Luglio La popolazione trentina nell'anno 1999

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luglio La popolazione trentina nell'anno 1999"

Transcript

1 Luglio 2000 La popolazione trentina nell'anno 1999

2 Provincia Autonoma di Trento - Servizio Statistica Il Servizio Statistica della Provincia Autonoma di Trento autorizza la riproduzione parziale o totale del presente fascicolo con la citazione della fonte. Progetto grafico Palma & Idea Impaginazione Tecnolito grafica

3 MOVIMENTO DELLA POPOLAZIONE CARATTERISTICHE DEMOGRAFICHE GENERALI Alla fine del 1999 la popolazione residente in Trentino risulta pari a persone, con un incremento assoluto rispetto al 1998 di unità, equivalente ad un incremento relativo dell 8,1 per mille. Distinta per sesso, la popolazione consta di maschi, pari al 48,8 per cento, e di femmine, pari al 51,2 per cento. Il numero delle famiglie ha raggiunto quota , con un incremento di rispetto all anno precedente. Le convivenze sono 338, con componenti; la loro entità è praticamente uguale all anno precedente. Il numero dei componenti per famiglia rimane sostanzialmente stabile: è pari a 2,4. I nati vivi ammontano a unità, suddivisi in maschi e femmine: il tasso di natalità, dato dal rapporto fra il numero dei nati vivi e la popolazione media residente, è risultato pari a 10,6 nati per mille abitanti, risultando lievemente superiore a quello dell anno precedente, pari al 10,4 per mille. Il numero dei morti ammonta a unità, maschi e femmine: il tasso di mortalità provinciale è risultato pari al 9,5 per mille, di quattro punti decimali inferiore all anno precedente. Il saldo naturale (eccedenza o deficit di nascite rispetto ai decessi) si presenta con segno nettamente positivo (+519 unità): è il valore più elevato riscontrato dalla seconda metà degli anni Settanta. Rispetto al 1998, si è assistito ad un lieve aumento delle nascite e ad una piccola diminuzione della mortalità, sia in termini assoluti che relativi. Il saldo migratorio (eccedenza o deficit delle iscrizioni per immigrazione rispetto alle cancellazioni per emigrazione) ha avuto un incremento di persone, mentre gli altri movimenti presentano un saldo negativo di 268 unità. Analizzando nel dettaglio il movimento migratorio, per ottenere una più corretta valutazione dello stesso, è opportuno distinguere tra le iscrizioni e cancellazioni anagrafiche dovute ad effettivi trasferimenti di residenza e gli altri iscritti e gli altri cancellati. Gli altri movimenti includono infatti le correzioni che sono state apportate al calcolo della popolazione residente per errori compiuti nel passato o in seguito al confronto tra l anagrafe e il Censimento: essi non sono considerati come movimenti migratori veri e propri, ma vengono operati al fine di riportare la popolazione anagrafica il più vicino possibile a quella reale. Nel 1999, su persone iscritte nell anagrafe dei comuni trentini, (pari all 83,5 per cento) sono persone che provengono da comuni ubicati nelle regioni italiane o rappresentano movimenti di persone tra comuni all interno della provincia di Trento; sono invece provenienti dall estero. Di contro, su unità cancellate, (pari al 95,6 per cento) sono persone cancellate per gli altri comuni italiani e trentini, 439 sono invece emigrate all estero. 1

4 Visto che le emigrazioni per l estero sono ormai piuttosto contenute, si ritiene opportuno accentrare l attenzione soprattutto sulle iscrizioni dall estero, cioè sul cosiddetto movimento immigratorio. Premesso che l iscrizione anagrafica accerta solo gli effettivi trasferimenti di residenza (a fronte di caratteristiche di estrema mobilità cui è soggetto il fenomeno migratorio in senso stretto), dei iscritti dall estero, l 84,6 per cento ha cittadinanza straniera. La maggior parte di essi (58,0 per cento) proviene dai Paesi europei non facenti parte dell Unione Europea: la quasi totalità sono cittadini dell Est, soprattutto ex jugoslavi, albanesi, rumeni e polacchi. Il 5,1 per cento sono cittadini della UE; i cittadini americani, asiatici ed australiani assommano il 19,3 per cento. Il restante 17,6 per cento è costituito dagli stranieri con cittadinanza africana: di questi il 66,7 per cento sono marocchini. È abbastanza evidente che la popolazione trentina è in crescita non tanto per l apporto del saldo naturale (anche se decisamente positivo), ma per l entità, sempre in incremento, del saldo migratorio o sociale. 2

5 DISTRIBUZIONE DEI E DELLA POPOLAZIONE PER CLASSE DI AMPIEZZA DEMOGRAFICA, PER COMPRENSORIO Comprensorio Abitanti Fino a 500 Da 501 a 1000 Da 1001 a 2500 Da 2501 a 5000 Da 5001 a Oltre i Totale Comuni Abitanti Comuni Abitanti Comuni Abitanti Comuni Abitanti Comuni Abitanti Comuni Abitanti Comuni Abitanti della Valle di Fiemme di Primiero della Bassa Valsugana e del Tesino Alta Valsugana della Valle dell Adige della Valle di Non della Valle di Sole delle Giudicarie Alto Garda e Ledro della Vallagarina Ladino di Fassa Provincia DISTRIBUZIONE PERCENTUALE DEI E DELLA POPOLAZIONE PER CLASSE DI AMPIEZZA DEMOGRAFICA 40,0 30,0 20,0 10,0 0 Fino a 500 ab ab ab ab ab. Oltre i ab. Comuni Abitanti 3

6 IL MOVIMENTO DELLA POPOLAZIONE PER COMPRENSORIO E COMUNE MASCHI E FEMMINE COMPRENSORIO altre della Valle di Fiemme di Primiero della Bassa Valsugana e del Tesino Alta Valsugana della Valle dell Adige della Valle di Non della Valle di Sole delle Giudicarie Alto Garda e Ledro della Vallagarina Ladino di Fassa Provincia «DELLA VALLE DI FIEMME» altre Capriana Carano Castello-Molina di Fiemme Cavalese Daiano Panchià Predazzo Tesero Valfloriana Varena Ziano di Fiemme Comprensorio «DI PRIMIERO» altre Canal San Bovo Fiera di Primiero Imer Mezzano Sagron Mis Siror Tonadico Transacqua Comprensorio

7 «DELLA BASSA VALSUGANA E DEL TESINO» altre Bieno Borgo Valsugana Carzano Castello Tesino Castelnuovo Cinte Tesino Grigno Ivano-Fracena Novaledo Ospedaletto Pieve Tesino Roncegno Ronchi Valsugana Samone Scurelle Spera Strigno Telve Telve di Sopra Torcegno Villa Agnedo Comprensorio «ALTA VALSUGANA» altre Baselga di Pinè Bedollo Bosentino Calceranica al Lago Caldonazzo Centa San Nicolò Civezzano Fierozzo Fornace Frassilongo Lavarone Levico Terme Luserna Palù del Fersina Pergine Valsugana Sant Orsola Terme Tenna Vattaro Vignola-Falesina Vigolo Vattaro Comprensorio

8 «DELLA VALLE DELL ADIGE» altre Albiano Aldeno Andalo Calavino Cavedago Cavedine Cembra Cimone Faedo Fai della Paganella Faver Garniga Terme Giovo Grauno Grumes Lasino Lavis Lisignago Lona-Lases Mezzocorona Mezzolombardo Molveno Nave San Rocco Padergnone Roverè della Luna San Michele all Adige Segonzano Sover Spormaggiore Terlago Trento Valda Vezzano Zambana Comprensorio

9 «DELLA VALLE DI NON» altre Amblar Bresimo Brez Cagnò Campodenno Castelfondo Cavareno Cis Cles Cloz Coredo Cunevo Dambel Denno Don Flavon Fondo Livo Malosco Nanno Revò Romallo Romeno Ronzone Ruffrè Rumo Sanzeno Sarnonico Sfruz Smarano Sporminore Taio Tassullo Terres Ton Tres Tuenno Vervò Comprensorio «DELLA VALLE DI SOLE» altre Caldes Cavizzana Commezzadura Croviana Dimaro Malè Mezzana Monclassico Ossana Peio Pellizzano Rabbi Terzolas Vermiglio Comprensorio

10 «DELLE GIUDICARIE» altre Bersone Bleggio Inferiore Bleggio Superiore Bocenago Bolbeno Bondo Bondone Breguzzo Brione Caderzone Carisolo Castel Condino Cimego Condino Daone Darè Dorsino Fiavè Giustino Lardaro Lomaso Massimeno Montagne Pelugo Pieve di Bono Pinzolo Praso Preore Prezzo Ragoli Roncone San Lorenzo in Banale Spiazzo Stenico Storo Strembo Tione di Trento Vigo Rendena Villa Rendena Zuclo Comprensorio «ALTO GARDA E LEDRO» altre Arco Bezzecca Concei Drena Dro Molina di Ledro Nago-Torbole Pieve di Ledro Riva del Garda Tenno Tiarno di Sopra Tiarno di Sotto Comprensorio

11 «DELLA VALLAGARINA» altre Ala Avio Besenello Brentonico Calliano Folgaria Isera Mori Nogaredo Nomi Pomarolo Ronzo-Chienis Rovereto Terragnolo Trambileno Vallarsa Villa Lagarina Volano Comprensorio «LADINO DI FASSA» altre Campitello di Fassa Canazei Mazzin Moena Pozza di Fassa Soraga Vigo di Fassa Comprensorio

12 IL MOVIMENTO DELLA POPOLAZIONE PER COMPRENSORIO E COMUNE MASCHI COMPRENSORIO altre della Valle di Fiemme di Primiero della Bassa Valsugana e del Tesino Alta Valsugana della Valle dell Adige della Valle di Non della Valle di Sole delle Giudicarie Alto Garda e Ledro della Vallagarina Ladino di Fassa Provincia «DELLA VALLE DI FIEMME» altre Capriana Carano Castello-Molina di Fiemme Cavalese Daiano Panchià Predazzo Tesero Valfloriana Varena Ziano di Fiemme Comprensorio «DI PRIMIERO» altre Canal San Bovo Fiera di Primiero Imer Mezzano Sagron Mis Siror Tonadico Transacqua Comprensorio

13 «DELLA BASSA VALSUGANA E DEL TESINO» altre Bieno Borgo Valsugana Carzano Castello Tesino Castelnuovo Cinte Tesino Grigno Ivano-Fracena Novaledo Ospedaletto Pieve Tesino Roncegno Ronchi Valsugana Samone Scurelle Spera Strigno Telve Telve di Sopra Torcegno Villa Agnedo Comprensorio «ALTA VALSUGANA» altre Baselga di Pinè Bedollo Bosentino Calceranica al Lago Caldonazzo Centa San Nicolò Civezzano Fierozzo Fornace Frassilongo Lavarone Levico Terme Luserna Palù del Fersina Pergine Valsugana Sant Orsola Terme Tenna Vattaro Vignola-Falesina Vigolo Vattaro Comprensorio

14 «DELLA VALLE DELL ADIGE» altre Albiano Aldeno Andalo Calavino Cavedago Cavedine Cembra Cimone Faedo Fai della Paganella Faver Garniga Terme Giovo Grauno Grumes Lasino Lavis Lisignago Lona-Lases Mezzocorona Mezzolombardo Molveno Nave San Rocco Padergnone Roverè della Luna San Michele all Adige Segonzano Sover Spormaggiore Terlago Trento Valda Vezzano Zambana Comprensorio

15 «DELLA VALLE DI NON» altre Amblar Bresimo Brez Cagnò Campodenno Castelfondo Cavareno Cis Cles Cloz Coredo Cunevo Dambel Denno Don Flavon Fondo Livo Malosco Nanno Revò Romallo Romeno Ronzone Ruffrè Rumo Sanzeno Sarnonico Sfruz Smarano Sporminore Taio Tassullo Terres Ton Tres Tuenno Vervò Comprensorio «DELLA VALLE DI SOLE» altre Caldes Cavizzana Commezzadura Croviana Dimaro Malè Mezzana Monclassico Ossana Peio Pellizzano Rabbi Terzolas Vermiglio Comprensorio

16 «DELLE GIUDICARIE» altre Bersone Bleggio Inferiore Bleggio Superiore Bocenago Bolbeno Bondo Bondone Breguzzo Brione Caderzone Carisolo Castel Condino Cimego Condino Daone Darè Dorsino Fiavè Giustino Lardaro Lomaso Massimeno Montagne Pelugo Pieve di Bono Pinzolo Praso Preore Prezzo Ragoli Roncone San Lorenzo in Banale Spiazzo Stenico Storo Strembo Tione di Trento Vigo Rendena Villa Rendena Zuclo Comprensorio «ALTO GARDA E LEDRO» altre Arco Bezzecca Concei Drena Dro Molina di Ledro Nago-Torbole Pieve di Ledro Riva del Garda Tenno Tiarno di Sopra Tiarno di Sotto Comprensorio

17 «DELLA VALLAGARINA» altre Ala Avio Besenello Brentonico Calliano Folgaria Isera Mori Nogaredo Nomi Pomarolo Ronzo-Chienis Rovereto Terragnolo Trambileno Vallarsa Villa Lagarina Volano Comprensorio «LADINO DI FASSA» altre Campitello di Fassa Canazei Mazzin Moena Pozza di Fassa Soraga Vigo di Fassa Comprensorio

18 IL MOVIMENTO DELLA POPOLAZIONE PER COMPRENSORIO E COMUNE FEMMINE COMPRENSORIO altre della Valle di Fiemme di Primiero della Bassa Valsugana e del Tesino Alta Valsugana della Valle dell Adige della Valle di Non della Valle di Sole delle Giudicarie Alto Garda e Ledro della Vallagarina Ladino di Fassa Provincia «DELLA VALLE DI FIEMME» altre Capriana Carano Castello-Molina di Fiemme Cavalese Daiano Panchià Predazzo Tesero Valfloriana Varena Ziano di Fiemme Comprensorio «DI PRIMIERO» altre Canal San Bovo Fiera di Primiero Imer Mezzano Sagron Mis Siror Tonadico Transacqua Comprensorio

19 «DELLA BASSA VALSUGANA E DEL TESINO» altre Bieno Borgo Valsugana Carzano Castello Tesino Castelnuovo Cinte Tesino Grigno Ivano-Fracena Novaledo Ospedaletto Pieve Tesino Roncegno Ronchi Valsugana Samone Scurelle Spera Strigno Telve Telve di Sopra Torcegno Villa Agnedo Comprensorio «ALTA VALSUGANA» altre Baselga di Pinè Bedollo Bosentino Calceranica al Lago Caldonazzo Centa San Nicolò Civezzano Fierozzo Fornace Frassilongo Lavarone Levico Terme Luserna Palù del Fersina Pergine Valsugana Sant Orsola Terme Tenna Vattaro Vignola-Falesina Vigolo Vattaro Comprensorio

20 «DELLA VALLE DELL ADIGE» altre Albiano Aldeno Andalo Calavino Cavedago Cavedine Cembra Cimone Faedo Fai della Paganella Faver Garniga Terme Giovo Grauno Grumes Lasino Lavis Lisignago Lona-Lases Mezzocorona Mezzolombardo Molveno Nave San Rocco Padergnone Roverè della Luna San Michele all Adige Segonzano Sover Spormaggiore Terlago Trento Valda Vezzano Zambana Comprensorio

21 «DELLA VALLE DI NON» altre Amblar Bresimo Brez Cagnò Campodenno Castelfondo Cavareno Cis Cles Cloz Coredo Cunevo Dambel Denno Don Flavon Fondo Livo Malosco Nanno Revò Romallo Romeno Ronzone Ruffrè Rumo Sanzeno Sarnonico Sfruz Smarano Sporminore Taio Tassullo Terres Ton Tres Tuenno Vervò Comprensorio «DELLA VALLE DI SOLE» altre Caldes Cavizzana Commezzadura Croviana Dimaro Mal Mezzana Monclassico Ossana Peio Pellizzano Rabbi Terzolas Vermiglio Comprensorio

22 «DELLE GIUDICARIE» altre Bersone Bleggio Inferiore Bleggio Superiore Bocenago Bolbeno Bondo Bondone Breguzzo Brione Caderzone Carisolo Castel Condino Cimego Condino Daone Darè Dorsino Fiavè Giustino Lardaro Lomaso Massimeno Montagne Pelugo Pieve di Bono Pinzolo Praso Preore Prezzo Ragoli Roncone San Lorenzo in Banale Spiazzo Stenico Storo Strembo Tione di Trento Vigo Rendena Villa Rendena Zuclo Comprensorio «ALTO GARDA E LEDRO» altre Arco Bezzecca Concei Drena Dro Molina di Ledro Nago-Torbole Pieve di Ledro Riva del Garda Tenno Tiarno di Sopra Tiarno di Sotto Comprensorio

23 «DELLA VALLAGARINA» altre Ala Avio Besenello Brentonico Calliano Folgaria Isera Mori Nogaredo Nomi Pomarolo Ronzo-Chienis Rovereto Terragnolo Trambileno Vallarsa Villa Lagarina Volano Comprensorio «LADINO DI FASSA» altre Campitello di Fassa Canazei Mazzin Moena Pozza di Fassa Soraga Vigo di Fassa Comprensorio

24 POPOLAZIONE PER CLASSI DI ETÀ La conoscenza della struttura della popolazione per classi di età risulta di particolare importanza per tutti coloro che, direttamente o indirettamente, debbano prendere decisioni che si basino anche su aspetti demografici. PREMESSA Sulla base dei dati demografici annualmente raccolti presso i comuni e sulla base delle informazioni desunte dai Censimenti, si è proceduto alla stima della popolazione distinta per classi quinquennali d età. Vista l importanza che alcune fasce d età rivestono a fini programmatori, sono state fatte anche elaborazioni per classi specifiche, come ad esempio quelle scolastiche, articolate per scuole materne, elementari, medie e superiori, o quelle anziane. Sono stati pure elaborati degli indicatori finalizzati ad esprimere in modo significativo alcune peculiarità della popolazione residente trentina. Tali indici sono riportati in serie storica e disaggregati per comprensorio; sono anche corredati da opportune rappresentazioni grafiche al fine di mostrarne, visibilmente, l evoluzione nel tempo. Si fa presente, inoltre, che presso il Servizio Statistica sono a disposizione anche i dati comunali, a partire dall anno La struttura della popolazione ad una certa data è la risultante di un complesso di fenomeni naturali, come le nascite e le morti, oltre che di fenomeni sociali di mobilità della popolazione definibili come flussi migratori di iscrizione e di cancellazione anagrafica. CARATTERISTICHE GENERALI Allo stato attuale l analisi della struttura della popolazione trentina mette in evidenza, in primo luogo, l aumento dell età mediana e l aumento dell indice di vecchiaia. Nel tempo l età media della popolazione cresce, sia per la maggiore sopravvivenza dovuta al miglioramento progressivo delle condizioni di vita delle persone anziane, sia per la diminuzione della natalità, aspetti che fanno pesare comparativamente di più le classi di età centrali e finali a detrimento di quelle iniziali. È intuitivo che con questo tipo di distribuzione della popolazione per età, l età media risulti superiore a quella mediana, che è l esatto punto di mezzo della scala progressiva delle età. Il contrario (ovvero l età media decrescente nel tempo) si verificherebbe, per esempio, nell ipotesi di una forte natalità associata costantemente ad una sopravvivenza limitata, sempre che lo zoccolo delle classi di età centrali non avesse subìto cali o aumenti che ne avessero modificato sostanzialmente nel tempo l incidenza in un senso o nell altro. Nel 1999 l età media della popolazione trentina è pari a 40,9 anni, mentre l età mediana risulta di 40,1 anni, con una tendenza che si presenta temporalmente crescente: nel 1961, ad esempio, era pari a circa 34 anni. 22

25 INDICE DI VECCHIAIA (*) L indice di vecchiaia, vale a dire il rapporto percentuale tra la popolazione con 65 anni e oltre e quella tra 0 e 14 anni, è un indicatore che permette di apprezzare l incidenza della popolazione, convenzionalmente definibile come anziana, su quella giovanile. I valori superiori a 100 denotano uno squilibrio nel senso di un maggior peso degli appartenenti alla cosiddetta terza età. Nel 1999 l indice di vecchiaia della popolazione provinciale è del 120,8 per cento ed appare lievemente decrescente rispetto al 1998: a parte questa minima variazione, l indice di vecchiaia risulta crescente nel tempo, se solo si considera che nel 1961 era risultato del 42,2 per cento, e nel 1991 del 109,5 per cento. (*) Pop 65 - w Pop Anni Maschi Femmine Totale Comprensorio Indice di vecchiaia ,1 46,9 42, ,9 61,2 50, ,3 89,3 71, ,6 139,1 109, ,7 143,0 113, ,0 146,9 116, ,6 148,5 117, ,6 151,1 120, ,5 152,1 121, ,0 152,4 121, ,0 152,1 121, ,9 151,1 120,8 della Valle di Fiemme 111,6 di Primiero 127,5 della Bassa Valsugana e del Tesino 132,1 Alta Valsugana 111,3 della Valle dell Adige 119,0 della Valle di Non 123,6 della Valle di Sole 122,3 delle Giudicarie 121,7 Alto Garda e Ledro 124,3 della Vallagarina 129,3 Ladino di Fassa 82,0 Provincia 120, Maschi Femmine Totale 23

26 Un altro indicatore è l indice di dipendenza (o carico sociale). Esso esprime in termini percentuali la parte di popolazione che in linea del tutto teorica dipende, perché giovanissima o anziana e quindi senza autonomia di sostentamento, da coloro che sono in età lavorativa. Va da sé che l indice viene perturbato dalle convenzioni sociali di un paese e dal suo grado di sviluppo, sia per fenomeni di precoce pensionamento sia per il protrarsi degli anni di studio o delle difficoltà occupazionali, per cui l area delle persone non autonome finisce, in realtà, per essere più vasta. INDICE DI DIPENDENZA (*) Nel 1999 l indice di dipendenza trentino appare particolarmente positivo con il 48,6 per cento: ne deriva che la quota di popolazione cosiddetta a carico (giovanissima o anziana) è circa la metà di quella in età lavorativa. Anni Maschi Femmine Totale Comprensorio Indice di dipendenza ,8 53,7 52, ,1 58,9 57, ,4 55,9 52, ,9 50,6 45, ,0 51,2 45, ,1 51,6 45, ,4 52,1 46, ,9 52,9 46, ,3 53,5 47, ,7 53,9 47, ,1 54,2 48, ,5 54,9 48,6 della Valle di Fiemme 50,0 di Primiero 52,7 della Bassa Valsugana e del Tesino 52,8 Alta Valsugana 48,9 della Valle dell Adige 47,0 della Valle di Non 53,6 della Valle di Sole 49,6 delle Giudicarie 50,3 Alto Garda e Ledro 47,1 della Vallagarina 47,8 Ladino di Fassa 43,3 Provincia 48,6 (Pop Pop 65-w) (*) Pop Maschi Femmine Totale 24

27 INDICE DI RICAMBIO (*) In tema di lavoro assume importanza, anche per la variabilità cui è soggetto nel tempo, l indice di ricambio, vale a dire il rapporto tra coloro che stanno per uscire dalla popolazione attiva (classe di età anni) e coloro che stanno per entrarvi (classe di età anni), restando inteso che valori intorno al 100 per cento rappresentano una situazione di perfetto equilibrio. Valori inferiori fanno presumere qualche difficoltà di ingresso, tranne nel caso in cui si sia in presenza di un economia in crescita o bisognosa di nuova occupazione. Valori superiori fanno pensare ad un più agevole collocamento. Logicamente bisogna considerare che l indice di ricambio si basa esclusivamente sulla struttura per età della popolazione, senza tener conto delle complesse dinamiche sottostanti il mercato del lavoro. (*) Pop Pop Nel 1999 l indice di ricambio è pari al 116,0 per cento, cioè ad un livello che può definirsi abbastanza buono; nel 1961 esso era pari al 57,4 per cento. Anni Maschi Femmine Totale Comprensorio Indice di ricambio ,6 64,2 57, ,8 82,6 75, ,7 58,5 51, ,6 118,1 106, ,8 119,5 108, ,1 119,8 110, ,3 119,9 110, ,7 119,7 109, ,8 119,7 110, ,4 120,0 111, ,5 123,8 113, ,5 123,9 116,0 della Valle di Fiemme 106,1 di Primiero 109,2 della Bassa Valsugana e del Tesino 109,5 Alta Valsugana 110,1 della Valle dell Adige 117,8 della Valle di Non 101,7 della Valle di Sole 112,4 delle Giudicarie 107,5 Alto Garda e Ledro 129,0 della Vallagarina 129,8 Ladino di Fassa 95,2 Provincia 116, Maschi Femmine Totale 25

28 Un informazione importante è generalmente fornita dall indice di struttura, ovvero dal rapporto tra la popolazione compresa tra i 40 e i 64 anni e quella compresa tra i 15 e i 39 anni, che in prospettiva sarà destinata a sostituirla. INDICE DI STRUTTURA (*) Nel 1999 l indice provinciale si attesta sul 91,8 per cento. In base a tale valore si può affermare che la popolazione trentina si colloca tra quelle stazionarie o crescenti (sarebbe naturalmente risultata decrescente per valori superiori al 100 per cento) e che la struttura della popolazione in età lavorativa è relativamente giovane. Ciò deriva sia dalla presenza nella classe di età anni delle persone nate nei primi anni sessanta, nel periodo del baby boom, sia dalla ridotta consistenza della classe di età anni, in seguito agli effetti della seconda guerra mondiale. Anni Maschi Femmine Totale Comprensorio Indice di struttura ,5 81,2 76, ,8 90,3 85, ,8 83,5 78, ,8 84,8 81, ,9 85,3 82, ,5 85,3 82, ,6 86,0 83, ,9 86,8 84, ,7 88,0 86, ,6 89,6 88, ,3 91,0 89, ,6 92,9 91,8 della Valle di Fiemme 87,4 di Primiero 89,0 della Bassa Valsugana e del Tesino 89,0 Alta Valsugana 90,1 della Valle dell Adige 94,1 della Valle di Non 93,7 della Valle di Sole 90,1 delle Giudicarie 91,2 Alto Garda e Ledro 89,4 della Vallagarina 92,6 Ladino di Fassa 81,1 Provincia 91,8 (*) Pop Pop Maschi Femmine Totale 26

29 INDICE DI CARICO DI FIGLI PER DONNA FECONDA (*) Nel quadro dell analisi strutturale della popolazione, un altro indicatore comunemente usato è l indice di carico di figli per donna feconda, ricavabile dal rapporto tra la popolazione in età prescolare (meno di 6 anni) e le donne in età feconda, cioè quelle comunemente comprese tra i 15 e i 49 anni di età. Chiaramente l indice non può essere considerato un perfetto indicatore della fecondità femminile, dal momento che la mortalità infantile ed i movimenti migratori ne inficiano un po il valore reale. In ogni modo, l indice provinciale nel 1999 è pari al 25,5 per cento, il che vuol dire che ad ogni 100 donne in età feconda corrispondono circa 26 bambini in età prescolare. Il valore è piuttosto basso e dimostra che la popolazione trentina è una popolazione matura, con un incremento demografico abbastanza contenuto. (*) Pop 0-5 Pop F Anni Indice di carico di figli Comprensorio Indice di carico di figli , , , , , , , , , , , ,5 della Valle di Fiemme 27,0 di Primiero 25,6 della Bassa Valsugana e del Tesino 26,2 Alta Valsugana 27,5 della Valle dell Adige 24,6 della Valle di Non 27,8 della Valle di Sole 25,3 delle Giudicarie 25,8 Alto Garda e Ledro 24,7 della Vallagarina 24,8 Ladino di Fassa 28,0 Provincia 25, Carico figli 27

30 Comprensorio della Valle di Fiemme di Primiero della Bassa Valsugana e del Tesino Classi di età Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale e oltre Totale Particolari classi di età e oltre Età media ,7 42,0 40,4 39,1 43,1 41,2 39,2 43,4 41,4 28

31 Comprensorio Alta Valsugana della Valle dell Adige della Valle di Non Classi di età Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale e oltre Totale Particolari classi di età e oltre Età media ,6 41,8 40,3 39,1 42,6 40,9 39,3 42,9 41,1 29

32 Comprensorio della Valle di Sole delle Giudicarie Alto Garda e Ledro Classi di età Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale e oltre Totale Particolari classi di età e oltre Età media ,4 42,4 40,9 38,9 42,8 40,9 39,3 42,6 41,0 30

33 Comprensorio della Vallagarina Ladino e Fassa Provincia Classi di età Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale Maschi Femmine Totale e oltre Totale Particolari classi di età e oltre Età media ,4 43,0 41,3 37,0 38,9 38,0 39,1 42,6 40,9 31