$tpsxxalt$ DERAGUSA. Muciae del Gruppo OGGETTO:Mozione diindirrzzoa firmadel consiglierecrescenzio cimiteriale' e onomastlca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "$tpsxxalt$ DERAGUSA. FR@VilNGNA. Muciae del Gruppo OGGETTO:Mozione diindirrzzoa firmadel consiglierecrescenzio cimiteriale' e onomastlca"

Transcript

1 $tpsxxalt$ # gwwru DERAGUSA N. 1 0d e l '0 i 3 Muciae del Gruppo OGGETTO:Mozione diindirrzzoa firmadel consiglierecrescenzio cimiteriale' urbanae toponomastica e onomastlca Consiliaredel P.S.I.fer la toponomastica del il giornootto del mesedi febbraio,alleore 19,55,nell'Aulaconsiliare L'annoduemilatredici, Palazzodi Città " G. La Pira"' presentiall'appello in sedutaordinariadi oggi,notificataai sensidi legge, risultano Alla sessione nominale: N Consigliere Gruppo 4nnartenenz.a 1 GUGLIOTTAFrancesco P.S.r. z TOSCANOSalvatore M.P.A. ZOCCOPISANA Antonio 4 AZZARELLINinella Città Comune loberto Ammatuna Sindaco SUDANOMarco Pozzallo Giovane 7 RUFFINOlgnazio Popolo Moderato verso il P.P.E. 8 MUCIA Crescenzio P.S.l. o AMMATUNAFrancesco 10 IOZZIA Roberto P.D. Roberto Ammatuna Sindaco Presenti 14 tl FLORIDIA Gianluca 12 ASTAVincenzo 13 GIARDINAGiorgio GIUDICE Domenico P.S,I. APRILEFabio Consigliere P A x Gruppo ADDaftenenzu A s.e.l. Cantiere PoPolare K Pozzallo Giovane ll Timone P S,E.L. x Pozzallo Giovane 15 GALAZZO Rosa 16 MINARDOPiEtTO 17 DURI Salvatore s.e.l. x '18 BAGLIERI CATMEIO P.S.l. 19 BARRERASantino P.S.r. 20 ROSA Roberto P,S.I. Assenti 6 quindi per il prosieguo Visto che il numero degli intervenuti è legaleper la validità della sedutae Generaledott. dei lavori, il president. nott. Gianluca f'torioia con l'assistenza del Segretario GiampieroBella. dichiara apertala seduta. Colombo e Sono presentiin aula il vice Sindaco FrancescoGugliotta e gli assessorigiovanni SudanoMarco e i Dirigenti ing. Gambuzzae dott. Bottaro' D e l i bn.. 1 0d e l

2 *Mozione di indttizzo a I1Presidentepassaa trattareil punto postoall'o.d.g.,aventeper oggetto per la toponomasticae firma del ConsigliereCrescenzioMucia e del Gruppo Consiliaredel P.S.I. onomasticaurbanae toponomasticacimiteriale". Presenti12, Assenti 8 IL CONSIGLIO COMUNALE dal Consigliere Richiamatal'allegata mozione acquisita in data 31 gennaio 2013, prot. n.3118, comunaledel P.S.I.,CrescenzioMucia che qui di seguitosi trascrive:,,"11sottoscrittocrescenziomucia, Consigliire Comunaledi Pozzallo e il Gruppo Consiliare PSI di postulano la seguentemozionedi indirizzo: appartenenza Atteso che - un'adeguata nomenclatura teruitoriale permette di delimitare ed intitolare le aree di circolazione, vale a dire ogni spazio (piazza, via, viale, vicolo, largo o simili) del suolo pubblico o privato, qperto al pubblico, destinatoalla viabilità; -la loponomastica,in concorso con la numerazionecivica, premette di dotare ogni unità di ecografia (abitazioni, esercizi commerciati, ffic di un corretto e completo indirizzo alla pensare basti recapito, consentendoalla collettività Ia fruizione di m molteplici servizi, piìl coriispondenzapostale, alle consegnee.ffettuateda corrieri privati' nonché ai ben rilevanti servizi assistenzialie di emergenza; - l'esistenzadi un 'adeguatatoponomasticae numerazionecivica assumerilevanza ai fini di una cor r etta appli cazi one deil a.fiscal i tà Iocal e,' Consideratoche la semprepiì.t crescenteespansioneurbana della nostra Città di Pozzallo che ne modifica di continuola morfologia e lafisionomia rendenecessariall'incirca tre distinti interventi: r) laddovete moìifiché pttttu del territorio generanouna nuova ed aggiuntivaporzione di rete urbana (come ad esempio creazionedi accessirelativi a fabbricati di nuova costruzione) occorre progettare una nuova toponomqstìcache si aggiunge a quella già esistentenel restanteterritorio comunale,' 2) nei luoghi in cui si registra interposizioneo soppressionedi fabbricati occorre un riassetto dellapiogressionecivica in mododa monitoraree assecondarequestetrasformazioniin atto; 3) un teizoiaso, che è poi quetlo che si verifica con più frequenza, riguarda il rifacimento di ammodernamentoia segnaleticadi facciate cjicase o palazzi: durante l'opera di restauro ed nomenclaturastradale che questi ospitavanosulla loro superficie viene rimossaper poi non risultare più presente a fiie lavori o per motivi di negligenzao per espressavolontà del caso di paletti recanti la proprietaiio ^sefnaletica dell'edfficio stesso.come anche, similarmente,il toponomasticastradale che, una volta caduti per un qualsiasi motivo (incidente stradale o incuria e inciviltà espressacon atti vandalici) non viene più ricollocata al suo posto. e celererifucimentodi euisto generalee triplice ordine di problemi rende necessarioun dffiso iartelti di toponomastica stradale, come anche la predisposizione di un nuovo piano di toponomasticaaggiuntivoad integrazionedi quello già esistente. Evídenziatoche - la maggior parte degti edifici pubbtici di rilievo storico, artistico e culturale della nostra Città sono privi di adeguata segnaletica che ne renda noîo I'onomastica, l'anno di e le notizie di volta in volta necessariea secondadell'edificio in edificazione/costruzione questione(un esempioper tutti gli edffici di culto quali le nostre Chieseche non recano il noto cartello segnaleticodi colore giallo). Rilevato che - Con delibera n. l2 del dalla Giunta presieduta dal Sindacopro temporedott. RobertoAmmatuna aventeper oggetto "Presa d'atto decretoprefettizioper toponomasticae Delib.n. 10 del

3 - qualificato lavoro di un Comitato onomastica - diret,tiva di indirizzo" a seguito di un piecedentemelte-con delibera n' I l4 cittadinoper la toponomasticaed onomastila ftstituito del servizio n' 19 si prowide a dare incarico al Dirigàne responsabile det ) conseguentiper l'installazione dei "Lavori ptúblici II" per dare luogo agli atti gesti-o.nali di nuova intitolazione' con pannelli e targhe nelle vie, pfazrí ed"edifici pubblici oggetto -termine prefissatoenlro lo scaderedell'anno corrente; Dr' della Giuntapresiedutadal Sindacopro tempore Con delibera n. lg0 det nuova viabìlità ínseritasi nell'assetto Giuseppe Sulsenti si provvide ad intitolare la redatte dall'u.t.c', attribuendoa territoriale del Comunecome individuatanelleplanimetrie di cui parlasi' tal fine i nuovi toponimi riportati in due tabelleallegateall'atto al rilascio delle relative Le nuove intitolazioni approvatecon il citato atto sono subordinate autorizzazioniprevisle dalla normativavigentein materia. (si osaforse nel termine) di La stessacleliberaperò sembra essereui prowedimenti viziato non derivano da una ponderazione eccessivaunilateralitit: in quanto i nuovo toponimi scelti 2000 con I'istituzione di un di interessie vedute come avvenneprecedintementenell'anno Comilato ciltadino per Ia toponomasticaed onomastica' stabiliti nuovi toponimi a Con il provvedimrito dnllo Giunta Sulsentidi cui trattasi vengono Vicesindacoe Assessore seguito di una puntuale e sicuramentevalida relazione dell'allora a larga partecipazione alla Cultur.n}i.te Attilio Sigonasenza,però, prevedereun confronto democraticadelle rappresentanzedelleforze sociali locali' Ritenutoche - I,aumentodella popolazionedella nostra Città ha comportatoanche una notevoleestensione una corretta mappatura del Cimitero,o*unole, per cui sembra essere ormai necessaria al contesto, come anche interna det cimitero che preveda una toponomasticaadeguata e puntuale numerazionedi loculi, tombee sepolcri; un,aggtorttcrta - dotsndo il cimitero cjiun sistematoponomasticocapillare (così come hannofatto numerosi (soprattutto quelli Comuni italiani) si potrà soddisfaie I'esigenzaprimaria dei visitatori i loculi e Ie tombe' quella dlindivtduare con celerità le provenienti -strutture da altri paesi), cioè di cui si componeil complessocimiteriale; ad una eventualetoponomasticacimiteriale grazie al - sarebbe opportuno che si pervenga -Commlsione, prevedendo magari la partecipazione delle lavoro di un'apposita nota sacralità del rappresenrunrupl)rocchiali ed ecclesiasttihedella nostra Città data la luogo su crti tale interventodovrebbeinsistere; - la legnaletica verticale e le eventuali targhe indicative e didascalichepotrebbero essere in modo artigianalefacendo uio di materiali comuni come il legno, realizzando conjèzionate per tale questionesi cosìclei nnnufatti dat dùicato gusto esteticoe dal costo esiguo. Ma rimanda alla discrezionalitàdi questaamministrazione. I Si impegna íl Sindacoe la Giunta Comunale cuí risulta Ad intervenit,eper il rifacimento della segnaleticadi toponomasticanelle zone in o assente; ormai obsoleta l2 A continuarea dare seguito (seppurin maniera ormai abbastanzatardiva) aiia delibera n' già stato det 2L rigualdante tòponomasticaed onomasticacomunale,così come è del viale di accesso al Porto Viale fano da cprestaamntinistrazionecon I'intitolazione Medaglie cl'oro Lunga Navigazione; Riveclerecon opporti,rn proirtdimento le determinazionidella delibera n- 180del per r.iportc,requestc,tipo di scelte destinatead avere una lunga scadenza,ai canoni della partecipata ed inclusivacapacedi ridare il gusto del comunesentire,' dernoct.atic'itù un dialogo con i Comuni limitrofi per deciderei'opportunità o menodi nominare Acl intesser.e le strade di confine sempree comunquein ottemperanzaalle disposizionidi legge vigenti in materia,' D e l i b.n. 1 0 d e l 0 i

4 j. A proceclere alla, pianificazione della toponomastica cimiteriale quale segno di civiltà' decoro ed ordine. 6. A prevedere la relativa spesa necessaria per un intervento graduale e parcellizzato nei prossimi bilanci cercando, anche grazie allà par.tecipazione del privato, di non gravare oltre 'modo snlle già insfficientiforze economiche dell'ente. Tale mozione dì indirizzo viene avanzata nel solo interesse di garantire alla nostra Pozzallo dignità estetica e senso di civiltà. Pozzallo, addì 3I gennaio 2013 IL GRUPPO CONSILIARE DEL PARTITO SOCIALISTA ITALIANO.' F.to: Crescenzio Mucia (Consigliere Comunale proponente) F.to : Fr ancesco Gugliotta F.to: Santino Barrera F.to: Roberto Rosa F.to: Ninella Azzarelli" " Dato atto che suddetta mozione viene letta dal Consigliere proponente, Crescenzio Mucia; Entra in aula il consigliere Galazzo. Presenti 13, Assenti 7 Aperta, quir-rdi, la discussione in merito, che registra i seguentinterventi: - il Consigliere Toscano ta dichiarazione di voto positiva verso questa mozione e auspica che l,anrlnìnistrazione attui la toponomastica esistente mettendo al piu presto le relative tabelle; - il Consigliere Galazzo si esprime favorevolmente alla mozione del Consigliere Mucia' Sottolinea tuttavia I'opportuniia che la toponomastica cittadina abbia un proprio criterio che dovrebbe essere quello della storia e della cultura pozzallese come^l'intitolazione recente di piazza studi a Rino Giuffrida. A tal fine potrebbe rifarsi alla commissione che è stata approvara nel passato Consiglio Comunale, che dovrebbe occuparsi di promuovere la storia e la clrlirrra locale; - il C.,.siglier-e Gugliotta ricorda che faceva parte dell'amministrazione che ha approvato alcu'e intitolazioni toponomastiche nel2004 a seguito del lavoro di apposita Commissione' Esaurita la discussione, il presidente, con l'assistenza dei consiglieri scrutatori, sottopone a votazione la mozione i* esame, avente ad oggetto "Mozione di indirizzo a firma del consigliere Crescenzio Mucia e del LìrLtppo Consiliare del P.S.I. per la toponomastica e onomastica urbana e toponomastica cimiteriale'': Indi, a voti trrtanimi, espressi pet alzata di mano DELIBERA 1) Di rrnror,'lu.e la mozione di tndirizzo riportata in premessa nel documento di presentazione, allcr 'it alla presente qr,rale parte integrante e sostanziale. A questo pi,!1ro il Presidente sottopone a votazione il prelievo del punto avente per oggetto..mozione cli i'dirizzo aftma del Consigliere Rosa Galazzo in merito alla richiesta per ottenere il subentro del Cornnn e di pozzallo nella concessione demaniale n , già rilasciata alla Provincia R.',:ìortale c1i Ragusa", che ottiene I'unanimità dei consensi. Escono dal '.,:L i Consighen Iozzia e Toscano. Presenti 11, Assenti 9 Il PresidenrJ 5ostituisce il Consigliere scrutinatore Toscano con il Consigliere Aprile. Subito dopo il Consigliere Mucia propone il rinvio del punto avente ad oggetto "Mozione di indirtzzo a lìrntít clel Consigliere CrescenzioMucia e del Gruppo Consiliare del P.S.I' per la Delib. n. 10 iìel

5 rcarízzazione di aree di sosta caravan e camper", per uattarro in presenza del consigliere Sudano' ;;;;r;u,ottoport a avotazionq ottiene I'unanimità dei consensi. rnci rfi,ranre la trattazione c PosiÎati in formato digitale presso la Segreteria Tuttigliinterventiregistratosidurantelatrattazionedelpresentepuntosonodg Generale. Detib. n. 10 del

6 Letto, appror'úo e sottoscritto IL CONSIGI,IE IL SEG GENERALE CERTIFICATO DI PUBBTICAZIONE La presentt' tleliberazione viene pubblicata per 15 giorni consecutivi all'albo Pretorio online del l' ) rììune. sul sito istituzionale de[' Ènte : ozzallo'rg'it' Pozzallo,lì 2.1- Pl.l's,3 IJT;"":''",','"ri]oi;;"ó;d;il pretorio oiiiine dei Comune di Jl.,al.zfi t 3 u1 CI 8's 3 -toí3 fresente detiberazione è 'FP all'albo rybblicata Pozzallo, senza opposizioni e reclami' dal Pozzallo,I\ I1 Respons '1,iLe Il segretario Generale I La presenlrr, l,-:liberazione: ATTESTAZIONE DI ESECUTIVITA' E' stata c] rr:hiarata immediatamente esecutiva ai sensi d'ell'art'12' comma 2' della L'R' 44/91,. r----r *r r. -;ecutiv aii -ai sensi dell'art. 12, comma 1, della L'R' L_l E' dlvetrttra csecutr\ld LI :. ::;: : : " ; ; :,;^;. 44/g1,, 1,.,.,,roLsi clieci giorni dall'inizio della pubblicazione. PozzalIo,l\ Il Segretario Generale per copia c, orme a1l'originale ad uso amministrativo. Pozzallo,l\ Il segretario Generale Delib. n. 10,l 'l

7 *-s' 0,+._ At SINDACO Lurgi-ffituro Q '->' ASSESSORE all'arredo, alla MANUTENZIONE, al DECORO URBANO C AIIC ATTIWT.À CIMITERIALI Prof, Francesco Gugliotta rj - A I,ASSESSORE aì I*/IVORI PUBBLICL URBANISTICA e WABILITA Dott. Giovanni Colombo o,'6! z7 NE AL DI 316EN, 2013,*or. *" ò\ t E -- : AI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Dott. Gianluca Floridia o L AISEGRETARIO GENERALE COMUNALE Dott. Giampiero Bella cnlozf wne COMUNE DI POZZALLO OGGETTO: MOZIONE DI INDIRIZZO PER TOPONOMASTICA E ONOMASTICA URBANA E TOPONOMASTICA CIMITERIALE Il sottoscritto Crescenzio Mucia Consigliere Comunale dipozzallo e il gruppo consiliare PSI di appartenenza postulano la seguente mozione diíndírizzo: ATTESO che un'adeguata nomenclatura territoriale permeffe di delimitare ed intitolare le aree di circolazione, vale a dire ogni spazio (piazza, via, viale, vicolo, largo o simili) del suolo pubblico o privato, aperto al pubblico, destinato alla viabilità; la toponomastica, in concorso con la numerazione civica, permette di dotare ogni unità ecografica (abitazioni, esercizi commerciali, uffici) di un corretto e completo indirizzo di recapito, consentendo alla collettività la fruizione di molteplici servizi, basti pensare alla corrispondenza postale, alle consegne effettuate da corrieri privati, nonché ai ben più rilevanti servizi assistenziali e 'di emergenza;

8 l'esistenza di un'adeguata toponomastica e numerazione civica assume rilevanza ai fini di una corretta applicazione della fiscalita locale. CONSIDERATO che la sempre più crescente espansione urbana della nostra Città di Pozzallo che ne modifica di continuo la morfologia e la fisionomia rende necessari all'incirca tre distinti interventi: 1) laddove le modifiche fisiche del territorio generano una nuova ed aggiuntiva porzione di rete urbana (come ad esempio creazione di accessi relativi a fabbricati di nuova costruzione) occorre progettare una nuova toponomastica che si aggiunge a quella già esistente nel restante territorio comunale; 2) nei luoghi in cui si registra interposizione o soppressione di fabbricati occorre un riassetto della progtessione civica in modo da monitorare e assecondare queste trasformazioni in atto; 3) un terzo caso, che è poi quello che si verifica con più frequenza, riguarda il rifacimento di facciate di case o palazzi: durante l'opera di restauro ed ammodernamento la segnaletica di nomenclatura stradale che questi ospitavano sulla loro superficie viene rimossa per poi non risultare più presente a fine lavori o per motivi di negligenza o per espressa volontà del proprietario dell'edificio stesso. Come anche, similarmente, il caso di paletti recanti la segnaletica di toponomastica stradale che, una volta caduti per un qualsiasi motivo (incidente stradale o incuria e inciviltà espressa con atti vandalici) non viene più ricollocata al suo posto. Questo generale e triplice ordine di problemi rende necessario un diffuso e celere rifacimento di cartelli di toponomastica stradale, come anche la predisposizione di un nuovo piano di toponomastica aggiuntivo ad integrazione di quello già esistente. EVIDENZIATO che la maggior parte degli edifici pubblici di rilievo storico, artistico e culturale della nostra Città sono privi di adeguata segnaletica che ne renda noto l'onomastica, l'anno di edificazione/costruzione e le notizie di volta in volta necessarie a seconda dell'edificio in questione (un esempio per tutti gli edifici di culto quali le nostre Chiese che non recano il noto cartello segnaletico di colore giallo). RILEVATO che con deliberu n. 12 del della Giunta presieduta dal Sindaco pro tempore Dott. Roberto Ammatuna avente per oggetto "Presa d'atto decreto prefenizio per toponomastica

9 ed onomastica - direttiva di indirizzo" a seguito di un qualificato lavoro di un Comitato cittadino per la toponomastica ed onomastica (istituito precedentemente con delibera n.li4 del ) si prowide a dare incarico al Dirigente responsabile del servizio n. 19 'ol-avori pubblici II" per dare luogo agli atti gestionali conseguenti per I'istallazione dei pannelli e targhe nelle vie, piazze ed edifici pubblici oggetto di nuova intitolazione, con termine prefissato entro lo scadere dell'anno corrente; con delibera n. 180 del della Giunta presieduta dal Sindaco pro tempore Dott. Giuseppe Sulsenti si prowide ad intitolare la nuova viabilità inseritasi nell'assetto territoriale del Comune come individuata nelle planimetrie redatte dall'u.t.c., attribuendo a tal fine i nuovi toponimi riportati in due tabelle allegate all'atto di cui parlasi. Le nuove intitolazioni approvate con il citato atto sono subordinate al rilascio delle relative autorízzazioni previste dalla normativa vigente in materia. La stessa delibera però sembra essere un pror,vedimento viziato (si osa forse nel termine) di eccessiva unilateralità: in quanto i nuovi toponimi scelti non derivano da una ponderazione di interessi e vedute come a\.venne precedentemente nell'anno 2000 con I'istituzione di un Comitato cittadino per la toponomastica ed onomastica. Con il prolvedimento della Giunta Sulsenti di cui trattasi vengono stabiliti nuovi toponimi a seguito di una puntuale e sicuramente valida relazione dell'allora Vicesindaco e Assessore alla Cultura On.le Attilio Sigona senza, però, prevedere un confronto alargapartecipazione democratica delle rappresentanze delle forze sociali locali. RITENUTO che l'aumento della popolazione della nostra Citta ha comportato anche una notevole estensione del Cimitero comunale, per cui sembra essere ormai necessaria una corretta mappatura interna del Cimitero che preveda una toponomasticadeguatal contesto, come anche un'aggiornata e puntuale numerazione di loculi, tombe e sepolcri; dotando il Cimitero di un sistema toponomastico capillare (così come hanno fatto numerosi Comuni Italiani) si potrà soddisfare l'esigenza primaria dei visitatori (soprattutto quelli provenienti da altri paesi), cioè quella di individuare con celerità le tombe, i loculi, e le strutture di cui si compone il complesso cimiteriale; sarebbe opportuno che si pervenga ad una eventuale toponomastica cimiteriale grazie al lavoro di un'apposita Commissione, prevedendo magari la partecipazione delle rappresentanze parrocchiali ed

10 ecclesiastiche della nostra Città data la nota sacralità del luoeo su cui tale intervento dovrebbe insistere; - la segnaletica verticale e le eventuali targhe indicative e didascaliche potrebbero essere confezionate in modo artigianale facendo uso di materiali comuni come il legno, realizzando così dei manufatti dal delicato gusto estetico e dal costo esiguo. Ma per tale questione si rimanda alla discrezionalità di questa amministrazione. SI IMPEGNA il SINDACO e la GIUNTA COMUNALE 1) ad intervenire per il rifacimento della segnaletica di toponomastica nelle zone in cui risulta ormai obsoleta o assente; 2) a continuarc a dare seguito (seppur in maniera ormai abbastanza tardiva) alla delibera n. 12 del 2I.0I.2004 su menzionata, riguardante toponomastica ed onomastica comunale, così come è già stato fatto da questa Amministrazione con I'intitolazione del viale di accesso al Porto Viale Medaglie d'oro Lunga Navigazione. 3) a rivedere con opportuno prowedimento le determinazioni della delibera n. 180 del per riportare questo tipo di scelte destinate ad avere una lunga scadenza, ai canoni della democraticità pafecipata ed inclusiva capace di ridare il gusto del comune sentire; 4) ad intessere un dialogo con i Comuni limitrofi per decidere I'opportunità o meno di nominare le strade di confine sempre e comunque in ottemperanza alle disposizion di legge vigenti in materia; 5) a procedere alla pianificazione della toponomastica cimiteriale quale segno di civiltà, decoro ed ordine; 6) a prevedere la relativa spesa necessaria per un intervento graduale e parcellizzato nei prossimi bilanci cercando, anche grazie alla partecipazione del privato, di non gravare oltre modo sulle già insuffrcient i forze economiche dell' ente. Tale mozione di indirizzo viene avanzata nel solo interesse di earantire alla nostra Pozzallo dignità estetica e senso di civiltà.

11 t-' c P.S.: - Si fa richiesta al Presidente del Consiglio di inserire la presente mozione all'ordine del giorno della prossima seduta del Consiglio Comunale; Il cnuppo consiliare P.c.nrrro Socrar,rsr.c. Irar,uno Santino Barrera PozzaIlo, addì

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Regolamento per la toponomastica, la la numerazione civica e la numerazione interna

Regolamento per la toponomastica, la la numerazione civica e la numerazione interna Regolamento per la toponomastica, la la numerazione civica e la numerazione interna Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 12 del 5 marzo 2012 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

VERBALE DI DETERMINA

VERBALE DI DETERMINA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA SARDEGNA "G. Pegreffi" SASSARI VERBALE DI DETERMINA N. 116 del 20/02/2013 OGGETTO: Autorizzazione preventivo per il trasloco dell'oevr - CIG Z49089DEFB L'anno

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica

CITTA DI FELTRE. Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica COPIA CITTA DI FELTRE Deliberazione n. 62 in data 13/06/2011 Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Straordinaria di prima convocazione seduta Pubblica Prot. nr. Data Prot. 13/07/2011 Oggetto: Piano

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Protocollo RC n. 6578/15 Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2015 VERBALE N. 38 Seduta Pubblica del 25 marzo 2015 Presidenza: BAGLIO AZUNI MARINO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 702/07 Anno 2007 VERBALE N. 8 Deliberazione n. 12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica dell 1 febbraio 2007 Presidenza: CORATTI - PISO - CIRINNA'

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli