12 - INDICE DELLA MATERIA MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12 - INDICE DELLA MATERIA MANAGEMENT"

Transcript

1 12 - INDICE DELLA MATERIA MANAGEMENT M238 Master in amministrazione digitale e ICT nel settore pubblico... pag. 2 C426/1La fatturazione elettronica e la conservazione della documentazione... pag. 3 A023 Amministrazione digitale e innovazione organizzativa nella P.A.... pag. 4 E345 Nuove Regole tecniche in materia di formazione e conservazione documenti informatici delle P.A.... pag. 6 E342 Realizzazione e gestione di sistemi informativi... pag. 7 M236 Master in start-up d impresa... pag. 8 M139 Master in management della Pubblica Amministrazione... pag. 10 B504 L esercizio di ruoli di responsabilità nelle organizzazioni pubbliche... pag. 12 B505 Competenze organizzative per gestire il lavoro delle persone... pag. 13 B506 Competenze per il coordinamento e controllo... pag. 14 B507 Competenze per cooperare ed integrare... pag. 15 C254 La tutela e la valorizzazione dei beni culturali... pag. 16 1

2 M238 MASTER IN AMMINISTRAZIONE DIGITALE E ICT NEL SETTORE PUBBLICO 7 giorni, articolato in quattro moduli frequentabili anche singolarmente PERIODI DI SVOLGIMENTO maggio giugno 2015 euro 1.350,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORI Avv. Anna Mariagrazia CRESCENZI Amministrativista e Referendario Presidenza del Consiglio dei Ministri Esperto in diritto amministrativo elettronico e delle tecnologie Dott. Vincenzo FRANCO Dirigente dell Amministrazione degli Archivi e Docente di Archivistica nelle Università di Venezia e di Viterbo (a r.) Ing. Guglielmo LONGOBARDI Funzionario Agenzia per l Italia Digitale - Esperto dei processi di innovazione tecnologica nella P.A. Ing. Fabio MASSIMI Agenzia per l Italia Digitale - Esperto nei processi di digitalizzazione della P.A., specialista di documento digitale fiscale e normativo Dott. Paolo TRIMARCHI Dirigente Ispettorato generale Informatizzazione della contabilità di Stato, Ragioneria Generale dello Stato Il master propone una esaustiva trattazione sul tema dell innovazione nella P.A. nell ambito della cornice dettata dal Codice dell amministrazione digitale e da successivi provvedimenti in materia di conservazione dei documenti informatici, gestione informatizzata dei pagamenti e dei sistemi informativi. Il master stesso si articola in quattro seminari ove la trattazione dei diversi profili normativi e operativi viene trattata monograficamente, di modo che gli stessi possano essere fruiti anche separatamente. DESTINATARI Dirigenti, funzionari e dipendenti di Ministeri, Regioni, Autonomie territoriali, Società pubbliche e a partecipazione pubblica, Enti e istituti di ricerca, formazione, Università, agenzie di sviluppo, ecc. 1 modulo (A023): maggio 2015 Amministrazione digitale e innovazione organizzativa nella P.A. 2 modulo (C426_1): 22 maggio 2015 La fatturazione e conservazione elettronica dei documenti 3 modulo (E345): 8-9 giugno 2015 Nuove Regole tecniche in materia di formazione e conservazione dei documenti informatici delle P.A. 4 modulo (E342): giugno 2015 Realizzazione e gestione di sistemi informativi VALUTAZIONE FINALE A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi: abbia frequentato l intero Master affronti gli argomenti trattati in una prova finale 2

3 C426_1 La fatturazione elettronica e la conservazione della documentazione 1 giorno 1 a edizione: 22 maggio a a edizione: 12 ottobre /15-16,30 euro 250,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Ing. Fabio MASSIMI Agenzia per l Italia Digitale - Esperto nei processi di digitalizzazione della P.A., specialista di documento digitale fiscale e normativo A decorrere dal 31 marzo 2015 è reso obbligatorio l utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti commerciali con le amministrazioni pubbliche italiane. Il seminario si prefigge di fornire un quadro del contesto normativo e degli aspetti tecnici ed organizzativi che imprese e pubbliche amministrazioni devono conoscere adeguatamente. Parte 1 a : Introduzione.- L adozione dei processi di fatturazione e conservazione digitale: problemi e opportunità. Il ciclo ordine-pagamento: i diversi approcci alla digitalizzazione. Fatturazione elettronica PA: lo scenario, il progetto, gli adempimenti. Conservazione digitale: il ruolo e le funzioni del responsabile della conservazione. Parte 2 a : Quadro normativo.- La normativa sulla fatturazione elettronica (d.p.r. 633/1972, Dir. 2010/45/EU). La fatturazione elettronica verso la P.A., regole tecniche e linee guida (l. 244/07, d.m. 55/13). Le misure per l impossibilità di recapito (circolare MEF FP n. 1/2014). Nuovi obblighi sulla fatturazione elettronica: CIG, CUP, Registro unico delle fatture (d.l. 66/14, conv. in l. 89/14). L ambito soggettivo di applicazione (circolare MEF FP n. 1/2015). Le semplificazioni degli obblighi di conservazione (d.m. MEF 17/6/14). Le regole tecniche del sistema di conservazione (d.p.c.m 3/12/13). L obbligo di fatturazione elettronica nel public procurement (Dir. 2014/55/EU). Parte 3 a : Aspetti organizzativi, tecnologici e applicativi.- Il processo di fatturazione elettronica verso la P.A.: soggetti coinvolti, fasi e tempistica di attuazione del processo. La fattura elettronica P.A.: il formato.xml, le informazioni obbligatorie, i dati per l integrazione nel processo di ciclo passivo, la firma della fattura. Il ruolo dell IndicePA: creazione e gestione dell ufficio e del servizio di fatturazione elettronica, l identificazione degli uffici destinatari di fatturazione elettronica, le procedure in caso di mancata identificazione della P.A., l ufficio di fatturazione elettronica centrale, le comunicazioni ai fornitori. Il sistema di interscambio: i canali di trasmissione, i file gestiti (fatture, lotti ed archivi), controlli ed errori, messaggi: ricevute e notifiche. Linee guida per l adeguamento delle procedure interne delle amministrazioni: misure organizzative e tecnologiche. La conservazione digitale delle fatture: sistema di conservazione, responsabile della conservazione, manuale della conservazione. Gli strumenti: FatturaPA.gov.it, software open source. Il processo operativo: compilazione, firma, trasmissione, ricezione, archiviazione e conservazione della fattura. 3

4 A023 Amministrazione digitale e innovazione organizzativa nella P.A. PROFILI TEORICI ED APPLICATIVI, DOPO I DECRETI LEGISLATIVI 235/2010 E 33/13, LE LEGGI 134/12, 190/ 2012, 221/12, 96/13 E IL D.L. 90/2014 CONV. NELLA L. 114/14 - LE REGOLE TECNICHE DI CUI AL D.P.C.M. 13/11/ P.A. DIGITALE: I NUOVI STRUMENTI INFORMATICI E ORGANIZZATIVI NEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - LA TRASPARENZA DELLA P.A. E IL TRATTAMENTO DEI DATI - L INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - LA DEMATERIALIZZAZIONE DEI PROCEDIMENTI ED IL DOCUMENTO INFORMATICO 2 giorni 1ª edizione: maggio ª edizione: ottobre ,00-14,30 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORI Avv. Anna Mariagrazia CRESCENZI Amministrativista e Referendario Presidenza del Consiglio dei Ministri Esperto in diritto amministrativo elettronico e delle tecnologie Ing. Guglielmo LONGOBARDI Funzionario Agenzia per l Italia Digitale ex DigitPA - Esperto dei processi di innovazione tecnologica nella P.A. Il seminario intende fornire una panoramica completa e approfondita sul tema dell innovazione nella pubblica amministrazione nell ambito della cornice delineata dal quadro normativo dettato dal Codice dell amministrazione digitale, aggiornato dal d.l.vo 235/2010, integrato dagli interventi legislativi sullo sviluppo e la crescita (d.l. 83/12 e dal d.l. 179/12) e potenziato dalla disciplina riguardante la trasparenza della P.A. (d.l.vo 33/13) e dal rafforzamento dell Agenda digitale italiana (l. 98/13), che hanno introdotto la road map per l utilizzo efficiente dei servizi della Pubblica Amministrazione, in particolare quella locale, tenuto conto del contesto tecnologico in evoluzione e delle nuove esigenze di contenimento della spesa pubblica. L amministrazione digitale e il quadro regolamentare ed organizzativo alla luce delle nuove regole tecniche per la gestione informatica dei procedimenti della P.A. (d.p.c.m. 13/11/14). Evoluzione del Codice dell Amministrazione digitale alla luce delle disposizioni integrative previste dal decreto sviluppo 2012 (d.l. 83/12 convertito nella l. 134/12), dal decreto crescita 2012 (d.l. 179/12 conv. nella l. 221/12), coordinati con la riforma del d.l.vo 150/09 in termini di responsabilizzazione dell operatore pubblico e con la disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni per la P.A. (d.l.vo 33/13) e del trattamento dei dati pubblici. Complementarietà con la riforma in tema di anticorruzione nella P.A. (l. 190/12). Le opportunità e le applicazioni delle nuove disposizioni nella pubblica amministrazione alla luce dei programmi previsti dall Agenda digitale europea e nazionale (l. 98/13); Azioni per l attuazione del sistema informativo della P.A.: il nuovo Servizio Pubblico di Identità Digitale (SPID) - anagrafe popolazione residente; fatturazione elettronica; razionalizzazione data center; G-cloud; cooperazione applicativa; connetti- 4

5 vità pubblica - cyber security. Strumenti organizzativi a sostegno dell innovazione e strutture per l organizzazione dell innovazione tecnologica, il coordinamento tra Stato, Regioni ed autonomie locali. La disciplina giuridica delle comunicazioni tra P.A., cittadini ed imprese: razionalizzazione della posta elettronica certificata, pagamenti elettronici, sicurezza digitale, open data, basi dati di interesse nazionale.- Il fascicolo informatico e i problemi concreti nella sua realizzazione. Confronto con i sistemi dell UE. La trasparenza nella P.A.: Siti web e obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e acquisizione dati. Accesso e limiti alle informazioni. La Bussola della trasparenza e il Portale della trasparenza. La trasparenza come strumento di accountability della P.A. verso il cittadino. La trasparenza come strumento di prevenzione della corruzione. Evoluzione delle disposizioni del Testo Unico sulla documentazione amministrativa (d.p.r. 445/2000) in rapporto alle nuove regole dell amministrazione digitale: la transizione dal documento amministrativo all informazione digitale strutturata alla luce delle nuove disposizioni regolamentari e tecniche. Le nuove Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli artt. 40-bis, 41, 47, 57-bis e 71, del Codice dell amministrazione digitale, di cui al d.l.vo 82/05 (d.p.c.m. 3/12/13). Le regole tecniche e le modalità di attuazione del procedimento amministrativo informatico: formazione, tenuta e conservazione del documento informatico; gestione documento informatico e gestione flussi documentali; firme digitali e identità digitali. Linee guida per la stesura di convenzioni per la fruibilità dei dati tra amministrazioni. Misure per lo snellimento del Processo amministrativo e l attuazione del Processo civile telematico (d.l. 90/2014 conv. nella l. 114/14) per la semplificazione, la trasparenza amministrativa e l efficienza degli uffici giudiziari. Il ruolo delle banche dati delle P.A. nei processi di integrazione e innovazione dei servizi in rete. Innovazione organizzativa in tema di performance. La gestione del ciclo della performance dal d.l.vo 150/09 al d.l. 90/14 conv. nella l. 114/14. 5

6 E345 Le nuove Regole tecniche in materia di formazione e conservazione dei documenti informatici delle P.A. - NONCHÉ IN MATERIA DI FORMAZIONE, TRASMISSIONE, COPIA, DUPLICAZIONE, RIPRODUZIONE E VALI- DAZIONE TEMPORALE DEI DOCUMENTI INFORMATICI IN GENERALE (D.P.C.M. 13/11/14) 2 giorni 8-9 giugno giorno: 9-13/14-16,30 2 giorno: 9-14 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott. Vincenzo FRANCO Dirigente dell Amministrazione degli Archivi e Docente di Archivistica nelle Università di Venezia e di Viterbo (a r.) Oggetto e ambito di applicazione di queste Regole tecniche sono la formazione e gestione dei documenti informatici in genere e la formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni. Il seminario tratta uno degli argomenti più complessi in materia di gestione degli archivi pubblici, dopo che è stato introdotto il documento informatico con la l. 59/97 e soprattutto dopo che ne è stato reso obbligatorio l uso nelle amministrazioni pubbliche. Nell intervento formativo si affronta la problematica, innanzitutto offrendo un quadro generale della normativa italiana dalla più antica alla più recente in materia di conservazione documentaria; si sottolinea, quindi, il momento della tutela della certezza del diritto in materia quando si tratta della generalità dei documenti informatici e quello degli interessi generali della comunità (oltreché quelli particolari dei singoli cittadini) come fondamentale presupposto del legislatore in materia di normativa sulla conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni. Principi fondamentali di teoria archivistica. Legislazione in materia di archivi. Legislazione in materia di documenti informatici delle pubbliche amministrazioni. La rilevanza del momento della formazione dei documenti non informatici. Gli obblighi di conservazione. Documenti informatici e documenti amministrativi informatici alla luce delle nuove Regole tecniche in materia di formazione e conservazione (d.p.c.m. 13/11/14). Fascicoli informatici e aggregazioni documentali informatiche. Registri e repertori informatici. Modelli organizzativi della conservazione. I ruoli nel sistema di conservazione. La fondamentale funzione del responsabile della conservazione. Le funzioni del manuale di conservazione e del manuale di gestione. Il processo di conservazione. Il piano di sicurezza del sistema di conservazione. La funzione dello scarto nella conservazione dei documenti informatici. 6

7 E342 Realizzazione e gestione di sistemi informativi 2 giorni giugno /14-17 euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORE Dott. Paolo TRIMARCHI Dirigente Ispettorato generale Informatizzazione della contabilità di Stato, Ragioneria Generale dello Stato Il corso è rivolto a manager con ruoli di responsabilità nella gestione dei sistemi informativi di imprese e pubbliche amministrazioni. L approccio formativo seguito nella trattazione dei diversi argomenti mira a fornire, oltre alle necessarie nozioni teoriche, degli strumenti pratici per supportare le attività di organizzazione e gestione di servizi e progetti IT e per consentire di relazionarsi in modo efficace e consapevole con gli outsourcer. Il percorso formativo è strutturato in modo da fornire tutte le nozioni di base necessarie per comprendere le parti di approfondimento. Tuttavia la conoscenza di elementi di economia e gestione d impresa e di project management, da un lato, e di fondamenti di informatica e sistemi informativi aziendali, dall altro, possono agevolare l apprendimento dei vari argomenti affrontati nel corso. Elementi e definizioni dell IT management. Modelli e strumenti di organizzazione e di IT governante. Modelli di organizzazione della funzione IT. Modelli e strumenti di IT sourcing. Modelli e strumenti di gestione dei servizi IT. Modelli COBIT, ITIL, CMMI, standard ISO-IEC. Focus sul framework ITIL. Modelli e strumenti di gestione dei progetti IT. Modelli PMI, PRINCE2, IPMA, RUP. Focus sul framework PRINCE2. Modelli e strumenti di ingegneria del software. Processo di sviluppo dei sistemi informativi. Modelli e strumenti per la descrizione del dominio applicativo. Modelli e strumenti per il disegno della soluzione. Modelli e strumenti di definizione e misurazione dei sistemi informativi. Modelli per la descrizione e la classificazione dei sistemi informativi. Modelli e strumenti per la misurazione dell effort e dei costi. 7

8 M236 MASTER IN START-UP D IMPRESA - CREAZIONE, SVILUPPO E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA 5 giorni PERIODO DI SVOLGIMENTO settembre ,30 euro 1.030,00 + IVA RELATORE Avv. Nunzio BEVILACQUA Legale e consulente d impresa - Direttore Rivista scientifica di Diritto Civile, Commerciale ed Immobiliare Notarilia - Editorialista economico OBIETTIVI Il Master, della durata di 5 giorni, si propone di creare, attraverso anche esempi pratici, una continua dialettica tra docente e partecipanti al corso, su una tematica interdisciplinare come la nascita, il posizionamento, l affermazione (attraverso anche internazionalizzazione o forme di delocalizzazione mirate) o il ripensamento di una stessa impresa già nata alla luce del cambiamento dei tempi. La nostra società ha profondamente trasformato il modo di pilotare un impresa necessitando oggi non solo di nozioni giuridiche ma anche di tecniche economiche, di marketing e di comunicazione aziendale strategica alla luce dei nuovi strumenti di comunicazione globale. Proprio questa trasversalità di argomenti trattati ed il taglio tecnico operativo che vede la possibilità di interagire con il docente via , anche successivamente al termine del corso, rende lo stesso un flessibile strumento sia per chi vuole iniziare al meglio l avventura d impresa, sia per chi si stia accingendo al delicato passaggio generazionale o comunque senta l esigenza di dare una maggior spinta alla propria attività d impresa. DESTINATARI Il master è rivolto a tutti coloro che desiderano ampliare le proprie conoscenze d impresa, avere delle linee guida molto pratiche nell iniziare al meglio l avventura imprenditoriale ed anche per fare delle scelte efficaci ed efficienti, in imprese già operanti, rivoluzionando il proprio approccio ai mercati sia a livello territoriale che di comunicazione. Si presta in modo particolare a coloro che siano intenzionati a mettere in piedi una start-up, ad imprenditori che avendola già creata desiderino portarla ad un livello superiore ed ad un migliore posizionamento nel mercato o che siano prossimi al cambio generazionale ; a giovani laureati in giurisprudenza ed economia in cerca di una prima professionalizzazione nell area d impresa; a coloro che lavorando in imprese nel campo delle relazioni esterne e comunicazione istituzionale desiderino integrare la propria professionalità. Analisi delle questioni di preavvio (Start-Up) attività d impresa: tipologia merceologica e mercato di riferimento, concorrenti diretti-indiretti, tipo di strumento societario più adatto all attività target; budget ed eventuali forme di finanziamento. Attività d impresa: possibili concorrenti ed ipotesi di alleanze produttive e commerciali, analisi rischi del potenziale cliente. Rapporti con gli Istituti di Credito e pre- 8

9 sentazione di piani operativi credibili e convincenti. Internazionalizzazione e delocalizzazione. Comunicare l impresa nell era della globalizzazione anche attraverso siti interattivi che siano la vetrina dell anima che vogliamo mostrare al mondo esterno; nuove forme di comunicazione aziendali quali Twitter, Youtube, il loro necessario costante monitoraggio e la reputazione digitale. Il passaggio generazionale criticità e vantaggi nell affrontarlo al momento giusto. VALUTAZIONE FINALE A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi: abbia frequentato l intero Master presenti, nelle settimane successive alla frequenza al corso, una ricerca sugli argomenti trattati nel Master, che verrà esaminata e valutata dal docente relatore 9

10 M139 MASTER IN MANAGEMENT DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 12 giorni articolato in quattro moduli frequentabili anche singolarmente PERIODI DI SVOLGIMENTO settembre - 1 ottobre ottobre novembre dicembre 2015 di ciascun modulo 1 giorno: 10,30-13,30 / 14,30-17,30 2 giorno: 9-13 / giorno: 9-13 / euro 2.190,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORI Dott. Antonio CAMPANELLA Dirigente Agenzia delle Entrate, responsabile Settore Professionalità Dott. Andrea CASTIELLO d ANTONIO Psicologo del lavoro e delle organizzazioni Dott. Giuseppe DE FEO Docente di management, esperto di leadership e sviluppo delle risorse umane Dott.ssa Delia DUCCOLI Psicologa, docente di comportamento organizzativo, esperta di sviluppo delle risorse umane Dott. Pierluigi MASTROGIUSEPPE Dirigente Aran Dott. Paolo MATTEINI Dirigente Aran, esperto di rapporti di lavoro nel pubblico impiego Dott. Luca MONTOBBIO Dirigente Agenzia delle Entrate, esperto di service management Dott. Eugenio NUNZIATA Docente di organizzazione aziendale, esperto di sviluppo organizzativo e change management Il Master, organizzato in 4 moduli seminariali fruibili anche separatamente, affronta in modo complessivo e integrato le tematiche più importanti di competenza del management pubblico e del nuovo modo di amministrare e organizzare il lavoro, alla luce delle linee guida della riforma della Pubblica Amministrazione. OBIETTIVI L obiettivo del percorso formativo è quello di sostenere Dirigenti e Funzionari pubblici nello sviluppo delle competenze necessarie per interpretare sempre più efficacemente il proprio ruolo all interno di amministrazioni pubbliche, che sono sempre più sollecitate ad essere più efficienti, efficaci ed economiche. Si tratta, quindi, di sviluppare la capacità di attivare, all interno dei propri ambiti di responsabilità, meccanismi organizzativi e culturali virtuosi che consentano di rinforzare consapevolezza sugli obiettivi connessi al proprio ambito di responsabilità, con particolare attenzione alla guida dell unità organizzativa, all organizzazione del lavoro alla gestione dei collaboratori, alla misurazione e valutazione delle performance, alla capacità di cooperare e rendersi partecipi di processi decisionali. Dal punto di vista delle metodologie didattiche il processo formativo adottato è attivo: casi ed esercitazioni occuperanno la parte prevalente delle unità didattiche, mentre la componente teorica verrà veicolata at- 10

11 traverso l alternanza tra momenti di razionalizzazione delle esercitazioni e spazi di approfondimento e concettualizzazione specifici. In questo senso l aula sarà concepita come un vero e proprio laboratorio che, pur avvalendosi degli input conoscitivi del docente, privilegerà il lavoro di chi apprende attraverso un alternarsi di lezioni, confronti in plenaria, esercitazioni strutturate. DESTINATARI Amministratori, dirigenti, segretari comunali, funzionari incaricati, e in generale chiunque ricopra ruoli di direzione, coordinamento o responsabilità su persone, attività, risultati. 1 modulo (B504): settembre - 1 ottobre 2015 L esercizio di ruoli di responsabilità nelle organizzazioni pubbliche 2 modulo (B505): ottobre 2015 Competenze organizzative per gestire il lavoro delle persone 3 modulo (B506): novembre 2015 Competenze per il coordinamento e il controllo 4 modulo (B507): dicembre 2015 Competenze per cooperare ed integrare VALUTAZIONE FINALE A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi: abbia frequentato l intero Master presenti una ricerca sugli argomenti trattati nel Master, che verrà esaminata e valutata dal docente relatore 11

12 B504 L esercizio di ruoli di responsabilità nelle organizzazioni pubbliche 3 giorni settembre - 1 ottobre giorno: 10,30-13,30 / 14,30-17,30 2 giorno: 9-13 / giorno: 9-13 / euro 640,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORI Dott. Giuseppe DE FEO Docente di management, esperto di leadership e sviluppo delle risorse umane Dott. Paolo MATTEINI Dirigente Aran, esperto di rapporti di lavoro nel pubblico impiego Dott. Eugenio NUNZIATA Docente di organizzazione aziendale, esperto di sviluppo organizzativo e change management OBIETTIVI Fornire un bagaglio di competenze per dirigenti e funzionari che devono ricoprire ruoli dì responsabilità in una istituzione pubblica. Configurare le funzioni dirigenziali nel settore pubblico alla luce della evoluzione normativa. Sviluppare una maggiore consapevolezza sul ruolo da agire all interno dell organizzazione. Sviluppare capacità di configurazione degli obiettivi del proprio ruolo. Identificare le leve da agire nell esercizio delle proprie responsabilità. Progettare il proprio modo di essere leader. Sviluppare capacità di comunicare una visione condivisa. Migliorare capacità di influenza. Le funzioni e le responsabilità nel lavoro pubblico. La distinzione tra politica e amministrazione. Regime pubblicistico e regime privatistico nel lavoro pubblico riformato. Le conseguenze pratiche dell attribuzione alla pubblica amministrazione dei poteri del datore di lavoro privato. Aree in cui permane la specialità del lavoro pubblico. Le funzioni dirigenziali. La delega delle funzioni dirigenziali. Gli incarichi dirigenziali. La responsabilità e la valutazione delle prestazioni. Analisi della più recente giurisprudenza in materia. Le capacità gestionali nella conduzione di una struttura. La coerenza mezzi-fini: missione dell unità organizzativa e il lavoro delle persone. Gli obiettivi ed i confini della propria responsabilità all interno di un contesto pubblico. Ruolo agito, ruolo prescritto, ruolo riconosciuto. Il ciclo gestionale connesso alle responsabilità di ruolo: pianificare, organizzare, gestire, controllare. La definizione delle priorità nella gestione del tempo. Responsabilità, poteri, delega, coordinamento e controllo. La leadership per l affermazione del proprio ruolo. I diversi modi di essere leader. Comunicare l obiettivo. Analisi di casi concreti. Metodologie di autodiagnosi dello stile di leadership. Il coordinamento e la gestione di briefing e riunioni. Persuasione ed influenza. 12

13 B505 Competenze organizzative per gestire il lavoro delle persone 3 giorni ottobre giorno: 10,30-13,30 / 14,30-17,30 2 giorno: 9-13 / giorno: 9-13 / euro 640,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORI Dott. Antonio CAMPANELLA Dirigente Agenzia delle Entrate, responsabile Settore Professionalità Dott. Eugenio NUNZIATA Docente di organizzazione aziendale, esperto di sviluppo organizzativo e change management OBIETTIVI Rinforzare consapevolezza e condivisione di obiettivi, strumenti, azioni da compiere sul tema del miglioramento della organizzazione del lavoro. Favorire l adozione di azioni tese al riorientamento di persone, strutture e tecnologie verso la qualità del servizio e l innalzamento delle prestazioni. Consolidare meccanismi di integrazione e collaborazione tra persone e uffici. Sviluppare la propria efficacia personale nella guida dei collaboratori. Sviluppare la performance dei collaboratori. Individuare differenti modalità di apprendimento e formazione delle competenze. Costruire piani personalizzati di sviluppo. La semplificazione del lavoro e delle procedure. Le diverse chiavi di lettura delle dimensioni organizzative connesse ai processi lavorativi. Come si costruisce una organizzazione attorno ai processi lavorativi. L analisi dei processi di lavoro e delle procedure. Le relazioni di servizio e l analisi dei workflow. La diagnosi organizzativa. Organizzare le persone attorno ai processi dì lavoro. Service management e reingegnerizzazione dei processi di lavoro. Organizzare le persone attorno ai processi di lavoro: dalla mansione al ruolo lavorativo; microstrutture e team. Lo sviluppo dei collaboratori. Il capo come coach. I diversi ambiti del coach: trasferimento di sapere, feed back, supporto, guida. Il colloquio per l assegnazione degli obiettivi. Il feed back come strumento di sviluppo. Stili e tecniche per sviluppare l apprendimento di nuove capacità. 13

14 B506 Competenze per il coordinamento e il controllo 3 giorni novembre giorno: 10,30-13,30 / 14,30-17,30 2 giorno: 9-13 / giorno: 9-13 / euro 640,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici) RELATORI Dott. Pierluigi MASTROGIUSEPPE Dirigente Aran Dott. Luca MONTOBBIO Dirigente Agenzia delle Entrate, esperto di service management Dott. Eugenio NUNZIATA Docente di organizzazione aziendale, esperto di sviluppo organizzativo e change management OBIETTIVI Comprendere le componenti essenziali di un sistema organico di misurazione e valutazione, ed il ruolo giocato dal manager pubblico nel governo dell uso delle risorse. Rafforzare la capacità di progettazione degli indicatori di performance. Affermare logiche di monitoraggio delle risorse allocate, dei costi e dell efficienza in relazione ai reali processi di servizio. Sviluppare consapevolezza e condivisione di obiettivi, strumenti, azioni da compiere sul tema di miglioramento della qualità del servizio. Avviare metodi e pratiche di coinvolgimento dei collaboratori verso il miglioramento continuo della qualità e della relazione con i clienti. Configurazione degli obiettivi e misurazione dei risultati. Dagli obiettivi agli indicatori. Tipologie di indicatori (input, output, efficienza, equità, qualità, outcome). La progettazione degli indicatori: gli elementi da considerare. Requisiti degli indicatori. Analisi degli indicatori utilizzati nei piani di performance. Cruscotti per il controllo operativo della direzione di marcia della propria area di responsabilità. La valutazione delle performance. La misurazione della performance nell esperienza italiana ed il raffronto con le esperienze internazionali. Il processo di misurazione della performance. Il ciclo di gestione della performance. il piano e la relazione sulla performance. La trasparenza come total disclosure. Gli obblighi in materia di trasparenza. Monitorare per il miglioramento continuo. Le componenti del servizio ed I requisiti del servizio. Il concetto di qualità: qualità intrinseca e soddisfazione del cliente. La gestione dei disservizi. L analisi delle varianze. Il riorientamento dei processi lavorativi per il miglioramento dei servizi erogati. I sistemi di spending review: evoluzione delle metodologie di analisi e riduzione della spesa. 14

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A...pag. 2 E345 Le regole tecniche per la formazione

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

GESTIRE IL SUPPORTO INFORMATIVO E LE NUOVE TECNOLOGIE DI STUDIO

GESTIRE IL SUPPORTO INFORMATIVO E LE NUOVE TECNOLOGIE DI STUDIO Titolo dell'area di formazione: GESTIRE IL SUPPORTO INFORMATIVO E LE NUOVE TECNOLOGIE DI STUDIO (3 Moduli formativi della durata di 8 Ore cadauno. Percorso formativo completo pari a 24 Ore per l organizzazione

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI 1. Premessa Con raccomandazione del 27/10/2011 - digitalizzazione e accessibilità dei contenuti culturali e sulla conservazione digitale - la

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30

I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30 I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30 Martedì, 11 giugno Avv. Luigi Foglia Ing. Andrea Caccia Il documento informatico e la sua conservazione Il Documento informatico:

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Security Manager. Professionista della Security Aziendale

Security Manager. Professionista della Security Aziendale OBIETTIVI e finalità Il programma del corso è progettato per soddisfare le attuali esigenze del mercato e le più recenti normative che richiedono nuove generazioni di manager e professionisti della Security

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA?

Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Namirial ha la soluzione per la fatturazione PA - PASSIVA e la conservazione a norma di

Dettagli

Accordo SNA -CRUI- COINFO

Accordo SNA -CRUI- COINFO Accordo SNA -CRUI- COINFO Corso specialistico per Responsabili e Referenti Anticorruzione nelle Università Programma di dettaglio INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3 3. Destinatari...4 4. Coordinamento

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Master Bancario in Area Commerciale

Master Bancario in Area Commerciale Master Bancario in Area Commerciale Premessa Il mondo del credito è in costante evoluzione e le innovazioni si susseguono con sempre maggior frequenza nel campo legislativo, gestionale, organizzativo e

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Il Responsabile della conservazione: proposte per un profilo

Il Responsabile della conservazione: proposte per un profilo TAVOLO TECNICO La figura del Responsabile della conservazione Il Responsabile della conservazione: proposte per un profilo a cura di Mirella Casini Schaerf, coordinatrice del Tavolo tecnico BOZZA Proposte

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

: L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE DELLO STUDIO: PERCORSI, METODI E STRUMENTI

: L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE DELLO STUDIO: PERCORSI, METODI E STRUMENTI Titolo Area : L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE DELLO STUDIO: PERCORSI, METODI E STRUMENTI (5 Moduli formativi della durata di 8 Ore cadauno. Percorso formativo completo pari a 40 Ore sui temi concernenti il

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA La Fatturazione Elettronica verso la PA Il 6 giugno 2014 sarà una data importante in quanto entra in vigore il D.M. 55/2013 che ha stabilito le modalità attuative per fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA IL BISOGNO CHE VOGLIAMO SODDISFARE Accompagnare amministratori e manager delle

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DIGITALE NELLA PA

LA COMUNICAZIONE DIGITALE NELLA PA Percorso laboratoriale LA COMUNICAZIONE DIGITALE NELLA PA Internet, i social network e l'esplosione dei new media hanno rivoluzionato il linguaggio della comunicazione e gli strumenti del marketing, e

Dettagli

LA GESTIONE E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

LA GESTIONE E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI in collaborazione con LA GESTIONE E LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DOCENTE Avv. Glauco Riem Avvocato del Foro di Pordenone, docente di Diritto della nuove tecnologie. Direttore della rivista scientifica

Dettagli

Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze. 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma

Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze. 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma documenti e archivi nella legislazione italiana 1900-2000: un secolo di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza Forum P.A. 24 maggio 2007 Missione e Organizzazione Le competenze

Dettagli

13 - INDICE DELLA MATERIA MANAGEMENT

13 - INDICE DELLA MATERIA MANAGEMENT 13 - INDICE DELLA MATERIA MANAGEMENT M139 Master in management della Pubblica Amministrazione...pag. 2 B504 L esercizio di ruoli di responsabilità nelle organizzazioni pubbliche...pag. 4 B505 Competenze

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO Corso universitario di formazione in LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO Tema del corso La nuova disciplina del lavoro pubblico Obiettivi Continua senza sosta il processo di riforma

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Roma, 24 luglio 2014 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Pubblichiamo di seguito un documento dell Agenzia per l Italia Digitale (AGID) che illustra le principali caratteristiche del passaggio alla fatturazione

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015 PROPOSTE FORMATIVE Aprile 2015 AREE TEMATICHE GESTIONE D IMPRESA COMPLIANCE E-LEARNING ANALISI ORGANIZZATIVA FINALITA : Intraprendere un progetto di cambiamento organizzativo prevede la capacità di individuare

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE E IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA L Autorità Nazionale

Dettagli

PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA

PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA IL SISTEMA DI GESTIONE ELETTRONICA DELLE PRENOTAZIONI Napoli, 4 luglio 2012 Francesco Castagna Coordinatore Commissione Informatica, Ordine Ingegneri della Provincia di

Dettagli

Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale

Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale Giorgetta Bonfiglio-Dosio Università degli Studi di Padova Software libero e riuso in un sistema di gestione documentale (Padova, 3 novembre 2010) GBD Che cos è un sistema? GALILEO GALILEI (1623) «Pluralità

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

Fatturazione elettronica per la PA le regole tecniche e il percorso per l attuazione. Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze

Fatturazione elettronica per la PA le regole tecniche e il percorso per l attuazione. Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze Fatturazione elettronica per la PA le regole tecniche e il percorso per l attuazione Salvatore Stanziale Dipartimento delle Finanze Torino, 22 novembre 2013 La legge finanziaria 2008 Stabilisce il principio

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed il dato territorlale

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione ed il dato territorlale Scuola di Dottorato Il Codice dell Amministrazione Digitale: le origini Alberto Leoni Università IUAV di Venezia a.leoni1@stud.iuav.it 1. I Fondamenti Normativi: Scaletta di Intervento La Direttiva Europea

Dettagli

PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE

PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE Roma, 28 aprile 2016 Brig. Gen. Roberto SERNICOLA Direzione Generale per il Personale Militare - D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Convegno SIAV Torino - 10 maggio 2007 1 Valore economico Il flusso documentale vale almeno il 2% del PIL. Un risparmio

Dettagli

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Servizio / Progetto Finalità / Obiettivi Destinatari LABORATORI DI CREAZIONE D IMPRESA E ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Il presente progetto ha due obiettivi generali: 1) Radicare nei giovani

Dettagli

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA TAX L@b 2015 Laboratorio di Fiscalità Internazionale Corso teorico-pratico per Professionisti, Fiscalisti d impresa, Tax Risk Manager, Tax Compliance Officer,

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI, IL PROTOCOLLO INFORMATICO E LA CONSERVAZIONE DIGITALE ALLA LUCE DELLE ULTIME NOVITÀ LEGISLATIVE

LA GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI, IL PROTOCOLLO INFORMATICO E LA CONSERVAZIONE DIGITALE ALLA LUCE DELLE ULTIME NOVITÀ LEGISLATIVE SEMINARIO LA GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI, IL PROTOCOLLO INFORMATICO E LA CONSERVAZIONE DIGITALE ALLA LUCE DELLE ULTIME NOVITÀ LEGISLATIVE giovedì 22 ottobre 9:30 / 17:30 Roma martedì15 dicembre

Dettagli

LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula

LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula LE ATTIVITÀ DEI PROFESSIONISTI TECNICI NELLA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI Corso di Formazione 18 ore in aula Roma, dal 29 ottobre al 19 novembre 2015 Polo Professionale Studio Groenlandia, via Groenlandia,

Dettagli

Essere Comandanti di Polizia locale Percorso di Specializzazione dell Accademia di Polizia locale

Essere Comandanti di Polizia locale Percorso di Specializzazione dell Accademia di Polizia locale ACCADEMIA PER UFFICIALI E SOTTUFFICIALI DI POLIZIA LOCALE Essere Comandanti di Polizia locale Percorso di Specializzazione dell Accademia di Polizia locale Codice APL3003/AE Sede: Colonia Enrichetta, Via

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015 05 PROFILO ICT (RIF. 0/05) BENI E SERVIZI (RIF. 0/05) ANALISTA MERCATO BENI MOBILI (RIF. 03/05) ANALISTA MARKETING (RIF. 04/05) DESCRIZIONE La posizione ha la responsabilità di assicurare l acquisizione

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

PROGETTO INVENTA 2012

PROGETTO INVENTA 2012 SCHEDA SINTETICA PROGETTO INVENTA 2012 ID N. 189 AMBITO FORMATIVO FORGIO PACCHETTO FORMATIVO BASE Avviso Pubblico n. 20/2011 Percorsi formativi per il rafforzamento dell occupabilità e dell adattabilità

Dettagli

L esperienza dell Università di Bologna

L esperienza dell Università di Bologna PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 WEBINAR Ciclo delle Performance nelle Università: La programmazione della formazione e il

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati Agenzia per l Italia Digitale 21-11-2014 L «ecosistema» della gestione dei documenti informatici PROTOCOLLO INFORMATICO FIRME ELETTRONICHE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Regione Marche Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che Gli adempimenti normativi del d.lgs. 196/03 Le misure minime di sicurezza Edizione 2010 IL CONTESTO Il D. Lgs. 196/03, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, aggiorna la disciplina in materia di sicurezza

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA IN ITALIA NORMATIVE, ESPERIENZE ED EVOLUZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA IN ITALIA NORMATIVE, ESPERIENZE ED EVOLUZIONE LA FATTURAZIONE ELETTRONICA IN ITALIA NORMATIVE, ESPERIENZE ED EVOLUZIONE Reggio Emilia, 10 maggio 2016 Con la partecipazione di: PROGRAMMA Ore 14.15 Registrazione partecipanti Ore 14.30 INIZIO LAVORI:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli