Circolare per il professionista

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare per il professionista"

Transcript

1 Circolare per il professionista Circolare n. 3 del 19 marzo 2014 Disciplina del reclamo e della mediazione tributaria - Novità della L n. 147 (legge di stabilità 2014) e chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate n. 1 INDICE 1 Modifiche alla disciplina del reclamo e della mediazione tributaria Chiarimenti ufficiali Tabella riepilogativa Mancato esperimento della mediazione Profili procedurali Effetti delle novità della L. 147/ Costituzione in giudizio Effetti della mediazione ai fini dei contributi previdenziali e assistenziali Riscossione delle somme intimate Decorrenza delle modifiche Atti notificati dal Liti di rimborso

2 1 MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL RECLAMO E DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ai sensi dell art. 17-bis del DLgs. 546/92, in caso di notifica, ad opera dell Agenzia delle Entrate, di un atto di valore sino a ,00 euro, il contribuente è tenuto a notificare apposito reclamo, che, solo in via eventuale, può contenere una proposta di mediazione. Successivamente a ciò, su iniziativa del contribuente o su invito dell Agenzia delle Entrate, la lite può essere definita tramite mediazione, fruendo degli stessi benefici contemplati dall art. 48 del DLgs. 546/92 in tema di conciliazione giudiziale, quindi della possibilità di negoziazione della pretesa nonché di riduzione delle sanzioni al 40%. Qualora le parti non riescano a trovare un accordo, oppure quando il reclamo non sia accolto in via amministrativa, esso si converte in ricorso e va depositato presso la segreteria della Commissione tributaria. L art. 1 co. 611 lett. a) della L n. 147 (legge di stabilità 2014) ha apportato significative modifiche all art. 17-bis del DLgs. 546/92, prevedendo che il deposito del ricorso prima di esperire la fase di mediazione non comporta più l inammissibilità, ma solo l improcedibilità della lite. Inoltre, ora è sancito che la notifica del reclamo causa la sospensione della riscossione degli importi richiesti con l atto impugnato, sino al termine della fase di mediazione, perciò sino al decorso di 90 giorni dalla notifica del reclamo. Le ulteriori novità possono essere riepilogate come segue: la mediazione va stipulata entro 90 giorni dalla notifica del reclamo e, a prescindere dalla notifica di atti di diniego e/o di accoglimento parziale del reclamo, il termine di 30 giorni entro cui, a pena di inammissibilità, occorre costituirsi in giudizio, decorre dallo spirare del 90 giorno (in pratica, occorre depositare il ricorso/reclamo entro massimo 120 giorni dalla notifica del medesimo); il suddetto termine di 90 giorni soggiace alla disciplina dei termini processuali; la mediazione ha effetto anche in relazione ai contributi previdenziali/assistenziali la cui base imponibile è riconducibile a quella delle imposte sui redditi. 1.1 CHIARIMENTI UFFICIALI I primi chiarimenti ufficiali sulle modifiche apportate dalla L. 147/2013 sono stati forniti con la circ. Agenzia delle Entrate n TABELLA RIEPILOGATIVA Di seguito, si riepilogano gli aspetti che sono stati modificati per effetto della L. 147/2013. FATTISPECIE ANTE L. 147/2013 POST L. 147/2013 Deposito del ricorso prima della mediazione Termine per la costituzione in giudizio Inammissibilità Decorsi 90 giorni dalla notifica del reclamo o dalla ricezione del diniego di reclamo o dell accoglimento parziale del reclamo Improcedibilità Sempre decorsi 90 giorni dalla notifica del reclamo Termine di 90 giorni per la mediazione Non opera la sospensione feriale Si applica la sospensione feriale Sospensione del pagamento e Operano le norme contenute Riscossione degli importi della riscossione per 90 giorni nelle singole leggi d imposta dalla notifica del reclamo Contributi previdenziali e Non era previsto nulla L accordo di mediazione 2

3 assistenziali ha effetto anche a tali fini Si precisa che la L. 147/2013 non ha mutato l ambito applicativo dell istituto, che resta circoscritto agli atti emessi dall Agenzia delle Entrate di valore non superiore a ,00 euro 1. 2 MANCATO ESPERIMENTO DELLA MEDIAZIONE L art. 17-bis co. 2 del DLgs. 546/92 post L. 147/2013 stabilisce che la mancata presentazione del reclamo non ha più come effetto l inammissibilità del ricorso, ma l improcedibilità, delineando una speciale procedura scaturente dalla relativa eccezione opposta dall Agenzia delle Entrate. Nelle situazioni ordinarie, dopo la notifica dell atto di reclamo, vi sono 90 giorni entro cui la mediazione deve essere stipulata. Decorso tale termine, scattano i 30 giorni entro cui il contribuente, a pena di inammissibilità, deve provvedere al deposito del ricorso ai sensi dell art. 22 del DLgs. 546/92. Invece, nelle liti ricorribili, dopo il ricorso e la costituzione in giudizio, il giudice, successivamente all esame preliminare dell impugnazione, fissa l udienza di trattazione come prevede l art. 31 del DLgs. 546/92. Potrebbe accadere che il contribuente, per errore, abbia notificato il ricorso in luogo del reclamo, e che, per questo motivo, abbia provveduto alla propria costituzione in giudizio decorsi i consueti 30 giorni 2, o comunque prima del decorso dei 90 giorni dalla notifica del reclamo, come espressamente prevede l art. 17-bis co. 2 del DLgs. 546/92. Non ha importanza la denominazione dell impugnazione (ricorso o reclamo), in quanto il contenuto del reclamo notificato all Agenzia delle Entrate deve coincidere con il ricorso che verrà depositato in segre-teria PROFILI PROCEDURALI Esaminando la questione sotto un ottica operativa, dopo la notifica, ad opera dell Agenzia delle Entrate, di un atto reclamabile, il contribuente notifica il ricorso/reclamo, a pena di inammissibilità entro i 60 giorni, e si costituisce in giudizio, per errore, prima del decorso di 90 giorni da tale notifica. Il processo, nella fase che potremmo definire iniziale, prosegue nelle forme ordinarie, quindi, ai sensi degli artt del DLgs. 546/92, il Presidente di sezione, dopo l assegnazione del ricorso, effettua un primo vaglio sull ammissibilità dell impugnazione. Vi è però una particolarità: l inammissibilità, in detta sede e nella successiva udienza, non può essere dichiarata per mancato esperimento della mediazione. Dopo l esame preliminare del ricorso, viene comunicata la data dell udienza. Spetta quindi all Agenzia delle Entrate la scelta circa l opportunità di eccepire l improcedibilità 4, e se questo avviene il giudice rinvia la trattazione al fine di consentire alle parti di incontrarsi per la mediazione. L Agenzia delle Entrate, a questo punto, convocherà il contribuente per la mediazione 5. 1 Per determinare il valore della lite, si considera l imposta richiesta o l ammontare delle sanzioni in caso di atti irrogativi delle medesime, come prevede l art. 12 co. 5 del DLgs. 546/92. 2 L art. 22 del DLgs. 546/92 impone di depositare il ricorso entro 30 giorni dalla notifica. 3 Invero, l improcedibilità potrebbe sussistere altresì quando l atto, denominato come ricorso, sia indirizzato alla sola Commissione tributaria, e non anche all Agenzia delle Entrate. 4 L art. 17-bis co. 2 del DLgs. 546/92 stabilisce che l Agenzia delle Entrate eccepisce l improcedibilità in sede di rituale costituzione in giudizio, il che induce ad affermare che l eccezione possa essere opposta solo in caso di costituzione tempestiva (art. 23 del DLgs. 546/92). Ciò sembra confermato dalla circ. Agenzia delle Entrate n. 1, ove, nel 2, si sostiene che l improcedibilità va eccepita entro 150 giorni dalla presentazione dell istanza di reclamo (90 giorni per consentire la mediazione a cui si sommano i 60 per la costituzione in giudizio). 5 Tuttavia l art. 17-bis del DLgs. 546/92 presenta alcune imprecisioni lessicali, in quanto da un lato afferma che il Presidente rileva l improcedibilità, dall altro che egli rinvia la trattazione. Ora, se l improcedibilità viene rilevata dal 3

4 In assenza di indicazioni da parte dell art. 17-bis del DLgs. 546/92, se dopo il rinvio dell udienza la mediazione venisse stipulata, il processo sarebbe estinto per cessazione della materia del contendere, e le spese processuali dovrebbero rimanere a carico della parte che le ha sostenute, come prevede l art. 46 co. 3 del DLgs. 546/92. Si evidenzia che la scelta circa l eccezione di improcedibilità è in capo solo all Agenzia delle Entrate, per cui il giudice, da un lato, non può rilevare l improcedibilità d ufficio, dall altro, non può negare il rinvio dell udienza. L unico caso in cui la Commissione può rigettare l eccezione si ha ove essa ritenga che l atto non sia reclamabile, ad esempio in quanto di valore indeterminabile. Qualora l Agenzia delle Entrate non eccepisca l improcedibilità nelle controdeduzioni, non lo potrà fare, a nostro avviso, nelle memorie, in udienza o, tantomeno, in appello. 2.2 EFFETTI DELLE NOVITÀ DELLA L. 147/2013 Per effetto delle modifiche apportate dalla L. 147/2013, vengono meno le problematiche sugli effetti della notifica del ricorso in luogo del reclamo nelle ipotesi dubbie, come le cartelle di pagamento 6. Proprio in questo caso, se il contribuente ricorre, saltando la fase di mediazione, contro una cartella di valore sino a ,00 euro eccependo vizi sia del ruolo che della cartella, il giudice, se sollecitato, si limita a rinviare l udienza, e tale rinvio varrà anche per la porzione di impugnazione relativa ai vizi imputabili ad Equitalia 7. L innovazione apportata dalla L. 147/2013 è da accogliere con favore, in quanto l effetto dell errore del contribuente è il semplice rinvio dell udienza. Anzi, addirittura si potrebbe sostenere che, per scelta processuale del difensore, possa essere depositato subito il ricorso/reclamo, confidando nel fatto che, per la peculiarità delle situazioni trattate, l improcedibilità non verrà eccepita. 3 COSTITUZIONE IN GIUDIZIO Se la fase di mediazione ha esito negativo, il contribuente non deve formare un ulteriore ricorso, in quanto il reclamo stesso diviene tale. L art. 17-bis co. 9 del DLgs. 546/92 stabilisce che il termine per la costituzione in giudizio decorre spirati 90 giorni dalla notifica del reclamo, se entro detta data non sia stato notificato l accoglimento del reclamo stesso o non sia stata conclusa la mediazione 8. Si rammenta che il termine per la costituzione in giudizio del contribuente è di 30 giorni 9 mentre quello per il resistente è di 60 giorni 10. Rimane applicabile la sospensione feriale dei termini sia per il termine Presidente, questo dovrebbe avvenire nell esame preliminare del ricorso, quindi prima che l udienza sia stata fissata, per cui non sussisterebbe alcuna necessità di rinvio, ma solo di fissazione dell udienza in una data utile per consentire alle parti il confronto finalizzato all esame del reclamo. 6 Ove il reclamo si ritiene necessario solo per i vizi del ruolo (esempio, omessa comunicazione bonaria nella liquidazione automatica), ma non per quelli della cartella di pagamento (ad esempio, omessa indicazione del responsabile del procedimento), che sono imputabili ad Equitalia. 7 Se la mediazione venisse stipulata, verrebbero automaticamente meno i vizi della cartella di pagamento, e il processo sarebbe estinto per cessazione della materia del contendere. 8 Prima delle innovazioni apportate dalla L. 147/2013, il termine sarebbe decorso anche dal giorno in cui il contribuente avesse ricevuto il diniego di reclamo o l accoglimento parziale del reclamo dall Agenzia delle Entrate, se anteriori ai 90 giorni. 9 Art. 22 del DLgs. 546/ Art. 23 del DLgs. 546/92. 4

5 relativo alla costituzione in giudizio sia per il termine di 90 giorni, essendo quest ultimo ora soggetto alla disciplina sui termini processuali 11. È importante delineare il momento da cui decorre il termine per la costituzione in giudizio del contribuente, il cui mancato rispetto, come prevede l art. 22 del DLgs. 546/92, conduce all inammissibilità del ricorso, a differenza di ciò che avviene per il resistente. In applicazione dei principi generali in tema di notifica, i termini dovrebbero decorrere spirati 90 giorni computati dal momento in cui l Agenzia delle Entrate ha ricevuto il reclamo, ma è sempre bene adottare una condotta cautelativa: quindi il dies a quo per la costituzione in giudizio dovrebbe essere conteggiato dalla data di notifica del reclamo (consegna/spedizione). Ad ogni modo, in base al combinato disposto degli artt. 17-bis co. 9 e 22 del DLgs. 546/92, il deposito del ricorso va eseguito al massimo entro 120 giorni dalla notifica dell atto di reclamo EFFETTI DELLA MEDIAZIONE AI FINI DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI In base all art. 17-bis del DLgs. 546/92, così come modificato dalla L. 147/2013, l esito del procedimento di mediazione rileva anche per i contributi previdenziali e assistenziali la cui base imponibile è riconducibile a quella delle imposte sui redditi. Si tratta quindi, ad esempio, dei contributi INPS dovuti dagli artigiani e commercianti. Viene quindi introdotta una norma analoga a quanto previsto dall art. 2 co. 3 del DLgs. 218/97 in tema di accertamento con adesione. Sulle somme dovute a titolo di contributi non sono previsti né sanzioni né interessi. Nel 3 della circ. Agenzia delle Entrate n. 1 si afferma che il pagamento dei contributi viene eseguito tramite modello F24, con le apposite causali da inserire nella sezione INPS. 5 RISCOSSIONE DELLE SOMME INTIMATE Ai sensi del nuovo co. 9-bis dell art. 17-bis del DLgs. 546/92, il pagamento nonché la riscossione delle somme dovute in base all atto reclamato sono sospesi fino alla data in cui decorre il termine per la costituzione in giudizio: ciò significa che la sospensione permane per una durata minima di 90 giorni dalla notifica del reclamo, alla quale potrebbe doversi sommare il periodo di pausa estiva 13. In assenza di mediazione sono dovuti gli interessi previsti dalle singole leggi d imposta. La sospensione non opera in caso di improcedibilità del ricorso. Secondo l Agenzia delle Entrate, in tal caso viene meno anche la possibilità di esame della sospensiva ad opera del giudice, siccome a fronte di un ricorso improcedibile nessuna attività processuale può avvenire, nemmeno di tipo cautelare Art. 1 della L. 742/69. Circostanza confermata dall Agenzia delle Entrate nella circ n. 1 ( 5.1), secondo cui trovano inoltre applicazione tutte le disposizioni relative alla sospensione o interruzione dei termini processuali. 12 Novanta giorni dalla notifica del reclamo ai quali si devono sommare i trenta per la costituzione in giudizio. 13 L Agenzia delle Entrate evidenzia che la sospensione non opera per il reclamo notificato avverso atti che non rientrano nell art. 17-bis del DLgs. 546/92 (circ n. 1, 4), come per gli atti emanati dall Agente della Riscossione con vizi imputabili solo ad esso. Per contro, aggiungiamo noi, la sospensione dovrebbe permanere qualora il contribuente ricorra contro l atto emesso da Equitalia (cartella di pagamento, intimazione) eccependo l omessa notifica dell atto presupposto (vizio imputabile all Agenzia delle Entrate, ipotesi ritenuta soggetta a reclamo nella circ. Agenzia delle Entrate n. 9, 1.1). 14 Circ n. 1 ( 2.1). 5

6 Inoltre, sempre ad avviso dell Agenzia delle Entrate, la sospensione non sussiste se il ricorso viene depositato prima del termine di 90 giorni dalla notifica del reclamo, senza che sia necessaria la dichiarazione giudiziale di improcedibilità 15. A parte tale aspetto, viene meno la problematica relativa all impossibilità di chiedere al giudice la sospensiva ex art. 47 del DLgs. 546/92 prima della costituzione in giudizio, in quanto se la riscossione è sospesa nessuna misura cautelare può essere adottata 16. Nelle imposte d atto, notificato il reclamo si ha come detto una sospensione di 90 giorni per il pagamento, per cui se gli importi intimati non vengono corrisposti entro il termine di 60 giorni dalla notifica dell accertamento, come prevedono in genere i testi normativi di riferimento 17, nessuna sanzione da tardivo versamento ai sensi dell art. 13 del DLgs. 471/97 potrà essere irrogata. Si evidenzia però che, se la mediazione non viene stipulata, la sospensione della riscossione cessa quando inizia a decorrere il termine per la costituzione in giudizio. Quindi, il pagamento, per essere certi di evitare la sanzione menzionata, dovrà avvenire il 91 giorno successivo alla notifica del reclamo 18. Il medesimo discorso va fatto per gli accertamenti esecutivi, posto che se il pagamento fosse tardivo il contribuente, oltre alle somme contestate, dovrebbe corrispondere gli interessi di mora e gli aggi di riscossione pari all 8% degli importi contestati 19. La chiarezza del co. 9-bis dell art. 17-bis del DLgs. 546/92 porta ad affermare che la sospensione si verifica pure per le imposte la cui disciplina non contempli la riscossione frazionata, come per le cartelle di pagamento emanate sulla base della dichiarazione 20. Secondo l Agenzia delle Entrate 21, rimane comunque ferma la riscossione nel caso di fondato pericolo per la medesima, circostanza che legittima l iscrizione delle somme nei ruoli straordinari o l affidamento anticipato all Agente della Riscossione DECORRENZA DELLE MODIFICHE L art. 1 co. 611 lett. b) della L. 147/2013 stabilisce che le novità introdotte si applicano agli atti notificati decorsi sessanta giorni dall entrata in vigore della stessa legge: quindi, permangono i dubbi di legittimità costituzionale relativi all inammissibilità derivante dal mancato reclamo per il precedente periodo, argo-mento su cui è già investita della questione la Corte costituzionale 23. Oltre a ciò, in merito al precedente periodo rimane la questione relativa all impossibilità di accesso alla tutela cautelare prima del deposito del ricorso. 15 Circ n. 1 ( 4). 16 Ciò sembra confermato nel 4 della circ. Agenzia delle Entrate n. 1, ove si specifica che, a seguito di ricezione dell istanza di reclamo, l Ufficio non procede né all affidamento dei crediti né ad iscrivere a ruolo le somme, per cui viene meno concretamente l eventualità dell azione cautelare ad opera di Equitalia. 17 Si veda, ad esempio, l art. 56 del DPR 131/ Sanzione che, comunque, dovrà essere ridotta d ufficio a 1/15 per giorno di ritardo, se il pagamento avviene nei quindici giorni successivi alla scadenza dei 90 giorni (art. 13 del DLgs. 471/97). 19 Ai sensi dell art. 29 del DL 78/2010, il pagamento delle somme intimate con l accertamento esecutivo deve avvenire entro il termine per il ricorso. Se detto termine non viene rispettato, decorsi ulteriori 30 giorni gli importi sono affidati ad Equitalia, ma occorre pagare anche gli interessi di mora e gli aggi di riscossione (invece, per espressa disposizione normativa, le sanzioni da tardivo versamento non possono essere contestate). 20 Art. 14 del DPR 602/ Circ n. 1 ( 4). 22 Artt. 15-bis del DPR 602/73 e 29 del DL 78/2010. Nella menzionata ipotesi, deve ammettersi la possibilità di esame della sospensiva ex art. 47 del DLgs. 546/92 ad opera del giudice. 23 Si vedano C.T. Prov. Perugia n. 18/2/13 e C.T. Prov. Campobasso n. 75/2/13. 6

7 Tanto detto, la Corte costituzionale potrà dichiarare illegittimo l art. 1 co. 611 della L. 147/2013 nella parte in cui prevede che, in relazione al precedente periodo, il mancato esperimento della mediazione comporta l inammissibilità del ricorso, e lo stesso dicasi per l impossibilità di domandare la sospensiva al giudice. Si tratta, per entrambe le fattispecie, di situazioni che confliggono con il diritto di difesa, e quindi con l art. 24 della Costituzione 24. L eventuale sentenza della Corte costituzionale che dichiarasse illegittima la disciplina di cui alla L. 147/2013 non può avere effetto sui c.d. rapporti giuridici esauriti, quali una lite coperta dal giudicato: allora, se un contribuente avesse presentato, per errore, ricorso in luogo del reclamo e fosse risultato soccombente in primo grado a causa dell inammissibilità, per poter beneficiare degli effetti della sentenza della Corte costituzionale avrebbe l onere di presentare appello. 6.1 ATTI NOTIFICATI DAL In base all art. 1 co. 611 lett. b) della L. 147/2013, le innovazioni introdotte operano a decorrere dagli atti reclamabili notificati decorsi sessanta giorni dall entrata in vigore della stessa legge, quindi dagli atti notificati dal (in concreto, dal , posto che il 2 marzo cade di domenica), essendo la L. 147/2013 entrata in vigore l L Agenzia delle Entrate, nella circ n. 1 ( 1), rileva che, ai fini della decorrenza, bisogna riferirsi alla data in cui l atto è stato ricevuto dal contribuente, e non al giorno in cui questo è stato spedito o consegnato all agente notificatore, in coerenza con la c.d. scissione della notifica 25. Pertanto, se l accertamento è stato spedito l , operano le novità della L. 147/2013 se la ricezione ad opera del contribuente avviene dal Nonostante l argomento non sia trattato nella suddetta circolare, per delineare il preciso momento di decorrenza della nuova normativa bisogna analizzare le diverse forme di notifica contemplate dal sistema per gli atti fiscali, sintetizzate nella seguente tabella. NORMA TIPOLOGIA DI NOTIFICA PERFEZIONAMENTO Artt. 60 del DPR 600/73 e 26 del DPR 602/73 Mani proprie, soggetti conviventi, domiciliatari Data di ricezione dell atto Artt. 60 del DPR 600/73 e 140 c.p.c. Art. 60 co. 1 lett. e) del DPR 600/73 Artt. 60 co. 1 lett. e) del DPR 600/73 e 26 del DPR 602/73 Irreperibilità relativa Irreperibilità assoluta Irreperibilità assoluta Data di ricezione della raccomandata o dieci giorni dal suo deposito Otto giorni dopo l affissione presso l albo comunale (avvisi di accertamento) Il giorno dopo l affissione presso l albo comunale (cartelle di pagamento) 24 Non a caso, la Corte costituzionale, in passato, ha dichiarato l illegittimità di norme che condizionavano la proponibilità del ricorso alla presentazione del ricorso gerarchico (ad esempio, si veda la sentenza n. 406 sul vecchio art. 33 del DPR 642/72 in tema di imposta di bollo o, ancora, la sentenza n. 93, ove il vecchio art. 10 co. 2 e 3 del RD 148/31 è stato dichiarato incostituzionale nella parte in cui prevedeva l improponibilità rectius inammissibilità di una determinata azione giudiziale anziché l improcedibilità in caso di mancato previo esperimento del ricorso gerarchico). 25 In base a tale principio, la notificazione si perfeziona, nei confronti del notificante, al momento della consegna dell atto all agente notificatore o di spedizione del medesimo, e per il notificatario al momento di ricezione dell atto (artt. 60 del DPR 600/73 e 149 c.p.c.; Corte cost n. 28). 7

8 Art. 8 della L. 890/82 Irreperibilità Dieci giorni dal deposito della raccomandata Pertanto, se un accertamento è stato notificato nelle forme per gli irreperibili assoluti, le novità della L. 147/2013 operano se il coincide, al più tardi, con l ottavo giorno successivo a quello in cui l atto è stato depositato presso l albo comunale LITI DI RIMBORSO Nelle liti che originano da una domanda di rimborso, il discorso si presenta più articolato. Se si tratta di diniego espresso, valgono le osservazioni appena effettuate. Invece, qualora si verta nell ipotesi del silenzio-rifiuto, come specificato nella circ. Agenzia delle Entrate n. 1 ( 1), bisogna vagliare il momento in cui questo si è formato 27, per cui le novità operano ove alla data del 2 marzo 2014, non sia già decorso il termine di 90 giorni dalla presentazione della relativa istanza di rimborso. Bisogna rilevare altresì che, in merito ai silenzi-rifiuti per i quali, al , era già spirato il termine dei 90 giorni, l istituto del reclamo non opera proprio, posto che esso si applica, ai sensi dell art. 39 co. 11 del DL 98/2011 conv. L. 111/2011, per gli atti reclamabili notificati dall ATTO IMPOSITIVO Accertamento, avviso di liquidazione, cartella di pagamento, diniego espresso Accertamento, avviso di liquidazione, cartella di pagamento, diniego espresso Silenzio-rifiuto Silenzio-rifiuto Silenzio-rifiuto RICEZIONE/FORMAZIONE DEL SILENZIO-RIFIUTO Atti ricevuti sino all Atti ricevuti dal Silenzio formatosi sino al Silenzio formatosi dall Silenzio formatosi dall sino all Silenzio-rifiuto Silenzio formatosi dal DISCIPLINA APPLICABILE Reclamo (disciplina ante L. 147/2013) Reclamo (disciplina post L. 147/2013) Non opera il reclamo Opera il reclamo Reclamo (disciplina ante L. 147/2013) Reclamo (disciplina post L. 147/2013) 26 La questione non muterebbe ove l ottavo giorno successivo al deposito dell atto presso l albo comunale coincida con il (domenica), in quanto l art c.p.c., richiamato dall art. 66 del DPR 600/73, sancisce che se il termine scade in giorno festivo, è prorogato di diritto al giorno seguente non festivo. 27 Ai sensi dell art. 21 del DLgs. 546/92, il silenzio-rifiuto si forma decorsi 90 giorni dalla presentazione della domanda di rimborso. In virtù del principio prima esposto in tema di notifiche, che ha valenza generale, sembra necessario, per il termine iniziale, fare riferimento alla data in cui l Amministrazione ha ricevuto l istanza (quindi nel giorno di consegna o nel giorno di ricezione del plico, se è utilizzata la posta), sebbene sarebbe opportuna una conferma della giurisprudenza. 28 Questo significa che, se si decide di impugnare tra diversi anni, permane la necessità del ricorso, quand anche l imposta richiesta fosse inferiore a ,00 euro (nel caso del silenzio-rifiuto, il ricorso va notificato entro il termine di prescrizione decennale). 8

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

Mediazione tributaria: la nuova procedura.

Mediazione tributaria: la nuova procedura. Mediazione tributaria: la nuova procedura. La Legge di stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 47, art. 1 comma 611) ha introdotto alcune importanti modifiche all art 17 bis del D. Lgs. 546/92 rubricato

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE .. CIRCOLARE SETTIMANALE settembre 2011 N 2 Tutte le informazioni sono tratte, previa critica rielaborazione, dalla normativa vigente primaria (leggi, decreti, direttive) e secondaria (circolari ministeriali

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 INDICE Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L AUTOTUTELA 1. Inquadramento normativo... pag. 31 1.1 Le fonti... pag. 32 1.2 Gli

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: La sospensione feriale dei termini processuali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, come ogni anno, anche questa estate la giustizia

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE NEL PROCESSO TRIBUTARIO Convegno X Settimana nazionale della Conciliazione 2013 Rilancio degli strumenti di giustizia alternativa Panoramica sugli strumenti

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO L art. 37 della manovra correttiva introduce all art. 13 del DPR n. 115/2002 il nuovo comma 6-quater che prevede il versamento del contributo unificato per i ricorsi

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA Dott. Steven Mohamed TRACCIA Un contribuente, lavoratore autonomo, per il periodo d imposta 2013

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA A cura di Sebastiano Barusco I SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche Società di persone Società di capitali IRRILEVANZA SOGGETTIVITÀ CONTRIBUENTE 2 LE CONDIZIONI TIPOLOGIA

Dettagli

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale delle Marche LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 1 LA NORMA La mediazione ( Il reclamo e la mediazione ) è stata inserita nel

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte.

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA TELEFONO:

Dettagli

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA INTRODUZIONE 4 1.L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO ISTITUTO 5 1.1 La tipologia di atto impugnato 5 1.2 L Agenzia delle

Dettagli

Studio Menichini Dottori Commercialisti

Studio Menichini Dottori Commercialisti Studio Menichini Dottori Commercialisti Reclamo e mediazione tributaria (art. 17-bis del DLgs. 546/92) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Decorrenza...

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli CIRCOLARE A.F. N. 39 del 14 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la proroga del pagamento

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni:

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni: Presupposti e modalità operative della mediazione tributaria Se l'istanza è improponibile, i 30 giorni per costituirsi in giudizio decorrono dalla presentazione del "ricorso con istanza", ossia dalla sua

Dettagli

Cliccando su Ricorso Provinciale (CTP), si apre la schermata generale:

Cliccando su Ricorso Provinciale (CTP), si apre la schermata generale: Ricorso in Commissione tributaria provinciale In Contenzioso easy, per gestire in ricorso in commissione tributaria provinciale, si seleziona il riquadro Commissioni tributarie e si inserisce una nuova

Dettagli

Circolare n. 9. Reclamo e mediazione tributaria (art. 17-bis del DLgs. 546/92) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali INDICE

Circolare n. 9. Reclamo e mediazione tributaria (art. 17-bis del DLgs. 546/92) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali INDICE Reclamo e mediazione tributaria (art. 17-bis del DLgs. 546/92) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali Circolare n. 9 del 8 Settembre 2013 INDICE 1 Premessa... 3 1.1 Decorrenza... 4 1.2

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI NUOVI LIMITI ALLA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI PER RUOLI SCADUTI prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta,

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per

1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per 1) IL RICORSO Il ricorso è l atto introduttivo del processo tributario che deve essere proposto avanti la C.T.P. ad iniziativa del contribuente per istaurare il giudizio e pervenire alla pronuncia del

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale.

ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale. ricorso cartella triennio 1990-1992 Pag. n. 1 Alla Commissione tributaria Provinciale di Ricorrente:, nato a il e residente in, codice fiscale. Difensore: nato a il e residente in,, codice fiscale. Controparti:

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi...

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi... CIRCOLARE N. 49/E Roma, 01 ottobre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi dovuti per effetto di sentenze nei giudizi tributari INDICE 1. Premessa...2 2. Rimborsi

Dettagli

30/09/2014. RECLAMO E MEDIAZIONE TRIBUTARIA (art. 17 bis D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546) Agenda. Parte I

30/09/2014. RECLAMO E MEDIAZIONE TRIBUTARIA (art. 17 bis D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546) Agenda. Parte I RECLAMO E MEDIAZIONE TRIBUTARIA (art. 17 bis D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546) Avv. Alberto Alfredo Ferrario Alberto.alfredo.ferrario@gmail.com Agenda Parte I Finalità e natura giuridica dell istituto Le

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza........................................................» 13 Atti processuali 1. Ricorso

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1 CONTROLLO FORMALE 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi. Eseguita su tutte le dichiarazioni presentate.

Dettagli

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.)

L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) L accertamento tecnico preventivo obbligatorio nelle cause di invalidità (ex art. 445-bis C.p.c.) - Dall 01.01.2012 è in vigore nel nostro ordinamento giuridico l Accertamento Tecnico Preventivo obbligatorio

Dettagli

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Periodico informativo n. 75/2014 Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che a seguito della pubblicazione

Dettagli

Reclamo e mediazione per le liti tributarie

Reclamo e mediazione per le liti tributarie Reclamo e mediazione per le liti tributarie Art. 17 bis D.Lgs. N. 546/92 Circ. Ag. Entrate n. 9/E del 12 marzo 2012 Circ. Ag. Entrate n. 33 del 3 agosto 2012 Venezia 1 Linee generali Si tratta di un rimedio

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 01831/2012 REG.PROV.COLL. N. 00806/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N.18 del 10.05.2012 Il Caso della settimana A cura di Alessandro Borghese Reclamo su una ipotesi di ricostruzione indiretta di ricavi L art. 39, comma 9, del D.L. luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DEFIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI (approvato con atto deliberativo del C.C. n. 08 del 01/04/2004) SCHEMA DI REGOLAMENTO PROPOSTO DALL ASSERRORE

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI Il presente Regolamento composto da n. 44 articoli, è stato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 27/07/2003 con atto n. 34. IL SEGRETARIO

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI

SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI Il Ruolo e la cartella di pagamento: le impugnazioni degli avvisi di accertamento Catania, 8.02.2011 Ruolo Art. 17 D.Lgs. n. 46/1999: si effettua mediante

Dettagli

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE Circolare 29 del 12 dicembre 2014 Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE 1 Premessa... 3 2 Operazioni straordinarie delle società di persone

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Gennaio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il reclamo e la mediazione tributaria: inquadramento sistematico e novità introdotte dalla legge di stabilità 2014 1

Il reclamo e la mediazione tributaria: inquadramento sistematico e novità introdotte dalla legge di stabilità 2014 1 Il reclamo e la mediazione tributaria: inquadramento sistematico e novità introdotte dalla legge di stabilità 2014 1 Prof. Avv. Angelo Cuva Docente di Diritto Tributario Università di Palermo - Avvocato

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 106/2015 Luglio/16/2015 (*) Napoli 29 Luglio 2015 La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia con la Sentenza n 2597 del 16 aprile

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013 1 Dr. Flavio Staffa Circolare n. 12 del 15 settembre 2013 DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE 1 Premessa... 2 2 Dilazione delle somme

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 21 giugno 2010

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 21 giugno 2010 CIRCOLARE N. 37/E Roma, 21 giugno 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2010,

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 16 Novembre 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 28/2015: Riforma

Dettagli

Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo

Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo CIRCOLARE A.F. N. 82 del 17 Maggio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELL ONORARIO CORRISPOSTO AL DIFENSORE DELLA PARTE VITTORIOSA IN GIUDIZIO

IL TRATTAMENTO FISCALE DELL ONORARIO CORRISPOSTO AL DIFENSORE DELLA PARTE VITTORIOSA IN GIUDIZIO IL TRATTAMENTO FISCALE DELL ONORARIO CORRISPOSTO AL DIFENSORE DELLA PARTE VITTORIOSA IN GIUDIZIO intervento a cura di Danilo Sciuto danilosciuto@libero.it In questo scritto si analizzano i risvolti pratici

Dettagli

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Condizioni per il libero utilizzo dei crediti (art. 31 del Decreto Legge 78/2010) (D.M. 10 febbraio 2011) (RisMin. n. 18, del 21 febbraio 2011)

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione REGOLAMENTO IN MATERIA DI DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE E SUO RAVVEDIMENTO PER ULTERIORI PERIODI D'IMPOSTA. CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità della

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro

Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Contenzioso tributario: cosa cambia? della Dott.ssa Roberta De Pirro Approda in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 156 del 24 settembre 2015, che dà attuazione alla delega fiscale in materia di revisione

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Slide per incontri formativi in materia di MEDIAZIONE tributaria

MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Slide per incontri formativi in materia di MEDIAZIONE tributaria MEDIAZIONE TRIBUTARIA Slide per incontri formativi in materia di MEDIAZIONE tributaria 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Obbligatoria a pena di inammissibilità del ricorso Tutti gli atti suscettibili di impugnazione

Dettagli

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE Circolare n. 5 del 21 Luglio 2013 Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE 1 Premessa... 3 2 Utilizzo dei crediti commerciali

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

Incontro Studio 23 marzo 2012. dott. Alvise Bullo

Incontro Studio 23 marzo 2012. dott. Alvise Bullo Incontro Studio 23 marzo 2012 RIMINI LE PRINCIPALI NOVITA IN CONTENZIOSO TRIBUTARIO ANALISI PRATICA E SISTEMATICA dott. Alvise Bullo Ordine dei Dottori Commercialisti EC di Venezia Docente SSEF Pubblicista

Dettagli

È inesistente la notifica tramite poste private degli atti di riscossione emessi dal gestore del servizio rifiuti.

È inesistente la notifica tramite poste private degli atti di riscossione emessi dal gestore del servizio rifiuti. Atti di riscossione del servizio rifiuti: notifica con poste private è inesistente Commissione Tributaria Provinciale Enna, sez. III, sentenza 19.03.2015 n. 319/3/15 (Giuseppe Agozzino) È inesistente la

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

MEDIAZIONE TRIBUTARIA

MEDIAZIONE TRIBUTARIA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Novità Fiscali 2012: dal federalismo fiscale all abuso del diritto (IV Convegno Lerici) 1 MEDIAZIONE TRIBUTARIA L istanza di mediazione (di seguito, istanza) è obbligatoria a pena

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

ITER CONTENZIOSO PRIMO GRADO

ITER CONTENZIOSO PRIMO GRADO ITER CONTENZIOSO PRIMO GRADO AVVISO DI ACCERTAMENTO, CARTELLE, RUOLI, IPOTECHE,FERMI 1) NOTIFICA AVVISO ACCERTAMENTO 2) SI HANNO 60 GIORNI PER IMPUGNARE L'AVVISO DI ACCERTAMENTO E NOTIFICARLO ALL UFFICIO

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 4/2014. OGGETTO: Mini condono fiscale 2014 sulle somme iscritte a ruolo.

NOTA OPERATIVA N. 4/2014. OGGETTO: Mini condono fiscale 2014 sulle somme iscritte a ruolo. NOTA OPERATIVA N. 4/2014 OGGETTO: Mini condono fiscale 2014 sulle somme iscritte a ruolo. - Introduzione L art. 1 comma 618 della legge 147, del 27 dicembre 2013 (Legge di stabilità 2014), dà la possibilità

Dettagli