GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI"

Transcript

1 COMUNE di TERMOLI (Prov. Campobasso) Settore IV- Lavori Pubblici Via Sannitica, n Tel.: / fax: Bandiera Blu d Europa 2011 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI TERMOLI, DICEMBRE 2011

2 ART.1 - OGGETTO E DURATA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l'affidamento del servizio di gestione del cimitero comunale di Termoli per la durata di mesi 18 (diciotto) dalla data di consegna del servizio, stabilita con apposito verbale. In caso di corretto svolgimento del servizio, alla scadenza del contratto l'appalto può essere rinnovato, agli stessi patti e condizioni, se ed in quanto sussistano presupposti di fatto e di diritto e ragioni di convenienza e pubblico interesse, nonché la possibilità e legittimità del rinnovo, previa adozione di apposito provvedimento formale. L'Amministrazione Comunale si riserva la facoltà, alla scadenza del contratto, di prorogare l'appalto per il tempo necessario nelle more dell'espletamento delle procedure per l'individuazione del nuovo contraente L appalto, finalizzato alla gestione delle attività istituzionali del cimitero nonché al mantenimento del relativo patrimonio immobiliare e tecnologico, ha per oggetto l appalto dei servizi cimiteriali di seguito elencati e meglio specificati nei successivi articoli: A) Attività di apertura, custodia, chiusura del cimitero comunale; B) Ricevimento salme C) Operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione comunale; D) Operazioni cimiteriali a carico dei familiari; E) Tenuta dei registri cimiteriali; D) Raccolta, trasporto e stoccaggio dei materiali di risulta dalle operazioni cimiteriali; E) Lavori di pulizia delle aree esterne ed interne del cimitero; F) Manutenzione del verde e dei viali; G) Attività di manutenzione ordinaria degli edifici e degli impianti; H) Servizio di reperibilità; I) Installazione e manutenzione delle lampade votive; E inoltre da prevedersi l eventuale necessità di realizzare interventi di manutenzione straordinaria su specifica richiesta dell Amministrazione comunale, degli edifici e degli impianti. Tutti i servizi gestiti dall Affidatario dovranno essere svolti sotto il controllo, la supervisione e il coordinamento della Direzione dell esecuzione del contratto, individuata dal Comune. Tenuto conto dell importanza dell oggetto dell appalto, l Affidatario dovrà sviluppare modalità organizzative e gestionali in grado di garantire in modo puntuale ed efficiente tutte le attività connesse all appalto stesso. ART.2 - CUSTODIA DEL CIMITERO L Affidatario dovrà garantire il servizio quotidiano di custodia, unitamente alla manutenzione ed al buon esercizio dei cancelli. L orario di apertura è il seguente: orario solare: tutti i giorni, compresi i festivi, dalle ore 8,00 alle ore 16,30; orario legale: tutti i giorni, compresi i festivi, dalle ore 8,00 alle ore 19,00. La ditta è tenuta ad ampliare gli orari di accesso al cimitero in coincidenza con le festività del defunti. In ogni caso gli orari di cui sopra potranno subire variazioni a discrezione dell Amministrazione. La Ditta appaltatrice dovrà assicurare la presenza minima di n.2 (due) unità operative presenti contemporaneamente a partire da ½ ora prima e ½ dopo gli orari di apertura al pubblico. Tali addetti dovranno svolgere compiti di custodia, sorveglianza ed informazioni e garantire un servizio di pronta reperibilità 24 ore su 24 mediante telefono cellulare per accettazione salme in camera mortuaria, a seguito di decesso su pubblica via o su disposizione dell autorità giudiziaria; La reperibilità deve essere garantita ogni giorno dell anno anche prefestivo o festivo (Natale, Capodanno, Pasqua, Ferragosto ecc.). L Affidatario provvederà all affissione del numero di cellulare degli addetti alla custodia all interno del Cimitero, nei luoghi di maggior visibilità per i visitatori che verranno individuati dalla Direzione dell esecuzione del contratto. L operazione di apertura e chiusura dei cancelli della struttura cimiteriale per l accesso al pubblico, tutti i giorni feriali e festivi secondo la tabella degli orari sopraindicata, dovrà avvenire assicurandosi che dopo la chiusura non rimanga nessun cittadino all interno della struttura. L Affidatario, nell ambito delle proprie competenze, vigilerà affinché, durante l apertura al pubblico del cimitero, sia da parte dei visitatori, sia da parte di personale eventualmente addetto ai lavori privati, venga mantenuto un contegno corretto e decoroso e non vengano arrecati danni né alle proprietà comunali né a quelle private, avvertendo tempestivamente le Forze dell Ordine, se necessario. Durante l orario di apertura il personale della ditta affidataria del servizio vigilerà sul regolare andamento di tutte le attività all'interno dell'area cimiteriale. Durante l orario di chiusura l Affidatario ha l obbligo di impedire l accesso a qualunque estraneo e di dare immediata comunicazione alla Direzione dell esecuzione del contratto designata dall Amministrazione di eventuali fatti, di qualsiasi tipo, che dovessero accadere all interno del cimitero. La mancata osservazione di questo obbligo sarà motivo di risoluzione del contratto. Resta inteso che tutto il personale necessario al rispetto degli oneri di cui al presente capitolato è a carico della ditta, pertanto qualora occorresse maggiore personale a qualsiasi titolo utilizzato, questo dovrà ritenersi computato nell offerta. I predetti operatori, che potranno anche essere contemporaneamente impegnati nell esecuzione delle attività di manutenzione verde o di pulizia, dovranno essere facilmente identificabili dall utenza e raccogliere da essa tutte le segnalazioni o le richieste presentate, provvedendo ad annotarle in un apposito registro, dandone informazione alla Direzione dell esecuzione del contratto. Per gli operatori anzidetti sono a disposizione specifici locali al fine della custodia dei documenti e per il ricevimento delle persone. Sarà cura e spesa della ditta aggiudicataria provvedere al riscaldamento nei periodi invernali di detti locali. 1

3 L Affidatario è tenuto a custodire il cimitero comunale e quanto in esso contenuto in perfetto stato ed è obbligato a tenere indenne l Amministrazione dai danni arrecati anche da terzi facendosi carico delle eventuali richieste di risarcimento e di riconduzione al pristino dello stato dei luoghi, dandone comunque comunicazione all Amministrazione. ART.3 OPERAZIONI CIMITERIALI Le attività cimiteriali oggetto dell appalto sono le seguenti: - Inumazioni a terra, con spese a carico dell Amministrazione Comunale: di arti e feti di provenienza ospedaliera; - Inumazioni a terra, con spese a carico dei familiari: di salma; di salma in conseguenza di mancata riduzione in resti su operazioni straordinarie; - Tumulazioni, con spese a carico dei familiari: di salma in loculo ad apertura frontale e/o laterale; di salma in tombe di famiglia ad apertura frontale, superiore e/o laterale; di salma in tombino interrato; di salma in edicole di famiglia con loculi ad apertura frontale e/o laterale; in loculo ad apertura frontale e/o laterale per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie; in tomba di famiglia ad apertura frontale, superiore e/o laterale per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie; in edicola di famiglia con loculo ad apertura frontale e/o laterale per immissione di cassette con resti mortali o urne cinerarie; in cellette ossari per resti mortali e/o ceneri; in ossario comune per resti mortali e/o ceneri; - Estumulazioni, con spese a carico dei familiari: ordinarie e straordinarie da loculo ad apertura frontale e/o laterale; ordinaria e straordinaria da tombe di famiglia ad apertura frontale, superiore e/o laterale; ordinaria e straordinaria da tombino interrato; ordinaria e straordinaria da edicole di famiglia a loculi ad apertura frontale e/o laterale; ordinaria e straordinaria da cellette ossari; - Esumazioni, con spese a carico dei familiari: ordinarie e straordinarie da campo comune di inumazione, incluso lo spostamento di lapide copritomba con accatastamento della stessa all interno dell area cimiteriale; Il dettaglio delle operazioni cimiteriali è di seguito riportato: 1. Tumulazioni: Le operazioni di tumulazione (deposito della salma o resti mortali nel loculo/tombino interrato/celletta ossario/ossario comune) consistono in: costruzione di eventuali impalcature o predisposizione di idonee attrezzature (montaferetri, calasalme) per l innalzamento/calo dei feretri e/o del personale; asportazione della lapide/monumento funerario (se presente); scavo eseguito a mano fino al raggiungimento della tomba inferiore nel caso di tombino interrato a 2 posti; apertura del loculo/tomba di famiglia/tombino interrato/celletta ossario/ossario comune, restando a carico dei privati l apertura delle cappelle gentilizie; trasporto del feretro/cassetta resti/urna cineraria dall'ingresso del cimitero al posto di tumulazione, compreso l'eventuale sosta nella chiesa o camera mortuaria per la funzione religiosa, con mezzo idoneo autorizzato e riservato esclusivamente per detto servizio; tumulazione del feretro/cassetta resti/urna cineraria nel loculo/tombino interrato/celletta ossario/ossario comune; chiusura del loculo/celletta ossario/ossario comune con materiali conformi all'art. 76 del D.P.R. 285/90 atti ad assicurare la dovuta resistenza meccanica e sigillati in modo da rendere la chiusura stessa a tenuta ermetica, nel rispetto delle prescrizioni del Regolamento di Polizia mortuaria vigente; chiusura del cassone in cls prefabbricato/gettato in opera in tombino interrato con coperchio prefabbricato in cls o tavelloni di laterizio forniti e posti in opera con caldana di calcestruzzo e rete elettrosaldata; stuccatura e/o intonacatura della parete di chiusura; rinterro dello scavo eseguito a mano con terreno a margine dello stesso nel caso di tombino interrato a 2 posti 2

4 apposizione e fissaggio della lapide (se esistente); riposizionamento del monumento funerario in marmo di chiusura nel caso di tombino interrato a 2 posti; rimozione di eventuali impalcature o attrezzature predisposte; pulizia dell'area circostante con raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta; successiva aggiunta di terreno fino al completo livellamento e spandimento eventuale di stabilizzato o ghiaia nell area circostante il posto di tumulazione in tombino interrato a seconda dei casi e/o necessità. 2. Inumazioni: Le operazioni di inumazione (deposito della salma/arti e feti di provenienza ospedaliera a terra) consistono in: escavazione di fossa, a mano o con mezzi meccanici delle dimensioni idonee, che abbiano le seguenti misure: - per i cadaveri di persone di oltre 10 anni di età, prof. ml.2,00 - lunga ml.2,20 - larga ml.0,80; - per i cadaveri di fanciulli di età sotto i dieci anni, prof. ml.2,00 - lunga. ml.1,50 - larga. ml.0,50; raccolta, trasporto e smaltimento di eventuali segni funebri in muratura, marmorei o lignei; raccolta di eventuali Resti Mortali rinvenuti in occasione dello scavo delle fosse; trasporto del feretro/arti e feti di provenienza ospedaliera, dall'ingresso del cimitero al posto di inumazione, compreso l'eventuale sosta nella chiesa o camera mortuaria per la funzione religiosa, con mezzo idoneo autorizzato e riservato esclusivamente per detto servizio; esecuzione (solo per le salme/resti provenienti da fuori Comune) di opportune aperture sulla parte zincata della bara per accelerare la mineralizzazione; calo del feretro/resti; chiusura e riempimento della fossa con terra di risulta dello scavo; trasporto del terreno eccedente a deposito dello stesso nell'ambito del cimitero in luogo indicato dalla Direzione dell esecuzione del contratto, o a rifiuto, in discarica autorizzata, secondo le necessità; sistemazione del segno di riconoscimento, cippo numerato, fornito dal Comune; pulizia dell'area circostante il posto di inumazione; successiva aggiunta di terreno fino al completo livellamento e spandimento eventuale di stabilizzato o ghiaia nell area circostante il posto di inumazione a seconda dei casi e/o necessità. 3. Esumazioni: Le operazioni di esumazione (estrazione Resti Mortali inumati) consistono in: rimozione della pietra tombale/lapide/monumento funerario; escavazione della fossa con mezzi meccanici di dimensioni idonee fino in prossimità della cassa, scavo a mano fino a giungere al livello del feretro; raccolta, trasporto e smaltimento di eventuali segni funebri in muratura, marmorei o lignei; pulizia del coperchio ed apertura dello stesso con raccolta resti mortali, che saranno deposti in apposita cassetta di zinco o altro a seconda della successiva collocazione (non fornita dalla Ditta) munita di targhetta metallica di identificazione del defunto; 3

5 trasporto della cassetta alla camera mortuaria del cimitero per eventuale saldatura se trasportata fuori dal Comune; trasferimento dei resti mortali in loculi o in cellette ossario seguendo le stesse operazioni per la tumulazione o in ossario comune, con tutti gli oneri previsti, ovvero destinati ad altri cimiteri; raccolta e trasporto dei materiali di risulta del feretro con idonei contenitori di plastica (forniti dalla Ditta) con caratteristiche stabilite dal competente servizio di Igiene pubblica; chiusura della fossa utilizzando a completamento terra recuperata da altre lavorazioni e depositata nell'ambito del cimitero; pulizia della zona circostante la fossa; successiva aggiunta di terreno fino al completo livellamento; 4. Estumulazione /ricognizione: Le operazioni di estumulazione a carico degli interessati (estrazione del feretro da loculo/tomba di famiglia/tombino interrato/ per essere traslato all interno dello stesso cimitero o in altro cimitero) consistono in: costruzione di eventuali impalcature o predisposizione di idonee attrezzature (montaferetri, calasalme) per l innalzamento/calo dei feretri e/o del personale; asportazione della lapide/monumento funerario (se presente); scavo eseguito a mano fino al raggiungimento della tomba inferiore nel caso di tombino interrato a 2 posti; apertura della tomba (loculo o tombino) con demolizione del muro e di eventuali solette o tramezzi; eventuale deposizione della bara in involucro di zinco, (non fornito dalla Ditta), munito di targhetta metallica di identificazione del defunto, nel caso in cui le condizioni del feretro stesso non rispondessero a quanto previsto dall'art.88 del DPR 285/90; trasporto del feretro alla camera mortuaria del cimitero con mezzo idoneo autorizzato dalla Direzione dell esecuzione del contratto; pulizia e disinfezione del loculo con idonei prodotti forniti a cura della ditta appaltatrice; chiusura del loculo/tombino; chiusura della fossa utilizzando a completamento terra recuperata da altre lavorazioni e depositata nell'ambito del cimitero nel caso di tombino interrato; apposizione e fissaggio della lapide/monumento funerario (se disponibile); rimozione di eventuali impalcature o attrezzature predisposte; pulizia della zona circostante con raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta. Le operazioni di estumulazione - condizionamento (estrazione del feretro da loculo/tomba di famiglia/tombino interrato/celletta ossario per essere traslato all interno dello stesso cimitero o in altro cimitero nei casi consentiti dal DPR 285/90) consistono in: costruzione di eventuali impalcature o predisposizione di idonee attrezzature per l innalzamento dei feretri e/o personale; asportazione della lapide/monumento funerario (se presente); scavo eseguito a mano fino al raggiungimento della tomba inferiore nel caso di tombino interrato a 2 posti; apertura del loculo/tomba di famiglia/tombino interrato/celletta ossario con demolizione del muro e di eventuali solette o tramezzi; 4

6 estrazione del feretro/cassetta resti/urna cineraria e trasporto nell'apposito locale interno al cimitero; apertura del feretro con la massima attenzione e raccolta dei resti mortali con le seguenti modalità: a) raccolta dei Resti Mortali, se mineralizzati, in apposita cassetta di zinco o altro a seconda della successiva collocazione (non fornita dalla Ditta) e trasporto della stessa fino all uscita del cimitero o altro luogo di sepoltura nell ambito del cimitero stesso; b) raccolta dei Resti Mortali, se mummificati, in nuova cassa di legno e zinco (non fornita dalla Ditta) e trasporto della stessa fino all uscita del cimitero o altro luogo di sepoltura nell ambito del cimitero stesso; c) raccolta dei Resti Mortali, se mummificati, e dopo aver praticato nella cassa metallica una opportuna apertura al fine di consentire la ripresa del processo di mineralizzazione, inumazione della salma eseguendo le stesse operazioni previste per le inumazioni, con tutti gli oneri previsti; trasporto dei materiali di risulta del feretro presso idoneo contenitore plastico (fornito dalla Ditta) con caratteristiche stabilite dal competente servizio di igiene pubblica; pulizia e disinfezione del loculo con idonei prodotti forniti a cura della ditta appaltatrice; chiusura del loculo svuotato con idonea lastra di chiusura; rimozione di eventuali impalcature o attrezzature predisposte; chiusura della fossa utilizzando a completamento terra recuperata da altre lavorazioni e depositata nell'ambito del cimitero nel caso di tombino interrato; pulizia della zona circostante con raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta. 5. Ricognizioni. Le operazioni di ricognizione (verifica interna di un loculo) a carico degli interessati consistono in: costruzione di eventuali impalcature o predisposizione di idonee attrezzature per l innalzamento dei feretri e/o personale; asportazione della lapide; abbattimento del muro fino a praticare un'apertura di cm. 30 x 30 o tale da poter verificare l esatta capienza e situazione interna; chiusura del foro praticato con muratura di mattoni ed intonaco nella parte esterna; apposizione e fissaggio della lapide; rimozione di eventuali impalcature o attrezzature predisposte; pulizia della zona circostante con raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta. 6. Traslazioni Le operazioni di traslazione comprendono: tutte le operazioni necessarie allo spostamento della salma da un loculo all altro, garantendo la pulizia necessaria delle aree interessate; le operazioni relative sono comprese all interno delle descrizioni delle operazioni di esumazione ed estumulazione, inumazione e tumulazione, di cui alle voci precedenti. Le suddette operazioni cimiteriali ordinarie e straordinarie dovranno essere espletate sulla base delle tariffe riportate nell ALLEGATO A (ELENCO PREZZI OPERAZIONI CIMITERIALI DI ISTITUTO E A RICHIESTA), decurtate del ribasso d asta formulato in sede di gara d appalto. E fatto obbligo all Affidatario di aggiornare il presente ALLEGATO A, riportando i prezzi al netto del ribasso percentuale offerto, in carattere grassetto, facilmente leggibili, e provvedere all affissione dello stesso, in maniera ben visibile ai visitatori del cimitero, nei luoghi che verranno individuati dalla Direzione dell esecuzione del contratto. Gli oneri relativi alle seguenti operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione comunale: - inumazioni a terra di arti e feti di provenienza ospedaliera; 5

7 - collocazione e/o rimozione lapidi da tombe a terra e/o loculi, per operazioni commissionate dall Amministrazione Comunale; sono già compresi nel canone annuo forfettario e per tali operazioni nessun onere aggiuntivo può essere preteso dall Affidatario a carico dell Amministrazione comunale. L Affidatario provvede all esecuzione in esclusiva delle operazioni cimiteriali riportate nel presente ALLEGATO A, ad eccezione delle operazioni di rimozione ed apposizione di lapide che potranno essere effettuate anche da altra Impresa individuata dal privato. I prezzi delle operazioni di inumazione ed esumazione a terra, tumulazione ed estumulazione da tombino interrato, sono già comprensivi del costo dello scavo del terreno. Identicamente i prezzi delle operazioni di tumulazione/inumazione ed estumulazione/esumazione sono già comprensivi del costo della asportazione ed apposizione di lapide/monumento funerario nel loculo/tumulo qualora esistenti. Le operazioni cimiteriali di esumazione ed estumulazione verranno eseguite nel rispetto delle norme sanitarie vigenti. Il piano di esumazione ed estumulazione ordinaria, qualora predisposto dall Ente, dovrà essere comunicato all Affidatario dal competente ufficio comunale con un preavviso di almeno venti giorni. I necrofori, e tutte le persone che coadiuvano nei lavori di esumazione ed estumulazione, dovranno indossare idonee protezioni sanitarie. La cassetta di zinco, per la raccolta dei resti mortali da tumulare, sarà fornita dalla ditta appaltatrice al prezzo di euro 35 (più IVA nei termini di legge); il pagamento relativo verrà effettuato all Affidatario direttamente dal privato richiedente. Ad esclusione dei resti mortali, tutto il materiale di risulta (terra, legname, stoffa ecc.) dovrà essere trattato nei modi previsti dalle leggi sanitarie vigenti, con spese a carico dell Affidatario. I resti mortali non reclamati dai parenti saranno conservati in camera mortuaria per un periodo non inferiore a sei mesi e i relativi oneri saranno a carico dell Affidatario. In caso che la salma, a seguito di esumazione e/o estumulazione, risulti indecomposta, l impresa appaltatrice provvederà a: inumare la salma in un campo indicato dalla Direzione dell esecuzione del contratto; deporre, se necessario, la salma in nuova cassa di legno di materiale biodegradabile; effettuare quei trattamenti atti a favorire la mineralizzazione secondo quanto disposto dalla autorità Sanitaria competente. Il servizio di ricevimento salme verrà organizzato, salvo diversi specifici accordi, con le seguenti modalità: - l impresa di pompe funebri incaricata prenderà direttamente accordi con l Affidatario per l organizzazione della cerimonia funebre; - l Affidatario dovrà comunicare al Comune a mezzo fax, con almeno 12 ore di anticipo, la data e l orario della cerimonia nonché gli estremi del deceduto; tale comunicazione, oltre a consentire l eventuale controllo da parte del Comune, costituirà documento di riferimento per la validazione contabile delle fatture. Nello svolgimento del servizio, l Affidatario dovrà ottemperare ai seguenti obblighi: - Ritiro e controllo dei documenti accompagnatori della salma (permesso di seppellimento autorizzazione al trasporto verbale di cremazione comunicazioni), verifica dell integrità del feretro e dei relativi sigilli; - Effettuare la registrazione delle salme, resti e ceneri in entrata/uscita, su apposito registro; - Coadiuvare il personale dell Impresa funebre, incaricato al trasporto, nello scaricare il feretro dall auto funebre, trasporto del feretro al luogo di tumulazione o inumazione, compreso l'eventuale sosta nella chiesa del cimitero e/o deposito nella camera mortuaria, con mezzo idoneo autorizzato e riservato esclusivamente per detto servizio; - Consegna dei documenti all Ufficio comunale competente alla ricezione degli stessi; - Controllare le operazioni di posa dei monumenti funebri, l allineamento delle tombe, la verifica delle necessarie autorizzazioni da parte delle imprese per la posa dei monumenti; - Fornire al Comune il Piano Sostitutivo di Sicurezza corredato dei nominativi delle figure previste dalla normativa in materia di sicurezza: ogni attività svolta dovrà rispettare il suddetto PSS nonché la normativa applicabile in materia di sicurezza e principalmente il D. Lgs 626/94; - Espletare tutti gli adempimenti amministrativi connessi alle operazioni cimiteriali, mantenendo aggiornati tutti i documenti ed i registri necessari; - Adottare in occasioni delle cerimonie funebri comportamenti idonei alla delicatezza delle circostanze in termini di professionalità e di decoro. A tal proposito si rammenta che: La squadra di operatori sarà composta da minimo due persone e comunque da quante ritenute idonee per il tipo di operazione da svolgere; In tutte le operazioni svolte presso i cimiteri comunali l Affidatario dovrà garantire un elevato livello di decoro formale dei propri operatori, nel senso che essi dovranno mantenere un atteggiamento rispettoso dei luoghi e delle circostanze, ed avere un aspetto confacente alla funzione svolta; in particolare, per quanto riguarda la divisa, l Affidatario dovrà, all inizio del presente contratto e comunque prima dell inizio delle attività, proporre al Comune le caratteristiche del vestiario invernale e di quello estivo che il proprio personale dovrà necessariamente indossare in occasione delle cerimonie funebri. Una volta concordato, potrà essere utilizzato esclusivamente tale vestiario: nell ambito della stessa cerimonia dovrà 6

8 essere inoltre garantita dalla squadra degli operatori, omogeneità di scelta tra la divisa estiva ed invernale. Il personale dovrà inoltre presentarsi durante il normale orario di servizio con il vestiario pulito e ben in ordine, di colore blu o altro colore che verrà concordato con l Amministrazione e distintivo di riconoscimento munito di fotografia autorizzato dal Comune che renda lo stesso ben identificabile dai visitatori. Nel caso di danneggiamenti arrecati dal proprio personale, l Affidatario si attiverà per l immediata riparazione del danno e/o segnalerà al Comune l accaduto. Il personale dovrà inoltre provvedere alla guardiania di attrezzature e macchinari utilizzati durante l esecuzione del servizio al fine di non determinare condizioni di pericolo per i visitatori; E fatto assoluto divieto al personale dell Affidatario di fumare, bere o mangiare durante le cerimonie funebri; E fatto obbligo allo stesso personale di osservare la massima riservatezza. L Affidatario dovrà inoltre, prima della stipula del contratto: - trasmettere la documentazione propedeutica all attività di cantiere che verrà richiesta dalla Direzione dell escuzione del contratto; - comunicare l elenco nominativo del personale alle sue dipendenze e produrre dimostrazione di regolare assunzione e rispetto delle normative retributive e contributive. L Affidatario mantiene la disciplina nel servizio e ha l obbligo di osservare e far osservare ai dipendenti le leggi, i regolamenti e le prescrizioni che l Amministrazione Comunale impartisce tramite la Direzione dell esecuzione del contratto, nonché un comportamento serio e decoroso, come si conviene alla natura e alle circostanze in cui si svolge il servizio. Il personale dell appaltatore deve essere dotato di telefono cellulare onde essere tempestivamente reperito dagli uffici comunali in caso di urgenza e necessità. Il personale, durante lo svolgimento dei servizi, deve tenere sempre un contegno corretto e serio, quale si addice al servizio di cui è addetto e non può accettare o chiedere compensi, sotto qualsiasi forma, ai dolenti, trattenere per se o per terzi oggetti rinvenuti nel corso dei lavori, effettuare qualsiasi forma di pubblicità, procacciare lavoro di interesse personale. Il personale dipende direttamente dall Appaltatore, dal momento in cui ha inizio fino al momento di fine servizio. Nel caso in cui l Amministrazione Comunale reputasse di escludere dal servizio taluno di detto personale, l Affidatario è tenuto a provvedere senza eccezioni e ritardi alla relativa sostituzione. Qualora il comportamento del personale preposto non risulti conforme al decoro ed alla dignità dei luoghi ed al rispetto dell utenza, il Comune provvederà alla risoluzione del contratto con preavviso di giorni 30. E fatto divieto di utilizzo da parte dell Affidatario di personale della stazione appaltante. L Affidatario è responsabile di fronte al Comune dell esecuzione dei lavori assunti che, per nessun motivo, possono subire interruzioni. La Ditta appaltatrice è sempre responsabile, sia di fronte all Amministrazione Comunale che a terzi, della esecuzione di tutti i servizi assunti, i quali per nessun motivo, salvo casi di forza maggiore debitamente constatati, potranno subire interruzioni. In questi casi, comunque, l Affidatario dovrà darne tempestiva comunicazione, in forma scritta, alla Direzione dell esecuzione del contratto che si riserva di poter intervenire d ufficio. L Affidatario ha inoltre l obbligo di avvertire subito gli uffici comunali competenti, ove abbia conoscenza di inconvenienti, ad essa non imputabili, che impedissero il regolare svolgimento del servizio. Malgrado la segnalazione fatta, l Affidatario deve, sempre nell ambito della normale esecuzione delle prestazioni che competono, adoperarsi, per quanto possibile, affinché il servizio abbia il suo regolare decorso. In caso di sciopero dovranno essere garantite comunque le operazioni di inumazione e di tumulazione. In caso di arbitrario abbandono o sospensione del servizio appaltato, l Amministrazione Comunale potrà sostituirsi alla Ditta appaltatrice per l esecuzione d ufficio, fatto salvo l eventuale risarcimento dei danni. In caso di fuoriuscita di liquidi dai loculi, conseguente alla rottura di bare per l esplosione da gas putrefatti o altro, la ditta appaltatrice dovrà provvedere, previa autorizzazione scritta da parte della Direzione dell esecuzione del contratto, avvisati i familiari della salma, alle seguenti operazioni: 1 estumulazione della salma; 2 verifica dello stato dei luoghi a cura del medico della ASL o della Direzione dell esecuzione del contratto; 3 eventuale sostituzione del rivestimento di zinco; 4 pulizia e lavaggio di tutte le superfici interessate e delle lapidi sottostanti; 5 ritumulazione; Il privato dovrà rimborsare le spese di estumulazione della salma, eventuale sostituzione del rivestimento di zinco, ritumulazione, mentre la ditta nulla potrà pretendere dall Amministrazione comunale anche nel caso in cui l intervento di cui sopra dovesse essere ripetuto per più di una volta considerato che, in alcuni casi, l individuazione del loculo che presenta problemi igienico-sanitari risulta essere non immediata. Gli oneri relativi alla collocazione e/o rimozione di lapidi e marmi da loculi e/o cappelle di famiglia a loculi, così come per la collocazione di lapidi e marmi per tombe a terra, per operazioni commissionate da privati sono a carico del privato stesso, che vi può provvedere o attraverso l opera dell Affidatario o tramite operatore esterno; in quest ultimo caso verrà effettuato il controllo di corretta posa in opera e dell esistenza delle necessarie autorizzazioni da parte dell Affidatario. Gli oneri relativi alla collocazione e/o rimozione lapidi da tombe a terra e/o loculi, per operazioni commissionate dall Amministrazione Comunale, sono compresi all interno del canone, ad eccezione dei casi in cui detti costi vanno accollati a privati. 7

9 ART.4 STOCCAGGIO RIFIUTI CIMITERIALI L Affidatario dovrà provvedere, a suo totale carico, al prelievo, alla triturazione, al trasporto ed allo stoccaggio di tutti i materiali di risulta delle esumazioni ed estumulazioni, classificati quali rifiuti cimiteriali, in appositi contenitori, forniti da altra Ditta che gestisce per conto del Comune il Servizio di Raccolta dei Rifiuti, i quali verranno posizionati in apposite aree all interno del cimitero. Sono a carico dell'affidatario tutti gli oneri, diretti ed indiretti, necessari per eseguire le operazioni di raccolta e stoccaggio dei rifiuti cimiteriali in conformità alle disposizioni di legge in materia, comprese le spese di fornitura degli appositi imballaggi di plastica a perdere flessibili destinati al contenimento dei rifiuti cimiteriali. ART.5 LAVORI DI PULIZIA Le operazioni di pulizia comprendono attività ordinarie e straordinarie. - Lavori di pulizia aree interne ed esterne al cimitero a carattere ordinario: Servizi igienici a disposizione del personale e del pubblico; Locali a disposizione del personale e relative pertinenze; Camere mortuarie e locali di accesso pubblico; Locali adibiti a ricovero automezzi ed attrezzature e a magazzino a disposizione del personale e relative pertinenze; Aree pavimentate entro le strutture cimiteriali; Aree libere entro e oltre le mura cimiteriali; Aree coperte entro le mura cimiteriali fuori terra e sottoterra; Reti di scarico entro e fuori le mura cimiteriali. I lavori ordinari devono essere svolti secondo la periodicità di seguito indicata e comunque secondo quanto necessario a garantire decoro ed igiene dei luoghi: Pulizia, lavaggio e disinfezione giornaliera, compresi i festivi, di tutti i servizi igienici esistenti nel cimitero principale e della camera mortuaria, lavaggio dei pavimenti, delle piastrelle, lavatura delle tazze, degli orinatoi e dei lavelli, spolveratura delle porte interne ed esterne, delle pareti e soffittature, utilizzando idonei disinfettanti; Spazzatura, spolveratura, lavaggio, svuotamento contenitori dei rifiuti, una volta per settimana e comunque ogni qualvolta necessario, dei locali a disposizione del personale e relative pertinenze, locali di accesso al pubblico, locali adibiti al ricovero automezzi ed attrezzature; pulizia manuale e/o meccanica di tutte le parti inghiaiate o pavimentate interne al cimitero, avendo cura di raschiare, ove necessario, asportando erbacce, graminacee e riassetto del tutto, tre volte a settimana e comunque in base alle necessità dettate dall'igiene e dal decoro dei luoghi; pulizia delle parti interne delle caditoie interrate e non, dei discendenti, canali di gronda, cunette di scolo dell acqua e di tutti i lavandini utilizzati dalla cittadinanza, una volta ogni 15 giorni e comunque in base alle necessità dettate dall'igiene e dal decoro dei luoghi; riassetto dei viali inghiaiati previa fornitura e posa in opera da parte della ditta di ghiaia e stabilizzato calcareo, due volte l anno, nei periodi marzo aprile e settembre - ottobre; controllo e sistemazione complessiva in occasione delle festività dei morti; svuotamento di tutti i contenitori, compreso eventuale scarrabile, atti alla raccolta dei rifiuti classificati urbani o assimilabili, posti all'interno del cimitero e/o nelle immediate vicinanze del perimetro cimiteriale, almeno due volte la settimana o all'occorrenza con cadenze più frequenti, pulizia dei punti di raccolta, raccolta dei vasi, recipienti di plastica, stracci, carta, cellophane, ceri lasciati in abbandono o nascosti fra il verde esistente e riversamento degli stessi negli appositi contenitori posti nei vialetti; pulizia dell area attorno agli stessi contenitori dopo la raccolta dei rifiuti, ogni qualvolta viene effettuata la svuotatura; raccolta delle corone di fiori appassiti e relativi fusti entro due giorni dall espletamento della sepoltura; pulizia delle scalinate, ballatoi e corridoi interni al cimitero avendo cura di togliere eventuali erbe infestanti o muschio una volta la settimana e comunque in base alle necessità dettate dall'igiene e dal decoro dei luoghi; pulizia accurata nei mesi di gennaio, aprile, ottobre di tutte le zone pavimentate, spolveratura delle pareti libere e delle soffittature, delle lapidi commemorative e del monumento ai caduti, delle steli e dei monumenti, spazzatura e lavatura dei pavimenti con idonei detergenti a mano o con mezzi meccanici; pulizia della camera mortuaria ogni qualvolta se ne ravvisa la necessità, e comunque prima e dopo l effettivo utilizzo della stessa, con igienizzazione generale, adeguata spazzatura e lavatura dei pavimenti e spolveratura delle pareti e dell arredo esistente; 8

10 consegna alla ditta incaricata della nettezza urbana, per il conferimento in discarica autorizzata di tutti i rifiuti classificati urbani o assimilabili, derivanti dalle operazioni enunciate nel capitolato d oneri, secondo le norme vigenti in materia; Disinfezione del cimitero ogniqualvolta se ne ravvisi la necessità o almeno ogni due mesi; Opportuna e tempestiva segnalazione all Ufficio Manutenzione Comunale di eventuali danni alle colture ed ai manufatti che la ditta appaltatrice dovesse riscontrare in sito; Lavori di pulizia aree interne ed esterne nei cimiteri a carattere straordinario da svolgersi secondo la periodicità necessaria a garantire il decoro e l igiene dei luoghi: Sgombero dei residui di eventuali intemperie in tutte le aree di passaggio, vialetti pedonali, accessi eseguito a mano o con idonei mezzi meccanici al fine di garantirne l agibilità in sicurezza; Spargimento di sale antigelo sui viali, sui percorsi pavimentati soggetti ad intemperie, sulle scale esterne, sulle rampe e ove necessario; Pulizia annuale generali ed accurate in corrispondenza della commemorazione dei defunti, secondo le modalità di cui ai punti precedenti estese a tutte le aree cimiteriali. Rientra nei compiti del l Affidatario, al termine delle operazioni di esumazione ed estumulazione, la predisposizione dello stoccaggio provvisorio dei rifiuti speciali destinati allo smaltimento, secondo le disposizioni di legge. Pertanto la ditta appaltatrice provvederà alla separazione della stoffa, dello zinco e del materiale ligneo: la stoffa ed il materiale ligneo, opportunamente disinfettati, deodorati e ridotti di misura, andranno collocati in appositi contenitori chiusi, del tipo usa e getta, destinati al recupero. Tutti i privati o le aziende che, a qualunque titolo e per qualunque motivo, effettuino lavori all interno dei cimiteri comunali, sono tenuti a mantenere pulite e sgombre da ogni genere di rifiuti le aree interessate dai lavori stessi. Qualora un privato o una ditta non provveda, l Affidatario è tenuto, in tal caso, ad effettuare tempestivamente la rimozione dei rifiuti abbandonati rivalendosi sul privato o sull azienda che ha effettuato abusivamente lo scarico. Gli obblighi si intendono estesi alle aree adiacenti ai cimiteri, compresi e compensati nel canone annuo forfettario. Qualora anche l Affidatario non provveda alla pulizia dei rifiuti ed alla rimozione delle macerie e agli altri obblighi contenuti nel presente capitolato, entro quattro giorni dal loro abbandono, l Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di intervenire direttamente rivalendosi successivamente per le spese sostenute con l Affidatario. Il Comune si impegna a revocare eventuali concessioni, incarichi od autorizzazioni a svolgere lavori presso i cimiteri, ad imprese o privati che persistano nello sporcare, abbandonare rifiuti e materiali di risulta senza provvedere alla pulizia, alla rimozione ed al ripristino dello stato originario dei luoghi. ART.6 MANUTENZIONE DEL VERDE E DEI VIALI Le operazioni per la manutenzione del verde e dei viali consistono in: manutenzione di tutti i tappeti erbosi esistenti all'interno del cimitero principale ed in adiacenza agli accessi, compresi i campi destinati alle inumazioni, comprendente la falciatura in tempi opportuni per mantenere i tappeti erbosi in uno stato decoroso confacente all'ambiente, compresa la raccolta dell'erba e la pulizia delle aree e dei viali; manutenzione delle aiuole, delle siepi e delle piante all'interno del cimitero ed in prossimità dei parcheggi, viali d accesso, delle mura perimetrali, manufatti e zone di pertinenza del cimitero, comprendente la tosatura delle siepi a regola d'arte, estirpazione delle erbe infestanti, zappatura del terreno circostante, e la potatura di tutte le piante soggette alla stessa per mantenere un assetto vegetativo uniforme e decoroso, due volte l anno nei periodi marzo-aprile e settembre-ottobre; innaffiamento delle siepi, cespugli e piante secondo la necessità, in modo da garantire il buono stato vegetativo delle essenze; manutenzione dei viali di accesso al cimitero, comprendente il taglio dell erba ed arbusti lungo le scarpate e nelle zone limitrofe ai muri perimetrali del cimitero, eventuale potatura degli alberi, inghiaiatura delle banchine, sistemazione delle cordolature e dei quadrotti eventualmente dissestata ed ogni altro onere al fine del perfetto decoro delle zone una volta al mese; raccolta, pulizia dei residui organici derivanti da tosature, sfalci e potature e conferimento alla ditta incaricata della nettezza urbana, secondo le norme vigenti in materia; 9

11 Pulizia accurata di tombe, arredi, pavimentazioni, e quant altro al termine di ogni operazione sopra descritta. I lavori di manutenzione del verde comprendono: lavori di manutenzione ordinaria delle aree interne al perimetro cimiteriale a carattere periodico con periodicità tale da mantenere il decoro e l igiene dei luoghi: - Tappeti erbosi; - Cespugli e siepi a forma obbligata e/o libera; - Alberi a forma obbligata e libera; lavori di manutenzione straordinaria delle aree interne al perimetro cimiteriale, da concordare con l Amministrazione: - Scuotimento di alberature, siepi e cespugli per eliminazione degli eventuali residui prodotti da intemperie; - Formazione di prato costituita da: fresatura o vangatura; rastrellatura; seminagione di miscuglio per campo sportivo e reinterro del seme; rullatura; fornitura e posa in opera di concimi idonei accettati dall Amministrazione su proposta dell Affidatario; lavori di diserbatura interna: tutte le operazioni di diserbo dei vialetti o delle parti pavimentate, eseguite tramite diserbo chimico, devono essere effettuate nel rispetto delle norme vigenti. Gli interventi di sgombero neve e di spargimento di sale antigelo devono essere tempestivi e continuativi nel caso del perdurare dei fenomeni atmosferici avversi. ART.7 ATTIVITA AMMINISTRATIVE CONNESSE Tenuta corrente delle mappe cimiteriali anche con gestione informatizzata da effettuare con mezzi e strumenti della ditta sulla base dei dati forniti dal comune; Tenuta registro delle sepolture in doppio esemplare: osservate le disposizioni di legge in materia, la Ditta aggiudicataria potrà, per esigenze meccanografiche ed organizzative, avvalersi per l elaborazione degli atti relativi di strumentazioni elettroniche e stampati a modulo continuo; Istruzione degli atti di voltura nei casi di richieste d aggiornamento, per conto del competente Ufficio del Comune; Ogni altro adempimento che compete alla ditta aggiudicataria secondo il vigente "Regolamento Comunale per il Servizio Cimiteriale" con esclusione di quelli riservati al personale comunale. Per tutti gli aspetti amministrativi inerenti le pratiche mortuarie l Affidatario dovrà cooperare con l ufficio comunale addetto, con onere di verificare che tutte le procedure amministrative siano state correttamente eseguite e completate, prima di dar corso al servizio stesso. PER QUANTO NON PREVISTO NEL PRESENTE CAPITOLATO SI APPLICA IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA VIGENTE ART.8 - ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI L Affidatario dovrà assicurare la manutenzione ordinaria dei fabbricati e degli impianti cimiteriali. Per manutenzione ordinaria si intendono le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione del materiale di consumo e delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. Sono comprese, in via esemplificativa e non esaustiva, la manutenzione ordinaria dei seguenti manufatti di proprietà comunale: - Recinzioni in ferro, maniglie, serrature, cancelli, porte, chiusure varie; - Impianti di adduzione ed erogazione acqua, rubinetteria; - Impianti idraulici e sanitari; - Impianti di scarico acque reflue; - Impianti elettrici e di illuminazione; - Manufatti edili; - Coperture delle parti comuni sia in laterizio, sia in guaina bituminosa e/o altro materiale. - Lavori di tinteggiatura; - Sostituzione di lampade votive; Detta manutenzione ordinaria serve a garantire il mantenimento nel tempo del funzionamento e degli standard prestazionali di tutti gli impianti e delle strutture del cimitero mediante l attuazione di tutti gli interventi necessari (idraulico, muratore, elettricista, fabbro, ). Tali interventi si possono suddividere in tre tipologie: - gli interventi periodici preventivi necessari a mantenere l efficienza degli impianti ed il decoro delle strutture; - gli interventi specifici di ripristino delle lampade votive; - gli interventi a guasto necessari per ripristinare la funzionalità e/o la sicurezza di impianti e strutture. 10

12 Per quanto riguarda gli interventi periodici l Affidatario dovrà presentare entro il 30 settembre di ogni anno il Piano Annuale di Manutenzione, nel quale andranno proposti tutti gli interventi necessari ad assicurare le prestazioni degli impianti, il rispetto della normativa ed a scongiurare possibili inconvenienti. Tale piano, in caso di accettazione da parte dell Amministrazione, dovrà essere realizzato entro il tempo utile proposto in sede di stesura del Piano. Per quanto riguarda gli interventi specifici di ripristino delle lampade votive, l Affidatario, a propria cura e spese, dovrà intervenire quando riceve la domanda di installazione e/o si verifica il guasto e comunque entro 48 ore dalla richiesta di intervento. L intervento di ripristino delle lampade votive comprende la manutenzione ordinaria di tutta la componentistica elettrica presente dalla scatola di derivazione della portante principale al loculo, la sostituzione di tutte le parti deteriorate o non più in efficienza, la sostituzione delle lampade deteriorate o bruciate con nuove lampade, fornite dal Comune, etc. Oltre agli interventi specifici su segnalazione dei privati o dell Amministrazione l Affidatario deve provvedere a monitorare gli impianti con frequenza non superiore a 30 gg. Per quanto riguarda la gestione degli interventi a guasto, l Affidatario dovrà innanzi tutto entro 10 giorni dall aggiudicazione dell appalto comunicare all Amministrazione il nome del Responsabile designato dalla ditta che dovrà garantire la reperibilità entro 1 ora dalla chiamata mediante telefono cellulare attivo tutti i giorni feriali dalle ore 8:00 alle ore 18:00 ed il sabato dalle ore 8:00 alle ore 12:00, per le segnalazioni dell Amministrazione Comunale o della cittadinanza. l Affidatario provvederà all affissione del numero di cellulare del personale reperibile per interventi a guasto all interno del Cimitero, nei luoghi di maggior visibilità per i visitatori che verranno individuati dalla Direzione dell esecuzione del contratto. In caso di segnalazioni effettuate dalla cittadinanza all Affidatario (che provvederà ad avvertire immediatamente il Responsabile) o dall Amministrazione Comunale direttamente al Responsabile, riguardanti guasti di impianto cimiteriale o di ogni altro avvenimento che possa limitare la fruibilità del cimitero comunale, pregiudicare il loro decoro o creare situazioni di potenziale pericolo per l utenza, tale Responsabile dovrà intervenire entro 2 ore dalla segnalazione e: - eliminare il problema verificatosi mediante un adeguato intervento manutentivo; - nei casi più complessi, se a seguito del sopralluogo non dovesse avere individuata la soluzione, contattare l Ufficio Tecnico comunale per decidere di concerto con esso le modalità di intervento. ART.9 - ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI Nel caso in cui l Amministrazione dovesse farne richiesta, l Affidatario dovrà fornire la propria disponibilità ad attuare gli interventi di manutenzione straordinaria riguardanti fabbricati ed impianti cimiteriali entro il limite del 20% dell importo spettante alla ditta per l espletamento dell oggetto del presente appalto. L Affidatario, entro 30 giorni dalla richiesta dell Amministrazione, curerà la fase esecutiva dell intervento dietro la corresponsione di un compenso extra canone, stabilito applicando alle quantità di progetto i prezzi unitari indicati nell ALLEGATO B (ELENCO PREZZI LAVORI DI MANUTENZIONE A RICHIESTA), al netto del ribasso d asta formulato dall Affidatario in sede di offerta. Le quantità delle lavorazioni descritte nell ALLEGATO B, verranno eseguite dall Affidatario nel rispetto di quanto richiesto ed autorizzato dallo stesso Ente Appaltante. Le relative quantità verranno di volta in volta individuate nel corso dell appalto ed ordinate dalla Direzione dell esecuzione del contratto. Per i prezzi ivi non contemplati, si procederà alla determinazione dei nuovi prezzi, desumendoli dal Prezziario 2010 Opere Edili della Regione Molise, applicando il ribasso percentuale realizzato in sede di gara; Qualsiasi intervento di manutenzione straordinaria non può essere eseguito senza l assenso dell Amministrazione Comunale e la stessa si riserva la facoltà di far eseguire interventi di manutenzione straordinaria a qualsiasi ditta specializzata ed all uopo incaricata senza che l Affidatario abbia nulla da pretendere. In caso di non rispetto dei termini, l Amministrazione potrà richiedere la rescissione del contratto. L importo dei lavori di manutenzione straordinaria non è definito in sede di offerta in quanto legato alla programmazione dell Amministrazione Comunale. ART.10 - ATTREZZATURE E MATERIALI RICHIESTI. Tutte le attrezzature ed i materiali necessari per lo svolgimento del servizio dovranno essere in perfetta efficienza, omologate ed a norma con le vigenti disposizioni in materia di sicurezza e sono ad esclusivo carico della ditta per tutta la durata del contratto, compresa l installazione di contenitori in plastica idonei alla raccolta dei rifiuti e residui vegetali. Tutte le attrezzature acquistate dalla ditta rimarranno di proprietà della stessa. Tutte le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria in modo di avere i mezzi e le attrezzature sempre in perfetta efficienza, nonché la tassa di circolazione, assicurazione, carburanti e lubrificanti dei mezzi impiegati saranno a carico della ditta. La dotazione di mezzi dovrà essere eventualmente sostituita o integrata in proporzione alle eventuali aumentate necessità o mutate esigenze, a spese dell Affidatario e senza diritto alcuno di maggiori compensi o indennità di sorta. La ditta appaltatrice dovrà provvedere, al momento dell'inizio del servizio e per tutta la durata dello stesso, a dotarsi in particolare, a propria cura e spese, della seguente attrezzatura ed equipaggiamento tecnico indispensabili per l'espletamento del servizio: miniescavatore per lo scavo di fosse per inumazione; carrello su ruote per lo spostamento delle bare all'interno del cimitero; tagliaerba e decespugliatore professionali; motosega; trabbattelli e ponteggi vari per opere in altezza; 11

13 L amministrazione potrà, in qualsiasi momento procedere, a mezzo di proprio delegato, alla verifica del buono stato e della conformità tecnica amministrativa di tutti i mezzi e i materiali di cui trattasi e dalla loro rispondenza alle esigenze del servizio. Ove si riscontrassero deficienze, verrà prescritto un termine dentro il quale l appaltatore dovrà provvedere ad eliminarle con nuovi acquisti o riparazioni e nel caso non venisse ottemperato, il Comune avrà il diritto di provvedervi direttamente a spese dell Affidatario, con trattenuta dell importo corrispondente al costo sostenuto sull ammontare della prima successiva rata del canone o, in alternativa, avvalendosi anche della cauzione depositata. L Amministrazione comunale mette a disposizione della ditta appaltatrice i locali di proprietà presenti all interno del Cimitero. I materiali e le forniture da impiegare nei servizi da eseguire dovranno essere delle migliori qualità esistenti in commercio, possedere caratteristiche stabilite dalle leggi e regolamenti vigenti in materia e dovranno essere accettati dal Responsabile del Servizio. La ditta non potrà depositare all'interno del cimitero attrezzature e materiali oltre quelli strettamente necessari per svolgere il servizio e non potrà esercitare prestazioni che non siano connesse con il servizio stesso che non siano preventivamente autorizzate dal Comune. I materiali e le attrezzature dovranno essere depositati e tenuti nei punti stabiliti dalla Direzione dell esecuzione del contratto, lo stesso dicasi per le prestazioni connesse con il servizio stesso. ART.11 - ONERI A CARICO DELL AFFIDATARIO Tutte le operazioni di cui al presente Capitolato dovranno essere eseguite con idonee attrezzature fornite dall Affidatario e nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro nonché dei regolamenti comunali. Sono a carico dell Affidatario tutti gli oneri relativi alla suddetta attrezzatura nonché alla fornitura di tutti i generi di consumo, quali detersivi, disinfettanti, saponi, carta igienica, asciugamani, strofinacci, segatura, spugne, sale, antigelo e quant altro necessario al perfetto mantenimento in efficienza e decoro di tutti gli spazi cimiteriali. E fatto obbligo all Affidatario di adottare, nella esecuzione dei lavori oggetto del presente appalto, tutti i provvedimenti e le cautele necessarie per garantire l incolumità degli addetti e dei terzi, avendo altresì cura di evitare danni ai beni pubblici e privati. Ogni più ampia responsabilità nel caso di infortuni e danneggiamenti ricadrà pertanto sull Affidatario, restando la stazione appaltante esonerata da ogni responsabilità e onere. Oltre agli oneri di cui sopra l Affidatario assume a proprio carico anche: - l obbligo di predisporre le segnalazioni diurne e notturne mediante appositi cartelli, fanali e transennamenti nel caso di interventi su esterni, nonché gli oneri per l eventuale custodia del cantiere; - gli oneri derivanti dall approvvigionamento e custodia di materiali e attrezzature necessarie alla realizzazione dei lavori nonché quelle derivanti da eventuali forniture elettriche o idriche per il funzionamento del cantiere; - il risarcimento di eventuali danni che, in dipendenza delle modalità di esecuzione dei lavori, fossero arrecati a proprietà pubbliche o private nonché a persone fisiche; - gli oneri per la certificazione dei materiali posati e delle lavorazioni eseguite ai sensi delle vigenti norme della materia, nonché quanto necessario per rendere i lavori fruibili in sicurezza; - tutte le spese e gli oneri relativi al personale necessario all espletamento del servizio compresi gli oneri derivanti dalle reperibilità nei giorni festivi e prefestivi; - tutte le spese e gli oneri relativi a fornitura dei materiali, dotazioni di mezzi necessari a svolgere i servizi oggetto del contratto di appalto e relativa manutenzione degli stessi; - tutte le spese contrattuali e gli oneri dipendenti dall esecuzione del contratto, anche se di natura accessoria all oggetto principale del contratto; - tutte le spese e gli oneri relativi alla predisposizione delle misure di cui alla Legge n. 626/1994 nonchè, ove ne sussistono i presupposti, alle misure di cui alla Legge n. 494/1996; - nel caso in cui durante lo svolgimento delle proprie attività l Affidatario alteri o danneggi un impianto tecnologico, l eventuale riparazione sarà a carico dell Affidatario, così come le spese di collaudo e di predisposizione della dichiarazione di conformità dell impianto a regola d arte (art. 9 L. 46/90 D.M ). ART.12 - CONTROLLO DELLE OPERAZIONI Le operazioni di Polizia Mortuaria di cui al presente appalto saranno effettuate sotto il controllo della Direzione dell esecuzione del contratto o di chi ne fa le veci, la quale disporrà affinché vengano rispettate tutte le norme del caso previste dal DPR 285 del "Regolamento di Polizia Mortuaria", e quelle disposizioni particolari del Sanitario della locale A.S.L. ART.13 DURATA DELL APPALTO: mesi 18 (diciotto) dalla data di consegna del servizio, stabilita con apposito verbale. Non è richiesto alcun preavviso o disdetta per la scadenza del contratto. In caso di corretto svolgimento del servizio, lo stesso qualora ricadono le condizioni può essere prorogato ed eventualmente alla scadenza del contratto rinnovato, previa rinegoziazione dell offerta, se ed in quanto sussistano presupposti di fatto e di diritto e ragioni di convenienza e pubblico interesse, previa adozione di apposito provvedimento formale. L'Amministrazione Comunale si riserva di prorogare l'appalto per il tempo necessario nelle more dell'espletamento delle procedure di gara per l'individuazione del nuovo contraente. ART.14 - AMMONTARE DELL APPALTO Per la fornitura delle attività di pertinenza dell Amministrazione Comunale, descritte sinteticamente all art.1 e precisamente: 12

14 - Attività di apertura, custodia, chiusura del cimitero comunale; - Ricevimento salme; - Operazioni cimiteriali a carico dell Amministrazione comunale; - Tenuta dei registri cimiteriali; - Raccolta, trasporto e smaltimento dei materiali di risulta dalle operazioni cimiteriali; - Lavori di pulizia delle aree esterne ed interne dei cimiteri; - Manutenzione del verde e dei viali; - Attività di manutenzione ordinaria degli edifici e degli impianti; - Servizio di reperibilità; - Installazione e manutenzione delle lampade votive; e così come descritte nel loro insieme negli artt. 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 il Comune di Termoli riconoscerà all Affidatario, per il periodo di mesi 18 (diciotto) un canone forfettario onnicomprensivo (IVA esclusa) pari ad ,00 (euro centoottantamila/00), di cui ,00 per i servizi ed 6.000,00 per oneri per la sicurezza, al netto del ribasso percentuale offerto. Per la fornitura delle attività a carico dei familiari, descritte sinteticamente all art.1 e precisamente: - Operazioni cimiteriali a carico dei familiari; e così come descritte nell insieme nell art. 3, il familiare riconoscerà all Affidatario, che provvede all esecuzione in esclusiva delle suddette operazioni (ad eccezione delle operazioni di rimozione ed apposizione di lapide che potranno essere effettuate anche da altra Impresa individuata dal privato), gli importi indicati nell ALLEGATO A (ELENCO PREZZI OPERAZIONI CIMITERIALI DI ISTITUTO E A RICHIESTA), (IVA esclusa), al netto del ribasso percentuale offerto. L ELENCO PREZZI OPERAZIONI CIMITERIALI DI ISTITUTO E A RICHIESTA dovrà essere aggiornato dall Affidatario con i prezzi al netto del ribasso d asta, riportati in carattere grassetto, facilmente leggibili, ed affisso in maniera ben visibile ai visitatori nei luoghi che verranno individuati dal Direzione dell esecuzione del contratto. Il pagamento dei corrispettivi di competenza dell Amministrazione Comunale, avverrà in rate mensili posticipate, previa presentazione di regolare fattura, da liquidarsi entro 30 gg. dalla data di ricezione presso l Amministrazione Comunale (data di protocollo), dopo che la Direzione dell esecuzione del contratto avrà effettuato i controlli di cui al presente Capitolato. I pagamenti restano in ogni caso subordinati alla presentazione di un resoconto bimestrale delle manutenzioni e dei servizi svolti che dovrà essere trasmesso alla Direzione dell esecuzione del contratto. Il pagamento dei corrispettivi di competenza dei familiari, avverrà nei termini e modi che l Affidatario concorderà con gli stessi e comunque non oltre 30 gg. dalla ricezione a domicilio della fattura. Oltre a tale scadenza l Affidatario può applicare gli interessi dovuti ed agire nella riscossione dei crediti, nei modi e forme permessi dalla normativa vigente. L Amministrazione Comunale resta indenne da mancate riscossioni di crediti. Il costo della singola operazione cimiteriale verrà comunicata ai familiari dall ufficio comunale competente, al momento del rilascio dell autorizzazione alla sepoltura. L Affidatario resta comunque obbligato a presentare alla Direzione dell esecuzione del contratto un elaborato riepilogativo progressivo quadrimestrale delle operazioni cimiteriali a carico dei privati effettuate con i relativi prezzi unitari di contratto applicati. Gli importi indicati rimangono fissi e invariati per tutta la durata dell appalto. La Ditta appaltatrice effettuerà gratuitamente le operazioni di inumazione ed esumazione da campo comune per i cittadini: indigenti; appartenenti a famiglia bisognosa; Tali particolari situazioni dovranno essere, in ogni caso, singolarmente accertate dall Ufficio comunale competente. Inoltre, procederà, sempre in forma gratuita, all operazione di estumulazione ed esumazione ordinaria di n.400 salme dovuta a scadenza delle concessioni. Rimangono escluse dal canone: - le attività di cui all art. 9, relative ad interventi di manutenzione straordinaria a richiesta da parte dell Amministrazione, per i quali si farà riferimento ai prezzi riportati nell ALLEGATO B (ELENCO PREZZI LAVORI DI MANUTENZIONE A RICHIESTA), al netto del ribasso percentuale offerto; - le prestazioni aggiuntive non previste nel bando di gara e nei documenti allegati, richieste dal Comune di Termoli ed accettate dall Affidatario. Ove i prezzi unitari di tali lavori non fossero riportati tra quelli indicati nell ALLEGATO B (ELENCO PREZZI LAVORI DI MANUTENZIONE A RICHIESTA), si procederà alla determinazione dei nuovi prezzi, desumendoli dal Prezziario 2010 Opere Edili della Regione Molise, applicando il ribasso percentuale offerto in sede di gara; Al solo fine di comprendere l entità delle operazioni cimiteriali, si evidenzia che, a titolo puramente indicativo, l andamento medio delle sepolture è di circa 220 unità annue. Le imprese sono altresì tenute a verificare lo stato dei luoghi per formulare l offerta anche in considerazione della tipologia di manutenzione necessaria. ART. 15 DIVIETO DI ESECUZIONE IN PROPRIO DI MANUFATTI PER SEPOLTURE È fatto esplicito divieto all Affidatario di eseguire o far eseguire da terzi manufatti (loculi, tombe, sarcofagi, cellette ossario e simili, con la sola esclusione della costruzione di tombini interrati) atti all uso di sepoltura, salvo richieste autorizzate dal Comune. L inosservanza di tale disposizione è motivo di risoluzione di contratto. ART MANUTENZIONE E SERVIZIO DI PULIZIA E DECORO DI MANUFATTI PRIVATI 13

15 Fermo restando il divieto di esecuzione in proprio, non autorizzata dal Comune, di manufatti privati per sepolture, qualora un privato cittadino richieda all Affidatario l esecuzione di opere particolari di manutenzione ordinaria e/o straordinaria non comprese tra quelle regolate dal presente capitolato, il corrispettivo verrà definito tra la ditta appaltatrice ed il privato richiedente e da quest ultimo direttamente pagato. I lavori particolari dovranno essere comunque eseguiti a perfetta regola d arte e controlli specifici potranno essere effettuati dall Ufficio Tecnico Comunale. Prima dell inizio dei lavori la ditta appaltatrice dovrà verificare il possesso, da parte del richiedente, di tutte le autorizzazioni previste dalle normative vigenti. Su espressa richiesta dei privati, e concordato con esse il corrispettivo, l Affidatario provvederà alla pulizia ed al mantenimento del decoro dei manufatti non di proprietà comunale. Tale servizio potrà consistere nella fornitura, nell innaffiamento e nella sostituzione periodica dei fiori, della pulizia e lucidatura periodica dei marmi e dei bronzi decorativi, nell accensione lumini di cera, etc. Relativamente a tali servizi l Affidatario non avrà diritto di esclusiva. Si sottolinea che l esecuzione degli interventi suddetti, qualora venga eseguito dall Affidatario, non dovrà in alcun modo penalizzare i servizi dovuti per l appalto. Pertanto gli stessi, se richiesti e se eseguiti, dovranno essere effettuati da altro personale, rispetto a quello impiagato per l appalto, o comunque fuori dall orario previsto dall appalto per le operazioni obbligatorie. ART.17 - MODALITA DI GESTIONE Tutte le operazioni previste nel presente Capitolato, di norma, dovranno essere effettuate dal Lunedì al Sabato al mattino dalle ore 8,00 alle ore 13,30, salvo i casi sotto specificati e quelli ritenuti urgenti ed indilazionabili, i quali dovranno essere eseguiti dalla Ditta appaltatrice anche di pomeriggio e/o giorni festivi dietro richiesta, anche verbale e con un anticipo di almeno 12 ore prima, della Direzione dell esecuzione del contratto o chi per lui: tumulazioni delle salme che provengono da fuori Comune e che giungono un ora prima della chiusura dei cancelli; inumazioni di salme decedute da oltre 48 ore dall arrivo al cimitero e che pervengono un ora prima della chiusura; operazioni di pulizia in caso di particolari eventi atmosferici (vento forte, violenti nubifragi, ecc.) o eccezionale affluenza del pubblico, per mantenere il perfetto decoro dei luoghi; pulizia dei viali, ballatoi e scalinate in caso di necessità. ART.18 FORME DI CONTROLLO E COMUNICAZIONI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Al termine di ogni bimestre l Affidatario dovrà predisporre una relazione dettagliata con la descrizione ed il risultato degli interventi di manutenzione ordinaria eseguiti nel periodo di riferimento; tale relazione, attestante la buona ed efficiente esecuzione del servizio reso, dovrà essere trasmessa alla Direzione dell esecuzione del contratto, per la successiva liquidazione delle relative fatture come indicato al precedente art. 13. Inoltre, come indicato nel suindicato art.13, al termine di ogni quadrimestre l Affidatario deve predisporre e trasmettere alla Direzione dell esecuzione del contratto un elaborato riepilogativo riportante il numero e la tipologia di tutte le operazioni cimiteriali effettuate con spese a carico dei familiari del defunto, con i relativi prezzi di contratto applicati. Per quanto attiene le operazioni cimiteriali straordinarie effettuate su richiesta dell Amministrazione, l Affidatario è tenuto a rendicontare, al termine di ogni bimestre, gli interventi eseguiti i cui importi saranno calcolati secondo l ALLEGATO B (ELENCO PREZZI LAVORI MANUTENZIONE A RICHIESTA), al netto del ribasso d asta contrattuale. Ove i prezzi unitari di tali lavori non fossero riportati tra quelli indicati nell ALLEGATO B (ELENCO PREZZI LAVORI DI MANUTENZIONE A RICHIESTA), si procederà alla determinazione dei nuovi prezzi, desumendoli dal Prezziario 2010 Opere Edili della Regione Molise, applicando il ribasso percentuale realizzato in sede di gara; L Impresa si obbliga inoltre a fornire al Comune, su semplice richiesta, qualsiasi documentazione contabile tenuta dall Impresa ai sensi della vigente normativa civile e fiscale inerente l appalto. Il Comune provvederà a designare il Direttore dell esecuzione del contratto addetto al controllo di tutte le attività oggetto del presente capitolato ed alla direzione dei lavori eventualmente richiesti all Affidatario. I lavori affidati a ditte terze saranno controllati, oltre che dagli addetti del Comune, anche dalla ditta affidataria. ART.19 - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE La popolazione potrà segnalare all Affidatario qualsiasi inconveniente o richiedere qualsiasi informazione utilizzando il numero di telefono cellulare indicato dalla ditta, esposto all interno del Cimitero in modo visibile nei luoghi che verranno individuati dalla Direzione dell esecuzione del contratto. Nel caso in cui, al numero di telefono cellulare o direttamente al personale presente al cimitero vengano segnalate dalla cittadinanza proposte o richieste relative al miglioramento dei servizi, delle infrastrutture e degli impianti, l Affidatario dovrà darne prontamente notizia all Amministrazione comunale. 14

16 ART.20 - OSSERVANZA DI LEGGI E REGOLAMENTI L Affidatario, nell esecuzione delle opere di cui al presente appalto, è tenuto all osservanza piena e incondizionata di tutti i fatti e le condizioni riportate nel presente capitolato, ed in tutta la documentazione di gara. Per quanto non indicato nei suddetti documenti, si farà riferimento alla normativa vigente in materia di appalti pubblici, nonché a quella in materia di sicurezza e contabilità. L Affidatario dovrà inoltre attenersi scrupolosamente a tutte le norme, di qualsiasi genere, applicabili all appalto in oggetto, con particolare riferimento alle leggi antimafia, al Regolamento di Polizia Mortuaria di cui al D.Lgs. n.285 del e s.m.i., a quanto indicato nei regolamenti comunali ed in particolare nel Regolamento comunale dei Servizi Cimiteriali, per le parti non superate da norme successive; L Affidatario è tenuto ad osservare integralmente il trattamento economico previsto nei contratti collettivi nazionali e territoriali in vigore per il settore e per la zona nelle quali si svolgono i lavori. L osservanza di tutte le norme prescritte si intende estesa a tutte le leggi, decreti, disposizioni, ecc. che potranno essere emanate durante l esecuzione del contratto, in quanto applicabili. ART.21 - ASSICURAZIONI L aggiudicataria dovrà contrarre adeguata polizza assicurativa per tutti i danni derivanti da comportamenti, anche omissivi, del proprio personale, garanzia R.C.O. (Responsabilità Civile Operatori) per sinistri e per persone e R.C.T. (Responsabilità Civile verso Terzi) comprensivo dei danni da incendio e danni alle cose causati dal personale nell ambito della esecuzione del servizio con un massimale annuo e per sinistro non inferiore a ,00 (cinquecentomila/00). L'assicurazione contro i rischi dell'esecuzione sarà per una somma assicurata pari a ,00 (cinquecentomila/00). ART.22 - SPESE E TASSE A CARICO DELL AFFIDATARIO Sono a completo carico dell Affidatario tutte le spese relative alla stipulazione del contratto, nonché le spese e le tasse, imposte e licenze comprese quelle di bollo e di registrazione, esclusa soltanto la tassa per l occupazione di suolo pubblico conseguente ai lavori stessi, che verrà assolta direttamente dall Amministrazione, qualora dovuta. Fanno eccezione le spese che per Legge gravano sulla Stazione Appaltante. Art. 23 ESECUZIONE D UFFICIO L amministrazione comunale ha la facoltà di ordinare e far eseguire d ufficio, a spese della ditta appaltatrice, i lavori necessari al regolare andamento del servizio, qualora si verifichino deficienze o abusi nell adempimento degli obblighi contrattuali e ove la ditta appaltatrice, regolarmente diffidata non ottemperi agli ordini ricevuti. L ammontare della spesa effettivamente sostenuta dal Comune, debitamente documentata, sarà trattenuta sul primo rateo di canone successivo alla esecuzione d ufficio dei lavori. ART.24 - RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Il contratto d'appalto s intenderà risolto di diritto, ai sensi e con le modalità di cui all'art.1456 del C.C., qualora l'amministrazione Comunale riscontri, a seguito di diffida scritta mediante raccomandata, gravi e ripetute inadempienze o ritardi da parte dell Affidatario. Nel caso di cui al comma precedente, la ditta affidataria sarà liquidata proporzionalmente ai mesi di svolgimento effettivo dell'appalto, fatta salva la possibilità per il Comune di rivalersi per danni nei confronti della stessa ditta. L Amministrazione Comunale, oltre a quanto previsto al punto precedente, può procedere alla risoluzione del contratto d appalto nei seguenti casi: 1. Gravi e ripetute violazioni degli obblighi contrattuali, quando l Affidatario, per tre volte successive nell arco di un anno di gestione e senza giustificate motivazioni, lasci decorrere infruttuosamente il termine assegnato dall Amministrazione appaltante per adempiere alle proprie obbligazioni; 2. Fallimento dell Affidatario; 3. Cessione o subappalto dei servizi in appalto, non autorizzato; 4. Valutazione negativa motivata dal complesso delle modalità operative previa contestazione di addebiti; 5. Comunicazioni false o mendaci in sede di gara od in merito a tempi e modi dell esecuzione dell appalto, risultante dal confronto con le schede di riscontro delle attività svolte; 6. Sospensione, abbandono, o mancata effettuazione da parte dell Impresa anche di uno solo dei servizi di cui al presente capitolato; 7. Inosservanza di contratti collettivi di lavoro, degli obblighi assicurativi e previdenziali nei confronti del personale dipendente; 8. Discriminazione ingiustificata nei confronti degli utenti che chiedono l effettuazione delle prestazioni oggetto del contratto; 9. Esecuzione in proprio, non autorizzata dal Comune, di manufatti per sepolture; La comunicazioni di risoluzione dell appalto sarà inviata a mezzo Raccomandata con ricevuta di ritorno, tuttavia la trasmissione a mezzo fax sarà sufficiente a far decorrere i termini del procedimento. L Affidatario entro 15 (quindici) giorni dalla data di ricevimento della notifica di risoluzione, potrà presentare la proprie deduzioni. Nei 10 (dieci) giorni successivi l'amministrazione adotterà i provvedimenti del caso, che se confermativi delle ipotesi portanti a risoluzione del contratto, avranno effetto immediato ed insindacabile. In caso di risoluzione all Affidatario spetteranno solo i compensi relativi alle operazioni effettivamente eseguite non ancora liquidate, decurtati gli eventuali oneri sostenuti dall'amministrazione per l'esecuzione d'ufficio di operazioni di 15

17 competenza dell Affidatario, non eseguite correttamente in tutto, od in parte, o non eseguite e detratte le eventuali penali. Saranno inoltre a carico dell Affidatario gli oneri relativi ai maggiori costi sostenuti dall Amministrazione conseguente all affidamento del completamento dell appalto ad altra ditta. Resta salvo il diritto di rivalsa dell'amministrazione per ulteriori danni od oneri causati dalla interruzione del servizio. L Amministrazione si riserva inoltre la facoltà di rescindere il contratto qualora eventuali modifiche normative rendano l Affidatario non più idoneo a prestare il servizio in oggetto. Nel caso di risoluzione anticipata il Comune ha facoltà di requisire temporaneamente in tutto o in parte le attrezzature ed il relativo materiale utilizzato dall Impresa per l esplicazione del servizio e di avvalersene per la continuazione del servizio direttamente o per mezzo di persona o ditta fino al nuovo conferimento della gestione del servizio con corresponsione dell indennità di requisizione commisurata all effettiva utilizzazione dei mezzi e delle attrezzature dell impresa inadempiente. DISPOSIZIONI PARTICOLARI RIGUARDANTI L'APPALTO ART.25 REQUISITI DI CARATTERE ECONOMICO-FINANZIARIO E TECNICO-PROFESSIONALE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA (ARTT. 41 E 42 D.Lgs. 163/2006). I soggetti partecipanti alla gara devono essere in possesso, pena l esclusione, dei seguenti requisiti minimi di carattere economico-finanziario e tecnico-professionale: Aver realizzato, nel triennio 2008/2009/2010, un fatturato (volume d affari così come da dichiarazione annuale IVA) complessivo non inferiore ,00 (IVA esclusa); Presentazione di un elenco sottoscritto ai sensi del D.P.R. n. 445 del 2000 resa dal Legale rappresentate o Titolare, con la quale il concorrente dimostra di aver effettuato nel triennio servizi identici (servizi cimiteriali) a quello oggetto del presente appalto, per un importo complessivo pari ad almeno ,00 (IVA esclusa); prestazioni riguardanti sia quelle a favore di Amministrazioni sia quelle a favore di privati. Relativamente alle prestazioni a favore di amministrazioni o Enti pubblici esse dovranno essere provate da certificati rilasciati e vistati dalle Amministrazioni o dagli Enti medesimi. Relativamente alle prestazioni a favore di privati queste dovranno essere dichiarati dai medesimi o, in mancanza dallo stesso concorrente (art.42, comma 1, lett.a) del D.Lgs n.163/2006; possesso al momento dell inizio del servizio e per tutta la durata di esso, dell attrezzatura e dell equipaggiamento tecnico necessari all'esecuzione dell'appalto in conformità a quanto stabilito dall art. 10 del capitolato speciale d appalto secondo quanto disposto all art. 42 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.; I concorrenti possono avvalersi dell'istituto dell'avvalimento di cui all'art. 49 del D.Lgs.163/2006, secondo le modalità previste nel disciplinare di gara. ART.26 - CAUZIONE DEFINITIVA. Ai fini della garanzia di un esatto e puntuale adempimento degli obblighi contrattuali, l esecutore del contratto dovrà costituire nei termini di legge la cauzione definitiva in ragione del 10% dell importo a base d appalto al netto del ribasso d asta e comunque con le maggiorazioni previste dall art. 113, comma 1, del D.Lgs. n.163/2006. Si precisa che la fideiussione bancaria o la polizza assicurativa devono essere formulate in modo da rispettare le seguenti condizioni: - previsione della rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale; - operatività della stessa entro quindici giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante; - validità per tutto il periodo dell appalto; - impegno a ricostituire la cauzione qualora venga escussa dell A.C. in parte o totalmente. Questo deposito dovrà restare vincolato anche dopo la scadenza dell appalto, fino al completo soddisfacimento degli obblighi di capitolato e dopo che sia stata risolta ogni eventuale contestazione. Nei casi di inadempimento anche di una sola delle obbligazioni assunte dall aggiudicatario, e fatti salvi i maggiori diritti del Comune, l Amministrazione procederà all incameramento della cauzione suddetta con semplice atto amministrativo. ART.27 CESSIONE DEL CONTRATTO SUBAPPALTO Il contratto non può essere ceduto a pena di nullità. Le Ditte concorrenti sono tenute ad indicare in sede di presentazione dell offerta la parte del servizio che intendono eventualmente subappaltare a terzi, con le modalità ed entro i limiti di cui all art. 118 del D.Lgs. 163/2006, per quanto applicabile al presente capitolato. Ogni subappalto deve essere preventivamente autorizzato dall Amministrazione comunale e disciplinato da quanto previsto dal richiamato art. 118 del D.Lgs. 163/2006. Resta comunque impregiudicata la responsabilità dell Affidatario per la buona esecuzione del contratto nei confronti dell Amministrazione comunale. L Affidatario è garante dei confronti dell Amministrazione comunale del rispetto da parte degli eventuali subappaltatori delle normative vigenti, dei C.C.N.L e di tutte le norme del presente capitolato. L Amministrazione comunale si riserva la facoltà di effettuare verifiche periodiche in merito, anche di concerto con organismi ritenuti competenti. 16

18 ART.28 - DANNI Tutti i danni causati da incuria ed imperizia, o comunque per colpa dell Affidatario nell'esecuzione dei lavori, saranno addebitati alla medesima, su relazione della Direzione dell esecuzione del contratto. La Ditta affidataria è responsabile di eventuali danni a cose, persone ed animali che possono prodursi durante ed a causa delle proprie prestazioni, restandone l'amministrazione comunale totalmente sollevata. La Ditta affidataria è altresì responsabile di eventuali danni all'amministrazione comunale che dovessero derivare da violazione di leggi, fra cui specificatamente quelle relative allo smaltimento dei rifiuti, restandone l'amministrazione comunale totalmente sollevata. L Affidatario è altresì obbligato a tenere indenne l Amministrazione dai danni arrecati anche da terzi facendosi carico, direttamente, delle necessarie pratiche di denuncia e delle eventuali richieste di risarcimento e di riconduzione al pristino dello stato dei luoghi, dandone comunque comunicazione all Amministrazione. ART.29 - ASSICURAZIONI SOCIALI, CONTRATTI DI LAVORO, PREVENZIONE INFORTUNI L Impresa affidataria dovrà osservare tutte le norme relative alle retribuzioni ed alle assicurazioni sociali, derivanti da leggi, decreti e contratti collettivi di lavoro. Essa dovrà inoltre provvedere al pagamento di tutti i contributi a carico dei datori di lavoro ed osservare le norme vigenti in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro. I suddetti obblighi vincolano l'impresa anche se essa non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse, indipendentemente dalla sua natura industriale od artigiana, dalla sua struttura o dimensione e da ogni altra sua qualificazione giuridica economica o sindacale. Tutti i contributi per le assicurazioni sociali sono a carico dell impresa, anche in deroga ad eventuali norme legislative che disponessero l obbligo del pagamento in solido con il Comune e con esclusione di qualsiasi rivalsa nei confronti del Comune medesimo. L'Impresa è responsabile in rapporto alla Amministrazione appaltante della osservanza delle norme di cui sopra. In caso di inottemperanza agli obblighi previsti dal presente articolo, accertata dall'amministrazione appaltante o ad essa segnalata dall'ispettorato del lavoro, l'amministrazione medesima comunicherà all'impresa e, se del caso, anche all'ispettorato suddetto, l'inadempienza accertata e procederà ad una detrazione del 20% sui pagamenti in acconto se i lavori sono in corso di esecuzione, o alla sospensione del pagamento del saldo se i lavori sono ultimati. Le somme così accantonate sono destinate a garanzia dell'adempimento degli obblighi di cui sopra. Il pagamento non sarà effettuato fino a quando dall'ispettorato del Lavoro non sia stato accertato che gli obblighi predetti sono stati integralmente adempiuti. Per le detrazioni o sospensioni dei pagamenti di cui sopra l'impresa non può porre eccezione all'amministrazione appaltante, ne ha titolo a risarcimento di danni. Sulle somme accantonate non saranno ad alcun titolo corrisposti interessi. ART.30 - DEFINIZIONE DELLE CONTROVERSIE Tutte le controversie fra l'amministrazione e l'impresa che eventualmente non si siano potute definire per via amministrativa e stragiudiziale, saranno di competenza esclusiva del foro di Larino. ART.31 - SPESE DI CONTRATTO Tutte le spese inerenti e conseguenti al contratto d'appalto sono a totale carico dell Affidatario. ART.32 - SANZIONI La Ditta risponderà direttamente dei danni alle persone o cose comunque provocati nello svolgimento del servizio, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa o di compensi da parte del Comune. Le inadempienze derivanti dagli obblighi contrattuali possono configurarsi in: - ritardo rispetto all orario stabilito per le operazioni di sepoltura e di tumulazione. Tale inadempienza comporterà per le prime tre volte una penale di 300,00 ( trecento/00) e successivamente di 600,00 (seicento/00); - ritardato intervento senza giustificazione dei lavori previsti dal presente capitolato comporteranno per le prime tre volte un richiamo scritto e successivamente una penale di 300,00 (trecento/00); - cattiva esecuzione del lavoro. Tale inadempienza comporterà un richiamo scritto e il conseguente obbligo del rifacimento del lavoro a regola d arte. In caso di verificata inadempienza di quanto previsto alle rimanenti parti del presente capitolato la Direzione dell esecuzione del contratto, per ogni distinta inadempienza applicherà una penale contrattuale di 200,00 (duecento/00). In caso di mancato pagamento della penale il Comune si riserva di recuperare l importo della penale applicata mediante trattenuta di uguale importo sui pagamenti dovuti, ovvero mediante incameramento della fidejussione fino a concorrenza dell importo della penale stessa. ALLEGATI: - Allegato A): elenco prezzi operazioni cimiteriali di istituto e a richiesta; - Allegato B): elenco prezzi lavori di manutenzione a richiesta. 17

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto

Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto COMUNE di VIGONZA RIQUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE mediante FINANZA di di PROGETTO Tavola Rotonda, 17 marzo 2014 Studio di Fattibilità e Ciclo del Progetto testo: DOSI C., Gli Studi di Fattibilitàdegli

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli