Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL"

Transcript

1 Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF Italia Livorno, 24 maggio XXI Convegno Nazionale di Information Systems Auditing

2 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

3 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

4 Introduzione I risultati presentati sono relativi ad un attività svolta nell ambito del Gruppo di Lavoro di ItSMF Italia inerente l IT Governance, tavolo di lavoro sulle Metriche per la misurazione delle performance dei processi. Coordinatore del Gruppo: Valter Tozzini Componenti del Tavolo di lavoro: Paola Belforte (Focal Point) Simona Maraviglia Simona Tonella Andrea Marotta Eugenio Pozzi 24 maggio

5 Fonti utilizzate nel Gruppo di Lavoro I 5 domini dell IT Governance COBIT: Control Objectives for Information and related Technology Copyright Domini e COBIT : IT Governance Institute ITIL: Information Technology Infrastructure Library Copyright ITIL : Office of Government Commerce 24 maggio

6 I domini dell IT Governance STRATEGIC ALIGNMENT VALUE DELIVERY RESOURCE MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERFORMANCE MEASUREMENT ha l obiettivo di assicurare il collegamento del business con i piani IT nel definire, mantenere, validare la IT value proposition e di allineare le operations IT con quelle aziendali. riguarda il delivery della IT value proposition assicurando i benefici promessi, concentrandosi sull ottimizzazione dei costi e la resa del valore intrinseco dell IT riguarda l ottimizzazione degli investimenti IT e la corretta gestione delle risorse IT critiche: applicazioni, informazioni, infrastrutture e persone richiede una chiara e trasparente comprensione dei rischi significativi per l azienda, delle necessità di conformità e l attribuzione delle responsabilità nell organizzazione aziendale controlla la realizzazione della strategia, il completamento dei progetti, l utilizzo delle risorse, i processi ed i servizi. Si usano tecniche per la definizione di obiettivi misurabili al di là del tradizionale accounting 24 maggio

7 Il gruppo di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La certificazione BS15000 /ISO come driver per la valorizzazione dell'azienda e del suo IT Metriche per la misurazione delle performance dei processi secondo ITIL e COBIT L ITIL e il Ritorno dell'investimento (ROITIL) 24 maggio

8 Obiettivo del tavolo di lavoro sulle metriche L obiettivo del gruppo di studio è stato quello di formulare un modello di misurazione delle performance dei processi IT basato sui principali framework presenti in letteratura. Il modello definito, ispirato alle prospettive della Balanced Scorecard, ha permesso di coniugare il rigore metodologico dell approccio COBIT con il pragmatismo derivante dalle Best Practice ITIL. 24 maggio

9 Metodo di lavoro Ricerca documentazione Documentazione sui modelli in letteratura Survey effettuate da società di consulenza relative ad aziende che hanno adottato ITIL Analisi dei benefici raggiunti (qualitativi e quantitativi) Formulazione del modello Analisi modello Cobit Analisi modello ITIL Integrazione dei due modelli con metriche derivate dall esperienza Esercizio di applicazione del modello sui processi relativi ai servizi business critical 24 maggio

10 Metodologia utilizzata nella formulazione del modello L ambito dell analisi ha riguardato i principali processi di Service Management ITIL (Service Support, Service Delivery). La metodologia utilizzata per definire il modello si è basata sulle seguenti attività: Mappatura dei processi ITIL con i processi COBIT Analisi delle metriche di COBIT: Goals ai vari livelli (Business, IT, Process, Activity), Key Goal Indicators, Key Performance Indicators Analisi delle metriche di ITIL: Goals, Benefits, Key Performance Indicators Integrazione degli indicatori dei due modelli con gli indicatori derivati dall esperienza Costruzione dell alberatura dei goals e degli indicatori Mappatura dei goals rispetto ai processi e definizione delle viste di sintesi. 24 maggio

11 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

12 Il contesto della misurazione delle performance dei processi Dall analisi di indagini effettuate da società di consulenza su un campione significativo di utilizzatori di ITIL a livello mondiale, emergono le seguenti indicazioni: L adozione dei processi ITIL è graduale, con un livello di maturità differente sui vari processi E molto sentita l esigenza di misurare i benefici dell adozione dei processi ITIL E molto diffusa la percezione di aver ottenuto dei miglioramenti delle performance IT Si riescono ad esplicitare alcuni benefici di tipo qualitativo Si ha maggiore difficoltà ad identificare benefici di tipo quantitativo ed a misurarli Le misurazioni sono definite principalmente per processo e sono più complete sui processi più maturi 24 maggio

13 Misurazione delle performance IT Un indagine Statistica Compass America, Feb. 2006: indagine effettuata su 70 società, appartenenti ad 11 nazioni, di cui l 82% ha avviato un programma di adozione di ITIL negli ultimi 18 mesi. 24 maggio

14 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

15 Le metriche di ITIL: Goals, Benefits, KPI Processi ITIL Goals Illustrano gli obiettivi che possono essere raggiunti mediante l implementazione del processo Benefits Offrono una descrizione di tipo qualitativo dei principali benefici ottenibili dall adozione adozione del processo Key Performance Indicators Definiscono esempi concreti di misure di efficienza ed efficacia del processo, con indicazioni relative alla reportistica. 24 maggio

16 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

17 Le metriche di COBIT 4.0 : Goals, KGI e KPI I Goals sono definiti a 4 livelli: Business Goals Riferiti alle prospettive Balanced Scorecard Processi Cobit Business Metric IT Metric Per processo IT Goals Process Goals Activity Goals Process Metric Key Goal Indicators (KGI) Identificano e misurano gli output dei processi, per indicare al management se i processi IT abbiano soddisfatto i requisiti di business Key Performance Indicators (KPI) Permettono di valutare quanto i processi siano performanti. 24 maggio

18 COBIT 4.0 Relazioni tra processi, Goals Processo DS5 Ensure Systems Security Goals e Metriche GOALS KGI & KPI 24 maggio

19 Considerazioni sulle metriche in ITIL e COBIT ITIL ITIL descrive i benefici di tipo qualitativo ottenibili dall adozione di ciascun processo ITIL definisce per ogni processo i Key Performance Indicators, derivati dalle Best Practice Gli indicatori di ITIL risultano più adattabili al contesto COBIT Cobit cerca di correlare la visione lato Business con la visione lato IT tramite un modello, in cui sono definiti gli obiettivi ai vari livelli Cobit cerca di correlare gli obiettivi ai vari livelli con le rispettive misure Gli indicatori di Cobit sono più strutturati e correlati con gli obiettivi Si è deciso di cercare di costruire un modello che permettesse di coniugare il rigore metodologico dell approccio COBIT con il pragmatismo derivante dalle Best Practice ITIL. 24 maggio

20 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

21 Metodologia utilizzata per definire il modello Processi ITIL di Service Support e Service Delivery Mappatura Processi Cobit Goals Benefits KPI Goals KGI KPI Indicatori derivati dall esperienza Integrazione indicatori IT Goals IT KGI Alberatura goals Alberatura indicatori Goals vs processi Process Goals KGI Viste di sintesi Activity Goals KPI 24 maggio

22 Mappatura processi ITIL versus processi Cobit 1/3 Processo ITIL Processi Cobit Service Support Service Delivery Incident Management; funzione di Service Desk Problem Management Change Management Release Management Configuration Management Service Level Management Financial Management for IT Services Capacity Management Availability Management Service Continuity Management DS8 Manage service desk and incidents DS10 Manage problems AI6 Manage changes AI7 Install and accredit solutions and changes DS9 Manage the configuration DS1 Define and manage service levels DS2 Manage third-party services DS6 Identify and allocate costs PO5 Manage the IT investment DS3 Manage performance and capacity PO3 Determine technological direction DS3 Manage performance and capacity DS4 Ensure continuous service DS4 Ensure continuous service PO9 Assess and manage IT risks 24 maggio

23 Mappatura processi ITIL versus processi Cobit 2/3 Processo ITIL ICT Infrastructure Management Applic. Mgmt Security Mgmt Desing and Planning Deployment Operations Technical Support Application Management Security Management Processi Cobit PO1 Define a strategic IT Plan PO2 Define the information architecture PO3 Determine technological direction DS7 Educate and train users PO10 Manage projects DS11 Manage data DS12 Manage the physical environment DS13 Manage operations AI3 Acquire and maintain technology infrastructure AI4 Enable operation and use PO7 Manage IT human resources AI1 Identify automated solutions AI2 Acquire and maintain application software AI3 Acquire and maintain technology infrastructure AI4 Enable operation and use AI5 Procure IT resources AI2 Acquire and maintain application software AI4 Enable operation and use DS5 Ensure systems security 24 maggio

24 Mappatura processi ITIL versus processi Cobit 3/3 Processi Cobit non mappabili: ME1 Monitor and evaluate IT performance ME2 Monitor and evaluate internal control ME3 Ensure regulatory compliance ME4 Provide IT governance PO4 Define the IT processes, organisation and relationships PO6 Communicate management aims and direction PO8 Manage quality 24 maggio

25 Agenda Il Il gruppo di di lavoro ItSMF Italia sull IT Governance La La misurazione dei dei processi IT IT Le Le metrichedi di ITIL Le Le metriche di di COBIT Esempi di di applicazione del del modello Metodologia utilizzata per per definire il il modello 24 maggio

26 COBIT - Business Goals Prospettiva Finanziaria Prospettiva Cliente Prospettiva Processi interni Prospettiva Innovazione e apprendimento 24 maggio

27 COBIT -IT Goals 24 maggio

28 COBIT - Relazione tra Business Goals, IT Goals 24 maggio

29 COBIT - Relazione tra IT Goals, IT Processes Incident Mgmt Service Level Mgmt Release Mgmt 24 maggio

30 Migliorare l orientamento al cliente PROSPETTIVA CLIENTE Esempio di applicazione dal Business Goal all Activity Goal: Business Goal Migliorare l orientamento al cliente ed i servizi Business IT Process Activity Assicurare la soddisfazione degli utenti con l offerta di servizi e SLA % degli utenti soddisfatti che i servizi rispettino gli SLA concordati Assicurare la disponibilità richiesta per i servizi IT Incident Mgmt/Service Desk Garantire alti livelli di servizio di qualità e disponibilità in accordo con gli SLA esistenti SLA Mgmt Allineare i servizi erogati agli SLA concordati Incident Mgmt/Service Desk Rispondere alle richieste con accuratezza e tempestività % di Incidents gestiti entro lo SLA % of incidents riaperti % di servizi che raggiungono gli SLA Miglioramento nel raggiungimento dei livelli di servizio Tasso d abbandono Tempo medio di risoluzione, suddiviso per tipologia di impatto e per struttura di supporto Soddisfazione dell utente sul 1 livello di supporto LEGENDA: COBIT ITIL COBIT, ITIL Allineare la priorità di risoluzione degli Incident alle richieste del business % di Incidents chiusi dal 1 livello Effettuare reporting sul raggiungimento dei livelli di servizio Numero e severità delle violazioni degli SLA Gestire un Service Desk Numero di chiamate gestite all ora per gruppo di Service Desk 24 maggio

31 Ottenere informazioni utili ed affidabili per le decisioni strategiche - PROSPETTIVA INNOVAZIONE E APPRENDIMENTO Esempio di applicazione dal Business Goal all Activity Goal: Ottenere informazioni utili ed affidabili per le decisioni strategiche Business IT Process Activity Assicurare la trasparenza e la comprensione dei costi IT, benefici, strategia, policy e SLA % degli stakeholders e degli utenti soddisfatti che i servizi rispettino gli SLA concordati Diminuzione dei costi IT dei servizi che raggiungono gli SLA Assicurare l affidabilità delle transazioni di business e degli scambi di informazioni SLA Mgmt Stabilire una comprensione comune degli SLA richiesti SLA Mgmt Formalizzare e monitorare gli SLA ed i criteri di performance Release Mgmt Certificare che le applicazioni e le soluzioni tecnologiche siano adeguate agli scopi prefissati % di SLA misurati Numero e % di target di servizio raggiunti Numero e severità delle violazioni degli SLA Efficacia della gestione delle violazioni degli SLA Ricicli dopo l implementazione dovuti all inadeguatezza dei test di accettazione Formalizzare accordi in linea con i requisiti e le capacità di delivery Numero degli incontri annuali di revisione formale degli SLA con i Clienti Evidenza documentale della gestione delle azioni identificate durante le review Numero di giorni per l adeguamento di uno SLA dopo l accordo con il Clienter % di SLA, OLA che necessitano di revisione ed aggiornamento Stabilire una metodologia di test che assicuri test di accettazione adeguati prima del go live % di errori identificati durante la review di quality assurance dell installazione % dei sistemi che soddisfano i benefici attesi, misurati dal processo di postimplementation LEGENDA: COBIT ITIL COBIT, ITIL 24 maggio Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

32 Esempio di applicazione per processo: Service Desk & Incident Management Goals ed indicatori Goals & Benefits IT Goals Assicurare la soddisfazione degli utenti con l offerta di servizi e SLA Assicurare l utilizzo appropriato e le performance delle applicazioni e delle soluzioni tecnologiche Assicurare la disponibilità richiesta per i servizi IT Process Goals Ripristinare l operatività del servizio al più presto con il minimo impatto sulle operazioni di Business Ridurre l impatto degli Incident sul Business Garantire alti livelli di servizio di qualità e disponibilità in accordo con gli SLA esistenti Analizzare, documentare ed effettuare l escalation degli Incident in maniera adeguata Rispondere alle richieste con accuratezza e tempestività Eseguire con regolarità un analisi dei trend degli incident e delle richieste Activity Goals Migliore utilizzo delle risorse, con aumento dell efficienza Tracciare tutti gli Incident e Service Request Gestire un Service Desk Monitorare i trend ed effettuare il reporting Allineare la priorità di risoluzione degli Incident alle richieste del business Definire criteri chiari e procedure per l escalation Indicatori IT KGI Soddisfazione dell utente sul 1 livello di supporto % di Incidents gestiti entro lo SLA KGI % di Incidents chiusi dal 1 livello di Service Desk % of incidents riaperti Tasso di abbandono Tempo medio di risoluzione, suddiviso per tipologia di impatto Tempo medio di risposta alle richieste dai vari canali (telefonico, ,web) Costo medio per Incident KPI % di incidents e service requests tracciate mediante strumenti automatici Numero di giornate annuali di training per gruppo di Service Desk Numero di chiamate gestite all ora per gruppo di Service Desk % di Incidents con intervento on site Backlog delle richieste non risolte Incidents gestiti per postazione di Service Desk Numero e % di Incidents risolti da remoto, senza intervento on site LEGENDA: COBIT ITIL COBIT, ITIL 24 maggio

33 Esempio di applicazione per processo: Service Desk & Incident Management Viste di sintesi Viste di sintesi (Obiettivi di processo) KPI operativi 1 Liv. (KGI/KPI) KPI operativi 2 Liv. (KPI) Service Desk & Incident Management Accessibilità Efficacia Efficienza Tracciabilità attività 33 Tempo medio di risposta alle richieste dai vari canali (telefonico, ,web) Tasso di abbandono Tempo medio di risoluzione, suddiviso per tipologia di impatto e per struttura di supporto % of incidents riaperti Soddisfazione dell utente sul 1 livello di supporto % di Incidents gestiti entro lo SLA, suddivisi tra anomalie e Service Request e per struttura di supporto Costo medio per incident Numero chiamate per Incident, Service Request non tracciate % di incidents e service requests tracciate mediante strumenti automatici Frequenza di report relativi a trend analysis Numero di chiamate gestite all ora per gruppo di Service Desk Numero di giornate annuali di training per gruppo di Service Desk Incidents gestiti per postazione di Service Desk Backlog delle richieste non risolte % di Incidents chiusi dal 1 livello di Service Desk Numero e % di Incidents risolti da remoto, senza intervento on site % di Incidents con intervento on site LEGENDA: COBIT ITIL COBIT, ITIL EXTRA 24 maggio 2007

34 Esempio di KPI Incident Management VISTE DI SINTESI VISTE OPERATIVE 1 LIV. Efficienza 1 Liv. Efficienza Efficienza 2 Liv. Incident Mngt. Tempestività 1 Liv. Tempestività Tempestività 2 Liv. 24 maggio

35 Esempio di KPI Gestione Service Request VISTE DI SINTESI VISTE DI SINTESI PER CLIENTE Rich. Ord. Holding Rich. Ord. Cliente 1 Performance Service Request Richieste ordinarie Richieste straordinarie Rich. Ord. Cliente 2.. Rich. Ord. Cliente n Rich. Str. Holding Rich. Str. Cliente 1 Rich. Str. Cliente 2.. Rich. Str. Cliente n 24 maggio

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli cerca home chi siamo la rivista contattaci saggi working paper autori archivio siamo in: Homepage / archivio N 2 2009 di Lorenzo Caselli Insegnare etica nelle Facoltà di Economia recensioni segnalazioni

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini In collaborazione con: EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT Gennaio 2012 Giugno 2013 II edizione formula

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza!

E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza! White paper tecnico RESOURCE MANAGEMENT www.novell.com E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza! Guida italiana alla gestione dell IT secondo una logica di servizio E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza!

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL. ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant

Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL. ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant 2 Introduzione - Andrea Praitano Struttura di consulenza di Business-e; Membro del Consiglio Direttivo di itsmf

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit Protiviti s High Value Audits are a series of audits programs that provide you with better information for decision-making regarding the systems and processes that drive technology, compliance or operational

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di laurea in Informatica SOFTWARE PER LA GESTIONE DI INFRASTRUTTURE IT SECONDO LO STANDARD ITIL: UN MODELLO

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Crema 14 dicembre 2010 Sergio Oltolina Senior Technical Manager Architetture e Consulenza Direzione Centrale Ricerca

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini"

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini" Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT V EDIZIONE FEBBRAIO 2015 / GIUGNO 2016 - ROMA FORMULA WEEKEND

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

ITIL: Information Technology Infrastructure Library Appunti su v3 Foundation

ITIL: Information Technology Infrastructure Library Appunti su v3 Foundation ITIL: Information Technology Infrastructure Library Appunti su v3 Foundation 3 gennaio 2013 Paolo Ottolino (PMP CISSP-ISSAP CISA CISM OPST ITIL) ii iii Indirizzamento ITIL non è un modello teorico studiato

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2 Prevenzione dei rischi software in ambito finanziario. L esperienza del Gruppo SIA Armando Bolzoni, direttore Software Factory SIA SpA SIA Chi siamo SIA è leader europeo nella progettazione, realizzazione

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli