Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione"

Transcript

1 Il modello Veneto, aperto, partecipato e condiviso per la promozione della società dell'informazione Bruno Salomoni Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) Elvio Tasso Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) Antonino Mola Direzione Sistema Informatico Via Pacinotti, 4 Marghera (Ve) SOMMARIO In questo documento è presentato il modello di riferimento con il quale, la interviene per realizzare iniziative di sviluppo tecnologico come leva per promuovere la competitività dei territori. Il modello si basa sulle seguenti componenti: 1. la definizione di un processo ricorsivo di sviluppo denominato CICLO DELL'INNOVAZIONE; 2. l'individuazione di specifiche azioni di sviluppo orientate a incidere sulle 3 componenti tecnologiche di base (IT TLC e Media) denominate nel loro complesso AREE DI INNOVAZIONE; 3. la scelta di un metodo di sviluppo basato sulla priorità della centralità del territorio e delle sue comunità denominato SVILUPPO APERTO, PARTECIPATO E CONDIVISO; 4. l'orientamento dell'organizzazione regionale e delle azioni di sviluppo in un'ottica di sostenibilità nell'erogazione dei servizi e di supporto al territorio oltre la fase progettuale denominate METODOLOGIA DEI SERVIZI E ORGANIZZAZIONE PER LABORATORI; 5. l'individuazione di un modello organizzativo di sviluppo delle progettualità basato sull'inclusione delle forze del territorio denominato INCLUSIONE LOCALE; 2. INTRODUZIONE Il modello è stato sviluppato nel corso degli ultimi tre anni sulla base dell'esperienza di sviluppo di progetti di e-government che hanno consentito una reale ricaduta in termini di trasferimento tecnologico al territorio e, in concreto, nell' erogazione di servizi al cittadino. Tra questi progetti citiamo: MyPortal: il portale dei servizi al cittadino e all'impresa diffuso in circa 120 Enti Locali; Ve2Ci e CiTv: per la sperimentazione della piattaforma digitale terrestre e della piattaforma di gestione dei contenuti multimediali Nessuno Escluso e Larga Banda: per la sperimentazione della convergenza tecnologica dei segnali audiovisivi e la diffusione della larga banda. Questi progetti, inizialmente, realizzati nel territorio della provincia di Belluno nell'ambito di due diversi programmi (Includendo e Diffondendo) hanno consentito a, grazie anche al contributo di importanti Università (Cà Foscari di Venezia, SDA Bocconi di Milano, Venice International University), di individuare un'insieme di processi e buone pratiche utili a rendere ripetibile l'esperienza. E' nato così il modello di promozione della società dell informazione che si sta riproponendo su altri territorio del Veneto. Di seguito, si descriveranno più dettagliatamente le componenti del modello. 3. IL CICLO DELL'INNOVAZIONE Il modello per la realizzazione di attività di promozione dei territori tramite le tecnologie ICT, qui ipotizzato, si può scomporre in due macro fasi: la fase di sviluppo e la fase di servizio. La fase di sviluppo si riferisce a quelle attività che individuano la scelta e la realizzazione tecnica del progetto da attuare. Si compone essenzialmente di due sottofasi: preliminare e di attuazione. Nella prima vengono individuati i processi che portano alla definizione e alla scelta delle progettualità da sviluppare, nella seconda vengono individuati i processi per un corretto sviluppo dei progetti. In quest ultima fase si prendono a riferimento gli standard per la conduzione dei progetti del Project Management Institute (PMI).

2 Spesso i progetti di innovazione tecnologica sono particolarmente orientati alla realizzazione della migliore tecnologia. A volte si sottovaluta la sostenibilità degli stessi progetti con la conseguenza di avere, magari degli ottimi prodotti, ma difficilmente utili o utilizzabili. La fase di servizio, cerca di affrontare questo tema, indagando i processi e le attività necessarie a garantire la prosecuzione e lo sviluppo del progetto nella fase successiva alla realizzazione. (sostenibilità). La fase di servizio si compone due sottofasi: gestione e sviluppo. In questa macro fase vengono prese a riferimento le linee guida dell Information Tecnology Infrastructure Library (ITIL) Fase di sviluppo Preliminare Attuazione Gestione Sviluppo - Strategie Linee guida e di di indirizzo - Politiche Piano strategico e azioni - Proposte - Scelte La sottofase preliminare Fasi e sottofase di preliminare In questa sottofase si individuano i processi necessari gestire il passaggio dell ipotesi realizzativi a progetto concreto. Partendo da un analisi e dalle diffusione delle strategie e delle politiche regionali, nazionali ed europee si promuove l indagine e l approfondimento delle tematiche di riferimento. Seguono le attività che portano dalla prima rappresentazione della soluzione al bisogno da soddisfare. Si arriva quindi a individuare i processi che portano alla scelta da parte degli organi competenti del progetto da realizzare per raggiungere gli obiettivi condivisi. Output di questa attività di proposta è la condivisione degli obiettivi di fondo dell ipotesi progettuale prima di passare al coinvolgimento dei principali attori e infine alla definizione tecnica ed economica della soluzione. Tutti questi elementi dovrebbero essere sufficientemente indagati per consentire ai decisori di dare il via libera all iniziativa. La sottofase di attuazione Fase di servizio (esercizio) La fase di attuazione ha inizio una volta accettati da parte degli stakeholder e degli sponsor, gli obiettivi di fondo del progetto (scopo), i tempi realizzativi, la qualità del prodotto o dei prodotti da sviluppare, le risorse necessarie. Nella descrizione di questo processo si fanno riferimento agli standard PMI per la gestione di progetti. La realizzazione dei progetti è spesso legata a progettualità concorrenti al raggiungimento di un obiettivo territoriale più ampio. Il progetto viene cioè inserito in un quadro di azioni concorrenti chiamato programma con il quale si tende a incidere su più aree di innovazione (IT, TLC, MEDIA). La sottofase di gestione Una volta che il progetto si è concluso con buona soddisfazione degli sponsor, degli stakeholder, e degli utenti, i prodotti frutto del processo realizzativo vanno trasferiti in produzione. Il termini qui utilizzato non si riferisce alla fase, tipica di un processo di produzione sw, dove dopo una fase di analisi, progettazione, test, si passa l applicazione in produzione. In questo ambito il termine è molto più esteso e riguarda l applicazione del piano di sostenibilità che deve essere previsto nella fase di sviluppo del progetto. Si tratta cioè della formalizzazione degli obiettivi, dei processi, delle responsabilità, delle risorse necessarie a portare avanti l iniziativa e consentirne un proficuo sviluppo. La sottofase di sviluppo del servizio La sottofase in questione, riguarda quelle attività di studio e analisi degli impatti del servizio e di ascolto dei bisogno dell utenza che trae vantaggio dai prodotti e dalle attività (servizi) erogati. E una sottofase che ha stretta correlazione con la fase preliminare avendo come principali obiettivi: quello di migliorare il servizio e quello di valutare l impatto del progetto rispetto alle attese delle strategie individuate e delle scelte politiche adottate nel loro complesso più ampio. Fase di sviluppo Fase di servizio (esercizio) Preliminare Attuazione Gestione Sviluppo - Bisogni - Condivisione - Proposta - Scelta - Attuazione Fase di esercizio sottofase di sviluppo 4. LE AREE DI INNOVAZIONE Nella precedente sezione abbiamo esemplificato un sistema che negli intendimenti dovrebbe mirare a un ciclo di sviluppo ricorsivo capace di garantire continuo miglioramento delle azioni di trasferimento tecnologico. In questa sezione invece, vogliamo illustrare non solo su quale logica ma anche su quali componenti tecnologiche è mirata la nostra azione. Per quanto riguarda le iniziative di trasferimento tecnologico, il modello si basa su tre distinte linee d azione: IT, TLC, Media. Trasferire information tecnology, nel contesto dell agire del modello, significa puntare a progetti di

3 infrastrutturazione di sistemi sui quali far crescere la capacità della comunità degli enti territoriali di erogare servizi in grado di soddisfare specifiche esigenze dei cittadini. Si cerca con questo, non di realizzare semplicemente un prodotto o un servizio, ma di mettere in grado il territorio di capire qual è l esigenza che si intende soddisfare in ragione della capacità del territorio stesso di sostenere i risultati del progetto anche a conclusione delle fasi di realizzazioni. La capacità di erogare servizi e i relativi sistemi che consentono questa attività non sono tuttavia sufficienti se non si accompagna a questa azione, una corrispondente verifica delle capacità del territorio di offrire infrastrutture tecnologiche di telecomunicazione in grado di veicolare i nuovi prodotti e i servizi che ne derivano. Vengono quindi previste, nell ambito del modello azioni di analisi del territorio e la predisposizione, dove possibile e necessario, di opportune progettualità tese all infrastrutturazioni di reti TLC. Il ciclo tecnologico si integra mediante lo sviluppo, oltre della parte di servizi (IT) e di infrastrutture abilitanti (TLC), anche di specifiche azioni tese a produrre contenuti (MEDIA) capaci di stimolare la domanda e quindi il reale utilizzo e ritorno economico dei sistemi di erogazione dei servizi. 5. SVILUPPO APERTO PARTECIPATO E CONDIVISO Nelle precedenti sezioni abbiamo avuto modo di illustrare la logica (ciclo di innovazione) e su quali settori (aree di innovazione) si basa il nostro modello. Il tema proposto in questa sezione si riferisce al come e si basa sull idea che trasferire innovazione su un territorio sia per prima cosa rapportarsi con le comunità locali di cittadine e imprese. IL modello individua un insieme di comunità con le quali, in un ottica di promozione della società dell informazione, si è ritenuto necessario sviluppare prioritariamente un sistema di relazioni, di interscambio, di confronto per definire e pianificare le politiche di sviluppo locale. Lo sviluppo, in questo senso, viene progettato ispirandosi a tre principi guida: Sviluppo aperto: le tecnologie alle quali si rivolge per le azioni di trasferimento sono prioritariamente aperte ovvero individuate in quella filiera tecnologica che sviluppa le proprie azioni avendo a riferimento modelli di condivisione e di inclusione della conoscenza. L esempio più famoso riguarda i prodotti sw a codice aperto (open source). Sviluppo partecipato: la partecipazione, in questo modello, viene intesa come strumento essenziale per sviluppare azioni che siano in grado di includere fattivamente le comunità locali come principale garanzia di successo e di continuità dell azione di innovazione. Sviluppo condiviso: la partecipazione non risulta sufficiente se non viene accompagnata da una convinta adesione alle iniziative di trasferimento tecnologico, frutto essenzialmente del processo di confronto e accoglimento delle istanze locali. Di seguito viene illustrato il sistema delle comunità. Il sistema dell Mantainer (sviluppo) Nell idea di inclusione risulta fondamentale la figura di un che svolga il ruolo di promotore delle politiche di sviluppo locale. In maniera particolare, nel modello questo ruolo viene ricoperto dalla nella competenza specifica della Direzione Stakeholder Operatori Sviluppatori Mantainer Il sistema delle comunità Sistema Informatico. Il modello prevede un ruolo di sviluppo delle progettualità di innovazioni in una logica di stretta integrazione con le realtà locali. Tuttavia, l azione regionale, non si limita all inclusione, analisi, finanziamento, progettazione, realizzazione delle opere ma viene inoltre sviluppato un sistema (laboratori) di supporto dei territori capace di garantire non solo il continuo miglioramento dei prodotti sviluppati ma anche una continua assistenza ai gestori locali. Il sistema degli stakeholders L individuazione e la realizzazione di un sistema permanente di relazioni e di confronto con le principali figure, singole persone, autorità o associazioni del territorio interessate alle dinamiche di innovazione risulta evidentemente fondamentale. E importante quindi individuare un luogo strutturato (Comitato dell innovazione) di analisi, confronto e scelta delle politiche di sviluppo del territorio. Il sistema delle imprese Gestore Utenti Promuovere la competitività del territorio attraverso il trasferimento di tecnologie innovative che possano rappresentare concrete occasioni di sviluppo non può non vedere tra gli attori principali di queste politiche le imprese del territorio. Il nostro intervento si propone quindi di individuare momenti specifici attraverso i quali

4 animare il tessuto imprenditoriale locale attraverso concrete azioni (ad es. premio sullo sviluppo) capaci di individuare possibili occasioni di business. Il sistema dell gestore L azione di promozione dello sviluppo tecnologico ha per sua definizione un ciclo di vita che si conclude con il rilascio dei prodotti, delle opere e dei modelli di sostenibilità dell innovazione. Dopo questa fase è quindi necessario che il risultato dell agire delle politiche di sviluppo sia fatto proprio dal territorio che deve condurre le azioni necessarie a continuare nelle attività di gestione. IL modello, di conseguenza promuove la realizzazione dei progetti di innovazione partendo dall individuazione del modello di sostenibilità a cui deve essere associato l individuazione della realtà organizzativa che si prenderà in carico la gestione degli interventi una volta realizzati. Il sistema degli operatori Le varie azioni sviluppate a livello locale producono risultati che, in ottemperanza al modello individuato, non sono progettati per rimanere di stretto appannaggio del territorio dove sono stati realizzati. In un ottica di riuso, questi risultati vengono inseriti a portafoglio del sistema di innovazione regionale e riproposti in altri ambiti territoriali interessati. Questo principio trova una sua concreta realizzazione nell ambito della comunità degli operatori locali. Si tratta di azione che mirano a creare e promuovere relazioni permanenti tra imprese locali interessate alle tecnologie sviluppate nei progetti di trasferimento tecnologico e le altre comunità individuate dal modello. Lo scopo è di fornire al tessuto imprenditoriale, una possibile 'occasione per sviluppare prodotti e servizi basando il modello di business non su prodotti a codice chiuso e proprietario ma su codice aperto. Il sistema dell' Mantainer garantisce agli operatori locali (imprese) una diffusione e una visibilità dei prodotti realizzati, a livello almeno regionale su tutto il sistema della PAL Veneta. Si tende così a promuovere un sistema che potrebbe rappresentare un importante volano di conoscenze e risorse utili allo sviluppo dei prodotti e di conseguenza dell'innovazione. 6. METODOLOGIA DEI SERVIZI E ORGANIZZAZIONE PER LABORATORI L azione orientata ad intervenire nei territori con una forte azione di connessione alle istanze locali descritta sopra è orientata a una logica di sostenibilità locale dei prodotti e servizi sviluppati nei progetti di promozione della società dell informazione. In questa sezione, si illustra il metodo con il quale i risultati dei progetti sono inseriti nel contesto organizzativo della Direzione Sistema Informatico della per garantire la continuità dell erogazione dei servizi realizzati e il supporto al territorio. I progetti che vengono proposti passano alla fase di attuazione una volta che si è individuato lo scopo e l locale sulla base di una metodologia illustrata sommariamente nella sezione successiva. Con questo, si cerca di realizzare lo sviluppo di una serie di prodotti capaci di essere utilizzati per erogare servizi innovativi e concretamente utile ai cittadini e/o all'impresa. Inoltre, il progetto superata la fase preliminare del nostro ciclo di innovazione, se viene progettato in un'ottica integrata con le altre azioni di promozione della società dell informazione già realizzate o in corso di realizzazione. I risultati di queste azioni, inoltre vengono sempre progettati per essere di vantaggio non solo del territorio con il quale si sviluppa il progetto ma anche a favore degli altri territori del Veneto e in generale del sistema della PA. Gli strumenti su cui si basa questa linea operativa sono una metodologia di riferimento (ITIL) e uno strumento organizzativo che va sotto il nome di laboratorio. Metodologia (ITIL) Il modello di riferimento per lo sviluppo della società dell'informazione si basa dal punto di vista metodologica sulle linee guida definite nel framework ITIL (IT Infrastructure Library). Come noto, la filosofia ITIL adotta un approccio process-driven nella gestione dei sistemi IT. Le linee guida ITIL forniscono al modello un approccio metodologico strutturato che consente, in tutto il ciclo di innovazione, di impostare la nostra azione orientando il risultato a un'ottica di erogazione di servizio. Questo implica, già in fase preliminare, sviluppare l'ideazione partendo dal presupposto di quali servizi realizzare per quali gruppi di interesse e su quali basi possono essere sostenuti nella successiva fase di gestione. Un approccio che si arricchisce dello schema organizzativo dei laboratori pensati come contenitori di prodotti, competenze, metodologie, risorse, servizi, in funzione di un continuo supporto ai territori e alle tecnologie che vengono sviluppate tramite i progetti di sviluppo dell'e-government Veneto. Organizzazione per laboratori I laboratori sono pensati come strumenti organizzativi capaci di accogliere i prodotti sviluppati nelle azioni di promozione della società dell'informazione, realizzati nei e con i territori di volta in volta individuati. I laboratori sono suddivisi in 4 aree principali: IT: è l'area in cui sono inglobati tutti i prodotti che erogano funzionalità tecnologiche applicative e infrastrutturali nei confronti dei territori e delle loro comunità. TLC: è l'area che racchiude i servizi e le iniziative per la diffusione delle tecnologie di telecomunicazione.

5 MEDIA: è l'area dei laboratori che si occupano di garantire lo sviluppo e l'erogazione delle funzionalità nel versante della multimedialità e della produzione di contenuti. MODELLI: è l'area che racchiude i laboratori che si occupano di individuare i processi e le buone pratiche utili a imparare da quanto realizzato. L'obiettivo è la formalizzazione delle esperienze per definire percorsi virtuosi da riutilizzare in successive azione di sviluppo. Di conseguenza, quando si individua l'esigenza di una nuova funzionalità da sviluppare a vantaggio del territorio, si opera individuano precedentemente l'area e il laboratorio di riferimento. I laboratori, svolgono di conseguenza principalmente queste funzioni: garantire uno sviluppo strutturato e coerente con le strategie regionali per quella tecnologia e quel settore; garantire che il prodotto sviluppato venga inserito nel patrimonio regionale ed erogato i dal laboratorio stesso al sistema delle PA; garantire il supporto al territorio che decide di erogare direttamente la funzionalità e il servizio. La Direzione Sistema Informatico, sulla base di questa logica ha istituito diversi laboratori tra i quali: portali territoriali, contenuti multimediali, cooperazione applicativa, osservatorio banda larga, ed altri. Un esempio concreto di come un progetto viene sviluppato per erogare servizi a favore del territorio dove è stato realizzato ma in un ottica di erogazione del servizio su tutto il territorio regionale è il portale di servizi al cittadini e all'impresa denominato MyPortal. Il prodotto è stato sviluppato in collaborazione con le PAL della Provincia di Belluno e utilizzato attualmente da circa 80 Enti del territorio. Una volta terminato il portale è stato inserito a catalogo del laboratorio dei portali territoriali e messo a disposizione degli altri Enti che avessero interesse al prodotto. Regione Veneto Regione Veneto BIM CST Vr Pasubio Tecnologie RICERCA E SVILUPPO CONDIVISIONE Belluno Verona Vicenza ASSISTENZA Schema di erogazione del servizio MyPortal Treviso Lo schema qui sopra, illustra come, ferma restando la competenza regionale (ricerca e sviluppo, condivisione e assistenza) il servizio viene erogato sulla base di accordi con gli Enti o con le loro aggregazione funzionali. Lo schema infatti illustra come in diversi territori la si adegua alle esigenze e opportunità locali. A volte erogando direttamente il servizio dall interno su proprie infrastrutture (nello schema semplificate con hardware) a volte garantendo anche i servizi di help desk. Si individua in questo modo un organizzazione a più livelli dove il ruolo regionale non è in sostituzione delle comunità locali ma in supporto e affiancamento nell'evoluzione tecnologica. 7. INCLUSIONE LOCALE Nella sezione Sviluppo aperto, partecipato e condiviso si è illustrata la metodologia con la quale si interviene sul territorio cercando inizialmente di animare una serie di comunità con le quali concertare gli interventi. In questa sezione invece si svilupperà il tema dell inclusione delle comunità da un punto di vista più operativo. Il processo di innovazione si basa, sin dalla fase preliminare in una stretta relazione con gli enti del territorio. Una volta individuato l'intervento progettuale e passati alla fase realizzativa, il responsabile del Project Manager Team di adesione GESTIONE SISTEMI GESTIONE SERVIZI Team di gestione SVILUPPO Team Tecnico Focal Point Team L organizzazione dell inclusione Gestore Delegato Locale progetto (project manager) sviluppa la componente organizzativa di progetto. Lo schema più avanti dettagliato si riferisce al caso in cui partner di progetto siano più Enti Locali di dimensioni e risorse organizzative diverse. Si pensi ad esempio alla diffusione su un territorio provinciale di un portale a tutti i comuni interessati. Rientrano in uno schema generale di strutturazione organizzativa i seguenti attori, che possono intervenire nel progetto di trasferimento tecnologico con apporti e competenze diversificate: di sviluppo. gestore, delegato, locale, La suddivisione che illustreremo, cerca di cogliere la possibilità di associare diversi Enti che condividono gli stessi obiettivi operativi su territori diversi per cogliere le opportunità di condividere esperienze e risorse. L di sviluppo è l organizzazione (Comune, città metropolitana, Comunità Montana, Provincia, Regione o

6 altro /organizzazione presente sul territorio) che ha la responsabilità di sviluppare il progetto. Rappresenta l attore che per ruolo e competenza ha la responsabilità di abilitare le politiche di sviluppo dell innovazione. L Enti di sviluppo è chiamato a: evidenziare le necessità espresse dal territorio di competenza; indirizzare le scelte di progetto; coordinare le fasi di realizzazione/implementazione della soluzione. L gestore è invece un attore con funzioni di coordinamento e indirizzo sul territorio di riferimento, in grado di assicurare la partecipazione degli altri Enti coinvolti alle fasi di definizione dei programmi e dei progetti. É tipicamente un territoriale che sul territorio: concorre a proporre e condivide le scelte di programma/progetto; può svolgere un ruolo sussidiario in termini di risorse e infrastrutture a favore degli Enti locali/delegati. Con riferimento al progetto, l gestore è infatti chiamato ad occuparsi, eventualmente in raccordo con altri attori: della gestione delle tecnologiche a favore dell Locale adottante la soluzione di progetto; della gestione dei servizi erogati attraverso i prodotti sviluppati, eventualmente in raccordo con l Locale e Delegato. Il ruolo dell gestore all interno di questo schema generale di attori di riferimento è di estrema importanza, in quanto rappresenta il vero motore del mantenimento e della crescita del progetto nel tempo, con riferimento sia alla gestione tecnologica, sia alla gestione dei servizi erogati. L gestore può assumere diverse connotazioni: può essere rappresentato da un Centro Servizi Territoriali che presumibilmente ha già al proprio interno le competenze tecniche per la gestione delle infrastrutture hardware e software di sistema e di rete e per la gestione dei servizi; ovvero può essere rappresentato da un ente territoriale che si vuole dare un ruolo di aggregatore per un particolare territorio, con un preciso indirizzo di ente promotore lo sviluppo e l ammodernamento tecnologico di un territorio. Può anche essere costituito da più soggetti, in relazione alle diverse competenze sistemistiche e di servizio che il servizio richiede. L delegato è invece l eventuale attore intermedio che, partecipa al progetto e può rivestire un ruolo di supporto all gestore incaricandosi di ruoli operativi o di esercizio a favore dell Locale. L Delegato, per la sua natura di ente di raccordo tra più Enti locali: partecipa e concorre alla definizione degli indirizzi del progetto e della sua gestione successiva; svolge un ruolo di coordinatore in sede di analisi dei bisogni espressi dagli utenti afferenti ai diversi Enti locali e di definizione delle eventuali risposte da sviluppare. Inoltre, in relazione alle specificità del progetto o dell ambito di intervento, può svolgere un ruolo sussidiario o di supporto nei confronti degli altri Enti coinvolti, sia nella fase di riuso della soluzione che nella fase successiva di esercizio del progetto. L Locale è invece l che partecipa al progetto e che, per dimensioni, ha meno possibilità di mettere a disposizione del progetto e dell erogazione del servizio competenze e risorse. Va precisato che lo schema generale sopra esposto rappresenta un articolazione flessibile, che di volta in volta va adattata al progetto ed in particolare alla fase di evoluzione del progetto stesso. In particolare, si può ipotizzare, in alcuni casi, un unico soggetto responsabile per più ruoli, come ad esempio nel caso di un gestore che cura, grazie alle proprie competenze tecniche, anche i possibili sviluppi futuri del prodotto e dei servizi sviluppati; ovvero, come abbiamo già anticipato, più soggetti per un unico ruolo che può prevedere la collaborazione e il coordinamento tra diversi soggetti che si occupano delle infrastrutture, o dei diversi servizi previsti, etc. Nell'ambito di questo sistema di inclusione abbiamo fino ad ora illustrato la composizione degli attori in gioco. Di seguito verrà illustrato invece lo schema delle componenti organizzative di progetto. Raggruppamento Temporaneo di Impresa Territorio Organizzazione di progetto Focal Point Team Program Manager Project Manager CST MyPortal Team di Adesione 1 Referenti CM e Comuni Team Tecnico Referenti territoriali Team di Gestione Personale Tecnico RVE Referenti territoriali Team di Adesione 2 Referenti CM e Comuni Esempio di organizzazione di progetto Program Manager ha il compito di gestire e coordinare un programma, riportando alla Direzione Sistema Informatico i piani di sviluppo, supervisionando i processi di gestione del programma e dei singoli progetti; monitorando l avanzamento dei progetti e controllando l operato delle organizzazioni di progetto. Team Tecnico: è composto dai Referenti di tutti i Team di Adesione del progetto, dai rappresentanti tecnici dell gestore e, di volta in volta, da tecnici o esperti delle tematiche da dibattere. Il gruppo è coordinato dal referente dell gestore; i componenti hanno il compito di:

7 condividere le scelte di sviluppo del progetto, al fine di pervenire ad un armonizzazione degli sviluppi dei prodotti realizzati; approvare i documenti di analisi in collaborazione con il Focal Point Team, Project Manager e il Program Manager; proporre nuove funzionalità e servizi per accrescere il valore del progetto. Il coordinatore del Team Tecnico ha uno stretto rapporto di collaborazione con il Program Manager ed il Project Manager. Project Manager: si avvale poi di una Struttura Operativa per la realizzazione del Progetto, che rappresenta l insieme dei ruoli che si interfacciano alla struttura organizzativa della Regione Veneto e che sono coinvolti nella gestione e coordinamento di attività specifiche. Questa struttura viene definita e dettagliata di volta in volta, in relazione al progetto e tenute in considerazione la complessità del progetto e le esigenze dei diversi stakeholders. Il Team di gestione: si occupa per la fase di sviluppo del progetto, della gestione dei prodotti rilasciati, supportando quindi il Team di Adesione nell adozione dei prodotti stessi: si occupa delle attività di gestione del progetto; ha il compito di implementare e mantenere in esercizio il progetto per tutta la durata dello stesso; svolge un ruolo di supporto e aiuto nei confronti degli utenti degli Enti coinvolti nel progetto; si occupa dell amministrazione dei prodotti in relazione con i referenti degli Enti coinvolti nel progetto; relaziona periodicamente al Project Manager lo stato di esercizio dei prodotti, con osservazioni e suggerimenti. A regime, la gestione del progetto passerà, normalmente, dal Team di gestione ad un gestore così come abbiamo sopra riportato. Team di Adesione: è composto da un componente del Team di Gestione responsabile dell adesione e dal/i referente/i dell Delegato e/o Locale che partecipano al progetto: può essere costituito dal referente dell Delegato se i diversi Enti Locali hanno delegato a questo l adozione del progetto; ovvero può essere costituito dal referente dell Delegato e dai referenti di progetto degli Enti Locali che non si avvalgono dell Delegato, ovvero dal referente dell ente Locale qualora non sia previsto un Delegato. Focal Point Team: è composto dai referenti tecnici dell che garantisce la compatibilità tecnica dei prodotti rilasciati nell ambito dello sviluppo del progetto. Ha il compito di: assicurare la compatibilità dell analisi dello sviluppo applicativo con le esigenze di tutti gli Enti coinvolti nel progetto; verificare la congruenza dello sviluppo applicativo con le richieste d analisi. In particolare ha la responsabilità di coordinare insieme al Project Manager il lavoro per le fasi di test dei nuovi servizi, o delle Change Request e dei Problem Report rilasciati; costituire il punto di raccordo tra il gruppo di lavoro e gli utilizzatori finali; effettuare i test sia in ambiente di Sviluppo che di Produzione comunicandone i risultati al Project Manager. Riassumendo, la gestione di un progetto che coinvolge, come nel caso in esame (soluzione sviluppata per l utilizzo di più Enti contemporaneamente), richiede una componente di governo strutturata che il modello di promozione della società dell informazione ha inteso definire e formalizzare. 8. CONCLUSIONI Con questo lavoro si è cercato di illustrare le modalità con le quale opera nella sua funzione di promozione della società dell informazione. Si tratta di un modello in continua evoluzione che si arricchisce, di volta in volta, grazie anche alle diverse esperienze che vengono realizzate. Il nostro contributo alla conferenza Pubblica Amministrazione Aperta e Libera mira soprattutto a raccogliere da parte dei colleghi delle altre realtà pubbliche, opinioni, suggerimenti possibili collaborazioni utili a migliorare la nostra comune azione.

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli