PROJECT FINANCING 1 LOTTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROJECT FINANCING 1 LOTTO"

Transcript

1 COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO PROJECT FINANCING 1 LOTTO SCHEMA DI CONVENZIONE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO DI GESTIONE Carvico lì 13/12/2013 1

2 COMUNE DI OSNAGO *** SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DI LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL'AREA CIMITERIALE NEL COMUNE DI OSNAGO COSTRUZIONE E GESTIONE DEL CIMITERO * Addì presso sono comparsi: per il Comune di..., con sede in... presso la Casa Municipale sita in, il sig., nato a, residente a, c.f., nella sua qualità di, giusta ; per la società concessionaria..., con sede via.. C.F., Rappresentata dal Presidente e legale rappresentante, il sig., nato a, residente a, c.f., giusta,domiciliato per la carica presso il Comune di Osnago... di seguito definita per brevità anche Società ; * Premesse Premesso che: * a) il Comune di Osnago ha la necessità di realizzare un ampliamento dell esistente Cimitero, in quanto la disponibilità di loculi e spazi tombali si sta esaurendo; b) il Comune di Osnago, con deliberazione della Giunta Comunale n. 123 del 20/09/2012, ha approvato lo Studio di fattibilità lavori di realizzazione nuovi loculi cimiteriali 1 lotto, redatto dall arch. Carmelo Martuffo, dell importo pari ad ,00. Considerato che: c) La presente convenzione rappresenta sostanzialmente e formalmente la specifica cognizione e costituzione degli obblighi e dei diritti delle parti in quanto conseguenti la realizzazione e concessione in uso agli utenti dell ampliamento del cimitero. d) La presente convenzione potrà essere oggetto di integrazioni, variazioni e modifiche, previo accordo tra le parti. La parte che intende proporre quanto sopra, dovrà formulare all altra parte una proposta, che evidenzi i benefici per la collettività, l efficienza, efficacia ed economicità della proposta e i tempi di attivazione. e) Le attività gestionali ed organizzative sono di stretta pertinenza della Società dotata di personalità giuridica, autonomia gestionale, capacità di svolgere incombenze soggette al naturale rischio d impresa. 2

3 f) L'area cimiteriale è strumento essenziale per la corretta gestione degli spazi comunali e per una giusta attribuzione dei servizi relativi alla loro manutenzione, con particolare riferimento alle attività di gestione dei loculi e degli spazi tombali interrati, oltre che della riscossione del canone di subconcessione da parte dei singoli cittadini. g) L'esecuzione dei lavori di costruzione, lo svolgimento dei progetti di ampliamento, lo svolgimento delle prestazioni di gestione e manutenzione di loculi e tombe, sono da affidare al soggetto aggiudicatario della concessione contratto a conclusione delle operazioni di gara. h) La competenza per le assegnazioni di loculi e tombe rimane in capo al Comune concedente. i) La disponibilità materiale e giuridica dei terreni ove insiste l'opera pubblica, meglio identificati negli allegati progettuali al presente contratto, è garantita dal Comune di Osnago. l) Le parti intendono con il presente contratto disciplinare i reciproci obblighi e diritti inerenti il rapporto di concessione da instaurarsi. * Tutto quanto sopra premesso e richiamato, le parti quanto segue convengono e stipulano * ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE 1.1 La concessione ha per oggetto l ampliamento delle aree cimiteriali già esistenti, con la relativa progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva e la realizzazione delle opere descritte nello Studio di fattibilità lavori di realizzazione nuovi loculi cimiteriali 1 lotto, approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n 123 del 20/09/2012, nonché la gestione di parte dei servizi cimiteriali. 1.2 Il Comune di Osnago affida, alla società che accetta alle condizioni enunciate negli articoli successivi, la progettazione, la realizzazione dell ampliamento del cimitero e la gestione di parte dei servizi cimiteriali. 1.3 Il Comune di Osnago parimenti, concede alla Società, il diritto di concessione d uso dei loculi e degli spazi tombali da realizzare nonché quelli esistenti ( quelli già disponibili e quelli che si renderanno disponibili a seguito delle esumazioni ed estumulazioni ) nel periodo di vigenza della presente convenzione, oltre all illuminazione votiva dei loculi. 3

4 PARTE 1: progettazione ed esecuzione delle opere di ampliamento - Descrizione delle strutture da realizzare Gli interventi oggetto del contratto riguardano l ampliamento del Cimitero verso Nord, all esterno dell attuale perimetro, per una fascia di circa 15 metri, ove verrà realizzata una nuova recinzione parallela a via Stoppani e verrà realizzato un corpo di 175 loculi fuori terra, n 45 cinerari, n 2 cappelle con 5 loculi, 9 cinerari-ossari oltre che 16 tombe giardino a 4 posti e 1 tomba giardino a 2 posti, per un totale di 66 sepolture nonché un fabbricato accessorio adibito a deposito e W.C. comunale, il tutto come meglio descritto nel progetto preliminare,che si allega al presente atto per formarne parte integrante e sostanziale. La realizzazione del progetto del 1 lotto avverrà in una unica soluzione entro un anno dalla sottoscrizione della concessione. E facoltà dell amministrazione richiedere modifiche in sede di progettazione definitiva al progetto preliminare redatto dall arch. Maggioni ( a titolo esemplificativo ma non esauriente quali la previsioni di cappelle al posto dei loculi, urne cinerarie ecc..). - Proprietà della struttura Le opere, gli impianti e le attrezzature fisse realizzate a seguito di costruzione, ristrutturazione e recupero verranno acquisite nella piena proprietà dell Amministrazione alla data del collaudo definitivo dell opera e dell accatastamento, relativi all intervento di cui al progetto preliminare sopracitato. L acquisizione delle nuove strutture avverrà previo verbale di consegna. Nel caso in cui i lavori non siano ancora ultimati ed il contratto venga risolto, l Amministrazione acquisisce in via immediata la proprietà delle opere di nuova costruzione e rientra nella piena disponibilità delle strutture oggetto di ristrutturazione e recupero nello stato di fatto in cui si trovano in quella data, previo pagamento dei lavori regolarmente eseguiti, decurtato degli oneri aggiuntivi derivanti dallo scioglimento del contratto. Oneri ed obblighi a carico del concessionario per la progettazione e l esecuzione dei lavori La società dovrà provvedere alla redazione del progetto, corredato della documentazione prevista dagli artt del Regolamento di esecuzione del codice dei contratti pubblici D.P.R. 207/2010, da sottoporre al Comune per l approvazione ed alla realizzazione dell opera in conformità al D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., il tutto previo adeguamento del Piano Cimiteriale approvato con Delibera di C.C. n. 23 del 18/04/2008, acquisizione del parere A.S.L., acquisizione dell autorizzazione della Soprintendenza per i beni Architettonici e Paesaggistici della Regione Lombardia, ai sensi dell art. 21 D. LGS 42/2004, in quanto il Compendio (Cimitero) è assoggettato a vincolo ope legis e di ogni altro atto di assenso o di autorizzazione comunque denominato necessario. 4

5 - Tempo utile per la presentazione della documentazione progettuale 1. I documenti componenti l adeguamento del Piano Cimiteriale corredato della documentazione prevista dal DPR 10 settembre 1990, n. 285, dal Regolamento Regione Lombardia n. 6 del 9 novembre 2004 e dall Allegato 1 Reg. Regionale 06/02/2007 Documentazione dei piani cimiteriali, dei progetti di nuovi cimiteri ed ampliamento di quelli esistenti ed i documenti componenti il progetto preliminare corredato della documentazione prevista dal DPR 207/2010- vengono resi con la presente proposta, per le prescritte approvazioni. 2. I documenti componenti il progetto definitivo corredato della documentazione di cui all art. 24 del DPR 207/2010 dovranno essere resi disponibili, per le prescritte approvazioni (ARPA, ASL, SOPRINTENDENZA ecc.. e GIUNTA COMUNALE ), entro 30 giorni dalla data di comunicazione di avvenuta aggiudicazione della concessione contratto. 3. I documenti componenti il progetto esecutivo corredato della documentazione di cui all art. 33 del DPR 207/2010, dovranno essere resi disponibili, per la prescritte approvazioni, entro 30 giorni dalla sottoscrizione del contratto e comunque non oltre 45 dalla comunicazione di avvenuta aggiudicazione. - Tempo utile per l ultimazione dei lavori Il tempo utile per ultimare i lavori inerenti il 1 lotto, non potrà superare mesi 8 naturali, successivi e continui, decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori. - Subappalto dei lavori E fatto divieto al concessionario di cedere o subappaltare i lavori fuori dai casi e dalle modalità previsti dalla vigente normativa. - Collaudo, accatastamento e autorizzazione In quanto trattasi di intervento affidato in concessione, è obbligatorio effettuare collaudo in corso d opera, ai sensi dell art. 215 e seguenti del DPR 207/2010 e ss. mm.. Entro 30 giorni dalla data di consegna dei lavori, l Amministrazione Comunale nomina una commissione di collaudo in virtù della normativa vigente. Il certificato di collaudo finale dovrà essere emesso entro 6 mesi dalla data di ultimazione dei lavori, ai sensi dell'art. 229 del DPR 207/2010 e ss. mm.. Entro il medesimo termine il concessionario dovrà provvedere all accatastamento dell intervento complessivo e, quindi, ad ottenere le necessarie autorizzazioni ambientali. Nel caso in cui il concessionario abbia previsto la suddivisione dell intervento in lotti funzionali, l ottenimento del certificato di collaudo e l accatastamento di ciascun lotto sono condizioni necessarie per attivare la gestione parziale dell impianto. Sono a carico, altresì, della concessionario, e quindi compresi nel contratto gli oneri ed obblighi seguenti: a) effettuazione della direzione lavori, previa comunicazione del professionista 5

6 nominato, con obbligo di tenuta della contabilità secondo le norme vigenti in materia di opere pubbliche. Tutte le comunicazioni della direzione lavori saranno inoltrate al Responsabile Unico del Procedimento, il quale dovrà essere tempestivamente informato di eventuali ritardi sull andamento del cantiere. In caso di sospensione dei lavori il RUP dovrà esprimere il proprio parere in merito alla motivazione. La D.L., inoltre, è tenuta a trasmettere copia della contabilità dei lavori. b) Nomina, prima dell'inizio dei lavori, del Direttore tecnico di cantiere, che dovrà essere professionalmente abilitato per la tipologia dei lavori ed iscritto all'albo professionale. c) Ogni altro onere relativo alla formazione del cantiere attrezzato con tutti i più moderni e perfezionati impianti per assicurare una perfetta e rapida esecuzione di tutte le opere prestabilite; una solida recinzione di cantiere, nonché la pulizia e la manutenzione dello stesso, la sistemazione delle strade di accesso in modo da rendere sicuri il transito e la circolazione dei veicoli e delle persone addette ai lavori. d) La guardianìa e la sorveglianza del cantiere e di tutti i materiali in esso esistenti. e) Le riparazioni o i rifacimenti che si rendessero necessari relativamente ad eventuali danni diretti, indiretti e conseguenti che in dipendenza dell'esecuzione dei lavori venissero arrecati a proprietà pubbliche o private o alle persone, sollevando con ciò la Amministrazione da qualsiasi responsabilità. f) La costruzione, entro il recinto del cantiere e nei luoghi che saranno designati dalla Direzione dei lavori, di appositi locali ad uso ufficio del personale di Direzione ed assistenza, dotati dei necessari arredi, illuminazione, servizi igienici e idoneo smaltimento dei liquami. g) La esecuzione, presso gli istituti incaricati, di tutte le esperienze ed assaggi che verranno in ogni tempo ordinati dalla Direzione dei lavori o dall organo di collaudo in corso d opera, sui materiali impiegati o da impiegarsi nella costruzione, in correlazione a quanto prescritto circa la accettazione dei materiali stessi. Dei campioni potrà essere ordinata la conservazione nel competente ufficio direttivo munendoli di suggelli a firma del Direttore dei lavori dell organo di collaudo in corso d opera e del concessionario nei modi più adatti a garantirne la autenticità. h) La esecuzione di ogni prova di carico che sia ordinata dalla Direzione dei lavori o dall organo di collaudo, su pali di fondazione, solai, balconi, e qualsiasi altra struttura portante, di notevole importanza statica. i) La fornitura e manutenzione di cartelli di avviso, di fanali di segnalazione notturna nei punti prescritti e di quanto altro venisse particolarmente indicato dalla Direzione dei lavori o dal coordinatore per la sicurezza in fase d esecuzione a scopo di sicurezza. j) L'esecuzione di fotografie, di formato minimo di cm. 10X15, delle opere in corso di costruzione al momento dello stato di avanzamento e nei momenti più salienti a giudizio della Direzione lavori o dell organo di collaudo. k) La manutenzione del cantiere in condizioni di ordine e pulizia. 6

7 l) Il libero accesso al cantiere all amministrazione comunale in qualsiasi momento delle persone da essa incaricate della vigilanza nell esecuzione dell opera. Le visite potranno opportunamente essere accompagnate dalla Direzione Lavori. m) L'apposizione di n 2 cartelli informativi all'esterno del cantiere di dimensioni minime di cm. 120X200 e la loro manutenzione o sostituzione in caso di degrado fino all'ultimazione dei lavori, con le indicazioni usuali previste dalla legge. In caso di contestazione da parte degli organi di polizia, ogni relativo addebito alla stazione appaltante ricadrà sul concessionario in sede di contabilità. n) Le spese per l'effettuazione di indagini, controlli, prove di carico, ecc. che il Collaudatore amministrativo o statico riterrà necessari a suo insindacabile giudizio. o) Le spese relative agli incarichi professionali per i collaudi sono a carico del concessionario. p) La società è tenuta a custodire, utilizzare e conservare l intervento di ampliamento realizzato in conformità al vincolo di destinazione con la diligenza e cura del buon padre di famiglia nel rispetto dei principi di trasparenza ed economicità. q) La società è tenuta a garantire l efficienza sia funzionale che economica dell ampliamento realizzato garantendone costante manutenzione sia ordinaria che straordinaria nonché i servizi ordinari necessari a garantirne la fruibilità da parte della collettività. r) la società è tenuta a dotarsi di coperture assicurative, in relazione alla tipologia di opera realizzata ed alle relative attività e prestazioni.. 7

8 PARTE 2: gestione dei servizi cimiteriali a carico del Comune e a carico del Concessionario 2.1 I servizi cimiteriali comprendono: a) gestione cimiteriale, comprensiva di manutenzione ordinaria degli immobili e loro pertinenze b) operazioni cimiteriali con intervento sulle salme richieste da privati, amministrazione comunale o autorità giudiziaria c) attivazione e gestione lampade votive. 2.2 Il concessionario estenderà i servizi agli ampliamenti cimiteriali che dovessero avvenire durante la vigenza contrattuale, relativi a nuovi reparti e nuovi complessi di loculi e tombe. - Gestione del cimitero. Sono a carico del Comune: 2.4 tutti i lavori di pulizia e manutenzione ordinaria degli immobili e loro pertinenze, necessari a mantenere un adeguato stato di conservazione e decoro, nel rispetto scrupoloso di quanto previsto da: a. Regolamenti comunali di Polizia Mortuaria b. D.P.R. 285/90 c. Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria ed altre disposizioni di legge in materia d. D.lgs 81/2008 e ss.ii.mm. che si intendono parte integrante del presente atto. 2.5 Sono quindi a carico del Comune e del Concessionario rispettivamente: a) fornitura di energia elettrica (a carico del Concessionario); b) verifica periodica di legge degli impianti e collaudi quando necessario (a carico del Concessionario); c) il funzionamento, la manutenzione ordinaria e il controllo di impianti per l automazione di cancelli del complesso cimiteriale e di eventuali altri impianti dal momento in cui dovessero essere installati (a carico del Concessionario). 2.6 Particolari Solennità. 8

9 In occasione di particolari solennità ( quali x es. quelle dell 1 e 2 novembre di ogni anno) il Comune dovrà: a) garantire la perfetta manutenzione, pulizia e decoro di tutte le pertinenze interne ed esterne di ogni impianto cimiteriale come prima ed oltre descritto (a carico del Comune); b) provvedere alla perfetta pulizia delle cappelle/chiesette con pulizia dei serramenti, pavimenti e lucidatura dei legni (a carico del Comune). 2.7 La gestione comporta nello specifico i seguenti interventi a carico del Comune: Aree esterne alla corte cimiteriale Esternamente alla corte cimiteriale il Comune effettuerà i seguenti servizi di manutenzione: a) spazzamento dei viali di accesso almeno una volta ogni due settimane nel periodo di caduta delle foglie ed ogni qual volta se ne ravvisi la necessità nei restanti periodi dell anno per garantire uno stato di decoro e ordine (a carico del Comune); b) sfalcio dell erba delle parti esterne e viali adiacenti al cimitero, nei viali alberati di collegamento tra la strada pubblica e l edificio cimiteriale, quando la crescita sia superiore a 15 cm. (a carico del Comune); c) sfalcio dell erba nei parcheggi o nei cortili ghiaiati con la stessa frequenza del taglio erba nelle corti interne (a carico del Comune); d) potatura delle siepi ogni qual volta la crescita sia superiore ai 25 cm. (a carico del Comune); e) manutenzione ordinaria alla fontanelle di acqua potabile consistente in sostituzione di rubinetti e pulizia dello scarico per garantire sempre il corretto deflusso delle acque (a carico del Comune); f) sgombero neve e spargimento materiali disgelanti sempre e comunque quando necessario per garantire l accesso e la fruibilità delle strutture, oltre al servizio reso dal Comune, in particolare in occasione di celebrazioni, funerali o altre operazioni cimiteriali (a carico del Comune). Aree interne alla corte cimiteriale Nelle aree interne alla corte cimiteriale, il Comune effettuerà tutti i seguenti servizi di manutenzione quali opere di pulizia, igienizzazione, manutenzione del verde e degli edifici cimiteriali, e precisamente: a) pulizia mensile, ed ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità, dei viali, dei porticati pubblici e gallerie pubbliche; pulizia delle camere mortuarie due volte all anno e dei locali di servizio al cimitero quando necessario per garantirne il mantenimento 9

10 decoroso; pulizia di vetrate pubbliche, parapetti, con lavaggio dei pavimenti pubblici mediante soluzioni acide almeno due volte all anno, una delle quali prima delle celebrazioni dei defunti (a carico della Società); b) deragnatura di tutti gli spazi pubblici almeno ogni trimestre e/o comunque quando necessario per garantire uno stato di decoro e pulizia (a carico della Società); c) igienizzazione del cimitero e dei locali accessori e camera mortuaria (a carico della società); d) vuotatura dei contenitori per i rifiuti con frequenza tale da consentire sempre l utilizzo dei bidoni da parte degli utenti (a carico del Comune); e) pulizia dei servizi igienici di pertinenza dei complessi cimiteriali ogni volta che se ne presenti la necessità per garantire uno stato di decoro e pulizia, con interventi minimi settimanali (a carico del Comune); f) trasporto a rifiuto dell addobbo funebre floreale quando lo stesso non abbia più le caratteristiche idonee di decoro ed igienico-sanitarie e comunque non oltre sette giorni dall apposizione, con divieto assoluto di deposito anche temporaneo nelle aree di pertinenza interna o esterna dei cimiteri (a carico del Comune); g) taglio dei prati e delle aiuole, dei campi comuni, dei percorsi verdi, ogni qual volta l erba abbia raggiunto l altezza di cm. 15, trattamenti anticrittogamici e di diserbo in base alla necessità, risemina dei campi e dei prati (a carico del Comune); h) trattamenti di diserbo nei viali interni ghiaiati e tra le tombe in modo da mantenere le superfici ghiaiate prive di erbe in ogni stagione e condizione atmosferica (a carico del Comune); i) irrigazione di prati nuovi, siepi ed opere in verde in base all andamento stagionale, su richiesta dei competenti uffici comunali (a carico della società); j) fornitura, manutenzione e/o sostituzione degli attrezzi per la pulizia quali scope, raccoglitore e contenitori per rifiuti (a carico della società); k) sgombro della neve dai viali interni, dai gradini dei portici, dalle scale di ingresso ed interne, pulizia del percorso per le fontane anche se esterne alla corte cimiteriale, ed in generale dell interno dell area cimiteriale ecc. e gradini di accesso, ogni qual volta lo spessore del manto nevoso sia di 8 cm. e sempre, prima di un servizio funebre (a carico del Comune); l) fornitura e spargimento di materiale per il disgelo su gradini e superfici sdrucciolevoli dei percorsi pedonali e gradini per non creare pregiudizio agli utenti in occasione di gelate e nevicate (a carico del Comune); m) stesa di ghiaietto o pietrisco nei viali e nei percorsi all interno delle aree cimiteriali (a carico del Comune); n) manutenzione ordinaria dell impianto fognario, come la pulizia dei pozzetti di 10

11 ispezione, pulizia e vuotatura delle caditoie e dei pozzetti degli scarichi pluviali, interventi con auto spurgo (a carico del Comune); o) manutenzione ordinaria alle fontane come sostituzione di valvole, rubinetti, flessibili, pulizia delle fontane e manutenzione degli scarichi per impedire tracimazione degli stessi anche con l ausilio di auto spurgo (a carico del Comune); p) manutenzione ordinaria ai serramenti, alle carpenterie, ai cancelli ecc. compresa la sostituzione di serrature e lucchetti, e le opere di assistenza edile eventualmente connesse (a carico del Comune); q) smaltimento dei rifiuti provenienti dalle operazioni di cui sopra (a carico del Comune). 2.8 Sono a carico del concessionario tutte le operazioni cimiteriali da eseguirsi su richiesta di privati e/o disposti dagli uffici comunali competenti, o dall Autorità Giudiziaria nel rispetto scrupoloso di quanto previsto da: a. Regolamento comunale di Polizia Mortuaria; b. D.P.R. 285/90; c. Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria ed altre disposizioni di legge in materia; d. Regolamento Regione Lombardia n 6/2004 e. Legge Regionale n. 33/2009 e successivi atti normativi; f. D.lgs 81/2008. A titolo esemplificativo e non esaustivo i servizi comprendono: 1) tutte le operazioni e prestazioni necessarie per l esecuzione delle tumulazioni ed inumazioni di salme e resti mortali, in tutto il cimitero comunale. Il servizio comprende la fornitura di mano d opera, materiali di consumo ed attrezzature (a carico del concessionario); 2) tutte le operazioni e prestazioni necessarie per l esecuzione di esumazioni, estumulazioni, smaltimento di rifiuti provenienti da estumulazioni ed esumazioni, di traslazioni di resti mortali o salme richieste da privati per loro esigenze particolari e/o disposte d ufficio a termini di legge e/o regolamenti, ordinarie e straordinarie, nel cimitero comunale, eseguite d intesa con i competenti uffici comunali con i quali, a cura esclusiva del Concessionario, dovranno tenersi gli opportuni contatti. Il servizio comprende la fornitura di mano d opera, materiali di consumo ed attrezzature (a carico del concessionario); 3) collocazione e rimozione delle lapidi di qualsiasi tipo e da chiunque richiesto. Il servizio comprende la mano d opera, attrezzature e materiali di consumo; il servizio si compie con l eventuale consegna della lapide agli utenti interessati o persona da loro designata, e con la successiva presa in consegna per il montaggio (a carico del concessionario); 4) inumazione dei feretri compreso ogni onere di scavo e tombamento della fossa con formazione del tumulo sagomato, fornitura eventuale di nuovo terreno, o trasporto a rifiuto in siti autorizzati di quello eccedente e non suscettibile di sistemazione in luogo, 11

12 compresa la collocazione di semplice cippo o croce, lapide, monumento semplice o complesso. Il servizio comprende la mano d opera, attrezzature e materiali di consumo (a carico del concessionario); 5) esumazioni ed estumulazioni, a richiesta dell'amministrazione e dell autorità Giudiziaria, o emergenti da programmi ordinari e/o straordinari, compreso ogni onere derivante dallo scavo, demolizione, raccolta dei resti mortali, deposizione degli stessi nelle cassette di zinco in caso di nuova tumulazione dei resti, o collocamento negli ossari comuni, negli appositi sacchetti (a carico del concessionario); 6) raccolta, cernita, disinfezione, confezionamento, trasporto dei rifiuti cimiteriali risultanti da esumazioni o estumulazioni, compreso ogni onere anche legale e normativo di smaltimento (a carico del concessionario); 7) apertura loculo, disinfezione dello stesso e successivo reincasso del feretro e ritumulazione in loculo, in caso di fuoriuscita di liquido organico o per evidenti problemi di ordine sanitario (a carico del concessionario). Nota Bene: Si precisa che gli interventi presso il cimitero relativamente a: escavazione fosse presso il cimitero comunale per inumazione delle salme escavazione di fosse con posa di nuovi cassoni cimiteriali escavazione per esumazioni straordinarie in casi eccezionali formazione di muretto in mattoni per chiusura loculi sono concessi in appalto alla ditta Edil Due Erre srl di Torre De Busi (LC), appaltatrice del servizio fino a tutto il , coma da contratto Rep in data sottoscritto con il Comune di Osnago. I predetti interventi dovranno essere eseguiti dalla Società a far data dal Gestione lampade votive La gestione dell illuminazione votiva nel cimitero del Comune di Osnago deve avvenire nel rispetto di quanto previsto dai rispettivi regolamenti comunali di Polizia Mortuaria, nonché della normativa in materia nazionale e regionale vigente. La gestione del servizio è rivolta a tutti gli impianti di illuminazione esistenti ed ai futuri ampliamenti da realizzarsi a cura e spesa dell' Amm.ne Com.le e/o da privati. Dovrà quindi comprendere anche l illuminazione di sepolture private individuali, tombe di famiglia, fosse in campo comune. ( queste a carico del concessionario) ART. 2 - ONERI A CARICO DEL COMUNE 1- Il Comune, su richiesta della Società, quando ricorrono tutti i requisiti previsti, rilascia gli atti ed i documenti necessari all esecuzione del cimitero. In tal senso il Comune si impegna a sostenere e favorire l attività della società attraverso il puntuale svolgimento delle pratiche amministrative inerenti la gestione del servizio e delle aree cimiteriali. 2- Il Comune, al fine di acquisire un parere preventivo e non vincolante, si impegna a comunicare con congruo anticipo alla Società le modifiche ai Regolamenti comunali che possano in qualsiasi modo influire sui lavori e sulle attività oggetto della presente 12

13 convenzione. 3- Nel caso di esecuzione di operazioni cimiteriali per le quali non fosse possibile reperire i famigliari dei defunti, l Amministrazione Comunale si farà carico degli oneri relativi, ART. 3 - ESCLUSIONE DALLA CONCESSIONE La Concessione non comprende: a) l'assegnazione di loculi e tombe, che verrà gestita direttamente dagli uffici comunali. b) la gestione cimiteriale, comprensiva di manutenzione straordinaria ( a titolo semplificativo per straordinaria si intende rifacimento della copertura, dei canali di gronda, rifacimento dei muri crollati ecc.) degli immobili e loro pertinenze. ART. 4 - DURATA CONTRATTUALE CONSEGNA DEGLI IMPIANTI 4.1 La presente convenzione ha durata di 20 (vent anni) dal luglio 2014 al 30 giugno Per l intera durata della convenzione, la Società è tenuta al rispetto della destinazione d uso del bene realizzato. 4.3 Al termine della convenzione la Società dovrà retrocedere l ampliamento del cimitero realizzato al Comune. L opera realizzata sarà restituita senza alcun onere da parte dello stesso. 4.4 Qualora alla scadenza della convenzione (venti anni) la Società non rientrasse completamente dell investimento per la costruzione delle opere di ampliamento del Cimitero come da Piano economico finanziario dell opera e relativo piano di ammortamento allegato, la convenzione potrà essere prorogata per un ulteriore periodo di due anni e comunque fino al completo rientro dell investimento. ART. 5 - CORRISPETTIVO DI CONCESSIONE 5.1 Non è previsto un corrispettivo di concessione. Il corrispettivo a carico del Comune per la realizzazione delle opere di ampliamento è sostituito dall'attribuzione al concessionario del diritto di riscuotere i canoni di sub-concessione dagli utenti assegnatari dei loculi e delle tombe. Il concessionario provvederà, direttamente ed autonomamente, alla stipula dei Contratti per la sub-concessione in uso ed alla riscossione degli introiti e ad un prezzario la cui definizione ed approvazione resta di competenza comunale, previa predisposizione da parte del concessionario di apposita Carta dei Servizi. 5.2 L equilibrio economico finanziario è dimostrato dal piano economico finanziario,(p.e.f) consistente nel mantenimento del valore del tasso interno di 13

14 rendimento del progetto, sarà oggetto di verifica triennale tra le parti allo scopo di rispettare l equilibrio finanziario iniziale. Circa l alea contrattuale si individua nella soglia del 3% lo scostamento che giustifica interventi correttivi del P.E.F. e ciò a dire: - se ricavo annuo risulta inferiore al P.E.F annuo in misura inferiore del 3% non si da luogo a rettifica del PEF e si demanda il tutto alla verifica triennale tra le parti allo scopo di rispettare il riequilibrio finanziario. - se il ricavo annuo risulta inferiore al P.E.F annuo in misura superiore al 3% si da luogo, per la quota eccedente il 3%, a rettifica del PEF, in termini che il Comune si riserva di tradurre in un aumento delle tariffe o in un prolungamento della durata della convenzione. - se il ricavo annuo risulta superiore al P.E.F annuo in misura inferiore al 3% non si da luogo a rettifica del PEF, e si demanda il tutto alla verifica triennale tra le parti allo scopo di rispettare l equilibrio finanziario - se ricavo annuo risulta superiore al P.E.F annuo in misura superiore al 3%, per la quota eccedente il 3%, la Società versa al Comune la somma corrispondente. ART. 6 - CANONE DI SUBCONCESSIONE 6.1 Il Concessionario ha il diritto di riscuotere dagli utenti assegnatari del loculo ovvero della tomba il canone di subconcessione, secondo le tariffe di cui all'allegato C alla presente convenzione. 6.2 L'attribuzione del diritto di riscossione del canone di subconcessione remunera il concessionario per le attività di realizzazione delle opere e di erogazione dei servizi oggetto della presente convenzione, secondo le previsioni di cui al Piano economico finanziario succitato. 6.3 Il canone di subconcessione dovuto dagli utenti al concessionario comprende il corrispettivo per tutti i servizi erogati. 6.4 I rapporti fra la Società e utenti e le condizioni generali di concessione dei loculi o spazi tombali sono disciplinati dalle vigenti specifiche normative in materia, da apposita carta dei Servizi predisposta dalla Società ed approvata dal Comune e dai Regolamenti Comunali. 6.5 Al Comune quando agisce in qualità di utente della Società, verranno applicate le stesse condizioni normative previste per l utenza in genere. 14

15 ART. 6 A CANONE AL COMUNE 6A.1 La Società, a fronte dell affidamento da parte del Comune del diritto di concessione in uso agli utenti dei loculi realizzati, si obbliga a riconoscere allo stesso Comune i seguenti importi: a) un canone per ogni annualità pari ad 4000,00. Tale canone verrà adeguato, annualmente, in funzione delle entrate inerenti l attività di assegnazione. b) per le sole OPERAZIONI cimiteriali (tumulazioni, inumazioni, estumulazioni ecc ) indicate nell allegato C con le lettere A-B-C-D-E-F-G-H-I-L-M-N-O-P e per le FORNITURE A PIE D OPERA indicate nell allegato C con le lettere a-b-c-d-e e per i RSU indicati con le lettere f-g-h, la Società si obbliga a riconoscere e corrispondere al Comune un canone per ogni annualità calcolato applicando ai ricavi delle operazioni sopracitate l aliquota del 25% (venticinque per cento), per far fronte in parte alle operazioni di manutenzione ordinaria che resteranno in carico allo stesso. c) Alla vendita di ogni cappella la società verserà al comune la somma di ( trentamila euro ) 6A.2 Il pagamento del corrispettivo annuo, di cui al comma precedente, da parte della Società. dovrà avvenire in due rate posticipate entro il mese di giugno e dicembre dell anno di riferimento. ART. 7 - ADEGUAMENTO PREZZI Le tariffe di cui all allegato C alla presente convenzione, che il concessionario ha diritto di riscuotere dagli utenti, si intendono fisse ed di invariabili per il primo anno e quindi sino al... Dall inizio del secondo anno tali tariffe verranno adeguate, con decorrenza 1 gennaio, sulla base all indice Istat relativo alla categoria costo vita operai e impiegati (senza tabacchi) riferito al mese di ottobre dell anno precedente. Le tariffe aggiornate annualmente mediante applicazione indice Istat verranno recepite con determina del responsabile del competente settore. Modifiche e/o integrazioni ulteriori alle tariffe succitate saranno possibili solo su specifica, motivata ed argomentata richiesta del concessionario per sopravvenute disposizioni normative che incidano sullo svolgimento dei servizi oppure per aumenti dei costi relativi alla gestione dei servizi in concessione superiori a tre punti percentuali rispetto all incremento Istat medio annuo. In questo caso, l'amministrazione concedente istituirà apposita commissione congiunta, costituita da un funzionario del Settore 2 - Gestione del Territorio, dal Resp. del Servizio Cimiteriale, e da un rappresentante della Ditta Concessionaria o suo delegato, per determinare le variazioni delle tariffe. ART. 8 - ATTREZZATURE DI SERVIZIO Il concessionario dovrà essere in possesso di tutte le attrezzature necessarie per l esecuzione di tutti i servizi oggetto del presente contratto, nonché le attrezzature per la movimentazione dei feretri per le operazioni di inumazione e tumulazione in ogni tipo di sepoltura. 15

16 Tutte le attrezzature dovranno essere in buono stato d uso, omologate ed a norma con le vigenti disposizioni in materia di sicurezza con particolare riferimento al D.Lgs 81/2008 e ss.mm.ii. La dotazione dei mezzi, dovrà essere sempre mantenuta in piena efficienza ed eventualmente sostituita o integrata in proporzione alle eventuali aumentate necessità o mutate esigenze, a spese del Concessionario e senza diritto alcuno di maggiori compensi ed indennità di sorta. Il Comune potrà richiedere l'adozione di mezzi, veicoli, attrezzi od altro che ritenga più idonei all'espletamento dei servizi richiesti; inoltre potrà autorizzare su proposta del concessionario l'uso di nuove tecniche di lavoro, nonché l'impiego, previo esperimento pratico, di nuove attrezzature, a spese dell'impresa stessa. ART. 9 - PROPRIETA DEGLI IMPIANTI STATO DI CONSISTENZA INIZIALE E FINALE Tutti gli impianti e gli immobili dati in concessione sono e rimarranno di proprietà del Comune concedente. Alla scadenza della concessione, fatta salva la proprietà in capo al Comune concedente delle opere realizzate acquisita alla data del collaudo delle stesse, tutti gli impianti di natura strumentale alle opere, anche quelli eventualmente realizzati dal concessionario nel periodo contrattuale, si intendono in proprietà del Comune, senza che nessun rimborso sia dovuto, fatta eccezione per quanto contemplato nel successivo art. 10. Entro trenta giorni lavorativi dall inizio del rapporto di concessione, l ufficio tecnico di riferimento ed il concessionario eseguiranno sopralluogo presso la struttura cimiteriale redigendo in contraddittorio apposito verbale di consistenza, da cui risulti in modo esaustivo lo stato di manutenzione. Da tale verbale dovrà chiaramente risultare la dotazione impiantistica, strumentale e di attrezzature, nonché la descrizione puntuale delle loro condizioni di manutenzione. Medesimo sopralluogo con redazione di verbale in contraddittorio dovrà essere redatto entro il... per la riconsegna del patrimonio. ART INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E MODIFICHE AGLI IMMOBILI ED IMPIANTI. Il concessionario avrà la facoltà durante la vigenza contrattuale di proporre, con esecuzione totale a proprio carico, alle Amministrazioni Comunali innovazioni tecnologiche o strutturali agli impianti cimiteriali e loro dotazioni che ritenga possano migliorarne la funzionalità e che possano produrre economie di gestione, con particolare riferimento al contenimento energetico. A tale scopo il concessionario dovrà presentare progetto tecnico con relativo piano di spesa e di ammortamento. L Amministrazione Comunale competente si riserva di approvare il progetto ed eventualmente partecipare alla spesa. L esercizio della facoltà di introdurre innovazioni da parte del concessionario non origina nessun diritto del concessionario all adeguamento del periodo contrattuale. 16

17 ART.11 - RESPONSABILITÀ DELLA SOCIETA CONCESSIONARIA Il concessionario é totalmente responsabile dei danni derivanti da colpa, negligenza, imprudenza, imperizia, inosservanza di prescrizioni di leggi o di prescrizioni impartite dall'amministrazione, arrecati, per fatto proprio o dei propri dipendenti o da persone da essa chiamate in luogo per qualsiasi motivo, sia a personale proprio o di altre ditte che a terzi comunque presenti, sia a cose proprie o di altre ditte o alle aree ed agli impianti, attrezzature ed arredi dati in concessione. Il concessionario costituisce polizza assicurativa di responsabilità civile avente efficacia per tutta la durata della concessione, a copertura dei danni cagionati a terzi per qualsiasi fatto o atto commesso dai propri dipendenti, da collaboratori e da ogni soggetto (persona fisica/giuridica) che presti la propria opera per conto dello stesso nell espletamento della prestazioni oggetto della concessione, con le seguenti caratteristiche minime: sezione RCT massimale unico non inferiore ad ,00 sezione RCO massimale non inferiore ad ,00. con il limite per prestatore di lavoro infortunato di ,00 La polizza dovrà prevedere le seguenti estensioni di garanzia: danni a cose/enti di terzi da incendio, esplosione o scoppio di cose dell Assicurato o da lui detenute, con un massimale non inferiore ad ,00; responsabilità civile conduzione ed uso di beni di proprietà; danni a cose di terzi detenute e/o in consegna o custodia all assicurato a qualsiasi titolo con un massimale non inferiore ad ,00 danni a cose nell ambito di esecuzione dei lavori; danni a locali, arredi, impianti, attrezzature e strutture in genere (luoghi in cui si svolge l attività oggetto della presente concessione). Qualora l importo del risarcimento spettante a terzi ecceda i massimali della polizza sottoscritta, la differenza resterà ad intero ed esclusivo carico della ditta Concessionaria del Servizio. Eventuali scoperti o franchigie previste della polizza di responsabilità civile non potranno in alcun modo essere poste o considerate a carico dell Ente concedente e/o del Danneggiato. L inefficacia del contratto assicurativo non potrà in alcun modo essere opposta all Ente concedente e non costituirà esimente per il concessionario per le responsabilità ad esso imputabili secondo le norme dell ordinamento vigente. Il Concessionario è comunque responsabile dei danni arrecati, nell esecuzione del contratto, al patrimonio del Comune a causa di imperizia e/o incapacità del personale, cattivo funzionamento dei macchinari, nonché di utilizzo di materiale non idoneo, nulla escluso. A prescindere da eventuali conseguenze penali, il concessionario é tenuto al risarcimento di tutti i danni di cui sopra. Ogni danno arrecato in occasione della esecuzione dei servizi in concessione ai manufatti od impianti cimiteriali ed in genere a quanto di proprietà comunale e privata, dovrà essere rimosso e/o risarcito a spese e cura del concessionario al più presto e comunque non oltre il termine stabilito caso per caso dalla Amministrazione comunale. 17

18 In caso di inesatto o ritardato adempimento da parte del concessionario, si provvederà d ufficio a realizzare i ripristini e le riparazioni necessarie, con rivalsa per l ammontare della spesa ordinata dalla Amministrazione comunale sul deposito cauzionale versato al Comune. E obbligo del Concessionario, pena la nullità assoluta del contratto di concessione, di osservare, in tutte le operazioni ad esso riferite, le norme sulla tracciabilità dei flussi finanziari di cui all art. 3 della Legge n. 136 del e succ. modif. e integrazioni. ART. 12 CONTROLLI I controlli sul servizio in oggetto sono esercitati dagli uffici comunali preposti. A tale fine, personale comunale potrà procedere senza preavviso ad accessi ed ispezioni al fine di verificare l esatto svolgimento del servizio dato in concessione ed il rispetto delle norme contrattuali. ART. 13 PENALITÀ Qualora venisse accertata inadempienza anche parziale di quanto previsto dalla presente concessione, dal D.P.R. 285/90 e dal regolamento comunale di Polizia Mortuaria, verrà redatto apposito verbale di contestazione ed alla Società verrà addebitata una penalità da un minimo di 200,00 ad un massimo di 500,00 per ogni infrazione, secondo la gravità della inadempienza ad esclusivo giudizio del Comune. In particolare le sanzioni saranno dei seguenti importi nei casi di: a) mancata presenza del numero di personale necessario alle operazioni di inumazione e/o tumulazione e/o traslazione 500,00. Tale penale è ripetibile per ogni violazione occorsa nell arco della stessa giornata. Il concessionario potrà fare opposizione al verbale di contestazione entro 15 giorni dal suo ricevimento, esponendo le proprie ragioni al responsabile del procedimento che è tenuto a pronunciarsi in merito entro i successivi 15 giorni. Ove le inadempienze si protraessero in modo da compromettere la funzionalità del servizio,il Comune si riserva la facoltà di adottare tutti provvedimenti necessari per ripristinare il buon funzionamento del servizio, fino alla risoluzione contrattuale. L Amministrazione potrà intervenire in sostituzione della ditta nei casi di cui sopra con proprio personale, addebitandone i relativi oneri all impresa in aggiunta alle penali previste.- ART DIVIETO DI CESSIONE DELLA CONCESSIONE E vietata alla ditta la cessione totale o parziale del contratto di concessione. L Amministrazione comunale si riserva la facoltà in ogni momento di effettuare controlli sulla gestione della concessione anche nei confronti di terzi incaricati dal concessionario. La cessione di azienda e gli atti di trasformazione,fusione e scissione non hanno effetto fino a quando il soggetto risultante dalla trasformazione, fusione o scissione non ha effettuato le comunicazioni di cui all art.1 DPCM 187/91 e non ha documentato il possesso dei requisiti necessari per lo svolgimento della concessione. Nei 60 giorni successivi alla comunicazione il Comune può motivatamente opporsi al 18

19 subentro del nuovo soggetto, con effetti risolutivi sul contratto di concessione, qualora il subentrante non possieda i requisiti richiesti per lo svolgimento dell oggetto della concessione. ART RISOLUZIONE DEL CONTRATTO 15.1 In caso di reiterate gravi deficienze nella gestione affidata e inadempienze di particolare gravità ai disposti della presente convenzione, salvo i casi di caso fortuito e forza maggiore, la stessa si risolverà di diritto ai sensi dell art cod. civ.. Il Comune potrà risolvere il contratto in qualunque tempo nei seguenti casi: a) gravi e ripetute violazioni degli obblighi contrattuali tali da concretizzare grave inadempimento contrattuale; b) abbandono ingiustificato del servizio; c) riscossione di corrispettivi dall utenza in misura superiore a quella determinata dal Comune; d) emanazione a carico della concessionaria di provvedimento definitivo con cui è stata disposta l applicazione di una misura di prevenzione ( art.3 L 1423/56 ed artt.2 e ss. L. 575/65) o di sentenza passata in giudicato per frodi nei confronti del concedente,degli appaltatori, dei fornitori, dei lavoratori e di altri soggetti interessati alla presente concessione, nonché per violazione degli obblighi attinenti la sicurezza del lavoro e la regolarità contributiva; e) produzione di falsa documentazione o di dichiarazioni mendaci; La procedura di risoluzione sarà attivata dal responsabile del procedimento che contesterà la causa di risoluzione alla concessionaria, assegnando un termine di 20 giorni per la presentazione di proprie controdeduzioni. Acquisite e valutate negativamente le controdeduzioni preceduta, o scaduto il termine senza che la concessionaria abbia risposto, verrà pronunciata la risoluzione. Il procedimento di risoluzione contrattuale deve concludersi entro 40 giorni. In caso di risoluzione contrattuale il Comune procederà ad incamerare la cauzione che, in misura pari al 10% del corrispettivo presunto di concessione, la ditta sarà tenuta a costituire in sede di stipula di contratto. In caso di risoluzione contrattuale il Comune potrà trattenere le opere e gli impianti non asportabili se ritenuti ancora utilizzabili, corrispondendo alla concessionaria il valore delle opere e degli impianti non ancora ammortizzato e quantificato nella minor somma tra il costo di costruzione ( al netto dell ammortamento) e il valore delle opere ed impianti al momento del recesso. ART. 16 RESTITUZIONE DELL OPERA REALIZZATA ALLA SCADENZA DELLA CONVENZIONE O IN CASO DI RISOLUZIONE 16.1 Alla scadenza della presente convenzione, o in caso di risoluzione della stessa, la Società dovrà retrocedere al Comune il cimitero in normale stato di manutenzione, in condizioni di efficienza ed in buono stato di conservazione. 19

20 ART. 17 ALLEGATI 17.1 Costituiscono parte integrante formale e sostanziale del presente atto, se pur non materialmente e fisicamente uniti al medesimo e conservati agli atti del concedente, i seguenti documenti: a) allegato A Progetto preliminare redatto dall Arch. Maggioni Adamo dell importo pari ad ,00. b) allegato B :Piano economico finanziario dell opera e relativo piano di ammortamento ventennale; c) allegato C : tariffe delle concessioni cimiteriali di loculi e spazi tombali e diritti cimiteriali approvato con la delibera di approvazione della presente convenzione. d) allegato D Tabella dimostrative della disponibilità delle tombe-loculi fino alla fine della concessione (anno 2033) senza la necessità di realizzare il 2 Lotto Al fine di consentire l adeguamento tempestivo delle modalità di offerta del servizio ai mutamenti della domanda e delle condizioni di contesto, le parti possono ridefinire e/o aggiornare le prestazioni ed i termini di cui alla presente convenzione. ART. 18 REGISTRAZIONE 18.1 Ai fini della registrazione viene richiesta la registrazione in caso d uso ai sensi del D.P.R. 26/04/1986 N. 131, essendo le prestazioni contenute soggette ad I.V..A. specificando che tutte le spese inerenti e conseguenti sono poste a carico della Società. ART. 19 DISPOSIZIONI FINALI 19.1 La convenzione dovrà essere interpretata secondo i principi di buona fede secondo quando prevede l art C.C. e secondo la legge della Repubblica Italiana Essa dovrà essere interpretata nella sua interezza attribuendo a ciascuna clausola il senso che ne deriva dal complesso dell atto, tenendo conto della reale intenzione delle parti al tempo della sua stipula ex artt e 1363 C.C Ogni spesa, onere, imposta e tassa che saranno applicate alla presente convenzione sono a carico della Società.. 20

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli