Disciplinare Tecnico di Gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disciplinare Tecnico di Gestione"

Transcript

1 COMUNE DI SIGNA Concessione di lavori ex artt. 143 e ss. D.Lgs. n. 163/2006 e ss. mm.ii. avente ad oggetto l ampliamento del cimitero di S.Miniato e di San Mauro nonché la gestione del sistema cimiteriale comunale Disciplinare Tecnico di Gestione 1

2 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI ART. 1 Servizi affidati al Concessionario PAG. 1 ART. 2 Responsabilità del Concessionario PAG. 1 CAPO II DISPOSIZIONI SULLA GESTIONE ART. 3 Inventario dei beni mobili ed immobili affidati al Concessionario PAG. 2 ART. 4 Esclusività del servizio PAG. 2 ART. 5 ART. 6 CAPO III MODALITÀ ORGANIZZATIVE DEL SERVIZIO Standards quantitativi prestazionali minimi dei servizi a tariffa Standards prestazionali complessivi minimi degli altri servizi PAG. 3 PAG. 5 ART. 7 Servizi cimiteriali PAG. 7 ART. 8 Disposizioni particolari sul servizio di illuminazione votiva ART. 9 Carta dei servizi funebri e cimiteriali PAG. 24 PAG. 16 CAPO IV DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLO E DI CORRETTA ESECUZIONE CONTRATTUALE ART. 10 Oggetto del controllo PAG. 30 ART. 11 Obblighi del Concessionario PAG. 31 ART. 12 Comunicazioni dati sul servizio PAG. 31 ART. 13 Applicazione delle norme in materia di sicurezza PAG. 31 ART. 14 Risoluzione del contratto PAG. 32 ART. 15 Disposizioni varie 2

3 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Servizi affidati al Concessionario 1.1. Al Concessionario è affidata la gestione dei servizi cimiteriali all interno dei cimiteri comunali, ivi compreso il servizio di illuminazione votiva, l esecuzione delle attività autorizzatorie e di quelle connesse al rilascio delle formali concessioni cimiteriali, nonché le funzioni di vigilanza, controllo diverse da quelle espressamente poste a carico del Comune ai sensi del presente Disciplinare Tecnico di Gestione. Al Concessionario compete altresì la manutenzione ordinaria e straordinaria dei cimiteri, degli immobili, reti ed impianti per tutta la durata dell affidamento, la seconda nei limiti di quanto specificato al successivo art I servizi sono svolti nell osservanza del Regolamento nazionale di Polizia Mortuaria DPR 10 settembre 1990, n. 285 e del Regolamento comunale di Polizia Mortuaria, nonché degli altri atti emanati dalle competenti Autorità Ai fini di cui al primo comma, il Concessionario utilizzerà gli impianti, le opere e le attrezzature presenti nei cimiteri al momento della sottoscrizione del contratto di concessione Il servizio di custodia di cui agli artt. 52 e 53 del D.P.R. 10/9/1990, n. 285, è svolto dal Concessionario, cui competono i relativi obblighi e responsabilità. Il Sindaco provvede alla vidimazione dei registri. ART. 2 Responsabilità del Concessionario 2.1. Dalla data di sottoscrizione del contratto di concessione, il Concessionario è responsabile del buon funzionamento dei servizi secondo le disposizioni del presente Disciplinare Tecnico di Gestione Gravano sul Concessionario le responsabilità connesse alla gestione dei beni, delle opere e delle attrezzature affidati ai sensi dell art. 1, nonché alla gestione delle salme/resti mortali/ceneri, ossia delle operazioni di Polizia Mortuaria Il Concessionario è tenuto a mantenere per tutta la durata dell affidamento le garanzie assicurative e finanziarie previste nel contratto di concessione, tali da coprire i rischi derivanti da proprie inadempienze, e comunque da danni causati a terzi. Il Concessionario terrà sollevata ed indenne l Amministrazione Comunale nonché il personale dipendente dal suddetto Ente, da ogni e qualsiasi responsabilità connessa con i servizi stessi. 1

4 CAPO II DISPOSIZIONI SULLA GESTIONE ART. 3 Inventario dei beni mobili e immobili affidati al Concessionario 3.1. I beni immobili e mobili affidati in concessione d uso al Concessionario risultano dall inventario allegato al contratto di concessione sottoscritto tra Amministrazione Comunale e Concessionario Il Concessionario accetta i beni descritti nell inventario di cui al comma precedente nelle condizioni di fatto e di diritto nelle quali si trovano al momento della consegna e dichiara di aver preso cognizione dei luoghi e dei manufatti nonché di tutte le condizioni e situazioni particolari in cui è destinato a svolgere i servizi affidatigli Con la sottoscrizione del contratto di concessione, il Concessionario acquisisce altresì in uso le provviste e i materiali vari di magazzino destinati al funzionamento del servizio Il Concessionario si obbliga ad adeguare le opere, gli impianti e le attrezzature alle vigenti legislazioni in materia sia di tecnica che di sicurezza. ART. 4 Esclusività del servizio 4.1. Per tutta la durata della concessione, il Concessionario ha il diritto di gestire in esclusiva i servizi cimiteriali affidati all interno dei cimiteri di cui all allegato D del contratto di concessione L accettazione delle salme sarà effettuata durante gli orari di apertura dei cimiteri Il Concessionario ha il diritto esclusivo di mantenere sopra il suolo pubblico tutte le attrezzature necessarie allo svolgimento dei servizi affidati I loculi e gli ossari che si renderanno disponibili per scadenza delle concessioni, revoche, rinunce e/o decadenze all interno dei Cimiteri oggetto di gestione saranno gestiti dal Concessionario che li potrà riassegnare in concessione a terzi, riscuotendone le relative tariffe. 2

5 CAPO III MODALITÀ ORGANIZZATIVE DEL SERVIZIO ART. 5 Standards dei livelli qualitativi e quantitativi dei servizi a tariffa 5.1. Il Concessionario è tenuto a gestire i servizi cimiteriali affidatigli garantendo i seguenti standards prestazionali SICUREZZA E COMFORT DEI VISITATORI Presenza di un servizio di custodia differenziata in relazione alle dimensioni del cimitero. L orario di apertura dei cimiteri è determinato dal Sindaco ed attualmente risulta il seguente: Cimitero di San Miniato - estivo (1 aprile 30 settembre) 9.00/12,00 15,00/20,00; - invernale (1 ottobre 31 marzo) 9.00/12,00 14,00/17,00. Cimiteri di Lecore e S.Mauro - estivo (1 aprile 30 settembre) 9.00/12,00 15,00/1820,00; - invernale (1 ottobre 31 marzo) 9.00/12,00 14,00/17,00. Nei giorni della domenica e degli altri festivi i Cimiteri sono aperti tutta la giornata, secondo l orario su indicato, Nei cimiteri di Lecore e S.Mauro è data la possibilità di gestire il servizio di custodia a rotazione, con presenza giornaliera di un addetto per i due cimiteri con garanzia di presenza complessiva per n. 6 ore giornaliere e con servizio di reperibilità a chiamata SEPOLTURA A SISTEMA DI INUMAZIONE DI FERETRI Garanzia del servizio con presenza al lavoro per non meno di 8 ore al giorno per tutti i giorni feriali dell anno e di 4 ore al giorno per il Sabato e festivi. Esecuzione dell inumazione entro un giorno dall istanza degli interessati, corredata da autorizzazione alla sepoltura, o se dal momento della conoscenza del rilascio di nulla osta dell Autorità giudiziaria, quando vengano richieste specifiche indagini autoptiche. Nel caso di istanza presentata il giorno precedente uno festivo il termine è posticipato di un giorno SEPOLTURA A SISTEMA DI TUMULAZIONE DI FERETRI Garanzia del servizio con presenza al lavoro per non meno di 8 ore al giorno per tutti i giorni feriali dell anno e di 4 ore al giorno per il Sabato e festivi. Esecuzione della tumulazione entro un giorno dall istanza degli interessati, corredata da autorizzazione alla sepoltura, o dal momento della conoscenza del rilascio di nulla osta dell Autorità Giudiziaria, quando vengano richieste specifiche indagini 3

6 autoptiche. Nel caso di istanza effettuata il giorno precedente ad uno festivo, il termine è posticipato di un giorno TRASLAZIONE E TUMULAZIONE DI CASSETTE RESTI OSSEI Salvo diversa richiesta degli aventi titolo, la tumulazione di resti ossei dovrà avvenire entro un giorno dall istanza degli interessati. Nel caso di istanza presentata il giorno precedente ad uno festivo, il termine è posticipato di un giorno CREMAZIONE Tumulazione in sepoltura indicata dagli aventi titolo entro il giorno successivo alla cremazione, fatta salva diversa richiesta dei familiari interessati ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI ORDINARIE DI FERETRI Garanzia del servizio con presenza al lavoro per non meno di 8 ore al giorno per tutti i giorni feriali dell anno escluso il periodo previsto dall art. 55 comma 2 del vigente Regolamento di Polizia Mortuaria a) Sono effettuate nei termini stabiliti dalla comunicazione pubblica di avviso alla cittadinanza di esecuzione delle operazioni massive di esumazione. b) Sono effettuate entro 4 giorni dal termine della concessione le estumulazioni occorrenti per liberare dal feretro la sepoltura che ritorna nella disponibilità del Concessionario. c) il termine ordinario di cui al precedente punto b) può essere modificato in forma più favorevole per i cittadini interessati previa comunicazione pubblica alla cittadinanza. d) Sono da mantenere inumazioni o tumulazioni perpetue quelle individuate con delibera di Giunta comunale in essere o future, relative a personalità illustri del Comune ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI STRAORDINARIE DI FERETRI Garanzia del servizio con presenza al lavoro per non meno di 8 ore al giorno per tutti i giorni feriali dell anno e di 4 ore al giorno per il Sabato a) L esecuzione di esumazione od estumulazione richiesta dall Autorità Giudiziaria è effettuata secondo quanto disposto da quest ultima. Di norma sono esclusi i giorni festivi. b) Fatto salvo quanto previsto dall art. 84 del D.P.R. n. 285/90 e ss. mm.ii., l esecuzione della esumazion straordinaria è effettuata entro 2 giorni dall autorizzazione conseguente all istanza degli interessati (salvo indisponibilità del Medico Competente). Nel caso d istanza presentata il giorno precedente ad uno festivo, il termine è posticipato di un giorno. Analogamente, per quanto riguarda l esecuzione di estumulazione straordinaria, purché vengano rispettate le condizioni stabilite dall art. 88 del D.P.R. n. 285/

7 c) I termini di cui alle precedenti lettere a) e b) devono essere rispettati anche dalla A.S.L. per quanto di propria competenza in esecuzione dell autorizzazione comunale alle operazioni cimiteriali Illuminazione elettrica votiva Garanzia di gestione del servizio di illuminazione elettrica votiva che nel complesso fornisca con caratteristiche di continuità alimentazione del punto luce nell arco delle 24 ore, per l intero arco dell anno. Garanzia del servizio assicurata sull intera rete a) Allacciamento ex novo alla rete entro 15 giorni dalla domanda da parte degli interessati. Tale termine è prorogato di un giorno nel caso di domanda pervenuta nel giorno prefestivo. b) Realizzazione di tratto di rete ex novo per procedere ad allacciamento in zona non coperta da rete già esistente, da effettuarsi entro 30 giorni dalla domanda. c) Cambio di lampada fulminata entro 4 giorni dalla segnalazione del guasto. Tale termine è prorogato di un giorno nel caso di segnalazione del guasto effettuata nel giorno prefestivo. d) Obbligo di ripristino e messa a norma degli impianti esistenti sia per le lampade votive, sia per quelli di illuminazione pubblica RILASCIO DEI PROVVEDIMENTI CONCESSORI ED AUTORIZZATORI Gli atti amministrativi concernenti sepolture, cassette resti ossei, urne cinerarie e di quant altro ad essi riferibili saranno rilasciati direttamente dal Concessionario, che ne riscuoterà i relativi oneri economici, secondo i termini di legge e di regolamento. Ogni provvedimento rilasciato è comunicato al Comune entro trenta giorni. ART. 6 Standards prestazionali complessivi degli altri servizi 6.1 MODALITÀ DI GESTIONE E TARIFFE APPLICABILI a) Garanzia di esecuzione con il personale diretto o a mezzo di terzi e con la dotazione di mezzi e attrezzature occorrenti in relazione agli specifici servizi cimiteriali, applicando le tariffe stabilite da apposita Delibera della Giunta Comunale. Gli importi delle tariffe aranno sottoposti ad aggiornamento ISTAT a febbraio di ogni anno con Delibera di Giunta Comunale a fronte di espressa richiesta del - Concessionario, da effettuarsi entro il 31 dicembre dell anno precedente. Il Concessionario si assume gli oneri di cui all art. 32 comma 6 del Regolamento Comunale di Polizia b) Presenza di contenitori di rifiuti nel cimitero con distanza fra un contenitore e l altro inferiore a m c) Frequenza raccolta di rifiuti assimilabili agli urbani: nei viali principali, almeno ogni 2 giorni; nelle restanti zone, almeno ogni 3 giorni. 5

8 d) Frequenza raccolta rifiuti cimiteriali da esumazione ed estumulazione: in relazione alla produzione dei rifiuti e comunque entro il termine massimo di 2 mesi tra una raccolta e l altra. e) Presenza di fontanelle per la distribuzione di acqua con distanza tra le fontanelle inferiore a 100 metri MANUTENZIONE DEL VERDE CIMITERIALE a) Le superfici erbose pubbliche dovranno essere mantenute ben rasate. Il manto erboso, anche nella fascia di rispetto, in ogni periodo dell anno non dovrà superare i cm. 15 di altezza. b) Le piante presenti nei cimiteri dovranno essere potate regolarmente ed assoggettate a periodica valutazione dello stato della chioma e del fusto a fini preventivi INFORMATIZZAZIONE DELL ANAGRAFE E DEL CATASTO CIMITERIALE, PRESENTAZIONE AUTOMATIZZATA DELLE ISTANZE; a) Messa a regime del sistema automatizzato per tutti i cimiteri comunali con caricamento dei dati storici (a ritroso almeno fino al ) entro 12 mesi dall affidamento della concessione. b) Accessibilità a mezzo Internet da parte dei cittadini e degli utenti professionali dei dati non coperti da tutela della riservatezza entro 24 mesi dall affidamento della concessione. c) Possibilità di presentazione di istanze da parte dei cittadini o dell utenza professionale a mezzo Internet entro 12 mesi dall affidamento della concessione. d) Aggiornamento delle registrazioni per movimentazione di cadaveri, ossa, ceneri, entro 2 giorni feriali dall esecuzione. e) Utilizzazione del software in uso all Amministrazione Comunale con pagamento delle licenze o, in alternativa, utilizzo e fornitura da parte del Concessionario, con servizio manutentivo post vendita, anche all Amministrazione di altro software con aggiornamento mensile. f) Trasmissione con cadenza mensile, all Amministrazione Comunale ogni provvedimento rilasciato concernente le concessioni cimiteriali, le operazioni relative ai defunti, autorizzazioni varie rilasciate ai familiari, alle Imprese di onoranze funebri ed ai marmisti e operazioni connesse, luci votive e quant altro ad essi riferibile. Questo a decorrere dalla data di sottoscrizione del contratto di cui sopra. Se pure solo a titolo esemplificativo, il riferimento è a: - tutte le concessioni cimiteriali rilasciate; - tutte le operazioni realizzate relative ai defunti, come sepolture, spostamenti, pagamenti di inumazioni comprensive delle future esumazioni, ecc.; - iscrizioni epigrafi, e rilascio permessi per i lavori dei marmisti all interno dei Cimiteri, ecc.; 6

9 - tutte le operazioni relative alle luci votive (anche nuovi allacciamenti, stacchi, volture, pagamenti pluriennali, ecc.). La trasmissione potrà avvenire anche esclusivamente su supporto informatico. Ogni archivio tenuto dal Concessionario in relazione a quanto affidato col contratto di concessione deve intendersi strettamente connesso sotto tutti i profili al rapporto contrattuale e, dunque, potrà essere in qualunque momento visionato ed esaminato dall Amministrazione Comunale. Al termine della concessione il Concessionario è obbligato a trasmettere gratuitamente all Amministrazione Comunale gli archivi completi ed aggiornati, su supporto cartaceo ed informatico. ART. 7 Servizi cimiteriali 7.1. Ai fini del presente Disciplinare Tecnico di Gestione e del contratto di concessione si intende per servizi cimiteriali : A) Le operazioni di polizia mortuaria, sia ordinarie sia straordinarie Per operazioni di polizia mortuaria si intendono tutte le lavorazioni, le prestazioni e le forniture necessarie per l'esecuzione a regola d'arte e nel rispetto delle norme e delle prescrizioni previste dal Regolamento comunale di Polizia mortuaria e dal D.P.R. n. 285/1990 e ss. mm.ii.. A titolo indicativo e non esaustivo: A.1) Operazioni di polizia mortuaria ordinarie: A.1.1.) Ricevimento della salma, inumazione in campo comune o in sepoltura in concessione; Essa comprende: ricevimento della salma e attento controllo e verifica di tutta la documentazione; trasporto del feretro dal luogo di sosta al luogo di sepoltura; apertura del coperchio di zinco in caso di salma proveniente da Comune distante più di 100 Km.; eliminazione della cassa metallica nel caso che questa contenga interamente il feretro di legno; scavo, nel campo inumazione, della fossa a mano o con l'ausilio di mezzi meccanici, secondo i criteri e le dimensioni cui al DPR 285/90 evitando di interessare le sepolture limitrofe; pulizia della fossa da eventuali resti lignei di precedenti esumazioni; sistemazione del feretro nella fossa; riempimento e costipazione della terra senza l'uso di mezzi meccanici e formazione di un cumulo di terra di altezza non superiore a 60 cm.; trasporto della terra eccedente e deposito della stessa in luogo idoneo all interno del cimitero medesimo; mantenimento, nel tempo, dell'omogeneo livellamento della terra per eliminare gli abbassamenti dovuto dall'assestamento del terreno; A.1.2.) Inumazione con esumazione Essa comprende le prestazioni di cui al punto A.1.1, con i seguenti oneri 7

10 aggiuntivi: rimozione del copritomba e degli arredi funebri e ornamentali; apertura del feretro inumato; diligente raccolta dei resti mortali e loro collocazione nell'apposito cassettino; raccolta e smaltimento dei rifiuti scaturiti dall'operazione di cui sopra (avanzi di casse ed indumenti); trasporto di materiale lapideo (inerte) presso punto di raccolta indicato; diligente pulizia dell'area interessata all'operazione; A.1.3.) Tumulazione della salma in loculo, tomba, cappella o sepolcreto Essa comprende: ricevimento del feretro, verifica ed archiviazione della documentazione di accompagnamento; trasporto del feretro dal punto di sosta del cimitero a quello della sua tumulazione; apertura del tumulo; sistemazione del feretro nella sede di tumulazione; chiusura del tumulo in osservanza di quanto disposto dai punti 8 e 9, art. 76 del DPR n. 285/90, compreso oneri e materiali per la chiusura; pulizia dell'area interessata all'operazione. A.1.4.) Tumulazione resti mortali ivi compresi quelli provenienti da altro cimitero Essa comprende: ricevimento dei resti, verifica ed archiviazione della documentazione di accompagnamento se provenienti da altro cimitero; apertura della celletta ossario; sistemazione della cassetta di zinco nella sede di tumulazione; chiusura del tumulo come indicato e disposto dai punti 8 e 9 del D.P.R. n. 285/90; compreso oneri e materiali per la chiusura; pulizia dell area interessata all operazione; A.1.5.) Esumazione ordinaria, preparazione e sistemazione del luogo di sepoltura Essa comprende: accertamento della presenza di uno o più familiari; inizio delle operazioni avendo cura di rispettare l orario fissato nell avviso; rimozione della lapide e degli arredi ed ornamenti funebri; recupero del feretro; apertura dello stesso avendo cura di apporre idonee protezioni; diligente raccolta dei resti mortali; separazione per tipologia delle varie componenti del feretro e loro avvio allo smaltimento (compreso oneri di smaltimento rifiuti, cimiteriali e non); risagomatura della sepoltura; pulizia e disinfezione dell area; apposizione di idonee recinzioni e paratie fino a nuovo seppellimento. A.1.6) Estumulazione ordinaria, preparazione e sistemazione del tumulo Essa comprende: 8

11 Accertamento della presenza di uno o più familiari; inizio delle operazioni avendo cura di rispettare l orario fissato nell avviso; rimozione del copritomba o del monumentino, della lapide in caso di loculo; apertura del tumulo avendo cura di non arrecare danno od offesa alle sepolture circostanti; recupero del feretro; apertura dello stesso avendo cura di apporre idonee protezioni; diligente raccolta dei resti mortali; separazione per tipologia delle varie componenti del feretro e loro avvio allo smaltimento (compreso oneri di smaltimento rifiuti, cimiteriali e non); pulizia e disinfezione del tumulo; pulizia e disinfezione dell area; apposizione di idonee recinzioni e paratie fino a nuovo seppellimento in caso di tomba. A.1.7.) Raccolta dei resti mortali in seguito ad esumazioni o estumulazioni e loro conferimento in ossario comune I resti mortali provenienti da esumazioni o estumulazioni per i quali i familiari non dispongano la conservazione della memoria in altra concessione cimiteriale saranno conferiti dai necrofori nell ossario comune del cimitero immediatamente dopo il termine delle operazioni di esumazione o estumulazione. Il loro trasporto dal luogo delle operazioni all ossario comune avverrà in apposito contenitore per il trasporto in forma discreta e riparata dalla vista altrui. A.1.8) Ricomposizione dei resti mortali e loro tumulazione in celletta ossario I resti mortali provenienti da esumazioni o estumulazioni per i quali i familiari dispongano la conservazione della memoria in altra concessione cimiteriale, dopo essere stati diligentemente raccolti dai necrofori saranno collocati all interno del cassettino di zinco, il quale sarà contestualmente trasportato e tumulato nel nuovo luogo di tumulazione. Il cassettino di zinco dovrà essere del tipo conforme a quello previsto dal D.P.R. 285/90. Dovrà essere chiuso mediante saldatura e recare all esterno nome e cognome del defunto. A.1.9.) Procedura per incompleta mineralizzazione della salma E' l'insieme delle operazioni che devono essere eseguite nel caso in cui a seguito di una esumazione o estumulazione la salma non sia completamente mineralizzata. Essa comprende: comunicazione ai familiari della impossibilità a procedere; chiusura del feretro nel caso il suo stato sia ancora idoneo; perforazione della cassa di zinco allo scopo di favorire lo scambio gassoso; fasciatura del feretro mediante cassone di zinco nel caso di impossibilità di riutilizzare il feretro originale; inumazione del feretro in concessione temporanea all'interno della zona di campo comune riservata alle salme non mineralizzate. 9

12 A.1.10.) Traslazioni Per traslazione si intende il cambio di sede di un feretro o di una cassetta od urna contenente i resti. Le traslazioni possono avvenire all'interno dello stesso cimitero o tra cimiteri tra loro distinti. In tal caso, è necessaria una procedura autorizzativa che riguardi il trasporto del feretro ed un controllo delle autorità sanitarie circa le condizioni del feretro e la sua fasciatura mediante cassoni di zinco. All'interno del medesimo cimitero Essa comprende: Attenta verifica, ritiro ed archiviazione della documentazione autorizzativa; estrazione del feretro o della cassetta; nel caso si tratti di feretro, l'operazione avverrà sotto diretto controllo degli operatori ASL, che ne constateranno la tenuta e l'idoneità alla traslazione, redigendo apposito verbale; nuova chiusura tumulo; pulizia dell'area interessata all'operazione; trasporto del feretro o della cassetta nella nuova sede indicata dall'ufficio competente; apertura del tumulo di destinazione, collocazione del feretro o della cassetta, nuova chiusura del tumulo; pulizia dell'area interessata all'operazione. Tra cimiteri dello stesso comune e tra cimiteri posti in comuni diversi Essa comprende: attenta verifica, ritiro ed archiviazione della documentazione autorizzativa; apertura tumulo; estrazione del feretro o della cassetta; nel caso si tratti di feretro, l'operazione avverrà sotto diretto controllo degli operatori ASL, che ne constateranno la tenuta e l'idoneità alla traslazione, redigendo apposito verbale; sottoscrizione, ritiro ed archiviazione del verbale ASL; nuova chiusura tumulo; pulizia dell'area interessata all'operazione; verifica della documentazione di accompagnamento per il trasporto in altro cimitero; consegna del feretro all'incaricato del trasporto. A.1.11.) Trattamento enzimatico della salma In caso di incompleta mineralizzazione, previo il consenso dei familiari, si può procedere al trattamento compreso la fornitura, di prodotto testato a base enzimatica in grado di ripristinare i normali processi di mineralizzazione degli esiti dei fenomeni cadaverici trasformativi conservativi. A.1.12.) Fornitura di cassettine di zinco per la conservazione dei resti. A.2.) Operazioni di polizia mortuaria straordinarie: A.2.1.) Esumazione e estumulazione straordinaria eseguiti al di fuori del normale ciclo rotazione 10

13 Sono le operazioni effettuate su disposizione dell'autorità giudiziaria. O a seguito di motivate esigenze dei familiari ancorché previste ed autorizzate dalla legge e dai regolamenti vigenti. Salvo diverse e particolari disposizioni si procede come negli equivalenti casi sopra descritti. Le tariffe dei servizi da applicare all utenza sono quelle indicate nell apposita delibera di Giunta Comunale. Agli importi delle tariffe dei servizi sono da aggiungere i corrispettivi per le opere murarie necessarie, per le quali l utente potrà avvalersi esclusivamente del Concessionario. B) Servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria dei cimiteri, intesi come insieme degli immobili ivi insistenti. Esso consiste nell esecuzione di tutti i lavori e forniture occorrenti per garantire la manutenzione ordinaria e le condizioni ottimali di decoro degli immobili insistenti nei cimiteri comunali. I lavori dovranno essere eseguiti secondo le prescrizioni riportate nelle norme tecniche del presente Disciplinare Tecnico di Gestione. I lavori di manutenzione ordinaria sono assunti dal Concessionario senza onere alcuno a carico dell Amministrazione, essendo i medesimi remunerati mediante la gestione economico funzionale delle opere oggetto di concessione. I lavori di manutenzione straordinaria saranno compensati a misura in base ai prezzi unitari con riferimento al prezziario regionale del Toscana in vigore al momento della esecuzione dei lavori e secondo le prescrizioni riportate nelle norme tecniche del Capitolato Speciale di Appalto e nel Prezziario del Ministero LL.PP., applicando ai prezzi unitari ivi indicati il ribasso del 15%. Nel caso di interventi di manutenzione straordinaria che prevedano lavorazioni il cui prezzo non sia contemplato nel Prezziario Ufficiale, si provvederà, nel contraddittorio fra la Società e l'amministrazione Comunale, alla determinazione di nuovi prezzi mediante analisi dettagliate. Ciò vale per tutti i lavori eseguiti a misura a qualsiasi titolo ed i dati necessari verranno dedotti dai libretti delle misure redatti dal Tecnico del Concessionario e regolarmente vistati dal Tecnico comunale competente. Verrà consegnato al Concessionario un apposito ordinativo indicante la natura dei lavori che di volta in volta dovranno essere svolti, nonché la data di inizio e di presunta ultimazione. Il Concessionario dovrà provvedere ad approntare una perizia estimativa dettagliata dell'intervento ordinato da sottoporre all'approvazione dell'amministrazione. I Prezzi di cui all'apposito elenco, sono da ritenersi comprensivi di ogni e qualsiasi somministrazione, prestazione, spesa, onere ed altro, relativi alla fornitura, al trasporto ed al collocamento in opera dei materiali. Ogni onere per lavori e prestazioni dovute a difetti costruttivi e di materiali, sarà a carico del 11

14 Concessionario fino al collaudo finale. Nulla è dovuto al Concessionario per eventuale maggior costo della merce dipendente dalla lontananza del cantiere alla città. Per l esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria, il Concessionario mette a disposizione dell Amministrazione Comunale un budget quinquennale, come da offerta resa in sede di gara, pari ad [ ] (Euro [ ]). Tale importo è soggetto ad automatica rivalutazione annuale in misura pari al 100% del valore degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati rilevato nel corso dell anno precedente. I lavori saranno eseguiti esclusivamente a fronte di apposito atto autorizzativo emesso da parte dei competenti organi comunali, che conterrà l indicazione analitica degli interventi da effettuare nel quinquennio di riferimento, nei limiti del budget disponibile per il quinquennio in corso, con una tolleranza, in più o in meno, del 15%, che sarà detratta/aggiunta al budget del quinquennio immediatamente successivo. Resta inteso che il budget quinquennale, con le relative tolleranze, potrà essere impiegato temporalmente ad insindacabile discrezione del Responsabile della Concessione, e, dunque, al limite anche anticipato completamente al primo anno del quinquennio, senza che il Concessionario possa a tale titolo vantare pretesa alcuna. Per i lavori di manutenzione straordinaria eccedenti il budget quinquennale, il Concessionario non potrà vantare diritti all esecuzione nei confronti dell Amministrazione, che potrà dunque riservarsi di affidarli a terzi secondo le procedure di legge. Ove, per contro, l Amministrazione decida di affidarli a Concessionario, ove in possesso dei necessari requisiti di legge, l importo per i lavori di manutenzione dei cimiteri eccedenti il budget quinquennale messo a disposizione dal Concessionario sarà corrisposto dietro presentazione di regolare fattura entro 90 gg., previa autorizzazione del Tecnico comunale competente Estensione del servizio I servizi comprendono tutte le opere, forniture e somministrazioni potranno occorrenti per l ottimale espletamento dello stesso. Tutti i titoli di lavoro saranno eseguiti a perfetta regola d'arte e completamente ultimati in tutte le loro parti secondo il migliore uso del luogo nonché secondo le prescrizioni che all'atto pratico potrà dare il tecnico comunale competente, nonostante che nelle relative descrizioni siano riscontrabili deficienze ed omissioni Consistenza delle aree cimiteriali Ai fini dell'assunzione del presente servizio da parte della Società, si dichiara che il Comune attualmente possiede n. 1 cimitero situato nel capoluogo e 2 cimiteri nelle frazioni 7.4. Rischi connessi all'assunzione dell'incarico 12

15 Gli obblighi contrattuali e quelli previsti dal presente Disciplinare Tecnico di Gestione, nonché i livelli tariffari si intendono accettati dal Concessionario in base ai calcoli di sua convenienza effettuati al momento della formulazione dell offerta. Sono ad esclusivo carico del Concessionario tutte le spese, nessuna esclusa, necessarie all'espletamento dei servizi che non siano espressamente dichiarate non comprese nel presente Disciplinare Tecnico di Gestione Qualificazione del personale All'atto dell'affidamento del servizio il Concessionario dovrà essere in grado di adempiere a tutte le prescrizioni contenute nel presente Disciplinare Tecnico di Gestione. In particolare, le maestranze dovranno dimostrare la buona conoscenza delle aree oggetto della manutenzione e provata esperienza e capacità nell'esecuzione delle operazioni di polizia mortuaria Obbligo di reperibilità Al fine di consentire il servizio di sepoltura anche durante i periodi prefestivi, la Società è tenuta a garantire la reperibilità 24 ore su 24, di un Responsabile dotato di idoneo apparecchio telefonico mobile. Durante tali periodi dovrà altresì essere garantita la presenza della squadra di operai necessaria ad espletare il servizio di sepoltura. Ogni cimitero comunale dovrà essere dotato di apposito cartello in cui sia ben evidenziato il numero telefonico a cui rivolgersi in caso di necessità. Il Concessionario è tenuto ad intervenire su chiamata per situazioni di emergenza e di pericolo per la pubblica incolumità da parte del Comune (Polizia Municipale, Ufficio Tecnico, Protezione Civile) Gestione dei rifiuti cimiteriali La Società è responsabile della corretta gestione di tutti i rifiuti prodotti all'interno e nelle zone limitrofe di sua competenza delle aree cimiteriali. I rifiuti provenienti dalle attività cimiteriali si dividono in due categorie: A) Rifiuti da esumazione ed estumulazione I rifiuti di riferimento sono: - assi e residui legnosi del feretro; - componenti, accessori ornamentali e mezzi di movimentazione della cassa (es. maniglie); - residui di indumenti appartenenti alla salma, imbottiture e frazioni tessili similari posti a corredo funebre; - altri resti biodegradabili inseriti nel cofano; - residui metallici delle casse (lamiera zincata e/o di piombo) eventualmente posti all'interno del feretro; - altre componenti e/o accessori contenuti nelle casse utilizzate per l'inumazione e/o la tumulazione. 13

16 I rifiuti da esumazione ed estumulazione devono essere raccolti separatamente dalle altre tipologie di rifiuti cimiteriali. I rifiuti suddetti, nonché qualunque altro oggetto venuto a contatto con la salma, durante la fase di raccolta e trasporto, deve essere confezionato in appositi sacchi a perdere, recante la dicitura Rifiuti urbani da esumazione ed estumulazione, muniti di idonea chiusura e di colore distinguibile da quelli utilizzati per la raccolta delle frazioni di rifiuti urbani prodotti all'interno dell'ambito cimiteriale. Il confezionamento sarà effettuato a bordo scavo. Il deposito temporaneo dei rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, deve avvenire alle condizioni e nei limiti stabiliti dall'art. 183, c. 1, lett. bb), del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., ed essere effettuato in porzione confinante all'area sottoposta a vincolo cimiteriale, individuata dall'ufficio competente, e indicata con apposita segnaletica. I rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni devono essere inviati a smaltimento mediante termodistruzione in impianti autorizzati e tramite ditte specializzate in possesso dei requisiti di legge. Nella gestione dei rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni deve essere favorito il recupero delle frazioni metalliche costituite da lamiere in zinco e piombo componenti il feretro. Tale particolare rifiuto deve essere avviato al recupero previa accurata disinfezione, imballaggio e deposito all'interno dell'area cimiteriale all'uopo individuata. Le attività e modalità di recupero delle frazioni metalliche saranno quelle consentite dalla normativa tecnica e regolamentare emanata dal D.M. 5 Febbraio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. B) Altri rifiuti derivanti dall attività cimiteriale Essi sono: - rifiuti da offerte votive, rappresentati da resti di fiori recisi, fiori e piante in contenitore, fiori e piante allevate a terra, corone, cuscini, mazzi di fiori, lumi, candele ed in genere tutto ciò che è offerto periodicamente alla memoria della salma e non costituisce impianto stabile del tumulo e corredo della salma; - rifiuti non pericolosi provenienti dalla gestione dei locali del cimitero e loro pertinenze; - rifiuti provenienti dalla gestione e dallo spazzamento delle strade e dei vialetti del cimitero; - rifiuti vegetali provenienti dalla manutenzione delle aree verdi, giardini e simili interne o a corredo dell'impianto cimiteriale; - parti di tumulo (o cippi), costituiti da porzioni lignee, materiali lapidei ornamentali e frammenti di materiale laterizio, che costituivano la parte soprassuolo della sepoltura o l'apparato di chiusura del colombario, ivi comprese ghiaie, sassi, scritte e parti di scritte poste ad ornamento delle lapidi; - rifiuti di materiale inerte a base terrosa o lapidea, quali materiali lapidei provenienti da lavori edili di costruzione o ristrutturazione di manufatti cimiteriali ed altri materiali inerti provenienti dall'attività di demolizione di tumuli, colombari od ossari. 14

17 Deve essere attivata la raccolta differenziata delle frazioni riciclabili all'interno dei cimiteri. In particolare devono essere organizzati sistemi di raccolta differenziata delle seguenti tipologie e flussi prioritari di rifiuti riciclabili: - carta e cartone; - sfalci, potature e scarti vegetali; - vetro; - contenitori in plastica per liquidi ed altri imballaggi in plastica; - frazioni di metallo o leghe. I rifiuti in precedenza descritti, che risultano assimilabili agli urbani, devono essere conferiti al servizio comunale di igiene urbana per il normale smaltimento così come dovrà essere conferita in maniera differenziata ogni altra tipologia di rifiuto per la quale sia prevista apposita raccolta differenziata. I rifiuti inerti di natura lapidea e le terre da scavo non pericolose, su indicazione dell'ufficio competente, potranno essere riutilizzate all'interno dell'area cimiteriale oppure avviati al trattamento e smaltimento nei modi consentiti dalla normativa tecnica e regolamentare di cui al D.M. 5 Febbraio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. I formulari prodotti per lo smaltimento dei rifiuti dovranno essere trasmessi in copia all Ufficio Ambiente del Comune Servizio di manutenzione delle aree cimiteriali Per manutenzione delle aree cimiteriali si intende l'insieme dei servizi, delle forniture e quanto altro necessario per mantenere le stesse in condizioni ottimali di conservazione e decoro. In particolare, l'oggetto delle prestazioni di manutenzione ordinaria riguardano: - i manti erbosi; - le piante; - la pulizia dei vialetti e dei percorsi pedonali; - la raccolta e svuotamento dei contenitori dei rifiuti; - la pulizia dei servizi igienici e degli immobili cimiteriali. - rimozione di eventuali presenze di ghiaccio o neve e trattamento delle superfici con sale per evitare ulteriori formazioni di ghiaccio - manutenzione e verifica periodica ascensori, estintori, monta feretri e messe a terra; - pulizia delle aree esterne di pertinenza dei cimiteri o a questi direttamente afferenti. Tutte le lavorazioni di cui sopra, a qualsiasi servizio siano riferite, si intendono comprensive del conferimento dei materiali di risulta al più vicino punto di raccolta. Le prestazioni e gli oneri specificati nel presente articolo si intendono posti a totale carico del Concessionario e compensati per intero dalla gestione economico-funzionale delle opere affidate in concessione Interventi di manutenzione straordinaria delle aree cimiteriali 15

18 Gli interventi di manutenzuioine Nel caso si rendano necessari durante la durata della concessione l esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria delle aree cimiteriali, il Concessionario sarà tenuto ad informarne preventivamente gli uffici comunali ed essi non potranno essere eseguiti né in alcuna forma intendersi autorizzati se non in presenza di ordine scritto del Tecnico comunale competente. Qualora il Concessionario reputasse, per motivi di responsabilità, di dover provvedere a lavori urgenti per motivi di sicurezza non rientranti nell'ordinaria manutenzione dovrà darne immediata comunicazione al competente Ufficio comunale il quale, accertato la sussistenza dei presupposti, emetterà il relativo ordinativo. Nel caso in cui i motivi addotti dal Concessionario vengano ritenuti non sussistenti, nulla sarà dovuto al Concessionario stesso per il lavoro svolto e, ad insindacabile giudizio del Tecnico comunale competente, il Concessionario dovrà ripristinare la situazione precedente. Oltre a motivi di urgenza, si definiscono aggiuntivi, e quindi da considerare in manutenzione straordinaria, i seguenti servizi: - piantumazione di piante floreali stagionali in particolari periodi dell'anno indicati dalla Amministrazione comunale; - posa in opera di ghiaino nei viali; Tutti i lavori e le forniture disposte mediante atto autorizzativo, verranno computati in base ai prezzi unitari riportati nel Prezziario del pubblico Ministero LL.PP. vigente al momento dell esecuzione, applicando ai prezzi unitari ivi indicati il ribasso del 15%. Ciò vale per tutti i lavori eseguiti a misura a qualsiasi titolo ed i dati necessari verranno dedotti dai libretti delle misure redatti dal Tecnico del Concessionario e regolarmente vistati dal Tecnico comunale competente. Verrà consegnato al Concessionario un apposito ordinativo indicante per sommi capi la natura dei lavori che di volta in volta dovranno essere svolti, nonché la data di inizio e di presunta ultimazione. Il Concessionario dovrà provvedere ad approntare una perizia estimativa dettagliata dell'intervento ordinato da sottoporre all'approvazione dell'amministrazione. Se per lo svolgimento dell'intervento di manutenzione straordinaria dovessero essere effettuate anche delle lavorazioni rientranti in quelle previste per la manutenzione ordinaria, queste verranno scomputate dall'importo dell'intervento e le stesse saranno evidenziate nella perizia di cui sopra avendo riportato nella colonna relativa al prezzo unitario la dicitura lavorazione di manutenzione ordinaria. I Prezzi di cui all'apposito elenco, sono da ritenersi comprensivi di ogni e qualsiasi somministrazione, prestazione, spesa, onere ed altro, relativi alla fornitura, al trasporto ed al collocamento in opera dei materiali. Ogni onere di lavori e prestazioni dovute a difetti costruttivi e di materiali, sarà a carico del Concessionario fino al collaudo finale. Nulla è dovuto al Concessionario per eventuale maggior costo della merce dipendente dalla lontananza del cantiere alla città. 16

19 Il corrispettivo per le prestazioni di carattere straordinario, o per i servizi aggiuntivi sarà corrisposto dietro presentazione di regolare fattura entro 90 gg. previa autorizzazione del Tecnico comunale competente Servizi ai privati Allo scopo di migliorare il complesso dei servizi rivolti ai cittadini, è consentito al Concessionario sviluppare una propria offerta di servizi definiti complementari rivolti direttamente all'utenza (p.e. cura tombe). Detti servizi dovranno avere un carattere non vincolante o discriminante verso chi non intenda avvalersene e dovranno essere preventivamente autorizzati dall'amministrazione Comunale dietro semplice richiesta del Concessionario fermo restando il possesso da parte di questo delle eventuali licenze, permessi, o autorizzazioni previste per legge. ART. 8 Disposizioni particolari sul servizio di illuminazione votiva 8.1. Oggetto dell affidamento L affidamento ha per oggetto la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di illuminazione elettrica votiva perpetua nei cimiteri di Signa nonché l esercizio del servizio di illuminazione elettrica votiva perpetua all interno degli stessi. Il Concessionario assume l obbligo di uniformarsi a tutte le condizioni e pattuizioni contenute nei vari articoli del presente capitolato che dichiara di accettare in tutte le sue parti Consistenza degli impianti Gli impianti verranno consegnati nelle condizioni in cui essi si trovano. Lo stato di consistenza iniziale dovrà risultare nel verbale di consegna redatto dal Settore LL.PP. in contraddittorio con il Concessionario e dovrà essere aggiornato con cadenza almeno quinquennale. Eventuali lavori per la messa a norma e necessari per la riattivazione degli impianti o parti di essi rilevati o all atto di consegna o successivamente dal Concessionario saranno effettuati dal Concessionario stesso a suo carico e si intendono compensati con la gestione economico-funzionale del sistema cimiteriale Oneri della gestione Il Concessionario assume l obbligo di mantenere a propria cura e spese, in buono stato di servizio e comunque in quello consentito dalle condizioni in cui l impianto si trova all atto della consegna tutti i materiali e le apparecchiature destinate all illuminazione votiva. Nella manutenzione, che deve intendersi compensata con la gestione economicofunzionale del sistema cimiteriale, è compreso: 1) l accensione ininterrotta delle lampade votive e la sostituzione (entro le 72 ore successive) delle lampade che dovessero andare fuori servizio, ivi compresa la fornitura delle lampade all uopo occorrenti; 17

20 2) la sostituzione o il ripristino delle parti componenti gli impianti che dovessero rendersi inefficienti nel corso della gestione; 3) il costante controllo, la sorveglianza e revisione periodica di tutte le componenti degli impianti comprese le apparecchiature per la protezione, accensione dei vari circuiti sì da assicurare che l impianto sia sempre efficiente; 4) gli interventi per la eliminazione rapida dei guasti di qualunque genere e natura comunque originati, ad eccezione di quelli dovuti a gravi calamità naturali (terremoti, alluvioni, frane, ecc.); 5) la verifica annuale dei valori di resistenza di terra per le parti di circuito con tensione di alimentazione pari a 220W ai sensi dell art. 28 del D.P.R. 547/55 unitamente al controllo delle componenti l impianto di terra provvedendo alla sostituzione e al ripristino di tutte le parti che non garantissero la continuità dei collegamenti; 6) la sorveglianza degli impianti al fine di prevenire danni ed infortuni di qualsiasi genere. La gestione inoltre comporterà per il Concessionario i seguenti oneri: a) l illuminazione gratuita con lampade idonee della eventuale camera mortuaria, delle chiese dei cimiteri, degli uffici dei custodi e delle stanze del personale di servizio, oltre alla illuminazione gratuita delle tombe situate nei riquadri dei caduti in guerra, della cappella dei caduti e dei personaggi illustri individuati dal Comune ; b) il servizio di esazione annuale dei canoni e l apertura nel capoluogo di un ufficio idoneo per le pratiche amministrative; c) il pagamento delle imposte di qualsiasi tipo e a qualsiasi titolo; d) il pagamento dell energia fornita. Il gestore deve provvedere a propria cura e spese a stipulare direttamente con l Ente erogatore regolare contratto di utenza rimanendo a proprio carico tutte le spese inerenti; e) la stipula dei contratti con gli utenti; f) l esecuzione, durante la costruzione di tombe, cappelle, colombari, ecc., delle linee di derivazione prima che siano eseguite le opere di rivestimento onde evitare maggiori lavori e deturpamenti, salvo il diritto di pretendere dall utente l integrale pagamento del contributo di allacciamento al momento della richiesta; g) lo sgombero, a propria cura e spese, dei materiali e macerie di risulta conseguenti a lavori di nuovi impianti o di esercizio, ed al ripristino di viali e strutture come prima esistenti. Per tutti i lavori che il Concessionario andrà ad eseguire è tenuto al ripristino delle cose che venissero danneggiate dai propri incaricati; h) la fornitura di energia elettrica a tutti quelli che ne faranno richiesta nel rispetto del regolamento comunale per il servizio di illuminazione votiva; i) il mantenimento, per ogni cimitero, di una pianta perfettamente aggiornata delle reti di distribuzione che dovrà essere consegnata al Comune al termine di ogni anno 18

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli