REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CONCESSIONI CIMITERIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CONCESSIONI CIMITERIALI"

Transcript

1 COMUNE DI MONTEGRIDOLFO (Provincia di Rimini) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CONCESSIONI CIMITERIALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. del ) 0

2 CAPO 1 - PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento in osservanza alle disposizioni di cui: - al Testo Unico delle Leggi sanitarie, approvato con R.D. 27 /07/1934 n e successive modificazioni e aggiunte; - al D.P.R 03/11/2000 n. 396 sul nuovo ordinamento dello stato civile; - al D.P.R. 10/09/1990 n. 285 recante Approvazione del Regolamento di Polizia Mortuaria ; detta norme volte ad armonizzare le attività, i comportamenti, l organizzazione delle funzioni e delle risorse poste in essere dal Comune di Montegridolfo, nonché da enti e da imprese private, in relazione al decesso di persone al fine di garantire la salvaguardia della salute e della igiene pubblica, la possibilità di manifestare il lutto e il cordoglio e di praticare atti di pietà e di memoria. 2. Gli uffici comunali e i soggetti privati, ai quali il presente regolamento affida compiti e servizi inerenti il decesso e la sepoltura di persone, sono tenuti a svolgerli secondo i criteri di buona amministrazione e con la considerazione dello stato particolare di disagio causato dall evento luttuoso tenendo conto del rispetto delle convinzioni religiose e morali espresse da chi provvede alle esequie. 3. Il Comune assicura la più ampia agibilità alle cerimonie e ai riti funebri tutelando in tal modo i diritti inviolabili dell uomo e delle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità. ART. 2 Competenze 1. Le funzioni di polizia mortuaria di competenza del Comune sono esercitate dal Sindaco in qualità di Ufficiale di Governo e di Autorità Sanitaria Locale. 2. I servizi inerenti la Polizia Mortuaria vengono svolti con i moduli gestionali indicati dal D. Lgs. 18 agosto 2000 n ART. 3 - Autorizzazioni di stato civile 1. Le norme che riguardano la dichiarazione, l avviso di morte e l accertamento del decesso sono previste dall Ordinamento di Stato Civile e dal Regolamento nazionale di Polizia Mortuaria. 2. Il Comune promuove la formazione, archiviazione e trasmissione di tali atti tramite strumenti informatici nel rispetto delle norme in materia di trattamento di dati personali. 3. L Ufficiale di Stato Civile, salvo i casi previsti dal Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria per i quali è competente a provvedere l Azienda U.S.L., 1

3 rilascia l autorizzazione al seppellimento secondo le norme dell Ordinamento di Stato Civile. 4. Per la cremazione si applica quanto previsto dal Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria. 5. In caso di rinvenimento di parti di cadavere, di resti mortali o di ossa umane si seguono le procedure di legge. ART. 4 Rapporti con l Autorità Sanitaria 1. L Azienda USL vigila e controlla le attività di polizia mortuaria impartendo le disposizioni riguardo gli aspetti igienico-sanitari, nei limiti e per le competenze riservatele dal Regolamento nazionale di polizia mortuaria. 2. Secondo i principi generali fissati dalla legge, dagli indirizzi e direttive della Regione e dal presente Regolamento, il Comune coopera con l Azienda USL nel raggiungimento dei seguenti obiettivi: a) attenuare i disagi materiali e psicologici alle famiglie e a quanti partecipano al lutto; b) disciplinare i flussi di consegna dei cadaveri rilasciati a scopo di insegnamento e dei indagini scientifiche; c) evitare la presenza nelle strutture di operatori funebri private in modo da scoraggiare eventuali attività abusive; d) monitorare periodicamente le condizioni igienico-sanitarie generali dei cimiteri esistenti nel territorio comunale CAPO 2 PROCEDIMENTI DI POLIZIA MORTUARIA ART. 5 - Medico necroscopo e identificazione della salma 1. Le funzioni di medico necroscopo di cui all art. 74 del D.P.R. 03/11/2000 n. 396, sul nuovo ordinamento dello stato civile sono esercitate da un medico nominato dall Azienda U.S.L. competente. 2. I medici necroscopi dipendono per tale attività dall Azienda U.S.L. che ha provveduto alla loro nomina e a questa riferiscono sull espletamento del servizio, anche in relazione a quanto previsto dall art. 365 del codice penale. 3. Negli ospedali e nelle strutture sanitarie accreditate la funzione di medico necroscopo è svolta dal direttore sanitario o da un medico da lui delegato. 4. Il medico necroscopo ha il compito di accertare la morte e ne redige l apposito certificato previsto dal citato art La visita del medico necroscopo deve essere sempre effettuata nei tempi previsti dalle vigenti disposizioni normative. 2

4 6. L identificazione della salma è eseguita al momento dell accertamento del decesso, ove avvenuto in ospedale o nelle strutture sanitarie accreditate, o della visita necroscopica negli altri casi, oltre che al momento della chiusura del feretro. ART. 6 - Funzioni del medico necroscopo 1. Il medico necroscopo effettua la visita necroscopica nei termini previsti dal Regolamento di Polizia Mortuaria. La visita ha per oggetto l accertamento della morte di cui si redige certificato, l accertamento e la denuncia all autorità giudiziaria di eventuali indizi di reato, l adozione delle cautele igienico-sanitarie in relazione al caso. 2. Presa visione della causa di morte valuta altresì se il decorso degli stati patologici segnalati è compatibile con lo stato in cui ha trovato il cadavere, ed assume i provvedimenti necessari. 3. Nel caso di morte accertata o sospetta per malattia infettivo-diffusiva ovvero quando lo richiedano ragioni speciali, il medico necroscopo adotta immediatamente le prescrizioni sanitarie del caso a tutela dell igiene pubblica e ne informa l Azienda U.S.L. e il Comune per l adozione dei provvedimenti di competenza. 4. L Azienda U.S.L. provvede ai trattamenti obbligatori sul cadavere informandone il Comune. ART. 7 - Cura della salma 1. Ogni azione di contenimento, manipolazione o trattamento del cadavere successivi all accertamento della morte viene autorizzata dal medico necroscopo secondo i principi della profilassi e le cautele suggerite dalla sua prudente valutazione. 2. I trattamenti di cui al precedente comma possono essere effettuati trascorso il periodo ordinario di osservazione. 3. I trattamenti conservativi sul cadavere richiesti da privati sono autorizzati secondo le procedure di legge. CAPO 3 ACCERTAMENTO E CERTIFICAZIONE DELLA MORTE ART. 8 Accertamento e certificazione della morte 3

5 1. Il medico necroscopo certifica l accertamento della morte secondo quanto previsto dagli articoli 1 e 2 della legge 29 dicembre 1993 n. 578 e dagli articoli 1 e 2 del D.M. Sanità del 22 agosto 1994 n Il cadavere può essere chiuso in cassa dopo che sia trascorso il periodo di osservazione, secondo quanto stabilito dal Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria e dal successivo articolo del presente regolamento. ART. 9 Periodo di osservazione 1. Nessun cadavere può essere chiuso in feretro o sottoposto ad autopsia, a trattamenti conservativi, congelazione, conservazione in celle frigorifero, ne essere inumato, tumulato o cremato prima che siano trascorse 24 ore dalla morte. 2. Detto termine non viene osservato per i casi di morte per decapitazione, maciullamento e per accertamento della morte da parte del medico necroscopo con idonei apparecchi tanatoscopici. Nei casi di malattia infettivo - diffusiva o di iniziata putrefazione, ed infine quando ricorrano ragioni speciali, il Sindaco, su proposta del Responsabile Azienda U.S.L. può ridurre il periodo di osservazione a meno di 24 ore. 3. Tale periodo deve essere protratto fino a 48 ore nei casi di morte improvvisa o di sospetta morte apparente, salvo che il medico necroscopo non accerti la morte nei modi previsti dal comma precedente. ART. 10 Precauzioni prima dell accertamento della morte 1. Prima dell accertamento della morte il corpo deve essere posto in condizioni tali che non ostacolino eventuali manifestazione di vita. Nel caso di deceduti per malattia infettiva diffusiva si adottano le misure cautelative necessarie secondo quanto previsto dal Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria. CAPO 4 LOCALI DI OSSERVAZIONE ART. 11 Locale di osservazione 1. Nell ambito del cimitero comunale un apposito locale è adibito al ricevimento ed alla tenuta in osservazione, ai fini dell accertamento della morte, delle salme di persone: a) morte in abitazioni inadatte e nelle quali sia pericoloso mantenerle; b) trasferite a richiesta dei familiari o da case di cura o altri luoghi privati o pubblici; 4

6 c) morte in seguito a qualsiasi accidente nella pubblica via o in luogo pubblico; d) ignote di cui debba farsi esposizione al pubblico per il riconoscimento. 2. Durante il periodo di osservazione deve essere assicurata la sorveglianza, diretta o attraverso apparecchiature di segnalazione a distanza, anche ai fini del rilevamento di eventuali manifestazioni di vita. ART. 12 Servizi necroscopoci comunali 1. I servizi necroscopici, che comprendono la gestione dei locali di osservazione dei cadaveri e degli obitori nonché l esercizio delle relative funzioni, sono svolti dal Comune con i moduli gestionali indicati dal D. Lgs 18 agosto 2000 n. 267 e le prescrizioni del Regolamento Nazionale di Polizia Mortuaria, salvo i compiti e le funzioni spettanti alla Azienda U.S.L.. 2. Qualora le Aziende Ospedaliere, o altra pubblica autorità, dispongano l avvio del cadavere verso locali diversi da quelli individuati in via generale dal Comune, il trasporto comunale è eseguito con connessi oneri a carico della pubblica autorità che lo ha disposto. 3. La pubblica Autorità che dispone il trasporto è tenuta a rilasciare al personale che lo esegue una copia dell'atto da far pervenire al Servizio di polizia mortuaria comunale. 4. Nello svolgimento delle attività necroscopiche e compatibilmente con le esigenze tecnico-sanitarie o giudiziarie, il Comune tutela l esercizio degli atti di pietà verso la salma. 5. Prima che siano trascorsi i termini del periodo di osservazione, il trasferimento eccezionale della salma dal luogo del decesso in camera ardente appositamente allestita per la celebrazione di esequie particolari è autorizzato dal Comune previo parere della Autorità sanitaria. CAPO 5 DELLA ATTIVITÁ FUNEBRE E DELL IMPRESA ART. 13 Principi generali dell attività funebre 1. Per attività funebre si intende il servizio finalizzato allo svolgimento, in forma congiunta, delle seguenti prestazioni: a) disbrigo su mandato delle pratiche amministrative pertinenti in quanto agenzia d affari di cui all art. 115 del R.D n. 773; b) fornitura di feretro e altri articoli funebri, in occasione del funerale; c) trasporto di cadavere; 2. L attività funebre è svolta da imprese che dispongano di mezzi, organizzazione e personale adeguati, costituite ai sensi del libro V del codice 5

7 civile o dai soggetti di cui agli articoli 112 e segg. del D. Lgs. 18 agosto 2000 n Il soggetto che operi nel territorio del comune, indipendentemente dove abbia la sede, esercita la sua attività secondo le prescrizioni operative del presente regolamento. ART. 14 Trasporto funebre 1. Costituisce trasporto di cadavere il trasferimento della salma dal luogo di decesso al deposito di osservazione, all obitorio, alle sale anatomiche, al cimitero, o dall uno all altro di questi luoghi, mediante l utilizzo di mezzi idonei e del personale necessario. 2. Nella nozione di trasporto di cadavere sono altresì compresi la sua raccolta ed il collocamento nel feretro, il prelievo di quest ultimo ed il trasferimento, la consegna al personale incaricato delle operazioni cimiteriali o della cremazione. 3. Nel Comune l ordine e la vigilanza sul trasporto funebre inteso come trasporto di cadaveri, resti mortali ossei, ceneri, esiti di fenomeni cadaverici trasformativi conservativi spettano al Sindaco. 4. L Azienda U.S.L. vigila e controlla, ai fini igienico e sanitari, il servizio di trasporto dei cadaveri e conseguentemente propone al Sindaco i provvedimenti ritenuti necessari. ART. 15 Morti a causa di malattie infettivo diffusive 1. Per i cadaveri di deceduti a causa di una delle malattie infettivo diffusive, di cui all apposito elenco pubblicato dal Ministero della Sanità o portatori di una delle stesse malattie, debbono essere osservate, al fine di evitare possibilità di contagio, le prescrizioni dell autorità sanitaria secondo quanto stabilito dal Regolamento nazionale di Polizia Mortuaria. ART. 16 Servizi e trattamenti funebri 1. Oltre a quanto già previsto dal presente regolamento in ordine alle attività necroscopiche ed ai trattamenti sul cadavere, i servizi funebri che si svolgano in tutto o in parte nel territorio comunale rispondono a requisiti di decoro e salvaguardano le possibilità di espressione del cordoglio. Essi oltre agli atti inerenti il mandato previsti dall art. 14 comma 1, punto a), comprendono il trasporto e, se richieste, le attività di onoranza. 2. Il soggetto che svolge l attività funebre assume la rappresentanza degli aventi titolo e, se richiesta, fornisce assistenza fino alla sepoltura. 6

8 3. Oltre alle prestazioni inerenti al trasporto, anche eseguite con mezzi speciali, chi esercita l attività funebre può effettuare le seguenti attività accessorie di onoranza: a) arredo camera mortuaria dove non vietato; b) vestizione e toeletta funebre; c) fornitura composizioni floreali; d) comunicazione decesso su giornali o in altri spazi autorizzati; e) altre prestazioni inerenti il mandato da dettagliare analiticamente in sede di preventivo. 4. Il soggetto che ha svolto il servizio funebre rende al mandante il conto del proprio operato e rimette a questi tutto ciò che ha ricevuto a causa del mandato. 5. La negoziazione degli affari inerenti l attività funebre deve svolgersi unicamente nella sede autorizzata o, su richiesta dell interessato confermata per iscritto, presso il luogo indicato dal familiare del defunto, purché non all interno di strutture sanitarie, locali di osservazione, obitori e in altri luoghi pubblici. 6. Nel Comune l ordine e la vigilanza sull attività funebre, la verifica della continua sussistenza nel tempo dei requisiti richiesti dal regolamento comunale, spettano al Sindaco, che si avvale degli Organi di Polizia Municipale. ART. 17 Onerosità e gratuità del trasporto di cadavere 1. Il trasporto del cadavere deve essere effettuato in una forma che garantisca il decoro del servizio. È a carico del Comune nel caso di salma di persona indigente, appartenente a famiglia bisognosa o per la quale vi sia disinteresse da parte dei familiari. È a pagamento negli altri casi. 2. Il Comune, per ciascun trasporto a pagamento di cadavere, può esigere il versamento di un diritto fisso, sia che il trasporto si effettui integralmente sul suo territorio, sia che il trasporto sia in entrata o in uscita da esso. 3. Gli introiti derivati dall applicazione dei diritti fissi hanno natura tributaria, affluiscono in conti di bilancio distinti e sono a destinazione vincolata per la copertura degli oneri sociali derivanti dalla effettuazione di servizi funebri e necroscopici di istituto. L entità dei diritti fissi deve essere commisurata alla sola copertura degli oneri di cui sopra. 4. Per servizi funebri e necroscopici di istituto si intendono i seguenti: a) uso del locale di osservazione ed obitorio nei casi stabiliti dal Capo 4 del presente regolamento; b) raccolta e trasporto di salma a seguito di incidenti sulla pubblica via, abbandonata, di cui si debba effettuare il riconoscimento o il riscontro diagnostico, da abitazione inadatta; c) trasporto funebre e fornitura di cassa a carico del Comune ai sensi del comma 1 del presente articolo; d) rilascio dell autorizzazione al trasporto; 7

9 e) attività di polizia mortuaria e vigilanza sull attività funebre; f) tenuta a norma del luogo di osservazione, obitorio e celle frigorifere. 5. Sono esentati dal versamento del diritto fisso di cui al comma 2: a) i trasporti di salme di militari eseguiti dalle amministrazioni militari con mezzi propri e quelli eseguiti da confraternite con mezzi propri; b) i trasporti in entrata ed uscita dal Comune di destinazione quando occorrenti per l effettuazione di cremazione, di autopsia o altri accertamenti necroscopici, fermo restando il pagamento del trasporto funebre a carico di chi lo richiede. 6. Il Consiglio Comunale può esentare dal diritto fisso i trasporti di salme di persone che fino al decesso risultavano associate ad organizzazioni riconosciute Enti morali e non aventi scopo di lucro, le quali hanno tra i propri fini il trasporto funebre degli associati. 7. La Giunta stabilisce annualmente la misura massima delle tariffe vigenti nel proprio territorio, da applicare dagli esercenti l attività funebre, per quanto concerne il tipo di trasporto a pagamento di cadavere maggiormente diffuso in ambito comunale. 8. L esercente l attività funebre è tenuto a depositare in Comune, la prima volta e ad ogni variazione, il prezziario delle forniture e prestazioni rese, una copia del quale è esposta in luogo ben visibile nella sede dell impresa ed esibita a chi richiede un preventivo per lo svolgimento del servizio funebre. ART. 18 Rimesse funebri 1. Le rimesse dei carri funebri devono essere ubicate in località individuate con provvedimento del Sindaco in osservanza delle norme dei regolamenti vigenti. 2. Salva l osservanza delle disposizioni di competenza dell autorità di pubblica sicurezza e del servizio antincendi, l idoneità dei locali adibiti a rimesse di carri funebri e delle relative attrezzature è accertata dall Azienda U.S.L. competente. ART. 19 Vigilanza e Controlli 1. La chiusura della salma nel feretro deve essere fatta alla presenza del personale del Comune addetto al servizio di Polizia Mortuaria. 2. All atto della chiusura verrà redatto un verbale di verifica e sigillamento cofano riportante i dati anagrafici del defunto ed attestante la regolare chiusura del feretro. Tale verbale dovrà essere firmato dall incaricato al trasporto e da due testimoni. 3. Il feretro chiuso non potrà essere riaperto se non per disposizione dell autorità giudiziaria. 4. L incaricato del trasporto di un cadavere consegna al servizio di custodia del cimitero le documentazioni che accompagnano la salma per le registrazioni di 8

10 cui all art. 36 e per la verifica dell integrità del sigillo di cui al comma 2 che precede. 5. L incaricato del trasporto di resti mortali, di ceneri o di ossa umane deve essere munito di apposita autorizzazione del Comune, prima della partenza; egli verifica che le generalità contenute nell autorizzazione al trasporto corrispondano con quelle riportate sulla cassettina resti o sull urna cineraria. 6. Il trasporto delle salme è soggetto alla vigilanza ed al controllo dell Azienda Sanitaria locale, in virtù di quanto disposto dal D.P.R. 285/90 art. 16, comma 2, nonché del Comune per quanto previsto dal presente regolamento. ART. 20 Orari e modalità per il trasporto di cadavere 1. I criteri per la fissazione degli orari per il trasporto, le modalità e i percorsi consentiti, il luogo e le modalità per le soste spettano al Sindaco. 2. L orario del trasporto è fissato dal Responsabile del Servizio di Polizia Mortuaria secondo l ordine di priorità nella presentazione delle relative richieste, siano esse direttamente inoltrate dall ufficiale di stato civile o dalle imprese private o pubbliche di onoranze funebri, o da chi per essi. 3. Nell ipotesi di pluralità di trasporti giornalieri si dovranno evitare arrivi simultanei al cimitero o ad intervalli troppo brevi e tali da obbligare alla sosta il carro successivo. In caso di necessità si dovrà tenere conto anche dell ora del decesso. Giorni festivi: di norma non è possibile effettuare alcun trasporto. Nel caso di due o più giorni festivi consecutivi, il Responsabile del Servizio di Polizia Mortuaria dovrà stabilire le date festive nelle quali effettuare trasporti funebri. 4. Di ciascun trasporto e della presunta ora d arrivo e sia che esso abbia come destinazione il cimitero urbano o un cimitero del forese, deve essere data tempestiva comunicazione alla direzione cimiteriale al fine di consentire la predisposizione del personale e delle attrezzature in relazione al tipo di sepoltura richiesta. ART. 21 Cortei funebri 1. Per i trasporti funebri è permessa una andatura a passo d uomo. 2. Lungo la strada i cortei funebri non devono fare sosta né possono essere interrotti da persone, veicoli o altro, nel rispetto del vigente Codice della Strada. 9

11 ART. 22 Autorizzazione al trasporto di cadaveri, resti mortali, ossa umane o ceneri 1. Il trasporto di ogni cadavere, di resti mortali, di ossa umane o ceneri, entro l ambito del comune o fuori di esso, è autorizzato dal Sindaco secondo le prescrizioni stabilite negli articoli seguenti; l incaricato del trasporto deve essere provvisto di detta autorizzazione. 2. Le autorizzazioni di polizia mortuaria sono rilasciate previa dimostrazione del potere di rappresentanza, dell'indicazione degli elementi descrittivi le caratteristiche del servizio e di quelli identificativi degli incaricati, nonché della comunicazione circa i mezzi impiegati, le forniture connesse e la loro conformità alle norme di legge e di regolamento. 3. Il Servizio di Polizia Mortuaria, dando applicazione alle norme sulla autocertificazione, è tenuto a predisporre la modulistica relativa, anche finalizzata all'acquisizione dei dati utili ai controlli, con particolare riguardo all applicazione delle norme previdenziali, assicurative e di igiene e sicurezza sul lavoro, nonché alla tutela dei diritti alla corretta informazione dei richiedenti. 4. Colui che effettua il trasporto della salma e' incaricato di pubblico servizio nello svolgimento dell'attività funebre. 5. Al comune di destinazione viene trasmessa comunicazione dell autorizzazione rilasciata ai fini della conoscenza del presunto orario di arrivo al cimitero e della possibilità di accesso. 6. Qualora sia richiesta la sosta della salma in altri comuni intermedi per il tributo di speciali onoranze, dovrà essere trasmessa comunicazione dell autorizzazione rilasciata al trasporto anche a questi comuni. 7. In caso di decesso sulla pubblica via o, per accidente, anche in luogo privato, su chiamata della pubblica autorità, il Comune è tenuto a prestare gratuitamente il servizio di trasporto fino al prestabilito locale di osservazione o, se è il caso, all obitorio. 8. Qualora la pubblica autorità disponga per l avvio del cadavere a locale di osservazione od obitorio diverso da quello prestabilito dal Comune il trasporto dal luogo di decesso a detti locali è eseguito con connessi oneri a carico della pubblica autorità che lo ha disposto. 9. Per i trasporti dei cadaveri di cui al precedente comma 7 è la pubblica autorità intervenuta a disporre il trasporto. Quest ultima autorità rilascia una copia di tale disposizione all incaricato del trasporto e un altra la trasmette tempestivamente al Comune di decesso. ART. 23 Condizioni per il rilascio dell autorizzazione al trasporto di morti per malattie infettivo diffusive 10

12 1. Per i morti di malattie infettivo diffusive, di cui all elenco pubblicato dal Ministero della Sanità, si seguono le indicazioni dell autorità sanitaria e del Regolamento nazionale di Polizia Mortuaria. ART. 24 Autorizzazione al trasporto per cremazione 1. Il trasporto di un cadavere da comune a comune per essere cremato ed il trasporto delle risultanti ceneri al luogo del loro definitivo deposito, sono autorizzati con unico decreto dal Sindaco del Comune ove è avvenuto il decesso. 2. Fuori dal caso di cui al comma precedente il trasporto delle ceneri di un cadavere da comune a comune è sottoposto all autorizzazione di cui al precedente art. 21. ART. 25 Caratteristiche della cassa di legno 1. La cassa di legno deve avere le caratteristiche specificatamente indicate nel Regolamento nazionale di Polizia Mortuaria e deve essere confezionata secondo le modalità stabilite dalle disposizioni vigenti. 2. Per le inumazioni non è consentito l uso di casse di metallo o di altro materiale non biodegradabile. Qualora si tratti di salme provenienti dall estero o da altro comune o per le quali sussiste l obbligo della duplice cassa, le inumazioni debbono essere subordinate alla realizzazione sulla cassa metallica di tagli di opportune dimensioni, anche asportando temporaneamente, se necessario, il coperchio della cassa di legno. 3. Per la cremazione è consentito solo l uso di materiali combustibili o sublimabili. Dal feretro, prima della introduzione nel forno, devono essere asportati eventuali sistemi di sollevamento, di posizionamento o simboli religiosi esterni non combustibili o sublimabili. 4. Per i feretri destinati a cremazione, ad eccezione di quelli provenienti dall estero o per giustificate esigenze del vettore, ferroviario, aereo o navale, laddove sussista l obbligo della duplice cassa, quella metallica è sostituita, per il trasporto, da un involucro, da chiudere ermeticamente, di materiale biodegradabile, interno alla cassa, che avvolga il corpo. ART. 26 Materiali biodegradabili 1. Sono da considerare biodegradabili materiali che per tipo e spessore abbiano superato con esito positivo la prova stabilita dal Ministero dell Ambiente, di concerto con il Ministero dell Industria, Commercio ed Artigianato con decreto del 7 dicembre 1990, Definizione delle modalità di saggio di biodegradabilità dei sacchetti di plastica per l asporto delle merci. 11

13 2. I prodotti ottenuti dalla reazione di biodegradazione devono essere tali da non compromettere l ambiente di sepoltura, potendosi trasformare in elementi naturali quali acqua, sostanze minerali e anidride carbonica. ART Reclami 1. Gli uffici accolgono i reclami e le segnalazioni di disfunzioni inerenti lo svolgimento dell attività funebre. 2. Nel caso di reclamo pervenuto per iscritto, quanto in quello formulato oralmente e obbligatoriamente trascritto a cura degli uffici, il Dirigente del Servizio provvede a rispondere per iscritto entro 30 giorni dalla data di ricezione. 3. Il Responsabile del Servizio impronta le proprie risposte al principio della trasparenza amministrativa. 4. La Giunta, tramite accordi con la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, sentite le Associazioni di categoria, definisce le modalità di risoluzione amichevole delle controversie tra imprese, rimanendo impregiudicato il ricorso all Autorità Giudiziaria. ART. 28 Svolgimento di attività funebri da parte di imprese L esercizio dell attività di impresa funebre è libero e si svolge nel rispetto dei principi di trasparenza e piena concorrenza sul mercato. È soggetto all autorizzazione di P.S. art. 115 R.D n. 773 e disciplinato dal D. Lgs n La legge determina le cause di inibizione dell esercizio di impresa 1. L impresa funebre, deve dimostrare al Comune, che ne autorizza l esercizio, il possesso dei seguenti requisiti minimi: a) disponibilità continuativa di almeno un carro funebre e della rimessa aventi le caratteristiche di cui all art. 19; b) un direttore tecnico, responsabile dell andamento dell impresa, e altro personale stabilmente dipendente in misura non inferiore a due unità per ogni sede o filiale, con disponibilità saltuaria di ulteriore personale, quando occorrente, purché in regola con le vigenti norme contributive. È equiparato a personale dipendente il titolare dell impresa individuale o il socio che svolge nell impresa attività in forma prevalente e continuativa; c) disponibilità continuativa nel Comune di una sede ove svolgere la trattazione degli affari; 2. La disponibilità di quanto stabilito al precedente comma 1 può avvenire anche in forma associata o consortile; in questo caso i requisiti minimi da possedere sono i seguenti: a) disponibilità continuativa di almeno due carri funebri e della rimessa aventi le caratteristiche di cui all art. 18; 12

14 b) un direttore tecnico, responsabile dell andamento dell associazione o del consorzio, e altro personale stabilmente dipendente in misura non inferiore a 5 unità; disponibilità saltuaria di ulteriore personale, quando occorrente, purché in regola con le vigenti norme contributive; c) ogni singola impresa partecipante al consorzio o all associazione di imprese deve inoltre disporre: - di un direttore tecnico responsabile dell andamento dell impresa; - di altro personale stabilmente dipendente in ragione di almeno 1 unità per ogni sede o filiale. È equiparato a personale dipendente il titolare dell impresa individuale o il socio che svolge nell impresa attività in forma prevalente e continuativa; - disponibilità continuativa nel Comune di una sede ove svolgere la trattazione degli affari. 3. Il direttore tecnico dell impresa funebre svolge le funzioni direttive dell impresa; assolve alle funzioni di organizzazione del personale, dei mezzi e delle attrezzature; mantiene i rapporti con i clienti e con il pubblico in rappresentanza dell impresa, con titolarità nella negoziazione degli affari della stessa; coordina il personale; dispone di autonomia organizzativa e gestionale, di potestà discrezionale nell espletamento dell attività di impresa; assicura il rispetto delle norme in materia di assunzioni, di assicurazioni sociali obbligatorie, di sicurezza nei luoghi di lavoro e quant altro necessario per l esercizio dell impresa, assumendone le relative responsabilità. Quando le funzioni di direttore tecnico non siano svolte dall imprenditore titolare dell autorizzazione, trovano applicazione gli articoli 2203 e seguenti del Codice Civile. 4. Costituiscono condizioni ostative al rilascio della autorizzazione all esercizio dell attività funebre: a) sentenza penale definitiva di condanna per reati contro la fede pubblica, contro la pubblica amministrazione, o contro il patrimonio, o alla pena accessoria dell interdizione dall esercizio di una professione o arte o dell interdizione dagli uffici direttivi delle imprese, salvo quando sia intervenuta la riabilitazione; b) procedura fallimentare, o di liquidazione coatta amministrativa, svolta o in corso, salvo che non sia intervenuta la riabilitazione ai sensi degli articoli 142, 143 e 144 delle disposizioni approvate con regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; c) misure di prevenzione di cui all articolo 3 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, come da ultimo modificato dall articolo 4 della legge 3 agosto 1998, n. 327, finché durano gli effetti dei provvedimenti che le hanno disposte; d) misure di sicurezza di cui all articolo 215 del codice penale, finché durano gli effetti dei provvedimenti che le hanno disposte; e) misure di prevenzione disposte ai sensi della legge 31 maggio 1965, n. 575 e successive modificazioni ed integrazioni; f) sentenza penale definitiva di condanna per il reato di cui all articolo 513 bis del codice penale; 13

15 g) contravvenzioni accertate per violazioni di norme in materia di lavoro, di previdenza, di assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, di prevenzione della sicurezza nei luoghi di lavoro, non conciliabili in via amministrativa; h) interdizione di cui all articolo 32. bis del codice penale; i) incapacità a contrarre con la pubblica amministrazione di cui agli articoli 32 ter. e 32 quater. del codice penale. 5. Le condizioni ostative di cui al comma 4 riguardano il richiedente l autorizzazione, o il titolare se già rilasciata. 6. Le condizioni ostative di cui al comma 4 si estendono al direttore tecnico e, in quanto applicabili al personale addetto alla trattazione degli affari relativi all attività funebre. 7. Le imprese funebri producono mantengono aggiornate: a) Certificazione dettagliata circa la capacità tecnica e di risorse umane a garanzia della continuità e dell adeguatezza del servizio; b) Documentazione inerente i propri listini delle prestazioni e forniture; c) Documentazione inerente la comunicazione del rischio di cui alle norme sulla sicurezza e salute dei lavoratori; 8. Il Responsabile del Servizio la documentazione di cui sopra e, qualora quanto prodotto non apparisse conforme ai requisiti ed alle tipologie previsti dal regolamento, ha facoltà di richiedere integrazioni documentali e di disporre gli opportuni accertamenti. 9. Nel caso in cui i riscontri fossero negativi il medesimo Responsabile del Servizio avvia le procedure sanzionatorie previste dal presente regolamento. 10. È fatto divieto a chiunque di fare offerte e contrattazioni per servizi funebri all ingresso e/o all interno degli uffici comunali ospedali, ospizi, collegi, comunità e convivenze in genere, pena le sanzioni previste dal presente regolamento. 11. È ammesso ove possibile il ricorso all autocertificazione. ART. 29 Correttezza professionale e commerciale dell'impresa 1. Le imprese di pompe funebri devono attenersi alla disciplina delle libere contrattazioni e all osservanza del presente Regolamento. 2. L esercizio dell attività funebre è conforme ai seguenti principi: a) l avente titolo è assolutamente libero nella scelta dell impresa; b) l avente titolo ha il diritto, senza essere obbligato a richiederlo, di essere informato del previsto costo del funerale, fino al seppellimento della salma; c) rispetto di tutte le credenze e costumi delle famiglie dei dolenti in quanto non contrastanti con l ordinamento giuridico italiano; d) rispetto del segreto professionale e astensione da qualsiasi diffusione di dati o notizie confidenziali; e) correttezza professionale, fondata su rapporti di lealtà sia con gli aventi titolo che con le altre imprese; 14

16 f) buona fede nell esecuzione dei propri doveri; g) osservanza delle leggi e regolamenti concernenti la professione; h) comunicazione pubblicitaria oggettiva, onesta e discreta; i) costante perfezionamento delle proprie conoscenze professionali. ART. 30 Esercizio dell attività d impresa 1. Gli orari di apertura e chiusura al pubblico dell esercizio sono disciplinati dalle normative di settore. 2. L attività su chiamata notturna può essere svolta a condizione che il prezzo, preventivamente approvato in sede di autorizzazione di cui all art.115 TULPS, sia chiaramente comunicato al richiedente. 3. È vietato il procacciamento di servizi in modo contrario o contrastante ai principi della concorrenza sul mercato, sia a favore dell impresa medesima che a vantaggio di altri prestatori d opera, con attività non inerente i servizi richiesti, con particolare riguardo alle forniture di impresa ammessa a lavorare nei cimiteri. ART. 31 Regime del trattamento del personale dell impresa 1. Al personale operativo presso le imprese funebri si applicano i contratti delle categorie di riferimento. 2. Il Comune, anche tramite scambi informativi con gli Enti competenti, vigila sul rispetto delle norme in materia di previdenza, lavoro, assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, prevenzione in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, nei confronti di chi svolge l attività funebre. ART. 32 Usi funebri locali 1. Nel comune tutti i servizi di trasporto mortuario prevedono l impiego di auto funebre e comprendono il prelievo e la movimentazione del feretro eseguiti da personale dell'impresa nel rispetto della normativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori. 2. Qualora ricorrano particolari esigenze cerimoniali, il feretro può essere portato per brevi tratti da congiunti o amici del defunto, coadiuvati dal personale di cui al comma precedente. 3. I servizi di trasporto funebre, che hanno inizio dal luogo ove si trova la salma, possono prevedere un tragitto senza soste fino alla destinazione per la sepoltura, oppure la celebrazione di funzioni religiose o civili con relative fermate. 15

17 4. Sono inoltre consentiti brevi soste presso la via prospiciente l abitazione del defunto o lo svolgimento di cortei a passo d uomo, per limitati tragitti in percorsi che non costituiscano intralcio alla viabilità ordinaria. 5. I trasporti che non hanno intero svolgimento nel territorio comunale, si effettuano, per la parte compresa in città, secondo le modalità riportate nei commi precedenti. 6. Le attività di sepoltura sono svolte dal Comune ed hanno inizio con l arrivo della salma all ingresso del cimitero. 7. L auto funebre è tenuta, ove è possibile, alla esecuzione di corteo a passo d uomo dall ingresso del cimitero al luogo della sepoltura, secondo le disposizioni impartite dal Servizio di Polizia Mortuaria. A tergo delle autofunebri, non è consentita la posa di corone di fiori, mentre è consentito di coprire il feretro con fiori freschi in mazzi, cuscini e simili, purché non trapelanti umidità, in modo da non rendere malagevole il carico e lo scarico del feretro. Nei cortei fuori Comune, non è permesso collocare né fiori né altro all esterno del carro. 8. Per l effettuazione di cortei funebri deve essere presentata apposita istanza in bollo cui va specificato il tratto di percorso che si intende effettuare al Responsabile del Servizio di Polizia Mortuaria. 9. Il Sindaco, tenendo conto della viabilità cittadina e delle norme indicate nel codice della strada, disciplina lo svolgimento dei cortei funebri. ART Rapporti con le comunità religiose 1. L autorizzazione comunale a trasporti funebri che comportino la celebrazione delle funzioni religiose avviene nel rispetto della libertà di culto in quanto non contrastante con l ordinamento giuridico italiano. 2. La Giunta Comunale, tramite accordi con le Comunità religiose definisce i piani generali di disponibilità dei luoghi di culto con indicazione degli orari di celebrazione delle funzioni funebri. Il Servizio di Polizia mortuaria, cura l aggiornamento di concerto con le Comunità religiose. CAPO 7 IL CIMITERO ART. 34 Cimitero del Comune 1. Sul territorio del Comune di Montegridolfo sussiste un solo Cimitero. ART Ammissione nei cimiteri 16

18 1. Salvo sia richiesta altra destinazione, sono ricevute e sepolte nel Cimitero Comunale le salme di persone decedute nel territorio del Comune o che, ovunque decedute, avevano in vita la propria residenza nel Comune (comprese quelle già residenti e successivamente trasferite); 2. Indipendentemente dalla residenza e dal luogo della morte, sono ricevute le salme delle persone aventi diritto al seppellimento in una sepoltura privata esistente nei cimiteri comunali. 3. Sono pure accolti i resti mortali e le ceneri delle persone sopra indicate, nonché i nati morti ed i prodotti abortivi. 4. Fuori dei casi di cui ai precedenti commi potrà essere data sepoltura a soggetti aventi qualche legame con il territorio comunale secondo criteri indicati con provvedimento della Giunta Comunale. 5. Il Sindaco con specifica ordinanza detta disposizioni relativamente a: orario di apertura dei cimiteri e delle strutture cimiteriali e disciplina dell ingresso in tali strutture; riti funebri; ogni altra norma relativa a particolari divieti; apposizione di epigrafi, monumenti, ornamenti anche floreali, cippi, lapidi e copritomba, indicando criteri di uniformità e decoro; lavori e opere funerarie private. ART. 36 Servizio di custodia e registro delle sepolture 1. Il Comune provvede alla custodia dei cimiteri direttamente con proprio personale o indirettamente con affidamento a terzi. 2. Il responsabile del servizio di custodia, per ogni cadavere ricevuto, ritira e conserva presso di sé le autorizzazioni ed attestazioni di cui agli articoli 21 e 24; iscrive cronologicamente sopra apposito registro, numerato progressivamente, in doppio esemplare: a) le inumazioni che vengono eseguite, precisando il nome, cognome, luogo, data di nascita e di morte del defunto, secondo quanto risulta dall atto di autorizzazione, l anno, il giorno e l ora dell inumazione, il numero arabico portato dal cippo e il numero d ordine della bolletta di seppellimento; b) le generalità, come sopra, delle persone i cui cadaveri vengono tumulati, con l indicazione del sito dove sono stati deposti; c) le generalità, come sopra, delle persone i cui cadaveri vengono cremati, con l indicazione del luogo di deposito o di dispersione delle ceneri; d) qualsiasi variazione avvenuta in seguito per esumazione, estumulazione, inumazione, cremazione, nonché trasporto di cadaveri, di ceneri, di esiti di fenomeni cadaverici trasformativi conservativi. 3. I registri, debbono essere presentati ad ogni richiesta degli organi di controllo. 4. Un esemplare dei registri deve essere consegnato, ad ogni fine anno, all archivio comunale, rimanendo l altro presso il servizio di custodia. ART Reparti speciali 17

19 1. Possono riservarsi nei cimiteri reparti speciali, da individuare attraverso il P.R.C. o, nelle more della sua adozione, dal Sindaco, destinati al seppellimento delle salme, alla conservazione dei resti, ceneri ed ossa di persone professanti culti diversi da quello cattolico o a comunità straniere. 2. Le spese maggiori per le opere necessarie a tali reparti, per la maggior durata della sepoltura rispetto a quella comune, compresa l assegnazione a tempo determinato dell area secondo le tariffe vigenti, sono a totale carico delle comunità richiedenti. 3. Gli arti, altre parti anatomiche, i nati morti ed i feti vengono inumati, salvo specifica richiesta avanzata dall'interessato o dai suoi familiari, secondo le indicazioni fissate dal P.R.C. 4. È pure da individuarsi un campo speciale da destinare all'inumazione di feretri provenienti dalle operazioni cimiteriali (esumazioni ed estumulazioni). 5. Per le professioni religiose che lo prevedano espressamente, è consentita la inumazione del cadavere avvolto unicamente in lenzuolo di cotone, salva comunque l adozione di feretro idoneo per il trasporto. ART Atti a disposizione del pubblico. 1. Il Servizio Cimiteriale assicura ai cittadini la più ampia informazione sulle proprie attività in ordine alla gestione e manutenzione dei siti cimiteriali, nonché alle ubicazioni dei defunti. 2. Sono altresì a disposizione del pubblico: a) copia del presente Regolamento e dei provvedimenti attuativi; b) ogni altro atto per il quale il presente Regolamento prevede la diffusione. ART Sepolture riservate a cittadini illustri o benemeriti 1. All interno del Cimitero possono essere riservate aree, tombe e lapidi alla memoria, di cui la Giunta Comunale ha facoltà di disporre per l assegnazione gratuita di posti destinati alla tumulazione di salme, ceneri o resti di cittadini che si siano distinti per opere dell ingegno o per servizi resi al Paese. ART Deposito provvisorio 1. Salvo disponibilità, a richiesta delle famiglie dei defunti, o di loro rappresentanti, il feretro può essere provvisoriamente deposto in apposito loculo per una durata non superiore a 36 mesi, prorogabili, in via eccezionale, a 48. Tale concessione deve risultare da atto scritto, sottoscritto dai richiedenti il cui originale è da conservarsi presso la direzione cimiteriale. 2. La tumulazione provvisoria delle salme nei loculi è consentita: a) nel caso sia stata presentata domanda di concessione di sepoltura, da costruirsi a cura del Comune, con progetto già approvato; 18

20 b) nel caso sia stato stipulato regolare contratto di concessione di un area di terreno allo scopo di costruirvi un sepolcro privato, fino alla sua agibilità; c) nel caso debbano essere effettuati lavori di ripristino di tombe private e/o colombari. 3. Il responsabile dei servizi cimiteriali fisserà la durata del deposito in relazione al tempo necessario all ultimazione dei lavori e/o alla domanda degli interessati. 4. Per tali eventuali depositi è dovuta una tariffa di utilizzo stabilita con provvedimento dell Amministrazione. 5. Scaduto il termine, originario o prorogato, senza che l interessato abbia provveduto alla rimozione della salma, verrà notificata al responsabile formale diffida a provvedere nel termine di 30 giorni. In difetto agli adempimenti relativi la salma verrà inumata in campo comune. 6. La collocazione provvisoria di cassette ossario e di urne cinerarie è ammessa in un deposito cimiteriale anche al di fuori dei casi di cui al precedente comma 2 e dietro pagamento della relativa tariffa. Qualora gli interessati non provvedano in conformità alla diffida, i resti e le ceneri verranno dispersi rispettivamente in ossario e cinerario comune. ART Ossario comune 1. Nel Cimitero è istituito un ossario per la raccolta indistinta delle ossa, non richieste dai familiari e provenienti dalle esumazioni e, in caso di completa mineralizzazione, dalle estumulazioni. CAPO 8 - DISPOSIZIONI GENERALI E PIANO REGOLATORE CIMITERIALE ART Disposizioni generali 1. Nel cimitero deve essere organizzato un campo d inumazione destinato alle sepolture decennali. 2. Le caratteristiche del suolo, l ampiezza, la divisione in quadri, l ordine di impiego delle fosse e le misure rispettive, per adulti e per minori di anni 10, devono essere conformi a quanto dispone il Regolamento nazionale di Polizia Mortuaria. 3. Compatibilmente con le esigenze di inumazione e di edificazione di colombari, possono essere riservate aree ed opere a sepolture private, - 19

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI MONDAINO (Provincia di Rimini) REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 30 del 24/04/2002) 1 CAPO 1 - PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Oggetto

Dettagli

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001

Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 Approvato con deliberazione n. 08 adottata dalla Giunta Comunale nella seduta del 14.02.2001 1 CAPO l CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE Art. I Definizione di trasporto funebre 1. Costituisce trasporto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (Provincia di Trapani) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE (Approvato con deliberazione C.C. n 99 del 29/12/2008) CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

"Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali".

Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali. LEGGE REGIONALE 18 novembre 2003, N. 22 "Norme in materia di attività e servizi necroscopici, funebri e cimiteriali". (BURL n. 47, 1º suppl. ord. del 21 Novembre 2003 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2003-11-18;22

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE. Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI. APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 49 DEL 30.10.2008 Art: 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.24 del 15.05.2002 - OMISSIS - Il capo IV viene sostituito interamente dal seguente: Capo IV Trasporti funebri

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere

Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere Allegato 2 Schema di regolamento comunale in materia di cremazione Art. 1 (Autorizzazione alla cremazione) 1. La cremazione di cadavere deve essere autorizzata dal Comune (2) ove è avvenuto il decesso,

Dettagli

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI

COMUNE DI AIRASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI COMUNE DI AIRASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28/11/2008

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice

REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali. Indice REGOLAMENTO per l affidamento familiare delle ceneri delle salme e dei resti mortali Art. 1 Ambito di applicazione Indice Art. 2 La cremazione di salme e resti mortali e ossei Art. 3 La cremazione disposta

Dettagli

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052

C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE, CONSERVAZIONE E AFFIDAMENTO DELLE CENERI Adottato con deliberazione del

Dettagli

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE

PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE COMUNE DI PEREGO Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE NORMATIVA TECNICA DI ATTUAZIONE Contenuti del Piano Cimiteriale Comunale Il Piano Cimiteriale Comunale è redatto ai sensi dell art. 6 del Regolamento

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Delib. C.C. n. 91 del 30/11/2007) ART. 1 - AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI. Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone)

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) * * * * * REGOLAMENTO IN MATERIA DI CREMAZIONE, DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI * * * * * ART. 1 AUTORIZZAZIONE ALLA CREMAZIONE DI CADAVERI, DI RESTI

Dettagli

COMUNE DI SALASSA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI SALASSA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SALASSA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 22 del 27.09.2013 INDICE TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.

Dettagli

ARTICOLI PREAMBOLO Il Regolamento comunale di polizia mortuaria ha per oggetto il complesso delle norme dirette alla generalità dei cittadini ed alla Pubblica Amministrazione, tese a prevenire i pericoli

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Settore Patrimonio/Provveditorato Servizi Cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE

COMUNE DI RICCIONE Settore Patrimonio/Provveditorato Servizi Cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE COMUNE DI RICCIONE Settore Patrimonio/Provveditorato Servizi Cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI...4 CAPO 2 - DENUNCIA DI MORTE E ACCERTAMENTO

Dettagli

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria

Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria Delibera CC 68 del 30-09-1996 Modifica ed Integrazione di alcuni articoli del Regolamento di Polizia Mortuaria CAPO IV TRASPORTO DEI CADAVERI ART. 24 1. Il trasporto di un cadavere, di resti mortali o

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI DIMARO PROVINCIA DI TRENTO MODIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA IN RELAZIONE ALLE ATTIVITA CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE L AFFIDAMENTO - - LA CONSERVAZIONE LA DISPERSIONE - DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con Delib. CC n. 13/8.5.08 Esecutivo dal 28/5/08

Dettagli

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO

DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO DEFINIZIONI PIANO REGOLATORE CIMITERIALE COMUNE DI CASTANO PRIMO ALLEGATO O PROGETTO Piano Regolatore Cimiteriale Settembre 2012 COMMITTENTE: Comune di Castano Primo presso Villa Rusconi Corso Roma 20022

Dettagli

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione;

b) cadavere la salma dopo l esecuzione dell accertamento di morte secondo quanto previsto dalla vigente legislazione; Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 198 del 19-12-2008 21965 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 34 Norme in materia di attività funeraria, cremazione e dispersione delle ceneri. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SOSTEGNO PROVINCIA DI BIELLA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA.................. 94181 R1 I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 -

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto APPENDICE AL REGOLAMENTO PER L USO, L ACCESSO E LA VISITABILITÀ DEI CIMITERI COMUNALI ------------------------------- NORME RELATIVE ALL AFFIDAMENTO, ALLA CONSERVAZIONE ED ALLA DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI

REGOLAMENTO PER LE CONCESSIONI CIMITERIALI COMUNE DI SAN PIETRO IN GUARANO (Prov. di COSENZA) IV SETTORE - SERVIZI CIMITERIALI Largo Municipio n 1 87047 San Pietro in Guarano (CS) Tel./Fax 0984.4725.24/44 E-mail: servizicimiteriali@comune.sanpietroinguarano.cs.it

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Indice: CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE - art. 1 esercizio del servizio dei trasporto funebri 3 - art. 2 definizione di trasporto

Indice: CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE - art. 1 esercizio del servizio dei trasporto funebri 3 - art. 2 definizione di trasporto REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con Delibera di C.C. n.128 del 30.12.2010 1 Indice: CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE - art. 1 esercizio del servizio dei trasporto

Dettagli

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SELVA DI CADORE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n del INDICE Titolo 1 DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione e competenze.

Dettagli

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005

Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Estratto dal Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con deliberazione consiliare nr.73 del 29.6.2005 Art.61 Oggetto e finalità 1. Il presente Capo disciplina la cremazione, l affidamento, la conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 15.09.2014 I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Capo I -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE C O M U N E D I M A R T E L L A G O c. a. p. 30030 Provincia di Venezia Cod. Fisc. 82003170279 REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di C.C. n.10 del 29.02.2000 Modificato con deliberazione di C.C. n. 11 del 29.05.2012 Integrato e modificato con deliberazione di C.C. n. 9

Dettagli

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA

Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA Comune di RIPARBELLA Provincia di PISA U.O. SERVIZI CIMITERIALI E POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO PER LA CREMAZIONE, LA CONSERVAZIONE, L AFFIDAMENTO E LA DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE

Dettagli

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori

CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Legge regionale 4 marzo 2010, n. 18 (BUR n. 21/2010) NORME IN MATERIA FUNERARIA CAPO I - Finalità, istituzioni ed operatori Art. 1 - Finalità. 1. La presente legge disciplina gli aspetti relativi alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Servizi cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 18 del 28 maggio 2005 modificato ed integrato con deliberazione

Dettagli

CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA

CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA TESTO EMENDATO CITTA DI CALATAFIMI SEGESTA (Lìbero Consorzio di Trapani) REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12=_ del MM/ZO^Ì^ Art. 1 DEFINIZIONE

Dettagli

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Regolamento comunale relativo a: cremazione, affidamento,conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti COMUNE DI CAMPOSANTO PROVINCIA DI MODENA via F. Baracca 11 41031 Camposanto (MO) tel.: 0535 80905 fax: 0535 80917 (Cod. Fisc.: 82000370369 P. IVA: 00697150365) e mail: attività.produttive@comune.camposanto.mo.it

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

Comune di Serravalle Scrivia

Comune di Serravalle Scrivia Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria Via Berthoud 49 - tel. 0143/609431 - fax 61522 - cap 15069 www.comune.serravalle-scrivia.al.it REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma

COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma COMUNE DI LADISPOLI Provincia di Roma Regolamento di Polizia Mortuaria. (Approvato con delibera di C.C. n. 69 del 20.09.1999) (Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 12.12.2001) INDICE GENERALE TITOLO

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7

LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 LEGGE PROVINCIALE 20 giugno 2008, n. 7 Disciplina della cremazione e altre disposizioni in materia cimiteriale (b.u. 1 luglio 2008, n. 27, suppl. n. 1) Art. 1 Oggetto e finalità 1. Questa legge, nel rispetto

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

REGOLAMENTO di POLIZIA MORTUARIA e ATTIVITÀ FUNEBRI e CIMITERIALI

REGOLAMENTO di POLIZIA MORTUARIA e ATTIVITÀ FUNEBRI e CIMITERIALI REGOLAMENTO di POLIZIA MORTUARIA e ATTIVITÀ FUNEBRI e CIMITERIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 05/10/2013 Entrato in vigore il I N D I C E Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI COMUNE DI MOMPANTERO REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 1 del 05.03.2009

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO Provincia di Lecce I^ Settore AA.GG.

COMUNE DI CARMIANO Provincia di Lecce I^ Settore AA.GG. COMUNE DI CARMIANO Provincia di Lecce I^ Settore AA.GG. Comune di Carmiano Settore I AA.GG. Regolamento di Polizia Mortuaria 1 INDICE TITOLO I CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. DENUNCIA DELLA CAUSA DELLA

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n, 19 del 27 aprile 2001 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto

COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto U.O. 3/I Settore - Servizi Demografici e Statistici Responsabile del coordinamento Dr. Silvano Costantini COMUNE DI ORBETELLO Provincia di Grosseto Regolamento relativo all affidamento, conservazione e

Dettagli

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI VILLADEATI PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA 94181 R1 I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Competenze Art. 3 - Responsabilità Art. 4 - Servizi

Dettagli

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013.

COMUNE DI TARZO (TV) Approvato con deliberazione consiliare n. /2013. All. A del. C.C. n. /2013 COMUNE DI TARZO (TV) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DI DEFUNTI E/O RESTI MORTALI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMONTECORVINO REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 37 DEL 17/12/2009 COMUNE DI PIETRAMONTECORVINO

COMUNE DI PIETRAMONTECORVINO REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 37 DEL 17/12/2009 COMUNE DI PIETRAMONTECORVINO COMUNE DI PIETRAMONTECORVINO PROVINCIA DI FOGGIA ************************************ REGOLAMENTO COMUNALE di POLIZIA MORTUARIA ************************************ Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI E NORME DI PRINCIPIO LR(8) 19_04 Pag: 1 LEGGE REGIONALE EMILIA- ROMAGNA 29 luglio 2004, n. 19 Disciplina in materia funeraria e di polizia mortuaria. in B.U.R.E. n. 105 del 29-7-2004 sommario Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE

Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE Circolare Sefit n. 4548 del 15.10.2001 INDAGINE STATISTICA DELL ANCI SUL SISTEMA TARIFFARIO FUNEBRE E CIMITERIALE In All. 1 si riporta la nota dell ANCI, con la quale si è avviata una indagine statistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 53 del 13 ottobre 2003 ART. 1 ESERCIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

Allegato. Comune di Campogalliano

Allegato. Comune di Campogalliano Allegato Comune di Campogalliano REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con delibera di C.

Dettagli

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI ARZERGRANDE PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA... Il presente regolamento: 1) E' stato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta 28/04/2014 con atto n. 23.; reg. pubbl. 389

Dettagli

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI...SANTA MARIA MAGGIORE... PROVINCIA DI...VERBANO CUSIO - OSSOLA. REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 03.05.2013 Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Provincia di Rimini REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITA FUNEBRI, NECROSCOPICHE, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI RIMINI Provincia di Rimini REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITA FUNEBRI, NECROSCOPICHE, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI RIMINI Provincia di Rimini REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ATTIVITA FUNEBRI, NECROSCOPICHE, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA 1 INDICE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 Oggetto...4 ART. 2

Dettagli

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI

COMUNE DI PAESE. Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DESTINAZIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6 del 14 marzo 2011 In vigore dal 19

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Regolamento relativo alle cremazioni, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri dei defunti. Approvato con Delibera C.C. n. 75 del 30/10/2007 IN VIGORE DAL 17/11/2007 Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico

COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico COMUNE DI SINNAI Provincia di Cagliari Settore Lavori Pubblici e Tecnologico OGGETTO: ISTRUTTORIA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE PREMESSO che: Le tariffe di

Dettagli

C O M U N E D I U R B I N O

C O M U N E D I U R B I N O C O M U N E D I U R B I N O REGOLAMENTO RELATIVO ALLE CREMAZIONI, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 26

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara IL SINDACO

COMUNE DI FERRARA. Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara IL SINDACO COMUNE DI FERRARA PROTOCOLLO GENERALE Cod. AMC.FE.A01. 17 GEN. 2004 N. 4519 COMUNE DI FERRARA Ordinanza per regolare esumazioni ed estumulazioni nel Comune di Ferrara PROT. N. IL SINDACO - Premesso che

Dettagli

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena)

Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Comune di Spilamberto (Provincia di Modena) Regolamento comunale relativo a cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

Comune di SUZZARA Provincia di Mantova

Comune di SUZZARA Provincia di Mantova Comune di SUZZARA Provincia di Mantova REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI E ILLUMINAZIONE ELETTRICA VOTIVA COMUNE DI SUZZARA REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

Dettagli

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio

Comune di Teglio. Provincia di Sondrio Allegato A Comune di Teglio Provincia di Sondrio Disciplinare per l affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri - procedure individuazione luoghi destinati alla dispersione delle ceneri derivanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE CITTA DI NOALE PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE IN ATTUAZIONE DEL D.P.R. 10.09.1990 N. 285 E DELLA LEGGE REGIONALE 4 MARZO 2010 N. 18 APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

Regolamento Comunale di

Regolamento Comunale di COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento Comunale di Polizia Cimiteriale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E SULLA DESTINAZIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E SULLA DESTINAZIONE DELLE CENERI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA CREMAZIONE E SULLA DESTINAZIONE DELLE CENERI CAPO I CREMAZIONE Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente regolamento disciplina, in particolare, la cremazione dei cadaveri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALLA CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 36 del

Dettagli

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA)

C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) C O M U N E D I F O R M I A (PROVINCIA DI LATINA) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISPERSIONE E CONSERVAZIONE DELLE CENERI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 01 del 13.02.2012 e successiva

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce C.A.P. 73042 Piazza S. Domenico n.1 REGOLAMENTO CIMITERIALE E DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce C.A.P. 73042 Piazza S. Domenico n.1 REGOLAMENTO CIMITERIALE E DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce C.A.P. 73042 Piazza S. Domenico n.1 REGOLAMENTO CIMITERIALE E DI POLIZIA MORTUARIA 1 T I T O L O - I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Oggetto 1) Il presente

Dettagli

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti.

Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Regolamento relativo all affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 - Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la cremazione, l'affidamento,

Dettagli

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA (Deliberazione C.C. n. 29/2008)

REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA (Deliberazione C.C. n. 29/2008) REGOLAMENTO POLIZIA MORTUARIA (Deliberazione C.C. n. 29/2008) Sommario TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Competenze Articolo 3 Responsabilita

Dettagli

REGOLAMENTO di POLIZIA MORTUARIA e ATTIVITÀ FUNEBRI e CIMITERIALI

REGOLAMENTO di POLIZIA MORTUARIA e ATTIVITÀ FUNEBRI e CIMITERIALI COMUNE di BRUNATE Provincia di Como REGOLAMENTO di POLIZIA MORTUARIA e ATTIVITÀ FUNEBRI e CIMITERIALI q q q q q Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 Entrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Adottato con Delibera Consiglio Comunale n. 43 del 07/10/2015-1 - PREMESSA Ai fini dell applicazione del presente Regolamento, oltre alle norme statali vigenti

Dettagli

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri.

INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Regolamento comunale sulla cremazione, affidamento e dispersione delle ceneri. APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.43 DEL 28.12.2009 TITOLO 1

Dettagli

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata;

attestata la regolarità amministrativa ai sensi della deliberazione di Giunta regionale sopra citata; Determinazione del Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna 6 ottobre 2004, n. 13871 DISCIPLINA DELLE MODALITÀ TECNICHE DELLE PROCEDURE PER IL TRASPORTO DELLE SALME, DEI CADAVERI

Dettagli

Comune di Albuzzano Provincia di Pavia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

Comune di Albuzzano Provincia di Pavia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Comune di Albuzzano Provincia di Pavia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E COMPETENZE 6 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI E COMPETENZE 6 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI VIGANÒ (PROVINCIA DI LECCO)

COMUNE DI VIGANÒ (PROVINCIA DI LECCO) COMUNE DI VIGANÒ (PROVINCIA DI LECCO) REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 29/03/2010

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI GALLIATE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. Approvato con deliberazione C.C. n. 47 del 27/11/2008

Dettagli

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO Allegato A) alla delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 24/04/2013. COMUNE DI MANSUE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CREMAZIONE E DI DESTINAZIONE DELLE CENERI. ART. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI GROMO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI GROMO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI GROMO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 in data 29 Settembre 2014

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 21/12/2004 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto pag. 6 Art. 2 Competenze pag.

Dettagli

di polizia mortuaria.

di polizia mortuaria. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO di polizia mortuaria. approvato con delibera del Consiglio Comunale n.9 del 31 Gennaio

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 27/11/2002 N 42 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli