COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona"

Transcript

1 STUDIO 1286 COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona PROGETTO PRELIMINARE RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN CREMATORIO PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI CORIANO NEL COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Allegato 02 - RELAZIONE TECNICA Revisione 1 marzo 2012 aggiornamento a seguito verbale di verifica del

2 RELAZIONE TECNICA a. Geologia Il territorio comunale, nel cui ambito risiede l area cimiteriale di Loc. Coriano di Albaredo d Adige, è situato in destra idrografica del F. Adige, in bassa pianura veronese, a quota di 21.5/ 21.8 m s.l.m. L ambito cimiteriale è ubicato all incrocio della S.P. n 19 Legnaghese tratto di Via Motta con Via Vegri. La zona alla quale appartiene l area cimiteriale si presenta pianeggiante, con quota media s.l.m. di 21.5 m. Il terreno all interno del cimitero è leggermente rialzato, per motivi idrogeologici, di circa 50 cm. I depositi litologici alluvionali di questa zona di medio-bassa pianura veronese, in relazione al vicino F. Adige, sono costituiti da sabbie medie e fini omogenee sia in senso verticale che orizzontale. Siamo a sud della fascia delle risorgive pertanto la falda freatica sub-superficiale è in relazione con acquiferi pseudo-artesiani nel sottosuolo e in comunicazione con il livello idrometrico del F. Adige, attraverso la medio/bassa permeabilità delle sabbie. La quota media della falda freatica è a 3.0 m di profondità. La direzione di deflusso sotterraneo avviene principalmente secondo direttrici N.N.O. S.S.E., con regime legato all andamento pluviometrico (piogge) e alle fasi di piena e di magra del F. Adige. Nei tre scavi di sondaggio geognostico eseguiti nel 1993 (Geol. Rizzotto) l emergenza di falda è avvenuta a profondità di 3.20 m, con franamento delle pareti di scavo per la scarsa coesione dei litotipi sabbiosi. L escursione massima di falda negli anni di rilievo è di 1,0 m, raggiungendo la quota massima di 2.50 m dal p.c. medio circostante il cimitero esistente. b. Geotecnica I terreni riscontrati durante l esecuzione dei tre scavi geognostici sono stati riconosciuti, cartografati e suddivisi in strati di competenza durante le operazioni di campagna: sulla base delle conoscenze acquisite direttamente in loco è stata ricostruita la colonna litostatigrafica che segue: 2

3 p.c./0,40 m, cotica agraria vegetale limosa e sabbiosa 0,4/3,00 m, sabbia fine e media quarzosa di colore grigio ocra, angolo d atrito caratteristico Ø k=30, densità media Dr= 40, peso di volume γ=1,8 t/mc, modulo di elasticità E = 300 Kg/ cmq. La permeabilità del terreno investigato è stata stimata dell ordine di K= 10 4 m/s, valore considerato medio/discreto. c. Sismica Secondo la O.P.C.M del , il Comune di ALBAREDO D ADIGE è classificato in Zona 3 caratterizzata da valori di accelerazione di picco orizzontale del suolo (ag), con probabilità di superamento del 10% in 50 anni: valore dello spettro di risposta elastico da utilizzare ag/g = 0,15 Ai sensi della successiva O.P.C.M del , secondo la nuova mappa di pericolosità sismica del Territorio Nazionale, in questa zona del Comune di ALBAREDO D ADIGE (Coordinate 45,454 Lat. Nord, Long. Est 11,617 ), il valore di ag risulterebbe pari a 0.101, leggermente migliorativo rispetto a quanto previsto dalla precedente O.P.C.M nella quale, per i Comuni in Zona 3, ag da utilizzare è La Categoria Topografica è T1 (terreno pianeggiante), la classe d uso delle strutture ha coefficiente 1.00, la vita utile è di 50 anni. Sulla base dei dati ricavati dalle indagini geologiche, anche profonde (ponti, pozzi), l'opera insiste su un sottosuolo categoria C, che, secondo l ultima definizione data nel Cap del D.M , Tabella 3.2.II: Esclusione categorie aggiuntive di sottosuolo S1 e S2 Le indagini penetrometriche profonde condotte in zone adiacenti indicano che sono assenti la suscettibilità dei terreni di fondazione a: sensitività: i terreni non sono molli, bassa consistenza o torbosi (categoria S1), liquefazione (categoria S2), ossia alla diminuzione di resistenza al taglio del terreno saturo non coesivo durante lo scuotimento sismico, dato che i terreni saturi d acqua (prof. > di 1,5 m) sono sabbiosi abbastanza addensati, oppure misti a limi e argille. d. Studio preliminare di inserimento urbanistico e vincoli L area oggetto di intervento ricade in zona F2 di seguito descritta: Art. 43- Zona F2: AREE PER ATTREZZATURE DI INTERESSE COMUNE 1. Sono parti del territorio comunale destinate ad ospitare attrezzature pubbliche o di pubblico interesse: culturali, sociali, ricreative, sanitarie, civiche, assistenziali e religiose, uffici pubblici, impianti sportivi e fabbricati per centrali telefoniche. 2. La realizzazione delle opere ammesse in tali zone deve formare oggetto di particolare studio per divenire elemento quantificante del tessuto urbano. In sede di progettazione si dovrà tener conto dei collegamenti pedonali 3

4 e dell ubicazione dei Parcheggi. 3. L attuazione in dette aree avviene per interventi diretti secondo i parametri stereometrici sotto riportati. L Amministrazione Comunale potrà assoggettare l attuazione a Piano Particolareggiato qualora ritenuto opportuno in considerazione delle caratteristiche e della collocazione di particolare interesse degli ambiti oggetti di intervento. 4. Sono ammesse le abitazioni per il personale di custodia. 5. Per l attuazione di queste zone si prescrivono le seguenti norme: - Densità edilizia fondiaria: non deve superare i 2,00 mc./mq.. - Indice di copertura: non deve superare il 50% della superficie fondiaria. - Numero dei piani: non deve essere superiore a 2 fuori terra oltre all eventuale piano seminterrato. - Altezza massima: non può superare i 8,50 mt. - Distanza minima dai confini: non può essere inferiore a 5,00 mt.. - Distanza dal ciglio stradale: non può essere inferiore a 5,00 ml. per strade di larghezza inferiore a ml. 7,00; a ml. 7,50 per strade di larghezza compresa tra ml. 7,00 e ml. 15,00; ml. 10,00 per strade di larghezza superiore a ml. 15,00. - Distanza tra fabbricati o corpi di fabbrica: non inferiore a 10,00 mt.;. 6. Per interventi attuati direttamente dagli Enti Pubblici è ammessa la deroga agli indici stereometrici sopra riportati con la procedura prevista all art. 80 della L.R. n 61/ Prescrizione speciale per zona F2/4: le attività a servizi da insediare nel comparto si svilupperanno con una volumetria massima pari a mc. previa esecuzione di Piano di Caratterizzazione sull intera area. 4

5 estratto da P.R.G. vigente, scala 1:5000 e. Archeologia L area in oggetto non è sottoposta a interesse archeologico, pertanto non è sottoposta a vincolo. f. Interferenze Il progetto si inserisce in un ambiente libero da manufatti o reti tecnologiche e/o di sottoservizi. Dal punto di vista ambientale non crea ostruzioni visive e pertanto non è di impatto sul paesaggio. 5

6 g. piano di gestione delle materie con ipotesi di soluzione delle esigenze di cave e discariche I materiali di risulta degli scavi per la costruzione delle fondazioni saranno riutilizzati in parte sul luogo per il ripristino delle aree esterne, e in parte trasportato in discarica con le necessarie concessioni. h. Espropri La proprietà dell amministrazione comprende il mappale 343 del foglio 27 ed il mappale 685 del foglio 32. E previsto un esproprio di circa 405 mq sul mappale 340 del foglio 27 che costerà ,00. i. architettura e funzionalità dell intervento Il nuovo complesso edilizio originato dalla costruzione del forno crematorio (centro di cremazione) si innesta funzionalmente sul lato sud-ovest dell attuale area Cimiteriale di Coriano ed occupa una superficie in pianta di circa 550 mq, ovvero insiste su un rettangolo di circa 25,00 x 22,00 mt., che si appoggia per due lati al cimitero esistente per un altezza massima di 8,50 mt. La realizzazione del forno crematorio a ridosso del cimitero di Coriano permette di sfruttare molteplici fattori che caratterizzano l area: - La dotazione di parcheggi e sottoservizi; - il collegamento alle vie principali di transito, S.P. n.19 Legnaghese ; la lontananza rispetto ai centri abitati di Albaredo, Coriano e Michellorie; area non soggetta a vincoli paesaggistici, idrogeologici e archeologici; Il sito ricade in zona F2 (aree per attrezzature di interesse comune), per tanto risulta compatibile con la destinazione d uso, ed può essere realizzato in base all art. 43 del PRG Vigente. Per consentire un adeguato transito dei mezzi e la realizzazione di un nuovo parcheggio è previsto dal progetto l allargamento del terreno di proprietà dell amministrazione andando a recuperare, con esproprio o altro tipo di accordo con i privati, una porzione di terreno pari a circa mq 405,00. Il centro di cremazione è costituito da un forno crematorio, corredato di servizi, locali accessori, impianti, arredi. L'esatta ubicazione degli interventi, l'individuazione dei locali di gestione ed il loro utilizzo, sono contenuti negli elaborati progettuali. Tutte le aree funzionali sono state distribuite al piano terreno, sia per limitare i costi di costruzione che per assecondarne la futura gestione, nonché per favorire il superamento delle barriere architettoniche. Il progetto prevede la realizzazione di un edificio che dovrà espletare una duplice funzione: quella tecnica legata alla cremazione in sé con le problematiche legate ad essa, e quella di accoglienza e commiato delle salme e dei parenti In linea di massima la distinzione, per aree funzionali, è la seguente: - l ingresso principale è collocato sul lato ovest, limitrofo alla strada perimetrale che 6

7 costeggia il Cimitero di Coriano, strada che, insieme al fossato sarà adeguatamente ridisegnata ed asfaltata; - Nell atrio trovano spazio la reception, la segreteria, la sala di attesa e i servizi igienici. - Nella parte dedicata al pubblico trovano spazio quattro sale di commiato, adeguatamente allestite ed arredate per la funzione a cui sono predisposte. - All interno ci sarà un vano tecnico, un deposito e lo spogliatoio con wc per gli addetti. Ci sarà poi la sala per il deposito delle salme con le apposite celle frigorifere. Il locale cremazioni avrà in un primo momento un forno con la possibilità di aumentarne il numero. - Al piano superiore si accederà, tramite una scala interna, al locale filtri di pertinenza dei forni crematori, ad un locale tecnico e al tetto dove saranno alloggiati gli eventuali motori degli impianti di climatizzazione. I materiali caratterizzanti l aspetto esterno del nuovo fabbricato saranno costituiti da muratura tradizionale intonacata al civile o rivestita con materiali idonei al contesto (ad es. legno) anche dal punto di vista cromatico. Le strutture portanti saranno in conglomerato cementizio armato. I serramenti saranno in alluminio preverniciato per limitare, nel tempo, la operazioni di manutenzione. Le strutture di copertura saranno realizzate con materiali opachi e trasparenti ( lucernari). Le pareti interne saranno adeguatamente rifinite con intonaco al civile e tinteggiatura ovvero idonei rivestimenti. I servizio igienici, i numero adeguato, accessibili, avranno dotazione idonea di sanitari e di arredi accessori, pavimenti e rivestimenti ( sino all altezza di metri 2,00) in grès fine porcellanato con buona resistenza all usura ed adeguate caratteristiche antiscivolo, tali da agevolare le operazioni di pulizia. La messa in opera dei materiali e degli impianti, completa di ogni categoria di lavoro necessaria alla perfetta installazione, deve rispettare integralmente le prescrizioni progettuali, le disposizioni della Direzione Lavori e della normativa vigente in materia. Gli spazi residuali dell ampia area circoscritta dal nuovo muro di delimitazione (altezza minima metri 2,50, dotato di aperture per accesso carraio, chiuse da cancelli in ferro verniciato preferibilmente schermati, con ampiezza minima metri 4 a due battenti, di disegno analogo agli esistenti) saranno sistemate secondo le indicazioni dell elaborato grafico, a prato (sempre tagliato a raso, manutenzione ordinaria a carico del concessionario, per un numero minimo di 10 tagli/anno, pulizia generale, raccolta foglie) e con ghiaia (di pezzatura piccola, colore grigio scuro) posata su idoneo sottofondo per fondazioni stradali. Il muro perimetrale dovrà essere realizzato con impiego di intonaco. L edificio dovrà rispondere alla normativa vigente per i luoghi pubblici, il superamento delle barriere architettoniche (L.13/89 e succ.), la progettazione degli impianti ( L. 46/90), il risparmio energetico ( L. 10/91), la sicurezza antisismica (D.M. 14/01/08 m.t.c.), la sicurezza sul lavoro ( riforma Biagi), la prevenzione degli incendi (rif. D.M. 16/02/82 ). Dati tecnici di progetto: Densità edilizia fondiaria 2,00 mc/mq Superficie fondiaria rilevata mq 4580 Volume realizzabile mq 4580 x 2 = 9160 mc 7

8 Superficie coperta edifici esistenti mq 600 Indice di copertura esistente 13 % Superficie coperta ampliamento mq 500 Indice di copertura totale (ampliamento + esistente) 24% < 50% Volume edifici esistenti 3300 mc Volume ampliamento 3000 mc Volume totale 6300mc < 9160mc j. strutture ed opere d arte Le strutture portanti saranno in conglomerato cementizio armato. k. impianti e sicurezza L impianto di cremazione deve garantire i seguenti requisiti, che devono esse posseduti dall insieme ambientale costituito dall edificio nel suo complesso e dagli impianti, nonché da ogni parte del corpo edilizio che lo riguarda. In ogni caso varranno, quali limiti minimi di accettabilità delle prestazioni, forniture ed opere compiute, i limiti e le prescrizioni delle specifiche normative di legge vigenti ed applicabili alle opere in appalto. Requisiti di sicurezza Attendono l incolumità delle persone che operano nell edificio per il funzionamento dell impianto e del pubblico che frequenta l edificio nonché la conservazione e la durata dell immobile e degli impianti con le seguenti sottoclassi: Sicurezza di funzionamento e di impiego con particolare riguardo all impianto e alle apparecchiature aventi caratteristiche di potenziale pericolosità (caldaie, impianti a gas,ecc.). Resistenza al fuoco e difesa dagli incendi con riguardo all impiego di materiali che impediscano il diffondersi delle fiamme, agli apparecchi di estinzione, alle precauzioni da adottare per il deposito di sostanze combustibili ed infiammabili. Protezione da eventi accidentali interni con riguardo ai provvedimenti da adottare per evitare il verificarsi di tali eventi o per limitarne il danno qualora si verifichino caduta di persone, avvelenamento o incendi od esplosioni da gas, ecc. Protezione da eventi accidentali esterni: valgono considerazioni analoghe al punto precedente (correnti vaganti, scariche atmosferiche, ecc.). Requisiti ambientali Riguardano la proprietà che l impianto e l edificio devono possedere, con particolare riguardo alle emissioni in atmosfera, da contenere entro i limiti ammessi dalle vigenti norme vigenti. Dovrà essere assicurata la totale assenza di odori sgradevoli e nauseabondi. Relativamente alle emissioni in atmosfera, saranno da considerare i valori limite e le prescrizioni contenute nel provvedimento autorizzativo provinciale, sia su base oraria sia nelle più gravose condizioni di esercizio. 8

9 Requisiti acustici Silenziosità di funzionamento durante tutto il processo di cremazione; limitazione del livello di rumore e di vibrazioni emesso nell ambiente sia esterno che interno; tali livelli dovranno essere contenuti entro i limiti fissati dalle normative vigenti con particolare riguardo ai livelli di esposizione del personale addetto e del pubblico e per ottenere l adeguato comfort nella sala cerimonie. Requisiti d uso Riguardano le proprietà che l impianto e l edificio devono possedere in relazione all uso che ne viene fatto, con le seguenti sottoclassi e specificazioni: Requisiti dimensionali morfologici e di funzionalità: - capacità di effettuare la cremazione di almeno cinque cicli di cremazione al giorno (con un tempo di cremazione non superiore a 90 minuti) in un turno lavorativo di otto ore (per peso complessivo di 150 Kg/cad) compreso il periodo di preriscaldamento, raccolta delle ceneri, introduzione della salma, cremazione, per giorni annui di esercizio 220 minimo; - dimensioni di ingombro tali da garantire gli spazi necessari per la manutenzione; - capacità di calcinare le ceneri in maniera completa, senza residui organici; - compatibilità con le caratteristiche architettoniche dell edificio e con le esigenze estetiche del sito; - facilità ed immediatezza d uso con operazioni manuali limitate in quanto il processo termico viene completamente automatizzato e gestito da PLC. Requisiti di nettezza: - attitudine alla facile pulizia; - attitudine a non accumulare scorie; - attitudine a non liberare prodotti sporcanti, inquinati o nocivi; - attitudine a non generare odori molesti; - in generale garanzia di decoro nel corso dell intero processo di cremazione e massima sicurezza di igiene in tutte le sue fasi (dall introduzione della salma al prelievo delle ceneri). Requisiti d affidabilità/stabilità: - limiti di deformazione per cause termiche - mantenimento dei parametri qualitativi di funzionamento mantenimento dei limiti delle emissioni in atmosfera. Requisiti di gestione e manutenzione/ gestione e conduzione: - economicità e razionalità di gestione; - facilità ed economicità di approvvigionamento materiali di consumo ed energia efficienti; - consumi di energia primaria contenuti, con elevata efficienza di combustione; Requisiti di manutenzione ordinaria: - facilità ed economicità di reperimento del ricambio di parti soggette ad usura; - facilità ed economicità delle operazioni di normale manutenzione e riparazione. Altre prestazioni da garantire: raccolta delle ceneri individuali; 9

10 garanzia 24 mesi dal collaudo con esito positivo dell impianto. Indicativamente l impianto sarà di tipo monoblocco a gas metano, con camera di postcombustione e impianto di depurazione e filtrazione dei fumi; dovrà rispondere alle disposizioni vigenti per l incenerimento dei rifiuti non pericolosi e alle emissioni in atmosfera secondo il disposto D. Lgs. 152/2006. La linea di cremazione risulterà essere sinteticamente costituita dai seguenti componenti: a. Carica feretri, per il posizionamento a livello e l introduzione del feretro nella camera di cremazione. b. Camera di cremazione interamente in refrattario a suola calda di cremazione sagomata e sistema di distribuzione dell aria comburente su più livelli. c. Camera di postcombustione dei fumi predisposta e dimensionata ai fini dell efficace trattamento termico ad alta temperatura dei gas derivanti del processo prima del loro avvio alla depurazione chimico - fisica. d. Scambiatore di calore fumi aria, necessario per ottenere l abbassamento della temperatura dei fumi dal valore con cui questi escono dal postcombustore termico fino a quello compatibile con il buon funzionamento del filtro a maniche. e. Sistema di dosaggio e di iniezione dei reagenti (normalmente costituiti da una miscela di bicarbonato di sodio e di carboni attivi) necessari per conseguire l abbattimento delle componenti acide e dei microinquinanti presenti nei fumi. f. Filtro a maniche per il completamento delle reazioni di neutralizzazione e di assorbimento degli inquinanti sopra richiamati e per l abbattimento del materiale particellare sospeso nel flusso dei gas prima della sua emissione in atmosfera. g. Aspiratore finale dei fumi e camino di processo. h. Quadro elettrico e consolle di comando. i. Strumentazione di monitoraggio inquinanti al camino di processo. j. Polverizzatore delle ceneri. L impianto di che trattasi si caratterizza dal punto di vista ambientale per produrre le seguenti forme di emissione: _ Emissione di reflui solidi, rappresentati in massima parte dai residui della depurazione dei fumi (reagenti esausti e polveri). _ Emissione di reflui gassosi, rappresentati dai fumi espulsi in atmosfera attraverso il camino di processo. _ Emissione di rumore, dovute al funzionamento dei diversi organi in movimento presenti sull impianto. alcune norme tecniche fondamentali da applicare: Regolamento Polizia Mortuaria D.P.R. n. 285 del Circolare Ministero Sanità n. 24 del D.Lgs 163/2006 e ss.mm.ii Norme tecniche Costruzioni D.M e Circolare n 617 del l. Idrologia 10

11 Le strutture previste, platea sub-superficiale, non interferiscono direttamente con la falda, tuttavia la eventuale risalita capillare dalle sabbie bagnate consigliano una protezione adeguata per l impermeabilizzazione idraulica, appunto sotto la platea. Si dichiara la propensione geologica e idrogeologica del sito alle opere di fondazioni ed edilizie prevedibili per l ampliamento tecnologico ed edilizio in progettazione preliminare con la prescrizione di non eseguire scavi più profondi di 1.5 m se non con misure di sostegno dei fronti di scavo e adeguato aggottamento preventivo della falda. Sconsigliato la costruzione di interrati per la modesta soggiacenza di falda e presenza di sabbie franose a scavo aperto, nonché per l interferenza con le piene idrauliche del F. Adige. Il Progetto Preliminare per l Ampliamento Tecnologico del Cimitero di Coriano in Comune di Albaredo d Adige (VR), sotto il profilo geologico e Idrogeologico è conforme alle tutele e prescrizioni previste dalla Legislazione Tecnica e Sanitaria in quanto vengono evitati scavi profondi che interferirebbero appunto con la falda stessa, non sono necessari wellpoint, neppure scarichi di acque reflue. m. Idraulica Il progetto non prevede di modificare il sistema idrico esistente, il fosso che corre lungo la strada carrabile di accesso rimarrà allo stato attuale. Nel corso dei lavori il concessionario dovrà tenere conto dei sotto servizi esistenti e, se necessario, deviare le canalizzazioni di qualsiasi tipo che possano interferire con l'area di cantiere e garantire, durante l esecuzione dei lavori e dopo l ultimazione degli stessi, il regolare deflusso delle acque superficiali e dei reflui. n. strutture le strutture dell opera saranno costruite ai sensi della normativa vigente. o. traffico il traffico non viene intaccato con la realizzazione dell opera, in quanto la messa in funzione dell impianto va a caricare in modo irrisorio la rete stradale locale. IL TECNICO INCARICATO LA DITTA PROMOTRICE Arch. Nicola Ziggiotto NicoliniGestioni srl 11

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

1 Localizzazione ed accessibilità

1 Localizzazione ed accessibilità 1 Localizzazione ed accessibilità L'area interessata dal Piano Urbanistico Attuativo per la realizzazione della nuova Residenza per persone anziane non autosufficienti si colloca all interno del Comune

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona STUDIO 1286 COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Provincia di Verona PROGETTO PRELIMINARE RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN CREMATORIO PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI CORIANO NEL COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE Allegato

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 Allegato B COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Committente: Favaretto Giorgio Progettista: Arch. Zia Ermanno Via Terraglio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART AREA TECNICA - SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E CIMITERI REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART. 15

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2)

COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona. STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) COMUNE DI CASALBUTTANO Provincia di Cremona STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE (L.R. 24.11.97 N. 41, art. 2) NORME GEOLOGICHE DI ATTUAZIONE (N.G.T.) IL GEOLOGO Dr Giovanni Bassi Settembre 2004 RIC-40-04

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il progetto di Variante al Piano Urbanistico Particolareggiato PUA con l isolato "D2.1 2118" prevede l'adeguamento del P.P.E. già convenzionato alle previsioni urbanistiche

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI COMUNE DI NICOLOSI Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI Indice: A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA: pag: 3 1. Inquadramento

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE INTEGRAZIONI DELLE PRESCRIZIONI DI CARATTERE GEOLOGICO-GEOTECNICO CONTENUTE NELLA VALSAT E NELLA SCHEDA NORMATIVA D AMBITO DEL POC OPERE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO

AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO AL COMUNE DI VIBO VALENTIA SETTORE III GOVERNO DEL TERRITORIO ASSEVERAZIONE ai sensi dell'art. 19 della Legge 7/8/1990, n 241 con le modalità degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 6/6/2001, n 380 e ss.mm.ii (ALLEGATO

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 Spazio riservato al protocollo: Spazio riservato all Ufficio: Il sottoscritto COGNOME E NOME SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 LUOGO

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque.

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque. 12/8 CONDIZIONAMENTI IDROGEOLOGICI 1. Il P.R.G.C. individua alla tav. P3a-b Carta di Sintesi geomorfologica le aree in cui le condizioni idrogeomorfologiche impongono limitazioni agli interventi consentiti

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto:

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto: Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Ampliamento attività industriale Via Cortenuova, Cividate al Piano (BG) Richiesta permesso di costruire mediante il procedimento

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O RECUPERO RIFIUTI / VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI ESERCIZIO / EVENTUALE AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO D.Lgs 22/97 e ss. mm. e

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia Il sottoscritto cognome e nome nato/a a provincia il

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO

COMUNE DI CARTIGLIANO ALLEGATO B ALLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE/D.I.A./S.C.I.A. n COMUNE DI CARTIGLIANO ALLO SPORTELLO UNICO ELENCO DOCUMENTI ALLEGATI Sempre obbligatoria Dettagliata relazione tecnica-descrittiva, a

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

Domanda: Pratica: Nominativo. Residente in prov... C.A.P... Via/Piazza n.ro... Tel./Cell... Fax

Domanda: Pratica: Nominativo. Residente in prov... C.A.P... Via/Piazza n.ro... Tel./Cell... Fax Mod 1015 Agg. SET2011 Domanda: Protocollo Pratica: Comune di PESARO OGGETTO: Al Sig. Sindaco del Comune di PESARO COMUNICAZIONE PER INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI -FOTOVOLTAICI E TERMICI- SU FABBRICATI

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii)

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii) DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii) Al Responsabile Ufficio Edilizia Privata Comune di Capoterra Il/La sottoscritto/a Cognome

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI D I C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Numero di protocollo COMUNE DI REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, PRESENTAZIONE DI D.I.A., AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI AL SERVIZIO

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari Allo Sportello Unico Edilizia Privata del Comune di Pula C.so Vittorio Emanuele n. 28 09010 Pula (CA) OGGETTO: DENUNCIA DI INIZIO DELL ATTIVITA, ai sensi degli articoli 2, 3 e 4 della Legge Regionale 23

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO REALIZZAZIONE DI UN NUOVO EDIFICIO SCOLASTICO - SCUOLA PRIMARIA DI VOLPAGO

COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO REALIZZAZIONE DI UN NUOVO EDIFICIO SCOLASTICO - SCUOLA PRIMARIA DI VOLPAGO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO OPERA: REALIZZAZIONE DI UN NUOVO EDIFICIO SCOLASTICO - SCUOLA PRIMARIA DI VOLPAGO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE (art. 8 comma 1 lett. c) D.P.R.

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA FERRACIN SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA VESPAIO SVELTO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto per realizzare vespai, intercapedini e pavimenti aerati in ogni tipo di costruzione nuova

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI VINCOLO IDROGEOLOGICO (L.R. 39/2000 LEGGE FORESTALE DELLA TOSCANA Art. 40) Approvato con deliberazione

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Melegnano via Maestri 2-20077 (MI) Tel. 02.98115388 Fax 02.98115328 Unità Organizzativa Territorio e Attività Integrate TIT. 3.1.5 SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

A U T O C E R T I F I C A Z I O N E

A U T O C E R T I F I C A Z I O N E PRATICA SUAP N AUTOCERTIFICAZIONE 2 - ASUR A U T O C E R T I F I C A Z I O N E ATTESTANTE LA CONFORMITÀ DEL PROGETTO ALLE PRESCRIZIONI PREVISTE DALLE NORME VIGENTI ai sensi dell'art. 6 D.P.R. 447/98 e

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA BOLOGNA VIA SABOTINO 27 ALLOGGIO EBO 0213

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA BOLOGNA VIA SABOTINO 27 ALLOGGIO EBO 0213 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA BOLOGNA VIA SABOTINO 27 ALLOGGIO EBO 0213 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

Sportello unico attività produttive SI NO. MOD 13b aggiornato l'8/02/2012

Sportello unico attività produttive SI NO. MOD 13b aggiornato l'8/02/2012 MOD 13b aggiornato l'8/02/2012 COMUNE DI GALGAGNANO Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA per attestare la conformità edilizia e agibilità (art.34.1, 34.2 RUE) La

Dettagli

INDICE. 1.1 INTRODUZIONE ALLA TEMATICA COMPARATIVA pag.2. 1.2 ANALISI DEI COSTI DI NUOVA COSTRUZIONE pag.4

INDICE. 1.1 INTRODUZIONE ALLA TEMATICA COMPARATIVA pag.2. 1.2 ANALISI DEI COSTI DI NUOVA COSTRUZIONE pag.4 INDICE 1.1 INTRODUZIONE ALLA TEMATICA COMPARATIVA pag.2 1.2 ANALISI DEI COSTI DI NUOVA COSTRUZIONE pag.4 1.2.1 ANALISI ARCHITETTONICA pag.4 1.2.2 ANALISI URBANISTICA pag.4 1.2.3 ANALISI ECONOMICA pag.5

Dettagli