3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio."

Transcript

1 Conseguenze dell istanza

2

3 Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono essere facilmente individuate seguendo la traccia degli effetti originati dal ricorso in Commissione tributaria provinciale, considerato l intimo collegamento funzionale tra la fase amministrativa pre-processuale e quella concretamente giurisdizionale davanti alle Commissioni tributarie. L atto introduttivo di un giudizio prevalentemente genera: effetti sostanziali, ad esempio quello decadenziale, come nel caso del termine per la proposizione del ricorso di cui all art. 21, 1 comma del D.lvo n. 546, il cui spirare determina l inammissibilità del ricorso, ovvero della prescrizione del diritto alla restituzione di tributo non dovuto, di cui al successivo 2 comma, o ancora della prescrizione del diritto, ex art c.c.; effetti processuali, come la litispendenza (per effetto della quale si determina la carenza di potere del giudice successivamente adito a pronunciarsi sul merito della domanda già proposta davanti ad altro giudice, ex art. 39 c.p.c.) o la c.d. perpetuatio iurisdictionis (per effetto della quale sono irrilevanti, rispetto alla determinazione del giudice fornito di giurisdizione e di competenza, i mutamenti della legge vigente e dello stato di fatto successivi al momento della proposizione della domanda, ex art. 5 c.p.c.). Tenuto conto di tali effetti, è opportuno cogliere quelli prodotti dall istanza di mediazione. In primis la notifica dell istanza di mediazione alla Direzione Provinciale o alla Direzione Regionale dell Agenzia genera l effetto sostanziale di interrompere il decorso del termine di decadenza per l impugnazione dell atto. Infatti la chiamata in giudizio (vocatio in ius) ossia il momento in cui il contribuente comunica all Amministrazione resistente, attraverso la notifica del ricorso, la propria intenzione di adire il Giudice si realizza, relativamente alle controversie cui si applica l art. 17-bis, con la notifica dell istanza di mediazione alla competente Direzione Provinciale o Direzione Regionale. Il deposito presso la segreteria della Commissione tributaria del medesimo ricorso che ha costituito parte integrante dell istanza rappresenta la costituzione in giudizio, atto con il quale si chiede al Giudice l annullamento dell atto impugnato e che instaura l effettivo rapporto processuale. Tale effetto è conseguenza diretta dell espressa applicabilità al procedimento del reclamo degli artt. 18 ( Il ricorso ), 19 ( Atti impugnabili e oggetto del ricorso ), 20 ( Proposizione del ricorso ) e 21 ( Termine per la proposizione del ricorso ) del D.lvo n. 546 del 1992, operata dal 6 comma dell art. 17-bis. Effetti dell istanza Istanza di mediazione Costituzione in giudizio 73

4 LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA NEL PROCESSO TRIBUTARIO Termine 74 Infatti la chiamata in giudizio, nelle liti tributarie alle quali non è applicabile la procedura del reclamo di cui all art. 17-bis, è regolata dai citati artt. 18, 19, 20 e 21, i quali dettano appunto la disciplina delle modalità di presentazione del ricorso, sia per quanto riguarda il suo contenuto sia in relazione ai tempi (60 giorni) e alle modalità (notifica) per la presentazione dello stesso alla competente Direzione. La costituzione in giudizio, ovvero la presentazione del ricorso al Giudice, è invece disciplinata dagli artt. 22 e seguenti, con particolare importanza da rivolgere all art. 22 ( Costituzione in giudizio del ricorrente ) e all art. 23 ( Costituzione in giudizio della parte resistente ). Il termine di 30 giorni per la costituzione in giudizio del ricorrente (art. 22) inizia a decorrere dal giorno successivo: allo spirare del novantesimo giorno dal ricevimento dell istanza da parte della Direzione, nell ipotesi in cui non sia stato notificato il provvedimento di accoglimento della stessa oppure non sia stato formalizzato l accordo di mediazione; a quello nel quale viene notificato il provvedimento con il quale l Ufficio respinge l istanza prima del decorso dei predetti 90 giorni. Ai fini della tempestiva costituzione in giudizio bisogna avere riguardo allo spirare dei 90 giorni in tutti i casi in cui a tale data, per qualsiasi motivo, la risposta dell Ufficio non sia giunta a conoscenza del contribuente, ancorché in ipotesi sottoscritta entro i predetti 90 giorni; a quello di notificazione del provvedimento con il quale l Ufficio, prima del decorso di novanta giorni, accoglie parzialmente l istanza. In conclusione, il quadro normativo di riferimento, come articolato nella sequenza normativa, con particolare riguardo al combinato disposto dell art. 20, 1 comma (il ricorso è proposto mediante notifica a norma dei commi 2 e 3 dell art. 16) e appunto dell art. 16, relativo a comunicazioni e notificazioni, mostra che gli effetti sostanziali del ricorso devono essere indiscutibilmente ricondotti al momento della notifica dell istanza La rilevanza processuale dell istanza. L art. 17-bis, 9 comma del D.lvo n. 546 dispone che Decorsi 90 giorni senza che sia stato notificato l accoglimento del reclamo o senza che sia stata conclusa la mediazione, il reclamo produce gli effetti del ricorso. I termini di cui agli artt. 22 e 23 decorrono dalla predetta data. Se l Agenzia delle entrate respinge il reclamo in data antecedente, i predetti termini decorrono dal ricevimento del diniego. In caso di accoglimento parziale del reclamo, i predetti termini decorrono dalla notificazione dell atto di accoglimento parziale. L istanza di reclamo, per espressa previsione normativa, produce pertanto gli effetti del ricorso, di talché la notifica dell istanza corrisponde alla notificazione del ricorso e produce l effetto di chiamata in giudizio.

5 Conseguenze dell istanza Di conseguenza, il termine di 30 giorni, fissato dall art. 22 del D.lvo n. 546 per l instaurazione della controversia presso la Commissione tributaria provinciale attraverso il deposito del ricorso, con effetto di costituzione in giudizio, deve essere calcolato a partire dal giorno successivo: - a quello di compimento dei 90 giorni dal ricevimento dell istanza da parte della Direzione, senza che sia stato notificato il provvedimento di accoglimento della stessa ovvero senza che sia stato formalizzato l accordo di mediazione; - a quello di comunicazione del provvedimento con il quale l Ufficio respinge l istanza prima del decorso dei predetti 90 giorni; - a quello di comunicazione del provvedimento con il quale l Ufficio, prima del decorso di 90 giorni, accoglie parzialmente l istanza. Nel caso in cui il contribuente riceva comunicazione del provvedimento dopo la scadenza del 90 giorno, il termine di 30 giorni per la costituzione in giudizio decorre comunque dal giorno successivo a quello di compimento dei 90 giorni. Non si ritiene possa essere percorsa la via della notifica dell istanza di mediazione e, parallelamente e contemporaneamente, quella della notifica del ricorso, che risulterebbe di fatto inammissibile. Analogamente, non sembra percorribile neppure la doppia presentazione del ricorso in Commissione tributaria provinciale (la prima volta nel corso della procedura di mediazione e la seconda al termine della stessa), anche per la necessità di dover corrispondere due volte il contributo unificato. Calcolo del termine per la costituzione in giudizio 4. La sospensione della riscossione L istanza di sospensione della riscossione. La presentazione dell istanza, analogamente a quanto avviene per la proposizione del ricorso giurisdizionale, non determina in via automatica la sospensione dell esecuzione dell atto impugnato. Nel corso della fase di mediazione non può essere neppure proposta l istanza di sospensione giudiziale dell esecuzione, prevista dall art. 47 del D.lvo n. 546, che può essere avanzata alla Commissione tributaria provinciale solo in pendenza di controversia giurisdizionale e che quindi richiede, per il suo esperimento, la conclusione della fase di mediazione. Senza anticipare quanto più innanzi illustrato in tema di autotutela, si segnala soltanto che, ai sensi dell art. 2-quater, comma 1-bis del D.L. 30 settembre 1994, n. 564, convertito con modificazioni dalla L. 30 novembre 1994, n. 656, nel potere di annullamento d ufficio o di revoca degli atti illegittimi o infondati, di cui al comma 1 dello stesso articolo, deve intendersi compreso anche il potere di disporre la sospensione degli 75

6 LA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA NEL PROCESSO TRIBUTARIO effetti dell atto che appaia illegittimo o infondato. Pertanto, considerata la funzione cui è preordinato il procedimento di mediazione, la stessa Amministrazione finanziaria, nella ripetutamente citata circolare 9/E considera possibile e opportuno, al fine di garantire un adeguata tutela del contribuente, estendere l applicabilità del citato art. 2-quater, comma 1-bis alle ipotesi di reclamo. Da ciò consegue che il contribuente può domandare la formale sospensione, in tutto o in parte, dell esecuzione dell atto anche nell ambito del procedimento amministrativo disciplinato dall art. 17-bis, per sua natura funzionale al riesame ed eventuale rideterminazione della pretesa. Questa possibilità concerne soprattutto le istanze relative ai ruoli poiché, per quanto riguarda gli altri atti, l Agenzia delle entrate affida di norma la riscossione all omonimo Agente soltanto una volta chiuso il procedimento della mediazione, senza che occorra che il contribuente richieda la sospensione. La Direzione Provinciale o la Direzione Regionale, nei casi in cui rilevino che le eccezioni sollevate dal contribuente nel reclamo introduttivo del procedimento di mediazione non appaiono infondate, possono concedere, su istanza formulata contestualmente al reclamo, ovvero separatamente, la formale sospensione, in tutto o in parte, dell esecuzione dell atto in presenza del richiamato presupposto (e cioè la non infondatezza). In ogni caso il periodo di sospensione degli effetti dell atto non può prolungarsi oltre il tempo necessario alla conclusione della fase di mediazione. Come necessitata conseguenza dell eventuale esito negativo del procedimento di mediazione si verifica l iscrizione a ruolo della pretesa o l affidamento del carico all Agente della riscossione e l immediata revoca della sospensione precedentemente concessa. Resta ovviamente ferma la possibilità di avvalersi delle norme in materia di riscossione straordinaria in particolare, dell art. 29 (concentrazione della riscossione nell accertamento), comma 1, lett. c), del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010, n. 122 (come da ultimo modificato dal D.L. n. 16 del 2 marzo 2012, convertito con modificazioni dalla L. 26 aprile 2012, n. 44, e dell art. 15-bis del D.P.R. n. 602 del 1973 (riscossione straordinaria). Avviso di accertamento esecutivo 76 Si ritiene, in linea con la circolare n. 22/E dell 11 giugno 2012, che la sospensione possa essere disposta anche con riguardo a un avviso di accertamento c.d. esecutivo di cui al citato art. 29 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, in sede di riesame ex art. 2-quater, comma 1-bis del D.L. 30 settembre 1994, n L avviso di accertamento ai fini delle imposte dirette, IRAP e IVA deve contenere anche l intimazione ad adempiere all obbligo di pagamento diretto entro 60 giorni, non essendo così più necessaria la notifica della cartella di pagamento. In caso di omesso versamento entro il termine di presentazione del ricorso, la somma è inoltre rimessa all Agente della riscossione per l esecuzione forzata, anche senza la previa notifica al

7 Conseguenze dell istanza contribuente della cartella di pagamento. Anche in caso di applicazione della mediazione il termine per il versamento è quindi quello di presentazione del ricorso, che qui si realizza con la presentazione del reclamo. Il termine è sottoposto alla sospensione feriale dei termini (L. 7 ottobre 1969 n. 742) e alla sospensione a seguito di presentazione dell istanza di accertamento con adesione (art. 6, 3 comma del D.lvo n. 218/1997). Si rammenta altresì che nell accertamento è inclusa anche l intimazione al pagamento, in caso di presentazione del ricorso, di 1/3 delle imposte accertate e degli interessi computati ex art. 20 del D.P.R. n. 602/1973 (somme dovute in pendenza del giudizio di primo grado ex art. 15, 1 comma del D.P.R. n. 602/1973, ridotte dalla metà al terzo dell imposta accertata dall art. 7 del D.L. n. 70/2011, convertito con modificazioni dalla L. n. 106/2011). Si fa specifico rinvio alle deroghe al pagamento del terzo previste dagli artt. 38 bis del D.P.R. n. 633/1972, 37 bis del D.P.R. n. 600/1973, e 36, comma 3, lett. c) del D.lvo n. 241/1997. Nelle ipotesi di omesso o ritardato versamento del terzo non è prevista alcuna sanzione, in quanto la norma introduttiva ha espressamente disposto che la sanzione amministrativa prevista dall art. 13 del D.lvo 18 dicembre 1997 n. 471 non si applica nei casi di omesso, tardivo o carente versamento delle somme dovute. Va da sé che, se nel termine di presentazione del ricorso il versamento sia omesso o insufficiente, spirati 30 giorni dalla scadenza del termine di pagamento l Ufficio senza indugio affida all Agente della riscossione le somme dovute in pendenza di giudizio. L affidamento non può effettuarsi prima che siano passati 30 giorni dal termine di presentazione del ricorso, anche se il ricorso è stato presentato precedentemente, con l eccezione dell ipotesi di fondato pericolo per la riscossione. In tal caso il carico può essere affidato dopo 60 giorni dalla notifica dell atto e le somme sono affidate all Agente nel loro ammontare integrale comprensivo di imposte, sanzioni e interessi, non applicandosi in tale ipotesi il pagamento frazionato di cui all art. 15 del D.P.R. n. 602/1973: sono gli artt. 11 e 15 bis che, rispettivamente, prevedono che i ruoli straordinari siano formati quando vi è pericolo per la riscossione e che in detti ruoli le imposte, le sanzioni e gli interessi siano iscritti per l intero importo risultante dall avviso di accertamento, anche se non definitivo. Per i casi nei quali è applicabile l art. 17-bis, l affidamento avviene invece a seguito dell esito negativo del procedimento di mediazione. Qualora la Direzione Provinciale o la Direzione Regionale ravvisino l eventualità che le ragioni presentate dalla parte siano fondate, hanno facoltà di disporre la sospensione dell esecuzione dell atto sino a che la fase di riesame non si sia conclusa. In tale disamina dovrebbe altresì essere vagliata la possibilità che la parte possa patire un danno grave e irreparabile nell ipotesi di riscossione coattiva. Affidamento 77

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE .. CIRCOLARE SETTIMANALE settembre 2011 N 2 Tutte le informazioni sono tratte, previa critica rielaborazione, dalla normativa vigente primaria (leggi, decreti, direttive) e secondaria (circolari ministeriali

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA INTRODUZIONE 4 1.L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO ISTITUTO 5 1.1 La tipologia di atto impugnato 5 1.2 L Agenzia delle

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. N. 27036 Approvazione del nuovo modello di cartella di pagamento e dei fogli Avvertenze relativi ai ruoli dell Agenzia delle entrate, ai sensi dell art. 25 del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N.18 del 10.05.2012 Il Caso della settimana A cura di Alessandro Borghese Reclamo su una ipotesi di ricostruzione indiretta di ricavi L art. 39, comma 9, del D.L. luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,

Dettagli

106 giorni termine ordinario e interruzione estiva; 150 giorni termine ordinario e istanza di accertamento con adesione;

106 giorni termine ordinario e interruzione estiva; 150 giorni termine ordinario e istanza di accertamento con adesione; Istituti deflattivi e Contenzioso Fiscale di Maurizio Tozzi La presentazione dell istanza di reclamo, gli effetti sulla riscossione e la relativa valutazione da parte dell ufficio competente La fase procedurale

Dettagli

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE NEL PROCESSO TRIBUTARIO Convegno X Settimana nazionale della Conciliazione 2013 Rilancio degli strumenti di giustizia alternativa Panoramica sugli strumenti

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: La sospensione feriale dei termini processuali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, come ogni anno, anche questa estate la giustizia

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA A cura di Sebastiano Barusco I SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche Società di persone Società di capitali IRRILEVANZA SOGGETTIVITÀ CONTRIBUENTE 2 LE CONDIZIONI TIPOLOGIA

Dettagli

Mediazione tributaria: la nuova procedura.

Mediazione tributaria: la nuova procedura. Mediazione tributaria: la nuova procedura. La Legge di stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 47, art. 1 comma 611) ha introdotto alcune importanti modifiche all art 17 bis del D. Lgs. 546/92 rubricato

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012

LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale delle Marche LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale Civitanova Marche 12/10/2012 1 LA NORMA La mediazione ( Il reclamo e la mediazione ) è stata inserita nel

Dettagli

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA Dott. Steven Mohamed TRACCIA Un contribuente, lavoratore autonomo, per il periodo d imposta 2013

Dettagli

Diritto tributario italiano Reclamo e mediazione tributaria

Diritto tributario italiano Reclamo e mediazione tributaria Diritto tributario italiano Reclamo e mediazione tributaria 7 Roberto Ingrassia Studio Legale Tributario Marino e Associati, Milano Un concreto strumento deflattivo per la limitazione del contenzioso tributario?

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 INDICE Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L AUTOTUTELA 1. Inquadramento normativo... pag. 31 1.1 Le fonti... pag. 32 1.2 Gli

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 Disposizioni in materia di accertamento esecutivo e modifiche alla disciplina

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Slide per incontri formativi in materia di MEDIAZIONE tributaria

MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Slide per incontri formativi in materia di MEDIAZIONE tributaria MEDIAZIONE TRIBUTARIA Slide per incontri formativi in materia di MEDIAZIONE tributaria 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Obbligatoria a pena di inammissibilità del ricorso Tutti gli atti suscettibili di impugnazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi...

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi... CIRCOLARE N. 49/E Roma, 01 ottobre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi dovuti per effetto di sentenze nei giudizi tributari INDICE 1. Premessa...2 2. Rimborsi

Dettagli

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 dott. Fabrizio Povinelli Capo Area Imprese grandi e medie dimensioni Agenzia delle Entrate

Dettagli

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni:

In particolare, la circolare prevede che l'istanza è improponibile, ad esempio, in caso di impugnazioni: Presupposti e modalità operative della mediazione tributaria Se l'istanza è improponibile, i 30 giorni per costituirsi in giudizio decorrono dalla presentazione del "ricorso con istanza", ossia dalla sua

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze, circolare 21 settembre 2011, n. 1/DF Premessa 1. Ambito di applicazione del CU 2. Presupposto oggettivo

Ministero dell Economia e delle Finanze, circolare 21 settembre 2011, n. 1/DF Premessa 1. Ambito di applicazione del CU 2. Presupposto oggettivo Ministero dell Economia e delle Finanze, circolare 21 settembre 2011, n. 1/DF OGGETTO: Introduzione del contributo unificato nel processo tributario - Art. 37 del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Il contenzioso. tributario G6.1. G6.1 La tutela giurisdizionale. G6.2 Il processo tributario. G6.3 I mezzi per evitare il contenzioso G6.

Il contenzioso. tributario G6.1. G6.1 La tutela giurisdizionale. G6.2 Il processo tributario. G6.3 I mezzi per evitare il contenzioso G6. Il sistema italiano unità 6 G6 unità 1 2 3 4 5 6 G6.1 La tutela giurisdizionale in materia di contenzioso G6.2 Il processo G6.3 I mezzi per evitare il contenzioso Il contenzioso G6.1 La tutela giurisdizionale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 7 Annotazioni...» 9 Avvertenza........................................................» 13 Atti processuali 1. Ricorso

Dettagli

Fiscal News N. 159. Reclamo e ricorso in CTP con le stesse motivazioni. La circolare di aggiornamento professionale 10.06.2014. Reclamo obbligatorio

Fiscal News N. 159. Reclamo e ricorso in CTP con le stesse motivazioni. La circolare di aggiornamento professionale 10.06.2014. Reclamo obbligatorio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 159 10.06.2014 Reclamo e ricorso in CTP con le stesse motivazioni Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Mediazione tributaria Ricevuto l'accertamento

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO UNIFICATO L art. 37 della manovra correttiva introduce all art. 13 del DPR n. 115/2002 il nuovo comma 6-quater che prevede il versamento del contributo unificato per i ricorsi

Dettagli

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE

Dettagli

MEDIAZIONE TRIBUTARIA

MEDIAZIONE TRIBUTARIA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Novità Fiscali 2012: dal federalismo fiscale all abuso del diritto (IV Convegno Lerici) 1 MEDIAZIONE TRIBUTARIA L istanza di mediazione (di seguito, istanza) è obbligatoria a pena

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 21 giugno 2010

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 21 giugno 2010 CIRCOLARE N. 37/E Roma, 21 giugno 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2010,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

MEDIAZIONE: PROCEDIMENTO E PROFILI OPERATIVI. di Mariacarla Giorgetti

MEDIAZIONE: PROCEDIMENTO E PROFILI OPERATIVI. di Mariacarla Giorgetti MEDIAZIONE: PROCEDIMENTO E PROFILI OPERATIVI di Mariacarla Giorgetti * * * Sommario: 1. Introduzione (pag. 1). 2. - Le modifiche all art. 17-bis) previste nel maxiemendamento alla legge di stabilità 2014

Dettagli

Circolare N.130 del 6 ottobre 2011. 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi

Circolare N.130 del 6 ottobre 2011. 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi Circolare N.130 del 6 ottobre 2011 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi 1 ottobre 2011: al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Dott. Pasquale SAGGESE Dottore commercialista, Ricercatore area fiscale IRDCEC 1 Il reclamo e la mediazione tributaria 1 Modena, 10 settembre 2013 L ART. 39, CO. 9

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E Roma, 19 marzo 2012 OGGETTO Mediazione tributaria Chiarimenti e istruzioni operative

CIRCOLARE N.9/E Roma, 19 marzo 2012 OGGETTO Mediazione tributaria Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 19 marzo 2012 OGGETTO: Mediazione tributaria Chiarimenti e istruzioni operative Via Giorgione, 159 00147 Roma - Tel. 06.5054.5708 5416

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

Circolare per il professionista

Circolare per il professionista Circolare per il professionista Circolare n. 3 del 19 marzo 2014 Disciplina del reclamo e della mediazione tributaria - Novità della L. 27.12.2013 n. 147 (legge di stabilità 2014) e chiarimenti della circ.

Dettagli

Autotutela ed annullamento della pretesa erariale. Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014

Autotutela ed annullamento della pretesa erariale. Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014 Autotutela ed annullamento della pretesa erariale Corso in materia di accertamento e contenzioso tributario ODCEC Torino 12 febbraio 2014 Definizione L autotutela è lo strumento attraverso il quale l Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 21.12.1998 N 93

Dettagli

Notifica di un avviso di accertamento o di un avviso di rettifica e liquidazione Panorama delle possibili strade percorribili per il contribuente

Notifica di un avviso di accertamento o di un avviso di rettifica e liquidazione Panorama delle possibili strade percorribili per il contribuente 2522 PROCEDURE Notifica di un avviso di accertamento o di un avviso di rettifica e liquidazione Panorama delle possibili strade percorribili per il contribuente di Francesco Ciuffarella (*) ed Emanuele

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Avv. Nunzio Dario Latrofa RECLAMO E MEDIAZIONE TRIBUTARIA

Avv. Nunzio Dario Latrofa RECLAMO E MEDIAZIONE TRIBUTARIA Avv. Nunzio Dario Latrofa RECLAMO E MEDIAZIONE TRIBUTARIA Milano, 14 marzo 2013 Sala convegni Milano Conference 1 Riferimenti normativi e di prassi: Art. 39 D.L. n. 98 del 6 luglio 2011 Art. 17 bis, D.Lgs.

Dettagli

«IL PROCESSO D APPELLO DINANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE» www.lexacademy.it

«IL PROCESSO D APPELLO DINANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE» www.lexacademy.it «IL PROCESSO D APPELLO DINANZI ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE» www.lexacademy.it SPECIFICITA DELL APPELLO. Il D. LGS. 546/1992 disciplina le impugnazioni al Capo 3, la cui sezione seconda al suo

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 21/05/2014 SOMMARIO L IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO,

Dettagli

SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI

SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI Il Ruolo e la cartella di pagamento: le impugnazioni degli avvisi di accertamento Catania, 8.02.2011 Ruolo Art. 17 D.Lgs. n. 46/1999: si effettua mediante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 0784/63823 0784/63246 P.IVA 00162960918 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del.2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

Il contenzioso fiscale

Il contenzioso fiscale Il contenzioso fiscale 1. I servizi del Caf Nel caso di ricevimento di cartelle di pagamento che contestano il mancato pagamento, parziale o totale, di imposte o tasse, anche riferite a tributi locali,

Dettagli

Incontro Studio 23 marzo 2012. dott. Alvise Bullo

Incontro Studio 23 marzo 2012. dott. Alvise Bullo Incontro Studio 23 marzo 2012 RIMINI LE PRINCIPALI NOVITA IN CONTENZIOSO TRIBUTARIO ANALISI PRATICA E SISTEMATICA dott. Alvise Bullo Ordine dei Dottori Commercialisti EC di Venezia Docente SSEF Pubblicista

Dettagli

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA Comune di Sarteano Provincia di Siena Regolamento TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 12.05.2014 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART.

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

A CURA DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

A CURA DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOLARE N. 22/IR DEL 7 MARZO 2011 LA CONCENTRAZIONE DELLA RISCOSSIONE NELL ACCERTAMENTO AI FINI DELLE IMPOSTE SUI REDDITI E DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. L ambito di applicazione

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1 CONTROLLO FORMALE 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi. Eseguita su tutte le dichiarazioni presentate.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Cliccando su Ricorso Provinciale (CTP), si apre la schermata generale:

Cliccando su Ricorso Provinciale (CTP), si apre la schermata generale: Ricorso in Commissione tributaria provinciale In Contenzioso easy, per gestire in ricorso in commissione tributaria provinciale, si seleziona il riquadro Commissioni tributarie e si inserisce una nuova

Dettagli

Gli Istituti deflattivi del contenzioso: autotutela ed accertamento con adesione. Roma, 17 Aprile 2012

Gli Istituti deflattivi del contenzioso: autotutela ed accertamento con adesione. Roma, 17 Aprile 2012 1 Gli Istituti deflattivi del contenzioso: autotutela ed accertamento con adesione Roma, 17 Aprile 2012 2 La ratio degli istituti deflattivi del contenzioso Il legislatore ha ritenuto di affermare in maniera

Dettagli

Reclamo e mediazione per le liti tributarie

Reclamo e mediazione per le liti tributarie Reclamo e mediazione per le liti tributarie Art. 17 bis D.Lgs. N. 546/92 Circ. Ag. Entrate n. 9/E del 12 marzo 2012 Circ. Ag. Entrate n. 33 del 3 agosto 2012 Venezia 1 Linee generali Si tratta di un rimedio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 della legge n. 289 del 27 dicembre 2002,

Dettagli

ANNULLAMENTO AUTOMATICO DI CARTELLE E ACCERTAMENTI SECONDO LE NUOVE REGOLE INTRODOTTE DALLA C.D. LEGGE DI STABILITA LEGGE 24 DICEMBRE 2012, N.

ANNULLAMENTO AUTOMATICO DI CARTELLE E ACCERTAMENTI SECONDO LE NUOVE REGOLE INTRODOTTE DALLA C.D. LEGGE DI STABILITA LEGGE 24 DICEMBRE 2012, N. ANNULLAMENTO AUTOMATICO DI CARTELLE E ACCERTAMENTI SECONDO LE NUOVE REGOLE INTRODOTTE DALLA C.D. LEGGE DI STABILITA LEGGE 24 DICEMBRE 2012, N. 228 a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) 1. Premessa

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 proposto dal sig. (riportare dati identificativi, domicilio fiscale, P. IVA), nato a il, C.F., rappresentato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte.

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA TELEFONO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) COMUNE di MEGLIADINO SAN VITALE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) approvato con atto di C.C. n. del in vigore dal 1 gennaio 2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Evento MAP mercoledì 14.5.2003. Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI

Evento MAP mercoledì 14.5.2003. Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI 1 UNICO 2003 Termini di versamento Dal 2 maggio al 20 giugno Pagamento con F24 no maggiorazione Dal 21 giugno al 21 luglio

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE N. Proposta 875 del 13/06/2014 OGGETTO: RICORSO ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE PROMOSSO DALLA INVESTIRE IMMOBILIARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) Delibera C.C. 29/2014 Delibera C.C. 06/2015 INDICE CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 3 CAPITOLO 4 Disciplina generale della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) approvato con atto di C.C. n. 9 del 09.04.2014 in vigore dal 1 gennaio 2014

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE SCHEMA OPERATIVO La domanda deve essere depositata presso la Segreteria amministrativa dell Organismo di mediazione. ( attualmente presso la sala dell Ordine ) La parte

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Avv. Nunzio Dario Latrofa. L accertamento esecutivo

Avv. Nunzio Dario Latrofa. L accertamento esecutivo Avv. Nunzio Dario Latrofa L accertamento esecutivo Milano, 14 marzo 2013 Sala convegni Milano Conference 1 L ACCERTAMENTO ESECUTIVO L avviso di accertamento esecutivo è stato introdotto con l art. 29 del

Dettagli

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 01 agosto 2012 TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALI Art.1

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Il reclamo e la mediazione tributaria: inquadramento sistematico e novità introdotte dalla legge di stabilità 2014 1

Il reclamo e la mediazione tributaria: inquadramento sistematico e novità introdotte dalla legge di stabilità 2014 1 Il reclamo e la mediazione tributaria: inquadramento sistematico e novità introdotte dalla legge di stabilità 2014 1 Prof. Avv. Angelo Cuva Docente di Diritto Tributario Università di Palermo - Avvocato

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli