Capitolato Speciale d Appalto per il servizio di supporto alla gestione cimiteriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Speciale d Appalto per il servizio di supporto alla gestione cimiteriale"

Transcript

1 Capitolato Speciale d Appalto per il servizio di supporto alla gestione cimiteriale Codice Identificativo Gara: CB Il presente capitolato si compone di n. 27 articoli e di n. 27 pagine complessive. gina 1 di 27

2 I N D I C E I N D I C E...2 CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 1 - OGGETTO DELL APPALTO...3 ARTICOLO 2 DURATA, VALORE E VARIAZIONI DELL APPALTO...3 ARTICOLO 3 AVVIO DEL SERVIZIO IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEI CONTRATTI. 4 CAPO 2 ESECUZIONE DEL SERVIZIO 4 ARTICOLO 4 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO...4 ARTICOLO 5 CARATTERISTICHE TECNICHE E/O TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI...4 ARTICOLO 6 - ESECUZIONE DEL CONTRATTO...13 ARTICOLO 7 - OBBLIGHI A CARICO DELL APPALTATORE...14 ARTICOLO 8 ULTERIORI OBBLIGHI SPECIFICI DELL'APPALTATORE...15 ARTICOLO 9 TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI...16 ARTICOLO 10 COMPITI E RESPONSABILITA' A CARICO DEL COMUNE...16 ARTICOLO 11 - DOVERI DEL PERSONALE...17 ARTICOLO 12 - RAPPORTI CON IL COMMITTENTE...17 ARTICOLO 13 - RESPONSABILITA...18 ARTICOLO 14 - FATTURAZIONI E PAGAMENTI...18 ARTICOLO 15 - CAUZIONE DEFINITIVA...19 CAPO 3 DISPOSIZIONI FINALI 20 ARTICOLO 16 ASSICURAZIONE...20 ARTICOLO 17 - RESPONSABILITÀ PER INFORTUNI E DANNI...20 ARTICOLO 18 - SICUREZZA SUL LAVORO...20 ARTICOLO 19 - SUBAPPALTO CESSIONE DEL CONTRATTO E DEI CREDITI...21 ARTICOLO 20 - INADEMPIENZE E PENALITA...21 ARTICOLO 21 - IPOTESI DI RISOLUZIONE (CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA)...22 ARTICOLO 22 - IPOTESI DI RECESSO...24 ARTICOLO 23 TERMINI E COMMINATORIE...25 ARTICOLO 24 - TUTELA DELLA PRIVACY...25 ARTICOLO 25 - STIPULAZIONE DEI CONTRATTI - SPESE ED ONERI...26 ARTICOLO 26 CONTROVERSIE E FORO COMPETENTE...26 ARTICOLO 27 - AVVERTENZE GENERALI E DISPOSIZIONI FINALI...27 gina 2 di 27

3 Capo 1 DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente Capitolato Speciale ha per oggetto l esecuzione del servizio di parziale gestione dei cimiteri comunali, nel rispetto delle vigenti normative in materia di polizia mortuaria e di sicurezza, e precisamente: pulizia e manutenzione ordinaria del verde e viali dei cinque cimiteri comunali (Maggiore, Prà, Deserto, Schiavonia, Motta); attività di inumazione, tumulazione, delle salme e/o ceneri; attività di esumazione, estumulazione e traslazione salme; ogni altra attività prevista dalla normativa vigente e specificata nel presente Capitolato. Tutte le operazioni di inumazione, tumulazione, esumazione, estumulazione, traslazione di salme, resti o ceneri sono effettuate dall impresa appaltatrice su disposizione dell Ufficio servizi cimiteriali del Comune, con o senza concorso del custode secondo quanto meglio precisato ai successivi artt. 4 e 5. E escluso dall appalto il servizio di polizia mortuaria, consistente nella tenuta ed aggiornamento dei registri, i contatti con i parenti dei defunti, se non in via sussidiaria. ARTICOLO 2 DURATA, VALORE E VARIAZIONI DELL APPALTO L appalto avrà la durata di mesi 24 (ventiquattro), con decorrenza dalla data della consegna. Il Comune di Este si riserva la facoltà di prorogare la durata del contratto alle medesime condizioni economiche e giuridiche, previa richiesta scritta, nelle more di espletamento delle nuove procedure di affidamento e comunque per un periodo non superiori a mesi 6 (sei). E esclusa qualsiasi forma di rinnovo. Il valore contrattuale del presente appalto è di Euro ,00 (IVA esclusa se dovuta). Il valore contrattuale è stato così stimato: ,00.= base d'asta per canone esecuzione del servizio; ,00.= base d'asta per operazioni cimiteriali varie previste a misura; 1.920,00.= costi per eliminazione rischi da interferenza non soggetti a ribasso ai sensi dell'art.26-comma 5 del D.Lgs.81/2008. I servizi addebitabili sono quelli previsti nel presente Capitolato. Il Comune di Este si riserva, altresì, la facoltà di prevedere, nel corso di validità del rapporto, variazioni al contratto secondo quanto previsto dall art. 311 del D.P.R. 207/2010, comprese quelle in aumento o in diminuzione, nei limiti di un quinto delle quantità o del valore complessivo del contratto. Si applicano, qualora ne ricorrano le condizioni, le disposizioni relative alla modifica ed al recesso contrattuale previste dal comma 13, dell art. 1 del D.L. 95/2012, convertito nella legge 135/2012. A partire dal secondo anno il prezzo contrattuale determinato in sede di aggiudicazione sarà soggetto a revisione ai sensi dell art. 115 del D.Lgs. 163/2006. Il procedimento sarà attivato a far data dal ricevimento della richiesta dell appaltatore. Per il calcolo degli aggiornamenti del prezzo, qualora non siano disponibili i dati di cui all art. 7, comma 4, lett. C) e comma 5 del D.Lgs. 163/2006, saranno utilizzati gli indici dei prezzi gina 3 di 27

4 al consumo per le famiglie di operai ed impiegati (FOI), rilevati dall ISTAT per il periodo dal mese di stipulazione del contratto allo stesso mese dell anno successivo. ARTICOLO 3 AVVIO DEL SERVIZIO IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEI CONTRATTI L Amministrazione si riserva, nei casi di urgenza e/o necessità, di richiedere l avvio della prestazione contrattuale con l emissione di apposito ordine/comunicazione di aggiudicazione provvisoria, anche in pendenza della stipulazione del contratto, previa costituzione del deposito cauzionale definitivo di cui all art. 15 del presente Capitolato e salvo diverse indicazioni che verranno comunicate dall Amministrazione. Capo 2 ESECUZIONE DEL SERVIZIO ARTICOLO 4 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Durante il periodo di validità contrattuale, si richiede la fornitura dei servizi specificati al successivo articolo art. 5. Le superfici interessate dalla gestione e manutenzione del verde, come descritto nel successivo art. 5 sono quelle specificate nell'allegato 1 al presente capitolato. Presso il Cimitero Maggiore è assicurata la presenza, su sei giorni settimanali, di un Custode cimiteriale comunale che collaborerà ordinariamente ad effettuare tutte le attività previste nell'elenco di cui al successivo articolo delle quali sia prevista l'esecuzione con/senza concorso del Custode, ad eccezione di operazioni che si svolgono contemporaneamente od in caso di sua assenza per ferie o malattia. A titolo informativo si precisa che annualmente il Custode, oltre alla fruizione delle ferie ordinarie (32 più 4 gg. annui), programmerà un recupero delle ferie arretrate per max 10 giorni annui. La programmazione delle ferie avviene ordinariamente al di fuori dei periodi in cui vengono effettuate le operazioni di esumazione ed estumulazione ordinaria. I servizi di inumazione e tumulazione previsti dal presente appalto, sono da considerarsi ad ogni effetto SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI e non potranno essere sospesi o abbandonati per scioperi o altre cause; a tale fine gli operatori rivestono la qualifica di incaricati di pubblico servizio. La ditta appaltatrice ha inoltre l obbligo di avvertire subito l'ufficio servizi cimiteriali, ove abbia conoscenza di inconvenienti, ad essa non imputabili, che impedissero il regolare svolgimento del servizio. Malgrado la segnalazione fatta, la ditta appaltatrice deve, sempre nell ambito della normale esecuzione delle prestazioni che competono, adoperarsi per quanto possibile, affinché il servizio abbia il suo regolare decorso. In caso di arbitrario abbandono o sospensione del servizio appaltato, l Amministrazione Comunale potrà sostituirsi alla ditta appaltatrice per l esecuzione d Ufficio, fatto salvo l eventuale risarcimento dei danni. La ditta deve inoltre segnalare all'ufficio danni e/o problemi riguardanti gli immobili cimiteriali sia comunali che in concessione ai privati e mantenere la custodia degli oggetti rinvenuti fino alla consegna al Custode. E' in previsione, entro il , l'acquisizione e l'attivazione di un software per la prenotazione on line dei funerali. ARTICOLO 5 CARATTERISTICHE TECNICHE E/O TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI Tipologia delle attività (1) Apertura/chiusura cancelli, custodia e pulizia bagni Descrizione Intervento sostitutivo in caso di mancato funzionamento dell impianto automatico di apertura/chiusura quotidiana del cancello elettrico all ingresso del Cimitero Maggiore, in gina 4 di 27

5 conformità agli orari di apertura al pubblico e alle disposizioni di servizio (attualmente è prevista la chiusura alle ore 17 in orario invernale e alle ore 19 in orario estivo), in caso di assenza del custode, agendo, se non già in loco, in base alle regole del pronto intervento (per max 10 interventi annui. In caso di ulteriori richieste d'intervento si prevede la corresponsione di un gettone pari a Euro 12,00). Giornaliera apertura/chiusura manuale degli ingressi di servizio del Cimitero Maggiore, sulla scorta delle esigenze operative e dell accesso dei mezzi Sesa per la raccolta dei rifiuti, e servizio di custodia del Cimitero Maggiore in caso di assenza programmata e non programmata del Custode, agendo in base alle regole del pronto intervento. La Ditta deve fornire un numero di reperibilità operativo negli orari di apertura del Cimitero maggiore ed è tenuta ad assicurare l'intervento entro mezz'ora dalla chiamata. Pulizia dei bagni del Cimitero Maggiore almeno due volte la settimana compresi oneri per materiali di pulizia. Gli orari estivi e invernali del Cimitero Maggiore sono fissati dall Ente e potranno variare, senza alcun maggior onere, nel corso dell appalto. (2) Diserbo manuale Diserbo manuale delle erbe infestanti, negli ingressi, nei viali, vialetti e siepi delle aree cimiteriali. Almeno una volta all anno e comunque all occorrenza, e/o su richiesta dell'ufficio servizi cimiteriali, anche tramite il Custode. (3) Diserbo chimico Diserbo con prodotti classificati CE: non classificati per eliminazione delle erbe infestanti, negli ingressi e nei viali e vialetti delle aree cimiteriali. Almeno sei volte all anno, di cui almeno una anche con antigerminante, e comunque all occorrenza, e/o su richiesta dell'ufficio servizi cimiteriali, anche tramite il Custode. (4) Irrigazione/ annaffiamento tappeti erbosi, essenze varie, siepi, manutenzione impianti di irrigazione In presenza di siepi e tappeti erbosi ed essenze varie, serviti da un apposito impianto d irrigazione, anche in relazione all evoluzione climatica e metereologica della stagione, si provvederà al suo utilizzo per le volte ed il tempo necessari ad assicurare il costante mantenimento del tappeto erboso. L affidatario è inoltre tenuto ad effettuare la manutenzione di tutti gli impianti di irrigazione presenti nei cimiteri (n. 4 impianti fissi nei cimiteri di Motta, Prà, Schiavonia e Maggiore + 1 mobile nel cimitero Maggiore). E compresa la fornitura di pezzi di ricambio per la manutenzione ordinaria che consenta il buon funzionamento degli impianti compresa la sostituzione degli irrigatori e delle ali gocciolanti. (5) Manutenzione percorsi Verifica, manutenzione e livellamento dei percorsi in ghiaino senza apporto di materiale nuovo ed eventuale posizionamento e gina 5 di 27

6 sistemazione dei fiori sulle tombe, fosse e loculi qualora ingombrassero i percorsi. Ripresa di eventuali cedimenti di fosse e percorsi in concomitanza con le piogge e comunque al bisogno e/o su indicazione dell'ufficio servizi cimiteriali, anche tramite il Custode. (6) Ricarica percorsi Integrazione con ghiaino spezzato dei percorsi con scarsità di inerte, compreso il livellamento dei percorsi. Almeno due volte l anno e comunque su richiesta del Custode. Il ghiaino sarà fornito dal Comune. (7) Manutenzione siepi ed arbusti (8) Pulizia aree e viali con svuotamento cestini Potatura di tutte le siepi ed arbusti presenti nei cimiteri almeno tre volte all anno, con raccolta e conferimento dei materiali negli appositi contenitori collocati presso il Cimitero Maggiore. In caso di fortunali e/o eventi atmosferici sfavorevoli che arrechino danni alle piante, è compresa la messa in sicurezza delle aree interessate e lo smaltimento di rami e piante entro 24 ore. E altresì compreso l obbligo della ditta di farsi carico dell eventuale sostituzione di piante o incremento delle stesse fino ad un massimo di 30 piante all anno, su indicazione dell'ufficio servizi cimiteriali. Pulizia, spazzamento dei percorsi pedonali pavimenti, delle scale e dei corridoi di accesso ai diversi settori cimiteriali. Pulizia anche all'esterno dell'ingresso principale del Cimitero maggiore, con rimozione manuale o meccanica delle foglie. Raccolta dei rifiuti (carta, plastica, vetro, foglie, fiori, ecc.) presenti nei cestini porta-rifiuti esistenti, negli ingressi e nei viali principali e dei portici dell area cimiteriale, con la sola esclusione delle pulizia delle aree in concessione per tombe di famiglia e cappelle private, con raccolta e conferimento dei materiali. Tali operazioni andranno effettuate almeno due volte la settimana e così pure la pulizia delle aree immediatamente adiacenti agli ingressi (sia all interno che all esterno degli stessi). Tale frequenza andrà aumentata adeguatamente le due settimane precedenti e seguenti le festività dei santi e dei defunti, così da garantire una adeguata e tempestiva pulizia che andrà assicurata con la presenza in servizio del personale necessario, anche nelle due festività anzidette, la vigilia ed il giorno seguente. (9) Sfalcio tappeti erbosi Sfalcio delle aree verdi interne ed esterne con tecnica del muching e eventuale raccolta e conferimento dei materiali in eccesso. La ditta dovrà effettuare il numero di sfalci annui come sopradetto necessari a garantire che i tappeti erbosi non superino in ogni caso i cm. 5 di altezza. E compreso l obbligo della ditta di farsi carico dell eventuale sostituzione ripristino del tappeto verde, in caso di suo danneggiamento o deterioramento, causato dalla ditta stessa. (10) Neve e gelo Spalatura della neve e/o spargimento di prodotto antigelo sugli gina 6 di 27

7 accessi, nei viali principali e nei portici e marciapiedi dei loculi. Tali operazioni potranno anche essere richieste anche in pronto intervento. La Ditta deve fornire un numero di reperibilità operativo negli orari di apertura del Cimitero maggiore ed è tenuta ad assicurare l'intervento entro mezz'ora dalla chiamata. Il sale e/o altri prodotti saranno forniti dal Comune. (11) Inumazione Esecuzione con o senza concorso del Custode cimiteriale - delle inumazioni ordinarie nel campo comune, utilizzando le rotazioni in atto e portandole a compimento con regolarità e precisione, senza interruzione della progressione, nel rispetto degli spazi, dei percorsi e degli allineamenti esistenti, compresa l escavazione manuale o meccanica del terreno, la protezione degli scavi, lo spianamento del fondo, il deposito del feretro, il riempimento dello scavo e il mantenimento del tumulo fino alla realizzazione da parte dei privati del manufatto lapideo. Compresi: a) eventuale asporto della cassa metallica nel caso che questa contenga interamente il feretro di legno; b) scavo nell ambito del cimitero della fossa, a mano o con l ausilio di mezzi meccanici in conformità a quanto previsto dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria; Le operazioni di inumazione comprendono anche la preparazione ed il posizionamento dei cippi numerati. In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. (12) Tumulazioni in loculo Esecuzione con o senza concorso del Custode cimiteriale - di tumulazione in loculo comunale fuori terra, a qualsiasi altezza o profondità. Compresi: lievo della piastra ornamentale o pietra tombale, collocamento del feretro, chiusura del foro con mattoni pieni ad una testa / lastra in calcestruzzo, intonacatura esterna e riposizionamento della lastra. In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. (13) Tumulazione in cella ossaria (14) Tumulazione in tomba di famiglia/cappelle private Deposito con o senza concorso del Custode cimiteriale - della cassettina di lamiera zincata contenente resti o dell urna cineraria in cella ossaria o loculo fuori terra a qualsiasi altezza od interrata. Compresi: lievo della piastra ornamentale, tumulazione dei resti, chiusura del foro con mattoni pieni ad una testa / lastra di calcestruzzo, intonacatura esterna e riposizionamento della lastra. In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. Esecuzione con o senza concorso del Custode cimiteriale - di tumulazione in tomba di famiglia, a qualsiasi altezza o profondità. Compresi: pulizia del manufatto, collocamento del feretro, chiusura dello stesso nell apposito calto con mattoni pieni ad una gina 7 di 27

8 (15) Esumazione ordinaria/straordinaria con deposito dei resti in ossario comune (16) Esumazione ordinaria/straordinaria con deposito dei resti in loculo o nicchia (detta anche cella ossaria) (17) Estumulazione ordinaria/straordinaria con deposito dei resti in ossario comune testa / lastra in calcestruzzo, intonacatura esterna. Nel caso di Cappelle private non vengono effettuate le operazioni di apertura e chiusura. In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. Attività con o senza concorso del Custode cimiteriale - con demolizione e smaltimento del materiale lapideo della tomba, con dissotterramento dei resti nel campo comune, con asporto e smaltimento dei rifiuti nei contenitori appositi predisposti a margine dell ingresso di servizio del Cimitero Maggiore, il recupero e il deposito dei ritratti, la raccolta delle ossa rinvenute ed il loro deposito nell ossario comune, pulizia finale dell area interessata. Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea schermatura del cantiere (vedi voce 22). In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. Attività con o senza concorso del Custode cimiteriale - con demolizione e smaltimento del materiale lapideo della tomba, dissotterramento dei resti nel campo comune, con asporto e smaltimento dei rifiuti nei contenitori appositi predisposti a margine dell ingresso di servizio del Cimitero Maggiore, il recupero ed il deposito dei ritratti, la raccolta delle ossa rinvenute in una cassetta di lamiera zincata fornita dal Comune, la tumulazione in loculo fuori terra a qualsiasi altezza od interrato. Compresi: lievo della piastra ornamentale, rimozione della lastra in cls o dell eventuale muretto di chiusura testa e/o con piano in tavelloni e getto in cls da cm 10, tumulazione dei resti, chiusura del foro con lastra in cls o mattoni pieni ad una testa, intonacatura esterna e riposizionamento della lastra esterna, pulizia finale dell area interessata. Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea schermatura del cantiere (vedi voce 22). In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. Esecuzione con o senza concorso del Custode cimiteriale - di estumulazione da un loculo fuori terra, a qualsiasi altezza, od interrato in tomba di famiglia compresi: lievo della piastra ornamentale, demolizione del muretto di chiusura testa e/o del piano in tavelloni e getto in cls da cm 10, estrazione del feretro, riduzione dei resti mortali e loro raccolta, trasferimento e deposito nell ossario comune, anche dopo eventuale cremazione della salma. Compreso, ripristino delle condizioni igieniche del loculo gina 8 di 27

9 (18) Estumulazione ordinaria/straordinaria con deposito dei resti in cella ossaria o loculo 19) Estumulazione ordinaria/straordinaria con successiva inumazione, causa la mancata mineralizzazione della salma usato (vedi voce 21). Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea schermatura del cantiere (vedi voce 22). In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. Esecuzione con/senza concorso del custode cimiteriale - di estumulazione da un loculo fuori terra, a qualsiasi altezza, od interrato in tomba di famiglia compresi: lievo della piastra ornamentale, demolizione del muretto di chiusura testa e/o del piano in tavelloni e getto in cls da cm 10, estrazione del feretro, riduzione dei resti mortali e loro collocazione in casettina di lamiera zincata fornita dal Comune - anche dopo eventuale cremazione della salma - successiva tumulazione in celle ossaria o in loculo (sia fuori terra che interrato), chiusura del foro in mattoni pieni ad una testa / lastra in calcestruzzo, intonacatura esterna, riposizionamento della lastra e smaltimento dei materiali di risulta e pulizia delle aree di lavoro. Compreso, ripristino delle condizioni igieniche del loculo usato (vedi voce 21). Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea schermatura del cantiere (vedi voce 22). In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. Esecuzione con o senza concorso del Custode cimiteriale - di estumulazione da un loculo fuori terra, a qualsiasi altezza, od interrato in tomba di famiglia compresi: lievo della piastra ornamentale, demolizione del muretto di chiusura testa e/o del piano in tavelloni e getto in cls da cm 10, estrazione del feretro, inumazione nel campo speciale previo trasferimento in cassa di cellulosa fornita dall'appaltatore, utilizzando le rotazioni in atto e portandole a termine con regolarità e precisione, nel rispetto di spazi ed allineamenti, compresa l escavazione manuale o meccanica del terreno, la protezione degli scavi, lo spianamento del fondo, il deposito del feretro, il riempimento dello scavo, il collocamento del cippo comunale numerato e il ripristino del livello del terreno in caso di cedimenti, compresi smaltimento materiali di risulta e pulizia delle aree di lavoro. Compreso, ripristino delle condizioni igieniche del loculo usato (vedi voce 21). Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea schermatura del cantiere (vedi voce 22). In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni gina 9 di 27

10 (20) Estumulazione con traslazione della salma in altro loculo o tomba previste dalla vigente normativa. Esecuzione con o senza concorso del Custode cimiteriale - di estumulazione da un loculo fuori terra, a qualsiasi altezza, od interrato in tomba di famiglia compresi: lievo della piastra ornamentale, demolizione del muretto di chiusura testa e/o del piano in tavelloni e getto in cls da cm 10, estrazione del feretro e suo trasferimento in altro loculo o tomba di famiglia. Compresi: lievo della piastra ornamentale o pietra tombale, collocamento del feretro, chiusura del foro con mattoni pieni ad una testa / lastra in cls, intonacatura esterna e riposizionamento della lastra. Compreso, ripristino delle condizioni igieniche del loculo usato (vedi voce 21) e smaltimento materiali di risulta e pulizia delle aree di lavoro. Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea schermatura del cantiere (vedi voce 22). L operazione ha luogo previa verifica della cassa ed eventuali prescrizioni da parte del medico dell ASL. In assenza del Custode dovranno essere effettuate le registrazioni previste dalla vigente normativa. (21) Pulizia loculo Pulizia e disinfezione con o senza concorso del Custode cimiteriale - di loculo a seguito di estumulazione con calce idrata o altro idoneo prodotto (22) Delimitazione, schermatura del cantiere (23) Sostituzione delle siepi esistenti nei Cimiteri di Schiavonia, Prà e Motta Tempi di esecuzione delle attività Salvo che non sia effettuata fuori dell orario di apertura al pubblico, l operazione andrà eseguita previa idonea delimitazione del cantiere e sua preclusione alla vista della generalità dei frequentatori, mediante collocamento di sufficiente quantitativo di reti elettrosaldate munite di ombreggiante, su cui saranno affissi avvisi che segnalino il divieto di accesso all area per le persone non autorizzate. Sostituzione delle siepi in bosso presenti nei Cimiteri descritti (circa 144 metri) con essenza Lonicera. Operazione da eseguirsi entro il 16 ottobre Al di fuori delle ipotesi in cui è previsa l'esecuzione delle attività in regime di pronto intervento, lo svolgimento delle attività di cui ai punti dal n. 10 al n. 14, in tutti i casi, e dal n. 15 al n. 22, solo per quanto riguarda le operazioni cimiteriali di carattere urgente, deve avvenire entro 24 ore dalla richiesta. Le altre attività saranno svolte in maniera programmata, di concerto con l'ufficio servizi cimiteriali, per quanto attiene alle attività di cui ai punti dal n. 15 al n. 22, in base a quanto previsto nei prospetti mensili di programmazione proposti nel progetto tecnico. Qualora le attività che devono essere svolte in pronto intervento o entro 24 ore dalla richiesta non fossero eseguite, sarà applicata la penale prevista all'art. 20. gina 10 di 27

11 Le comunicazioni tra le parti saranno inviate, normalmente, telefonicamente, via internet e via , fatte salve le attività di coordinamento dell'ufficio servizi cimiteriali, anche tramite il Custode cimiteriale che potranno essere svolte in forma diretta e verbale. Gli eventuali ordini di servizio saranno inviati via posta elettronica o via fax. L'Ufficio servizi cimiteriali consegnerà alla Ditta le chiavi di accesso ai diversi immobili in cui dovrà essere prestato il servizio oggetto d'appalto o che dovranno essere a qualsiasi fine utilizzati; chiavi che la Ditta medesima è autorizzata a trattenere e conservare fino al termine del contratto. E' vietata la duplicazione delle chiavi senza previa autorizzazione. La Ditta non dovrà eseguire alcun servizio previsto dal CSA su richiesta dei privati. Attrezzature, macchine e materiali Il Comune metterà a disposizione la seguente attrezzatura: a) n. 1 Miniescavatore Komatsu, cingolato, modello 15, ad uso eclusivo; b) n. 1 Camion Fiat IVECO 2800, anno 2001, con cassone ribaltabile, per trasporto di cose uso proprio; c) n. 1 Montaferetri ditta F.lli Ferretti; d) n. 2 Trasporta feretri; e) n. 1 carrello alzafetretri ditta Vezzani. Ogni altro mezzo/attrezzatura necessaria all'espletamento del servizio previsto dal presente C.S.A. è a carico della ditta aggiudicataria. I mezzi e le attrezzature di proprietà della Ditta dovranno essere in perfetto stato di pulizia ed efficienza. Sono a carico della ditta la riparazione dei danni conseguenti l uso improprio, imperizia, colpa o dolo di tutti i mezzi affidati. Competono altresì alla ditta il controllo dei mezzi nel corso dell appalto e la puntuale tempestiva segnalazione delle manutenzioni ed interventi necessari. Restano a carico del Comune la manutenzione, assicurazione, revisione, (fornitura carburante esclusa) sostituzione delle batterie di funzionamento, sostituzione pezzi di ricambio e quant altro necessario per il corretto funzionamento dei veicoli. Al termine dell'appalto la ditta è chiamata a rispondere di eventuali deterioramenti dei mezzi/attrezzature messi a disposizione, salvo il normale deterioramento d'uso, qualora conseguente all'improprio o non diligente utilizzo da parte degli operatori della stessa. Tutti i prodotti chimici impiegati devono essere rispondenti alle normative vigenti in Italia (biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità ecc.). L'Ente si riserva la possibilità di controllare l'idoneità dei prodotti e delle attrezzature, effettuando, ove occorra, prove specifiche; in caso di esito sfavorevole delle stesse la Ditta dovrà immediatamente sostituire i prodotti e/o le apparecchiature risultate non idonee con altre corrispondenti. Smaltimento rifiuti L'attività comprende le seguenti operazioni: - la raccolta e il conferimento dei rifiuti urbani provenienti dalle operazioni di pulizia e/o raccolti all'interno delle aree cimiteriali, negli appositi cassonetti collocati presso il Cimitero Maggiore; gina 11 di 27

12 - raccolta dei rifiuti cimiteriali provenienti dalle operazioni cimiteriali provenienti da esumazioni ed estumulazioni (avanzi di casse, indumenti e zinco - art. 2 comma e) del D.P.R. 254 del 15 luglio 2003) e dei rifiuti inerti e dei rifiuti derivanti da altre attività cimiteriali del D.P.R. n. 254/2003) e loro stoccaggio negli appositi contenitori collocati presso l ingresso di servizio del Cimitero Maggiore; - manutenzione dei luoghi di stoccaggio. Sono a carico della Ditta tutti gli oneri, diretti ed indiretti, necessari per eseguire le operazioni di raccolta, stoccaggio, trasporto dei rifiuti cimiteriali in conformità alle disposizioni di legge in materia, secondo il Vigente Regolamento del servizio di smaltimento RSU e di nettezza Urbana, approvato con Deliberazione C.C. n. 64 del , e secondo quanto previsto e concordato dal Consorzio Bacino PD SUD, in qualità di gestore del servizio di igiene urbana, raccolta e servizi complementari, la Ditta dovrà provvedere a differenziare i rifiuti cimiteriali secondo le seguenti modalità: 1. secco tutte le tipologie di rifiuto di tipo domestico (fiori finti, ingombranti anche provenienti da locali, rifiuti derivanti da spazzamento, ecc.); 2. verde derivante dallo sfalcio delle aree, pulizia piante e siepi, fiori e foglie, ecc.; 3. materiali lapidei - inerti provenienti da lavori di edilizia cimiteriale, terre di scavo, similari, ecc.; 4. rifiuti da esumazioni ed estumulazioni: assi e resti delle casse utilizzate per la sepoltura; simboli religiosi, piedini, ornamenti e mezzi di movimentazione della cassa (ad esempio maniglie); avanzi di indumenti, imbottiture e similari; resti non mortali di elementi biodegradabili inseriti nel cofano; resti metallici di casse (ad esempio zinco, piombo) I rifiuti di cui al punto 4. dovranno essere raccolti e trasportati in appositi contenitori contraddistinti da quelli utilizzati per la raccolta delle altre frazioni di rifiuti urbani prodotti all'interno dell'area cimiteriale e recanti la scritta rifiuti urbani derivanti da esumazioni ed estumulazioni, secondo quanto previsto dal D.P.R. 254/2003. Tali contenitori dovranno essere collocati in area adeguata e non di facile accesso al pubblico; tale posizionamento dovrà essere concordato con il personale del Bacino PD SUD al fine di facilitare le operazioni di svuotamento e per evitare eventuali inconvenienti igienico-sanitari. Aspetti ambientali Uso di sostanze "chimiche" - Per ridurre il rischio di danni all'ambiente ed alla salute dell'uomo, per quanto possibile, le quantità di prodotti usati devono essere ridotte al minimo. Le etichette di identificazione non devono essere mai rimosse dai contenitori; qualora per esigenze operative le sostanze vengano travasate in altri contenitori, l'addetto deve provvedere a riportare in maniera chiara e univoca sul contenitore il nome della sostanza o del preparato in esso contenuto. La denominazione della sostanza deve essere scritta a caratteri leggibili, indelebili e di adeguata dimensione. Il contenitore deve avere caratteristiche tali da impedire qualsiasi fuoriuscita del contenuto. La manipolazione viene eseguita solo dagli addetti muniti degli idonei dispositivi di protezione individuale. Le operazioni di travaso vanno di norma evitate. Nel caso siano indispensabili vanno eseguite in aree pavimentate o in qualche altro modo isolate dal terreno per proteggerlo nel caso di eventuali versamenti incidentali. I contenitori devono essere sempre richiusi dopo il loro utilizzo. I fusti o contenitori delle sostanze o preparati non devono essere staccati all'aperto né direttamente su terreno non impermeabilizzato. Rumori - Le attività rumorose vanno effettuate cercando di limitare al massimo il disturbo di terzi, e nel rispetto di quanto previsto nelle Norme in materia di inquinamento acustico, nonché quanto contenuto nel gina 12 di 27

13 Piano di Classificazione Acustica, approvata con deliberazione di C.C. n.22, del e le eventuali successive modificazioni o integrazioni. Secondo la Classificazione del territorio comunale, il Cimitero Maggiore è situato in CLASSE I aree particolarmente protette: rientrano in questa classe le aree nelle quali la quiete rappresenta un elemento di base per la loro utilizzazione: aree ospedaliere, scolastiche, aree destinate al riposo ed allo svago, aree residenziali rurali, aree di particolare interesse urbanistico, parchi pubblici, ecc. Tabella A allegata al DPCM 14/11/97. Mentre i restanti Cimiteri delle Frazioni e le aree confinanti con il Cimitero Maggiore, sono aree classificate CLASSE III aree di tipo misto: rientrano in questa classe le aree urbane interessate da traffico veicolare locale o di attraversamento, con media densità di popolazione, con presenza di attività commerciali, uffici, con limitata presenza di attività artigianali e con assenza di attività industriali. Di seguito i limiti da rispettare per le zone di cui sopra: Valore limite di emissione Leq in db(a) Classe di destinazione d uso del territorio Diurno (6,00-22,00) Notturno (22,00-6,00) I - Aree particolarmente protette III - Aree di tipo misto Valore limite di immissione Leq in db(a) Classe di destinazione d uso del territorio Diurno (6,00-22,00) Notturno (22,00-6,00) I - Aree particolarmente protette III - Aree di tipo misto Valore limite di qualità Leq in db(a) Classe di destinazione d uso del territorio Diurno (6,00-22,00) Notturno (22,00-6,00) I - Aree particolarmente protette III - Aree di tipo misto ARTICOLO 6 - ESECUZIONE DEL CONTRATTO Il Comune di Este prima dell esecuzione del rispettivo contratto provvederà a nominare un direttore dell esecuzione, con il compito di monitorare il regolare andamento dell esecuzione del contratto e svolgere tutte le attività allo stesso espressamente demandate dal D.Lgs. 163/2006 e dal D.P.R. 207/2010, nonché tutte le attività che si renderanno opportune per assicurare il perseguimento dei compiti a questo assegnati. Il nominativo del direttore dell esecuzione del contratto verrà comunicato tempestivamente all aggiudicatario. L esecutore è tenuto a seguire le istruzioni e le direttive fornite dal Committente per l avvio dell esecuzione del contratto. Qualora l esecutore non adempia, il Committente ha facoltà di procedere alla risoluzione del contratto. Nessuna variazione o modifica al contratto può essere introdotta dall esecutore, se non è disposta dai direttori dell esecuzione del contratto e preventivamente approvata dall'amministrazione. gina 13 di 27

14 Le modifiche non previamente autorizzate non danno titolo a pagamenti o rimborsi di sorta e, ove i direttori dell esecuzione lo giudichino opportuno, comportano la rimessa in pristino, a carico dell esecutore, della situazione originaria preesistente, secondo le disposizioni dei direttori dell esecuzione. Il direttore dell esecuzione ordina la sospensione dell esecuzione delle prestazioni del contratto qualora circostanze particolari ne impediscano temporaneamente la regolare esecuzione, secondo quanto previsto dall'art. 308 del D.P.R. 207/2010. L esecuzione dell appalto è soggetta ad attestazione di regolare esecuzione da parte dei direttori dell esecuzione. Consegna e riconsegna dei cimiteri Al momento della consegna dei servizi, dei locali alla Ditta, sarà redatto a cura dell'ufficio servizi cimiteriali un verbale che riporterà sommariamente quanto viene consegnato. Nel verbale potranno essere annotate tutte quelle particolari condizioni, mancanze, difetti, ecc. che si reputeranno importanti per la gestione del servizio e per la conservazione dei beni e dei documenti. Alla scadenza del contratto sarà redatto il verbale per la riconsegna da parte della Ditta all'ente appaltante degli immobili e dei documenti. Controllo di qualità L'Ufficio servizi cimiteriali, nei termini e con le modalità che concorderà con la Ditta, svolgerà i controlli di qualità, con cadenza quindicinale o mensile, intesi a verificare la conformità dei risultati raggiunti con quanto stabilito dalle norme contenute nel C.S.A.. Se nei report delle verifiche redatti secondo quanto stabilito dal progetto tecnico, risultassero delle non conformità alle prescrizioni contrattuali o alla programmazione mensile anticipata, saranno applicate le penali indicate all'art. 20. ARTICOLO 7 - OBBLIGHI A CARICO DELL APPALTATORE La Ditta aggiudicataria deve munirsi delle iscrizioni, autorizzazioni, concessioni, licenze e permessi prescritti dalla legge e dai regolamenti, anche nel caso in cui si rendano necessari in corso di esecuzione dei contratti all esercizio della sua attività. L appaltatore si impegna senza eccezione alcuna, a: rispettare tutti gli obblighi e garantire l adempimento di tutte le clausole di cui al presente Capitolato; rispettare la normativa contrattuale e regolamentare del lavoro, della sicurezza sui luoghi di lavoro per tutto il personale a vario titolo impiegato; mantenere la riservatezza delle informazioni relative alla documentazione esaminata per lo svolgimento delle attività, di cui al presente capitolato, con l adozione di precisi accorgimenti, in ottemperanza alle disposizioni del D. Lgs. 196/2003; gina 14 di 27

15 impiegare personale, adeguatamente formato ed aggiornato attraverso opportuni corsi finalizzati ad ottenere un elevato livello di professionalità; rispettare quanto previsto dal vigente CCNL delle Cooperative sociali di settore, garantendo - in particolare - la continuità del servizio in relazione agli operatori svantaggiati già impiegati; retribuire il proprio personale in misura non inferiore a quella stabilita dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di categoria e ad assolvere tutti i conseguenti oneri compresi quelli concernenti le norme previdenziali, assicurative e similari, aprendo le posizioni contributive presso le sedi degli Enti territorialmente competenti; provvedere all adeguata istruzione del personale addetto, nonché degli eventuali sostituti, in materia di sicurezza ed igiene del lavoro, ad assicurare il personale addetto contro gli infortuni e a far osservare scrupolosamente le norme antinfortunistiche e a dotarlo di tutto quanto necessario per la prevenzione degli infortuni, in conformità alle vigenti norme di legge in materia (D.Lgs. 81 del ); rispettare gli obblighi derivanti dal DPR n.62/2013 integrati dalle disposizioni contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti pubblici, approvato da ciascuna Amministrazione; assicurare l'assistenza degli operatori alle verifiche periodiche. In caso di inosservanza di quanto sopra disposto, il contratti potrà essere risolto, con l esclusione di qualsiasi richiesta di risarcimento da parte della ditta affidataria e fatta salva la possibilità per il Comune di Este di agire per il risarcimento dei danni eventualmente subiti. ARTICOLO 8 - ULTERIORI OBBLIGHI SPECIFICI DELL'APPALTATORE Le procedure delle attività, i mezzi, le attrezzature ed i materiale utilizzati nel corso dell'appalto dovranno rispettare la vigente normativa, sia a livello comunitario (CE, ecc.) che nazionale (D.Lgs. n. 106/2009, ecc.), in materia di sicurezza e manutenzione degli impianti (norme CEI, ecc.) e di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L'appalto deve essere svolto nel rispetto della normativa vigente ed in particolare modo in osservanza alla seguente legislazione di riferimento: T.U. delle leggi sanitarie approvato con R.D n e successive modifiche, D.P.R. 285/ Regolamento di polizia mortuaria, L.R. n.18/2010 Norme in materia funeraria Regolamento comunale di polizia mortuaria e ss.mm.ii., L. 292/1963, D.M. 26/4/1990 e D.M. 4/10/1991 (vaccinazioni obbligatorie), Ministero Sanità - Circolare del 20 giugno 1983, n. 57 (uso formaldeide), Ministero Sanità - Circolari del 24 giugno 1993, n. 24 e del 31 luglio 1998, n. 10, D.Lgs. 81/ Attuazione di direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, Regione Veneto - Circolare della Giunta regionale del 2 febbraio Chiarimenti in ordine alla gestione dei rifiuti cimiteriali, CCNL delle Cooperative Sociali ed eventuali contratti integrativi. gina 15 di 27

16 Adempimenti per l'avvio del servizio Entro il giorno precedente l'inizio del servizio, la ditta trasmetterà all'ufficio servizi cimiteriali: il nominativo del responsabile ed il relativo recapito telefonico; l indicazione di un recapito telefonico (fisso e cellulare per la reperibilità) e di indirizzo che consenta anche la visualizzazione della conferma di ricevimento da parte della Ditta delle richieste inviate dall'ufficio servizi cimiteriali; l'elenco del personale che sarà impiegato, con indicate le qualifiche e le prestazioni previste; l'elenco dettagliato delle attrezzature di proprietà che saranno utilizzate nei diversi immobili; Entro 15 giorni dall avvio del servizio, la Ditta trasmetterà all'ufficio servizi cimiteriali il piano di sicurezza dei lavoratori integrato con le indicazioni dell'ufficio, se richieste. Qualora la Ditta non presenti o non attivi quanto sopra citato sarà soggetta alla penale indicata all'art. 20 ARTICOLO 9 TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI L Appaltatore assume tutti gli obblighi previsti dall art. 3 della Legge 13/08/2010 n. 136, al fine di assicurare la tracciabilità di movimenti finanziari relativi all appalto e precisamente: tramite il proprio legale rappresentate o persona munita di procura, si impegna a comunicare al Comune di Este gli estremi identificativi dei conti correnti dedicati entro sette giorni dalla loro accensione, o, se già esistenti, dalla loro prima utilizzazione in operazioni connesse ai contratti, nonché nello stesso termine, le generalità ed il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. L Appaltatore si impegna, altresì, a comunicare eventuali modifiche di tali dati entro sette giorni dal verificarsi delle stesse; si obbliga, a pena di nullità assoluta, a fare inserire nei contratti eventualmente stipulati con i subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate ai servizi o forniture oggetto del presente capitolato, un apposita clausola con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge n. 136/2010; si impegna a dare immediata comunicazione all'amministrazione comunale ed alla Prefettura- Ufficio territoriale del Governo della Provincia di Padova della notizia di inadempimento della propria controparte/subappaltatore/subcontraente agli obblighi di tracciabilità finanziaria; si impegna, altresì, a trasmettere copia di eventuali contratti di subappalto o subcontratti al Comune di Este, per consentire la verifica del rispetto degli adempimenti in materia di tracciabilità. ARTICOLO 10 COMPITI E RESPONSABILITA' A CARICO DEL COMUNE Al Comune compete la titolarità degli interventi oggetto del presente capitolato. Competono inoltre compiti di verifica, controllo e indirizzo delle prestazioni erogate dal servizio in parola, con particolare riferimento a: Polizia cimiteriale gina 16 di 27

17 Il servizio di polizia mortuaria che consiste nella tenuta ed aggiornamento dei registri di legge, spetta al custode cimiteriale comunale, così come pure i rapporti con i parenti dei defunti per le operazioni che li coinvolgono. Alla ditta potrà essere richiesto di provvedere solo in via sussidiaria, in assenza del Custode. Sono, inoltre, a carico del Comune i seguenti oneri: fornire una planimetria aggiornata dei cimiteri con la codifica dei vari manufatti cimiteriali; lo smaltimento dei rifiuti conferiti dalla Ditta; i consumi di acqua potabile e di energia elettrica, e l'i.v.a.; la consegna ai privati degli oggetti rinvenuti; le forniture della ghiaia necessaria al mantenimento dei viali, della terra per il rincalzo dei cedimenti in viali e fosse; della sabbia, mattoni, calce, cassette zincate e casse di cellulosa necessarie alle operazioni cimiteriali; di scope, annaffiatoi e palette ad uso degli utenti; la fornitura di arredi ed attrezzature per l'uso dei privati. ARTICOLO 11 - DOVERI DEL PERSONALE Il servizio dovrà essere espletato con personale qualificato e ritenuto idoneo a svolgere le relative funzioni. Il personale adibito al servizio è tenuto ad un comportamento improntato alla massima correttezza e ad agire in ogni occasione con la diligenza professionale del caso ed essere munito ed esporre apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro. In particolare il personale addetto al servizio deve: rispettare quanto previsto dall art. 2 del D.P.R. n. 62/2013 e dal Codice di comportamento approvato dall'amministrazione comunale. mantenere un contegno corretto e riservato; non consentire l'accesso agli immobili (magazzini e celle mortuarie) a persone che non siano state espressamente autorizzate dall'ufficio servizi cimiteriali. Il personale dovrà indossare una divisa concordata con l'ufficio servizi cimiteriali e la tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro, come previsto dall'art. 20 del D.Lgs. n. 81/2008. Le violazioni delle succitate disposizioni, comportano l'applicazione, in capo al responsabile delle stesse, delle sanzioni previste dagli artt. 55, 56, 57, 58, 59, 60 del D.lgs. 81/2008 Durante lo svolgimento delle attività, di inumazione, esumazione, tumulazione, estumulazione, traslazione di salme e/o di resti, potrà partecipare alle fasi delle lavorazioni solo il personale individuato dalla Ditta, i cui nominativi siano stati trasmessi al Comune. ARTICOLO 12 - RAPPORTI CON IL COMMITTENTE Il Comune successivamente all aggiudicazione dell appalto provvederà a stipulare il contratto, ai sensi di quanto previsto dal successivo articolo 25. L appaltatore, in seguito alla stipulazione dei contratti, diverrà l unico interlocutore del Comune di Este per la gestione del servizio, cui l'amministrazione conseguentemente indirizzerà ogni eventuale comunicazione, doglianza o pretesa. gina 17 di 27

18 Nel caso di azienda consortile o Associazione Temporanea di Imprese, il Consorzio o l Azienda capofila sono i responsabili e gli interlocutori nei confronti del Comune di Este anche nel caso di eventuali inadempimenti delle società consorziate o associate, ferma la solidale responsabilità delle società responsabili dei singoli servizi. ARTICOLO 13 - RESPONSABILITA Il prestatore del servizio è responsabile nei confronti dell'amministrazione dell esatto adempimento delle prestazioni oggetto dei contratti. E altresì, responsabile nei confronti dell'amministrazione e dei terzi dei danni di qualsiasi natura, materiali o immateriali, diretti ed indiretti, causati a cose o persone e connessi all esecuzione dei contratti, anche se derivanti dall operato dei suoi dipendenti e consulenti, nonché dall operato di eventuali subappaltatori. È fatto obbligo al prestatore del servizio di mantenere il Committente sollevata ed indenne da richieste di risarcimento dei danni e da eventuali azioni legali promosse da terzi. ARTICOLO 14 - FATTURAZIONI E PAGAMENTI FATTURAZIONE Le fatture dovranno essere emesse con cadenza mensile a consuntivo, intestate come di seguito indicato ed inoltrate al Protocollo Generale: COMUNE DI ESTE Este Piazza Maggiore, 6 C.F. e P.I La fattura dovrà essere espressa in lingua italiana e dovrà necessariamente contenere i seguenti elementi: a) data e numero di protocollo della comunicazione di inizio servizio o n. Repertorio e data del contratto se già stipulato; b) Codice Identificativo Gara (C.I.G.) comunicato dal Committente; c) dicitura Scissione dei pagamenti Art. 17 -ter del DPR n.633/1972; d) eventuale esplicitazione di esenzione I.V.A. ai sensi di Legge; e) tutti i dati relativi al pagamento; f) ogni altra indicazione utile (valore canone mensile per servizi forfetizzati, numero delle operazioni eseguite per servizi cimiteriali a prezzo unitario) Il pagamento dei corrispettivi sarà effettuato su presentazione di regolari fatture. I pagamenti di importo superiore ad ,00 saranno soggetti alla verifica degli adempimenti delle procedure Equitalia; tutti i pagamenti sono subordinati alla verifica della regolarità contributiva e previdenziale tramite la richiesta del DURC a cura del Committente. Con i corrispettivi sopra indicati si intendono interamente compensati dal Comune tutti i servizi, le prestazioni, le spese accessorie e quant altro necessario per la perfetta esecuzione dell appalto, ivi comprese le eventuali migliorie offerte in sede di gara, nonché qualsiasi onere espresso e non dal presente capitolato, inerente e conseguente i servizi di che tratta. PAGAMENTI gina 18 di 27

19 Il pagamento delle fatture sarà effettuato entro 30 giorni a partire dalla data di accertamento della regolare esecuzione del servizio da parte del Direttore per l esecuzione, fatta salva sia pervenuta la fattura e previa acquisizione del documento unico di regolarità contributiva (DURC). La verifica della regolare esecuzione della prestazione dovrà avvenire entro 30 giorni dalla data dell'esecuzione della medesima. Il pagamento avverrà a rate mensili posticipate, fatto salvo l'accertamento della regolare esecuzione, l'acquisizione della fattura e del DURC regolare. Il termine massimo di pagamento non può comunque superare i 60 giorni dalla data di ricevimento delle fatture. Tale termine massimo di pagamento dovrà essere indicato nelle fatture. I pagamenti saranno effettuati con l emissione di apposito mandato tramite la Tesoreria comunale, sul conto corrente dedicato comunicato, unitamente al nominativo della persona autorizzata a riscuotere, ricevere e quietanzare le somme ricevute in conto o a saldo, anche per effetto di eventuali cessioni di credito preventivamente riconosciute dall Amministrazione comunale. Il termine per il pagamento è interrotto allorché l Amministrazione comunichi la necessità di apportare rettifiche alla fattura e ricomincia a decorrere dal momento in cui la stessa riceve la fattura rettificata o la nota di credito. ARTICOLO 15 - CAUZIONE DEFINITIVA Ai sensi dell art. 113 del D. Lgs. 163/2006 la Ditta aggiudicataria dovrà versare una cauzione definitiva pari al 10% dell importo del contratto, a garanzia della buona esecuzione del contratto, del risarcimento di danni derivanti dall inadempimento delle obbligazioni medesime nonché del rimborso delle somme che il Comune avesse eventualmente pagato in più durante l esecuzione del servizio, fatto salvo l esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultasse insufficiente. La cauzione potrà inoltre essere ridotta del 50% ai sensi di quanto previsto dall art.75 c.7 espressamente richiamato dall art. 113 c.1. In tale caso la cauzione dovrà essere corredata della certificazione del sistema di qualità in corso di validità. La cauzione verrà costituita in una delle seguenti forme: Fideiussione bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti all'albo di cui all'art.106 del D.Lgs. 1 settembre 1993, n.385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie e che sono sottoposti a revisione contabile da parte di una società di revisione iscritta all'albo previsto dall'art.161 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n.58. Tale fideiussione deve essere valida per tutto il periodo contrattuale più almeno 60 (sessanta) giorni dal termine dello stesso; con la seguente causale: Servizio di supporto alla gestione cimiteriale per il Comune di Este. La cauzione definitiva: - per essere ritenuta valida dovrà contenere espressamente: la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la relativa operatività, entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta del Committente; - è progressivamente svincolata con le modalità ed i tempi previsti dall art. 113, comma 3, del D.Lgs. 163/2006; gina 19 di 27

20 - sarà svincolata successivamente e definitivamente alla ditta aggiudicataria, su richiesta, in assenza di controversie pendenti non prima di 60 (sessanta) giorni dalla scadenza contrattuale, a seguito di comunicazione di autorizzazione allo svincolo da parte del Comune. La mancata costituzione della cauzione definitiva determina la decadenza dell aggiudicazione provvisoria e la conseguente aggiudicazione dell'appalto al concorrente che segue nella graduatoria. Capo 3 DISPOSIZIONI FINALI ARTICOLO 16 ASSICURAZIONE E obbligo del prestatore di servizi stipulare la/e seguente/i polizza/e: R.C., per danni arrecati a cose/o persone imputabili all Appaltatore, comprensiva della responsabilità civile verso terzi (RCT), con esclusivo riferimento al servizio in questione, con massimale per sinistro non inferiore a ,00. (unmilionecinquecentomila/00), con un numero di sinistri illimitato e con validità non inferiore alla durata del servizio. In alternativa alla stipulazione della polizza che precede, il prestatore di servizi potrà dimostrare l esistenza di una polizza RC, già attivata, avente le medesime caratteristiche indicate per quella specifica. In tal caso, si dovrà produrre un appendice alla stessa, nella quale si espliciti che la polizza in questione copre anche il servizio svolto per conto dell'amministrazione comunale, precisando che non vi sono limiti al numero di sinistri e che il massimale per sinistro non è inferiore ad ,00.= (unmilionecinquecentomila /00). Copia della/e polizza/e, specifica/e o come appendice alla/e polizza/e esistente/i, conforme all'originale ai sensi di legge, dovrà essere consegnata al Comune di Este prima della stipulazione del contratto e comunque prima dell inizio del servizio, unitamente alla quietanza di intervenuto pagamento del premio. Quest ultima dovrà essere presentata con la periodicità prevista dalla/e polizza/e stessa/e, onde verificare il permanere della validità nel corso della durata del servizio. ARTICOLO 17 - RESPONSABILITÀ PER INFORTUNI E DANNI L Appaltatore garantisce il pieno rispetto della disposizioni di cui al D. Lgs. 81/2008, ivi incluso, nell esecuzione del servizio di che trattasi, l utilizzo di attrezzature, impianti e dispositivi conformi alla vigente normativa in materia di ambiente, igiene e sicurezza sul lavoro. La mancata osservanza di tali norme comporterà la risoluzione di diritto del rapporto contrattuale in essere, nonché il diritto del Comune di Este di chiedere e ottenere il risarcimento per i danni patiti. E a carico dell Appaltatore la più ampia ed esclusiva responsabilità, con totale esonero dell'amministrazione comunale e dei relativi rappresentanti da qualsiasi azione, per qualsivoglia danno, qualunque ne sia la natura e la causa, che potesse in qualsiasi momento derivare alle persone e alle cose di terzi, in dipendenza o in connessione, diretta o indiretta, dell esecuzione del contratto. L attività dell Aggiudicatario non dovrà provocare alterazioni nell organizzazione e nell attività del Comune, nel senso che non dovrà causare ritardi o rallentamenti nell organizzazione del lavoro del Comune al di là di quelli strettamente connessi al tipo di attività da prestare, tenuto conto in particolare dello specifico interesse del Comune medesimo. gina 20 di 27

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari Città di Portogruaro Provincia di Venezia Area Tecnica Settore Manutenzioni Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014 Elenco offerta prezzi unitari Data 3.11.2010 Il Responsabile del Procedimento

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV)

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) ARTICOLO 1 (Oggetto dell appalto) L'appalto ha per oggetto l esecuzione di tutte le prestazioni, le opere e le provviste occorrenti

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E LA MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE biennio 2013-3014 Oggetto del presente capitolato sono le modalità di gestione e le condizioni

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE FONTI NORMATIVE - D.M. 26-6-2000 n. 219 (Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari,

Dettagli

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035. AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

Documentazione di gara

Documentazione di gara Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 OGGETTO ALLESTIMENTO DEGLI SPAZI ESPOSITIVI ALL INTERNO DEL PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO E RECUPERO DELL AREA DELLA ROCCA CON

Dettagli

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA (IM)

COMUNE DI BORDIGHERA (IM) Allegato n. 5 alla determinazione dirigenziale n. 173 R.G. del 23/03/2015 COMUNE DI BORDIGHERA (IM) APPALTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO E LOCALIZZAZIONE DELL APPALTO L appalto

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO Approvato con deliberazione C.C. n 5 del 17/03/2014 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 4 DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SEVIZIO DI GESTIONE, CONTROLLO E REVISIONE DEGLI ESTINTORI NEGLI IMMOBILI COMUNALI. Via Libertà n 74 C.F. 00337180905 Tel. 0789612911-13 pasquale.caboni@tiscali.it 1 ARTICOLO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il Fornitore ) Si conviene e si stipula quanto segue: 1. OGGETTO

Dettagli

C O M U N E di S U R B O

C O M U N E di S U R B O C O M U N E di S U R B O (Provincia di Lecce) Prot. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI SURBO PER IL BIENNIO 2007-2009 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551

ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 ALLEGATO E Schema di cottimo fiduciario della fornitura con posa di porte automatiche e relativa manutenzione Cig 6091932551 L anno duemila., il giorno ( ) del mese di., in. presso la sede dell., via.,

Dettagli

CAPITOLATO CONTRATTUALE

CAPITOLATO CONTRATTUALE COMUNE DI PRATO CAPITOLATO CONTRATTUALE SERVIZIO DI NOLEGGIO CON MANUTENZIONE DI MACCHINE FOTOCOPIATRICI PER GLI UFFICI COMUNALI Area Risorse Finanziarie Servizio Patrimonio Amministrativo Via Del Ceppo

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI POTENZA U.D. AMBIENTE ENERGIA PARCHI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO OGGETTO: ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI POTENZA. SPECIFICA INTERVENTI: apertura fosse,

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO Prot. n. 17.613 AVVISO DI PRESELEZIONE OPERATORI ECONOMICI PER INVITO ALLA PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI ( art. 57 del D. Lgs. 12.04.2006

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO A) OPERAZIONI CIMITERIALI Cap.

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013

DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013 DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013 COPIA Settore II: Oggetto: PRESTAZIONI CIMITERIALI PRESSO CIMITERI COMUNALI DI CAPANNOLI E S.PIETRO BELVEDERE. Impegno di Spesa - Affidamento.

Dettagli

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 COMUNE DI PRAIANO Provincia di Salerno CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 CAPITOLATO D ONERI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO La ditta aggiudicataria dei servizi di seppellimento, di custodia

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG: 56362951C6

CAPITOLATO SPECIALE CIG: 56362951C6 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PARRUCCHIERE PER DONNA E PER UOMO ALL INTERNO DELL AZIENDA SPECIALE CASA SERENA DI CILAVEGNA PER UN PERIODO DI ANNI TRE MEDIANTE CONCESSIONE DI SERVIZIO.

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti ALLEGATO A AL CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI DESCRIZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ A SERVIZIO SEPOLTURE ED ATTIVITA CONNESSE A1 -

Dettagli

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale.

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO RELATIVO ALLA FORNITURA DI n 1 MINIBUS ELETTRICO, CHIAVI IN MANO, PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PERSONE ALL INTERNO DEL CIMITERO CIVICO MONUMENTALE 1. ENTE APPALTANTE Comune

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA (SERSE) PER IL PERIODO 01.03.2012-31.12.2014 - C.I.G. [ ]. L'anno duemilaundici, addì ( ) del mese di presso la Sede

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FORNITURA DI: GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E L OSPEDALE DI CONSELVE

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v.

FOGLIO CONDIZIONI. C.F. 82005660061 - P.I. 01628780064 - Cap.Soc. 7.000.000,00 i.v. FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO La scrivente Società intende affidare l incarico per il servizio di carico - trasporto avvio a recupero, presso impianto/i di compostaggio, della frazione

Dettagli

SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO AA.SS. 2009 2010, 2010-2011 e 2011-2012 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO AA.SS. 2009 2010, 2010-2011 e 2011-2012 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO AA.SS. 2009 2010, 2010-2011 e 2011-2012 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO ALUNNI SCUOLA DELL INFANZIA E DELLA SCUOLA PRIMARIA DI CRVICO

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA

CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA CONTRATTO PER FORNITURA DEL SERVIZIO DI MAGAZZINAGGIO, STOCCAGGIO, CONFEZIONAMENTO E CONSEGNA METERIALE INFORMATIVO DI TORINO E PROVINCIA Premesso che - in data 23/05/2011 è stato approvato il Regolamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI. Articolo 2 Scopo della locazione

CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI. Articolo 2 Scopo della locazione C O M U N E D E L L A S P E Z I A C.d.R. PATRIMONIO CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI ARTICOLO 1 OGGETTO DELLA LOCAZIONE Oggetto della locazione è il locale

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

COMUNE DI SAN PRISCO CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI. L anno duemila il giorno del mese di,

COMUNE DI SAN PRISCO CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI. L anno duemila il giorno del mese di, COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) Rep. N. CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI CIMITERIALI - PER UN PERIODO DI ANNI DUE. CIG:_54816332A7. L anno duemila il giorno del mese

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO Art. 1 - OGGETTO Art. 2 - COMUNICAZIONI Art. 3 - DECORRENZA E DURATA DELLA FORNITURA Art. 4 - DEPOSITI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 53 del 13 ottobre 2003 ART. 1 ESERCIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G. SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO A DELLA TITOLARITA DEI SERVIZI CIMITERIALI COMUNALI MEDIANTE CONCESSIONE - C.I.G. 5356508A3A L anno.., il giorno. del mese di.., TRA il Comune di Mogliano Veneto

Dettagli

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino CAPITOLATO D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI Art. 1 Oggetto dell Appalto L appalto ha per oggetto l esecuzione di tutti i servizi cimiteriali

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Provincia di Milano CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO I servizi che il Comune affida alla Appaltatrice da

Dettagli

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI 1. PROFILO DEL SERVIZIO LINEE DI GESTIONE Il progetto mette in luce la necessità, da parte dell ente titolare del servizio, cioè il

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3 DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio ORIGINALE P.E.G. N. 3 SERVIZI SOCIALI Determinazione n 315 In data 21.09.2015 N progressivo generale 1308 OGGETTO: GARA D'APPALTO A PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN AFFITTO D AZIENDA DELLA GESTIONE DEL BAR DI PROPRIETA COMUNALE SITUATO PRESSO IL CENTRO CULTURALE ELISA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Il Coordinamento delle Confraternite della Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano, con sede in Cerignola, Via Addolorata n. 12, Tel. 0885/417501 (Presidente Dr. Vito Colangione

Dettagli

Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow.

Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow. Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow.it AREA TECNICA - IV Settore Capitolato Speciale di Appalto SERVIZI

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI TERNI DIREZIONE LL.PP. E MANUTENZIONI - PATRIMONIO UFFICIO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART. 26 DEL D.LGS 81/2008) 1. PREMESSA

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI L'anno 201_ ( ) il giorno del mese di TRA Anthea S.r.l. via della Lontra 30, 47923 (RN), di seguito per brevità

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA)

SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) Allegato 5 SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) REPUBBLICA ITALIANA L anno DUEMILA il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. Avanti a me, dott.,

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

MODULO OFFERTA PREZZI

MODULO OFFERTA PREZZI MODULO OFFERTA PREZZI ALLEGATO AL CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI INUMAZIONE, TUMULAZIONE, ESUMAZIONE, ESTUMULAZIONE E OPERE ACCESSORIE) DEI CIMITERI DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago, Vigo-Vangadizza, San Vito e Canove) ALLEGATO A) OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO AMMINISTRATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO DI SERVIZI

DISCIPLINARE TECNICO AMMINISTRATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO DI SERVIZI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REVISIONE VOLONTARIA DELLO STATO PATRIMONIALE AL 01.01.2015 DEL BILANCIO UNICO DI ATENEO - GARA 5/S/2015 CIG: 6251179C17 DISCIPLINARE TECNICO AMMINISTRATIVO

Dettagli

SETTORE VERDE E AGRICOLTURA SERVIZIO SPONSORIZZAZIONI E AFFARI GENERALI P.G.:

SETTORE VERDE E AGRICOLTURA SERVIZIO SPONSORIZZAZIONI E AFFARI GENERALI P.G.: SETTORE VERDE E AGRICOLTURA SERVIZIO SPONSORIZZAZIONI E AFFARI GENERALI P.G.: CIG - - CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE TECNICA CON.., PER LA SISTEMAZIONE E MANUTENZIONE DELL AREA VERDE SITA IN VIA., PER IL

Dettagli

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9

(Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 12 del 22.03.12) 1/9 INDICE ART. 1 FINALITÀ 3 ART. 2 DEFINIZIONI 3 ART. 3 ESCLUSIONI 4 ART. 4 RAPPORTI CON ALTRE NORME 5 ART. 5 NORME PER LA GESTIONE DEI

Dettagli

C O M U N E D I L U Z Z A R A

C O M U N E D I L U Z Z A R A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE, MANUTENZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PORTO LE GARZAIE E DELL AREA GOLENALE CIRCOSTANTE PERIODO ANNO 2009-2022 CUP J19E08000080004 - CIG 0249871810

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 8 Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CAPITOLATO D ONERI (Allegato B) Procedura aperta per l appalto dei servizi educativi dell Asilo Nido comunale Il Girasole e di pulizia dei locali sede dell asilo.-

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SEDUTE PER UFFICIO E CONNESSI SERVIZI DI TRASPORTO E CONSEGNA TRA

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SEDUTE PER UFFICIO E CONNESSI SERVIZI DI TRASPORTO E CONSEGNA TRA ALLEGATO 2 Servizio Acquisti Divisione Procedure d appalto SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SEDUTE PER UFFICIO E CONNESSI SERVIZI DI TRASPORTO E CONSEGNA TRA BANCA D ITALIA Servizio Acquisti, Via

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. Pag. 1/7 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO

Dettagli

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per

CONTRATTO D APPALTO. Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società., sede in ( ), per CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente e la Società, sede in ( ), per l affidamento del servizio di ritiro trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi e

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA

COMUNE DI VEDANO OLONA 1 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese SERVIZIO TECNICO Tel. 0332/867790 Fax 0332/867749 e-mail ambiente@comune.vedano-olona.va.it http://www.comune.vedano-olona.va.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER L

Dettagli

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO A l l e g a t o C C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Capitolato d oneri per l aggiudicazione del servizio di brokeraggio

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CUSANO MILANINO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CUSANO MILANINO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CUSANO MILANINO PROVINCIA DI MILANO SETTORE TUTELA AMBIENTALE CAPITOLATO D ONERI PER IL SERVIZIO DI TRATTAMENTO/RECUPERO RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI - FRAZIONE VERDE PRODOTTI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI VALPELLINE

COMUNE DI VALPELLINE COMUNE DI VALPELLINE c/o Municipio: Loc. Les Prailles, 7 11010 Valpelline (AO) - Tel. 0165/73227 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFITTO LOCALI DEL BAR RISTORANTE DI PROPRIETÀ COMUNALE, SITO IN FRAZ. LES PRAILLES

Dettagli

CIG: 5611321094. Effettuazione per l anno 2014 del servizio di diserbo chimico delle linee ferroviarie e

CIG: 5611321094. Effettuazione per l anno 2014 del servizio di diserbo chimico delle linee ferroviarie e CIG: 5611321094 Effettuazione per l anno 2014 del servizio di diserbo chimico delle linee ferroviarie e relative pertinenze, oltre ad eventuali prestazioni accessorie SCHEMA DI CONTRATTO Art. 1 Art. 2

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA. SS. ANTONIO E BIAGIO - C. ARRIGO di ALESSANDRIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE

REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA. SS. ANTONIO E BIAGIO - C. ARRIGO di ALESSANDRIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE REGIONE PIEMONTE AZIENDA OSPEDALIERA SS. ANTONIO E BIAGIO - C. ARRIGO di ALESSANDRIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ANIMAZIONE NELL AREA BIMBI PRESSO IL PRESIDIO OSPEDALIERO SS. ANTO- NIO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

Convenzione per la concessione in uso e gestione della Piscina Comunale Scoperta di via Solferino. Anni 2012-2018

Convenzione per la concessione in uso e gestione della Piscina Comunale Scoperta di via Solferino. Anni 2012-2018 Convenzione per la concessione in uso e gestione della Piscina Comunale Scoperta di via Solferino. Anni 2012-2018 Il Comune di Novara in persona del Dirigente competente Dr. Marco Brusati,, nato a Bellinzago

Dettagli

Comunità Montana.. della provincia di

Comunità Montana.. della provincia di Comunità Montana.. della provincia di CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DI. NEI COMUNI DI.. DELLA COMUNITA MONTANA.. Art. 1 - OGGETTO DEI LAVORI I lavori

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO

CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO REP. n. del CONTRATTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO SCOLASTICO, CONSULENZA LEGALE PER CITTADINI

Dettagli