COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio"

Transcript

1 1 COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio SERVIZIO DI QUALITA URBANA E MANUTENZIONE ANNI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO A- QUALITA URBANA B- VERDE PUBBLICO C- SERVIZI CIMITERIALI D- DISPOSIZIONI GENERALI

2 2 COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio SERVIZIO DI QUALITA URBANA E MANUTENZIONE ANNI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO A - QUALITA URBANA

3 3 ART. A1 - CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO - Il servizio di qualità urbana si divide in quattro specifici settori di intervento: Pulizia vasche e fontane; Pulizia e disinfezione bagni pubblici; Pulizia dell arredo urbano; Assistenza allo svolgimento delle manifestazioni. Negli articoli seguenti sono riportate le specifiche dei singoli settori. Il servizio viene affidato parte a corpo e parte a misura; nello specifico sono affidati a corpo i settori relativi alla pulizia vasche e fontane, alla pulizia e disinfezione bagni pubblici, alla pulizia dell arredo urbano, mentre è affidato a misura il servizio di assistenza allo svolgimento delle manifestazioni. ART. A2 - PULIZIA VASCHE E FONTANE - Il servizio riguarda le seguenti vasche e fontane: Giardini Unità d Italia lato mare (scalinata) e lato monte, Monumento ai caduti via XXV Aprile angolo viale Della Vittoria, Vasca Giardini Sbarretti. (vedi planimetria allegata; Allegato 1) Il servizio si articola nei seguenti interventi: Le vasche e le fontane che internamente sono dipinte dovranno essere tinteggiate con vernici specifiche (anti-algale) con colore scelto dal Comune con una cadenza massima di una volta all anno; ogni spesa si deve intendere a carico dell'affidatario, comprese eventuali scrostature delle vernici esistenti e riprese di sottofondi. Per la pulizia delle vasche e fontane è obbligatorio utilizzare prodotti con marchio ECOLABEL a basso impatto ambientale. L'affidatario provvederà alla pulizia delle vasche e delle fontane pubbliche, a salvaguardia anche dell immagine estetica degli stessi. Su vasche e fontane sono previsti, nell arco di un intero anno solare interventi di pulizia e lavaggio delle pareti e del fondo e ricambio acqua con frequenza tale da impedire la formazione di fenomeni algali, delle incrostazioni e che garantiscano l assenza di sporcizia (minimo un intervento al mese nel periodo novembre, dicembre, gennaio, febbraio, marzo e due interventi al mese nel periodo aprile, maggio giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre); Eventuali inconvenienti, rotture od otturazioni non eliminabili, dovranno con immediatezza essere comunicati al personale del 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio del Comune, per i provvedimenti del caso. Le monete raccolte, se presenti, durante la pulizia delle fontane saranno consegnate all economo comunale direttamente dal personale della ditta affidataria. L'affidatario potrà presentare un progetto di miglioramento e riqualificazione dei servizi descritti al presente articolo. ART. A3 - PULIZIA E DISINFEZIONE BAGNI PUBBLICI - Il servizio di pulizia e disinfezione dei bagni pubblici sarà svolto su scala annuale con differenti modalità, tra il periodo estivo e quello invernale. Il servizio riguarda i bagni

4 pubblici siti in Piazzale del Turismo, Piazza Valbruna, Spiaggia Libera, Cimitero Gabicce Monte, Cimitero Case Badioli. (vedi planimetria allegata; Allegato 1) Il servizio si articola nei seguenti interventi: PERIODO INVERNALE dal al successivo In tutti i locali, esclusi i bagni di spiaggia, quotidianamente dal LUNEDI, al SABATO, con esclusione dei giorni festivi; con un passaggio al mattino (tra le ore 8:00 e le ore 10:00); PERIODO ESTIVO dal al Bagni Piazzale del Turismo, Bagni Piazza Valbruna, Bagni Spiaggia libera (compresi quelli riservati al Centro Estivo per Bambini); saranno effettuati tutti i giorni, compresi i festivi, tre passaggi giornalieri (e tra le 7:00 e le ore 8:30, tra le ore 11:00 le ore 12:30, tra le ore 18:00 e le ore 20:00) Bagni cimitero Gabicce Monte, Bagni cimitero Case Badioli; sarà effettuata quotidianamente dal LUNEDI al SABATO, con esclusione dei giorni festivi, con un passaggio al mattino (tra le ore 8:00 e le ore 10:00). Per pulizia si intendono le attività di scrostatura, disotturazione, disinfezione, pulizia ordinaria di pareti, soffitti, pavimenti, sanitari ad ogni passaggio. Il servizio comprende i costi dei prodotti igienici quali carta, detergenti ecc.; sono compresi i costi per la collocazione nei distributori presenti e per la fornitura di distributori ove mancanti. Sono esclusi: la fornitura dell acqua, l energia elettrica, la manutenzione straordinaria, l utilizzo dell attrezzatura spurgo pozzi. Le modalità di espletamento di questo servizio potranno subire delle variazioni a seguito degli investimenti realizzati dal Comune per l automazione dei bagni pubblici. I prodotti detergenti ed il materiale di consumo impiegati per l'espletamento dei servizi devono obbligatoriamente possedere la certificazione ECOLABEL a basso impatto ambientale. Per qualsiasi tipo di pulizia, è fatto divieto di usare acidi o sostanze sdrucciolevoli. L'affidatario potrà presentare un progetto di miglioramento e riqualificazione dei servizi descritti al presente articolo. ART. A4 - PULIZIA DELL ARREDO URBANO Il servizio di pulizia e mantenimento degli arredi urbani (vedi planimetria allegata; Allegato 1) sarà svolto su scala annuale e comprende i seguenti interventi: n 3 Interventi annuali mirati di pulizia con automezzo dotato di idropulitrice del piazzale e dei marciapiedi adiacenti alla sede municipale nonché del portico e del piazzale sul fronte del municipio. Pulizia delle n 5 pensiline di attesa alle fermate degli autobus ogni 30 giorni. Per la pulizia è obbligatorio utilizzare prodotti con marchio ECOLABEL a basso impatto ambientale. 4 ART. A5 - ASSISTENZA ALLO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI PROMOZIONALI, CULTURALI E TURISITICHE - Il servizio comprende la predisposizione delle aree con la posa e la raccolta di tutte le attrezzature necessarie al corretto svolgimento delle manifestazioni a carattere turistico,

5 culturale, promozionale, ecc. organizzate e calendarizzate dal Comune dal al di ogni anno d'appalto. Il servizio si concretizza in circa 150 interventi sostanzialmente riconducibili a: interventi estivi: movimentazione sedie e pedane per manifestazioni/concerti; movimentazione sedie e tavoli, attrezzature diverse per degustazioni; movimentazione tavoli/transenne/fuochi di cottura/estintori per feste dell ospitalità; movimentazione materiale vario: sedie, tavoli, gazebo, transenne, pannelli, materiale per cottura ecc. per feste patronali, associazionistiche, raduni, gare sportive, ecc.; movimentazione pannelli, tavoli, sedie all inizio e alla fine della mostra per eventi espositivi. interventi periodo natalizio: movimentazione materiale vario: sedie, tavoli, gazebo, transenne, pannelli, materiale per cottura ecc. per manifestazioni natalizie. La movimentazione comprende il prelievo, con idoneo mezzo furgonato, del materiale dai magazzini comunali o altre sedi, la riconsegna a fine manifestazione alle stesse sedi, la collocazione, secondo schemi predefiniti, nelle aree o edifici, all interno del territorio comunale, dove si svolgono le attività o manifestazioni. Le attività seguiranno in parte prevalente uno specifico calendario, programmato per la intera stagione estiva ed il periodo natalizio, ed in parte minoritaria, una programmazione a breve termine, legata ad eventi eccezionali o a spostamenti e riprogrammazioni. Salvo diverse disposizioni, la collocazione del materiale dovrà avvenire nelle due ore immediatamente precedenti l'orario di inizio della manifestazione; la raccolta e riconsegna entro un'ora dalla fine della manifestazione. Per gli eventi non programmati, la richiesta di intervento da parte della amministrazione comunale dovrà avere un preavviso di almeno 48 ore. La contabilizzazione degli interventi avverrà mensilmente sulla base di rendiconti settimanali che riportino, per ogni intervento gli operatori ed i mezzi intervenuti, gli orari di inizio e fine, le attività svolte e le ore impiegate. Ogni singolo intervento sarà contabilizzato con un minimo di 0,50 ore per ogni addetto o mezzo intervenuto; al di sopra di tale minimo le ore saranno contabilizzate con arrotondamento al minuto. L intero servizio viene valutato in ore lavorative di manodopera e in 300 ore per nolo mezzi. L affidatario predisporrà un servizio di reperibilità per pronto intervento (es. spostamento materiale in caso di maltempo ecc.). Gli interventi in reperibilità sono esclusi dal compenso generale e saranno valutati a parte in base all'aumento del 10% del costo orario per il personale e per i mezzi definito in sede di aggiudicazione. L'affidatario potrà presentare un progetto di miglioramento e riqualificazione dei servizi descritti al presente articolo. ART. A6 - IMPORTO CORRISPETTIVO Per tutti i servizi sopra descritti il corrispettivo annuo è pari al valore che sarà definito in sede di aggiudicazione. Il conteggio degli interventi a basa d asta è stato calcolato come segue: 5

6 Costo orario di un addetto ai servizi, aumentato dei costi generali, dei materiali di consumo, della sicurezza aziendale, degli utili di impresa: 16,50 /ora; Costo orario di un autoveicolo furgonato con capacità di carico pari a mc 9,50 e q.li 14,00, fornito completo di carburante, assicurazioni, manutenzioni, ed ogni altro onere, escluso l autista: 18,50 /ora; Stima delle ore necessarie per gli interventi a corpo descritti agli articoli A2, A3, A4: ore 837,00; Stima delle ore necessarie per l assistenza alle manifestazioni di cui all articolo A5: ore 1.200,00; Stima delle ore di autoveicolo furgonato per l assistenza alle manifestazioni di cui all articolo A5: ore 300,00; CORRISPETTIVO ANNUO A CORPO PER INTERVENTI DI CUI ARTICOLI A2, A3, A4: 837,00 x 16,50 = ,50; CORRISPETTIVO ANNUO A MISURA PER INTERVENTI DI CUI ARTICOLO A5: 1.200,00 x 16,50 = ; 300,00 x 18,50 = 5.550,00; IN COMPLESSO ,00; COSTO ANNUO SICUREZZA DA INTERFERENZA PER LA SOLA PARTE A CORPO 1.300,00 ART. A7 - ELENCO PREZZI DELLE PRESTAZIONI DA EFFETTUARE A SPOT SU ORDINE DEL COMUNE Previo specifico affidamento da parte del Comune, l'affidatario dovrà predisporre adeguati servizi, anche a carattere stagionale, per la pulizia di arredo urbano, parti esterne e interne di edifici aperti al pubblico, interventi di facchinaggio ecc.. Il compenso per questi interventi sarà effettuato su apposita contabilità di quanto effettuato e sulla base del tariffario presentato in sede di gara. I costi riportati in tale tariffario tengono conto della incidenza della manodopera, dei costi della sicurezza, della fornitura ed utilizzo di materiale di consumo e attrezzature varie, dei costi amministrativi e di gestione. 6

7 7 COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio SERVIZIO DI QUALITA URBANA E MANUTENZIONE ANNI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO B - VERDE PUBBLICO

8 8 ART. B1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO Il servizio oggetto del presente Capitolato viene affidato a corpo e prevede l esecuzione di opere di manutenzione del verde pubblico sostanzialmente riconducibili a: Irrigazione aiuole fiorite e prati in base a quanto descritto al successivo art. B2; Aree verdi di parchi pubblici: falciatura di manti erbosi con frequenza variabile in base alle necessità con raccolta del materiale di risulta; gli sfalci dei prati comprendono la raccolta di tutto il materiale prodotto e il conferimento in apposito cassone ubicato all interno dell area comunale in via Pergolesi. Siepi: tagli di rinnovo, potatura, regolarizzazione con frequenza variabile in base alle necessità con raccolta del materiale di risulta; Alberature: abbattimento, potature, sfrondature di vario tipo, spollonatura, su esemplari di altezza compresa tra i ml. 4,00 e i ml. 20,00; Carico, trasporto e scarico dei rifiuti prodotti fino agli appositi contenitori ubicati nell area comunale di via Pergolesi; Esecuzione di tutte le opere e di tutte le forniture, elencate al successivo art. B2, a perfetta regola d'arte. Sono altresì comprese le seguenti prestazioni e forniture: diserbo, zappatura e sistemazione dei percorsi esistenti in alcuni giardini; fornitura di torba, sabbia del Po e ghiaino lavato necessari alle opere di manutenzione; irrigazione a mano, concimazione, zappatura ed asportazione di erbacce, ove necessario; manutenzione ordinaria e regolazione di tutti gli impianti di irrigazione automatica; lavori di riparazione e sistemazione di piante danneggiate dal maltempo; la raccolta, durante gli sfalci dell'erba, di tutti i rifiuti e gli oggetti vari abbandonati nei parchi, come sacchetti di plastica, bottiglie vuote di qualsiasi genere e dimensione, cartacce e quanto altro materiale diverso da quelli naturali che fanno parte della morfologia dei terreni; Durante l esecuzione dei lavori sopraelencati il personale dell Affidatario dovrà riferire eventuali situazioni anomale riscontrate sullo stato di manutenzione delle attrezzature e degli arredi delle aree verdi. Segnalazioni e suggerimenti per migliorare il servizio ed economizzare le risorse disponibili. Competerà comunque all appaltatore, nell ambito delle risorse previste e nell ottica di una puntuale ottimizzazione del servizio, a propria cura e spese e senza richiedere alcunché all Amministrazione Comunale, sia nella fase di avvio dei lavori stessi che durante il corso dell appalto, attuare gli eventuali aggiustamenti o le modifiche di lieve entità necessarie, anche con l utilizzo di mezzi, attrezzature od altro non previsti dal presente Capitolato, qualora tali materiali, in talune particolari situazioni non risultassero sufficienti. Rispetto delle normative restrittive riguardo agli interventi sulla flora, operanti per le aree ricomprese all'interno del Parco San Bartolo. L affidatario dovrà presentare un proprio progetto di manutenzione e di riqualificazione riferito alle aree individuate al successivo articolo, in miglioramento rispetto a quanto previsto nel presente Capitolato Speciale d'appalto. Tale progetto non può prevedere interventi inferiori alle prestazioni minime previste nel successivo articolo B2. La progettazione è libera e finalizzata al miglioramento della qualità percettiva degli spazi verdi e della loro vivibilità. Le eventuali riqualificazioni inserite nel progetto dovranno

9 essere realizzate entro e non oltre 90 (novanta) giorni dalla consegna del servizio. La riqualificazione, comprensiva delle successive manutenzioni, può essere riferita anche ad aree adiacenti a quelle in elenco, che consentano l'abbellimento ed una miglior fruizione e vivibilità del quartiere o isolato. Alla scadenza del contratto, le opere realizzate come miglioria o come nuova installazione resteranno di proprietà dell'amministrazione Comunale. Il loro costo si intende remunerato con il corrispettivo dell'appalto. 9 ART. B2 ELENCO DEI LAVORI DA ESEGUIRE La individuazione delle principali aree è riportata negli allegati elaborati grafici (vedi planimetria allegata; Allegato 2) Il corrispettivo previsto dall art. B3 comprende l effettuazione delle seguenti prestazioni (int. = numero di interventi/anno): MANUTENZIONE ORDINARIA DELLE AREE VERDI DI PERTINENZA DEI PLESSI SCOLASTICI All'interno delle aree di pertinenza degli edifici scolastici le prestazioni saranno svolte esclusivamente al di fuori degli orari in cui si svolgono le attività scolastiche e si rammenta che dovrà essere garantita l'entrata e l'uscita in sicurezza del personale scolastico e delle ditte che svolgono vari servizi all'interno degli edifici mediante la temporanea sospensione delle attività. 1) SCUOLA MATERNA - ASILO NIDO PONTE TAVOLLO (polo infanzia ARCOBALENO) e GIARDINO PUBBLICO ADIACENTE - mq ,00 sfalcio del prato (4 int.) pulizia erba alla base degli alberi (4 int.) potatura e regolarizzazione dei cespugli (3 int.) potatura del secco e dei rami rotti dagli alberi (n.2 int.) 2) SCUOLA ELEMENTARE DI CASE BADIOLI - mq ,00 sfalcio del prato (4 int.) pulizia erba alla base degli alberi (int. 4) potatura del secco ed innalzamento della chioma (1 int.) potatura e regolarizzazione dei cespugli e delle siepi (3 int.) regolazione e manutenzione ordinaria dell impianto di irrigazione automatico 3) SCUOLA MEDIA DI VIA XXV APRILE - mq ,00 sfalcio del prato (int. 4) pulizia erba alla base degli alberi (3 int.) potatura e regolarizzazione della siepe (4 int.) 4) CENTRO CULTURALE CREOBICCE E SCUOLA ELEMENTARE DEL CAPOLUOGO - mq ,00 sfalcio del prato (4 int.) pulizia erba alla base degli alberi (3 int.) potatura e regolarizzazione delle siepi e dei cespugli fioriti (3 int.)

10 10 potatura del secco delle piante ad alto fusto (1 int.) regolazione e ordinaria manutenzione dell impianto di irrigazione automatico PICCOLI GIARDINI ED AIUOLE LUNGO LE STRADE COMUNALI E AIUOLE SPARTITRAFFICO 5. VIA VESPUCCI potatura e regolarizzazione della siepe su ambo i lati della strada (3 int.) 6. VIA REDIPUGLIA: potatura e regolarizzazione delle siepi (3 int.) 7. VIA PANORAMICA (di fronte l Hotel Venus): potatura e regolarizzazione delle siepi (3 int.) vangatura, concimazione e regolarizzazione dei cespugli (3 int.) 8. VIA PANORAMICA LATI DESTRO E SINISTRO (tratto compreso dall intersezione con via Vespucci al monumento di Padre PIO): pulizia del tronco delle alberature lungo la via (2 int.) sfalcio vegetazione erbacea e arbusti presenti sulle scarpate a lato della strada, asportazione di rami bassi dagli alberi presenti sulle scarpate e prossimi alla strada, raccolta del materiale di risulta dai siti accessibili (4 int.) 9. SPARTITRAFFICO VIA PANORAMICA CON PROVINCIALE - mq. 164,00: sfalcio del prato (4 int.) regolarizzazione dei cespugli (4 int.) 10.VIA PANORAMICA (tratto compreso tra il monumento di Padre PIO e il Bar Panoramic): sfalcio vegetazione erbacea e arbusti presenti sulla scarpata lato mare, asportazione di rami bassi dagli alberi presenti sulla scarpata e prossimi alla strada, raccolta del materiale di risulta dai siti accessibili (4 int.) 11.VIA DELL ORIZZONTE sfalcio vegetazione erbacea e arbusti presenti sulla scarpata lato mare per una profondità 5-6 mt., potatura dei rami bassi dagli alberi presenti sulla scarpata e prossimi alla strada, raccolta del materiale di risulta dai siti accessibili (4 int.) 12. VIA XXV APRILE: sfalcio dell erba delle aiuole del marciapiede e lungo la recinzione del parcheggio (anche lungo la via Risorgimento) (4 int.) Innalzamento della chioma fino a ml. 4,00 dal marciapiede, dei lecci (n 18 circa) (n.1 intervento ad anni alterni) 13. GIARDINETTO VIA RISORGIMENTO ANGOLO VIA MARCONI E GIARDINETTO PENSILE VIA ZANDONAI - mq. 400,00: potatura e regolarizzazione siepi (3 int.) sfalcio del prato 4 int.

11 VIA CEVOLI: regolarizzazione della siepe (3 int.) 15. GIARDINO VIA DELLA LIBERTA - mq. 451,00: sfalcio del prato (4 int.) 16. SPARTITRAFFICO DI VIA F.LLI CERVI CON STRADA PROVINCIALE - mq. 142,50: sfalcio del prato (4 int.) regolarizzazione della chioma dell arbusto (1 int.) 17. VIALE DELLA VITTORIA - PLATANI -: pulizia del tronco fino ad un altezza di mt. 4-5 (2 int.) 18. GIARDINO VIALE DELLA VITTORIA NUOVA (intorno alla centrale ENEL e aiuole svincolo per Gradara) - mq ,00: sfalcio del prato (4 int.) 19. VIA DON LUIGI STURZO (spartitraffico ed area adiacente) - mq ,00: sfalcio del prato (4 int.) Spollonatura degli alberi fino all altezza di ml. 4,00 da terra (1 int.) ad anni alterni Aiuola tra pista ciclabile e strada carrabile: scialbatura dalle infestanti (4 int.), irrigazione in base alla necessità delle essenze messe a dimora, potatura degli arbusti e pulizia del secco (n 2 int.) 20. ZONA ARTIGIANALE - mq ,00: diserbo meccanico dei marciapiedi dell intera area (4 int.) aiuole spartitraffico SS 16 via Dell Artigianato sfalcio del prato (4 int.) 21. AREA MERCATO SETTIMANALE: potatura e regolarizzazione della siepe perimetrale con pulizia alla base dei tigli (3 int.) 22. VIA GUIDO ROSSA: pulizia alla base dei tigli (4 int.) Potatura di innalzamento e riduzione della chioma delle piante ad alto fusto, ad anni alterni (1 int.) 23. PASSEGGIATA TRA VIA ALDO MORO E GIARDINETTO CENTRO INFANZIA ARCOBALENO - mq. 534,00: diserbo meccanico compreso la pulizia ai piedi della alberature (3 int.) SENTIERI E PERCORSI PEDONALI 24. SENTIERO VIA CELLA - mq. 836,00: pulizia,sfalcio e taglio dei rami (2 int.) 25. SENTIERO DEL COPPO - mq. 800,00: pulizia, sfalcio e taglio dei rami (2 int.)

12 26. SENTIERO DA VIA DELLE RONDINI AL RISTORANTE SORRENTO - mq. 600,00: pulizia,sfalcio e taglio dei rami (2 int.) 27. SENTIERO DI VIA DELLE SELVE DA VIGNA DEL MARE A HOTEL VALLUGOLA - mq. 880,00: pulizia,sfalcio e taglio dei rami (3 int.) 28. SENTIERO DA VIA PANORAMICA (fronte tennis) AL BAR PANORAMIC - mq. 500,00: pulizia,sfalcio e taglio dei rami (3 int.) 29. PERCORSI PEDONALI CHE COLLEGANO I TORNANTI DI VIA REDIPUGLIA FINO A VIA PANORAMICA DAVANTI AL MONUMENTO DI PADRE PIO: n 2 tratti di circa 40 mt. su cui effettuare la potatura delle siepi che li delimitano (3 int.) 30. LUNGO DARSENA: sistemazione periodica di tutte le fioriere all interno della darsena (ad esclusione del primo livello) e lungo la passeggiata lungofiume (dalla Darsena a via Repubblica) comprendente la pulizia dalle infestanti, potatura, eventuali concimazioni, ecc. (3 int.) diserbo meccanico dei percorsi pedonali e delle aree pavimentate (2 int.) 12 PARCHI E AREE ATTREZZATE 31. PARCO SERBATOIO ACQUEDOTTO, MONUMENTO PADRE PIO e GIARDINO BELVEDERE (via Panoramica su ambo i lati) - mq ,00: sfalcio del prato (4 int.) regolarizzazione dei cespugli, delle siepi e arbusti (3 int.) Potatura di innalzamento della chioma delle piante ad alto fusto (2 int.) unico per l intera durata contrattuale. 32. GIARDINI SOTTO LA PIAZZA VALBRUNA DI GABICCE MONTE (Compresa scalinata di accesso) - mq ,00: sfalcio del prato (5 int.) potatura e regolarizzazione di cespugli e arbusti (3 int.) lavorazione terreno, potatura siepe (Scalinata accesso da P.zza Valbruna) (3 int.) pulizia dalle infestanti (3 int.) 33. PARCO DELLE RIMEMBRANZE (retro chiesa parrocchiale Gabicce Monte) - mq. 506,00: sfalcio del prato (3 int.) potatura e regolarizzazione di cespugli (3 int.) 34. AREA GIOCO PARROCCHIALE GABICCE MONTE - mq ,00 sfalcio del prato, compresa la scarpata a lato del campo da gioco (3 int.) potatura e regolarizzazione dei cespugli (3 int.)

13 35. CIMITERO CASE BADIOLI: sfalcio del prato (4 int.) nelle aree verdi interne al cimitero - mq. 3000,00; Potatura di contenimento della chioma dei cespugli e delle alberature (1 int.) Fornitura e posa di arredo verde all interno del cimitero e presso l ingresso principale per il periodo compreso tra il e il di ogni anno. Arredo costituito da perlomeno cento piantine stagionali fiorite in vaso collocati entro le fioriere esistenti; compreso onere per asportazione a fine periodo. Asportazione del secco dalle piante ad alto fusto (1 int.) 36. PIAZZA TOGLIATTI E AREE ADIACENTI - mq ,00: sfalcio del prato (4 int.) asportazione del secco dalle piante ad alto fusto (1 int.) 37. GIARDINI E AREE VERDI SU RETRO DELLA ZONA ARTIGIANALE DI CASE BADIOLI - mq ,00: sfalcio dell erba. Nel tratto che costeggia la Fossetta lo sfalcio deve arrivare fino al bordo acqua (3 int.) eliminazione del secco delle piante ad alto fusto (1 int.) 38. PIAZZA GRAMSCI - mq ,00: concimazione e potatura delle siepi e dei cespugli (3 int.) sfalcio del prato (4 int.) regolazione e ordinaria manutenzione dell impianto di irrigazione automatico 39. AREA PARROCCHIALE TAVOLLO - mq ,00: sfalcio del prato 4 int. 40. AREE PUBBLICHE LOTTIZZAZIONE CARDELLINO - mq ,00: sfalcio del prato (4 int.) potatura e regolarizzazione delle siepi (3 int.) pulizia alla base dei tigli e delle alberature ad alto fusto (3 int.) 41. SPARTITRAFFICO SS 16, VIA ROMAGNA E SP. 44 (Panoramica del San Bartolo) - mq ,00: sfalcio del prato (4 int.) potatura e regolarizzazione dei cespugli ed eliminazione siepe (3 int.) 42. PARCO PUBBLICO VIA F. da RIMINI - mq.6.721,00: sfalcio del prato (4 int.) pulizia erba alla base degli alberi ( 3 int.) potatura e regolarizzazione delle siepi (3 int.) 43. PARCO PUBBLICO CIMITERO GABICCE MONTE e AREA INTERNA AL CIMITERO - mq ,00: sfalcio del prato (3 int.) potatura e regolarizzazione dei cespugli; asportazione del secco dalle piante ad alto fusto ubicate lungo il muro perimetrale (3 int.) Fornitura e posa di arredo verde all interno del cimitero e presso l ingresso principale per il periodo compreso tra il e il di ogni anno. Arredo 13

14 costituito da perlomeno dieci fioriere da cm 40x70, compresa la fornitura delle fioriere, ciascuna con 3-4 arbusti fioriti o sempreverdi, sviluppo cm ; compreso onere per asportazione a fine periodo. 44. GIARDINO TRA LA STRADA PROVINCIALE DEL SAN BARTOLO E VIA F.LLI CERVI - mq ,00: sfalcio del prato (3 int.) potatura e regolarizzazione dei cespugli fioriti, arbusti e siepi (3 int.) eliminazione del secco delle piante ad alto fusto (1 int.) 45. PARCO IN FONDO ALLA VIA CARDELLINO (retro distributore eni-agip) - mq ,00: sfalcio del prato 4 int. eliminazione del secco dalle piante ad alto fusto (1 int.) 46. GIARDINI PUBBLICI LOTTIZZAZIONE VIA V. F. PALAZZETTI TORRENTE TAVIOLO - mq ,00: Sfalcio del prato (3 int.) 47. GIARDINI PUBBLICI CENTRO RESIDENZIALE IL CASTELLO - mq ,00: Sfalcio del prato su tutta l area. Nel tratto che costeggia il torrente Taviolo lo sfalcio deve arrivare fino al bordo acqua, (4 int.) 48. GIARDINO VIA GUIDO ROSSA TORRENTE TAVIOLO - mq ,00: Sfalcio del prato su tutta l area. Nel tratto che costeggia il torrente Taviolo lo sfalcio deve arrivare fino al bordo acqua, (4 int.) Spollonatura ed eliminazione del secco dagli alberi (1 int.) 49. SCARPATA TRA LOTTIZZAZIONE MURRI E SCUOLA MEDIA (NUOVO PARCO) - mq ,00: Sfalcio del prato (2 int.) 50. GIARDINO E PARCHEGGIO IN VIA XXV APRILE ADIACENTE ALLE POSTE - mq ,00: Sfalcio del prato (4 int.) 51. GIARDINO TRA VIA SAFFI E VIA ROSSELLI - mq ,00: Sfalcio del prato (4 int.) Spollonatura ed eliminazione del secco dagli alberi (1 int.) 52. GIARDINO NUOVA LOTTIZZAZIONE VIA E. DE NICOLA - VIA ROSSINI - mq ,00: Sfalcio del prato (3 int.) Spollonatura ed eliminazione del secco dagli alberi 1 int. 14 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE 53 POTATURE E ABBATTIMENTI:

15 Le opere prevedono la potatura di n. 233 alberi ad alto fusto (di media - alta difficoltà) per ogni anno di contratto, da individuare a cura dell Amministrazione Comunale da comunicare di volta in volta alla Ditta. Ogni singolo intervento dovrà essere riferito ad un numero minimo di 10 alberi. Gli interventi potranno riguardare le piante site lungo le strade comunali e nei parchi o giardini pubblici. E' compreso l'eventuale abbattimento di n. 10 alberi ad alto fusto (di media - alta difficoltà) per ogni anno di contratto da individuare a cura dell Amministrazione Comunale e da comunicare di volta in volta alla Ditta con estirpazione della ceppaia da eseguirsi in un unico intervento annuale.altezza delle piante compresa tra ml. 4,00 e ml. 20, DISERBO MECCANICO DELLE AIUOLE AI PIEDI DELLE ALBERATURE STRADALI Diserbo meccanico o chimico a scelta della D.L. di tutte le aiuole ai piedi delle alberature stradali del centro e della periferia, n 400 circa (n.3 int.) 15 ART. B3 CORRISPETTIVO Il corrispettivo annuo è pari al valore che sarà definito in sede di aggiudicazione. Il conteggio degli importi a base d asta è stato definito come segue: Costo unitario per unità di superficie dello sfalcio di prati, sulle estensioni desunte all articolo B2, comprensivo di ogni onere: 0,06 /mq Costo unitario di abbattimento e potature, comprensivo di ogni onere: 125,00 /cad Costo unitario diserbo meccanico, comprensivo di ogni onere: 0,70 /mq Complesso delle superfici soggette a sfalcio, descritte all articolo B2, moltiplicato per il numero di sfalci annuo: mq ,00 Complesso degli abbattimenti/potature da effettuare in un anno, descritte all articolo B2: n 233 Complesso dei diserbi meccanici descritti all articolo B2 da effettuare in un anno: n COSTO DELLO SFALCIO: 0,06X ,00 = ,74 COSTO ABBATTIMENTI/POTATURE: 125X233 = ,00 COSTO DISERBO MECCANICO: 1200,00X0,70 = 840,00 COSTO TOTALE ANNUO A CORPO ,74 Il suddetto costo totale non ha costi per la sicurezza da interferenza, come risulta dal DUVRI, in considerazione della assenza di attività contemporanee nelle aree ove si svolgono i servizi.

16 16 COMUNE DI GABICCE MARE Provincia di Pesaro e Urbino 3^ Settore Lavori Pubblici Ambiente e Patrimonio SERVIZIO DI QUALITA URBANA E MANUTENZIONE ANNI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO C - SERVIZI CIMITERIALI

17 17 ART. C1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio viene affidato a misura ed ha per oggetto l esecuzione delle prestazioni cimiteriali, descritte in dettaglio nel successivo articolo C7 nei due cimiteri Comunali di Case Badioli e Gabicce Monte (vedi planimetria allegata; Allegato 3)e sommariamente qui di seguito riassunte: Inumazione di: salma, salma in conseguenza alla mancata mineralizzazione dei resti, arti e feti di provenienza ospedaliera; Tumulazioni di: salma in loculo ad apertura frontale e/o laterale, salma in tombe di famiglia ad apertura frontale, superiore e/o laterale, Cassette con resti mortali o urne cinerarie in loculo ad apertura frontale e/o laterale, Cassette con resti mortali o urne cinerarie in tomba di famiglia ad apertura frontale, superiore e/o laterale, cassette con resti mortali e/o arti e feti di provenienza ospedaliera, o urne cinerarie; in ossario Estumulazioni: ordinarie e straordinarie da loculo ad apertura frontale e/o laterale, ordinaria e straordinaria da tombe di famiglia ad apertura frontale, superiore e/o laterale; Esumazioni : Ordinarie da campo comune di inumazione, incluso lo spostamento di lapide copri tomba con accatastamento della stessa all interno dell area cimiteriale; Massive non legate a funerali o straordinarie, programmate dal comune, incluso lo spostamento di lapide copritomba con accatastamento della stessa all interno dell area cimiteriale. Straordinarie da campo comune di inumazione, incluso lo spostamento di lapide copri tomba con accatastamento della stessa all interno dell area cimiteriale. L aggiudicatario dovrà eseguire su incarico del Comune anche operazioni di esumazione straordinaria. L aggiudicatario è inoltre tenuto a garantire l eliminazione di eventuali pendii o aperture che dovessero formarsi nel terreno. Lavori di pulizia dei locali a disposizione del personale e relative pertinenze; le pulizie dovranno essere svolte almeno una volta alla settimana. Attività varie all interno dei cimiteri, quali pulizia delle superfici interessate da rottura di casse nei loculi o tombe di famiglia private, conseguentemente all esplosione di gas putrefatti, attività straordinarie non riconducibili ai casi precedenti. Nello svolgimento del servizio, l aggiudicatario dovrà ottemperare ai seguenti obblighi: Verificare, all arrivo del feretro al cimitero la regolarità dei documenti amministrativi dell impresa di pompe funebri, l integrità del feretro e dei relativi sigilli; consegnare

18 18 successivamente al comune,che ne curerà la registrazione, la documentazione presa in consegna e l'attestazione di avvenuta verifica. Fornire al Comune il Documento di valutazione dei Rischi corredato dai nominativi delle figure previste dalla normativa vigente in materia di sicurezza; Adottare in occasioni delle cerimonie funebri comportamenti idonei alla delicatezza delle circostanze in termini di professionalità e di decoro; In tutte le operazioni svolte presso i cimiteri comunali l aggiudicatario dovrà garantire un elevato livello di decoro formale dei propri operatori, nel senso che essi dovranno mantenere un atteggiamento rispettoso dei luoghi e delle circostanze, ed avere un aspetto confacente alla funzione svolta, indossando una idonea divisa. E fatto assoluto divieto al personale dell affidatario di fumare, bere o mangiare durante le cerimonie funebri. ART. C2 - ALTRI OBBLIGHI - 1.-Il Comune cede in proprietà all'affidatario le seguenti attrezzature di proprietà del Comune di Gabicce Mare: Elevatore sviluppabile elettro-idraulico alimentato con corrente continua e dotato di pompa manuale e di secondo cestello per operatore e traslazione, MOD. E/20 BPTC, della Ditta F.LLI FERRETTI S.R.L., Via C. Parmpolini n. 69, Quattro Castella (RE), anno di costruzione 2003, Valore commerciale ,00; Lettiga sviluppabile idraulica a batteria con traslazione per trasporto e sollevamento del solo feretro, MOD. L/59 BT, della Ditta F.LLI FERRETTI S.R.L., Via C. Parmpolini n. 69, Quattro Castella (RE), anno di costruzione 2003, Valore commerciale ,00; Rampe per elevatore idraulico a batteria con traslazione (MOD. E/20 BT), Valore commerciale. 100,00 per ogni rampa per n. 3 rampe. 300,00; Le attrezzature vengono cedute nello stato in cui si trovano, che l'affidatario ha dichiarato di conoscere; prima dell utilizzo delle attrezzature la ditta aggiudicataria dovrà effettuare a sue spese, le opportune manutenzioni e adeguarle se necessario alle vigenti normative in materia di prevenzione infortuni e sicurezza. Il valore delle attrezzature sarà rimborsato al Comune con la corresponsione di sei rate pari a. 883,33 per un importo totale di ,00, valore commerciale delle attrezzature, da trattenersi sulle prime sei liquidazioni per i servizi resi. Alla scadenza dell ultima rata verrà formalizzata la cessione delle attrezzature a favore dell'affidatario. Nel caso in cui per qualsiasi motivo, il rapporto contrattuale del servizio si interrompa prima del pagamento dell ultima rata, le attrezzature resteranno di proprietà dell Ente e dovranno essere restituite in adeguato stato di conservazione e manutenzione. Nell eventuale riconsegna delle attrezzature le omesse manutenzioni ordinarie e straordinarie dovute ad improprio o cattivo uso saranno addebitate all'affidatario. Tutte le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria finalizzate alla costante efficienza dei mezzi e delle attrezzature, assicurazione, carburanti e lubrificanti dei mezzi impiegati saranno a carico dell'affidatario. 2.-Il Comune mette a disposizione dell'affidatario uno spazio scoperto e recintato ed uno spazio coperto (vedi planimetria allegata; Allegato 3) per il deposito dei materiali necessari alle operazioni affidate. È a cura dell'affidatario la manutenzione ordinaria di tali spazi. 3.-La fornitura di energia elettrica, strettamente necessaria per lo svolgimento del servizio oggetto dell appalto, sarà a carico del Comune.

19 19 4.-L'Affidatario non potrà depositare all interno dei cimiteri attrezzature e/o materiali utilizzati per l esecuzione del servizio oggetto del presente appalto senza la preventiva autorizzazione del Comune e non potrà eseguire prestazioni che non siano connesse al servizio stesso. 5.-E fatto obbligo all Affidatario di adottare, nella esecuzione dei servizi oggetto del presente affidamento, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità degli addetti e dei terzi, avendo altresì cura di evitare danni a beni pubblici e privati. Ogni più ampia responsabilità nel caso di infortuni e danneggiamenti ricadrà pertanto sull affidatario, restando il Comune esonerato da ogni responsabilità e onere, compreso il risarcimento di eventuali danni che, in dipendenza delle modalità di esecuzione dei lavori, fossero arrecati a proprietà pubbliche o private nonché a persone fisiche. Nel caso in cui durante lo svolgimento delle proprie attività l affidatario alteri o danneggi un impianto tecnologico, l eventuale riparazione sarà a carico dello stesso, così come le spese di collaudo e di predisposizione della dichiarazione di conformità dell impianto a regola d arte. 6.- E fatto obbligo all Affidatario di predisporre le segnalazioni diurne e notturne mediante cartelli, fanali e transennamenti nel caso di lavori che si protraggono per più giorni (esumazioni, estumulazioni, ecc.) 7.-Sono a carico dell'affidatario gli oneri derivanti dall approvvigionamento e custodia di materiali e attrezzature necessarie alla realizzazione dei lavori. 8.- E fatto obbligo all Affidatario di segnalare al Comune eventuali esigenze di interventi di manutenzione delle strutture laddove ciò sia necessario per il decoro e la sicurezza dei cimiteri, e di rendersi disponibile a coordinare l erogazione dei propri servizi con gli altri fornitori del Comune, valutandone, se richiesto, le modalità di intervento. 9.-Le operazioni di polizia mortuaria di cui al presente appalto saranno effettuate nel rispetto di tutte le norme del caso previste dal D.P.R. 285/1990 Regolamento di Polizia Mortuaria, e dalle disposizioni previste dal vigente regolamento comunale di polizia mortuaria. La ditta si impegna a fornire al Comune di Gabicce Mare tutte le informazioni richieste a consentire le verifiche, le ispezioni e ogni altra operazione conoscitiva di carattere tecnico. Sono in ogni caso riservate all azienda ULSS le funzioni di igiene di sua competenza. ART. C3 - PERSONALE, ASSICURAZIONI, CONTRATTI DI LAVORO, PREVENZIONE INFORTUNI - Il personale addetto all esecuzione dei servizi previsti dal capitolato dovrà presentarsi in ordine, mantenere un contegno decoroso ed operare in modo da non violare le disposizioni di legge e di regolamento dei servizi cimiteriali. Il personale addetto alle cerimonie funebri dovrà indossare una divisa concordata con il Comune e la tessera di riconoscimento corredata da fotografia, contenente la generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro, come previsto dall art. 20 del D.Lgs. 81/2008. Le violazioni delle succitate disposizioni, comportano l applicazione, in capo al responsabile delle stesse, delle sanzioni previste dagli art. 55, 56, 57, 58, 59, 60 del D. Lgs. 81/2008.

20 20 ART. C4 - GESTIONE RIFIUTI - Tutti i rifiuti vanno conferiti negli appositi contenitori, predisposti dal Comune, in modo differenziato; il Comune provvederà allo smaltimento. La gestione di tutti i rifiuti derivanti dalle attività previste nel presente capitolato speciale di appalto dovrà essere eseguita secondo quanto previsto dalla normativa vigente. ART. C5 - AMMONTARE DEL SERVIZIO - Il corrispettivo annuo è pari al valore che sarà definito in sede di aggiudicazione. Il conteggio degli importi a base d asta è stato definito come segue, sulla base dei rendiconti degli anni precedenti e delle tariffe, come riportato nella tabella che segue: Descrizione lavori Quantità Tariffe Importo Carrello Smontaggio lapide ossario Smontaggio lapide grande Smontaggio lapide loculo Rottura timpano ossario Rottura timpano grande Rottura timpano loculo Chiusura ossario Chiusura loculo tombe di famg Chiusura loculo Montaggio lapide ossario Montaggio lapide grande Montaggio lapide loculo Collocazione lapide a terra Scavo per inumazione F. e P. O. vasca contenimento Mano d'opera varie Totale importo L'importo annuo è quindi pari a presunte ,00; il conteggio reale deriverà dalla applicazione delle suddette tariffe, decurtate dei ribassi d'asta, agli interventi che effettivamente saranno eseguiti, sulla base dei rendiconti trimestrali. ART. C6 - PERIODI DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI - Tutte le operazioni previste nel presente capitolato, di norma dovranno essere effettuate nei giorni feriali dalle ore 8.30 alle ore Potranno essere eccezionalmente proposti dalla ditta aggiudicataria orari differenti, previa richiesta al responsabile dei servizi cimiteriali, con un anticipo di almeno 36 ore;

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Roma, ottobre 2004 SOMMARIO 1. Premessa 3 2. Quadro di riferimento 4 2.1 Il sistema ambientale del Comune di Roma 4 2.2 Il verde previsto dal nuovo piano regolatore

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli