Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione"

Transcript

1 Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione Bruno Salomoni Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) Elvio Tasso Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) Antonino Mola Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) SOMMARIO In questo documento è presentato il modello di riferimento con il quale, la interviene per realizzare iniziative di sviluppo tecnologico come leva per promuovere la competitività dei territori. Il modello si basa sulle seguenti componenti: 1. la definizione di un processo ricorsivo di sviluppo denominato CICLO DELL'INNOVAZIONE; 2. l'individuazione di specifiche azioni di sviluppo orientate a incidere sulle 3 componenti tecnologiche di base (IT TLC e Media) denominate nel loro complesso AREE DI INNOVAZIONE; 3. la scelta di un metodo di sviluppo basato sulla priorità della centralità del territorio e delle sue comunità denominato SVILUPPO APERTO, PARTECIPATO E CONDIVISO; 4. l'orientamento dell'organizzazione regionale e delle azioni di sviluppo in un'ottica di sostenibilità nell'erogazione dei servizi e di supporto al territorio oltre la fase progettuale denominate METODOLOGIA DEI SERVIZI E ORGANIZZAZIONE PER LABORATORI; 5. l'individuazione di un modello organizzativo di sviluppo delle progettualità basato sull'inclusione delle forze del territorio denominato INCLUSIONE LOCALE; 2. INTRODUZIONE Il modello è stato sviluppato nel corso degli ultimi tre anni sulla base dell'esperienza di sviluppo di progetti di e-government che hanno consentito una reale ricaduta in termini di trasferimento tecnologico al territorio e, in concreto, nell' erogazione di servizi al cittadino. Tra questi progetti citiamo: MyPortal: il portale dei servizi al cittadino e all'impresa diffuso in circa 120 Enti Locali; Ve2Ci e CiTv: per la sperimentazione della piattaforma digitale terrestre e della piattaforma di gestione dei contenuti multimediali Nessuno Escluso e Larga Banda: per la sperimentazione della convergenza tecnologica dei segnali audiovisivi e la diffusione della larga banda. Questi progetti, inizialmente, realizzati nel territorio della provincia di Belluno nell'ambito di due diversi programmi (Includendo e Diffondendo) hanno consentito a, grazie anche al contributo di importanti Università (Cà Foscari di Venezia, SDA Bocconi di Milano, Venice International University), di individuare un'insieme di processi e buone pratiche utili a rendere ripetibile l'esperienza. E' nato così il modello di promozione della società dell informazione che si sta riproponendo su altri territorio del Veneto. Di seguito, si descriveranno più dettagliatamente le componenti del modello. 3. IL CICLO DELL'INNOVAZIONE Il modello per la realizzazione di attività di promozione dei territori tramite le tecnologie ICT, qui ipotizzato, si può scomporre in due macro fasi: la fase di sviluppo e la fase di servizio. La fase di sviluppo si riferisce a quelle attività che individuano la scelta e la realizzazione tecnica del progetto da attuare. Si compone essenzialmente di due sottofasi: preliminare e di attuazione. Nella prima vengono individuati i processi che portano alla definizione e alla scelta delle progettualità da sviluppare, nella seconda vengono individuati i processi per un corretto sviluppo dei progetti. In quest ultima fase si prendono a riferimento gli standard per la conduzione dei progetti del Project Management Institute (PMI).

2 Spesso i progetti di innovazione tecnologica sono particolarmente orientati alla realizzazione della migliore tecnologia. A volte si sottovaluta la sostenibilità degli stessi progetti con la conseguenza di avere, magari degli ottimi prodotti, ma difficilmente utili o utilizzabili. La fase di servizio, cerca di affrontare questo tema, indagando i processi e le attività necessarie a garantire la prosecuzione e lo sviluppo del progetto nella fase successiva alla realizzazione. (sostenibilità). La fase di servizio si compone due sottofasi: gestione e sviluppo. In questa macro fase vengono prese a riferimento le linee guida dell Information Tecnology Infrastructure Library (ITIL) Fase di sviluppo Preliminare Attuazione Gestione Sviluppo - Strategie Linee guida e di di indirizzo - Politiche Piano strategico e azioni - Proposte - Scelte La sottofase preliminare Fasi e sottofase di preliminare In questa sottofase si individuano i processi necessari gestire il passaggio dell ipotesi realizzativi a progetto concreto. Partendo da un analisi e dalle diffusione delle strategie e delle politiche regionali, nazionali ed europee si promuove l indagine e l approfondimento delle tematiche di riferimento. Seguono le attività che portano dalla prima rappresentazione della soluzione al bisogno da soddisfare. Si arriva quindi a individuare i processi che portano alla scelta da parte degli organi competenti del progetto da realizzare per raggiungere gli obiettivi condivisi. Output di questa attività di proposta è la condivisione degli obiettivi di fondo dell ipotesi progettuale prima di passare al coinvolgimento dei principali attori e infine alla definizione tecnica ed economica della soluzione. Tutti questi elementi dovrebbero essere sufficientemente indagati per consentire ai decisori di dare il via libera all iniziativa. La sottofase di attuazione Fase di servizio (esercizio) La fase di attuazione ha inizio una volta accettati da parte degli stakeholder e degli sponsor, gli obiettivi di fondo del progetto (scopo), i tempi realizzativi, la qualità del prodotto o dei prodotti da sviluppare, le risorse necessarie. Nella descrizione di questo processo si fanno riferimento agli standard PMI per la gestione di progetti. La realizzazione dei progetti è spesso legata a progettualità concorrenti al raggiungimento di un obiettivo territoriale più ampio. Il progetto viene cioè inserito in un quadro di azioni concorrenti chiamato programma con il quale si tende a incidere su più aree di innovazione (IT, TLC, MEDIA). La sottofase di gestione Una volta che il progetto si è concluso con buona soddisfazione degli sponsor, degli stakeholder, e degli utenti, i prodotti frutto del processo realizzativo vanno trasferiti in produzione. Il termini qui utilizzato non si riferisce alla fase, tipica di un processo di produzione sw, dove dopo una fase di analisi, progettazione, test, si passa l applicazione in produzione. In questo ambito il termine è molto più esteso e riguarda l applicazione del piano di sostenibilità che deve essere previsto nella fase di sviluppo del progetto. Si tratta cioè della formalizzazione degli obiettivi, dei processi, delle responsabilità, delle risorse necessarie a portare avanti l iniziativa e consentirne un proficuo sviluppo. La sottofase di sviluppo del servizio La sottofase in questione, riguarda quelle attività di studio e analisi degli impatti del servizio e di ascolto dei bisogno dell utenza che trae vantaggio dai prodotti e dalle attività (servizi) erogati. E una sottofase che ha stretta correlazione con la fase preliminare avendo come principali obiettivi: quello di migliorare il servizio e quello di valutare l impatto del progetto rispetto alle attese delle strategie individuate e delle scelte politiche adottate nel loro complesso più ampio. Fase di sviluppo Fase di servizio (esercizio) Preliminare Attuazione Gestione Sviluppo - Bisogni - Condivisione - Proposta - Scelta - Attuazione Fase di esercizio sottofase di sviluppo 4. LE AREE DI INNOVAZIONE Nella precedente sezione abbiamo esemplificato un sistema che negli intendimenti dovrebbe mirare a un ciclo di sviluppo ricorsivo capace di garantire continuo miglioramento delle azioni di trasferimento tecnologico. In questa sezione invece, vogliamo illustrare non solo su quale logica ma anche su quali componenti tecnologiche è mirata la nostra azione. Per quanto riguarda le iniziative di trasferimento tecnologico, il modello si basa su tre distinte linee d azione: IT, TLC, Media. Trasferire information tecnology, nel contesto dell agire del modello, significa puntare a progetti di

3 infrastrutturazione di sistemi sui quali far crescere la capacità della comunità degli enti territoriali di erogare servizi in grado di soddisfare specifiche esigenze dei cittadini. Si cerca con questo, non di realizzare semplicemente un prodotto o un servizio, ma di mettere in grado il territorio di capire qual è l esigenza che si intende soddisfare in ragione della capacità del territorio stesso di sostenere i risultati del progetto anche a conclusione delle fasi di realizzazioni. La capacità di erogare servizi e i relativi sistemi che consentono questa attività non sono tuttavia sufficienti se non si accompagna a questa azione, una corrispondente verifica delle capacità del territorio di offrire infrastrutture tecnologiche di telecomunicazione in grado di veicolare i nuovi prodotti e i servizi che ne derivano. Vengono quindi previste, nell ambito del modello azioni di analisi del territorio e la predisposizione, dove possibile e necessario, di opportune progettualità tese all infrastrutturazioni di reti TLC. Il ciclo tecnologico si integra mediante lo sviluppo, oltre della parte di servizi (IT) e di infrastrutture abilitanti (TLC), anche di specifiche azioni tese a produrre contenuti (MEDIA) capaci di stimolare la domanda e quindi il reale utilizzo e ritorno economico dei sistemi di erogazione dei servizi. 5. SVILUPPO APERTO PARTECIPATO E CONDIVISO Nelle precedenti sezioni abbiamo avuto modo di illustrare la logica (ciclo di innovazione) e su quali settori (aree di innovazione) si basa il nostro modello. Il tema proposto in questa sezione si riferisce al come e si basa sull idea che trasferire innovazione su un territorio sia per prima cosa rapportarsi con le comunità locali di cittadine e imprese. IL modello individua un insieme di comunità con le quali, in un ottica di promozione della società dell informazione, si è ritenuto necessario sviluppare prioritariamente un sistema di relazioni, di interscambio, di confronto per definire e pianificare le politiche di sviluppo locale. Lo sviluppo, in questo senso, viene progettato ispirandosi a tre principi guida: Sviluppo aperto: le tecnologie alle quali si rivolge per le azioni di trasferimento sono prioritariamente aperte ovvero individuate in quella filiera tecnologica che sviluppa le proprie azioni avendo a riferimento modelli di condivisione e di inclusione della conoscenza. L esempio più famoso riguarda i prodotti sw a codice aperto (open source). Sviluppo partecipato: la partecipazione, in questo modello, viene intesa come strumento essenziale per sviluppare azioni che siano in grado di includere fattivamente le comunità locali come principale garanzia di successo e di continuità dell azione di innovazione. Sviluppo condiviso: la partecipazione non risulta sufficiente se non viene accompagnata da una convinta adesione alle iniziative di trasferimento tecnologico, frutto essenzialmente del processo di confronto e accoglimento delle istanze locali. Di seguito viene illustrato il sistema delle comunità. Il sistema dell Mantainer (sviluppo) Nell idea di inclusione risulta fondamentale la figura di un che svolga il ruolo di promotore delle politiche di sviluppo locale. In maniera particolare, nel modello questo ruolo viene ricoperto dalla nella competenza specifica della Direzione Stakeholder Operatori Sviluppatori Mantainer Il sistema delle comunità Sistema Informatico. Il modello prevede un ruolo di sviluppo delle progettualità di innovazioni in una logica di stretta integrazione con le realtà locali. Tuttavia, l azione regionale, non si limita all inclusione, analisi, finanziamento, progettazione, realizzazione delle opere ma viene inoltre sviluppato un sistema (laboratori) di supporto dei territori capace di garantire non solo il continuo miglioramento dei prodotti sviluppati ma anche una continua assistenza ai gestori locali. Il sistema degli stakeholders L individuazione e la realizzazione di un sistema permanente di relazioni e di confronto con le principali figure, singole persone, autorità o associazioni del territorio interessate alle dinamiche di innovazione risulta evidentemente fondamentale. E importante quindi individuare un luogo strutturato (Comitato dell innovazione) di analisi, confronto e scelta delle politiche di sviluppo del territorio. Il sistema delle imprese Gestore Utenti Promuovere la competitività del territorio attraverso il trasferimento di tecnologie innovative che possano rappresentare concrete occasioni di sviluppo non può non vedere tra gli attori principali di queste politiche le imprese del territorio. Il nostro intervento si propone quindi di individuare momenti specifici attraverso i quali

4 animare il tessuto imprenditoriale locale attraverso concrete azioni (ad es. premio sullo sviluppo) capaci di individuare possibili occasioni di business. Il sistema dell gestore L azione di promozione dello sviluppo tecnologico ha per sua definizione un ciclo di vita che si conclude con il rilascio dei prodotti, delle opere e dei modelli di sostenibilità dell innovazione. Dopo questa fase è quindi necessario che il risultato dell agire delle politiche di sviluppo sia fatto proprio dal territorio che deve condurre le azioni necessarie a continuare nelle attività di gestione. IL modello, di conseguenza promuove la realizzazione dei progetti di innovazione partendo dall individuazione del modello di sostenibilità a cui deve essere associato l individuazione della realtà organizzativa che si prenderà in carico la gestione degli interventi una volta realizzati. Il sistema degli operatori Le varie azioni sviluppate a livello locale producono risultati che, in ottemperanza al modello individuato, non sono progettati per rimanere di stretto appannaggio del territorio dove sono stati realizzati. In un ottica di riuso, questi risultati vengono inseriti a portafoglio del sistema di innovazione regionale e riproposti in altri ambiti territoriali interessati. Questo principio trova una sua concreta realizzazione nell ambito della comunità degli operatori locali. Si tratta di azione che mirano a creare e promuovere relazioni permanenti tra imprese locali interessate alle tecnologie sviluppate nei progetti di trasferimento tecnologico e le altre comunità individuate dal modello. Lo scopo è di fornire al tessuto imprenditoriale, una possibile 'occasione per sviluppare prodotti e servizi basando il modello di business non su prodotti a codice chiuso e proprietario ma su codice aperto. Il sistema dell' Mantainer garantisce agli operatori locali (imprese) una diffusione e una visibilità dei prodotti realizzati, a livello almeno regionale su tutto il sistema della PAL Veneta. Si tende così a promuovere un sistema che potrebbe rappresentare un importante volano di conoscenze e risorse utili allo sviluppo dei prodotti e di conseguenza dell'innovazione. 6. METODOLOGIA DEI SERVIZI E ORGANIZZAZIONE PER LABORATORI L azione orientata ad intervenire nei territori con una forte azione di connessione alle istanze locali descritta sopra è orientata a una logica di sostenibilità locale dei prodotti e servizi sviluppati nei progetti di promozione della società dell informazione. In questa sezione, si illustra il metodo con il quale i risultati dei progetti sono inseriti nel contesto organizzativo della Direzione Sistema Informatico della per garantire la continuità dell erogazione dei servizi realizzati e il supporto al territorio. I progetti che vengono proposti passano alla fase di attuazione una volta che si è individuato lo scopo e l locale sulla base di una metodologia illustrata sommariamente nella sezione successiva. Con questo, si cerca di realizzare lo sviluppo di una serie di prodotti capaci di essere utilizzati per erogare servizi innovativi e concretamente utile ai cittadini e/o all'impresa. Inoltre, il progetto superata la fase preliminare del nostro ciclo di innovazione, se viene progettato in un'ottica integrata con le altre azioni di promozione della società dell informazione già realizzate o in corso di realizzazione. I risultati di queste azioni, inoltre vengono sempre progettati per essere di vantaggio non solo del territorio con il quale si sviluppa il progetto ma anche a favore degli altri territori del Veneto e in generale del sistema della PA. Gli strumenti su cui si basa questa linea operativa sono una metodologia di riferimento (ITIL) e uno strumento organizzativo che va sotto il nome di laboratorio. Metodologia (ITIL) Il modello di riferimento per lo sviluppo della società dell'informazione si basa dal punto di vista metodologica sulle linee guida definite nel framework ITIL (IT Infrastructure Library). Come noto, la filosofia ITIL adotta un approccio process-driven nella gestione dei sistemi IT. Le linee guida ITIL forniscono al modello un approccio metodologico strutturato che consente, in tutto il ciclo di innovazione, di impostare la nostra azione orientando il risultato a un'ottica di erogazione di servizio. Questo implica, già in fase preliminare, sviluppare l'ideazione partendo dal presupposto di quali servizi realizzare per quali gruppi di interesse e su quali basi possono essere sostenuti nella successiva fase di gestione. Un approccio che si arricchisce dello schema organizzativo dei laboratori pensati come contenitori di prodotti, competenze, metodologie, risorse, servizi, in funzione di un continuo supporto ai territori e alle tecnologie che vengono sviluppate tramite i progetti di sviluppo dell'e-government Veneto. Organizzazione per laboratori I laboratori sono pensati come strumenti organizzativi capaci di accogliere i prodotti sviluppati nelle azioni di promozione della società dell'informazione, realizzati nei e con i territori di volta in volta individuati. I laboratori sono suddivisi in 4 aree principali: IT: è l'area in cui sono inglobati tutti i prodotti che erogano funzionalità tecnologiche applicative e infrastrutturali nei confronti dei territori e delle loro comunità. TLC: è l'area che racchiude i servizi e le iniziative per la diffusione delle tecnologie di telecomunicazione.

5 MEDIA: è l'area dei laboratori che si occupano di garantire lo sviluppo e l'erogazione delle funzionalità nel versante della multimedialità e della produzione di contenuti. MODELLI: è l'area che racchiude i laboratori che si occupano di individuare i processi e le buone pratiche utili a imparare da quanto realizzato. L'obiettivo è la formalizzazione delle esperienze per definire percorsi virtuosi da riutilizzare in successive azione di sviluppo. Di conseguenza, quando si individua l'esigenza di una nuova funzionalità da sviluppare a vantaggio del territorio, si opera individuano precedentemente l'area e il laboratorio di riferimento. I laboratori, svolgono di conseguenza principalmente queste funzioni: garantire uno sviluppo strutturato e coerente con le strategie regionali per quella tecnologia e quel settore; garantire che il prodotto sviluppato venga inserito nel patrimonio regionale ed erogato i dal laboratorio stesso al sistema delle PA; garantire il supporto al territorio che decide di erogare direttamente la funzionalità e il servizio. La Direzione Sistema Informatico, sulla base di questa logica ha istituito diversi laboratori tra i quali: portali territoriali, contenuti multimediali, cooperazione applicativa, osservatorio banda larga, ed altri. Un esempio concreto di come un progetto viene sviluppato per erogare servizi a favore del territorio dove è stato realizzato ma in un ottica di erogazione del servizio su tutto il territorio regionale è il portale di servizi al cittadini e all'impresa denominato MyPortal. Il prodotto è stato sviluppato in collaborazione con le PAL della Provincia di Belluno e utilizzato attualmente da circa 80 Enti del territorio. Una volta terminato il portale è stato inserito a catalogo del laboratorio dei portali territoriali e messo a disposizione degli altri Enti che avessero interesse al prodotto. Regione Veneto Regione Veneto BIM CST Vr Pasubio Tecnologie RICERCA E SVILUPPO CONDIVISIONE Belluno Verona Vicenza ASSISTENZA Schema di erogazione del servizio MyPortal Treviso Lo schema qui sopra, illustra come, ferma restando la competenza regionale (ricerca e sviluppo, condivisione e assistenza) il servizio viene erogato sulla base di accordi con gli Enti o con le loro aggregazione funzionali. Lo schema infatti illustra come in diversi territori la si adegua alle esigenze e opportunità locali. A volte erogando direttamente il servizio dall interno su proprie infrastrutture (nello schema semplificate con hardware) a volte garantendo anche i servizi di help desk. Si individua in questo modo un organizzazione a più livelli dove il ruolo regionale non è in sostituzione delle comunità locali ma in supporto e affiancamento nell'evoluzione tecnologica. 7. INCLUSIONE LOCALE Nella sezione Sviluppo aperto, partecipato e condiviso si è illustrata la metodologia con la quale si interviene sul territorio cercando inizialmente di animare una serie di comunità con le quali concertare gli interventi. In questa sezione invece si svilupperà il tema dell inclusione delle comunità da un punto di vista più operativo. Il processo di innovazione si basa, sin dalla fase preliminare in una stretta relazione con gli enti del territorio. Una volta individuato l'intervento progettuale e passati alla fase realizzativa, il responsabile del Project Manager Team di adesione GESTIONE SISTEMI GESTIONE SERVIZI Team di gestione SVILUPPO Team Tecnico Focal Point Team L organizzazione dell inclusione Gestore Delegato Locale progetto (project manager) sviluppa la componente organizzativa di progetto. Lo schema più avanti dettagliato si riferisce al caso in cui partner di progetto siano più Enti Locali di dimensioni e risorse organizzative diverse. Si pensi ad esempio alla diffusione su un territorio provinciale di un portale a tutti i comuni interessati. Rientrano in uno schema generale di strutturazione organizzativa i seguenti attori, che possono intervenire nel progetto di trasferimento tecnologico con apporti e competenze diversificate: di sviluppo. gestore, delegato, locale, La suddivisione che illustreremo, cerca di cogliere la possibilità di associare diversi Enti che condividono gli stessi obiettivi operativi su territori diversi per cogliere le opportunità di condividere esperienze e risorse. L di sviluppo è l organizzazione (Comune, città metropolitana, Comunità Montana, Provincia, Regione o

6 altro /organizzazione presente sul territorio) che ha la responsabilità di sviluppare il progetto. Rappresenta l attore che per ruolo e competenza ha la responsabilità di abilitare le politiche di sviluppo dell innovazione. L Enti di sviluppo è chiamato a: evidenziare le necessità espresse dal territorio di competenza; indirizzare le scelte di progetto; coordinare le fasi di realizzazione/implementazione della soluzione. L gestore è invece un attore con funzioni di coordinamento e indirizzo sul territorio di riferimento, in grado di assicurare la partecipazione degli altri Enti coinvolti alle fasi di definizione dei programmi e dei progetti. É tipicamente un territoriale che sul territorio: concorre a proporre e condivide le scelte di programma/progetto; può svolgere un ruolo sussidiario in termini di risorse e infrastrutture a favore degli Enti locali/delegati. Con riferimento al progetto, l gestore è infatti chiamato ad occuparsi, eventualmente in raccordo con altri attori: della gestione delle tecnologiche a favore dell Locale adottante la soluzione di progetto; della gestione dei servizi erogati attraverso i prodotti sviluppati, eventualmente in raccordo con l Locale e Delegato. Il ruolo dell gestore all interno di questo schema generale di attori di riferimento è di estrema importanza, in quanto rappresenta il vero motore del mantenimento e della crescita del progetto nel tempo, con riferimento sia alla gestione tecnologica, sia alla gestione dei servizi erogati. L gestore può assumere diverse connotazioni: può essere rappresentato da un Centro Servizi Territoriali che presumibilmente ha già al proprio interno le competenze tecniche per la gestione delle infrastrutture hardware e software di sistema e di rete e per la gestione dei servizi; ovvero può essere rappresentato da un ente territoriale che si vuole dare un ruolo di aggregatore per un particolare territorio, con un preciso indirizzo di ente promotore lo sviluppo e l ammodernamento tecnologico di un territorio. Può anche essere costituito da più soggetti, in relazione alle diverse competenze sistemistiche e di servizio che il servizio richiede. L delegato è invece l eventuale attore intermedio che, partecipa al progetto e può rivestire un ruolo di supporto all gestore incaricandosi di ruoli operativi o di esercizio a favore dell Locale. L Delegato, per la sua natura di ente di raccordo tra più Enti locali: partecipa e concorre alla definizione degli indirizzi del progetto e della sua gestione successiva; svolge un ruolo di coordinatore in sede di analisi dei bisogni espressi dagli utenti afferenti ai diversi Enti locali e di definizione delle eventuali risposte da sviluppare. Inoltre, in relazione alle specificità del progetto o dell ambito di intervento, può svolgere un ruolo sussidiario o di supporto nei confronti degli altri Enti coinvolti, sia nella fase di riuso della soluzione che nella fase successiva di esercizio del progetto. L Locale è invece l che partecipa al progetto e che, per dimensioni, ha meno possibilità di mettere a disposizione del progetto e dell erogazione del servizio competenze e risorse. Va precisato che lo schema generale sopra esposto rappresenta un articolazione flessibile, che di volta in volta va adattata al progetto ed in particolare alla fase di evoluzione del progetto stesso. In particolare, si può ipotizzare, in alcuni casi, un unico soggetto responsabile per più ruoli, come ad esempio nel caso di un gestore che cura, grazie alle proprie competenze tecniche, anche i possibili sviluppi futuri del prodotto e dei servizi sviluppati; ovvero, come abbiamo già anticipato, più soggetti per un unico ruolo che può prevedere la collaborazione e il coordinamento tra diversi soggetti che si occupano delle infrastrutture, o dei diversi servizi previsti, etc. Nell'ambito di questo sistema di inclusione abbiamo fino ad ora illustrato la composizione degli attori in gioco. Di seguito verrà illustrato invece lo schema delle componenti organizzative di progetto. Raggruppamento Temporaneo di Impresa Territorio Organizzazione di progetto Focal Point Team Program Manager Project Manager CST MyPortal Team di Adesione 1 Referenti CM e Comuni Team Tecnico Referenti territoriali Team di Gestione Personale Tecnico RVE Referenti territoriali Team di Adesione 2 Referenti CM e Comuni Esempio di organizzazione di progetto Program Manager ha il compito di gestire e coordinare un programma, riportando alla Direzione Sistema Informatico i piani di sviluppo, supervisionando i processi di gestione del programma e dei singoli progetti; monitorando l avanzamento dei progetti e controllando l operato delle organizzazioni di progetto. Team Tecnico: è composto dai Referenti di tutti i Team di Adesione del progetto, dai rappresentanti tecnici dell gestore e, di volta in volta, da tecnici o esperti delle tematiche da dibattere. Il gruppo è coordinato dal referente dell gestore; i componenti hanno il compito di:

7 condividere le scelte di sviluppo del progetto, al fine di pervenire ad un armonizzazione degli sviluppi dei prodotti realizzati; approvare i documenti di analisi in collaborazione con il Focal Point Team, Project Manager e il Program Manager; proporre nuove funzionalità e servizi per accrescere il valore del progetto. Il coordinatore del Team Tecnico ha uno stretto rapporto di collaborazione con il Program Manager ed il Project Manager. Project Manager: si avvale poi di una Struttura Operativa per la realizzazione del Progetto, che rappresenta l insieme dei ruoli che si interfacciano alla struttura organizzativa della Regione Veneto e che sono coinvolti nella gestione e coordinamento di attività specifiche. Questa struttura viene definita e dettagliata di volta in volta, in relazione al progetto e tenute in considerazione la complessità del progetto e le esigenze dei diversi stakeholders. Il Team di gestione: si occupa per la fase di sviluppo del progetto, della gestione dei prodotti rilasciati, supportando quindi il Team di Adesione nell adozione dei prodotti stessi: si occupa delle attività di gestione del progetto; ha il compito di implementare e mantenere in esercizio il progetto per tutta la durata dello stesso; svolge un ruolo di supporto e aiuto nei confronti degli utenti degli Enti coinvolti nel progetto; si occupa dell amministrazione dei prodotti in relazione con i referenti degli Enti coinvolti nel progetto; relaziona periodicamente al Project Manager lo stato di esercizio dei prodotti, con osservazioni e suggerimenti. A regime, la gestione del progetto passerà, normalmente, dal Team di gestione ad un gestore così come abbiamo sopra riportato. Team di Adesione: è composto da un componente del Team di Gestione responsabile dell adesione e dal/i referente/i dell Delegato e/o Locale che partecipano al progetto: può essere costituito dal referente dell Delegato se i diversi Enti Locali hanno delegato a questo l adozione del progetto; ovvero può essere costituito dal referente dell Delegato e dai referenti di progetto degli Enti Locali che non si avvalgono dell Delegato, ovvero dal referente dell ente Locale qualora non sia previsto un Delegato. Focal Point Team: è composto dai referenti tecnici dell che garantisce la compatibilità tecnica dei prodotti rilasciati nell ambito dello sviluppo del progetto. Ha il compito di: assicurare la compatibilità dell analisi dello sviluppo applicativo con le esigenze di tutti gli Enti coinvolti nel progetto; verificare la congruenza dello sviluppo applicativo con le richieste d analisi. In particolare ha la responsabilità di coordinare insieme al Project Manager il lavoro per le fasi di test dei nuovi servizi, o delle Change Request e dei Problem Report rilasciati; costituire il punto di raccordo tra il gruppo di lavoro e gli utilizzatori finali; effettuare i test sia in ambiente di Sviluppo che di Produzione comunicandone i risultati al Project Manager. Riassumendo, la gestione di un progetto che coinvolge, come nel caso in esame (soluzione sviluppata per l utilizzo di più Enti contemporaneamente), richiede una componente di governo strutturata che il modello di promozione della società dell informazione ha inteso definire e formalizzare. 8. CONCLUSIONI Con questo lavoro si è cercato di illustrare le modalità con le quale opera nella sua funzione di promozione della società dell informazione. Si tratta di un modello in continua evoluzione che si arricchisce, di volta in volta, grazie anche alle diverse esperienze che vengono realizzate. Il nostro contributo alla conferenza Pubblica Amministrazione Aperta e Libera mira soprattutto a raccogliere da parte dei colleghi delle altre realtà pubbliche, opinioni, suggerimenti possibili collaborazioni utili a migliorare la nostra comune azione.

Antonino Mola Regione del Veneto Direzione Sistema Informatico Unità Complessa e-government e Società dell Informazione

Antonino Mola Regione del Veneto Direzione Sistema Informatico Unità Complessa e-government e Società dell Informazione Antonino Mola Regione del Veneto Direzione Sistema Informatico Unità Complessa e-government e Società dell Informazione 1 !" # $% 2 Agenda dellintervento &' & 3 Aperto Condiviso Partecipato Il nostro intervento

Dettagli

Il programma di intervento della Regione del Veneto nel Bellunese INCLUDENDO

Il programma di intervento della Regione del Veneto nel Bellunese INCLUDENDO Il programma di intervento della Regione del Veneto nel Bellunese INCLUDENDO Antonino Mola Segreteria Regionale per gli Affari Generali Direzione Sistema Informatico U.C. e-government Il programma di intervento

Dettagli

Promozione e sviluppo della società dell informazione e della conoscenza nel Bellunese

Promozione e sviluppo della società dell informazione e della conoscenza nel Bellunese Promozione e sviluppo della società dell informazione e della conoscenza nel Bellunese Elvio Tasso Antonino Mola Direzione Sistema Informatico Belluno, 18 Novembre 2010 Modelli d intervento multidimensionali

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

egovernment e Cloud computing

egovernment e Cloud computing egovernment e Cloud computing Alte prestazioni con meno risorse Giornata di studio CNEL Stefano Devescovi Business Development Executive IBM Agenda Quali sono le implicazioni del cloud computing? Quale

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico Sardegna DistrICT => Lab => >Distretto Tecnologico

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE PREMESSA IL PROGETTO DI SEGUITO ESPOSTO E IL RISULTATO DEL LAVORO DI UN COMITATO di PROGETTO COMPOSTO DAI SEGUENTI PARTNER: Fondazione La Fornace dell Innovazione Cooperativa Sociale IL SESTANTE Consulmarc

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

La dimensione europea. Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi

La dimensione europea. Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi La dimensione europea Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi ESTRATTI DAL DOCUMENTO DELL UNIONE EUROPEA ELEARNING:PENSARE ALL ISTRUZIONE DI DOMANI: Occorre garantire la disponibilità

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT Definio Reply dà una risposta concreta ed efficiente alle richieste sempre più pressanti provenienti dal mercato del risparmio gestito, in termini di strumenti di analisi

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Aggiornamento: maggio 2015

Aggiornamento: maggio 2015 BOLOGNA CONSUMI RESPONSABILI Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Diffusione di orientamenti e pratiche di consumerismo socialmente responsabile per promuovere il capitale sociale del territorio,

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

L Open Source nella Pubblica

L Open Source nella Pubblica L Open Source nella Pubblica Amministrazione Vittorio Pagani Responsabile Osservatorio Open Source - CNIPA 1 Riflessioni su alcune caratteristiche del software OS disponibilità del codice sorgente: possibilità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI

Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI Progetto benessere organizzativo MODALITA DI COINVOLGIMENTO DEI DIPENDENTI Documento approvato dai dirigenti e dagli incaricati di posizione organizzativa nell incontro del 13.1.2006 PREMESSA Si è conclusa

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA 1. Premessa Il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 gennaio 2011

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Presidiare una consultazione online

Presidiare una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Presidiare una consultazione online Autore: Maria Antonietta Sanna Artizzu, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

il ruolo dell amministrazione provinciale a supporto dei piani di egovernment dei piccoli enti locali Provincia di Como

il ruolo dell amministrazione provinciale a supporto dei piani di egovernment dei piccoli enti locali Provincia di Como il ruolo dell amministrazione provinciale a supporto dei piani di egovernment dei piccoli enti locali Agenda Contesto di riferimento Obiettivi del piano d azione Passi operativi Cronoprogramma Contesto

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

La gestione delle Performance: risultati raggiunti e strumenti realizzati nell ambito del progetto Elistat

La gestione delle Performance: risultati raggiunti e strumenti realizzati nell ambito del progetto Elistat La gestione delle Performance: risultati raggiunti e strumenti realizzati nell ambito del progetto Elistat EasyGov Solutions Srl Start-up del Politecnico di Milano Agenda Il Piano delle Performance Il

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

Danais s.r.l. Profilo Aziendale

Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Marzo 2013 Indice Caratteri identificativi della società... 3 Gli ambiti di competenza... 3 Edilizia... 3 Mercati di riferimento... 4 Caratteristiche distintive...

Dettagli

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente

Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Alla c.a. Sindaco/Presidente Segretario Generale Dirigente competente Controllo di Gestione e Misurazione delle Performance: l integrazione delle competenze, la valorizzazione delle differenze e la tecnologia

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

Il CSST regionale a supporto dello sviluppo dei Centri Servizi Territoriali Veneti/A.L.I.

Il CSST regionale a supporto dello sviluppo dei Centri Servizi Territoriali Veneti/A.L.I. Il CSST regionale a supporto dello sviluppo dei Centri Servizi Territoriali Veneti/A.L.I. Villa Cordellina Montecchio Maggiore Vicenza - 21 gennaio 2008 A cura di Bruno Salomoni Segreteria Regionale Affari

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico

EG4G. (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio. Il progetto di riuso. Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico EG4G (EGovernment for Government) Sistema integrato per la governance del territorio Il progetto di riuso Tasso Elvio Direzione Sistema Informatico Unità Complessa per l e-government l e la Società dell

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli