COMUNE DI CESENA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CESENA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI"

Transcript

1 Allegato A all Atto C.C. n. 68 del COMUNE DI CESENA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI Approvato con Delibera di C.C. n.169 del modificato con Delibera di C.C. n. 50 del , Delibera di C.C. n. 97 del e Delibera C.C. n. 45 del Delibera C.C. n. 68 del ART. 1 - Oggetto e finalità Sezione 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina l installazione dei chioschi sul territorio, per lo svolgimento delle attività commerciali e artigianali di cui alle specifiche normative di riferimento. Vengono pertanto disciplinate e definite le caratteristiche urbanistico-edilizie ed igienico-sanitarie delle strutture e la loro collocazione sul territorio. Si definiscono chioschi le installazioni a servizio del pubblico realizzate mediante strutture e manufatti appoggiati, ma non fissati, al suolo. Le attività che possono essere svolte in chioschi, sono: a) produzione e vendita di piadina romagnola, e generi di gastronomia indicati all art. 9; b) somministrazione e vendita di prodotti alimentari e bevande; c) vendita e consumo di frutta e verdura; d) vendita di fiori; e) vendita libri usati; f) vendita giornali e riviste. Ai titolari dei chioschi di cui al punto a) non è consentito svolgere anche l'attività di Pubblico Esercizio di somministrazione di cui alla Legge Regionale , n.14. E consentita la vendita di altri prodotti appartenenti al settore non alimentare, per i generi strettamente connessi alle attività sopra elencate. 2. Le attività sopra elencate possono essere svolte in chioschi installati su area pubblica. L installazione di chioschi in aree private è ammessa esclusivamente per le attività di cui all'art.1 lett. a) e d) ed è consentita nel rispetto delle seguenti prescrizioni: per la lettera a): - l'installazione è ammessa esclusivamente, fuori dai centri abitati, lungo l itinerario principale e nelle immediate vicinanze delle aziende individuate dalla Strada dei Vini e dei Sapori dei colli di Forlì e Cesena in quanto rappresenta un significativo percorso di promozione e valorizzazione del turismo enogastronomico, ad una distanza viaria di almeno 7 km l uno dall altro; per la lettera d): - esclusivamente entro la fascia di rispetto cimiteriale come da individuazione di P.R.G. 2. Per installare i chioschi, è necessario ottenere il Permesso di Costruire e la Concessione permanente di suolo pubblico. 3. Con riferimento all attività esercitata all interno del chiosco, è necessario altresì effettuare le Comunicazioni, Dichiarazioni Inizio Attività od ottenere i titoli previsti dalle specifiche normative di riferimento. Per quanto riguarda le attività del settore alimentare, il rispetto dei requisiti igienico sanitari è verificato tramite le procedure previste dalla normativa di cui ai Regolamenti CE n. 852/2004 ed 853/2004, e relativi provvedimenti di attuazione. ART. 2 - Permesso di costruire

2 2 1 L'installazione del chiosco è soggetta a Permesso di Costruire, la cui domanda deve essere redatta in bollo e deve contenere tutti gli elementi specificati nel Regolamento Edilizio Comunale vigente, nella L.R. n. 31/2002 e nel DPR n. 447/1998 e successive modifiche, e più specificatamente: - la concessione suolo pubblico, se trattasi di area pubblica; - il titolo per la disponibilità dell'area (proprietà, uso, concessione), se trattasi di area privata; - lo stralcio del PRG ed estratto di mappa catastale con individuazione esatta dell'area; - le copie del progetto con l'indicazione di tutti gli elementi necessari per effettuare le verifiche delle condizioni relative all'ubicazione; - le domande necessarie al reperimento dei pareri igienico-sanitari, dell autorizzazione per l allacciamento alla rete delle fognature, del nulla-osta da parte dell ente proprietario della strada prospiciente, se non comunale, etc.; 2 A garanzia dell adempimento degli obblighi indicati nel Permesso di Costruire, e prima del suo rilascio, il soggetto titolare dovrà prestare apposite garanzie: - per la copertura degli immediati danni e ripristino del suolo pubblico a mezzo di versamento in tesoreria comunale o con polizza/e fidejussoria/e a favore del Comune, che verrà restituita al rilascio dell usabilità del chiosco. - a rimborso delle spese che si dovranno sostenere per l eventuale rimozione della struttura d ufficio, nonché per la copertura di eventuali danni al patrimonio comunale derivanti dall installazione del chiosco (aree verdi, marciapiedi, pavimentazioni, ect.) a mezzo di polizza/e fidejussoria/e che sarà trattenuta dall Amministrazione e restituita al momento della rimozione del chiosco e ripristino dei luoghi. L importo delle garanzie sarà individuato con apposito atto deliberativo della Giunta Comunale riportante gli importi per i danni ed il ripristino del suolo pubblico ed il costo per lo smontaggio, trasporto ed accatastamento del chiosco, sentiti i Settori interessati. Gli importi saranno aggiornati ogni tre anni secondo gli indici ISTAT. Le tipologie di chioschi verranno valutate in sede progettuale, sulla base delle dimensioni e caratteristiche previste nei successivi articoli. Qualora il chiosco sia da collocare in un area pubblica soggetta ad intervento di riqualificazione e/o restyling, il cui progetto preveda opere di arredo, chiosco compreso, al fine di garantirne un inserimento organico e funzionale, gli interventi di nuova installazione o di sostituzione di chiosco esistente, dovranno attenersi a quanto previsto nel progetto comunale. 3. Con riferimento al Parco Ippodromo ed al Giardino Savelli, l installazione dei chioschi, qualora previsti nel progetto generale, potrà avvenire solo con le modalità e tipologie approvate dal Comune, in deroga a quanto esplicato nei successivi singoli articoli relativi alle tipologie dei chioschi. 4 Per i nuovi chioschi, nel progetto di massima deve essere prevista un area ad uso pubblico per la sosta di almeno tre posti auto, in assenza di parcheggi pubblici o aree di sosta nelle vicinanze. Le spese sostenute per la realizzazione del parcheggio, in area privata e/o pubblica, sono a totale carico del richiedente. 5 Il Comune può disporre la revoca del Permesso di Costruire in qualsiasi momento, con provvedimento motivato, disponendo la rimozione del manufatto secondo le modalità previste dai regolamenti vigenti e previo preavviso di mesi sei, al fine di dare la possibilità al concessionario di trasferire il chiosco in un'altra area. 6 Non sono ammesse installazioni di chioschi nell ambito di pertinenza degli impianti per distribuzione di carburante. 7 I nuovi chioschi dovranno essere collocati ad una distanza minima di ml. 1,5 dal confine della proprietà adiacente, salvo deroga di cui all art. 10, comma 7. 8 Le istanze di rilascio di Permesso di Costruire devono essere precedute obbligatoriamente dall istanza di cui al successivo art. 5 (parere preliminare). 9 L ampliamento di superficie utile netta di un chiosco già esistente è sottoposto all iter previsto per il rilascio del Permesso di Costruire, mentre il solo inserimento dei servizi igienici di cui al comma 1 dell art. 10, nei chioschi che ne sono attualmente sprovvisti, è da considerarsi come adeguamento alle disposizioni contenute nel presente Regolamento e quindi soggette a Denuncia di Inizio Attività di cui all art. 8 della L.R. n. 31/2002.

3 3 10 Per tutto quanto non previsto dalle norme del presente regolamento è necessario fare riferimento sia alle norme che disciplinano le diverse attività commerciali e/o artigianali che vengono svolte all interno dei chioschi, sia alle norme in materia igienico-sanitaria ed urbanistico-edilizia. 11. L'installazione di nuovi chioschi sarà consentita solo sulle strade di tipo E ed F come classificate dalle norme del Nuovo Codice della Strada e successive modifiche. ART. 3 Concessione permanente e occupazione temporanea di suolo pubblico 1 La concessione di suolo pubblico finalizzata all installazione del chiosco è rilasciata dal Settore Patrimonio ai sensi del Regolamento per l Occupazione di spazi ed aree pubbliche vigente, al quale si rinvia per la normativa specifica. Le valutazioni relative al rilascio della concessione permanente di cui al presente comma, verranno effettuate in sede di Conferenza di Servizi di cui al successivo art. 5, nel rispetto delle disposizioni contenute nel Regolamento per l Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche, contestualmente all esame del progetto preliminare del chiosco ed alle verifiche di tipo urbanistico-edilizie stabilite nel presente Regolamento per il rilascio del Permesso di Costruire. 2 Per tutte le tipologie dei chioschi di cui all art. 1 può essere richiesta la concessione permanente per un ulteriore area di pertinenza a servizio del chiosco medesimo. La superficie di tale area, non può essere superiore al 100% della superficie del chiosco. Inoltre, può essere richiesta ulteriore occupazione di suolo pubblico esclusivamente a carattere temporaneo per una superficie massima pari al 100% della superficie del chiosco. La concessione permanente e l autorizzazione temporanea di cui al presente comma, sono rilasciate con le modalità di cui al Regolamento per l Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche. 3 La ditta intestataria della concessione permanente di suolo pubblico deve essere la medesima titolare dell'attività svolta all interno del chiosco. ART. 4 - Autorizzazione sanitaria (abrogato) ART. 5 - Parere preliminare per i nuovi chioschi 1. Prima di presentare l'istanza di rilascio del Permesso di Costruire per l installazione o adeguamento della struttura, gli interessati devono richiedere obbligatoriamente con apposita istanza un parere preliminare all Amministrazione Comunale. Il parere viene espresso in sede di Conferenza dei Servizi, composta dai Settori ed Enti competenti, entro 45 giorni dall istanza. La Conferenza dei Servizi è composta dai responsabili dei seguenti Servizi ed Enti: Tecnico dello Sportello Unico per le Imprese Patrimonio Edilizia Pubblica Progetti Speciali Traffico e Ambiente Polizia Municipale viabilità Azienda Unità Sanitaria Locale La Conferenza esaminerà in questa sede, contestualmente al progetto di massima, gli aspetti relativi al rilascio della Concessione permanente di suolo pubblico, come previsto all art. 3. Alla Conferenza dei Servizi potranno essere convocati altri Settori ed Enti, qualora si ravvisi la necessità di reperire ulteriori pareri specifici. La Conferenza è coordinata e convocata dal Dirigente del Settore Sviluppo Produttivo e Residenziale, previa informativa alla Giunta Comunale. 2. La domanda di cui al comma 1 deve contenere i seguenti documenti: a) Progetto di massima; b) Estratto di P.R.G.; c) Documentazione fotografica del luogo; d) Tavola indicante l ubicazione del chiosco ed individuazione dei parcheggi, come specificato all art.2, comma 4; 3. Il Parere preliminare favorevole ha validità 120 gg. dalla data di ricevimento della comunicazione dell esito favorevole (da inviarsi con Raccomandata A.R.). Qualora nel termine indicato non venga presentata istanza per il Permesso di Costruire, la procedura è conclusa con l archiviazione del parere preliminare favorevole ottenuto e del relativo progetto.

4 ART. 6 - Norme transitorie (abrogato) 4 ART. 7 - Esercizio dell attività Sezione 2 PRODUZIONE E VENDITA DI PIADINA ROMAGNOLA E GENERI DI GASTRONOMIA 1 L attività di produzione e vendita di piadina romagnola e dei generi di gastronomia può essere esercitata in chioschi installati ai sensi delle Disposizioni generali contenute nella Sezione 1 e delle disposizioni di cui alla presente sezione, da artigiani in possesso di iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane di cui alla L. 443/85 per la sola produzione e vendita del prodotto. In questo caso l esercizio dell attività abilita alla vendita esclusivamente dei prodotti di propria produzione, quali piadina romagnola e crescioni ed esclude la vendita di qualunque prodotto alimentare, non di propria produzione, comprese le bevande. E necessario essere altresì in possesso dei titoli previsti dalla vigente normativa sul commercio per la vendita di prodotti del settore alimentare (D.Lgs. n. 114/98), qualora l attività artigianale sia connessa alla vendita di prodotti non di propria produzione, comprese le bevande. ART. 8 - Requisiti igienico-sanitari ed edilizi dei chioschi 1. L attività di produzione e vendita di piadina romagnola e di generi di gastronomia, può essere esercitata in chioschi che abbiano i seguenti requisiti: a) I locali per la vendita e laboratorio dovranno avere altezza media interna pari a m. 2,70 e comunque altezza minima non inferiore a mt. 2,00; b) La superficie utile netta (calpestabile) dei chioschi non dovrà essere inferiore a mq A tale superficie va aggiunto il servizio igienico ad uso del personale; c) I nuovi chioschi dovranno essere obbligatoriamente dotati di servizio igienico accessibile dall interno, con lavandino con rubinetto a pedale e fotocellula, distributore di sapone liquido e asciugamani a perdere. Tale servizio deve essere composto da un bagno ed un antibagno/spogliatoio, aventi altezza media non inferiore a mt e comunque altezza minima non inferiore a m. 2.00, e superficie di mq. 3.50; d) I materiali utilizzati per pavimentazioni, tramezzi, tamponature, ecc. non dovranno emettere gas o particelle nocive agli operatori e alla preparazione dei cibi. I titolari dell attività dovranno mettere in pratica ogni accorgimento tecnologico atto a limitare l emissione verso l esterno di rumori, fumi o odori che possono arrecare disturbo; e) Il rapporto di illuminazione e aerazione naturale della zona di vendita e/o laboratorio dovrà essere di 1/8, mentre per il bagno l apertura finestrata può essere di 1/12, o in alternativa, impianto di aspirazione forzata ed illuminazione artificiale; f) I chioschi devono essere strutturati in modo da avere una separazione fisica o funzionale tra la zona di preparazione e la zona di vendita; g) All interno dovrà essere collocato un lavello con rubinetto a pedale o fotocellula dotato di acqua calda e fredda, distributore di sapone liquido e di asciugamani a perdere nonché un frigorifero per la conservazione delle materie prime (in caso di vendita di bibite i frigoriferi dovranno essere 2) e una cappa di aspirazione attrezzata con idonei sistemi di filtraggio, posizionata sopra il punto di cottura, con attivazione meccanica e sfogo in copertura del chiosco; h) All interno dei chioschi i pavimenti e le pareti, fino ad un altezza di m. 2.00, dovranno essere in materiale lavabile e disinfettabile. Uguali caratteristiche dovranno avere i piani di lavoro e di vendita; i) All interno e all esterno dovranno essere collocati idonei contenitori per i rifiuti, dotati di coperchi collegati a pedaliera, o comunque attrezzati con chiusura automatizzata; j) Allacciamento alla rete idrica dell acquedotto comunale; k) Allacciamento alla rete fognante pubblica; l) Allacciamento alla rete di distribuzione di energia elettrica; m) La collocazione del chiosco non deve pregiudicare la salubrità e sicurezza degli alimenti preparati e commercializzati; n) Il titolare deve provvedere alla pulizia dell'area circostante, nella quale deve essere altresì tassativamente escluso il deposito di merci e di materiali inerenti l attività. ART. 9 - Tipologie e dimensioni dei chioschi

5 5 1 Nei chioschi per la produzione e vendita di piadina romagnola e generi di gastronomia, la preparazione dei vari prodotti è differenziata in base alle seguenti dimensioni: a) SUPERFICIE UTILE NETTA di mq (escluso bagno e antibagno ad uso del personale mq. 3,5): In tali chioschi è consentita la produzione, la preparazione e vendita di piadina con eventuale farcitura di salumi, formaggi e/o altri prodotti alimentari pronti all utilizzo, confezionati o preincartati, prodotti da laboratori conformi alla normativa igienico sanitaria vigente; b) SUPERFICIE UTILE NETTA di mq. 14,00 (escluso bagno e antibagno ad uso del personale mq. 3,5): In tali chioschi è consentito preparare anche gli ingredienti da utilizzare nella farcitura, limitatamente ai prodotti vegetali, alla cottura della salsiccia in budello e/o wurstel. 2 La tipologia dei chioschi per la produzione e vendita di piadina romagnola deve rispettare le seguenti caratteristiche di base: - tetto a due falde, con colmo parallelo al lato più lungo e con pendenza non superiore al 40% e individuazione del camino in colmo con comignolo parallelo alle falde; - la linea di gronda dovrà essere evidenziata, sporgere lungo tutto il perimetro del chiosco e posizionata alla stessa quota su tutti i lati; - forma rettangolare, con i lati che dovranno rispettare, in linea di massima, la proporzione di 2/3 salvo diversa valutazione in Conferenza di Servizi per gli ampliamenti e le sostituzioni degli esistenti; - nella progettazione dei chioschi deve essere evidenziata la simmetria delle aperture, prevedendo che quelle della zona di vendita vengano chiuse con pannelli ad ala di gabbiano (incernierate nell estremità superiore) con l'uso dei seguenti colori: base bianco crema (RAL9001), per le fasce verticali ed il cornicione rosso arancio (RAL 2001), per le porte, infissi e pannelli di chiusura verde maggio (RAL6017); i chioschi già autorizzati dovranno essere adeguati ai seguenti colori entro 5 anni; - il materiale di costruzione dovrà essere a pannelli lisci escludendo legno, murature e calcestruzzo; - non è consentita l'installazione di insegne sul chiosco o cartelli pubblicitari nelle aree pubbliche di pertinenza; - la presenza del marchio della ditta sarà consentito come vetrofania o limitato alla fascia verticale della eventuale tenda solare; - gli impianti tecnologici (come aspiratori, condizionatori, ecc.) dovranno essere realizzati all'interno della sagoma del chiosco. - le tende, con aggetto non superiore a ml.2,00, saranno del tipo a sbracci estensibili e dei colori del chiosco; - l installazione di pannelli proteggi vento laterali, mobili, aventi uno sviluppo massimo di ml. 2 per parte, è ammessa nel rispetto delle norme previste dal Codice della Strada e previo parere favorevole dei settori interessati all Arredo Urbano. ART Deroghe per i chioschi già esistenti. 1 Nei chioschi sprovvisti al proprio interno di servizio igienico, è consentita la realizzazione dello stesso, ad uso esclusivo del personale e con accesso dall interno, avente una superficie di mq. 2,00 compreso di antibagno. 2 Nei chioschi aventi una superficie utile netta inferiore a quella minima prevista di cui all art. 9, può essere esercitata comunque l attività indicata. Tuttavia, nei chioschi privi di servizio igienico non può essere esercitata l attività per più di 5 ore giornaliere consecutive. 3 Nei chioschi privi di separazione fisica, tra la zona di preparazione e la zona di vendita, dovrà comunque essere presente una separazione funzionale così come descritta di seguito: - zona conservazione alimenti (appositi frigoriferi per affettati ed alimenti deperibili); - zona preparazione (idoneo piano di lavoro per la manipolazione, come specificato all art. 8 punto h); - zona cottura; - zona vendita (apposito vetro di protezione ad altezza idonea, nel caso gli alimenti siano rivolti verso i clienti). 4 I titolari dei chioschi piadina già insediati possono chiedere il trasferimento su tutto il territorio comunale, escluso il Centro Storico, secondo le norme previste dal presente regolamento.

6 6 5 I titolari dei chioschi già insediati all interno del Centro Storico, in deroga al precedente comma 4, possono trasferirsi nell ambito dello stesso, secondo le norme previste dal presente regolamento ed esclusivamente all'interno di un progetto pubblico. 6 I chioschi esistenti nelle aree del Centro Storico (zona A del PRG) hanno la possibilità di adeguarsi per effettuare le: produzione e vendita indicate alla lettera a) comma 1 dell art. 9, purché la superficie utile complessiva destinata alla produzione, vendita sia di mq. 9,00 (mq. 11,00 se dotati anche di servizio igienico ad uso del personale); produzione e vendita indicate alla lettera b) comma 1 dell art. 9, purché la superficie utile complessiva destinata alla produzione, vendita sia di mq. 12,00 (mq. 14,00 se dotati anche di servizio igienico ad uso del personale); 7 In deroga a quanto previsto dall art. 2 comma 7, i chioschi esistenti potranno ampliarsi e/o adeguarsi con le seguenti modalità rispetto alle proprietà confinanti: a) se la distanza dal confine è inferiore a ml. 1, l ampliamento/adeguamento può essere effettuato solo nel rispetto di tale distanza minima; b) se la distanza dal confine è compresa fra ml. 1 e ml. 1,5 l ampliamento/adeguamento potrà essere realizzato mantenendo l attuale allineamento con la proprietà confinante. Tuttavia, quanto sopra decade se esistono le condizioni di fattibilità per realizzare l ampliamento/adeguamento ad una distanza minima di ml. 1,5 dalle proprietà confinanti. ART. 11 Nuovi insediamenti 1. Le nuove installazioni di chioschi della tipologia a) dell art. 1, sono ammesse solo qualora previste da appositi bandi pubblici per l assegnazione delle relative aree. Sezione 3 VENDITA PRODOTTI ALIMENTARI E BEVANDE (abrogato) ART Autorizzazione all esercizio dell attività (abrogato) ART Norme igienico sanitarie (abrogato) Art Tipologie dei chioschi (abrogato) ART.15 - Nuovi insediamenti (abrogato) ART Esercizio dell attività (abrogato) Sezione 4 SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ART Norme igienico sanitarie. 1 Per i chioschi adibiti alla produzione e somministrazione di prodotti alimentari e bevande valgono le norme di cui all art. 8 del presente regolamento ed altresì: - i chioschi esistenti che sono privi di servizio igienico non possono esercitare la propria attività oltre le cinque ore giornaliere consecutive; - ove non sia possibile realizzare una separazione fisica della zona preparazione/somministrazione da quella di stoccaggio, dovrà comunque essere garantita una razionale collocazione dei prodotti alimentari e delle bevande da conservare, tale da evitare possibili rischi di contaminazione; - il banco bar deve essere provvisto di lavello approvvigionato di rete acquedottistica; - idonee attrezzature atte a garantire la conservazione di prodotti alimentari deperibili in regime di temperatura controllata, gli arredi ed il piano di lavoro devono essere in materiale liscio, lavabile e disinfettabile. ART Tipologie dei chioschi. 1 La superficie utile netta massima dei chioschi di cui alla presente sezione dovrà essere di mq. 20, escluso il servizio igienico ad uso del personale (mq. 3,50).

7 7 2 In ogni chiosco, è possibile, previa autorizzazione, l'applicazione di pannelli laterali proteggi vento mobili, e tende avvolgibili: l installazione di pannelli proteggi vento laterali aventi uno sviluppo massimo di ml. 2 per parte, è ammessa nel rispetto delle norme previste dal Codice della Strada e previo parere favorevole dei settori interessati all arredo urbano. ART Prescrizioni generali Sezione 5 VENDITA E CONSUMO DI FRUTTA E VERDURA 1 L attività di vendita e consumo di frutta e verdura, può essere esercitata ai sensi delle Disposizioni generali contenute nella sezione 1 e delle disposizioni di cui alla presente sezione: a) da produttori agricoli, in possesso del titolo di imprenditore agricolo, per la sola vendita di frutta e verdura. In questo caso l esercizio dell attività abilita alla vendita esclusivamente di frutta e verdura, ed esclude la vendita di qualunque altro prodotto alimentare; b) da commercianti, ai sensi del D.Lgs. n. 114/98. Il titolare può richiedere la collocazione di tavoli per la consumazione sul posto di frutta e verdura, senza che ciò configuri l attività di somministrazione assistita di cui alla Legge Regionale n. 14. ART Norme igienico sanitarie ed edilizie 1 Per i chioschi adibiti al commercio e consumo sul posto di frutta (cocomeri, meloni ecc.) valgono le norme generali di cui all art. 8 ed altresì: - i chioschi che sono privi di servizio igienico non possono esercitare la propria attività oltre le cinque ore giornaliere consecutive; - ove non sia possibile realizzare una separazione fisica della zona preparazione da quella di stoccaggio, dovrà comunque essere garantita una razionale collocazione dei prodotti alimentari; - dovranno essere coperti e chiusi con pareti interne lavabili e disinfettabili; - avere un lavello con rubinetto a pedale o fotocellula dotato di acqua calda e fredda, distributore di sapone liquido e di asciugamani a perdere; - tavoli con superficie lavabile e posateria a perdere. 2 In ogni chiosco, è possibile, previa autorizzazione, l'applicazione di pannelli laterali proteggi vento mobili, e tende avvolgibili: l installazione di pannelli proteggi vento laterali aventi uno sviluppo massimo di ml. 2 per parte, è ammessa nel rispetto delle norme previste dal Codice della Strada e previo parere favorevole dei settori interessati all Arredo Urbano. ART Nuovi insediamenti 1 I chioschi dovranno avere una superficie utile netta massima di mq. 20, escluso il servizio igienico ad uso del personale (mq. 3,50). 2 Nel Centro Storico (zona A) non saranno autorizzati insediamenti di chioschi di questa tipologia. 3 I chioschi già insediati potranno essere trasferiti all interno del territorio comunale in base alle prescrizioni di cui alla I sezione del presente regolamento. Sezione 6 VENDITA FIORI VENDITA LIBRI USATI VENDITA GIORNALI E RIVISTE ART Esercizio dell attività 1 L attività di vendita di libri usati e di fiori può essere esercitata in chioschi installati ai sensi delle Disposizioni generali contenute nella sezione 1, e delle disposizioni di cui alla presente sezione, secondo le norme di cui al D.Lgs. 114/98. 2 L attività di vendita di giornali e riviste può essere esercitata in chioschi installati ai sensi delle Disposizioni generali contenute nella sezione 1, e delle disposizioni di cui alla presente sezione, secondo le norme di cui al D.Lgs n. 170 e della normativa regolamentare comunale vigente.

8 8 ART Norme edilizie ed igienico sanitarie. 1 Fatto salvo quanto previsto nelle disposizioni generali del presente regolamento, i chioschi di cui alla presente sezione dovranno avere altezza media interna di m.2,70. L altezza media interna dei chioschi già esistenti non deve essere inferiore a m.2,40. 2 La superficie utile netta (calpestabile) dei chioschi non dovrà essere inferiore a mq e non superiore a mq. 20, escluso bagno ed antibagno ad uso esclusivo del personale (mq. 3,50), composto da un locale w.c. ed un spogliatoio/antibagno, aventi altezza media non inferiore a mt. 2,40 e comunque altezza minima non inferiore a m. 2,00. 3 Il rapporto di illuminazione e aerazione naturale della zona di vendita dovrà essere di 1/8, mentre per il locale w.c. l apertura finestrata può essere di 1/12, o in alternativa, impianto di aspirazione forzata ed illuminazione artificiale. 4 Deve essere fatto l allacciamento alla rete idrica dell acquedotto comunale nel caso in cui il chiosco sia dotato di servizio igienico, così come alla rete fognaria. 5 Deve essere fatto l allacciamento alla rete di distribuzione di energia elettrica. 6 Il titolare deve provvedere alla pulizia dell'area circostante. ART Nuovi insediamenti dei chioschi per libri usati e rivendite giornali e riviste. 1 I chioschi già insediati potranno essere trasferiti in qualunque parte del territorio comunale subordinatamente alle disposizioni di cui alla I sezione del presente regolamento. ART Chioschi fiori 1 I chioschi già insediati potranno essere trasferiti in qualunque parte del territorio comunale subordinatamente alle disposizioni di cui alla 1 Sezione del presente regolamento. 2 E richiesta la presenza di un contenitore di adeguate dimensioni per lo stoccaggio degli scarti vegetali. Tale contenitore può essere collocato all interno o all esterno senza obbligo di coperchio. ART Divieti, sanzioni e revoche. Sezione 7 DIVIETI, SANZIONI E REVOCHE 1 E' vietato apportare qualsiasi modifica al chiosco, se non preventivamente richiesta ed autorizzata. 2. Salvo che il fatto non sia altrimenti sanzionato dalla normativa specifica per ogni materia, le violazioni alle disposizioni contenute nel presente Regolamento sono punite con l applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui al Regolamento approvato con atto C.C. n. 204 del Le opere realizzate in difformità di permesso di costruire e/o denuncia inizio attività di cui alla Legge Regionale n. 31/2002, che comportano il non rispetto della tipologia e caratteristiche dei chioschi di cui all art. 9, dovranno essere ripristinate, oltreché assoggettate alle sanzioni di cui alla Legge Regionale n. 23, e successive modifiche. 4. Qualora, per qualsiasi motivo, venga a mancare il permesso di costruire o la concessione suolo pubblico, viene a decadere di conseguenza l esercizio dell attività effettuata nel chiosco. Le eventuali autorizzazioni ottenute per l esercizio dell attività potranno essere trasferite in altro luogo, qualora previsto dalla normativa di riferimento. 5. Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento, si rinvia alle vigenti disposizioni di legge.

COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna

COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COLLOCAZIONE DI CHIOSCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.10 del 25.02.2010 ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITÀ 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari)

COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari) COMUNE DI SUELLI (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO QUOTIDIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN CHIOSCHI ED ALTRE STRUTTURE SU POSTEGGI ISOLATI Approvato con delibera di

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. Tipo attività svolta. con sede nel Comune di CAP Prov. Via/Piazza n.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. Tipo attività svolta. con sede nel Comune di CAP Prov. Via/Piazza n. Modello P3 DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA CONCESSIONE PERMANENTE DI SUOLO PUBBLICO Chioschi - Dehors Tipo 4 e Dehors Tipo 5 (art 31 C.C. n. 131 del 20.12.2012 del Comune di Cesena) in possesso del titolo

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN DICHIARA

RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN DICHIARA RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA NOTIFICA AI SENSI DELL ART. 6 Reg. CE 852/2004 ATTIVITA SIAN Il titolare/leg. Rappresentante della Ditta con sede operativa Comune di: Via n. tel. CONSAPEVOLE CHE, ai sensi

Dettagli

COMUNE DI CAVAION VERONESE

COMUNE DI CAVAION VERONESE REGOLAMENTO E CRITERI TECNICI PER L INSTALLAZIONE DEGLI ELEMENTI DI ARREDO A DEFINIZIONE DEI PLATEATICI ANNESSI AI LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT

REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO SULLE CONDIZIONI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI PHONE CENTER ED INTERNET POINT (Approvato con deliberazione C.C. n.52 adottata nella seduta del 29.10.2011)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCO Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 121 del 09.12.2008 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI pag. 1 Art. 1 DEFINIZIONI pag. 1

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO - Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 10.03.2015 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI

ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI ALLEGATO B: DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A DEPOSITO ALL INGROSSO PRODOTTI ALIMENTARI PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE ************** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL'ATTIVITA' DI ESTETISTA ****************

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE ************** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL'ATTIVITA' DI ESTETISTA **************** COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE ************** REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL'ATTIVITA' DI ESTETISTA approvato con deliberazione del C.C. n. 54 del 27/9/2007 **************** ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER COMUNE DI RIMINI SETTORE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE E ATTIVITA' ECONOMICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER approvato con delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LINEE GUIDA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE APPLICATE ALLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ASL OLBIA (S.I.A.N.) SERVIZIO IGIENE E ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE (S.I.A.O.A.)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali

Art. 1 - Definizioni Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Principi generali Regolamento Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 dell 11/06/2007) (Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 25

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DI LICENZE PER SALE GIOCHI Art. 1 DEFINIZIONE E sala gioco l esercizio pubblico con biliardi e/o altri giochi leciti,

Dettagli

RICHIESTA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER BAR E RISTORANTE (Igiene Pubblica)

RICHIESTA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER BAR E RISTORANTE (Igiene Pubblica) Marca da bollo Al Signor SINDACO DEL COMUNE di RICHIESTA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER BAR E RISTORANTE (Igiene Pubblica) Il sottoscritto Cognome Nome Codice fiscale Data di nascita Cittadinanza

Dettagli

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t.

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t. TABELLA Legenda inf. = inferiore l = litri m = metri lineari mc = metri cubi min. = minimo mq = metri quadrati p.l. = posto letto/posti letto p.p.s. = pasti per servizio p.t. = posto tavola/posti tavola

Dettagli

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE

LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE LABORATORIO PRODUZIONE ALIMENTI: GASTRONOMIE RISTORANTI - PIZZERIE Gli esercizi di produzione possono iniziare l attività con notifica di Inizio Attività ai sensi dell articolo 6 Regolamento CE 852/2004

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA

ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA ALLEGATO G: LABORATORIO DI PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE PASTICCERIA FRESCA PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO DI DEHORS CON STRUTTURE PREFABBRICATE

OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO DI DEHORS CON STRUTTURE PREFABBRICATE mod. TribOsap-016 rev. 1 del 03/10 Egregio Signor Sindaco del Comune di Desenzano del Garda SETTORE TRIBUTI Marca da bollo Euro 14,62 OGGETTO: RICHIESTA DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER IL POSIZIONAMENTO

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco. IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la relazione del Direttore del Settore dei Servizi Istituzionali e comunicazioni che è parte integrante del presente

Dettagli

D.I.A. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PALESTRA

D.I.A. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PALESTRA timbro protocollo responsabile del procedimento data ricezione prot. gen. n. del prot. SUAP n parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune data modulistica: PALESTRE Mod. PAL1 - versione del 16/06/2009

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28/7 in data 31/03/2008 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012.

Approvato con delibera CC n. 30 del 31/05/2012. DISCIPLINA SULL OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E/O PRIVATO ALL ESTERNO DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI, PUBBLICI ESERCIZI ED ESERCIZI SIMILARI E DETERMINAZIONE DEI LIMITI E DELLE MODALITA DI ESPOSIZIONE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI CASTEL DEL PIANO Provincia di Grosseto Via G. Marconi, 9 Tel. 0564 973511 Fax 0564 957155 SERVIZIO 1 - AMMINISTRATIVO http: www.comune.casteldelpiano.gr.it REGOLAMENTO COMUNALE N. 82 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani)

COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) ALL.1 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia Regionale di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SALE GIOCHI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 51 DEL 16/06/09 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONI

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione A cura dei Medici di Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL di Carbonia: Gian Mauro Vinci, Gabriella Carta, Cesare Gradoli, Gabriella Pitzalis,. Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Art.4 Criteri di scelta del concessionario

Art.4 Criteri di scelta del concessionario REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREE COMUNALI PER LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PERTINENZIALI AI SENSI DELL ART.9, COMMA 4, DELLA LEGGE 24 MARZO 1989 N.122 (Deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO

CITTÀ DI AVIGLIANA. AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO CITTÀ DI AVIGLIANA AREA AMMINISTRATIVA Settore Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGI SINGOLI IN CONCESSIONE DECENNALE

Dettagli

Ristorazione collettiva ed assistenziale

Ristorazione collettiva ed assistenziale Ristorazione collettiva ed assistenziale DEFINIZIONE Sono considerate attività di ristorazione collettiva la preparazione e/o la somministrazione di pasti in: Mense di Ospedali e Case di Cura; Case di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING. COMUNE DI SCHIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING. Schio, novembre 2007 Approvato con deliberazione consiliare n. 164 del 19.12.2007

Dettagli

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE CAPO I - ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, DELLE PROFESSIONI SANITARIE AUSILIARIE Art. 189

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata SERVIZIO URBANISTICA (FAQ: Frequently Asked Questions) Come si ottiene il rilascio di un certificato di destinazione urbanistica

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI

COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI COMUNE DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L'ATTIVITA' DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI E IN CIRCOLI PRIVATI (Approvato con deliberazione dal C.C. n 4 del 19.01.1998) ART. 1 Per "Automatico

Dettagli

ALLEGATO N: STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE

ALLEGATO N: STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE ALLEGATO N: STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A RISTORANTE PREMESSA Con l entrata in vigore il 07 aprile 2007 della Legge Regionale n 8 del 02.04.2007, in Lombardia,

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE PER LA CONFORMITA ALLE NORME IGIENICO SANITARIE

AUTOCERTIFICAZIONE PER LA CONFORMITA ALLE NORME IGIENICO SANITARIE C I T T À D I B R A Sportello Unico per l Edilizia Piazza Caduti per la Libertà, 14 12042 - Bra e mail urbanistica@comune.bra.cn.it P.E.C. comunebra@postecert.it AUTOCERTIFICAZIONE PER LA CONFORMITA ALLE

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA 1 ANNO 2007 REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA 2 I N D I C E Capo primo (disposizioni generali) pag. 3 art. 1 oggetto del regolamento pag. 3 art. 2 dichiarazione inizio

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza. Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza. Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 12/2015 DISCIPLINA EDILIZIA SPECIALE PER LA REALIZZAZIONE E TRASFORMAZIONE DELLE SALE DA GIOCO E RACCOLTA SCOMMESSE Disposizione

Dettagli

COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto

COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto COMUNE DI SCARLINO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI Il presente Regolamento ha lo scopo di definire gli ambiti autorizzatori e gli aspetti connotativi

Dettagli

Requisiti strutturali nella ristorazione

Requisiti strutturali nella ristorazione LEZIONE 59 Requisiti strutturali nella ristorazione REQUISITI MINIMI STRUTTURALI DEI LOCALI La divisione degli ambienti nella ristorazione Requisiti di accessibilità Tutela della salute per i non fumatori

Dettagli

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA

COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA COMUNE DI BIELLA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE ****************************************************** ATTIVITA DI ACCONCIATORE - ESTETISTA Legge 4 gennaio 1990, n. 1 Legge n. 174/2005 D.Lgs. n. 59/2010

Dettagli

COMUNE DI SAN MAURO FORTE (Provincia di Matera) REGOLAMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMUNALI PER L'ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE

COMUNE DI SAN MAURO FORTE (Provincia di Matera) REGOLAMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMUNALI PER L'ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE COMUNE DI SAN MAURO FORTE (Provincia di Matera) REGOLAMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMUNALI PER L'ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr.

Dettagli

Istanza per apertura esercizio di commercio al dettaglio MEDIA STRUTTURA

Istanza per apertura esercizio di commercio al dettaglio MEDIA STRUTTURA Istanza per apertura esercizio di commercio al dettaglio MEDIA STRUTTURA Allo SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE del COMUNE di MESSINA IL SOTTOSCRITTO Cognome Nome suap@pec.comune.messina.it C.F. Data

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI COMUNE DI PONTE LAMBRO Via Roma n. 23 22037 Ponte Lambro (Co) C.F. / P.I. 00601450133 tel. 031 / 623240 fax 031 / 622491 www.comune.pontelambro.co.it UFFICIO COMMERCIO Posta elettronica: protocollo@comune.pontelambro.co.it

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90)

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Pagina 1 di 6 ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Al Comune di Fossano Ufficio Commercio 12045 FOSSANO Ai sensi della L. 17.08.2005 n 174

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI

PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI Indice Art. 1 Principi generali Art. 2 Zonizzazione Art. 3 Abilitazione all esercizio dell attività:

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento

INDICE DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni e normativa di riferimento Autorizzazione allo scarico Presentazione della domanda Durata del procedimento Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche in aree non servite da pubblica fognatura (Approvato con deliberazione n.140/cc del 29.11.2004) INDICE CAPO I Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

PIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

PIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI CASSANO ALLO IONIO (Provincia di Cosenza) PIANO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - - L.R. 11 Giugno 1999 n. 18 D.Lgs. 31 Marzo 1998 n. 114 Legge 15 Marzo 1997 n. 59 D.Lgs. 15 Novembre 1993 n.

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - EX AMBULANTE INDICE GENERALE ARTICOLO 1...2 PRINCIPI GENERALI...2 ARTICOLO 2...2 TRIBUTI...2 ARTICOLO 3...2 PUNTI VENDITA...2 ARTICOLO 4...3 OBBLIGHI...3

Dettagli

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

COMUNE DI TRESANA. Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI TRESANA Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del C.C. n. 3 del 14.01.2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO ART. 1 - COMPITI 3 ART. 2 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

COMUNE DI FOLLO. Provincia di La Spezia. P.za Matteotti Tel. 0187 599911 Fax 0187 558149 AREA AMMINISTRATIVA SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI FOLLO. Provincia di La Spezia. P.za Matteotti Tel. 0187 599911 Fax 0187 558149 AREA AMMINISTRATIVA SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia P.za Matteotti Tel. 0187 599911 Fax 0187 558149 AREA AMMINISTRATIVA SETTORE ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

Dettagli

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI SPETTACOLI E PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUGLI SPETTACOLI E I TRATTENIMENTI PUBBLICI ART. 1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SI AVVISA

AVVISO PUBBLICO SI AVVISA SETTORE SUAP ATTIVITA PRODUTTIVE OGGETTO: mercati occasionali e rassegne hobbystiche anno 2015. AVVISO PUBBLICO Premesso che si intende: per mercato occasionale (o mercatino ) l iniziativa organizzata

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

Nuove procedure. finalizzate al rilascio dell Attestazione della idoneità abitativa

Nuove procedure. finalizzate al rilascio dell Attestazione della idoneità abitativa Allegato A) Nuove procedure finalizzate al rilascio dell Attestazione della idoneità abitativa in applicazione dell art. 29, comma 3, lettera a) del D.Lgs. n 286 del 25.7.1998 e s.m. e i. A cura: Settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI E DEHORS

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI E DEHORS REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUINO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI E DEHORS Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 64 del 28/11/2013 Depositato presso la Segreteria

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

AL COMUNE DI TOLENTINO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE P.LE EUROPA,3 62029 TOLENTINO (MC)

AL COMUNE DI TOLENTINO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE P.LE EUROPA,3 62029 TOLENTINO (MC) AL COMUNE DI TOLENTINO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE P.LE EUROPA,3 62029 TOLENTINO (MC) OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per l esercizio dell attività di sala giochi; Segnalazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO. (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01. REGOLAMENTO COMUNALE PER LE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI DA GIOCO (Deliberazione del Consiglio comunale n. 1 del 10.01.2011) 1 INDICE TITOLO I - Norme generali Art. 1 - Oggetto ed ambito

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DI FOGNATURA Regolamento approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 29.09.2008 1 S O M M A R I O PARTE 1^: NORME GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE Sommario Art. 1 - Istituzione del canone per l occupazione strade, aree e spazi pubblici... Art. 2 - Oggetto

Dettagli

Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING

Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING Allegato A CENTRO DI CUSTODIA ORARIA O BABY PARKING ART. 1 - Definizione. 1. Il centro di custodia oraria (C.C.O.), denominato comunemente Baby Parking, è un servizio socio-educativo-ricreativo che accoglie

Dettagli

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI

C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI C I T T À D I V E R OLI * * * * * REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI SALE GIOCHI E GIOCHI AUTOMATICI IN PUBBLICI ESERCIZI ED IN CIRCOLI PRIVATI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 28/11/2012 I N D I C

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE Deliberazione consiliare n. 87 dd. 9 ottobre 2008 divenuta esecutiva in data 1 novembre 2008 2 REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE

Dettagli