COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino)"

Transcript

1 COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino) COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 72 DEL Oggetto: CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO ALL'UNIONE "VALLE DEL METAURO" DELLE FUNZIONI RELATIVE ALLA GESTIONE E MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO DEI COMUNI. L'anno duemilatredici, addì sedici del mese di dicembre alle ore 21:00, nella sala delle adunanze consiliari, convocato per determinazione del Sindaco, previ avvisi notificati a norma di legge, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica. Al momento della trattazione dell argomento indicato in oggetto sono presenti ed assenti i Signori: VALERI OLGA P REGINI ROMINA P ROSSI ENRICO P AMBROSINI PAOLO P CONTI GRAZIANO P VICHI FEDERICO A BARTOLI MATTEO P BALDARELLI FRANCESCO A MARIOTTI MICHELE P BARTOLUCCI BEATRICE P VAMPA PATRIZIO P DONNINI WALTER DANIELE ALFONSO MOSCIATTI DIEGO A BERLUTI SIMONE A P BARTOLUCCI KATIA CHRISTELLE LETIZI GIANNI P VERDINI IVALDO P P Assegnati n. 17 Presenti n. 13 In carica n. 17 Assenti n. 4 Risultato che gli intervenuti sono in numero legale: Presiede il Sindaco Signora VALERI OLGA Assiste alla seduta il Segretario Comunale Signora Baldelli Maria Aurelia Scrutatori : LETIZI GIANNI AMBROSINI PAOLO VERDINI IVALDO

2 Sulla proposta della deliberazione hanno espresso parere favorevole come allegato sull originale della presente deliberazione [ ] il responsabile del settore interessato per quanto concerne la regolarità tecnica; [ ] il responsabile del settore finanziario per quanto concerne la regolarità contabile;

3 In prosecuzione: punto 5 dell O.d.g. Relaziona il consigliere Conti Graziano. Apertasi la discussione intervengono i consiglieri Verdini, Bartoli ed il Sindaco. La relazione e gli interventi sono registrati su supporto elettronico per essere successivamente trascritti e conservati, in versione integrale, presso la Segreteria Comunale. ********* PROPOSTA DEL SEGRETARIO COMUNALE Premesso che: - Con le delibere dei Consigli comunali del 08/01/2013, 14/01/2013, 20/12/2012, 02/08/2012 e 27/12/2012 dei Comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara, Serrungarina rispettivamente n. 8, n 3, n. 69 e n. 66 è stato approvato il nuovo statuto dell Unione dei Comuni Valle del Metauro; - In data 28 febbraio 2013 è stato sottoscritto dai Sindaci dei comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina l atto costitutivo rep. Numero 132; - In data 12 marzo 2013 si è formalmente riunito il Consiglio dell Unione per deliberare la convalida degli eletti, l elezioni del presidente del consiglio e la elezione del presidente dell unione e l approvazione degli indirizzi generali di governo; - con delibera n /08/2013 il Consiglio dell Unione ha approvato il Bilancio di previsione per l anno 2013; Dato atto che unitamente allo statuto con le deliberazioni sopra richiamate è stato approvato l allegato A) recante l individuazione dei servizi che l Unione dei comuni è chiamata a gestire e che dal contenuto del suddetto allegato si evince quanto segue: - L Unione esercita, in luogo e per conto dei Comuni partecipanti le seguenti funzioni e servizi: a) Polizia municipale e polizia amministrativa locale; b) Sportello Unico Attività Produttive (SUAP); c) Servizio Tributi; d) Tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici nonché in materia di servizi elettorali e statistici, nell esercizio delle funzioni di competenza statale; e) * Attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi; f) * Catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente; g) *Gestione e manutenzione del patrimonio dei Comuni: a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei Comuni; c). servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri. All atto della sua costituzione l Unione esercita le funzioni e i servizi di cui sopra per i Comuni di seguito indicati, assumendone la relativa titolarità giuridica nei modi e nei termini previsti dalle Convenzioni ex art. 30 TUEL già approvate dai medesimi Comuni come di seguito riportato: DELIBERA DI CONSIGLIO n. 72 del Pag. 3 - COMUNE DI CARTOCETO

4 funzioni e/o servizi di cui alle lettere b), c), e)*, f)* e g)* : Comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina funzioni e/o servizi di cui alla lettera a): Comuni di Montemaggiore al Metauro, Saltara, Serrungarina; funzioni e/o servizi di cui alla lettera d): Comuni di Saltara e Serrungarina Il funzionamento delle funzioni e dei servizi contrassegnate con asterisco (*) verrà meglio disciplinato da una apposita deliberazione degli organi esecutivi dei rispettivi Enti per un definitivo dettaglio. La deliberazione è corredata della proposta di dotazione delle risorse umane adeguate per rispondere al fabbisogno di competenze tecniche e professionali necessarie per lo svolgimento efficace delle funzioni e dei compiti assegnati all' unione. I singoli Enti aderenti alla convenzione, su proposta dell' Unione stessa, approvano il disciplinare per la gestione convenzionata del singolo servizio, il relativo piano economico organizzativo e la struttura organizzativa preposta. Dato atto ancora che: - gli uffici competenti si sono più volte incontrati al fine di definire le modalità di effettivo avvio della funzione relativa alla Gestione e manutenzione del patrimonio dei Comuni: a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei Comuni; c). servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri. - i vari responsabili del settore lavori pubblici hanno elaborato per ciascun comune uno studio di fattibilità contenente: - l attuale modalità di gestione; - Le risorse umane (personale in servizio e relative mansioni) e strumentali (attrezzature, automezzi, ecc) dei singoli comuni. Considerate le risultanze delle suddette riunioni nell ambito delle quali è stata elaborata - come previsto nel citato allegato A) allo statuto - una proposta di deliberazione relativa al funzionamento del servizio Gestione e manutenzione del patrimonio dei Comuni limitatamente alle lettere a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa e c) servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri, limitatamente a: - gestione attività amministrativa relativa alla concessione di loculi e campi di inumazione, rapporti con il gestore del servizio e autorità sanitaria; - servizio di tumulazione, estumulazione, inumazione, esumazione, traslazione e riduzione di salma. Considerato opportuno, al fine di consentire una congrua fase di

5 sperimentazione dei modelli organizzativi e gestionali, rinviare ad una successiva deliberazione della Giunta l effettivo esercizio del servizio previsto alla lettera b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei Comuni ; Visto l art. 1 c. 4 dello Statuto dell Unione dei comuni Valle del Metauro che in merito all ubicazione degli uffici così dispone: 4 La sede operativa dell Unione è presso il comune di Montemaggiore al Metauro. Gli uffici possono situarsi anche in sedi diverse, ma ricomprese nell ambito del territorio dell Unione ; Visto l art. 32 del TUEL; Visto lo statuto dell Unione Valle del Metauro; P R O P O N E 1- Di dare atto che l unione Val Metauro assumerà la gestione del servizio Gestione e manutenzione del patrimonio dei Comuni: a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei Comuni; c). servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri con riferimento alle lettere a) e b), limitatamente a ricevimento, tumulazione, estumulazione, inumazione, esumazione; traslazione e riduzione di salma ; 2- Di approvare a tal fine l allegata documentazione tesa a disciplinare nel dettaglio il funzionamento del servizio; 3- Di dare atto che in fase di avvio si procederà alla gestione e manutenzione del patrimonio dei Comuni lettere a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa e c) servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri, limitatamente a: gestione attività amministrativa relativa alla concessione di loculi e campi di inumazione, rapporti con il gestore del servizio e autorità sanitaria; servizio di tumulazione, estumulazione, inumazione, esumazione, traslazione e riduzione di salma.; 4- Di rinviare, al fine di consentire una congrua fase di sperimentazione dei modelli organizzativi e gestionali, ad una successiva deliberazione della Giunta l effettivo esercizio del servizio previsto alla lettera b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei Comuni ed il completamento del servizio indicato alla lettera c). DELIBERA DI CONSIGLIO n. 72 del Pag. 5 - COMUNE DI CARTOCETO

6 Inoltre, stante la necessita e l urgenza P R O P O N E Di rendere immediatamente eseguibile la presente delibera ai sensi dell'articolo 134-4^ comma del D.Lgs. 267/2000. IL CONSIGLIO COMUNALE UDITA la relazione del consigliere Conti Graziano; VISTA la proposta di deliberazione sopra riportata; Presenti n. 13 Astenuti n. 2 (Donnini, Bartolucci Beatrice) Votanti n. 11 Con voti favorevoli n. 11 espressi per alzata di mano; D E L I B E R A 1- Di approvare la proposta sopra riportata concernente CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO ALL'UNIONE "VALLE DEL METAURO" DELLE FUNZIONI RELATIVE ALLA GESTIONE E MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO DEI COMUNI. Inoltre il Consiglio Comunale, stante la necessità e l urgenza; Presenti n. 13 Astenuti n. 2 (Donnini, Bartolucci Beatrice) Votanti n. 11 Con voti favorevoli n. 11 espressi per alzata di mano; D E L I B E R A Di dichiarare immediatamente eseguibile la presente delibera ai sensi dell art ^ comma del D.Lgs. 267/2000.

7 CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO ALL' UNIONE VALLE DEL METAURO DA PARTE DEI COMUNI DI CARTOCETO, MONTEMAGGIORE AL METAURO, SALTARA E SERRUNGARINA DELLE SEGUENTI FUNZIONI IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI: GESTIONE E MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO DEI COMUNI: A) PUBBLICA ILLUMINAZIONE, SEGNALETICA LUMINOSA; B) STRADE, VERDE PUBBLICO, EDIFICI ED OGNI ALTRO BENE FACENTE PARTE DEL PATRIMONIO DEI COMUNI; C). SERVIZI CIMITERIALI, MANUTENZIONE E GESTIONE CIMITERI. L anno, il giorno del mese di in Saltara (PU), presso il municipio, sede dell unione Valle del Metauro, con la presente convenzione da valersi per ogni conseguente effetto di legge TRA -, la quale interviene nel presente atto in qualità di.. del Comune di Cartoceto (PU), ove è domiciliata per la carica, esclusivamente in nome, per conto e nell'interesse del Comune che rappresenta. C.F..., ed in esecuzione della Deliberazione del Consiglio Comunale n. del, dichiarata immediatamente eseguibile; -, la quale interviene nel presente atto in qualità di.. del Comune di Montemaggiore al Metauro (PU), ove è domiciliata per la carica, esclusivamente in nome, per conto e nell'interesse del Comune che rappresenta. C.F..., ed in esecuzione della Deliberazione del Consiglio Comunale n. del, dichiarata immediatamente eseguibile; -, la quale interviene nel presente atto in qualità di.. del Comune di Saltara (PU), ove è domiciliata per la carica, esclusivamente in nome, per conto e nell'interesse del Comune che rappresenta. C.F..., ed in esecuzione della Deliberazione del Consiglio Comunale n. del, dichiarata immediatamente eseguibile; -, la quale interviene nel presente atto in qualità di.. del Comune di Serrungarina (PU), ove è domiciliata per la carica, esclusivamente in nome, per conto e nell'interesse del Comune che rappresenta. C.F..., ed in esecuzione della Deliberazione del Consiglio Comunale n. del, dichiarata immediatamente eseguibile; -, la quale interviene nel presente atto in qualità di.. dell Unione dei comuni Valle del Metauro (PU), ove è domiciliata per DELIBERA DI CONSIGLIO n. 72 del Pag. 7 - COMUNE DI CARTOCETO

8 la carica, esclusivamente in nome, per conto e nell'interesse del Comune che rappresenta. C.F..., ed in esecuzione della Deliberazione del Consiglio Comunale n. del, dichiarata immediatamente eseguibile; Premesso che: - Con le delibere dei Consigli comunali del 08/01/2013, 14/01/2013, 20/12/2012, 02/08/2012 e 27/12/2012 dei Comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara, Serrungarina rispettivamente n. 8, n 3, n. 69 e n. 66 è stato approvato il nuovo statuto dell Unione dei Comuni Valle del Metauro; - In data 28 febbraio 2013 è stato sottoscritto dai Sindaci dei comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina l atto costitutivo rep. Numero 132; - In data 12 marzo 2013 si è formalmente riunito il Consiglio dell Unione per deliberare la convalida degli eletti, l elezioni del presidente del consiglio e la elezione del presidente dell unione e l approvazione degli indirizzi generali di governo; - che unitamente allo statuto con le deliberazioni sopra richiamate è stato approvato l allegato A) recante l individuazione dei servizi che l Unione dei comuni è chiamata a gestire e che dal contenuto del suddetto allegato si evince quanto segue: "L Unione esercita, in luogo e per conto dei Comuni partecipanti le seguenti funzioni e servizi: h) Polizia municipale e polizia amministrativa locale; i) Sportello Unico Attività Produttive (SUAP); j) Servizio Tributi; k) Tenuta dei registri di stato civile e di popolazione e compiti in materia di servizi anagrafici nonché in materia di servizi elettorali e statistici, nell esercizio delle funzioni di competenza statale; l) * Attività, in ambito comunale, di pianificazione di protezione civile e di coordinamento dei primi soccorsi; m) * Catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente; n) *Gestione e manutenzione del patrimonio dei Comuni: a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei Comuni; c). servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri. All atto della sua costituzione l Unione esercita le funzioni e i servizi di cui sopra per i Comuni di seguito indicati, assumendone la relativa titolarità giuridica nei modi e nei termini previsti dalle Convenzioni ex art. 30 TUEL già approvate dai medesimi Comuni come di seguito riportato: funzioni e/o servizi di cui alle lettere b), c), e)*, f)* e g)* : Comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina funzioni e/o servizi di cui alla lettera a): Comuni di Montemaggiore al Metauro, Saltara, Serrungarina;

9 funzioni e/o servizi di cui alla lettera d): Comuni di Saltara e Serrungarina Il funzionamento delle funzioni e dei servizi contrassegnate con asterisco (*) verrà meglio disciplinato da una apposita deliberazione degli organi esecutivi dei rispettivi Enti per un definitivo dettaglio. La deliberazione è corredata della proposta di dotazione delle risorse umane adeguate per rispondere al fabbisogno di competenze tecniche e professionali necessarie per lo svolgimento efficace delle funzioni e dei compiti assegnati all' unione. I singoli Enti aderenti alla convenzione, su proposta dell' Unione stessa, approvano il disciplinare per la gestione convenzionata del singolo servizio, il relativo piano economico organizzativo e la struttura organizzativa preposta. - che i comuni aderenti all Unione dei comuni Valle del Metauro intendono dare attuazione alla volontà espressa dai vari Consiglio comunali; Tra i sottoscritti comparenti Comune di Cartoceto Comune di Montemaggiore al Metauro Comune di Saltara Comune di Serrungarina Unione Valle del Metauro Si stipula la seguente Convenzione TUTTO CIO PREMESSO Art. 1 Premessa 1) La premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto. Art. 2 Oggetto 1) La presente Convenzione disciplina il trasferimento all' Unione Valle del Metauro delle seguenti funzioni in materia di lavori pubblici: gestione e manutenzione del patrimonio dei comuni: a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei comuni; c) servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri; e) fognature per acque meteoriche. 2) I Comuni di Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Saltara e Serrungarina trasferiscono pertanto, con la tempistica individuata dall articolo 4, all'unione dei Comuni "Valle del Metauro", che accetta, le suddette funzioni. Art. 3 Finalità 1) La gestione associata delle funzioni sopra richiamate, intende perseguire obbiettivi di economicità, efficienza ed efficacia dell amministrazione, miglioramento dei servizi finali, standardizzazione territoriale dei regolamenti e modalità gestionali, valorizzazione e sviluppo delle professionalità degli operatori pubblici. 2) In particolar modo i comuni associati, attraverso l Unione dei comuni intendono costruire un graduale processo di costruzione del sistema locale di DELIBERA DI CONSIGLIO n. 72 del Pag. 9 - COMUNE DI CARTOCETO

10 gestione e manutenzione del patrimonio - (a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei comuni; c) servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri ed in particolare tendono a: - costruire un modello territoriale sovracomunale di organizzazione e gestione e manutenzione del patrimonio. - studiare le problematiche del territorio comprensoriale pianificando attività complessive di manutenzione e gestione; - censire le risorse umane e strumentali disponibili che possono essere utili per le esercizio della funzione; - garantire l attività di coordinamento tra i vari soggetti partecipanti sfruttando al massimo le risorse presenti; - programmare il fabbisogno di beni e servizi per assicurare la gestione associata; - definire le modalità di utilizzo dei mezzi e delle attrezzature comuni; - gestire in unitariamente le procedure di esternalizzazione dei servizi trasferiti e quelle relative all acquisto dei beni e servizi strumentali (formazione, assicurazioni, dotazioni, mezzi, ecc). Art. 4 Funzioni trasferite e ambito di intervento 1) Rientrano nei compiti dell Unione nell ambito della gestione e manutenzione del patrimonio dei comuni: a) pubblica illuminazione, segnaletica luminosa; b) strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei comuni; c) servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri ; e) fognature per acque meteoriche. 2) In fase di avvio si stabilisce di procedere alla gestione associata limitatamente ai seguenti servizi: a) Pubblica illuminazione, segnaletica luminosa. E facoltà dei singoli Enti di attuare interventi di miglioramento ed efficientamento energetico degli impianti di pubblica illuminazione, compresa la sostituzione della tecnologia attualmente installata (ad es: l installazione di accenditori elettronici, di lampade a led, ecc.). c) Servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri limitatamente a: - gestione dell attività amministrativa, relativa alla concessione di loculi e campi di inumazione, rapporti con il gestore del servizio e autorità sanitaria, compresi, altresì, la tenuta e l aggiornamento dei registri cimiteriali e le banche dati cimiteriali dei singoli Enti; - servizio di tumulazione, estumulazione, inumazione, esumazione, traslazione e riduzione di salma e comunque tutte le operazioni relative alle opere murarie/necroscopiche da effettuare nei cimiteri. 3) Dopo una fase di sperimentazione la Giunta dell Unione su proposta del Responsabile del settore competente provvederà a deliberare l avvio della gestione anche relativamente alla lettera b) recante strade, verde pubblico, edifici ed ogni altro bene facente parte del patrimonio dei comuni ed al completamento dei servizi elencati nella lettera c). Servizi cimiteriali, manutenzione e gestione cimiteri. Art. 5 Sede degli uffici 1) Si richiama integralmente quanto previsto dall articolo 1 dello Statuto. Art. 6 Decorrenza e durata della Convenzione 1) La presente Convenzione decorre dalla data della sua sottoscrizione ed ha

11 durata pari a quella dell'unione di Comuni denominata "Valle del Metauro. Art. 7 Dotazione organica 1) La dotazione organica necessaria per lo svolgimento delle funzioni trasferite verrà definita dalla Giunta dell Unione con apposito provvedimento nel rispetto della normativa vigente. 2) Nella fase di avvio, lo svolgimento delle funzioni e dei servizi trasferiti all Unione sarà garantito con personale dei Comuni, la cui consistenza è definita nell allegato A), assegnato in comando, anche part-time, all Unione. Il rapporto funzionale del personale comandato farà capo all Unione mentre la titolarità del rapporto di lavoro resterà in capo all Ente che ha disposto il comando. La dotazione organica così come individuata nell allegato sopra richiamato sarà oggetto di verifica in ordine alla adeguatezza trascorso entro il primo anno a decorrere dall avvio della gestione associata. 3) L Unione potrà avvalersi di altro personale assunto direttamente nelle varie forme consentite dalla legge o, nei limiti previsti dalla legge, mediante sottoscrizione di contratti di lavoro autonomo. Art. 8 Beni strumentali 1) I Comuni costituenti l Unione potranno conferire in comodato alla medesima beni mobili, arredi, attrezzature tecniche ed informatiche da utilizzare per la gestione dei servizi oggetto della presente Convenzione. I beni mobili, gli arredi, le attrezzature tecniche ed informatiche di cui al precedente comma, in caso di scioglimento dell Unione o revoca delle funzioni, ritornano nella piena disponibilità dell Ente proprietario. Art. 9 Rapporti finanziari tra i Comuni e l Unione e ripartizione delle spese 1) Relativamente alla pubblica illuminazione ed alla segnaletica luminosa (considerando punti luce anche ciascuna lampada all interno di lanterna semaforica) le spese complessive di manutenzione ordinaria, esclusa l energia elettrica, comprensive del personale utilizzato, dell acquisto beni e servizi, dei noli e della manutenzione delle risorse strumentali (così come elencate e valutate dalla Conferenza dei Responsabili degli uffici tecnici dei comuni aderenti nell allegato B) e del relativo ammortamento, saranno ripartite, sulla base degli effettivi interventi effettuati in ciascun comune ed appositamente rendicontati. Successivamente si valuterà la possibilità di ripartire le suddette spese proporzionalmente, in base ai punti luce ed ai costi medi sostenuti da ciascun comune aderente alla convenzione. 2) Relativamente ai servizi cimiteriali le spese complessive relative a ricevimento, tumulazione, estumulazione, inumazione, esumazione, traslazione e riduzione di salma saranno ripartite in base alle operazioni effettivamente erogate ed il costo del personale in base al numero di operazioni. Il costo del personale comandato per la parte amministrativa sarà ripartito proporzionalmente al numero di abitanti di ciascun comune. 3 I criteri di riparto delle spese così come sopra riportati saranno oggetto di adeguata sperimentazione e verifica in ordine alla loro adeguatezza entro un anno dall avvio della gestione associata. Art Periodicità e contenuti delle informazioni da fornire ai comuni. 1) Con periodicità semestrale il Responsabile del Settore, appositamente DELIBERA DI CONSIGLIO n. 72 del Pag COMUNE DI CARTOCETO

12 individuato, fornirà alla Giunta dell Unione appositi report in relazione all andamento della gestione, alla adeguatezza delle risorse umane e strumentali disponibili e all andamento dei costi. Art. 11 Recesso - Revoca del conferimento di funzioni 1) È possibile recedere dalla presente Convenzione mediante comunicazione da effettuarsi entro il 30 ottobre di ogni anno e valevole a partire dall anno successivo, fermo restando gli obblighi assunti con la sottoscrizione della Convenzione. 2) In caso di recesso di tutti i comuni verranno applicate le procedure previste all'art. 9 comma 6 dello Statuto. Art. 12 Controversie 1) La risoluzione di eventuali controversie che possono sorgere tra Comuni e Unione, anche in caso di difforme e/o contrastante interpretazione della presente Convenzione, deve essere ricercata prioritariamente in via bonaria. Art. 13 Rinvio 1) Per quanto non espressamente previsto nella presente Convenzione si rimanda a specifiche intese di volta in volta raggiunte tra le Amministrazioni Comunali e l Unione, con adozione, se ed in quanto necessario, di atti appositi da parte degli organi competenti, nonché allo Statuto dell Unione, al Codice Civile ed alla normativa vigente. 2) I Comuni di Montemaggiore al Metauro e Serrungarina si impegnano a gestire insieme anche i rimanenti servizi e funzioni individuate dal legislatore come obbligatori, eventualmente integrando la presente intesa in una convenzione che ricomprenda tutta la relativa funzione così come individuate dall art.. 14, comma 28 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dall art.1,c.1, della Legge 122/2010 come successivamente modificato ed integrato dall art.19 del D.L. 95//2012 convertito nella legge n. 135/2012. Art. 14 Norme transitorie 1) Fino a quando l Unione dei comuni valle del Metauro non avrà adottato il proprio regolamento sui servizi cimiteriali, si continueranno ad applicare per ogni cimitero i regolamenti dei comuni di competenza. Analogamente sino all approvazione delle tariffe per i servizi cimiteriali dell Unione troveranno applicazione quelle in vigore presso ciascun comune. Art. 15 Forma e registrazione 1) La presente scrittura privata gode dell esenzione del bollo ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, Allegato B, art. 16 e del decreto ministeriale 20 agosto 1992, mentre non vi è obbligo di chiedere la registrazione ai sensi del comma 1 della Tabella Atti per i quali non vi è obbligo di chiedere la registrazione allegata al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n Letto, approvato e sottoscritto Per il Comune di Cartoceto

13 Per il Comune di Montemaggiore al Metauro Per il Comune di Saltara Per il Comune di Saltara Per l Unione dei Comuni Valle del Metauro ALLEGATO A : ORGANIGRAMMA SERVIZI SERVIZIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE E SEGNALETICA LUMINOSA 1 Responsabile del Settore qualifica: funzionario - categoria giuridica D1 12 ore medie mensili Servizio Tecnico: qualifica: istruttore amministrativo - categoria giuridica C1 6 ore medie mensili qualifica: Elettricista - categoria giuridica B3 72 ore medie mensili Ogni comune in base agli interventi effettuati metterà a disposizione un operaio per coadiuvare l elettricista. SERVIZI CIMITERIALI 1 Responsabile del Settore qualifica: funzionario - categoria giuridica D1-4 ore medie mensili Servizio amministrativo: qualifica: istruttore/addetto amministrativo - categoria giuridica C1/B3-6 ore settimanali ALLEGATO B): ELENCO E VALUTAZIONE DELLE RISORSE STRUMENTALI Camion attrezzato con piattaforma aerea del comune di Cartoceto Costo orario per il nolo a freddo (tutto compreso escluso il conducente) 20 euro / orari. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 72 del Pag COMUNE DI CARTOCETO

14 Il presente verbale, salva l ulteriore lettura e sua definitiva approvazione nella prossima seduta, viene sottoscritto come segue: IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Dott.ssa Baldelli Maria Aurelia IL SINDACO F.to VALERI OLGA PUBBLICAZIONE La presente deliberazione è pubblicata, in data odierna, per rimanervi per quindici giorni consecutivi nel sito Web istituzionale di questo Comune accessibile al pubblico (Art. 32, comma 1, della legge 18 giugno 2009 n. 69). Cartoceto, li IL FUNZIONARIO INCARICATO F.to DOTT. VINELLA CASTIRO CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE ED ESECUTIVITA La presente deliberazione: E stata pubblicata sul sito Web istituzionale di questo Comune per quindici giorni consecutivi dal al , come prescritto dall art. 124, comma 1^, del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, senza reclami. - E divenuta esecutiva il giorno ; [ ] perché dichiarata immediatamente eseguibile (Art. 134, comma 4); [ ] perché decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (Art. 134 comma 3). Cartoceto, li IL FUNZIONARIO INCARICATO F.to DOTT. VINELLA CASTIRO E copia conforme all originale da servire per uso amministrativo. Cartoceto, lì IL FUNZIONARIO INCARICATO DOTT. VINELLA CASTIRO

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli