Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Settore Servizi Demografici - UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Settore Servizi Demografici - UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE -"

Transcript

1 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Settore Servizi Demografici - UFFICIO POLIZIA CIMITERIALE - Piazza del Popolo, 36 - CAP Tel Fax P.Iva Indirizzo Internet : CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente appalto sono gli interventi sottodescritti da eseguirsi nei cimiteri comunali di San Martino Buon Albergo-Capoluogo e nelle frazioni di Marcellise, Ferrazze e Mambrotta : a) Inumazione ; b) Tumulazione nelle varie fattispecie: in loculo cimiteriale, in loculo ossario, in tomba di famiglia, ecc. ; c) Esumazione ( ordinaria e straordinaria ) finalizzata alla raccolta di resti ossei, oppure all avvio alla cremazione, oppure alla traslazione verso altra sepoltura d) Estumulazione ( ordinaria e straordinaria e con eventuale successiva sepoltura per mancata mineralizzazione ) finalizzata alla raccolta di resti ossei, oppure all avvio alla cremazione, oppure alla traslazione verso altra sepoltura e) Disponibilità/reperibilità per ricovero salme in cella mortuaria f) Quant altro inerente e conseguente ai sopra elencati interventi nonché in materia di servizi ed interventi cimiteriali in generale, come nel prosieguo esplicitati. Fatto salvo quanto previsto dal precedente comma primo, lett. f) che dovrà essere comunque sempre garantito indipendentemente dal costo dell eventuale prestazione suppletiva, senza possibilità di rivalsa nei confronti del Comune l entità delle prestazioni e degli interventi di cui al precedente comma primo, lett. a), b), c), d), e) viene così presuntivamente stimata: - n. 35 interventi annui per inumazione salme - n. 05 interventi annui per esumazione ordinaria/straordinaria salme richieste da privati 1

2 - n. 40 interventi annui per esumazione ordinaria/straordinaria salme disposte dal Comune - n. 60 interventi annui per tumulazione in loculo cimiteriale salme - n. 10 interventi annui per estumulazione ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata al recupero di resti - richieste da privati - n. 05 interventi annui per estumulazione ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata al recupero di resti - disposte dal Comune - n. 20 interventi annui per estumulazione ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata ad avvio alla cremazione richieste da privati - n. 20 interventi annui per estumulaz. ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata ad avvio alla cremazione disposte dal Comune - n. 10 interventi annui per estumulaz. ordinaria/straordinaria da loculo cimiteriale salme finalizzata a traslazione ad altra sepoltura - n. 55 interventi annui per tumulaz./estumulaz. in/da loculo ossario resti ossei/ceneriì - n. 20 interventi annui per tumulaz./estumulaz. in/da tomba di famiglia ipogea salme - n. 15 interventi annui per apertura di tomba di famiglia ipogea o tumulazione di resti ossei/ceneri in tomba di famiglia ipogea - n. 80 interventi annui/giornate per accoglimento salme presso celle mortuarie Per la descrizione delle modalità di attuazione degli interventi, si rimanda all art. 10 del presente capitolato precisando comunque che il servizio deve essere svolto in modo tale da garantire il rispetto degli obblighi imposti al Comune per legge. ART. 2 PREZZI Il prezzo a base d asta per ogni operazione è così stabilito: 1. INUMAZIONE SALME con scavo, a mano e/o meccanico EURO ( cifre ) 158,00 2. ESUMAZIONE SALME con scavo a mano e/o meccanico EURO ( cifre ) 336,00 3. TUMULAZIONE SALME loculo cimiteriale (frontale o laterale ) 2

3 EURO ( cifre ) 84,00 4. ESTUMULAZIONE SALME da loculo (frontale o laterale ) per recupero resti EURO ( cifre ) 336,00 5. ESTUMULAZIONE SALME da loculo (frontale o laterale) per avviamento alla cremazione EURO ( cifre ) 336,00 6. ESTUMULAZIONE SALME da loculo (fontrale o laterale) per traslazione ad altra sepoltura EURO ( cifre ) 84,00 7. TUMULAZIONE/ESTUMULAZIONE RESTI OSSEI / CENERI da loculo ossario EURO ( cifre ) 23,00 8. TUMULAZIONE/ESTUMULAZIONE SALME in/da tomba di famiglia ipogea EURO ( cifre ) 144,00 9. APERTURA TOMBA DI FAMIGLIA - TUMULAZIONE RESTI OSSEI/CENERI IN TOMBA DI FAMIGLIA IPOGEA EURO ( cifre ) 27, INTERVENTI DI ACCOGLIENZA SALME PRESSO LA CELLA MORTUARIA COMUNALE ( per ogni giorno di permanenza compreso il giorno di arrivo entro le ore 24:00 - e quello di partenza) EURO ( cifre ) 12,00 Nelle operazioni di co-sepoltura il prezzo applicato sarà LA META di quello dell operazione di riferimento principale quando il contenitore successivo sia un urna o una cassetta di r.o.. Sarà 3

4 conteggiato normalmente quando invece sia già presente una o più cassette/urne e viene immesso un feretro. Ad esempio la co-sepoltura di resti ossei in loculo cimiteriale sarà conteggiata come tumulazione salma in loculo cimiteriale e liquidata al 50% di tale prezzo. Se però la co-sepoltura è contestuale all operazione principale, questa rimarrà assorbita da tale operazione e verrà riconosciuto solo un sovrapprezzo del 10% per ogni cassetta/urna immessa. Quando ad una operazione segue necessariamente un altra diretta conseguenza della prima ( es.: estumulazione con salma non completamente mineralizzata e successiva inumazione ) verranno corrisposti gli importi relativi alle due distinte operazioni effettuate (sempre con rifer. all esempio: una estumulazione ed una inumazione). L importo presunto complessivo per l esecuzione dei servizi per l intero periodo di durata dell appalto è preventivato in Euro ,00 (centounomilaquaranta) IVA esclusa. A tale somma vanno aggiunti gli oneri per la sicurezza (non soggetti a ribasso) per l importo complessivo di Euro ,00 che saranno liquidati in quota mensile alla Ditta. Gli importi relativi alle operazioni cimiteriali di cui sopra sono da considerarsi puramente indicativi. Qualora durante il periodo di gestione dei servizi essi risultassero inferiori alle quantità preventivate, la ditta aggiudicataria non potrà richiedere la corresponsione di indennizzi o compensi di sorta; nell eventualità invece che le quantità medesime fossero superate, la ditta dovrà applicare, anche per le eventuali eccedenze, gli stessi prezzi offerti in sede di gara. In tal senso, l aggiudicatario dovrà assicurare sia lo svolgimento di tutti i servizi oggetto dell appalto sia l applicazione dell elenco prezzi, così come determinato in sede di aggiudicazione, anche nel caso di modifiche delle quantità delle prestazioni nonché delle superfici derivanti da ampliamenti delle strutture cimiteriali nel corso della vigenza contrattuale. Le suddette eventuali variazioni, in aumento o in diminuzione, impegnano l aggiudicatario ad applicare le stesse condizioni. I prezzi offerti dovranno essere comprensivi di tutte le spese per mezzi d opera, assicurazioni di ogni genere, fornitura di materiali e loro lavorazione, carico, trasporto e scarico, dazi, noli, spese per lo smaltimento rifiuti di competenza dell aggiudicatario, spese concernenti il personale impiegato, spese per le misure di sicurezza concernenti l attività e quanto occorre per prestare il servizio a perfetta regola d arte. I servizi oggetto del presente appalto sono da considerarsi ad ogni effetto servizio pubblico essenziale e non potranno, pertanto, essere sospesi od abbandonati, neppure in caso di sciopero del personale. 4

5 Eventuali operazioni non comprese in quelle sopra descritte o che presentino singolari particolarità, saranno valutate dall Ufficio avendo a riferimento l operazione già codificata che maggiormente si avvicina per le sue caratteristiche. ART. 3 OBBLIGO DI SOPRALLUOGO Prima della presentazione dell offerta per l esecuzione del servizio in oggetto, gli operatori economici che intendono partecipare alla presente gara d appalto dovranno assumere tutte le informazioni necessarie in merito al servizio da effettuare. Per una migliore e precisa conoscenza dei cimiteri gli operatori economici interessati al servizio in oggetto sono tenuti, pena esclusione dalla gara, ad effettuare un sopralluogo prima della presentazione delle proprie offerte. Tale sopralluogo verrà formalizzato in un verbale, sottoscritto dal legale rappresentante della ditta o da un suo delegato e da un dipendente incaricato del Comune. Il verbale sarà emesso in duplice copia, una delle quali sarà consegnata all operatore economico il quale nella documentazione presentata con l offerta economica dovrà dichiarare di aver effettuato il sopralluogo. Per effettuare il sopralluogo è necessario prendere un appuntamento con gli Uffici comunali ai numeri telefonici: /250 in orario d ufficio (dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 ed il giovedì pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 17,30). Non è ammesso che il medesimo incaricato effettui il sopralluogo per conto di più concorrenti. ART. 4 CARATTERI DEI SERVIZI E SCIOPERI Tutti i servizi ed i lavori oggetto del presente capitolato sono ad ogni effetto da considerarsi di pubblico interesse e, come tali, non potranno essere sospesi od abbandonati, anche nelle ipotesi di sciopero del proprio personale dipendente. In tali ipotesi il soggetto gestore si atterrà a quanto stabilito dalla L. n. 146/1990 e dal D.P.R. n. 333/1990, trattandosi di attività rientrante tra i servizi pubblici essenziali. In caso di sospensione o di abbandono, anche parziale, del servizio o lavoro, eccetto i casi di forza maggiore accertati, il Comune può sostituirsi all impresa appaltante per l esecuzione d ufficio a spese dell inadempiente, oltre ad applicare le penalità previste. ART. 5 SUBAPPALTO 5

6 È vietata la cessione del contratto d appalto dei servizi oggetto del presente capitolato, a pena di nullità. Ai fini dell eventuale affidamento in subappalto dei servizi oggetto del presente capitolato, si applica l art. 118 del D.lgs n. 163/2006. L offerente deve indicare, in sede di presentazione dell offerta, le parti dell appalto che intenda eventualmente subappaltare a terzi. E fatto obbligo al soggetto aggiudicatario di trasmettere al Comune entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei suoi confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da esso aggiudicatario via via corrisposti al subappaltatore, con l indicazione delle trattenute di garanzia effettuate. In considerazione della particolare natura e delicatezza dei servizi oggetto del presente appalto l eventuale subappalto è consentito solo per le operazioni di cui al precedente art. 1, comma 1, lett. a), c), d) - per la parte di scavo meccanico eventualmente necessaria per le operazioni di inumazione, esumazione ed estumulazione, nonché per quanto riguarda la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti cimiteriali derivanti da esumazione/estumulazione di cui al successivo art. 11, lett. I). ART. 6 REVISIONE PREZZI I prezzi si intendono immodificabili nel primo anno di validità del presente contratto. Essi saranno soggetti ad adeguamento solo all inizio del secondo anno e degli anni successivi in misura corrispondente alla variazioni dell indice ISTAT del costo della vita risultante dall apposita tabella pubblicata dalla C.C.I.A.A. di Verona ( indice FOI). L adeguamento viene effettuato d ufficio dal mese successivo all annualità contrattuale. A titolo esemplificativo: se l appalto inizia nel mese di maggio, l adeguamento decorrerà dal mese di maggio dell anno successivo. Resta inteso che, qualora nel corso del rapporto contrattuale intervenissero disposizioni di legge, di regolamento e di atti amministrativi modificative e/o integrative della vigente disciplina e di quanto riportato nel presente capitolato, il Comune, previa comunicazione alla Ditta aggiudicataria, darà corso al conseguente adeguamento, senza che per questo la Ditta stessa possa vantare diritto o pretesa alcuna. ART. 7 DURATA DELL APPALTO Il contratto avrà la durata di anni DUE, dal al

7 La ditta aggiudicataria si obbliga, per il solo fatto di partecipare alla gara, ad iniziare il servizio dopo il ricevimento della comunicazione di aggiudicazione, anche in pendenza della stipula del contratto e comunque entro e non oltre il ART. 8 SISTEMA DI SANZIONI La mancata, ritardata, parziale o difforme esecuzione di quanto oggetto del presente capitolato, nonché di quanto ad esso inerente e conseguente, di un obbligo contrattuale o di un ordine di servizio comporta l applicazione di una penale. L applicazione della penale sarà preceduta da regolare contestazione dell inadempienza, inviata per lettera raccomandata a.r., ovvero via fax, alla quale la Ditta aggiudicataria avrà la facoltà di presentare controdeduzioni entro il termine perentorio di giorni 10 ( dieci ) dal ricevimento della comunicazione di contestazione. L applicazione della penale non estingue eventuali rivalse del Comune e/o di terzi, per i danni provocati dalle infrazioni o inadempienze stesse, né la rivalsa per gli eventuali servizi sostitutivi assunti direttamente o indirettamente dal Comune. L ammontare delle penali di cui al presente articolo ( oltre eventualmente, a quelle espressamente previste dalla legge, da regolamenti o da atti amministrativi) sarà ritenuto sul rateo di canone di più prossima scadenza. Verificandosi gravi deficienze od abusi nell adempimento degli obblighi contrattuali ed ove la Ditta aggiudicataria, regolarmente diffidata, non ottemperi agli ordini ricevuti, il Comune avrà facoltà di ordinare e far eseguire d ufficio, a spese della Ditta, i lavori necessari per il regolare andamento dei servizi. Salvo che il fatto non costituisca più grave reato, sono previste le seguenti penalità: A. In caso di mancata, ritardata, parziale o difforme esecuzione di quanto oggetto del presente capitolato, nonché di quanto ad esso inerente e conseguente, di un obbligo contrattuale o di un ordine di servizio : - Euro 500,00 in caso di sollecito rimedio ( il giorno successivo alla sollecitazione ) - Euro 500,00 per ognuno dei giorni successivi ( fino al terzo dalla sollecitazione ) - Euro 500,00 per ognuno dei giorni dal quarto al decimo - Euro 500,00 per ognuno dei giorno successivi al decimo. - Euro 1.000,00 in caso di tardivo o mancato ricevimento del feretro nel giorno e nell ora stabilita dal Comune, fatto salvo quanto stabilito al successivo art. 15. E considerato tardivo ricevimento già per il solo fatto della mancata o incompleta 7

8 predisposizione della fossa, in caso di inumazione, o della mancata apertura del loculo/ossarietto/tb. di famiglia in caso di tumulazione B. Nel caso in cui le disfunzioni di cui sopra, oltre a quelle derivanti da altri fattori, siano potenzialmente in grado di generare conseguenze negative per l igiene e la salute pubblica, ovvero generino conseguenze negative per l igiene e la salute pubblica, gli importi di cui alla precedente lettera A) sono raddoppiati. Fermo restando le condizioni di cui al precedente comma, alla ricorrenza di due mancanze in meno di un anno, il Comune ha la facoltà di risoluzione del contratto, con addebito alla Ditta aggiudicataria delle spesa per la sostituzione della stessa nell espletamento del servizio in attesa di un nuovo affidamento, senza che la ditta stessa possa vantare diritto o pretesa alcuna. L eventuale sforamento della spesa prevista nell offerta, a seguito dell applicazione di quanto previsto al precedente comma, sarà a totale carico della Ditta aggiudicataria, salvo cause imprescindibili, dimostrate e riconosciute per il Comune e la Ditta medesima. ART. 9 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA ED OSSERVANZA DELLE NORME IN MATERIA DI LAVORO L aggiudicatario dovrà disporre di personale idoneo e sufficiente ad assicurare il regolare espletamento di tutti i servizi previsti nel presente capitolato. L aggiudicatario dovrà: - assicurare al proprio personale un adeguata e scrupolosa formazione professionale, intesa a specializzarli per i compiti e le mansioni richieste dai servizi oggetto del presente appalto; - applicare a favore del personale le norme di legge e gli accordi sindacali che sono o saranno in vigore in materia di trattamento economico, previdenziale ed infortunistico; - comunicare ai Servizi Demografici del Comune, al momento dell inizio del servizio, l elenco nominativo del personale impiegato presso le sedi cimiteriali, distinto per tipologia di funzioni; - osservare le norme derivanti dalle disposizioni vigenti in materia di prevenzione ed assicurazione infortuni, tutela della salute e dell integrità fisica del personale, incolumità, sicurezza ed igiene del lavoro; - dotare il proprio personale di tutti i macchinari, gli attrezzi manuali, le attrezzature protettive, nonché i prodotti detergenti, disinfettanti e quant altro possa servire all espletamento di compiti previsti dal presente capitolato; 8

9 - dotare gli addetti di una divisa dello stesso colore e di tessera di riconoscimento, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro, inoltre dovranno munirsi dei dispositivi antinfortunistici (DPI) nell eseguire particolari tipologie di lavoro (quali esumazioni, estumulazioni ecc ) come previsto dall art. 20 del D.lgs.81/2008 e s.m.i.; ai sensi della Legge 5 marzo 1963, n. 292 e del D.P.R. 7 settembre 1965, n. 1301, inoltre, gli addetti ai lavori cimiteriali dovranno essere sottoposti a vaccinazione antitetanica ed antiepatitica; - mantenere la disciplina nell espletamento del servizio, osservare e fare osservare al proprio personale le leggi, i regolamenti e le prescrizioni del responsabile dei Servizi Demografici del Comune, nonché un comportamento serio e decoroso come si conviene alla natura ed alle circostanze in cui si svolge il servizio; ai collaboratori a qualsiasi titolo della ditta aggiudicataria si estendono gli obblighi di condotta previsti dal Codice di comportamento dei dipendenti pubblici approvato con D.P.R. n. 62 del ; - a richiesta della stazione appaltante, sostituire il personale ritenuto inidoneo o colpevole di non aver ottemperato ai propri doveri; - comunicare ai Servizi Demografici del Comune il referente del contratto d appalto via fax o posta elettronica; qualora questo venga sostituito dovrà darne comunicazione entro due giorni lavorativi con le medesime modalità. ART. 10 FORNITURA DEI MATERIALI La Ditta aggiudicataria ha l obbligo della fornitura della mano d opera e dei necessari mezzi e materiali per la completa e perfetta esecuzione di quanto oggetto del presente appalto, e ad esso inerente e conseguente. La Ditta potrà avvalersi di mezzi di proprietà o dei quali possa disporre in base a qualsiasi titolo giuridico idoneo ed a proprio rischio, in grado di rispondere a qualsiasi esigenza. La scelta delle attrezzature e delle macchine da utilizzare deve essere fatta dall aggiudicatario tenendo in debita considerazione la compatibilità delle stesse in rapporto alle condizioni statiche e logistiche delle strutture dei cimiteri comunali, anche per quanto riguarda la sicurezza degli operatori. In particolare, le attrezzature devono essere tecnicamente efficienti, dotate di tutte le caratteristiche, conformità e gli accessori necessari a proteggere e salvaguardare l'operatore e i terzi da eventuali infortuni, secondo quanto prescritto dalle normative vigenti in Italia e nella Comunità Europea, con l'obbligo di mantenerle nel tempo in perfetto stato di funzionalità. 9

10 In linea generale le croci/cippo, il ghiaino sono forniture a carico del Comune, mentre targhette, mattoni, cemento, contenitori per la cremazione, e attrezzatura minuta sono a carico della Ditta. ART. 11 TIPOLOGIE DI INTERVENTO Gli interventi di seguito descritti dovranno essere effettuati solo ed esclusivamente previa comunicazione del competente Ufficio Comunale, salvo quanto descritto alla lett. H) rispetto alla disponiblità/reperibilità per ricovero salme presso la cella mortuaria. Il Comune provvederà al ricevimento delle pratiche cimiteriali con proprio personale autorizzato. L aggiudicatario assume l onere di eseguire, nel rispetto del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., tutte le opere provvisionali, di difesa e di segnalazione, assicurando in tal modo l incolumità non solo degli addetti, ma anche di terzi e della pubblica utenza. A) INUMAZIONE Consiste nell esecuzione di quanto segue: - scavo della fossa delle dimensioni stabilite dalle norme vigenti e come da regolamento comunale di polizia mortuaria, previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - ricevimento del feretro all ora prestabilita sulla soglia del cimitero, posizionamento dello stesso nella fossa predisposta con l utilizzo di più persone nel rispetto di quanto prevede la normativa in materia di antinfortunistica; - reinterro della fossa, con riordino della zona; - apposizione del cippo/croce ( fornito dal Comune ) con la targhetta identificativa ( fornita dalla Ditta ENTRO 2 GG LAVORATIVI DALLA INUMAZIONE ) contenente le generalità del defunto e la posizione della sepoltura così come previsto dal Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. B) TUMULAZIONE IN LOCULO FRONTALE O LATERALE Consiste nell esecuzione di quanto segue: 10

11 - apertura del loculo previa comunicazione e indicazione da parte del competente Ufficio Comunale; - ricevimento del feretro all ora stabilita sulla soglia del cimitero, posizionamento dello stesso all interno del loculo; - chiusura del loculo con l utilizzo di mattoni pieni delle dimensioni di cm. 25x12x4 (venticinque per dodici per quattro), malta di cemento e stabilitura esterna, avendo l estrema cura di non lasciare aperture; - pulizia e quanto serve a rendere il lavoro eseguito a regola d arte; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Comunale per la puntuale e completa esecuzione della tumulazione. N.B. : Quanto sopra descritto vale anche per la tumulazione nelle tombe di famiglia epigee ed in particolare: - nelle tombe di famiglia del Cimitero di Marcellise parte nuova/lato ovest - nelle tombe/cappelle di famiglia del Cimitero del Capoluogo che similmente si presentano - nelle tombe analoghe del Cimitero di Mambrotta C) TUMULAZIONE DI SALME IN TOMBE DI FAMIGLIA IPOGEE Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura della tomba previa comunicazione ed indicazione del competente Ufficio Comunale con asportazione della pietra di chiusura mobile ( sigillo ) ; - ricevimento del feretro ad ora prestabilita sulla soglia del cimitero, posizionamento del feretro con utilizzo di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio nel rispetto di quanto prevede la normativa in materia di antinfortunistica; - lavori di isolamento interno del feretro dai restanti ove possibile, in base alle indicazioni dell Ufficio comunale competente ( a carico della famiglia ); - chiusura della tomba con il riposizionamento della propria pietra di chiusura; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno, ad insindacabile giudizio dell Ufficio Comunale, per la puntuale e completa esecuzione della tumulazione. D) APERTURA DI TOMBA DI FAMIGLIA 11

12 In casi diversi dalla circostanza della tumulazione/estumulazione di salma quali ad esempio per la tumulazione/estumulazione di resti ossei o di urna cineraria, l effettuazione di operazioni di pulizia, riordino, riduzione in resti ossei, etc. Consiste nell esecuzione di quanto segue: - asportazione della pietra/sigillo comunale - (eventuale) collocazione della cassetta di resti ossei o dell urna cineraria secondo le indicazioni della famiglia N.B.: La rimozione del copritomba esterno, per le tombe ipogee di famiglia sotto i porticati dei vari cimiteri comunali, è a carico della famiglia. La rimozione del copritomba per le tombe ipogee di famiglia situate nel cortile all ingresso del Cimitero del Capoluogo ( blocco 2 e blocco 3 ) sono a carico della Ditta. La chiusura in muratura del feretro, ove possibile, nel posto assegnato all interno della tomba di famiglia è a carico dei familiari. E) ESUMAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA FINALIZZATA ALLA RIDUZIONE IN RESTI OSSEI O ALLA TRASLAZIONE PER ALTRA SEPOLTURA Consiste nell esecuzione di quanto segue: - rimozione del monumento funebre - scavo della fossa, previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - eventuale raccolta dei resti ossei; - eventuale deposito temporaneo dei resti ossei nel luogo indicato dagli Uffici Comunali, in attesa delle decisioni dei familiari con sacchetto di plastica nera e cartellino identificativo predisposto dalla ditta appaltatrice, anche in materiale cartaceo; - eventuale dispersione dei resti ossei nell ossario comune sia immediata, quando tale destinazione sia già stata manifestata da parte della famiglia, che successiva, quando i parenti non siano noti al momento dell esumazione o non ci sia stata pronuncia effettuata per tempo circa questa destinazione finale; - eventuale traslazione del feretro ad altra sepoltura all interno dello stesso cimitero. In caso di estumulazione per traslazione in altro cimitero ( dentro o fuori del territorio comunale ) la Ditta si limiterà ad accompagnare la salma fino al mezzo di trasporto a ciò destinato; 12

13 - eventuale nuova inumazione in caso di mancata mineralizzazione previa aggiunta di idonea sostanza biodegradabile omologata al fine di far riprendere o portare a termine il processo di consumazione. Se la nuova inumazione dovesse essere fatta in altra sepoltura la ditta dovrà inoltre fornire l apposito e idoneo contenitore di materiale facilmente degradabile. - reinterro della fossa con riordino della zona compreso il ripristino dei livelli di terreno originari mediante l aggiunta di ghiaino e l eliminazione di massi/sassi emersi durante i lavori di scavo; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. F) ESTUMULAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA F.1) FINALIZZATA ALLA RIDUZIONE IN RESTI OSSEI. Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura loculo o tomba di famiglia previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - apertura feretro per procedere alla eventuale raccolta resti ossei ; - eventuale nuova inumazione in caso di mancata mineralizzazione previa aggiunta di idonea sostanza biodegradabile omologata al fine di far riprendere o portare a termine il processo di consumazione. Per la nuova inumazione la ditta dovrà inoltre fornire l apposito e idoneo contenitore di materiale facilmente degradabile. - eventuale deposito temporaneo dei resti ossei nel luogo indicato dagli Uffici Comunali, in attesa delle decisioni dei familiari con sacchetto di plastica nera e cartellino identificativo predisposto dalla ditta appaltatrice, anche in materiale cartaceo; - eventuale dispersione dei resti ossei nell ossario comune sia immediata, quando tale destinazione sia già stata manifestata da parte della famiglia, che successiva su ordine dell Ufficio Comunale preposto, quando i parenti non siano noti al momento dell esumazione o non ci sia stata pronuncia effettuata per tempo circa questa destinazione finale; - chiusura del loculo riposizionando la precedente lapide capovolta fronte/retro o la nuova lapide se già disponibile oppure riposizionamento del sigillo della tomba di 13

14 famiglia e riallacciamento lampada votiva ; in caso di traslazione all interno dello stesso cimitero con riutilizzo della lapide, il loculo rimasto vuoto sarà chiuso con altra lapide di marmo, se già disponibile, a cura della Ditta ; - pulizia e riordino della zona interessata dalle operazioni; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. F.2) FINALIZZATA ALL AVVIO ALLA CREMAZIONE Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura loculo o tomba di famiglia previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - apertura feretro per procedere al trasferimento della salma in idoneo contenitore per l avviamento al forno crematorio; - chiusura del loculo riposizionando la precedente lapide capovolta fronte/retro o riposizionamento del sigillo della tomba di famiglia e riallacciamento lampada votiva ; - pulizia e riordino della zona interessata dalle operazioni; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. F.3) FINALIZZATA ALLA TRASLAZIONE AD ALTRA SEPOLTURA SIA ALL INTERNO DELLO STESSO CIMITERO CHE IN ALTRO CIMITERO. Consiste nell esecuzione di quanto segue: - apertura loculo o tomba di famiglia previa comunicazione ed indicazione dell Ufficio comunale competente; - traslazione del feretro ad altra sepoltura all interno dello stesso cimitero, qualora ricorra tale ipotesi. - In caso di estumulazione per traslazione in altro cimitero ( dentro o fuori del territorio comunale ) la Ditta si limiterà ad accompagnare la salma fino al mezzo di trasporto a ciò destinato; 14

15 - chiusura del loculo riposizionando la precedente lapide capovolta fronte/retro o riposizionamento del sigillo della tomba di famiglia e riallacciamento lampada votiva ; in caso di traslazione all interno dello stesso cimitero con riutilizzo della lapide, il loculo rimasto vuoto sarà chiuso con altra lapide di marmo ( fornita dal Comune ) a cura della Ditta ; - pulizia e riordino della zona interessata dalle operazioni; - intervento di idoneo e qualificato personale in numero tale da garantire il puntuale ed efficiente svolgimento del servizio; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione della inumazione. G) CO-SEPOLTURA La pratica della co-sepoltura ( così come prevista dagli artt. 32 e 34 del vigente Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria ) consiste nella collocazione di una o più cassette di resti ossei o di urne cinerarie in un unica sepoltura, sia o meno presente un feretro o viceversa. Nel caso di immissione successiva di una cassetta di resti ossei o di un urna cineraria in una sepoltura terranea si procede come segue: - scavo sulla fossa ospitante, indicata dagli Uffici Comunali, fino ad una congrua profondità che garantisca una adeguata copertura al contenitore da interrare; - immissione del contenitore ( cassetta od urna ); - riposizionamento del materiale terroso asportato ; - pulizia dei luoghi interessati dall intervento ; - quant altro ritenuto necessario ed opportuno ad insindacabile giudizio dell Ufficio Servizi Cimiteriali per la puntuale e completa esecuzione dell operazione. Nel caso di immissione successiva di una cassetta di resti ossei o di un urna cineraria in un loculo o loculo ossario si procede come segue: - rimozione della lapide, indicata dagli Uffici Comunali ; - apertura di una breccia nel muro di chiusura nella misura sufficiente a far passare il contenitore da immettere ( cassetta o urna ) ; - immissione del contenitore ( cassetta o urna) ; - ripristino della muratura di chiusura ; - riposizionamento della lapide e riallacciamento lampada votiva; - pulizia dei luoghi interessati dall intervento; 15

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019

CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 CAPITOLATO PRESTAZIONALE GENERALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI ASSICURATIVI TRIENNIO 2016-2019 LOTTO 1 CIG. 634030378C Responsabilità civile terzi Responsabilità civile verso prestatori d opera

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI

DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI DISCIPLINARE PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL AFFIDAMENTO E ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI TITOLO I : AFFIDO PERSONALE DELLE CENERI 1. Condizioni L autorizzazione all affidamento personale delle

Dettagli

C I T T A D I G A L A T I N A PROVINCIA DI LECCE Via Umberto I n. 40 Tel. 0836/633111 Fax 0836/ 561543

C I T T A D I G A L A T I N A PROVINCIA DI LECCE Via Umberto I n. 40 Tel. 0836/633111 Fax 0836/ 561543 C I T T A D I G A L A T I N A PROVINCIA DI LECCE Via Umberto I n. 40 Tel. 0836/633111 Fax 0836/ 561543 ******** I Settore Servizio Segreteria CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO DEL SERVIZIO DI REGISTRAZIONE,

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti ALLEGATO A AL CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI DESCRIZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ A SERVIZIO SEPOLTURE ED ATTIVITA CONNESSE A1 -

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO A) OPERAZIONI CIMITERIALI Cap.

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago, Vigo-Vangadizza, San Vito e Canove) ALLEGATO A) OPERAZIONI

Dettagli

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 AREA TECNICA E MANUTENTIVA 0964. 672324 0964.672300 e-mail ufficiotecnico@cert.comune.bovalino.rc.it SCHEMA

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV)

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) ARTICOLO 1 (Oggetto dell appalto) L'appalto ha per oggetto l esecuzione di tutte le prestazioni, le opere e le provviste occorrenti

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di Lecce UFFICIO TECNICO COMUNALE VI SETTORE - SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di Lecce UFFICIO TECNICO COMUNALE VI SETTORE - SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di Lecce UFFICIO TECNICO COMUNALE VI SETTORE - SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ***** Tel. Fax P.Iva.. Indirizzo Internet : www.comune E-mail : posta@comune.it CAPITOLATO

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI LOTTO 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI. (PERIODO: gennaio 2016/ dicembre 2016) CIG:

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &*

!  #!! $ % &$! ' (  ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* C.A.P. 09070 - Via Umberto I n. 16 - tel. 0783.410219 fax: 0783.411176 - P.I.: 00070490958! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* Approvato con deliberazione C.C. n in data INDICE: Art.1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE OGGETTO: Contratto estimatorio per la fornitura di dispositivi medici occorrenti al servizio di radiologia interventistica e vascolare

Dettagli

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE

C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE C O M U N E D I A R C E N E Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA IL COMUNE E L IMPRESA DI ONORANZE FUNEBRI PER PRESTAZIONI DI SERVIZI FUNEBRI ANNO 2012 Approvato con determinazione n. 427 del 20/12/2011

Dettagli

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE

COMUNE DI VALFLORIANA REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE COMUNE DI VALFLORIANA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERIALE Approvato con deliberazione consiliare nr. 20 dd. 22.09.2005, integrato con la deliberazione consiliare nr. 3 dd. 08.02.2010 e

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE SANTOBONO-PAUSILIPON VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 CONTRATTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO ANNUALE (PROROGABILE DI UN ULTERIORE ANNO)

Dettagli

Impianti per la pubblicità diretta Gestione e manutenzione di transenne parapedonali

Impianti per la pubblicità diretta Gestione e manutenzione di transenne parapedonali CITTA DI SALSOMAGGIORE TERME SETTORE 3 TERRITORIO ED INFRASTRUTTURE Servizio Ambiente Viale Romagnosi, 7 43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524/580239 Fax 0524/580299 www.comune.salsomaggiore-terme.pr.it

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DI LOCULI E TOMBE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Delibera C.C. n 59 del 28/11/2008 modificato con Delibera C.C. n 45 del 11/09/2012 e modificato con Delibera C.C. n

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio

COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio Piazza S.Eufemia, 7-23036 Teglio (S0) - Tel. 0342/789.011 - Telefax 0342/781336- C/c postale 11837234 P.IVA 00114190143 - Cod.fisc. 83000770145 SETTORE AFFARI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Allegato alla determinazione dirigenziale n. 12 del 23/10/2009 SETTORE SEGRETERIA GENERALE

Allegato alla determinazione dirigenziale n. 12 del 23/10/2009 SETTORE SEGRETERIA GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 12 del 23/10/2009 SETTORE SEGRETERIA GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI NOVARA Durata :

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Oggetto: Affidamento del servizio di ritiro e recapito diretto della corrispondenza comunale nell ambito del Comune. FOGLIO PATTI E CONDIZIONI Art. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto ha per oggetto: -il

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI. Comune di Caronno Pertusella P.zza Aldo Moro n 1-21042 Caronno Pertusella (VA) CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA E LE IMPRESE FUNEBRI PER L ASSUNZIONE DEI SERVIZI FUNERARI ISTITUZIONALI.

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** SERVIZIO TUMULAZIONI ED ESTUMULAZIONI NEI CIMITERI DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** SERVIZIO TUMULAZIONI ED ESTUMULAZIONI NEI CIMITERI DI GALATINA E FRAZIONI SERVIZIO TUMULAZIONI ED ESTUMULAZIONI NEI CIMITERI DI GALATINA E FRAZIONI IMPORTO PRESUNTIVO ANNUO 25.000,00 C A P I T O L A T O D O N E R I E D E L E N C O P R E Z Z I RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO IL

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 OGGETTO: Trattativa privata ai sensi dell art. 21, commi 2 lettera

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655

ISTITUTO DI SANTA MARGHERITA Piazza Santa Balbina, 8-00153 Roma, Tel 06 5750955 Fax 0657138655 DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L'appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali della sede dell Istituto di Santa Margherita. Art. 2 - LUOGO DI ESECUZIONE DELL'APPALTO I servizi

Dettagli

COMUNE DI SAN PRISCO CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI. L anno duemila il giorno del mese di,

COMUNE DI SAN PRISCO CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI. L anno duemila il giorno del mese di, COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) Rep. N. CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI CIMITERIALI - PER UN PERIODO DI ANNI DUE. CIG:_54816332A7. L anno duemila il giorno del mese

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CONDIZIONI DI ESECUZIONE ART.

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA)

SCHEMA DI CONTRATTO. OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) L anno DUEMILA... il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. Premesso che:

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Il Coordinamento delle Confraternite della Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano, con sede in Cerignola, Via Addolorata n. 12, Tel. 0885/417501 (Presidente Dr. Vito Colangione

Dettagli

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5

Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 SCHEMA CONTATTO D APPALTO - art. 279 D.P.R. 207/2010 CONTRATTO D APPALTO Tra l Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura Gestione Liquidatoria ex Art. 5 L.R. 11.05.2007 n. 9 - e la Società,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE ALLEGATO B Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO APPROVATO con deliberazione del Consiglio

Dettagli

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal.

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. SCHEMA DI CONTRATTO allegato sub E) OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. IMPRESA: (denominazione e codice

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI CITTA DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O PER LA CREMAZIONE, L AFFIDAMENTO, LA CONSERVAZIONE E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di manutenzione programmata e straordinaria

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

Art. 1 PREMESSA. Art. 2 OGGETTO DELLA GARA

Art. 1 PREMESSA. Art. 2 OGGETTO DELLA GARA allegato B) CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA DI SACCHETTI IN MATER-BI PER LE RACCOLTE DIFFERENZIATE C.I.G. 3581325ADF Art. 1 PREMESSA 1. Il presente Capitolato d Oneri ha per oggetto l affidamento della

Dettagli

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE ALL. A AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125 COMMI 10 E 11 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO DI PULIZIA E FACCHINAGGIO PER LA SEDE DELLA SOGESID S.P.A. DI ROMA E PER LA FORESTERIA MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE n. 64 REGOLAMENTO SULLA CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Allegato B alla deliberazione di Giunta Comunale n. 45 del 30/06/2005 CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CREMAZIONE, DISPERSIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con atto deliberativo di Consiglio

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.)

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) 1 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE CON CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Tra :...(1)... (di

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann, 15 (cap. 26900) P.IVA 11125130150, nella persona del Segretario Generale f.f.,

Dettagli

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede Contratto di affidamento di incarico In data odierna tra Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede in Pisa, Piazza dei Facchini n. 16, nella persona del Direttore Generale, Dott.

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CCIAA DI LODI PER IL PERIODO - 01/01/2011-31/12/2013 CIG 06218796C7 FRA Camera di Commercio di Lodi, P.IVA 11125130150

Dettagli

C O M U N E D I L U Z Z A R A

C O M U N E D I L U Z Z A R A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE, MANUTENZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PORTO LE GARZAIE E DELL AREA GOLENALE CIRCOSTANTE PERIODO ANNO 2009-2022 CUP J19E08000080004 - CIG 0249871810

Dettagli

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Pagina 1 di 8 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 QUALITÀ E CARATTERISTICHE ART.

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE. Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI

COMUNE DI FIRENZE. Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI ALLEGATO A COMUNE DI FIRENZE Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE ART. 1 Oggetto

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

COMUNE DI CICCIANO PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI CICCIANO PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI CICCIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OPERAZIONI CIMITERIALI DI : TUMULAZIONI, INUMAZIONI, ESTUMULAZIONI, ESUMAZIONI, TRASLAZIONI, RACCOLTA - TRASPORTO E SMALTIMENTO MATERIALI

Dettagli