COMUNE DI CALCIO PROVINCIA DI BERGAMO Via Papa Giovanni XXIII, 40 Cap Centralino 0363/ Fax 0363/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CALCIO PROVINCIA DI BERGAMO Via Papa Giovanni XXIII, 40 Cap. 24054 Centralino 0363/968444 Fax 0363/906246 e-mail: info@comune.calcio.bg."

Transcript

1 COMUNE DI CALCIO PROVINCIA DI BERGAMO Via Papa Giovanni XXIII, 40 Cap Centralino 0363/ Fax 0363/ PEC: - C.F. e P.IVA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA PULIZIA E LA MANUTENZIONE ORDINARIA DEL CIMITERO DI CALCIO PER IL PERIODO DAL 01/01/2013 AL 31/12/2015 1

2 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L impresa aggiudicataria, in seguito chiamata Impresa, si impegna e si obbliga a provvedere, a proprie spese, con l osservanza delle pattuizioni, condizioni, modalità, termini e quant altro stabilito nel presente capitolato, ad eseguire nelle fasce orarie indicate dall Amministrazione Comunale le prestazioni di seguito elencate e meglio descritte negli articoli successivi: a) manutenzione, conservazione e custodia del verde cimiteriale e dei manufatti cimiteriali; b) smaltimento dei rifiuti derivanti dalle manutenzioni e dalla pulizia; c) pulizia, opere di giardinaggio e cura delle aree interne ed esterne al perimetro del cimitero, di pertinenza dello stesso; d) mansioni di custodia e vigilanza; Il servizio dovrà essere espletato nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia. L impresa dovrà fornire tutte le attrezzature, i materiali, i mezzi ed il personale idoneo ed adeguatamente formato ai sensi di legge, necessari ad eseguire le predette operazioni. Sono compresi nell appalto tutti i lavori, le prestazioni, le forniture e le provviste necessarie per dare il servizio completamente compiuto e secondo le condizioni stabilite dal presente capitolato, utilizzando le migliori caratteristiche tecniche, qualitative e quantitative. Il servizio deve essere svolto senza creare disagi all accessibilità del cimitero. Durante lo svolgimento delle prestazioni deve essere garantita la sicurezza, anche con idonee segnalazioni e recinzioni. L esecuzione dell appalto è sempre e comunque effettuata secondo le regole dell arte e l Impresa deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; i servizi non eseguiti a regola d arte, previa contestazione scritta, dovranno essere rifatti. Art. 2 MODALITA DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO I servizi oggetto del presente Capitolato dovranno essere espletati negli orari di seguito indicati, garantendo in ogni caso la presenza continuativa di almeno una persona: - dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 10.00; In caso di funerale, l operatore dovrà essere presente per ricevere la salma c/o il cimitero e ad accompagnarla sino al luogo della sepoltura, accertandosi della loro esatta destinazione e della corretta esecuzione delle operazioni cimiteriali da parte dei terzi. In tal caso il giorno successivo il servizio previsto non verrà espletato. Art. 3 PULIZIA E SGOMBERO RIFIUTI L Impresa ha l obbligo di tenere pulita, con macchinari e mezzi adeguati, ogni superficie interna del cimitero e l area di pertinenza nelle immediate adiacenze, con le seguenti modalità: operazioni giornaliere in tutti i locali e in tutte le zone pavimentate e non, sia all interno che all esterno del cimitero, spazzamento, con scope o mezzi meccanici, raccolta del relativo rifiuto prodotto e conferimento negli appositi contenitori; nei locali utilizzati come servizi igienici, rimozione di eventuali ragnatele, lavaggio dei pavimenti, delle superfici piastrellate, dei sanitari e loro disinfezione, pulizia e spolveratura delle porte, rifornimento di carta igienica e di carta asciugamani, verifica del funzionamento dei rubinetti e degli scarichi dell acqua ed eventuale sistemazione; 2

3 svuotamento di tutti i contenitori mobili adibiti al deposito provvisorio dei rifiuti, con pulizia dell area circostante, raccolta dei vasi, dei recipienti di plastica, degli stracci, della carta, del cellophane e dei ceri lasciati in abbandono e riversamento degli stessi negli appositi contenitori dei rifiuti, che dovranno poi essere conferiti c/o la piattaforma ecologica sita nel Comune di Calcio; tali attività dovranno rispettare il criterio della raccolta e conferimento dei rifiuti in modo differenziato tra loro (ed esempio: carta, plastica, vetro, ferro, verde, ecc, ). Per le modalità di effettuazione de servizio di smaltimento dei rifiuti urbani e assimilabili agli urbani, l impresa fa riferimento alla normativa del Comune; raccolta del fogliame dai sentieri, pulizia dei viali interni al cimitero, dei portici, dei pavimenti dei colombari, dei vialetti di accesso alle tombe, delle scale e dell area destinata a parcheggio; raccolta delle corone di fiori appassiti e relativi fusti in occasione della celebrazione di riti funebri e/o solennità; pulizia e riassetto dei viali in ghiaietto e delle aree libere adibite o da adibire a campi inumazione. operazioni periodiche pulizia mensile per tutte le superfici pavimentate coperte (porticati), lapidi di guerra, steli e monumenti, con rimozione delle ragnatele e spolveratura delle superfici libere, spazzatura e lavatura dei pavimenti con idonei detergenti; pulizia mensile delle superfici vetrate mediante lavaggio con specifico detergente; per la camera mortuaria, pulizia settimanale con rimozione di eventuali ragnatele, spazzatura e lavatura dei pavimenti, spolveratura delle pareti e dell arredo esistente e loro disinfezione e ogniqualvolta se ne ravvisi la necessità. La camera mortuaria dovrà essere adeguatamente disinfettata e pulita dopo ogni suo utilizzo; per i locali adibiti a ricovero dei mezzi d opera e magazzino, pulizia trimestrale con rimozione delle ragnatele, spazzamento e raccolta dei rifiuti, riassetto dei materiali e delle attrezzature ivi depositate; per i percorsi pedonali e carrabili, in occasione di gelate o nevicate, stesura di sabbia vagliata, sale o altro materiale antigelo quando ne ricorre il caso, con immediatezza e, comunque, all apertura giornaliera del cimitero allo scopo di prevenire infortuni. Durante la distribuzione del sale dovranno essere usate tutte le cautele del caso per salvaguardare le essenze seminate, le piantumazioni ed i pavimenti di ogni tipo; per i viali, i vialetti ed i marciapiedi interni ed esterni al cimitero e per l area dei cancelli, pulizia e sgombero della neve, con immediatezza e, comunque, all apertura giornaliera, così come dagli accessi, dalle arcate e dalle cappelle cimiteriali, nonché lungo il sentiero carrabile corrente posteriormente al cimitero nel tratto contenuto fra le sbarre delimitanti l accesso ai veicoli. I cumuli di neve non dovranno essere d impedimento all espletamento delle normali attività e al camminamento degli utenti e non dovranno ostacolare il libero accesso alle singole concessioni cimiteriali. Art. 4 MANUTENZIONE, CONSERVAZIONE E CUSTODIA DEL VERDE CIMITERIALE E DEI MANUFATTI CIMITERIALI L Impresa cura le piante, le siepi, le aree verdi di pertinenza del cimitero. L Impresa, in particolare, provvede alla: 1. manutenzione delle aree a verde interne al cimitero e situate lungo il perimetro esterno del cimitero, ivi compreso il verde del parcheggio del cimitero, comprendente il mantenimento del tappeto erboso esistente, eseguendo annaffiature in tempi e modi opportuni, al fine di evitare deperimenti e lo sfalcio periodico; potatura delle siepi e dei cespugli, raccolta delle foglie, rassettatura dei cigli, trattamenti anticrittogamici, estirpazione di erbe infestanti e graminacee 3

4 nascenti sia sul suolo che nei vialetti inghiaiati e negli interstizi dei manufatti pubblici, semina nei punti ove l erba è mancante; 2. manutenzione ordinaria dei vialetti, dei sentieri, degli spazi fra le tombe, dei campi di sepoltura a terra, consistente nel periodico diserbo chimico, nella sarchiatura, nella raccolta del materiale da rifiuto, nella ricarica, rastrellatura e spianamento del ghiaietto (fornitura del ghiaietto a carico del Comune) almeno 2 volte l anno. Tutto il materiale di risulta dovrà essere raccolto, trasportato e conferito negli appositi contenitori presso la piattaforma ecologica sita in territorio del Comune di Calcio. Art. 5 ULTERIORI MANSIONI DI CUSTODIA E VIGILANZA L Impresa, inoltre, nell arco di tempo in cui è presente al cimitero per l espletamento del servizio, deve provvedere a quanto di seguito indicato: a) esercitare la vigilanza, impedendo l introduzione di veicoli non autorizzati e/o di oggetti estranei al servizio; b) fornire le informazioni che vengono eventualmente richieste dai visitatori; c) vigilare affinché chiunque frequenti il cimitero tenga un contegno corretto, quale si addice al carattere del luogo, avvertendo immediatamente gli organi di Polizia ogni qualvolta ne apparisse necessario l intervento; d) vigilare affinché tutto ciò che è posto ad ornamento delle sepolture non venga manomesso, asportato o rovinato; e) vigilare affinché chiunque esegua lavori di costruzione, riparazione o modifiche a qualunque tipo di sepoltura sia in possesso di regolare autorizzazione e che gli stessi siano conformi a quanto autorizzato; f) avvisare il Comune circa il rinvenimento di oggetti preziosi o ricordi personali; g) fare immediato rapporto al Comune di qualsiasi incidente e/o manomissione avvenga nel cimitero; h) segnalare tempestivamente al Comune ogni deficienza che venisse riscontrata dal punto di vista sanitario; i) collaborare con il competente ufficio del Comune nelle necessità ed esigenze che venissero a verificarsi nel corso dell appalto; j) avvertire il Comune di eventuali disfunzioni degli impianti e/o delle riparazioni occorrenti ai manufatti/attrezzature del cimitero, di danni, problemi e/o necessità che riguardano gli immobili del camposanto, i muri di cinta, le piante e quanto attinente, in generale, al cimitero, delimitando, se necessario, la zona interessata con apposita segnaletica. Nel caso di atti vandalici, l Impresa dovrà provvedere tempestivamente a comunicare al Comune quanto avvenuto; k) eseguire tutte le opere di verifica dell efficienza, di piccola manutenzione e di riparazione necessarie a mantenere i manufatti e le apparecchiature in buono stato ed idonee all uso; l) poiché chiunque esegua presso il cimitero lavori per conto del Comune o di privati è tenuto a provvedere alla rimozione dei materiali di risulta e al relativo conferimento in discarica autorizzata, nonché al ripristino allo stato originario dei luoghi interessati ai lavori, l Impresa ha l onere di sorvegliare affinché ciò avvenga. Si precisa che eventuali interventi di modifica sulle strutture e/o sugli impianti cimiteriali dovranno essere preventivamente autorizzati dal Comune. 4

5 Art. 6 ROTTURA CASSE Nel caso di rottura di casse nei loculi, nelle cappelle o nelle tombe, l Impresa dovrà provvedere immediatamente a delimitare la zona, in modo da impedire l accesso agli utenti del cimitero, provvedere alla pulizia delle superfici esterne pubbliche interessate, mediante lavaggio con soluzioni disinfestanti e ad informare immediatamente il Comune in merito. Art. 7 MATERIALI / MACCHINARI / ATTREZZATURE Per i servizi di cui sopra l Impresa potrà utilizzare gratuitamente l attrezzatura di proprietà comunale già disponibile presso il Cimitero e dovrà munirsi, a proprie cure e spese, di tutto il materiale (igienico, di consumo, di scope, ecc.) e di tutta l attrezzatura mancante necessaria, da mantenere costantemente in efficienza e da custodire nell apposito locale messo a disposizione dal Comune. L Impresa dovrà, quindi, possedere un attrezzatura adeguata a svolgere tutte le prestazioni oggetto del presente Capitolato e conforme a tutte le prescrizioni di legge. Resta a carico del Comune lo smaltimento dei rifiuti speciali cimiteriali. Il Comune consegnerà all Impresa, sotto sua responsabilità, una copia delle chiavi delle strutture cimiteriali, affinché la stessa possa organizzarsi al meglio per l esecuzione del servizio oggetto del presente capitolato. All Impresa, quindi, competono, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i seguenti oneri, sempre compresi nel corrispettivo a corpo dell appalto: a) fornitura della carta igienica, del sapone e della carta asciugamani per i servizi igienici; b) fornitura di tutti i materiali di pulizia e di igiene sia per gli ambienti che per il personale e gli utenti e dei beni di consumo qui non espressamente citati; c) fornitura in numero adeguato, di contenitori per facilitare la raccolta e il conferimento differenziato dei rifiuti, di scope, palette e annaffiatoi aventi le medesime caratteristiche di quelli esistenti o di quelli che il Comune riterrà opportuno immettere nel cimitero; La scelta delle attrezzature e delle macchine da utilizzare per l espletamento del servizio deve essere fatta dall Impresa tenendo in debita considerazione la compatibilità delle stesse in rapporto alla struttura del cimitero. In particolare, le attrezzature devono essere tecnicamente efficienti, dotate di tutti quegli accessori e dispositivi necessari a proteggere e salvaguardare l operatore ed i terzi da eventuali infortuni, secondo quanto prescritto dalle normative vigenti in Italia e nella U.E., con l obbligo di mantenerle, nel tempo, in perfetto stato di funzionalità. Al riguardo, è esclusa qualsiasi azione di rivalsa nei confronti del Comune. L Impresa potrà consentire al proprio personale l uso o l utilizzo di eventuali attrezzature e macchinari di proprietà o in possesso del Comune presenti all interno del cimitero, solo qualora, ritenuto idoneo dalla stessa Impresa. Art. 8 DIVIETO DI SUBAPPALTO E DI CESSIONE DEL CONTRATTO E fatto divieto assoluto all Impresa di subappaltare il servizio, pena l immediata risoluzione del contratto e l incameramento della cauzione definitiva, salva restando ogni eventuale ulteriore azione di risarcimento danni. E vietata la cessione, sotto qualsiasi forma, del contratto relativo al presente servizio; ogni atto contrario è nullo di diritto. 5

6 Art. 9 SPAZI ALL INTERNO DEL CIMITERO Il Comune mette a disposizione, gratuitamente, per tutta la durata dell appalto, e nello stato di fatto in cui si trova, uno spazio all interno del cimitero da adibire a magazzino degli attrezzi e dei materiali necessari allo svolgimento del servizio. Tale locale dovrà essere tenuto in stato di decoro da parte dell Impresa. Art. 10 UTILIZZO MOTOCARRO DI PROPRIETA COMUNALE TARGATO BG DA PARTE DELL IMPRESA Per il servizio in oggetto, l Impresa potrà utilizzare il motocarro di proprietà comunale targato BG impegnandosi, a proprie spese, a tutte le relative necessarie riparazioni ed a sostenere anche tutti gli altri oneri necessari per il relativo utilizzo (assicurazione carburante costi per eventuali riparazioni occorrenti all utilizzo e nel corso dello stesso ecc.). Il Comune provvederà al solo pagamento del bollo del suddetto motocarro. Inoltre, premesso che il predetto motocarro resta, comunque, di proprietà comunale, si precisa che, alla scadenza del servizio, lo stesso tornerà, nello stato in cui si trova, nella libera e piena disponibilità del Comune, senza che l impresa possa avanzare pretese di qualunque genere, né possa chiedere alcun compenso e/o indennizzo, neppure a titolo di rimborso per le spese sostenute al riguardo. Art. 11 DURATA L appalto avrà la durata di 3 (tre) anni, dal 01/01/2013 al 31/12/2015. L Impresa si impegna ad iniziare il servizio il 01/01/2013, assicurandone la corretta e completa esecuzione. Alla scadenza, il servizio si intende risolto di diritto, senza obbligo, né onere di disdetta e/o di altra comunicazione da parte del Comune. Art. 12 CONTROLLI E VIGILANZA DA PARTE DEL COMUNE Il Comune ha diritto ad ispezionare, in ogni momento e anche senza preavviso, i luoghi cimiteriali e di verificare il rispetto di tutti gli obblighi derivanti dal presente appalto, di verificare il buono stato di tutti i mezzi, i materiali e le attrezzature utilizzate e la loro rispondenza alle esigenze del servizio, nonché di rilevare le eventuali inottemperanze al presente appalto. Ove si riscontrassero mancanze, verrà prescritto un termine entro il quale l Impresa dovrà provvedere in merito e, qualora l Impresa non vi ottemperasse, il Comune avrà il diritto di provvedervi direttamente, ma con spese a carico dell Impresa, con rivalsa sulla prima rata di pagamento utile o rivalendosi sulla cauzione definitiva depositata. Nel caso il Comune si rivalesse sulla cauzione definitiva, l Impresa dovrà provvedere al suo completo reintegro entro il termine di 15 (quindici) giorni naturali e consecutivi. L Impresa è tenuta ad agevolare le operazioni di ispezione e verifica. Art. 13 OBBLIGHI A FINE APPALTO Al termine dell appalto rimarranno di proprietà dell Impresa le attrezzature che la stessa conferirà per lo svolgimento dei servizi. Nulla è dovuto da parte del Comune a titolo di indennizzo o ristoro di sorta per l utilizzo di attrezzature di proprietà dell Impresa medesima. 6

7 Poiché per i servizi in oggetto l Impresa potrà utilizzare gratuitamente l attrezzatura di proprietà comunale già disponibile presso il Cimitero, la stessa attrezzatura dovrà essere riconsegnata al Comune, al termine dell appalto, nel medesimo stato di conservazione, di funzionamento e di efficienza nel quale era stata consegnata, fatta salva la normale usura dovuta all utilizzo. Le spese per i danni arrecati, per incuria o scarsa manutenzione, alle attrezzature comunali e/o agli arredi/manufatti cimiteriali esistenti, previa verifica in contraddittorio con l Impresa, verranno addebitate alla stessa secondo le modalità previste dal Codice Civile. Art. 14 PERSONALE DI SERVIZIO L Impresa dovrà disporre del personale idoneo, adeguatamente formato ai sensi di legge, necessario alla perfetta e completa attuazione del servizio, in rigorosa osservanza di quanto prescritto dal presente capitolato. L Impresa, nello svolgimento dei servizi previsti dal presente capitolato, è libera di organizzare il personale ed i mezzi secondo criteri e modalità proprie. L impresa ha l obbligo di dotare il proprio personale di tutti i macchinari, gli attrezzi manuali, le attrezzature protettive ed antinfortunistiche, i prodotti detergenti, i disinfettanti e quanto altro possa servire all espletamento dei compiti previsti dal presente capitolato. L Impresa è obbligata all osservanza e all applicazione, nei confronti del proprio personale e di eventuali soci lavoratori, di quanto di seguito indicato: a) delle leggi, regolamenti e disposizioni vigenti e che fossero emanate durante l esecuzione dell appalto, relative alle assicurazioni obbligatorie antinfortunistiche, assistenziali, previdenziali, ecc.; b) di tutte le leggi e norme vigenti sulla prevenzione infortuni, sulla tutela della salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ed, in particolare, del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 e s.m.i.; c) di tutte le norme di qualsiasi genere applicabili all appalto in oggetto. Gli obblighi di cui sopra sono a carico dell Impresa, che ne è la sola responsabile, anche in deroga alle norme che disponessero l obbligo del pagamento a carico del Comune o in solido con il Comune, con esclusione del diritto di rivalsa nei confronti dello stesso Comune. Il Comune, quindi, resterà pienamente esonerato da ogni e qualsiasi responsabilità che potesse derivare per infortuni, assicurazioni, ecc.. Nell esecuzione delle prestazioni che formano oggetto del presente appalto, l Impresa si obbliga ad osservare ed applicare integralmente, nei confronti dei lavoratori dipendenti e degli eventuali soci lavoratori, condizioni contrattuali, normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai Contratti collettivi nazionali di lavoro e dagli accordi territoriali integrativi degli stessi, in vigore per il tempo e nella località in cui si svolge il servizio, anche dopo la scadenza dei Contratti collettivi e degli accordi locali e fino alla loro sostituzione, anche se l Impresa non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse e indipendentemente dalla natura industriale o artigianale, dalla struttura e dimensione dell Impresa stessa e da ogni sua qualificazione giuridica, economica o sindacale. L inosservanza degli obblighi del presente articolo, accertata dal Comune o ad esso segnalata dall Ispettorato del Lavoro, comporterà trattenute sul corrispettivo dovuto all Impresa e, se necessario, l escussione della cauzione, previa contestazione dell inadempienza accertata. Per quanto previsto nei precedenti commi l Impresa non potrà opporre eccezioni al Comune, né avrà titolo per il risarcimento dei danni. L Impresa si impegna a richiamare, a sanzionare e, se necessario, a sostituire i propri dipendenti che non osservino modi seri e cortesi, siano trascurati nell eseguire il servizio o usino un comportamento o un linguaggio riprovevole, si rifiutino di utilizzare gli indumenti ed i presidi antinfortunistici e, in generale, non osservino le prescrizioni di cui la presente capitolato. 7

8 La cattiva condotta sarà valutata sotto l aspetto disciplinare e, ove grave, potrà costituire titolo, ferme le responsabilità personali, per la risoluzione del contratto fra l Impresa e il Comune. Le segnalazioni e le richieste del Comune in ordine alle sanzioni a carico del personale saranno impegnative per l Impresa. Art. 15 IMPORTO PRESUNTO DELL APPALTO A BASE DI GARA L importo annuo presunto omnicomprensivo dell appalto a base di gara, determinato a corpo, è stato stimato in ,00 + IVA, per un totale, per il triennio di durata dell appalto, di ,00 + IVA. A tale importo vanno aggiunti gli oneri di sicurezza di. 500,00 + IVA non soggetti a ribasso. Con il ricevimento del corrispettivo pattuito, l Impresa s intende compensata di qualsiasi suo avere per il servizio di che trattasi, senza diritto a nuovi o maggiori compensi, essendo in tutto soddisfatto dal Comune con il pagamento dello stesso corrispettivo. Il corrispettivo verrà corrisposto dal Comune in rate mensili posticipate di eguale importo, previa presentazione di regolare fattura. Il pagamento sarà effettuato entro 30 giorni dalla presentazione di regolare fattura, previa acquisizione del DURC dal quale risulti la regolarità contributiva dell Impresa. Ai sensi dell art.4, comma 3, del DPR 207/10 sull importo netto progressivo delle prestazioni dovrà essere operata una ritenuta dello 0,50% da svincolarsi in sede di liquidazione finale previa acquisizione del DURC. Art. 16 SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO E DUVRI Il Comune, in ordine a quanto disposto dall art. 26 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., precisa che è stato predisposto il Duvri, poiché, valutate le attività in oggetto, sono state riscontrate interferenze per le quali intraprendere misure di prevenzione e protezione atte ad eliminare e/o ridurre i rischi così come stabilito nel DUVRI allegato al presente Capitolato Speciale d Appalto. Inoltre l Impresa dovrà garantire il pieno rispetto delle disposizioni di cui al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., ivi incluso, nell esecuzione del servizio di che trattasi, l utilizzo di dispositivi conformi alla vigente normativa in materia di ambiente, igiene e sicurezza sul lavoro. La mancata osservanza di tali norme comporterà la risoluzione di diritto del rapporto contrattuale in essere, nonché il diritto del Comune di chiedere e ottenere il risarcimento per gli eventuali danni patiti, previo invio di raccomandata con ricevuta di ritorno o di comunicazione via PEC. La risoluzione avrà effetto a decorrere dal sessantesimo giorno successivo alla data di ricevimento, da parte dell Impresa, della raccomandata o della PEC. Art. 17 REVISIONE PREZZI Il corrispettivo dovuto dal Comune all Impresa per le prestazioni previste dal presente capitolato deve ritenersi onnicomprensivo di qualsiasi spesa, onere ed aggravio, diretto ed indiretto, che l Impresa dovrà sostenere per l organizzazione, l espletamento e la gestione del servizio in oggetto. Tale corrispettivo è fisso, invariabile e definitivo e, pertanto, non suscettibile di alcuna variazione, se non di quelle derivanti da eventuali modifiche, preventivamente concordate tra le parti, relative al tipo di servizio e/o di prestazioni. L Impresa non potrà invocare altri compensi, all infuori del predetto corrispettivo, nemmeno per il rimborso del materiale utilizzato, essendo la fornitura di quest ultimo onere a carico dell Impresa. 8

9 Art. 18 OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI L Impresa assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all art. 3 della Legge 13 agosto 2010, n.136 e s.m.i.. A tal fine, si impegna a comunicare al Comune il conto corrente dedicato, anche in via non esclusiva, al servizio in oggetto e tutte le eventuali variazioni ai sensi di legge. L Impresa si impegna a dare immediata comunicazione al Comune ed alla Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo della Provincia di Bergamo della notizia dell inadempimento della propria eventuale controparte (subcontraente) agli obblighi di tracciabilità finanziaria. Art. 19 RESPONSABILITA DELL IMPRESA L Impresa esegue il servizio in oggetto sotto la propria responsabilità, assumendosene tutti gli oneri e tutte le conseguenze nei confronti del Comune e di terzi, adottando, nell esecuzione del servizio, ogni procedimento ed ogni precauzione necessari a garantire l incolumità dei lavoratori e/o di terzi, nonché per evitare danni a terzi, incluso il Comune e/o a beni pubblici e/o privati. L Impresa si assume qualsiasi responsabilità ed ogni onere nei confronti del Comune e/o di terzi nei casi di mancata adozione di quei provvedimenti utili alla salvaguardia delle persone e degli strumenti coinvolti nella gestione del servizio in oggetto. L Impresa deve essere assicurata agli effetti della responsabilità civile nei confronti dei dipendenti, di eventuali soci e dei terzi, ivi compresi eventuali soci lavoratori ed è direttamente responsabile e deve, quindi, stipulare, a proprie spese, apposita polizza assicurativa per ogni danno che potrebbe derivare, nell esecuzione del servizio in oggetto da parte del proprio personale dipendente e/o dei propri eventuali soci lavoratori, o in conseguenza del medesimo, ai propri dipendenti e/o ai propri eventuali soci, al Comune (persone e/o cose) od a terzi (persone e/o cose), esonerando il Comune da ogni responsabilità al riguardo e restando ad esclusivo carico dell Impresa qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa sul Comune o di compensi da parte dello stesso. L Impresa è obbligata, entro 15 (quindici) giorni dalla richiesta effettuata dal Comune, a produrre allo stesso una polizza assicurativa, riferita all attività oggetto del presente appalto, di responsabilità civile per danni causati a terzi, come sopra specificati, nell esecuzione del servizio, avente un massimale adeguato e, comunque, non inferiore ad euro ,00= per sinistro (sia per RCT che per RCO). L Impresa provvederà al ripristino o al risarcimento delle opere eventualmente danneggiate in conseguenza dell esecuzione del servizio in oggetto, nonché alla perfetta pulizia di tutte le parti, comunali e/o private, interessate in qualche modo dalle prestazioni eseguite. Qualora l Impresa non dovesse provvedere al ripristino dei beni danneggiati e/o dello stato dei luoghi danneggiati e/o al risarcimento dei danni entro i termini che verranno fissati dal Comune, quest ultimo provvederà direttamente, salvo rivalsa della spesa sostenuta sull importo del canone mensile che il Comune paga all Impresa o sulla cauzione definitiva. L Impresa non avrà diritto ad alcun indennizzo per avaria, perdite o danni diretti o indiretti che si verifichino, durante il corso dell appalto, ad attrezzature/mezzi/automezzi/ecc. di sua proprietà. La relativa eventuale sostituzione rimane a totale carico dell Impresa. L Impresa è, comunque, tenuta a prendere tempestivamente ed efficacemente tutte le misure preventive atte ad evitare questi danni. Art. 20 DENUNCIA EVENTI ECCEZIONALI L Impresa ha l obbligo di avvertire subito il Comune ove abbia conoscenza di eventi eccezionali, ad essa non imputabili, che impediscano il regolare svolgimento del servizio. L Impresa deve, comunque, sempre adoperarsi, per quanto possibile, affinché l appalto abbia il suo regolare decorso, limitando gli eventuali danni ed inconvenienti. 9

10 Art. 21 CAUZIONE DEFINITVA L Impresa, entro 15 (quindici) giorni dalla richiesta del Comune, deve presentare allo stesso una cauzione definitiva, nella misura di cui all art. 113 del D.Lgs. 113/2006 e s.m.i.. La cauzione definitiva dovrà essere costituita mediante fideiussione bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 del D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell Economia e delle Finanze. Si precisa che la suddetta cauzione: dovrà avere validità almeno fino alla fine del secondo mese successivo alla scadenza del servizio; si precisa la stessa, comunque, potrà essere svincolata solo nel momento in cui il Comune rilascerà specifica autorizzazione scritta allo svincolo; dovrà espressamente prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale; dovrà espressamente prevedere la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, del Codice Civile; dovrà prevedere la sua operatività entro 15 (quindici) giorni a semplice richiesta scritta del Comune. La cauzione definitiva sarà svincolata e restituita al contraente entro il termine sopraindicato, sempre che non sussistano pendenze tra lo stesso e il Comune. Infatti, la cauzione non potrà essere svincolata se non ad avvenuto e definitivo regolamento di tutte le eventuali pendenze tra il Comune e l Impresa, sempre che al Comune non competa il diritto di incameramento dell intera cauzione o di parte della stessa. In ogni caso, resta al Comune pieno ed incondizionato diritto di rivalsa sull intera cauzione per ogni somma della quale lo stesso dovesse risultare creditore a qualsiasi titolo. L Impresa sarà obbligata a reintegrare a proprie spese entro e non oltre 15 (quindici) giorni dalla richiesta del Comune - la cauzione di cui il Comune abbia dovuto valersi, in tutto o in parte, anche per effetto dell applicazione di penali, fino alla vigenza della stessa. Il mancato reintegro della cauzione nel termine sopra indicato darà al Comune la facoltà di dichiarare la risoluzione del contratto ai sensi e per gli effetti dell art del Codice Civile. La cauzione definitiva potrà essere incamerata dal Comune anche qualora l Impresa receda dal contratto prima della scadenza fissata. La cauzione definitiva si intende a garanzia: dell esatto adempimento degli obblighi derivanti dal presente capitolato; dell eventuale risarcimento di danni, derivanti, a qualsiasi titolo, in relazione al servizio in oggetto; del rimborso delle spese che il Comune fosse eventualmente obbligato a sostenere durante il periodo di vigenza contrattuale, per fatto dell Impresa, a causa di inadempimento dell obbligazione o di cattiva esecuzione del servizio da parte della stessa. La cauzione s intenderà automaticamente prorogata, con le stesse condizioni previste nel presente capitolato, qualora, entro la data di scadenza, vi fossero pendenti controversie giudiziarie fra il Comune e l Impresa. Resta salvo per il Comune l esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultasse insufficiente. Lo svincolo verrà autorizzato con apposita comunicazione del Comune. Ai sensi dell art. 40, comma 7, del D.Lgs. n.163/2006 e s.m.i., il possesso della certificazione di sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000, rilasciata da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, dà diritto all Impresa di usufruire del beneficio della riduzione al 50% della cauzione. 10

11 Art. 22 PENALITA L inosservanza o l inadempienza delle prescrizioni e obblighi a carico dell Impresa contenute nel presente capitolato e qualsiasi infrazione alle disposizioni normative vigenti o agli ordini o disposizioni impartite dal Comune rendono passibile l Impresa di una penale, oltre all obbligo di ovviare alla inadempienza stessa entro il termine che sarà stabilito dal Comune. Il Comune provvederà a formalizzare circostanziata contestazione scritta con diffida ad adempiere, a mezzo fax o Pec, assegnando all Impresa un termine di 5 (cinque) giorni naturali e consecutivi, decorrenti dalla data di ricevimento della comunicazione od, eventualmente, a seconda delle circostanze, un altro termine ritenuto congruo, per adempiere o produrre le proprie controdeduzioni scritte. Qualora l Impresa non adempisse e non comunicasse le proprie controdeduzioni o qualora queste ultime non fossero, dal Comune, ritenute idonee a giustificare il comportamento dell Impresa, verrà applicata, per ogni singola violazione, una penale nella misura di. 200,00= (euro duecento/00). Il pagamento della penale non esonera, in nessun caso, l Impresa dall adempimento dell obbligazione che ha dato corso all applicazione della penale. L applicazione delle penali di cui al presente articolo non pregiudica il risarcimento dei danni arrecati e/o gli oneri sostenuti dal Comune per ovviare alle inadempienze. La somma dovuta a titolo di rifusione di spese e danni e per il pagamento di penalità, sarà trattenuto dal Comune sulla prima rata utile del corrispettivo dovuto all Impresa. Qualora tale rata non sia sufficiente, la rimanente somma sarà trattenuta dal Comune sulle rate successive ovvero, in caso di insufficienza, sulla cauzione definitiva che dovrà, in tale caso, essere immediatamente reintegrata. La persistenza o la reiterazione delle inadempienze contestate possono costituire, comunque, causa di risoluzione contrattuale. Art. 23 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO In caso di prestazione irregolare o, comunque, giudicata dal Comune scarsamente produttiva ed insufficiente e tale da pregiudicare il regolare svolgimento del servizio, così come in caso di persistenza o di reiterazione di inadempienze contrattuali contestate dal Comune all Impresa, sarà facoltà del Comune risolvere unilateralmente il contratto, ai sensi dell art del Codice Civile, in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, senza alcun onere e senza che l Impresa possa pretendere alcunché e fatta salva, per il Comune, ogni altra eventuale azione che si rendesse necessaria a tutela del pubblico interesse. A tal fine, il Comune provvederà al preventivo invio all Impresa di una contestazione di addebito, tramite fax o Pec, assegnando all Impresa 15 (quindici) giorni naturali e consecutivi, dal ricevimento della diffida od, eventualmente, a seconda delle circostanze, un altro termine ritenuto congruo, per adempiere o fornire eventuali giustificazioni scritte. Qualora sia inutilmente trascorso il predetto termine o, ad insindacabile giudizio del Comune, le giustificazioni addotte non siano ritenute idonee a giustificare il comportamento dell Impresa, il Comune provvederà all invio all Impresa, tramite raccomandata a/r o Pec, di apposita dichiarazione di avvalersi della clausola risolutiva espressa. La risoluzione avrà effetto a decorrere dal sessantesimo giorno successivo alla data di ricevimento, da parte dell Impresa, della raccomandata o della Pec. In pendenza del termine per l operatività della risoluzione, l impresa ha l obbligo di adempiere a tutte le obbligazioni a suo carico. Resta impregiudicato il diritto del Comune al risarcimento dei danni eventualmente subiti, tenuto conto della natura dell affidamento, anche rivalendosi sulla cauzione definitiva. Qualora l inadempimento sia determinato da causa di forza maggiore, l Impresa dovrà notificare, a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento o tramite fax o Pec, tale circostanza al Comune. 11

12 Il contratto si risolve, altresì, nelle seguenti ipotesi: in caso di inosservanza, da parte dell Impresa, delle norme di legge relative al personale dipendente, agli obblighi previdenziali, assicurativi, contrattuali, ecc.; in caso di inosservanza di quanto previsto dall art. 3 della Legge n. 136/2010 e s.m.i. in ordine alla tracciabilità dei flussi finanziari; in caso di cessione o subappalto totale o parziale del servizio; in caso di accertata inadeguatezza degli operatori impiegati nel servizio; in tutti gli altri casi espressamente previsti dal presente Capitolato. Il Comune può, altresì, risolvere il contratto in qualsiasi momento per motivi di pubblico interesse. Art. 24 RECESSO Il Comune, per giusta causa, ha diritto di recedere unilateralmente dal contratto, in tutto o in parte, in qualsiasi momento, con un preavviso di almeno 60 (sessanta) giorni salvo i casi in cui si renda necessario un termine inferiore - da comunicarsi all Impresa con lettera raccomandata a/r o Pec. Si conviene che per giusta causa si intendono, sempre a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, casi come i seguenti: qualora contro l Impresa sia stato depositato un ricorso ai sensi della Legge fallimentare o di altra legge applicabile in materia di procedure concorsuali, che proponga lo scioglimento, la liquidazione, la composizione amichevole, la ristrutturazione dell indebitamento o il concordato con i creditori, ovvero nel caso in cui venga designato un liquidatore, curatore, custode o soggetto avente simili funzioni, il quale entri in possesso dei beni o venga incaricato della gestione degli affari dell Impresa, fatto salvo il rispetto di quanto previsto in merito dalle vigenti disposizioni legislative; qualora l Impresa perda i requisiti minimi necessari per l affidamento del servizio in oggetto, ovvero qualora la stessa non sia più in possesso delle necessaire iscrizioni e/o autorizzazioni; qualora taluno dei componenti l organo di amministrazione o l amministratore delegato o il responsabile tecnico dell Impresa siano condannati, con sentenza passata in giudicato, per delitti contro la Pubblica Amministrazione, l ordine pubblico, la fede pubblica o il patrimonio, o altri reati previsti dall art. 135 del D.Lgs. 163/06 e s.m.i., ovvero siano assoggettati alle misure previste dalla normativa antimafia, fatto salvo il rispetto di quanto previsto in merito dalle vigenti disposizioni legislative. Il Comune si riserva, inoltre, la facoltà di recedere dal contratto, senza penali a proprio carico e senza che l Impresa nulla possa pretendere, qualora disposizioni normative e/o atti riorganizzativi dei servizi rendessero superata la necessità del servizio in oggetto. Dalla data di efficacia del recesso, l Impresa dovrà cessare tutte le prestazioni contrattuali assicurando, tuttavia, attraverso l attivazione di una diretta consultazione con il Comune, che tale cessazione non comporti danno alcuno al Comune. Quindi, l Impresa dovrà comunque, se richiesto dal Comune, proseguire le prestazioni la cui interruzione/sospensione potrebbe, a giudizio del Comune, provocarle danno. In caso di recesso, l impresa avrà diritto alla parte di corrispettivo inerente le attività già svolte ed effettuate in conformità al presente Capitolato, alle condizioni ivi stabilite. L Impresa rinuncia espressamente, già da ora, a qualsiasi eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria e a qualsiasi compenso, indennizzo e/o rimborso spese, in deroga a quanto previsto dall art del Codice Civile. Art. 25 SOSPENSIONE DEL SERVIZIO L Impresa, in nessun caso, potrà sospendere il servizio di propria iniziativa, nemmeno quando siano in corso controversie con il Comune. 12

13 Di conseguenza, la sospensione del servizio per decisione unilaterale dell Impresa costituisce inadempienza contrattuale tale da motivare la risoluzione del contratto, restando a carico dell inadempiente tutti gli oneri e le conseguenze derivanti da tale evento. Art. 26 TRATTAMENTO DEI DATI L Impresa ha l obbligo di mantenere riservati i dati e le informazioni di cui venga a conoscenza o, comunque, di cui possa prendere visione nei luoghi ove vengono svolte le prestazioni in oggetto e si impegna a non divulgarle in alcun modo ed in qualsiasi forma, così come a non farne oggetto di utilizzazione, a qualsiasi titolo, per scopi diversi da quelli strettamente necessari all esecuzione del servizio in oggetto. L Impresa è responsabile per l esatta osservanza degli obblighi di riservatezza anzidetti da parte dei propri dipendenti, eventuali soci, consulenti e/o collaboratori. In caso di inosservanza degli obblighi di riservatezza anzidetti, il Comune ha la facoltà di dichiarare risolto il contratto inerente il presente servizio, fermo restando che l Impresa sarà tenuta a risarcire tutti i danni che dovessero derivare al Comune e/o a terzi. L Impresa non potrà utilizzare alcuna informazione e/o dato acquisito durante il rapporto contrattuale, né costituire banche dati a fini commerciali e/o divulgativi, se non previa autorizzazione del Comune. Le Parti si impegnano ad improntare il trattamento dei dati ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, nel pieno rispetto di quanto definito dal D.Lgs. 196/2003 e s.m.i., con particolare attenzione anche a quanto prescritto riguardo alle misure minime di sicurezza. Il Comune, ai sensi del predetto D.Lgs. 196/2003 e s.m.i., informa l Impresa che tratterà, anche con strumenti informatici, i dati personali per lo svolgimento delle attività e per l assolvimento degli obblighi previsti dalle leggi e dai regolamenti in materia, nei modi e nei limiti indispensabili per il perseguimento dei fini che con il presente atto si intendono perseguire ed, altresì, dei diritti della medesima di cui all art. 7 dello stesso D.Lgs. 196/2003 e s.m.i.. I dati personali potranno essere oggetto di comunicazione e/o di diffusione nelle ipotesi e nei limiti previsti dalle norme di legge in vigore e dai provvedimenti del Garante. E fatta salva la disciplina in materia di accesso agli atti amministrativi di cui alla L. n.241/1990 e s.m.i., con i limiti di cui al D.Lgs. N.163/2006 e s.m.i.. Art. 27 SPESE A CARICO DELL IMPRESA Tutte le spese, imposte e tasse inerenti e conseguenti l affidamento del servizio o a questo consequenziali, nessuna eccettuata o esclusa, saranno a carico dell Impresa, con rinuncia al diritto di rivalsa nei confronti del Comune. È a carico del Comune l IVA sul corrispettivo dell appalto. Art. 28 FORMALIZZAZIONE DELL AFFIDAMENTO Ai sensi del Regolamento comunale per i lavori, le forniture ed i servizi in economia, a seguito determinazione dell Ufficio Tecnico comunale, l affidamento del servizio in oggetto verrà formalizzato mediante apposita comunicazione scritta che il Responsabile del servizio invierà all Impresa e che quest ultima dovrà sottoscrivere. ART. 29 FORO COMPETENTE Per qualsiasi controversia dovesse insorgere in merito al servizio in oggetto, qualora la stessa non sia composta in via bonaria, sarà competente, in via esclusiva, il Foro di Bergamo, con esclusione della competenza arbitrale. 13

14 Nelle more di un eventuale giudizio, l Impresa non potrà sospendere il servizio. È fatta salva la possibilità per il Comune di procedere per i danni subiti. ART. 30 NORME FINALI E DI RINVIO La presentazione dell offerta comporta la piena ed incondizionata accettazione, da parte dell Impresa, di tutte le disposizioni contenute nel presente Capitolato. Per tutto quanto non previsto dal presente Capitolato si fa riferimento alla normativa vigente, al Codice Civile, nonché ad ogni altra vigente disposizione in merito applicabile. Il presente Capitolato si compone di n. 30 articoli. Letto, confermato, accettato e sottoscritto.,lì Timbro e firma Ai sensi e per gli effetti delle disposizioni di cui all articolo 1341 del Codice Civile, vengono espressamente approvate ed accettate le clausole previste da tutti gli articoli del presente Capitolato.,lì Timbro e firma Il Capitolato deve essere sottoscritto dal titolare, o dal legale rappresentante dell Impresa o da altro soggetto munito di poteri rappresentativi. 14

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli