CITTA di CORDENONS SERVIZI TECNICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA di CORDENONS SERVIZI TECNICI"

Transcript

1 CITTA di CORDENONS ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE DEL BACINO CELLINA MEDUNA CITTA DI CORDENONS-COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA-SAN QUIRINO-ZOPPOLA Piazza della Vittoria n Cordenons SERVIZI TECNICI CUP B71F CIG ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N DEL CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEI SERVIZI DI SEPPELLIMENTO DELLE SALME, DI ESTUMULAZIONE E DI ESUMAZIONE, DI CUSTODIA, PULIZIA, MANUTENZIONE DEL VERDE E MANUTENZIONE DEI CIMITERI COMUNALI DEI COMUNI ASSOCIATI DI CORDENONS, SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA, SAN QUIRINO, ZOPPOLA. ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di tutti i lavori e le forniture necessarie per la gestione dei servizi di seppellimento delle salme (tumulazioni ed inumazioni) di estumulazione, di esumazione, di ricognizione, traslazione, di custodia, pulizia, manutenzione e manutenzione del verde, nonché di raccolta, trasporto e smaltimento dei materiali di risulta dei Cimiteri Comunali dei Comuni Associati di Cordenons (cimitero di Cordenons), San Giorgio della Richinvelda (cimitero di San Giorgio della Richinvelda, Aurava, Cosa, Domanins, Pozzo, Provesano, Rauscedo), di San Quirino, (cimitero di San Quirino, Sedrano, San Foca) Zoppola (cimitero di Zoppola, Castions, Cusano, Orcenico Superiore, Orcenico Inferiore). La Ditta Appaltatrice (denominata nel prosieguo anche Ditta, Ditta Concessionaria o Concessionario) si obbliga nei confronti dei Comuni Associati e sotto la propria esclusiva responsabilità alla gestione delle attività istituzionali dei Cimiteri precitati, nonché al mantenimento del relativo patrimonio immobiliare e tecnologico e deve svolgere in particolare: A) Attività di custodia dei Cimiteri Comunali; B) Operazioni Cimiteriali a carico delle Amministrazioni Comunali dei Comuni Associati; C) Operazioni Cimiteriali richieste e/o a carico dei familiari; D) Lavori di pulizia delle aree interne ed esterne ai Cimiteri dei Comuni Associati e manutenzione del verde; E) Attività di manutenzione ordinaria dell edificio e degli impianti; 1

2 ART. 2 AFFIDAMENTO DEI SERVIZI L affidamento dei servizi, viene accordato in seguito ad esperimento di procedura aperta ai sensi degli art. 55 e 83 del D.LGS. n. 163 del e s.m.i., alla ditta che avrà offerto l offerta economicamente più vantaggiosa, sui prezzi posti a base d asta predeterminati dalla stazione appaltante. ART. 3 DURATA DELL APPALTO L appalto ha durata di anni cinque a partire dalla data di aggiudicazione presunta dal al L appalto per il comune di San Giorgio della Richinvelda decorre dal alla scadenza dell appalto vigente in essere. Alla scadenza naturale dell Associazione Intercomunale denominata Bacino Cellina Meduna prevista per il mese di maggio 2013 o in caso di scioglimento anticipato della stessa, ciascun comune per quanto di propria competenza manterrà in modo diretto i rapporti giuridici ed economici con l appaltatore. Tenuto comunque presente che le Amministrazioni Comunali dei Comuni Associati stanno provvedendo alla realizzazione dei lavori di nuovi loculi e nuove Tombe di Famiglia, l incarico di cui al presente disciplinare si intenderà esteso anche alle nuove strutture (senza alcun corrispettivo aggiuntivo). ART. 4 CONTENUTO DELL APPALTO L appalto è definito dal presente capitolato che ne disciplina i contenuti e i termini. ART. 5 MODALITA DI ESPLETAMENTO DEI SERVIZI I servizi di cui all art. 1 dovranno essere attuati con le modalità indicate ai successivi articoli del presente capitolato e secondo quanto indicato dal Responsabile Unico del Procedimento o dal Responsabile di Servizio delegato, nel rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. n 81/2008 e D.Lgs. 106/2009 e s.m.i., durante la esecuzione dei servizi non sono previste situazioni di concomitanza con altre ditte, eventuali casistiche di concomitanza dovranno essere gestite nel rispetto delle procedure previste dal DUVRI, a carico dei comuni associati di Cordenons, San Giorgio della Richinvelda, San Quirino, Zoppola, dell associazione intercomunale denomina Bacino Cellina Medina. ART. 6 CUSTODIA DEI CIMITERI I Cimiteri sono provvisti di cancelli con apertura e chiusura manuale per Cordenons e San Giorgio della Richinvelda, San Quirino, automatico a Zoppola. La Ditta appaltatrice dovrà garantire la manutenzione ed il buon funzionamento degli stessi. Nei cimiteri di San Quirino capoluogo, San Foca e Sedrano, Zoppola capoluogo, Castions, Orcenico Superiore, Orcenico Inferiore e Cusano/Poincicco, la Ditta dovrà provvedere alla apertura e chiusura quotidiana (anche nei giorni di festa), secondo il seguente orario: -dalle 8.00 alle 17.00, dall ultimo sabato di Ottobre all ultimo sabato di Marzo (modifica orario legale); 2

3 -dalle 8.00 alle dall ultimo sabato di Marzo all ultimo sabato di Ottobre (modifica orario legale); La Ditta dovrà provvedere alla apertura, vigilanza e chiusura quotidiana (anche nei giorni di festa) dei Cimiteri, secondo gli orari precitati che sono stabiliti dai Sindaci dei Comuni Associati, mentre per il cimitero di Cordenons è prevista una apertura settimanale per un totale massimo di n. 84 ore settimanali. Durante il periodo delle festività per la commemorazione dei defunti, i Sindaci provvederanno a comunicare alla Ditta l orario più amplio di apertura del Cimitero (senza alcun corrispettivo aggiuntivo). La Ditta appaltatrice dovrà inoltre garantire la reperebilità quotidiana di almeno un proprio operatore a San Giorgio della Richinvelda, San Quirino e uno a Zoppola dal Lunedì al Sabato per tutti i cimiteri, indicando l orario ed il numero telefonico nelle bacheche esposte agli ingressi del Cimitero. L orario impostato dovrà essere concordato ed approvato dal R.U.P. o dal Responsabile del Servizio delegato. La Ditta appaltatrice dovrà inoltre garantire la presenza quotidiana di un proprio operatore per un minimo di sei ore giornaliere dal Lunedì al Sabato nel cimitero di Cordenons, indicando l orario nelle bacheche esposte agli ingressi dei Cimiteri. L orario impostato dovrà essere concordato ed approvato dal R.U.P. o dal Responsabile del Servizio delegato. Nei comuni di San Giorgio della Richinvelda, San Quirino e Zoppola, la Ditta dovrà inoltre garantire che, nell ultima settimana di ottobre e durante le giornate di commemorazione dei defunti, giorni festivi compresi, ci sia la disponibilità giornaliera per tutti i Cimiteri Comunali (tre e cinque), di almeno un operatore all interno di uno dei cimiteri di San Quirino e Zoppola, indicando con quindici giorni di anticipo nella bacheca comunale di ciascun cimitero le generalità ed il recapito telefonico e la giornata di presenza nei relativi camposanti, il tutto concordato dal R.U.P. o dal Responsabile del Servizio delegato. A Cordenons la Ditta dovrà inoltre garantire che, nell ultima settimana di ottobre e durante le giornate di commemorazione dei defunti, ci sia la presenza giornaliera e per tutta la giornata, festivi compresi, di propri operatori all interno dei Cimiteri. Tale operatore, che potrà anche essere contemporaneamente impegnato nell esecuzione delle attività di gestione del Cimitero, di manutenzione, di manutenzione verde o di pulizia, (ma comunque presente in Cimitero) dovrà essere facilmente identificabile dall utenza e raccogliere da essa tutte le segnalazioni o le richieste presentate, provvedendo ad informare il Responsabile dei Servizi Cimiteriali o altro personale da questo individuato. Il custode, all interno dell orario indicato nelle bacheche e precedentemente concordato con il Responsabile Unico del Procedimento o dal Responsabile di Servizio delegato, dovrà obbligatoriamente essere presente in Cimitero e non potrà assentarsi nemmeno per acquistare materiale, necessario per i Cimiteri stessi. Nel caso in cui il custode debba assentarsi per motivi di forza maggiore, la Ditta provvederà, prima dell uscita dello stesso, a sostituirlo con altra persona idonea. Gli operatori anzidetti, potranno usufruire di apposito Ufficio se presente all interno dei Cimiteri, al fine della custodia dei documenti e per il ricevimento delle persone. Al termine dell orario di apertura dei Cimiteri, la Ditta appaltatrice avrà cura di verificare, prima di provvedere alla chiusura dei cancelli, che tutti gli utenti dei Cimiteri siano usciti all esterno. Prima della chiusura serale, la Ditta dovrà provvedere alla chiusura, a chiave, dei servizi igienici e provvedere alla riapertura degli stessi la mattina successiva. ART. 7 OPERAZIONI CIMITERIALI La Ditta dovrà provvedere a: 3

4 a) prendere in consegna, all ingresso dei Cimiteri, i feretri, le membra umane, le parti di cadavere, le ossa umane, le urne cinerarie, i nati morti ed i prodotti del concepimento; ritirare l autorizzazione al trasporto ed accertare che la sepoltura avvenga nelle condizioni previste dal Nuovo Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R , n. 285 e sm.i. (per le inumazioni valgono le norme di cui al Capo 14 del D.P.R. 285/90 e s.m.i. e art. 21 del Nuovo Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria, per le tumulazioni le norme di cui al Capo 15 del D.P.R. 285/90 e art. 22 del Nuovo Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria); b) prendere in consegna, all ingresso dei Cimiteri, i deceduti portati per l osservazione e/o il controllo diagnostico; provvedere che l osservazione avvenga alle condizioni previste dall art. 13 del Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R , n. 285 e s.m.i.; c) scavare, con congruo anticipo rispetto all arrivo nei Cimiteri del feretro, le fosse per le inumazioni che dovranno essere predisposte a regola d arte nel rispetto degli artt. 72 e 73 del D.P.R , n. 285 e s.m.i., nei campi del Cimitero all uopo predisposti procedendo fila per fila senza soluzioni di continuità, e procedere alla immediata inumazione del feretro. Per la calata nella fossa del feretro si avrà massima cura, rispetto e decenza. L operazione dovrà essere effettuata con corde o a braccia o con mezzo meccanico sicuro. Deposto il feretro nella fossa, la stessa verrà subito colmata in modo che la terra scavata alla superficie sia messa attorno al feretro e quella affiorata dalla profondità venga alla superficie; d) inserire le bare/urne cinerarie/cassettine nei loculi (aerei o sotterranei), Tombe di Famiglia, cellette ossario. L operazione verrà eseguita con corde, rulli o a braccia o con apposito mezzo meccanico sicuro. Deposto il feretro/resti mortali/ceneri nel loculo, Tomba di Famiglia o celletta, si provvederà immediatamente alla chiusura dello stesso con muratura in mattoni, intonacata dalla parte esterna, o con lastra di cemento o altro materiale avente le stesse caratteristiche di stabilità e spessore tale ad assicurare la dovuta resistenza e sigillato in modo da rendere la chiusura stessa a tenuta ermetica. L apertura della piastra, la preparazione e predisposizione del loculo/tomba di Famiglia/celletta ossario deve avvenire con congruo anticipo rispetto all arrivo del feretro/resti mortali/urne cinerarie nei Cimiteri; e) assolvere i compiti previsti dagli artt del Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R , n. 285 e s.m.i., concordati con i rispettivi responsabili dei servizi dei comuni associati, relativamente all obbligo di conservare le autorizzazioni di sepoltura e di tenere aggiornato, in duplice copia, il registro dove vengono registrate le sepolture e qualsiasi variazione avvenuta in seguito ad esumazione, estumulazione, cremazione, o traslazione e trasporto di cadaveri e di ceneri. Un esemplare di detti registri deve essere consegnato ogni fine anno ai Comuni Associati per essere conservato negli archivi, restando l altro presso il servizio di custodia; f) accertare che le inumazioni e le tumulazioni di salme/resti mortali/urne siano state regolarmente autorizzate e verificare che queste operazioni avvengano secondo i disposti del Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria approvato con D.P.R , n. 285 e s.m.i., e del vigente Regolamento Comunale di Polizia mortuaria, per quanto riguarda le condizioni delle casse funebri, delle fosse per le inumazioni e dei loculi per le tumulazioni (per le inumazioni valgono le norme di cui al Capo 14, in particolare gli artt. 68, 69, 70, 71 72, 73, 74 e 75 4

5 per le tumulazioni le norme di cui al Capo 15 ed in particolare gli artt. 76 e 77 del precitato D.P.R. 285/90 e s.m.i.); g) eseguire le esumazioni, le estumulazioni e le traslazioni di salme (ordinarie e straordinarie), resti mortali ed urne cinerarie su richiesta ed autorizzazione dell Amministrazione comunale (per esumazioni ed estumulazioni valgono le norme di cui al Capo 17 del più volte citato Nuovo Regolamento di Polizia Mortuaria ed, in particolare, gli artt. 82, 84, 85, 86, 87, 88 e 89); h) effettuare le operazioni di ricognizione (verifica interna di un loculo per controllarne la situazione interna) richiesta dai Comuni Associati, da effettuarsi tramite una piccola apertura sulla muratura e successiva chiusura del foro praticato con muratura di mattoni ed intonaco nella parte esterna; i) ispezionare la Cappella, i loculi aerei e sotterranei, i sepolcri, le tombe di famiglia e le cellette. Nel caso di rottura di casse nei loculi/tombe di Famiglia o altro, conseguentemente all esplosione di gas putrefatti, il Concessionario dovrà provvedere a segnalare tempestivamente l accaduto al Servizio comunale competente. Il Concessionario dovrà provvedere a proprie spese all immediata pulizia di tutte le superfici interessate mediante lavaggio con soluzioni disinfettanti; j) assicurare la custodia e la sorveglianza dei cadaveri giunti nei Cimiteri (per il periodo di osservazione o per essere a disposizione dell autorità giudiziaria), a norma degli articoli del D.P.R. 285/1990 e s.m.i.; k) fornire l assistenza e le prestazioni necessarie in caso di autopsie disposte dall Autorità Giudiziaria o Sanitaria; l) eseguire ogni altro compito eventualmente assegnato dall Autorità Sanitaria e/o Giudiziaria, purché abbia attinenza con i servizi cimiteriali; m) assicurare una reperibilità telefonica nell arco delle 24 ore per tutta la durata del contratto (con comunicazione al Responsabile dei Servizi Cimiteriali ed esposizione nelle bacheche cimiteriali dei recapiti telefonici) e garantire un tempestivo intervento (entro un ora dalla chiamata) presso i Cimiteri qualora sia necessario (arrivo salma per l osservazione, riscontro diagnostico, interventi di manutenzione urgenti, ecc.); n) regolare disposizione delle fosse, dei cippi, croci e lapidi, ecc. d intesa con il Responsabile dei Servizi Cimiteriali e verifica della regolare disposizione delle lapidi da parte dei privati e/o di Ditte private; o) su autorizzazione dei Comuni Associati, disperdere le ceneri provenienti da cremazione nel cinerario comune situato all interno dei Cimiteri; p) quant altro non richiamato nel presente capitolato ma espressamente contemplato nel Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria e nelle circolari esplicative in materia e nel Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria, (attualmente in vigore o che dovessero essere emanate in materia). Il servizio di seppellimento salme/urne cinerarie verrà organizzato, salvo diversi specifici accordi, con le seguenti modalità: l impresa di pompe funebri incaricata dai familiari prenderà direttamente accordi con i Servizi Cimiteriali del Comune per l organizzazione della cerimonia funebre e la destinazione della salma/urna cineraria o altro. Il Comune, provvederà immediatamente a comunicare, a mezzo fax o telefono, alla Ditta Concessionaria, la data, e l orario della cerimonia e la destinazione del feretro. Le Ditte di Onoranze funebri incaricate dai familiari del defunto per la cerimonia, potranno accompagnare il feretro fino alle immediate vicinanze della sepoltura prevista. Esse potranno accompagnare il feretro, all interno dei Cimiteri, fino a dove è possibile. La Ditta appaltatrice dovrà provvedere all inumazione/tumulazione del feretro 5

6 immediatamente dopo il suo arrivo nei Cimiteri, senza soluzioni di continuità, e dovrà permettere tutte le onoranze religiose e/o civili richieste dai familiari. E pertanto vietato, a meno che non sia richiesto da parte del R.U.P. o dal Responsabile del Servizio delegato, il deposito del feretro dopo il suo arrivo per la sepoltura in un secondo momento. Nello svolgimento del servizio, la Ditta Appaltatrice dovrà adottare comportamenti idonei alla delicatezza delle circostanze, in termini di professionalità e di decoro, tali da garantire il massimo rispetto nei confronti delle salme e dei familiari eventualmente presenti alle operazioni cimiteriali. A tal proposito si rammenta che: Il personale destinato all esecuzione dei servizi dovrà essere in numero sufficiente (per il ricevimento delle salme in numero di quattro persone, ma comunque mai inferiore a (tre) e con qualifica idonea alla specifica operazione da svolgere, nel rispetto della normativa in materia di sicurezza D.LGS. n 81/2008 e 106/2009 e s.m.i.. In tutte le operazioni svolte presso i Cimiteri comunali, il Concessionario dovrà garantire un elevato livello di decoro formale dei propri operatori, essi dovranno mantenere un atteggiamento rispettoso dei luoghi e delle circostanze, ed avere un aspetto confacente alla funzione svolta. La ditta impiegherà personale di assoluta fiducia, moralità e provata riservatezza, osservante delle disposizioni che verranno impartite, a conoscenza del regolamento di Polizia Mortuaria e delle disposizioni in materia di sicurezza, utilizzando le specifiche attrezzature (ex. cassero per inumazioni, alzaferetri, calaferetri per tumulazioni ecc ). Il personale in servizio deve indossare un abbigliamento adeguato e consono alle situazioni. Durante il ricevimento delle salme per la sepoltura il personale dovrà indossare una divisa (giacca-giaccone, pantaloni, camicia) consona al luogo e fornita dalla ditta, la divisa dovrà portare la scritta o il distintivo di riconoscimento della ditta, nonché la targhetta con il nominativo del dipendente, la stessa dovrà essere concordata con il R.U.P. o del Responsabile del Servizio delegato. E fatto assoluto divieto al personale del Concessionario di fumare, bere o mangiare o usare un linguaggio scorretto nei plessi cimiteriali, in modo particolare durante le cerimonie funebri, eventuali inadempimenti durante le cerimonie, sono oggetto di sanzione costituita dal richiamo puntuale. La Ditta appaltatrice si impegna a richiamare, su segnalazione o richiesta dei Sindaci o del R.U.P. o del Responsabile dei Servizi Cimiteriali delegato, i dipendenti che non osservassero tale contegno o trascurassero il servizio o usassero un linguaggio scorretto e riprovevole. Le segnalazioni e le richieste del Sindaco e/o del R.U.P. o del Responsabile dei Servizi Cimiteriali delegato, sono vincolanti per la Ditta appaltatrice. Le attrezzature utilizzate per le operazioni cimiteriali devono essere pulite, decorose ed efficienti. La scelta delle attrezzature e le loro caratteristiche dovranno essere compatibili con il luogo, garantendone il decoro ed il rispetto delle situazioni. ART. 8 ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI Per quanto riguarda l art. 7, lettera g) relativa all esecuzione delle esumazioni ed estumulazioni, si precisa quanto segue: All interno del canone annuo di concessione deve ritenersi compresa, senza richiesta di alcun onere aggiuntivo, l esumazione ordinaria di n. 20 salme all anno per il comune di Cordenons, San Quirino, Zoppola, n. 10 salme all anno per il comune di e San Giorgio della Richinvelda, l esumazione straordinaria di n. 10 salme all anno per il comune di Cordenons, San Quirino, Zoppola e San Giorgio della Richinvelda. 6

7 L intervento di esumazione, su richiesta ed autorizzazione dai Comuni Associati, prevede: 1) fornitura e posa in opera di rete di recinzione ceca per tutto il perimetro del cantiere, qualora l area interessata all intervento sia estesa; 2) rimozione delle lapidi in marmo, croci in legno e/o accessori e arredi sacri presenti nel campo, con accatastamento, raccolta, trasporto e smaltimento a carico della ditta appaltatrice (salvo che i familiari non ne richiedano la restituzione), conservando comunque le foto per almeno 6 sei) mesi per eventuali parenti che la richiedano in seguito; 3) scavo da eseguirsi a mano e/o con adeguate attrezzature meccaniche, esumazione della salma se completamente mineralizzata, con recupero accurato dei resti mortali e loro trasferimento in ossario comune o in altra destinazione precedentemente comunicata dall Ufficio comunale competente (celletta ossario, loculo, Tomba di Famiglia, ecc., in questi casi la Ditta eseguirà successivamente le stesse operazioni elencate all art. 7, lett. d); 4) eventuali cassettine per i resti mortali o cassoni in zinco saranno a carico dei familiari dei defunti; 5) recupero della cassa in legno, dello zinco, dei resti di indumenti e degli altri rifiuti, che saranno raccolti, trasportati e smaltiti a carico dell impresa esecutrice del lavoro, secondo le prescrizioni del D.lgs n. 152 e succ. modif. ed integrazioni; 6) in caso di ritrovamento di una salma non completamente mineralizzata, la ditta esecutrice si farà carico di fornire una idonea cassa, in materiale biodegradabile, affinché la salma sia sepolta nuovamente in un campo indecomposti, segnalato dall amministrazione comunale (il tutto a cura della ditta e a spese già comprese nel canone di concessione). Sull esterno del contenitore dovrà essere riportato nome, cognome data di nascita e di morte del defunto. I Comuni Associati potranno richiedere l addizione di sostanze capaci di favorire i processi di scheletrizzazione; 7) al termine delle operazioni la ditta provvederà alla sistemazione superficiale del terreno bonificato utilizzando il terreno vagliato e precedentemente accantonato ed aggiungendo terreno fino al completo livellamento. Se necessario, la zona verrà coperta con ghiaino a cura e spese del Concessionario; a) Nel caso fosse necessario effettuare un maggior numero di esumazioni, alla Ditta Concessionaria il Comune corrisponderà la cifra, a salma esumata di 150,00 al netto di I.V.A., salvo eventuale trattativa in sede di richiesta di intervento. Nel caso in cui le Amministrazioni Comunali intenda procedere all esumazione e risanamento di un intero campo per inumazioni (generalmente circa 300 salme), la stessa si riserva la facoltà di procedere all espletamento di apposita gara d appalto. Devono inoltre considerarsi comprese, all interno del canone annuo di concessione, n. 20 estumulazioni ordinarie all anno per il comune di Cordenons, San Quirino, Zoppola, e n. 10 salme per San Giorgio della Richinvelda, n. 10 estumulazioni straordinarie all anno per il comune di Cordenons, San Quirino, Zoppola, e San Giorgio della Richinvelda. 7

8 effettuate cioè allo scadere del periodo di concessione del loculo. In tal caso l intervento prevede: 1) rimozione della piastra di marmo del loculo aereo o rimozione della piastra sulla colonnina relativa al loculo sotterraneo (con eventuale taglio); 2) demolizione del muro e di eventuali solette o tramezzi; 3) estumulazione del feretro; 4) inumazione del feretro in apposito campo indecomposti, dopo aver praticato nella cassa metallica una opportuna apertura al fine di consentire la ripresa del processo di mineralizzazione, (eseguendo le stesse operazioni previste per le inumazioni ed elencate all art. 4, lett. C); L Amministrazione Comunale potrà richiedere l addizione di sostanze capaci di favorire i processi di scheletrizzazione; 5) su richiesta dell Amministrazione Comunale, apertura del feretro, verifica della consumazione dello salma, con: raccolta dei resti mortali, se mineralizzati, in apposita cassetta ossario (non fornita dalla Ditta, ma a carico dei familiari) e tumulazione, della stessa, nello stesso loculo o in altro loculo, o in celletta ossario, eseguendo le stesse operazioni previste per la tumulazione; raccolta dei resti mortali, se mineralizzati, e successivo deposito in ossario comune; raccolta dei resti mortali, se mummificati, in nuova cassa di legno e zinco (non fornita dalla Ditta, ma a carico dei familiari) e tumulazione, della stessa, nello stesso loculo o in altro loculo eseguendo le stesse operazioni previste per la tumulazione; eventuale inumazione come al punto 4) del presente articolo qualora la salma non risulti completamente mineralizzata e non sia stata richiesta dai familiari la ritumulazione o l avvio a cremazione della stessa; Le operazioni elencate al presente punto 5) sono alternative, verrà cioè eseguita l una o l altra secondo la volontà espressa dai familiari. 6) pulizia e disinfezione del loculo rimasto vuoto e della zona circostante con raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta, a cura e a carico della Ditta. Eventuali resti di muratura, mattoni, cemento, casse di legno, zinco, indumenti ecc. saranno raccolti, trasportati e smaltiti a carico dell impresa esecutrice del lavoro, secondo le prescrizioni del D.lgs 152/2006 e succ. modif. ed integrazioni; 7) chiusura del loculo aereo rimasto vuoto con la stessa piastra (il Comune, a proprie spese, provvederà successivamente a fornirne una nuova) o chiusura dell accesso al loculo sotterraneo oggetto di lavorazione. b) Nel caso fosse necessario effettuare un maggior numero di estumulazioni, alla Ditta Concessionaria, il Comune corrisponderà la cifra, a salma estumulata, di 130,00 al netto di I.V.A., salvo eventuale trattativa in sede di richiesta di intervento. In entrambi i casi (operazioni di esumazione o di estumulazione) tutte le operazioni devono essere eseguite sotto l osservanza delle disposizioni impartite dal D.P.R. 285/90, dal vigente regolamento comunale di polizia mortuaria, e dalle vigenti disposizioni e circolari emesse in materia. 8

9 L eventuale utilizzo di sostanze capaci di favorire i processi di scheletrizzazione (purché non siano tossiche o nocive, né inquinanti il suolo o le falde idriche) verrà concordato di volta in volta con l Amministrazione Comunale. L eventuale avvio a cremazione, nel caso di non completa scheletrizzazione di salme (provenienti da esumazione o da estumulazione), sarà autorizzato di volta in volta dall Amministrazione Comunale e sarà effettuato a cura ed a spese poste a carico dei familiari richiedenti. Se il feretro è stato inumato in campo comune indecomposti, la Ditta procederà a: livellare e rastrellare il terreno di suddetto campo, dopo le operazioni di inumazione (con eventuale riporto di terreno nuovo); collocare per ogni salma una croce di legno (o altro cippo concordato), con targhetta riportante, in modo permanente, il cognome, il nome, la data di nascita e di morte del defunto; riportare ghiaino o marmorino bianco sul campo sistemato; annotare, sui registri e sulle planimetrie a disposizione, l esatta collocazione della salma all interno del campo; La ditta deve provvedere, a cura e a carico proprio e sotto la propria responsabilità a tutte le incombenze, per garantire in ossequio al D.Lgs 81/2008 e 106/2009 e s.m.i. la completa sicurezza durante l esercizio dei lavori e l incolumità delle persone o cose, assumendo a proprio carico tutte le opere provvisionali ed esonerando di conseguenza l Amministrazione Comunale da ogni qualsiasi responsabilità; ART. 9 SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA DEI PRIVATI CITTADINI La Ditta Concessionaria dovrà, su richiesta di privati cittadini e previa autorizzazione da parte dei Comuni Associati, eseguire altresì le seguenti prestazioni che potrebbero verificarsi o meno durante il periodo contrattuale (si richiamano le disposizioni indicate nell art. 8 del presente capitolato per le operazioni da eseguire, le modalità di smaltimento dei rifiuti e materiali di risulta e le norme sulla sicurezza): 1. estumulazioni ed esumazioni straordinarie, riduzioni, ricognizioni; 2. traslazione feretri, urne cinerarie, resti mortali; Per quanto riguarda tali prestazioni, gli importi applicabili all utenza, sono quelli indicati nell allegato A al presente capitolato per il comune di Cordenons, mentre le tariffe del Comune di San Giorgio della Richinvelda, San Quirino e Zoppola sono visionabili presso i Servizi Edilizia Privata San Giorgio della Richinvelda, Demografici e Elettorale per gli altri comuni, senza nulla richiedere ai Comuni Associati. La Ditta Concessionaria, si impegna a richiedere all utenza le tariffe precitate secondo le modalità stabilite dai comuni associati e null altro in più. Resta inteso che eventuali cassettine per resti mortali, cassoni in zinco o casse in materiale biodegradabile, sono forniti a cura e a spese dei familiari richiedenti l intervento. ART. 10 PULIZIA DEI CIMITERI E MANUTENZIONE DEL VERDE I lavori di pulizia, dovranno essere eseguiti nelle giornate feriali concordate con i rispettivi comuni associati, nel rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. n 9

10 81/2008 e D.Lgs. 106/2009. Compresi all interno del canone di concessione, comprendono le seguenti attività: lavori di pulizia delle aree interne ed esterne dei Cimiteri e lungo il perimetro dei cimiteri per una fascia di mt. 1.00, tramite: pulizia, rimozione delle ragnatele e disinfezione dei servizi igienici a disposizione del personale e del pubblico, a giorni alterni, minimo due volte a settimana e comunque ogni qualvolta risulti necessario; sistemazione e sostituzione a ciclo continuo, all interno dei servizi igienici, di carta igienica, salviette asciugamani, sapone liquido, scopini, sacchetti per rifiuti, ecc.; pulizia dei locali a disposizione del personale e relative pertinenze; pulizia e rimozione delle ragnatele della Cappella cimiteriale (con arieggiamento della Cappella e pulizia delle poltroncine) e zone retrostanti, della sala di autopsia (con disinfezione dopo ogni utilizzo), dei locali attigui e degli altri manufatti comunali di accesso pubblico a ciclo continuo; pulizia settimanale e quando necessario, dei locali adibiti a ricovero automezzi, attrezzature e relative pertinenze; pulizia settimanale e quando necessario, delle aree pavimentate entro le strutture cimiteriali, tramite spazzatura, rimozione ragnatele, spolveratura di porte e finestre, bocche di lupo, arredi, punti luce, pareti, lavaggio di pavimenti e rivestimenti; pulizia settimanale e quando necessario, di tutte le aree di accesso pubblico fuori terra e sottoterra, come al punto precedente; raccolta a ciclo continuo dei rifiuti di qualsiasi genere, quali fiori, vasi, recipienti in plastica, stracci, carta, cellophane, ceri abbandonati o nascosti tra il verde, corone di fiori appassiti e relativi fusti, cesti di fiori appassiti e riversamento degli stessi negli appositi contenitori per rifiuti. Svuotamento a ciclo continuo dei contenitori per rifiuti e ceste (presenti all interno ed all esterno dei Cimiteri), con sostituzione di sacchetti idonei e riversamento dei rifiuti negli appositi contenitori per rifiuti. Spazzatura settimanale, manuale o meccanica delle aree asfaltate o pavimentate. Pulizia e riassetto settimanale dei vialetti inghiaiati con raschiatura, rastrellatura della ghiaia, rifilatura dei bordi erbosi. Pulizia settimanale e riassetto delle aree a verde (interne ed esterne ai Cimiteri) con rastrellatura del fogliame e/o di parti secche vegetali, raccolta di ogni materiale presente di qualsiasi natura, raccolta del fogliame caduto e/o di parti secche vegetali presenti in qualunque parte nei Cimiteri; pulizia delle reti di scarico, gronde, pluviali, caditoie, pozzetti, rete fognatura acque di scarico, entro e fuori le mura cimiteriali con cadenza almeno quadrimestrale e comunque ogni qualvolta risulti necessario; pulizia due volte al mese dei monumenti e sepolcri comunali e del benemerito Antonio ROMANO a Zoppola, con posa di un mazzo di fiori; pulizia due volte al mese del sepolcro dove sono tumulati i sacerdoti; Sono altresì compresi all interno del canone di concessione i seguenti lavori di pulizia aree interne ed esterne ai Cimiteri tramite: Sgombero della neve in tutte le aree di passaggio, vialetti pedonali, accessi, eseguito a mano o con idonei mezzi meccanici al fine di garantirne l agibilità in sicurezza; Spargimento di sale antigelo sui viali, sui percorsi pavimentati soggetti ad intemperie, sui scalini, sulle rampe e ove necessario; Sgombero di eventuali resti, rifiuti, foglie, rami o quanto risultasse necessario in 10

11 caso di eventi naturali, anche straordinari (pioggia, vento, temporale, tempesta, grandinata, ecc.); Pulizia annuale generali ed accurate in corrispondenza delle festività per la commemorazione dei defunti, secondo le modalità di cui ai punti precedenti estese a tutte le aree cimiteriali, con particolare cura alla pulizia della Cappella cimiteriale, dove di norma avviene la celebrazione della Messa di commemorazione dei defunti; Eliminazione dei nidi di api o vespe eventualmente presenti, anche se realizzati dallo sciame nelle intercapedini all interno di ossari e/o loculi; I lavori di manutenzione del verde, compresi all interno del canone annuo di concessione, prevedono le seguenti attività: Sfalcio dell erba presente all interno ed all esterno dei Cimiteri e lungo il perimetro dei cimiteri per una fascia di mt. 1.00, (quindi anche la zona antistante e circostante il Cimitero) tramite rasatura e rifinitura dei tappeti erbosi e delle aiuole da eseguirsi a mano o con adeguati mezzi meccanici in modo da mantenere i tappeti erbosi in stato decoroso e comunque al raggiungimento dei 10 cm.; Raccolta e trasporto dell erba rasata in idoneo punto di raccolta e pulizia accurata di tombe, lapidi, vialetti, pavimentazioni, ecc. al termine delle operazioni di sfalcio erba; Pulizia dei vialetti di accesso ai campi comuni, e delle zone a ghiaino, mediante asportazione di erbacce da eseguirsi a mano o con l impiego di appositi disseccanti, concordati con i Comuni Associati e trasporto dei rifiuti negli appositi contenitori; Riporto di ghiaino nei vialetti, nei campi comuni e nelle altre zone a ghiaino e ricarico dello strato di calpestio; Asportazione di erbacce presenti all interno dei campi comuni, tra una lapide e l altra o tra le croci/cippi, ed in prossimità dei Monumenti e sepolcri comunali, da eseguirsi a mano o con l impiego di appositi disseccanti, concordati con i Comuni Associati e trasporto dei relativi rifiuti negli appositi contenitori; Promuovere la manutenzione delle sepolture private di spettanza dei proprietari e tenere in ordine e pulite le tombe ed i sepolcri abbandonati, con eventuale riporto di marmorino bianco per adornare i singoli tumuli e sepolture e sistemazione di croci in legno o altri cippi in corrispondenza dei tumuli stessi; Potatura degli alberi presenti all interno e all esterno dei Cimiteri, tosatura delle siepi, e manutenzione generale delle aiuole e delle zone a verde al fine di mantenere un assetto vegetativo uniforme e decoroso; Eliminazione dei rami sporgenti e pericolosi di eventuali branche secche, con innalzamento dell impalcatura, sempre conservando le caratteristiche naturali dell alberatura; Eliminazione delle edere e/o altre piante rampicanti presenti sui muri di recinzione; Effettuare i trattamenti antiparassitari necessari a tutte le alberature presenti all interno ed all esterno dei Cimiteri; Pulizia accurata di tombe, lapidi, arredi, pavimentazione e quant altro risulti necessario al termine di ogni operazione di rifinitura; Irrigazione di aiuole, siepi, cespugli ed alberi per garantire il buono stato vegetativo delle essenze (da intensificare nel periodo estivo secondo le necessità); Sono altresì compresi, all interno del canone di concessione i seguenti lavori di manutenzione delle aree interne ed esterne al perimetro cimiteriale, legate al verificarsi di condizioni particolari (nuovi campi, eventi naturali avversi, ecc.) : 11

12 Scuotimento di alberature, siepi e cespugli per eliminazione degli accumuli di neve; Qualora sia richiesto dai Comuni Associati: formazione di prato da eseguirsi tramite fresatura o vangatura, rastrellatura, seminagione di idoneo miscuglio, rullatura, fornitura e posa in opera di concimi idonei, irrigazione e/o annaffiatura; Qualora sia richiesto dai Comuni Associati, da effettuarsi con picchetti (od altri tipi di segnalazioni da concordare), dei punti di riferimento all interno dei campi da destinare all inumazione di salme, al fine di garantire il corretto allineamento delle sepolture e le distanze previste dalla normativa in materia, (il tutto in conformità agli elaborati planimetrici forniti dai Comuni Associati); Qualora dovessero verificarsi, a seguito di eventi atmosferici avversi, situazioni di pericolo a causa di rami pericolanti e/o instabilità delle alberature o altro, la Ditta Appaltatrice dovrà garantire l immediata rimozione, ripristino e messa in sicurezza delle alberature, siepi ecc. ART. 11 MANUTENZIONE Alla consegna e alla riconsegna dei cimiteri comunali assegnati, il R.U.P. o il Responsabile del Servizio delegato, alla presenza di un rappresentante nominato dalla ditta aggiudicataria, provvederanno alla sottoscrizione dei rispettivi verbali, nei quali verranno illustrate le condizioni dello stato dei luoghi, specificato lo stato di vetustà e manutenzione, dei siti cimiteriali, dovrà essere allegata adeguata documentazione fotografica. Il Concessionario dovrà assicurare la manutenzione ordinaria dei fabbricati e degli impianti cimiteriali dove per manutenzione ordinaria si intendono le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, anche in funzione degli agenti atmosferici avversi. Detta manutenzione ordinaria serve a garantire il mantenimento nel tempo del funzionamento e degli standard prestazionali di tutti gli impianti e delle strutture dei cimiteri mediante l attuazione di tutti gli interventi necessari (idraulici, di muratura, elettrici, fabbro, ecc.). I lavori di manutenzione devono altresi comprendere (sempre compresi all interno del canone di concessione): Manutenzione degli impianti elettrici dei Cimiteri con assunzione della responsabilità della loro perfetta funzionalità, provvedendo alla tempestiva sostituzione o riparazione di ogni componente che risulti usurato o non funzionante (interruttori, prese, cavi, lampadine, lampade, porta lampade, ecc.) e quant altro costituisca impianto elettrico, sono escluse le prestazioni necessarie per l accadimento di casi fortuiti di forza maggiore (atti vandalici, ecc.); Manutenzione degli impianti idrici dei Cimiteri, con assunzione della responsabilità della loro perfetta funzionalità provvedendo alla tempestiva sostituzione o riparazione di ogni componente che risulti usurata e non funzionante (pompe di sollevamento, condutture, rubinetti, sifoni, sanitari), sono escluse le prestazioni necessarie per l accadimento di casi fortuiti di forza maggiore (atti vandalici, ecc.); Il Concessionario dovrà provvedere alla chiusura della pompa dell acqua presente all esterno dei Cimiteri (fornitrice di acqua nella parte vecchia dei Cimiteri) durante i mesi invernali, al fine di evitare il congelamento dei tubi e della cisterna; Rimozione (anche tramite taglio) delle piastre sulle colonnine riferite ai loculi sotterranei, da eseguirsi al momento della estumulazione della salma; Piccola manutenzione dei monumenti e sepolcri comunali, previ accordi con i Comuni Associati; In caso di piogge od altri eventi che dovessero causare il cedimento e la discesa 12

13 del terreno in corrispondenza di sepolture in terra, la Ditta Concessionaria dovrà provvedere immediatamente al riporto di nuovo terreno ed al ripristino del tumulo in terra; Se da tale cedimento ne è derivato anche lo sprofondamento della lapide in marmo, la Ditta provvederà a proprie spese a sollevare la lapide per riportare sotto il livello di terreno precedente, mentre se la lapide è danneggiata dovrà segnalare all Amministrazione Comunale l accaduto; In occasione di danneggiamenti straordinari, per i quali è richiesto l intervento e la riparazione a cura e spese dei Comuni Associati, il Concessionario dovrà adottare tutte le misure necessarie ad assicurare il tamponamento momentaneo del problema verificatosi, in attesa dell intervento da parte del Comune (transennamenti, segnalazioni, ecc.). In caso di situazioni di pericolo per le persone e/o per gli impianti e/o per le cose che richiedano interventi urgenti di manutenzione straordinaria, la Ditta concessionaria dovrà immediatamente eseguire le opere strettamente necessarie a ripristinare la sicurezza delle persone e/o cose e la funzionalità degli impianti, tramite ricorso a ditta specializzata o personale di documentata professionalità, previo contestuale avviso ai Comuni Associati a mezzo telefax, contenente la descrizione dell inconveniente, le modalità di intervento, i tempi dell esecuzione, la segnalazione della ditta incaricata e la spesa presunta dell intervento. Il Concessionario dovrà provvedere alla segnalazione, ai Comuni Associati, degli interventi di manutenzione straordinaria di competenza dei Comuni Associati, necessari per ripristinare danneggiamenti o rotture avvenute, qualora non ricadenti nella manutenzione ordinaria, di competenza invece della ditta aggiudicataria. Prima dell inizio del periodo contrattuale verrà stilato apposito verbale di consegna lavori. ART. 12 MANUTENZIONI E LAVORI ESEGUITE DA PRIVATI La Ditta dovrà vigilare sui privati e sulle imprese private che interverranno all interno del Cimitero per svolgere operazioni di edilizia su Tombe di Famiglia, posa lapidi, piastre per loculi, ecc. Più specificatamente dovrà verificare che i privati e le imprese private siano in possesso della regolare autorizzazione comunale, segnalando tempestivamente ai Servizi Cimiteriali ogni irregolarità; Il Concessionario dovrà con diligenza e continuità controllare che i privati e le ditte private non danneggino in alcun modo la proprietà comunale o altre tombe o altre sepolture, segnalando tempestivamente ogni irregolarità a proposito, anche riguardo l abbandono di rifiuti o di macerie, rimanendone responsabile al riguardo per le conseguenze di insufficienti o mancati controlli. La Ditta appaltatrice permetterà l ingresso di automezzi all interno dei Cimiteri necessari per portare materiale. ART. 13 MATERIALI ED ATTREZZI Tutte le operazioni di cui al presente capitolato dovranno essere eseguite con idonee attrezzature minime in dotazione (quali escavatori n 2, autocarri n 2 portata minima q.li 30,00, rasaerba n 10, decespugliatori n 10, attre zzi vari, mezzi meccanici per agevolare le sepolture, alzaferetri n 2 altezza mt. 4,00, ca laferetri n 1 profondità mt. 3,00, ecc.) 13

14 fornite dalla Ditta Appaltatrice e nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro nonché dei regolamenti comunali. La Ditta è tenuta a presentare in sede di gara l elenco delle attrezzature minime, macchine e mezzi che utilizzerà per il servizio in argomento, per i cimiteri presenti nei comuni associati di Cordenons, San Giorgio della Richinvelda, San Quirino, Zoppola. Tutte le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria per avere i mezzi e le attrezzature, forniti dalla Ditta appaltatrice, sempre in perfetta efficienza, nonché le tasse di circolazione, assicurazione, carburanti e lubrificanti dei mezzi impiegati saranno a carico della ditta stessa. La ditta non potrà depositare all interno del Cimitero attrezzature e materiali oltre a quelli strettamente necessari per svolgere il servizio e non potrà esercitare prestazioni che non siano connesse con il servizio stesso. Sono a carico della Ditta Appaltatrice, e pertanto intesi all interno del canone di concessione, tutti i costi e oneri relativi all acquisto e fornitura di tutti i generi di consumo o altri materiali, quali detersivi, detergenti, cere per pavimenti, disinfettanti, saponi, carta igienica, salviette asciugamani, strofinacci, spugne, guanti, materiale di consumo necessario per gli esami autoptici, segatura, sale antigelo, pietrisco, ghiaino, marmorino bianco, terra, prodotti chimici disseccanti (autorizzati dal Ministero della Sanità), sementi per i tappeti erbosi, fiori e piante per il rinnovo delle aiuole esistenti, fertilizzanti, prodotti per il trattamento antiparassitario, corteccia, cemento, calce, mattoni, piastre di cemento necessarie per la chiusura dei loculi, vernice, materiale elettrico ed idraulico vario, croci in legno (o altri cippi) per le inumazioni in campo comune (dello stesso tipo e materiale di quelle già presenti nei Cimiteri), targhette contenenti i dati anagrafici del defunto, cesti per i rifiuti, scope, palette, sacchetti e sacchi per i rifiuti, bagnafiori, secchi in plastica e quant altro necessario al perfetto mantenimento in efficienza e decoro di tutti gli spazi cimiteriali. Eventuali sostanze utilizzate per accelerare il processo di scheletrizzazione dei resti mortali saranno acquistate a cura e spese della Ditta Concessionaria, previ accordi con i Comuni Associati. I materiali impiegati devono essere rispondenti alle normative vigenti (ad es. biodegradabilità, dosaggi, avvertenze di pericolosità, ecc.) ed essere utilizzati con le modalità di impiego prescritte dal produttore, evitando che pavimentazione, rivestimenti, infissi, arredi, sanitari ed attrezzature possano essere danneggiati o macchiati. Le sostanze, i prodotti ed i materiali utilizzati devono rispondere ai requisiti di non tossicità e non nocività e non devono inquinare il suolo o le falde idriche. Le attrezzature di proprietà dei Comuni Associati (scale, alzaferetri, cella frigorifero, calaferetri, cestini e ceste porta rifiuti, bagnafiori, scope ecc.) sono messe a disposizione della Ditta Concessionaria, per tutta la durata del contratto. Alla consegna e alla riconsegna delle attrezzature assegnate, il R.U.P. o il Responsabile del Servizio delegato, alla presenza di un rappresentante nominato dalla ditta aggiudicataria, provvederanno alla sottoscrizione dei rispettivi verbali, nei quali verranno elencate le attrezzature consegnata e riconsegnate, specificato lo stato di vetustà e manutenzione, i siti cimiteriali nei quali verrà utilizzata, dovrà essere allegata una fotografia per ogni attrezzatura. L Amministrazione comunale mette altresì a disposizione della Ditta Concessionaria (le fatture relative alla fornitura dei seguenti servizi sono pagate dai Comuni Associati): 14

15 - n. 1 telefono, presso l Ufficio del custode, per le telefonate strettamente collegate all esecuzione del presente capitolato; - acqua ed elettricità necessarie. La Ditta appaltatrice dovrà provvedere alla manutenzione ordinaria delle attrezzature di proprietà dei Comuni Associati, (alzaferetri, calaferetri, scale, celle frigorifero, scale per accedere ai loculi, ecc.) messe a disposizione della Ditta stessa per tutta la durata del contratto, e dovrà assicurarne la pulizia ed il funzionamento. Restano a carico dei Comuni Associati le spese di manutenzione straordinaria delle attrezzature di proprietà comunale. Le piante e gli alberi per nuove alberature e/o sostituzione di alberature secche, saranno fornite a spese dei Comuni Associati, salvo che la causa della moria dell albero non sia imputabile all incuria della Ditta Concessionaria. I Comuni Associati potranno richiedere alla Ditta Appaltatrice la posa in opera e/o l installazione di materiali o altro, acquistati da parte del Comune. ART ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DEL CONCESSIONARIO E fatto obbligo alla Ditta Appaltatrice di adottare, nella esecuzione dei lavori oggetto del presente appalto, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità degli addetti e dei terzi, avendo altresì cura di non causare danni ai beni pubblici e privati. Ogni più ampia responsabilità nel caso di infortuni e danneggiamenti ricadrà pertanto sul Concessionario, restando la stazione appaltante esonerata da ogni responsabilità e onere. Il Concessionario dovrà aver cura di segnalare, transennare opportunamente e coprire completamente con tavolati in legno ogni qualvolta, per la preparazione di una sepoltura, debba provvedere ad aprire gli accessi ai loculi sotterranei (comunali o di Tombe di Famiglia), assumendosi ogni responsabilità ed onere, ed esonerando i Comuni Associati da ogni responsabilità; stesso accorgimento e stessa responsabilità valgono, anche qualora venga scavata e preparata una fossa per l inumazione. Oltre agli oneri di cui sopra il Concessionario assume a proprio carico anche: l obbligo di predisporre le segnalazioni diurne e notturne mediante appositi cartelli, fanali e transennamenti nel caso di interventi su interni ed esterni, nonché gli oneri per l eventuale custodia del cantiere; gli oneri derivanti dall approvvigionamento e custodia di materiali e attrezzature necessarie alla realizzazione dei lavori; il risarcimento di eventuali danni che, in dipendenza delle modalità di esecuzione dei lavori, fossero arrecati a proprietà pubbliche o private nonché a persone fisiche. gli oneri per la certificazione dei materiali posati e delle lavorazioni eseguite ai sensi delle vigenti norme della materia, nonché quanto necessario per rendere i lavori fruibili in sicurezza ai sensi del D.Lgs. n 81/20 08 e D.Lgs. 106/2009 e s.m.i., in modo particolare per quanto attiene la redazione del DUVRI, a carico del concessionario. Nel caso in cui durante lo svolgimento delle proprie attività il Concessionario alteri o danneggi un impianto tecnologico, l eventuale riparazione sarà a carico del Concessionario, così come le spese di collaudo e di predisposizione della dichiarazione di conformità dell impianto a regola d arte. 15

16 Sono altresì a carico del Concessionario tutti gli oneri relativi alla raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti provenienti dalle attività rientranti nel presente capitolato, fermo restando il conferimento al servizio pubblico di gestione dei rifiuti urbani (utilizzando gli appositi contenitori installati dai Comuni). Il Concessionario s impegna inoltre: ad indicare ai Comuni Associati la propria sede operativa, numero di telefono, fax, cui i Servizi Comunali competenti potranno fare riferimento per le comunicazioni. Unitamente alla sede operativa, la Ditta si impegna a designare un coordinatore a cui fare riferimento ed a comunicarne il nominativo ai Servizi Cimiteriali; assicurare una reperibilità telefonica nell arco delle 24 ore per tutta la durata del contratto (con comunicazione al R.U.P. o al Responsabile dei Servizi Cimiteriali delegato, ed esposizione nelle bacheche cimiteriali dei recapiti telefonici) e garantire un tempestivo intervento (entro un ora dalla chiamata) presso i Cimiteri qualora sia necessario (arrivo salma per l osservazione, riscontro diagnostico, interventi di manutenzione urgenti, ecc.); la reperibilità deve essere garantita da personale incaricato dalla Ditta appaltatrice e non dovrà essere svolta tramite risponditori automatici e/o fax; a segnalare ai Comuni Associati eventuali esigenze di interventi di pulizia e manutenzione straordinaria delle strutture e del verde laddove ciò sia necessario per il decoro e la sicurezza del Cimitero; a rendersi disponibile a coordinare l erogazione dei propri servizi con la ditta appaltatrice del servizio di illuminazione votiva; a rendersi disponibile a coordinare l erogazione dei propri servizi con gli altri fornitori dei Comuni Associati che dovessero prestare servizi o beni all interno o all esterno dei Cimiteri; a prestare la massima collaborazione con il personale delle Ditte di Onoranze funebri presenti nei Cimiteri per l espletamento dei loro servizi; E fatto divieto al Concessionario di adibire i locali dei Cimiteri a mostre di materiale funerario. I Comuni Associati, tramite propri incaricati, si riserva il diritto di accedere, in qualunque momento, ai locali del Cimitero per controllarne lo stato di manutenzione, pulizia e il buon adempimento di quanto previsto nel presente capitolato. ART. 15 COMPENSO E PAGAMENTO Per l espletamento di tutti i servizi e le forniture richiesti dal presente capitolato e descritti sinteticamente all art. 1, viene corrisposto dai Comuni Associati alla Ditta appaltatrice un compenso forfetario del servizio della durata di anni cinque, dal al L importo complessivo stimato dei servizi, pari a ,00 (di cui 1.300,00 oneri di sicurezza per la redazione del DUVRI) per il comune Cordenons i.v.a. esclusa, pari ,00 (di cui 1.000,00 oneri di sicurezza per la redazione del DUVRI) per il comune di Zoppola i.v.a. esclusa, è pari a ,00 (di cui 800,00 oneri di sicurezza per la redazione del DUVRI) per il comune di San Quirino i.v.a. esclusa, pari a ,00 (di cui 1.000,00 oneri di sicurezza per la redazione del DUVRI) per il comune di San Giorgio della Richinvelda i.v.a. esclusa per un totale primo annuo di ,33 compresi oneri sicurezza per la redazione del DUVRI pari a i.v.a. esclusa, per complessivi 16

17 ,33 (esclusi 4.100,00 oneri di sicurezza per la redazione del DUVRI non soggetti a ribasso, non è altresì soggetto a ribasso il costo del personale valutato nella misura del 70% a termini dello art. 81comma 3 bis del D.Lgs: n. 166/206 e sm.i. pari a ,33), i.v.a. esclusa. Con tale corrispettivo, il concessionario s intende compensato di qualsiasi suo avere o pretendere dai Comuni Associati per i servizi di che trattasi o connessi o conseguenti ai servizi medesimi, senza diritto ad altri o maggiori compensi o indennizzi di sorta, in tutto essendo soddisfatto dal Comune con il corrispettivo convenuto. I pagamenti del canone annuo verranno corrisposti posticipatamente in rate semestrali. Su richiesta della ditta appaltatrice, il pagamento potrà essere fatto, sempre in via posticipata, ogni mese, nel rispetto delle modalità di cui al D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. I pagamenti delle eventuali somme spettanti per esumazioni ed estumulazioni indicate all art. 8, lett. a) e b), verranno effettuati, ogni qualvolta si presenti la necessità, ed entro 30 gg. dalla presentazione di regolare fattura, nel rispetto delle modalità di cui al D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. ART DOMICILIO DEL CONCESSIONARIO Per tutti gli effetti del presente contratto, il concessionario elegge domicilio nel Comune di in Via n., telefono, fax ; ART. 17 OSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI Il Concessionario, nell esecuzione delle operazioni di cui al presente appalto, è tenuto all osservanza piena e incondizionata di tutti i fatti e le condizioni riportate nel presente capitolato, ed in tutta la documentazione di gara. Per quanto non indicato nei suddetti documenti, si farà riferimento alla normativa nazionale e locale in materia di appalti pubblici, nonché a quella in materia di sicurezza e contabilità. La Ditta dovrà osservare scrupolosamente il Testo Unico delle Leggi sanitarie approvato con R.D n. 1265, il Regolamento di Polizia Mortuaria e Cimiteriale approvato con D.P.R , n. 285 e s.m.i., il vigente Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria dei comuni di Cordenons, San Giorgio della Richinvelda, San Quirino e Zoppola, le diverse circolari emesse in materia e tutte le modificazioni che in futuro dovessero venire emanate in materia, nonché ogni altra disposizione che l Amministrazione o l Autorità Sanitaria ritenesse emanare nel corso di validità del presente capitolato ai fini del miglioramento del servizio. Dovrà altresì attenersi scrupolosamente alle disposizioni contenute nel Decreto Legislativo 81/2008 e 106/2009 e s.m.i. normative in materia di sicurezza nei luoghi di lavori, del Decreto Legislativo 03 aprile 2006, n. 152 e sue succ. modif. normative in materia di smaltimento di rifiuti, che dovesse venire emanata nel corso della durata del contratto. Il Concessionario è tenuto ad osservare integralmente il trattamento economico previsto nei contratti collettivi nazionali e territoriali in vigore per il settore e per la zona nelle quali si svolgono i lavori. 17

18 ART. 18 SEGRETO D UFFICIO La Ditta appaltatrice è tenuta, in solido con i propri dipendenti, obbligandosi a renderne edotti gli stessi, all osservanza del segreto su tutto ciò che per ragioni di servizio verrà a conoscere in relazione ad atti, documenti, fatti e notizie in genere, riguardanti i comuni associati di Cordenons, San Giorgio della Richinvelda,San Quirino, Zoppola, e/o dati personali dei defunti e/o dei loro familiari. La Ditta dovrà rispettare scrupolosamente le disposizioni contenute nel Codice in materia di protezione dei dati personali, approvato con D.Lgs. n. 196 del , per la parte di competenza. ART. 19 OSSERVANZA DEI CONTRATTI DI LAVORO La Ditta appaltatrice deve assicurare il servizio con proprio personale sufficiente. Il personale deve essere sottoposto alle vaccinazioni obbligatorie a norma di legge. La ditta si obbliga ad osservare ed applicare integralmente le norme contenute nel contratto collettivo di lavoro per i dipendenti delle imprese del Settore e negli accordi integrativi delle stesse, in vigore nelle località e per il tempo in cui si svolge il contratto, anche dopo la scadenza dei contratti nazionali collettivi e degli accordi locali fino alla loro sostituzione, anche se la ditta appaltatrice non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse e indipendentemente dalla natura industriale o artigiana, dalla struttura e dimensione della ditta stessa e da ogni altra sua giustificazione giuridica economica e sindacale. In caso d'inottemperanza accertata dai Comuni Associati o ad essa segnalata dall'ispettorato del Lavoro, INPS o INAIL, i Comuni Associati potranno provvedere direttamente impiegando le somme della cauzione senza che l impresa possa opporre ulteriori oneri per i Comuni Associati. In caso di agitazioni o scioperi indetti dalle organizzazioni rappresentative della categoria, ed in qualunque altro caso di astensione dalle prestazioni lavorative da parte dei propri dipendenti, l impresa appaltatrice dovrà comunque garantire l esecuzione degli interventi previsti dagli artt. 3 e 4 del presente capitolato. ART OBBLIGHI ASSICURATIVI Tutti gli obblighi assicurativi e ali oneri assicurativi, assistenziali e previdenziali e contro gli infortuni sul lavoro sono a carico della ditta appaltatrice, la quale ne è la sola responsabile, anche in deroga alle norme che disponessero l'obbligo del pagamento o l'onere a carico dei Comuni Associati o in solido con i Comuni Associati, con esclusione di ogni diritto di rivalsa nei confronti dei Comuni medesimi, e di ogni indennizzo. ART. 21- RESPONSABILITA' La ditta appaltatrice è direttamente responsabile verso i Comuni Associati e i terzi del servizio avuto in appalto con l'organizzazione dei mezzi necessari e con la gestione a proprio rischio. La Ditta si obbliga a provvedere, a cura e a carico proprio e sotto la propria responsabilità a tutte le spese occorrenti, per garantire, in ossequio al decreto legislativo n. 81/2008, la completa sicurezza durante l esercizio dei lavori e l incolumità delle persone o cose, assumendo a proprio carico tutte le opere provvisionali ed esonerando di conseguenza le 18

19 Amministrazioni Comunali da ogni qualsiasi responsabilità. La Ditta aggiudicataria dovrà, all atto della consegna dei lavori, dichiarare sotto la propria responsabilità di essere in regola con la normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riguardo al D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 e successive modifiche ed integrazioni. ART INFORTUNI E DANNI L'impresa appaltatrice risponde direttamente dei danni alle persone e alle cose provocati nello svolgimento del servizio, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritti a rivalsa o a compensi da parte del Comune, salvi gli interventi a favore dell'impresa da parte di società assicuratrici. I Comuni Associati declinano ogni responsabilità civile e penale per incidenti alle persone o cose, che dovessero venire provocati dalla ditta appaltatrice del servizio nel corso della durata del contratto. ART CONTROVERSIE Qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra i Comuni Associati e l impresa appaltatrice durante l esecuzione del contratto, qualunque ne sia la natura o la causa, sarà di competenza del Tribunale di Pordenone ART DIVIETO DI CESSIONE E DI SUBCESSIONE È vietata qualsiasi cessione dei contratti non autorizzata dalla stazione appaltante come di qualsiasi atto diretto a nasconderla, facendo sorgere alle amministrazioni comunali il diritto a sciogliere il contratto, senza il ricorso ad atti giudiziari ed effettuare l esecuzione in danno, con rivalsa sul deposito cauzionale definitivo. ART DECADENZA E REVOCA Il concessionario decade dalla concessione nei seguenti casi: a) inosservanza dei divieti di cessione o di sub-cessione sanciti dal precedente art. 24 del presente capitolato; b) mancata integrazione della cauzione, di cui Comuni Associati abbiano deciso di valersi, in tutto o in parte, durante l'esecuzione della concessione, a norma dell'art. 29 del presente atto; c) gravi inadempienze al presente appalto; d) reiterate gravi inadempienze alle norme del Regolamento Nazionale e Comunale di Polizia Mortuaria e del presente capitolato, oggetto di specifico richiamo, e/o per un massimo di tre specifici richiami; Le Amministrazioni Comunali si riservano la facoltà di ricorrere alla risoluzione del contratto di concessione, qualora anche una sola parte dei servizi richiesti sia svolta senza la necessaria diligenza e comunque in maniera da causare problemi nel funzionamento dei servizi. La revoca, con conseguente risoluzione della concessione, può venire disposta anche quando la concessione del servizio non corrisponde più al pubblico interesse e le Amministrazioni non intendano più avvalersi dell'impresa privata per la gestione del servizio. In tutti i casi si risoluzione della concessione sopra previsti, l'infrazione deve 19

20 essere contestata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento al concessionario, con assegnazione di un termine non inferiore a 15 giorni per la presentazione di eventuali controdeduzioni. ART PENALITA' Le inadempienze verranno contestate per iscritto e trasmesse, anche via fax, dai Comuni alla ditta aggiudicataria che dovrà dare riscontro per iscritto, anche tramite fax, entro il giorno feriale successivo alla comunicazione ricevuta, segnalando altresì quanto ritiene opportuno per chiarire il fatto contestato. Qualora non giunga il suddetto riscontro e/o qualora non dovessero essere ritenute motivate dai Comuni Associati le giustificazioni addotte, si procederà all applicazione delle penali previste, anche in funzione della gravità dell inadempienza. Le Amministrazioni Comunali applicheranno le seguenti penali pecuniarie: - per errata esecuzione delle opere, nella misura variabile da un minimo di 100,00 (euro cento//00) ad un massimo di 500,00 (euro cinquecento//00) a seconda della gravità dell infrazione; - per mancata effettuazione delle prestazioni richieste o eventuale ritardo nell espletamento dei servizi richiesti, nella misura variabile da un minimo di 200,00 (euro duecento//00) ad un massimo di 1.000,00 (euro mille//00) a seconda della gravità dell infrazione; Le penali, sopra individuate, verranno applicate con riferimento ad ogni singola contestazione effettuata. L ammontare delle spese di assistenza e delle penali verranno detratti dai compensi dovuti all Impresa. Per qualsiasi danno arrecato ai patrimoni comunali, le Amministrazioni si rivarranno sulla cauzione versata dalla Ditta in fase contrattuale. ART SPESE A CARICO DELLA DITTA APPALTATRICE Sono a carico della ditta appaltatrice tutte le spese inerenti e conseguenti al contratto, nessuna esclusa. La ditta appaltatrice assume altresì a proprio carico tutte le eventuali imposte e tasse inerenti all'espletamento dei servizi, con rinuncia al diritto di rivalsa comunque derivategli nei confronti dei Comuni Associati. ART. 28 POLIZZA ASSICURATIVA La Ditta Concessionaria è tenuta a stipulare una polizza assicurativa per l intera durata del contratto, a copertura del rischio da responsabilità civile della medesima in ordine allo svolgimento di tutte le attività di cui al contratto ed al presente capitolato. In particolare detta polizza tiene indenne la Stazione Appaltante, ivi compresi i loro dipendenti e collaboratori, nonché i terzi, per qualsiasi danno che il Concessionario possa arrecare alla Stazione Appaltante, ai suoi dipendenti e collaboratori, nonché ai terzi, nell esecuzione di tutte le attività di cui al contratto d appalto ed al capitolato, anche con riferimento ai relativi prodotti e/o servizi, inclusi i danni da inquinamento, intossicazione, ecc.. A tal fine l impresa risultata aggiudicataria, prima della stipula del contratto, dovrà essere in possesso di una adeguata polizza assicurativa RCT avente i seguenti massimali minimi: ,00 (tremilioni//00) per danni a singola persona, ,00 (duemilione//00) per danni a cose, opere e impianti. 20

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli