per lo svolgimento dei lavori siano conformate alle vigenti norme in materia di igiene e sicurezza sul lavoro. L appaltatore dichiara di essere a conoscenza di tutti i disposti delle norme in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, dei rischi specifici del proprio lavoro e di avere sufficientemente edotti i propri dipendenti sulle norme contenute nel documento di valutazione dei rischi redatto dall appaltatore stesso. Ogni responsabilità in caso di infortunio ricadrà, pertanto, sull impresa restandone sollevata l Amministrazione, nonché il personale della stessa preposto alla direzione e sorveglianza ART. 10 MATERIALE IN ESUBERO Il materiale in esubero risultante dopo le operazioni di inumazione, dovrà essere rimosso ed allontanato a cura e spese dell Appaltatore entro 15 giorni dalla data di inumazione medesima, o entro il termine che in casi particolari, sarà indicato dall incaricato del Servizio Tecnico comunale. Il materiale rimosso dovrà essere gestito e smaltito nel rispetto della legislazione vigente, ed è fatto divieto depositarlo e sistemarlo all interno del cimitero. Il Comune si riserva la facoltà di richiedere copia dei formulari di conferimento del rifiuto per verificare il corretto smaltimento. ART. 11 MEZZI DI SERVIZIO - MATERIALI DI CONSUMO Tutta l attrezzatura e gli utensili necessari al regolare svolgimento del servizio, le eventuali macchine per movimento terra, gli autocarri e gli automezzi, dovranno essere forniti dall Appaltatore rimanendo l Amministrazione comunale sollevata da qualsiasi incombenza relativa, diretta o indiretta per il loro utilizzo e per la loro conformità alle vigenti normative sulla sicurezza e igiene sul lavoro. La sopracitata attrezzatura, gli utensili e gli eventuali mezzi utilizzati, non potranno essere lasciati in deposito all interno delle aree cimiteriali né in altri locali o spazi a servizio dei cimiteri, fatte salve eventuali autorizzazioni che saranno emesse in proposito dal Comune su specifica richiesta dell Appaltatore, ma dovranno essere depositati in luoghi di cui l Appaltatore detiene la disponibilità esclusiva. Saranno forniti gratuitamente dal Comune, la terra per il rinterro delle fosse nel nuovo cimitero di Folgaria, e laddove se ne ravvisasse la necessità su altri cimiteri, le sementi, i concimi, le vernici, gli antiparassitari ed eventuali altri prodotti per particolari trattamenti con 8

9 esclusione del diserbante di qualsiasi tipo. Saranno altresì forniti il ghiaino e il sale per i vialetti, il legname o il ferro per la riparazione delle recinzioni, con la sola esclusione dei materiali di consumo quali sabbia, cemento, chiodi, bulloni, carburanti, lubrificanti, ecc. I materiali di cui sopra saranno consegnati all Appaltatore su specifica richiesta dello stesso, direttamente dal Capo Operai o suo sostituto presso il magazzino comunale o altro deposito. Rimane in carico all Appaltatore l onere per il trasporto dal luogo di consegna indicato dall incaricato comunale fino al proprio deposito, e successivo immagazzinamento. ART. 12 CORRISPETTIVO DELL APPALTO 12.1 LAVORI DI INUMAZIONE O TUMULAZIONE Tali servizi sono da considerarsi distinti come di seguito indicato e compensati sulla base dei singoli importi fissati in sede di trattativa: - scavo e rinterro fossa completo - scavo e rinterro fossa completo per ceneri - tumulazione in tomba famiglia - tumulazione in loculo ossario o cinerario - tumulazione in ossario o cinenario comune - esumazione di cadaveri e/o resti umani Il pagamento sarà effettuato su presentazione di regolare fattura entro 90 (novanta) giorni dalla data di registrazione della stessa MANUTENZIONE ORDINARIA Il compenso per la pulizia e manutenzione ordinaria dei cimiteri comunali verrà compensato sulla base dell importo fissato in sede di trattativa. In tale corrispettivo si intende compreso e compensato ogni e qualsiasi onere a carico dell Appaltatore, senza che questi possa pretendere dal Comune nuovi o maggiori compensi fatti salvi quelli previsti per gli eventuali interventi di cui al precedente art. 5. Il corrispettivo di tale servizio verrà corrisposto all Impresa l ultimo giorno di ogni mese nell importo complessivo di 1/12 del canone annuo dianzi stabilito, su presentazione di regolare fattura presentata mensilmente dall Appaltatore. ART. 13 CAUZIONE A garanzia dell esatta e puntuale esecuzione di tutti gli adempimenti derivanti dal presente capitolato, l Impresa dovrà costituire, all atto della stipulazione del contratto di appalto, apposita cauzione a mezzo di polizza fideiussoria o deposito a risparmio vincolato, per un importo pari al 10% (dieci per cento) del canone annuo iniziale. 9

10 ART. 14 SPESE INERENTI ALL APPALTO E CONTRATTO Tutte le spese inerenti al presente appalto e conseguenti, nessuna esclusa, nonché tutti i contributi, spese e quant altro inerente o pertinente al contratto, le imposte e sovrimposte e le altre tasse relative, sono a carico dell Impresa. ART. 15 PAGAMENTO DEL CANONE Il canone annuo per la manutenzione ordinaria, sarà versato alla Ditta appaltatrice in rate mensili posticipate. ART. 16 ORDINI DI SERVIZIO Verificandosi deficienze o abusi nell adempimento degli obblighi contrattuali il Sindaco avrà la facoltà di ordinare e far eseguire d ufficio, in danno alla Ditta appaltatrice, i lavori necessari per il regolare andamento del servizio qualora la predetta Ditta, appositamente diffidata, non ottemperi alle disposizioni dell'amministrazione nei termini assegnati. Le deficienze e gli abusi di cui sopra saranno contestati alla Ditta, che sarà sentita in contraddittorio con gli Organi del Comune che hanno effettuato i rilievi del caso. Il congruo termine da assegnare alla Ditta a norma del primo comma del presente articolo verrà stabilito dall Amministrazione comunale tenuto conto della natura e della mole di lavori da eseguire. ART. 17 PENALITA In caso di inosservanza di qualsiasi norma e disposizione contenuta nel presente capitolato, potrà essere applicata da parte dell Ente appaltante, una penale di 500,00 per ogni infrazione rilevata da parte del Capo Operai o da un incaricato del Servizio Tecnico Comunale. L infrazione, una volta accertata dal personale di cui sopra, sarà comunicata per iscritto alla Ditta appaltatrice e il relativo importo di penale sarà detratto dal canone di appalto annuale. Le controdeduzioni alle contestazioni dovranno pervenire entro e non oltre 5 (cinque) giorni lavorativi, intendendosi le stesse, in caso contrario accettate. ART. 18 REVOCA DELL APPALTO Nel caso che le inadempienze di cui all'art. 16 siano per numero, frequenza e gravità tali da ritenere impossibile la prosecuzione del contratto, o comunque quando l ammontare complessivo delle penali applicate raggiunge l importo pari al 10% (dieci per cento) del canone annuo contrattuale, l Amministrazione comunale potrà deliberare la revoca dell'appalto provvedendo direttamente alla continuazione del servizio mediante proprio personale e mezzi o in appalto temporaneo ad altra Ditta, dopo aver redatto apposito 10

11 verbale di consistenza. Nel caso di revoca per i motivi di cui sopra, l Amministrazione comunale si riserva la facoltà di escutere la garanzia fideiussoria nonché di chiedere all appaltatore il risarcimento del danno derivante dall interruzione del servizio e dagli oneri conseguenti. Ogni comunicazione del Comune attinente a quanto costituisce oggetto del presente articolo, sarà notificata alla Ditta appaltatrice. ART. 19 CONTROVERSIE Le controversie che dovessero insorgere nell esecuzione e interpretazione delle norme poste a disciplina dell affidamento del servizio in oggetto, saranno definite dall Autorità giudiziaria competente. ART. 20 ADEGUAMENTO NORMATIVO Eventuali disposizioni normative applicabili al servizio oggetto del presente Capitolato Speciale verranno immediatamente recepite e rese operative nella gestione del rapporto contrattuale con il soggetto affidatario. ART. 21 CLAUSOLE AGGIUNTIVE In relazione alla registrazione del sistema di gestione ambientale del Comune di Folgaria secondo il regolamento CE 1221/2009 (EMAS III), la ditta appaltatrice dovrà: - assicurare la corretta gestione dei rifiuti ed il loro smaltimento secondo la normativa; - tenere corretta registrazione di dette operazioni delle quali l Amministrazione si riserva la verifica; - comunicare tempestivamente all Amministrazione Comunale potenziali situazioni di rischio ambientale, verificate durante l espletamento dell appalto. 11

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli