COMUNE DI TRICASE Provincia di Lecce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TRICASE Provincia di Lecce"

Transcript

1 COMUNE DI TRICASE Provincia di Lecce Settore Ambiente, SIT, Espropriazioni, Manutenzioni, Energia Piazza Pisanelli Tricase Tel Fax AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI DEL CAPOLUOGO E DELLE FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO All. 3 Tricase, lì 20 ottobre 2011 Il Responsabile del Settore Ing. Guido Girasoli

2 INDICE AVVERTENZA... 3 CAPO I - NORME GENERALI ART OGGETTO DELL APPALTO... 3 ART CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO... 3 ART SERVIZI IN APPALTO... 4 ART OSSERVANZA DI NORME E REGOLAMENTI... 4 ART SERVIZI COMPLEMENTARI E AGGIUNTIVI... 5 ART CONSISTENZA AREA CIMITERIALE E QUANTIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI... 5 ART INIZIO DEL SERVIZIO E DURATA DELL APPALTO... 6 ART AMMONTARE DEL SERVIZIO... 6 ART REQUISITI DI PARTECIPAZIONE... 7 ART OBBLIGO DI SOPRALLUOGO... 8 ART PROCEDURA DI GARA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE... 9 ART MODALITA DI PAGAMENTO... 9 ART ANTICIPAZIONI... 9 ART REVISIONE DEL CANONE... 9 ART SUB-APPALTO ART OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL APPALTATORE ART NOMINA DIRETTORE TECNICO ART PERSONALE IMPIEGATO NEI SERVIZI IN APPALTO ART MANSIONI DEL PERSONALE IN SERVIZIO ART REPERIBILITA STRAORDINARIA ART ONERI E SPESE A CARICO DELL AFFIDATARIO DEI SERVIZI ART SICUREZZA SUL LAVORO ART FORME DI COLLABORAZIONE ART ATTREZZATURE E LOCALI ALL INTERNO DEL CIMITERO ART UTENZE CIMITERIALI CAPO II - NORME TECNICHE DI CUSTODIA, MANUTENZIONE E PULIZIA ART SERVIZIO DI CUSTODIA E SORVEGLIANZA DEL CIMITERO ART PULIZIA DEI CIMITERI ART MANUTENZIONE DEL VERDE ART MANUTENZIONE ORDINARIA DEL CIMITERO CAPO III - NORME TECNICHE GESTIONE OPERAZIONI CIMITERIALI ART TENUTA DEI REGISTRI CIMITERIALI E RAPPORTI CON L UTENZA ART NORME GENERALI PER INUMAZIONI, TUMULAZIONI, ESUMAZIONI, ESTUMULAZIONI ART MATERIALI E ATTREZZATURE ART INUMAZIONE IN CAMPO COMUNE ART ESUMAZIONE ORDINARIA DA CAMPO COMUNE ART ESUMAZIONE CON RICOMPOSIZIONE RESTI MORTALI ART ESUMAZIONE CON IMPOSSIBILITA DI PROCEDERE PER INCOMPLETA MINERALIZZAZIONE ART ESUMAZIONE STRAORDINARIA ART TUMULAZIONE DI SALME IN LOCULI ART TUMULAZIONE DI SALME IN TOMBE - DI FAMIGLIA O ASSOCIAZIONI - INTERRATE ART TUMULAZIONE IN CAPPELLA PRIVATA ART TUMULAZIONE RESTI O CENERI IN CELLETTE ART ESTUMULAZIONI ORDINARIE DA LOCULO

3 ART ESTUMULAZIONE CON IMPOSSIBILITA DI PROCEDERE PER INCOMPLETA MINERALIZZAZIONE ART ESTUMULAZIONE DI SALME IN TOMBE DI FAMIGLIA INTERRATE ART ESTUMULAZIONE IN CAPPELLA PRIVATA ART TRASLAZIONE DI FERETRI DA LOCULO AD ALTRO LOCULO O CAPPELLA ART RICOGNIZIONE DI LOCULO ART RISANAMENTO DI LOCULI E TOMBE PER ROTTURA CASSE ART RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI CIMITERIALI CAPO IV - VIGILANZA E ONERI E OBBLIGHI DIVERSI ART VIGILANZA, CONTROLLO E DIRETTIVE DELL' AMMINISTRAZIONE COMUNALE ART GARANZIE ART PENALITA ART CESSIONE DEL CREDITO ART CESSIONE DEL CONTRATTO ART ESECUZIONE D UFFICIO ART RISOLUZIONE DEL CONTRATTO ART RECESSO DEL CONTRATTO ART RISCHI LEGATI ALL ESECUZIONE DEI SERVIZI E COPERTURA ASSICURATIVA ART CONTROVERSIE ART SPESE ART TUTELA DELLA PRIVACY E RISERVATEZZA

4 AVVERTENZA Tutto quanto di seguito riportato è da intendesi riferito sia ai cimiteri del Capoluogo che ai cimiteri delle frazioni di Depressa e Lucugnano, anche laddove sia scritto, genericamente, "il cimitero". Ove dovessero rilevarsi incongruenze fra quanto riportato nel presente Capitolato e negli altri allegati progettuali relativi all'appalto, prevarrà la formulazione più favorevole all'amministrazione Comunale. CAPO I NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato d oneri ha per oggetto l affidamento del servizio di gestione dei cimiteri del Comune di Tricase, comprendente i servizi cimiteriali di tumulazione, estumulazione, esumazione, inumazione e traslazione nonché la guardiania e la manutenzione ordinaria dei cimiteri. ART. 2 - CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO I servizi oggetto del presente appalto sono da considerarsi ad ogni effetto servizi pubblici, costituiscono attività di pubblico interesse sottoposti alla normativa vigente (D.Lgs. 267/2000), come tali per nessuna ragione potranno essere sospesi od abbandonati, salvo scioperi od altri casi di forza maggiore previsti per legge; in caso di sciopero dovrà essere data tempestiva comunicazione, anche telefonica, alle Amministrazioni comunali per consentire eventuali interventi sostitutivi. Non saranno considerati causa di forza maggiore, e quindi saranno sanzionabili ai sensi del presente capitolato, gli scioperi del personale dipendenti da cause direttamente imputabili alla ditta appaltatrice quali, a titolo di esempio, la ritardata o mancata corresponsione delle retribuzioni o il mancato rispetto di quanto disposto dal C.C.N.L. L appaltatore è tenuto all osservanza di tutte le leggi e le disposizioni vigenti e future in materia, sia a livello nazionale che regionale, nonché dei Regolamenti Comunali per il servizio in esame e sue successive modifiche ed integrazioni. In caso di abbandono o sospensione ed in genere per ogni inosservanza degli obblighi e delle condizioni del presente Capitolato, le Amministrazioni Comunali potranno sostituirsi senza formalità di sorta all impresa Appaltatrice per l esecuzione d ufficio del servizio, con rivalsa delle spese sulla stessa, e ciò indipendentemente dalle sanzioni a questa applicabili e l eventuale risarcimento dei danni. Per l esecuzione d ufficio degli interventi le Amministrazioni potranno avvalersi di qualsiasi impresa, debitamente autorizzata, che non sia l Appaltatrice. 3

5 ART. 3 - SERVIZI IN APPALTO I servizi in appalto riguardano l esecuzione di tutti i lavori e le forniture necessarie per la gestione dei servizi cimiteriali del Comune di Tricase, la guardiania e la manutenzione ordinaria del cimitero. Le prestazioni richieste, più dettagliatamente descritte negli articoli successivi, sono a titolo esemplificativo le seguenti: a) Controllo, pulizia, manutenzione ordinaria e opere di giardinaggio; b) Tenuta obbligatoria dei registri delle operazioni cimiteriali e controllo cimiteri; c) Inumazioni ed esumazioni in campo comune; d) Tumulazione ed estumulazione di salme in tombe e loculi sia pubblici che privati; e) Tumulazione o estumulazione di ossari o ceneri; f) Traslazione di salme all interno del cimitero; g) Ricognizioni e risanamento di loculi; h) Trasporto delle salme, dall ingresso al luogo di sepoltura; i) Raccolta e deposito in luogo appartato e secondo le prescrizioni delle norme vigenti in materia, dei rifiuti cimiteriali prodotti dalla propria attività, per il successivo carico e smaltimento a cura di ditta autorizzata allo svolgimento del servizio. La ditta aggiudicataria dovrà provvedere a propria cura e spese anche allo smaltimento dei rifiuti cimiteriali; j) Piccole opere di manutenzione ordinaria; La Ditta aggiudicataria dovrà garantire l'apertura e chiusura dei cimiteri comunali secondo i seguenti orari: da a orario 1 aprile 15 maggio maggio 31 agosto settembre 31 ottobre novembre 31 marzo Chiusura settimanale: LUNEDI' Gli orari sopra riportati sono comunque suscettibili di variazioni secondo le disposizioni dell'amministrazione Comunale. ART. 4 - OSSERVANZA DI NORME E REGOLAMENTI L impresa appaltatrice assume l obbligo dell osservanza di tutte le norme legislative attualmente vigenti o emanate nel corso dell appalto, ed in particolare quelle riguardanti il Regolamento di Polizia Mortuaria D.P.R. n 285/1990, lo smaltimento dei rifiuti, la prevenzione degli infortuni, la tutela della salute pubblica, l assunzione ed il trattamento economico, previdenziale ed assistenziale a favore del personale dipendente, nonché attenersi a regolamenti, ordinanze municipali già emanate o che potrebbero essere emanate, nel caso in cui le stesse abbiano correlazione con i servizi oggetto di appalto. Il Sindaco, in circostanze speciali, che richiedano eccezionali provvedimenti di difesa della salute pubblica, potrà emanare speciali norme di funzionamento del servizio assunto in appalto, senza che la ditta appaltatrice possa pretendere alcun compenso o indennizzo per l eventuale aggravio da ciò derivante. L osservanza di tutte le norme prescritte si intende estesa a tutti i provvedimenti normativi che potranno essere emanati durante l esecuzione del contratto. 4

6 Tutti gli obblighi ed oneri assicurativi, sanitari, antinfortunistici, assistenziali e previdenziali sono a carico della ditta appaltatrice, la quale esonera l Amministrazione Comunale da ogni responsabilità in proposito. ART. 5 - SERVIZI COMPLEMENTARI E AGGIUNTIVI L Amministrazione Comunale potrà affidare all Appaltatore la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria e/o l esecuzione di servizi aggiuntivi, non previsti dal presente capitolato, sempre che tali interventi rientrino nelle qualifiche della ditta appaltatrice; in tal caso il corrispettivo per l esecuzione di interventi verrà concordato tra le parti in contraddittorio sulla base di preventivi di spesa determinati da prezziari ufficiali di riferimento vigenti, ed in mancanza sulla base di prezzi di mercato applicati nella zona. L Amministrazione Comunale si riserva comunque la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di affidare l esecuzione di interventi di manutenzione straordinaria e/o servizi aggiuntivi nei cimiteri comunali ad altre ditte, senza che per questo la ditta appaltatrice possa accampare pretesa alcuna, e restando in capo alla ditta appaltatrice l'obbligo di favorire l accesso nell area cimiteriale e di promuovere il coordinamento con l'altra ditta per eliminare eventuali rischi dovuti alle interferenze tra le attività così come previsto dal D.Lgs. n 81/08 e s.m.i. ART. 6 - CONSISTENZA AREA CIMITERIALE E QUANTIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI Si forniscono di seguito alcuni dati dimensionali e quantitativi che costituiscono un quadro conoscitivo della consistenza e delle caratteristiche del patrimonio cimiteriale del Comune di Tricase e dei servizi richiesti che permettano alle Ditte interessate di formulare una offerta economica congrua ed al Committente di determinare l importo di base dell appalto. Tali dati sono indicativi e non costituiscono motivo per la Ditta Appaltatrice per rivendicare compensi di alcun genere qualora le quantità effettivamente eseguite fossero diverse da quelle preventivate. a) Consistenza delle aree cimiteriali: Nel Comune di Tricase ci sono n 4 cimiteri, due nel Capoluogo, uno nella frazione di Lucugnano ed uno nella frazione di Depressa. Il cimitero del Capoluogo sito in piazza Cappuccini è inattivo dal 1987, anno in cui è stata effettuata l'ultima sepoltura. b) Numero delle operazioni cimiteriali del Comune di Tricase: Di seguito è riportata la media delle operazioni cimiteriali eseguite nel quadriennio 2007/2010: Operazione Totale nel periodo Media annua Tumulazioni Inumazioni 2 0,5 Estumulazioni Esumazioni 0 0 Ritumulazioni 19 4,8 Traslazioni Cremazioni 1 0,3 Il numero dei servizi svolti è puramente indicativo e non è vincolante per le parti contrattuali in quanto il reale quantitativo annuo potrà variare, sia in diminuzione che in aumento; pertanto il servizio dovrà essere svolto anche per quantitativi minori o maggiori ed impegnerà la ditta aggiudicataria alle stesse condizioni e senza nessuna altra pretesa o indennizzi. c) Il contingente minimo di personale per le attività oggetto del presente appalto dovrà essere composto da almeno due persone, una delle quali in possesso della qualifica di necroforo. 5

7 ART. 7 - INIZIO DEL SERVIZIO E DURATA DELL APPALTO La durata dell appalto in oggetto è di anni 4 (quattro) e mesi 4 (quattro), calcolata a decorrere dalla data presunta di affidamento del 01/01/2012; indipendentemente dall effettivo inizio del servizio, l'appalto terminerà comunque alla data del 30 aprile Ai sensi dell art.57, comma 5, lett. b), del D.Lgs n 163/2006, il Comune si riserva la facoltà, a suo insindacabile giudizio, di richiedere la ripetizione dei servizi di cui al presente capitolato speciale d appalto, per un massimo di ulteriori 6 (sei) mesi, previa comunicazione scritta all impresa aggiudicataria da effettuarsi prima del trentesimo (30 ) giorno antecedente la scadenza dell appalto, alle medesime condizioni economiche e modalità di espletamento del servizio, qualora allo scadere del presente appalto non siano state completate le formalità relative al nuovo appalto e conseguente affidamento del servizio ad altra ditta. La Ditta aggiudicataria dovrà garantire l espletamento del servizio fino alla data di assunzione del servizio da parte della Ditta subentrante, per un periodo massimo di 6 (sei) mesi. Durante tale periodo di servizio transitorio rimangono ferme tutte le condizioni stabilite nel contratto e nel relativo capitolato. La Ditta appaltatrice non potrà ritardare l inizio della gestione di ogni servizio oltre 5 (cinque) giorni dalla data di consegna, pena la decadenza, de iure e de facto, dell appalto; La Ditta appaltatrice dovrà in tal caso risarcire i danni causati all Amministrazione Comunale in conseguenza del ritardo dell inizio del servizio; in quest ultimo caso l'amministrazione Comunale dovrà produrre idonea documentazione comprovante i danni subiti. Alla scadenza del contratto nessuna indennità, compenso o riscatto saranno dovuti alla Ditta appaltatrice. ART. 8 - AMMONTARE DEL SERVIZIO Per le prestazioni di cui al presente capitolato, verrà riconosciuto alla Ditta Appaltatrice un compenso (Allegato 2), come di seguito specificato: Descrizione Importi Totali a) esecuzione delle operazioni cimiteriali - è prevista la corresponsione di un compenso a misura a carico dell utenza privata, determinato applicando alla quantità effettiva delle prestazioni effettuate il prezzo unitario di cui all elenco prezzi (Allegato 1). Queste somme non sono soggette a ribasso d asta. Importo presunto annuo del servizio è stato stimato in: , ,00 b) custodia, manutenzione ordinaria, pulizie del cimitero e smaltimento rifiuti - è prevista la corresponsione di un compenso a corpo, a carico dell Amministrazione Comunale, sul quale la ditta partecipante dovrà valutare il ribasso dell offerta da produrre in sede di gara. Importo annuo del servizio da assoggettare al ribasso d asta: ,00 c) Oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso d asta: 6.000, ,00 IMPORTO ANNUO DEL SERVIZIO a) + b) + c) ,00 A titolo indicativo, data la particolarità del servizio ed ai soli fini della determinazione dell importo dell appalto, l importo complessivo presunto annuo dell appalto è pari ad ,00 (Centocinquemiladuecentonovanta/00), oltre I.V.A. L'importo a base d'asta, determinato su un periodo di quattro anni e quattro mesi, è pertanto pari ad ,67 6

8 Essendo il numero di operazioni previsto, ai fini del calcolo del costo del servizio, una stima suscettibile di aumenti o diminuzioni non preventivabili, la ditta appaltatrice accetta incondizionatamente la corresponsione degli importi a misura per gli oneri a carico degli utenti privati il cui importo totale sarà quindi determinato dalla moltiplicazione dei costi unitari indicati per il numero delle operazioni effettivamente svolte, senza che l appaltatore abbia niente a pretendere in caso di aumento o diminuzione del numero di operazioni effettivamente svolte. Per la cifra a carico del Comune il corrispettivo viene applicato a corpo e rimane quindi fisso ed invariabile per ogni eventualità. Il costo totale del servizio, diminuito del ribasso d asta sulla parte determinata a corpo (al netto della somma per oneri di sicurezza), si intende accettato dall affidatario in base a calcoli di sua propria e assoluta convenienza a tutto suo rischio e quindi agli effetti della liquidazione resta invariato e indipendente da qualsiasi eventualità che essa non abbia tenuto presente. Detto costo si intende comprensivo di tutte le spese per mezzi d opera, assicurazioni di ogni genere, forniture dei materiali e loro lavorazione, carico, trasporto e scarico di materiali, noli ecc. e quanto occorre per prestare il servizio compiuto a perfetta regola d arte, intendendosi compreso anche ogni compenso per tutti gli oneri che l affidatario dovesse sostenere a tale scopo, anche se non esplicitamente indicati nei vari articoli. La spesa posta a carico dell Amministrazione Comunale di cui alla lettera b) del primo capoverso del presente articolo, viene finanziata con fondi propri di bilancio del Committente. ART. 9 - REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Possono partecipare alla gara, tutti i soggetti di cui all art. 34 del D.Lgs. 163/2006, sia singolarmente sia appositamente e temporaneamente raggruppati con le modalità stabilite dall art. 37 del D.Lgs 163/2006, dotati delle necessarie capacità economiche, finanziarie e tecniche, e in grado di fornire le garanzie previste dalla legge; tali soggetti dovranno inoltre essere in possesso dei seguenti requisiti: a) siano in possesso, alla data di scadenza per la presentazione delle offerte, dell iscrizione di cui all art. 39 del D.Lgs 163/2006 con l indicazione, nell oggetto sociale o nelle attività svolte, della gestione di Servizi Cimiteriali; b) non siano incorsi in una delle cause di esclusione di cui all art. 34 comma 2 e 38 comma 1 del D.Lgs. 163/2006; c) siano in possesso di una o più idonee dichiarazioni bancarie, ai sensi dell art. 41, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n 163/2006 e s.m.i., rilasciate da almeno un istituto bancario o intermediario autorizzato ai sensi della Legge 385/1993, che dimostrino la capacita finanziaria dell impresa; d) abbiano realizzato direttamente, negli ultimi tre esercizi finanziari antecedenti la data di pubblicazione del bando, un fatturato globale non inferiore a ,00 (Euro centottantamila/00) IVA esclusa pari a circa l'84,5 % della quota parte del costo del servizio, riferita a tre anni, sulla quale l'impresa dovrà formulare la propria offerta in ribasso: ( ,00/anno * 3 anni = ,00); e) Siano in possesso di capacità tecnica e professionale attestata dall elenco dei principali servizi prestati negli ultimi tre anni, decorrenti dalla data fissata quale termine ultimo per la presentazione dell offerta, ai sensi dell art. 42, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n 163/2006 e s.m.i., da cui risulti che il concorrente ha svolto regolarmente in modo continuativo e senza contenziosi con gli enti committenti, nell ultimo triennio, servizi analoghi a quello in fase di affidamento per un importo economico complessivo pari o superiore ad Euro ,00 (Euro centottantamila/00) IVA esclusa. (Deve intendersi per diretta la prestazione eseguita nel triennio come soggetto singolo oppure all interno di un raggruppamento a cui si sia partecipato per un importo corrispondente a quello richiesto per la qualificazione nella presente gara.); Si precisa che, in caso di raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti: 7

9 - il requisito di cui al precedente punto a) deve essere posseduto da tutte le imprese raggruppate o consorziate - il requisito di cui al precedente punto b) deve essere posseduto almeno dalla mandataria e dalle mandanti che assumano l esecuzione delle operazioni cimiteriali descritte all art. 32 della parte seconda del capitolato speciale d appalto, essendo sufficiente, per le ulteriori mandanti, il possesso dell iscrizione di cui all art. 39 del D.Lgs. 163/2006 per lo svolgimento di attività oggetto del presente appalto, ma non necessariamente per la gestione di servizi cimiteriali; - il requisito di cui al precedente punto c) deve intendersi posseduto se le imprese riunite o consorziate possiedono nel loro complesso almeno due dichiarazioni bancarie a dimostrazione della capacità finanziaria ed economica di cui all art.41 del D.Lgs. 163/2006, riferite ad imprese diverse, delle quali almeno una sia riferita alla mandataria. - Tutti i requisiti di cui ai precedenti punti d) ed e) devono essere posseduti nella misura minima del 60% da parte della mandataria e nella misura minima del 20% da parte di ciascuna mandante, fermo restando che, complessivamente, i requisiti posseduti dai componenti il raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti, devono raggiungere l importo richiesto per l ammissione dell Impresa singola. E fatto divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo o consorzio, di cui all art. 34, com.1, lettere d) ed e) del D.Lgs. 163/06, ovvero di partecipare alla gara anche in forma individuale, qualora vi si partecipi già in raggruppamento o consorzio. I consorzi di cui all art. 34 comma 1 lett. b) e c) del D.Lgs 163/06 sono tenuti ad indicare in sede di offerta per quali consorziati il consorzio concorre. A questi ultimi è fatto divieto di partecipare in qualsiasi altra forma alla gara. La violazione dei sopraccitati divieti riferiti ai soggetti di cui all art. 34 comma 1 lettere b), c), d) ed e), comporterà l esclusione dalla gara del concorrente singolo e del raggruppamento o consorzio al quale partecipa. Con riferimento all art. 37, comma 9 del D.Lgs 163/06, è vietata l associazione in partecipazione e qualsiasi modificazione alla composizione dei raggruppamenti temporanei e dei consorzi ordinari di concorrenti rispetto a quella risultante dall impegno presentato in sede di offerta. Nel presente appalto trova applicazione l istituto dell avvalimento. f) Il soggetto che intende partecipare alla gara dovrà, inoltre, produrre la ricevuta di pagamento del contributo di 20,00 a favore dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici. Le modalità di versamento del contributo sono stabilite nella stessa deliberazione dell Autorità del g) L impresa aggiudicataria si obbliga ad assoggettarsi a quanto previsto dal protocollo d intesa ai fini della prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata e per il rafforzamento della legalità e della trasparenza nel settore dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture approvato con Deliberazione di G.M. n 123 del 29/04/2011. ART OBBLIGO DI SOPRALLUOGO Le imprese, per l ammissione alla gara, tra la documentazione richiesta per la partecipazione, devono presentare obbligatoriamente una dichiarazione, rilasciata dal Comune di Tricase, che svolge allo scopo le funzioni di Ente Appaltante nel procedimento di affidamento del Servizio, attestante l avvenuto sopralluogo presso i cimiteri comunali ove dovranno essere svolti i servizi in appalto. Il sopralluogo dovrà essere effettuato entro il terzo giorno utile antecedente la data di scadenza del bando, quest ultimo compreso. Pertanto ciascuna impresa partecipante dovrà fissare con l Ufficio Tecnico - Settore Ambiente, SIT, Espropriazioni, Manutenzioni, Energia (0833/ orario: lunedì, martedì, mercoledì giovedì e venerdì ore 10.00/ lunedì e giovedì ore 16.00/17.30) apposito appuntamento per eseguire il sopralluogo, accompagnato da un incaricato dell Amministrazione Comunale. 8

10 L incaricato dell Amministrazione Comunale rilascerà ricevuta dell avvenuta ricognizione, ricevuta che dovrà essere allegata in originale alla documentazione di gara, e riporterà nome dell impresa, nome del soggetto incaricato dall impresa, giorno del sopralluogo. In proposito si specifica che soggetti legittimati ad eseguire il sopralluogo per le imprese partecipanti sono esclusivamente il titolare o il legale rappresentante o il direttore tecnico dell impresa o gli altri soggetti indicati nel certificato della C.C.I.A.A., oppure una persona espressamente delegata dal titolare/legale rappresentante munito di delega, e dovranno essere muniti inoltre di documento di riconoscimento in corso di validità. Il soggetto che effettuerà il sopralluogo per un impresa non potrà effettuarlo per altre. Conseguentemente nessuna obiezione potrà sollevare per qualsiasi difficoltà che dovesse insorgere nel corso del servizio in relazione ad una pretesa ed eventuale imperfetta acquisizione di ogni elemento relativo alla natura, alla superficie e alle caratteristiche dei cimiteri comunali. ART PROCEDURA DI GARA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE Sarà esperita gara di evidenza pubblica, disciplinata dall art. 55, comma 1, del D.Lgs. n 163/2006 e s.m.i., con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 83 del citato D.Lgs e con scadenza dell'affidamento il 30 aprile ART MODALITA DI PAGAMENTO I pagamenti all impresa aggiudicataria dei servizi posti a carico del Comune di Tricase (art. 8 lett. b) sono subordinati alla previa presentazione da parte della ditta appaltatrice di regolare fattura. Il pagamento del canone sarà effettuato in 12 (dodici) rate mensili posticipate ed entro 30 (Trenta) giorni dalla data di ricezione fattura assunta al protocollo, previa acquisizione del documento di regolarità contributiva della ditta appaltatrice (DURC) da parte della stessa Amministrazione Comunale. L eventuale ritardo del pagamento, da parte dell Amministrazioni Comunale, delle rate del canone di appalto, non farà sorgere per la Ditta Appaltatrice il diritto di abbandono o di riduzione parziale dei servizi, sotto pena della risoluzione del contratto con tutti i danni conseguenti patiti e patiendi da parte del Comune. Dal pagamento del canone mensile convenuto sarà detratto l importo delle eventuali spese sostenute dall Amministrazione per l esecuzione d ufficio di lavori necessari per assicurare il regolare espletamento dei servizi e delle ammende o pene pecuniarie applicate in caso di disservizi. Qualora l importo di dette prestazioni e ammende o pene fosse superiore al credito della Ditta Appaltatrice, la differenza verrà detratta dal canone dei mesi successivi, a partire dal primo, fino a totale recupero delle somme. Il Comune è libero di optare anche per altre soluzioni: invitare la Ditta Appaltatrice a versare le somme dovute, avvalersi della cauzione, ecc. ART ANTICIPAZIONI All Impresa non sarà riconosciuta alcuna anticipazione sull importo contrattuale inerente il servizio. ART REVISIONE DEL CANONE Il contratto, qualora ne ricorrano i presupposti, sarà sottoposto, su richiesta della Ditta Affidataria, a revisione dei prezzi ai sensi dell art. 115 del D.Lgs. n 163/2006. Il canone annuo a carico dell Amministrazione Comunale, i prezzi e le tariffe del presente appalto rimarranno fissi e invariabili per i primi due anni di svolgimento del servizio. La revisione degli stessi potrà avere effetto solo a partire dall inizio del terzo anno. Gli importi così revisionati rimarranno fissi e immutati per tutto l anno di riferimento. I calcoli revisionali devono fare esclusivo riferimento alla variazione su base annua per il periodo dicembre-dicembre dell anno precedente dell indice ISTAT relativo ai prezzi al consumo per le 9

11 famiglie di operai e impiegati (FOI); la variazione percentuale risultante dal suddetto indice alla fine del secondo anno di esercizio, determinerà i nuovi importi valevoli per il terzo anno e così via di anno in anno. ART SUB-APPALTO E fatto divieto alla ditta appaltatrice di subappaltare o di cedere a terzi l intera gestione del servizio regolata dal presente capitolato. Ai sensi e nel rispetto della normativa di cui all art. 118 del D.Lgs. n 163/2006 e s.m.i. e previo consenso da parte dell Amministrazione Comunale, potrà essere effettuato il subappalto fino alla quota massima del 30% dell importo del servizio del presente bando, alle seguenti condizioni: 1) che l Appaltatore abbia indicato in sede di gara i servizi o parti di servizi che intende subappaltare; 2) che l Appaltatore provveda a depositare presso il Comune di Tricase almeno venti giorni prima della data di effettivo inizio dell esecuzione delle prestazioni oggetto di subappalto la seguente documentazione: a) copia autentica del contratto di subappalto; b) certificazione attestante il possesso da parte del subappaltatore dei requisiti minimi generali e speciali richiesti dalla normativa vigente in materia di appalti di servizi. L eventuale inosservanza delle disposizioni sopraelencate e contenute nell autorizzazione, nonché delle prescrizioni di cui all art. 118 del D.Lgs. n 163/2006 costituirà causa di risoluzione del contratto, fermo restando il risarcimento degli eventuali danni che ne dovessero derivare. L autorizzazione al subappalto non esime l Appaltatore dalle responsabilità connesse alla regolare e puntuale esecuzione delle prestazioni oggetto di affidamento. In particolare l Appaltatore é responsabile dell osservanza delle norme in materia di contratti collettivi di categoria da parte del o dei subappaltatori nei confronti dei loro dipendenti per le prestazioni rese nell ambito del subappalto. ART OBBLIGHI E RESPONSABILITA DELL APPALTATORE La gestione dei servizi oggetto del presente Capitolato verrà effettuata dall appaltatore a proprio nome, per proprio conto ed a proprio rischio e pericolo, a mezzo di personale ed organizzazione propri. Grava sull Appaltatore ogni responsabilità civile, penale ed amministrativa inerente, direttamente o indirettamente, i servizi affidati in appalto derivanti dai danni comunque provocati nello svolgimento del servizio, ivi compresi incidenti accidentali che potessero essere arrecati al Comune, al personale e a terzi. L impresa appaltatrice inoltre ed in ogni caso si intenderà espressamente obbligata a tenere comunque sollevata ed indenne l Amministrazione Comunale da ogni qualsivoglia danno diretto ed indiretto che possa comunque e da chiunque derivare con ciò esonerando l Amministrazione Comunale ed i suoi obbligati da ogni e qualsiasi azione sia in via giudiziale che stragiudiziale da chicchessia instaurata. L impresa risponderà del furto o danneggiamento delle attrezzature e dotazioni comunali presenti nei cimiteri comunali; risponderà inoltre interamente per ogni difetto dei mezzi ed attrezzature impiegati nell espletamento dei servizi. L Impresa appaltatrice, oltre all osservanza di tutte le norme specificate nel presente Capitolato, avrà l obbligo di far osservare dal proprio personale tutte le disposizioni conseguenti a leggi, regolamenti e decreti, siano essi nazionali o regionali, in vigore ed emanati durante il periodo di appalto comprese le norme regolamentari e le ordinanze municipali, con particolare riferimento ai regolamenti di igiene e di polizia mortuaria. 10

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli