Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Settore Servizi Demografici - UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Settore Servizi Demografici - UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE -"

Transcript

1 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Settore Servizi Demografici - UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE - Piazza del Popolo, 36 - CAP Tel Fax P.Iva Indirizzo Internet : CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente appalto sono gli interventi sottodescritti da eseguirsi nei cimiteri comunali di San Martino Buon Albergo-Capoluogo e nelle frazioni di Marcellise, Ferrazze e Mambrotta : a) Inumazione ; b) Tumulazione nelle varie fattispecie: in loculo cimiteriale, in loculo ossario, in tomba di famiglia, ecc. ; c) Esumazione ( ordinaria e straordinaria ) finalizzata alla raccolta di resti ossei, oppure all avvio alla cremazione, oppure alla traslazione verso altra sepoltura d) Estumulazione ( ordinaria e straordinaria e con eventuale successiva sepoltura per mancata mineralizzazione ) finalizzata alla raccolta di resti ossei, oppure all avvio alla cremazione, oppure alla traslazione verso altra sepoltura e) Disponibilità/reperibilità per ricovero salme in cella mortuaria f) Quant altro inerente e conseguente ai sopra elencati interventi nonché in materia di servizi ed interventi cimiteriali in generale, come nel prosieguo esplicitati. Fatto salvo quanto previsto dal precedente comma primo, lett. f) che dovrà essere comunque sempre garantito indipendentemente dal costo dell eventuale prestazione suppletiva, senza possibilità di rivalsa nei confronti del Comune l entità delle prestazioni e degli interventi di cui al precedente comma primo, lett. a), b), c), d), e) viene così presuntivamente stimata: - n. 35 interventi annui per inumazione salme - n. 05 interventi annui per esumazione ordinaria/straordinaria salme richieste da privati 1

2 - n. 40 interventi annui per esumazione ordinaria/straordinaria salme disposte dal Comune - n. 60 interventi annui per tumulazione in loculo cimiteriale salme - n. 10 interventi annui per estumulazione ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata al recupero di resti - richieste da privati - n. 05 interventi annui per estumulazione ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata al recupero di resti - disposte dal Comune - n. 20 interventi annui per estumulazione ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata ad avvio alla cremazione richieste da privati - n. 20 interventi annui per estumulaz. ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata ad avvio alla cremazione disposte dal Comune - n. 10 interventi annui per estumulaz. ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata a traslazione ad altra sepoltura - n. 55 interventi annui per tumulaz./estumulaz. in/da loculo ossario resti ossei/ceneriì - n. 20 interventi annui per tumulaz./estumulaz. in/da tomba di famiglia ipogea salme - n. 15 interventi annui per apertura di tomba di famiglia ipogea o tumulazione di resti ossei/ceneri in tomba di famiglia ipogea - n. 80 interventi annui/giornate per accoglimento salme presso celle mortuarie Per la descrizione delle modalità di attuazione degli interventi, si rimanda all art. 10 del presente capitolato precisando comunque che il servizio deve essere svolto in modo tale da garantire il rispetto degli obblighi imposti al Comune per legge. ART. 2 PREZZI Il prezzo a base d asta per ogni operazione è così stabilito: 1. INUMAZIONE SALME con scavo, a mano e/o meccanico EURO ( cifre ) 158,00 2. ESUMAZIONE SALME con scavo a mano e/o meccanico EURO ( cifre ) 336,00 3. TUMULAZIONE SALME loculo cimiteriale (frontale o laterale ) 2

3 EURO ( cifre ) 84,00 4. ESTUMULAZIONE SALME da loculo (frontale o laterale ) per recupero resti EURO ( cifre ) 336,00 5. ESTUMULAZIONE SALME da loculo (frontale o laterale) per avviamento alla cremazione EURO ( cifre ) 336,00 6. ESTUMULAZIONE SALME da loculo (fontrale o laterale) per traslazione ad altra sepoltura EURO ( cifre ) 84,00 7. TUMULAZIONE/ESTUMULAZIONE RESTI OSSEI / CENERI da loculo ossario EURO ( cifre ) 23,00 8. TUMULAZIONE/ESTUMULAZIONE SALME in/da tomba di famiglia ipogea EURO ( cifre ) 144,00 9. APERTURA TOMBA DI FAMIGLIA - TUMULAZIONE RESTI OSSEI/CENERI IN TOMBA DI FAMIGLIA IPOGEA EURO ( cifre ) 27, INTERVENTI DI ACCOGLIENZA SALME PRESSO LA CELLA MORTUARIA COMUNALE ( per ogni giorno di permanenza compreso il giorno di arrivo entro le ore 24:00 - e quello di partenza) EURO ( cifre ) 12,00 Nelle operazioni di co-sepoltura il prezzo applicato sarà LA META di quello dell operazione di riferimento principale quando il contenitore successivo sia un urna o una cassetta di r.o.. Sarà 3

4 conteggiato normalmente quando invece sia già presente una o più cassette/urne e viene immesso un feretro. Ad esempio la co-sepoltura di resti ossei in loculo cimiteriale sarà conteggiata come tumulazione salma in loculo cimiteriale e liquidata al 50% di tale prezzo. Se però la co-sepoltura è contestuale all operazione principale, questa rimarrà assorbita da tale operazione e verrà riconosciuto solo un sovrapprezzo del 10% per ogni cassetta/urna immessa. Quando ad una operazione segue necessariamente un altra diretta conseguenza della prima ( es.: estumulazione con salma non completamente mineralizzata e successiva inumazione ) verranno corrisposti gli importi relativi alle due distinte operazioni effettuate (sempre con rifer. all esempio: una estumulazione ed una inumazione). L importo presunto complessivo per l esecuzione dei servizi per l intero periodo di durata dell appalto è preventivato in Euro ,00 (centounomilaquaranta) IVA esclusa. A tale somma vanno aggiunti gli oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso) per l importo complessivo di Euro ,00 che saranno liquidati in quota mensile alla Ditta. Gli importi relativi alle operazioni cimiteriali di cui sopra sono da considerarsi puramente indicativi. Qualora durante il periodo di gestione dei servizi essi risultassero inferiori alle quantità preventivate, la ditta aggiudicataria non potrà richiedere la corresponsione di indennizzi o compensi di sorta; nell eventualità invece che le quantità medesime fossero superate, la ditta dovrà applicare, anche per le eventuali eccedenze, gli stessi prezzi offerti in sede di gara. In tal senso, l aggiudicatario dovrà assicurare sia lo svolgimento di tutti i servizi oggetto dell appalto sia l applicazione dell elenco prezzi, così come determinato in sede di aggiudicazione, anche nel caso di modifiche delle quantità delle prestazioni nonché delle superfici derivanti da ampliamenti delle strutture cimiteriali nel corso della vigenza contrattuale. Le suddette eventuali variazioni, in aumento o in diminuzione, impegnano l aggiudicatario ad applicare le stesse condizioni. I prezzi offerti dovranno essere comprensivi di tutte le spese per mezzi d opera, assicurazioni di ogni genere, fornitura di materiali e loro lavorazione, carico, trasporto e scarico, dazi, noli, spese per lo smaltimento rifiuti di competenza dell aggiudicatario, spese concernenti il personale impiegato, spese per le misure di sicurezza concernenti l attività e quanto occorre per prestare il servizio a perfetta regola d arte. I servizi oggetto del presente appalto sono da considerarsi ad ogni effetto servizio pubblico essenziale e non potranno, pertanto, essere sospesi od abbandonati, neppure in caso di sciopero del personale. 4

5 Eventuali operazioni non comprese in quelle sopra descritte o che presentino singolari particolarità, saranno valutate dall Ufficio avendo a riferimento l operazione già codificata che maggiormente si avvicina per le sue caratteristiche. ART. 3 OBBLIGO DI SOPRALLUOGO Prima della presentazione dell offerta per l esecuzione del servizio in oggetto, gli operatori economici che intendono partecipare alla presente gara d appalto dovranno assumere tutte le informazioni necessarie in merito al servizio da effettuare. Per una migliore e precisa conoscenza dei cimiteri gli operatori economici interessati al servizio in oggetto sono tenuti, pena esclusione dalla gara, ad effettuare un sopralluogo prima della presentazione delle proprie offerte. Tale sopralluogo verrà formalizzato in un verbale, sottoscritto dal legale rappresentante della ditta o da un suo delegato e da un dipendente incaricato del Comune. Il verbale sarà emesso in duplice copia, una delle quali sarà consegnata all operatore economico il quale nella documentazione presentata con l offerta economica dovrà dichiarare di aver effettuato il sopralluogo. Per effettuare il sopralluogo è necessario prendere un appuntamento con gli Uffici comunali ai numeri telefonici: /250 in orario d ufficio (dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 ed il giovedì pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 17,30). Non è ammesso che il medesimo incaricato effettui il sopralluogo per conto di più concorrenti. ART. 4 CARATTERI DEI SERVIZI E SCIOPERI Tutti i servizi ed i lavori oggetto del presente capitolato sono ad ogni effetto da considerarsi di pubblico interesse e, come tali, non potranno essere sospesi od abbandonati, anche nelle ipotesi di sciopero del proprio personale dipendente. In tali ipotesi il soggetto gestore si atterrà a quanto stabilito dalla L. n. 146/1990 e dal D.P.R. n. 333/1990, trattandosi di attività rientrante tra i servizi pubblici essenziali. In caso di sospensione o di abbandono, anche parziale, del servizio o lavoro, eccetto i casi di forza maggiore accertati, il Comune può sostituirsi all impresa appaltante per l esecuzione d ufficio a spese dell inadempiente, oltre ad applicare le penalità previste. ART. 5 SUBAPPALTO 5

6 È vietata la cessione del contratto d appalto dei servizi oggetto del presente capitolato, a pena di nullità. Ai fini dell eventuale affidamento in subappalto dei servizi oggetto del presente capitolato, si applica l art. 118 del D.lgs n. 163/2006. L offerente deve indicare, in sede di presentazione dell offerta, le parti dell appalto che intenda eventualmente subappaltare a terzi. E fatto obbligo al soggetto aggiudicatario di trasmettere al Comune entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei suoi confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da esso aggiudicatario via via corrisposti al subappaltatore, con l indicazione delle trattenute di garanzia effettuate. In considerazione della particolare natura e delicatezza dei servizi oggetto del presente appalto l eventuale subappalto è consentito solo per le operazioni di cui al precedente art. 1, comma 1, lett. a), c), d) - per la parte di scavo meccanico eventualmente necessaria per le operazioni di inumazione, esumazione ed estumulazione, nonché per quanto riguarda la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti cimiteriali derivanti da esumazione/estumulazione di cui al successivo art. 11, lett. I). ART. 6 REVISIONE PREZZI I prezzi si intendono immodificabili nel primo anno di validità del presente contratto. Essi saranno soggetti ad adeguamento solo all inizio del secondo anno e degli anni successivi in misura corrispondente alla variazioni dell indice ISTAT del costo della vita risultante dall apposita tabella pubblicata dalla C.C.I.A.A. di Verona ( indice FOI). L adeguamento viene effettuato d ufficio dal mese successivo all annualità contrattuale. A titolo esemplificativo: se l appalto inizia nel mese di maggio, l adeguamento decorrerà dal mese di maggio dell anno successivo. Resta inteso che, qualora nel corso del rapporto contrattuale intervenissero disposizioni di legge, di regolamento e di atti amministrativi modificative e/o integrative della vigente disciplina e di quanto riportato nel presente capitolato, il Comune, previa comunicazione alla Ditta aggiudicataria, darà corso al conseguente adeguamento, senza che per questo la Ditta stessa possa vantare diritto o pretesa alcuna. ART. 7 DURATA DELL APPALTO Il contratto avrà la durata di anni DUE, dal al

7 La ditta aggiudicataria si obbliga, per il solo fatto di partecipare alla gara, ad iniziare il servizio dopo il ricevimento della comunicazione di aggiudicazione, anche in pendenza della stipula del contratto e comunque entro e non oltre il ART. 8 SISTEMA DI SANZIONI La mancata, ritardata, parziale o difforme esecuzione di quanto oggetto del presente capitolato, nonché di quanto ad esso inerente e conseguente, di un obbligo contrattuale o di un ordine di servizio comporta l applicazione di una penale. L applicazione della penale sarà preceduta da regolare contestazione dell inadempienza, inviata per lettera raccomandata a.r., ovvero via fax, alla quale la Ditta aggiudicataria avrà la facoltà di presentare controdeduzioni entro il termine perentorio di giorni 10 ( dieci ) dal ricevimento della comunicazione di contestazione. L applicazione della penale non estingue eventuali rivalse del Comune e/o di terzi, per i danni provocati dalle infrazioni o inadempienze stesse, né la rivalsa per gli eventuali servizi sostitutivi assunti direttamente o indirettamente dal Comune. L ammontare delle penali di cui al presente articolo ( oltre eventualmente, a quelle espressamente previste dalla legge, da regolamenti o da atti amministrativi) sarà ritenuto sul rateo di canone di più prossima scadenza. Verificandosi gravi deficienze od abusi nell adempimento degli obblighi contrattuali ed ove la Ditta aggiudicataria, regolarmente diffidata, non ottemperi agli ordini ricevuti, il Comune avrà facoltà di ordinare e far eseguire d ufficio, a spese della Ditta, i lavori necessari per il regolare andamento dei servizi. Salvo che il fatto non costituisca più grave reato, sono previste le seguenti penalità: A. In caso di mancata, ritardata, parziale o difforme esecuzione di quanto oggetto del presente capitolato, nonché di quanto ad esso inerente e conseguente, di un obbligo contrattuale o di un ordine di servizio : - Euro 500,00 in caso di sollecito rimedio ( il giorno successivo alla sollecitazione ) - Euro 500,00 per ognuno dei giorni successivi ( fino al terzo dalla sollecitazione ) - Euro 500,00 per ognuno dei giorni dal quarto al decimo - Euro 500,00 per ognuno dei giorno successivi al decimo. - Euro 1.000,00 in caso di tardivo o mancato ricevimento del feretro nel giorno e nell ora stabilita dal Comune, fatto salvo quanto stabilito al successivo art. 15. E considerato tardivo ricevimento già per il solo fatto della mancata o incompleta 7

8 predisposizione della fossa, in caso di inumazione, o della mancata apertura del loculo/ossarietto/tb. di famiglia in caso di tumulazione B. Nel caso in cui le disfunzioni di cui sopra, oltre a quelle derivanti da altri fattori, siano potenzialmente in grado di generare conseguenze negative per l igiene e la salute pubblica, ovvero generino conseguenze negative per l igiene e la salute pubblica, gli importi di cui alla precedente lettera A) sono raddoppiati. Fermo restando le condizioni di cui al precedente comma, alla ricorrenza di due mancanze in meno di un anno, il Comune ha la facoltà di risoluzione del contratto, con addebito alla Ditta aggiudicataria delle spesa per la sostituzione della stessa nell espletamento del servizio in attesa di un nuovo affidamento, senza che la ditta stessa possa vantare diritto o pretesa alcuna. L eventuale sforamento della spesa prevista nell offerta, a seguito dell applicazione di quanto previsto al precedente comma, sarà a totale carico della Ditta aggiudicataria, salvo cause imprescindibili, dimostrate e riconosciute per il Comune e la Ditta medesima. ART. 9 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA ED OSSERVANZA DELLE NORME IN MATERIA DI LAVORO L aggiudicatario dovrà disporre di personale idoneo e sufficiente ad assicurare il regolare espletamento di tutti i servizi previsti nel presente capitolato. L aggiudicatario dovrà: - assicurare al proprio personale un adeguata e scrupolosa formazione professionale, intesa a specializzarli per i compiti e le mansioni richieste dai servizi oggetto del presente appalto; - applicare a favore del personale le norme di legge e gli accordi sindacali che sono o saranno in vigore in materia di trattamento economico, previdenziale ed infortunistico; - comunicare ai Servizi Demografici del Comune, al momento dell inizio del servizio, l elenco nominativo del personale impiegato presso le sedi cimiteriali, distinto per tipologia di funzioni; - osservare le norme derivanti dalle disposizioni vigenti in materia di prevenzione ed assicurazione infortuni, tutela della salute e dell integrità fisica del personale, incolumità, sicurezza ed igiene del lavoro; - dotare il proprio personale di tutti i macchinari, gli attrezzi manuali, le attrezzature protettive, nonché i prodotti detergenti, disinfettanti e quant altro possa servire all espletamento di compiti previsti dal presente capitolato; 8

9 - dotare gli addetti di una divisa dello stesso colore e di tessera di riconoscimento, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro, inoltre dovranno munirsi dei dispositivi antinfortunistici (DPI) nell eseguire particolari tipologie di lavoro (quali esumazioni, estumulazioni ecc ) come previsto dall art. 20 del D.lgs.81/2008 e s.m.i.; ai sensi della Legge 5 marzo 1963, n. 292 e del D.P.R. 7 settembre 1965, n. 1301, inoltre, gli addetti ai lavori cimiteriali dovranno essere sottoposti a vaccinazione antitetanica ed antiepatitica; - mantenere la disciplina nell espletamento del servizio, osservare e fare osservare al proprio personale le leggi, i regolamenti e le prescrizioni del responsabile dei Servizi Demografici del Comune, nonché un comportamento serio e decoroso come si conviene alla natura ed alle circostanze in cui si svolge il servizio; ai collaboratori a qualsiasi titolo della ditta aggiudicataria si estendono gli obblighi di condotta previsti dal Codice di comportamento dei dipendenti pubblici approvato con D.P.R. n. 62 del ; - a richiesta della stazione appaltante, sostituire il personale ritenuto inidoneo o colpevole di non aver ottemperato ai propri doveri; - comunicare ai Servizi Demografici del Comune il referente del contratto d appalto via fax o posta elettronica; qualora questo venga sostituito dovrà darne comunicazione entro due giorni lavorativi con le medesime modalità. ART. 10 FORNITURA DEI MATERIALI La Ditta aggiudicataria ha l obbligo della fornitura della mano d opera e dei necessari mezzi e materiali per la completa e perfetta esecuzione di quanto oggetto del presente appalto, e ad esso inerente e conseguente. La Ditta potrà avvalersi di mezzi di proprietà o dei quali possa disporre in base a qualsiasi titolo giuridico idoneo ed a proprio rischio, in grado di rispondere a qualsiasi esigenza. La scelta delle attrezzature e delle macchine da utilizzare deve essere fatta dall aggiudicatario tenendo in debita considerazione la compatibilità delle stesse in rapporto alle condizioni statiche e logistiche delle strutture dei cimiteri comunali, anche per quanto riguarda la sicurezza degli operatori. In particolare, le attrezzature devono essere tecnicamente efficienti, dotate di tutte le caratteristiche, conformità e gli accessori necessari a proteggere e salvaguardare l'operatore e i terzi da eventuali infortuni, secondo quanto prescritto dalle normative vigenti in Italia e nella Comunità Europea, con l'obbligo di mantenerle nel tempo in perfetto stato di funzionalità. 9

10 In linea generale le croci/cippo, il ghiaino sono forniture a carico del Comune, mentre targhette, mattoni, cemento, contenitori per la cremazione, e attrezzatura minuta sono a carico della Ditta. ART. 11 TIPOLOGIE DI INTERVENTO Gli interventi di seguito descritti dovranno essere effettuati solo ed esclusivamente previa comunicazione del competente Ufficio Comunale, salvo quanto descritto alla lett. H) rispetto alla disponiblità/reperibilità per ricovero salme presso la cella mortuaria. Il Comune provvederà al ricevimento delle pratiche cimiteriali con proprio personale autorizzato. L aggiudicatario assume l onere di eseguire, nel rispetto del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., tutte le opere provvisionali, di difesa e di segnalazione, assicurando in tal modo l incolumità non solo degli addetti, ma anche di terzi e della pubblica utenza. A) INUMAZIONE Consiste nell esecuzione di quanto segue: - scavo della fossa delle dimensioni stabilite dalle norme vigenti e come da regolamento comunale di polizia mortuaria, previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - ricevimento del feretro all ora prestabilita sulla soglia del cimitero, posizionamento dello stesso nella fossa predisposta con l utilizzo di più persone nel rispetto di quanto prevede la normativa in materia di antinfortunistica; - reinterro della fossa, con riordino della zona; - apposizione del cippo/croce ( fornito dal Comune ) con la targhetta identificativa ( fornita dalla Ditta ENTRO 2 GG LAVORATIVI DALLA INUMAZIONE ) contenente le generalità del defunto e la posizione della sepoltura così come previsto dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. B) TUMULAZIONE IN LOCULO FRONTALE O LATERALE Consiste nell esecuzione di quanto segue: 10

11 - apertura del loculo previa comunicazione e indicazione da parte del competente Ufficio Comunale; - ricevimento del feretro all ora stabilita sulla soglia del cimitero, posizionamento dello stesso all interno del loculo; - chiusura del loculo con l utilizzo di mattoni pieni delle dimensioni di cm. 25x12x4 (venticinque per dodici per quattro), malta di cemento e stabilitura esterna, avendo l estrema cura di non lasciare aperture; - pulizia e quanto serve a rendere il lavoro eseguito a regola d arte; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Comunale per la puntuale e completa esecuzione della tumulazione. N.B. : Quanto sopra descritto vale anche per la tumulazione nelle tombe di famiglia epigee ed in particolare: - nelle tombe di famiglia del Cimitero di Marcellise parte nuova/lato ovest - nelle tombe/cappelle di famiglia del Cimitero del Capoluogo che similmente si presentano - nelle tombe analoghe del Cimitero di Mambrotta C) TUMULAZIONE DI SALME IN TOMBE DI FAMIGLIA IPOGEE Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura della tomba previa comunicazione ed indicazione del competente Ufficio Comunale con asportazione della pietra di chiusura mobile ( sigillo ) ; - ricevimento del feretro ad ora prestabilita sulla soglia del cimitero, posizionamento del feretro con utilizzo di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio nel rispetto di quanto prevede la normativa in materia di antinfortunistica; - lavori di isolamento interno del feretro dai restanti ove possibile, in base alle indicazioni dell Ufficio comunale competente ( a carico della famiglia ); - chiusura della tomba con il riposizionamento della propria pietra di chiusura; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno, ad insindacabile giudizio dell Ufficio Comunale, per la puntuale e completa esecuzione della tumulazione. D) APERTURA DI TOMBA DI FAMIGLIA 11

12 In casi diversi dalla circostanza della tumulazione/estumulazione di salma quali ad esempio per la tumulazione/estumulazione di resti ossei o di urna cineraria, l effettuazione di operazioni di pulizia, riordino, riduzione in resti ossei, etc. Consiste nell esecuzione di quanto segue: - asportazione della pietra/sigillo comunale - (eventuale) collocazione della cassetta di resti ossei o dell urna cineraria secondo le indicazioni della famiglia N.B.: La rimozione del copritomba esterno, per le tombe ipogee di famiglia sotto i porticati dei vari cimiteri comunali, è a carico della famiglia. La rimozione del copritomba per le tombe ipogee di famiglia situate nel cortile all ingresso del Cimitero del Capoluogo ( blocco 2 e blocco 3 ) sono a carico della Ditta. La chiusura in muratura del feretro, ove possibile, nel posto assegnato all interno della tomba di famiglia è a carico dei familiari. E) ESUMAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA FINALIZZATA ALLA RIDUZIONE IN RESTI OSSEI O ALLA TRASLAZIONE PER ALTRA SEPOLTURA Consiste nell esecuzione di quanto segue: - rimozione del monumento funebre - scavo della fossa, previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - eventuale raccolta dei resti ossei; - eventuale deposito temporaneo dei resti ossei nel luogo indicato dagli Uffici Comunali, in attesa delle decisioni dei familiari con sacchetto di plastica nera e cartellino identificativo predisposto dalla ditta appaltatrice, anche in materiale cartaceo; - eventuale dispersione dei resti ossei nell ossario comune sia immediata, quando tale destinazione sia già stata manifestata da parte della famiglia, che successiva, quando i parenti non siano noti al momento dell esumazione o non ci sia stata pronuncia effettuata per tempo circa questa destinazione finale; - eventuale traslazione del feretro ad altra sepoltura all interno dello stesso cimitero. In caso di estumulazione per traslazione in altro cimitero ( dentro o fuori del territorio comunale ) la Ditta si limiterà ad accompagnare la salma fino al mezzo di trasporto a ciò destinato; 12

13 - eventuale nuova inumazione in caso di mancata mineralizzazione previa aggiunta di idonea sostanza biodegradabile omologata al fine di far riprendere o portare a termine il processo di consumazione. Se la nuova inumazione dovesse essere fatta in altra sepoltura la ditta dovrà inoltre fornire l apposito e idoneo contenitore di materiale facilmente degradabile. - reinterro della fossa con riordino della zona compreso il ripristino dei livelli di terreno originari mediante l aggiunta di ghiaino e l eliminazione di massi/sassi emersi durante i lavori di scavo; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. F) ESTUMULAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA F.1) FINALIZZATA ALLA RIDUZIONE IN RESTI OSSEI. Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura loculo o tomba di famiglia previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - apertura feretro per procedere alla eventuale raccolta resti ossei ; - eventuale nuova inumazione in caso di mancata mineralizzazione previa aggiunta di idonea sostanza biodegradabile omologata al fine di far riprendere o portare a termine il processo di consumazione. Per la nuova inumazione la ditta dovrà inoltre fornire l apposito e idoneo contenitore di materiale facilmente degradabile. - eventuale deposito temporaneo dei resti ossei nel luogo indicato dagli Uffici Comunali, in attesa delle decisioni dei familiari con sacchetto di plastica nera e cartellino identificativo predisposto dalla ditta appaltatrice, anche in materiale cartaceo; - eventuale dispersione dei resti ossei nell ossario comune sia immediata, quando tale destinazione sia già stata manifestata da parte della famiglia, che successiva su ordine dell Ufficio Comunale preposto, quando i parenti non siano noti al momento dell esumazione o non ci sia stata pronuncia effettuata per tempo circa questa destinazione finale; - chiusura del loculo riposizionando la precedente lapide capovolta fronte/retro o la nuova lapide se già disponibile oppure riposizionamento del sigillo della tomba di 13

14 famiglia e riallacciamento lampada votiva ; in caso di traslazione all interno dello stesso cimitero con riutilizzo della lapide, il loculo rimasto vuoto sarà chiuso con altra lapide di marmo, se già disponibile, a cura della Ditta ; - pulizia e riordino della zona interessata dalle operazioni; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. F.2) FINALIZZATA ALL AVVIO ALLA CREMAZIONE Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura loculo o tomba di famiglia previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - apertura feretro per procedere al trasferimento della salma in idoneo contenitore per l avviamento al forno crematorio; - chiusura del loculo riposizionando la precedente lapide capovolta fronte/retro o riposizionamento del sigillo della tomba di famiglia e riallacciamento lampada votiva ; - pulizia e riordino della zona interessata dalle operazioni; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. F.3) FINALIZZATA ALLA TRASLAZIONE AD ALTRA SEPOLTURA SIA ALL INTERNO DELLO STESSO CIMITERO CHE IN ALTRO CIMITERO. Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura loculo o tomba di famiglia previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - traslazione del feretro ad altra sepoltura all interno dello stesso cimitero, qualora ricorra tale ipotesi. - In caso di estumulazione per traslazione in altro cimitero ( dentro o fuori del territorio comunale ) la Ditta si limiterà ad accompagnare la salma fino al mezzo di trasporto a ciò destinato; 14

15 - chiusura del loculo riposizionando la precedente lapide capovolta fronte/retro o riposizionamento del sigillo della tomba di famiglia e riallacciamento lampada votiva ; in caso di traslazione all interno dello stesso cimitero con riutilizzo della lapide, il loculo rimasto vuoto sarà chiuso con altra lapide di marmo ( fornita dal Comune ) a cura della Ditta ; - pulizia e riordino della zona interessata dalle operazioni; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. G) CO-SEPOLTURA La pratica della co-sepoltura ( così come prevista dagli artt. 32 e 34 del vigente Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria ) consiste nella collocazione di una o più cassette di resti ossei o di urne cinerarie in un unica sepoltura, sia o meno presente un feretro o viceversa. Nel caso di immissione successiva di una cassetta di resti ossei o di un urna cineraria in una sepoltura terranea si procede come segue: - scavo sulla fossa ospitante, indicata dagli Uffici Comunali, fino ad una congrua profondità che garantisca una adeguata copertura al contenitore da interrare; - immissione del contenitore ( cassetta od urna ); - riposizionamento del materiale terroso asportato ; - pulizia dei luoghi interessati dall intervento ; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione dell operazione. Nel caso di immissione successiva di una cassetta di resti ossei o di un urna cineraria in un loculo o loculo ossario si procede come segue: - rimozione della lapide, indicata dagli Uffici Comunali ; - apertura di una breccia nel muro di chiusura nella misura sufficiente a far passare il contenitore da immettere ( cassetta o urna ) ; - immissione del contenitore ( cassetta o urna) ; - ripristino della muratura di chiusura ; - riposizionamento della lapide e riallacciamento lampada votiva; - pulizia dei luoghi interessati dall intervento; 15

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli