Carta dei Gruppi di Lavoro itsmf Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei Gruppi di Lavoro itsmf Italia"

Transcript

1 Carta dei Gruppi di Lavoro itsmf Italia

2 Revisione del Documento Versione: 3.0 Stesura: o Marco Cipelletti o Dario Carmi Contributi: o Christian Cantù o Rosario Fondacaro o Sergio Cipri Revisione: o. 2

3 Indice Obiettivo del documento...4 Metodologia per la revisione dell organizzazione dei GDL...4 Mission GdL itsmf...4 Componenti di base di un GDL...4 Organizzazione...5 Struttura di coordinamento generale in itsmf...5 Struttura del singolo GdL...6 Definizione argomenti...9 Tipologia...9 Sorgenti...9 Ciclo di vita del GdL...10 Flusso...10 Strumenti di comunicazione e condivisione...11 Condivisione materiale...11 Comunicazione interna...12 Comunicazione esterna...12 Deliverables e suoi formati...12 Documento word e/o Powerpoint...12 Presentazioni...13 White paper...13 Distribuzione e Pubblicazione dei Deliverables...13 Modalità e Principi...14 Definizione del Ciclo di vita

4 Obiettivo del documento itsmf Italia promuove le costituzione di Gruppi di Lavoro (GdL) tematici con lo scopo di facilitare lo scambio di competenze e di esperienza fra i Soci sui temi della Qualità dei Servizi. Il ruolo del CD di itsmf è quello di abilitare la costituzione ed il lavoro dei GdL e di creare le condizioni di massima efficienza dei gruppi stessi valorizzando l impegno dei partecipanti e minimizzando la dispersione di preziose energie investite su base volontaristica. Per far questo proponiamo un carta dei GdL in grado di dirigere, omogeneizzare e responsabilizzare le attività dei singoli gruppi come progetti specifici, con regole, tempi e obiettivi chiari sin dall inizio. Questo dovrebbe permettere di selezionare la partecipazione, rendendo chiaro l impegno richiesto ed il risultato che i partecipanti si impegnano a produrre. Metodologia per la revisione dell organizzazione dei GDL Per poter definire un modello organizzativo dei gruppi di lavoro sono stati presi in considerazione i seguenti elementi : Definizione delle componenti di base di un GDL Confronto con i vecchi gruppi Analisi dei risultati Proposta nuovo modello dei GDL Mission GdL itsmf Creare valore all interno dell associazione per rendere fruibili in modo strutturato le informazioni a tutti gli associati. Componenti di base di un GDL Organizzazione Definizione argomenti o Sorgenti o flusso Strumenti di comunicazione Durata ed impegno richiesto Deliverable standard o Forma o Modalità di distribuzione 4

5 Organizzazione Possono proporsi per partecipare ai GdL tutti i soci, indipendentemente dalla natura personale o aziendale, appartenenza alla domanda o all offerta, provenienza accademica. L organizzazione si può considerare divisa in due ambiti: Struttura di coordinamento generale dei GdL itsmf dove sono individuate le figure di coordinamento all interno dell associazione Struttura del singolo gruppo di lavoro, dove sono individuate le figure attive del gruppo stesso L attività del gruppo è fornita a titolo gratuito. Eventuali costi di partecipazione ai lavori (connessione ad Internet, spese telefoniche,...) sono da considerare parte dell attività professionale dei membri del gruppo. L Associazione coprirà invece gli eventuali costi di pubblicazione dei lavori. Di seguito elenchiamo tutti i ruoli necessari. Struttura di coordinamento generale in itsmf Anche le attività di coordinamento a più alto livello sono su base volontaria per cui l associazione ha ritenuto opportuno proporre i seguenti tre ruoli distinti di coordinamento generale: o Referente GdL all interno del CD itsmf o Coordinatore dei GdL o Pull di Team Leader GdL volontari ( chi è, cosa fa, come si relaziona.) di cui di seguito proponiamo una breve descrizione dei compiti e delle responsabilità di ognuno di questi ruoli Referente di tutti i GdL in CD itsmf È la persona responsabile all interno del CD di itsmf della carta dei GdL relativamente alle tematiche che itsmf Italia ha individuato e quindi riporta l efficacia, i risultati, l efficienza e le problematiche riscontrate nello svolgimento delle attività. Si impegna quindi a: Relazionare il CD dello stato di avanzamento delle tematiche e degli argomenti avviati con associazioni, enti, università.. Rapportare al CD lo stato di avanzamento delle attività dei singoli GdL attraverso la raccolta dei contributi dei vari coordinatori Riportare il grado di consistenza del risultato finale al CD a cui è demandata la responsabilità di metterlo a disposizione dei soci Annunciare ufficialmente l apertura e la chiusura dei GdL ed eventualmente delle tematiche approfondite Gestione del pool di team leader 5

6 Coordinatore dei gruppi di lavoro È la persona, non necessariamente un componente del CD di itsmf, che si fa carico di identificare tematiche e/o attività di interesse per gli associati (argomenti, forum, survey, progetti, ) e che: Lancia la richiesta di argomenti Propone le tematiche dell anno Ottiene il mandato del CD per avviare le attività Raccoglie le adesioni degli associati Identifica e propone i team Leader Lancia la partenza dei GdL Raccoglie e garantisce la pubblicazione dei deliverable Pull di Team Leader GdL volontari Elenco associati che si dichiarano disponibili per ricoprire il ruoli di Team Leader di un GdL, e che si assumono l impegno di: seguire il ciclo di vita del progetto descritto nella carta del GdL e di svolgere le attività promuovere argomenti da sviluppare coinvolgere associati e non sui GdL Le responsabilità all interno del singolo GdL di questa figura sono descritte nel dettaglio nel paragrafo seguente. Struttura del singolo GdL Data la base volontaria con cui le attività saranno svolte, si ritiene importante costruire team dove esistono livelli diversi di impegno e quindi di contributo alle attività di progetto. Questo dovrebbe permettere a tutti gli associati e non di partecipare alla vita associativa senza compromettere l efficacia del risultato atteso, permettendo al tempo stesso al team leader di gestire in modo efficace tempistiche e risorse del progetto. Sulla base di queste considerazioni sono stati identificati 5 possibili ruoli: il Team Leader del GdL i componenti del Core Team i componenti del Team di supporto il/i revisori dei deliverable uno o più stagisti esterni 6

7 di cui ovviamente i primi due sono imprescindibili, mentre gli altri sono discrezionali a seconda degli argomenti e della disponibilità degli associati. Team Leader GdL È il responsabili di progetto che si impegna a coordinare le risorse e le attività individuate nel rispetto del ciclo di vita del GdL, e che quindi: Propone la struttura del GdL o Numero e ruolo partecipanti o Impegno di ogni ruolo o Strumenti di collaborazione o Selezione dei candidati a coprire i ruoli definiti Raccoglie le adesioni e compone il GdL Si impegna a definire nel primo trimestre di lavoro gli obiettivi raggiungibili dal gruppo, presentabili alla conferenza annuale Pianifica ed organizza gli incontri È responsabile dell impegno preso e di comunicarne per tempo il mancato rispetto È responsabile del formato e della produzione dei deliverable Componente del Core Team Le persone del core team devono garantire la continuità del progetto, e quindi si impegna a: Partecipare ad un numero minimo fissato di incontri Sviluppare il tema Condividere la competenza Dedicare il tempo necessario alla produzione dei deliverable secondo gli standard concordati 7

8 Componente del Team di supporto Questo ruolo permette agli associati che non sono in grado di garantire una partecipazione costante ed affidabile alle attività del gruppo di partecipare in maniera meno impegnativa. Altresì si ritiene utile garantire la partecipazione con questo ruolo anche a non associati che possano così verificare il valore che possono ottenere dall associazione. In questo ruolo le persone si impegnano a: Partecipare saltuariamente agli incontri di lavoro Sviluppare il tema per le proprie competenze e/o disponibilità Dedicare il tempo che lui ritiene utile alla produzione dei deliverables (solo per gli associati) Ovviamente i non associati che coprono questo ruolo potranno usufruire dei deliverable solo quando questi saranno messi a disposizione nell area pubblica del sito dell associazione. Per permettere al team leader di gestire il gruppo e di raggiungere gli obiettivi fissati, si propone di limitare a 5 unità il numero massimo di partecipanti con questo ruolo. Revisore dei Deliverables Associati, non necessariamente facenti parte del team, che si impegnano a: verificare i contenuti del materiale prodotto suggerire approfondimenti e/o modifiche esprimere un parere sulla adeguatezza del deliverable Per permettere al team leader di gestire il gruppo e di raggiungere gli obiettivi fissati, anche in questo caso si propone di limitare a 2/3 unità il numero massimo di partecipanti con questo ruolo. Stagista L inserimento di questa figura vuole permettere a studenti focalizzati sulle tematiche di Service management di fare un esperienza a contatto diretto con gli specialisti del settore, e quindi di: Partecipare anche in maniera propositiva ai lavori del gruppo Contribuire alla preparazione ed alla stesura pratica dei deliverable 8

9 Definizione argomenti Tipologia Si propone di suddividere le attività dei gruppi di lavoro su due temi generali : "gruppi di ricerca" "gruppi di formazione" di seguito specificati Gruppi di ricerca: Sono gruppi di lavoro i cui componenti posseggono un buon livello di esperienza nel campo ITSM (3-5 anni) e un ottimo livello di formazione (Certificazioni ITIL da practitioner in su, ISO 20000, COBIT, MOF SIXsigma etc). L'oggetto di ricerca potrebbe essere rappresentato da : Integrazioni tra framework (es. il lavoro fatto con ITIL/COBIT) Studi di applicazione in diversi scenari/settori (es finance, manufacturing, PA, cc) Partecipazione a sviluppi futuri delle best practices (Es. ITIL3... ISO etc) Osservatori, survey e attività sull utilizzo e sul grado di maturità di ITIL all interno di singole aziende Gruppi di formazione: Sono gruppi di lavoro i cui componenti vogliono attraverso l'associazione guadagnare cultura sugli argomenti trattati. I componenti il gruppo di lavoro possono anche non essere in possesso di alcun requisito di tipo formativo o di esperienza. L'oggetto dei tavoli formativi potrebbe essere rappresentato da: Ricerche sullo stato di implementazione delle tematiche di Service Management Approfondimenti ed interpretazioni su processi specifici e su Framework nuovi (es ITIL3) Esecuzione di attività di assessment durante le conferenze e raccolta dei risultati con successiva elaborazione Produzione di materiale localizzato (es. traduzioni, pocket guide etc) Sorgenti In quest ambito si vogliono identificare le sorgenti primarie dalle quali i coordinatori dei gruppi di lavoro possono attingere per creare i presupposti per individuare i temi, le attività e/o i casi da analizzare a cui segue l opportunità di creare il gruppo di lavoro. Naturalmente è compito del coordinatore delle proposte verificare all interno dell associazione quali opportunità e/o attività sono già in essere presso la sorgente identificata prima di lanciare il tema e predisporre il gruppo di lavoro. 9

10 Di seguito le sorgenti più accreditate: gli enti universitari con i quali poter sviluppare ad esempio: o temi di formazione delle competenze o stage legate alle competenze delle figure ITIL ( Service Manager, Change Manager..) o Survey sullo stato dell arte di ITIL. Le associazioni con le quali condividere attività sulle tematiche di confronto degli standards, dei framework, ect Gli sponsor e/o le società della domanda appartenenti alla associazione itsmf che desiderano avviare un progetto specifico su ITIL Gli associati che, attraverso un apposito referendum lanciato sul sito e sponsorizzato da news letter, possono richiedere lo sviluppo di temi specifici sui singoli aspetti delle componenti la best practices ( es: come introdurre il change, come misurare il livello di apprendimento dei processi ITIL, come introdurre un i servizi IT ect.. ) E evidente che a queste sorgenti se ne possono aggiungere altre, comunque valide e accreditate, che però prima di essere sponsorizzate dovranno essere vagliate in ambito CD per poter garantire le dovute competenze e disponibilità di risorse in ambito associativo. Ciclo di vita del GdL Come già detto obiettivo di questo documento è quello garantire che i GdL raggiungano dei risultati strutturati al fine di creare valore per gli associati e a tal fine si ritiene importante definire un ciclo di vita dei GdL nel quale il flusso temporale delle diverse attività permetta di controllare lo stato di avanzamento e il raggiungimento dei risultati definiti. Per queste ragioni si ritiene importante che il ciclo di vita del GdL, salvo casi eccezionali si debba completare, e quindi debba raggiungere gli obiettivi prefissi nell arco di un anno solare. Di conseguenza il flusso di seguito identificato è un processo annuale che viene avviato nel periodo settembre/ novembre di ogni anno e si conclude l anno successivo con la presentazione dei risultati in occasione della conferenza annuale. Flusso Definizione tematiche (periodo settembre-novembre) o Lancio della richiesta proposte alla conferenza annuale (o prima e rinforzarla solo in conferenza) o Avvio contatti diretti con Università e Associazioni o Definizione delle tematiche dell anno 10

11 Raccolta adesioni (dicembre-gennaio) o Candidature ed elezione dei Team Leader o Raccolta delle adesioni per la partecipazione ai singoli gruppi anche tramite il sito dell associazione. o Chiusura della raccolta adesioni Composizione dei gruppi e notifica personale e sul sito Kick off primo incontro entro gennaio Attività del gruppo (gennaio- settembre) o Avvio del GdL con definizione e pubblicazione degli obiettivi o Incontri periodici di sviluppo delle attività: Il lavoro a distanza consente una grande elasticità dell organizzazione della partecipazione. Deve comunque essere garantita la disponibilità ad un numero limitato di incontri in presenza per sviluppare quella empatia indispensabile ad un lavoro di gruppo costruttivo o Produrre i deliverable in forma di bozza per ottobre Chiusura Lavori (settembre-ottobre) o Pubblicazione dei deliverables secondo quanto riportato al relativo paragrafo. o Esposizione dei contenuti alla conferenza annuale successiva (rispetto alla tematica individuata e la GdL creati l anno precedente) Strumenti di comunicazione e condivisione La necessità di giungere ad un risultato finale strutturato pur garantendo una adeguata flessibilità sulla organizzazione dei GdL e sulla disponibilità dei relativi componenti rende necessario l individuazione di una serie di elementi per la: Condivisione materiale Comunicazione interna Comunicazione esterna Condivisione materiale La condivisione del materiale all interno del GdL può avvenire ovviamente secondo modalità autonome come quello dello scambio di informazioni via , ect, ma anche tramite supporti che l associazione può organizzare come: La possibilità di disporre di uno spazio riservato sul sito dove pubblicare il materiale in corso di elaborazione. Individuare un workspace in un area che uno dei partecipanti al gruppo di lavoro mette a disposizione attraverso i propri strumenti aziendali e/o personali Siti e/o workspace di associazioni e/o altri enti individuati grazie al contributo che intendono fornire al gruppo di lavoro. 11

12 E importante in ogni caso garantire che il Coordinatore dei GdL abbia la possibilità di accedere alle informazioni strutturate, e non, al fine di verificare lo stato avanzamento dei deliverables definiti e preparare il resoconto per il Referente dei GdL in CD. Comunicazione interna La comunicazione all interno del GdL avverrà privilegiando ove possibile informatici a supporto del lavoro quali: l uso degli strumenti Video conferenza Audio Conferenza (verificare strumenti web anche a pagamento) Mail... Qualora questi strumenti non siano disponibili viene consigliato al Team Leader del GdL di chiedere aiuto all associazione al fine di garantire il raggiungimento dei deliverables. Comunicazione esterna Per quanto riguarda la comunicazione esterna al GdL si può fare riferimento alle seguenti possibilità: Definizione di uno spazio sul sito, riservato al GdL dove: o Pubblicare materiale (definitivo e non) o Sondare opinioni che possono indirizzare i lavori Qualora sia disponibile è possibile utilizzare dei Blog come momento di interazione e comunicazione Deliverables e suoi formati I deliverables sono il risultato che ogni GdL deve definire ad avvio progetto e poi perseguire come obiettivo finale della propria attività nel rispetto degli impegni presi. Sono stati identificati 3 tipi e/o formati di deliverables che in pratica determinano un diverso impegno che ogni gruppo responsabilmente intende identificare al Kick-off di progetto. Tutte le attività che seguiranno durante la vita del GDL dovranno essere finalizzatil i possiamo identificare nei seguenti formati: Documento word e/o Powerpoint E un documento con un indice strutturato per una facile consultazione che descrive i risultati, le osservazioni, i consigli ovvero tutto quanto il gruppo di lavoro ha focalizzato durante lo sviluppo della tematica e/o dell attività. In generale questo documento non dovrà essere sottoposto a revisioni e /o a verifiche di congruenza con altri documenti e/o attività in corso e sarà messo a disposizione sul sito di itsmf italia secondo il ciclo di vita delle pubblicazioni come nel paragrafo di seguito riportato. 12

13 I contenuti del documento possono essere riassunti nel formato di presentazione (vedi paragrafo successivo) qualora il gruppo di lavoro intenda proporlo in convegni, seminari e/o alla conferenza annuale dell associazione. In quest ultimo caso i contenuti dovranno essere sottoposti ad una revisione come tutti gli altri risultati che vogliono essere resi pubblici attraverso l associazione. Presentazioni Si tratta di documenti che devono essere presentati in particolari eventi (convegni, seminari, conferenze ) e sono caratterizzati dal fatto che devono essere realizzati secondo uno standard specifico dettato da :formato struttura lingua rispetto dei tempi della presentazione E accettabile che un gruppo di lavoro finalizzi la propria attività al solo scopo di produrre un documento da presentare in pubblico ma attenendosi ai parametri che l organizzazione dell evento ha definito. La presentazione può anche essere derivata da documenti già realizzati in powerpoint e/o word oppure può essere realizzata appositamente per tale scopo. In questo caso la presentazione, ed eventualmente il documento da cui essa deriva, devono essere sottoposti ad una revisione dei contenuti eventualmente con il supporto di esperti dell associazione di itsmf italia. In questo caso per la pubblicazione fare riferimento al capitolo specifico. White paper Possiamo considerare questo tipo di Deliverables forse il più impegnativo risultato che un gruppo di lavoro può perseguire. Gli elementi fondamentali che devono essere definiti sin dalla fase di Kickoff di progetto sono : formato struttura lunghezza ( in termini di pagine minime) lingua Bibliografia Riferimenti Il documento dovrà essere sottoposto ad una revisione dei suoi contenuti e si consiglia sin dall inizio di prevedere, in questo caso meglio se nel gruppo di lavoro stesso, la partecipazione di esperti che siano in grado poi di garantire un elevato supporto in questa delicata attività. Ovviamente i fondamentali contenuti del white paper dovranno essere riassunti in un documento di presentazione per convegni, seminari e soprattutto per la conferenza annuale dell associazione Anche in questo caso per la pubblicazione fare riferimento al capitolo specifico. Distribuzione e Pubblicazione dei Deliverables È valido l assunto che i risultati prodotti dai gruppi di lavoro saranno resi disponibili (pubblicati e/o distribuiti) privilegiando innanzitutto i soci di itsmf Italia. 13

14 Modalità e Principi Sulla base del principio sopra espresso tutti i Deliverables prodotti dai gruppi di lavoro saranno resi disponibili nell area riservata del sito internet dell associazione e per di quelli ritenuti significativamente importanti è stato definito un ciclo di vita che regolamenti la loro pubblicazione e distribuzione nel tempo (vedi paragrafo successivo). La pubblicazione dei deliverables nell area riservata del sito internet sarà resa nota a tutti sia attraverso la news letters,che attraverso la home page del sito stesso. Inoltre al fine di preservare e garantire il valore aggiunto che l associazione offre ai suoi associati saranno rispettati i seguenti principi: La proprietà intellettuale del risultato è dei componenti il GdL. I documenti saranno scaricabili dal sito solo in formato.pdf ( come già avviene adesso) in ogni pagina ( possibilmente nelle intestazioni a piè di pagina) sarà riportato, il logo di itsmf Italia, e i nomi degli autori e/o i componenti del GdL si inviteranno i soci che vorranno usufruire del materiale a scopo divulgativo di inserire in calce la fonte di provenienza Per quei deliverables per i quali è definita una distribuzione e pubblicazione ristretta gli autori si impegnano a non divulgare il contenuto prima della scadenza del periodo previsto. in casi di conclamata violazione delle norme di correttezza e per materiale di particolare rilevanza il Comitato Direttivo si riserverà la possibilità di intraprendere azioni di tutela sia dell associazione stessa che degli autori materiali dei deliverables. Definizione del Ciclo di vita È stato definito un ciclo di vita per tutti quei Deliverables i cui contenuti risultano essere particolarmente significativi per tematiche trattate e/o per complessità tecnica sia di studio che di realizzazione. La pubblicazione e distribuzione di questi risultati seguirà il seguente schema: Pubblicazione ristretta ai Soci: o per un periodo definito di 6 (sei) mesi per risultati frutto di studi e/o implementazioni pratiche delle best practices su tematiche innovative e /o di rilevanza anche a livello internazionale di cui sussistono pochi e/o non significativi case in letteratura. Solo a partire dal settimo mese i Deliverables saranno liberamente disponibili sul sito. o per un periodo definito di 3 (tre) mesi per risultati originali, frutto della creatività, trasferimento di esperienza, casi studio specifici. Successivamente anche questi saranno disponibili liberamente. o per un periodo definito di 1 (uno) mese per risultati, frutto di una revisione ed analisi accurata di trasferimenti di esperienza, casi studio specifici già realizzati e documentati, che vengono però riproposti per ambiti diversi sia per dimensioni che per cultura. Dal mese successivo questi saranno disponibili liberamente. Pubblicazione libera o Si prevede la libera disponibilità per tutti i documenti che nascono da una rilettura ragionata (riassunti, schematizzazioni,...) di testi esistenti 14

15 Allegato 1 ACCORDO per essere ammessi a partecipare a Gruppi di Lavoro coordinati da itsmf Italia DEFINIZIONI adottate nel presente documento: MEMBRO la persona fisica che partecipa ad un Gruppo di Lavoro di itsmf Italia LAVORO - tutto il contenuto di informazione, inclusi eventuali manoscritti, che il MEMBRO del Gruppo di Lavoro di itsmf Italia ha offerto all Associazione nell ambito dell accordo stesso. PUBBLICAZIONE - ogni versione pubblicata del LAVORO. PARTE l organizzazione Ente o azienda con la quale il MEMBRO intrattiene un rapporto di dipendenza o di collaborazione prevalente ARTICOLI 1) Il MEMBRO garantisce che il LAVORO non costituisce in alcun modo violazione o uso illegale di qualsiasi copyright o licenza, impegno di confidenzialità, impegno di rispetto della privacy, o di qualsiasi diritto di persone o di terze parti, né contiene alcunché di diffamatorio. Il MEMBRO terrà itsmf Italia indenne contro ogni e qualsiasi azione, querela, procedimento, reclamo, costo derivante da qualsiasi violazione della presente garanzia. Il MEMBRO inoltre conferisce a itsmf Italia unico ed esclusivo copyright sul LAVORO, includendo l autorizzazione a produrre traduzioni del LAVORO in qualsiasi lingua. itsmf Italia è inoltre autorizzata a pubblicare (tutte le traduzioni del) il LAVORO in formato digitale, elettronico, o qualsiasi formato, indipendentemente dal supporto, come anche distribuzione on-line via Internet o qualsiasi altro sistema, in ogni possibile forma accessibile oggi o in futuro a itsmf Italia. 2) Tutti i diritti di proprietà intellettuale per qualsiasi modello, progetto, software o altro materiale realizzato dal MEMBRO per uso, o in previsione di uso, in relazione ai risultati di questo ACCORDO sono riferiti a itsmf Italia. Il MEMBRO non potrà, a meno di preventiva approvazione, usare o trasferire tali diritti di proprietà intellettuale, come qualsiasi altra informazione (indipendentemente dalla rilevanza rispetto a questo ACCORDO) ottenuta nella realizzazione del LAVORO, con l eccezione di informazioni di dominio pubblico. Il divieto si applica a qualsiasi adattamento o riduzione del LAVORO, o parte sostanziale del LAVORO in qualsiasi forma. 3) Il MEMBRO garantisce a itsmf Italia in modo esclusivo l eventuale sfruttamento commerciale del LAVORO, in qualsiasi forma descritta nell articolo 2. 4) I MEMBRI del Gruppo di Lavoro hanno il diritto di citare se stessi o di essere citati come CO- AUTORI del LAVORO. Questa condizione non modifica o limita alcuno degli Articoli precedenti. 5) Tutti i diritti di proprietà intellettuale appartenenti ad una Parte prima della firma del presente accordo rimarranno di titolarità di quella Parte. 15

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Per partecipare alla presente selezione i candidati dovranno, ai sensi del successivo art.6, presentare un progetto di stage che deve:

Per partecipare alla presente selezione i candidati dovranno, ai sensi del successivo art.6, presentare un progetto di stage che deve: Bando Pubblico per l assegnazione di 10 borse di studio a giovani studenti/ricercatori per un attività di specializzazione internazionale nei settori delle imprese creative Art. 1 - Premessa Il settore

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto INIZIATIVA TESI ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto In linea con la sua mission e con le indicazioni del Comitato Strategico,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Un investimento nasce dallo spreco

Un investimento nasce dallo spreco Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Il concorso Un investimento nasce dallo spreco, in linea con le decisioni europee di dichiarare il 2014 anno europeo contro

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015

ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 ATTIVITA FORMATIVE REGIONALI 2015 Norme per la Progettazione ed Erogazione di Eventi Formativi facenti parte del Protocollo E.C.M GUIDA ALLA PROGETTAZIONE ED EROGAZIONE DI EVENTI FORMATIVI 1 PREMESSA...

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance

COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance COMUNE DI CALCI (PROVINCIA DI PISA) Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance . PREMESSA Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance, per il seguito anche SMIVAP, è volto all

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA Allegato A) alla deliberazione n 185del 10/04/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA protocollointesa_volontariato_31032015 Pagina 1 di 6 INDICE Premesso

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E CERTIFICAZIONE ISO 9001 ed. 2000 PER L'UNIVERSITÀ DI CAMERINO PROGETTO DI MASSIMA

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E CERTIFICAZIONE ISO 9001 ed. 2000 PER L'UNIVERSITÀ DI CAMERINO PROGETTO DI MASSIMA Allegato 1 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E CERTIFICAZIONE ISO 9001 ed. 2000 PER L'UNIVERSITÀ DI CAMERINO PROGETTO DI MASSIMA Torino, 29 maggio 2001 Progetto Università Camerino 25_05_01.ppt 1 ESIGENZE

Dettagli

Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa

Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Concorso Un investimento nasce dallo spreco Articolo 1 Definizione dell'iniziativa Il concorso Un investimento nasce dallo spreco, in linea con le decisioni europee di dichiarare il 2014 anno europeo contro

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG)

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) Data / / Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi nel corso dell incontro

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA DEL FONDO PENSIONE FONDOPOSTE

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA DEL FONDO PENSIONE FONDOPOSTE QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA DEL FONDO PENSIONE FONDOPOSTE Il presente questionario costituisce parte integrante della richiesta pubblica di offerta per il servizio di banca depositaria

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA 1. CONTESTO E OBIETTIVI GENERALI DELL INIZIATIVA L inserimento in azienda di giovani ad alta qualificazione appare sempre più come una risorsa strategica per permettere alle

Dettagli

Comitato territoriale costituzione

Comitato territoriale costituzione Comitato territoriale - finalità CANALE STRUTTURATO DI DIALOGO L AZIENDA INCONTRA I SUOI STAKEHOLDERS UNIVERSITA CATEGORIE ECONOMICHE SCUOLE SUPERIORI ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE CONSUMATORI QUALITA DEI

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA Bando per la presentazione di progetti finalizzati alla realizzazione in ambito scolastico di strategie didattiche, metodologiche e valutative nei confronti degli studenti

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

WE WANT YOU Comunicare L Economia Sociale. Regolamento 2015

WE WANT YOU Comunicare L Economia Sociale. Regolamento 2015 WE WANT YOU Comunicare L Economia Sociale Regolamento 2015 ART 1 Definizione e premesse Con il termine Economia Sociale si intende un modello economico solidale in cui il profitto non è considerato il

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK

GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK Premessa Le "app", o applicazioni software, fanno ormai parte della vita di tutti noi. L'attuale generazione di giovani

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP

DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP AVVISO START MILANO DIFFUSIONE DELLA CULTURA IMPRENDITORIALE E SOSTEGNO ALLO START-UP 1 INDICE 1. FINALITA DELL INTERVENTO 2. AMBITI DI INTERVENTO 3 DOTAZIONE FINANZIARIA 4. MISURA : SUPPORTO ALLA CREAZIONE

Dettagli

La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana

La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana La normativa sul riuso del software nella P. A. e l esperienza Toscana Caterina Flick Linux Day Grosseto, 27 ottobre 2007 1/13 P.A. e acquisizione di software Secondo la normativa vigente le amministrazioni

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Allegato 4 Manuale di Progetto

Allegato 4 Manuale di Progetto Telematica per la gestione integrata delle chiamate di emergenza Progetto Pilota Elemento di rilascio D1.1 Allegato 4 Manuale di Progetto Confidenzialità : Interna Partecipanti : TTS-Italia Autori : O.

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO PRESENTAZIONE La corretta gestione del patrimonio dell ente è il primo passo verso la tenuta di una efficiente ed economica gestione delle proprie risorse. Immobilizzazioni

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M.

REGOLAMENTO GENERALE S.M.O.M. PREFAZIONE L associazione SMOM è un luogo, un punto d incontro di sensibilità e progettualità comuni, a sostegno della riduzione delle disparità sociali esistenti fra i popoli. Quindi per il diritto alla

Dettagli

Piacenza EXPO S.p.A. Via Medardo Tirotti, 11 29121 Piacenza

Piacenza EXPO S.p.A. Via Medardo Tirotti, 11 29121 Piacenza INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA PROMOZIONE DELLE CAPACITÀ INNOVATIVE E IMPRENDITORIALI DEGLI STARTUPPER PIACENTINI NELL'AMBITO DELLE AZIONI DI ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PRESSO

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

4 BANDO REGIONALE C.R.I. LAZIO CORSO ISTRUTTORI FULL-D

4 BANDO REGIONALE C.R.I. LAZIO CORSO ISTRUTTORI FULL-D 4 BANDO REGIONALE C.R.I. LAZIO CORSO ISTRUTTORI FULL-D (O.P. 10/14 del 15.01.2014) PREMESSA Con O.P. 10/14 del 15 gennaio 2014, il Comitato Centrale ha approvato il nuovo Progetto Manovre Salvavita in

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con

PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili. Realizzato in collaborazione con PROCEDURA OPERATIVA Valutazione Beni Immobili Realizzato in collaborazione con Procedura Valutazione Beni Immobili Descrizione Generale: Il seguente flusso descrive le procedure operative, nonché gli attori

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 RELAZIONE DI TRASPARENZA Per l esercizio al 31 dicembre 2014 Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 INDICE 1. Forma giuridica, struttura proprietaria e di governo 2. Rete di

Dettagli

UNA GIORNATA CON IL GPL

UNA GIORNATA CON IL GPL BANDO DI CONCORSO UNA GIORNATA CON IL GPL INTRODUZIONE FEDERCHIMICA-Assogasliquidi nell ambito di un più ampio progetto di comunicazione/informazione volto a favorire la conoscenza e la notorietà del prodotto

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data

MODULO 1: Definizione del CONTESTO Interno ed Esterno dell Organizzazione dell Azienda alla luce Data Aicq Tosco Ligure, in collaborazione con AICQ Formazione, AICQ Sicev e Accredia, è lieta di presentare il corso di formazione per l aggiornamento sulla nuova ISO 9001-2015 al quale potranno partecipare

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese.

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. + z. www.co.camcom.gov.it Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. Le adesioni sono aperte fino al 10 gennaio 2013. ART. 1

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

Con il contributo di

Con il contributo di Con il contributo di Bando di selezione per il conferimento di una borsa di studio per il progetto di ricerca Prima guerra mondiale: la grande trasformazione Tema di studio: Letteratura e Prima guerra

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Premessa La verifica di Stage 1 deve di norma essere effettuata presso la sede del Cliente. Eccezionalmente, purchè si verifichino e siano

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

TALENT ACADEMY L INCONTRO TRA IL TALENTO E LE IMPRESE MIGLIORI. Università Cattolica del Sacro Cuore

TALENT ACADEMY L INCONTRO TRA IL TALENTO E LE IMPRESE MIGLIORI. Università Cattolica del Sacro Cuore TALENT ACADEMY L INCONTRO TRA IL TALENTO E LE IMPRESE MIGLIORI Università Cattolica del Sacro Cuore Interfacoltà dilettere e Filosofia,Economia,Scienze Politiche e Sociali Corso avanzato di ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli