VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54"

Transcript

1 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54 SESSIONE STRAORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa M. Rosaria Campanella OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA, TRIENNIO 2014/2016 CON LE PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E VIGODARZERE. ========================== Reg. Pubbl. N. REFERTO DI PUBBLICAZIONE Certifico io sottoscritto Segretario Comunale che copia della presente delibera viene pubblicata all'albo comunale on line per 15 giorni consecutivi. dal al addì IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa Maria Rosaria Campanella ========================== ========================== CERTIFICATO DI ESECUTIVITÀ La presente deliberazione, pubblicata a norma di legge, senza opposizioni e reclami, è divenuta ESECUTIVA il L'anno DUEMILATREDICI addì DICIOTTO del mese di DICEMBRE alle ore nella sala delle adunanze, previa convocazione con avvisi scritti n in data tempestivamente consegnati, si è riunito il Consiglio Comunale. All'appello risultano: Presenti Assenti Giust. Ing. VEZZARO FRANCESCO LOBASCIO GIUSEPPE ZATTARIN DEMETRIO BOSCHELLO MORENO SCOTTON VALERIO NAZARI MAURIZIO ZANOVELLO LISA PENELLO MASSIMO RIZZO STEFANO CALLEGARO FABRIZIO ROSSI VITTORIO GIUFFRIDA DANIELE ZORDAN ADOLFO PAVANETTO ENRICO MASCHIO RINALDO ZANOVELLO ROBERTO GIACOMETTI FABIO Addi IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa Maria Rosaria Campanella Partecipa alla seduta la dr.ssa Maria Rosaria Campanella Segretario Comunale. Il signor Lobascio Giuseppe, nella sua qualità di Presidente assume la presidenza e, riconosciuta legale l'adunanza, dichiara aperta la seduta e chiama all'ufficio di scrutatori i signori: Rossi Vittorio e Maschio Rinaldo. Il Presidente chiede al Consiglio di deliberare sull'oggetto sopra indicato, iscritto al n. 4 dell'ordine del giorno.

2 Il Presidente cede la parola al Consigliere Zanovello Lisa, Assessore alla Cultura, Scuola Famiglia e Pari Opportunità, che illustra l argomento: Non c è moltissimo da dire, nel senso che avevamo approvato con discreto ritardo, nel 2011, quando ci siamo insediati, era scaduta nel 2010, la convenzione. Siamo già in approvazione della scadenza triennale e questa volta ci tenevo particolarmente che venisse fatta prima della scadenza, in modo che si potessero affrontare i tre anni scolastici a venire con la dovuta tranquillità. La convenzione è sostanzialmente invariata, anche per quanto riguarda i contributi economici e per praticamente tutti gli articoli che la compongono. Voglio solo sottolineare che in tempi in cui c è una certa instabilità anche a livello del Governo nazionale e una grande incertezza in quelli che saranno poi i contributi che vengono erogati ai Comuni, l impegno da parte dell Amministrazione è comunque di mantenere, per i prossimi tre anni, un contributo stabile ed invariato. Sicuramente questo è segno che qualsiasi cosa accada l Amministrazione tiene particolarmente a questo livello dell istruzione dei nostri bambini, riconoscendo naturalmente il ruolo fondamentale che le parrocchie hanno, non essendoci presente una scuola materna statale, sono presenti solamente le paritarie. È sicuramente un servizio insostenibile. Naturalmente la convenzione è già stata discussa con tutti i parroci e le scuole materne coinvolte, raccogliendo la loro adesione. Chiederei l approvazione di questo Consiglio Comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Vigodarzere, intende favorire, in conformità all ordinamento vigente ai principi contenuti nel proprio statuto comunale, la promozione e il sostegno del servizio di scuola materna e degli altri servizi per l infanzia, incentivando la più ampia partecipazione dei cittadini nei processi educativi e scolastici rivolti alla formazione e allo sviluppo della personalità del bambino; i servizi educativi forniti dalle scuole materne non statali nell ambito del territorio comunale concorrono a costituire un sistema formativo finalizzato alla promozione globale della persona ed alla formazione di soggetti liberi, autonomi e aperti alla collaborazione e alla solidarietà; le scuole materne non statali del territorio sono una risorsa irrinunciabile e rappresentano uno dei momenti fondamentali del processo di formazione della personalità dei minori, provvedendo ad affiancare la famiglia nell educazione integrale del bambino; l intervento dell amministrazione comunale nello specifico settore della scuola materna vuole avere come obiettivo primario quello di agevolare l adempimento dei compiti della famiglia, di garantire il pluralismo sancito dalla Costituzione e la libertà dei genitori di scegliere le forme e i contenuti formativi più aderenti alle loro attese educative, assicurando un adeguata ed uniforme qualità dei servizi nel territorio comunale; 1 DCC n. 54/2013

3 ATTESO che sono attive ed operano nel territorio comunale, esercitando un azione di rilevante contenuto sociale per le famiglie, n. 4 scuole dell infanzia paritarie, facenti rispettivamente capo a ciascuna delle Parrocchie del territorio, con le quali è in corso una convenzione per il servizio di scuola dell infanzia per il triennio , approvata con DCC n. 28 del , in scadenza il prossimo 31 dicembre; RILEVATA la necessità di rinnovare la convenzione predetta per il triennio ; PRESO atto che le scuole menzionate sono state dichiarate tutte paritarie a sensi della L. 10 marzo 2000, n. 62, con decreti del Ministero della Pubblica Istruzione n. 488/4902, n. 488/40903, n. 488/4904 e n. 488/4905 in data , a decorrere dall anno scolastico 2000/2001; RICHIAMATO l art. 138 bis della L.R. 13 aprile 2001, n. 11, introdotto dall art. 6 della L.R , n. 6, il quale dispone che, spetta anche ai Comuni il potere di concedere, con i propri fondi di bilancio, contributi per il funzionamento delle scuole materne non statali, finalizzati alla conservazione ed alla manutenzione ordinaria degli edifici, delle attrezzature e degli impianti, al funzionamento degli stessi, nonché all acquisto di materiale didattico e d uso e alle spese per il personale; RISCONTRATO inoltre il disposto di cui all art. 12 della L.R.. 23 del , ove si prevede che i contributi possono essere concessi anche dai comuni di residenza dei bambini che frequentano scuole materne non statali localizzate in comuni diversi; VISTO il protocollo d intesa sottoscritto il tra l ANCI Veneto e la Federazione Italiana Scuole Materne FISM Veneto che prevede la collaborazione tra Scuole d infanzia paritarie e i Comuni, diretto a promuovere e a sostenere la qualità della programmazione pedagogica e il contenimento dei costi di gestione del sistema paritario regionale; RILEVATO che la stessa FISM sovrintende la stipula di convenzioni tra Comuni e Scuole materne allo scopo di riconoscere le scuole d infanzia paritarie come parte del sistema scolastico pubblico, prevedendo inoltre l impegno dei Comuni di erogare sovvenzioni a contenimento delle rette di frequenza a carico delle famiglie; RITENUTA, per quanto sopra esposto, la necessità di concorrere, mediante l erogazione di contributi economici, nelle spese di gestione e di attuazione del progetto di offerta formativa attuati dalle predette scuole materne paritarie del territorio, disciplinando i reciproci obblighi tra Comune e Parrocchia con apposita convenzione; ATTESO che le scuole menzionate sono state dichiarate tutte paritarie ai sensi della L. 10 marzo 2000, n. 62, e rammentato che l art. 4 della predetta legge riconosce i requisiti essenziali al riconoscimento della parità scolastica in capo ai menzionati istituti privati; VISTO ed esaminato la schema di convenzione composto di premessa e di n. 15 articoli che si allega sub A) a formare parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; TENUTO conto che tale convenzione è stata presentata dal competente assessore ai legali rappresentanti delle scuole paritarie nel corso dell incontro svoltosi il ed inoltrata nella sua stesura definitiva in data 3 dicembre 2013, senza ricevere osservazioni; OSSERVATO che l argomento è stata posta all ordine del giorno della 2^ commissione consiliare Cultura, istruzione, politiche sociali e sanitarie, politiche per la famiglia, sport, partecipazione e comunicazione, pari opportunità in data , andata deserta; RITENUTO detto schema meritevole di approvazione, assicurando, fra gli altri punti: 2 DCC n. 54/2013

4 a) il ruolo fondamentale delle scuole dell infanzia paritarie del territorio come risorsa irrinunciabile e momento essenziale di formazione dei minori in affiancamento alla famiglia nell educazione integrale del bambino; b) la condivisione del progetto educativo e di offerta formativa; c) l integrazione delle scuole paritarie con i servizi del territorio per quanto attiene ai casi sociali e a quelli di disabilità psico-fisica; d) il perseguimento dell uniformità e il contenimento delle rette; e) l ammontare delle sovvenzioni comunali per ciascuno degli anni in cui sarà in vigore la convenzione; f) le modalità di partecipazione del Comune alla gestione della scuola e di funzionamento dell organo di coordinamento; RITENUTA la propria competenza ai sensi dell art. 42, lettera c), del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267; ACQUISITI i pareri del responsabile del servizio interessato e di ragioneria in ordine alla regolarità tecnica e contabile; SENTITI gli interventi dei Consiglieri; CON voti favorevoli n. 14, contrari 0, astenuti n. 0 su n. 14 consiglieri presenti e votanti, espressi per alzata di mano, riconosciuti con l assistenza degli scrutatori e proclamati dal presidente, d e l i b e r a 1) di approvare il testo della convenzione da sottoscrivere con le Parrocchie del Comune di Vigodarzere, qualificate come enti promotori e gestori delle scuole dell infanzia paritarie nel testo composto da premessa e da n. 15 articoli che si allega sub A) alla presente deliberazione per formarne parte integrante e sostanziale; 2) di dare atto che la convenzione avrà validità dal e fino al 31 dicembre 2016; 3) di dare, infine, atto che il responsabile del servizio provvederà, nell ambito delle proprie competenze, alla sottoscrizione della convenzione e all assunzione dell impegno per il pagamento dei contributi ivi previsti, previa verifica dei requisiti resi necessari al riconoscimento della parità scolastica, elencati all art. 4 della L n. 62. ^^^^^^^^^^^ Infine, con separata votazione, con voti favorevoli n. 14, contrari 0, astenuti n. 0 su n. 14 consiglieri presenti e votanti, espressi per alzata di mano, la presente deliberazione viene dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, 4 comma, del D.Lgs , n DCC n. 54/2013

5 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E VIGODARZERE PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA - triennio L anno duemilatredici (2013), addì ( ) del mese di, in Vigodarzere, nella residenza comunale: TRA il COMUNE DI VIGODARZERE (PD), Via Ca Pisani 74 (c.f ), che interviene nel presente atto a mezzo del sig. Lucio Piva, nato a Padova il , Responsabile del Servizio, ai sensi e per gli effetti dell art. 107 del T.U n. 267 e dello Statuto Comunale, esclusivamente in nome e per conto e nell interesse del Comune medesimo, con riferimento a quanto approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. del, E - la Parrocchia (ente gestore) San Silvestro di Saletto (PD), che interviene nel presente atto a mezzo del Parroco Don Leonildo Ragazzo nato a Limena il , il quale dichiara di agire in qualità di legale rappresentante della Scuola dell Infanzia Sacro Cuore Saletto sita in questo Comune in Via L. Da Vinci 57 (c.f. Parrocchia ), riconosciuta come scuola paritaria, ai sensi della L n. 62, con D.M. della Pubblica Istruzione n. 488/4905 in data ; - la Parrocchia (ente gestore) San Pietro Apostolo di Tavo (PD), che interviene nel presente atto a mezzo del Parroco Don Franco Morosinotto nato a Campo San Martino il , il quale dichiara di agire in qualità di legale rappresentante della Scuola dell Infanzia Sacro Cuore sita in questo Comune in Via Chiesa 18 (c.f. Parrocchia ), riconosciuta come scuola paritaria, ai sensi della L n. 62, con D.M. della Pubblica Istruzione n. 488/4904 in data ; - la Parrocchia (ente gestore) S. Antonio da Padova di Terraglione (PD), che interviene nel presente atto a mezzo del Parroco Don Bernardo Pegoraro nato a Zugliano (VI) il , il quale dichiara di agire in qualità di legale rappresentante della Scuola dell Infanzia Suor Lucia De Gasperi sita in questo Comune in Via Terraglione 19 (c.f. Parrocchia ), riconosciuta come scuola paritaria, ai sensi della L n. 62, con D.M. della Pubblica Istruzione n. 488/4903 in data ; - la Parrocchia (ente gestore) San Martino di Vigodarzere (PD), che interviene nel presente atto a mezzo del Parroco Don Luigi Bonetto nato a Cittadella il , il quale dichiara di agire in qualità di legale rappresentante della Scuola dell Infanzia C. Bettin sita in questo Comune in Via Roma 268 (c.f. Parrocchia ), riconosciuta come scuola paritaria, ai sensi della L n. 62, con D.M. della Pubblica Istruzione n. 488/4902 in data ; con la precisazione che il riferimento alla scuola è da intendersi a ciascuna singola scuola dell infanzia.

6 SI PREMETTE: L A.N.C.I. (Associazione Nazionale dei Comuni d Italia) Sezione del Veneto e la F.I.S.M. (Federazione Italia Scuole Materne) del Veneto hanno stipulato il un protocollo d intesa nel quale sono stati esplicitati i principi politici, amministrativi, storici e sociali che giustificano la regolamentazione in forma organica dei rapporti tra Enti Locali e Scuole dell Infanzia paritarie autonome, gestite da enti morali di natura religiosa o da enti no profit di altra natura giuridica, e sono stati fissati i contenuti del rapporto medesimo fondato sul principio costituzionale della sussidiarietà e, quindi, sulla condivisione di comuni obiettivi educativi e sociali. In particolare sono state ivi richiamate: - le norme generali sull istruzione e sui livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione (L n. 53), le norme sulla parità scolastica (L n. 62); - il ruolo fondamentale delle scuole dell infanzia paritarie come risorsa irrinunciabile e momento fondamentale di formazione dei minori in affiancamento alla famiglia nell educazione integrale del bambino; - la straordinaria diffusa presenza sull intero territorio regionale delle scuole dell infanzia paritarie promosse e gestite da parrocchie, congregazioni religiose, associazioni genitori e da altre istituzioni morali; - le Leggi Regionali del Veneto n. 6 del , art. 6, laddove è stabilito che spetta ai Comuni sostenere economicamente le scuole dell infanzia non statali in quanto svolgono un servizio pubblico e n. 23 del , art. 12, che prevede che i contributi possono essere concessi anche dai Comuni di residenza dei bambini che frequentano scuole materne non statali localizzate in Comuni diversi; - la funzione sussidiaria della scuola dell infanzia paritaria in quanto assolve una domanda di servizio sociale che altrimenti gli enti locali interessati avrebbero dovuto comunque assicurare con notevole aggravio di costi per la finanza pubblica; - il dovere dei Comuni di promuovere iniziative e misure, nel contesto anche di politiche rivolte al sostegno delle giovani famiglie, finalizzate al duplice obiettivo di promuovere e sostenere la qualità della programmazione pedagogica e il contenimento dei costi di gestione del sistema paritario regionale. Nella parte dispositiva, il citato protocollo d intesa ha altresì definito i principali contenuti del rapporto tra l Ente Locale e la Scuola dell Infanzia paritaria caratterizzato da collaborazione e da azioni sinergiche, ed ha richiamato i principi di organizzazione e di gestione del servizio fondato sulla qualità pedagogica, sulla trasparenza, sulla economicità e sulla partecipazione dei soggetti portatori di interesse : famiglie, personale e il Comune interessato. Tutto ciò premesso e considerato, tra le parti come sopra costituite, si conviene e stipula quanto segue: Art. 1 Validità delle premesse. Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente atto.

7 Art. 2 Servizio di Scuola dell Infanzia: finalità e obiettivi Il Comune intende favorire la promozione e il sostegno dei servizi per l infanzia svolti dalle locali Scuole dell Infanzia, riconoscendo agli stessi una fondamentale funzione educativa, sociale e di interesse pubblico Gli enti gestori delle Scuole dell Infanzia condividono tali finalità e si impegnano: a) ad operare, in conformità alle disposizioni ministeriali in vigore per le attività educative nelle Scuole dell Infanzia paritarie, secondo il proprio Progetto Educativo e il proprio Piano dell Offerta Formativa. b) ad assicurare: b.1: l ottemperanza verificabile da parte degli enti preposti a tutti gli obblighi vigenti in materia di igiene, sanità, alimentazione, sicurezza nel posto di lavoro, assicurazioni, abbattimento delle barriere architettoniche; b.2: l'adeguatezza delle strutture e delle attrezzature didattiche e ludiche; b.3: la professionalità del personale docente e ausiliario, inquadrato ai sensi dei vigenti contratti collettivi di lavoro di categoria; b.4: la partecipazione del personale ad iniziative di aggiornamento professionale e di coordinamento pedagogico e didattico; b.5: l avvalersi di servizi amministrativi e gestionali per la regolare gestione delle scuole medesime; b.6: la partecipazione dei genitori e del personale dipendente, nonchè di un delegato del Comune, alla gestione della Scuola; b.7: l adeguata pubblicità dei bilanci e degli atti principali della scuola; b.8: la presenza di un regolamento elaborato dalla scuola, preferibilmente in collaborazione con il comitato di gestione. Art. 3 Precisazioni sui principi dell art. 2 con riferimento al Comune Il Comune, a fronte del riconoscimento del ruolo educativo e sociale delle Scuole dell Infanzia di cui al comma 2.1., si impegna ad erogare alle Scuole un contributo finanziario finalizzato a ridurre l onerosità della retta a carico delle famiglie secondo quanto di seguito previsto Il Comune partecipa alla gestione delle Scuole secondo le modalità previste dai successivi art. 11. e art. 12. Art. 4 Precisazioni sui principi dell art. 2 con riferimento alle Scuole La Scuola dell Infanzia si avvale e utilizza immobili, mobili, attrezzature, dotazioni, servizi e personale propri La Scuola dichiara che sono osservate le indicazioni di legge per quanto riguarda i requisiti relativi alla sicurezza, alla fruibilità, alla accessibilità e alla adeguatezza della struttura, delle attrezzature e dei servizi La Scuola dichiara altresì che sono osservati i requisiti sulla professionalità del personale docente ed ausiliario, il quale è inquadrato ai sensi dei vigenti contratti collettivi di lavoro di categoria.

8 4.4. La Scuola, in particolare, si impegna a costituire e assicurare il funzionamento degli organismi collegiali di partecipazione. 4.5 La Scuola favorisce e assicura la partecipazione delle famiglie mediante comunicazioni, incontri, riunioni o assemblee svolti in modo organico o permanente La Scuola assicura la pubblicità del proprio bilancio, in conformità alle regole di pubblicità vigenti per la specifica gestione, e comunque accessibile a chiunque nella scuola vi abbia interesse. 4.7 La Scuola assicura la pubblicità dei principali atti relativi alla propria attività mediante l affissione all albo scolastico, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di trattamento dei dati personali La Scuola assicura la formazione e l aggiornamento permanente del proprio personale con progetti e percorsi interni alla scuola stessa e/o con la partecipazione ai corsi della FISM, e/o di agenzie formative di settore. 4.9 La Scuola si impegna a rispettare i requisiti previsti dalla normativa vigente per il mantenimento della parità scolastica La Scuola si avvale di servizi amministrativi e gestionali svolti dalla FISM o da professionisti competenti La Scuola si impegna affinché le suddette condizioni siano costantemente mantenute ed osservate. Art. 5 Organizzazione e modalità di funzionamento La Scuola accoglie bambini di età prevista dalle disposizioni di legge in vigore senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione e di condizioni personali e sociali, le cui famiglie accettino il Progetto Educativo della Scuola Le procedure di iscrizione e di frequenza sono stabilite autonomamente dalla Scuola nel rispetto della normativa in vigore. 5.3 Tenuto conto della connotazione comunitaria della Scuola la stessa accoglie in via prioritaria i bambini delle famiglie appartenenti alla Parrocchia della Scuola medesima, residenti o non nel Comune di Vigodarzere. Qualora le richieste di iscrizione superino la disponibilità dei posti, si procederà all accoglimento delle domande nel rispetto dei seguenti criteri: 1. ai bambini residenti nel Comune di Vigodarzere; 2. tutti gli altri non residenti. 5.4 La Scuola accoglie, qualora ve ne fosse la possibilità, i bambini non residenti nel Comune di Vigodarzere, appartenenti o meno alla Parrocchia. La retta per i non residenti terrà conto che non vengono per questi riconosciuti contributi dal Comune di Vigodarzere La Scuola dovrà osservare un calendario scolastico che assicuri il suo funzionamento per un periodo non inferiore al calendario delle scuole dell infanzia statali secondo le indicazioni delle competenti autorità amministrative regionali Il numero di bambini per sezione non potrà essere superiore al numero stabilito dalle norme in vigore.

9 Art. 6 Rapporto con i servizi del territorio. Bambini disabili. Casi sociali La Scuola è tenuta a raccordarsi con i servizi sociali, socio sanitari e scolastici del territorio, ai quali deve dare la piena collaborazione, ai fini del soddisfacimento dei bisogni socio educativi dei bambini e della realizzazione di progetti e/o interventi tesi a migliorare la qualità del servizio e l integrazione scolastica Per l inserimento dei bambini disabili si fa riferimento alle norme in vigore e all apposito accordo di programma territoriale. In particolare la Scuola, d intesa con la famiglia, con il Comune e gli altri enti preposti, promuove ogni iniziativa affinché il bambino disabile disponga del necessario sostegno scolastico, dell assistenza socio-sanitaria ed economica. 6.3 La Scuola è tenuta a segnalare tempestivamente ai competenti servizi comunali le situazioni dei bambini e delle famiglie che presentano difficoltà economiche e/o difficoltà di integrazione nella comunità scolastica (nomadi, stranieri ed extra comunitari, ecc.), rilevanti al fine di ottenere un sostegno comunale ( casi sociali ) Il Comune è tenuto, con le modalità previste dalla vigente normativa e dal proprio ordinamento (regolamento per l assistenza), ad assumere i casi sociali con adeguati interventi di supporto socio-assistenziale ed economico. La Scuola collabora nella individuazione delle strategie e delle soluzioni più consone che il Comune adotterà per i suddetti casi sociali. Art. 7 Altri servizi La Scuola dell Infanzia e l Amministrazione Comunale possono concordare la realizzazione di progetti, di iniziative e di altri servizi non esplicitamente previsti nella presente convenzione, allo scopo di perseguire obiettivi di qualità scolastica o di risposta a particolari bisogni della famiglia: prolungamento dell orario scolastico giornaliero, promozione di iniziative di multiculturalità e di percorsi di formazione genitoriale, centri estivi, ecc Le iniziative di cui sopra potranno formare oggetto di apposite intese in cui saranno precisati gli obblighi e i diritti delle parti La Scuola, d intesa con il Comune, attiverà, qualora ve ne fosse la possibilità, servizi per la prima infanzia: nidi, micronidi, centri d infanzia, sezioni primavera, per rispondere ad esigenze delle famiglie. L organizzazione e lo svolgimento di detti servizi che saranno oggetto di separato accordo dovranno osservare le relative norme di riferimento Il Comune può prendere in considerazione il costo per il servizio di trasporto svolto dalla Scuola, intervenendo anche economicamente al fine di contenere la quota del servizio a carico delle famiglie. Art. 8 Le rette Le famiglie dei bambini sono tenute a concorrere alla spesa di funzionamento della scuola con il versamento di una retta mensile la cui onerosità per le famiglie dovrà essere quanto più contenuta e la cui entità quanto più uniforme fra le quattro scuole dell infanzia.

10 8.2 L ammontare delle rette mensili sarà oggetto di valutazione annuale da effettuarsi nel mese di maggio antecedente l avvio dell anno scolastico di riferimento, da parte della Commissione Tecnica di cui all art. 12 della presente convenzione. Art. 9 Contributi del Comune L Amministrazione Comunale sostiene le Scuole con il versamento di un contributo secondo le modalità del presente articolo. L erogazione ha lo scopo di contribuire alle spese di funzionamento della Scuola stessa come definite nell art. 6 della L.R. 6/2005 e, quindi, di contenimento delle rette delle famiglie L ammontare del contributo ordinario è stabilito come segue: per l esercizio 2014 in Euro ; per l esercizio 2015 in Euro 138,500; per l esercizio 2016 in Euro 138, Il contributo ordinario di cui al precedente comma 9.2 viene suddiviso e attribuito per il servizio della scuola dell infanzia nel modo seguente: - 8%: da suddividere in misura fissa ed uguale fra le quattro scuole; - 92%: da attribuire in proporzione al numero dei bambini residenti regolarmente iscritti e frequentanti Il Comune si impegna a versare il contributo ordinario con le seguenti scadenze: - il 60% entro il 30 aprile dell anno di riferimento; - il 40% entro il 30 novembre dell anno di riferimento, previa verifica della presentazione del consuntivo dell anno precedente Dal contributo di cui al comma 9.2 sono esclusi i contributi per i casi sociali, ai quali il Comune riconosce un aiuto economico con la riduzione o l esonero dal pagamento della retta, che saranno trattati con separati provvedimenti e con specifiche risorse del Bilancio di previsione. Tali casi, circoscritti ai residenti nel Comune di Vigodarzere, dovranno essere autorizzati dal Comune, previa valutazione positiva dell assistente sociale dell ULSS 15. La retta scolastica mensile e ogni altra spesa legata alla frequenza scolastica sarà totalmente a carico del Comune di Vigodarzere che coprirà nella misura del 100% l agevolazione concessa alla famiglia mediante il trasferimento alla scuola dell infanzia di un corrispondente importo Il Comune si impegna concedere, in caso di risorse disponibili in Bilancio, ulteriori contributi alle scuole in aggiunta a quelli previsti al punto 9.2 del presente articolo, prioritariamente finalizzati a coprire maggiori oneri per insegnanti di sostegno e in generale rivolti a contenere per quanto possibile l aumento delle rette a carico delle famiglie. Art. 10 Documentazione e bilanci Ogni Scuola è tenuta a presentare al Comune: a) la scheda informativa all inizio dell anno scolastico, entro il 15 ottobre (dati riferiti al 30/9); b) il Regolamento della Scuola, e/o successive modifiche, all inizio dell anno scolastico, entro il 15 ottobre;

11 c) il bilancio di previsione delle entrate e delle spese dell anno finanziario (entro il 31 marzo dell anno cui detto bilancio si riferisce); d) il conto consuntivo (o bilancio di esercizio) redatto secondo le norme civilistiche e fiscali in vigore, entro il 31 luglio dell anno successivo. Art. 11 Partecipazione del Comune alla gestione della Scuola Si premette che le Scuole godono della piena autonomia gestionale assicurata dalla legge 62/2000 sulla parità scolastica e dal DPR 275/1999 (sulla autonomia delle istituzioni scolastiche) La partecipazione del Comune alla gestione delle Scuole prevista nel superiore art. 3 è finalizzata a favorire, in clima di reciproca collaborazione, l erogazione del servizio educativo all infanzia di elevata qualità in linea con i principi stabiliti dalla normativa vigente e dalla presente convenzione La partecipazione comunale si concretizza: a) nell acquisizione del bilancio di previsione e del conto consuntivo (o bilancio di esercizio); b) nella periodica verifica del mantenimento delle condizioni di efficiente e regolare operatività delle Scuole. Rispetto a quanto sopra l Amministrazione Comunale può chiedere relazioni, visionare documenti, interloquire con il legale rappresentante della scuola e/o con gli organismi interni della scuola stessa, esprimendo valutazioni e suggerimenti Il Sindaco, l assessore competente, o un loro delegato, possono partecipare, previo adeguato preavviso da parte del legale rappresentante della scuola, alle riunioni dell organo di amministrazione o di gestione della scuola stessa e alle riunioni generali dei genitori, quando siano trattati argomenti di gestione che attengano a questioni di interesse del Comune come esposte nella presente convenzione. Sarà onere del legale rappresentante della scuola inoltrare con adeguato preavviso l invito al rappresentante del Comune. Art. 12 Commissione Tecnica È costituita una Commissione Tecnica mista Comune/Enti gestori delle scuole dell infanzia che operano nel territorio comunale così composta: a) per il Comune: - l Assessore competente o suo delegato, che la convoca, la presiede e la coordina; - Il Responsabile del competente servizio comunale o suo delegato; b) per le Scuole dell Infanzia: - i legali rappresentanti delle quattro scuole o loro delegati (in numero non superiore a uno per scuola e possibilmente con delega permanente); - coordinatrici/direttrici delle scuole, i cui nominativi dovranno essere comunicati da ogni singola scuola.

12 12.2. La Commissione è istituita con decreto del Sindaco; dura in carica per il periodo della convenzione, si riunisce almeno una volta l anno e ha i seguenti compiti: a) cura e verifica costantemente l applicazione della presente convenzione; b) cura l informazione agli utenti dei servizi oggetto della convenzione; c) valuta ed esamina le proposte di altri servizi di cui all art. 7 e propone all Amministrazione Comunale l adozione dei relativi provvedimenti; d) suggerisce e propone progetti, iniziative e servizi mirati al miglioramento della qualità del servizio e alla sua integrazione con i servizi sociali e scolastici del territorio; e) esamina argomenti di gestione della Scuola di interesse del Comune, come esposto nella presente convenzione. f) effettua valutazioni sul servizio svolto da ciascuna scuola. Art. 13 Assicurazione infortuni Le scuole dell infanzia, oltre al rispetto delle norme vigenti in materia di rapporto di lavoro, si obbligano a stipulare a favore degli operatori (ivi compresi eventuali volontari ed obiettori) e dei bambini idonea assicurazione contro i rischi subiti o provocati durante l espletamento delle attività oggetto della convenzione. Art. 14 Durata della convenzione La presente convenzione ha la durata di tre anni a partire dal e fino al Essa può essere rinnovata previa adozione di un nuovo provvedimento. Nelle more del rinnovo essa potrà protrarre la sua efficacia per un periodo massimo di 6 mesi. Art. 15 Spese di contratto Le spese occorrenti per la stipula della presente convenzione, nessuna esclusa, suddivise in parti uguali, saranno poste a carico dei soggetti contraenti La registrazione avverrà solo in caso d uso ai sensi dell art. 5 e art. 10 parte seconda della tariffa del DPR n. 131, dando atto che gli eventuali oneri di registrazione sono a carico del soggetto registrante. Letto, approvato e sottoscritto.

13 INTERVENTI Verbale DCC n. 54/2013 CONSIGLIERE GIACOMETTI. Volevo chiedere una cosa sul testo della convenzione, perché era stato oggetto di una Commissione che però è andata deserta per mancanza del numero legale. Si era concordato, sempre a margine di questa Commissione, un testo, che riguardava il punto 11.4, di mantenere, anche se informalmente, il testo della vecchia convenzione, ma su il testo che è stato allegato al Consiglio Comunale c è una piccola differenza. Io avevo chiesto ed avevamo raggiunto l accordo di massima, perché, tra le altre richieste, avevo chiesto di portare il contributo a euro, che dopo, per ovvi motivi, non è stato accolto. La mia richiesta era di mantenere il testo. ASSESORE ZANOVELLO. È questo. CONSIGLIERE GIACOMETTI. No, c è un altra frase. Articolo ASSESORE ZANOVELLO. Leggi la prima riga dell articolo, così ci chiariamo tutti. CONSIGLIERE GIACOMETTI. Io ti leggo il testo integrale della precedente convenzione, quella scaduta. Il Sindaco e l Assessore competente, o un loro delegato, possono partecipare alle riunioni dell organo di amministrazione o di gestione della scuola stessa e alle riunioni generali dei genitori quando siano trattati argomenti di gestione che attengono a questioni di interesse del Comune, come esposto nella presente convenzione. Sarà onere del legale rappresentante della scuola inoltrare, con adeguato preavviso, l invito al rappresentante del Comune. E questo punto è stato stralciato nel testo che è venuto in Consiglio Comunale. ASSESSORE ZANOVELLO. Questo è uno svantaggio per chi riceve la convocazione, perché non la riceve con l adeguato preavviso? CONSIGLIERE GIACOMETTI. No, aspetta. Quella sera lì, al di là di tutto, si era raggiunto l accordo di mantenere inalterato il testo dell articolo 11.4 e invece io mi trovo questo. Infatti io te l ho accennato subito il giorno dopo. La frase che è stata stralciata è questa: Sarà onere del legale rappresentante della scuola inoltrare, con adeguato preavviso, l invito al rappresentante del Comune. ASSESORE ZANOVELLO. Il punto su cui si era conteso in realtà era nella prima riga, ovverosia la differenza tra partecipano o possono partecipare, questo era il punto su cui avevamo discusso. CONSIGLIERE GIACOMETTI. Avevamo discusso anche su questo. ASSESSORE ZANOVELLO. Per quanto mi riguarda, per me non c è nessun problema, aggiungiamo nuovamente la frase, perché devo dire che mi era addirittura sfuggito che fosse stata stralciata, perché il punto fondamentale era il fatto di imporre o non imporre la propria presenza con una graduazione di forza in più o in meno. E la questione si era giocata su questo verbo possono oppure partecipano direttamente. Per quanto mi riguarda, aggiungiamo pure la riga che è stata stralciata. Anzi, Segretaria, se vuole rimetterla, non è un problema. A meno che in Conferenza dei Capigruppo non abbiate discusso altre cose di cui non sono a conoscenza. 1

14 CONSIGLIERE RIZZO. In Conferenza dei Capigruppo era arrivato il testo con la versione non emendata. C era venuto in mente il possono, non c era venuta in mente la seconda frase, quindi è un refuso materiale. ASSESSORE ZANOVELLO. È evidentemente un refuso, per me non c è problema. Resta uguale. PRESIDENTE. Nella Conferenza dei Capigruppo si era puntata di più l attenzione su possono o sul devono e probabilmente è sfuggito. Accogliamo la richiesta del Consigliere Giacometti e ripristiniamo il testo. ASSESSORE ZANOVELLO. Per me va benissimo. 2

15 L'approvazione del presente verbale viene rimessa ad una prossima seduta. OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA, TRIENNIO 2014/2016 CON LE PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E VIGODARZERE. PARERI, RESI AI SENSI DELL ART. 49 DEL T.U. APPROVATO CON D.LGS , N. 267, SULLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (SETTORE Affari Generali Servizi Culturali e Sociali) Il sottoscritto Dott. Lucio Piva Responsabile del Servizio interessato, ai sensi dell art. 49 del D.Lgs , n. 267, esprime parere Favorevole in merito alla regolarità tecnica sulla proposta di deliberazione. Lì Il Responsabile del Settore Affari Generali Servizi Culturali e Sociali Dott. Lucio Piva Il sottoscritto rag. Vasco Saretta Responsabile del Servizio Finanziario, ai sensi dell art. 49 del D.Lgs , n. 267, esprime parere Favorevole in merito alla regolarità contabile sulla proposta di deliberazione. Lì Il Responsabile del Servizio Finanziario Rag. Vasco Saretta La sottoscritta dott.ssa Maria Rosaria Campanella, Segretario Comunale, ai sensi dell art. 12, comma 5 del Regolamento comunale sui controlli interni, di alla DCC n. 13 del , esprime parere favorevole sotto il profilo della legittimità sulla proposta di deliberazione. Lì Il Segretario Comunale Dott.ssa Maria Rosaria Campanella Approvato il (verbale n. )

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E N. 200 S. 1 del 27.02.2014 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VIGODARZERE E GLI ENTI MORALI PARROCCHIE DI SALETTO, TAVO, TERRAGLIONE E VIGODARZERE PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA - TRIENNIO

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 51

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 51 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 51 SESSIONE STRAORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe dr.ssa M. Rosaria

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 SESSIONE STRAORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 97 Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Francesco Vezzaro OGGETTO: VARIAZIONE D'URGENZA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 8

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 8 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 8 SESSIONE ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe dr.ssa

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 SESSIONE ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe IL SEGRETARIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 67

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 67 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 67 Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Francesco Vezzaro IL SEGRETARIO COMUNALE dr.ssa M. Rosaria Campanella OGGETTO:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 69

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 69 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 69 Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Francesco Vezzaro OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA PROPOSTA DI INTEGRAZIONE E MODIFICA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 53

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 53 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 53 Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Francesco Vezzaro OGGETTO: DIRETTIVE AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PER LA CONCESSIONE

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Francesco Vezzaro OGGETTO: DIRETTIVE PER CORRESPONSIONE CONTRIBUTI A SOSTEGNO

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe Vigodarzere CONSIGLIO DELL UNIONE DELIBERAZIONE N. 7 DEL 13.11.2008 Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica Oggetto: Approvazione Regolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 13 SESSIONE STRAORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA 1^ CONVOCAZIONE Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ******************************************************* ORIGINALE N. 36 DEL 30/07/2013 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 62

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 62 O R I G I N A L E VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 62 SESSIONE ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA Verbale letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE Lobascio Giuseppe IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 40 in data 10/04/2015 Prot. N. 5800 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 66 del 06-07-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 66 del 06-07-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 66 del 06-07-2011 Oggetto: MANIFESTAZIONE 10^ RADUNO DELLE MITICHE 500 E DELLE AUTO STORICHE. DIRETTIVE AI

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA

COMUNE di RIPARBELLA COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 13 Dicembre 2013 Verbale n. 43 COPIA OGGETTO: Progetto Vigilanza scolastica anno 2014. Approvazione progetto-

Dettagli

COMUNE DI CIVITA D ANTINO

COMUNE DI CIVITA D ANTINO COMUNE DI CIVITA D ANTINO PROVINCIA DELL AQUILA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/09/2011 OGGETTO: PROGRAMMA INTERVENTI DIRITTO ALLO STUDIO: ANNO 2012. - APPROVAZIONE- L anno

Dettagli

COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE

COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE Registrato Impegno N in data COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Il Responsabile COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE N. 28 OGGETTO: APPROVAZIONE OBIETTIVI ACCESSIBILITA'

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 125 del 29/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORZINUOVI E LA SOCIETA BABY BIRBA di BENEDUCI

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 3 in data: 04.02.2015 Soggetta invio capigruppo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA I COMUNI

Dettagli

N. 117 Del 28/07/2015

N. 117 Del 28/07/2015 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 117 Del 28/07/2015 OGGETTO: Approvazione bilancio partecipativo anno 2015 - STANZIAMENTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 12.3.2014 ***********************************************************************************************

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE A. P. DAL 30-07-2004 AL 14-08-2004 REG. GEN. N. 328 Data 28-07-2004 PRATICA N. DBGP - 415-2004 PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: AMP ATTIVAZIONE INTERVENTO AI 1 PROGETTO

Dettagli

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia Deliberazione della Giunta Comunale Seduta n.77 del 28.11.2011 n 345 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANFREDONIA E LE SCUOLE PRIVATE PARITARIE SENZA FINE

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Numero 73 Reg. Data 27-09-13 Oggetto: Concessione residenza artistica presso la palestra della scuola dell'istituto

Dettagli

COMUNE DI CANCELLARA

COMUNE DI CANCELLARA COMUNE DI CANCELLARA Via Salvatore Basile n. 1 C.A.P. 85010 PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE REG. N. 7 DEL 05/03/2014 COPIA ALBO OGGETTO: APPROVAZIONE "PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO PROVINCIA DI COMO DELIBERAZIONE DELLA G I U N T A C O M U N A L E

COMUNE DI INVERIGO PROVINCIA DI COMO DELIBERAZIONE DELLA G I U N T A C O M U N A L E PROVINCIA DI COMO DELIBERAZIONE DELLA G I U N T A C O M U N A L E COPIA N 19 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO STRAORDINARIO PER COMPARTECIPAZIONE SPESE LAVORI ADEGUAMENTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Atto n. 32 del 27/09/2012

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Atto n. 32 del 27/09/2012 Codice Ente 1030860170 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) CONVENZIONE per la gestione della scuola materna L'anno duemilasette addì. del mese nell'ufficio del Comune di Gerenzago (PV) TRA Il Comune di Gerenzago, rappresentato

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 43 DEL 22/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CON FONDAZIONE ASILO INFANTILE

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014

PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 PROTOCOLLO DI INTESA con l Istituto Comprensivo di Vigodarzere per erogazione fondi anno scolastico 2013/2014 (art. 159 e 190 D. Lgs 297/94; art. 3 L. 23/96) Allegato DGC n. 153/5.12.2013 L anno duemilatredici

Dettagli

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione N. 113 Codice Ente 10021 C O P I A OGGETTO: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE APPROVAZIONE OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ DEL SITO WEB PER

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 14 del 09/03/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

CITTÀ DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di Padova

CITTÀ DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di Padova CITTÀ DI SELVAZZANO DENTRO Provincia di Padova COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 7 del 28-01-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' (P.T.T.I.) 2015-2017,

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 55 OGGETTO: TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME IN FULL-TIME DEL DIPENDENTE MASCIA ORLANDO.

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 DEL 17/07/2015

Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 DEL 17/07/2015 COPIA COMUNE DI STRAMBINELLO Provincia di Torino Regione Piemonte VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 33 DEL 17/07/2015 Oggetto: APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LICEO "A. GRAMSCI" PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Provincia di Bologna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 100 del 29/08/2014 OGGETTO: ATTIVAZIONE DI CANALI INFORMATIVI TELEMATICI E UTILIZZO DEI SOCIAL NETWORK-PROGETTO COMUNICAZIONE MOLINELLA 2.0. L

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa

COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 14 Febbraio 2014 Verbale n. 10 OGGETTO: Approvazione Convenzione di tirocinio con l Istituto Superiore di

Dettagli

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 OGGETTO GARANZIA SUSSIDIARIA PER L ASSUNZIONE DI MUTUO DA PARTE DELL UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA PER LA REALIZZAZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 110 in data 01/10/2013 Prot. N. 14010 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 57 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI DI SCUOLA DELL INFANZIA DI TALAMONA. Oggi

Dettagli

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI)

COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) COMUNE DI SINNAI (PROVINCIA DI CAGLIARI) CONVENZIONE SCUOLE DELL INFANZIA (art. 2, comma 2, L.R. 25.6.1984, n 31) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SINNAI E LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA LE GIOVANI MARMOTTE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 36 del Reg. Delib. N. 4843 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto IL PRESIDENTE f.to Valeria Antecini f.to Maddalena Sorrentino N. 286 REP. REFERTO

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 158 in data 17/12/2013 Prot. N.. COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 30 in data 11/03/2014 Prot. N. 4218 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 63 in data 27/05/2014 Prot. N. 8154 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO: Approvazione regolamento per il riconoscimento delle unioni civili

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO: Approvazione regolamento per il riconoscimento delle unioni civili VERBALE DI ZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 69 del 19/11/2014 OGGETTO: Approvazione regolamento per il riconoscimento delle unioni civili L'anno DUEMILAQUATTORDICI, addì DICIANNOVE del mese di NOVEMBRE

Dettagli

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona Num. 128 del Registro COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: LENEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE. L'anno DUEMILADIECI,

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COPIA VERBALE N. 7 DEL 04.03.2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza di prima convocazione - seduta pubblica OGGETTO: CRITERI GENERALI

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Originale N 48 del 27/08/2015 OGGETTO: ADESIONE ALL'INIZIATIVA DI REGIONE LOMBARDIA "DOTE SPORT" L'anno duemilaquindici,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione di Giunta Comunale N. 52 del 18/06/2015 C O P I A Codice Ente: 10043 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL COSTO ORARIO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA VISTA VISTA PRESO ATTO VISTA VISTO

CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA VISTA VISTA PRESO ATTO VISTA VISTO INTESA BIENNALE PER GLI ANNI SCOLASTICI 2015/2016 E 2016/2017 TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE COMPLESSIVA DELLE SEZIONI

Dettagli

Comune di POGGIO RENATICO

Comune di POGGIO RENATICO Comune di OGGIO RENATICO DELIBERAZIONE N. 41 rovincia di Ferrara VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Adunanza in rima convocazione - Seduta ubblica OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Novedrate. Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Comune di Novedrate Provincia di Como VERBALE DI DELIBERAZIONE N 51 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROTOCOLLO D'INTESA PER IL COORDINAMENTO E LA GESTIONE DELLE POLITICHE E DELLE AZIONI PER L'EDUCAZIONE

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

COMUNE DI CORNEDO VICENTINO

COMUNE DI CORNEDO VICENTINO COMUNE DI CORNEDO VICENTINO PR O V I N C I A D I V I C E N Z A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 128 di Reg. del 03/12/20130 L anno duemilatredici il giorno tre del mese di dicembre nella

Dettagli

COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi Prot.N. G.C. n. 47 DEL 21.07.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE L'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI deliberazione della Giunta Comunale su proposta del Delibera n.10 del 23/02/2015 Sindaco elaborata dall Area Affari Generali OGGETTO: Integrazione deliberazione

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale

Deliberazione della Giunta Provinciale Deliberazione della Giunta Provinciale N 704 del 30/11/2010 pagina 1 Prot. n. 227242/08.20.00.01 OGGETTO: Legge Regionale n. 38 del 16 Agosto 2001 Approvazione bozza di Protocollo di Intesa tra Regione

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini N generale 526 Data 01/09/2010 N di Protocollo: Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO DI COORDINATORE

Dettagli

***************************************

*************************************** CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E L ISTITUTO FIGLIE DEL SACRO CUORE DI GESU DI CREMONA PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO SACRO CUORE DI VIA G. DA CREMONA N. 19 IN CREMONA PER L ANNO SCOLASTICO 2014/2015.

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO

ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO OGGETTO: SCHEMA DI CONVENZIONE CON LA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA ASSOCIAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA ARCOBALENO DI RONAGO PER L ATTUAZIONE DEL DIRITTO DEL BAMBINO ALL EDUCAZIONE. Il Comune di RONAGO,

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA Provincia di Roma

COMUNE DI ROCCA PRIORA Provincia di Roma COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.118 DEL 22-12-2015 Rocca Priora, li 07-01-2016 Il Segretario generale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli

Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli Comune di Boscotrecase Provincia di Napoli COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 118 del 16/07/2008 OGGETTO: Approvazione schema di convenzione per l'accoglimento di studenti dell'università

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI CUNEVO Provincia di Trento

COMUNE DI CUNEVO Provincia di Trento Originale/Copia COMUNE DI CUNEVO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 6 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione PIANO TRIENNALE PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. L anno DUEMILAQUATTORDICI addì TRENTA

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORTOLI' Provincia dell'ogliastra COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 20 del 03/02/2010 OGGETTO: ADOZIONE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUMERO 5 DEL 27-01-2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUMERO 5 DEL 27-01-2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A NUMERO 5 DEL 27-01-2014 Oggetto: PIANO TRIENNALE COMUNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNI 2013-2014 - 2015-2016. APPROVAZIONE. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

C O M U N E D I O S I N I Provincia Ogliastra

C O M U N E D I O S I N I Provincia Ogliastra COPIA C O M U N E D I O S I N I Provincia Ogliastra DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DEL 23-05-2013 n 37 Oggetto: Imposta sulla pubblicità e diritti pubbliche affissioni - Determinazione tariffe anno

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 del 31.05.2006 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI PRIMA DEL 1 GENNAIO 1997.- L

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 48 del 20/03/2015 OGGETTO: Lavori per il recupero e la messa in sicurezza della Scuola Materna ed Elementare

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 104 DEL 18.12.2014 OGGETTO: Autorizzazione alle celebrazioni di matrimoni di rito civile fuori dalla casa comunale. Determinazioni e indirizzi all Ufficio di Stato

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 121 Seduta del 20/06/2013 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011 Settore 1 Servizi al Cittadino ed Affari Generali Ufficio Segreteria DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 007 del 27.01.2011 Oggetto: Regolamento per l istituzione ed il funzionamento delle consulte dell

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 79 del 14-09-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 79 del 14-09-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 79 del 14-09-2011 Oggetto: ADESIONE AL COMITATO ORGANIZZATORE DELLA MARCIA DELLA PACE PERUGIA-ASSISI E AL MEETING

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del.

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA L anno..il giorno..del mese di.. fra 1) la Dott.ssa Bruna Cimatti, nata a Medicina

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino

COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ------------------------------------------------------------------------------------------- N. 13 DATA 14/06/2013

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

COMUNE DI SAN COSTANTINO CALABRO (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA

COMUNE DI SAN COSTANTINO CALABRO (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA COMUNE DI SAN COSTANTINO CALABRO (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 del Reg. OGGETTO: Imposta MUnicipale propria (IMU) Conferma aliquote per l anno

Dettagli