governance il cambiamento, senza una strategia di governance strutturata e articolata in ogni sua parte, rischia il fattore StrategiCo Della

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "governance il cambiamento, senza una strategia di governance strutturata e articolata in ogni sua parte, rischia il fattore StrategiCo Della"

Transcript

1 Stefano tomasini Secondo il Direttore Centrale di inail, l it non è solo la leva che abilita tecnologicamente i servizi, ma anche il fattore che qualifica la Pubblica amministrazione come interlocutore autorevole. Un interlocutore che con i fatti deve rispondere alle esigenze dei cittadini e delle imprese; superando in questo modo un senso comune radicato e anche giustificato dal passato 00 settembre-ottobre 2012

2 intervista Di CoPertina a CUra Di ruggero vota il fattore StrategiCo Della governance il cambiamento, senza una strategia di governance strutturata e articolata in ogni sua parte, rischia di infrangersi alle prime difficoltà. Lo sa bene Stefano Tomasini che è stato chiamato un anno fa, dopo una carriera come uomo di organizzazione all interno del Ministero dell Economia e delle Finanze (di seguito anche MEF, ndr), a ricoprire il ruolo di Direttore Centrale dei servizi informativi e telecomunicazioni di Inail, l ente pubblico preposto a garantire ai soggetti attivi nel mondo del lavoro l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni. La scelta di rivolgersi all esterno è stata giustificata dalla necessità di portare dentro questa struttura IT delle competenze non solo tecnologiche, con l obiettivo di abilitarla alla nuova era che si aprirà dal giugno del 2013, quando diverrà obbligatorio accedere ai servizi di questo ente esclusivamente in modalità digitale. Qual è stata la ragione che lo ha portato in Inail nell ottobre del 2011? Lavoravo presso il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell Economia e delle Finanze, e questa opportunità mi è stata offerta da Giuseppe Lucibello, Direttore Generale di Inail, con il quale avevo già svolto un periodo di collaborazione sempre presso il MEF. La necessità per l ente era quella di individuare un nuovo Direttore Centrale dei servizi informativi e telecomunicazioni, che oltre a sostituire la persona che in precedenza svolgeva questo ruolo, portasse con sé nuove competenze sotto il profilo gestionale. Quali sono state le competenze e le esperienze che Inail cercava e ha trovato in lei? Soprattutto un bagaglio di esperienze legate all organizzazione. In Inail c era la necessità di intervenire con una razionalizzazione degli acquisti e dei contratti in essere presso la direzione; inoltre, era necessaria una maggiore attenzione all organizzazione per consentire alla direzione di governare l IT in maniera più strutturata. Questa realtà conta al suo interno circa 200 persone, ha una certa autonomia, sotto il profilo gestionale, rispetto alle altre direzioni centrali dell Istituto, conseguentemente abbiamo un livello separato di relazioni sindacali con le rappresentanze dei lavoratori, sono anche datore di lavoro e tutto ciò comporta una particolare complessità. Come mai per il suo ruolo non è stata scelta una persona interna, come generalmente succede nell ambito pubblico? Guardando alla storia di Inail, è stata effettuata una scelta di discontinuità. Sono stato chiamato a condurre un treno su un percorso di cambiamento già avviato, che per essere portato a termine con settembre-ottobre

3 il fattore StrategiCo Della governance estende all offerta di servizi per la riabilitazione post traumatica da infortunio, accentuando ancora di più il carattere pubblico del suo intervento nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Questi cambiamenti che impatto hanno sulla struttura di Inail nel suo complesso e, in particolare, sull IT? Le strutture territoriali periferiche dell istituto, anche per effetto della contrazione del personale, fanno ormai molta fatica a rispondere alle esigenze dei nostri interlocutori, ovvero le aziende, le associazioni di categoria e i consulenti del lavoro. Rimanendo immutate le cose, la situazione non potrà che complicarsi, poiché presto dovremmo occuparci direttamente anche degli infortunati, che finora abbiamo supportato solo in via indiretta. Tutto questo ha portato a ripensare a un modello di accesso e di erogazione dei servizi assicurativi che già oggi in parte viene supportato online, ma che diventerà una modalità obbligatoria a partire dal giugno del efficacia e soddisfazione, richiede competenze organizzative e di pianificazione, consolidate da un presidio della tecnologia. Le persone all interno della direzione centrale dei servizi informativi e telecomunicazioni hanno una forte specializzazione tecnico informatica e sono, invece, poche le figure che possono mettersi in gioco sulle tematiche richieste. Come è organizzata la struttura dei sistemi informativi di Inail? Dal 2010 è operativa una struttura molto asciutta e semplificata, che rispetto a quelle analoghe di altre amministrazioni pubbliche credo che si possa affermare come atipica. Abbiamo solo cinque uffici dirigenziali (di cui uno amministrativo che si occupa della gestione dei contratti con i fornitori e degli acquisti) e due uffici non dirigenziali che assolvono a funzioni di staff. Due dei cinque uffici si occupano di sviluppo software: uno per i servizi istituzionali e l altro per quelli di funzionamento. Poi, abbiamo una struttura di esercizio che si occupa di tutta la produzione e una struttura che si occupa della gestione dell infrastruttura tecnologica. Attualmente, stiamo valutando un aggiustamento del modello, che ci consenta di presidiare l area legata alla pianificazione. Nel recente passato quali sono state le tappe più significative vissute da un ente particolare e unico, nel panorama italiano, come Inail? Il cambiamento a livello di Istituto è stato, e per certi versi è ancora, imposto da eventi esterni. Inail, come molti sanno, ha una connotazione assicurativa rafforzata dalla caratteristica di essere obbligatoria, cosa che le è stata assegnata come missione fin dalla sua nascita. In seguito alla recente integrazione dei due enti Ipsema e Ispesl il primo si occupava della previdenza per il settore marittimo, mentre il secondo era un ente di ricerca specializzato sul tema della sicurezza del lavoro Inail ha allargato il suo perimetro di attività a nuovi argomenti e ha acquisito una funzione assistenziale in ambito sanitario che aveva abbandonato oltre 30 anni fa dopo la riforma del Servizio Sanitario Nazionale. Oltre a quella assicurativa, quindi, la nuova missione di Inail si Verso quali obiettivi deve tendere questo nuovo modello? La scelta originaria che ha portato al nuovo modello era orientata a distinguere le tipologie di attività da quelle di esercizio a quelle di sviluppo, mentre prima la struttura era essenzialmente verticale ed era organizzata per silos: l area aziende, l area lavoratori Il nuovo assetto nasce da una scelta opportuna che mette in campo una struttura più agile per seguire le diverse necessità ed esigenze che via via potranno emergere in futuro dalla struttura di business di Inail. Visto che ha citato la necessità di aggiustamenti sul fronte della pianificazione, come state intervenendo in questo ambito? La necessità maggiore che oggi abbiamo è quella di rafforzare le attività di controllo e di governance del sistema IT nel suo complesso. Questa è un area sulla quale stiamo investendo con pro- 20 settembre-ottobre 2012

4 la missione di inail Inail, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, persegue una pluralità di obiettivi: ridurre il fenomeno infortunistico; assicurare i lavoratori che svolgono attività a rischio; garantire il reinserimento nella vita lavorativa degli infortunati sul lavoro. La missione dell Istituto è garantita attraverso l assicurazione obbligatoria destinata a tutti i datori di lavoro che occupano lavoratori dipendenti e parasubordinati nelle attività che la legge individua come rischiose, tutela il lavoratore contro i danni derivanti da infortuni e malattie professionali causati dalla attività lavorativa. L assicurazione esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile conseguente ai danni subiti dai propri dipendenti. La tutela nei confronti dei lavoratori, anche a seguito delle recenti innovazioni normative, ha assunto sempre più le caratteristiche di sistema integrato di tutela, che va dagli interventi di prevenzione nei luoghi di lavoro, alle prestazioni sanitarie ed economiche, alle cure, riabilitazione e reinserimento nella vita sociale e lavorativa nei confronti di coloro che hanno già subito danni fisici a seguito di infortunio o malattia professionale. Allo scopo di contribuire a ridurre il fenomeno infortunistico Inail realizza inoltre importanti iniziative mirate al monitoraggio continuo dell andamento dell occupazione e degli infortuni, alla formazione e consulenza alle piccole e medie imprese in materia di prevenzione, al finanziamento imprese che investono in sicurezza. getti specifici nell area organizzativa e nell area che si occupa di analisi dei processi. L obiettivo è dotare la direzione di strumenti che consentono di governare e di gestire in maniera più corretta, e soprattutto di misurare in modo più accurato, le attività IT svolte oggi dagli uffici operativi. A questa prima necessità però associamo anche l esigenza, che per la direzione è una priorità importante, di investire nella crescita dei profili del personale della direzione. Cosa intendete fare sul fronte del personale? Stiamo seguendo un progetto di certificazione del personale sia informatico sia amministrativo sui profili Eucip. Coinvolge sostanzialmente la quasi totalità delle persone della direzione, ed è un progetto che si pone in stretta relazione con l impostazione che intendiamo dare alle nostre future gare, dove la classificazione dei profili che richiederemo ai nostri fornitori dovranno seguire il modello Eucip. Nella rivisitazione dei processi e del vostro modello organizzativo vi ispirate a qualche metodologia in particolare? Per quanto riguarda i processi stiamo adottando la metodologia ITIL, mentre per il modello organizzativo siamo partiti da una analisi che aveva l obiettivo di rendere concreti e realizzabili in tempi sostenibili i progetti di riorganizzazione che stiamo portando avanti. C è una forte aspettativa anche da parte del personale. L esigenza di cambiamento è sentita anche dalla struttura. Questo implica che da parte nostra si debbano dare tempi di risposta compatibili con questa attesa. La riorganizzazione del 2010 non ha adeguatamente previsto ciò che si sarebbe dovuto mettere in atto nella fase successiva alla messa in opera del nuovo modello. Il passaggio dai silos precedenti a una organizzazione più orizzontale ha visto quindi un aumento del livello di confusione, che per certi versi è normale nel caso di operazioni di cambiamento così radicali, perché i flussi comunicativi che dovevano essere attivati di fatto non sono stati monitorati in modo adeguato. I processi di riorganizzazione devono essere gestiti e riorientati man mano che si va avanti per riuscire a portare a regime un modello operativo pienamente funzionante secondo le attese. Forse è mancata la leva del change management... In parte questa è una risposta condivisibile, ma la situazione di criticità è stata determinata anche dagli avvicendamenti che hanno riguardato la direzione che non hanno consentito di fatto che la riorganizzazione fosse in qualche modo governata dalla struttura. La governance dei processi IT si concretizza quando si riescono a misurare i fenomeni e quando la struttura si muove facendo riferimento a delle regole e a dei riferimenti ben definiti. Prevede dei cambiamenti nei ruoli e nelle funzioni all interno del vostro IT. Qual è la figura target che secondo lei rappresenta il cambiamento che volete realizzare su questo fronte? Sicuramente oggi i profili presenti in Inail sono quelli tradizionali legati alla figure del sistemista, dell analista/programmatore e le altre del mondo IT così come l abbiamo conosciuto nei decenni scorsi. Molte di queste figure sono presenti in Inail da tanti anni e rappresentano un cumulo di esperienze sicuramente positivo, ma presto una parte di queste persone andrà in pensione. La nostra esigenza di passare ai profili Eucip risponde prima di tutto alla necessità di iniziare a parlare con lo stesso linguaggio dei nostri interlocutori, clienti e fornitori. In secondo luogo abbiamo la necessità di disporre di una mappatura di quelle che sono le nostre carenze. Se oggi il nostro obiettivo è quello di occuparci sempre più di governance, allora abbiamo la necessità di capire quali sono le componenti professionali di cui siamo carenti e, quindi, di come far crescere verso queste competenze target le persone che ab- settembre-ottobre

5 il fattore StrategiCo Della governance Chi è Stefano tomasini Stefano Tomasini dall ottobre 2011 ricopre l incarico di Direttore Centrale dei servizi informativi e di telecomunicazione di Inail. Ha iniziato la sua carriera, nel 1989, presso la Ragioneria Centrale dello Stato dove si è occupato, tra l altro, di analisi economico-statistica, e ha ricoperto ruoli di crescente importanza, sino a diventare, nel 2005, direttore del personale della Ragioneria Generale dello Stato e, nel 2009, direttore del sistema informativo della fiscalità presso il Ministero dell Economia e delle Finanze. Tomasini si è laureato in Economia e Commercio a Roma. biamo al nostro interno. Il passaggio ai profili Eucip nel loro complesso sarà massivo, poiché coinvolgerà almeno l 80% del personale. In che tempi si realizzerà questo processo di formazione? Stiamo per concludere la fase di assessment delle competenze e prevediamo di raggiungere la piena certificazione Eucip del nostro personale nell arco dei prossimi due anni, iniziando il piano formativo a gennaio Come si riesce a motivare le persone a perseguire il cambiamento? Credo che nell amministrazione pubblica, così come in tutte le organizzazioni complesse, le persone sono quelle che fanno la differenza. Quindi riuscire a coinvolgere le persone in un processo di cambiamento è un fattore determinante. Sotto questo profilo, penso di essere stato fortunato. Nella struttura ho trovato persone portatrici di una richiesta di concretezza molto forte. Hanno anche fatto propria un aspettativa di cambiamento più generale che avrà riflessi importanti nel loro lavoro. Sono abituate a gestire e a seguire progetti complessi, e questo le porta a sentirsi stimolate verso il cambiamento, l innovazione e sono positivamente aperti alla prospettiva di fare cose nuove. In un ambito pubblico dobbiamo però fare i conti con vincoli e tempi che non sono quelli delle strutture private. Le amministrazioni come la nostra fanno più fatica a seguire e a confrontarsi con i cambiamenti che intercorrono nella società e che sono più accelerati rispetto al passato. Questo ha portato per esempio al fatto che lo schema del nuovo modello organizzativo non è ancora operativo poiché soggetto a continue modifiche generate dalla necessità di seguire i vari provvedimenti normativi che in questo periodo si stanno succedendo. Vogliamo comunque riuscire a compiere il primo passo nei tempi più breve possibile. Il nuovo modello di governance che impatto ha sulle vostre politiche di sourcing, oltre alla richiesta ai fornitori di dotarsi, in parallelo a voi, di profili Eucip? Il cambiamento in questo ambito richiede naturalmente maggior tempo rispetto a quanto abbiamo portato avanti, e stiamo ancora portando avanti, al nostro interno. Prima che il modello sia a regime anche con i nostri fornitori, dovremmo aspettare la conclusione del ciclo temporale dei contratti, che tipicamente per noi hanno una durata triennale. Il cambiamento sarà comunque ben evidenziato ai nostri fornitori grazie a una gara molto importante che dovrà essere aggiudicata alla fine di quest anno e che sarà la prima ad assorbire il nuovo approccio. Oggi siamo abituati ad acquistare servizi ICT essenzialmente attraverso il meccanismo del body rental, e utilizziamo solo in misura limitata i modelli a funzioni e a punti funzione. Con le nuove gare ci orienteremo con più determinazione verso queste metodologie, iniziando proprio dalla fine di quest anno. Dal quel momento il nuovo modello di relazione sarà quindi percepibile in modo molto concreto da tutti i fornitori, anche se per entrare a regime bisognerà aspettare che i contratti stipulati con il vecchio sistema arrivino alla loro scadenza naturale. Come vi aspettate che reagiscano i fornitori a questa novità? Anche loro dovranno certo rimettersi in discussione, ma la risposta ci sembra positiva, anche perché abbiamo già anticipato l obiettivo di crescita, cui tende la nostra Direzione. Già nel novembre dello scorso anno, qualche settimana dopo il mio arrivo, tutta la dirigenza della direzione si è presentata ai fornitori per mettere in evidenza il fatto che l istituto ha sempre di più la necessità di poter contare su dei partners e non semplicemente su prestatori d opera che svolgono il servizio a loro assegnato. Cosa intende con il concetto di partner in questo contesto? Riteniamo che i fornitori possano darci non solo servizi migliori, ma portarci anche quel know-how che hanno sviluppato nel 22 settembre-ottobre 2012

6 tempo sulle loro best practice e che oggi invece non viene trasferito perché finora l istituto non ha mai fatto richieste di questo tipo. È stata quindi prima di tutto una nostra mancanza che, nel tempo, ha in qualche modo, deresponsabilizzato i fornitori dei servizi messi a disposizione dell istituto. In passato abbiamo dovuto intervenire in modo sostanziale, sotto il profilo gestionale e operativo, per mettere sui binari giusti le attività di alcuni operatori. Oggi quindi, la nostra richiesta si alza e, di conseguenza, si deve alzare anche il valore messo in campo dai fornitori. Nella nuova relazione questi soggetti si devono sentire responsabilizzati nel portare le loro best practice all interno di Inail. Il rapporto con l istituto deve essere sempre più guidato da questa logica di valore e qualità, andando ben oltre l operatività del quotidiano. Può fare un esempio concreto di quello che intende? Un esperienza esemplare che va nella direzione che intendiamo per nuova relazione tra Inail e fornitori è quella che abbiamo fatto lo scorso giugno con la procedura Easy che provvede a erogare degli incentivi ad aziende che sviluppano progetti per mettere in sicurezza i loro ambienti di lavoro. Tutti i progetti che raggiungono un punteggio minimo possono accedere a un finanziamento, ma questo è assegnato a sportello, ovvero chi prima arriva accede ai fondi e questi vengono erogati fino al loro esaurimento, dopo aver fatto naturalmente tutte le opportune verifiche sui progetti presentati. Quest anno abbiamo sviluppato il progetto ISI Click-Day che si è svolto nei giorni 26, 27 e 28 del giugno scorso in sei sessioni, coinvolgendo più di aziende che avevano presentato le domande nella fase precedente. Lo scorso anno questa stessa procedura era sempre stata implementata sul canale online, ma si era svolta e si era conclusa in maniera non positiva a causa di una caduta del sistema. Memori di quanto accaduto, e con l intenzione di non ripetere una esperienza negativa, abbiamo cercato di coinvolgere i fornitori con la nuova logica della partnership, che si è tradotta nel fare in modo che la nostra struttura e tutti i partner che intervenivano a vario titolo nel progetto collaborassero tra loro fin dall inizio. Nel caso precedente, invece, tutti i fornitori si sono comportati esattamente secondo l abitudine di operare in modo verticale nello svolgere meramente il compito assegnato, senza confrontarsi. Non c è da meravigliarsi che una volta che i diversi pezzi sono stati messi insieme qualcosa non ha funzionato come doveva. Per l ISI Click-Day sia i nostri uffici coinvolti nelle varie componenti - applicativa, infrastrutturale, architetturale e di sicurezza - sia i diversi fornitori nei vari ambiti hanno operato facendo sistema, portando ognuno quelle che erano le loro best practice vissute all esterno della nostra struttura. Questo è stato un progetto che da un lato ha dato la percezione di un diverso ruolo giocato da ogni componente coinvolta, dall altra ha abituato le persone a lavorare in un modo nuovo su un arco di tempo piuttosto lungo: sei mesi, il tempo che ci eravamo dati per realizzare la piattaforma a supporto del Click-Day. Il risultato è stato che tutto si è svolto in maniera assolutamente positiva. Qual è il valore che secondo lei ha portato a Inail e ai suoi interlocutori un esperienza come quella del Click Day? Il Click-Day è sicuramente il progetto che anche a livello mediatico ci ha coinvolto di più. In questa esperienza ci siamo anche occupati della gestione della comunicazione all utenza tramite social netto. Su Facebook abbiamo circa amici tra aziende e consulenti del lavoro e insieme a Facebook abbiamo anche attivato Twitter; devo dire che queste novità sono state raccolte molto positivamente dall utenza. Prima del Click-Day di quest anno, questa esperienza dall istituto era vista solo esclusivamente come un fatto tecnologico. Con l introduzione dei social network sono state coinvolte altre direzioni di Inail, quella della Comunicazione, la Prevenzione, l Organizzazione e, quindi, possiamo dire che da progetto meramente tecnologico, il Click-Day è diventato un progetto di business. Progetti IT importanti per il futuro? Un altra esperienza che ci vedrà completamente coinvolti nei prossimi mesi è il progressivo spostamento di una serie di servizi dallo sportello fisico all online, per poi rendere in tempi brevi obbligatoria la fruizione degli stessi unicamente nella modalità via Rete. È un percorso molto ambizioso che parte dal fatto che oggi i servizi messi a disposizione online sono una ventina, ma non sono obbligatori e sono disponibili anche attraverso il canale territoriale. Nei prossimi mesi ne aggiungeremo altri 30 e da giugno 2013 tutti gli oltre 50 servizi online saranno resi obbligatori. Questo percorso digitale ci consentirà di alleggerire il carico di lavoro sulle filiali territoriali, ma d altro canto per parte nostra l infrastruttura che supporterà tutto il sistema di delivery dei servizi online dovrà essere irrobustita. Ci può dare una dimensione del vostro budget IT? Viaggiamo intorno ai 200 milioni di euro all anno. Produzione e manutenzione rappresentano il 70%, mentre il resto è dedicato ai nuovi sviluppi. Vorremmo intervenire nei prossimi anni per aumentare un po la leva dell innovazione per magari arrivare a un rapporto 60/40. settembre-ottobre

7 il fattore StrategiCo Della governance In quest ottica, qualora dovessimo andare incontro a compressioni del budget disponibile, cercheremmo, d accordo con l istituto, di salvaguardare l investimento in innovazione. Per i prossimi tre anni però, ad oggi, non prevediamo contrazioni di budget. La strategia di dare più spazio all innovazione e l intenzione di irrobustire il sistema in vista dei nuovi servizi totalmente online, in qualche modo incrociano il tema del cloud computing? Il cloud computing nelle realtà pubbliche è un tema che viene per ora lasciato distante. Anche noi su questo argomento abbiamo svolto un esperienza a puro titolo sperimentale, così come ne abbiamo fatta una sugli Open Data insieme a Istat. Avendo la responsabilità diretta della fornitura dei servizi, oggi preferiamo rispondere in prima persona e non delegare a terzi la gestione di un core business sicuramente sensibile. Bisogna tener conto che gestiamo anche dati sanitari e quindi molto critici sotto l aspetto delle regole relative alla privacy. Le tecnologie cloud ci interessano più in un contesto privato, e comunque aspettiamo di vedere come evolve la situazione e vediamo anche se l Agenda Digitale di prossima definizione da parte del governo dirà qualcosa in merito. Con tutte le prudenze giustificate anche da una certa ambiguità normativa oggi presente, mi sento comunque di dire che una serie di cloud privati di entità pubbliche in futuro potrebbero anche dare vita a dei consorzi per mettere a fattor comune risorse e potenza di elaborazione su una scala più ampia. Tutti gli enti della PA, come del resto le aziende private, sono andati incontro in questi anni a politiche di razionalizzazione e di efficientamento delle proprie strutture IT. Cosa è stato fatto e cosa progetta di fare in questo senso? L efficientamento di queste strutture sarà uno dei risultati che verrà generato dall azione di organizzazione che stiamo conducendo e questo sarà evidente anche sotto il profilo della razionalizzazione interna, della gestione dei fornitori e degli acquisti. Come razionalizzazione di questa struttura, non ritengo però che ci siano grandissimi margini, la struttura è oggi abbastanza stressata. Se infatti ci andiamo a confrontare con altre realtà similari, la nostra è già una struttura che per il lavoro che svolge e per il budget che gestisce sicuramente non è una struttura sovradimensionata. Anche facendo riferimento al parametro dirigenti/personale, cinque uffici dirigenziali su 200 persone, posso tranquillamente affermare che la nostra è una struttura molto snella, semmai è carente nel presidio di alcune aree. Mirando a presidiare meglio la governance, il nostro processo di riorganizzazione ci consentirà di intervenire in maniera molto consistente su queste mancanze. Detto questo abbiamo comunque progetti di razionalizzazione nei confronti dell istituto, per cui l IT contribuisce in maniera sostanziale a ottimizzare i processi, soprattutto a livello periferico sul territorio. Ciò che l IT mette a disposizione è vitale per tutte le nostre sedi 24 settembre-ottobre 2012

8 operative e a questo proposito parliamo oggi di sistemi di business process management, workflow, gestione documentale, de materializzazione. A questo proposito abbiamo, per esempio, messo in produzione un workflow che ci consente una forte razionalizzazione delle spese postali relative alla cospicua documentazione che l istituto invia alla propria clientela. Dal prossimo giugno potremmo parlare di una Inail solo con sportelli online, mentre il coinvolgimento nei social network immagino continuerà dopo l esperienza positiva del Click- Day. Tutto questo vi porta a guardare al tema dei Big Data? Ci stiamo confrontando al nostro interno anche su questo tema che ritengo estremamente interessante. Credo che per realtà come la nostra comprendere quelli che sono gli orientamenti della nostra utenza, o di coloro che in qualche modo interagiscono con l istituto, sia la chiave di volta per dare senso al ruolo svolto da un istituzione pubblica. La gestione dei Big Data penso sia la cosa che ci permetterà di essere più allineati con il nostro pubblico. Riuscire a interpretare e soprattutto a sfruttare questo approccio e queste tecnologie rappresenta la possibilità di vedere l utenza nella sua complessità di esigenze e di necessità e non più sotto una semplice dimensione amministrativa. I Big Data possono permetterci di iniziare una relazione per cercare di capire e interpretare quali sono le esigenze dei nostri interlocutori. Avete già immaginato delle possibili applicazioni Big Data in ambito Inail? Se sì, in che tempi si realizzeranno? Oggi abbiamo fatto delle esperienze molto limitate di business analytics delle nostre attività relative al core business andando ben oltre il classico controllo di gestione; si tratta comunque di lavori a livello sperimentale. Disponendo comunque all interno di Inail una struttura interna di consulenza statistico attuariale, che oltre ad avere il compito di calcolare le tariffe studia il fenomeno infortunistico anche con strumenti come le business analytics, ci aspettiamo che da parte di questi colleghi ci arrivi un impulso per capire meglio l andamento futuro dei fenomeni, che ci spinga a fare una business analytics predittiva e non solo per redigere dei Rapporti Annuali che mettono in luce quanto è successo nell anno precedente. Credo quindi che riusciremo concretamente a realizzare qualcosa di interessante sul fronte dei Big Data nel 2014, se non addirittura nel stampa e della Prevenzione, che in questa esperienza si sono in realtà trasformate in ufficio relazioni con il pubblico. Una cosa un po particolare, che però ha funzionato bene. Sul fronte degli utenti, invece, si sono innescate delle dinamiche interessanti. Interessanti? Ce le racconti allora... Da parte nostra c era l impegno a supportare il pubblico dando le risposte giuste e in tempo reale a quanto emergeva dai social network. Ma a questa nostra attività si sono quasi subito affiancati quegli utenti esperti che, avendo fatto per primi la procedura senza problemi, rispondevano anche loro e davano i suggerimenti giusti agli altri utenti che invece chiedevano aiuto via Facebook o Twitter. È stato un esempio di crowd sourcing molto interessante e che sinceramente all inizio non ci aspettavamo. Anche grazie a questo tipo di evidenze, abbiamo intenzione di focalizzare bene l esperienza fatta e capire come poter costruire altre occasioni che possono ottenere almeno lo stesso successo riscontrato con il Click-Day. Dalla sua esperienza di dirigente pubblico che ha costruito la sua carriera in parte occupandosi di IT, quali sono oggi i fattori di forza in questo ambito della PA italiana? L IT è un fattore abilitante che però va oltre il mero supporto tecnologico dei servizi che deve fornire alla collettività. La Pubblica Amministrazione ha certamente una missione da portare avanti nei confronti dell utenza, ma questa deve essere accompagnata da dei valori e, sono questi che possono rappresentare il vero punto di forza di una Pubblica Amministrazione. A mio avviso quindi l IT gioca al meglio il suo ruolo di fattore abilitante quando consente a questi valori di esprimere al meglio il loro potenziale. Oggi per motivi noti, l amministrazione pubblica ha un problema di immagine presso i cittadini e le imprese, anche troppo negativa rispetto alla realtà delle cose e alle realtà estere con cui ci confrontiamo. Se nel rapporto di front office con il pubblico l IT dimostra efficienza, fornisce processi semplici ma efficaci, tempi di risposta adeguati e servizi di qualità, allora l IT è la chiave per portare i cittadini a giudicare la PA italiana in modo migliore rispetto purtroppo a un senso comune radicato e diffuso, le cui fondamenta possono essere sradicate solo con i fatti. Che cosa vi ha insegnato l esperienza fatta sui social network con il Click-Day? È stata una novità importante anche per la struttura di comunicazione di Inail che normalmente interagisce con i media tradizionali. La cosa è stata portata avanti dalle persone dell ufficio settembre-ottobre

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 3 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web MISURAZIONE ED OBIETTIVI INDEX 3 7 13 Strumenti di controllo e analisi Perché faccio un sito web? Definisci

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

L esperienza di San Giuliano Milanese

L esperienza di San Giuliano Milanese Sistema di Gestione Flussi Documentali COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE L esperienza di San Giuliano Milanese Dott.ssa Laura Garavello Responsabile dei servizi di supporto gestionale OBIETTIVI DELL AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi A CHE PUNTO SIAMO Cogliere opportunità le dell evoluzione normativa Dagli anni 90 l innovazione

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale News letter Numero 7 15 gennaio 2010 Editoriale Sommario I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Come sviluppare abilità per gestire i clienti interni in una

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Pietro Galbiati Buongiorno a tutti. 1 Il mio compito è quello di presentare in sintesi come stiamo affrontando il tema della esternalizzazione

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

www.effemagazine.it IL CONSULENTE DELLA FINANZA PERSONALE www.effemagazine.it EURO NOVEMBRE 2013 MENSILE ANNO 3 NUMERO 11 NOVEMBRE 2013

www.effemagazine.it IL CONSULENTE DELLA FINANZA PERSONALE www.effemagazine.it EURO NOVEMBRE 2013 MENSILE ANNO 3 NUMERO 11 NOVEMBRE 2013 1 29/10/2013 18.04.16 MENSILE ANNO 3 NUMERO 11 NOVEMBRE 2013 www.effemagazine.it 5,00 EURO 4,00 NOVEMBRE 2013 www.effemagazine.it F11_NOV_2013.eps IL CONSULENTE DELLA FINANZA PERSONALE C M Y CM MY CY CMY

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Intervista Fabio Macchiagodena - Sistemi Informativi AIFA

Intervista Fabio Macchiagodena - Sistemi Informativi AIFA Intervista Fabio Macchiagodena - Sistemi Informativi AIFA In questi giorni l AIFA ha reso disponibili 3 nuovi portali (rinnovi, stampati e variazioni) in linea con l attuazione del nuovo sistema di knowledge

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

DIGITALE IN AGENDA. Il futuro della Pubblica Amministrazione in Rete

DIGITALE IN AGENDA. Il futuro della Pubblica Amministrazione in Rete DIGITALE IN AGENDA Il futuro della Pubblica Amministrazione in Rete DIGITALE IN AGENDA CREDITS Questo volume è stato ideato da Livio Mariotti, amministratore delegato di Bit Media S.p.A., ed elaborato

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

BANCA DATI. Brochure di presentazione. Entra in RisorsePerLaGiustizia.it INDICE. Presentazione. Ambiti di attività.

BANCA DATI. Brochure di presentazione. Entra in RisorsePerLaGiustizia.it INDICE. Presentazione. Ambiti di attività. BANCA DATI Brochure di presentazione INDICE 1 Presentazione 2 Contenuti RisorsePerLaGiustizia.it è la banca dati dedicata ai progetti di innovazione organizzativa e gestionale negli uffici giudiziari,

Dettagli

NetforumOTTOBRE. L integrazione è la soluzione SITOVIVO. Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori. Un treno chiamato Search Engine PAGINA 24

NetforumOTTOBRE. L integrazione è la soluzione SITOVIVO. Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori. Un treno chiamato Search Engine PAGINA 24 2007 NetforumOTTOBRE RIVISTA MENSILE DI COMUNICAZIONE, MARKETING E MEDIA BUSINESS IN RETE Fabio Pagano, ceo e product manager di SitoVivo INTERVISTA Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori PAGINA

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Avete lavorato molto per costruire una visione per la vostra azienda. Con Microsoft Dynamics NAV potrete trasformare questa

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri Vent anni di corsi a Bressanone Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica XX Corso Dott. ssa Floretta Rolleri CNIPA Bressanone (Bz), 19-22 maggio 2009 Il Protocollo Informatico e la Sicurezza

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing RECONSULT è una società di servizi con decennale esperienza nel mondo del Credito Cooperativo e in partnership con CloudItalia propone soluzioni innovative per migliorare l efficienza dei processi organizzativi.

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R 3523267$',,17(51$/,==$=,21('(//(&203(7(1=( 5(*,21(38*/,$ ,QWURGX]LRQH Il presente documento costituisce una prima proposta di lavoro per attuare un processo di internalizzazione delle competenze. La Regione

Dettagli

Le 7 competenze chiave del Consulente IT

Le 7 competenze chiave del Consulente IT Le 7 competenze chiave del Consulente IT di Pierluigi Demaria Pierluigi Demaria ha partecipato a decine di progetti nazionali e internazionali supportando oltre 200 consulenti e manager nella implementazione,supporto

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

egovernment e Cloud computing

egovernment e Cloud computing egovernment e Cloud computing Alte prestazioni con meno risorse Giornata di studio CNEL Stefano Devescovi Business Development Executive IBM Agenda Quali sono le implicazioni del cloud computing? Quale

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI DISABILITA E ACCOMODAMENTO RAGIONEVOLE:DAGLI AMBIENTI DI VITA AI LUOGHI DI LAVORO L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE IN PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DELL ESPERIENZA DEL CeFOS DI FONDAZIONE DON C. GNOCCHI

Dettagli

Soluzioni di business per le imprese

Soluzioni di business per le imprese Soluzioni di business per le imprese Esperti in Innovazione Chi siamo SICHEO nasce per volontà di un gruppo di manager con ampia esperienza nel business ICT e nell innovazione Tecnologica applicata ai

Dettagli

Circolarità Anagrafica- Sistema Informativo dell'amministrazione Regionale

Circolarità Anagrafica- Sistema Informativo dell'amministrazione Regionale Circolarità Anagrafica- Realizzazione della piattaforma infrastrutturale regionale Obiettivo dell intervento è la realizzazione della circolarità anagrafica come l insieme delle regole, procedure e applicazioni

Dettagli

EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY

EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY Per Euronics la scelta di intervenire radicalmente sul proprio portale web è frutto di un cambiamento che mette al centro il presidio delle tecnologie

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA Giorgio Munari, d.g. di Arca Vita e Arca Assicurazioni Una rete di agenzie per Arca di Maria Rosa Alaggio Da sempre attiva nella distribuzione di prodotti vita e danni attraverso il canale bancario, oggi

Dettagli

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 1 Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 1.Considerazioni di carattere generale sul documento L analisi

Dettagli

ICT Consultant & Project Management

ICT Consultant & Project Management PROPOSTA DI COLLABORAZIONE GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI COMUNE DI XXXXXXX Nome del Documento: PR01092014XXXXXXX V1.doc Versione: 2 Revisione: 1 Stato: FINALE Autore: Orazio Repetti Data Rilascio: Reggio

Dettagli

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE Milano 26 Gennaio 2015 Intervento Dr. Tommaso De Nicola L attuale scenario legislativo in materia di salute

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com il nuovo modo di concepire il business Una Struttura Globale per la crescita della tua Azienda B.Core sei tu! Il tuo Business in pochi passi B.Core è un associazione in continua evoluzione, completamente

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012

Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi FORUM PA 2012 Soluzioni e Governance IT nell era del Cloud DR to the Cloud. Una risposta al 50-bis? FORUM PA 2012 Roma, venerdì 18 maggio 2012 MATTEO RIGHETTI Ufficio Gestione Sistemi Contenuti Contesto di riferimento

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese

Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Innovazione nella PA, innovazione nel Paese Forum P.A. - 10 maggio 2006 STEFANO PARISI Amministratore Delegato Fastweb S.p.A. Nella mia esperienza precedente ho lavorato nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Gestione Crediti. verso. PA e SSN

Gestione Crediti. verso. PA e SSN Gestione Crediti verso PA e SSN Credit Management Sei ottimi motivi per terziarizzare la gestione dei crediti 6 Per concentrarsi sul core business 1 Per alleggerire i costi fissi 5 Per massimizzare il

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Proposta per la gestione dell informagiovani Premessa Contesto della proposta: tale proposta nasce dalla valutazione dell esigenza della realtà locale di Quistello, di dare nuova veste al Servizio Informagiovani

Dettagli