Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera"

Transcript

1 Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Dott.ssa Alessandra Giacomelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

2 Gli Apoidei (Apoidea Latreille, 1802) Superfamiglia appartenente all ordine degli imenotteri che raggruppa circa specie La più nota: ape domestica da miele (Apis mellifera) Nutrizione a base di nettare e di polline Comportamento sociale (Apis sp., Bombus sp.) o solitario (Andrena sp.,

3 Insetti sociali Cooperazione per la costruzione del nido e per l accudimento della covata Sovrapposizione di almeno due generazioni Divisione del lavoro: presenza di una casta sterile differenziata da quella fertile

4 Ape domestica da miele Insetto sociale appartenente al sottordine Apocriti, famiglia Apidi, genere Apis, che comprende: Apis dorsata (ape gigante) Apis florea (ape nana) Apis cerana (ape orientale) Apis mellifera o ape mellifica

5

6 Apis dorsata Apis florea

7 Apis mellifera Nativa in Asia occidentale, Africa ed Europa Diffusione nel resto del mondo per opera dell uomo Grande varietà morfologica Taglia (30% di differenza) Colore (tergiti chiari-scuri) Caratteristiche comportamentali 27 sottospecie distinte

8

9 Discriminazione morfometrica in Apis mellifera 1978 Frederick Ruttner, biologo tedesco: Biogeography and taxonomy of honeybees, Metodologie e caratteri da osservare per discernere ogni razza di ape Attualmente i caratteri più usati sono 36

10 Caratterizzazioni morfologiche di Apis me Disegni della nervatura alare: differenze costanti riconducibili a determinate regioni geografiche o a ceppi diversi. Colorazione del 2 e 3 tergite Lunghezza e larghezza dell ala anteriore destra

11

12 Api operaie Apis mellifera carnica Apis mellifera ligustica Apis mellifera mellifera

13 La societa delle api Le api vivono in società suddivise in diverse caste: Riproduttori Ape regina Maschi (fuchi) Femmine sterili Api operaie con organi genitali involuti Matriarcale, pluriennale, monoginica, si moltiplica per sciami Costruzione del nido Favi di cera Celle a forma di prisma esagonale: immagazzinamento delle provviste (miele e polline) allevamento della covata

14 Morfologicamente distinguiamo: Regina Operaia Fuco Femmina fertile diploide Femmina sterile diploide Maschio fertile aploide

15 Principali differenze fra operaie, regine e fuchi Caratteristiche Operaia Regina Fuco Lunghezza del corpo (mm) Larghezza del torace (mm) 4 4,2 5 Peso (mg) n. segmenti del flagello delle antenne N placche porose delle antenne Posizione degli occhi composti Separati Separati Contigui N ommatidi Lunghezza ligula (mm) 5,5-7,1 Molto corta Molto corta Zampe Attrezzate Non attrezzate Non attrezzate Pungiglione Presente Presente Assente

16 Ape Regina

17 Api operaie

18 Fuchi Courtesy: Duccio Pradella

19 Cella reale e nascita della regina

20 Compiti principali: L ape regina Dimensioni maggiori rispetto alle api operaie Addome più voluminoso e lungo Lunghezza del corpo quasi doppia Produzione di progenie (uova fecondate e non) Mantenimento della integrità della famiglia (feromoni) L ape regina depone un numero variabile di uova al giorno (circa 2.000) Sospensione naturale temporanea di deposizione a seconda del clima (estate od inverno)

21 Maturità sessuale Regina: dal 6-7 giorno (da immagine perfetta) Voli di orientamento a 5-6 gg dallo sfarfallamento Poliandria: accoppiamento con 8-16 fuchi Fuchi: dal 14 giorno (da immagine perfetta) per un periodo di 2 settimane

22 Il volo di accoppiamento Punti di raduno dei fuchi Regine si allontanano dallo alveare per circa 30 minuti Paralisi del fuco dopo estroflessione dell endofallo Morte dei maschi La regina conserva nella spermateca gli spermatozoi, vitali, pe

23 Inseminazione strumentale

24 Feromoni secreti dalla regina Ghiandole mandibolari: feromone per l aggregazione della famiglia Ghiandole tergali Ghiandole tarsali Ghiandola di Dufour.

25 Ghiandole mandibolari feromone che assicura: la coesione della colonia, impedisce la costruzione di altre celle reali e stabilizza la corte delle operaie che accompagnano la regina. Durante il volo nuziale ha potere attrattivo verso i fuchi.

26 Ghiandole tergali Situate sull addome producono sostanze attrattive per le operaie e che probabilmente servono a stabilire il rapporto di dominanza della regina

27 Ghiandole tarsali Si trovano all estremità dei pretarsi di operaie, regina e fuchi Producono feromoni che inibiscono la costruzione di celle reali

28 La ghiandola alcalina o di Dufour produce un feromone (con cui la regina marca le uova deposte) e una sostanza adesiva per incollare l uovo al fondo della celletta.

29 ANNI UOVA DEPOSTE MORTALITA % % % % % IMPORTANTE MANTENERE REGINE GIOVANI

30 Deposizione della regina nelle cellette

31 La covata - Larve

32 Lotta tra 2 regine

33 Ciclo di sviluppo delle api L ape regina depone un uovo in ogni cella La larva che nascerà da questo uovo diventerà ape operaia, fuco od un ape regina a seconda : se l uovo era stato fecondato o meno in base alla dieta a cui sarà sottoposta Tutte le larve per i primi tre giorni di vita vengono nutrite con pappa reale Se la larva è destinata a diventare ape operaia: miscela di miele e polline dopo il terzo giorno Se la larva è destinata a diventare un ape regina verrà costantemente nutrita con pappa reale

34 Tutte le uova si schiudono dopo 3 giorni dalla deposizione Fuoriuscita dell insetto adulto da cella opercolata Ape regina 16 giorni dalla deposizione dell uovo Ape operaia 21 giorni dalla deposizione dell uovo Fuco 24 giorni dalla deposizione dell uovo

35 API OPERAIE LE API OPERAIE sono femmine sterili e presentano organi sessuali atrofizzati Eccezionalmente: in mancanza di una possibilità di allevare un ape regina alcune operaie possono iniziare a deporre uova dalle quali nasceranno fuchi Le api operaie vivono circa 40 giorni in primavera-estate Quelle nate alla fine dell autunno vivranno invece fino alla fine dell inverno Le operaie sono deputate a svolgere tutti i compiti necessari alla corretta gestione dell alveare In base all età ed al conseguente sviluppo od atrofizzazione di determinate ghiandole l ape operaia svolgerà diversi compiti

36 Compiti delle api operaie 1-2 GIORNO Pulizia delle celle e riscaldamento della covata 3-5 GIORNO Alimentazione delle larve adulte 6-11 GIORNO Alimentazione delle larve giovani e della regina GIORNO Produzione della cera e costruzione dei favi Ventilazione Magazzinaggio Primi voli di orientamento

37 18-21 GIORNO Guardia dell alveare Dal 22 GIORNO Esplora l ambiente Raccoglie nettare, polline, melata, propoli, acqua Impollinazione delle piante entomofile In Inverno con temperature al di sotto dei 10 C Le api sospendono ogni attività di volo Si raccolgono sui favi in glomere

38 Immagazzinamento del miele Trofallassi

39 Ghiandole mandibolari Il secreto delle ghiandole mandibolari nelle operaie nutrici, assieme a quello delle ghiandole ipofaringee, è la componente essenziale della gelatina reale. Nelle api guardiane queste ghiandole secernono la sostanza di allarme (2-eptanone, per mettere in guardia le altre api da pericoli incombenti) anche con funzione di repellente (per contrassegnare sorgenti alimentari già bottinate).

40 Ghiandole ipofaringee Si trovano nel capo e secernono il più importante componente della gelatina reale. Sono più sviluppate nei primi 10 giorni di vita per poi regredire fino a produrre solo enzimi per la trasformazione del nettare in miele (amilasi, glucosidasi)

41 Ghiandole associate al pungiglione Il veleno contiene alte concentrazioni di acido citrico, melittina, enzimi (fosfolipasi e jaluronidasi), sostanze attive sul sistema nervoso (es. istamina, adrenalina, acetilcolina). Al momento della puntura è rilasciato isopentil acetato che richiama le api ad uno stato di allerta

42 Ghiandola odorifera di Nasònov Si trova sull addome e secerne un feromone che facilita il ritrovamento dell alveare da parte delle api. Inoltre favorisce l aggregazione dello sciame e marca le sorgenti alimentari.

43 Il fuco Dimensioni più grandi (15 mm di lunghezza contro i mm delle operaie) Ali più grandi delle operaie (superano la lunghezza dell addome) Hanno gli occhi composti molto voluminosi quasi si toccano sulla fronte (da 7 a ommatidi) Ocelli spostati in avanti Ligula molto corta non adatta alla raccolta del nettare Antenne più complesse di quelle delle operaie: placche porose (organi olfattivi) Termoregolazione e maturazione del miel

44

45 Nido naturale Courtesy: Duccio Prade

46 Favi Le api ceraiole (12-17 giorni di vita) formano diverse catene verticali e parallele Catene indipendenti fra loro partecipano alla costruzione dello stesso favo I favi sono formati da una doppia serie di celle esagonali poste orizzontalmente (leggermente inclinate verso l alto) a stretto contatto fra di loro e aventi il fondo in comune I favi vengono costruiti con forte importazione di nettare

47 Ghiandole della cera Situate nella parte anteriore di 4 sterniti addominali, sono formate da due aree ovali lisce dette specchi della cera con cellule dell epidermide ipertrofizzate che secernono cera (formata da acidi grassi ed esteri ed insolubile in acqua)

48

49 Celle con miele e polline

50 La sciamatura Modalità di filiazione di una nuova famiglia di api Divisione di una colonia di api giunta al massimo del suo accrescimento Ogni sciame è composto da un gruppo più o meno numeroso di api operaie con una piccola quantità di fuchi ed a capo un ape regina che, allontanandosi dal loro ceppo originario, si organizza in vita auto Formazione di celle reali Allontanamento con la regina madre di parte della famiglia poco prima dello sfarfallamento della nuova regina Ricerca di idoneo sito ove trasferirsi La permanenza dello sciame nel primo riparo trovato può essere definitiva o di breve durata (1-4 giorni)

51

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

24 2011 I CONTROLLI UFFICIALI SULLE API REGINE IMPORTATE DAI PAESI TERZI

24 2011 I CONTROLLI UFFICIALI SULLE API REGINE IMPORTATE DAI PAESI TERZI BIOLOGIA DELLE API Dott.ssa Marcella Milito 24 novembre 2011 I CONTROLLI UFFICIALI SULLE API REGINE IMPORTATE DAI PAESI TERZI Hotel Palacavicchi, via di Ciampino,70 Roma IZS LAZIO E TOSCANA Le api fanno

Dettagli

Le dispense di ALPA Miele

Le dispense di ALPA Miele Le dispense di ALPA Miele Lezione: 01-febbraio-2013 20:00-23:00 Locali AVIS Via Famagosta,1 17100-Savona Etologia delle api: api e ambiente Biologia dell'ape mellifera Ligustica 1. DIVISIONE IN CASTE Esistono

Dettagli

Ricerca a cura della 3ª C

Ricerca a cura della 3ª C Ricerca a cura della 3ª C Insegnante Donatella Marra Anno scolastico 2009-2010 L'ape: come vive, com'è fatta Fra gli insetti che pungono le api sono le più temute dall'uomo. Le femmine hanno un pungiglione

Dettagli

L'APE è un insetto e appartiene alla famiglia degli imenotteri (insetti dotati di 4 ali membranose). La dimensione media di un'ape operaia è di circa

L'APE è un insetto e appartiene alla famiglia degli imenotteri (insetti dotati di 4 ali membranose). La dimensione media di un'ape operaia è di circa L'APE è un insetto e appartiene alla famiglia degli imenotteri (insetti dotati di 4 ali membranose). La dimensione media di un'ape operaia è di circa 1,5cm, è di colore marrone-nerastro che diventa più

Dettagli

Tutela delle sottospecie autoctone Risultati delle attività della UO Apicoltura IZSLT

Tutela delle sottospecie autoctone Risultati delle attività della UO Apicoltura IZSLT Corso per la rimonta aziendale riproduttori di api mellifere ligustiche autoctone IZSLT- Roma, 8 giugno 2012 PROGRAMMA FINALIZZATO AL MIGIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEL MIELE Annualità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda)

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) I casi della seconda metà di aprile Caso 1B: La fucaiola Riferimenti teorici: Pillole di genetica Un giovane apicoltore mi aveva

Dettagli

L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome.

L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome. L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome. Sul capo ogni ape ha due antenne che le permettono

Dettagli

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT La società delle api è matriarcale: c è un unica madre che è l Ape Regina e che depone ogni giorno le uova dalle quali nasceranno soprattutto

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del prof. Giorgio Rigoni L ape è un insetto degli IMENOTTERI

Dettagli

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue.

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue. , Pur essendo il più pregiato prodotto dell'alveare per le sue notevoli proprietà, la Pappa Reale è stata per lungo tempo ignorata. 600: Il primo a citarla è lo scienziato SCHWAMMENDAN che ne descrive

Dettagli

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione Corso di Aggiornamento per Medici Veterinari: RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Dettagli

CONOSCENZE DI BASE PER L APICOLTURA

CONOSCENZE DI BASE PER L APICOLTURA CONOSCENZE DI BASE PER L APICOLTURA PRIMA LEZIONE ROVERETO - mercoledì 4/03/2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach,Centro Trasferimento Tecnologico Una SOLIDA CONOSCENZA TEORICA della biologia delle

Dettagli

Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api

Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api III Convegno del Centro Apistico Regionale UN ISTANTANEA SANITARIA DEL SETTORE APISTICO Asti, 23 ottobre 2012 Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api Dott.ssa Alessandra Giacomelli

Dettagli

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE DISPOSIZIONI

Dettagli

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca. Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura:

Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca. Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura: Scuola primaria G. Giusti S. Anna Lucca Modulo classi seconde Progetto interdisciplinare sulle trasformazioni stagionali della natura: Insegnanti: Marzia Benedetti, Alfreda Nevicati,M.Teresa Pedocchi Realizzato

Dettagli

L immortalità si propaga

L immortalità si propaga 031-050_api_cap2 OK 23-09-2008 13:58 Pagina 31 L immortalità si propaga Per vivere, le api traggono energia e materia dall ambiente e li riorganizzano in maniera da garantire alle colonie le condizioni

Dettagli

Origini della vita sociale delle api.

Origini della vita sociale delle api. Origini della vita sociale delle api. L'ape mellifica è un insetto estremamente sociale, vive in famiglie o colonie costituite da decine di migliaia di individui (da 10.000 a 100.000 individui). I reperti

Dettagli

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

LE NOSTRE AMICHE API percorso interdisciplinare per competenze classe seconda B Raiano

LE NOSTRE AMICHE API percorso interdisciplinare per competenze classe seconda B Raiano LE NOSTRE AMICHE API percorso interdisciplinare per competenze classe seconda B Raiano Il 16 marzo é venuta a trovarci Susanna l esperta dell associazione Keria per parlarci del perfetto mondo delle api.

Dettagli

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA.

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. OBIETTIVI DEL CORSO: Intervento di formazione per la certificazione di competenza

Dettagli

Non esiste un solo tipo di api, ma un universo variegato e complesso fatto di famiglie, sottofamiglie, migliaia di specie e tante razze, alcune più

Non esiste un solo tipo di api, ma un universo variegato e complesso fatto di famiglie, sottofamiglie, migliaia di specie e tante razze, alcune più Un mondo senza api? Un mondo senza api? Gli insetti impollinatori, mentre volano di fiore in fiore alla ricerca del cibo (ovvero il nettare), trasportano il polline da una pianta all altra, rendendo possibile

Dettagli

5. Il comportamento sociale

5. Il comportamento sociale A B Ti sarà sicuramente capitato di vedere, magari in televisione, più animali della stessa specie riuniti nello stesso luogo. Si parla di vita sociale quando questo stare insieme procura un qualche vantaggio,

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano Pablo Morlacchi matricola n 541272 Università degli Studi di Milano Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie a.a. 2001/2002 Apicoltura Prof. M. Colombo Apis mellifica - relazione - Apis mellifica,

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Proseguiamo consegnando a ciascun alunno la scheda Le api e Come nascono le api? (scheda per 3 alunni).

Proseguiamo consegnando a ciascun alunno la scheda Le api e Come nascono le api? (scheda per 3 alunni). Le api e il miele Suggestioni di lavoro per l insegnante. Iniziamo l attività di studio del mondo delle api con un racconto letto dall insegnante; ai bambini il compito di ascoltare con attenzione ed elaborare,

Dettagli

LA SOCIETÀ DELLE API

LA SOCIETÀ DELLE API LA SOCIETÀ DELLE API COMPOSIZIONE DI UNA FAMIGLIA DI API 1 REGINA 2000-6.000 FUCHI 10.000-60.000 OPERAIE Principali differenze fra operaie, regine e fuchi Caratteristiche Operaia Regina Fuco L corpo mm

Dettagli

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A.

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Agripoint s.a.s. Abbiategrasso Gli impollinatori: l ape e i suoi amici in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Si ringraziano per la collaborazione In particolare Elena Brioschi, Fabio Berta,

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA (Aprile-Giugno 2015) L Associazione Regionale Apicoltori Pugliesi (A.R.A.P.) organizza un Corso teorico e pratico di introduzione all Apicoltura della

Dettagli

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi Prodotti dell alveare. Produzione e loro caratteristiche. Miele, cera,polline,propoli,pappa reale, Riconoscimento di alcuni mieli con l analisi sensoriale. ROVERETO 2015 Graziano Comper Miele: Origine

Dettagli

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare Aethina tumida Murray (1867) (piccolo coleottero dell alveare) Phylum Arthropoda Classe Exapoda Ordine Coleoptera, Famiglia Nitidulidae

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

Regione autònoma de sardigna Regione autonoma della sardegna Ente forestas de sardigna Ente foreste della sardegna

Regione autònoma de sardigna Regione autonoma della sardegna Ente forestas de sardigna Ente foreste della sardegna LA STORIA DELLA PICCOLA ApE RaYa Regione autònoma de sardigna Regione autonoma della sardegna Ente forestas de sardigna Ente foreste della sardegna Insieme alla nostra amica Ape Raya, con questo opuscolo

Dettagli

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1:

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1: Unità 1: L'ape fa il miele... L'ape L ape è un insetto molto speciale, vola di fiore in fiore raccogliendo nettare che poi trasformerà in miele. Il nettare è il nutrimento dell ape adulta. Il miele è il

Dettagli

Gli acari delle rogne

Gli acari delle rogne Gli acari delle rogne Le rogne sono malattie parassitarie causate da ACARI Gli ACARI (parassiti permanenti) vivono e si nutrono Scavando gallerie (Sarcoptes) o nidi epidermici (Notoedres) Sulla superficie

Dettagli

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB)

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) Aethina tumida Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) U.O. Apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana Aethina tumida Murray (1867) Classificazione Phylum:

Dettagli

Associazione Naturalisti SACILE ONLUS. Api conoscerle per difenderle, conoscerle per migliorarci.

Associazione Naturalisti SACILE ONLUS. Api conoscerle per difenderle, conoscerle per migliorarci. Associazione Naturalisti SACILE ONLUS Api conoscerle per difenderle, conoscerle per migliorarci. Brassica napus Ai nostri genitori, api laboriose, umili e solidali Testi e Foto: Alfredo Marson con il

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI Giugno 2007 - da applicarsi in ogni stato membro entro il 31.12. 2007-1 I N D I C E 1. Limiti di validità e principi di base 2. Collocazione delle famiglie

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

Inseminazione strumentale dell'ape regina

Inseminazione strumentale dell'ape regina LAVORO ESEGUITO DA APICOLTURA DUE PONTI DI MASSARA FRANCESCO APICOLTURA AGATA CIERLIŃSKA Perché inseminare artificialmente le nostre regine Francesco Massara e Agata Cierlińska Inseminazione strumentale

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 Programma MAQS Strisce per Alveare NOD profilo aziendale Cos è MAQS? Come MAQS ferma la Varroatosi? Ricerca su

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004. N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004. N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA PROGETTO DI RICERCA CORRENTE 2004 N. identificativo progetto: IZS LT 10/04 RC Progetto presentato da: ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA Area tematica: Sanità animale Titolo

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

Tecnologie Alimentari. FTC15 Linea Lavorazione Miele

Tecnologie Alimentari. FTC15 Linea Lavorazione Miele Didacta Italia Tecnologie Alimentari FTC15 Linea Lavorazione Miele ISO9001:2000 Didacta Italia Srl - Strada del Cascinotto, 139/30-10156 Torino Tel. (011) 273.17.08 273.18.23 - Fax (011) 273.30.88 e-mail:

Dettagli

RICERCA DEI METALLI PESANTI NEL MONDO DELLE API

RICERCA DEI METALLI PESANTI NEL MONDO DELLE API ITAS CARLO GALLINI VOGHERA (PV) A.S. 2006-2007 RICERCA DEI METALLI PESANTI NEL MONDO DELLE API Marta La Mendola Barbara Rapetti Antonella Varotto SOMMARIO Introduzione...3 Premessa...3 Materiali e metodi...4

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

La nutrizione delle api

La nutrizione delle api La nutrizione delle api tradotto e riassunto da Cassandra Capochiani Articolo originale : Honey Bee Nutrition Zachary Huang, Michigan State University Jointly published in the American Bee Journal and

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di conduzione dell apiario. Dopo il confinamento delle regina,

Dettagli

Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo

Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Aethina tumida: stato dell arte delle infestazioni in Italia e nel mondo Paolo AUDISIO Dipartimento di Biologia e Biotecnologie C. Darwin, Università di Roma La Sapienza Di cosa parleremo: Origini, ciclo

Dettagli

Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale

Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale Il campo delle api - Progetto di educazione ambientale MESE DI AVVIO DEL PROGETTO: OTTOBRE 2009 MESE DI CONCLUSIONE: GIUGNO 2010 DENOMINAZIONE DEL PROGETTO PROGETTO APICOLTURA IL CAMPO DELLE API TIPOLOGIA

Dettagli

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - Azienda Sanitaria Trento - PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - dott. Franco Gatti - MORI 25 MARZO 2014 I fattori che causano direttamente le malattie delle api o

Dettagli

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi

Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi Capitolo 3 Riproduzione e trasmissione dei cromosomi 3.1 Nelle cellule somatiche del topolino domestico vi sono 40 cromosomi. a. Quanti cromosomi riceve dal padre? b. Quanti autosomi sono presenti nel

Dettagli

FACOLTA DI AGRARIA. Corso di Laurea in Agricoltura Ecologica. Testo della Prova Finale. Aspetti tecnici, economici e commerciali

FACOLTA DI AGRARIA. Corso di Laurea in Agricoltura Ecologica. Testo della Prova Finale. Aspetti tecnici, economici e commerciali FACOLTA DI AGRARIA Corso di Laurea in Agricoltura Ecologica Testo della Prova Finale Aspetti tecnici, economici e commerciali della produzione di pappa reale Relatore: Prof. Silvio Franco Laureando: Sergio

Dettagli

Alla scoperta del miele

Alla scoperta del miele Alla scoperta del miele Supporto didattico per insegnanti Lucia Piana Giancarlo Naldi OSSERVATORIO NAZIONALE MIELE Lo fanno le api, è dolce e fa bene Tutti sanno che il miele lo fanno le api, è dolce e

Dettagli

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Associazione Apicoltori delle Valli di Sole, Pejo e Rabbi Apicoltori in

Dettagli

INSETTARIO VIRTUALE. PARCO del MOLGORA. Scuola Secondaria di Primo Grado Burago di Molgora Classi 1A-1B Aprile- Maggio 2012

INSETTARIO VIRTUALE. PARCO del MOLGORA. Scuola Secondaria di Primo Grado Burago di Molgora Classi 1A-1B Aprile- Maggio 2012 PARCO del MOLGORA Parco Locale di Interesse Sovracomunale INSETTARIO VIRTUALE Scuola Secondaria di Primo Grado Burago di Molgora Classi 1A-1B Aprile- Maggio 2012 GLI INSETTI Comprendono pulci, libellule,

Dettagli

RELAZIONE SUL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO ( SETTORE APICOLTURA ) Tirocinante:Roberto Di Andrea L APIARIO. DESCRIZIONE

RELAZIONE SUL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO ( SETTORE APICOLTURA ) Tirocinante:Roberto Di Andrea L APIARIO. DESCRIZIONE RELAZIONE SUL TIROCINIO PRATICO-APPLICATIVO ( SETTORE APICOLTURA ) Tirocinante:Roberto Di Andrea L APIARIO. DESCRIZIONE L Apiario oggetto di questa trattazione è sito presso l Azienda Agraria dell Istituto

Dettagli

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE GONADI VIE SPERMATICHE convogliano i gameti all uretra

Dettagli

VARROA 2011.. CHE FARE???

VARROA 2011.. CHE FARE??? VARROA 2011.. CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011 In mancanza della bacchetta VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale

Dettagli

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione 1. Gli allevatori scelgono, fra le regine valutate nell anno precedente, di cui possibilmente

Dettagli

2. Il fuco, che impiega 24 giorni per trasformarsi da uovo in insetto adulto, è inerme e privo di

2. Il fuco, che impiega 24 giorni per trasformarsi da uovo in insetto adulto, è inerme e privo di Ape mellifica Classificazione scientifica: L'ape mellifica appartiene alla famiglia degli apidi, superfamiglia degli apoidei, ordine degli imenotteri (che possiedono ali membranose dal greco hymen=membrana

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Il piccolo scarabeo dell alveare Aethina tumida (SHB 1 ) è un parassita invasivo degli alveari originario del sud del Sahara

Dettagli

La somministrazione del nutrimento alle api da miele

La somministrazione del nutrimento alle api da miele La somministrazione del nutrimento alle api da miele SWEETS ASSORTIMENTO 1. Esigenze fondamentali delle api da miele 2. Necessità di somministrazione del nutrimento 3. Nutrimenti diversi per le api 4.

Dettagli

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API ProBee è una associazione di microrganismi la cui attività metabolica produce sostanze che inducono un effetto positivo sulle condizioni

Dettagli

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli spec Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio (I Parte) Nella Regione Lazio, per l anno 2010, l Assistenza tecnica in apicoltura

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di prodotti vegetali Sequenza di processo

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia La Zanzara Tigre Importata nel mondo occidentale dall Asia, probabilmente grazie al commercio di copertoni usati, dove ha trovato una nicchia adatta alla propria diffusione, la Zanzara Tigre (Aedes albopictus)

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 La aethiniosi e la tropilaelapsosi sono patologie esotiche, entrambe inserite nell elenco delle

Dettagli

Il Calendario dell'apicoltore. Dodici mesi con le api

Il Calendario dell'apicoltore. Dodici mesi con le api Il Calendario dell'apicoltore Dodici mesi con le api HOME INDICE HOME INVERNO Dicembre Gennaio Febbraio ESTATE Giugno Luglio Agosto PRIMAVERA Marzo Aprile Maggio AUTUNNO Settembre Ottobre Novembre Gennaio

Dettagli

La riproduzione. Fig. 21

La riproduzione. Fig. 21 La riproduzione La riproduzione delle api é anfigonica (la più comune nel mondo degli insetti), ovvero prevede la partecipazione di entrambi i sessi per l ottenimento della generazione successiva. Tuttavia

Dettagli

Etichettatura del Miele. Vanni Floris etichettatura del miele

Etichettatura del Miele. Vanni Floris etichettatura del miele Etichettatura del Miele D.lgs maggio 2004 n. 179 produzione e la commercializzazione del miele Per «miele» si intende la sostanza dolce naturale che le api (Apis mellifera) producono dal nettare di piante

Dettagli

Varroa destructor [1], la cui tassonomia è riportata nella

Varroa destructor [1], la cui tassonomia è riportata nella 66-70-varroa_Layout 1 22/02/13 11.05 Pagina 66 API Pillole di anatomia e biologia di Varroa destructor ALESSANDRA GIACOMELLI, MARCO PIETROPAOLI, MARTINA PIZZARIELLO, IRENE CAPOMOLLA, GIOVANNI FORMATO Istituto

Dettagli

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico Cimice dei letti Novità Novitàper il il controllo controllo delle delle cimici cimici dei dei letti letti a cura di Marco Gusti Agrotecnico Consulente in Igiene ambientale, disinfestazione, derattizzazione,

Dettagli

Quanti accoppiamenti occorrono agli acari della varroa?

Quanti accoppiamenti occorrono agli acari della varroa? Quanti accoppiamenti occorrono agli acari della varroa? Gérard Donzé 1, Peter Fluri 2 e Anton Imdorf 2 1 Istituto di zoologia, Università di Neuchâtel, Rue Emile-Argand 11, CH-2007 Neuchâtel 2 Centro Svizzero

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

Etichettatura del Miele

Etichettatura del Miele Workshop Ricerca applicata in Apicoltura per la tutela dell Ambiente e la Valorizzazione delle Produzioni Etichettatura del Miele Sulmona 18 Ottobre 2013 Dr. Carlo Ferrari - ASL Roma G Etichettatura l

Dettagli

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Il rischio di un attacco biologico da parte di insetti e microrganismi è comune a biblioteche, archivi e istituti museali

Dettagli

VAL POSCHIAVO, IL PASSATO IN IMMAGINI

VAL POSCHIAVO, IL PASSATO IN IMMAGINI ferroviari più belli del mondo, con u- na particolare citazione del belvedere dell Alp Grüm). Un viaggio tra Tirano e St. Moritz non è un transfert ferroviario, ma una gioia per occhi e per lo spirito.

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO difesa delle foreste Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del Castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

Frassineto (Oasi di Legambiente-Gaiano)

Frassineto (Oasi di Legambiente-Gaiano) Frassineto (Oasi di Legambiente-Gaiano) A maggio noi ragazzi del progetto di scienze ci siamo recati nell Oasi di Frassineto in una frazione di Fisciano, per curiosare nel mondo delle api. L esperto apicoltore

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

LE FORMICHE. Posizione sistematica e organizzazione sociale

LE FORMICHE. Posizione sistematica e organizzazione sociale Prof. PIERO CRAVEDI Direttore Istituto di Entomologia e Patologia vegetale Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Membro del Comitato Scientifico di Vape Foundation LE FORMICHE Le formiche sono

Dettagli

I nemici delle api. Come tutti gli esseri viventi anche le api sono soggette a numerose malattie e nemici.

I nemici delle api. Come tutti gli esseri viventi anche le api sono soggette a numerose malattie e nemici. I nemici delle api Come tutti gli esseri viventi anche le api sono soggette a numerose malattie e nemici. L ambiente dell alveare (umidità elevata, calore, ricca disponibilità di sostanze nutritive) é

Dettagli

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN)

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DI.VA.P.R.A. Via Leonardo da Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) DIPARTIMENTO DI VALORIZZAZIONE E PROTEZIONE DELLE RISORSE AGROFORESTALI Settore Entomologia e Zoologia applicate

Dettagli

Il Leprino di Viterbo, una razza cunicola selezionata per l allevamento alternativo

Il Leprino di Viterbo, una razza cunicola selezionata per l allevamento alternativo Il Leprino di Viterbo, una razza cunicola selezionata per l allevamento alternativo Alessandro FINZI 1 Giorgio MARIANI 1 Pedro GONZÁLEZ-REDONDO 2 1 Centro Allevamenti Cunicoli Alternativi. Consorzio «Coniglio

Dettagli