IL CATALOGO DEI BENI CULTURALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CATALOGO DEI BENI CULTURALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA"

Transcript

1 14 APPROFONDIMENTI IL CATALOGO DEI BENI CULTURALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Franca Merluzzi Criteri e finalità Il Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia promuove iniziative volte ad approfondire e diffondere la conoscenza del patrimonio culturale della regione. Nel settore della catalogazione ha adottato gli standard di riferimento modelli di schede e relative norme di compilazione elaborati dall Istituto centrale per il catalogo e la documentazione (ICCD). L Istituto (www.iccd.beniculturali.it) che fa capo al Ministero per i beni e le attività culturali (MiBAC), definisce in accordo con le regioni, la metodologia e gli strumenti per la catalogazione e la documentazione del patrimonio archeologico, architettonico, storico artistico ed etnoantropologico nazionale. In base all attuale normativa è attività esclusiva dello Stato - attraverso l ICCD - la tenuta del catalogo generale dei beni organizzato con un principio fondamentale: l assegnazione del codice univoco nazionale a ciascun bene individuato. È un operazione complessa per la quantità dei flussi di schede provenienti da tutte le regioni ma anche per il concetto stesso di bene culturale che si evolve, si espande e si accresce nel tempo. L attività di catalogazione - il processo di documentazione e di registrazione dei dati - può essere svolta dalle regioni e da altri enti pubblici territoriali, come previsto dall art. 17 del Codice dei beni culturali e del paesaggio 1 : Il Ministero, con il concorso delle regioni e degli altri enti pubblici territoriali, assicura la catalogazione dei beni culturali e coordina le relative attività. Le procedure e le modalità di catalogazione sono stabilite con decreto ministeriale. A tal fine il Ministero, con il concorso delle regioni, individua e definisce metodologie comuni di raccolta, scambio, accesso ed elaborazione dei dati a livello nazionale e di integrazione in rete delle banche dati dello Stato, delle regioni e degli altri enti pubblici territoriali. [..]. Con la legge 27 del 1971 l amministrazione regionale stabilì di procedere alla catalogazione sistematica del patrimonio culturale ed ambientale del Friuli Venezia Giulia e a istituire il relativo inventario, nonché a promuovere ed effettuare il restauro di tale patrimonio. Si diede così avvio alla ricognizione, comune per comune, allo scopo di accertare la consistenza e il valore del medesimo patrimonio; di favorirne la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione, di facilitarne la predisposizione da parte delle competenti pubbliche amministrazioni di organici piani di ricerca, di conservazione e di restauro 2. Grazie alle campagne catalografiche che si sono susseguite il Centro ha formato un ricco catalogo dei beni culturali presenti sul territorio regionale e lo ha reso consultabile attraverso Internet. La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia è stata una delle prime in Italia a dotarsi di un catalogo on line corredato di immagini, dati e informazioni su vari temi come si può vedere accedendo dal portale Dagli archivi cartacei alla banca dati on line Fino a metà degli anni Novanta, le schede dattiloscritte vennero redatte su modelli predisposti su carta che assolvevano a una doppia funzione: di documento informativo e di contenitore della documentazione fotogra-

2 IL CATALOGO DEI BENI CULTURALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 15 fica, realizzata in bianco e nero. Il Centro si indirizzò progressivamente verso nuove modalità operative procedendo all informatizzazione dei dati contenuti nelle schede acquisite (80.000) e alla digitalizzazione delle relative immagini. Questo lavoro consentì nel 1999 di pubblicare la banca dati - ovvero il catalogo dei beni culturali - nel sito Internet appositamente creato. Dal 2005 tutti i dati alfanumerici e iconografici raccolti dal Centro sono a disposizione nel SIRPAC, il Sistema informativo regionale del patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia che permette l acquisizione, la gestione e la visualizzazione delle diverse tipologie di schede. L archivio fotografico del Centro, con le sue oltre immagini, sta assumendo una valenza storica propria oltre che di documentazione opera per opera nell arco di oltre un trentennio. Dal 2001 l apparato fotografico a corredo della schedatura viene realizzato esclusivamente in formato digitale e l adozione delle nuove tecniche ha previsto l archiviazione dell analogico (negativi, stampe, dal 1995 anche Pietro Oretti, Decorazione ad affresco, inizi sec. XVIII, Passariano, Villa Manin

3 16 APPROFONDIMENTI La catalogazione dei beni culturali è un processo di conoscenza Prevede l identificazione, la classificazione, la descrizione e la raccolta dei dati relativi a ciascun bene. positivi) e la creazione di una banca dati per la conservazione e la gestione dei file ad alta risoluzione. La semplificazione delle procedure consente di incrementare i corredi iconografici, strumenti considerati di fondamentale importanza sia per identificare il bene, sia per agevolare gli approfondimenti specialistici che richiedono una buona qualità delle visioni d insieme e di dettaglio. La scheda di catalogo è la carta d identità del bene culturale I dati sono inseriti all interno di una scheda corredata da una o più immagini. Tipologie dei beni catalogati Beni storico artistici: opere d arte, opere d arte contemporanea, oreficeria, manufatti tessili, fotografie, disegni, stampe, matrici, armi, audiovisivi; Beni urbanistico architettonici: edifici, insediamenti storici, archeologia industriale, locali storici, parchi e giardini; Beni archeologici: reperti archeologici, numismatica, siti archeologici; Beni etnoantropologici: beni materiali, beni immateriali; Beni archivistici; Beni scientifici e tecnologici. La struttura delle schede La struttura delle schede e le relative norme di compilazione vengono stabilite dall Istituto centrale per il catalogo e la documentazione (ICCD) in accordo con le Regioni. SIRPAC, il Sistema informativo regionale del patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia SIRPAC, il Sistema informativo regionale del patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia è uno strumento di lavoro e di consultazione interamente Web based: consente la compilazione delle schede via Internet e l accesso ai dati attraverso È un sistema che ha aperto nuove prospettive di sviluppo della banca dati che attualmente contiene oltre schede. L universo dei beni documentati è ampio, differenziato e in continua crescita; come nelle definizioni del Codice, sono beni mobili e immobili, materiali e immateriali che vengono presentati suddivisi per tipologie. Nel SIRPAC possiamo consultare schede inerenti beni storico artistici, numismatici, reperti e siti archeologici, architetture, parchi e giardini storici, pitture e sculture, fotografie e stampe, strumentazioni scientifiche, ma anche espressioni dell arte contemporanea, audiovisivi, attrezzi dei vecchi mestieri e ascoltare testimonianze orali che ne rievocano saperi e abilità, esperienze migratorie registrate in regione e all estero. In occasione di progetti catalografici privi di uno standard nazionale, il Centro ha predisposto direttamente nuovi modelli di schede, con campi strutturati come nei tracciati dell ICCD. Così è avvenuto per le schede, elaborate assieme alle Mediateche regionali, dedicate agli audiovisivi, per i tracciati informatici studiati in occasione del Censimento regionale dei locali storici (farmacie e pubblici esercizi tra cui osterie e locande tipiche) e del Primo censimento dell archeologia industriale del Friuli Venezia Giulia nonché per la scheda denominata EMI nella quale confluiscono i dati biografici degli emigranti intervistati all interno dell Archivio multimediale della memoria dell emigrazione regionale - AMMER. La creazione del SIRPAC ha costituito la prerogativa indispensabile per la stipula, nel 2005, del Protocollo d intesa tra il Ministero per i Beni e le Attività culturali e la Regione Friuli Venezia Giulia per il Sistema informativo regionale del patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia. Tale accordo ha individuato nel SIRPAC il punto di riferimento unitario in ambito regionale per le attività di catalogazione del patrimonio culturale svolte dagli enti, dalle università e da tutte le altre istituzioni impegnate nel settore. La principale novità introdotta da questo documento è costituita dall unificazione delle azioni catalografiche: ciò comporta l utilizzo condiviso degli standard catalografici e delle metodologie compilative basate sulla normativa nazionale e il suo costante aggiornamento. La catalogazione partecipata in rete In questi ultimi anni il Centro ha intensificato la collaborazione con enti pubblici e privati, attraverso progetti realizzati con le modalità della catalogazione partecipata. L adozione di procedure comuni garantisce l uniformità delle informazioni acquisite da parte di tutti gli aderenti al sistema che utilizzano per la compilazione delle schede gli strumenti di supporto: vocabolari controllati, liste di ricorrenze e archivi a gestione unica (authority file: elenchi d autorità relativi ad Autori, Editori, Fotografi, Bibliografia, Stemmi, Emblemi e Marchi). La normalizzazione dei dati costituisce un attività che richiede un attenzione costante. Il Centro fornisce assistenza durante lo svolgimento dell intero processo catalografico, dalla formazione dei catalogatori, alle campagne fotografiche, alla verifica e alla pubblicazione in Internet dei risultati. Elabora d intesa con il partner del progetto la presentazione in rete e predispone percorsi agevo-

4 IL CATALOGO DEI BENI CULTURALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 17 lati di ricerca dedicati a temi, autori, nuclei di opere, collabora alle fasi successive di divulgazione e di approfondimento. Promossi sulla base di un interesse reciproco, i progetti di catalogazione partecipata richiedono un apporto diretto, di risorse e di competenze diversificate, dei soggetti che aderiscono al Sistema e operano in sintonia con il Centro. Importanti risultano i piani catalografici pluriennali di inventariazione e documentazione delle collezioni museali, degli archivi e dei fondi fotografici: per agevolarne la consultazione sono stati predisposti i sottoinsiemi SIRM - Sistema informativo regionale musei e collezioni (www.sirm-fvg.org) e SIRFOST - Sistema informativo regionale fotografie e stampe (www.sirfost-fvg.org). Spesso, i referenti scientifici sono i direttori e i curatori di musei e di gallerie, i funzionari delle Soprintendenze, i docenti universitari, gli specialisti dei settori scelti di comune accordo. L attività viene svolta anche nell ambito di stages, durante o dopo i corsi di laurea e di specializzazione: spesso i giovani studiosi traducono in linguaggio catalografico i risultati delle ricerche effettuate per le loro tesi. La conoscenza e la tutela La catalogazione ha come finalità, in base al Codice dei beni culturali e del paesaggio, la tutela ma la conoscenza sistematica diventa anche uno dei presupposti per le iniziative di valorizzazione e di gestione del patrimonio culturale. Non è propriamente nessuna di queste azioni, ma è l interfaccia indispensabile per molteplici attività collegate tra loro. 3 L accordo del 2001 tra il Ministero per i beni e le attività culturali e le regioni italiane 4 ne sintetizza in modo efficace l importanza: La catalogazione costituisce lo strumento conoscitivo basilare per il corretto ed efficace espletamento delle funzioni legate alla gestione del territorio ai fini del conseguimento dei reali obiettivi di tutela ed è strumento essenziale di supporto per la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobile e mobile nel territorio e nel museo, nonché per la promozione e la realizzazione delle attività di carattere didattico, divulgativo e di ricerca. Il SIRPAC offre un servizio per le finalità istituzionali dei soggetti che concorrono all attività partecipata e per tutti gli utenti: cittadini, specialisti, operatori culturali, amministratori, insegnanti, mettendo in rete informazioni, schede, materiali, percorsi tematici dedicati al patrimonio diffuso sul territorio. Con la numerazione concertata assieme all Istituto centrale per il catalogo e la documentazione e alle Soprintendenze territoriali, le schede del SIRPAC potranno confluire nel Catalogo Unico Nazionale. In questo modo la nostra Regione contribuirà al suo incremento dando attuazione a quanto previsto dal già citato articolo 17 del Codice dei beni culturali e del paesaggio. SIRPAC Sistema informativo regionale del patrimonio culturale I sottoinsiemi SIRM - Sistema informativo regionale musei e collezioni. SIRFOST - Sistema informativo regionale fotografie e stampe. SIRDOC - Sistema informativo re - gionale documentazione. SITBEC - Sistema informativo regionale territoriale beni culturali. SIRAV - Sistema informativo regionale audiovisivi. SIRBE - Sistema informativo regionale beni ecclesiastici (in corso di predisposizione). SIRPAC Sistema informativo regionale del patrimonio culturale Si può accedere anche attraverso Schede dei beni catalogati storico artistici urbanisticoarchitettonici archeologici etnoantropologici archivistici scientifici e tecnologici 214 censimenti 712 liste di autorità Rilevamento 3 agosto Decreto legislativo 22 gennaio 2004, n Legge regionale 21 luglio 1971, n. 27, art. 1 Ad integrazione della tutela esercitata dallo Stato, a norma dell articolo 9 della Costituzione e delle vigenti leggi sulla protezione delle cose d interesse storico-artistico e delle bellezze naturali, l Amministrazione regionale è autorizzata a procedere alla catalogazione sistematica del patrimonio culturale ed ambientale del Friuli Venezia Giulia e a istituire il relativo inventario, nonché a promuovere ed effettuare il restauro di tale patrimonio. 3 La Costituzione della Repubblica Italiana, all art. 117, assegna allo Stato la legislazione esclusiva in materia di [ ] tutela dell ambiente, dell ecosistema e dei beni culturali, mentre rientra nella legislazione concorrente la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, la promozione e l organizzazione di attività culturali. Per esplicare le funzioni il Codice dei beni culturali e del paesaggio prevede la cooperazione tra soggetti. 4 Accordo tra il Ministero per i beni e le attività culturali e le regioni per la catalogazione dei beni culturali di cui all art 149, comma 4, lettera e) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 (1 febbraio 2001).

5 18 APPROFONDIMENTI LA CATALOGAZIONE DEI BENI MONETALI REGIONALI Lorenzo Passera Oggetti e soggetti coinvolti La catalogazione dei reperti numismatici regionali, in cui il Centro regionale di catalogazione e restauro è impegnato sin dalla sua istituzione, risulta oggi il principale riferimento per lo studio del patrimonio numismatico friulano. Accanto ai manufatti archeologici (registrati secondo il tracciato ministeriale RA - Reperti archeologici), nel Sistema informativo regionale del patrimonio culturale (SIRPAC) sono presenti attualmente circa 7500 schede NU - Beni numismatici pertinenti a monete da collezione e ritrovamento conservate presso i musei del territorio. Nei progetti catalografici sono coinvolti diversi Enti i cui interessi convergono per la conoscenza complessiva dei dati numismatici: la Soprintendenza regionale per i beni archeologici e le Università di Udine e di Trieste dedicano particolare cura alla raccolta delle informazioni in modo da fornire agli studiosi del settore, attraverso il database, uno strumento informatico agile per la ricerca. Le principali collezioni monetali oggetto di indagine sono quelle del Museo archeologico nazionale di Cividale del Friuli, del Civico museo di storia ed arte di Trieste, dei Musei provinciali di Gorizia, del Gabinetto numismatico dei Civici musei di Udine e del Museo diocesano d arte sacra e gallerie del Tiepolo. I dati raccolti e schedati non sono tuttavia circoscritti solo alle monete, bensì comprendono anche i beni paramonetali (medaglie, sigilli, timbri ) che, purtroppo troppo spesso, non ricevono le adeguate attenzioni e la cui consistenza appare decisamente importante soprattutto in alcune realtà museali. Tra queste vanno certamente ricordati il Museo d arte della medaglia di Buja e il Museo petrarchesco piccolomineo presso la Biblioteca civica di Trieste Attilio Hortis. Zecca di Siscia, Antoniniano dell'imperatore Probo ( d.c.), Trieste, Civico museo di storia ed arte. Progetti per lo studio numismatico delle collezioni museali e dei reperti da scavo Il Progetto Numismatica TS, avviato dal Centro regionale con la cattedra di Numismatica dell Università degli Studi di Trieste, promuove con sistematicità campagne di schedatura numismatica. Il materiale oggetto di analisi è costituito da esemplari numismatici e paranumismatici conservati in realtà museali della città di Trieste ed in particolar modo l attenzione si è concentrata sul ricchissimo medagliere del Civico museo di storia ed arte di Trieste, Orto lapidario e Lapidario tergestino, sito presso la Cattedrale di San Giusto. Vi si conserva una raccolta numismatica composta da donazioni ed acquisizioni monetali di notevole interesse che vennero riunite da autorevoli personalità scientifiche che hanno diretto l Istituzione negli ultimi due secoli scorsi, tra cui ricordiamo su tutti Pietro Kandler, Carlo Kunz ed Alberto Puschi. Il periodo storico su cui si è concentrata la schedatura ha rispettato prevalentemente il criterio cronologico (a partire dai materiali di età romana) ma in qualche caso sono stati privilegiati alcuni nuclei numismatici particolarmente importanti, come ad esempio i denari episcopali di Trieste del XIII secolo 1. Nel SIRPAC è presente anche una nutrita selezione di calchi monetali, sigilli e medaglie in bronzo e piombo che sono conservati, sempre a Trieste, al Museo petrarchesco piccolomineo. Particolarmente interessanti risultano alcuni esemplari provenienti dalla collezione di Domenico Rossetti 2, con calchi in gesso di monete cosiddette grosse emesse dalla zecca di Roma in età medievale 3 ed alcune medaglie petrarchesche di ambito padovano che sono presumibilmente da ritenersi contraffazioni della seconda metà dell Ottocento sul tipo di quelle già citate da Luigi Rizzoli e conservate al Museo Bottacin di Padova 4.

6 LA CATALOGAZIONE DEI BENI MONETALI REGIONALI 19 La più fattiva sinergia collaborativa tra Centro regionale, Università e Soprintendenza si concretizza in un percorso di ricerca dei dati monetali atto alla catalogazione integrale del patrimonio numismatico del Friuli Venezia Giulia 5. In questo senso risultano fondamentali le immissioni nel SIRPAC di schede di materiali direttamente provenienti da recenti e recentissime ricerche sul territorio. I saggi archeologici in Comune di Ruda (UD), in località La Fredda hanno portato alla luce, oltre a manufatti di notevole interesse, anche numerose monete 6. Ben 400 esemplari monetali, oggi depositati provvisoriamente presso la sede della Soprintendenza regionale per i beni archeologici di Trieste, sono invece stati raccolti negli scavi archeologici presso l ipogeo della Grotta del Mitreo a Duino Aurisina (TS). Le due campagne di schedatura numismatica (Ruda e Grotta del Mitreo) rendono ancora più evidente quanto sia importante ed agevole l immediata fruibilità dei dati immessi nel SIRPAC. Accanto ai nuovi inserimenti si rende sempre più indispensabile recuperare anche il patrimonio catalografico antecedente: informatizzare e rendere accessibili notizie già edite e note attraverso la trascrizione e la revisione di schede numismatiche cartacee (con l inevitabile aggiornamento bibliografico o di contesto) appare l unica soluzione per raccogliere in maniera ordinata e ragionata i dati regionali numismatici ed archeologici così da offrire all utenza un database che sia anche uno strumento di lavoro indispensabile. 1 Si tratta di una piccola porzione delle emissioni triestine comprese nella raccolta del Museo civico ma sufficienti ad esemplificare pienamente la qualità e l interesse della collezione medievale, su cui cfr. G. BERNARDI, Il duecento a Trieste. Le Monete, Trieste 1995, in part. alle pp La collezione venne ricevuta in legato da Rossetti nel 1842; cfr. F. NODARI, La sezione iconografica della raccolta petrarchesca piccolominea della Biblioteca civica "A. Hortis" di Trieste, in Le collezioni del Museo petrarchesco piccolomineo nella Biblioteca "A. Hortis" di Trieste, a c. di A. SIRUGO, Firenze 2005, pp F. NODARI, La sezione iconografica cit. nella nota precedente. 4 L. RIZZOLI, Le piu antiche medaglie del Petrarca, Padova L attenzione è focalizzata in particolare sui rinvenimenti compresi tra l età preromana e l età carolingia. Il progetto mira alla pubblicazione dei ritrovamenti monetali regionali in una collana editoriale di cui ed è stato da poco presentato il primo volume dedicato alle province di Gorizia e Trieste; v. B. CALLEGHER, Ritrovamenti monetali di età romana nel Friuli Venezia Giulia. III-IV, Province di Gorizia e Trieste, Trieste Per una maggiore contestualizzazione e rimandi precisi sul sito archeologico si veda in SIRPAC la scheda di sito SI 243. Zecca di Lugdunum, Antoniniano dell'imperatore Probo ( d.c.),trieste, Civico museo di storia ed arte.

7 20 APPROFONDIMENTI SCULTURE ROMANE A BUTTRIO Valeria Cipollone Il parco della storica villa di Toppo-Florio, teatro della raccolta di sculture aquileiesi di Francesco di Toppo Il progetto di catalogazione della scultura antica del Friuli Venezia Giulia vede impegnati, dal 2008, il Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia e l Università di Trieste 1 nel censimento dei materiali lapidei di età romana presenti nella regione, un progetto che ha portato - nel corso di tre campagne alla schedatura di oltre millecinquecento pezzi tra rilievi, monumenti funerari e decorazioni architettoniche. Fra i contesti che a tutt oggi risultano quasi interamente documentati nell ambito di questa impresa, si segnala la collezione conservata nella villa di Toppo-Florio a Buttrio (UD), una delle più importanti raccolte di materiali lapidei esistente in regione al di fuori di strutture museali pubbliche 2. Il conte udinese Francesco di Toppo ( ) si dedicò in età matura ad incrementare la raccolta di oggetti antichi iniziata dal padre Nicolò 3. Si trattava di reperti di vario genere (sculture, iscrizioni, vetri, ambre, monete, medaglie, ecc.), che i coloni pescavano prevalentemente nei terreni di proprietà della famiglia ad Aquileia, e che andavano ad arricchire la dimora di Udine, la residenza di campagna di Campolongo e, per quanto riguardava i reperti lapidei, soprattutto la villa di Buttrio. Qui, nella seconda metà dell Ottocento, si trovavano diverse centinaia di sculture, epigrafi e frammenti antichi, in parte inseriti nelle murature esterne dell edificio ma, per lo più, disseminati all interno del parco della villa, in un allestimento di tipo scenografico e rovinistico progettato da Giuseppe Rho, che previde anche alcuni capricci (bizzarri ma suggestivi assemblaggi di materiali), tra i quali una piramide di urne alta ben sei metri. Dopo la morte del conte, i vari passaggi di proprietà e le diverse destinazioni d uso sostenute dalla villa (prima acquisita dalla famiglia Florio, poi ceduta nel 1947 allo Stato per l Associazione mutilati e invalidi di guerra, quindi passata negli anni 70 alla Regione Friuli Venezia Giulia e, infine, nel 1999, al Comune di Buttrio) hanno comportato pesanti rimaneggiamenti delle strutture dell edificio dominicale e del suo parco, senza che la consistenza della collezione ne abbia subito, però, un grave depauperamento 4. La collezione di antichità tra documentazione, ricerca e tutela Il prezioso lapidario aquileiese del parco della villa di Toppo attirò, sin dalla fine del 700, l attenzione di eminenti studiosi, come l abate Angelo Maria Cortenovis e Theodor Mommsen 5, ma bisogna attendere gli ultimi decenni del secolo scorso per una prima valutazione generale della raccolta. Al 1976 e 1984 risalgono, infatti, le due campagne di schedatura da parte del Centro regionale di catalogazione e restauro, riguardanti 106 tra i principali reperti archeologici (schede RA) allora in situ: un lavoro rivelatosi fondamentale, se si pensa che ha permesso di documentare anche fotograficamente numerosi pezzi risultati dispersi a un successivo riscontro del 1995 e, proprio sulla base della documentazione raccolta nelle schede di catalogo, di recuperare una parte di questi 6. Come risultato di una esemplare prassi di interscambio di dati tra ricerca storico-archeologica e attività di catalogazione, della schedatura del Centro regionale si è potuta, in seguito, avvalere l edizione scientifica dei materiali scultorei della collezione di Toppo, pubblicata nel 2007 nell ambito della collana del Corpus Signorum Imperii Romani 7. A sua volta, questa pubblicazione ha permesso l aggiornamento delle schede già

8 SCULTURE ROMANE A BUTTRIO 21 esistenti e l aggiunta di nuove all interno del SIRPAC, che attualmente vede documentati 138 pezzi archeologici tra sculture a tutto tondo, rilievi, stele, urne, are, sarcofagi, lastre iscritte, mentre è in corso di svolgimento la schedatura di ulteriori materiali epigrafici, a completare la catalogazione della raccolta di antichità della villa di Buttrio 8. 1 Dipartimento di Scienze dell Antichità, ora Dipartimento di Storia e Culture dall'antichità al Mondo contemporaneo. 2 Vd. M. VERZAR-BÁSS (a cura di), Buttrio, La collezione di Francesco di Toppo a villa Florio (Corpus Signorum Imperii Romani, Italia, Regio X. Friuli Venezia Giulia, III), Trieste - Roma Per un profilo della famiglia di Toppo, come per la storia della villa e della relativa raccolta archeologica, si vedano i saggi introduttivi di C. Franco, F. Venuto, F. Ciliberto e M. Buora al volume citato nella nota precedente. 4 Tra gli interventi che interessano la collezione archeologica, si segnala lo smantellamento di uno dei capricci negli anni 50 del Novecento, in seguito al quale molti materiali furono murati nelle facciate della villa, altri ricoverati nelle soffitte; di questi ultimi, diversi sono andati successivamente dispersi: vd. infra e F. CILIBERTO, Origine e formazione della collezione di Francesco di Toppo a Buttrio, in Buttrio, cit. a nota 2, p Vd. C. FRANCO, Francesco di Toppo e l archeologia in Friuli, in Buttrio, cit. a nota 2, pp A. CESCHIA, Collezione di Toppo Florio. Scomparsi ottanta reperti, in Messaggero Veneto, 27 novembre 2002, p. XIII. 7 Supra, nota 2. 8 La campagna di catalogazione in corso riguarda, più in generale, le iscrizioni aquileiesi, ed è affidata al Dipartimento di Storia e Culture dall'antichità al Mondo contemporaneo dell Università di Trieste. Va, infine, segnalato che, oltre alle schede di Reperto Archeologico, SIRPAC contiene anche altri documenti relativi alla villa di Buttrio: schede dedicate all edificio (scheda A), al parco (scheda PG) e alle immagini d epoca che li ritraggono (schede F), nonché schede riguardanti le opere d arte contemporanea (schede OAC) e i beni demoantropologici (schede BDM) che il complesso ospita, in quanto sede di uno spazio per l arte contemporanea (SPAC) e del Museo della civiltà del vino. Buttrio, Villa di Toppo-Florio. Buttrio, Villa di Toppo-Florio, Scorcio del parco con allestimento ottocentesco di sculture antiche. Frammento di sacofago con scena di Amazzonomachia, fine II sec. d.c., Buttrio, Villa di Toppo-Florio.

9 22 APPROFONDIMENTI LA CARTA ARCHEOLOGICA DEL MEDIOEVO DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Valeria Cipollone Dalle ricerche di topografia antica alla schedatura informatizzata dei siti archeologici Nel corso del Medioevo, la stretta fascia costiera compresa tra Duino e Muggia, che oggi circoscrive il territorio della Provincia di Trieste, fu teatro di importanti dinamiche storiche e insediative, in un orizzonte economico e culturale certamente segnato dalle incertezze dei tempi, ma che non vide questi luoghi sottrarsi mai del tutto all antica vocazione di cerniera tra l Europa occidentale e orientale, tra l Adriatico (e, dunque, il bacino mediterraneo) e le regioni danubiane 1. Una realtà complessa, che solo da pochi anni sta ottenendo l attenzione da parte di studi storico-archeologici di ampio respiro, ed è in questa nuova prospettiva che il Dipartimento di Scienze Geografiche e Storiche dell Università di Trieste ha concepito il progetto di una Carta archeologica del Medioevo su supporto informatico, con lo scopo di ricostruire l assetto antropico del territorio dell attuale provincia triestina tra V e XV secolo d.c., in base alle fonti documentarie e alle evidenze monumentali disponibili. Come ideale completamento del lavoro di ricognizione, ricomposizione e interpretazione dei dati effettuato per realizzare la Carta, è stata programmata la catalogazione nel SIRPAC dei Siti archeologici maggiormente rappresentativi, grazie a un accordo stilato nel 2007 tra l Ateneo giuliano e il Centro di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia 2. Duino, Resti del Castello Vecchio, prospetto Nord, sec. XII ca. Le schede di catalogo come base operativa per la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico La visione d insieme offerta dalla Carta archeologica del Medioevo mostra come, in quest epoca, il litorale tra le foci del Timavo e Muggia fosse disseminato di numerose presenze, che in molti casi si configurano quali sopravvivenze di età romana: centri abitati, luoghi di culto, cimiteri, castelli, approdi, impianti produttivi. Le 24 schede catalografiche di Sito archeologico (17 relative al centro urbano di Trieste e 7 a località del territorio) realizzate tra il 2008 e il 2009 secondo il tracciato ministeriale dell ICCD, restituiscono le coordinate geografiche dei siti, tutti georeferenziati sulla base della Carta Tecnica Regionale, forniscono notizie storiche, dati descrittivi completi di note critiche, informazioni sullo stato di conservazione dei monumenti, referenze bibliografiche e un apparato iconografico che, oltre a immagini fotografiche recenti e d archivio, comprende anche ortofoto, rilievi fotogrammetrici, ricostruzioni grafiche e rari documenti di cartografia storica. La corposa base di dati risultante da questa catalogazione, costantemente sottoposta ad aggiornamento, restituisce un quadro analitico delle singole unità topografiche e consente, allo stesso tempo, di focalizzare - grazie a collegamenti interni tra le diverse schede - alcune problematiche comuni a più contesti, come quelle legate ai luoghi fortificati 3 o ai poli religiosi 4. In un ottica ancora più generale, inoltre, attraverso il contenuto delle schede è possibile cogliere l evoluzione dell assetto insediativo del golfo di Trieste dopo la fine dell età antica, da un ordinamento territoriale rimasto sostanzialmente stabile per tutto l Altomedioevo, fino ai radicali mutamenti occorsi dopo l XI- XII secolo, in conseguenza del consolidarsi del sistema feudale. Da queste premesse risulta evidente che la Carta archeologica e le relative schede di catalogo si prestano per molteplici finalità: dalla ricerca storica,

10 LA CARTA ARCHEOLOGICA DEL MEDIOEVO DELLA PROVINCIA DI TRIESTE 23 archeologica e topografica, anche in ambito di studi transfrontalieri 5, alla tutela e alla promozione culturale delle risorse archeologiche della città di Trieste e della sua provincia, alla pianificazione del territorio. A ciò si aggiunga l apporto di tale documentazione per il futuro sviluppo del Sistema informativo regionale territoriale per i beni culturali (SITBEC), che renderà disponibile attraverso l integrazione con altri dati - una visione a tutto tondo del patrimonio storico-culturale e ambientale di questo territorio. 1 Per le principali tematiche storico-archeologiche legate a questo territorio in epoca medievale, P. RIAVEZ, I sistemi portuali e gli insediamenti costieri in epoca medievale dalle Foci del Timavo e Muggia, in Terre di mare, L archeologia dei paesaggi costieri e le variazioni climatiche, Atti del Convegno Internazionale di Studi (Trieste, 8-10 novembre 2007), Udine 2008, pp (ivi ulteriore bibliografia). Sul centro urbano di Trieste, si vedano anche i diversi contributi di carattere archeologico in P. CAMMA- ROSANO (a cura di), Medioevo a Trieste, Istituzioni, arte società nel Trecento, Atti del Convegno (Trieste, novembre 2007), Roma L elaborazione della Carta archeologica e la redazione delle schede di catalogo sono state entrambe curate da Pietro Riavez. 3 Esemplificano il fenomeno le schede dedicate al palazzo d Attila (o Castel Pucino), al castrum di Muggia Vecchia, ai castelli Carta schematica delle presenze archeologiche di età medievale nella Provincia di Trieste. di Moccò, Moncolano, Duino e alle numerose opere fortificatorie del centro urbano di Trieste. 4 Si vedano, al proposito, le schede relative al complesso martiriale di San Giusto a Trieste, nonché quelle relative agli insediamenti ecclesiastici di San Giovanni in Tuba e di Santa Maria, rispettivamente a Duino e a Muggia Vecchia. 5 I dati della Carta archeologica del Medioevo sono confluiti nella cartografia informatizzata prodotta in seno al Progetto Interreg Italia-Slovenia IIIA Alto Adriatico, disponibile in allegato al volume degli Atti del Convegno Terre di mare (supra, nota 1). San Giovanni di Duino, Chiesa di San Giovanni in Tuba, sec. V d.c.

11 24 APPROFONDIMENTI IL PATRIMONIO CULTURALE ECCLESIASTICO Lucia Sartor Scultore friulano, Madonna con il Bambino in Trono, sec. XV, Mossa, Chiesa di Sant'Andrea apostolo. Michael Parth, San Vincenzo, , Comeglians, Tualis, Chiesa di San Vincenzo martire. Testimonianze di arte e fede Fin dalla sua istituzione il Centro regionale di catalogazione e restauro ha rivolto una particolare attenzione al patrimonio artistico di proprietà ecclesiastica, conservato in massima parte negli edifici di culto sparsi nel territorio e cresciuto nel corso dei secoli, fino a raggiungere la straordinaria ricchezza e la varietà che lo contraddistinguono, grazie alla profonda religiosità, all orgoglio civico e agli sforzi corali delle singole comunità, di cui può essere considerato una delle espressioni più alte e significative. Un patrimonio autenticamente comune dunque, di cui la Regione, attraverso il Centro, ha promosso la catalogazione sistematica, al fine di accertarne la consistenza e di promuoverne la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione, affinché possa essere trasmesso alle future generazioni. Il catalogo che da questa attività è derivato, impostato sui criteri rigorosamente scientifici e sulle normative predisposti dall Istituto centrale per il catalogo e la documentazione (ICCD), ha assunto forme diverse nel corso del tempo, adottando via via gli strumenti sempre più efficienti e sofisticati messi a disposizione dal progresso tecnologico. Dalle schede cartacee, utilizzate all avvio delle campagne di rilevamento e custodite nella sede di Villa Manin di Passariano, si è giunti in tal modo all attuale Sistema informativo regionale del patrimonio culturale (SIRPAC) che, attraverso la catalogazione partecipata, ha messo a disposizione delle istituzioni impegnate nell ambito dei beni culturali uno strumento comune di grande efficacia, in grado di registrare in tempo reale ogni modificazione che riguardi i beni catalogati come, ad esempio, la loro collocazione, lo stato di conservazione, gli eventuali restauri, ecc. Allo stesso tempo, attraverso l istituzione di un sottoinsieme appositamente creato, denominato Sistema informativo regionale per i beni ecclesiatici (SIRBE), l intera comunità regionale, ma anche chiunque disponga di una connessione alla rete, ovunque si trovi, potrà attingere alla conoscenza di queste straordinarie testimonianze di storia e arte, pur se attraverso i filtri e le cautele dettati dalle esigenze di tutela. Fin dal suo avvio la catalogazione ha interessato sia gli edifici dei piccoli centri, custodi di un patrimonio spesso del tutto ignoto e per questo, oltre che per la collocazione isolata e la mancanza di efficaci sistemi d allarme, considerato a rischio, sia quelli dei centri più importanti, quali i capoluoghi di provincia. L utilità e l efficacia degli strumenti sortiti da questa operazione emersero con drammatica evidenza in occasione del terremoto del 1976, che colpì duramente anche le ricchezze culturali della regione. Le chiese fatte oggetto di campagne di catalogazione, che fino a quel momento avevano portato alla redazione di circa 6000 schede, poterono contare su una documentazione di grande efficacia per l individuazione e il recupero dei beni rimasti sotto le macerie. La consapevolezza acquisita in occasione di quei tragici eventi fu di stimolo all intensificazione delle rilevazioni, specie nei territori a più elevato rischio sismico. Nei centri maggiormente colpiti furono creati gruppi di lavoro con il compito di monitorare il patrimonio in pericolo che, proveniente da chiese distrutte o insicure e ricoverato in magazzini e depositi, doveva essere catalogato, correttamente conservato e restaurato, in attesa di poter essere ricollocato nelle sedi originarie. Passata l emergenza, il lavoro di catalogazione dei beni culturali regionali non ha conosciuto interruzioni e ha continuato a privilegiare il patrimonio ecclesiastico, indubbiamente il più consistente in termini numerici, ma anche quello maggiormente esposto al rischio di sottrazioni furtive e di manomissioni e dispersioni, dovute talvolta al mancato riconoscimento del suo valore culturale. Quest ultimo, più facilmente avvertito in

12 IL PATRIMONIO CULTURALE ECCLESIASTICO 25 relazione alle opere d arte maggiore, come dipinti, sculture, altari, lo è assai meno per tutto il vastissimo repertorio di vasi sacri, in materiali più o meno preziosi, manufatti dell arredo liturgico, vesti sacerdotali e biancheria d altare, arredi lignei, acquasantiere, fonti battesimali, stendardi e un infinita serie di altri oggetti della più varia natura. L attenzione nei confronti di questo settore è stata di recente confermata dall articolo 6, comma 24, dalla legge regionale n. 1 del 23 gennaio 2007, con il quale la Regione, riconoscendo l alto valore di testimonianza storico-artistica rivestito dal patrimonio culturale mobile conservato nelle realtà diocesane, plebanali e parrocchiali del Friuli Venezia Giulia, ha stabilito di promuovere azioni volte alla sua inventariazione e catalogazione. Tale risoluzione ha portato alla stipula di una serie di convenzioni con le Diocesi presenti nel territorio, nelle quali è prevista entro il 2010 l acquisizione nel SIRPAC di schede redatte nell ambito del progetto nazionale promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana, con le modalità da esso previste. A conclusione di un impegnativo e progressivo lavoro di revisione e armonizzazione da parte del Centro, tali schede andranno ad aggiungersi e ad aggiornare le circa già presenti. La catalogazione pressoché totale di questa parte assai rilevante del patrimonio storico artistico della regione ne permetterà non solo una conoscenza sempre più approfondita, ma metterà anche a disposizione uno strumento di grande efficacia per la sua tutela e valorizzazione. Gianfrancesco da Tolmezzo, Santa Lucia trascinata dai buoi (particolare), , Santa Lucia di Budoia, Chiesa di Santa Lucia in Colle.

13 26 APPROFONDIMENTI STEMMI, EMBLEMI E MARCHI Lucia Sartor Antichi punzoni, marchi commerciali ed emblemi nobiliari Il Sistema informativo regionale del patrimonio culturale (SIRPAC) comprende, oltre a quelle relative ai beni appartenenti alle diverse tipologie oggetto di catalogazione, anche schede di autorità, che costituiscono banche dati separate e possono essere collegate a tutte le altre schede catalografiche. In questo ambito un particolare interesse riveste la banca dati Stemmi, emblemi e marchi, nata dall esigenza di censire in modo sistematico una vasta gamma di contrassegni di diversa natura che compaiono con maggiore o minore frequenza sui beni catalogati: armi gentilizie ed ecclesiastiche, punzoni, marchi commerciali e industriali, ecc. La problematica ad essi connessa è stata affrontata nel contesto del programma Parnaso ( ), promosso dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica, al quale ha aderito il Centro insieme ad altri partner istituzionali e privati, che ha portato, tra l altro, all elaborazione di uno strumento di rilevamento mirato denominato scheda Stemma. Oltre a fornire tutte le informazioni disponibili relative a un determinato contrassegno, il sistema informativo provvede a visualizzare automaticamente nell intestazione della scheda Stemma il numero e la natura delle schede catalografiche che la richiamano al loro interno, rendendo manifesti legami non immediatamente evidenti: opere accomunate dalla medesima committenza, denunciata dalla presenza dello stemma di una determinata famiglia; oreficerie riconducibili ad uno stesso ambito di produzione territoriale e/o alla bottega di un particolare maestro grazie ai punzoni che recano impressi; manufatti usciti dalla medesima manifattura o da un dato opificio riconoscibili da uno specifico marchio, elemento che può far individuare anche i prodotti industriali di una certa fabbrica; fotografie realizzate dallo stesso studio, e così via. In grado di offrire nuovi spunti di indagine e uno strumento di conoscenza approfondita in numerosi settori del patrimonio culturale, la scheda Stemma si rivela particolarmente efficace nell ambito della catalogazione e dello studio dei manufatti di oreficeria, per i quali è stata creata una banca dati a sé stante all interno del SIRPAC. Sugli oggetti realizzati in oro e argento sono spesso presenti i marchi predisposti dalle autorità delle singole realtà territoriali per certificare la bontà dei metalli preziosi impiegati, cui possono accompagnarsi quelli degli ufficiali incaricati dei controlli e delle botteghe e/o degli orefici che li hanno realizzati, dei quali costituiscono una vera e propria firma. Questi marchi sono anche detti punzoni, in riferimento allo strumento utilizzato per imprimerli sul metallo: un asticciola o un blocchetto che reca il contrassegno profilato su un estremità. A partire dalla scheda Stemma dedicata a ciascun marchio di garanzia territoriale è possibile visualizzare le schede dei manufatti preziosi catalogati appartenenti ai vari ambiti di produzione e ad un determinato periodo storico: in Friuli Venezia Giulia, soprattutto a partire dal XVI secolo, per l acquisto delle oreficerie sacre le chiese, senza trascurare i prodotti delle botteghe locali, si rivolsero prevalentemente al mercato veneziano, ma non mancano suppellettili di alta qualità provenienti dalle città d Oltralpe, austriache e tedesche in particolare. Queste presenze sono spia di un significativo fenomeno socio-culturale, quello dei commercianti cramârs che, emigrati nei territori d Oltralpe, ribadiscono il forte legame con la Carnia, loro terra di origine, attraverso il dono alla chiesa del paese natale di oggetti preziosi, sui quali spesso fanno incidere il proprio nome e/o il marchio di riconoscimento dell attività svolta, a sua volta catalogato utilizzando la scheda stemma. L invito a partecipare nell aprile

14 STEMMI, EMBLEMI E MARCHI 27 del 2005 al convegno internazionale di studi avente per tema L oreficeria d Oltralpe in Italia, promosso dalla Provincia autonoma di Trento - Soprintendenza per i beni storico-artistici, stimolò la ricognizione sistematica delle suppellettili religiose provenienti dalla città tedesca di Augusta conservate nel territorio della regione. La scheda dedicata al punzone di un singolo orefice o di una particolare bottega consente invece di ricostruirne la produzione e di redigere contestualmente la rispettiva scheda Autore, che può essere dedicata ad una personalità precisa alla quale è stato collegato con sicurezza il punzone, oppure limitarsi alla definizione di Maestro seguita delle iniziali del relativo contrassegno nel caso di orefici ancora non identificati. Non potrà sfuggire l importanza e l utilità che la scheda Stemma assume anche nel rilevamento degli stemmi gentilizi e/o ecclesiastici presenti sugli oggetti catalogati. Disporre di un repertorio di semplice ed immediatamente consultazione, corredato delle relative immagini, rappresenta un importante ausilio al lavoro di catalogazione e di studio, oltre ad offrire nuovi spunti di riflessione evidenziando, come detto, connessioni altrimenti più difficilmente rilevabili. La presenza di uno stemma su un manufatto può chiarire le circostanze che hanno portato alla sua commissione e/o alla sua acquisizione, determinare le coordinate temporali e spaziali della sua esecuzione, far emergere rapporti tra il committente e il luogo di destinazione, aiutare a ricostruire la storia collezionistica dell opera e così via. Stemma Manin, Passariano, Villa Manin, Cappella di Sant'Andrea apostolo. PAGINA A SINISTRA Johann David Saler, Ostensorio, , Sauris di Sopra, Chiesa di San Lorenzo martire. Punzone dell orefice Johann David Saler. Punzone territoriale della città di Augusta per gli anni

15 28 APPROFONDIMENTI I CAMPANILI E I SUONI DELLE CAMPANE Mabel Englaro Il censimento dell Associazione "Scampanotadôrs Furlans - Gino Ermacora" Il progetto, iniziato nel 2008, consiste nella ricognizione sistematica dei campanili esistenti nell Arcidiocesi di Udine, a cura dall Associazione "Scampanotadôrs Furlans - Gino Ermacora", che ha sede presso la Polse di Côugnes a Zuglio (UD). È imperniato su una campagna fotografica volta a censire i fabbricati in singole schede informatiche (circa 600), consultabili nel Sistema informativo regionale del patrimonio culturale (SIRPAC), al fine di documentare, sia i manufatti edilizi, con informazioni descrittive, sia i suoni delle campane in essi alloggiate, mediante registrazioni su supporto informatico, file audio, allegati alle schede stesse. Per quanto riguarda gli aspetti architettonici, le immagini raccolte consentono di evidenziare la notevole varietà dei campanili presenti nell Arcidiocesi di Udine, che è suddivisa in ventiquattro foranie ed interessa un ampia parte della regione Friuli Venezia Giulia. Gli immobili considerati appartengono a chiese, grandi e piccole, dove si svolgono ordinariamente i riti religiosi cattolici e le campane assolvono, come in passato, l importante funzione comunicativa con le comunità. Per ogni campanile, le fotografie ritraggono il particolare della parte sommitale del fusto con la copertura e le aperture campanarie (finestre e celle), nonché la vista d insieme da cui è possibile cogliere il rapporto spaziale ed insediativo con la chiesa ed il contesto ambientale. Sono inoltre riprese lapidi ed iscrizioni che, a volte unici documenti esistenti, attestano l anno della costruzione o della ristrutturazione del manufatto ed indicano gli esecutori o i committenti. Molteplicità di forme: uno studio tipologico in corso Mediante il censimento degli Scampanotadôrs, il Centro regionale di catalogazione e restauro ha dato corso ad un primo studio tipologico dei campanili, analizzando le principali componenti edilizie di ciascun manufatto (basamento, fusto, cella campanaria, cuspide, elementi decorativi in facciata o in sommità), la posizione rispetto al corpo della chiesa (isolato, addossato, inglobato) e la localizzazione nel territorio rispetto all abitato (al centro, al margine, lontano) e al paesaggio. Escludendo quelli appartenenti alle chiese moderne o contemporanee, che presentano linee nuove ed originali rispetto alla tradizione, la maggioranza dei campanili, che mostrano fogge classiche, sono contrassegnati principalmente dalla cuspide, percepibile anche da visuali a lungo raggio, e dalla cella campanaria, che, presentando balaustre ed aperture di molteplici forme (polifore ad arco, serilane, ecc.) può assumere un aspetto molto particolare. Il fusto non risulta essere, alla vista, l elemento che maggiormente connota un campanile, sia perché nella quasi totalità dei casi ha pianta quadrata (in genere a torre e a torretta ) oppure rettangolare (soprattutto a vela, ove la parte in elevazione è un semplice muro), mentre rari sono quelli a pianta circolare o poligonale, sia perché la netta percezione della conformazione planimetrica è scarsamente distinguibile nella comune frequentazione degli spazi aperti ed avviene spesso solo da punti di osservazione vicini al manufatto, perlopiù mediante un azione intenzionale rivolta spesso anche ai particolari decorativi. Dall insieme delle schede si rileva che le forme dei campanili spesso risentono di influenze connesse

16 I CAMPANILI E I SUONI DELLE CAMPANE 29 all ubicazione geografica (posizione orografica e materiali locali, influssi storici e culturali). Ciò non può essere però considerato una regola fissa: infatti, ad esempio, in ambiente montano sono frequenti torri campanarie con cuspidi svettanti a sezione curvilinea policentrica o rettilinea e timpani ribassati, sono rare invece quelle con cuspidi basse a padiglione e mancano quelle con copertura piana. Nelle restanti aree dell Arcidiocesi si riscontrano in modo pressoché indifferenziato tutti i tipi di campanile; in particolare, si nota che in pianura sono numerosi anche quelli con sommità aguzza, che quindi non costituiscono una prerogativa esclusiva delle zone montane. È evidente che in questo caso tale caratteristica non è legata alle condizioni climatiche, non serve cioè a favorire l allontanamento di pioggia e neve, ma principalmente ad enfatizzare la funzione di rappresentanza del campanile rispetto ad un territorio più ampio. Moruzzo, Panorama con il campanile e la chiesa di San Tommaso apostolo. Torri campanarie appartenenti alle chiese di Santa Maria Assunta a Basagliapenta di Basiliano, Sant Antonio da Padova a Zampis di Pagnacco, Santa Maria Assunta a Moimacco, San Michele arcangelo a Mereto di Tomba e Gesù Buon Pastore a Udine.

17 30 APPROFONDIMENTI I PARCHI E I GIARDINI STORICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Franca Merluzzi, Nadia Marino Le prime campagne di catalogazione Già alla fine degli anni Ottanta il Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali inserì tra le sue attività le prime campagne di catalogazione dei parchi e dei giardini storici del Friuli Venezia Giulia. Fin dall inizio il Centro regionale ha utilizzato il modello di scheda denominata PG (Parchi e Giardini) conforme agli standard nazionali redatti dall Istituto centrale per il catalogo e la documentazione (ICCD) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Si ravvisò la necessità di un approccio interdisciplinare allo studio di questi beni complessi. La redazione della scheda diventa in questo modo un operazione di sintesi degli elementi conoscitivi raccolti interpellando esperti con competenze diverse. Si descrivono le caratteristiche formali, gli elementi decorativi, come statue, fontane e manufatti, gli interventi che ne hanno determinato le trasformazioni, i committenti e i progettisti, ma anche le specie botaniche di rilievo e la loro localizzazione. Ad accrescere l interesse per questi beni, in sintonia con il dibattito a livello nazionale e internazionale, hanno contribuito alcune iniziative promosse da Istituzioni e Associazioni della Regione, ma anche da appassionati e cultori della storia del giardino, presentate nell ambito di convegni, conferenze e incontri. Caso emblematico divenne il Parco di Villa Manin per la sua importanza ma anche per la complessità degli aspetti che da sempre lo caratterizza, oggetto di studi specifici che ne hanno ricostruito le vicende storiche ma anche di ipotesi a volte contrastanti per la sua valorizzazione. Lungimirante fu l organizzazione di un corso di formazione per catalogatori di questo settore. Le campagne catalografiche regionali, allora realizzate interamente su supporto cartaceo con fotografie in bianco e nero, hanno consentito di raccogliere dati relativi a 78 giardini. Le schede sono conservate nell archivio del Centro e, oltre al valore documentario, forniscono a distanza di pochi decenni molti spunti di riflessione sull evoluzione di alcune dinamiche territoriali e sulle trasformazioni subite dai beni: essi appaiono assai fragili per il delicato rapporto che tiene insieme il parco e il giardino nel contesto in cui sono inseriti, impegnativi sotto l aspetto della manutenzione e ancor più dal punto di vista del restauro. Un patrimonio da scoprire I parchi e i giardini storici del Friuli Venezia Giulia costituiscono un patrimonio culturale e paesaggistico sorprendentemente ricco e diffuso sul territorio regionale, come dimostrano gli studi pubblicati sull argomento. Il Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali e i Rotary per la Regione (Azione di Pubblico Interesse fra i Rotary Club del Friuli Venezia Giulia), condividendo un interesse comune, hanno avviato nel 2009 un progetto pluriennale che prevede varie iniziative. La conoscenza sistematica sul territorio è considerata una prerogativa indispensabile per giungere a una visione complessiva e approfondita dal punto di vista quantitativo e qualitativo. Questi beni, considerati nel loro insieme, costituiscono una risorsa preziosa, ancora tutta da scoprire nelle sue potenzialità e sviluppi futuri. In primo luogo il Centro regionale ha ripreso la precedente esperienza di studio e di ricerca sul tema del verde storico e, partendo da un elenco stilato dai Rotary, sta predisponendo il censimento dei parchi e dei

18 I PARCHI E I GIARDINI STORICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 31 Trieste, Vedute del parco di San Giovanni (ex OPP).

19 32 APPROFONDIMENTI

20 I PARCHI E I GIARDINI STORICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 33 giardini storici presenti nel Friuli Venezia Giulia. L individuazione avviene incrociando le informazioni dedotte dalle fonti bibliografiche e archivistiche con l analisi comparata della cartografica attuale e storica alla quale segue la ricognizione sul campo per verificare l effettiva consistenza dei beni e la loro configurazione attuale. L elenco potrà essere aggiornato con nuovi dati, ed eventualmente incrementato accogliendo le segnalazioni corredate da fonti documentarie. Al momento sono circa trecento le persistenze con situazioni diverse, variamente distribuite nelle quattro province. I criteri e la documentazione Sulla base di criteri condivisi dai promotori del progetto, sono stati quindi presi in esame i beni di proprietà pubblica e privata con elementi d interesse meritevoli di essere approfonditi tramite la catalogazione. Le schede sono compilate da esperti del settore, gli architetti Paola Tomasella, Massimo Asquini e Renzo Carniello, autori di volumi e saggi specialistici, nonché di progetti per interventi riguardanti la valorizzazione del verde. Referente scientifico per il Rotary la professoressa Francesca Venuto, la cui pubblicazione del 1991 Giardini del Friuli Venezia Giulia. Arte e storia risulta ancora di fondamentale importanza. I parchi e giardini selezionati: - presentano un disegno planimetrico preordinato e intenzionale, formato da elementi vegetali (aiuole, filari, boschetti, ecc.) ed elementi artificiali (statue, fontane, peschiere, manufatti architettonici, aree pavimentate, piani terrazzati, ecc.) riconducibili a un piano compositivo ancora individuabile nell assetto attuale o ricostruibile in base alla documentazione; PAGINA A SINISTRA Trieste, Parco del Castello di Miramare (Archivio fotografico Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia). IN ALTO, IN SENSO ORARIO Trieste, Giardino pubblico Muzio de Tommasini. Gorizia, Giardino di Palazzo Attems Santa Croce. Trieste, Parco del Castello di Miramare (Archivio fotografico Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia). Trieste, Giardino pubblico Muzio de Tommasini.

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

IL CENSIMENTO DELLE CHIESE LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO STORICO CULTURALE BOLOGNESE

IL CENSIMENTO DELLE CHIESE LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO STORICO CULTURALE BOLOGNESE IL CENSIMENTO DELLE CHIESE LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO STORICO CULTURALE BOLOGNESE Premessa La Conferenza Episcopale Italiana (CEI) Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici ha avviato una

Dettagli

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Il Card. Camillo Ruini, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e l On. Giuliano

Dettagli

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino

La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino La fotografia come fonte e strumento per il cantiere di restauro: il progetto di banca dati per Villa della Regina a Torino Progetto Pierangelo Cavanna, Cristina Mossetti (dir. Villa della Regina), Elena

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

Incarico n. 2 - Progetto «Archivi fotografici e sito istituzionale»

Incarico n. 2 - Progetto «Archivi fotografici e sito istituzionale» Allegato al decreto n. 1815/CULT. del 25 giugno 2014 Avviso di selezione tramite procedura comparativa per l affidamento di n. 4 incarichi professionali nel settore della catalogazione e della documentazione

Dettagli

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO Ufficio Beni Culturali

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO Ufficio Beni Culturali DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO Ufficio Beni Culturali INDICAZIONI E DISPOSIZIONI SULLE PROCEDURE DA SEGUIRE PER INTERVENTI DI QUALSIASI NATURA SUI BENI CULTURALI IMMOBILI E MOBILI DI PROPRIETÀ

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico. Decreta:

IL DIRETTORE GENERALE per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico. Decreta: Decreto del Ministero per i beni e le attività culturali 27 settembre 2006 Criteri e modalità per la verifica dell interesse culturale dei beni mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri

Dettagli

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2

1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 e-learning PER LA CATALOGAZIONE 1. IL PROGETTO FORMATIVO 2 1.1 GLI OBIETTIVI 2 1.2 I PERCORSI DIDATTICI 2 1.3 I CONTENUTI: LA CATALOGAZIONE 3 1.4 I CONTENUTI: GLI STANDARD CATALOGRAFICI 3 1.5 I CONTENUTI:

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

FOPPA IN PISTA. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione

FOPPA IN PISTA. MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione FOPPA IN PISTA La seconda fase del progetto si è concentrata sull evoluzione dei metodi di catalogazione dei beni culturali di interesse archeologico, storico-artistico ed ambientale, che consentono la

Dettagli

F. MIELE. Conoscenza e fruizione dei beni culturali

F. MIELE. Conoscenza e fruizione dei beni culturali CONOSCENZA E FRUIZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI E CULTURALI: SITI WEB ISTITUZIONALI E MODELLI VIRTUALI NEL CIRCUITO INFORMATIVO REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CAMPANIA (C.I.R. CULTURA

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI Informazioni generali Strutture, spazi e attrezzature Consistenza e disponibilità

Dettagli

Elementi di catalogazione. Prof. Francesco MORANTE

Elementi di catalogazione. Prof. Francesco MORANTE Elementi di catalogazione Prof. Francesco MORANTE PRINCIPI DI CATALOGAZIONE Le schede di catalogo sono modelli descrittivi che raccolgono in modo organizzato le informazioni sui beni culturali. Le schede

Dettagli

Documenti speciali: fondi fotografici

Documenti speciali: fondi fotografici Documenti speciali: fondi fotografici GLI ARCHIVI FOTOGRAFICI In Italia, l interesse verso la fotografia intesa come bene culturale, è molto recente. Infatti, solo nel 1999, con la redazione del Testo

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura 2009 ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO TOR VERGATA ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO DELL AREA

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Comune di Clusone Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 27/12/2005 Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Art. 1 (Oggetto del Regolamento) E istituito il MAT

Dettagli

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico TURISMO CLASSE TERZA TURISMO CONOSCENZE ABILITA' DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico Mercato turistico Specificità e rischi di gestione delle imprese

Dettagli

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine di Laura Cerno * INTRODUZIONE La propaganda del regime fascista così si esprimeva sulla stampa specializzata, in merito all' eventuale possibilità

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL PIEMONTE E LA REGIONE PIEMONTE PER IL COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI CATALOGAZIONE DEI BENI CULTURALI DEL TERRITORIO

Dettagli

LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI

LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI SEMINARIO LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DELLE CHIESE E DEI COMPLESSI PARROCCHIALI in collaborazione con SNEC Servizio Nazionale per l Edilizia di Culto della CEI Fiera di Vicenza - martedì 16 aprile 2013,

Dettagli

TERRA ARCHEORETE DEL MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE

TERRA ARCHEORETE DEL MEDITERRANEO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE scadenza adesione 20 febbraio 2016 Giurdignano-Patù 3 febbraio 2016 A tutti gli interessati : - Associazioni - Pro Loco - Confraternite - Parrocchie - imprese turistiche - cittadini tutori dei beni culturali

Dettagli

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Assessorato Urbanistica Pianificazione Territoriale e dell area metropolitana, Edilizia Residenziale Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Progetto Cascine

Dettagli

Musei e Paesaggi culturali

Musei e Paesaggi culturali La Carta di Siena Musei e Paesaggi culturali Proposta da ICOM Italia il 7 luglio 2014 alla Conferenza Internazionale di Siena 1. Il paesaggio italiano Il paesaggio italiano è il Paese che abitiamo e che

Dettagli

Modulo 1 - Richiesta

Modulo 1 - Richiesta Modulo 1 - Richiesta Alla Soprintendenza speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Oggetto: Richiesta di iscrizione all elenco di (Società / Cooperative / Studi di professionisti / Collaboratori

Dettagli

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO MUSEO DIOCESANO DI PALAZZO ORSINI IN PITIGLIANO STATUTO

DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO MUSEO DIOCESANO DI PALAZZO ORSINI IN PITIGLIANO STATUTO DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO MUSEO DIOCESANO DI PALAZZO ORSINI IN PITIGLIANO STATUTO Il presente Statuto è stato promulgato dal Vescovo e Ordinario diocesano, con Decreto del 3/05/2012, protocollo

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio archeologico

Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio archeologico Pensare in rete, pensare la rete per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico Roma, 14 ottobre 2015 Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie ICT per l Istruzione e la Cultura

PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie ICT per l Istruzione e la Cultura Dipartimento per la Programmazione Ministeriale del Bilancio, delle Risorse Umane e dell Informazione Direzione Generale per i Sistemi Informativi PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie

Dettagli

Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia

Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia Legge Regionale 14 novembre 2008, n. 28 Promozione e valorizzazione del patrimonio storico della Prima guerra mondiale in Lombardia (BURL n. 47, 1 suppl. ord. del 18 Novembre 2008 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2008-11-14;28

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI ALLEGATO A

DIPARTIMENTO PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI ALLEGATO A ALLEGATO A al decreto ministeriale recante Criteri e modalità per la verifica dell interesse culturale dei beni immobili di proprietà delle persone giuridiche private senza fine di lucro, ai sensi dell

Dettagli

Le fotografie come fonte per il restauro

Le fotografie come fonte per il restauro Le fotografie come fonte per il restauro Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le province di Bologna, Ferrara, Forlì Cesena, Ravenna e Rimini Soprintendenza per il

Dettagli

Comune di Padova PROGETTI DI STAGE 2011

Comune di Padova PROGETTI DI STAGE 2011 2011/001 004 2011/002 014 2011/00 0144 (PEQ) Supporto alle attività del Museo del Risorgimento e dell'età Contemporanea dedicate alle celebrazioni del 150 anniversario dell'unità d'italia. Supporto alle

Dettagli

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro.

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. CARTA DEI SERVIZI CHE COS è LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. La Carta individua i servizi

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Regolamento esecutivo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della C.E.I. per i beni culturali ecclesiastici

Regolamento esecutivo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della C.E.I. per i beni culturali ecclesiastici Regolamento esecutivo delle Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della C.E.I. per i beni culturali ecclesiastici ART. 1 Destinazione dei contributi 1. I contributi finanziari

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014

Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014 PONTIFICIA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE Sezione SAN LUIGI Via Petrarca, 115-Napoli Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia Anno Accademico 2013-2014 Indirizzi Percorsi di arte e teologia

Dettagli

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria Museo archeologico Sezione preistoria/protostoria VIAGGIO NELLA PREISTORIA E PROTOSTORIA DAL PALEOLITICO ALL ETÁ DEL FERRO Contenuti: Visita alle sale preistoriche del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico,

Dettagli

MICHAEL italiano nel contesto europeo

MICHAEL italiano nel contesto europeo MICHAEL e le politiche locali MICHAEL italiano nel contesto europeo Rossella Caffo MICHAEL Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe Finalità: Lanciare un servizio in linea che promuova il

Dettagli

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo LINEE GUIDA per la catalogazione dei beni culturali immateriali e per gli inventari del patrimonio culturale immateriale Premessa La distinzione fra catalogazione dei beni culturali immateriali e inventari

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 1. PREMESSA L istituto Provinciale per l Infanzia Santa Maria della Pietà è un antica istituzione veneziana che

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI FIUMICINO Approvato con deliberazione consiliare n. 40 del 22 marzo 2000 INDICE Titolo I Finalità e compiti... 3 Articolo

Dettagli

Regolamento del Sistema museale di Massa Marittima e dei singoli musei

Regolamento del Sistema museale di Massa Marittima e dei singoli musei Regolamento del Sistema museale di Massa Marittima e dei singoli musei Premessa Il Sistema museale del Comune di Massa Marittima è stato istituito con delibera di Consiglio Comunale n. 62 dell 11/09/02

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni.

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni. 2.3 Comune di Valstagna, Oliero, Grotte di Oliero. Cartiera Parolini e area degli antichi opifici. LUOGO. Comune di Valstagna, Grotte di Oliero. OGGETTO. Cartiera Parolini. CATASTO. CRONOLOGIA. Fine XVII

Dettagli

IpsiaRenzoFrauSarnano

IpsiaRenzoFrauSarnano IpsiaRenzoFrauSarnano sede di SanGinesio ProgettoRestauro di Altare ligneo dorato Museo Pinacoteca Scipione Gentili San Ginesio (MC) Altare ligneo dorato XXVII secolo Intervento di restauro classe V IPSIA

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178

L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178 L.R. 17/2007, art. 5 B.U.R. 22/4/2015, n. 16 Reg. int. Consiglio regionale, art. 178 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 17 marzo 2015, n. 231 Regolamento Biblioteca consiliare

Dettagli

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTI MUSEO FORTE BRAMAFAM Il Consiglio Direttivo del due aprile 2012 visto il verbale di consegna da parte dell Ufficio Tecnico Erariale all Associazione per gli Studi di Storia e Architettura Militare

Dettagli

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA

CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 1 CURRICOLO STORIA, GEOGRAFIA, CITTADINANZA 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Il tempo della propria esistenza Formula riflessioni e considerazioni relative a se stesso. Sviluppa il

Dettagli

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito ARCHIVIO STORICO LA STAMPA Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito 1.761.000 pagine 12.000.000 articoli 47.243 edizioni giornaliere La Stampa 18.314 edizioni

Dettagli

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Regione Autonoma della Sardegna Istituto Superiore Regionale Etnografico COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DIRETTIVE SCIENTIFICHE PER IL TRIENNIO 2006/2008 E PROGRAMMA ANNUALE DI ATTIVITÀ 2006 Direttive scientifiche

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT ALLEGATO I) REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT SCHEMA PREDISPOSIZIONE PROGETTO Comune Santa Teresa Gallura Provincia

Dettagli

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione percorsi didattici per le scuole I Percorsi didattici che i Servizi educativi del Museo diocesano rivolgono alle scuole

Dettagli

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...)

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...) sommario tenuta e composizione dei registri inventariali atti di provenienza descrizione (anagrafica) classificazione (attribuzione categoria inventariale) attribuzione di valore conto del patrimonio variazioni

Dettagli

Le occasioni della rete.

Le occasioni della rete. a cura di Gabriella Guerci di Enzo Minervini È qualche anno che navigando in rete possono essere consultate numerose basi di dati riguardanti raccolte fotografiche. Queste basi dati, che possono presentare

Dettagli

Bilancio del patrimonio culturale danneggiato

Bilancio del patrimonio culturale danneggiato Bilancio del patrimonio culturale danneggiato Al 31/08 sono state raccolte nelle banche dati oltre 3172 segnalazioni e attività (es. schede di sopralluogo speditivo, attivazione recuperi, interventi di

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

LINEE GUIDA AL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

LINEE GUIDA AL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE DI PROGETTAZIONE M U SEO REGIONALE DELL'ARTE NU RAGICA E DELL'ARTE CONTEM PORANEA DEL M EDITERRANEO DI CAGLIARI LINEE GUIDA AL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Indice 1.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della Biblioteca Provinciale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della Biblioteca Provinciale Adottato con delibera del Consiglio Provinciale n. 9 del 17/09/2003 1 TITOLO I FINALITA E FUNZIONI Art. 1 Finalita 1. La Provincia di Roma, ai

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI

COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI COMUNE DI MONTEPULCIANO (Provincia di Siena) REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO PINACOTECA CROCIANI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 29.03.2013 Indice: Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE...3

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: STORIA; classe 1^) Unità di Apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO Comune di BELLINZAGO LOMBARDO 1/7 Provincia di Milano Settore Tecnico Protocollo di arrivo VALUTAZIONE DELL IMPATTO PAESISTICO DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA PAESISTICA DELL INTERVENTO DOMANDA DI GIUDIZIO

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1.

TITOLO I FINALITA E COMPITI. Art. 1. TITOLO I FINALITA E COMPITI Art. 1. La biblioteca comunale di Pofi è istituita come servizio informativo e culturale di base da rendere alla comunità. Essa aderisce, in qualità di biblioteca associata,

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Curriculum vitae. Nome Cognome: Francesca Nodari

Curriculum vitae. Nome Cognome: Francesca Nodari Curriculum vitae Nome Cognome: Francesca Nodari Titoli di studio corsi di formazione borse di studio luglio 1992: Laurea in Conservazione dei Beni Culturali (indirizzo dei Beni mobili storici e artistici)

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO DI GEOGRAFIA MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO Campo d esperienza / disciplina Periodo di riferimento Traguardi di competenza

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli